Wikimindmap, strumento open source, per avere una veduta d insieme di un argomento di Wikipedia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Wikimindmap, strumento open source, per avere una veduta d insieme di un argomento di Wikipedia"

Transcript

1 Wikimindmap, strumento open source, per avere una veduta d insieme di un argomento di Wikipedia Ma se è davvero open e quindi modificabile, potrebbe essere sfruttabile per personalizzare ed individualizzare la didattica? Vedremo che è possibile affiancandolo ad altre due risorse. Lucia Ferlino, Istituto Tecnologie Didattiche - CNR, Genova Luigi Oliva, Liceo Classico C. Colombo, Genova Giovanni P. Caruso, Istituto Tecnologie Didattiche - CNR, Genova Premessa Chi frequenta abitualmente la rete, sa che, se effettua una ricerca di un qualsiasi termine, si può trovare di fronte ad una lista di risultati nella quale talvolta può essere anche difficile individuare quelle che sono le fonti più attendibili e corrette [6]. Una decina di anni fa è nata Wikipedia 1, un'enciclopedia multilingue collaborativa, online e gratuita, nell ambito del progetto omonimo intrapreso da Wikimedia Foundation 2, con l obiettivo di creare e distribuire un'enciclopedia libera e ricca di contenuti, nel maggior numero di lingue possibile. L attendibilità delle informazioni e l impegno dei volontari che collaborano alla realizzazione di Wikipedia hanno fatto sì che diventasse uno dei dieci siti più visitati al mondo. La consultazione di un enciclopedia online è diventata una prassi comune, per chi effettua ricerche in rete, considerandola talvolta solamente come uno dei tanti siti disponibili. Per completezza di informazioni (e per chiarire meglio e motivare ciò che diremo in seguito), va detto che, da un punto di vista più tecnico, Wikipedia è stata progettata con MediaWiki 3, un sistema collaborativo di creazione e di gestione dei contenuti che si basa sui principi di scrittura veloce detti anche wiki 4, che non richiedono la conoscenza degli strumenti e della sintassi html con i quali si realizzano le pagine web. Per gli studenti Wikipedia è diventata un punto di riferimento, non solo per la completezza ma anche per l'attendibilità dei contenuti [14]: difatti spesso si trovano disorientati dalla quantità di rimandi e di collegamenti presenti nei risultati della ricerca perché non possiedono gli strumenti adeguati per discernere e selezionare le informazioni. Insomma, di Wikipedia gli studenti si fidano e ad essa affidano le loro ricerche [14]. E, ad onor del vero, di solito è meglio Wikipedia di tante altre fonti. 1 sito visitato in settembre sito visitato in settembre sito visitato in settembre Un wiki è un sito web (o comunque una collezione di documenti ipertestuali) che viene aggiornato dai suoi utilizzatori e i cui contenuti sono sviluppati in collaborazione da tutti coloro che vi hanno accesso. La modifica dei contenuti è aperta [ ]. Ogni modifica è registrata in una cronologia che permette in caso di necessità di riportare il testo alla versione precedente; lo scopo è quello di condividere, scambiare, immagazzinare e ottimizzare la conoscenza in modo collaborativo. Il termine wiki indica anche il software collaborativo utilizzato per creare il sito web e il server. (definizione tratta da 1

2 Il risultato di una ricerca in Wikipedia appare come una pagina (vedi fig. 1) in cui è visibile un indice ipertestuale (ma si può nascondere, vedi fig. 1bis) che consente di muoversi all interno della voce documentata. Fig. 1 - Risultato della ricerca del termine netbook con indice in Wikipedia (versione italiana) Fig. 1 bis - Risultato della ricerca del termine netbook senza indice in Wikipedia (versione italiana) Nonostante sia una pagina web con vari link interni ed esterni, di fatto, agli occhi di chi legge può apparire molto simile ad un capitolo di libro, articolato in paragrafi e sottoparagrafi e come tale può non essere facilmente compreso e riorganizzato mentalmente da tutti. Ne consegue la necessità, ad esempio, di rappresentare 2

3 graficamente le informazioni organizzandole in mappe mentali 5 e in schemi visivi, strutturati in modo da mettere in evidenza l argomento principale e via via, con una serie di collegamenti, condurre a tutto il resto. Lengler ed Eppler, in un interessante contributo [13], propongono un articolata tavola periodica dei metodi di visualizzazione. Analizzando le varie modalità di rappresentazione visiva, le raggruppano in sei categorie entro le quali si possono trovare quelle più consone agli obiettivi prefissati: Per una rappresentazione quantitativa dei dati Per esprimere informazioni Per mettere in relazione concetti Per visualizzare strategie Per rappresentare metafore Per dare una visualizzazione composita/aggregata di due o più visualizzazioni (precedenti) Queste modalità, all interno di ciascuna categoria (escludendo la rappresentazione di dati), vengono suddivise ulteriormente a seconda che siano utili alla visualizzazione di un processo o a quella di una struttura, e per ognuna, viene anche indicato il tipo di pensiero (convergente o divergente) che viene sollecitato. Certamente questo approccio al sapere e alla sua strutturazione giova a persone con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), in quanto si tratta di soggetti per i quali lo studio di tipo sequenziale non produce quasi mai gli effetti sperati; queste persone ottengono, invece, risultati nella media, se non superiori, in presenza di riorganizzazioni dei concetti e delle nozioni in vedute d insieme, in mappe visuali (mentali o concettuali che siano). D altra parte accostare ad una sequenza una mappa aiuta senz altro a mettere in luce i collegamenti e permette di capire o scoprire legami concettuali e mentali, che consentono una riflessione critica sulle proprie modalità di apprendimento (o di insegnamento se il soggetto in questione è un docente). Altri studenti potrebbero giovarsi di questo diverso approccio, come ad esempio gli alunni ipoacusici o sordi, che, proprio per queste limitazioni sensoriali, hanno la necessità di visualizzare non solo i contenuti ma anche i legami esistenti fra loro [15]. Ma il bisogno di fare propri gli strumenti ed i metodi di apprendimento si manifesta in più occasioni di quanto si possa credere, in presenza di studenti con o senza difficoltà e a questa necessità si risponde adottando varie soluzioni, da quelle meno tecnologiche (il modo di prendere appunti, il carattere usato, i colori, la sottolineatura dei testi, ecc.) a quelle che sfruttano tecnologie più sofisticate (mappe mentali/concettuali, sintesi vocali, uso di programmi di videoscrittura modificati nei caratteri, nella spaziatura, nei colori, ecc.). Se all apprendimento si riconosce il significato di costruzione autonoma di cultura, la scuola deve essere capace di creare degli ambienti educativi in cui ciascun allievo abbia la possibilità di maturare le proprie esperienze autonomamente, originalmente, individualmente, facendo valere le proprie specifiche curiosità, i propri ritmi, il proprio stile cognitivo. Utilizzando le proprie modalità esclusive di crescere e di produrre sapere. [9]. L importanza della personalizzazione e dell individualizzazione dell apprendimento I concetti di personalizzazione e individualizzazione dell apprendimento si fondano su impostazioni pedagogiche diverse, se non opposte, e sono oggetto, tuttora, di un interessante ed acceso dibattito. Secondo Luigi Guerra [9], l individualizzazione propone di utilizzare strategie didattiche diverse (in termini di tempi, materiali, stili di apprendimento) che lascino comunque immutato per tutti il quadro sostanziale degli obiettivi. Il fine che si persegue in questo modo è quello di una democrazia dell insegnamento che risponda al diritto all uguaglianza. Il concetto e le strategie della personalizzazione [ ] si riferiscono all opportunità di consentire agli studenti di proporsi e raggiungere obiettivi diversi, di garantire possibilità di scelta non solo dei percorsi didattici, ma anche delle conoscenze e competenze da raggiungere, in funzione degli interessi, delle motivazioni e delle risorse che 5 Una mappa mentale è una forma di rappresentazione grafica del pensiero teorizzata dal cognitivista inglese Tony Buzan, a partire da alcune riflessioni sulle tecniche per prendere appunti. Le mappe mentali hanno una struttura essenzialmente gerarchico-associativa. Questo significa che sono solo due le tipologie di connessioni che possono essere create: - gerarchiche (dette anche rami) che collegano ciascun elemento con quello che lo precede - associative (dette anche associazioni) che collegano elementi gerarchicamente disposti in punti diversi della mappa. (http://it.wikipedia.org/wiki/mappa_mentale sito visitato in settembre 2010) 3

4 contrassegnano e rendono diverso il singolo studente. La scuola dovrebbe riuscire ad integrare queste due logiche, insegnando alcune cose a tutti con ogni mezzo a disposizione (individualizzazione) e consentendo ad ogni studente di seguire percorsi personali (personalizzazione) [9]. Sanna Jarvela [11] definisce l apprendimento personalizzato come un approccio funzionale alla valorizzazione delle potenzialità intrinseche di ogni allievo, sia che le si consideri sotto il profilo cognitivo sia che si guardi anche al rafforzamento della volontà. Inoltre, ritiene che affinché l apprendimento personalizzato abbia successo sia d importanza vitale mettere a punto modelli didattici che impieghino la tecnologia tanto a livello individuale quanto a livello di gruppo e sociale. Nel mondo dell educazione, le tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) dovrebbero avere l obiettivo di predisporre materiali per il rinnovamento delle prassi didattiche, e di aiutare gli studenti a familiarizzare con le nuove modalità di informazione e a padroneggiare le tecniche di risoluzione dei problemi. Studi e ricerche [3, 10, 12, 17, 18] evidenziano il valore aggiunto delle TIC, argomentando che possono: - aumentare l interesse per i compiti autentici - dar vita a comunità virtuali - favorire la condivisione dei punti di vista degli studenti - concorrere a generare o approcci basati su una problematizzazione sostenuta dalla tecnologia o modelli ispirati dalla soluzione dei problemi nello spirito dell apprendere apprendendo - offrire mezzi innovativi per integrare il sostegno che interviene al momento giusto e l interazione nei diversi contesti d apprendimento In sintesi, personalizzare ed individualizzare l apprendimento significa: - favorire l acquisizione delle competenze - accrescere l interesse dello studente verso lo studio e stimola la sua volontà - contribuire ad acquisire migliori strategie di apprendimento personali [2] Ma una didattica personalizzata/individualizzata richiede anche strumenti flessibili e di conseguenza adattabili alle particolari esigenze di ciascun alunno per consentirgli di partecipare nel modo più significativo possibile alle attività della classe, pur con modalità ed eventualmente con obiettivi diversi. La struttura stessa di molti software multimediali favorisce in modo connaturato personalizzazione e individualizzazione dell apprendimento, consentendo di scegliere il percorso di fruizione e di focalizzare la propria attenzione su determinati concetti. Esistono software che offrono diverse occasioni di apprendimento, mettendo a disposizione una gamma di ambienti differenti e proponendo esperienze anche in diverse aree disciplinari, e, con un accurata selezione dei contenuti, possono far crescere l utente sul piano sia delle competenze che delle conoscenze. Partendo da queste considerazioni e ritenendo che anche agire su una mappa rientra in quegli interventi che concorrono alla personalizzazione/individualizzazione dell apprendimento, abbiamo scelto Wikimindmap 6 [4, 5] come oggetto delle nostre note. Lo strumento Wikimindmap Wikimindmap è uno strumento utilizzabile per effettuare una ricerca in Wikipedia e che in pochi secondi visualizza il risultato organizzandolo in una mappa mentale articolata in nodi e sottonodi, espandibili e fruibili con un clic. Ciascun nodo corrisponde ad una voce dell indice presente nella pagina di Wikipedia dedicata al termine cercato (in figura 2 è riportato quello del nostro esempio). Si tratta di una modalità alternativa alla visualizzazione tradizionale dell'indice, che offre l opportunità di avere una visione d insieme delle informazioni disponibili. 6 Wikimindmap è un software open source utilizzabile online (ma anche scaricabile ed utilizzabile in locale) all indirizzo: (sito visitato in settembre 2010) 4

5 Fig. 2 Indice presente nella pagina - risultato della ricerca del termine netbook in Wikipedia (versione italiana) Fig. 3 - Risultato della ricerca del termine netbook con Wikimindmap in Wikipedia (versione italiana) Ogni nodo rimanda ad un sottonodo interno alla pagina dedicata al termine cercato o ad un link esterno alla pagina ma interno a Wikipedia. Cliccando su una voce si arriva direttamente nel punto della pagina in cui se ne parla. Seguendo il nostro esempio, cliccando su Differenze tra Netbook e UMPC si aprirebbe nella pagina dedicata alla voce Netbook il contenuto corrispondente (si veda in figura 1 bis). Osservando la nostra mappa riportata in figura 3 e 4, possiamo notare, inoltre, la presenza di alcune icone a cui sono state attribuite funzioni precise: consente l apertura di una nuova ramificazione con altri nodi di livello inferiore (sottonodi) chiude le ramificazioni (quando presente) permette di spostare l attenzione a quel nodo in particolare, per il quale verrà creata una nuova mappa in una nuova pagina (quando presente) determina un collegamento ad una pagina esterna a Wikipedia. 5

6 Fig. 4 Espansione del nodo Primi esemplari di Netbook nella mappa generata da Wikimindmap La mappa mentale prodotta da Wikimindmap può essere salvata in un formato.mm (file di nome map.mm 7 ) apribile dal software per la creazione di mappe mentali Freemind 8 (si veda il riquadro di figura 4: Download this mindmap as Freemind file), che ne mostra (in figura 5) una versione completa di tutti i suoi nodi e foglie (anche secondari) non visualizzati in Wikimindmap (e che, altrimenti, sarebbero da aprire uno ad uno). Fig. 5 Particolare della mappa completa, aperta con Freemind 7 Un osservazione scontata forse, ma ugualmente importante, è che il nome del file è sempre map.mm, quindi, qualora si cercassero più termini e si volessero salvare più mappe, è necessario ricordarsi di cambiare il nome del file, onde evitare di salvare sempre e solo l ultima mappa. 8 Freemind è un software open source, con licenza freeware nella versione eseguibile; disponibile il download dal sito: (sito visitato in settembre 2010) 6

7 Con Freemind è possibile personalizzare la mappa, rendendola più rispondente alle esigenze e ai bisogni di chi la vuole utilizzare. Sono disponibili in questo software, diverse funzioni di editing, che consentono di: - tagliare o aggiungere nodi e foglie - modificare i contenuti di nodi e foglie - inserire link a nodi della mappa (interni) - inserire link a risorse esterne alla mappa come pagine web, immagini, video, audio, file compressi, ecc. (in locale o in rete) - inserire icone e simboli sugli elementi della mappa per assegnare, ad esempio, un ordine di importanza, o per porre l attenzione su determinati aspetti piuttosto che su altri. - modificare l aspetto grafico della mappa (colore nodi, formattazione del testo ). Secondo la classificazione di Lengler ed Eppler [13] presentata precedentemente, Freemind, per le sue caratteristiche, si potrebbe collocare, tra i metodi etichettati per la rappresentazione di concetti, accanto agli strumenti che sollecitano il pensiero divergente e che consentono una rappresentazione visiva di una struttura. Nella Figura 6, si può vedere l effetto della modifica della mappa relativa alla voce Netbook, nella quale sono stati eliminati alcuni nodi ritenuti non essenziali, è stato aggiunto un nodo figlio per potervi inserire un immagine, è stato modificato il colore dei caratteri e dello sfondo di un nodo, del tipo e del corpo dei caratteri di un altro nodo. Ovviamente le modifiche potrebbero continuare secondo quanto riportato nell elenco precedente. Ma sull uso di Freemind ci fermiamo qui, non essendo l apprendimento dell utilizzo di tale software lo scopo delle presenti note. 9 Riteniamo tuttavia importante sottolineare come sia proprio l uso di Freemind (combinato con Wikimindmap e con la realizzazione di un wiki tramite Mediawiki) 10 a consentire all utente di personalizzare/individualizzare i propri apprendimenti. Questo vale a maggior ragione per un insegnante che voglia migliorare la propria didattica, con un lavoro culturalmente importante e sperabilmente valido di ristrutturazione del sapere personale e di quello dei propri studenti. Fig. 6 Particolare della mappa completa, aperta con Freemind e modificata 9 Per non lasciare però orfani di informazioni i lettori segnaliamo che si può fare riferimento ad un manuale del 2007, molto interessante, a cura di Luisanna Fiorini [7]. Il manuale Mappe mentali con FreeMind, è presente in rete (il nome del file è tutorial_free_mind_08-2.pdf) ed è liberamente scaricabile dal sito della Sovrintendenza Scolastica di Bolzano: (sito visitato in settembre 2010) 10 Anticipazione di quanto verrà spiegato in dettaglio a partire dalla pagina successiva 7

8 Wikimindmap per la didattica Wikimindmap è uno strumento online che può essere utile anche a scuola, per proporre ai ragazzi una modalità di ricerca alternativa che può dimostrarsi più efficace e più intuitiva di quella tradizionale, dal momento che restituisce i risultati sotto forma di mappa mentale. Come ci ricorda Luisanna Fiorini [8], è indubbio che le mappe mentali digitali possano essere un valido ausilio per attivare processi di apprendimento in situazioni didattiche che prevedono: - attività di brainstorming - comunicazione del pensiero - socializzazione della conoscenza - organizzazione della conoscenza - progettazione e realizzazione di percorsi formativi interdisciplinari - organizzazione delle risorse, delle attività, dei tempi - cooperative learning [1] - sviluppo e potenziamento di stili di pensiero [16] e costituiscono un supporto a creatività, rappresentazione, memorizzazione di concetti fondamentali, comunicazione e presentazione del sapere. Con le opportune modifiche questo software è in grado di cercare informazioni su altri wiki o solo su alcuni in particolare, anche creati dall utente stesso purché progettati con Mediawiki 11 (in figura 7 proponiamo il risultato delle varie modifiche che conducono ad avere wiki.local, il wiki sviluppato in locale, tra le opzioni di ricerca). Si tratta di scaricare ed installare sul proprio computer, o sul proprio server personale o di scuola (quindi con funzionamento tanto stand-alone, quanto in rete locale o in rete internet) i seguenti software: Wikimindmap per visualizzare attraverso una mappa mentale il risultato di una ricerca in un Wiki Mediawiki (lo stesso CMS con cui è stata realizzata wikipedia) per costruire un proprio wiki compatibile con wikimindmap Xampp 12 o tecnologie Xampp equivalenti Apache, Php, Mysql per far funzionare la ricerca (Wikimindmap, infatti, si appoggia ad una tecnologia di tipo server che richiede che sul computer siano installati un web server come ad esempio, Apache e il linguaggio lato server Php). Al termine dell installazione, per poter fruire in maniera personalizzata di questo insieme integrato di strumenti, si rende necessario modificare alcuni file in modo adeguato, eseguendo una particolare procedura I wiki realizzati con Mediawiki sono per default interrogabili, tuttavia ve ne sono alcuni che, per una scelta dell autore, non consentono accessi di questo tipo. Esiste un modo molto semplice per verificare se un wiki può essere interrogato da Wikimindmap. All url del wiki (http://nome sito/wiki/index.php) si aggiunge la seguente stringa:?action=raw e si da invio. Se compare la finestra di download che propone di aprire/salvare il file, significa che il wiki è accessibile ed interrogabile da Wikimindmap. In questo caso, per poter effettuare ricerche su questo wiki (e quindi visualizzare i risultati come mappa), è necessario aggiungere questo wiki alla lista di quelli in cui Wikimindmap cerca. Se nell indirizzo del sito/wiki non c è la parola wiki, bisogna creare un occorrenza con il nome di quel sito nei file che gestiscono la ricerca di Wikimindmap. 12 XAMPP è un acronimo con cui si indica una piattaforma di sviluppo web/database che prende il nome dalle iniziali dei componenti software (rilasciati sotto la GNU General Public License ) con cui è realizzata. In particolare: le lettere AMPP stanno per Apache Mysql Php Perl, mentre la X indica che è per tutti i sistemi operativi (a differenza delle precedenti piattaforme WAMP o LAMP per Windows o Linux). 13 A tal proposito e per informazioni dettagliate, rimandiamo ai materiali - una guida ed una serie di video che abbiamo realizzato e resi disponibili per il download all indirizzo: 8

9 Fig. 7 - La pagina di Wikimindmap con wiki.local tra le opzioni di ricerca Questa apertura del software può stimolare attività didattiche che possono andare ben oltre la semplice ricerca in Wiki presenti in rete e anche ben oltre la costruzione di Wiki di classe (alcuni sono reperibili in internet grazie al fatto che per fortuna esistono insegnanti che usano le tecnologie per costruire il sapere coi loro allievi). Questo software, opportunamente modificato (secondo le indicazioni recuperabili all'url riportato nella nota 13) per funzionare su un wiki locale, di classe, di istituto o di rete tra più istituti, facendo qualche ipotesi, potrebbe permettere di sperimentare una modalità di: Utilizzo sinergico di più tecnologie software in grado di dialogare tra loro [6, 8]; Modifica a proprio uso di software disponibili in rete; Conoscenza e diffusione delle licenze Creative Commons e del software libero e Open Source, al fine di comprendere e far comprendere che la cultura non è un bene privato da difendere, ma un bene sociale da condividere quanto più è possibile; Condivisione effettiva della conoscenza, appunto; Prova di costruzione o arricchimento di un wiki in umiltà : non si può certo chiedere a uno studente medio di andare ad editare le pagine di Wikipedia (in generale non ha le conoscenze necessarie): invece può esercitarsi e provare su un wiki di classe o di scuola, al quale mettono mano solo gli studenti e gli insegnanti della classe o dell istituto; Accrescimento della conoscenza con valore aggiunto (il mettere insieme le conoscenze singole permette di analizzare, ossia scomporre, e sintetizzare, ovvero ricomporre il sapere in modo che il nuovo sapere - quello che si costruisce insieme, mettendo in comune ciò che ognuno sa, ed evidenziando così gli apporti costruttivi di ciascuno - abbia incomparabilmente più valore della semplice somma dei saperi) [1]; Cooperative learning; Riflessione sulle modalità di apprendimento proprie (sviluppo e consolidamento della metacognizione) e altrui; Riflessione sulle modalità di apprendimento singole e di gruppo (condivisione, dialettica, discussione, dimostrazione, confutazione, ); Apprendimento/insegnamento di come migliorare un wiki attraverso una ricerca mappata in modo visuale sullo stesso wiki (se la ricerca mediante mappa mentale dà risultati insoddisfacenti, è segno che il wiki va modificato per migliorarlo); questo permette una volta di più una riflessione sull apprendimento e sulle 9

10 modalità per migliorarlo (riflettendo su come migliorare il proprio prodotto, gli allievi e l intera classe lavoreranno sulla strutturazione e ristrutturazione, sulla riorganizzazione del loro sapere, che troveranno automaticamente potenziato alla fine di questo percorso di miglioramento del wiki); Conoscenza e sviluppo di stili di pensiero nuovi [16]; Creazione collaborativa di wiki da condividere, con la possibilità di mettere a disposizione di altri l'eventualità di utilizzo del wikimindmap modificato; Motivazione e ri-motivazione all apprendimento, mediante la crescita dell autostima nel lavorare a un prodotto percepito come significativo (il confronto con Wikipedia verrà spontaneo e non sarà perdente, anzi, l allievo capirà di aver lavorato a un progetto culturalmente importante). Sarebbe interessante e importante approfondire come valutare questo lavoro organizzato con la classe, ma non è questo lo scopo specifico delle presenti note. Restano, logicamente, validi i criteri che ogni docente saprà attribuire a un compito di tipo laboratoriale, in cui ogni soggetto ha un suo ruolo: quanto meglio sono definiti gli ambiti e i ruoli, tanto più facile sarà trovare criteri equi di valutazione. Per valutare invece le mappe che vengono estratte dal proprio wiki (o da quelli altrui, non al fine di criticarli e basta, ma allo scopo di collaborare e di migliorarli), possono essere utili i criteri proposti da Mario Gineprini e Marco Guastavigna 14 che, nella tabella che segue, non vanno letti come sequenza, ma, secondo quanto proposto dagli stessi autori, come chiavi di lettura : Congruenza Coerenza Corrispondenza Ergonomia Trasferibilità La mappa rivela comprensione dello scopo per cui è stata prodotta/richiesta? La mappa contiene contraddizioni? Le relazioni sono tutte chiare? La rappresentazione dà un'immagine complessiva del tema trattato? Sono chiari criteri e punti di vista adottati? La mappa costringe il lettore a interrogarsi in misura eccessiva sul significato dei termini e sulle relazioni tracciate? La struttura di insieme rappresentata nella mappa è utilizzabile in contesti di apprendimento azione diversi o è fortemente vincolata a quello a cui si riferisce? Tabella 1 Valutazione delle mappe: criteri proposti da Mario Gineprini e Marco Guastavigna Ma tecnicamente come funziona Wikimindmap? Qual è la procedura che consente a Wikimindmap di costruire una mappa mentale? Ovviamente nulla di magico, come potrebbe a prima vista sembrare ad occhi non tecnici. Wikimindmap è un applicazione scritta in Php e in Flash (Action script) che, dato un termine, - ricerca: o combinando il Wiki scelto con la parola cercata, ovvero verifica se il termine che deve cercare è presente nei contenuti del Wiki selezionato o costruendo un URL con il quale interroga il Wiki selezionato (gli URL sono standard per Mediawiki) e scarica il formato sorgente in linguaggio wiki - processa: o elaborando il formato sorgente scaricato in linguaggio wiki o riconoscendo la sintassi con cui sono scritte, estraendo le parole calde dell articolo/documento (esito della ricerca) e distinguendone la loro appartenenza in: sezioni (==) sottosezioni (=== ) link interni a Wikipedia ([[.]]) link esterni a Wikipedia ([ ]) 14 visitato in settembre

11 o organizzando: sezioni come nodi di primo livello sottosezioni come nodi figli Link ad argomenti interni come nodi foglia Link esterni come nodi foglia (ogni nodo contiene anche l URL corrispondente alla risorsa a cui si riferisce) - visualizza la mappa (in formato flash) dei contenuti corrispondenti all argomento/termine della ricerca (nodo principale), articolata in sezioni, sottosezioni, foglie terminali della sezione, della sottosezione - esporta in formato compatibile con Freemind la mappa prodotta. Riprendiamo l esempio. Se digitiamo netbook e selezioniamo, tra le alternative disponibili come wiki su cui indagare, Wikipedia italiana (it.wikipedia.org), WikiMindMap interroga quell enciclopedia-wiki ( chiama la pagina creando in automatico un indirizzo: In questo caso trova una pagina corrispondente al termine cercato, ne esamina il codice sorgente ed, interpretandone la sintassi, ne estrae tutte le parole calde (se per il termine cercato non fosse stata disponibile una pagina all interno di Wikipedia, avrebbe visualizzato una pagina-mappa vuota). Cerca per ogni sezione tutto ciò che è marcato attraverso apposita sintassi wiki come sezione, argomento o link esterni. Mantenendo la gerarchia esistente, costruisce una prima mappa formata da questi termini, a cui aggiunge ad un sottolivello tutte le altre parole che ha trovato marcate (si veda figura 3). Prepara quindi una serie di sottolivelli (contrassegnati dal segno +) fino ad arrivare alle foglie terminali (contrassegnate dalla doppia freccia verde che si rincorre che rimanda ad un altra pagina di wikipedia). Conclusioni L esigenza di poter disporre di strumenti e metodi che possano rispondere ai bisogni legati all apprendimento di ciascuno si fa sempre più sentire, in una scuola che cambia continuamente scenari, che vuole vedere nella diversità un valore e non un difetto, e che vuole offrire l opportunità a tutti di far emergere e sfruttare le proprie potenzialità. In queste note abbiamo presentato uno strumento che da solo (o, come abbiamo visto, con altre risorse) potrebbe essere utilizzabile per personalizzare ed individualizzare la didattica, offrendo una veduta d insieme (alternativa a quella tradizionale) degli argomenti di Wikipedia e di altri Wiki. Una risorsa modesta, che non ha pretese, ma che mette a disposizione delle funzionalità che possono rivelarsi, in alcuni casi, la chiave di volta per accedere al sapere e ad una sua costruzione autonoma. Organizzare il funzionamento tecnico di Wikimindmap (ovvero il contenuto del paragrafo precedente) come Wiki (fig 8) per poi interrogarlo con il software Wikimindmap modificato (in figura 9 il risultato, in figura 10 personalizzato con Freemind), ci è sembrata la naturale conclusione di queste note. 11

12 Fig. 8 Il contenuto del paragrafo precedente organizzato come Wiki Fig. 9 - La mappa sul funzionamento tecnico di Wikimindmap realizzata con Wikimindmap modificato 12

13 Fig La mappa sul funzionamento tecnico di Wikimindmap modificata e arricchita con Freemind Riferimenti bibliografici [1] Bresciani S., Eppler M.J., The Benefits of Synchronous Collaborative Information Visualization: Evidence from an Experimental Evaluation, IEEE Transactions on Visualization and Computer Graphics, Vol. 15 (6), November/December 2009, pp [2] CERI & OCSE, Personalizzare l insegnamento, Il Mulino, 2010 [3] Cox M., Webb M., Abbott C., Blakeley B., Beauchamp T., Rhodes V., ICT and pedagogy. A review of the research literature. ICT, in Schools Research and Evaluation Series No. 18, 2003 [4] Ferlino L., Oliva L., Caruso G.P., Guida alla procedura per la fruizione locale di Wikimindmap, Rapporto interno 4/2010, luglio 2010 [5] Ferlino L., Oliva L., Caruso G.P., Wikimindmap, uno strumento versatile per la didattica, Rubrica Strumenti TD 50, pp , numero , ISSN X [6] Fiorini L., L'ipertinenza dei motori di ricerca: la macchina siamo noi, [7] Fiorini L., Mappe mentali con FreeMind, 2007 [8] Fiorini L., Mappe mentali, motori di ricerca visuali, web applications, Framework per costruire senso, tra tools cognitivi e attività di apprendimento, 2009 [9] Guerra L., Individualizzazione personalizzazione, [10] Hawkridge, D., Who needs computers in schools, and why? Computers and Education 15, pp. 1 3, 1990 [11] Jarvela S., L apprendimento personalizzato. Come stimolare la capacità di apprendimento, in CERI & OCSE, Personalizzare l insegnamento, Il Mulino, 2010, pp [12] Johnson D.C., Cox M., Watson D.M., Evaluating the impact of IT on pupils achievements, Journal for Computer Assisted Learning, 10 (3), pp ,

14 [13] Lengler R., Eppler M.J., Towards a periodic table of visualization methods for management, IASTED Proceedings of the Conference on Graphics and Visualization in Engineering (GVE 2007), Clearwater, Florida, USA [14] Petrucco C., Campion M., Potenzialità di Wikipedia nella didattica: esperienze di costruzione sociale e situata della conoscenza, in Andronico A., Labella A., Patini F. (eds), Didamatica 2010, ISBN [15] Pigliacampo R., Difficoltà di apprendimento del sordo e importanza della percezione visiva, Studi e ricerche, L educazione dei sordi, (serie IX CVIII), pp [16] Stenberg R., Stili di pensiero, TD 10, 1996 [17] Watson D.M. (Ed.), The Impact Report An Evaluation of the Impact of Information Technology on Children s Achievements in Primary and Secondary Schools. London: King s College London, 1993 [18] Webb M. E., Pedagogical reasoning: issues and solutions for the teaching and learning of ICT in secondary schools, in Education and Information Technologies 7 (3), pp ,

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione.

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su Salva modifiche per completare l operazione. Fig. 8 La finestra Gestione file con il file appena caricato 9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione. Fig. 9 Il corso con la nuova

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Avvertenze: 1) Questo NON è un manuale completo di Moodle. La guida è esplicitamente diretta a docenti poco esperti che devono cimentarsi per la prima volta

Dettagli

WikiMindMap: non solo online

WikiMindMap: non solo online WikiMindMap: non solo online Giovanni Paolo CARUSO 1, Lucia FERLINO 1, Luigi OLIVA 2 1 Istituto Tecnologie Didattiche del CNR, Via De Marini 6, 16149 Genova caruso@itd.cnr.it ferlino@itd.cnr.it 2 Liceo

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

MediaWiki. Giuseppe Frisoni

MediaWiki. Giuseppe Frisoni MediaWiki Giuseppe Frisoni MediaWiki: costruire insieme 1/2 L'enorme successo di Wikipedia, la nota enciclopedia online, è sotto gli occhi di tutti; cosa meno nota, invece, è la piattaforma con cui è progettata.

Dettagli

Le tavole di progetto

Le tavole di progetto Le tavole di progetto Una volta completato il modello ed organizzate le viste di progetto, predisporre le tavole esecutive per la costruzione è un gioco da ragazzi! La possibilità di estrarre le viste

Dettagli

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI GLI STRUMENTI COMPENSATIVI La Sintesi Vocale Le mappe concettuali e mentali I programmi di Video Scrittura I Software delle Cooperativa Anastasis LA SINTESI VOCALE Un sintetizzatore vocale è un software

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Modelli di Share point

Modelli di Share point Modelli di Share point Avendo tempo e voglia di giocare con la struttura di un cms si ha l impressione di avere a che fare con qualcosa di simile alle care vecchie costruzioni lego: alcuni pezzi preconfezionati

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

MOOseo virtuale delle fiabe: nuovi sviluppi e prospettive Alcune indicazioni per la produzione dei grafi (utilizzo di FreeMind)

MOOseo virtuale delle fiabe: nuovi sviluppi e prospettive Alcune indicazioni per la produzione dei grafi (utilizzo di FreeMind) MOOseo virtuale delle fiabe: nuovi sviluppi e prospettive Alcune indicazioni per la produzione dei grafi (utilizzo di FreeMind) Lucia Furlanetto 1. PREMESSA Una fase fondamentale per passare dal testo

Dettagli

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK Le mappe concettuali sono strumenti per l organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

La piattaforma MOODLE. Le risorse e le attività di un corso

La piattaforma MOODLE. Le risorse e le attività di un corso La piattaforma MOODLE Le risorse e le attività di un corso Università di Brescia 9/10 aprile 2013 Per iniziare Le sezioni Formato Settimanale vs. per Argomenti Numero di sezioni di un corso, visibilità

Dettagli

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist I Disturbi Specifici di Apprendimento Interventi nella Scuola Secondaria: applicazione delle misure compensative e dispensative in riferimento alle discipline di ambito umanistico Progetto Insegnare ad

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro per la LIM (Modello 2)

Sceneggiare un unità di lavoro per la LIM (Modello 2) Sceneggiare un unità di lavoro per la LIM (Modello 2) L'attività propone al corsista di descrivere l'uso della tecnologia nelle sequenze principali di un'unità didattica da svolgere in un'aula dotata di

Dettagli

LINUX a scuola: proviamo

LINUX a scuola: proviamo LINUX a scuola: proviamo V. Candiani, G. Caruso, L. Ferlino, M. Ott, M. Tavella Istituto per le Tecnologie Didattiche - CNR Genova La scuola italiana apre le porte a Linux: alcune realtà pilota tentano,

Dettagli

Guida all uso. Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet).

Guida all uso. Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet). Guida all uso Guida all uso Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet). La Guida è sempre disponibile all interno della tua

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

LABORATORIO 4 Il ruolo delle TIC per superare difficoltà motorie degli studenti

LABORATORIO 4 Il ruolo delle TIC per superare difficoltà motorie degli studenti LABORATORIO 4 Il ruolo delle TIC per superare difficoltà motorie degli studenti A cura di Antonio Caracciolo, Fabio Brusa, Serenella Besio PREMESSA La scelta delle Tecnologie di Ausilio e delle TIC nel

Dettagli

Guida introduttiva. Visualizzare altre opzioni Fare clic su questa freccia per visualizzare altre opzioni in una finestra di dialogo.

Guida introduttiva. Visualizzare altre opzioni Fare clic su questa freccia per visualizzare altre opzioni in una finestra di dialogo. Guida introduttiva Questa guida è stata creata con lo scopo di ridurre al minimo la curva di apprendimento di Microsoft PowerPoint 2013, che presenta numerose differenze rispetto alle versioni precedenti.

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/15

ANNO SCOLASTICO 2014/15 ANNO SCOLASTICO 2014/15 VADEMECUM PER IL DOCENTE CON ALUNNI CHE RIENTRANO NELL AREA BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI BES (H, DSA, ADHD, difficoltà psicologiche) A cura della prof.ssa Annarita Caponera Il coordinatore

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

Guida rapida per i corsisti

Guida rapida per i corsisti Guida rapida per i corsisti Premessa La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello studente, si presenta come un sito

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

Creazione di un ipertesto con Word

Creazione di un ipertesto con Word Creazione di un ipertesto con Word Realizzare un ipertesto per illustrare la storia dell esplorazione dello spazio. Descriviamo le fasi principali per la creazione di un ipertesto: a. all inizio occorre

Dettagli

A MISURE DISPENSATIVE E INTERVENTI DI INDIVIDUALIZZAZIONE

A MISURE DISPENSATIVE E INTERVENTI DI INDIVIDUALIZZAZIONE SCHEDA PREPARATORIA AL PDP da consegnare da ogni docente per ciascun Studente affetto da Disturbi di apprendimento in vista dei Consigli di Classe di dicembre 2012 COGNOME NOME STUDENTE CLASSE : Dopo un

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto Indice Premessa Accesso alla piattaforma di gestione dei corsi I miei corsi Finestra di inizio lavoro Il menù di selezione Gestione sessioni

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica di Valentina Gabusi DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica - Valentina Gabusi

Dettagli

La nostra soluzione integrata

La nostra soluzione integrata Avagliano ischool nasce dalla consolidata esperienza in campo editoriale di Avagliano editore, marchio di prestigio dell editoria libraria tradizionale che vanta più di trent anni di attività La casa editrice

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA)

10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) 10 INDICAZIONI PER REALIZZARE MATERIALI INTERATTIVI E MULTIMEDIALI ALLA LIM FACILITANTI PER L'APPRENDIMENTO DI TUTTI (ANCHE DI ALUNNI CON DSA) FRANCESCO ZAMBOTTI LIBERA UNIVERSITÀ DI BOLZANO, GRIIS www.integrazioneinclusione.wordpress.com

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE Curriculum: Esperto di formazione a distanza DISSERTAZIONE FINALE Raccontami :

Dettagli

Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE. Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter

Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE. Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter Progetto DOCUMENTAZIONE MULTIMEDIALE ESPERIENZE DI PROGETTAZIONE CURRICOLARE Tecnico-ricercatore referente: Claudia Perlmuter Le esperienze da multimedializzare Nell ambito del percorso di lavoro Documentare

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

GUIDA ALL USO DI CMAP TOOLS

GUIDA ALL USO DI CMAP TOOLS Cos è IHM Concept Map Software GUIDA ALL USO DI CMAP TOOLS È un programma multipiattaforma per sviluppare e visualizzare mappe concettuali realizzato dall Institute for Human and Machine Cognition dell

Dettagli

INTRODUZIONE PRIMO ACCESSO

INTRODUZIONE PRIMO ACCESSO 2 SOMMARIO Introduzione... 3 Primo accesso... 3 Guida all utilizzo... 5 Prenotazione colloquio... 6 Pagelle... 9 Modifica profilo... 10 Recupero credenziali... 11 3 INTRODUZIONE Il ilcolloquio.net nasce

Dettagli

Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO:

Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO: Capitolo 1 GESTIONE DEL SOFTWARE APPLICATIVO: IL WORD PROCESSOR SOMMARIO 1. Introduzione. - 2. Requisiti di base per le operazioni di Word Processing. - 3. La creazione di un documento di testo. - 4. La

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net

Le Proprietà della Barra delle applicazioni e Menu Start di Giovanni DI CECCA - http://www.dicecca.net - Introduzione Con questo articolo chiudiamo la lunga cavalcata attraverso il desktop di Windows XP. Sul precedente numero ho analizzato il tasto destro del mouse sulla Barra delle Applicazioni, tralasciando

Dettagli

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net Una piattaforma LMS open-source: a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net I modelli di formazione in modalità e-learning richiedono necessariamente l utilizzo di una tecnologia per la

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Installazione LEGGI E STUDIA IL TUO LIBRO DIGITALE! In questa breve guida scoprirai come:

Installazione LEGGI E STUDIA IL TUO LIBRO DIGITALE! In questa breve guida scoprirai come: GUIDA AL LIBRO DIGITALE Installazione LEGGI E STUDIA IL TUO LIBRO DIGITALE! In questa breve guida scoprirai come: ottenere un account Giunti Scuola installare il Dbook scaricare i tuoi libri digitali Scarica

Dettagli

E-learning Guida pratica all utilizzo

E-learning Guida pratica all utilizzo E-learning Guida pratica all utilizzo Riccardo Picen 2014-2015 Sommario Cos è MOODLE?... 2 Come collegarsi alla pagina dei servizi... 2 PIATTAFORMA E-LEARNING... 3 1. Effettuare la registrazione (valida

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4^ ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico Scienze Applicate Docente Disciplina

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI

FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI Un libro di filosofia che legge e interpreta la realtà quotidiana FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI M. Vegetti L. Fonnesu Il futuro è la nostra materia. www.mondadorieducation.it Piano dell opera M. Vegetti

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli

Bisanzio Software Srl AMICA IMPORTA. Come importare dati nella famiglia di prodotti AMICA GESTIONALE (www.amicagestionale.it)

Bisanzio Software Srl AMICA IMPORTA. Come importare dati nella famiglia di prodotti AMICA GESTIONALE (www.amicagestionale.it) Bisanzio Software Srl AMICA IMPORTA Come importare dati nella famiglia di prodotti AMICA GESTIONALE (www.amicagestionale.it) Nicola Iarocci 10/05/2010 AMICA IMPORTA Stato del documento: BOZZA Stato del

Dettagli

Scrutinio Argo Software s.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

Scrutinio Argo Software s.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 INDICE INDICE...2 PREMESSA...3 MENÙ PRINCIPALE...4 ICONE UTILIZZATE PER ACCEDERE ALLE PROCEDURE PIÙ FREQUENTEMENTE USATE...5 ICONE UTILIZZATE NELLE PROCEDURE DI STAMPA...6 SISTEMA...7 SCRUTINI...7 CARICAMENTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage Gestione home page egovernment L home page del portale Halley egovernment permette all Amministrazione di pubblicare contenuti e informazioni e di organizzarle in blocchi. Questa struttura per argomenti

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Le piattaforme Il concetto di ambiente di apprendimento riconduce storicamente a termini quali formazione

Dettagli

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015]

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Premessa... 2 Fase di Login... 2 Menù principale... 2 Anagrafica clienti...

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

PD1A: La scoperta dell acqua Le mappe

PD1A: La scoperta dell acqua Le mappe PD1A: La scoperta dell acqua Le mappe Una mappa è una rappresentazione grafica che serve per comunicare delle informazioni chiare e dati utili. Esistono diversi tipi di mappa tra cui le mappe mentali e

Dettagli

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl Piattaforma FaD Formazione a distanza Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di formazione a distanza di EFA srl 1 Indice generale 1. Scopo del documento 2. Definizioni e abbreviazioni

Dettagli

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso

INTERNET EXPLORER. Breve manuale d'uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d'uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE...3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

Versione 1.0. La cartella di Excel contiene, di default, le seguenti schede: Classe, Criteri, 1,Riepilogo, Doc15 come si vede in figura:

Versione 1.0. La cartella di Excel contiene, di default, le seguenti schede: Classe, Criteri, 1,Riepilogo, Doc15 come si vede in figura: Versione 1.0 Premessa Dixit è la griglia per la definizione del voto d orale all esame di Stato; aiuta a mantenere un criterio unico e oggettivo nell assegnazione del voto. La cartella di Excel contiene,

Dettagli

Guida introduttiva. Barra di accesso rapido I comandi di questa barra sono sempre visibili. Fare clic su un comando per aggiungerlo.

Guida introduttiva. Barra di accesso rapido I comandi di questa barra sono sempre visibili. Fare clic su un comando per aggiungerlo. Guida introduttiva L'aspetto di Microsoft Word 2013 è molto diverso da quello delle versioni precedenti. Grazie a questa guida appositamente creata è possibile ridurre al minimo la curva di apprendimento.

Dettagli

Insegnare con il blog. Materiale tratto da:

Insegnare con il blog. Materiale tratto da: Insegnare con il blog Materiale tratto da: Weblog La parola "blog" nasce dalla contrazione del termine anglosassone "weblog" che, letteralmente, significa "traccia nella rete". Il blog infatti rappresenta

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche Blog e wiki Biblioteca 2.0 la biblioteca sta cambiando l impatto del Web 2.0 (Open Acess, Wikis, Google book, blogosfera, Flickr,

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3^ ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico Scienze Applicate Docente Disciplina

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014 Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO BASE DI INFORMATICA Il corso di base è indicato per i principianti e per gli autodidatti che vogliono

Dettagli

Dispense Corso Access

Dispense Corso Access Dispense Corso Access Introduzione La dispensa più che affrontare Access, dal punto di vista teorico, propone l implementazione di una completa applicazione Access, mettendo in risalto i punti critici

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 /MOS http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 Descrizione sintetica IC 3 è un Programma di Formazione e Certificazione Informatica di base e fornisce

Dettagli

EduCms: un ambiente autore per la formazione a distanza

EduCms: un ambiente autore per la formazione a distanza EduCms: un ambiente autore per la formazione a distanza A. Frascari, A. Pegoretti Anastasis, Bologna afrascari@anastasis.it Sommario EduCms è un servizio web accessibile per la produzione di unità didattiche

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici

Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE E PSICOLOGIA Un modello di costruzione collaborativa della conoscenza su utilizzo didattico degli organizzatori grafici Prof. Antonio Calvani antonio.calvani@unifi.it

Dettagli

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di:

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di: Compito I settimana del II modulo Fagnani Lorena classe E13 1. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono

Dettagli

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori)

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori) insegnare non più e non solo per trasferire saperi, per cui spesso basta un clic, bensì per formare uno studente competente, avviato a essere un futuro cittadino riflessivo e responsabile, aperto al nuovo

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli