VERBALE ASSEMBLEA NAZIONALE 2011 MOTO 1/5 RC

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE ASSEMBLEA NAZIONALE 2011 MOTO 1/5 RC"

Transcript

1 VERBALE ASSEMBLEA NAZIONALE 2011 MOTO 1/5 RC Ratifiche nuove regole Attività Sportiva Nazionale 2012 Relatore: Massimiliano Cerquetani

2 Il giorno 24 settembre dell anno 2011, presso la pista Futura, sita in Via Romita 2/2 Bologna, si è svolta, a partire dalle ore 18:32, l Assemblea Nazionale Moto 1/5 RC aperta alle categorie Nitrobike, Superbike e Stockbike. Verificata la regolarità della convocazione ed essendo validi i presupposti per la seconda convocazione, in quanto la prima convocazione era andata deserta, vengono regolarmente aperti i lavori della stessa con il seguente Ordine del Giorno 1 : 1. Saluto del Responsabile Nazionale Moto 1/5 RC in carica; 2. Analisi e considerazioni Attività Nazionale Sportiva del C.I. Moto 1/5 RC dell'anno Sportivo 2011; 3. Presentazione e approvazione Bilancio Consuntivo 2011; 4. Dimissioni del Responsabile Nazionale Moto 1/5 RC 2011 ed acquisizione delle nuove candidature (con relativo programma) per l'anno Sportivo 2012; 5. Elezione o conferma del Responsabile Nazionale Moto 1/5 RC per l'anno 2012; 6. Presentazione Programma organizzazione 2012; 7. Presentazione Calendario Sportivo 2012: verranno scelte per votazione le 3 piste oggetto del C.I. Moto 2012; 8. Varie ed eventuali. Il Responsabile Nazionale Moto 1/5 RC Massimiliano Cerquetani, ricoprendo anche la carica di Presidente dell Assemblea, verbalizza quanto segue: Responsabile Nazionale Moto 1/5 RC o Massimiliano Cerquetani: Dirigente. Commissione Sportiva Moto 1/5 RC o Massimiliano Ciccacci: Rappresentante Piloti Nitrobike Centro e Sud Italia; o Michele Repetati: Rappresentante Piloti Superbike Centro e Nord Italia; o Marco Verna: Rappresentante Piloti Superbike Nord Italia. Piloti Tesserati Moto 1/5 RC o Vito Zizzi; o Andrea Ottina; o Mauro Cavallari; o Moreno Benevenuto; o Antonio Vantaggio; o Alberto Albanese; o Luca Tramelli; o Simone Nascosti; o Gianluca Boselli; o Marco Giovannini; o Gianni Zonzini; o Marino Serafini; o Alessandro Cannone; o Paolo Ognibene; o Sandro Piangatelli; o Daniele Perfetti; 1 Da questo momento in poi sarà indicato con l acronimo OdG. 1

3 o Andrea Presciutti; o Dario Costi; o Antonio Rubino; o Mario Farina; o Andrea Selva; o Vito Masi; o Massimiliano Nardi; o Nicola Polverino; o Marco Papotti. Si iniziano i lavori dell Assemblea. PUNTO 1 ODG Si parte con l analisi dell OdG dove Cerquetani dapprima saluta tutti i Piloti presenti, componenti l Assemblea, comunicando altresì agli stessi che l intera Seduta sarà corredata da relazioni cartacee con lo scopo di rendere più semplice l audizione dello stesso, semplificando, inoltre, l intuizione da parte degli uditori. PUNTO 2 ODG Successivamente il Responsabile Nazionale Moto 2 Cerquetani invita tutti gli intervenuti a prendere visione del documento intitolato: Relazione Attività Nazionale 2011 Moto 1/5 RC, nella quale viene mostrato, con tabelle numeriche, corredate da semplici grafici ad istogrammi e corrispondenti spiegazioni, l andamento qualitativo ed analitico di come si è sviluppata l intera Attività Nazionale Sportiva Moto 1/5 RC appena conclusasi, confrontandola, altresì, con le varie ANS precedenti, prendendo in esame il quinquennio: Per un maggiore approfondimento si rimanda il lettore alla visione dell Allegato B. PUNTO 3 ODG Eseguita la sintesi dell ANS 2011, l RN Cerquetani passa all analisi sistematica, con relativa approvazione, del Bilancio Consuntivo 2011 (vedere Allegato A), dove sono state messe in luce tutte le entrate e le uscite gestite dallo stesso RN durante l anno solare 2011, organizzando al meglio l ANS appena terminato, dando maggiore spessore al Campionato Italiano Moto e gestendo inoltre, eventuali spese impreviste. Tuttavia, lo stesso Cerquetani ha dichiarato ai presenti all Assemblea che colui che desidera avere maggiore trasparenza sulle entrate/uscite può chiedere in un qualsivoglia momento la visione delle fatture/scontrini relative alle spese affrontate dallo stesso. Infine, l RN Cerquetani chiede a tutti i presenti l approvazione del Bilancio Consuntivo dichiarando altresì di mantenere le stesse quote (Tessera Pilota e Quota di Competenza percepita dalle iscrizioni) e la maggior parte delle spese, anche per l ANS Lo stesso viene approvato all unanimità e firmato dai presenti della Commissione Sportiva Moto. 2 Da questo momento in poi sarà indicato con l acronimo RN. 3 Da questo momento in poi sarà indicato con l acronimo ANS. 2

4 Nota anacronistica 1: a margine dell Allegato A del Bilancio Consuntivo, colonna evidenziata in colore arancione chiaro, è mostrato il residuo di cassa pari ad 15,00. Dal momento che l RN aveva congelato 150,00 del Fondo Cassa Piloti per il saldo di eventuali premi modellistici (vedere sempre la colonna intitolata Spese Fondo C.) i quali sarebbero stati consegnati durante la chiusura della 3 Prova di C.I., lo stesso non ha più dovuto estinguere gli 150,00 per i suddetti premi dal momento che gli sponsor TRD Moto, Nuova Faor e RGevolution hanno consegnato i sopraccitati all RN a titolo gratuito. Pertanto, il residuo di fondo cassa si arricchisce portandosi ad 165,00 netti che verranno impiegati per l ANS Di conseguenza, nel 2011 la saturazione del Fondo Cassa è in attivo e non nulla. PUNTO 4 ODG L RN Cerquetani, rivolgendosi ai presenti dell Assemblea dichiara che il suo mandato è in scadenza poiché a cadenza annuale e chiede altresì, ai presenti l Assemblea, se c è qualcuno che desidera candidarsi al ruolo di RN per l ANS L RN Cerquetani indaga e registra che da parte dei presenti non v è nessun candidato favorito o autocandidato intenzionale per ricoprire la carica suddetta. PUNTO 5 ODG L RN Cerquetani dimissionario comunica ai presenti che ha intenzione di candidarsi per l esercizio dell RN Moto Inoltre, lo stesso decide di eseguire la votazione per alzata di mano dichiarando altresì che la vittoria alla elezione potrà essere raggiunta se e soltanto se i voti favorevoli sono maggiori oppure uguali alla maggioranza assoluta: 28 presenti, maggioranza assoluta 15 voti. L Assemblea dei Piloti tesserati Moto 2011 vota all unanimità assoluta la conferma del ruolo di Responsabile Nazionale Moto 1/5 RC per l Attività Nazionale Sportiva 2012, Massimiliano Cerquetani. L RN Cerquetani ringrazia tutti i presenti per la fiducia riposta. PUNTO 6 ODG Al termine delle votazioni l RN Cerquetani, invita tutti i presenti a prendere lettura del fascicolo contenente tutte le proposte, pervenute dai Piloti tesserati, le quali sono state catalogate e suddivise per categoria, dallo stesso, per ratificarle oppure abrogarle in modo più rapido. Qui di seguito sono state elencate solo le proposte ratificate dall Assemblea le quali entreranno in vigore a partire dal 1 gennaio 2012 modificando, altresì, il Regolamento Sportivo Nazionale Moto 1/5 RC Il Regolamento Sportivo Nazionale 1/5 RC 2012 revisionato sarà reso pubblico durante il mese di gennaio Settore Sportivo, Disciplinare e Tecnico 1) Eliminazione dei Finalisti Diretti nelle 3 categorie riconosciute dall Assemblea Nazionale: a partire dalla prima prova di Campionato Italiano , la composizione della Finale sarà analoga al Regolamento del Mondiale Moto ovvero: 4 Da questo momento in poi sarà indicato con l acronimo C.I.. 3

5 i) Nitrobike: dalle Semifinali, con pista per entrambi le fasi (A e B) dichiarata asciutta dal Direttore di Gara, andranno a completare la griglia della Finale i primi quattro, 4, classificati delle due Semifinali A e B più i due, 2, migliori punteggi 5 delle Semifinali A e B; con pista dichiarata bagnata, in una o entrambe le Semifinali A e B, accederanno in finale i primi cinque, 5, classificati delle due Semifinali incrociando i piazzamenti delle stesse: 1A, 1B, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A ecc; ii) Superbike e Stockbike: dalle Semifinali, con pista per entrambi le fasi (A e B) dichiarata asciutta dal Direttore di Gara, andranno a completare la griglia della Finale i primi quattro, 4, classificati delle due Semifinali A e B più i due, 2, migliori punteggi 6 delle Semifinali A e B; con pista dichiarata bagnata, in una o entrambe le Semifinali A e B, accederanno in finale i primi cinque, 5, classificati delle due Semifinali incrociando i piazzamenti delle stesse: 1A, 1B, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A ecc. 2) Abrogazione della somma aritmetica giri/tempi nelle fasi finali: Nel C.I non si eseguiranno più le somme aritmetiche dei giri e dei tempi nelle fasi finali (Semifinali A e B e Finali A, B e C), ma si impiegherà la procedura adottata nel Campionato Mondiale Moto GP. Pertanto, ogni qual volta che la fase finale di una qualsivoglia categoria sarà portata a termine, verrà stilata una classifica generale parziale 7, sistema Round By Round, relativa alla manche stessa; la classifica così ottenuta darà luogo all assegnazione di un punteggio per ogni concorrente (la tabella dei punti da applicare è al vaglio della Commissione Sportiva). Ovvero, per ogni manche relativa alla fase di gara, si assegnerà un punteggio in base alla posizione raggiunta, non eseguendo più de facto la somma aritmetica dei giri/tempi realizzati in ciascuna manche. Dalla classifica ottenuta con questo nuovo sistema si preleveranno i Piloti, dalle due Semifinali, per comporre la Finale (chiamata Gara) nel quale verrà adottato sempre il sistema Round By Round. Infine, per la determinazione della Classifica Generale a Punti della Prova del C.I. si eseguirà dapprima la somma aritmetica dei punti acquisiti in ciascuna Finale e, attraverso la stessa, si assegneranno i punti come da tabella riportata nell art del Regolamento Nazionale Sportivo Moto i) Punteggio non cumulativo: il punteggio ottenuto dalle tre Finali (dette Gara 1, Gara 2 e Gara 3) non sono cumulativi con il punteggio riportato in tabella del Regolamento Sportivo Nazionale Moto 1/5 RC; ii) Parità di punteggio: in caso di parità di punteggio tra due Piloti verrà preso in considerazione il miglior punteggio nelle 2 Semifinali (rispettivamente 3 Finali), in caso di ulteriore parità si considererà il numero dei giri ed il tempo della migliore Semifinale (rispettivamente Finale) da entrambi disputata. Qualora si riscontrasse una permanente parità fra i due Piloti in oggetto, la stessa si risolverà prendendo in considerazione il secondo miglior risultato della Semifinale (rispettivamente Finale) confrontando i giri ed il tempo realizzato (modalità EFRA RC/E); iii) Manche di qualifica: le modalità delle manche di qualifica sono analoghe a quelle impiegate nel C.I. Moto Pertanto, la composizione delle due Semifinali (A e B) sarà sempre realizzata prendendo in esame la migliore prestazione conseguita. 5 Qualora si riscontrasse una parità di punteggio fra due Piloti si rimanda la lettura al capoverso 2) punto ii). 6 Qualora si riscontrasse una parità di punteggio fra due Piloti si rimanda la lettura al capoverso 2) punto ii). 7 Da non confondersi con la Classifica Generale a Punti relativa alla Prova di C.I.. 4

6 3) Durata delle manche di qualifica e delle fasi finali: per dare maggiore spessore e differenza, tra le manche di qualifica e le fasi finali di ogni categoria, le stesse avranno i seguenti tempi: i) Durata batterie di qualifica: 8 minuti; ii) Durata fasi finali: 10 minuti. 4) Numero manche di qualifica e loro distribuzione in una prova di C.I.: a seguito dell elevato numero dei Piloti che si è presentato mediamente durante la giornata di sabato di una Prova di C.I. (stimato nel C.I nella media del 94,5% per ogni prova) l Assemblea ha deciso, con il desiderio di anticipare i tempi di chiusura della prova di CI o di svolgere la stessa con tempi non più serrati, di far sostenere due, 2, manche di qualifica nel pomeriggio della giornata di sabato e due, 2, manche di qualifica nella mattinata di domenica. Tuttavia, nella giornata di sabato, per garantire ai Piloti presenti la possibilità di provare, durante le sessioni di prove libere, la moto e di conoscere il tracciato teatro della Prova di C.I., non si chiuderà la stessa durante la pausa pranzo e si eliminerà la sessione delle prove cronometrate. In questo ultimo caso, la composizione delle batterie provvisorie di qualifica, per la 1 Prova di C.I. 2012, sarà composta avvalendosi della classifica del C.I Mentre, nelle successive prove si farà uso della classifica parziale della prova di C.I precedente. 5) Numero di prove per il C.I. Moto 2012: stante la presenza del Warm-Up Moto 1/5 RC e del Campionato Mondiale Moto 1/5 RC, dove questo ultimo si terrà in prossimità della seconda metà del mese di agosto sulla pista RoadRace di Riccione, si è deciso, per non aumentare troppo le spese di partecipazione di un intero C.I., di svolgere, lungo il territorio nazionale, solamente tre, 3, prove di C.I. senza scarto. Settore Stockbike 1) Stockbike nel C.I. 2012: tenuto conto dell autonomia dimostrata dai Piloti della categoria Stockbike nell ANS 2011, si veda il punto 3 di pag. 6 dell Allegato A, l Assemblea ha deliberato che a partire dal prossimo anno non sarà più imposto il vincolo minimo di sei, 6, Piloti partecipanti per ammettere alla prova la medesima categoria. Pertanto, la categoria Superbike godrà di piena autonomia come le oramai indipendenti categorie Nitrobike e Superbike. 2) Regolamentazione sotto il profilo tecnico: la categoria Stockbike per l AN 2012 è obbligata ad adottare solo il motore (Speed Passion 1/10 Competition MMM series 13.5R Brushless Motor) e l ESC (Speed Passion Cirtix Stock Club Race ESC) decisi all AGM 8 del WC di Lostallo Pertanto, tutte le altre fiche elettroniche, meccaniche e geometriche saranno vincolate sempre dal Regolamento Nazionale Sportivo Moto 1/5 RC 2011 e non dal Regolamento del Mondiale 1/5 RC. Settore proposte varie 1) Utilizzo dei portali e per eventuali comunicazioni inerenti al C.I. in corso: a partire dal prossimo anno le comunicazioni inerenti all ANS 2012, saranno eseguite facendo uso dei due forum di moto modellismo principali e presenti sul territorio nazionale, ovvero quello gestito dal Pilota Rolando Tradii e dal Pilota Antonio Vantaggio. 8 Annual General Meeting dei Team Manager nazionali che si tiene ad ogni Campionato Mondiale Moto 1/5 RC. 5

7 2) Introduzione della nuova categoria Motard nelle prove di C.I : come si è trattato diffusamente per la categoria Stockbike nel C.I. 2011, nelle prove di C.I sarà introdotta a scopo sperimentale la categoria Motard nelle scale 1/4 ed 1/5, equipaggiandola in obbligo con ruote slick. Inoltre, le batterie di qualifica saranno composte da Motard nelle scale miste 1/4 ed 1/5 ed i Piloti, per partecipare ad una prova di C.I. dovranno rispettare le norme presenti nell art. 3.1 del Regolamento Nazionale Sportivo Moto. Infine, si valuterà o meno di applicare una sorta di regolamentazione base alle fiches meccaniche, elettriche e dimensionali 10. PUNTO 7 ODG 1) Impianti scelti per il C.I Moto 1/5 RC: dalle primarie eseguite da ciascun Pilota presente alla 3 Prova di C.I. di Bologna (vedere Allegato C) si è eseguiti una ulteriore votazione per prelevare, dai cinque impianti che hanno avuto il maggior numero di consensi, le tre, 3, piste che ospiteranno una prova singola di C.I. Moto nell anno solare Le piste in oggetto, scritte solo in ordine alfabetico e non temporale, sono: i) Pista Futura, Bologna (Bo), Emilia Romagna; ii) Pista Gianni Marchese, Acquaviva delle Fonti, Bari (Ba), Puglia; iii) Pista La Scintilla, Rieti (Ri), Lazio. Le date e la cadenza delle prove saranno decise dall'rn Cerquetani immediatamente dopo la pubblicazione del Calendario Nazionale Sportivo AMSCI/EFRA 2012 dove questo ultimo, verrà pubblicato come prima bozza, nella prima decade del mese di dicembre PUNTO 8 ODG Nota anacronistica 2: a seguito di quanto accaduto nella Finale A Superbike, durante la 3 Prova di C.I. Moto 1/5 RC sulla pista Futura di Bologna, nel quale si è registrati una condotta antisportiva assunta dal Pilota Marco Verna nei confronti del Pilota Gianni Zonzini, il RN in carica ha deliberato che il Pilota Marco Verna, sia penalizzato con una riduzione di sei, 6, punti dalla Classifica Generale del CI, che gli verranno sottratti alla prima prova di Campionato Italiano Moto 1/5 RC 2012, che il suddetto intenderà partecipare. Inoltre, lo stesso Pilota Verna sarà osservato con maggiore attenzione da parte del RN, in tutte le prove di CI 2012 da lui sostenute, al fine di verificare il rispetto "rigoroso" degli artt e del Regolamento Disciplinare Moto RC. Qualora questo vincolo non dovesse essere garantito dal Pilota Verna, l RN delibererà il giusto provvedimento da adottare secondo gli artt e del Regolamento di Gara. Nota anacronistica 3: al termine dell Assemblea Nazionale Moto, l RN nei giorni dedicati alla 3 Prova di C.I. si è consultato con i singoli componenti della Commissione Sportiva Moto per sapere se intendevano confermare la loro carica all interno della stessa oppure dimettersi. Fra i componenti attualmente riconosciuti solamente il Pilota Marco Verna ha dichiarato di uscire dalla 9 Sebbene questa categoria, rispetto alle altre classi, riconosciute dal Regolamento Sportivo Nazionale, è totalmente nuova nel suo genere, entro la fine dell anno solare 2011, l RN, insieme alla Commissione Sportiva Moto, valuteranno con esattezza il numero delle manche di qualifica da far disputare ai concorrenti possessori delle Motard, in virtù del fatto che il numero delle manche di qualifica sono distribuite tra il sabato e la domenica. 10 L RN, assieme alla Commissione Sportiva Moto, cercheranno, consultandosi con gli operatori del settore, di realizzare, una semplice bozza di regolamentazione della categoria sperimentale Motard, sotto il profilo tecnico. 6

8 Commissione poiché non più interessato al suddetto ruolo. Pertanto, l RN ha deciso di far ricoprire il posto lasciato vuoto dal Pilota Verna, al Pilota Giacomo Mazzotta. Pertanto, la Commissione Sportiva Moto 1/5 RC del 2012 è ivi composta: 1. Massimiliano Ciccacci: Rappresentante Piloti Nitrobike Centro Sud e Sud d Italia; 2. Rolando Tradii: Rappresentante Piloti Nitrobike Centro Nord e Nord Italia; 3. Giacomo Mazzotta: Rappresentante Piloti Stockbike e Superbike Centro Sud e Sud d Italia; 4. Michele Repetati: Rappresentante Piloti Superbike Centro e Nord d Italia; 5. Andrea Baroni: Rappresentante Piloti Superbike Centro e Nord d Italia. 1) Organi della Sezione Moto 1/5 RC: sono organi della Sezione Moto 1/5 RC a. L Assemblea Nazionale dei Piloti Moto 1/5 RC; b. Il Responsabile Nazionale Moto 1/5 RC; c. La Commissione Sportiva Moto 1/5 RC; d. I Rappresentanti di Categoria Moto 1/5 RC. Non essendoci ulteriori punti o proposte dell OdG da esaminare nell Assemblea Nazionale in corso, alle ore 20:23, l RN Cerquetani ringrazia tutti i presenti e dichiara chiusi i lavori. 7

1/10 Touring EP Outdoor

1/10 Touring EP Outdoor PROGRAMMA GARA Definitivo Campionato Italiano 1/10 Touring EP Outdoor 13/14/15 GIUGNO 2014, Pista RME LC di Cassino (Fr) PREMESSA Qui di seguito viene presentato il programma di gara definitivo relativo

Dettagli

COMUNE DI SONA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI SONA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI SONA Provincia di Verona REGOLAMENTO COMUNALE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con Deliberazione C.C. n. 16 del 30/04/2015 1 Indice - Art. 1 Finalità e competenze - Art. 2 - Composizione

Dettagli

PROGRAMMA ATTIVITA SALTO OSTACOLI 2014 (cavalli)

PROGRAMMA ATTIVITA SALTO OSTACOLI 2014 (cavalli) BOZZA del 16 gennaio 2014 PROGRAMMA ATTIVITA SALTO OSTACOLI 2014 (cavalli) 1. Circuiti Salto Ostacoli FISE Lazio 2. Concorso Ippico Fiera di Roma 2014 3. Progetto Giovani Regionale 4. Team Lazio Giovani

Dettagli

ROTARIADI C.C.R. La nuova versione del regolamento

ROTARIADI C.C.R. La nuova versione del regolamento GRUPPO BRIANZA NORD RRUPPO DEI PARCHI RRUPPO MONZA BRIANZA ROTARIADI C.C.R. La nuova versione del regolamento REGOLAMENTO 2012/2013 1) I SOGGETTI a) I R.C. del Distretto 2040, rappresentati dai Presidenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO

ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO ALLEGATO ALLO STATUTO SOCIALE 05 Marzo 2010 1 PREMESSA Ai sensi dell art. 16 dello Statuto Sociale dell A.I.R.C. (Associazione Italiana Roma Club) è redatto

Dettagli

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 4, 5, 7, 8 dello Statuto regionale del PD Puglia; il regolamento Elettorale dei circoli, delle Unioni cittadine e provinciali.

Dettagli

e, p.c.: Al Comitato di Settore A.S. Agli Ufficiali di Gara Alla Società organizzatrice Allo Staff Tecnico dell Hockey Subacqueo

e, p.c.: Al Comitato di Settore A.S. Agli Ufficiali di Gara Alla Società organizzatrice Allo Staff Tecnico dell Hockey Subacqueo SETTORE TECNICO Attività Subacquee Circ. n 3 Prot.: 779/AA/fs Roma, 29 Gennaio 2015 Alle Società del Settore A.S. Ai Comitati Regionali F.I.P.S.A.S. Ai Comitati Provinciali F.I.P.S.A.S. Ai Delegati Prov.li

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI STATUTO

ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI STATUTO Art. 1 COSTITUZIONE E SEDE E costituita un Associazione denominata: ASSOCIAZIONE AMICI DELLE CASE DI GIACOMO PUCCINI, con sede in Viareggio, Piazza

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 824 del 10 OTTOBRE 1996 PROT. N. 32700 pag. 1

DELIBERAZIONE N. 824 del 10 OTTOBRE 1996 PROT. N. 32700 pag. 1 DELIBERAZIONE N. 824 del 10 OTTOBRE 1996 PROT. N. 32700 pag. 1 OGGETTO: Attivazione delle preselezioni mediante test psico attitudinali per la ammissione dei candidati a taluni concorsi pubblici. Affidamento

Dettagli

GIORNATE GENTLEMEN 2010

GIORNATE GENTLEMEN 2010 GIORNATE GENTLEMEN 200 La corsa di maggiore dotazione della giornata è riservata a cavalli di proprietà. In ognuna delle giornate è istituita una classifica al cui vincitore viene assegnato un trofeo offerto

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. N. 007 del 27.01.2011

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. N. 007 del 27.01.2011 Settore 1 Servizi al Cittadino ed Affari Generali Ufficio Segreteria DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 007 del 27.01.2011 Oggetto: Regolamento per l istituzione ed il funzionamento delle consulte dell

Dettagli

ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE

ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO DI ATENEO A STUDENTI ISCRITTI AI CORSI DI LAUREA, LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E LAUREA MAGISTRALE ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE Visto il Decreto

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO

STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO FINALITÀ E SCOPI Art. 1 L Associazione è costituita al fine di sostenere le scuole aderenti nel raggiungimento dei fini istituzionali

Dettagli

INTRODUZIONE. Il Trofeo 2009

INTRODUZIONE. Il Trofeo 2009 INTRODUZIONE AL Il Trofeo 2009 Il TrofeoDEDACCIAI 2009 è una manifestazione ciclistica a tappe gestita dalla GIROinGIRO SERVIZI e si disputa sotto l egida della e dell Federazione Ciclistica Italiana F.C.I.

Dettagli

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I Denominazione - sede ART. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

REGOLAMENTO GARE stag. 2015

REGOLAMENTO GARE stag. 2015 Mini Autodromo la Valletta REGOLAMENTO GARE stag. 2015 GARA DESCRIZIONE DATA RECUPERO Prima Sociale Seconda Sociale Terza Sociale Quarta Sociale Quinta Sociale CONTATTI: Cellulare Matteo 340/2978946 /

Dettagli

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale Emilia Romagna Commissione Beach Volley INDIZIONE

Federazione Italiana Pallavolo Comitato Regionale Emilia Romagna Commissione Beach Volley INDIZIONE INDIZIONE Circuito Regionale GIOVANILE UNDER 21 di Beach Volley 2014 Fipav Emilia Romagna Pag. 1 Art. 1 Introduzione 1. Il indice, in collaborazione con i Comitati Provinciali della Regione, un Circuito

Dettagli

Regolamento Super Show 2015

Regolamento Super Show 2015 Regolamento Super Show 2015 Art. 1. Chi può partecipare: Sono ammessi all iscrizione della Super Show 2015 i piloti in possesso di licenza agonistica valida per l anno 2015 rilasciata dall'organizzatore

Dettagli

COD. PRATICA: 2015-001-944. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1019 DEL 07/09/2015

COD. PRATICA: 2015-001-944. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1019 DEL 07/09/2015 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1019 DEL 07/09/2015 OGGETTO: L. 23.12.1998, n, 448, art. 27 Indirizzi ai Comuni per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri

Dettagli

Bando di ammissione. ai corsi di laurea in. Beni culturali. Filosofia. Lingue Moderne. Studi storici e filologico-letterari

Bando di ammissione. ai corsi di laurea in. Beni culturali. Filosofia. Lingue Moderne. Studi storici e filologico-letterari Bando di ammissione ai corsi di laurea in Beni culturali Filosofia Lingue Moderne Studi storici e filologico-letterari ANNO ACCADEMICO 2015/2016 Allegato 4 Decreto Rettorale 86 d.d. 02.02.2015 1 Art. 1

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA SAN FAUSTINO INVICTA PALLAVOLO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA SAN FAUSTINO INVICTA PALLAVOLO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA SAN FAUSTINO INVICTA PALLAVOLO ART. 1 COSTITUZIONE E costituita con sede in Modena, Via Giardini 239, una associazione sportiva denominata San Faustino Invicta Pallavolo.

Dettagli

TENNIS TAVOLO 2013-2014

TENNIS TAVOLO 2013-2014 TENNIS TAVOLO 2013-2014 Il Centro Sportivo Italiano, Comitato Provinciale di Milano, in collaborazione con SPORT-ORG snc, organizza l attività 2013/14 di Tennis Tavolo. 1 11 COPPA CSI PROVINCIALE INDIVIDUALE

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA "FURIO DEL FURIA"

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA FURIO DEL FURIA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA "FURIO DEL FURIA" DENOMINAZIONE - SEDE - AFFILIAZIONE - AZIONE -SCOPI Art. 1 Il 01 Gennaio 1977 si costituisce l Associazione Fotografica "Furio Del Furia" con sede

Dettagli

Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015

Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015 Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015 Lo Junior Bike Brescia è un circuito di manifestazioni ludico- sportive NON agonistiche riservate ai giovani e Giovanissimi, organizzato in due gironi distinti :

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190 Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma REA 842633 P. IVA 01114601006 - C.F. 97103880585 Verbale di

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

La Commissione Sportiva Automobilistica Italiana (CSAI) indice le seguenti Coppe CSAI Karting di Zona 2014 :

La Commissione Sportiva Automobilistica Italiana (CSAI) indice le seguenti Coppe CSAI Karting di Zona 2014 : Regolamento Sportivo e Tecnico Coppe CSAI Karting di Zona 2014 (cl. 60 cc. Babykart - cl. 60 cc. Minikart - KF3 KF2 - KZ2 Prodriver Under Prodriver Over) ART. 1 ORGANIZZAZIONE La Commissione Sportiva Automobilistica

Dettagli

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 -TESSERAMENTO GIOCATORI I tesseramenti dei calciatori / dirigenti saranno ammessi fino al 31/12/2012 senza alcuna deroga. I giocatori che non avranno

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO Art. 1 - Istituzione della Consulta Ai sensi dell art. 80 dello Statuto Comunale e deliberazione del C.C. n 55 del 13/11/2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE (Approvato dalla Direzione del 7 Ottobre 2013) PREMESSA Il

Dettagli

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE. 2. L attività dell Associazione

Dettagli

Roma, 12.01.2016 Prot. n. 15. Ai Comitati Regionali AICS Ai Comitati Provinciali AICS Alle Società di Nuoto AICS Loro Sedi

Roma, 12.01.2016 Prot. n. 15. Ai Comitati Regionali AICS Ai Comitati Provinciali AICS Alle Società di Nuoto AICS Loro Sedi Roma, 12.01.2016 Prot. n. 15 Ai Comitati Regionali AICS Ai Comitati Provinciali AICS Alle Società di Nuoto AICS Loro Sedi Oggetto: SWIMMING GAMES AICS E OPEN - RICCIONE - 5-8 MAGGIO 2016 Riccione ospiterà,

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE TITOLO I COSTITUZIONE, SEDE E DURATA Articolo 1 - Costituzione, denominazione e sede E costituita, ai sensi dell art. 36 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata

Dettagli

A.S.D. RUNNING PEOPLE NOICATTARO REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento Interno

A.S.D. RUNNING PEOPLE NOICATTARO REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento Interno 1 Regolamento Interno 2 INDICE ART. 1 FINALITÀ DELL ASSOCIAZIONE pag. 3 ART. 2 TESSERAMENTO pag. 3 ART. 3 QUOTA SOCIALE pag. 4 ART. 4 DIVISA SOCIALE pag. 4 ART. 5 VISITE MEDICHE pag. 4 ART. 6 GARE AGONISTICHE:

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

STATUTO. Associazione Il Larice Club

STATUTO. Associazione Il Larice Club STATUTO Associazione Il Larice Club Art. 1 - L associazione non riconosciuta denominata Associazione IL LARICE CLUB con sede in Carezzate (VA), Via al Lago n.449, è retta dal seguente statuto. La denominazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA Articolo 1. E costituita un Associazione di Promozione Sociale, senza fini di lucro, denominata Il Laghetto Cantone. L Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE DELL 'OSSERVATORIO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO E DELLA CONFERENZA ANNUALE DEL TERZO SETTORE

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE DELL 'OSSERVATORIO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO E DELLA CONFERENZA ANNUALE DEL TERZO SETTORE REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE DELL 'OSSERVATORIO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO E DELLA CONFERENZA ANNUALE DEL TERZO SETTORE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale no 209 del 22 Novembre

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190 Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma REA 842633 P. IVA 01114601006 - C.F. 97103880585 Verbale di

Dettagli

PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE pag. 1 PROCEDURA AD EVIDENZA PUBBLICA, AI SENSI DELL ART. 30 D.LGS. N. 163 DEL 12 APRILE 2006 E S.M.I., PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA DENOMINATA HOSTEL SITO NEL COMPLESSO

Dettagli

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Il Comitato Aziendale Europeo UniCredit Group (CAE UniCredit Group) nella sua seduta del... ha deliberato, secondo quanto previsto dall Accordo del 26.1.2007

Dettagli

TROFEO ASIGOLF 2014 Regolamento 2014

TROFEO ASIGOLF 2014 Regolamento 2014 TROFEO ASIGOLF 2014 Regolamento 2014 Articolo 1 Format del Trofeo 1.1 Il 5 TROFEO ASIGOLF si articola su minimo di 8 gare di qualificazione ad inviti riservate agli associati Asigolf. Le gare con formula

Dettagli

A.S.D. CLUB SPORTIVO SORDI FAENZA E-mail: cssfaenzabowling@hotmail.it Fax: 0546 622392 - Sito internet Bowling: www.cssfaenzabowling.

A.S.D. CLUB SPORTIVO SORDI FAENZA E-mail: cssfaenzabowling@hotmail.it Fax: 0546 622392 - Sito internet Bowling: www.cssfaenzabowling. A.S.D. CLUB SPORTIVO SORDI FAENZA E-mail: cssfaenzabowling@hotmail.it Fax: 0546 622392 - Sito internet Bowling: www.cssfaenzabowling.it FINALE ITALIANA DI COPPA ITALIA E DEL CAMPIONATO ITALIANO F.S.S.I.

Dettagli

Provincia di Varese Circoscrizione 2

Provincia di Varese Circoscrizione 2 C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO Regione Lombardia CONI Comitato di Varese Provincia di Varese Circoscrizione 2 Comune di Varese Camera di Commercio Varese 1) INVITO La Federazione Italiana Canottaggio

Dettagli

CORSO NAZIONALE PER ALLENATORI DI TERZO GRADO Nona Edizione

CORSO NAZIONALE PER ALLENATORI DI TERZO GRADO Nona Edizione FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Settore Tecnico CORSO NAZIONALE PER ALLENATORI DI TERZO GRADO Nona Edizione Stagione Sportiva 2011/2012 BANDO DI AMMISSIONE Il presente Bando contiene le norme di ammissione

Dettagli

Associazione Nazionale tra Imprenditori di Piattaforme di Distribuzione STATUTO SOCIALE. Roma, 22 giugno 2012 INDICE

Associazione Nazionale tra Imprenditori di Piattaforme di Distribuzione STATUTO SOCIALE. Roma, 22 giugno 2012 INDICE Associazione Nazionale tra Imprenditori di Piattaforme di Distribuzione STATUTO SOCIALE Roma, 22 giugno 2012 INDICE Art. 1) Art. 2) Art. 3) Art. 4 ) Art. 5) Art. 6) Art. 7) Art. 8) Art. 9) Art. 10) Art.

Dettagli

4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015

4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015 4 CAMPIONATO NAZIONALE DI VELA DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ITALIA Venezia 27/28/29 settembre 2015 Regate disputate con imbarcazioni a vela monotipo REGOLAMENTO 1 GENERALITÀ Art. 1 Il C.N.I. Consiglio

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte

Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte Sede legale: via Bertoni, 224 Faenza (RA) C.F.: 90033970394 P.I.: 02527530394 www.fattidarteassociazione.it info@fattidarteassociazione.it Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte Sede, costituzione,

Dettagli

REGOLAMENTO 39 EDIZIONE CAMPIONATO PROVINCIALE A SQUADRE SERIE A ANNO 2015 / 2016 ART. 1: COMPOSIZIONE SQUADRE, QUOTA ISCRIZIONE, PREMI, RIMBORSI

REGOLAMENTO 39 EDIZIONE CAMPIONATO PROVINCIALE A SQUADRE SERIE A ANNO 2015 / 2016 ART. 1: COMPOSIZIONE SQUADRE, QUOTA ISCRIZIONE, PREMI, RIMBORSI REGOLAMENTO 39 EDIZIONE CAMPIONATO PROVINCIALE A SQUADRE SERIE A ANNO 2015 / 2016 ART. 1: COMPOSIZIONE SQUADRE, QUOTA ISCRIZIONE, PREMI, RIMBORSI Per l organizzazione e lo svolgimento dei Campionati a

Dettagli

FANTACONO 2013 2014 REGOLAMENTO UFFICIALE

FANTACONO 2013 2014 REGOLAMENTO UFFICIALE FANTACONO 2013 2014 REGOLAMENTO UFFICIALE 1 LA SQUADRA La squadra viene costruita scegliendo 25 giocatori tra quelli delle squadre del campionato di calcio di serie A, elencati nella lista pubblicata dalla

Dettagli

CAMERA PENALE DI RIMINI

CAMERA PENALE DI RIMINI VERBALE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 29.12.2014 Oggi, 07.01.2015 alle ore 18.00 presso lo studio del Presidente, avv. Paolo Gasperoni, in Rimini, via Gambalunga n. 25, sono presenti: Avv. Paolo Gasperoni;

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma

Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190. Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma Poste Italiane S.p.A. Sede legale in Roma Viale Europa, 190 Capitale Sociale 1.306.110.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Roma REA 842633 P. IVA 01114601006 - C.F. 97103880585 Verbale di

Dettagli

2 Torneo Regionale Luciano Benedini Rappresentative Provinciali Allievi fascia B. Partecipano le Delegazioni di:

2 Torneo Regionale Luciano Benedini Rappresentative Provinciali Allievi fascia B. Partecipano le Delegazioni di: F.I.G.C. L.N.D Comitato Regionale Emilia Romagna 2 Torneo Regionale Luciano Benedini Rappresentative Provinciali Allievi fascia B A n n o S p o r t i v o 2 0 1 3-2 0 1 4 Partecipano le Delegazioni di:

Dettagli

CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI del COMUNE di BORGOFORTE STATUTO. Art. 1 COSTITUZIONE E SCOPO

CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI del COMUNE di BORGOFORTE STATUTO. Art. 1 COSTITUZIONE E SCOPO CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI del COMUNE di BORGOFORTE STATUTO Art. 1 COSTITUZIONE E SCOPO 1. E costituita con sede legale a Borgoforte, in via Parmense n.26, la Consulta delle Associazioni del Comune di

Dettagli

Norme partecipazione Campionato Friuli Collinare calcio a 5. Norme partecipazione Campionato Geretti Over 40 calcio a 11

Norme partecipazione Campionato Friuli Collinare calcio a 5. Norme partecipazione Campionato Geretti Over 40 calcio a 11 Lega Calcio Friuli Collinare COMUNICATO UFFICIALE 3 del 24 settembre 2015 STAGIONE 2015/2016 La Normativa 2015/6 costituisce allegato del presente comunicato Modifiche della Normativa Benefici economici

Dettagli

AERO CLUB D'ITALIA. REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE AEROMODELLISMO Cat. F3D VOLO RADIOCOMANDATO VELOCITA'

AERO CLUB D'ITALIA. REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE AEROMODELLISMO Cat. F3D VOLO RADIOCOMANDATO VELOCITA' AERO CLUB D'ITALIA REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE AEROMODELLISMO Cat. F3D VOLO RADIOCOMANDATO VELOCITA' Edizione 2015 PREAMBOLO Per tutto quello che non è esplicitamente scritto nelle pagine seguenti vale

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionato di Promozione 1 CAMPIONATO di PROMOZIONE Regionale Al Campionato di Promozione (ex serie C) maschile 2015 possono iscriversi tutte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI Approvato con deliberazione consiliare n. 34 del 10.10.2008 Art. 1- Istituzione 1. Il Consiglio Comunale di Pontecagnano Faiano aderendo

Dettagli

Seduta plenaria consulta provinciale di Monza e Brianza 19 Dicembre 2011 Seduta n 2 Verbale dei lavori

Seduta plenaria consulta provinciale di Monza e Brianza 19 Dicembre 2011 Seduta n 2 Verbale dei lavori Seduta plenaria consulta provinciale di Monza e Brianza 19 Dicembre 2011 Seduta n 2 Verbale dei lavori Presiede: il presidente Daniele Valli Docente referente: professor Cosimo Scaglione Segretario: assente.

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI Approvato con Delibera dell Amministratore Unico n 164 del

Dettagli

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo STATUTO TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo Articolo 1 - E costituita l associazione senza fini di lucro denominata Information Systems Audit and Control Association (ISACA) Capitolo di Roma, con sede

Dettagli

CIRCOLO SUBACQUEO MANTOVANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO *****

CIRCOLO SUBACQUEO MANTOVANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO ***** CIRCOLO SUBACQUEO MANTOVANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO ***** - Costituzione e scopi della Società. Art. 1. E costituita in Mantova un associazione di appassionati del mondo sommerso

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS Premessa Il Regolamento è un documento interno all'associazione, approvato dal Consiglio Direttivo e da questo modificabile, in ogni momento, con le maggioranze previste

Dettagli

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Art. 1 Denominazione - Oggetto e scopi E costituita la associazione denominata Società Italiana di Diritto ed Economia - SIDE (Italian Society of Law and

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B COMUNICATO UFFICIALE N 07 REGOLAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015. Antonello Valentini

CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B COMUNICATO UFFICIALE N 07 REGOLAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015. Antonello Valentini CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B COMUNICATO UFFICIALE N 07 REGOLAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 Antonello Valentini CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B STAGIONE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS REGOLAMENTO GENERALE Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS Il Consiglio Direttivo (C.D.) dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta (AS.IT.O.I.) propone il presente regolamento

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

Genova Pra 9 10 maggio 2009

Genova Pra 9 10 maggio 2009 Comune di Genova C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO COMITATO REGIONALE LIGURIA 1 - INVITO La Federazione Italiana Canottaggio indice ed il Comitato Regionale Liguria organizza - con il Patrocinio

Dettagli

16º CIRCUITO INTERREGIONALE di NUOTO MASTER STAGIONE SPORTIVA 2015/16

16º CIRCUITO INTERREGIONALE di NUOTO MASTER STAGIONE SPORTIVA 2015/16 Regolamento Circuito regionale Emilia master CSI 2015/2016 CSI Centro Sportivo Italiano Commissione Tecnica Regionale Nuoto 16º CIRCUITO INTERREGIONALE di NUOTO MASTER STAGIONE SPORTIVA 2015/16 1 - Alle

Dettagli

OPEN RALLY CAMPIONATO TOSCANO REGOLAMENTO

OPEN RALLY CAMPIONATO TOSCANO REGOLAMENTO REGOLAMENTO Art. 1 DENOMINAZIONE I Fiduciari e gli ACI della Toscana (indicati in seguito come ORGANIZZAZIONE) indicono ed organizzano, con il patrocinio del CONI Comitato Regionale Toscana e della Regione

Dettagli

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO ART. 1 ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA E costituita un associazione denominata: Associazione Commercianti - Pubblici Esercizi - Attività di Servizi - Ausiliari del Commercio

Dettagli

STATUTO. Dell Associazione di promozione sociale AIUTIAMOCI TUTTI!

STATUTO. Dell Associazione di promozione sociale AIUTIAMOCI TUTTI! STATUTO Dell Associazione di promozione sociale AIUTIAMOCI TUTTI! Articolo 1 Denominazione E costituita l Associazione di promozione sociale denominata AIUTIAMOCI TUTTI! Articolo 2 Sede L Associazione

Dettagli

12/13 SETTEMBRE CAMPO CROSS CAVALLARA

12/13 SETTEMBRE CAMPO CROSS CAVALLARA LEGA MOTOCICLISMO TROFEO ITALIA 2015 HOBBY CROSS MX1 MX2-2 TEMPI 125/250 AMATORI ESPERTI-AGONISTI -2 TEMPI 125/250 EPOCA TUTTE LE CATEGORIE TROFEO DELLE REGIONI AGONISTI ESPERTI AMATORI MX1+MX2 12/13 SETTEMBRE

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITA Art. 1 Costituzione È costituita l Associazione sportiva denominata Associazione Sportiva Dilettantistica

Dettagli

PARTE I Aspetti Generali

PARTE I Aspetti Generali CROCE BLU ASSOCIAZIONE PUBBLICA ASSISTENZA VOLONTARI 33REGOLAMENTO Indice PARTE I Aspetti Generali ART. 1 CONOSCENZA DELLO STATUTO E DEL REGOLAMENTO ART. 2 I SOCI ART. 3 I COLLABORATORI ART. 4 ORGANI E

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

Sono assenti, De Camillo Drusilla, Casano Antonietta, Rago Piergiorgio, Micheli Federica, Gualdini Dionisio, Lupo Graziana e Mizzoni Anna.

Sono assenti, De Camillo Drusilla, Casano Antonietta, Rago Piergiorgio, Micheli Federica, Gualdini Dionisio, Lupo Graziana e Mizzoni Anna. CONSIGLIO D ISTITUTO DEL 30/12/2015 VERBALEN. 3 In data 30/12/2015 alle ore 10 presso la Presidenza del Comprensivo 1 Aldo Moro, della sede di Via Mastruccia, si è svolta la riunione del Consiglio D Istituto,

Dettagli

La durata dell Associazione è illimitata. L anno o esercizio sociale inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre.

La durata dell Associazione è illimitata. L anno o esercizio sociale inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre. STATUTO Associazione "La Fabbrica di Zurigo" con sede in Josefstrasse 102, 8005 Zurigo, primo piano Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1. Denominazione A norma dell art. 60 segg. del Codice civile

Dettagli

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO 1) INVITO La Federazione Italiana Canottaggio indice e il Circolo Canottieri Piediluco, quale Comitato Organizzatore, in collaborazione con: Delegazione Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA BAMBINI IN GIOCO & RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 8 TROFEO DON EUGENIO MONDINI 12 TROFEO BAMBINI & 28 TROFEO RAGAZZI

REGOLAMENTO ATTIVITA BAMBINI IN GIOCO & RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 8 TROFEO DON EUGENIO MONDINI 12 TROFEO BAMBINI & 28 TROFEO RAGAZZI CENTRO SPORTIVO ITALIANO CREMONA REGOLAMENTO BAMBINI IN GIOCO E RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 REGOLAMENTO ATTIVITA BAMBINI IN GIOCO & RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 8 TROFEO DON EUGENIO MONDINI 12 TROFEO BAMBINI

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 066

Comunicato Ufficiale N. 066 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 066 1. Comunicazioni della F.I.G.C. 2. Comunicazioni della L.N.D. 3. Comunicazioni della Divisione Calcio a Cinque 3.1. ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS Art. 1 - DENOMINAZIONE SEDE DURATA E costituita una associazione di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991 n. 266. L Associazione è denominata Casa

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

Verbale dell Assemblea Sezionale del 10-02-2015

Verbale dell Assemblea Sezionale del 10-02-2015 Verbale dell Assemblea Sezionale del 10-02-2015 Il giorno 10 febbraio 2015, alle ore 11,00, presso la Sede Sociale in Torino, Via Foggia 5 si è tenuta, in seconda convocazione, l Assemblea Sezionale dei

Dettagli

STATUTO. Accademia Forense Europea

STATUTO. Accademia Forense Europea STATUTO Accademia Forense Europea ***** PARTE PRIMA COSTITUZIONE SCOPI SOCI Art. 1 COSTITUZIONE 1) E costituita in data 7 febbraio 2012 l associazione culturale Accademia Forense Europea (in acronimo A.F.E.)

Dettagli