DI IERI E DI OGGI * studi e ricerche. a medicina del Novecento si era sostanzialmente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DI IERI E DI OGGI * studi e ricerche. a medicina del Novecento si era sostanzialmente"

Transcript

1 studi e ricerche L a medicina del Novecento si era sostanzialmente dimenticata della geografia medica e del suo non indifferente bagaglio di dottrina. Quel corpo di studi era stato costruito durante l'ottocento e aveva goduto di una buona attenzione tra i medici dell'epoca, ma la sua fortuna era declinata molto presto. Lo stesso nome non ci era piuá familiare. Il nuovo secolo, invece, sembra intenzionato a riconsiderare qualcuno di quei tradizionali ammaestramenti e se ne scorgono giaá i segni in autorevoli sedi, come diremo tra poco. La geografia medica nel Novecento ha occupato un piccolo spazio di cultura che eá stato certamente poco frequentato proprio dai medici. Nel 1932, nel volume XVI dell'enciclopedia italiana, alla voce Geografia ci si limitava a ricordare una geografia medica intesa come lo studio della distribuzione geografica dei fatti morbosi, che ha importanza notevole nell'indagine sul sorgere e sul propagarsi delle malattie, legate certamente a condizioni di suolo e di clima. GiaÁ allora, evidentemente, molti di quegli interessi scientifici erano transitati nel dominio di altre aree culturali. Cosimo Palagiano, infatti, sostiene oggi che la geografia medica eá una disciplina geografica, che fa parte del complesso ambito scientifico della geografia e che pertanto, come tale, ``non gode di una propria autonomia, anche se l'argomento principale di studio eá la distribuzione delle malattie e le cause di questa distribuzione. Come disciplina geografica si basa sullo studio degli ambienti e delle interrelazioni che vi si stabiliscono, e come disciplina medica considera in primo piano le malattie, la loro distribuzione, le loro possibili cause e i sistemi sanitari''. La scarsa familiaritaá dei medici del nostro tempo con il nome della geografia medica eá comunque ben giustificato, se il Ferrio, in uno dei piuá noti dizionari italiani di terminologia, lo ignora e preferisce la definizione di ``geomedicina: medicina geografica ossia un ramo di scienza che indaga le condizioni fisiche di una regione nella loro influenza sulla vita e sulla salute dell'uomo e degli animali''. Del resto, se LA GEOGRAFIA MEDICA DI IERI E DI OGGI * Dopo quasi un secolo di oblio, che dal primo Novecento ha visto il pressocheâ totale abbandono della cosiddetta `geografia medica', soppiantata dal nuovo corso delle scienze sperimentali e delle ricerche di laboratorio, si prospetta oggi un rinnovato interesse per questo filone medico, che soprattutto verso la metaá dell'ottocento godette di un vasto e diffuso interesse. Giuseppe Armocida ** * Relazione presentata al 43ë Convegno nazionale dell'associazione italiana insegnanti di geografia, Varese, agosto Nell'occasione, l'autore ha portato ai convegnisti il saluto ufficiale del rettore dell'universitaá dell'insubria Renzo Dionigi e, in qualitaá di assessore alla Cultura del Comune di Varese, il saluto del sindaco Aldo Fumagalli. ** Professore di prima fascia di Storia della medicina all'universitaá degli studi dell'insubria. LOMBARDIA NORD-OVEST 23 2/2001

2 L'opera dell'anatomista e chirurgo Vincenzo Giacinto Malacarne ( ), edita a Torino nel siamo convinti del valore di un rapporto definizione-testimonianza e della forza di asseverazione del dizionario che assolve a una funzione dialettica e conferisce al termine l'autenticitaá accettata, dobbiamo notare che persino nel vastissimo patrimonio lessicale del Grande dizionario della lingua italiana, di Salvatore Battaglia, la geografia medica eá ignorata anche nella semplice distinzione dei molti significati d'impiego della voce Geografia e delle sue trasmigrazioni tra ambiti culturali e tecnici diversi, mentre non mancano le diverse geografie: biologica, fisica, matematica, umana o antropica e via dicendo. Oggi si puoá discutere dell'approssimazione o della provvisorietaá dei significati, ma la storia recente della medicina ci mostra come si siano trasformate certe definizioni che nel frattempo hanno preso maggiore importanza, non solo nella clinica militante ma anche in ambito accademico. Quando la geografia medica aveva iniziato a presentarsi con una propria dimensione tra i campi di studio della medicina, nella prima metaá dell'ottocento, aspirando ad affermare la sua esistenza come disciplina autonoma, riconosceva in tradizionali e autorevoli ammaestramenti il suo fondamento. Come ben sappiamo, i fattori geografici che presiedono allo stato di salute di uomini e animali erano stati individuati razionalmente giaá dall'antichitaá. I problemi dell'influenza diretta e indiretta del clima, delle caratteristiche del suolo e delle condizioni idrogeologiche sulla costituzione fisica dell'organismo vivente e sui fattori che regolano salute e malattia si erano sempre intrecciati con quelli dell'intermediazione degli elementi biologici, della flora e della fauna in quanto fonti di alimentazione, ovvero con i tanti fatti dell'organizzazione sociale. Alla interpretazione degli insegnamenti classici si era poi aggiunta la forza delle conoscenze che venivano in Occidente dalle esplorazioni geografiche dell'etaá moderna e dalle espansioni coloniali. Nella rivoluzione ottocentesca delle conoscenze scientifiche, anche lo sguardo rinnovato alle realtaá patologiche di differenti aree del mondo ebbe un ruolo notevole al servizio dell'aggiornamento medico. Il corpo dottrinario si alimentoá ulteriormente nel filone fiorente dei viaggi medici, i cui resoconti si presentavano spesso come veri trattati costruiti e pubblicati dentro i confini di questi interessi specifici, attenti ai fattori climatologici, alimentari, epidemiologici. Questi studi si erano venuti delineando proprio con le etichette inequivocabili di geografia medica, di topografia medica o di geografia patologica e avevano raggiunto la maggiore affermazione nel periodo di rivoluzione concettuale dello statuto fondamentale della medicina, quando si trasformavano i modelli scientifico-biologici. Nel momento stesso in cui il corpo di studi della geografia medica sembrava consolidarsi, nella seconda metaá dell'ottocento, un nuovo corso della ricerca scientifica in medicina determinoá dei notevoli cambiamenti anche in questo settore. La scoperta degli agenti responsabili delle malattie infettive e dei loro modi di trasmissione tolse importanza ai fattori climatici e alle costituzioni epidemiche dei luoghi, che ave- 2/ LOMBARDIA NORD-OVEST

3 I frontespizi dei volumi di Francesco Tantini, pubblicato nel 1830, e di Lodovico Balardini, autore di successivi studi sulla pellagra e sul colera. vano dominato in passato le dottrine mediche. Con gli studi di laboratorio e i successi della teoria microbica gli scienziati si riconoscevano sempre meno nella dimensione culturale di una topografia patologica e medica. Cresceva l'importanza di una nuova dimensione dell'igiene, profondamente rinnovata nella sua stessa impostazione dottrinale e si affermavano le competenze teoriche e pratiche della medicina coloniale, della medicina tropicale e della batteriologia. I medici si entusiasmarono per le scoperte che trasformavano il loro modo di pensare e di agire, si affidarono a queste nuove definizioni specialistiche e caloá il silenzio sul nome stesso della geografia medica che uscõá sostanzialmente di scena. Tuttavia lo studio dell'ecologia delle malattie non cessoá di essere considerato di interesse per i geografi e per altri specialisti. Una geografia che prendeva a oggetto l'ecologia dei quadri patologici procedeva a fianco di un altro filone che si interessava della distribuzione delle strutture sanitarie. Si eá detto che, in un certo senso, la geografia delle strutture sanitarie divenne cosõá importante da prevalere infine su quella della distribuzione delle malattie. Gli studi di una geografia della morbilitaá e della mortalitaá, peroá, non sono mai cessati, nemmeno negli interessi della parte piuá riflessiva della ricerca e della clinica. Se la geografia medica trova oggi una ospitale e piuá sicura accoglienza tra le discipline geografiche, anche nella letteratura medica si coglie un certo rinnovarsi di attenzione. GiaÁ una dozzina di anni fa, due colonne nell'enciclopedia del Novecento, alla voce MorbilitaÁ redatta da uno storico della medicina, Mirko Grmek, riecheggiando l'ottocentesca geografia patologica, intendevano giustificare ancora l'esistenza di una disciplina particolare, la patologia geografica come quella branca speciale della geografia medica destinata a occuparsi specialmente della distribuzione mondiale delle malattie e delle caratteristiche regionali dei processi patologici. Del tutto recentemente, nell'appendice 2000 dell'enciclopedia Italiana, alla voce che tratta delle malattie, redatta da Maurizio LOMBARDIA NORD-OVEST 25 2/2001

4 Iaccarino e da Edoardo Joerge Patriarca, si leggono le visioni piuá aggiornate sul problema. Ci accorgiamo cosõá che, oggi, quando studiamo tutti gli elementi che favoriscono l'emergere di nuove malattie o il prepotente ripresentarsi di antiche, torniamo quasi a ripercorrere certe strade proposte dalla ormai dimenticata trattatistica di geografia medica di etaá prebatteriologica. In chiave rinnovata, infatti, ci si sofferma a considerare i pericoli dei viaggi e degli spostamenti di popolazioni; l'insicurezza della produzione, della manipolazione e della distribuzione degli alimenti, con tecnologie di preparazione non sempre applicate in modo giusto e controllato; l'importante influenza delle variazioni ambientali e degli inquinamenti sulla salute; la suscettibilitaá delle popolazioni e i diversi fattori che la influenzano. Anche se il nome resta poco familiare al medico di oggi, eá opportuno ricordare che il corpo dottrinale e i metodi della geografia medica hanno attraversato un periodo di non effimera presenza nella medicina del XIX secolo, con una importanza confermata dalla bibliografia di Alphonse Pauly, che elencava in oltre cento pagine i titoli di geâographie meâdicale suddivisi in tre sezioni: geâneâraliteâs, topographies meâdicales e endeâmies. Lavori di corografia e di topografia medica regionale, che avevano come oggetto di maggiore attenzione i quadri patologici presenti o prevalenti nei territori considerati, non erano mancati in Italia giaá nel XVIII secolo. Pierre Thouvenel nella prefazione alla sua opera Traite sur le climat de l'italie consideâreâ sous ses rapports physiques, meâteâorologiques et meâdicinaux, stampata a Verona nel , la annunciava come il primo libro che avesse trattato del clima italiano in chiave scientifica moderna. Ma in realtaá erano giaá state pubblicate diverse memorie sulla topografia medica di singole cittaá della penisola. Fioriva in particolare il fenomeno delle acque minerali e delle cittaá d'acque come speciali luoghi di cura, che presentava non pochi punti di contatto con le sensibilitaá aggiornate per le caratteristiche climatiche. Questo grande capitolo ebbe notevole sviluppo proprio nella prima metaá dell'ottocento, quando la medicina si conduceva a una rinnovata attenzione alle diverse qualitaá delle acque e al loro utilizzo. Tante malattie sembravano poter trarre giovamento dalle cure con i bagni e si presentavano nuove teorie dell'uso dei metodi idroterapici, con descrizioni di bagni e di sorgenti di acque minerali di ogni parte d'europa. L'importanza dei fattori del clima, la cui conoscenza aveva accompagnato tutto il lungo percorso delle dottrine mediche nei secoli, in quel periodo era vista e interpretata in rapporto con le nuove facilitaá del viaggiare e del trasferirsi con minore fatica in paesi lontani anche per ragioni di salute. Possiamo ricordare, tra i diversi esempi, le molte osservazioni sugli effetti del clima caldo nella tisi e in alcune altre malattie che angustiavano le popolazioni di allora. In quelle pagine si intrecciavano le comuni interpretazioni dell'epoca, come la scelta delle localitaá migliori e piuá convenienti cui indirizzare i malati inglesi e dell'europa settentrionale, tra Portogallo, Spagna, Francia meridionale e Italia, per la cura delle affezioni polmonari nei loro stadi iniziali e di altre malattie, insieme alle tante cautele che sempre si raccomandavano. Si pubblicarono diversi articoli e volumi sulla favorevole influenza del clima nel prevenire e nel curare le malattie croniche, specialmente delle vie respiratorie, con dettagliate informazioni sui principali luoghi climatici e sulle loro caratteristiche di cura. La giaá citata bibliografia di Pauly ricorda molti lavori interessanti la geografia medica di ogni parte del mondo e i contributi di topografia sanitaria di cittaá e regioni italiane risultano veramente numerosi, trattando di localitaá grandi e piccole. Tra gli autori di questi lavori, accanto a quelli di vere celebritaá scientifiche dell'epoca, si trovano nomi del tutto secondari o sconosciuti, segnale di un forte e diffuso interesse per questo genere di studi nella classe medica. Del resto sappiamo che una circolare del ministero dell'interno ai prefetti del Regno nel settembre 1870 elencava, tra gli obblighi di ogni ufficiale sanitario, anche quello di ``compi- 2/ LOMBARDIA NORD-OVEST

5 Carta climatologica dell'italia, in Giacomo Barzellotti, Avvisi agli stranieri che amano di viaggiare in Italia o dimorarvi per conservare o recuperare la salute, Vincenzo Batelli e Figli, Firenze, lare la statistica medica del suo distretto e dentro i primi due anni di residenza la topografia medica del medesimo'', da trasmettere al Consiglio provinciale di sanitaá. Anche a motivo di cioá si ebbe in Italia un certo fiorire di lavori a stampa sulla topografia medica di localitaá maggiori e minori, frutto spesso della fatica di medici condotti e ufficiali sanitari diligenti, per lo piuá dimenticati. Uno di essi, Gisberto Ferretti, medico condotto e direttore sanitario dello stabilimento balneario a Castrocaro, nel 1873 scriveva: ``tenuto anche conto degli ottimi e ragionati lavori statistici fatti in questi ultimi anni da illustri sanitari di alcune nostre cittaá, pure si comprende essere gli studi di tal genere fin ora insufficienti a dare della Geografia medica d'italia un'esatta idea, la quale non puoá formarsi che dall'insieme di molte Topografie fatte, direi quasi, da ciascun medico pel tratto di territorio sul quale esercita la sua professione''. Uno sguardo retrospettivo che tenga conto delle alterne oscillazioni di fortuna incontrate dagli esperti nello sforzo di ordinare queste conoscenze in una dimensione di organizzata specializzazione, peroá, ci permette di affermare che forse non eá mai sorto un settore di professionisti raggruppati sotto questo nome all'interno della medicina. Anche l'accoglimento della disciplina nella didattica universitaria del tempo fu veramente fugace. Nel piano di studi della facoltaá medica di Berlino, nel 1869, all'ottavo semestre si prevedeva un corso di Geschichte LOMBARDIA NORD-OVEST 27 2/2001

6 Il frontespizio del volume del noto psichiatra e antropologo Cesare Lombroso, opera che fu tra le fonti della legislazione sanitaria italiana, e la copertina della Topografia medica di Gisberto Ferretti. und Geographie der Krankheiten, ma risulta difficile trovarne traccia in altre sedi e in altre nazioni. Emil L.T. Isensee, autore degli Elementa nova geographiae et statistices medicinalis, apparsi nel 1833, aveva tenuto a Berlino un insegnamento denominato `Viaggi medici', all'interno del corso di Patologia e terapia generale e speciale. Proprio dalla letteratura dei viaggi di istruzione e di osservazioni mediche sappiamo che alla metaá dell'ottocento molte opere dedicate alla geografia medica erano lette con una certa attenzione critica. Nello stesso tempo gli studi di geografia medica o di geografia patologica, con una certa autonomia di campo rispetto al contemporaneo crescere degli studi etnologici, etnografici e piuá tardi antropogeografici, si applicavano soprattutto alle problematiche dell'igiene in etaá pre-batteriologica, esprimendo direttamente anche l'attenzione della medicina alle notevoli questioni sanitarie che i paesi europei dovevano allora affrontare nella espansione politica, economica e militare verso gli altri continenti. Un impulso tra i maggiori era stato dato dal francese Jean Boudin che aveva dimostrato costante interesse per i temi dell'igiene e dell'epidemiologia, applicati soprattutto alle problematiche delle guerre e dell'espansione coloniale. Questi interessi coinvolsero scienziati di primo piano del mondo medico e accademico italiano, come l'igienista Giuseppe Sormani che aveva elaborato nel 1881 una Geografia nosologica d'italia o come Cesare Lombroso, autore di un interessante saggio per una Geografia medica d'italia, pubblicato a Milano nel Saldamente legati allo strumento della statistica, indispensabile scienza ausiliaria della medicina, questi autori proponevano una geografia dell'i- 2/ LOMBARDIA NORD-OVEST

7 Il frontespizio dell'opera di Alphonse Pauly e la prima pagina della sezione dedicata alla geografia medica. giene collegata ai dati delle nosografie regionali, spesso con l'ausilio del metodo storico. Dialogando con la geistica, l'atmosferologia, la fitologia e la zoologia, ci si dedicava agli studi climatologici e antropologici, dimostrandosi attenti ai fatti della patologia e alla pratica della medicina. La generalitaá degli argomenti della geografia medica si sovrapponeva allora al corpo dottrinario dell'igiene e della nuova medicina coloniale che si andava irrobustendo e si sarebbe piuá tardi costituta in aggregazioni scientifiche di notevole interesse. Si puoá anche ricordare che il lavoro scientifico della geografia medica ottocentesca era stato accompagnato da un corredo ben nutrito di rappresentazioni cartografiche che hanno assolto il compito di riassumere graficamente le informazioni sulla distribuzione della morbilitaá nel mondo, mostrando con immediatezza visiva le differenze della frequenza e della natura delle malattie nelle diverse regioni della terra e di tanti altri parametri interessanti la medicina, quali la distribuzione delle risorse e delle strutture sanitarie. Le nuove tecniche di stampa avevano favorito una sempre maggiore produzione di rappresentazioni grafiche che facilitarono lo sviluppo delle conoscenze epidemiologiche o delle strategie difensive e curative. Oggetto di quegli sforzi furono i segni dei percorsi delle migrazioni di epidemie devastanti, talora lente e talora veloci o velocissime. Ma si rappresentarono in carte geografiche anche le distribuzioni delle presenze endemiche, da quelle piuá diffuse, come la malaria, la pellagra, la tubercolosi, a quelle piuá circoscritte, come la febbre gialla o i persistenti focolai di peste in certe regioni del mondo. Si costruirono anche mappe di localizzazione di malattie piuá rare che segnavano, con LOMBARDIA NORD-OVEST 29 2/2001

8 Il frontespizio dell'atlante di Enrico Raseri, opera corredata da numerosi grafici e carte geografiche d'italia illustranti i vari indici di natalitaá, mortalitaá, morbilitaá ecc. maggiore o minore gravitaá, territori di limitata ampiezza e di quadri patologici che trovavano riscontri sovrapponibili o anche solo echi sintomatologici inaspettati in altre lontane regioni. Per la terminologia, le abbreviazioni e i segni convenzionali si ricorreva alle forme generiche della geografia, ma si comprendeva anche l'uso di espressioni proprie del linguaggio medico. In area italiana una delle opere piuá significative, per la ricchezza dell'apparato cartografico, fu rappresentata nel 1906 dal grande Atlante di demografia e geografia medica d'italia di Enrico Raseri. In settantotto tavole si cercoá di dare un'efficace e immediata dimostrazione dei vari fattori demografici, di morbilitaá e di mortalitaá, presi in considerazione. Il volume, che nelle intenzioni dell'autore era destinato specialmente agli ufficiali sanitari, congiungeva i metodi della statistica con un accurato lavoro di rappresentazioni grafiche che comprendevano diagrammi statistici, lineari e areali, insieme a cartogrammi che erano frutto dell'applicazione dei diagrammi statistici alle carte geografiche. Ci puoá guidare alla comprensione di questi intrecci anche il catalogo di un trentennio di acquisizioni della biblioteca della SocietaÁ geografica italiana, che nel 1903, nelle colonne dedicate alla `geografia medica' in generale, elenca diversi titoli comprendenti studi di pertinenza dell'igiene, dell'epidemiologia e della medicina tropicale. Non puoá passare inosservato l'incamminarsi degli studi anche verso settori molto particolari come quello esplorato da Giuseppe Orano, in una analisi statistico-sociale ossequiente al modello positivista dominante, che tentava addirittura di correlare i fattori della criminalitaá con quelli del clima. Anche i grandi problemi sociali e politici del tempo, come l'emigrazione e l'espansione coloniale delle potenze europee, trovarono un loro speciale nutrimento in quelle idee che riecheggiavano nelle frasi di Paolo Mantegazza: ``Il cambiar clima guarisce molti mali, cosõá come l'emigrazione purga e guarisce molte nazioni. Povero quel paese che non abbia una terra lontana e quasi sua, dove possano trapiantarsi i violenti e gli impazienti; dove possano errare le comete della societaá civile; dove possano guarirvi gli ammalati nel sangue o nel cervello''. I quadri patologici trovavano stretto legame con la costituzione ambientale dei luoghi e si era sempre saputo che molteplici fattori governavano la salute e la malattia dell'uomo. Ma la `prospettiva ecologica' che discendeva direttamente dal pensiero dell'antichitaá si dovette confrontare, nella seconda metaá dell'ottocento, con le nuove idee della medicina sperimentale che imbriglioá il modello di pensiero dei medici. La teoria dei germi fece modificare del tutto le chiavi interpretative dell'epidemiologia. A un certo momento il filone di studi della geografia medica avvertõá quasi un problema di stasi scientifica, se Castelnuovo, nella prefazione a un suo saggio ancora perfettamente inserito in quella dimensione di cultura, si esprimeva nel 1865 con un'osservazione di questo tenore: ``La medica geografia, quantunque abbia fatto un gran passo [...] tuttavolta nessuno potrebbe esitare a dirla ora stazionaria''. L'autore ci porta direttamente nella prospettiva d'epoca: ``se d'altronde le malattie solite ad osservarsi in un medesimo paese d'europa, possono trarre in errore medici provetti [...] se eá pur vero che il libro della natura piuá che la pagina dell'uomo ammaestri, resteraá del pari positivo che tutte le opere di geografia medica, non escluse le migliori, qual piuá, qual meno, racchiudono imperfezioni''. La geografia medica si era sviluppata nel 2/ LOMBARDIA NORD-OVEST

9 XIX secolo, all'interno della cultura dei medici di etaá pre-batteriologica e, come abbiamo brevemente visto, giaá all'inizio del Novecento aveva lasciato il posto ai nuovi aggiornati e potenti ambiti specialistici, governati dalla forza delle scienze sperimentali. Negli ultimi cento anni l'espansione straordinaria delle tecnologie e i progressi delle conoscenze fisico-chimiche hanno determinato un rinnovamento profondo nel dominio delle scienze della vita. Gli entusiasmi di una medicina che un cinquantennio fa sembrava in grado di dominare efficacemente le malattie infettive si sono peroá poi ridimensionati nel confronto con il persistere di tante patologie endemiche ed epidemiche in varie parti del mondo e con la loro capacitaá di riemergere anche dopo lunghi periodi di latenza, nonostante la diffusione di disinfettanti e di antibiotici. Oggi, mentre entriamo nel nuovo secolo, delle novitaá sorprendenti ci segnalano una incipiente ulteriore rivoluzione del pensiero medico. Il vecchio patrimonio della geografia medica, attualmente, non costituisce solo una fonte di indiscutibile interesse per la storia della medicina, percheâ puoá ancora aiutare con i suoi insegnamenti a indirizzare correttamente il pensiero del clinico. BIBLIOGRAFIA Armocida G., Le affermazioni della geografia medica del XIX secolo, ``Geografia'', XXII, 1999, 1-2, pp Armocida G., Dottrine e strumenti cartografici della geografia medica dell'ottocento, in Dall'uomo al satellite, a cura di C. Morando, Franco Angeli, Milano, 2001, pp Castelnuovo G., Osservazioni medico-fisiche sul clima e sugli abitanti di Tunisi e d'altre parti d'africa, ``Annali Universali delle Scienze e dell'industria'', Ferretti G., Topografia medica del comune di Terra del Sole e Castrocaro in provincia di Firenze, Eredi Botta, Torino, Ferrio L., Terminologia medica, Utet, Torino, Henschen F., The history and geography of diseases, Delacorte Press, New York, Howe M., World geography of human diseases, Academic Press, London-New York, Lombroso C., Studi per una geografia medica d'italia, Chiusi, Milano, Mantegazza P., Rio de La Plata e Tenerife. Viaggi e studj, G. Brigola, Milano, Orano G., La criminalitaá nelle sue relazioni col clima. Studio statistico-sociale, Eredi Botta, Roma, Palagiano C., Geografia medica, La Nuova Italia Scientifica, Roma, Pauly A., Bibliographie des sciences meâdicales, Librairie Tross, Paris, Raseri E., Atlante di demografia e geografia medica d'italia in 78 tavole con note illustrative, Istituto Geografico De Agostini & C., Roma, SocietaÁ Geografica Italiana, Catalogo metodico della biblioteca sociale ( ). Parte prima: libri e periodici, Roma, Sormani G., Geografia nosologica dell'italia, Eredi Botta, Roma, LOMBARDIA NORD-OVEST 31 2/2001

ISTITUTO COMPRENSIVO di Grotte di Castro

ISTITUTO COMPRENSIVO di Grotte di Castro anno scolastico 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO di Grotte di Castro Curricolo verticale di geografia Fare geografia fin dall infanzia è fondamentale perché l orizzonte territoriale dei bambini, poi dei

Dettagli

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE

Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE Geografia Competenze TRAGUARDI DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro,

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C.

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. Via D Avarna RMIC8FY006 - Distretto 24 - Via D Avarna 9/11 00151 Roma - C.F. 97714020589 Tel. /

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE L unico Nome Comunemente Utilizzato nella Comunità Internazionale Mar del Giappone 1 Mar del Giappone è l unico nome stabilito a livello internazionale per l

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

DELLA RIABILITAZIONE. Introduzione al Corso

DELLA RIABILITAZIONE. Introduzione al Corso Introduzione al Corso 1 Bruno FEDERICO Cattedra di Igiene Anno Accademico 2009/2010 Principi ed organizzazione della prevenzione e della riabilitazione 1 Bruno Federico Principi ed organizzazione della

Dettagli

GEOGRAFIA: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

GEOGRAFIA: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE GEOGRAFIA: TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Leggere l organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio, gli strumenti e i principi

Dettagli

L EUROPA PER I PICCOLI

L EUROPA PER I PICCOLI Progetto realizzato con il contributo di Regione Liguria Assessorato alla formazione, istruzione, scuola e università PROPOSTA PER LA DEFINIZIONE DI UN CORSO DI FORMAZIONE SULLA UE PER INSEGNANTI DELLA

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA PROGRAMMAZIONE PRIMO BIENNIO DEL LICEO LINGUISTICO Alla fine del primo biennio del liceo linguistico lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito le seguenti competenze linguistiche:

Dettagli

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali;

Dettagli

La lotta alle infezioni ospedaliere nella ASL Foggia passa attraverso la formazione. Giuseppe Chiodo *

La lotta alle infezioni ospedaliere nella ASL Foggia passa attraverso la formazione. Giuseppe Chiodo * PREVENZIONE La lotta alle infezioni ospedaliere nella ASL Foggia passa attraverso la formazione Giuseppe Chiodo * Non bisogna ch io dimentichi quello che ordinariamente si chiama infezione ; la qual cosa

Dettagli

CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA La geografia contribuisce a fornire gli strumenti per formare persone autonome e critiche, che siano in grado di assumere decisioni responsabili nella gestione del territorio

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCIACCA, SALVATORE Data di nascita 02/01/1942 Fax 095-3782070 Qualifica Professore Ordinario Amministrazione

Dettagli

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA La Geografia studia i rapporti delle società umane tra loro e con il pianeta che le ospita. È disciplina di cerniera per eccellenza, poiché consente di mettere in relazione temi economici, giuridici,

Dettagli

GEOGRAFIA E USO UMANO DEL TERRITORIO

GEOGRAFIA E USO UMANO DEL TERRITORIO GEOGRAFIA La conoscenza del mondo: oggetti, fenomeni, viventi, numeri, spazio INFANZIA 3 ANNI COMPETENZA SPECIFICA ABILITA CONOSCENZE LIVELLO DI PADRONANZA DESCRITTORE DI LIVELLO ATTRIBUITO Osservare il

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe seconda della scuola primaria...3

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MEZZOLOMBARDO PIANI DI STUDIO D ISTITUTO GEOGRAFIA

ISTITUTO COMPRENSIVO MEZZOLOMBARDO PIANI DI STUDIO D ISTITUTO GEOGRAFIA Biennio: PRIMO (classe prima e seconda scuola primaria) COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Traguardi di sviluppo della competenza a fine biennio 1. Leggere l organizzazione di un territorio, utilizzando il

Dettagli

GRIGLIA VALUTAZIONE PER DISCIPLINA GEOGRAFIA CLASSE 1 COMPETENZE CONOSCENZE E ABILITA DESCRITTORI di VOTO VOTO

GRIGLIA VALUTAZIONE PER DISCIPLINA GEOGRAFIA CLASSE 1 COMPETENZE CONOSCENZE E ABILITA DESCRITTORI di VOTO VOTO GRIGLIA VALUTAZIONE PER DISCIPLINA GEOGRAFIA CLASSE 1 Orientamento Conoscere il concetto di territorio, saper orientarsi sulla carta e nello spazio reale, leggere i vari tipi di carte, grafici, fotografie,

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

Università: Unicusano. Insegnamento: Sociologia dell ambiente e del mutamento sociale

Università: Unicusano. Insegnamento: Sociologia dell ambiente e del mutamento sociale Università: Unicusano Anno Accademico: 2014/2015 Insegnamento: Sociologia dell ambiente e del mutamento sociale Prof: Enzo Lombardo (mail: enzo.lombardo@unicusano.it nickname: elom) CFU 10 Settore disciplinare:

Dettagli

La paura del contagio. Danilo Tacconi Malattie Infettive ASL 8 Arezzo

La paura del contagio. Danilo Tacconi Malattie Infettive ASL 8 Arezzo La paura del contagio Danilo Tacconi Malattie Infettive ASL 8 Arezzo Contagio Malattia Morte Tracce storiche delle pandemie Testi geroglifici egiziani e cuneiformi della Mesopotamia Epidemie hanno funestato

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici, punti cardinali e coordinate

Dettagli

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Martina Aicardi Kliton Marku Classe 4H Docente coordinatore Prof. Bellonotto Liceo Scientifico O. Grassi Savona, 21 maggio 2013

Dettagli

CURRICOLO GEOGRAFIA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO GEOGRAFIA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO GEOGRAFIA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Osservare, descrivere e rappresentare la propria posizione nello spazio in relazione a punti di riferimento utilizzando gli

Dettagli

GEOGRAFIA. Disciplina di insegnamento: TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA. Disciplina di insegnamento: TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Disciplina di insegnamento: GEOGRAFIA COMPETENZE (dal profilo dello studente) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 GEOGRAFIA_CLASSE PRIMA Competenza 1 Leggere l organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio,

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Geografia. GEOGRAFIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Geografia. GEOGRAFIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Istituto Comprensivo di Montesarchio A.S. 04-05 Curricolo Verticale di Geografia Competenze GEOGRAFIA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Individuare su indicazioni le posizioni di oggetti e persone nello.

Dettagli

GEOGRAFIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

GEOGRAFIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE GEOGRAFIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: GEOGRAFIA DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali. Muoversi consapevolmente nello spazio circostante,

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Muoversi consapevolmente nello spazio circostante, orientandosi attraverso punti di riferimento, utilizzando gli indicatori topologici (avanti, dietro,

Dettagli

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss.

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss. Presentazione Proprio quarant anni fa, dopo un periodo di tempo dedicato allo studio specifico della pubblicità 1 allora, a livello internazionale e non solo italiano, di gran lunga il più importante strumento

Dettagli

6 Come si diventa psicanalista?

6 Come si diventa psicanalista? Prefazione Come si diventa psicanalista? è un romanzo epistolare e nel contempo un saggio che affronta i temi fondamentali della formazione psicanalitica. Gli autori dello scambio di lettere sono Giulia,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO GEOGRAFIA CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO GEOGRAFIA 1 OBIETTIVO GENERALE CONCETTI GEOGRAFICI E CONOSCENZE PAESAGGI 1. Esplorare il territorio circostante attraverso l'approccio sensopercettivo e l'osservazione diretta.

Dettagli

STORICO-SOCIALE BRUNETTIN GIORDANO CLASSE E SEZIONE IV B INDIRIZZO ENOGASTRONOMICO

STORICO-SOCIALE BRUNETTIN GIORDANO CLASSE E SEZIONE IV B INDIRIZZO ENOGASTRONOMICO Istituto d Istruzione Superiore Federico Flora Istituto Tecnico per il Turismo Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Socio Sanitari Via G. Ferraris Tel.

Dettagli

TEORIA DELLA CRESCITA: una sintesi

TEORIA DELLA CRESCITA: una sintesi TEORIA DELLA CRESCITA: una sintesi CORSO DI ECONOMIA POLITICA (corso avanzato) CdL in Giurisprudenza A.A. 2010/2011 Docente: Marianna Succurro Dietro al tema della crescita non si cela altro che un annosa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE SAN MARCO CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZA EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, IMPARARE A IMPARARE SCUOLA DELL'INFANZIA ABILITA' CONOSCENZE COMPETENZE COMPITO AUTENTICO

Dettagli

CLASSE 1ª SCUOLA PRIMARIA

CLASSE 1ª SCUOLA PRIMARIA CLASSE 1ª SCUOLA PRIMARIA Organizzatori spaziali (dentro, fuori, sotto...) Localizzatori spaziali (vicino a, lontano da, in mezzo a...) La lateralizzazione Giochi in palestra Muoversi consapevolmente nello

Dettagli

I materiali di lavoro

I materiali di lavoro L apprendimento dell italiano L2 I materiali di lavoro Tiziana Chiappelli Un cenno sulla glottodidattica Glottodidattica : la scienza e la tecnica dell insegnamento delle lingue Segnalazione bibliografica

Dettagli

Biblioteca GIL. Biblioteche comunali Treviso. Elenco delle risorse elettroniche (CD e DVD) ordinato per disciplina. Aggiornato al 21-09-2006

Biblioteca GIL. Biblioteche comunali Treviso. Elenco delle risorse elettroniche (CD e DVD) ordinato per disciplina. Aggiornato al 21-09-2006 Biblioteca GIL Biblioteche comunali Treviso Elenco delle risorse elettroniche (CD e DVD) ordinato per disciplina Aggiornato al 21-09-2006 GENERALITÀ (Bibliografie, biblioteconomia, enciclopedie, informatica)

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

Conferenza permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie. Prof. Augusto Panà

Conferenza permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie. Prof. Augusto Panà Conferenza permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie I Corsi di laurea delle professioni sanitarie e le prospettive future Prof. Augusto Panà Sassari 20-21 aprile 2007 La ricerca quale

Dettagli

TERZO PERCORSO I "PRODOTTI" DELLA TIPOGRAFIA E IL NUOVO PUBBLICO:

TERZO PERCORSO I PRODOTTI DELLA TIPOGRAFIA E IL NUOVO PUBBLICO: TERZO PERCORSO I "PRODOTTI" DELLA TIPOGRAFIA E IL NUOVO PUBBLICO: a) EDITORIA E SCUOLA ovvero: con le prime edizioni annotate di classici greci e latini per il Liceo e l'università nasce l'editoria scolastica

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: Geografia CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd Scuola dell Infanzia qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd GEOGRAFIA qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd Istituto Comprensivo Castell Arquato qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA Classe I Scuola Primaria

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA Classe I Scuola Primaria CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA Classe I Scuola Primaria L alunno si orienta nello spazio circostante descrivendo, rappresentando, individuando relazioni tramite gli indicatori spaziali Collocare

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO

PIANO ANNUALE DI LAVORO Istituto Comprensivo via Latina 303 - Roma Piano annuale di lavoro MOD-102 Rev. 1 Data: 03/09/12 Totale pagine: 6 PIANO ANNUALE DI LAVORO Docenti Materia Classi Sezione a. s. Tutti Materie Letterarie Seconde

Dettagli

GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

GEOGRAFIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA L alunno/a si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali. ORIENTAMENTO Collocare se stesso e gli oggetti in uno spazio

Dettagli

P R O G R A M M A Z I O N E D I S C I P L I N A R E DI GEOGRAFIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Anno scolastico 2012/2013

P R O G R A M M A Z I O N E D I S C I P L I N A R E DI GEOGRAFIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Anno scolastico 2012/2013 CLASSE PRIMA P R O G R A M M A Z I O N E D I S C I P L I N A R E DI GEOGRAFIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Anno scolastico 2012/2013 DATI IDENTIFICATIVI U.A 1 GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA L alunno

Dettagli

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA. GEOGRAFIA - CLASSI PRIME Scuola Primaria. GEOGRAFIA CLASSI SECONDE Scuola Primaria

GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA. GEOGRAFIA - CLASSI PRIME Scuola Primaria. GEOGRAFIA CLASSI SECONDE Scuola Primaria GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici

Dettagli

GEOGRAFIA Scuola Primaria

GEOGRAFIA Scuola Primaria GEOGRAFIA Scuola Primaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria Orientamento -L alunno/a si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche utilizzando

Dettagli

Albero genetico delle popolazioni e albero delle famiglie linguistiche secondo la proposta di Cavalli Sforza

Albero genetico delle popolazioni e albero delle famiglie linguistiche secondo la proposta di Cavalli Sforza Albero genetico delle popolazioni e albero delle famiglie linguistiche secondo la proposta di Cavalli Sforza Per il versante biologico i dati molecolari attestano ormai con forza un origine unica, recente,

Dettagli

Symposium of ECCE and SW&S in Kooperation mit der Abteilung Sozialwesen der Autonomen Provinz Bozen - Südtirol

Symposium of ECCE and SW&S in Kooperation mit der Abteilung Sozialwesen der Autonomen Provinz Bozen - Südtirol Reframing des Sozialen Reframing dell Sociale Symposium of ECCE and SW&S in Kooperation mit der Abteilung Sozialwesen der Autonomen Provinz Bozen - Südtirol. Haus der Familie in Oberbozen/Soprabolzano:

Dettagli

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola nazionale dell infanzia e del primo ciclo d istruzione, passim.

FINALITA. 1 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola nazionale dell infanzia e del primo ciclo d istruzione, passim. FINALITA La geografia è la scienza che studia l'umanizzazione del nostro pianeta e, quindi, i processi attivati dalle collettività nelle loro relazioni con la natura. Tali processi nel corso del tempo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA

CURRICOLO DI GEOGRAFIA ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI POZZUOLO MARTESANA CURRICOLO DI GEOGRAFIA CLASSE PRIMA LINGUAGGIO Sa orientare una carta geografica facendo ricorso a punti di riferimento fissi., fotografie attuali e SCUOLA

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^)

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) COMPETENZE 1.Comprendere il legame uomo/territorio, origine della cultura antropologica. 2. Riconoscere l importanza culturale e sociale delle

Dettagli

CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO GEOGRAFIA CLASSE PRIMA 1. Orientarsi sulle carte e orientare le carte a grande scala in base ai punti cardinali, anche con l utilizzo della bussola, e a punti di riferimento fissi. 2. Orientarsi nelle

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

GEOGRAFIA CLASSE PRIMA GEOGRAFIA CLASSE PRIMA O. A. 1 : ORIENTARE E COLLOCARE NELLO SPAZIO SE STESSO E GLI OGGETTI O. S. 1a : riconoscere e utilizzare gli indicatori topologici (sopra, sotto, avanti, dietro, sinistra e destra

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA MODULO 1 (tot h. 49) ASSE DEI LINGUAGGI DESTINATARI: ALUNNI NON IN POSSESSO DELLE CONOSCENZE DI BASE (ZERO CREDITI FORMATIVI) ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA Interagire oralmente in maniera

Dettagli

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA Lo studio può affrontare qualsiasi tema di ricerca rilevante per l infermiere con laurea triennale; verranno però valutati con punteggio maggiore, in generale,

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Editoriale http://www.humana-mente.it Biblioteca Filosofica 2007 - Humana.Mente, Periodico trimestrale di Filosofia, edito dalla

Dettagli

Orientarsi nello spazio. Utilizzare gli strumenti e il linguaggio propri della disciplina. Riconoscere gli elementi che caratterizzano il territorio

Orientarsi nello spazio. Utilizzare gli strumenti e il linguaggio propri della disciplina. Riconoscere gli elementi che caratterizzano il territorio COMPETENZA CHIAVE GEOGRAFIA Fonte di legittimazione Raccomandazione europea 18/12/2006 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE L alunno si orienta nello spazio circostante, utilizzando

Dettagli

Zoonosi e sanità pubblica

Zoonosi e sanità pubblica Zoonosi e sanità pubblica Elvira Matassa Zoonosi e sanità pubblica Un approccio interdisciplinare per un problema emergente con la collaborazione di Federico Canavesi ABC ELVIRA MATASSA Medico veterinario.

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

RELAZIONE SANITARIA 2007

RELAZIONE SANITARIA 2007 RELAZIONE SANITARIA 2007 A CURA DELL OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO PROVINCIALE Agosto 2008 1 Copie disponibili presso: Osservatorio Epidemiologico Provinciale Ripartizione Sanità Via Canonico M. Gamper 1

Dettagli

ABILITA' L'alunno sa: Descrivere verbalmente utilizzando indicatori topologici gli spostamenti propri e di altri elementi nello spazio vissuto.

ABILITA' L'alunno sa: Descrivere verbalmente utilizzando indicatori topologici gli spostamenti propri e di altri elementi nello spazio vissuto. DISCIPLINA: GEOGRAFIA CLASSE: PRIMA ORIENTAMENTO CARTE MENTALI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE : Muoversi consapevolmente nello spazio circostante sapendosi orientare attraverso punti di riferimento utilizzando

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Indirizzo(i) Bottaccioli Francesco Via Ofanto, 28, 04010 Aprilia (LT) Italia Telefono(i) 069253036 Mobile: 3356878206 Fax E-mail bottac@iol.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA (Classe 2ª)

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA (Classe 2ª) SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA (Classe 1ª) Orientarsi nello spazio circostante utilizzando punti di riferimento e riferimenti topologici. Muoversi nello spazio circostante, sapendosi orientare attraverso punti

Dettagli

18 / 19 settembre 2014

18 / 19 settembre 2014 Convegno Nazionale 18 / 19 settembre 2014 GALATINA Palazzo della Cultura Piazza Alighieri n. 51 Assessorato alla Cultura e Polo Biblio-Museale Il convegno nazionale Pietro e Cesira Siciliani: filosofia

Dettagli

COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA

COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI TURISTICI COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA Per fare una tesi di laurea occorre un tempo non inferiore a sei mesi 1, anche

Dettagli

MALATTIE CRONICO - DEGENERATIVE: EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E RIABILITAZIONE (Anno Accademico 2006/2007)

MALATTIE CRONICO - DEGENERATIVE: EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E RIABILITAZIONE (Anno Accademico 2006/2007) Università degli Studi di Siena SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA SHORT COURSE MALATTIE CRONICO - DEGENERATIVE: EPIDEMIOLOGIA, PREVENZIONE E RIABILITAZIONE (Anno Accademico 2006/2007)

Dettagli

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Andrea Gaddini *, Lilia Biscaglia *, Francesco Franco *, Salvatore Cappello **, Giovanni Baglio *, Domenico Di Lallo *, Gabriella Guasticchi * Introduzione

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Classe I Sez D Materia : Geografia Docente: Fabio IONNI 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze Comportamento

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

OGGETTO : Sindrome Respiratoria Acuta: indicazioni per le collettività scolastiche.

OGGETTO : Sindrome Respiratoria Acuta: indicazioni per le collettività scolastiche. Via Pietro Micca, 20 10122 Torino tel. 011/5163611 e-mail: dirreg@scuole.piemonte.it Prot. nr. 3888/p a36 Circ. Reg. nr. 125 Torino, 30 aprile 2003 Ai Dirigenti degli Istituti di ogni ordine e grado statali

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

Colonialismo e Neocolonialismo

Colonialismo e Neocolonialismo Colonialismo e Neocolonialismo Introduzione Nella sua definizione propria, il colonialismo viene rappresentato come l'estensione della sovranità di una nazione su territori e popoli all'esterno dei suoi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA sono da rivedere alcuni aspetti del curricolo di Istituto SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA sono da rivedere alcuni aspetti del curricolo di Istituto SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA sono da rivedere alcuni aspetti del curricolo di Istituto SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria. L alunno

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

3.3. La revisione dell esperimento di Michelson e Morley

3.3. La revisione dell esperimento di Michelson e Morley 3.3. La revisione dell esperimento di Michelson e Morley Negli ultimi due anni di vita, dal 1918 al 1920, Righi si dedicò quasi esclusivamente ad un riesame critico minuzioso dell esperimento di Michelson

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli