La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi"

Transcript

1 1 La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi Torino, 10 aprile 2013 Igor Gallo

2 2 D. Lgs. N. 22/2007 Recepimento direttiva MID Recepimento della nuova Direttiva Europea 2004/22/CE MID ( Measuring Instrument Directive, 31 marzo 2004) Direttiva comunitaria di Nuovo Approccio, regolamenta la produzione, la diffusione ed il controllo della utilizzazione degli strumenti metrici, a tutela della fede pubblica e della correttezza nelle determinazioni quantitative alla base di un numero assai elevato di scambi commerciali (circa il 10% del PIL nazionale).

3 3 D. Lgs. N. 22/2007 Il nuovo approccio Altre direttive di nuovo approccio: Giocattoli: Direttiva 2009/48/CE Materiale elettrico in bassa tensione: Direttiva 2006/95/CE Compatibilità elettromagnetica: Direttiva 2004/108/CE Strumenti per pesare a funzionamento non automatico: Direttiva 2009/23/CE, precedente 93/68/CEE e 90/384/CEE, recepite con D.Lgs 517/1992 Ascensori: Direttiva 95/16/CE [..]

4 D. Lgs. N. 22/2007 Il nuovo approccio 4 Nuovo approccio: L'armonizzazione legislativa si limita ai requisiti essenziali che i prodotti immessi nel mercato nella Comunità devono rispettare per poter circolare liberamente all'interno della Comunità stessa. Le specifiche tecniche dei prodotti che rispondono ai requisiti essenziali fissati nelle direttive vengono definite in norme armonizzate. L'applicazione di norme armonizzate o di altro genere rimane volontaria e il fabbricante può sempre applicare altre specifiche tecniche per soddisfare i requisiti previsti. I prodotti fabbricati nel rispetto delle norme armonizzate sono ritenuti conformi ai corrispondenti requisiti essenziali.

5 5 D. Lgs. N. 22/2007 Il Nuovo approccio Marcatura CE: I prodotti conformi a tutte le disposizioni delle direttive applicabili che prevedono la marcatura CE devono recarla Indica che i prodotti sono conformi ai requisiti essenziali di tutte le direttive applicabili Indica che sono stati sottoposti a procedura di valutazione della conformità prevista dalle direttive stesse. Gli Stati membri sono inoltre tenuti ad adottare le misure necessarie per proteggere la marcatura CE.

6 D. Lgs. N. 22/2007 Il Nuovo approccio 6 Apposizione marcatura CE: Da parte di fabbricante o rappresentante autorizzato nella Comunità Europea Visibile, leggibile ed indelebile Accompagnata da numero O.N., se questi interviene nella fase di controllo della produzione

7 D. Lgs. N. 22/2007 La marcatura CE 7 Marcatura conforme China Export

8 La marcatura metrologica supplementare 8 Prevista dalla direttiva MID 2004/22/CE, da apporre sullo strumento: Visibili e leggibili Indelebili Durature Marchi aggiuntivi, rispetto a quelli previsti nei certificati di esame del tipo CE, non devono indurre confusione

9 D. Lgs. N. 22/2007 Recepimento direttiva MID 9 È relativa a dieci tipologie di strumenti: MI-001 contatori dell'acqua MI-002 contatori del gas e dispositivi conversione volume MI-003 contatori di energia elettrica attiva MI-004 contatori di calore MI-005 sistemi di misura di liquidi diversi dall'acqua MI-006 strumenti per pesare a funzionamento automatico MI-007 Tassametri MI-008 misure materializzate MI-009 strumenti di misura della dimensione MI-010 analizzatori dei gas di scarico ESTENDE IL NUOVO APPROCCIO A BUONA PARTE DEGLI STRUMENTI

10 D. Lgs. N. 22/2007 Campo di applicazione 10 Il presente decreto legislativo definisce i requisiti cui debbono conformarsi i dispositivi ai fini della loro commercializzazione e messa in servizio per uso in: motivi di interesse pubblico sanità pubblica sicurezza pubblica ordine pubblico protezione dell'ambiente tutela dei consumatori imposizione di tasse e di diritti lealtà delle transazioni commerciali.

11 Strumenti di misura Il ciclo di vita 11 Fabbricante Progettazione Fabbricante Produzione Utente Utilizzo

12 Strumenti di misura Strumenti normativi 12 Fabbricante Progettazione AMBITO APPLICAZIONE M.I.D. Esame CE del tipo Modulo B Il Mi.S.E. sorveglia l operato degli Organismi Notificati Fabbricante Produzione Organ. Notificato Org. Notificato o Fabbricante in qualità Dichiarazione conformità al tipo Modulo D o F Utente Utilizzo Modulo B+D o B+F La CCIAA sorveglia Verifica periodica Laboratorio autorizzato

13 13 D. Lgs. N. 22/2007 Recepimento direttiva MID Organismi notificati Riconosciuti dal Mi.S.E. con decreto Non possono avere interesse nel settore della fabbricazione degli strumenti di misura Non potranno essere riconosciuti coloro che eseguono la vigilanza sul mercato in merito al decreto (CCIAA) Interagiscono con i fabbricanti per la valutazione degli strumenti di misura, e la loro conformità rispetto a quanto prevede il decreto, in fase di definizione e produzione

14 14 D. Lgs. N. 22/2007 Recepimento direttiva MID Organismi notificati I controlli diretti eseguiti sul fabbricante saranno proporzionati al livello organizzativo del fabbricante stesso, possesso di una certificazione di qualità ecc., ed alla tipologia di strumento da prodursi (secondo i differenti moduli da A ad H1)

15 Moduli produttivi 15 esame del tipo controllo di produzione interno controllo di produzione interno e prove realizzate da un organismo notificato controllo di produzione interno controllo di produzione interno e prove realizzate da un organismo notificato garanzia della qualità del processo di produzione garanzia della qualità dell ispezione e delle prove effettuate sul prodotto finale verifica del prodotto garanzia della qualità del processo di produzione garanzia della qualità dell ispezione e delle prove effettuate sul prodotto finale verifica del prodotto verifica di un unico prodotto garanzia di qualità totale garanzia di qualità totale ed esame del progetto B + Allegati MID A A1 D1 E1 F1 G H H1 Strumento C C1 D E F MI-001 Contatori dell'acqua MI-002 Contatori del gas e i dispositivi di conversione del volume MI-003 Contatori di energia elettrica attiva e trasformatori di misura MI-004 Contatori di calore MI-005 Sistemi di misura per la misurazione continua e dinamica di liquidi diversi dall'acqua Strumenti per pesare a funzionamento automatico meccanici MI-006 Strumenti per pesare a funzionamento automatico elettronici o con SW Strumenti per pesare a funzionamento automatico elettromeccanici MI-007 Tassametri MI-008 Misure materializzate di lunghezza Misure materializzate di capacità Strumenti di misura della dimensione meccanici o elettromeccanici MI-009 Strumenti di misura della dimensione elettronici o con SW MI-010 Analizzatori dei gas di scarico Fonte: Clemente, Ficco La direttiva 2004/22/EC del Parlamento Europeo e del Consiglio del 31 Marzo 2004 sugli Strumenti di Misura

16 Moduli più diffusi 16 B => Approvazione del tipo (progetto) Seguito da: D => Autocertificazione del fabbricante a fine produzione, con sistema qualità approvato da O.N. F => Valutazione strumento a fine produzione da parte di O.N. eseguendo o facendo eseguire prove

17 17 Detersivi sfusi: Possibili omologazioni MI-005 Sistemi di misura per la misurazione continua e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua MI-006 Strumenti per pesare a funzionamento automatico Capitolo III - Riempitrici gravimetriche automatiche MI-008 Misure materializzate Capitolo II - Misure di capacità

18 18 Detersivi sfusi: Possibili omologazioni MI-005 Sistemi di misura per la misurazione continua e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua MI-006 Strumenti per pesare a funzionamento automatico Capitolo III - Riempitrici gravimetriche automatiche MI-008 Misure materializzate Capitolo II - Misure di capacità

19 19 MI-005: Campo di applicazione Strumenti intesi a misurare in modo continuato, memorizzare e visualizzare, in condizioni di misura, la quantità del liquido che passa attraverso il trasduttore di misurazione in un condotto chiuso e a pieno carico Definite diverse classi metrologiche a seconda dello strumento (tipologia e prodotto da misurare): 0,3 0,5 1,0 1,5 2,5

20 20 MI-005: Classi di accuratezza vs. Errori Indice Classe di accuratezza > Errore Massimo Permesso

21 21 MI-005: Classi di accuratezza Classe 0,3 Detersivi Sistemi di misurazione su condotta Classe 0,5 Tutti i sistemi di misura non rientranti in altre parti della tabella Classe 1,0 Sistemi di misurazione per i gas liquefatti a pressione misurati ad una temperatura pari o superiore a - 10 C Sistemi di misurazione di norma classificati nella classe 0,3 o 0,5, ma utilizzati per liquidi: (T<-10 C o T>50 C; visc. dinam. > mpa s; portata 20 l/min) Classe 1,5 Detersivi? Biossido di carbonio liquefatto o GPL T<-10 C (non criogenici) Classe 2,5 Sistemi di misurazione per liquidi criogenici (temperatura inferiore a C)

22 22 MI-005: Requisiti per la conformità Requisiti essenziali all. I (MID) Ambienti climatici, meccanici ed elettromagnetici Riproducibilità Ripetibilità Sensibilità Durabilità Affidabilità Idoneità Protezione alterazione Informazioni su strumento Indicazione risultato Elaborazione dati Requisiti specifici all. MI-005 Accuratezza condizioni nominali Effetto massimo tollerato dei disturbi Durabilità Idoneità Interruzione alimentazione elettrica Nella documentazione tecnica si dimostra di aver onorato i requisiti

23 23 MI-005: Documentazione e marcature Fase di progetto Documentazione tecnica che dimostra di aver soddisfatto i requisiti della MID Preparata dal fabbricante Approvata da Organismo Notificato con emissione certificato CE del tipo Commercializzazione ed utilizzo Dichiarazione di conformità Marcatura CE e metrologica supplementare Devono sempre accompagnare lo strumento in servizio

24 MI-005: Verifica periodica 24 D.M. 32/2011 Controlli successivi su strumenti approvati secondo MID all. MI-005 ha previsto: Verifica periodica da parte di laboratori che rispettano determinati requisiti Periodicità pari a 2 anni

25 25 Detersivi sfusi: Possibili omologazioni MI-005 Sistemi di misura per la misurazione continua e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua MI-006 Strumenti per pesare a funzionamento automatico Capitolo III - Riempitrici gravimetriche automatiche MI-008 Misure materializzate Capitolo II - Misure di capacità

26 26 MI-006: Campo di applicazione Strumento per pesare a funzionamento automatico Strumento che determina la massa di un prodotto senza l'intervento di un operatore e che segue un programma predeterminato di processi automatici caratteristico di tale strumento Riempitrice gravimetrica automatica Strumento per pesare a funzionamento automatico che riempie contenitori con una massa predeterminata e virtualmente costante di prodotto sfuso

27 27 MI-006: Classi metrologiche Lo strumento riporta due classi metrologiche: Classe di accuratezza di riferimento Ref (x) Miglior accuratezza possibile dello strumento (prova di tipo statico) eseguito nelle sole prove del tipo (omologazione) Classe di accuratezza di funzionamento X (x) Miglior accuratezza possibile dello strumento in funzionamento (porve in dinamico)

28 28 MI-006: Errori massimi permessi (MPD)

29 29 MI-006: Calcolo degli errori Scarto di un riempimento m d = F j n i=1 n F i MPD tabella x Scarto della media rispetto a valore preimpostato Se = i n Fi = 1 n Fp 0, 312 MPD tabella x

30 30 MI-006: Requisiti per la conformità Requisiti essenziali all. I (MID) Ambienti climatici, meccanici ed elettromagnetici Riproducibilità Ripetibilità Sensibilità Durabilità Affidabilità Idoneità Protezione alterazione Informazioni su strumento Indicazione risultato Elaborazione dati Requisiti specifici all. MI-006 Accuratezza condizioni nominali Effetto massimo tollerato disturbi elettromagnetici e grandezza influenza Idoneità Nella documentazione tecnica si dimostra di aver soddisfatto i requisiti

31 31 MI-006: Documentazione e marcature Fase di progetto Documentazione tecnica che dimostra di aver soddisfatto i requisiti della MID Preparata dal fabbricante Approvata da Organismo Notificato con emissione certificato CE del tipo Commercializzazione ed utilizzo Dichiarazione di conformità Marcatura CE e metrologica supplementare Devono sempre accompagnare lo strumento in servizio

32 MI-006: Verifica periodica 32 D.M. 31/2011 Controlli successivi su strumenti approvati secondo MID all. MI-006 ha previsto: Verifica periodica da parte di laboratori che rispettano determinati requisiti Periodicità pari a 2 anni

33 33 Detersivi sfusi: Possibili omologazioni MI-005 Sistemi di misura per la misurazione continua e dinamica di quantità di liquidi diversi dall'acqua MI-006 Strumenti per pesare a funzionamento automatico Capitolo III - Riempitrici gravimetriche automatiche MI-008 Misure materializzate Capitolo II - Misure di capacità

34 34 Programma Introduzione alla modalità di vendita Pietro Corcione La MID ed applicazioni alla vendita sfusa di detersivi (MI-005 e MI-006) Igor Gallo Strumenti per pesare a funzionamento non automatico Paola Biletta Bottiglie recipienti misura e misure di capacità (MI-008 cap. II) Igor Gallo, Pietro Corcione Domande e approfondimenti

01_Brochure_Metrici2009:Cop metrici2 11-03-2010 19:16 Pagina 1. a misura dei TUOI interessi

01_Brochure_Metrici2009:Cop metrici2 11-03-2010 19:16 Pagina 1. a misura dei TUOI interessi 01_Brochure_Metrici2009:Cop metrici2 11-03-2010 19:16 Pagina 1 U F F I C I O M E T R I C O a misura dei TUOI interessi p 9 10 11 12 13 14 15 16 w w w. m e t r o l o g i a l e g a l e. u n i o n c a m e

Dettagli

automatici Modalità e normative di riferimento

automatici Modalità e normative di riferimento Vendita allo stato sfuso di detersivi con l utilizzo l di distributori automatici 1 Modalità e normative di riferimento 2 Modalità: La vendita allo stato sfuso può avvenire: a peso; a misura; a pezzo;

Dettagli

3. Strategie della metrologia legale e relativi controlli metrologici legali

3. Strategie della metrologia legale e relativi controlli metrologici legali 3. Strategie della metrologia legale e relativi controlli metrologici legali Per conseguire i propri obiettivi istituzionali i Servizi di metrologia legale nei differenti Stati adottano disposizioni che

Dettagli

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE:

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE: LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI PARMA (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile 2012, n. 35) Sono di seguito elencate le competenze camerali

Dettagli

Le misure metrologiche per la direttiva MID

Le misure metrologiche per la direttiva MID Piero G. Squizzato Le misure metrologiche per la direttiva MID La nascita del denaro ha generato, come conseguenza, la necessità di unità di misura quantificanti i beni da acquistare con l unità di moneta,

Dettagli

ACCREDIA L ente italiano di accreditamento. Panoramica sui nuovi decreti legislativi e ricaduta in termini di nuove richieste di taratura

ACCREDIA L ente italiano di accreditamento. Panoramica sui nuovi decreti legislativi e ricaduta in termini di nuove richieste di taratura ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Panoramica sui nuovi decreti legislativi e ricaduta in termini di nuove richieste di taratura 23 Diego ORGIAZZI Rosalba MUGNO XXIX Convegno dei Centri di Taratura

Dettagli

SISTEMI DI MISURA PER LA MISURAZIONE CONTINUA E DINAMICA DI QUANTITÀ DI LIQUIDI DIVERSI DALL'ACQUA

SISTEMI DI MISURA PER LA MISURAZIONE CONTINUA E DINAMICA DI QUANTITÀ DI LIQUIDI DIVERSI DALL'ACQUA Allegati Specifici - Allegato MI-005 SISTEMI DI MISURA PER LA MISURAZIONE CONTINUA E DINAMICA DI QUANTITÀ DI LIQUIDI DIVERSI DALL'ACQUA Agli strumenti di misura destinati alla misurazione continua e dinamica

Dettagli

3) Controlli sulla conformità alle leggi vigenti dei dispositivi di protezione individuale di prima categoria

3) Controlli sulla conformità alle leggi vigenti dei dispositivi di protezione individuale di prima categoria LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI PESARO E URBINO (D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in L. 4 aprile 2012, n. 35. Art. 14, comma 2) A) SICUREZZA PRODOTTI 1) Controlli

Dettagli

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Cuneo, 8 Ottobre 2013 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Sviluppo della legislazione di prodotto

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 941.231 del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

941.214 Ordinanza del DFGP sugli strumenti per pesare a funzionamento automatico

941.214 Ordinanza del DFGP sugli strumenti per pesare a funzionamento automatico 941.214 Ordinanza del DFGP sugli strumenti per pesare a funzionamento automatico del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

Bozza UNI - Riproduzione riservata

Bozza UNI - Riproduzione riservata DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E01169291 Modalità operative per le verifiche metrologiche periodiche e casuali Parte 1: Generalità Operative instruction for periodic and random metrological

Dettagli

cenni sulle direttive macchine e di prodotto

cenni sulle direttive macchine e di prodotto 9(1(72 cenni sulle direttive macchine e di prodotto 5HODWRUH,QJ5REHUWR5LQDOGL /HGLUHWWLYHFRPXQLWDULHVFRSRH DSSOLFD]LRQH /H'LUHWWLYH&RPXQLWDULHVRQRODSULQFLSDOHIRQWHGHOGLULWWRGD FXL GHULYDODOHJLVOD]LRQHFKHKDVRVWLWXLWRHVRVWLWXLUjLQGHWHU

Dettagli

IL TACHIGRAFO DIGITALE

IL TACHIGRAFO DIGITALE IL TACHIGRAFO DIGITALE Treviso 13 aprile 2006 Normativa Regolamento (CEE) 3821/85 Regolamento (CE) 2135/98 Regolamento (CE) 1360/2002 Regolamento (CE) n.../2006 di modifica dei regolamenti 3821/85 e 2135/98

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33)

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) Sono di seguito elencate le competenze camerali che comportano controlli presso imprese,

Dettagli

Etichettatrice di peso Selezionatrice ponderale a funzionamento automatico che appone ai singoli articoli l'etichetta con l'indicazione del peso.

Etichettatrice di peso Selezionatrice ponderale a funzionamento automatico che appone ai singoli articoli l'etichetta con l'indicazione del peso. Allegati Specifici - Allegato MI-006 STRUMENTI PER PESARE A FUNZIONAMENTO AUTOMATICO Agli strumenti per pesare a funzionamento automatico definiti qui di seguito, il cui fine è la determinazione della

Dettagli

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD

'LDJUDPPDGLIOXVVRSHUOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOD $//(*$729,, 'LDJUDPPDGLIOXVVRGHOOHSURFHGXUHGLYDOXWD]LRQHGHOODFRQIRUPLWjVWDELOLWHQHOOHGLUHWWLYH, 'LUHWWLYHGLQXRYRDSSURFFLR 1. Materiale elettrico a bassa tensione (o "Bassa tensione") (73/23/CEE, modificata

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

Una possibile soluzione: la vendita a peso

Una possibile soluzione: la vendita a peso 1 Una possibile soluzione: la vendita a peso Torino, 10 aprile 2013 Palazzo Affari Sala Amaranto 2 Un alternativa all utilizzo di strumenti, omologati ai sensi del D. Lgs. 22/2007 (MI-005, MI-006), con

Dettagli

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED

MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED MARCATURA CE DIRETTIVA 97/23 PED (Pressure Equipment Directive) Campo di applicazione La Direttiva si applica alla progettazione, fabbricazione e valutazione di conformità delle attrezzature a pressione

Dettagli

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni

Normativa tecnica e marcatura CE. Sommario. Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni Normativa tecnica e marcatura CE Sommario Documenti Normativi Industria e Marcatura CE Conclusioni 1 Documenti Normativi Finalità ed Uso Finalità Definire lo Stato dell Arte nei rispettivi settori di competenza

Dettagli

Affidabilità & tecnologie Scenari e strumenti nella misura del gas naturale

Affidabilità & tecnologie Scenari e strumenti nella misura del gas naturale Affidabilità & tecnologie Scenari e strumenti nella misura del gas naturale Aspetti legislativi verso una normativa a misura del cittadino Torino, Lingotto Fiere 16 17 aprile 2014 8 edizione Fiera Internazionale

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

ELENCO DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALL UFFICIO METRICO

ELENCO DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALL UFFICIO METRICO ELENCO DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALL UFFICIO METRICO Al fine di ottemperare agli obblighi di trasparenza imposti con l articolo 25 del D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33, si riportano sinteticamente

Dettagli

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2

Autore: Flavio Banfi Organizzazione: ITALCERT S.r.l. Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto 2 Convegno: SEMINARIO AICQ SICEV SICEP 20 maggio 2011 Intervento: Valutatori per la Certificazione CE di prodotto Autore: Flavio Banfi Direttore Tecnico ITALCERT S.r.l. ITALCERT : Certificazione sistemi

Dettagli

Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE. Traduzione italiana a cura di AssoAscensori

Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE. Traduzione italiana a cura di AssoAscensori Guida all applicazione della direttiva ascensori 95/16/CE Traduzione italiana a cura di AssoAscensori Indice Introduzione................................................................. pag. 8 Preambolo

Dettagli

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A,

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A, ',5(77,9$&(('(/&216,*/,2GHOOXJOLR FKH PRGLILFD OH GLUHWWLYH GHO &RQVLJOLR &(( UHFLSLHQWL VHPSOLFL D SUHVVLRQH &(( VLFXUH]]D GHL JLRFDWWROL &(( SURGRWWL GD FRVWUX]LRQH &(( FRPSDWLELOLWj HOHWWURPDJQHWLFD

Dettagli

Sistemi di contabilizzazione del calore

Sistemi di contabilizzazione del calore Sistemi di contabilizzazione del calore Soluzioni per il comfort e il risparmio energetico Answers for infrastructure. Regolare il comfort dell appartamento pagando per quel che si consuma Negli ultimi

Dettagli

Contabilizzazione del calore. La proposta Siemens

Contabilizzazione del calore. La proposta Siemens Contabilizzazione del calore La proposta Siemens For internal use only / Copyright Siemens AG 2006. All rights reserved. Indice Perché contabilizzare Cenni sulle normative Tipologie d applicazione Principali

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA Ai sensi dell art. 14 comma 2 D.L. 9.2.2012 n. 5, convertito dalla L. 4.4.2012 n. 35, è pubblicata la seguente lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese operanti nella circoscrizione territoriale

Dettagli

Sono elencate alcune competenze camerali che comportano controlli presso le imprese, con i criteri e le modalità di svolgimento dei sopralluoghi.

Sono elencate alcune competenze camerali che comportano controlli presso le imprese, con i criteri e le modalità di svolgimento dei sopralluoghi. Lista dei controlli alle imprese effettuati dalla Camera di commercio di Torino Area Tutela del Mercato e della Fede Pubblica (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile

Dettagli

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano Pubblica CCIAA Milano La competenza Le funzioni di autorità di vigilanza per il controllo della conformità dei giocattoli alle disposizioni del presente decreto legislativo sono svolte dal Ministero dello

Dettagli

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI CAPITOLO I Campo di applicazione - Commercializzazione e libera circolazione Art. 1-1. La

Dettagli

ATTREZZATURE A PRESSIONE

ATTREZZATURE A PRESSIONE ATTREZZATURE A PRESSIONE (DIRETTIVA PED) Direttiva 97/23/CE recepita con D. Lgs. 25 Febbraio 2000, n. 93 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLOGNA Camera dell Economia ATTREZZATURE

Dettagli

CERTIFICAZIONE PRODOTTO Regolamento particolare per il rilascio di certificazione ai sensi della Direttiva 2004/108/CE

CERTIFICAZIONE PRODOTTO Regolamento particolare per il rilascio di certificazione ai sensi della Direttiva 2004/108/CE Regolamento particolare per il rilascio di certificazione ai REG_PART_2004_108 Edizione 1.0 10/12/2014 Redazione/Funzione Approvazione/Funzione F. Barbieri / Resp. Area Certificazione V. La Fragola / Direttore

Dettagli

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete I dispositivi di interfaccia con la rete ENEL di distribuzione in bassa tensione devono essere sottoposti ad una procedura di approvazione.

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione.

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Direttiva Macchine 2006/42/CE Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Fonte: Guida Ufficiale Commissione europea Direttiva macchine 2006/42/CE Ed. 2010 Dati fabbricante La ragione sociale

Dettagli

DEFINIZIONI INDISPENSABILI

DEFINIZIONI INDISPENSABILI 1 DEFINIZIONI INDISPENSABILI Preimballaggio Per imballaggio preconfezionato, o preimballaggio, si intende l insieme del prodotto e dell imballaggio nel quale è confezionato. Possiamo affermare quindi che

Dettagli

Il Punto di vista dell Organismo notificato

Il Punto di vista dell Organismo notificato Il Punto di vista dell Organismo notificato II Conferenza Nazionale dei Dispositivi Medici 17/19 Marzo 2008 - Villa Erba - Cernobbio Relatore: Gabriele Lualdi - Istituto di Ricerche e Collaudi M. Masini

Dettagli

CONTATORI DEL GAS E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE DEL VOLUME

CONTATORI DEL GAS E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE DEL VOLUME Allegati Specifici - Allegato MI-002 CONTATORI DEL GAS E DISPOSITIVI DI CONVERSIONE DEL VOLUME Ai contatori del gas e ai dispositivi di conversione del volume descritti qui di seguito, destinati ad essere

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione OGGETTO: CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 134 Operativa Attività Produttive. D.lgs 11 Aprile 2011 n. 54 recante Attuazione

Dettagli

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Torino 21-23 marzo 2006 ABAG SRL http:// www.abag.it 1 CONSIDERAZIONI GENERALI E DEFINIZIONI cos'è la marcatura ce chi ne va soggetto e quali direttive occorre

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE 30.5.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 135/3 REGOLAMENTO (CE) N. 450/2009 DELLA COMMISSIONE del 29 maggio 2009 concernente i materiali attivi e intelligenti destinati a venire a contatto con

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia DISCIPLINARE TECNICO E AMMINISTRATIVO VERIFICAZIONE PERIODICA DI ESECUZIONE DELLA PREMESSA L art. 11 del T.U. delle leggi sui pesi e sulle misure, approvato con R. D. 23 agosto 1890 n. 7088, stabilisce

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS

REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI DI VENDITA NEW WEIGHING EXPERTS SAS 1. CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti condizioni verranno applicate a tutte le offerte emesse dall Organismo Notificato NWE. L O.N. offre

Dettagli

I fabbricanti tra norme, controlli verifiche e realtà di mercato

I fabbricanti tra norme, controlli verifiche e realtà di mercato ACISM I fabbricanti tra norme, controlli verifiche e realtà di mercato Torino, 17 aprile 2014 Federata Aprile 2014 1 All origine un ritardo storico da recuperare C era una volta - 1890: I pesi e le misure

Dettagli

PROCEDURE DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITA : DIRETTIVA DI BASSA TENSIONE

PROCEDURE DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITA : DIRETTIVA DI BASSA TENSIONE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITA : DIRETTIVA DI BASSA TENSIONE NOTA : presentazione realizzata a scopo didattico 1 LA PROCEDURA PREVEDE 3 ELEMENTI : -DOCUMENTAZIONE TECNICA -DICHIARAZIONE DI CONFORMITA

Dettagli

Direttiva PED 97/23/CE

Direttiva PED 97/23/CE Direttiva PED 97/23/CE La Direttiva Attrezzature a Pressione, 97/23/CE, comunemente nota come Direttiva PED, è una direttiva emanata dall Unione Europea, recepita in Italia con il D.Lgs N. 93/2000. Essa

Dettagli

Commissione europea Imprese e industria. La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo!

Commissione europea Imprese e industria. La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo! Commissione europea Imprese e industria La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo! Sommario Che cosa rappresenta la marcatura CE? Che cosa rappresenta la marcatura CE? 3 Obblighi dei fabbricanti

Dettagli

TARATURA & CERTIFICAZIONE

TARATURA & CERTIFICAZIONE A CERT TARATURA & CERTIFICAZIONE EU Notified Body n 2166 MID Measuring Instruments Directive DIRETTIVA 2004/22/CE Guida per la messa in circolazione degli strumenti di misura Direttiva 2004/22/CE relativa

Dettagli

MI-005 2 2007, 22 ( GU

MI-005 2 2007, 22 ( GU Ministero dello Sviluppo Economico Direttiva 4 agosto 2011 - Indirizzo e coordinamento tecnico in materia di controlli successivi sui distributori di carburanti (eccetto i gas liquefatti) di cui all allegato

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

Qualità e certificazioni

Qualità e certificazioni 13 Qualità e certificazioni 13.1 La certificazione di qualità La qualità è intesa come l insieme delle caratteristiche di un entità materiale (prodotto) o immateriale (servizio) che le conferiscono la

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI

LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI LE DIRETTIVE EUROPEE ED IL RUOLO DEGLI ORGANISMI BERGAMO, 20.12.2005 Relatore: dott. ing. Pier Alberto Frighi DIRETTIVE EUROPEE SETTORIALI Documenti promulgati dal Legislatore europeo per gamma di prodotti,

Dettagli

Legge 18 ottobre 1977, n. 791.

Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità europee (n 73/23/CEE) relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere

Dettagli

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO Pag. 1 / 6 1 MODIFICHE 2 PREMESSA 3 DEFINIZIONI SOMMARIO 4 PRINCPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO 5 MESSA IN SERVIZIO E UTILIZZO 6 INDICAZIONI PER UN CORRETTO ACQUISTO 7 SICUREZZA E MARCATURA CE 8 PROTOTIPI

Dettagli

DIRETTIVA 2014/32/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2014/32/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 96/149 DIRETTIVA 2014/32/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 concernente l armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri

Dettagli

Roma, 26 ottobre 2004. Prot. n. 3982- MOT2/C

Roma, 26 ottobre 2004. Prot. n. 3982- MOT2/C DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione Generale della Motorizzazione e della Sicurezza del Trasporto Terrestre Roma, 26 ottobre 2004 Prot. n. 3982- MOT2/C

Dettagli

metrologici La metrologia legale in Italia e i controlli metrologici - F. Boni

metrologici La metrologia legale in Italia e i controlli metrologici - F. Boni controlli metrologici 1 1. Metrologia legale. Definizione e obiettivi istituzionali. 1.1. Definizione. La metrologia legale è oggi intesa come l insieme delle disposizioni giuridiche e tecniche che si

Dettagli

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE EN 14342:2005+A1:2008:

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche 941.251 del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti

Dettagli

Certificazione e Marcatura degli Apparecchi a gas per il Riscaldamento

Certificazione e Marcatura degli Apparecchi a gas per il Riscaldamento Incontro AVIEL-UNAE Vicenza 25 giugno 2005 Partner for progress Via Treviso 32/34 I- 31020 SAN VENDEMIANO(TV) Certificazione e Marcatura degli Apparecchi a gas per il Riscaldamento dott. ing. Benvenuto

Dettagli

alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ

alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ La conformità del prodotto alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza Certificazione di

Dettagli

Titolo/Title. Sigla/Reference. Entrata in vigore. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione

Titolo/Title. Sigla/Reference. Entrata in vigore. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Titolo/Title Sigla/Reference APPROCCIO ACCREDIA AGLI ACCREDITAMENTI FINALIZZATI ALLE NOTIFICHE INERENTI LA MARCATURA CE E CONSEGUENTI PRESCRIZIONI PER I CAB RICHIEDENTI TALE TIPOLOGIA DI ACCREDITAMENTO

Dettagli

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager LA SICUREZZA DELLE MACCHINE Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager Le origini della Società CERMET è stato fondato nel 1985 per valorizzare l'immagine dell'azienda

Dettagli

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI COS E LA MARCATURA CE? La marcatura CE, é il principale indicatore della conformità di un prodotto alle normative UE e ne consente la libera commercializzazione entro

Dettagli

Impianti fotovoltaici connessi alla rete

Impianti fotovoltaici connessi alla rete Aspetti tecnici legati alla progettazione e realizzazione di impianti di generazione e alla loro connessione alla rete La Guida CEI 82-25: Guida alla realizzazione di sistemi di generazione fotovoltaica

Dettagli

TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 8

TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 8 1 INFORMAZIONI GENERALI SULL'APPARECCHIATURA 1.01 Tipologia Descrizione, Codice CIVAB 1.02 Modello Descrizione, Codice CIVAB 1.03 Produttore Descrizione, Codice CIVAB 1.04 Codice Capitolato di riferimento

Dettagli

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine La Direttiva Macchine Enti, Norme, Presupposti Il Quadro Normativo Presupposto fondamentale: distinguere subito ed in modo preciso le due grandi famiglie di Norme di riferimento. Le Norme Legislative Le

Dettagli

Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere

Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo con il patrocinio di AICQ Sicilia Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere Palermo, 8-11-2013 c/o Ordine Ingegneri Palermo IL PROCESSO DI RIDUZIONE DEI

Dettagli

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE PREMESSA La parte IV Titolo I artt. da 102 a 113 del Codice del Consumo costituisce il recepimento nazionale della Direttiva

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto Piattaforme di lavoro mobili elevabili

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto Piattaforme di lavoro mobili elevabili FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto Piattaforme di lavoro mobili elevabili FEM Breve guida all identificazione delle piattaforme di lavoro mobili elevabili non conformi 05.2012 (I)

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRELIMINARE. TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 7

SCHEDA TECNICA PRELIMINARE. TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA OFFERENTE: Pagina 1 di 7 1 INFORMAZIONI GENERALI SULL'APPARECCHIATURA 1.01 Tipologia Descrizione, Codice CIVAB 1.02 Modello Descrizione, Codice CIVAB 1.03 Produttore Descrizione, Codice CIVAB 1.04 Numero Identificativo di iscrizione

Dettagli

SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5

SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5 SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5 Il presente documento è di proprietà intellettuale della società ENEL DISTRIBUZIONE S.p.A. ; ogni riproduzione o divulgazione dello stesso dovrà avvenire con la preventiva

Dettagli

Indice. 2 - Le norme. Introduzione pag. 12

Indice. 2 - Le norme. Introduzione pag. 12 Indice 2 - Le norme Introduzione pag. 12 11 Le norme Introduzione Gli impianti elettrici di bassa tensione sono regolamentati da un insieme di testi che hanno l obiettivo di definire le misure per la protezione

Dettagli

Gazzetta ufficiale n. L 247 del 21/09/2007 pag. 0017-0020

Gazzetta ufficiale n. L 247 del 21/09/2007 pag. 0017-0020 Avviso legale importante Direttiva 2007/45/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 settembre 2007, che reca disposizioni sulle quantità nominali dei prodotti preconfezionati, abroga le direttive

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

sui requisiti relativi alle marcature di verificazione e alla loro applicazione

sui requisiti relativi alle marcature di verificazione e alla loro applicazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di metrologia METAS Direttive sui requisiti relativi alle marcature di verificazione e alla loro applicazione del 1 luglio 2010 L Ufficio

Dettagli

prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004

prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004 Dipartimento dei Trasporti Terrestri e per i Sistemi Informativi e Statistici prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004 Oggetto : Circolare - decreto ministeriale 30 dicembre 2003, relativo alle caratteristiche

Dettagli

di impianti e macchinari sicuri

di impianti e macchinari sicuri La nuova direttiva macchine 2006/42/CE Un nuovo approccio metodologico alla progettazione e costruzione di impianti e macchinari sicuri 1 Recepimento e D.Lgs 27 gennaio 2010, n. 17-6 Marzo 2010: entrata

Dettagli

Influenza del Sunny Central sulla ricezione radio e TV

Influenza del Sunny Central sulla ricezione radio e TV Influenza del Sunny Central sulla ricezione radio e TV per tutti gli impianti solari dotati di SUNNY CENTRAL Contenuto Ogni apparecchio elettrico genera un campo elettromagnetico. Pertanto, gli inverter

Dettagli

Certificazioni & Collaudi S.r.l.

Certificazioni & Collaudi S.r.l. Il presente documento è stato emesso dalla Direzione Generale il 08/05/2015. L originale firmato è conservato presso l ufficio del Responsabile Gestione Qualità INDICE GENERALE 1. SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

SCHEDA 3 I giocattoli

SCHEDA 3 I giocattoli SCHEDA 3 I giocattoli Normativa di riferimento La normativa di riferimento in materia di giocattoli è molto articolata, poiché consta di leggi nazionali, decreti ministeriali, circolari e direttive CEE.

Dettagli

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067)

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067) Direttiva 96/69/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio dell'8 ottobre 1996 che modifica la direttiva 70/220/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle misure

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione dell energia e della potenza elettriche (OSMisE) del 26 agosto 2015 Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

Le novità introdotte dalle direttive 2014: Materiale Elettrico in Bassa Tensione (LVD) e Compatibilità Elettromagnetica (EMC)

Le novità introdotte dalle direttive 2014: Materiale Elettrico in Bassa Tensione (LVD) e Compatibilità Elettromagnetica (EMC) Le nuove direttive 2014 - Bassa Tensione, Compatibilità Elettromagnetica, Apparecchiature Radio e terminali di telecomunicazione - Cosa cambia per la marcatura CE 17 Settembre 2014 Le novità introdotte

Dettagli

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL)

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) 9 febbraio 2010 Ing. Fabio DATTILO Direttore Centrale della Direzione Centrale per

Dettagli

Ciclo di 8 corsi su: Direttive di prodotto europee

Ciclo di 8 corsi su: Direttive di prodotto europee Ordine degli Ingegneri della provincia di Brescia Commissione Industriale Organizza un: Ciclo di 8 corsi su: Direttive di prodotto europee presso la sede dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

Q uando fai la spesa e sullo scaffale

Q uando fai la spesa e sullo scaffale L etichettatura L etichettatura I PRODOTTI PRECONFEZIONATI Q uando fai la spesa e sullo scaffale trovi confezioni di pasta, detersivi, tonno, shampoo, bottiglie di vino, olio, acqua etc., stai comprando

Dettagli

MACCHINE E ATTREZZATURE

MACCHINE E ATTREZZATURE MACCHINE E ATTREZZATURE EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE Direttiva 2000/14/CE recepita con D. Lgs. 4 Settembre 2002, n. 262 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI BOLOGNA Camera dell Economia

Dettagli

Prot. n. 3982- MOT2/C AL CSRPAD ROMA AI CPA LORO SEDI. Agli Uffici Periferici del DTT LORO SEDI. Alla FEDERCHIMICA Via Giovanni da PROCIDA, 11 MILANO

Prot. n. 3982- MOT2/C AL CSRPAD ROMA AI CPA LORO SEDI. Agli Uffici Periferici del DTT LORO SEDI. Alla FEDERCHIMICA Via Giovanni da PROCIDA, 11 MILANO DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione Generale della Motorizzazione e della Sicurezza del Trasporto Terrestre Roma, 26 ottobre 2004 Prot. n. 3982- MOT2/C

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale.

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale. Riiepiillogo delllla normatiiva speciifiica per ii Montascalle e lle Piiattaforme ellevatriicii LEGGE 13/89 La prima legge italiana emessa riguardante specificatamente l abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli