LEASING, FACTORING E CREDITO AL CONSUMO: BUSINESS MATURI E IN DECLINO O CASH COW?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEASING, FACTORING E CREDITO AL CONSUMO: BUSINESS MATURI E IN DECLINO O CASH COW?"

Transcript

1 Università degli Studi di Brescia Dipartimento di Economia Aziendale Pierpaolo FERRARI LEASING, FACTORING E CREDITO AL CONSUMO: BUSINESS MATURI E IN DECLINO O CASH COW? Paper numero 77 Giugno 2008

2 LEASING, FACTORING E CREDITO AL CONSUMO: BUSINESS MATURI E IN DECLINO O CASH COW? di Pierpaolo FERRARI Professore Associato di Economia degli intermediari finanziari Università degli Studi di Brescia

3 Indice 1. Introduzione Leasing, factoring e credito al consumo L offerta di leasing, di factoring e di credito al consumo Il mercato italiano del leasing finanziario Il mercato italiano del factoring Il mercato italiano del credito al consumo L analisi della performance L analisi degli equilibri economici complessivi Lo schema di analisi L evoluzione del margine finanziario La dinamica del margine di intermediazione La redditività del capitale investito La redditività del capitale proprio La gestione operativa e la produttività La qualità del portafoglio crediti crediti Le politiche di finanziamento Conclusioni...22 Bibliografia...25

4 Leasing, factoring e credito al consumo: business maturi e in declino o cash cow? 1. Introduzione Negli ultimi anni è cresciuto significativamente, nell ambito del sistema finanziario nazionale, il peso del leasing, del factoring e del credito al consumo, accomunati, almeno parzialmente, dalla storica appartenenza all intermediazione finanziaria non bancaria. Essi rappresentano ormai dei circuiti di allocazione delle risorse finanziarie che vanno a completare e integrare il complesso dei prodotti e servizi tradizionalmente riferibili al comparto bancario. Non a caso, sono diverse le tipologie di operatori che, nel corso degli anni, si sono affermate su tali mercati: società finanziarie specializzate monoprodotto, società finanziarie specializzate pluriprodotto, società captive di matrice industriale, banche specializzate e banche generaliste. I recenti fenomeni di concentrazione e di crescente pressione concorrenziale riscontrabili in questi tre mercati, con le inevitabili conseguenze sulla numerosità, sulla scala dimensionale e sugli equilibri economici degli operatori, hanno finito per rendere l ingresso su ciascuno di tali mercati un opzione strategica da ponderare con la massima cura e, in ogni caso, non perseguibile senza una dotazione di risorse, di competenze e professionalità altamente specializzate. Obiettivo del presente lavoro è analizzare il grado di sviluppo, i fattori comuni e gli elementi di differenziazione di questi tre settori. A tal fine, dopo una breve presentazione delle caratteristiche strutturali e funzionali del mercato del leasing finanziario, del factoring e del credito al consumo, sarà attuata una specifica analisi degli equilibri gestionali degli intermediari finanziari specializzati in ciascun comparto, gli unici attori del mercato per i quali sia possibile realizzare, partendo dai dati contenuti nel bilancio d esercizio, una compiuta valutazione delle tre specifiche aree di business. 2. Leasing, factoring e credito al consumo 2.1. L offerta di leasing, di factoring e di credito al consumo L offerta in Italia di leasing finanziario, di factoring e di credito al consumo è costituita in netta prevalenza da intermediari finanziari specializzati, nella maggior parte dei casi monoprodotto e in alcuni casi pluriprodotto. Si tratta comunque, nella prevalenza dei casi, di intermediari di emanazione bancaria: leasing, factoring e credito al consumo, pur con intensità diverse, sono considerate attività che, pur potendo essere svolte direttamente da una banca universale, possono essere meglio valorizzate quando svolte in unità organizzative esterne in grado di sfruttare economie di dimensione e di specializzazione di varia natura. 1

5 Pierpaolo Ferrari Prescindendo da specificità settoriali, è possibile classificare gli intermediari finanziari che intervengono nei comparti del leasing, del factoring e del credito al consumo in tre gruppi: - banche generaliste che, nella propria offerta complessiva di prodotti, integrano anche la produzione diretta e l offerta di leasing finanziario, di factoring e di credito al consumo. Mentre nel comparto del credito al consumo è frequente l intervento diretto di una banca generalista che integra tale prodotto nella propria offerta, nei comparti del leasing e, ancora meno, del factoring tale intervento, come si vedrà, è piuttosto raro; - operatori specializzati monoprodotto, talvolta con lo statuto di banca e altre volte con lo statuto di società finanziaria. In entrambi i casi, si tratta di soggetti la cui offerta comprende in via esclusiva o pressoché esclusiva l offerta di leasing finanziario, di factoring oppure di credito al consumo. Tali operatori possono essere distinti in due sottogruppi: gli operatori open market, di emanazione prevalentemente bancaria o, in pochi casi, indipendenti, che svolgono la loro attività sul mercato aperto; gli operatori captive, comprendenti società appartenenti a gruppi industriali e commerciali, che svolgono prevalentemente, anche se non esclusivamente, la loro attività all interno del gruppo con una finalità di supporto all attività principale. Si tratta quindi di società finanziarie controllate da gruppi industriali e commerciali che hanno come compito quello di svolgere attività di leasing finanziario sui beni prodotti dalla casa madre, di supportare con operazioni di credito al consumo la vendita di beni prodotti dalla casa madre (tipicamente un impresa automobilistica) oppure di svolgere l attività di factoring a supporto della gestione del capitale circolante del gruppo di riferimento. - operatori specializzati pluriprodotto, talvolta con lo statuto di banche e altre volte di società finanziarie, che si specializzano in un ambito ristretto di crediti specializzati e integrano all interno della propria offerta leasing, factoring e credito al consumo o due soltanto delle tre categorie di crediti. Anche in quest ultimo caso è possibile distinguere operatori open market e operatori captive. Nell ambito degli operatori open market, si è assistito nell ultimo decennio a una progressiva tendenza alla trasformazione di società 2

6 Leasing, factoring e credito al consumo: business maturi e in declino o cash cow? finanziarie specializzate, mono e pluriprodotto, in banche specializzate. 1 Tale tendenza rende ormai assolutamente anacronistica la segmentazione dell offerta di leasing, di factoring e di credito al consumo sulla scorta di principi puramente istituzionali, che porterebbe a contrapporre banche, da un lato, e società finanziarie, dall altro lato, e, viceversa, esige di considerare come preminenti criteri funzionali di specializzazione economica. Le ragioni che giustificano il cambiamento di statuto da parte di molte società finanziarie open market sono molteplici. Innanzi tutto, la possibilità di raccolta di risparmio fra il pubblico, riservata dalla legge alle sole banche, può consentire alle società finanziarie trasformate di realizzare un autonoma provvista di risorse finanziarie da destinare alla propria attività, a condizioni più convenienti rispetto a quelle ottenibili ante trasformazione. Ulteriori motivazioni che possono rendere conveniente la trasformazione in banca sono: ragioni di immagine, ovvero il senso di affidabilità che l operare con una banca può generare nella clientela; l opportunità di accesso al mercato interbancario per l aggiustamento delle posizioni di liquidità, riservato alle sole banche; la possibilità di instaurare con la clientela relazioni più ampie e diversificate, pur restando operatori specializzati. Infine, per le società la cui operatività coinvolge il comparto immobiliare, la trasformazione può essere dettata anche da ragioni di convenienza fiscale legate alla minor imposta prevista per le iscrizioni ipotecarie effettuate dalle banche (Filotto, 2002). Tale trasformazione non ha invece coinvolto gli operatori specializzati di tipo captive, dato il vincolo di separatezza fra banche e imprese industriali e la conseguente impossibilità per un gruppo industriale o commerciale di detenere una quota di controllo in una banca. In tali casi, pertanto, è naturale che l offerta di leasing, factoring o credito al consumo provenga da una società finanziaria e non da una banca. I dati elaborati dalla Banca d Italia, relativi agli intermediari finanziari soggetti all obbligo delle segnalazioni statistiche di vigilanza, rivelano quote di mercato assai diverse nei tre settori per banche e società finanziarie, che, tuttavia, devono essere interpretate alla luce di quanto appena detto. Assumendo come variabile di scala la consistenza dei crediti in essere a fine esercizio, emerge infatti che: - nel comparto del leasing, la quota di mercato delle banche è progressivamente aumentata negli ultimi anni passando dal 21% al 27,7%; il residuo 72,3% è invece di pertinenza di società finanziarie mono e pluriprodotto (tabella 1). In verità, tale dato deve essere letto 1 Tale tendenza è stata particolarmente rilevante nei comparti nel leasing e del credito al consumo, nei quali il cambiamento di statuto da parte delle società finanziarie permette di sfruttare appieno i benefici della trasformazione in banca. 3

7 Pierpaolo Ferrari tenuto conto che alcune società finanziarie specializzate nel leasing si sono trasformate in banche per una o più delle ragioni dette in precedenza: complessivamente, infatti, le banche generaliste hanno una quota di mercato piuttosto contenuta, pari al 3,7% (Assilea, 2008). Tenuto anche conto della ridotta quota di mercato degli operatori multiprodotto (4,5%), si comprende come l offerta di leasing sia concentrata in via prevalente in capo a operatori specializzati monoprodotto, prevalentemente open market (86,9%) e, in misura meno significativa, captive (4,9%); 2 - nel comparto del factoring, la quota di mercato delle banche che offrono direttamente tale prodotto negli ultimi anni è salita da poco meno del 9% al 13%. Il residuo 87% del mercato fa capo invece a società finanziarie specializzate, prevalentemente monoprodotto e di emanazione bancaria (tabella 1). Anche in questo caso, si tratta dell esito di operazioni di trasformazione che hanno dato vita a banche specializzate nell attività di factoring. L intervento diretto da parte di banche generaliste nel comparto del factoring è infatti assai limitato e corrisponde a circa l 1% del mercato complessivo (Assifact, 2008); - nel settore del credito al consumo la situazione si differenzia nettamente dai due casi precedenti. L offerta in tale comparto è infatti riconducile per circa il 51% a banche e per il restante 49% a società finanziarie specializzate (tabella 1). Quest ultimo dato è in parte influenzato dalla trasformazione di società finanziarie in banche ma anche dall adozione di un diverso modello organizzativo. Alla fine del periodo considerato, l offerta di credito al consumo sul mercato italiano proveniva da 707 intermediari finanziari, dei quali solo 43 specializzati. Questi ultimi comprendevano a loro volta 8 banche e 35 società finanziarie, cui era complessivamente riconducibile il 70% del mercato nazionale del credito al consumo. A differenza del leasing e del factoring in cui le banche generaliste hanno un ruolo assai modesto, pari rispettivamente al 3,4% e all 1% del mercato, nel caso del credito al consumo la quota di mercato ad esse imputabile è pari al 30% del totale (Banca d Italia, 2008). 2 Rielaborazione dei dati contenuti a pag. 45 del Rapporto Assilea 2008, tenuto conto dei criteri definitori esplicitati a pag

8 Leasing, factoring e credito al consumo: business maturi e in declino o cash cow? Tabella 1: L offerta di leasing, factoring e credito al consumo in Italia Leasing Banche Società finanziarie Totale Crediti netti Quota di mercato Crediti netti Quota di mercato Crediti netti Quota di mercato ,0% ,0% % ,5% ,5% % ,3% ,7% % ,4% ,6% % ,3% ,7% % ,7% ,3% % Factoring Banche Società finanziarie Totale Crediti netti Quota di mercato Crediti netti Quota di mercato Crediti netti Quota di mercato ,9% ,1% % ,9% ,1% % ,0% ,0% % ,7% ,3% % ,9% ,1% % ,0% ,0% % Credito al consumo Banche Società finanziarie Totale Crediti netti Quota di mercato Crediti netti Quota di mercato Crediti netti Quota di mercato ,6% ,4% % ,1% ,9% % ,4% ,6% % ,4% ,6% % ,9% ,1% % ,9% ,1% % Valori assoluti in milioni di euro. Fonte: Elaborazione su dati Banca d Italia, Base informativa pubblica 2.2. Il mercato italiano del leasing finanziario La disponibilità di un bene mobile o immobile, materiale o immateriale, standard o fatto costruire su indicazione dello stesso utilizzatore, può essere ottenuta attraverso il leasing finanziario, che, oltre ad assicurare la disponibilità del bene, attribuisce all utilizzatore, al termine del contratto, un'opzione di acquisto ad un prezzo prefissato, inferiore al suo valore di mercato. 5

9 Pierpaolo Ferrari Il mercato italiano del leasing rappresenta, in termini di volumi, il terzo mercato in Europa, dopo quello britannico e tedesco e prima di quello francese e spagnolo (Tarantola, 2007). Esso svolge un ruolo non trascurabile nel finanziamento degli investimenti produttivi nazionali: a fine dicembre 2006, i crediti per beni in leasing erano pari a poco meno di un quinto dello stock di finanziamenti a medio termine complessivamente erogati alle imprese italiane da parte del sistema bancario (Tarantola, 2007). Rispetto alle forme di finanziamento bancarie più tradizionali volte a coprire gli investimenti in capitale fisso, il leasing finanziario presenta alcuni vantaggi: - la possibilità di finanziare per intero il costo del bene o, comunque, la maggiore flessibilità e adattabilità alle esigenze del cliente in termini di durata e di distribuzione dei flussi finanziari contrattuali; - la diversa rappresentazione in bilancio della situazione debitoria delle imprese che non adottino i principi contabili IAS/IFRS, che può farle apparire virtualmente meno indebitate; - i possibili vantaggi fiscali sia in relazione alle imposte dirette sia con riferimento alle imposte indirette. Tabella 2: La composizione della domanda di leasing nel 2007 Il mercato italiano del leasing Stipulato 2007 Peso percentuale Mobiliare ,6% - Auto ,1% - Strumentale ,2% - Aeronavale ,3% Immobiliare ,4% Totale ,0% Valori assoluti in milioni di euro Fonte: Assilea In relazione alla composizione della domanda nazionale, è possibile osservare come il leasing mobiliare, in termini di controvalore dello stipulato 2007, rappresenti poco di più della metà del mercato (53,6%), contro un peso del 46,4% del leasing immobiliare (tabella 2). All interno del leasing mobiliare, il leasing strumentale riveste un ruolo preponderante (28,2% del totale), seguito dal leasing automobilistico (19,1%) e da quello aeronavale (6,3%). 6

10 Leasing, factoring e credito al consumo: business maturi e in declino o cash cow? 2.3. Il mercato italiano del factoring L incasso dei crediti commerciali da parte delle imprese può aver luogo attraverso il factoring. Ciò accade nel caso in cui l impresa trovi conveniente affidare ad un factor la gestione dei propri crediti commerciali, secondo la stessa logica con cui può venire decentrata all esterno una serie di altre funzioni. Il principio che sta alla base di tale trasferimento di funzioni e di compiti si ricollega al grado di specializzazione richiesto e alla convenienza economica di realizzare le strutture organizzative e le procedure operative all interno dell impresa (Benvenuti e Gallo, 2004). I servizi di factoring possono essere offerti direttamente da banche o, come accade assai più spesso, da società finanziarie specializzate. Tali soggetti offrono un rapporto a carattere continuativo o, più raramente, di carattere occasionale, in base al quale un impresa effettua la cessione dei propri crediti commerciali, ricevendo tre possibili tipologie di servizi: la gestione dei crediti; la garanzia contro l insolvenza del debitore; il finanziamento attraverso il regolamento anticipato delle partite cedute. Attraverso tali servizi, l impresa è in grado di ottenere: - economie di scala nella gestione e nell incasso dei crediti commerciali; - la riduzione o la neutralizzazione dell incertezza e degli oneri connessi con le dilazioni di pagamento nei rapporti commerciali; - una protezione contro il rischio di insolvenza del debitore finale; - un miglioramento dei tradizionali indicatori di liquidità e di rotazione del circolante (Carretta, 2007; Ruozi e Ferrari, 2007). Sotto il profilo quantitativo, il mercato italiano ha registrato una crescita tale da arrivare a rappresentare alla fine del 2007 il secondo mercato mondiale in termini di flusso annuo dei crediti acquistati (Factors Chain International, ranking dimensionale per volume di turnover alla fine del 2007). Il volume complessivo dei crediti oggetto di operazioni di factoring (turnover) nel 2007 è stato pari a 114,69 miliardi di euro. Di questi, il 65,2% ha riguardato crediti ceduti senza rivalsa nei confronti del cedente, mentre il residuo 34,8% ha riguardato crediti con rivalsa. I crediti a fine esercizio (outstanding) sono risultati pari al a oltre 38 miliardi, oggetto di anticipo per quasi 26 miliardi (tabella 3). Dal rapporto fra anticipi e outstanding emerge che al il 67,73% dei crediti ceduti è stato oggetto di smobilizzo, con conseguente anticipo al cedente. 7

11 Pierpaolo Ferrari Tabella 3: La composizione della domanda di factoring nel 2007 Il mercato italiano del factoring Turnover Cumulativo di cui: Pro Soluto 65,2% Pro Solvendo 34,8% Crediti per Factoring (outstanding) al Finanziamenti (Anticipi Erogati) al Valori assoluti in milioni di euro Fonte: Assifact 2.4. Il mercato italiano del credito al consumo Il credito al consumo comprende l insieme di prestiti erogati a privati per scopi estranei all attività professionale e volti a sostenere l acquisto di beni durevoli, semidurevoli e, più in generale, le spese di consumo. L elemento definitorio consiste quindi nella destinazione dei finanziamenti, indipendentemente dal tipo di forma tecnica utilizzata, che ha assunto nel tempo svariate connotazioni alternative. Restano invece esclusi dalle forme di finanziamento indicate sopra i mutui immobiliari concessi a privati per l acquisto o la ristrutturazione di immobili, assistiti da garanzia ipotecaria (Ferrari, 1998). Il mercato italiano del credito al consumo, nonostante la forte espansione degli ultimi anni, è ancora poco sviluppato nel confronto internazionale. Alla fine del 2007 i debiti finanziari delle famiglie italiane erano pari al 50% del reddito disponibile, contro un valore medio del 90% nei paesi dell area dell euro (Banca d Italia, 2008). In relazione alle diverse tipologie di credito al consumo, è possibile distinguere le seguenti categorie (Filotto, 1998): - credito finalizzato, rivolto all'acquisto di specifici beni o servizi. Esso comprende i finanziamenti erogati direttamente presso gli esercizi commerciali, a seguito di convenzioni stipulate tra gli stessi esercizi commerciali e gli intermediari finanziari. Il finanziamento copre direttamente il valore del bene o servizio acquistato dal debitore, che stipula contemporaneamente un contratto di compravendita di beni o servizi e un contratto di finanziamento. Oggetto del finanziamento possono essere beni di acquisto durevole, semidurevole e, ora, anche 8

12 Leasing, factoring e credito al consumo: business maturi e in declino o cash cow? spese di consumo corrente. All interno di tale categoria è uso distinguere il finanziamento rivolto all acquisto di autoveicoli, che ha un peso preponderante, dal finanziamento dell acquisto di altri beni e servizi. I finanziamenti auto erogati nel 2007 sono stati pari a circa 21,5 miliardi di euro e rappresentavano il 36% del mercato nazionale, mentre gli altri finanziamenti finalizzati ammontavano a 5,6 miliardi circa, con un peso pari al 9,4% del mercato (tabella 4); - credito personale (o non finalizzato), concesso direttamente al debitore e a destinazione libera. Pur essendo evidente che in occasione della concessione del finanziamento sia sempre richiesta dalla banca o dalla società finanziaria la destinazione delle somme ricevute, in questo caso una volta concesso il credito la destinazione è libera e non è necessariamente finalizzata all acquisto di uno specifico bene o servizio. I crediti personali concessi nel 2007 sono stati pari a quasi 19,6 miliardi di euro, con un incidenza sul mercato nazionale del 32,7% (tabella 4); - crediti basati sull utilizzo di carte revolving. Tale forma di credito al consumo prevede l assegnazione all affidato di una carta di credito a rimborso rateale e di un plafond mensile di spesa, utilizzabile sia per l acquisto di beni e servizi presso gli esercizi convenzionati sia per il ritiro di contante a destinazione libera. Si tratta quindi, a seconda della specifica finalità di utilizzo, di un caso particolare di credito finalizzato oppure di credito personale, caratterizzato dal riconoscimento ex ante di un limite di spesa e dalla possibilità di utilizzo automatico sino al limite concordato, con riaccensione automatica non appena i rimborsi avranno ripristinato la disponibilità del credito. Nel 2007 tale forma di credito al consumo ammontava a oltre 9,2 miliardi di euro, con un peso sul settore pari al 15,5% (tabella 4) - cessione del quinto dello stipendio. E una forma di credito al consumo nella quale il lavoratore dipendente ottiene un finanziamento di durata non superiore ai 10 anni, il cui rimborso viene effettuato attingendo la rata direttamente dal datore di lavoro in misura massima pari ad un quinto nell importo dello stipendio. Di recente, l operazione ha beneficiato di un aggiornamento della normativa di riferimento, che ne ha esteso l ambito applicativo ai dipendenti di aziende private (in precedenza esclusi) e ai pensionati. 3 L ampliamento della base di utilizzatori ha dato un nuovo impulso allo sviluppo di questa forma di credito al consumo, in precedenza desueta, al punto da farne arrivare i 3 La disciplina dell istituto di cessione del quinto dello stipendio è contenuta nel D.P.R. 180/50. Quest ultimo decreto è stato modificato, dopo oltre 50 anni, con le leggi 80/2005 e 266/

13 Pierpaolo Ferrari flussi erogati nel 2007 a oltre 3,8 miliardi di euro, con un peso sul mercato nazionale pari al 6,4% (tabella 4). I dati appena presentati non rilevano la concessione di credito al consumo nella forma di dilazioni di pagamento accordate direttamente dai fornitori di beni o servizi, senza l intervento di banche o di società finanziarie. Tabella 4: La composizione della domanda di credito al consumo nel 2007 Il mercato italiano del credito al consumo Tipologie di finanziamento: Flussi 2007 Peso Finanziamenti auto % Altri crediti finalizzati ,4% Crediti non finalizzati ,7% Carte revolving ,5% Cessione quinto dello stipendio ,4% Totale ,0% Valori assoluti in milioni di euro Fonte: Assofin 3. L analisi della performance La valutazione della performance degli intermediari finanziari specializzati nel leasing, nel factoring e nel credito al consumo può essere articolata su quattro livelli: - l analisi degli equilibri economici complessivi; - la gestione operativa e la produttività; - la qualità del portafoglio crediti; - le politiche di funding. L intero set di dati deriva da elaborazioni sul data base Ossfin - Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo attivo presso SDA Bocconi dal Trattandosi di dati tratti dai bilanci di esercizio dei diversi intermediari finanziari, essi 4 I tre campioni costanti comprendono complessivamente 72 società, di cui 20 specializzate nel leasing, 24 nel factoring e 28 nel credito al consumo. Il grado di copertura rispetto al mercato totale degli operatori specializzati varia dall 83% al 96%, a seconda del comparto considerato. Trattandosi di campioni costanti, il numero di società considerate negli anni precedenti è superiore a 72 per effetto di operazioni di concentrazione che impongono di considerare, all interno del campione costante, anche le società incorporate. 10

14 Leasing, factoring e credito al consumo: business maturi e in declino o cash cow? scontano tutte le problematiche di cui intrinsecamente soffre l informativa contabile e per la cui trattazione si rinvia alla letteratura specialistica (Teodori, 2000) L analisi degli equilibri economici complessivi Lo schema di analisi Lo schema di analisi del conto economico intende mettere in luce le aree della gestione che concorrono alla formazione del risultato di esercizio, nonché la dinamica con cui tale risultato si forma nei tre diversi settori. Il criterio adottato consente, in particolare, di misurare in successione una serie di variabili calcolate in modo uniforme per i tre diversi comparti: - il margine di interesse, rappresentato da interessi attivi e passivi, esprime il risultato dell attività di intermediazione creditizia; - il margine di intermediazione viene ottenuto aggiungendo al margine di interesse: le "commissioni nette specifiche, che esprimono il risultato dell eventuale attività di servizio; il saldo fra le "altre commissioni" attive e passive; il saldo dei profitti e perdite da operazioni finanziarie; - il risultato lordo di gestione" è dato dalla differenza fra margine di intermediazione e i costi operativi monetari (spese per il personale, altre spese amministrative e oneri di gestione), tenendo conto anche dei recuperi spese e degli eventuali altri proventi operativi; - il risultato di gestione misura il reddito prodotto dalla gestione caratteristica ed è calcolato sottraendo al risultato lordo di gestione gli ammortamenti, le rettifiche e gli accantonamenti a fronte dei rischi di credito, gli accantonamenti a fondi rischi e fondi spese e le rettifiche su immobilizzazioni finanziarie; - il reddito operativo viene ottenuto aggiungendo al risultato di gestione i dividendi percepiti su azioni e partecipazioni; - il reddito ante imposte viene determinato tenendo conto delle eventuali componenti straordinarie di reddito e, per gli esercizi precedenti all applicazione dei principi IAS/IFRS, della variazione del Fondo per rischi finanziari generali; - infine, il risultato netto viene determinato sottraendo al reddito ante imposte le imposte sul reddito (Carretta, 1995; Capizzi e Ferrari, 2001; Ferrari 2003). 11

15 Pierpaolo Ferrari L evoluzione del margine finanziario L analisi del margine di interesse nei tre diversi comparti, inteso come differenza fra interessi attivi e passivi, evidenzia una netta differenziazione fra leasing e factoring, da un lato, e credito al consumo, dall altro lato. Il leasing e il factoring, in quanto finanziamenti riservati in via prevalente ad imprese, sono infatti caratterizzati da margini di interesse unitari piuttosto contenuti e relativamente stabili nel periodo , con un livello medio in entrambi i settori di poco inferiore all 1,40% del totale attivo. Il credito al consumo, in quanto rivolto a persone fisiche per importi unitari relativamente modesti, è caratterizzato da un margine di interesse unitario assai superiore: nel 2002 esso era di quasi quattro volte superiore rispetto al factoring e al leasing, anche se nei cinque anni considerati, in connessione con un forte aumento della concorrenza all interno del settore, tale margine si è nettamente ridotto, pur restando su livelli più che doppi rispetto al leasing e al factoring (tabella 5). Tabella 5: Il rapporto fra margine di interesse e totale attivo Leasing Factoring Credito al consumo ,40% 1,27% 5,29% ,40% 1,46% 5,28% ,27% 1,59% 4,38% ,37% 1,39% 3,95% ,44% 1,30% 3,36% Fonte: Elaborazione su dati Ossfin Un analisi più approfondita delle determinanti del livello di margine di interesse unitario può essere realizzata considerando il tasso medio dell attivo fruttifero, il tasso medio del passivo oneroso e lo spread fra tali due grandezze all interno dei tre diversi settori. Mentre i tassi medi del passivo tendono ad essere abbastanza allineati nei tre diversi comparti, i tassi medi dell attivo e, per riflesso, gli spread dei tre settori sono assai diversi. Ancora una volta è possibile accomunare leasing e factoring, da un lato, caratterizzati da livelli unitari degli spread contenuti e abbastanza simili, e credito al consumo, dall altro lato, contraddistinto da livelli unitari degli spread più che doppi rispetto agli altri due comparti (tabella 6). 12

16 Leasing, factoring e credito al consumo: business maturi e in declino o cash cow? Tabella 6: Tassi attivi, tassi passivi e spread Leasing Factoring Credito al consumo Tasso Tasso Spread Tasso Tasso Spread Tasso Tasso Spread attivo passivo attivo passivo attivo passivo ,06% 3,26% 1,80% 4,54% 3,52% 1,02% 9,90% 4,70% 5,20% ,15% 3,57% 1,58% 4,13% 2,78% 1,35% 9,17% 3,87% 5,30% ,65% 3,15% 1,50% 3,77% 2,35% 1,42% 7,87% 3,49% 4,38% ,44% 3,05% 1,39% 3,64% 2,42% 1,22% 7,23% 3,28% 3,95% ,16% 2,93% 1,23% 3,86% 2,98% 0,88% 6,31% 3,55% 2,76% Fonte: Elaborazione su dati Ossfin La dinamica del margine di intermediazione L analisi del peso relativo del margine di interesse e delle commissioni da servizi nella determinazione del complessivo margine di intermediazione rivela la presenza nei tre settori di due distinti modelli di economicità. Il primo accomuna gli operatori specializzati nel leasing e nel credito al consumo, mentre il secondo coinvolge esclusivamente gli operatori specializzati nel factoring. Nel caso del leasing e del credito al consumo, i ricavi netti da servizi hanno un peso trascurabile, riflettendo quindi un modello di intermediazione creditizia tradizionale, in cui l equilibrio economico dell intermediario deriva quasi esclusivamente dalla differenza fra gli interessi attivi sui finanziamenti concessi alla clientela e gli interessi passivi sulla raccolta di risorse finanziarie. Nel caso del factoring, il peso dei ricavi da servizi derivanti dalla gestione crediti e dalla eventuale garanzia contro l insolvenza del debitore ceduto è invece assai elevato e tale da far assumere agli intermediari finanziari specializzati nel factoring il ruolo ibrido di intermediari creditizi e di intermediari orientati a un margine provvigionale. Fatto 100 il margine di intermediazione degli operatori specializzati nel factoring, poco meno della metà deriva infatti da ricavi netti da servizi. Nel caso degli operatori specializzati nel leasing e nel credito al consumo, il contributo dei ricavi da servizi è negativo, riflettendo l assorbimento di risorse di tale area, anziché la generazione di un contributo alla redditività complessiva, pur con l eccezione del 2006 e, parzialmente, del 2005, dovuta all adozione dei principi IAS/IFRS (tabella 7). 5 5 Già nel 2005 alcuni intermediari specializzati, dato il regime facoltativo per quell esercizio, hanno adottato i principi contabili IAS/IFRS e questo spiega l inversione di 13

17 Pierpaolo Ferrari Tabella 7: Il contributo della gestione finanziaria e della gestione servizi al margine di intermediazione Peso % margine di interesse Leasing Factoring Credito al consumo Peso % Peso % Peso % Peso % Peso % ricavi netti margine di ricavi netti margine di ricavi netti da servizi interesse da servizi interesse da servizi ,82% -6,82% 56,39% 43,61% 116,65% -16,65% ,87% -6,87% 57,45% 42,55% 116,02% -16,02% ,94% -4,94% 57,22% 42,78% 116,07% -16,07% ,10% 2,90% 53,03% 46,97% 108,07% -8,07% ,55% 13,45% 53,76% 46,24% 87,74% 12,26% Fonte: Elaborazione su dati Ossfin Alla luce di quanto detto poc anzi, nei comparti del leasing e del credito al consumo, il margine di intermediazione in rapporto al totale dell attivo è inferiore al margine di interesse, pur con l eccezione del 2005 e del Nel caso del factoring, il margine di intermediazione in rapporto al totale attivo assume invece un valore quasi doppio rispetto al margine di interesse (tabella 8). Tabella 8: Il rapporto fra margine di intermediazione e totale attivo Leasing Factoring Credito al consumo ,30% 2,25% 4,53% ,31% 2,55% 4,56% ,21% 2,79% 3,77% ,41% 2,61% 3,65% ,67% 2,42% 3,83% Fonte: Elaborazione su dati Ossfin La redditività del capitale investito Ove si valuti la performance economica degli operatori specializzati nel leasing, nel factoring e nel credito al consumo attraverso l esame del trend del ROA, inteso nell accezione di rapporto fra reddito operativo e totale dell attivo, emerge in tutti e tre i settori una marcata variabilità dell indicatore nel periodo di analisi. segno dei ricavi netti da servizi rispetto al triennio precedente. Il cambiamento di segno trae origine dai diversi criteri di contabilizzazione di interessi e commissioni. 14

18 Leasing, factoring e credito al consumo: business maturi e in declino o cash cow? Il ROA medio del leasing si è attestato allo 0,63%, livello intermedio rispetto agli altri due comparti. Nel caso del factoring il ROA è stato il più basso dei tre settori, con un livello medio dello 0,50%, pur con una punta minima di 0,45% nel 2003 e una punta massima di 1,12% nel Il credito al consumo è stato il settore con la più elevata redditività in termini di ROA, rispettivamente doppia e più che doppia rispetto al leasing e al factoring (tabella 9). Tabella 9: La dinamica del ROA Leasing Factoring Credito al consumo ,38% 0,30% 0,84% ,54% -0,45% 1,18% ,64% 0,62% 1,28% ,75% 1,12% 1,36% ,85% 0,93% 1,20% Media 0,63% 0,50% 1,17% Fonte: Elaborazione su dati Ossfin Un analisi più approfondita e dettagliata sulla redditività cross section nei tre diversi comparti può essere realizzata calcolando per ogni esercizio i principali indicatori statistici di sintesi del ROA di un campione costante di intermediari specializzati in ciascun settore. Oltre al valore medio e alla deviazione standard del ROA delle società incluse nel campione costante, sono stati calcolati per ogni esercizio il valore minimo e i diversi quartili, con lo scopo di verificare se i dati medi esposti sopra permettano di giungere a conclusioni valide per la generalità degli intermediari specializzati o, al contrario, siano influenzati dalla presenza di pochi operatori con equilibri gestionali assai inferiori o assai superiori alla media (tabella 10). L analisi della distribuzione del ROA del campione costante di società permette di trarre alcune conclusioni: - il leasing è il comparto con la maggiore uniformità di risultati fra le società specializzate incluse nel campione, come dimostrato dalla ridotta deviazione standard dei risultati individuali. Il credito al consumo è, al contrario, il settore con la maggiore dispersione dei risultati attorno al ROA medio; - nel factoring e nel credito al consumo ogni anno c è stato almeno un operatore con un equilibrio economico assai problematico in termini di ROA, mentre nel caso del leasing anche la società meno redditizia, 15

19 Pierpaolo Ferrari almeno nel periodo , non ha affrontato crisi economiche comparabili a quelle del peggior operatore specializzato nel factoring e nel credito al consumo; - se si analizzano i dati delle società specializzate nel factoring comprese fra il terzo e il quarto quartile, si può notare come esse abbiano avuto una performance economica in termini di ROA costantemente superiore agli operatori specializzati nel leasing. Dagli stessi dati emerge come la società di factoring con la maggiore redditività in termini di ROA abbia avuto, in ogni esercizio, una redditività dell attivo almeno doppia rispetto alla società di leasing con la maggiore redditività. Tale apparente anomalia deriva dalla presenza, in ciascun esercizio, di uno o più operatori specializzati nel factoring con performance particolarmente negative che rendono poco significativo il dato medio di settore; - il credito al consumo si conferma essere il settore con la maggiore redditività dell attivo, che persiste in modo netto a partire dalla società mediana e diviene via via crescente passando al terzo e al quarto quartile. Tabella 10: I principali indicatori statistici di sintesi del ROA Leasing Media Dev. Minimo 1 Mediana 3 Massimo Std. Quartile Quartile ,38% 0,71% -1,71% 0,37% 0,44% 0,72% 1,04% ,54% 0,50% -1,20% 0,38% 0,61% 0,84% 1,21% ,64% 0,40% -0,38% 0,55% 0,67% 0,83% 1,38% ,75% 0,38% -0,10% 0,52% 0,81% 0,95% 1,61% ,85% 0,36% 0,25% 0,66% 0,85% 1,05% 1,84% Factoring Media Dev. Minimo 1 Mediana 3 Massimo Std. Quartile Quartile ,30% 0,87% -0,42% 0,49% 0,89% 1,20% 3,84% ,45% 3,50% -11,94% -0,25% 0,60% 1,11% 3,02% ,62% 1,37% -3,09% 0,31% 0,74% 1,39% 3,38% ,12% 2,38% -9,54% 0,80% 1,24% 1,78% 4,42% ,93% 0,97% -0,78% 0,89% 1,12% 2,05% 3,72% Credito al consumo Media Dev. Minimo 1 Mediana 3 Massimo Std. Quartile Quartile ,84% 9,31% -42,59% 0,00% 0,77% 1,80% 12,56% ,18% 3,08% -7,73% 0,30% 1,12% 1,98% 12,23% ,28% 4,83% -15,56% 0,46% 1,06% 2,05% 21,73% ,36% 3,09% -3,29% 0,66% 1,34% 2,00% 16,17% ,20% 2,03% -0,95% 0,74% 0,96% 1,67% 11,98% Fonte: Elaborazione su dati Ossfin 16

20 Leasing, factoring e credito al consumo: business maturi e in declino o cash cow? La redditività del capitale proprio La valutazione della performance degli operatori specializzati basata sulla redditività del capitale proprio evidenzia ancora una volta la superiorità degli equilibri economici medi del comparto del credito al consumo, seguito dal leasing e, infine, dal factoring, benché, in questo caso, il differenziale di redditività degli operatori specializzati nel credito al consumo si riduca molto, soprattutto rispetto agli operatori specializzati nel leasing (tabella 11). Tale dato, come emergerà più avanti, si spiega soprattutto tenendo conto del diverso grado di sfruttamento della leva finanziaria, assai più elevato nel comparto del leasing rispetto al credito al consumo e al factoring. Tabella 11: La dinamica del ROE Leasing Factoring Credito al consumo ,41% 10,48% 7,48% ,39% -4,55% 9,50% ,09% 7,08% 13,71% ,72% 8,72% 14,60% ,57% 8,84% 9,97% Media 10,24% 6,11% 11,05% Fonte: Elaborazione su dati Ossfin Gli stessi indicatori statistici di sintesi calcolati sopra per il ROA sono stati ricalcolati per il ROE e sono presentati nella tabella 12. Dal loro esame è possibile trarre le seguenti conclusioni: - in tutti e tre i settori il cinquanta per cento degli operatori con la maggiore redditività dei mezzi propri presenta equilibri economici in grado di remunerare il rischio specifico assunto dagli azionisti. Ove si concentri l attenzione sugli operatori compresi fra il settantacinquesimo percentile (3 quartile) e il massimo, ci si rende conto che in tutti e tre i settori la redditività dei mezzi propri è estremamente elevata e in grado di ricompensare in modo più che adeguato il capitale proprio apportato; - il credito al consumo è il settore con la più elevata dispersione dei risultati attorno al ROE medio, ma si conferma nettamente come il comparto con la maggiore redditività dei mezzi propri; 17

Negli ultimi anni è cresciuto in modo significativo, nell ambito

Negli ultimi anni è cresciuto in modo significativo, nell ambito LEASING, FACTORING E CREDITO Caratteristiche settoriali e performance degli intermediari finanziari PIERPAOLO FERRARI SDA Professor Area Intermediazione Finanziaria e Assicurazioni, professore associato

Dettagli

Leasing, factoring e credito al consumo: l impatto della crisi finanziaria sulla performance di settore

Leasing, factoring e credito al consumo: l impatto della crisi finanziaria sulla performance di settore 07-Ferrari (III)_73_83_07-Ferrari (III)_73_83 10/11/14 16.30 Pagina 73 73, factoring e credito al : l impatto della crisi finanziaria sulla performance di settore, factoring and consumer credit in Italy:

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

La valutazione della performance degli operatori specializzati nel factoring: un confronto temporale e un analisi intersettoriale

La valutazione della performance degli operatori specializzati nel factoring: un confronto temporale e un analisi intersettoriale La valutazione della performance degli operatori specializzati nel factoring: un confronto temporale e un analisi intersettoriale di Pierpaolo Ferrari Università degli Studi di Brescia e SDA Bocconi Discussion

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2005 NUMERO DICIANNOVE CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2005 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

Gli intermediari finanziari non bancari

Gli intermediari finanziari non bancari Gli intermediari finanziari non bancari Intermediari creditizi non bancari A. Leasing B. Factoring C. Credito al consumo Art. 106 e 107 TUB Le società di leasing Elenco generale presso UIC Condizioni per

Dettagli

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari 37 La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari The challenge of efficiency for Italian real estate fund management companies Claudio Giannotti, Università Lum Jean Monnet di Casamassima Gianluca

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

I crediti di firma ed il credito al consumo

I crediti di firma ed il credito al consumo I crediti di firma ed il credito al consumo Economia delle aziende di credito A.A. 2008/2009 1 I crediti di firma 1) Introduzione 1.1 I crediti di firma 1.2 Funzione dei crediti di firma 2) Le accettazioni

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo

OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo r OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo Settore: Factoring Rapporto 2010 Divisione Ricerche Claudio Dematté Copyright 2010 SDA Bocconi

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

Il factoring internazionale

Il factoring internazionale Il factoring internazionale Internazionale prefazione Le operazioni di factoring sono in misura crescente effettuate con controparti cedenti e debitrici estere per effetto della crescente internazionalizzazione

Dettagli

rappor r to t sul leasing anno 2013

rappor r to t sul leasing anno 2013 rapporto sul leasing anno chiuso per la stampa il 26 aprile 2014 edito a cura dell Area Studi e Statistiche Assilea Servizi S.u.r.l. responsabile del progetto Beatrice Tibuzzi realizzato con la collaborazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

Il factoring tra finanza e servizi

Il factoring tra finanza e servizi Il factoring tra finanza e servizi Intervento di Antonio De Martini Firenze, 6 febbraio 2007 Introduzione: il factoring in Italia In Italia la prima società di factoring nasce nel 1963. Il mercato italiano

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Cos'è. Questi servizi riguardano:

Cos'è. Questi servizi riguardano: UBI FACTOR Cos'è Il factoring è una combinazione di servizi finanziari e di gestione del credito che consentono ad una società di rafforzare sotto il profilo qualitativo e di valorizzare sotto quello finanziario

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici

Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici Il caso pratico 49 di Pietro Busanelli, Umberto Baldi Forti e Lara Villani Busanelli e Associati S.r.l. Tecniche finanziarie Factoring indiretto: un metodo per finanziare i fornitori strategici Il presente

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA:

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA: Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI

COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI VII Panel Osservatorio Legislazione & Mercati SEMPLIFICAZIONE, FISCO, LIQUIDITA : TRE MOSSE PER UNA VERA CRESCITA 1 a sessione COME AFFRONTARE IL NODO DEL RITARDO NEI PAGAMENTI Villa Valmarana Morosini,

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013 Approvati dal Consiglio i risultati 2013: Il bilancio consolidato 2013 conferma i risultati già riportati nel resoconto intermedio di gestione

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

In cerca di un nuovo equilibrio

In cerca di un nuovo equilibrio Advisory In cerca di un nuovo equilibrio Le banche italiane tra qualità del credito, requisiti patrimoniali, recupero di redditività ed efficienza kpmg.com/it Indice Executive summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 COMUNICATO STAMPA RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 VENDITE NETTE: 681,9 milioni (+33,7%) - 510,1 milioni nei primi nove mesi del 2014 EBITDA: 141,3 milioni (+33,7%) pari al 20,7% delle

Dettagli

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009

TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 TERZO PILASTRO BASILEA 2 ESERCIZIO 2009 EMILIA ROMAGNA FACTOR S.p.A. Abbreviato: EMIL-RO FACTOR S.p.A. Strada Maggiore, 29-40125 Bologna Tel 051 6482111 - Fax 051 6482199 - e-mail emilro@emilro.it Capitale

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1. LE FUNZIONI DELLA BANCA 2. GLI EQUILIBRI DELLA BANCA L EQUILIBRIO ECONOMICO L EQUILIBRIO FINANZIARIO L EQUILIBRIO PATRIMONIALE 3. I RISCHI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie

Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Gli indici di bilancio per le analisi finanziarie Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) Mc Graw-Hill 2001, cap. 5 1 GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/07 30/09/07 31/12/06

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia:

Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2015 che evidenzia: COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione finanziaria semestrale

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2004) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.418.332,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.037,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

2014 RAPPORTO SUL LEASING

2014 RAPPORTO SUL LEASING RAPPORTO SUL LEASING INDICE PREMESSA Leasing motore dell economia I numeri che contano di più 1. ll leasing nell attuale contesto economico di riferimento 1.1 Le dinamiche di PIL e investimenti Focus:

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO PROVVEDIMENTO 8 marzo 2010. ModiÞ che ed integrazioni al Regolamento n. 7 del 13 luglio

Dettagli

Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA

Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA Commento ai risultati economico-finanziari di Eni SpA Operazioni straordinarie Nel 2010 sono state effettuate le seguenti operazioni straordinarie: - fusione di Messina Fuels SpA; l atto di fusione è stato

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli