IL CICLO VITALE. LA MORTE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CICLO VITALE. LA MORTE."

Transcript

1 Fondazione Cecchini Pace Istituto transculturale per la salute Milano SECONDA RELAZIONE INTERMEDIA IL CICLO VITALE. LA MORTE. Marco Tomietto Luglio

2 INDICE Parte seconda. Introduzione La morte fra natura e cultura La morte e il morente nella tradizione Dalla morte alla malattia La morte e il morente oggi. 16 Conclusioni. 21 Bibliografia. 2

3 PARTE SECONDA. INTRODUZIONE. Gli ambiti che si delineano attorno al concetto di Morte sono vasti e numerosi a tal punto che definire un margine che fornisca concretezza e chiarezza a questo evento spesso ci disperde lungo strade dai contorni tortuosi e indefiniti che a volte rischiano di farci perdere di vista anche la realtà quotidiana più concreta, invece di renderla più leggibile. A differenza delle tematiche precedentemente affrontate, la morte nel contesto sanitario può sembrare quasi un ente astratto: siamo incapaci di vederla, di definirla in modo diverso dalla malattia che la provoca, non esistono esami strumentali che ci informino della sua presenza e anche quando arriva non ci lascia intravedere un seguito capace di fare da feedback degli interventi attuati. Approcciandoci alla Vita invece siamo capaci di vedere nel concreto gli sviluppi attraverso le sue fasi e, pur nei dilemmi e nelle controversie che provoca, siamo sempre di fronte alle conseguenze che in un senso o nell altro, a breve o lungo termine, le nostre scelte provocano. La morte è lontana da tutto ciò, quello che l operatore sanitario può fare si colloca nel periodo della gestazione della morte o al massimo nell evento margine, ma ciò che sta oltre il margine appartiene all infinito (o all indefinito) della filosofia o della religione. Inoltre anche nel suo divenire la morte elude ogni sistema quantificatore e tassonomico e in questo senso si pone in antitesi con la cultura sanitaria (nel senso di scientifica ed istituzionale) e al suo bisogno di controllo e definizione dei processi vitali: le forme di controllo medico sulla morte riescono al più prolungare il trapasso o a indurlo, con accese discussioni di ordine bioetico. Con un analogia provocatoria potremmo rilevare che con molti meno scrupoli ci sentiamo autorizzati a decidere il momento in cui un bambino deve nascere eppure anche in questi casi parliamo di rimandare o indurre un passaggio vitale; come si osservava precedentemente ci sentiamo autorizzati a farlo perché conosciamo bene le conseguenze di una nascita prematura o tardiva. Ma come esprimersi sulla morte? 3

4 Quando sia giunto il momento di lasciar spazio alla morte fortunatamente non siamo ancora giunti a dirlo, ma senza dubbio ci sentiamo di affermare che c è bisogno di lasciare spazio al morente. L evoluzione tecnica permette di prolungare quasi senza limite una vita (in termini biologici), al punto da rendere il suo declino così lento ed impercettibile da non capire più ne cosa sia la vita ne tantomeno la morte; così l uomo moderno si trova a dover elaborare riti che rendano legittimo il suo farsi «procuratore di morte» 1 naturale mentre in orizzonti di tipo tradizionale i riti elaborati erano finalizzati alla morte culturale della salma. In entrambi i contesti tuttavia si mantiene il tentativo antropologico di definire un margine-definizione attorno alla figura del morto, di modo che si sia certi che l individuo che uccidiamo (per via naturale o culturale) presenti i requisiti per essere aggregato al mondo dei morti 2. A questo punto, nell equivalenza funzionale del rito, bisogna guardare a come potrebbero essere cambiati i vissuti e le contestualizzazioni e chiedersi quali margini la scienza medica ha abbattuto e se sia riuscita a proporne e consolidarne altri e soprattutto se questi nuovi confini siano condivisi dai suoi fruitori. Questo scritto vuole cercare di rappresentare, mediante la revisione bibliografica, l evoluzione degli approcci alla morte da ambito tradizionale a sanitario, descriverne il passaggio rituale e contestuale e tratteggiare le dinamiche di ruolo che si creano attorno al morente. Lo scopo è quello di rendere più leggibili in termini antropologici realtà quasi quotidiane per l operatore sanitario che spesso deve muoversi lungo i limiti estremi del suo essere professionista e persona. 1 E. De Martino in Morte e pianto rituale. Dal lamento funebre antico al pianto di Maria, Bollati Boringhieri, Torino, In questi accenni ci riferiamo alle riflessioni di E. De Martino in Ibidem e A. Van Gennep in I riti di passaggio, Bollati Boringhieri, Torino,

5 1. LA MORTE FRA NATURA E CULTURA. La morte pone l uomo in stretto rapporto col suo divenire e rappresenta il promemoria critico della sua mortalità e storicità, questo evento diviene così un momento saliente per l individuo e la collettività che, per suo tramite, prendono coscienza di una natura cui l uomo, per quanto si adoperi a controllarla, deve sottostare 3. Tuttavia, come osservavamo nella prima parte, è proprio laddove si manifesta un divenire storico inesorabile che l uomo è soccorso da forme rituali in grado di inscrivere in una dimensione protetta eventi altrimenti sconvolgenti. La morte si fa dunque paradigma di ciò che passa «senza e contro» l uomo 4, ma sempre e comunque attraverso di esso e le sue elaborazioni culturali atte a ripristinare forme di controllo. Vediamo allora come si sono evoluti gli orizzonti metastorici che attraverso i tempi e le culture hanno cercato di dare un identità alla morte e al morente, precisiamo che nella trattazione focalizzeremo sui momenti che dal morire portano alla morte, che sono quelli con cui l operatore sanitario viene maggiormente a contatto nell ambito istituzionale, la parte riguardante i riti funerari sarà motivo di accenno laddove porti ulteriore chiarezza al corpo dello scritto. 3 Si realizza così quell ossimoro di «coinvolgimento e distacco» dell uomo di fronte alla morte: coinvolgimento come presa di coscienza (individuale) della propria finitezza, distacco come negazione sociale della fine individuale (almeno nel periodo contemporaneo). Si veda: N. Elias, La solitudine del morente, Il Mulino, Bologna, E. De Martino in Morte e pianto rituale. Dal lamento funebre antico al pianto di Maria, Bollati Boringhieri, Torino, 2000, p

6 2. LA MORTE E IL MORENTE NELLA TRADIZIONE. Nell accostarci a questa parte della trattazione ci rendiamo conto di non poter prescindere da un implicito confronto con come si muore oggi e con come si nasceva un tempo, nello sviluppare l argomento cercheremo di rendere via via più espliciti questi nessi, cercando di accennare ai rapporti fra Vita e Morte che intercorrono nei due contesti. Tradizionalmente la morte era gestita in ambito domestico e familiare: il morente passava le ultime ore in un ambiente a lui noto e fra persone conosciute 5, indipendentemente dalla concezione che in un determinato periodo storico poteva esserci dell al di là e del morto. Questi aspetti, infatti, hanno influenzato le scelte sul trattamento della salma come decisioni sul luogo e sulle modalità di inumazione, sulla necessità o meno di legare al sito di sepoltura l identità del morto, sui tributi rituali che i sopravvissuti dovevano al defunto. Si sono così attraversate fasi storiche in cui le iscrizioni funerarie contraddistinguevano il luogo di sepoltura (si veda la Roma antica, o le epoche più recenti a partire dal XVIII secolo), altre in cui il defunto giaceva nell anonimato di fosse comuni (si veda l alto Medioevo), altre ancora in cui le tombe o le iscrizioni svolgevano una funzione commemorativa più che di contrassegno del luogo di inumazione (approssimativamente dal XII al XVIII secolo) 6. Allo stesso modo, attraverso le epoche, si sono definiti culturalmente i contesti spaziali più appropriati per i cimiteri: nell antichità greco-romana le tombe erano disposte lungo le strade che portavano fuori dalla città, nel periodo medievale l inumazione ad sanctos portava le salme nelle città e nei luoghi della vita pubblica, nel XVIII secolo invece le prime teorie scientifiche le allontanava dalle città fondando i principi di una medicina sociale che attribuiva ai miasmi pestilenziali dei cadaveri e alla chimica pericolosa della decomposizione l etiologia di numerose malattie, già nel XIX secolo, tuttavia, una rinnovata attenzione romantica alla memoria riporta i cimiteri vicino ai vivi 7. 5 Questa prima caratteristica si può estendere a tutte le epoche storiche precedenti a quella contemporanea come si può evincere dalla trattazione di P. Ariès, Storia della morte in occidente, Rizzoli, Milano, Ibidem, pp e p Ibidem, p. 139, p. 165 e p

7 Tutti questi aspetti sottendono concezioni diverse del rapporto fra vivi e morti, istituiscono ciclicamente relazioni di lontananza e vicinanza senza comunque creare una cesura fra i due mondi e creano rappresentazioni diverse della memoria e dell al di là. Quello che tuttavia ci sentiamo di affermare è che attraverso i secoli, di fronte alla variabilità del trattamento della salma, il trattamento del morente mantiene una relativa stabilità, che è stata intaccata solo in epoca contemporanea. Di seguito cercheremo di focalizzare sulle modalità tradizionali di approccio al morente, successivamente le porremo a confronto con quelle contemporanee cercando di evincerne la transizione simbolica e le sue motivazioni. La prima costante che si è tramandata sino ai nostri giorni riguarda, come si osservava in apertura, il setting spaziale del morire: si moriva a casa, in un contesto noto e familiare. Questo primo elemento ci informa eloquentemente sulla confidenza che le società passate avevano nel gestire eventi critici dell esistenza, non c era alcun bisogno di allontanare la morte dalla vita di ogni giorno, essa vi faceva parte e si integrava in modo naturale col divenire necessario della collettività, la morte dunque era ordinaria, inevitabile e inevitata 8. Nel Medioevo inoltre non solo il morente era integrato nella vita quotidiana ma anche il morto, basti pensare alle attività pubbliche che si svolgevano abitualmente nei cimiteri 9. Tale 0. approccio 0 lascia spazio ad una visione attiva del morente: esso appartiene ancora al mondo dei vivi, la sua identità si riconosce ancora nella società, rivestendosi tuttavia dei ruoli che sono più consoni alla sua condizione di margine. In questo orizzonte c è spazio per un idea del morente come persona che ancora vive e che ha ancora dei compiti da assolvere, non c è bisogno di ghettizzarlo perché non è colui che porta con sé la morte ma colui che ha coscienza del suo approssimarsi. Anche nel XVIII secolo, quando il morto era ritenuto un pericolo per la salute pubblica a causa delle esalazioni del corpo in disfacimento e si destinavano le salme a cimiteri lontani dalle città, si continuava a morire in casa. 8 Forse è proprio per il venir meno della quotidiana ordinarietà della morte che oggi essa è dimenticata e relegata ai margini della coscienza sociale. N. Elias, La solitudine del morente, Il Mulino, Bologna, 1985, pp P. Ariès, Storia della morte in occidente, Rizzoli, Milano, 1998, p

8 Così il morente attraverso le epoche ha avuto sempre un suo posto, un suo ruolo e un contesto appropriato a sottolinearlo, era il soggetto attivo della sua morte, di cui presiedeva il rituale, secondo i tempi concessi dalla natura. Il presupposto implicito e imprescindibile è dunque nel «riconoscimento spontaneo» 10 della propria morte, una morte che la persona sa percepire e gestire 11. All approssimarsi della morte ci si preoccupava dunque di circoscrivere l ambiente: si chiudevano porte e finestre e si provvedeva a riscaldarlo 12, l analogia è chiara ed eloquente e rimanda alla predisposizione della stanza per il parto 13, rileviamo tuttavia che mentre per la nascita la delimitazione spaziale creava un ambiente rituale per un passaggio vitale «della e nella femminilità», per la morte l ambiente non presentava limiti di genere o di età: era aperto alla collettività senza distinzioni, quasi a sottolineare che, a differenza del parto, la morte riguarda il destino collettivo dell essere umano, un destino inevitabile e condiviso 14. Inoltre mentre per la nascita la delimitazione spaziale rivestiva il significato simbolico di protezione da spiriti malvagi o esalazioni pericolose che potevano attaccare la partoriente a seguito dell apertura dei suoi margini, per il morente non ritroviamo un corrispondente analogo, ci sentiamo di ipotizzare tuttavia che la pratica fosse necessaria per trattenere il più possibile gli ultimi soffi vitali, giacché le fonti testimoniano che si riteneva, almeno in alcune epoche, che le forze soprannaturali benefiche e malvagie si affollassero ai piedi del letto del morente, quasi a creare nel microcosmo domestico la scena del giudizio universale per l individuo 15. I limiti fisici quindi non potevano avere lo scopo di impedire l ingresso di forze occulte. Per contro troviamo descritte anche pratiche atte a favorire il trapasso agevolando simbolicamente la fuoriuscita dell anima, come nel caso della tradizione lucana in cui si usava scucire alcuni punti del materasso sul quale giaceva il morente, rituale che 10 Ibidem, p Ricordiamo come, sempre nel contesto tradizionale, la gestante avesse percezione dell approssimarsi del travaglio e si adoperasse in precise operazioni rituali atte ad agevolare il lavoro del parto. Si veda la prima parte a p P. Ariès, Storia della morte in occidente, Rizzoli, Milano, 1998, p Si veda la prima parte a p P. Ariès, Storia della morte in occidente, Rizzoli, Milano, 1998, p Ibidem, p

9 con le medesime operazioni era effettuato anche durante il parto per coadiuvare il lavoro della partoriente e la fuoriuscita del feto 16. Notiamo allora come la necessità di controllo o mediazione sugli eventi vitali si riproponga come una costante e costituisca un bisogno irrinunciabile dell uomo per confermare un suo ruolo e una sua presenza nell incessante divenire naturale, cui comunque deve sottostare 17. Sottolineiamo inoltre che il carattere simbolico-rituale dell intervento umano sulla natura, nel contesto tradizionale, rimanda a precise rappresentazioni metaculturali riconnesse alla continuità del ciclo vitale e ai sistemi simbolici del fare e disfare 18, 0 chiaramente entro quei contesti le suddette pratiche prendevano concretezza nel quotidiano e si riteneva avessero influenza diretta anche sullo svolgersi biologico degli eventi; in epoca contemporanea invece pare che il rapporto fra il rito e il suo materializzarsi nella natura si sia rovesciato: con l evolversi della scienza e della tecnica si sono sviluppate forme di controllo dei fenomeni naturali sempre più esplicite sul piano biologico, non dimentichiamo tuttavia che anche i progressi tecnici contemporanei sono un prodotto culturale 19 e, pur avendo conseguenze più concrete e dimostrate (ma sempre alla luce della cultura scientifica che le ha concepite), hanno influenzato (forse inconsapevolmente) visioni diverse della vita e della morte, tutt oggi poco chiare o, al contrario, talmente chiare da sollevare secondo i casi profonde riflessioni o accese polemiche sul piano bioetico. Ci sentiamo di affermare dunque che la medicina ai giorni nostri abbia enfatizzato la sua crescita tecnica senza riuscire parimenti a dare un senso e una consapevolezza metastorica ai progressi effettuati, come se fosse cresciuta ponendosi solo il vincolo della coerenza scientifica, tralasciando quella coerenza metastorica che in senso più ampio riguarda gli eventi sui quali ha agito. Tecnica e rito si sono allora invertiti: mentre nella tradizione la cornice rituale giustificava un determinato modo di agire, oggi, a fronte di smisurate possibilità 16 E. de Martino, Sud e magia, Feltrinelli, Milano, 2001, pp Ritroviamo dunque nell approccio tradizionale una chiara coscienza del limite. 18 Paradigmatico in questo senso è il caso della fascinazione. Ibidem. 19 «Conosciamo del mondo solo quello che, nel corso di millenni, ci siamo rappresentati e la stessa natura, così come si presenta, è in definitiva la testimonianza storica del conosciuto e dell artefatto umani». Le varie epoche e culture così elaborano sistemi coerenti al proprio conusciuto del mondo che si inseriscono nella concretezza del quotidiano. Dalla prefazione di F. Voltaggio a R. Barcaro, L. de Caprio, G. Castello, La fine della Vita. Per una cultura e una medicina rispettose del limite, Apèiron, Bologna, 2001, p. VI. 9

10 tecniche, ci troviamo a dover elaborare dei riti che ne giustifichino e disciplinino l uso, si pensi ad esempio ai criteri medico-legali che si sono dovuti elaborare per diagnosticare la morte di un individuo e autorizzare così la sua aggregazione al mondo dei morti sospendendo le cure intensive L altro aspetto saliente del morire nelle culture tradizionali, come accennavamo, è il porsi in continuità con le altre esperienze del ciclo vitale, in primis con la nascita. Rilevavamo infatti il riproporsi di moduli sovrapponibili e questo pone ancora l accento su una concezione della morte profondamente integrata con il vissuto di ognuno: come si nasceva allo stesso modo si moriva, ed evidenziamo che nel mondo tradizionale la vita e la morte sono eventi ben definiti all interno della narrazione personale e non assoluti privi di vissuto come può capitare di trattare l argomento al giorno d oggi. Il rischio di questo secondo approccio riteniamo sia nella perdita del limite e del contesto proprio della persona, in sostanza di privarla della propria morte, sia che si tratti di negargliela con l accanimento terapeutico per difendere la Vita a tutti i costi, scambiando l ostinazione tecnica per il deontologico rifarsi a un giuramento di Ippocrate che nega al medico di provocare la morte del paziente 21, sia di concedergliela, magari ispirati dal pietismo che si deve alla dignità umana. Come per la nascita, la dignità dell individuo non si gioca sul campo delle prescrizioni o delle concessioni ma sul riconoscimento dei vissuti propri della persona 22 ; sullo stesso campo si trova per la medicina la possibilità di individuare i suoi limiti dimenticati (o trascurati) che possano darle una forma che trascenda l indefinito evolvere delle possibilità tecniche e che diano significato al suo operare, un significato che parallelamente dia spazio e prospettiva alla narrazione personale 23. Riconosciamo tuttavia che, a differenza del caso della partoriente, dare spazio al ruolo attivo del morente in ambito sanitario spesso incontra come primo ostacolo le 20 La tecnica dunque è vettore di significati che produce realtà che non possiamo fare a meno di abitare: creata dall uomo, crea realtà e trasforma l uomo stesso che le abita. Si veda l opera di U. Galimberti, Psiche e techne, Feltrinelli, Milano, Ibidem, p. XVI. 22 Si veda la prima parte a pp

11 condizioni in cui l individuo arriva (o viene fatto arrivare) alla morte, condizioni che rendono lecito da parte dell istituzione la negazione della variabilità individuale 24 e un trattamento del morente come soggetto/oggetto privo di razionalità 25. In via provocatoria viene da chiedersi se queste condizioni siano volute, non è forse un caso inoltre che quando un morente chiede di sua cosciente iniziativa la sospensione delle cure, la cosa sollevi talvolta lo scalpore della cronaca internazionale e richieda la mediazione giuridica. L altro modo di negare alla persona i suoi vissuti si ritrova anche nelle menzogne dalle quali è attorniata circa la sua situazione, fino a quando l evidenza non farà crollare le ipocrisie: non è forse un modo per negare la nostra impotenza piuttosto che per tutelare l integrità psicologica del morente? Non è forse un modo di sottovalutare ancora una volta la sua capacità di far fronte agli eventi? 26 Ci troviamo così davanti ad morente spogliato del suo status, della sua identità e in definitiva di un suo ruolo attivo, che ha esercitato per secoli prima di essere medicalizzato. Tradizionalmente infatti era la persona stessa a presiedere i rituali riguardanti la propria morte, osservavamo già che questo implica il riconoscimento spontaneo del suo approssimarsi e in definitiva la sua appartenenza al diretto interessato. Così il morente in quel periodo di margine della sua esistenza era investito di una speciale autorità, derivatagli dalla sua doppia appartenenza a due mondi, che gli consentiva di impartire ordini e raccomandazioni alle persone care, indipendentemente dalla sua giovane o veneranda età 27. Troviamo documentato come il primo atto del rituale fosse il rimpianto discreto e triste della vita da parte del morente, a seguire il perdono degli astanti per eventuali mancanze compiute, successivamente la preghiera anch essa articolata secondo criteri rituali e l assoluzione del morente da parte di una figura ecclesiastica, poi si attendeva la morte in silenzio Il morente 0 quindi non solo era cosciente degli eventi che si 23 «E la scoperta del limite a conferire al nostro conoscere e al nostro operare tutto il suo significato», dalla prefazione di F. Voltaggio a R. Barcaro, L. de Caprio, G. Castello, La fine della Vita. Per una cultura e una medicina rispettose del limite, Apèiron, Bologna, 2001, p. VII. 24 Elemento che abbiamo già visto è ricercato dall istituzione stessa come presupposto del suo operare. M. Tomietto, La salute straniera. Temi di nursing transculturale, Tesi di Diploma, a.a , p P. Ariès, Storia della morte in occidente, Rizzoli, Milano, 1998, p Le medesime caratteristiche sono emerse anche riguardo il trattamento della gestante/partoriente/puerpera. 26 M. de Hennezel, La morte amica, Rizzoli, Milano, 1998, p P. Ariès, Storia della morte in occidente, Rizzoli, Milano, 1998, p Ibidem, pp

12 svolgevano intorno a lui ma anche li dirigeva attivamente, inoltre gli era riconosciuta un identità speciale e valorizzata che gli conferiva potere anche sui viventi, la sua morte era pubblica e non c era bisogno di occultarla, anzi era essa stessa cercata e voluta come evento pubblico, quasi con una funzione pedagogica per i sopravvissuti, al punto che chi per strada si imbatteva in un curato che si recava per l estrema unzione, lo seguiva anche se non conosceva il morente 29. Rileviamo inoltre che le fasi del morire seguono una scansione rituale che la persona affronta serenamente, o almeno le fonti non ci fanno pensare diversamente, di modo che siamo portati a figurarci una psicologia del morente salda e univoca; alla luce di questi elementi l attuale individuazione del travaglio psicologico del morente attraverso le fasi di rifiuto e isolamento, collera, patteggiamento, depressione, accettazione e speranza 30 appare anch essa un prodotto culturale derivato dalla privazione medica della morte del soggetto, incapace al giorno d oggi di riconoscerla da sé e che ne apprende la notizia dall esterno in modo spesso traumatico, sia la comunicazione implicita od esplicita. Un altro elemento importante rilevato per contro all aura di sacralità che avvolgeva il morente nel contesto tradizionale è il carattere di impurità che invece si attribuiva alla morte. Precedentemente abbiamo visto come nel XVIII secolo le salme erano allontanate dalle città per motivi di igiene pubblica, il caso è tuttavia eloquente della separazione voluta fra vivi e morti a causa del potere contaminante (in senso sanitario) di questi ultimi, anche in tradizioni più recenti ritroviamo le medesime rappresentazioni, come nel contesto lucano della metà del secolo scorso in cui, a morte avvenuta, si provvedeva ad aprire porte e finestre e a gettare per strada l acqua «morta», ossia contenuta nei recipienti della casa al momento del decesso 31. Chiaramente queste pratiche sottendono allo stesso modo l idea dell impurità e del potere contaminante del morto (o della morte), sono inoltre interessanti perché diametralmente opposte a quelle descritte per la preparazione della stanza del parto o del morente e, nel caso dell acqua, a quelle relative il bagno 29 Ibidem, p Si veda: E. Kubler-Ross, La morte e il morire, Cittadella editrice, Assisi,

13 del neonato 32, in generale possiamo anche affermare che rimandano ad una relazione stretta fra vita e morte e alla cultura del fare e disfare, che è poi quella tipica lucana e meridionale descritta dal de Martino. Uscendo dal contesto occidentale, presso i Maori chi aveva toccato la salma o preso parte alla cerimonia di inumazione diventava impuro per un periodo di tempo entro il quale gli era interdetto il contatto fisico con altri e con gli ambienti ordinari del vivere civile, addirittura non poteva toccare il cibo al punto che doveva farsi nutrire da altri, al termine di questo periodo venivano distrutti i suoi abiti e gli oggetti di cui si era servito 33 e poteva essere riaggregato nella vita ordinaria, è evidente anche qui la contagiosità simbolica del morto e, nel caso specifico, l individuazione di un lasso di tempo in cui l individuo che aveva partecipato ai riti funebri era considerato impuro ma allo stesso tempo trattato con le distanze e le precauzioni che spesso si devono anche al sacro 34. Analogamente presso i Kol dell India dopo la cerimonia funebre i partecipanti, in segno di purificazione e riaggregazione, dovevano lavarsi 35. Così anche per gli ebrei il corpo di un defunto era considerato immondo, da non toccarsi Queste distinzioni di trattamento dal morire alla morte accentuano il riconoscimento del morente come persona viva e quindi a pieno diritto integrata nel mondo dei vivi, pur riconoscendole uno status particolare. Al contrario la ghettizzazione ospedaliera del morire alimenta l idea di un evento eccezionale, slegato dalla vita ordinaria, e convalida una visione del morente come colui che porta in sé il germe della morte (quindi come già potenzialmente contaminante ), attribuendogli una condizione di necessaria esclusione dal vivere civile. Il fenomeno sicuramente è più ampio e abbraccia visioni diverse della morte come tabù, per ora possiamo osservare che il tabù tradizionale del morto ai giorni nostri si è traslato come tabù del morente; è parallelamente evidente quali 31 E. de Martino in Morte e pianto rituale. Dal lamento funebre antico al pianto di Maria, Bollati Boringhieri, Torino, 2000, p Si veda la prima parte a p. 23. Il neonato non doveva essere lavato frequentemente perché gettare l acqua in cui era stato immerso significava esporlo all influenza di forze esterne. 33 S. Freud, Opere Totem e tabù, Newton, Roma, 1995, p Cogliamo in questa delimitazione rituale, un periodo sovrapponibile alla quarantana del puerperio. Analogamente in altri contesti vengono descritti periodi di lutto che si mantengono per quaranta giorni come nella cultura araba di cui ritroviamo l esempio in: E. De Martino in Morte e pianto rituale. Dal lamento funebre antico al pianto di Maria, Bollati Boringhieri, Torino, 2000, p A. Van Gennep, I riti di passaggio, Bollati Boringhieri, Torino, 2000, p E. Kubler-Ross, La morte e il morire, Cittadella editrice, Assisi, 1998, p

14 conseguenze possano esserci per la relazione con la persona entro questa seconda concezione. Il passaggio attraverso queste due epoche del morire è stato sicuramente graduale e prima di emergere così esplicitamente ai giorni nostri ha dato le sue avvisaglie in tempi passati, la sua evoluzione inoltre è strettamente connessa a quella della medicina e a quella di ampi fattori socioculturali. Di seguito cercheremo di approcciare questo percorso fino a giungere al periodo contemporaneo. 3. DALLA MORTE ALLA MALATTIA. I primi segni del passaggio ad una visione diversa della morte riguardano a nostro avviso la sua separazione dal vissuto quotidiano e familiare: pensiamo alle rappresentazioni tramandateci dalla sensibilità romantica già dalla fine del settecento in cui l immaginario si è popolato di commistioni fra eros e thanatos, tanto memorabili sul piano letterario quanto slegate da quello che è ed era vivere la morte nella quotidianità 37, 0 tali 0 concezioni alla fine del XVIII secolo rendevano già la morte una «rottura attraente e terribile della familiarità quotidiana» 38. Osserviamo tuttavia che a fronte di queste immagini che prendono piede nella rappresentazione collettiva della morte, all epoca si continuava a morire in casa con i medesimi rituali e approcci descritti precedentemente, pur con alcuni segni di insofferenza da parte dell autorità medica, che sempre in quel periodo cominciava a comparire al capezzale del morente: troviamo descritto come i medici illuministi, che sviluppavano le prime norme di igiene, si lamentassero degli ambienti chiusi e sovraffollati che si creavano attorno al malato 39. Notiamo subito la figura del medico che si oppone all ordine rituale metastorico proponendo la propria coerenza scientifica: con il crescere della sua autorità fino ai giorni nostri, evidentemente questo elemento si configura in embrione come l inizio del sorpasso rituale tradizionale. Inoltre davanti al medico il morente scompare per lasciare posto al malato: tale 37 P. Ariès, Storia della morte in occidente, Rizzoli, Milano, 1998, p Ibidem, p Ibidem, p. 24 e p

15 mutamento di ruolo è fondamentale per comprendere il passaggio da una morte che può riconoscere e gestire solo il soggetto interessato, a una malattia che è in grado di diagnosticare e trattare solo l autorità sanitaria. Tuttavia anche questo passaggio, per quanto inesorabile, è stato estremamente graduale: i primi medici disponevano di poche risorse per la diagnosi e la terapia, così la loro funzione era quella di alleviare le sofferenze con oppio e morfina e nell approccio al morente svolgevano più una funzione morale condivisa col sacerdote 40. In quest ottica la morte è un fatto che appartiene ancora interamente alla persona e anzi la preoccupazione per la malattia non esiste per nulla, non è di competenza del morente, né questo vi rivolge l attenzione: il fatto importante è che sta morendo e ha ancora dei doveri da compiere e un ruolo da svolgere, la malattia è estranea al suo universo mentale. Tale visione è destinata a mutare rapidamente con l evoluzione della figura del medico che si configurerà, solo un secolo più tardi, come «l iniziatore al mondo specializzato della malattia» 41, ci troviamo così di fronte l Ivan Il ič di Tolstoj incapace di riconoscere la propria morte, spogliato dei propri vissuti e tutto proiettato nella sua malattia, o meglio nella malattia del medico, con l unica preoccupazione di seguire le prescrizioni e sorvegliare i suoi sintomi; diventa così un morente inconsapevole, privato del suo ruolo e delle sue responsabilità dal meccanismo di delega alla malattia, è una persona socializzata e aggregata nel ciclo medico, in cui la valutazione degli eventi spetta ad una figura competente. Si apre così la strada alla negazione del vissuto e della razionalità della persona e, parimenti, alla negazione della morte come fatto appartenente alla collettività e alla vita quotidiana e familiare, inizia così quel deficit comunicativo che aggrava queste negazioni instaurando attorno al morente quella commedia dell ottimismo che lo terrà nell ignoranza fino a quando l aggravarsi delle condizioni supererà ogni menzogna, rivelando la morte che gli appartiene celata sotto la malattia 42. Tale è l evolversi della storia di Ivan Il ič e per la prima volta, quando il protagonista scopre l approssimarsi della sua fine, vediamo comparire una 40 Ibidem, p Ibidem, p Ibidem, p

16 reazione di isolamento 43, dato significativo se pensiamo che questa è la prima fase psicologica individuata nel contesto contemporaneo Siamo così giunti alle porte della situazione odierna, manca tuttavia un ultimo passaggio: finora abbiamo sempre descritto il morente nell ambito domestico e anche quando il medico fa il suo ingresso sulla scena, è una presenza discreta che esercita una funzione morale prima e una socializzante (nella malattia) poi, è dunque lontano dal valersi di un vero e proprio controllo sulla persona, l ambiente non lo consentiva, tale controllo è stato invece legittimato dal passaggio all istituzione; l epoca contemporanea si contraddistingue per questa ulteriore evoluzione: dalla delega della morte alla malattia, al passaggio del morente dal contesto domestico a quello istituzionale. 4. LA MORTE E IL MORENTE OGGI. L odierna contestualizzazione istituzionale del morire è un eloquente indice di una mutata visione a livello socio-culturale: la morte è allontanata dalla vita ordinaria per essere affidata all eccezionalità della gestione sanitaria. Non c è spazio per la morte nella coscienza collettiva, per lo meno non per quella che si matura nella sofferenza, riusciamo a tollerare quotidianamente scene di morte violenta sia essa cinematografica o di cronaca, ma rifiutiamo di concepirla in termini progressivi e processuali, quasi che il rendersi conto di morire o che qualcuno stia morendo sia insopportabile, anzi se tradizionalmente era considerata una disgrazia morire improvvisamente o nell incoscienza a causa dell impossibilità di amministrare la propria morte 45, oggi lo è il contrario 46. La morte nella società contemporanea pone l uomo di fronte alla sua finitezza, alla sua impossibilità di dominare una natura che come non mai oggi cerca di controllare, contiene così il promemoria critico dell inevitabile fallimento dei suoi sforzi, cose difficili da accettare fra le illusioni del tecnicismo, dell edonismo dell eterna giovinezza, dell efficientismo e della realtà virtuale entro cui si muove 43 Ibidem, p E. Kubler-Ross, La morte e il morire, Cittadella editrice, Assisi, P. Ariès, Storia della morte in occidente, Rizzoli, Milano, 1998, p. 190 e p

17 l uomo d oggi, difficili da accettare come la vecchiaia che anticipa il nostro limite ultimo con la concretezza delle limitazioni fisiche di ogni giorno, anch essa al giorno d oggi ci ricorda solo l inefficienza e il declino. Non è forse un caso che nelle case non ci sia più spazio per gli anziani e i malati terminali (come oggi preferiamo chiamare il morente) 47. Il fenomeno di delega è avvenuto e non riteniamo sia da attribuire unicamente al passaggio da famiglia patriarcale a nucleare, giacché l ospedalizzazione del morente è documentata già nella prima metà del novecento 48, sicuramente in quel periodo il meccanismo di delega sottendeva una visione del morente in quanto malato e dunque bisognoso di cure, piuttosto che una vera e propria tabuizzazione della morte, come per i giorni nostri. Il tabù della morte oggi conferisce già al morente quel potere contaminante che tradizionalmente era attribuito solo al morto: la contaminazione tramite la memoria del limite, che vogliamo nascondere. La società contemporanea richiede agli operatori sanitari la competenza di gestire i suoi morenti e la risposta che spesso l istituzione è in grado di dare si pone sul piano tecnico, rivelando agli operatori stessi il limite del proprio ruolo: che sia dentro o fuori l istituzione la morte ci pone sempre e comunque davanti a dei limiti ineludibili, se la società ha trovato il modo di rimandarli, l operatore sanitario deve affrontarli e spesso affrontare un limite significa accettarlo. Chiaramente questo tipo di approccio alla morte, come finitezza da occultare, la rende slegata e disarticolata dagli eventi della nascita che su un piano opposto racchiudono l idea di prospettiva dinamica ed evoluzione. Lungo questa linea si crea allora un altra frattura con la visione tradizionale in cui nascita e morte si univano nell uguaglianza funzionale di un passaggio fra due dimensioni della narrazione umana, abbiamo visto inoltre come tale unione fosse sottolineata dal riproporsi di moduli rituali simili e/o speculari. Tale trasformazione di significato ha inoltre comportato un evoluzione di ruolo nelle figure deputate a gestire, o meglio coadiuvare, gli eventi 46 M. de Hennezel, La morte amica, Rizzoli, Milano, 1998, p N. Elias, La solitudine del morente, Il Mulino, Bologna, 1985, p P. Ariès, Storia della morte in occidente, Rizzoli, Milano, 1998, p. 69. Tuttavia all epoca la delega all istituzione riguardo la gestione degli eventi vitali riteniamo fosse più un opzione scelta che un fatto acriticamente accettato, ricordiamo a titolo esemplificativo l opera narrativa di J. Roth, La cripta dei cappuccini in cui al momento di scegliere fra il parto in clinica o a domicilio si decide di proposito per il secondo (capitolo XXXI) e in cui la madre morente si dimostra ancora padrona della propria morte, riconoscendola e amministrandone i rituali (capitolo XXXIII), nell opera tuttavia la madre è la figura che rappresenta le sopravvivenze del vecchio mondo spazzato via dalla prima guerra mondiale. J. Roth, La cripta dei cappuccini, Adelphi, Milano,

18 relativi a questi momenti dell esistenza. Tradizionalmente infatti abbiamo visto come la levatrice fosse intermediaria fra la vita e la morte, ponendosi come unica professionista del margine 49, attualmente c è invece una netta distinzione professionale nella gestione dei due estremi del margine: da una parte l ostetrica, dall altra l infermiere. Anzi in tempi recentissimi la separazione dei percorsi formativi delle due figure sembra rimarcare simbolicamente la scissione di quell unità tradizionale 50. Nell istituzione ci troviamo quindi di fronte ad una duplice parcellizzazione della morte: da una parte come evento isolato dal continuum narrativo della persona, dall altra come identificazione con la malattia che la provoca. Quest ultimo aspetto in particolare fa emergere un altro limite dell approccio ospedaliero che è in grado di gestire eventi che riguardano alterazioni delle funzioni d organo in reparti specialistici piuttosto che eventi naturali del divenire umano, è dunque una necessaria coerenza istituzionale ridurre l esperienza globale della morte a quella parziale della malattia. Attualmente questa insufficienza sembra essere riconosciuta dal moltiplicarsi di strutture come gli hospice, deputate appunto all accoglimento del morente indipendentemente dalla clinica sottesa, concepite dunque per creare una risposta diversa da quella medica-istituzionale ai bisogni del morente. L hospice tuttavia si pone al crocevia del dilemma di ogni struttura, contesa fra il rischio della ghettizzazione e l opportunità di fornire modelli d approccio alternativi e differenziati da quelli classicamente forniti. Parallelamente a queste opzioni si sta inoltre sviluppando una rete di servizi territoriali di supporto a persone e famiglie che gestiscono questi eventi a domicilio. La realtà però attualmente preminente rimane quella ospedaliera e a questa continueremo a fare riferimento nella trattazione. Abbiamo già accennato a come oggi dobbiamo relazionarci ad una morte negata: dalla società e alla persona. L operatore sanitario spesso si pone come una propaggine del pensiero tecnico o sociale, da una parte con l accanimento terapeutico dall altra con menzogne relazionali, al punto da rendere questi due approcci in contraddizione fra loro quando le condizioni diventano inequivocabili anche 49 Si veda la prima parte, p

19 agli occhi della persona. Eppure queste situazioni rendono palese il bisogno degli operatori di negare il morire fino in fondo, come se esso fosse l espressione di un fallimento di ruolo, una delusione delle aspettative normalmente riposte nella sua figura, quasi anche che per parte sua il morente non abbia collaborato al programma terapeutico od assistenziale. Non è forse che l operatore invece non sappia collaborare con l evolversi narrativo della persona, quando diviene evidente che si sono esaurite le sue risorse di recupero? Si risponde in modo adeguato ai bisogni della persona negando l innegabile con un uso disperato della tecnica? Forse oltre certe soglie il ricorso al tecnicismo ha solo il valore simbolico (e psicologico) di negazione e di perpetrazione della menzogna. A volte si continua a mentire finché la persona diventa incosciente, preparandola così a quella che oggi si considera una bella morte. Così anche per l infermiere spesso non è ben chiaro cosa si intenda per preparare l assistito a una «morte serena» 51, competenza 0 che 0 è prevista dai suoi quadri concettuali di riferimento e che va oltre l occuparsi generico della morte che gli richiede la società. A volte il modo di concepire la morte da parte della persona stessa richiede l incoscienza, altre volte il gioco delle schermaglie resta implicito ma noto a tutti, come un necessario elemento rituale, altre volte è il morente stesso a rompere l ipocrisia relazionale. Spesso c è bisogno di chiarezza su quello che sta avvenendo e la sua mancanza depaupera le persone della possibilità di dare pieno compimento al suo filo narrativo e priva gli operatori sanitari di possibilità di crescita. Oramai siamo fuori dalla protezione rituale che rende prevedibili e codificate le funzioni di ruolo, l unico riferimento che resta è quella sensibilità intuitiva che, arricchendo la professionalità, ci sappia informare dei vissuti della persona e sugli approcci che essa desidera. Tutto questo implica la spogliazione dalle nostre stesse aspettative per lasciare spazio ai vissuti e il non scambiare le nostre inquietudini e schermaglie per quelle dei nostri assistiti, spesse volte loro intuiscono ma la negazione istituzionale dell espressione totale di sé blocca il fluire della propria forza o della 50 Prima del passaggio alla formazione universitaria infatti il ruolo di ostetrica si acquisiva come specializzazione di quello infermieristico. 51 A. Marriner-Tomey, I teorici del nursing e le loro teorie, Mc Graw-Hill, Milano, 1996, p

20 propria debolezza, esperienze ugualmente importanti, sia per l operatore che per i suoi assistiti, per ristabilire il contatto con ciò che si è e, parallelamente, per superare quei limiti che davvero vale la pena di superare: quelli delle proprie paure e ipocrisie. È un invito a «giocare sull orlo di un precipizio» 52 che ci faccia uscire dalla nostra stessa comoda incoscienza, per riscoprire il senso antropologico dell assistenza, per scoprire che il vero superamento del limite non risiede in un evoluzione tecnica che rimandi indefinitamente i problemi ma nell entrare in contatto con quello che i nostri assistiti hanno da insegnarci. Lungo l orlo del precipizio si possono scorgere profondità inimmaginabili dalla comoda, sicura ma piatta pianura; certamente è necessario un grande equilibrio per muoversi lungo il limite, sarà facile scivolare, ma forse vale la pena di correre il rischio per restituire ad ognuno i suoi vissuti. 52 F. Battiato, Ferro battuto, Bist du bei mir,

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

Le Cure Palliative tra filosofia antica e medicina moderna 9 marzo 2012, USI, Lugano. Strategia cantonale: la risposta ticinese

Le Cure Palliative tra filosofia antica e medicina moderna 9 marzo 2012, USI, Lugano. Strategia cantonale: la risposta ticinese Paolo Beltraminelli Dipartimento della sanità e della socialità Le Cure Palliative tra filosofia antica e medicina moderna 9 marzo 2012, USI, Lugano Strategia cantonale: la risposta ticinese Signor direttore

Dettagli

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Il Counselling nella fase avanzata di malattia Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Spunti di riflessione 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 2 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 3 La partenza è nel Codice Deontologico

Dettagli

4.3 Ultima fase: lo scioglimento

4.3 Ultima fase: lo scioglimento 4.3 Ultima fase: lo scioglimento È poco usuale pensare la fine delle relazioni. Ma, se la relazione educativa è un processo, e un processo affettivo, ha una fine che sancisce delle acquisizioni, degli

Dettagli

Le manifestazioni del dolore

Le manifestazioni del dolore Le manifestazioni del dolore Riconoscere la sofferenza Dirigente Assistenza Infermieristica Annamaria Marzi Infermiera Professionale Rosanna Sassi Hospice Casa Madonna dell Uliveto Albinea -Reggio Emilia

Dettagli

Il suicidio nei luoghi di cura e di assistenza Parte 2

Il suicidio nei luoghi di cura e di assistenza Parte 2 IL SUICIDIO NELL'ANZIANO: CARICO DI DOLORE ANGOSCIA E FRAGILITA Sala Madrid - 29 Novembre 2013 Il suicidio nei luoghi di cura e di assistenza Parte 2 Evelina Bianchi Vicenza Abbiamo una ipotesi utile a

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Fabio Efficace Psicologo-Associazione Medica Italiana per lo Studio dell ipnosi INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria, n 38-39, settembre

Dettagli

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013 Le Cure Palliative Dr.ssa M.Grazia Rusconi UniTre 2013 DEFINIZIONE L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce le Cure Palliative come la cura totale prestata alla persona affetta da una malattia

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

Bastianoni P., Panizza P. (2013). Un sguardo al cielo. Elaborare il lutto. Carocci Editore, Roma.

Bastianoni P., Panizza P. (2013). Un sguardo al cielo. Elaborare il lutto. Carocci Editore, Roma. Aggiornamento 21.03.15 Andolfi M. D Elia A. (2007). Le perdite e le risorse della famiglia. Raffaello Cortina Editore, Milano. Il volume si rivolge principalmente ai professionisti che lavorano con le

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione?

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? La diagnosi di cancro: Si configura come evento critico che minaccia l individuo ed interferisce con le dimensioni su cui si articola la vita: fisica,

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI anno scolastico 2009/2010. Comune di Curtatone

PROPOSTA PROGETTUALE SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI anno scolastico 2009/2010. Comune di Curtatone PROPOSTA PROGETTUALE SERVIZI EDUCATIVI EXTRASCOLASTICI anno scolastico 2009/2010 Comune di Curtatone 1 AMBITO DI INTERVENTO: Promozione della salute a scuola e in famiglia PREMESSA Partendo dal presupposto

Dettagli

L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia

L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia Il Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia contribuisce al dibattito sulla tematica della

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE 1 2 PROPORZIONALITÀ DELLE CURE Principio della proporzionalità delle cure: si deve intervenire sul paziente tanto quanto serve alla sua salute, né più né meno. Ciò si valuta nella totalità della persona

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

ACCOMPAGNAMENTO ETICO E CONOSCENZA

ACCOMPAGNAMENTO ETICO E CONOSCENZA La cura del malato morente è un argomento strettamente legato all evento più importante della vita: la morte. Evento che riguarda tutti gli uomini indistintamente e ne investe tutti gli aspetti dell esistenza:

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 Etica delle cure palliative in oncologia S Miniato 19/10/13 La morte affronto clinico? Per l uomo l delle culture passate, la morte aveva la forma di

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

L OPERATORE TRA PREVENZIONE E FALLIMENTI

L OPERATORE TRA PREVENZIONE E FALLIMENTI IL SUICIDIO NELL'ANZIANO: CARICO DI DOLORE ANGOSCIA E FRAGILITA' Sala Madrid 29 Novembre 2013 L OPERATORE TRA PREVENZIONE E FALLIMENTI eve Itala Orlando italaorlando@libero.it Gruppo di Studio SIGG La

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID

SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID Sessione Parallela LA CURA SI FA OPERA SERVIZIO DI ONCOLOGIA ED EMATOLOGIA PEDIATRICA, OSPEDALE MONTEPRINCIPE MADRID Blanca Lopez-Ibor Dir. Unidad de Hematologia-Oncologia Pediatrica, Hosp. Monteprincipe

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

L accompagnamento alla morte: la morte nella società moderna. Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009

L accompagnamento alla morte: la morte nella società moderna. Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 L accompagnamento alla morte: la morte nella società moderna Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati Gorgonzola, 2009 1 La morte nella società moderna Poche

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Malattia e morte di un fratello

Malattia e morte di un fratello Malattia e morte di un fratello Prof. Tonino Cantelmi Presidente AIPPC Dr.ssa Marta Paniccia Psicoterapeuta familiare (SCINT Istituto per la Ricerca in Psicoterapia Cognitivo Interpersonale e Accademia

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

LA VICINANZA NELLE ORE DIFFICILI DELLA VITA: il dolore, la sofferenza e la morte di una persona cara. SCUOLA DI PASTORALE 2013 Diocesi di Como

LA VICINANZA NELLE ORE DIFFICILI DELLA VITA: il dolore, la sofferenza e la morte di una persona cara. SCUOLA DI PASTORALE 2013 Diocesi di Como LA VICINANZA NELLE ORE DIFFICILI DELLA VITA: il dolore, la sofferenza e la morte di una persona cara SCUOLA DI PASTORALE 2013 Diocesi di Como LA MORTE DI UNA PERSONA CARA PASSAGGIO ALL ALTRA RIVA Il malato

Dettagli

Centro di riferimento regionale SLA. La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate.

Centro di riferimento regionale SLA. La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate. Centro di riferimento regionale SLA La rete SLA. Tra doveri del medico e diritti delle persone ammalate. Sono in PS dell ospedale, l ambulanza mi ha portato qui, mio padre non vuole fare la tracheostomia,

Dettagli

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale Dr. Miriam Sabatini Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria Quando muore un neonato: Eccessivo coinvolgimento e senso di responsabilità dei

Dettagli

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute Diocesi di Rieti La Pastorale della Salute Che cos è la Pastorale della Salute? Con Pastorale si intende l azione multiforme della comunità cristiana dentro le concrete situazioni della vita. La Pastorale

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI? Federazione CONVEGNO NAZIONALE 2006 San Giovanni Rotondo 18-19 novembre 2006 Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta 4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta Definendo lo sviluppo come un concetto dinamico, implicante trasformazioni qualitative più che quantitative della società, allora lo studio del

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Le Cure Palliative in Medicina Generale L etica dell accompagnamento

Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Le Cure Palliative in Medicina Generale L etica dell accompagnamento Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Le Cure Palliative in Medicina Generale L etica dell accompagnamento Arezzo, 18 marzo 2006 Ordine dei Medici, Viale Giotto 134 Dott.

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

E QUINDI SANZIONABILE.

E QUINDI SANZIONABILE. Il codice deontologico tra continuità e innovazione Inf. Plebani Simona Segretario Collegio IPASVI Bergamo Significato di deontologia Il termine coniato da J. Bentham nel 1834 deriva da to deon Indica

Dettagli

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA Sofia Tavella DIVERSAMENTE SANI ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA I IF Press Copyright 2012 by IF Press srl IF Press srl Ctr. La Murata, 49-03017 Morolo (FR) info@if-press.com - www.if-press.com ISBN 978-88-95565-81-1

Dettagli

18/04/2011 L ASL CN 1 IL DISEGNO DELLO STUDIO 396 MEDICI. 203 esclusi per scarsa attinenza alla problematica esaminata. 193 Questionari distribuiti

18/04/2011 L ASL CN 1 IL DISEGNO DELLO STUDIO 396 MEDICI. 203 esclusi per scarsa attinenza alla problematica esaminata. 193 Questionari distribuiti LA VERITA AL MALATO Indagine tra i medici ospedalieri dell ASL CN 1 Dr. Ciravegna Giovanni FACOLTA TEOLOGICA DELL ITALIA SETTENTRIONALE Sezione parallela di Torino Biennio di specializzazione in Teologia

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute Questo opuscolo è il frutto del dialogo che il Centro Regionale Trapianti della Sicilia ha avuto negli anni con molti

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI Maggio 1999 I DOVERI DEGLI INFERMIERI SONO I DIRITTI DEI CITTADINI Articolo 1 PREMESSA 1.1. L infermiere è l operatore sanitario che, in possesso del diploma abilitante

Dettagli

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile.

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile. I TRAPIANTI Diversamente dall eutanasia, il tema dei trapianti ha una storia più recente. Esso è anzi legato alle prospettive aperte dalla cultura medica nella nostra contemporaneità. Oggi è possibile

Dettagli

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a come debba andare il mondo. In continuità con quel che

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

L esperienza di ATTACCAMENTO contiene le idee di: SICUREZZA, ORDINE, SOSTEGNO, FIDUCIA.

L esperienza di ATTACCAMENTO contiene le idee di: SICUREZZA, ORDINE, SOSTEGNO, FIDUCIA. L esperienza di ATTACCAMENTO contiene le idee di: SICUREZZA, ORDINE, SOSTEGNO, FIDUCIA. 1 IL LEGAME DI ATTACCAMENTO Vieni a giocare con me dice il piccolo principe alla volpe Non posso non sono addomesticata

Dettagli

Alberto Bondolfi Università di Ginevra

Alberto Bondolfi Università di Ginevra Invecchiare ieri, oggi e domani: la condizione anziana di fronte alle sfide della medicina e della biologia contemporanee. Alcune considerazioni etiche Alberto Bondolfi Università di Ginevra Oggi si parla

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA. Aosta, 28 gennaio 2015

LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA. Aosta, 28 gennaio 2015 LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA Aosta, 28 gennaio 2015 Dott.ssa Elvira Venturella Dott.ssa Meri Madeo NUCLEO PSICOLOGICO EMERGENZA Il NPE, servizio di Guardia Attiva

Dettagli

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE?

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? Legittimati a ricorrere al Giudice Tutelare, cioè le persone che possono richiedere al giudice l eventuale apertura di un procedimento di amministrazione di sostegno,

Dettagli

Verso nuovi orizzonti della scuola

Verso nuovi orizzonti della scuola Verso nuovi orizzonti della scuola a cura di Antonia Tordella 1 Con la pubblicazione del documento La Buona Scuola, elaborato dal Ministero della Pubblica Istruzione nel settembre del 2014, si è dato vita

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma.

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma. vori in Corso per l Autoriforma. Gli Osservatori sulla, prove tecniche di Democrazia Amministrativa 1 Luca Minniti * *Giudice del Tribunale di Firenze Questo intervento è stato inviato prima dell assemblea

Dettagli

Presentazione Mai Soli.

Presentazione Mai Soli. Presentazione Mai Soli. Libretto per genitori in Oncoematologia Pediatrica presso la Sede della Fondazione Cassa di Risparmio Di Ferrara Via Cairoli, 13 - Ferrara Rassegna Stampa Associazione di Volontariato

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI

Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE DEGLI ACRONIMI RICORRENTI AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MILANO 3 AL S 3 MONZA Organismo di coordinamento per la salute mentale Procedura per gli ACCERTAMENTI E I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI TAVOLA DI ESPLICITAZIONE

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi Cari Presidenti, le prossime elezioni per il rinnovo del Comitato Centrale coincidono con la conclusione della mia esperienza

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Adriano Pessina. Aborto dopo la nascita? Confutazione di una tesi filosofica che equipara aborto a infanticidio.

Adriano Pessina. Aborto dopo la nascita? Confutazione di una tesi filosofica che equipara aborto a infanticidio. Adriano Pessina Aborto dopo la nascita? Confutazione di una tesi filosofica che equipara aborto a infanticidio. Premessa: questo testo intende analizzare e confutare alcune tesi proposte nell articolo

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006 Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella separazione Bologna 1 e 2 dicembre 2006 - Mediatore familiare e Avvocato: il Protocollo d intesa di Reggio Emilia

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative pp. 128, 16,00 - e-book 14,00 Cod. 1370.45 Collana:

Dettagli

Margine d azione d malato ed il suo bisogno di cure

Margine d azione d malato ed il suo bisogno di cure Margine d azione d tra l autonomia l del malato ed il suo bisogno di cure Le dichiarazioni anticipate di trattamento nelle cure palliative: problema o risorsa? Vipiteno-Sterzing 29 ottobre 2005 Giovanni

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

TESTAMENTO BIOLOGICO

TESTAMENTO BIOLOGICO GRUPPOGIOVANILE CHIESA CRISTIANA EVANGELICA ADI, Torino via spalato 9\b TESTAMENTO BIOLOGICO DEFINIZIONI 1 EUTANASIA: qualsiasi atto compiuto da medici o da altri, avente come fine quello di accelerare

Dettagli

LA SEDAZIONE NEL MALATO TERMINALE

LA SEDAZIONE NEL MALATO TERMINALE LA SEDAZIONE NEL MALATO TERMINALE Ai Confini della Vita - Prof. Morino 1 IL CONTESTO 15% dolori incoercibili 10% difficoltà respiratoria con previsione di morte imminente per soffocamento Agitazione -

Dettagli