Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BGIC86600B PONTE S. PIETRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BGIC86600B PONTE S. PIETRO"

Transcript

1 Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BGIC86600B PONTE S. PIETRO 1

2 Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel Rapporto di Autovalut (RAV) o 1.2 Scala di rilevanza degli obiettivi di processo o 1.3 Elenco degli obiettivi di processo Risultati attesi e monitoraggio 2. Azioni previste per raggiungere ciascun obiettivo di processo 3. Pianific delle azioni previste per ciascun obiettivo di processo dividuato o 3.1 Impegno di risorse umane e strumentali o 3.2 Tempi di attu delle attività/ Monitoraggio 4 Valut, condivisione e diffusione dei risultati del piano di miglioramento o 4.1 Valut dei risultati raggiunti sulla base degli dicatori relativi ai traguardi del RAV o 4.2 Processi di condivisione del piano all'terno della scuola o 4.3 Modalità di diffusione dei risultati del PdM sia all'terno sia all'esterno dell'organizz scolastica o 4.4 Componenti del Nucleo di valut e loro ruolo 2

3 1.Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel Rapporto di Autovalut (RAV) ESITI DEGLI STUDENTI Risultati scolastici Risultati nelle prove standardizzate nazionali DESCRIZIONE DELLE PRIORITA Dimuzione NON AMMESSI classi prime secondaria Dimuire fascia bassa Potenziare fascia di voto termedio (sette/otto) Rendere le classi equieterogenee - primarie Rendere le classi equieterogenee - secondaria di 1^gr. DESCRIZIONE DEI TRAGUARDI Rientrare nella media provciale (dal 87% al 96%) Riduzione % della fascia di voto feriore (sei) dal 45% al 27% Aumento delle fasce termedie per rientrare nella media provciale (esame terza media) dal 35% al 50% Ridurre variabilità tra i risultati delle classi qute italiano e matematica. (scarto accettato circa 3 punti rispetto alla media di scuola) Ridurre variabilità tra i risultati delle classi terze italiano e matematica. (scarto accettato circa 3 punti rispetto alla media di scuola) MOTIVAZIONE DELLE PRIORITA Il grado di priorità è stato determato dalla riflessione che l' della scuola debba prioritariamente essere rivolta a ridurre l'cidenza numerica e il gap formativo degli studenti con livelli di apprendimento sotto una determata soglia. Ciò è strettamente legato con i risultati scolastici, ma anche con i risultati delle prove standardizzate che mostrano classi disomogenee e con una tendenza a livelli bassi matematica. Oltre qudi a migliorare i livelli di conoscenza e competenza degli alunni, le nostre priorità si rivolgono al favorire l'equità degli esiti formativi all'terno del sistema scolastico, riducendo la varianza terna nelle classi e tra le classi, avviando terventi compensativi nei contesti scolastici maggiormente svantaggiati. AREA DI PROCESSO DESCRIZIONE DELL'OBIETTIVO DI PROCESSO PRIORITA PRIORITA 1 2 Curricolo, progett e valut Revisione curricolo base a dicazioni nazionali con attenzione a obiettivi e competenze da condividere al terme di ogni ciclo. SI SI Elabor e sommistr di prove strutturate parallelo termedie per tutte le classi. Analisi dei risultati e riprogett. SI Ambiente di apprendimento Utilizzo del 20% della quota oraria per terventi di recupero/approfondimento per classi aperte e fasce di livello. SI Promozione delle TIC con acquisto di LIM, cablaggio dei plessi, adeguamento del laboratori, SI 3

4 Inclusione e differenzi organizz e promozione di form adeguata. Tutoraggio per rafforzare i percorsi e le azioni defiti dai PDP SI Contrasto dispersione scolastica: ampliamento dell'offerta extracurricolare raccordo con le agenzie del territorio (solo se presenza di risorse adeguate) SI Contuità e orientamento Rivedere criteri di form delle classi che garantiscano equi- eterogeneità con attenzione al passaggio di formazioni e all analisi del contesto socioculturale di provenienza. SI INDICAZIONI SU COME GLI OBIETTIVI DI PROCESSO POSSONO CONTRIBUIRE AL RAGGIUNGIMENTO DELLE PRIORITÀ Il miglioramento degli esiti degli alunni può essere favorito dalla condivisione di processi, percorsi e metodologie novative tra i docenti di ordi diversi. Inoltre appare evidente che gli esiti formativi, di quegli alunni che evidenzo scarsa motiv e difficoltà negli apprendimenti, possono migliorare con opportune strategie didattiche. A livello di ambiente di apprendimento sarà necessario organizzare momenti diversi per il recupero e l approfondimento, ma soprattutto sarà necessario favorire la conoscenza e la speriment di nuove metodologie, di strategie di segnamento e di valut utili ad attivare apprendimenti significativi contuità e a sviluppare positivi atteggiamenti motivazionali e nuove prospettive cognitive. Una particolare attenzione deve essere rivolta all'area dell clusione e della differenzi, visto l alto numero di BES, con una condivisione puntuale di obiettivi, strumenti, metodologie e monitoraggio dei risultati. Migliorare gli esiti scolastici significa soprattutto la condivisione di un curricolo con dividu di obiettivi e competenze al terme di ogni ciclo, condivisione che non può avvenire se non tramite contri strutturati per ambiti disciplari o per consigli di classe. Tale condivisione ci permetterà di rivedere i criteri di form delle classi per dividuare elementi, che permettano di leggere i vari contesti nel modo più oggettivo e condiviso possibile. 1.2 Scala di rilevanza degli obiettivi di processo Calcolo della necessità dell'tervento sulla base di fattibilità ed impatto: Obiettivo di processo elencati Contrasto dispersione scolastica: ampliamento dell'offerta extracurricolare raccordo con le agenzie del territorio (solo se presenza di risorse adeguate). Elabor e sommistr di prove strutturate parallelo termedie per tutte le classi. Analisi dei risultati e riprogett. Promozione delle TIC con acquisto di LIM, cablaggio dei plessi, adeguamento del laboratori, organizz e promozione di form adeguata. Fattibilità (da 1 a 5) Impatto (da 1 a 5) Prodotto: valore che identifica la rilevanza dell'tervento 4

5 Tutoraggio per rafforzare i percorsi e le azioni defiti dai PDP Revisione curricolo disciplari base a dicazioni nazionali con attenzione a obiettivi e competenze da condividere al terme di ogni ciclo. Rivedere criteri di form delle classi che garantiscano equi- eterogeneità. con attenzione al passaggio di formazioni e all analisi del contesto socioculturale di provenienza. Utilizzo del 20% della quota oraria per terventi di recupero/approfondimento per classi aperte e fasce di livello Elenco degli obiettivi di processo - Risultati attesi e monitoraggio Obiettivo di processo elencati Risultati attesi Indicatori di monitoraggio Modalità di rilev Contrasto dispersione scolastica: ampliamento dell'offerta extracurricolare raccordo con le agenzie del territorio (solo se presenza di risorse adeguate). Elabor e sommistr di prove strutturate parallelo termedie per tutte le classi. Analisi dei risultati e riprogett. Promozione delle TIC con acquisto di LIM, cablaggio dei plessi, adeguamento del laboratori, organizz e promozione di form adeguata. Tutoraggio per rafforzare i percorsi e le azioni defiti dai PDP Acquisizione dei contenuti mimi curricolari; acquisizione di un metodo di studio adeguato; miglioramento dei risultati scolastici Riduzione della variabilità tra i risultati delle classi attraverso la condivisione della pianific dell'attività didattica. Cablaggio 100% plessi; copertura del 30% delle classi con LIM; organizz e attu Piano di form terno Acquisizione di un comportamento responsabile e/o miglioramento degli esiti scolastici; numero degli alunni frequentanti; regolarità nell'esecuzione dei compiti; confronto dei risultati prima e dopo l'tervento risultati delle prove a livello di classe; grafici andamento % di plessi cablati; % di aule con LIM; numero di docenti partecipanti al organizzato Confronto tra le rilevazioni termedie e di fe quadrimestre (vd lettere alle famiglie e scheda di valut) registro di presenza; controllo dei quaderni; analisi dei risultati raccolta dei risultati delle classi attraverso una griglia di valut; confronto dati e analisi delle situazioni rel dei responsabili di laboratorio; rel del responsabile per l'organizz del Osservazioni del tutor e del CdC; monitoraggio dei PDP 5

6 Revisione curricolo disciplari base a dicazioni nazionali con attenzione a obiettivi e competenze da condividere al terme di ogni ciclo. Revisione dei criteri di form delle classi che garantiscano equieterogeneità. con attenzione al passaggio di formazioni e all analisi del contesto socioculturale di provenienza. stesura dei curricoli disciplari verticale con dividu di conoscenze, abilità e competenze con riferimento alle competenze chiave classi con maggiore equi -eterogeneità (classi secondaria e primaria Ponte capoluogo) numero contri falizzati al raggiungimento dell'obiettivo; numero di ordi covolti; numero di di curricoli verticale prodotti; numero di competenze chiave covolte Risultati delle classi qute primaria e terze secondaria nelle prove INVALSI; risultati delle prove parallelo; grafici confronto situazioni Rel periodica della funzione strumentale e verbali dei gruppi di lavoro; materiale prodotto dai gruppi di lavoro e dalla commissione contuità Analisi dei risultati contri collegiali, di team, di dipartimento Utilizzo del 20% della quota oraria per terventi di recupero/approfondimento per classi aperte e fasce di livello. Consolidamento e potenziamento del metodo di studio per favorire l'acquisizione di competenze disciplari e trasversali; condivisione di modalità e progett del lavoro per ridurre la variabilità tra i risultati delle classi numero di contri per ogni classe; risultati disciplari (andamento situ iziale e fale) prove parallelo; contri di verifica: andamento tervento; osserv risposta del gruppo; analisi dei risultati delle prove parallelo 6

7 2. Azioni previste per raggiungere ciascun obiettivo di processo Obiettivi di processo elencati Contrasto dispersione scolastica: ampliamento dell'offerta extracurricolare raccordo con le agenzie del territorio (solo se presenza di risorse adeguate). Elabor e sommistr di prove strutturate parallelo per tutte le classi. Analisi dei risultati e riprogett. Promozione delle TIC con acquisto di LIM, cablaggio dei plessi, adeguamento del laboratori, organizz e Azione prevista - organizz e pianific delle attività di recupero e potenziamento (covolgimento degli segnanti dell'organico potenziato e di volontari - dividu da parte dei team docenti, accordo con segnanti dell'organico potenziato, degli alunni e delle attività di potenziamento necessarie) - apertura orario extracurricolare falizzata al contrasto della dispersione scolastica e all'ampliamento dell'offerta formativa per la valorizz delle eccellenze - Valut itere e conclusiva degli terventi - Revisione delle modalità di elabor delle prove, di sommistr e di valut - Sommistr, correzione, valut e confronto prove parallelo. - Acquisto di LIM - Cablaggio dei plessi - Adeguamento dei laboratori della primaria Caratteri novativi dell'obiettivo Ampliamento del tempo scuola attraverso l'utilizzo dell'organico potenziato e la valorizz delle proposte del territorio. Condivisione della progettualità per competenze Italiano e Matematica. Monitoraggio dell'andamento didattico delle classi parallelo funzione di una distribuzione più omogenea nelle fasce di livello. Promuovere il successo formativo con l'nov didattica legata all'cremento delle dotazioni e all'utilizzo Connessione con il quadro di riferimento (Appendice A B del PdM INDIRE) OBIETTIVI ORIZZONTI LEGGE 107/2015 Processo Innov promosso da INDIRE i)potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; k) valorizz della scuola tesa come comunità attiva, aperta al territorio; n) valorizz di percorsi formativi dividualizzati e covolgimento degli alunni e degli studenti. a) valorizz e potenziamento delle competenze lguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lgua glese e a di altre lgue dell'unione europea; b) potenziamento delle competenze matematicologiche e scientifiche; h) sviluppo delle competenze digitali degli studenti; i) potenziamento delle 1.Trasformare il modello trasmissivo della scuola 4. Riorganizzare il tempo di fare scuola 1.Trasformare il modello trasmissivo della scuola 2. Sfruttare le opportunità offerte dalle ICT e dai 7

8 promozione di form adeguata. - Organizz di percorsi formativi delle nuove tecnologie. metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; lguaggi digitali per supportare nuovi modi di segnare, apprendere e valutare Tutoraggio per rafforzare i percorsi e le azioni defiti dai PDP Revisione curricoli disciplari base a dicazioni nazionali con attenzione a obiettivi e competenze da condividere al terme di ogni ciclo. Rivedere criteri di form delle classi che garantiscano equi- eterogeneità con attenzione al passaggio di formazioni e all analisi del contesto socioculturale di provenienza. - Tutoraggio a supporto del coordatore di classe per condivisione e monitoraggio dei percorsi (secondaria di primo grado) - Tutoraggio a supporto degli alunni con PDP orario curricolare con ore di compresenza (secondaria di primo grado) - Sviluppo di progetti per alunni BES orario curricolare e/o extracurricolare ( solo se presenza di risorse adeguate) - Inserimento nel piano delle attività di contri per la revisione dei curricoli disciplari base alle Indicazioni Nazionali - Stesura dei curricoli disciplari con l'utilizzo di una griglia condivisa e con dividu di contenuti mimi, conoscenze abilità e competenze - Elabor dei curricoli verticali e delle griglie per la valut delle competenze - Revisioni dei criteri per la form delle classi e per l'assegn delle classi ai team attraverso l'dividu di parametri oggettivi di osserv e di valut - Individu di parametri Sviluppo dei percorsi dividualizzati per garantire il successo formativo Sviluppo della didattica per competenze sulla base delle dicazioni nazionali Potenziamento del raccordo orizzontale tra plessi e di quello verticale tra ordi di scuola differenti dello stesso Istituto e del territorio. n) valorizz di percorsi formativi dividualizzati e covolgimento degli alunni; l)prevenzione e contrasto della dispersione scolastica, di ogni forma di discrim; potenziamento dell'clusione scolastica a) valorizz e potenziamento delle competenze lguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché' alla lgua glese e a di altre lgue dell'unione europea; b) potenziamento delle competenze matematicologiche e scientifiche; e)sviluppo di comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità e della sostenibilità ambientale; q) Defizione di un sistema di orientamento 2. Sfruttare le opportunità offerte dalle ICT e dai lguaggi digitali per supportare nuovi modi di segnare, apprendere e valutare 5. Riconnettere i saperi della scuola e i saperi della società della conoscenza; 8

9 Utilizzo del 20% della quota oraria per terventi di recupero/approfondimento per classi aperte e fasce di livello. oggettivi di osserv e di valut - Incontri tra docenti delle classi ponte per il passaggio di formazioni - Form delle classi - Pianific delle attività: organizz delle attività, obiettivi, metodologia, risultati attesi - Classi aperte per I ora settimanale: 2 classi parallele vengono unite e suddivise 2/3 gruppi di livello per potenziamento alternanza di matematica e italiano. L tervento è progettato su 10 contri - Organizz delle attività della settimana dedicata al recupero/approfondimento Utilizzo flessibile del tempo scuola al fe di prevenire la dispersione scolastica e potenziare le competenze lguistiche e logico/matematiche a) valorizz e potenziamento delle competenze lguistiche; b) potenziamento delle competenze matematicologiche e scientifiche; j)prevenzione e contrasto della dispersione scolastica e potenziamento dell'clusione scolastica o) dividu di percorsi e di sistemi funzionali alla premialità e alla valorizz del merito degli alunni; 1.Trasformare il modello trasmissivo della scuola 4. Riorganizzare il tempo del fare scuola 9

10 3. Pianific delle azioni previste per ciascun obiettivo di processo dividuato 3.1 Impegno di risorse umane e strumentali OBIETTIVO DI PROCESSO: Contrasto dispersione scolastica: ampliamento dell'offerta extracurricolare raccordo con le agenzie del territorio (solo se presenza di risorse adeguate). Figure professionali Docenti Personale ATA IMPEGNO DI RISORSE UMANE INTERNE ALLA SCUOLA Tipologia di attività organico potenziato e docenti organico collaboratori scolastici: apertura plessi e pulizia Ore aggiuntive Costo previsto Fonte fanziaria presunte 200 orario curricolare del docente 100 FIS Altre figure esperti terni contributo genitori IMPEGNO FINANZIARIO PER FIGURE PROFESSIONALI ESTERNE ALLA SCUOLA E/O BENI E SERVIZI Impegni fanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Fonte fanziaria Formatori Consulenti 50 contributo genitori Attrezzature Servizi Altro OBIETTIVO DI Figure PROCESSO: professionali Elabor e Docenti sommistr di prove strutturate parallelo termedie per tutte le classi. Analisi dei risultati e Personale ATA riprogett. Altre figure IMPEGNO DI RISORSE UMANE INTERNE ALLA SCUOLA Tipologia di Ore aggiuntive attività presunte docenti di italiano 10 matematica e sostegno impegnati nella prepar, sommistr e valut delle prove Costo previsto Fonte fanziaria 10

11 OBIETTIVO DI PROCESSO: Promozione delle TIC con acquisto di LIM, cablaggio dei plessi, adeguamento del laboratori, organizz e promozione di form adeguata. Figure professionali Docenti Personale ATA Altre figure IMPEGNO DI RISORSE UMANE INTERNE ALLA SCUOLA Tipologia di attività form docenti da parte di esperti terni, gestione laboratori e della attrezzature formatiche Ore aggiuntive Costo previsto Fonte fanziaria presunte FIS ed eventuali fanziamenti con bandi esterni per progetti IMPEGNO FINANZIARIO PER FIGURE PROFESSIONALI ESTERNE ALLA SCUOLA E/O BENI E SERVIZI Impegni fanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Fonte fanziaria Formatori Consulenti Attrezzature Fondi per il funzionamento, Ente Locale Servizi Fondi per il funzionamento e possibili Fondi PON Altro OBIETTIVO DI PROCESSO: Revisione curricolo disciplari base a dicazioni nazionali con attenzione a obiettivi e competenze da condividere al terme di ogni ciclo. Figure professionali Docenti Personale ATA Altre figure IMPEGNO DI RISORSE UMANE INTERNE ALLA SCUOLA Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Fonte fanziaria Collegio docenti FIS /commissione contuità e orientamento/ funzione strumentale/ staff di dirigenza: esiti e dati valsi IMPEGNO FINANZIARIO PER FIGURE PROFESSIONALI ESTERNE ALLA SCUOLA E/O BENI E SERVIZI Impegni fanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Fonte fanziaria Formatori 2000 Bando MIUR Indicazioni Nazionali Consulenti Attrezzature Servizi Altro 11

12 IMPEGNO DI RISORSE UMANE INTERNE ALLA SCUOLA Figure OBIETTIVO DI professionali PROCESSO: Docenti Rivedere criteri di form delle classi che garantiscano equieterogeneità. Con attenzione al passaggio di formazioni e all analisi del contesto socioculturale di provenienza. Personale ATA Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Fonte fanziaria Incontri ore ipotizzate ma orizzontale per non coperte da condividere i fanziamento criteri di valut, le prove da utilizzare e la modalità di sommistr; contri verticale tra docenti di ordi diversi per il passaggio di formazioni Altre figure IMPEGNO DI RISORSE UMANE INTERNE ALLA SCUOLA Figure Tipologia di Ore aggiuntive Costo previsto Fonte fanziaria professionali attività presunte Docenti docenti di italiano, 60 orario curricolare OBIETTIVO DI PROCESSO: Utilizzo del 20% della quota oraria per terventi di recupero/approfo ndimento per classi aperte e fasce di livello. matematica, sostegno e dell'organico potenziato attività di recupero, approfondimento su gruppi di livello e relativa progett Personale ATA 0 Altre figure Assistenti educatori 20 orario curricolare IMPEGNO DI RISORSE UMANE INTERNE ALLA SCUOLA OBIETTIVO DI PROCESSO: Tutoraggio per rafforzare i percorsi e le azioni defiti dai PDP Figure professionali Docenti Personale ATA Tipologia di attività Referenti di progetto per alunni BES, docenti Organico Potenziato impegnati attività di tutoraggio, coordatori e docenti dei Consigli di Classe esperti terni Ore aggiuntive Costo previsto Fonte fanziaria presunte Bandi MIUR... per progetti che covolgono esperti terni (solo se assegnati) Altre figure 12

13 3.2 Tempi di attu delle attività/monitoraggio Obiettivo di processo Contrasto dispersione scolastica: ampliamento dell'offerta extracurricolare raccordo con le agenzie del territorio (solo se presenza di risorse adeguate). Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Organizz e pianific delle attività di recupero e potenziamento Apertura orario extracurricolare falizzata al contrasto alla dispersione scolastica e all'ampliamento dell'offerta formativa per la valorizz delle eccellenze Monitoraggio dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo X Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misur Criticità rilevate questionario di gradimento registri presenze numero dei partecipanti rispetto alle iscrizioni numero di corsi attivati risultati negli esami di certific lgue straniere e ECDL numero dei giorni di apertura dell'istituto orario pomeridiano Progressi rilevati Modifiche/necessità di aggiustamenti 13

14 Obiettivo di processo Elabor e sommistr di prove strutturate parallelo per tutte le classi. Analisi dei risultati e riprogett. Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Elabor e condivisione della griglia di valut e delle modalità di sommistr e verifica dei risultati Eventuale riprogett Sommistr, correzione, valut e confronto prove parallelo attuata attuata Monitoraggio dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo X Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misur Criticità rilevate numero di contri di pianific e di verifica tabelle riassuntive degli esiti delle prove numero di classi covolte numero di prove sommistrate Progressi rilevati Modifiche/necessità di aggiustamenti 14

15 Obiettivo di processo Promozione delle TIC con acquisto di LIM, cablaggio dei plessi, adeguamento del laboratori, organizz e promozione di form adeguata. Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Cablaggio dei plessi e adeguamento dei laboratori della primaria Acquisto di LIM attuata attuata attuata Organizz di percorsi formativi attuata Monitoraggio dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misur Criticità rilevate Interventi per il cablaggio percentuale di aule con LIM numero di plessi cablati numero di laboratori adeguati: computer funzionanti, presenza di software adeguati numero docenti partecipanti al di form X Progressi rilevati Modifiche/necessità di aggiustamenti 15

16 Obiettivo di processo Revisione curricoli disciplari base a Indicazioni Nazionali con attenzione a obiettivi e competenze da condividere al terme di ogni ciclo. Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Inserimento nel piano delle attività di contri attuata attuata per la revisione dei curricoli disciplari base alle Indicazioni Nazionali Stesura dei curricoli disciplari con attuata attuata attuata l'utilizzo di una griglia condivisa e con dividu di contenuti mimi, conoscenze abilità e competenze Elabor dei curricoli verticali e delle griglie per la valut delle competenze Monitoraggio dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo X X Attività Stesura dei curricoli disciplari Elabor dei curricoli verticali Criticità rilevate Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misur verbali degli contri stesura dei curricoli numero degli contri falizzati all'obiettivo numero dei curricoli prodotti verbali e rel della funzione strumentale report al Dirigente del lavoro svolto dalla funzione strumentale e dalla commissione numero contri commissione falizzati all'obiettivo numero di docenti covolti per ogni orde completezza del materiale prodotto rispetto agli obiettivi Progressi rilevati Modifiche/necessità di aggiustamenti 16

17 Obiettivo di processo Rivedere criteri di form delle classi che garantiscano equi- eterogeneità con attenzione al passaggio di formazioni e all analisi del contesto socioculturale di provenienza. Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Incontri tra docenti delle classi di passaggio per la condivisione di formazioni attuata Revisioni dei criteri per la form delle classi e per l'assegn delle classi ai team attraverso l'dividu di parametri oggettivi di osserv Monitoraggio dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo 31 marz 19 giug Attività Incontri tra docenti delle classi di passaggio per la condivisione di formazioni Revisioni dei criteri per la form delle classi e per l'assegn delle classi Criticità rilevate Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misur verbali passaggio di formazioni primaria/secondaria, fanzia/primaria numero di contri per il passaggio di formazioni numero di segnanti covolti rispetto al numero totale odg e verbali della Commissione Contuità e curricoli numero di contri della commissione contuità numero di contri per il passaggio di formazioni numero di segnanti covolti rispetto al numero totale Progressi rilevati Modifiche/necessità di aggiustamenti 17

18 Obiettivo di processo Utilizzo del 20% della quota oraria per terventi di recupero/approfondimento per classi aperte e fasce di livello Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Pianific delle attività: organizz delle attività, obiettivi, metodologia, risultati attesi Classi aperte per I ora settimanale: 2 classi parallele vengono unite e suddivise 2/3 gruppi di livello per potenziamento alternanza di matematica e italiano. L tervento è progettato su 10 contri Organizz delle attività della settimana dedicata al recupero /approfondimento Monitoraggio dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo attuata attuata attuata attuata X Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misur Criticità rilevate Progressi rilevati Osserv della risposta dell'alunno e del gruppo da parte dei docenti/ griglie di valut termedie e di fe quadrimestre valutazioni formative e sommative mancanza di rubriche valutative di osserv Modifiche/necessità di aggiustamenti 18

19 Obiettivo di processo Tutoraggio per rafforzare i percorsi e le azioni defiti dai PDP Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Tutoraggio a supporto degli alunni con PDP orario curricolare con ore di compresenza (secondaria di primo grado) Sviluppo di progetti per alunni BES orario curricolare e/o extracurricolare ( solo se presenza di risorse adeguate) Tutoraggio a supporto del coordatore di classe per condivisione e monitoraggio dei percorsi (secondaria di primo grado) Monitoraggio dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo X Attività Tutoraggio a supporto degli alunni con PDP Sviluppo di progetti per alunni BES Tutoraggio a supporto del coordatore di classe Criticità rilevate Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misur Numero di ore utilizzate Numero di alunni Registro delle attività svolte Numero progetti sviluppati Numero di classi covolte Numero di alunni covolti Diario di lavoro e prodotti Rel docente dividuato per tutoraggio Numero di ore utilizzate Numero di contri con le famiglie Numero di colloqui motivazionali con alunni BES Verbali dei CdC Progressi rilevati Modifiche/necessità di aggiustamenti 19

20 4. Valut, condivisione e diffusione dei risultati del piano di miglioramento 4.1 Valut dei risultati raggiunti sulla base degli dicatori relativi ai traguardi del RAV Priorità 1 Priorità 2 Dimuzione NON AMMESSI classi prime secondaria Potenziare fascia di voto termedio (sette) Rendere le classi equi- eterogenee Risultati scolastici Traguardo Rientrare nella media provciale (dal 87% al 96%) Data Indicatori rilev scelti 30/06/2016 numero ammessi classi prime secondaria Risultati attesi 93% alunni ammessi alle classi prime secondaria Risultati riscontrati Differenze Considerazioni Risultati scolastici Risultati nelle prove standardizzate Risultati nelle prove standardizzate Aumento delle fasce termedie per rientrare nella media provciale (esame terza media) dal 35% al 50% ridurre variabilità tra i risultati delle classi qute italiano e matematica (scarto accettato circa 3 punti rispetto alla media di scuola) ridurre variabilità tra i risultati delle classi terze italiano e matematica (scarto accettato circa 3 punti rispetto alla media di scuola) 30/06/2016 risultati esami terza secondaria Aumento delle fasce termedie (esame terza media) al 45% 30/06/2016 dati INVALSI ridurre variabilità tra i risultati delle classi qute italiano e matematica (scarto accettato circa 6 punti rispetto alla media di scuola) 30/06/2016 dati INVALSI ridurre variabilità tra i risultati delle classi terze italiano e matematica (scarto accettato circa 5 punti rispetto alla media di scuola) 20

21 4.2 Processi di condivisione del piano all'terno della scuola Momenti di condivisione terna Persone covolte Strumenti Considerazioni nate dalla condivisione collegi di plesso, collegio docenti unitario e consiglio di istituto contri periodici del Nucleo di valut ristretto e allargato docenti e componente genitori e ATA consiglio d'istituto staff di dirigenza - funzioni strumentali relazioni e verbali rel delle funzioni strumentali, dei gruppi di lavoro e del dirigente 4.3 Modalità di diffusione dei risultati del PdM sia all'terno sia all'esterno dell'organizz scolastica Metodi/Strumenti Destatari Tempi raccolta, analisi e condivisione periodica dei dati attraverso l'uso di slide di present - piattaforma d'istituto, sito dell'istituto, condivisione dei dati attraverso l'uso di slide di present contri con il territorio docenti genitori, associazioni, ente locale Ogni quattro mesi 2 contri annuali 21

22 4.4 Componenti del Nucleo di valut e loro ruolo Nome Ruolo CARTASEGNA MARIA NADIA Dirigente Scolastico ROTTOLI SIMONETTA docente - FS POF VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE VAVASSORI MATTEO docente IRC primaria - primo collaboratore - referente per il monitoraggio CARDANI GIULIANA docente primaria - FS CONTINUITA' - Referente per Valut delle Competenze Curricoli e Dati Invalsi SINDONA TERESA docente secondaria - Responsabile di plesso secondaria - referente per Cittadanza e Costituzione 22

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TOIC837002 I.C. - BRUINO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PEIC828004 I. C. I.SILONE-MONTESILVANO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) ISTITUTO SUPERIORE VERONA - TRENTO I.T.T. VERONA TRENTO - I.PIA. MAJORANA MEIS027008 IST. D'ISTRUZ. SUPERIORE IITI "VERONA TRENTO" MESSINA Via U. Bassi Is. 148 - Tel. ( 090 ) 29.34.854-29.34.070 - Fax

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. B.SPAVENTA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA" Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PDIS003009 "C.CATTANEO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento RMIC83000Q GIUSEPPE MONTEZEMOLO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PIIC84100T I.C. FALCONE CASCINA

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PIIC84100T I.C. FALCONE CASCINA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PIIC84100T I.C. FALCONE CASCINA Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 11) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO "G.ZANELLA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO G.ZANELLA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO "G.ZANELLA" Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 32) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) IST. SECONDARIO SUP. DI CAIRO MONTENOTTE Corso XXV Aprile, 76 17014 Cairo Montenotte (SV) - tel.: 019-504684 e-mail: svis00300a@istruzione.it PEC: svis00300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento AGIS014002 I.I.S.S. "MICHELE FODERA'" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica METD05000E I.T. L.DA VINCI ECONOMICO TECNOLOGICO Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 23) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 22) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R "ZALEUCO" LOCRI

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R ZALEUCO LOCRI Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R "ZALEUCO" LOCRI Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina! 1 di 13! ) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

PIANO DI MGLIORAMENTO ELABORATO SUL MODELLO INDIRE (Approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d Istituto in data 14 gennaio 2016)

PIANO DI MGLIORAMENTO ELABORATO SUL MODELLO INDIRE (Approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d Istituto in data 14 gennaio 2016) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria VIA PIAVE, 11 24050 BARIANO Tel 0363/958350 Fax 0363/959455 C.F. 92015020164

Dettagli

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL SAN PIETRO TERME SCUOLA DELL INFANZIA STATALE GABRIELLA GRANDI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA PRIMARIA STATALE GUSTAVO SEROTTI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016. Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO "DON MILANI" SALA

PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016. Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO DON MILANI SALA PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016 Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO "DON MILANI" SALA Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Allegato all Atto d indirizzo al Collegio dei docenti per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa.

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TRPS03000X TERNI "R. DONATELLI" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di e priorità/traguardi

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento BAIC867006 "PIETRO MENNEA" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica AGPM03000A LICEO SCIENTIFICO E SCIENZE UMANE POLITI

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica AGPM03000A LICEO SCIENTIFICO E SCIENZE UMANE POLITI Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica AGPM03000A LICEO SCIENTIFICO E SCIENZE UMANE POLITI Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 40) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RGIC82000T BERLINGUER Anno Scolastico 2015/2016 Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 28) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

ESITI DEGLI STUDENTI

ESITI DEGLI STUDENTI ALLEGATO Priorità e Traguardi evidenziati nel Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola NAIC812007 "CAMPO DEL MORICINO" ESITI DEGLI STUDENTI 1. Risultati scolastici Studenti

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO PADRE VITTORIO FALSINA Via Scuole, 14 25045 Castegnato

Dettagli

AREA DI PROCESSO OBIETTIVI DI PROCESSO PRIORITA Curricolo, progettazione e valutazione

AREA DI PROCESSO OBIETTIVI DI PROCESSO PRIORITA Curricolo, progettazione e valutazione TABELLA 1 ALLEGATO1 AREA DI PROCESSO OBIETTIVI DI PROCESSO PRIORITA Curricolo, progettazione e valutazione Ambiente di apprendimento Inclusione e differenziazione Sviluppo e valorizzazione delle risorse

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della dispersione e dell insuccesso scolastico. - Rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19

P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19 P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19 Sommario 1. PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELL AZIONE DI MIGLIORAMENTO... 3 2. PIANIFICAZIONE DEL MIGLIORAMENTO... 4 2.1

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Alla luce delle priorità individuate nel RAV, pubblicato all Albo elettronico della scuola e presente sul portale Scuola in Chiaro del M.I.U.R, sono state decise le azioni opportune

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 1

Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO GIULIO DE PETRA CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel 0872/981187 Fax 0872/993450 Cod.Fiscale 81002140697 Cod.Mecc. CHIC80600P

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore Pitagora Montalbano Jonico (MT) A.S. 2015/2016

Istituto Statale d Istruzione Superiore Pitagora Montalbano Jonico (MT) A.S. 2015/2016 Istituto Statale d Istruzione Superiore Pitagora Montalbano Jonico (MT) A.S. 2015/2016 PIANO DI MIGLIORAMENTO PREMESSE Visti gli esiti del Rapporto di autovalutazione dell'istituto (RAV) che sottolineano:

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica TPRH02000T I.P.S.E.O.A. " I. E V. FLORIO" ERICE Sommario 1. OBIETTIVI DI PROCESSO... 3 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali AREA 1: Gestione del piano dell Offerta Formativa e delle azioni di Autovalutazione* Coordinamento, monitoraggio e valutazione delle attività del POF Coordina la stesura, la gestione, l aggiornamento,

Dettagli

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii.

Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. Il Piano di Miglioramento (PdM) Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 633 del 1941 e ss.mm.ii. 1 Indice Introduzione SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Ponte (Bn) Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria primo grado con sezioni associate Comuni di Paupisi e Torrecuso

Istituto Comprensivo Statale Ponte (Bn) Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria primo grado con sezioni associate Comuni di Paupisi e Torrecuso Prot.n. 2099/B24 Ponte, 30/05/2016 A tutti i docenti dell I.C. Ponte Al D.S.G.A. e al personale A.T.A. Atti Albo plessi Sito web Oggetto: Adempimenti di fine anno scolastico 2015/16 Con la presente, si

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento SRIS017003 "ARCHIMEDE" ROSOLINI SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

2 - RISULTATI delle Prove standardizzate Nazionali

2 - RISULTATI delle Prove standardizzate Nazionali 1 R.A.V. - Priorità e traguardi Esiti degli studenti 1 - RISULTATI SCOLASTICI Priorità_COMPETENZA in LETTURA LINGUA MADRE Traguardo_Lettura espressiva ad alta voce in presenza di altri soggetti anche esterni

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Audit interno d Istituto

Audit interno d Istituto Audit interno d Istituto Riesame della Direzione (a.s. 2014/2015) I.I.S. Remo Brindisi Lido degli Estensi 20 maggio 2015 Riesame della Direzione: l Indice 1.Riesame della Direzione (esame di tutte le articolazioni

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA 2015/2016. * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto

FUNZIONIGRAMMA 2015/2016. * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto FUNZIONIGRAMMA 2015/2016 COLLABORATORI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Collaboratore (Vicario) Collaboratore * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto collaborazione con il DS

Dettagli

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari RAV e dintorni Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015 Maddalena Cassinari 1. Motivazione del RAV * La parola chiave è: MIGLIORAMENTO * Attraverso * azioni correttive * cambiamenti necessari

Dettagli

Risultati Secondo anno Risultati

Risultati Secondo anno Risultati PIANO DI MIGLIORAMENTO Nota MIUR 7904 del 01.09.2015 La tabella n. 2 mostra le priorità di miglioramento individuate dalla scuola nella sez. V del RAV e i relativi traguardi. Al termine di ogni anno la

Dettagli

Area POTENZIAMENTO Scientifico

Area POTENZIAMENTO Scientifico Area POTENZIAMENTO Scientifico ALLEGATO 5c Necessità di miglioramento Il potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche, teso sia all individuazione di percorsi funzionali alla premialità

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

priorità e traguardi: area esiti degli studenti descrizione priorità descrizione traguardo didattiche a livello d'istituto.

priorità e traguardi: area esiti degli studenti descrizione priorità descrizione traguardo didattiche a livello d'istituto. Allegato 1 M. I. U. R. Sintesi RAV ( obiettivi di miglioramento) priorità e traguardi: area esiti degli studenti descrizione priorità descrizione traguardo Risultati scolastici Competenze chiave e di cittadinanza

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELL AUTOVALUTAZIONE, LA METRICA DEL RAV, IL MIGLIORAMENTO, IL CICLO PDCA BERGAMO 23/1/2015

L ORGANIZZAZIONE DELL AUTOVALUTAZIONE, LA METRICA DEL RAV, IL MIGLIORAMENTO, IL CICLO PDCA BERGAMO 23/1/2015 L ORGANIZZAZIONE DELL AUTOVALUTAZIONE, LA METRICA DEL RAV, IL MIGLIORAMENTO, IL CICLO PDCA BERGAMO 23/1/2015 Vito Infante Valutatore esterno progetti Vales e V e M - INVALSI Auditor ISO 9001, Marchio SAPERI

Dettagli

IL RAV. Maria Girone

IL RAV. Maria Girone IL RAV Maria Girone Foggia 12/03/2015 AVVIO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE ART. 6 DEL D.P.R. 80/2013 Autovalutazione delle Istituzioni Scolastiche Valutazione esterna Azioni di migliomento Analisi e verifica

Dettagli

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO M.I.U.R. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA ISTITUTO COMPRENSIVO Anna Compagnone SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA 1 GRADO Via del Faro N 1 0 7 0 2 0 P A L A U Tel. 0789-70 95 40 fax

Dettagli

LICEO PORTA ERBA PIANO DI MIGLIORAMENTO

LICEO PORTA ERBA PIANO DI MIGLIORAMENTO LICEO PORTA ERBA PIANO DI MIGLIORAMENTO LICEO PORTA ERBA - Piano di Miglioramento 05 Riferimenti normativi: DPR 80/0 Nota n. 790 del 0/09/05 C.M. n 059 del /09/05. Scenario di riferimento: breve descrizione

Dettagli

Aggiornamento RAV. Alcuni punti di attenzione. Monia Berghella - Coordinatrice AICQ Education ER

Aggiornamento RAV. Alcuni punti di attenzione. Monia Berghella - Coordinatrice AICQ Education ER Aggiornamento RAV. Alcuni punti di attenzione. Monia Berghella - Coordinatrice AICQ Education ER Prot. 7904 del 1 settembre 2015 Legge del 13 luglio 2015, n. 107 La Buona Scuola Prot. 1738 del 2 marzo

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 e-mail: pric81400t@istruzione.it pric81400t@pec.istruzione.it http://icsorbolomezzan.scuolaer.it codice

Dettagli

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 IL RAV Il RAV (di seguito nominato Report) rappresenta la prima esperienza di autovalutazione dell Ist. Comprensivo

Dettagli

2015 2016: un anno insieme Dove eravamo arrivati?

2015 2016: un anno insieme Dove eravamo arrivati? Dove eravamo arrivati? NOI... Alle prese con il RAV VOI... Tutti al mare Rapporto di AutoValutazione R.A.V. GIUDIZIO SINTETICO AREA ESITI e AREA PROCESSI 1) CONTESTO 2) ESITI AREE DI INDAGINE SITUAZIONE

Dettagli

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio

I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio I.C. DE AMICIS - Busto Arsizio http://www.icdeamicis.gov.it Secondaria di 1 Grado E. De Amicis Anno scolastico 2016/2017 Piano Triennale dell Offerta Formativa (ex. L. 107 cd. «Buona scuola») La carta

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE ANTONIO PACINOTTI 84018 SCAFATI (SA) TEL 081/8030377 FAX 081/8563843 E.MAIL satf04000d@istruzione.it CF. 80103800639 C.I.SATF04000D PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 A)Analisi

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE Nella sezione 5 del RAV sono state indicate alcune priorità che la scuola intende perseguire nella sua azione di miglioramento e i relativi risultati/traguardi previsti

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento NARH07000E IPSAR "CARMINE RUSSO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Prot. n.4384/a01 Foggia 17-06-2016. Oggetto: Pubblicazione Criteri per la valorizzazione del merito dei docenti Legge 107/15. Il DIRIGENTE SCOLASTICO

Prot. n.4384/a01 Foggia 17-06-2016. Oggetto: Pubblicazione Criteri per la valorizzazione del merito dei docenti Legge 107/15. Il DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Scientifico Statale G. Marconi Via Danimarca, 5 711 Foggia Tel. 0881 66571 C.F. 80017071 web: www.liceogmarconi.it - e-mail: fgps0000@istruzione.it

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Elaborazione a cura di: Marcello Pedone

Elaborazione a cura di: Marcello Pedone 1 Per niente Poco Abbastanza Questionario Docenti 1. In questa istituzione scolastica gli studenti sono assegnati alle diverse sezioni secondo modalità chiare e condivise 6 29 56 8 2. Questa istituzione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale. Indicazioni operative 1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale Indicazioni operative Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della

Dettagli

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione

Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Mappa indicatori per Rapporto di Autovalutazione Novembre 2014 INDICE della MAPPA INDICATORI 1 Contesto... 2 1.1 Popolazione scolastica... 2 1.2 Territorio e capitale sociale... 3 1.3 Risorse economiche

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bruino Piano triennale dell offerta formativa A.S. 2016/2017 2017/2018 2018/2019

Istituto Comprensivo di Bruino Piano triennale dell offerta formativa A.S. 2016/2017 2017/2018 2018/2019 Istituto Comprensivo di Bruino Piano triennale dell offerta formativa A.S. 2016/2017 2017/2018 2018/2019 PREMESSA E MISSIONE Il piano si basa su criteri educativi-formativi di: Flessibilità Programmazione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua.

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua. SCUOLA PRIMARIA Denominazione progetto Priorità cui si riferisce (L.107/2015)e Traguardi di risultato Obiettivo di processo CLIL SCIENCE Sviluppare e potenziare le competenze chiave di cittadinanza. Rispondere

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI Via Danimarca, 54 90146 Palermo c.f. 80012700821 Telefono 091 515231 - Fax 091 520622 www.liceoggalileipalermo.gov.it - paps010002@istruzione.it paps010002@pec.istruzione.it

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER

Dettagli

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE CALENDARIO ATTIVITA anno scolastico 2015-16 Suddivisione anno scolastico Primo quadrimestre: 14 settembre 23 gennaio Secondo quadrimestre: 25 gennaio 8 giugno DATA TIPO di RIUNIONE 1 settembre Collegio

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015 Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado EZIO CONTINO Largo Pertini -92011 Cattolica Eraclea (AG) Tel.0922 849242 fax 0922 840344 E-mail agic80700p@istruzione.it

Dettagli

Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24

Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24 Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24 Al Collegio dei Docenti e p.c. al Consiglio d Istituto ai Genitori agli Studenti al Personale ATA all ALBO DI ISTITUTO SEDI LECCE E SQUINZANO Oggetto: Atto di Indirizzo

Dettagli

RAV QUESTIONARIO DOCENTI MAGGIO 2015

RAV QUESTIONARIO DOCENTI MAGGIO 2015 RAV QUESTIONARIO DOCENTI MAGGIO 2015 1.AREA:CURRICOLO PROGETTAZIONE VALUTAZIONE (POLITICA SCOLASTICA) 1.1. In questa istituzione scolastica gli studenti sono assegnati alle diverse sezioni secondo modalità

Dettagli

1.3. In questa scuola i laboratori sono usati

1.3. In questa scuola i laboratori sono usati 1.1. In questa istituzione scolastica gli studenti sono assegnati alle diverse sezioni secondo modalità chiare e condivise regolarmente 83% 1.3. In questa scuola i laboratori sono usati (POLITICA SCOLASTICA)

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. 4726/A19 Calolziocorte, 30/09/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) Priorità 1/2 del RAV e del PDM

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) Priorità 1/2 del RAV e del PDM Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alessandro Faedo Via Fante d Italia, 31-36072 - CHIAMPO (VI) Tel. 0444/475810 Fax 0444/475825 email viic87800x@istruzione.it

Dettagli

I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 2015

I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 2015 I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 201 Il Rapporto di Autovalutazione si articola in Sezioni, o macro aree, accessibili direttamente dalla Home Page per mezzo degli appositi link: CONTESTO; ESITI;

Dettagli

IL PIANO ANNUALE PER L'INCLUSIVITA' - PAI

IL PIANO ANNUALE PER L'INCLUSIVITA' - PAI I.C. 2 SAN GIOVANNI LUPATOTO SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Sede centrale Via Ugo Foscolo 13 San Giovanni Lupatoto (VR) Tel.045 546418 fax 045 9251311 mail: vric8ad009@istruzione.it pec :

Dettagli

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA D M 27/12/2012 e CM n. 8 del 6/3/2013 per l anno scolastico 2015-16 Proposta dal GLI d istituto in data 26-05-2015 Deliberato dal collegio dei docenti in data 04-06-2015

Dettagli

Il Piano di Miglioramento. (PdM)

Il Piano di Miglioramento. (PdM) Il Piano di Miglioramento (PdM) 1 IDEE GUIDA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO Nel RAV sono state individuate le seguenti priorità: Priorità 1: Riduzione dell insuccesso scolastico nelle classi del biennio, in

Dettagli

Liceo Statale Virgilio - ROMA. Calendario del Piano annuale delle attività a.s. 2015/2016

Liceo Statale Virgilio - ROMA. Calendario del Piano annuale delle attività a.s. 2015/2016 Liceo Statale Virgilio - ROMA Calendario del Piano annuale delle attività a.s. 20/2016 Giorno mese Attività Luogo ora 1 mart. Sett. Accoglienza nuovi docenti Presidenza 8:30-9:00 1 mart. Sett. Collegio

Dettagli

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola ISTITUTO COMPRENVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILA) a.s 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli