BILANCIO E CONTABILITA DI STATO: PECULIARITA ITALIANE ED ESIGENZE DI CAMBIAMENTO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE RELAZIONE FINALE E RAPPORTO DI RICERCA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO E CONTABILITA DI STATO: PECULIARITA ITALIANE ED ESIGENZE DI CAMBIAMENTO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE RELAZIONE FINALE E RAPPORTO DI RICERCA"

Transcript

1 BILANCIO E CONTABILITA DI STATO: PECULIARITA ITALIANE ED ESIGENZE DI CAMBIAMENTO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE RELAZIONE FINALE E RAPPORTO DI RICERCA Prof.ssa Lucia Giovanelli Università di Sassari

2 Sommario: 1. Relazione finale. 1. Relazione finale 2. Rapporto di ricerca Fin dal secondo dopoguerra, in molti Paesi si è manifestato un "fabbisogno informativo" per favorire il governo delle economie. Nel contempo, si è sentita l esigenza di quantificare e di confrontare il processo di ripresa e di sviluppo economico in atto nei diversi Stati. In risposta a questa necessità un gruppo di esperti nell ambito dell Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico - OCSE impostò uno studio (pubblicato nel 1952) diretto ad individuare un modello di contabilità macro-economica per misurare e confrontare i progressi realizzati dai paesi membri. Così sono nate le rilevazioni economiche note come contabilità nazionale: un insieme di principi e di metodi con cui si rappresentano, per mezzo di conti sistematicamente collegati fra loro e con riguardo all intera nazione, i dati relativi alla produzione, al consumo, all investimento ed ai rapporti con l estero. Ben presto le Nazioni Unite e la Comunità europea sentirono la necessità di integrare in un unico sistema contabile le quantificazioni dei diversi aspetti dell economia di un Paese per favorire la comparazione internazionale. Iniziò così, nel 1964, un attività di studio che portò all elaborazione e all adozione da parte di una Commissione formata dalle Nazioni Unite, dal Fondo monetario internazionale - FMI, dalla Commissione delle Comunità europee, dall OCSE e dalla Banca mondiale, nel febbraio del 1993, del nuovo "sistema di conti nazionali" (SCN o SNA) al fine di assicurare la comparabilità dei bilanci a livello mondiale. In ambito europeo questo studio fu progressivamente affinato dall Istituto statistico delle Comunità europee in collaborazione con gli istituti statistici nazionali degli Stati membri per arrivare, nel 1970, alla pubblicazione di un documento intitolato "Sistema europeo di conti economici integrati" (SEC), che rappresentava la versione comunitaria del sistema di conti nazionali-scn utilizzato fino a quel momento a livello comunitario (una seconda edizione di questo documento fu pubblicata nel 1979). Con la formazione dell Unione economica e monetaria, accanto all interesse comparativo a meri fini conoscitivi è emersa l esigenza di attuare uno stretto coordinamento delle politiche economiche degli Stati membri ed un controllo della finanza pubblica. In particolare, in base all articolo 104 del Trattato istitutivo della CE (Trattato di Maastricht) "gli Stati membri devono evitare disavanzi pubblici eccessivi". La Commissione deve sorvegliare l evoluzione della situazione di bilancio e dell entità del debito pubblico al fine di individuare errori rilevanti. Nello specifico essa esamina la conformità alla disciplina di bilancio sulla base di due

3 parametri: a) disavanzo pubblico, previsto o effettivo/pil, b) debito pubblico/pil. Ciò in applicazione delle prescrizioni contenute nel protocollo sui deficit eccessivi previsto dal patto di stabilità e di crescita. Questa attività di monitoraggio richiedeva informazioni attendibili e comparabili in merito all andamento della situazione economica di ogni singolo Stato, nonché in merito al rispetto degli obblighi assunti con la realizzazione dell Unione economica e monetaria. A questo scopo, anche sulla base dell esperienza del "sistema europeo dei conti economici integrati" redatto nel 1970, è stato elaborato un "Sistema europeo di conti" per le necessità della Comunità, coerente con l architettura delle direttive mondiali in materia di contabilità nazionale - ovvero con il "sistema di conti nazionali" (SCN o SNA) del 1993 formulato dalle Nazioni Unite - per disporre di informazioni comparabili con quelle elaborate dai principali partner mondiali. Tale sistema è stato emanato con il regolamento della Comunità europea n. 2236/96 del 25 giugno 1996 ed è stato denominato "sistema europeo dei conti nazionali e regionali nella comunità- SEC 95" (Regolamento CE n. 475/2000 e n. 351/2002). Il SEC-95 è un sistema contabile diretto a descrivere "in maniera sistematica e dettagliata il complesso di un economia (ossia una regione, un paese o un gruppo di paesi), i suoi componenti e le sue relazioni con altre economie". Esso assume la funzione di definire un insieme di principi, definizioni, classificazioni e regole contabili comuni che i diversi Paesi debbono rispettare ai fini dell elaborazione dei conti da inviare alla Commissione europea. Gli Stati sono obbligati ad adottare il SEC95 esclusivamente per la trasmissione dei dati alla Comunità entro marzo e settembre di ogni anno. Le informazioni vengono ottenute dagli istituti statistici dei paesi comunitari tramite un "trattamento interpretativo" di dati contabili consuntivi, fondato su stime e congetture in applicazione del principio di competenza economica come definito nel Sec95. Tale trattamento risulta agevolato dall applicazione del "Manuale del Sec95 sul disavanzo e sul debito pubblico" redatto da un gruppo di esperti coordinati da Eurostat per consentire l applicazione della procedura dei disavanzi eccessivi. Nonostante il percorso compiuto verso l armonizzazione e la ricerca di una migliore qualità delle statistiche, permane una difficoltà di riconciliazione dei saldi di finanza pubblica (fabbisogno di finanziamento, indebitamento netto, variazione del debito, disavanzo di cassa) determinati dai diversi soggetti istituzionali interessati (istituti di statistica, ministeri economici, banche centrali). Ciò ha portato talora, ad esempio in Italia, a "linee interpretative" anche molto diverse dei dati emergenti dai "conti pubblici". La stessa Commissione, con una comunicazione del 2002, ha raccomandato al Parlamento europeo ed al Consiglio la necessità di migliorare le statistiche di finanza pubblica. Di conseguenza, il Consiglio Ecofin nel 2003 ha adottato il "Code of best

4 practice on the compilation and reporting of data in the context of the excessive deficit procedure". Tra l altro, il processo decentramento amministravo in atto ha fatto sì che i vari "saldi" della contabilità dello Stato rappresentassero sempre meno l andamento della finanza pubblica. Nel contempo, i diversi livelli di governo sempre più autonomi debbono sviluppare una politica di bilancio volta al contenimento della finanza pubblica nel rispetto di parametri che discendono dal Patto di stabilità e crescita per la conservazione dell Unione monetaria. Ciò implica nei diversi Stati l esigenza di un efficace coordinamento della finanza pubblica e di una progressiva armonizzazione e omogeneizzazione della contabilità e dei bilanci dei diversi soggetti pubblici in applicazione di standard - non solo di origine statistica da elaborare a livello europeo. UNA CONTABILITA PER L INTEGRAZIONE ECONOMICA E MONETARIA EUROPEA. 1) Il fabbisogno informativo per il governo delle economie nazionali Nel secondo dopoguerra, la ripresa economica in atto in molti Paesi, unitamente all intensificarsi della presenza dello Stato nell economia, all espansione della spesa pubblica e all accrescimento progressivo del deficit pubblico, hanno fatto sì che si manifestassero pienamente le carenze degli impianti contabili vigenti. Di conseguenza, nei diversi Paesi si è manifestato un "fabbisogno informativo" per favorire il governo dell economia. Nel contempo, si è sentita l esigenza di quantificare e di confrontare il processo di ripresa e di sviluppo economico in atto nei diversi Stati. In risposta a questa necessità un gruppo di esperti nell ambito dell Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico - OCSE impostò uno studio (pubblicato nel 1952) diretto ad individuare un modello di contabilità macro-economica per favorire le decisioni di politica economica, nonché misurare e confrontare i progressi realizzati dai Paesi membri. Così sono nate le prime rilevazioni economiche note come "contabilità nazionale: un insieme di principi e di metodi con cui si rappresentano, per mezzo di conti sistematicamente collegati fra loro e con riguardo all intera nazione, i dati relativi alla produzione, al consumo, all investimento ed ai rapporti con l estero" (). 2) IL SISTEMA EUROPEO DEI CONTI 1995-SEC ) La genesi del SEC95. Ben presto le Nazioni Unite e la Comunità europea sentirono la necessità di integrare in un unico sistema contabile le quantificazioni dei diversi aspetti dell economia di un Paese per favorire la comparazione internazionale. Iniziò così, nel 1964 (da parte di una Commissione formata dalle Nazioni Unite, dal Fondo monetario internazionale - FMI, dalla Commissione delle Comunità europee, dall OCSE e dalla Banca mondiale), un attività di studio che portò all elaborazione e all adozione, nel febbraio del

5 1993, del nuovo "sistema di conti nazionali" (SCN o SNA) al fine di assicurare in tutti i paesi membri delle Nazioni unite la comparabilità dei bilanci. In ambito europeo, questo studio fu progressivamente affinato dall Istituto statistico delle Comunità europee in collaborazione con gli istituti statistici nazionali degli Stati membri per arrivare, nel 1970, alla pubblicazione di un documento intitolato "Sistema europeo di conti economici integrati" (SEC) che "rappresentava la versione comunitaria del sistema di contabilità nazionale delle Nazioni Unite (SCN) utilizzato fino a quel momento a livello comunitario" (una seconda edizione di questo documento fu pubblicata dallo stesso Istituto nel 1979). Con la formazione dell Unione economica e monetaria, accanto all interesse comparativo a meri fini conoscitivi è emersa l esigenza di attuare uno stretto coordinamento delle politiche economiche ed un controllo della finanza pubblica degli Stati membri. In particolare, l articolo 104 del Trattato istitutivo della CE (Trattato di Maastricht) prevede: "gli Stati membri devono evitare disavanzi pubblici eccessivi". Inoltre, la Commissione deve sorvegliare l evoluzione della situazione di bilancio e dell entità del debito pubblico al fine di individuare errori rilevanti. Nello specifico, essa esamina la conformità alla disciplina di bilancio sulla base di due parametri: a) il rapporto tra disavanzo pubblico, previsto o effettivo e PIL, b) il rapporto tra debito pubblico e PIL. Ciò in applicazione delle prescrizioni contenute nel protocollo sui deficit eccessivi previsto dal Patto di stabilità e di crescita. Questa attività di monitoraggio richiedeva informazioni attendibili e comparabili in merito alla situazione economica di ogni singolo Stato, nonché al rispetto degli obblighi assunti con la realizzazione dell Unione economica e monetaria. A questo scopo, anche sulla base dell esperienza del "sistema europeo dei conti economici integrati" redatto nel 1970, è stato elaborato un "Sistema europeo di conti" per le necessità della Comunità, coerente con l architettura delle direttive mondiali in materia di contabilità nazionale - ovvero con il sistema SCN del per disporre di informazioni comparabili con quelle elaborate dai principali partner mondiali. Tale sistema è stato emanato con il regolamento della Comunità europea n. 2236/96 del 25 giugno 1996 ed è stato denominato "sistema europeo dei conti nazionali e regionali nella comunità- SEC 95" () (Regolamento CE n. 475/2000 e n. 351/2002). Il SEC95 è un sistema contabile diretto a descrivere "in maniera sistematica e dettagliata il complesso di un economia (ossia una regione, un paese o un gruppo di paesi), i suoi componenti e le sue relazioni con altre economie" (). Esso assume la funzione di definire un insieme di principi, definizioni, classificazioni e regole contabili comuni che i diversi Paesi debbono rispettare ai fini dell elaborazione dei conti da inviare alla Commissione europea. Gli Stati sono obbligati ad adottare il SEC95 esclusivamente per la trasmissione dei dati alla Comunità entro marzo e settembre di ogni anno. Le informazioni vengono ottenute dagli istituti statistici dei paesi comunitari tramite un "trattamento interpretativo" di dati contabili consuntivi, fondato su stime e congetture in applicazione del principio di competenza economica come definito nel Sec95.

6 Tale trattamento risulta agevolato dall applicazione del "Manuale del Sec95 sul disavanzo e sul debito pubblico", redatto da un gruppo di esperti coordinati da Eurostat per favorire l applicazione della procedura dei disavanzi eccessivi (). 2.2 I principi che hanno orientato l impostazione del SEC95. L impostazione di questo sistema contabile è stata orientata da alcuni principi basilari (): comparabilità a livello internazionale, che ha portato a seguire i concetti contenuti nelle direttive mondiali in materia di contabilità nazionale (SCN o SNA); armonia con i criteri di altre statistiche sociali ed economiche elaborate nell ambito dell Unione europea e delle Nazioni Unite (esempio le statistiche della produzione, del commercio estero e dell occupazione, il Manuale in materia di bilancia dei pagamenti e le statistiche sulla finanza pubblica del Fondo monetario internazionale, le statistiche OCSE sul reddito, e così via); coerenza interna dei concetti utilizzati per descrivere le diverse parti del processo economico (produzione, distribuzione del reddito, utilizzazione del reddito, accumulazione) al fine di determinare rapporti statistici quali, per esempio, il valore aggiunto per ora lavorata, il reddito nazionale disponibile pro-capite, gli investimenti fissi in rapporto allo stock di capitale fisso, il disavanzo e il debito pubblico in percentuale del prodotto interno lordo; operatività dei concetti, ovvero possibilità di addivenire ad una misurazione delle diverse attività anche in virtù di chiare indicazioni in merito al modo di procedere alle eventuali stime o a convenzioni adottate per esigenze di semplificazione (ad esempio i servizi collettivi erogati dalle amministrazioni pubbliche sono considerati spese per consumi finali); differenziazione dai "concetti amministrativi" promananti da altre fonti, per esempio dalle contabilità aziendali, in quanto tali concetti non sono adeguati per l analisi economica e per la valutazione della politica economica degli Stati; durabilità nel tempo in quanto devono tener conto di standard internazionali e formare una base obiettiva di dati per l analisi e la politica economica da sviluppare nel tempo; descrizione monetaria del processo economico in quanto gli "stock" ed i "flussi" che non presentano un aspetto monetario di solito non vengono presi in considerazione (questo criterio ha subito alcune eccezioni per esempio con riferimento al valore dei servizi collettivi prodotti dalle amministrazioni pubbliche che non presenta una chiara contropartita monetaria, ma che è stato registrato come produzione con riferimento al valore dei redditi corrisposti e all acquisto di beni e servizi da parte di queste unità); flessibilità per la facilità di derivare concetti non presenti tra quelli esistenti e per la possibilità di introdurre criteri aggiuntivi senza alterare la logica del sistema;

7 polivalenza in quanto i concetti risultano accettabili per una pluralità di utilizzazioni e possono essere integrati da opportuni "conti satellite" (tali conti possono soddisfare il fabbisogno di informazioni, anche non monetarie, per esempio in ordine alle variazioni del benessere in una comunità, all importanza della ricerca e sviluppo e del capitale umano per l economia nazionale, all interazione tra l ambiente e l economia, e così via). 2.3 Il funzionamento della contabilità economica nazionale secondo il SEC95. Per consentire il funzionamento del "sistema europeo dei conti nazionali e regionali" () è stata definita una classificazione e dei raggruppamenti omogenei con riferimento alle: a) unità statistiche alle quali devono riferirsi i flussi economici e finanziari dell economia nazionale; b) operazioni economiche e finanziarie con le quali ciascuna unità statistica concorre allo sviluppo dei flussi. Le principali caratteristiche del sistema sono le unità istituzionali, i flussi, il sistema dei conti, il quadro delle interdipendenze. Le unità istituzionali Le unità istituzionali sono le entità economiche che possono essere proprietarie di beni e di attività, possono contrarre debiti e attuare operazioni con altre unità; esse sono raggruppate in cinque settori che costituiscono il totale dell economia, ai quali si aggiunge il settore "resto del mondo": I flussi a) società non finanziarie; b) società finanziarie; c) amministrazioni pubbliche; d) famiglie; e) istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie. I flussi si riferiscono ad azioni ed effetti di eventi che si verificano entro un certo periodo di tempo e riflettono la creazione, la trasformazione, lo scambio, il trasferimento o la scomparsa di valore economico, mentre gli stock si riferiscono a consistenze di attività e passività in un dato momento e sono registrati all inizio e alla fine di ciascun periodo in conti denominati "conti patrimoniali". Il sistema dei conti Il sistema dei conti () "utilizza il termine "risorse" per la sezione destra dei conti delle operazioni correnti, sezione in cui figurano operazioni che incrementano il valore economico di una unità o di un settore. La sezione sinistra dei conti è denominata "impieghi" e si riferisce alle operazioni che riducono il valore economico di una unità o di un settore ().

8 Gli aggregati misurano il risultato dell attività del complesso dell economia espressi sia con riferimento diretto alle operazioni del sistema di conti (produzione, consumi, investimenti fissi lordi, ecc.) sia con riferimento al saldo di conti (prodotto interno lordo, reddito nazionale, risparmio, ecc.). Il quadro delle interdipendenze Il quadro delle interdipendenze tra gli operatori economici comprende le tavole delle risorse e degli impieghi per branca di attività economica, le tavole di collegamento tra le tavole delle risorse e degli impieghi e i conti per settore e le tavole delle interdipendenze simmetriche per branca di produzione omogenea" (). 3. Aspetti di distinzione tra la contabilità economica nazionale e la contabilità pubblica. Questi brevi cenni in ordine ai contenuti del nuovo sistema di contabilità economica nazionale definito a livello europeo fanno emergere gli aspetti che lo distinguono dal sistema, aziendale, di rilevazioni contabili pubbliche (). La prima differenza emerge con riferimento all oggetto di rilevazione. Mentre nelle rilevazioni di contabilità nazionale si registrano i valori macro-economici relativi all intera economia (gli aggregati economici della nazione), quindi alle attività economiche poste in essere da tutte le unità economiche di una nazione, con le rilevazioni di contabilità pubblica si considerano i valori generati dallo svolgimento dei processi gestionali da parte delle unità pubbliche (). Un ulteriore elemento di distinzione fa riferimento allo scopo delle rilevazioni. Le prime sono destinate ad agevolare la programmazione ed il controllo dei sistemi socio-economici e a favorire i processi decisionali di politica economica nazionale e comunitaria. La contabilità pubblica, invece, è diretta a fornire le informazioni necessarie per accrescere il grado di razionalità dei processi decisionali interni e per favorire il raggiungimento dei fini istituzionali (). Alle differenze negli scopi conseguono quelle negli obiettivi conoscitivi perseguiti. Da una parte la conoscenza dell evoluzione degli aggregati economici nazionali per guidare lo sviluppo socioeconomico delle comunità. D altra parte la conoscenza delle quantità utili per guidare lo Stato e le altre unità pubbliche verso gli "equilibri" ritenuti rilevanti in relazione alle specificità gestionali. Diversi sono, infine, i criteri che orientano la strutturazione dei due sistemi contabili. Le rilevazioni di contabilità economica nazionale devono essere impostate in modo da assicurare comparabilità, armonizzazione, coerenza, operatività, durabilità, flessibilità. Le rilevazioni di contabilità pubblica, invece, devono essere impostate in modo da favorire la funzionalità durevole, quindi il controllo delle condizioni di economicità delle aziende pubbliche: l equilibrio economico e monetario, l efficienza, l efficacia e l equità ().

9 4. Il processo di riforma della contabilità pubblica e le decisioni di politica economica in Italia. In Italia, in particolare, la risposta normativa in tema di contabilità generale dello Stato e delle unità pubbliche alle nuove esigenze di governo della finanza pubblica si è concretizzata, anzitutto, con la legge 1 marzo 1964, n. 62 recante "modificazioni al regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, per quanto concerne il bilancio dello Stato, e norme relative ai bilanci degli enti pubblici" (la cosiddetta legge Curti). Il processo di riforma che ha interessato la contabilità pubblica negli anni sessanta è il risultato di una vasta corrente di pensiero politico e dottrinale che mirava al rinnovamento dei sistemi contabili e di bilancio dello Stato e degli altri enti pubblici in armonia con il passaggio da una "finanza pubblica neutrale" ad una "finanza funzionale", propria dello Stato sociale. In questo nuovo contesto si doveva collegare la formazione e la gestione del bilancio all andamento dell economia per favorirne il governo, attraverso una migliore conoscenza dei processi produttivi e redistributivi del reddito nazionale. Ai bilanci di previsione, pertanto, occorreva conferire un maggior significato in relazione alla programmazione economica nazionale, anche al fine di evidenziare gli effetti delle decisioni di politica economia (). Per questo diveniva necessario adottare una classificazione dell entrata e della spesa utile per evidenziare e monitorare gli effetti delle decisioni di finanza pubblica nei sistemi socio-economici (). Inoltre, per inserire direttamente le risultanze della contabilità finanziaria nella contabilità economica nazionale che in questi anni, come già detto, era oggetto di prime elaborazioni (). Il criterio sul quale si fondava la classificazione economica era riconducibile alla natura delle entrate e delle spese. Nello specifico, per evidenziare la "natura economica" le entrate venivano classificate in "titoli" e le spese in "titoli" ed in "categorie" (queste ultime per una più analitica classificazione economica attuata con riferimento ai fattori produttivi di consumo - nell ambito della spesa corrente - e durevoli - nell ambito della spesa in conto capitale) ). La classificazione funzionale, che dava origine alle sezioni, riguardava solo la spesa ed era diretta a consentire una rappresentazione della stessa in relazione alle finalità pubbliche o funzioni dello Stato, anche al fine di agevolare il processo decisionale-allocativo compiuto in sede di approvazione del bilancio da parte dell organo di governo strategico (). Oltre alla nuova classificazione delle entrate e delle spese e ad alcuni cambiamenti di modesta rilevanza contabile, con la legge n. 62 del 1964, al fine di favorire la programmazione economica e rendere più rapido il processo decisionale di bilancio, sono stati riuniti in un unico disegno di legge, gli stati di previsione della spesa dei singoli ministeri ed inoltre, anche al fine di uniformare l esercizio finanziario dello Stato italiano a quello degli altri Stati europei, è stata stabilita la coincidenza con l anno solare (). L impianto normativo introdotto negli anni sessanta ha rappresentato solo un primo passo per favorire il governo dell economia nel nostro Paese. Infatti, con l accelerazione alla spesa pubblica e i crescenti disavanzi determinati dagli indirizzi di politica economica degli anni settanta, si sono manifestate le sue inadeguatezze ().

10 Contestualmente, in Paesi quali gli Stati Uniti, si stavano utilmente sperimentando nuove metodologie di formazione del bilancio dello Stato e degli altri enti pubblici, orientate da una logica di programmazione della gestione, quali il Planning Programming and Budgeting System. E in questo contesto economico, politico e culturale che è maturata la sensibilità del legislatore in ordine alla necessità di un cambiamento nei sistemi contabili e di bilancio pubblici. Una prima svolta si è avuta con l emanazione della legge n. 335 del 16 maggio 1976, recante "principi fondamentali e norme di coordinamento in materia di bilancio e di contabilità delle Regioni", con la quale, tra l altro, è stato introdotto un insieme di strumenti diretti a favorire il superamento della logica incrementale nella formazione del bilancio delle Regioni per realizzare il sistema denominato "programmazione di bilancio" (). Gli innovativi principi di contabilità pubblica introdotti dalla legge n. 335 sono stati recepiti per lo Stato con la legge n. 468 del 5 agosto 1978 di "riforma di alcune norme di contabilità generale dello Stato in materia di bilancio" (). Con questo provvedimento normativo il legislatore ha cercato di conferire al bilancio dello Stato un ruolo centrale nelle scelte di politica economica e nel controllo della spesa pubblica, in altre parole nel governo dell economia del Paese. A questo scopo fu introdotta la legge finanziaria (). Tale legge, da presentare al Parlamento unitamente al disegno di legge di approvazione del bilancio di previsione dello Stato, oltre ad indicare il livello massimo di ricorso al mercato finanziario, doveva consentire modifiche ed integrazioni alle disposizioni legislative aventi riflessi sul bilancio, incidendo sulla legislazione sostanziale. La legge finanziaria appare, pertanto, quale strumento che consente di "correggere" la normativa per adeguare il bilancio agli indirizzi della programmazione economica (). In effetti la Costituzione - all art 81 - disponeva che con la legge di bilancio non potessero essere introdotte nuove entrate e spese. In altri termini, nel bilancio potevano essere inserite solo entrate e spese già decise con leggi precedenti. Ciò rendeva impossibile l attuazione di una unitaria e coerente manovra di finanza pubblica in sede di approvazione del bilancio (). La legge finanziaria doveva rappresentare quindi "una legge sostanziale" di mero "supporto" alla legge di bilancio, destinata a modificare, in modo congiunturale e limitato, la legislazione di entrata e di spesa retrostante, curandosi, ovviamente, di assicurare la copertura finanziaria di eventuali nuovi interventi di spesa. L introduzione del bilancio pluriennale doveva rafforzare l approccio in sede di formazione del bilancio, permettendo di rappresentare gli effetti nel tempo delle modifiche e delle integrazioni apportate in applicazione degli orientamenti di finanza pubblica. Nel concreto, tuttavia, la legge finanziaria è diventata una legge tesa a supplire alle carenze nella legislazione ordinaria ed ha finito con il compendiare una miriade di disposizioni eterogenee relative ai più disparati settori di intervento pubblico (). D altra parte, in quegli anni il disavanzo dello Stato aveva raggiunto livelli elevati ed inoltre, a causa di una finanza pubblica ormai sfuggita ad ogni controllo, presentava una proiezione tendenziale crescente.

11 Questa situazione, non unica peraltro nel panorama europeo, si presentava quale ostacolo al processo di integrazione, che più tardi sfocerà nel trattato di Maastricht (1992). I mutamenti istituzionali e politici prefigurati con l Atto unico del Consiglio europeo del febbraio 1986, pertanto, non potevano che indurre a correggere le distorsioni applicative dell impianto normativo introdotto con la legge n. 468 del Non era più procrastinabile, dunque, l introduzione di un processo nuovo per attuare la manovra di finanza pubblica che, partendo da una chiara e preventiva individuazione degli obiettivi strategici e macro-economici dello Stato, si traducesse in cifre nei documenti annuali e pluriennali di bilancio con l ausilio di una legge correttiva di congiuntura - la legge finanziaria - e di una legislazione settoriale - i provvedimenti collegati (). A questo scopo fu emanata la legge n. 362 del 23 agosto 1988 recante "nuove norme in materia di bilancio e di contabilità dello Stato" con la quale furono introdotti: il Documento di programmazione economico-finanziaria (DPEF), con lo scopo di definire gli obiettivi strategici nei diversi settori di intervento dello Stato e di fissare i criteri ed i parametri che avrebbero orientato la formazione del bilancio annuale e pluriennale e della legge finanziaria; i provvedimenti collegati di finanza pubblica, con i quali definire gli interventi settoriali per tradurre la manovra di finanza pubblica sul piano legislativo e contabile e far sì che le entrate e le uscite del bilancio annuale si collegassero agli obiettivi di politica economica previsti dallo stesso documento programmatorio. L intervento riformatore degli anni settanta e ottanta si è concentrato sui collegamenti del bilancio con le tendenze strutturali della finanza pubblica e con gli obiettivi macro-economici, conservando le funzioni ed i contenuti tradizionali del modello contabile. Permane, infatti, l impianto autorizzatorio ed il contenuto finanziario delle rilevazioni contabili. Non viene modificata neanche la struttura formale del bilancio. L impianto classificatorio ha conservato il criterio economico e funzionale, fondandosi, ancora, su un unità molto analitica - il capitolo - che riflette la destinazione immediata della spesa e conferisce una sostanziale rigidità di intervento in sede operativa (richiedendo il ricorso all istituto delle variazioni di bilancio per il passaggio da un capitolo all altro). I problemi sempre più pressanti legati agli andamenti strutturali della finanza pubblica e le difficoltà che si palesano in ordine all entrata in Europa a causa degli inadeguati parametri macro-economici hanno determinato l adozione di logiche manageriali e la ricerca di una maggiore razionalità economica dei processi decisionali. Ciò per migliorare l efficienza nella produzione dei servizi pubblici e contribuire al contenimento del deficit pubblico, nel rispetto della missione istituzionale delle diverse classi di unità pubbliche. In questo contesto si colloca l intervento di riforma della contabilità e del bilancio realizzato negli anni novanta con la legge n. 94 del 1997 la "legge Ciampi" e con il decreto legislativo n. 279 del Il legislatore con la riforma degli anni novanta ha realizzato un "compromesso" tra la conservazione del sistema di rilevazioni contabili ormai consolidato, quello finanziario, e l adozione delle tendenze innovative emergenti anche a livello internazionale.

12 Nel nuovo impianto, com è noto, vengono meno le previsioni analitiche a livello di capitolo a fini di autorizzazione e l attenzione decisionale del Parlamento si concentra sull assegnazione di entrate e di spese a specifici centri di responsabilità per realizzare le politiche pubbliche che si connettono alle missioni istituzionali dello Stato. Con riguardo al tema oggetto di indagine, di interesse è la nuova classificazione delle entrate e delle spese introdotta con la legge Ciampi. Tale legge, all articolo 4, comma 3, lettera b) prevede che "le classificazioni economica e funzionale si conformano ai criteri adottati in contabilità nazionale per i conti del settore della pubblica amministrazione" (). In particolare, la classificazione economica, risulta collegata alle classi economiche introdotte con il SEC-95. Inoltre, la classificazione funzionale, per funzioni-obiettivo, diretta ad evidenziare le politiche pubbliche attuate dallo Stato, è coerente con la classificazione internazionale elaborata dall OCSE nel 1997 e denominata COFOG (Classification on functions of government). Queste tendenze innovative nella classificazione delle entrate e delle spese sono accompagnate dal permanere di un elemento della tradizione: il capitolo continua a costituire l "unità contabile elementare" utilizzata a fini di "gestione e rendicontazione", quindi di autorizzazione dei dirigenti da parte dell organo politico (articolo 2 comma 4-quinquies della legge n. 94). Più nello specifico il capitolo costituisce l unità di riferimento fin dalla formazione delle proposte per la costruzione del bilancio a legislazione vigente. L esigenza di realizzare una "convergenza contabile" a livello europeo ed internazionale, attraverso le classificazioni economica e funzionale della spesa, - la classificazione SEC 95 e la classificazione COFOG-OCSE - (), implica inoltre la necessità di effettuare uno sviluppo dei capitoli in "articoli" al fine di rappresentare le voci omogenee per natura economica e per funzione-obiettivo (). In questo senso si è orientata la Ragioneria Generale dello Stato che, fin dal 2000, ha richiesto la compilazione di una scheda-capitolo sviluppata in "articoli" per tener conto della classificazione economica del SEC 95 e della classificazione funzionale COFOG-OCSE (). Questa ricerca di "collegamento" tra le rilevazioni contabili concomitanti da effettuare per ottenere i documenti che debbono essere predisposti dallo Stato, anche in attuazione delle disposizioni comunitarie, costituisce nello stesso tempo una delle principali innovazioni ed il problema più delicato da affrontare nell ambito della nuova contabilità pubblica (). Si tratta comunque di un percorso necessario. In effetti se da una parte l Unione Europea richiede informazioni per tenere sotto controllo le grandezze definite nel Patto di Stabilità, d altra parte appare irrinunciabile una strutturazione dei conti pubblici interni nell ottica di un confronto e di una proiezione a livello internazionale, in particolare nell ambito dei Paesi dell OCSE. Le trasformazioni verso la dimensione dello "Stato relazionale" implicano inoltre la necessità di attuare il "consolidamento" dei conti delle diverse unità del "gruppo" pubblico. Ciò allo scopo di favorire le azioni di indirizzo, di promozione e di coordinamento da parte dello Stato. Questo aspetto nell ambito della riforma degli anni novanta è stato affrontato attraverso l introduzione del "sistema unico" di contabilità economica per centri di costo. 5. Le prospettive di armonizzazione contabile.

13 Nel contesto europeo, nonostante il percorso compiuto verso l armonizzazione e la ricerca di una migliore qualità delle statistiche, permane una difficoltà di riconciliazione dei saldi di finanza pubblica (fabbisogno di finanziamento, indebitamento netto, variazione del debito, disavanzo di cassa) determinati dai diversi soggetti istituzionali interessati (istituti di statistica, ministeri economici, banche centrali) (). Ciò ha portato talora, ad esempio in Italia, a "linee interpretative" anche molto diverse dei dati emergenti dai "conti pubblici". La stessa Commissione, con una comunicazione del 2002, ha raccomandato al Parlamento europeo ed al Consiglio la necessità di migliorare le statistiche di finanza pubblica. Di conseguenza, il Consiglio Ecofin nel 2003 ha adottato il "Code of best practice on the compilation and reporting of data in the context of the excessive deficit procedure". Tra l altro, il processo decentramento amministravo in atto ha fatto sì che i vari "saldi" della contabilità dello Stato rappresentassero sempre meno l andamento della finanza pubblica. Nel contempo, i diversi livelli di governo sempre più autonomi debbono sviluppare una politica di bilancio volta al contenimento della finanza pubblica nel rispetto di parametri che discendono dal Patto di stabilità e crescita per la conservazione dell Unione monetaria (). Ciò implica nei diversi Stati l esigenza di un efficace coordinamento della finanza pubblica e di una progressiva armonizzazione e omogeneizzazione della contabilità e dei bilanci dei diversi soggetti pubblici in applicazione di standard - non solo di origine statistica da elaborare a livello europeo. Bibliografia essenziale. Airoldi Giuseppe-Giorgio Brunetti-Vittorio Coda, 1994: Economia aziendale, Milano, Egea. Anselmi Luca, 2003: Il processo di trasformazione della pubblica amministrazione. Il "percorso aziendale", Giappichelli, Torino. Borgonovi Elio, 2002: Principi e sistemi aziendali per le amministrazioni pubbliche, Egea, Milano. Buscema Salvatore-Buscema Angelo, 1998: Contabilità dello Stato e degli enti pubblici, Giuffré, Milano. Cao Pinna Vera, 1973: Bilanci aziendali e contabilità nazionale. Un esperienza di integrazione in alcune imprese pubbliche, Angeli, Milano. Capaldo PEllegrino, 1973: Il bilancio dello Stato nel sistema della programmazione economica, Giuffré, Milano. Caramiello Carlo, 1986: L azienda. Operazioni di gestione e "dinamica dei valori", Giuffré, Milano. Cassandro Pier Emilio, 1979: Le gestioni erogatrici pubbliche (Stato, Regioni, Province, Comuni, Istituzioni di assistenza e beneficenza), Quarta Edizione, Utet, Torino. Castellino Onorato, 1997: Introduzione alla contabilità nazionale, Giappicchelli, Torino.

14 Conte Carlo, 1998: L analisi dei costi e dei rendimenti: un supporto decisionale al servizio della programmazione economico-finanziaria e del controllo di gestione, relazione tenuta al Convegno "Bilancio dello Stato e nuova contabilità" svoltosi a Roma il 6 maggio. Conte Carlo, 1999: La contabilità analitica per centri di costo nelle amministrazioni dello Stato, Convegno della Banca d Italia su "I controlli delle gestioni pubbliche" tenutosi a Perugia il 2-3 dicembre. D Alessio Lidia, 1998: La funzione di programmazione nel contesto normativo del bilancio dello Stato: la fase del cambiamento, in "Azienda Pubblica. Teoria e problemi di management", Maggioli, Rimini, n. 3maggio - giugno. D'Ippolito Teodoro, 1961: La riforma del Bilancio e della contabilità dello Stato e delle Regioni, Abbaco, Palermo-Roma. Giannessi Egidio, 1961: Interpretazione del concetto di azienda pubblica, in Saggi di Economia aziendale e sociale in memora di Gino Zappa, Giuffré, Milano. Giovanelli Lucia, 2000: Modelli contabili e di bilancio in uno stato che cambia, Giuffré, Milano. Ladu Giampaolo- Lupò Avagliano Maria Vittoria-Onorato Sepe-Francesco Zaccaria, 1999: Contabilità di Stato e degli enti pubblici, Terza Edizione, Giappichelli, Torino. Lupo avagliano maria Vittoria, 1998: La riforma del bilancio dello Stato, Cedam, Padova. Manacorda Carlo, 1997: Istituzioni di contabilità pubblica, Giappichelli, Torino. Marchi Luciano, 1993: I sistemi informativi aziendali, Seconda Edizione, Giuffré, Milano. Marcon Giuseppe, 1990: Il sistema contabile delle regioni a statuto ordinario, Giappicchelli, Torino. Miolo Vitali Paola-Anselmi Luca, 1989: La programmazione nelle pubbliche amministrazioni. Linee evolutive, Giuffré, Milano. Monorchio Andrea, 1988: "Il raccordo tra contabilità pubblica e contabilità nazionale, Minerva bancaria, 4. Ocse-Istat-R.G.S., 1997: Classifications on fonctions of Government. Onida Pietro 1969: La contabilità e il bilancio dello Stato nell'economia pubblica del nostro tempo, in Saggi in onore del centenario della Ragioneria generale dello Stato, Roma. Saraceno Pasquale, 1967: Lo Stato e l'economia, Ed. Cinque Lune, Roma. Stiglits Joseph, 1992: Il ruolo economico dello Stato, Il Mulino, Bologna. wildavsky Aaron, 1978: Bilancio e sistema politico, Angeli, Milano.

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI PAOLA MARIANI Udine 26 marzo 2014 PRESENTAZIONE: 1) L ARMONIZZAZIONE 2) IL QUADRO NORMATIVO 3) I SISTEMI CONTABILI ARMONIZZATI 4) GLI STRUMENTI DELL ARMONIZZAZIONE

Dettagli

DLgs 118/ 2011 DLGS 126/ 2014

DLgs 118/ 2011 DLGS 126/ 2014 L AVVIO DELLA RIFORMA CONTABILE DLgs 118/ 2011 DLGS 126/ 2014 Fonti: www.rgs.mef.gov.it/versione-i/e-governme1/arconet/- IFEL - Fondazione Anci: L armonizzazione alla luce della proroga Civetta E. L armonizzazione

Dettagli

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive INTERVENTO: La Riforma della contabilità delle amministrazioni pubbliche: le principali innovazioni e

Dettagli

III.5 L Indebitamento 2001-2004 e le Revisioni Eurostat

III.5 L Indebitamento 2001-2004 e le Revisioni Eurostat La presenza del sommerso comporta l evasione fiscale, sottrae risorse al bilancio pubblico e distorce la concorrenza: per modificare la struttura del bilancio e ridurre il disavanzo senza aumentare le

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI E DEGLI SCHEMI DI BILANCIO PREVISTI DALL ARTICOLO 36 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 118 DEL

LA SPERIMENTAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI E DEGLI SCHEMI DI BILANCIO PREVISTI DALL ARTICOLO 36 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 118 DEL LA SPERIMENTAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI E DEGLI SCHEMI DI BILANCIO PREVISTI DALL ARTICOLO 36 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 118 DEL 2011 Il bilancio sperimentale per Missioni e Programmi Daniela Collesi -

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale Progetto di Gemellaggio TR 08 IB FI 02 Improving Data Quality in Public Accounts Workshop internazionale Public accounting data quality and IPSAS implementation strategies in UE countries Istanbul, 3-5

Dettagli

1. Oggetto e struttura del disegno di legge

1. Oggetto e struttura del disegno di legge Delega al Governo per l attuazione dell articolo 117, secondo comma, lettera p) della Costituzione, per l istituzione delle Città metropolitane e per l ordinamento di Roma Capitale della Repubblica. Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

CORSO FORMAZIONE REVISORI

CORSO FORMAZIONE REVISORI CORSO FORMAZIONE REVISORI Strumenti, metodologie, tempistiche: regole contabili uniformi, piano dei conti integrato, schemi di bilancio, bilancio consolidato con enti, aziende e società, sperimentazione.

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

L analisi delle condizioni di economicità

L analisi delle condizioni di economicità Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it L analisi

Dettagli

Contabilità e fiscalità pubblica

Contabilità e fiscalità pubblica Contabilità e fiscalità pubblica Corso 60 ore Negli ultimi anni è in corso un consistente sforzo - che partendo dal piano normativo si ripercuote sull ordinamento e sulla gestione contabile di tutte le

Dettagli

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT Da alcuni anni l ISTAT e il DPS hanno avviato un attività sistematica di raffronto

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI Processo evolutivo in materia contabile D.P.R. 382/80 riconoscimento alle

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento L ANALISI DI BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE DEL BILANCIO DELLO STATO Dott. Mauro Cernesi Scienza delle Finanze 1 Le funzioni del Bilancio pubblico Funzione

Dettagli

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H Agorà, il portale Formiur: valorizzare l informazione e la conoscenza per il miglioramento dei servizi scolastici

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Schema di decreto legislativo in materia di completamento della riforma della struttura del bilancio dello Stato in attuazione dell articolo 40, comma 1, della legge 31 dicembre

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

1. CONTABILITA GENERALE

1. CONTABILITA GENERALE 1. CONTABILITA GENERALE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Sede di Fano Corso di Ragioneria Generale e Applicata I PARTE APPLICATA CONTABILITA GENERALE 1 Cosa si studia nel Corso

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

Il bilancio degli enti locali

Il bilancio degli enti locali Il bilancio degli enti locali - Introduzione - I principi - La struttura del bilancio - Armonizzazione dei bilanci degli enti locali attenzione :fase di traduzione nel bilancio delle scelte politiche Tipologie

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

L armonizzazione dei sistemi contabili

L armonizzazione dei sistemi contabili L armonizzazione dei sistemi contabili Il percorso di avvicinamento della Regione Torino, 20 ottobre 2014 I nuovi principi contabili Definizione di principi contabili Principi contabili Disposizioni tecniche

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5 Indice Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma... 5 3. Iniziative di comunicazione della trasparenza...

Dettagli

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT)

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) E L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) PER DISCIPLINARE LA COLLABORAZIONE IN MATERIA DI MODELLI DI PREVISIONE MACROECONOMICA E MODELLI

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Linee guida sulla Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro nella legislazione europea

Linee guida sulla Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro nella legislazione europea Linee guida sulla Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro nella legislazione europea Giovanni Bartoli Nell Unione europea la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro rappresentano argomenti tra i più

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12)

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12) 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Altri documenti preventivi Processo di formazione del preventivo Predisposizione dello schema di bilancio da parte dell esecutivo esecutivo. Processo:

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AMMINISTRATIVE E GESTIONALI NEGLI ENTI LOCALI

L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AMMINISTRATIVE E GESTIONALI NEGLI ENTI LOCALI E GESTIONALI NEGLI ENTI LOCALI 1 ultimo aggiornamento: febbraio 2002 Le leggi di riforma dell ordinamento degli Enti Locali e più in generale della Pubblica Amministrazione che si sono succedute in modo

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE

CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE CORTE DEI CONTI SEZIONE DELLE AUTONOMIE LINEE GUIDA PER LE RELAZIONI DEI REVISORI DEI CONTI SUI BILANCI DI PREVISIONE DELLE REGIONI PER L ANNO 2015, SECONDO LE PROCEDURE DI CUI ALL ART. 1, COMMI 166 E

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO PRINCIPI GENERALI SULL AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ 1. L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ In quanto ente pubblico istituzionale l INPS è regolato dai principi della L. 70/1975 che ha

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo

Comune di San Martino Buon Albergo Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona - C.A.P. 37036 SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI Approvato dalla Giunta Comunale il 31.07.2012 INDICE PREMESSA A) LA VALUTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CONTABILITÀ E FINANZA PUBBLICA REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Gennaio 2011) Prof. Livia MERCATI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CONTABILITÀ E FINANZA PUBBLICA REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Gennaio 2011) Prof. Livia MERCATI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CONTABILITÀ E FINANZA PUBBLICA REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Gennaio 2011) Prof. Livia MERCATI INDICE 1. PREMESSA 2. I PRINCIPALI CONTENUTI DELLA L. N. 196/2009 3. OBIETTIVI

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI a cura di Claudio Picozza 1 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Indice Prefazione XI PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Capitolo 1 Le partnership pubblico-privato nei nuovi modelli di gestione

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Il Dirigente Responsabile: GALEOTTI UGO Decreto

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA DEL TERZO SETTORE, DELL'IMPRESA SOCIALE E PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE. R E L A Z I O N E Il disegno di legge, che si compone

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona www.ulss.tv.it Principi costituzionali Art. 2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo

Dettagli

Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA

Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA La deliberazione della Giunta regionale n. 39/17 del 10.10.2014 fornisce indirizzi in materia di programmazione, gestione e controllo delle società

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht

Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht 23 aprile 2007 Notifica dell indebitamento netto e del debito delle amministrazioni pubbliche secondo il Trattato di Maastricht Aprile 2007 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

APPROFONDIMENTO FINANZA

APPROFONDIMENTO FINANZA APPROFONDIMENTO FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LE SCELTE DI STRUTTURA FINANZIARIA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LE SCELTE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

L impresa sociale italiana

L impresa sociale italiana Milano, 5 maggio 2006 L impresa sociale italiana D Angelo G. Ferretti M. Fiorentini G. Zangrandi A. IMPRESA SOCIALE L.118/05 e decreto legislativo 155/06! Le imprese sociali sono organizzazioni private

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber 1. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni

Dettagli

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio

L economia aziendale: i contenuti e l oggetto di studio Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza Corso di Economia Aziendale Prof.ssa Lucia Giovanelli giovanel@uniss.it L economia

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale.

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Bilancio delle imprese di assicurazione a.a. 2005-2006. Evoluzione della normativa relativa al bilancio delle compagnie di assicurazione in Italia

Bilancio delle imprese di assicurazione a.a. 2005-2006. Evoluzione della normativa relativa al bilancio delle compagnie di assicurazione in Italia Evoluzione della normativa relativa al bilancio delle compagnie di assicurazione in Italia Evoluzione della normativa e della prassi relativa al Bilancio delle assicurazioni Periodi significativi: dal

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili in attuazione della legge 12 marzo 1999, n. 68 e istituzione servizio integrazione lavorativa

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli