Otto secoli di gerarchia di scala nelle lottizzazioni urbane 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1215 1815 2015. Otto secoli di gerarchia di scala nelle lottizzazioni urbane 1"

Transcript

1 Parigi / New York Otto secoli di gerarchia di scala nelle lottizzazioni urbane 7 *Serge Salat Parigi / New York Otto secoli di gerarchia di scala nelle lottizzazioni urbane 1 DOI: /Ti_1_15_1i Parole chiave: Parigi, New York, frattali, multifrattali a scala urbana, emergenza, platting Abstract I cambiamenti della Parigi intra-muros (100 kmq) e della planimetria di Manhattan (66 kmq) elaborata dal Commissioners Plan (Piano regolatore) si inseriscono in due scale temporali diverse: due millenni nel caso di Parigi, due secoli nel caso di Manhattan. In apparenza molto diverse, la competitività dei poteri feudali da un lato, in una società chiusa, e la competitività del mercato dall altro, in una società aperta, hanno tuttavia fatto emergere gerarchie parcellari, contraddistinte da gerarchie di scala sorprendentemente simili, come ci fosse all opera una certa universalità. G E R AR C HI E, P A VI M E N T A Z IONI E UN I VE R S AL I TÀ La gerarchia di scala è il marchio della complessità frattale delle strutture urbane Nei sistemi urbani, le medie non hanno alcun significato se non rispetto ai valori rappresentati dai punti d intensità: la City di Londra si estende su un miglio quadrato (2,56 kmq) e produce l 8,5% del PIL del Regno Unito; i 25 kmq (1/4 della Parigi intra-muros) dei 23 ward di Tokyo (600 kmq e 9 milioni di abitanti) costituiscono il 18% del consumo energetico complessivo della città. Il paesaggio dei valori urbani non è piatto. Infatti, più le città sono attive, potenti, competitive, come New York, Tokyo, Londra, Parigi e più i valori di ricchezza, i prezzi del mercato immobiliare, le dimensioni degli elementi, la concentrazione di reti negli hub presentano forti disparità. A New York, la densità energetica in rapporto al suolo (ovvero il numero di Watt di energia operativa necessario al funzionamento della città per mq di suolo urbano, calcolata su scala del lotto fiscale), varia di un fattore pari a 100 tra i quartieri costituiti da torri/grattacieli/edifici multipiano di Lower Manhattan e Long Island. Le strutture frattali e le relative classi d universalità ben descrivono le regolarità matematiche di questi sistemi, molto disomogenei e irregolari quali le reti stradali, le parcellazioni e la densità energetica urbana. Il concetto base è una forma di simmetria: l invarianza di scala. È il risultato della complessità strutturale generata da un evoluzione dei sistemi urbani verso la complessità dovuta agli effetti di adattamento a vincoli esterni (Salat, 2011). 1 L'articolo sarà pubblicato in lingua francese sulla rivista Données Urbaines, dicembre L'autore ringrazia Denise Pumain, Brigitte Baccaïni, Marie-Flore Mattei e tutta la redazione per i loro preziosi commenti e approfondimenti. * Presidente dell'istituto di Morfologia Urbana e dei Sistemi Complessi, Parigi,

2 8 Serge Salat La simmetria della dilatazione, o invarianza di scala, è riscontrabile in un numero incalcolabile di fenomeni naturali e negli organismi viventi, la cui evoluzione ha favorito strutture a invarianza di scala per via della loro efficienza e della loro resilienza. Le leggi di potenza inversa mettono quindi in relazione le diverse scale: la frequenza di un elemento di dimensioni x è inversamente proporzionale alla sua dimensione elevata a un esponente m, caratteristica delle proprietà scalari di un sistema. Pochi sono gli elementi di grande scala, mentre gli elementi di medie dimensioni figurano in numero intermedio e gli elementi piccoli (una lunga coda), invece, sono moltissimi. La frequenza relativa di ciascun tipo è determinata dal parametro scalare della legge della potenza inversa. Questa profonda regolarità matematica emerge nelle città resilienti come in tutti gli organismi viventi. Nelle città in continua evoluzione, è dovuta a millenni di stratificazione storica (è il caso di Parigi) o a intense forze di mercato (è il caso di New York). La distribuzione degli elementi e delle connessioni non obbedisce al teorema di Gauss (concentrazione attorno ai valori medi, Figura 1), ma alle leggi di potenza inversa a invarianza di scala (leggi di Pareto, Figura 2). Numero normalizzato di eventi Figura 1 Distribuzione secondo il teorema di Gauss, 68% dei valori si trovano in un intervallo di due distanze dal centro Figura 2 Distribuzione secondo la legge di potenza inversa, più l esponente scalare è elevato, più il gradiente tra i valori elevati e la lunga coda di valori deboli è in pendenza, in altri termini: più la distribuzione è sbilanciata La resilienza parcellare: correlazioni temporali di lunga portata Osservare la parcellazione è fondamentale per comprendere le strutture urbane perché è uno degli elementi più stabili di una città. Una volta stabilite, le distribuzioni parcellari presentano forti inerzie e correlazioni temporali su scale molto lunghe proprio in termini temporali. Roma è un esempio di tale permanenza. Alla caduta dell Impero, si sono osservati molteplici fenomeni concomitanti: la progressiva sparizione delle antiche forme di habitat, la reinterpretazione dei monumenti pubblici e, in particolare, dei templi, trasformati in chiese o demoliti e smembrati, la sovrapposizione, in modo che le strutture fondiarie e l antica frammentazione in lotti rimanessero molto presenti anche nella città medievale e moderna. Durante il grande incendio di Londra del 1666, durato dal 2 al 5 settembre, abitazioni, 87 chiese parrocchiali, la cattedrale di St. Paul e la maggior parte degli edifici delle autorità cittadine furono ridotti in cenere. L incendio costò la casa al 90% degli londinesi della City propriamente detta. Il tracciato stradale del centro urbano, con la sua rete di vie pavimentate, strette, tortuose e sovraffollate, era essenzialmente medievale. Furono proposti diversi piani per una ricostruzione radicalmente differente della City, movimento, questo, incoraggiato dal monarca, ma in assenza di una soluzione al problema della proprietà, nessuno dei piani grandiosi, degni di una città barocca, numerose piazze e viali, poté essere realizzato. Pertanto, l antico tracciato fu riprodotto, per la maggior parte, nella nuova City che conservò la lottizzazione e i tracciati medievali.

3 Parigi / New York Otto secoli di gerarchia di scala nelle lottizzazioni urbane 9 P A RIG I: OT T O SECOL I D I RESIL I E NZ A D EL L E S T R U T T UR E P AR C EL L A RI Una classe di universalità frattale Le trasformazioni spaziali di Parigi durante il Medioevo e alla fine del XIX secolo, così come quelle di Hong Kong o quelle di Manhattan, obbediscono a determinanti sociali ed economici molto diversi, sebbene la proprietà fondiaria presenti regolarità matematiche identiche nelle dimensioni delle frammentazioni. Abbiamo scoperto l esistenza di legami nascosti tra fenomeni urbani in apparenza molto diversi, che i fisici definiscono classi di universalità. Queste raggruppano fenomeni che, a priori, non hanno nulla in comune, ma che ciononostante adottano, da un certo punto di vista, comportamenti simili. Vedremo poi che la densità energetica di Manhattan, cioè la quantità di energia operativa necessaria agli edifici e alle attività umane (che è un approssimazione dell intensità dello sviluppo e della concentrazione economica), appartiene alla stessa classe d universalità del frammento parcellare. Cosa hanno in comune la densità energetica e il frammento parcellare? Cosa hanno in comune i lotti nella Parigi di Filippo II e nella Parigi di Haussmann, e cosa hanno in comune Parigi e Manhattan, Wall Street e Hong Kong? La geometria. Tutti questi frammenti seguono la legge dell invarianza di scala, il che significa che il loro aspetto non dipende dalla scala in cui li si osserva. Sono, infatti, frattali, cioè che, contrariamente alle linee e alle superfici abituali che hanno una o due dimensioni, hanno una dimensione frazionaria secondo la teoria geometrica sviluppata da Benoît Mandelbrot per descrivere questo tipo di oggetti. L elemento interessante in questo caso è che le proprietà di queste superfici urbane non dipendono da fattori economici e sociali, almeno per quanto riguarda la forma che assumono. Abbiamo a che fare con una nuova forma di universalità, diversa da quella cui la fisica ci ha abituati e secondo cui le leggi della natura sono universali nel senso che sono applicabili ovunque allo stesso modo. In questo caso l universalità si manifesta con il fatto che tali sistemi, sebbene di diversa natura, adottino apparenze simili in quanto possiedono la stessa dimensione frattale. Un analisi della gerarchia di scala condotta su due quartieri di Parigi molto differenti tra loro mostra l universalità dei parametri gerarchici del sistema urbano parigino. La città si fa più complessa in sé o si estende, dilatandosi in nuovi quartieri secondo una gerarchia di scala stabile. La lottizzazione della piazza de l Étoile (Figure 5 e 6) sembra, considerato il punto di vista della struttura scalare, semplicemente una versione dilatata di Rue Mouffetard (Figure 3 e 4) risalente all alto Medioevo. Sono passati oltre sette secoli dal primo di questi due sviluppi urbani e i meccanismi sociali ed economici della speculazione borghese del XIX secolo sono molto diversi da quelli feudali esistenti ai tempi di Filippo II. Eppure ritroviamo lo stesso fattore scalare di -0,5 nelle lottizzazioni di Hong Kong e in quelle di Lower Manhattan, dove la finanza internazionale si è concentrata nei modelli stradali della Nuova Amsterdam del XVII secolo. Il fattore scalare della lottizzazione sembra attraversare immutato epoche e continenti, determinato non da fattori economici e sociali, ma da una forma di universalità geometrica delle superfici delle particelle. Figura 3 e Figura 4: Parigi, Rue Mouffetard. In questa lottizzazione che risale all alto Medioevo, la frequenza delle dimensioni parcellari (in mq e in unità logaritmiche) è distribuita secondo la legge di potenza inversa con un esponente scalare di -0,5. Le analisi sulla classificazione/dimensione parcellare sono qui mostrate su scala logaritmica in cui la pendenza a destra corrisponde all esponente della legge di potenza inversa (Fonte: Loeiz Bourdic, Istituto di Morfologia Urbana e dei Sistemi Complessi, 2014)

4 10 Serge Salat Figura 5 e Figura 6: Parigi, Étoile. In questa lottizzazione del XIX secolo, la frequenza delle dimensioni delle parcelle (in mq e in unità logaritmiche) è ugualmente distribuita secondo una legge di potenza inversa con esponente scalare pari a -0,5, che indica l esistenza di una classe di universalità frattale (Fonte: Loeiz Bourdic, Istituto di Morfologia Urbana e dei Sistemi Complessi, 2014) La classe di universalità frattale della planimetria parigina è definita da un esponente -1/2 cioè il contrario della dimensione topologica di una superficie. Un palinsesto multifrattale Le classi di universalità non rappresentano che un primo approccio, ma rendono omogenee le irregolarità locali discrete derivate dalla lunga e movimentata storia morfologica delle città. Quindi è necessario trovare un modello descrittivo che conservi il dettaglio delle irregolarità in tutte le scale. A Parigi, dall alto Medioevo fino alla Rivoluzione, il suolo si trovava diviso tra varie signorie. I signori hanno poco a poco concesso agli individui insediati sui propri terreni delle mezzadrie, di cui percepivano una tassa annuale, il censo livellare (da cui deriva il nome di censive dato alle signorie parigine). La frammentazione medievale del suolo parigino nasce dallo sviluppo multicellulare della città a partire dalle lottizzazioni di quei feudi signorili ed ecclesiastici (Noizet et al. 2013). È contrassegnata dalle fratture morfologiche delle cinte murarie medievali successive, dalla distruzione delle mura erette da Filippo II, per esempio, che crea asimmetrie ancora più percepibili nelle lottizzazioni, a cinque secoli dal catasto napoleonico di Vasserot del Al tempo in cui Filippo II, tra il 1190 e il 1215 (data del completamento della cinta muraria in cui inizia questa nostra storia), faceva costruire il muro di fortificazione, il re espresse chiaramente il desiderio di vedere tutta la superficie, così racchiusa, occupata dalle case dei nuovi abitanti. Era questa, infatti, una città nuova, costruita pezzo per pezzo dai Templari, quando decisero di attribuire un certo valore ai propri terreni feudali del Marais, ancora poco popolati. I cavalieri fecero aprire una nuova porta nell antica cinta reale (la porta dello Chaume) e tracciare una nuova via tra Rue du Temple e Rue Vieille-du-Temple, asse mediano della lottizzazione, detta Rue de la Porte-Neuve (oggi Rue des Archives). Sei secoli dopo, le asimmetrie esistenti all epoca di Filippo II sono ancora percepibili sulla carta di Vasserot del Hélène Noizet ed Étienne Lallau (Noizet et al. 2013) hanno osservato in questa mappa le dimensioni delle parcelle lungo Rue du Temple, Porte-du-Chaume e Rue Vieille-du- Temple, rilevando che nel 1836 vi era un asimmetria spaziale legata all asimmetria temporale riguardante le porte costruite all epoca di Filippo II. Le due vie più antiche mostrano una forte densità di lotti più piccoli (20,3 parcelle per ettaro lungo Rue due Temple; 15,5 per ettaro lungo Rue Vieille-du- Temple, aperta nel 1203) rispetto alla parcellazione esistente lungo Rue Porte-du-Chaume, aperta nel 1288 (11,3 parcelle per ettaro con una dimensione media due volte inferiore alle parcelle lungo Rue du Temple). Attraverso il tempo, le asimmetrie parcellari trasmettono il ricordo di sedimentazioni successive alla morfogenesi urbana. La fondazione di nuovi borghi ottenuta tramite la lottizzazione di terreni feudali fu molto frequente, intercalando, tanto sulla riva sinistra quanto sulla riva destra, negli spazi lasciati tra i tessuti organici dei primi centri abitati, terreni disposti in maniera regolare, molto spesso lungo una via assiale. Queste lottizzazioni dall aspetto geometrico ricollegavano tra loro quelle più antiche, dall aspetto più complesso. Il risultato di questa costante riscrittura creatrice della città su se stessa è una molteplicità di frattali incastrati fra loro, cioè dei multifrattali.

5 Parigi / New York Otto secoli di gerarchia di scala nelle lottizzazioni urbane 11 Nella metà degli anni Ottanta, i matematici hanno cominciato a interessarsi a funzioni che sembrano molto irregolari in alcune regioni e molto più regolari in altre, senza che a tali regioni si possano assegnare chiaramente delle frontiere perché al centro di una zona piuttosto regolare si trovano zone irregolari e viceversa, una combinazione che compare in tutte le scale. Tale complessità multiscalare fa pensare invariabilmente ai frattali. L analisi multifrattale in fisica intende comprendere e analizzare funzioni molto complesse e introdurre nuovi parametri quantitativi che ne permettano la classificazione. Il fine di questa analisi è lo studio delle funzioni in base a cui la regolarità puntiforme varia da un punto all altro. I primi strumenti di misurazione della regolarità sono noti a tutti: continuità, derivabilità in un punto. L esponente di Hölder introduce un continuum tra queste nozioni e permette di rilevare con precisione la regolarità, grazie ad un parametro positivo reale. Viene introdotta così la nozione di singolarità sotto forma dell esponente di Hölder. La regolarità puntiforme qui risulta molto utile, ma è necessario aggiungervi informazioni strutturali. L analisi locale è completata da una descrizione globale, di livello più alto, che consiste nel misurare la dimensione frattale di Haussdorff di insiemi di punti aventi la stessa regolarità ( isohölder ), che sono insiemi frattali. La nozione della dimensione di Hausdorff amplia la nozione dimensionale naturale di curve e superfici regolari applicata agli insiemi frattali (la cui dimensione potrebbe essere non intera). Gli insiemi isohölder corrispondono ai diversi periodi morfologici della città. Tali periodi si incastrano nei vuoti lasciati dai periodi precedenti, deformati ma mai completamente eliminati, succedendosi a un ritmo più o meno rapido, più o meno intermittente, esso stesso caratteristico di una temporaneità frattale legata alle evoluzioni economiche. Due assi morfogenetici strutturanti La superficie delle parcelle in età preindustriale è generalmente compresa tra i 50 e i 100 mq. La presenza di lotti dalla superficie inferiore a 300 mq sulla carta di Vasserot del , individuata dal progetto ALPAGE (Noizet et al., 2013), rivela una densità parcellare più grande (11 lotti per ettaro) sulla sponda destra, asse privilegiato dello sviluppo medievale rispetto alla sponda sinistra, rimasta più rurale nel Medioevo (8 lotti per ettaro). L estratto grafico di parcelle più piccole nella Parigi napoleonica rivela, come conseguenza del passato medievale, un immagine frattale (Figura 7) dell espansione chiaramente inserita tra due assi perpendicolari formanti un angolo con l est geografico. Figura 7 Estratto della carta Vasserot ( ) delle parcelle di superficie inferiore a 300 mq. Insieme frattale che mostra Parigi com era cinque secoli fa. Fonte: APUR, ALPAGE, 2011 Figura 8 Carta di orientamento dei segmenti della parcellazione Vasserot ( ) e delle strutture archeologiche di Parigi. Fonte: ALPAGE, E. Grosso, P. Chareille, S. Robert, H. Noizet, A.L. Bethe, 2010 L orientamento della lottizzazione conferma la distribuzione parcellare in base a due assi perpendicolari dominanti (Figura 8), a un angolo compreso tra 60 e 74 rispetto all est cartografico,

6 12 Serge Salat che rappresenta soltanto il 36% del totale dei segmenti della parcellazione di Vasserot. Questo orientamento poggia su due assi morfogenetici, che possono cioè generare e trasmettere forme: l allineamento formato da Rue Saint-Martin e Rue Saint-Jacques e la Senna (Noizet et al. 2013). Da tempo gli archeologi hanno identificato la dominanza di tale orientamento in epoca antica. L asse morfogenetico della suddivisione ortogonale regolare antica è l allineamento Saint-Martin - Saint- Jacques, che corrisponde in parte al cardo dell antica fondazione e poggia su antiche isole presenti una volta nel letto della Senna. Tale orientamento domina anche la rete stradale che esisteva alla fine del XIV secolo. Si conclude quindi che il Medioevo ha avuto un ruolo essenziale nella resilienza del principale orientamento romano, diffondendola ampiamente sulla sponda destra (Noizet et al. 2013). N E W Y O RK: L A SCAC C HI E RA E L IN T E RR U ZI O N E DI SIMMETRIA Caselle di una scacchiera La partita giocatasi sulla scacchiera di Manhattan, che a Parigi è durata otto secoli, si è conclusa nel giro di una generazione. A New York infatti, tutto comincia con il collasso finanziario della città nel 1776, al termine della Guerra d Indipendenza. Gli elementi fondamentali di Manhattan alla fine della Rivoluzione Americana del 1776 erano rimasti per lo più immutati dai tempi della scoperta dell isola da parte di Hudson, ad eccezione di una piccola cittadina di abitanti, nella parte meridionale dell isola. La città in rovina economica decide di vendere il proprio demanio, circa 5 km² di terreno roccioso, completamente indesiderabile, situato nel centro dell isola (Figura 9), proprio il luogo in cui oggi si concentrano le più grandi ricchezze globali. Figura 9 Mappa del British Headquarters di New York, Long Island, Hudson River, East River riportante le fortificazioni britanniche e americane e risalente al 1782 circa, National Archives, Regno Unito, MR 1/463 Figura 10 La carta del Commissioners' Plan ( ) che sovrappone una griglia di rettangoli, in apparenza uniformi, sul territorio dissestato dell'isola La griglia di Manhattan (Figura 10) fu innanzitutto uno strumento per facilitare la vendita dei terreni e lo sviluppo edilizio. Nella griglia, infatti, l isola reale è stata svuotata da qualsiasi particolare locale e topografico, rendendola pura superficie astratta. Le colline furono appiattite, in un movimento irresistibile di viali che si aprono verso nord e che lascia provvisoriamente alcune case, quelle dei primi coloni, come sospese in aria. La griglia trasformò così l isola in puro concetto, reinterpretandola nei termini di un mercato immobiliare infinitamente duttile, misto, aperto ad una speculazione infinita, che

7 Parigi / New York Otto secoli di gerarchia di scala nelle lottizzazioni urbane 13 si ricrea incessantemente, grazie ad una crescita costante dei valori fondiari e immobiliari: nel 1807, il valore immobiliare di New York ammontava a 25 milioni di $, nel 1887, lo stesso valore arrivò a 2 miliardi di $: un fattore moltiplicativo di 80! Dalla griglia in apparenza omogenea, isotropa, che appiana tutte le differenze, sarebbe nata un incredibile diversità e strutture gerarchizzate: quartieri con identità completamente diverse, come la Washington Square di Henry James, Soho, Tribecca o l Upper East Side o ancora la Brooklyn di Woody Allen. Come fanno tali varietà, diversità e gerarchia scalare a emergere da una griglia? Grazie a sottili differenziazioni, a interruzioni nella simmetria che, come accade in fisica, creano strutture che diventano poi sempre più complesse. La griglia di Manhattan contiene innanzitutto due modelli metrici che creano varietà. Uno di questi è rappresentato dalla larghezza delle strade: 30 metri per i viali orientati in direzione nord-sud, 20 metri per le vie traverse standard, con 15 strade principali, larghe anch esse 30 metri, poste a intervalli irregolari. Il secondo modello riguarda la varietà di dimensione degli isolati urbani. Ogni isolato misura 60 metri in larghezza, da nord a sud, mentre la lunghezza, da est a ovest, varia, riducendosi man mano che, dal centro, si va verso il litorale. Per cui dalla Terza alla Sesta Strada gli isolati misurano 280 metri di lunghezza, verso est si riducono a 189, 198, 195 metri di lunghezza, e verso ovest si accorciano uniformemente fino a 244 metri di lunghezza. La griglia è gerarchica anche rispetto alle proprietà topologiche delle strade. La teoria dei grafi definisce la continuità stradale come la serie di segmenti della stessa strada tra le varie intersezioni e definisce la connettività stradale come il numero delle altre strade che questa interseca. Siccome i viali di Manhattan sono connessi a 155 strade, mentre le strade collegano circa 11 viali, vi è un importante variazione nella scala topologica tra viali e strade. Queste prime interruzioni nella simmetria planimetrica saranno sufficienti a contribuire ad una crescita vertiginosa della complessità, creando una forma d ordine sottile e complessa, in grado allo stesso tempo di stabilità e di evoluzione, e generando nuove strutture per adattarsi a condizioni sempre mutevoli. Manhattan quindi non è un cristallo. Il suo ordine, contrariamente a quello della Ville Radieuse di Le Corbusier, non è cristallizzato nelle tre dimensioni, la sua forma è definita solo dalla griglia di una mappa. Il trasferimento dei permessi edilizi lascia una libertà pressoché infinita allo sviluppo nella terza dimensione. Si tratta di una scacchiera su cui lo spostamento dei pezzi permette un numero di partite infinito. Ma chi sono i giocatori? Interagendo quotidianamente con le forme fisiche della città, i giocatori sono gli esseri umani, le cui interazioni, costantemente riconfigurate, gli scambi e le trasformazioni di denaro, di segni simbolici, di materie e di energia, aumentano incessantemente la quantità di informazioni algoritmiche del sistema urbano. La varietà delle posizioni possibili è fondamentale e permette di giocare queste partite. Semplici calcoli dimostrano che la dimensione delle caselle elementari della scacchiera, a New York come a Barcellona, i lotti, è volte inferiore rispetto ai super blocchi della Ville Radieuse di Le Corbusier. Tale cifra conduce a differenze vertiginose in termini di connettività e di varietà di percorso nella struttura urbana e anche in termini di potenziale d interazione e di diversità e varietà di posizioni possibili. Grazie a combinazioni matematiche, connettività, diversità e varietà aumentano quasi all infinito, mentre il reticolo urbano diventa finissimo, in funzione di fattori che esprimono il numero di posizioni possibili e di connessioni tra i pezzi sulle caselle della scacchiera. Il mercato immobiliare crea la gerarchia scalare In questo immenso spazio di configurazioni, le attività umane non comportano un aumento dell entropia fino al caos, ma si sovrappongono alla griglia omogenea creando un altra struttura, dall ordine molto più flessibile e mobile, che, allo stesso tempo, mostra permanenze e stabilità. Questo secondo ordine trasforma costantemente l organizzazione spaziale pur conservandola. Ed è proprio questa la complessità. A Manhattan, gli isolati furono inizialmente suddivisi per la vendita in lotti identici

8 14 Serge Salat di 205 m², che, sotto l influenza delle forze di mercato, furono poi consolidati creando un gigantesco mosaico dalla combinazione di circa parcelle. La lottizzazione di Manhattan, nella sua straordinaria diversità frattale inserita in una griglia euclidea, ibridazione perfetta di ordine e novità, fu essenzialmente completa verso il 1835, una generazione dopo il piano dei Commissioners. Il mercato fondiario di Manhattan fu un acceleratore temporale formidabile per la differenziazione e per la nascita di strutture a invarianza di scala. Un esempio è rappresentato dalla strategia di Charles Moore per lo sviluppo edilizio della sua vasta proprietà, che sarebbe diventata poi il quartiere di Chelsea (Figura 11). L interruzione della simmetria creata da Chelsea Square, dalla chiesa e dal giardino pubblico ha provocato una differenziazione a cascata nella dimensione e nel valore delle parcelle in base alla loro posizione in prossimità della chiesa. Figura 11 Mappa della proprietà di Charles Moore nel 1835, che sarebbe diventata poi il quartiere di Chelsea. Collezione della New York Historical Society. A partire dal 1835, la mappa mostra le strategie di vendita per le grosse proprietà immobiliari Moore centrò l intero quartiere di Chelsea su Chelsea Square, costituita da due isolati di Manhattan, che donò alla chiesa episcopale nel Dal 1835 in poi, i lotti attorno alla piazza, il cui valore immobiliare era molto più elevato, furono consolidati da ricchi compratori per formare lotti più grandi. Nel 1820 Moore stimò la sua proprietà per un valore di $. Il valore totale fu stimato a $ nel 1845 e a $ nel 1855, che rappresenta un fattore moltiplicativo di 35 in 35 anni. La differenziazione e l asimmetria nei prezzi dei terreni emersero molto rapidamente nella griglia planimetrica. Nel 1860, il valore delle proprietà lungo la Quarta Strada oscillava tra i e i $, mentre i lotti lungo Madison Avenue erano valutati tra i e i $, in base alla prossimità a Madison Square. In un sistema morfologico a invarianza di scala come la griglia e la parcellazione di Manhattan, la forma e il prezzo di ciascun elemento sono influenzati dalle interazioni che questo ha, in scale diverse,

9 Parigi / New York Otto secoli di gerarchia di scala nelle lottizzazioni urbane 15 con tutti gli altri elementi. Quando il risultato di tali interazioni crea una forma, questa non è mai né fissa né simmetrica, ma presenta un grado di plasticità che le permette di evolvere. Figura 12 Parcellazione di Manhattan attorno a Madison Square (a sinistra) e a Brooklyn (a destra). Partendo da unità modulari identiche di piccola scala, la parcellazione di Manhattan è stata ricreata dalla nuova suddivisione, costituendo così una gerarchia di scala. Analisi di classificazione e dimensione (in mq e in unità logaritmiche): in basso a sinistra Madison Square, in basso a destra Brooklyn (Fonte: Loeiz Bourdic, Istituto di Morfologia Urbana e dei Sistemi Complessi, 2014) Le analisi di classificazione/dimensione della lottizzazione (Figura 12, qui mostrate in scala logaritmica, in cui la pendenza di destra corrisponde all esponente della legge di potenza inversa) mostrano l universalità frattale tra Madison Square, molto sviluppata, e Brooklyn, in cui l 80% dei lotti ha ancora oggi la forma e la dimensione che aveva all inizio del XIX secolo. Certo, col tempo, la gerarchia di Madison Square è aumentata, ma questo è avvenuto come se la classe d universalità di New York fosse caratterizzata da un esponente dell ordine di -0,6, ad eccezione di Lower Manhattan, la parte più antica e la più irregolare, quella precedente cioè alla griglia del Commissioners Plan. Come abbiamo visto nella Figura 2, più l esponente scalare è elevato, più il gradiente tra i valori elevati e la lunga coda di valori deboli si inclina, in altri termini: più la distribuzione è sbilanciata. Infatti, il mercato immobiliare a Manhattan e a Brooklyn si distribuisce in maniera più sbilanciata (la struttura di scala è più accentuata) rispetto a Lower Manhattan o a Parigi. La domanda è se tale disparità sia dovuta a una competitività più dura delle forze di mercato presenti a New York rispetto a Parigi. Se osserviamo le

10 Dimensione 16 Serge Salat cartine e gli istogrammi, constatiamo però che non è così. Le forze di mercato hanno trasformato Manhattan molto di più rispetto a Brooklyn, che presenta pertanto la stessa gerarchia di scala. Attorno a Madison Square, solo il 40% delle parcelle è quello dell inizio del XIX secolo, mentre Brooklyn è rimasta quasi immutata dall'epoca di Henry James, con l'80% di parcelle risalenti al XIX secolo. I sistemi parcellari di Brooklyn e di Manhattan nella griglia del Commissioners Plan, che avevano ben conosciuto evoluzioni diverse, hanno adottato una geometria simile, dalla stessa dimensione frattale. Come spiegare quindi che Wall Street, capitale finanziaria mondiale, Rue Mouffetard nella Parigi di Filippo II e Hong Kong, con i suoi reticoli stradali risalenti al XIX secolo, appartengono tutte alla stessa classe d universalità frattale con un esponente pari a 0,5, che si distingue da quello della griglia del Commissioners' Plan? Ancora una volta, con la geometria. Le superfici urbane aventi un esponente di 0,5 sono presenti nei reticoli stradali irregolari che costituiscono la sovrastruttura geometrica della forma degli isolati tramite rettangoli regolari, come quelli di Madison Square o di Brooklyn. Wall Street domina la finanza globale partendo da una strada sinuosa, tracciata da emigrati olandesi nel XVII secolo. Sembra dunque che la scacchiera euclidea aumenti la gerarchia frattale in rapporto a superfici urbane la cui irregolarità, come a Parigi o a Lower Manhattan, non sia inserita in una geometria ortogonale. In compenso, sebbene la parcellazione non si inserisca in una griglia euclidea come avviene per Lower Manhattan (Figura 13), che presenta ancora pressoché immutato il tracciato stradale della Nuova Amsterdam, si riscontra anche qui la classe d universalità frattale con l esponente di -1/2 che caratterizza Parigi intra-muros e Hong Kong nelle parcellazioni irregolari, evolutesi in maniera organica per via di incastri multifrattali y = 2971,2x -0,508 R² = 0, Classificazione Figura 13 Analisi classificazione/dimensione (in mq e in unità logaritmiche) della parcellazione di Lower Manhattan (Fonte: Loeiz Bourdic, Istituto di Morfologia Urbana e dei Sistemi Complessi, 2014) Per funzionare, una città consuma energia. Si può elaborare un idea di densità energetica analoga alla densità demografica, cioè al consumo energetico in rapporto alla superficie su cui questa viene consumata (espresso in Watt per mq di suolo urbano, Figura 14). Tale densità energetica è una buona approssimazione della concentrazione di attività sul suolo urbano. Per esempio, se si osserva New York da lontano, si nota come due grandi zone concentrino le maggiori densità energetiche, e cioè i due Central Business District (CBD) di Midtown e Lower Manhattan, mentre Long Island e Brooklyn presentano una densità energetica più debole. Ingrandendo la mappa e gli isolati urbani, si osserva che, all interno di uno stesso isolato principale, la superficie urbana presenta una grande varietà. Se si ingrandisce ancora, si nota come siano ora le parcelle stesse a differenziarsi. La superficie energetica di New York presenta quindi una combinazione in tutte le scale di regolarità e di irregolarità, caratteristica dei multifrattali. Un analisi classificazione/dimensione del consumo energetico in base al riscaldamento degli edifici di New York rivela tale complessità, come fosse un marchio. Ricompare infatti l esponente dello 0,5 come coefficiente di gerarchizzazione del consumo energetico di New York.

11 Parigi / New York Otto secoli di gerarchia di scala nelle lottizzazioni urbane 17 Figura 14 Densità energetiche (in Watt/mq) dei lotti di New York. A sinistra, New York nella sua totalità; a destra i dintorni di Madison Square. Fonte delle mappe: Spatial distribution of urban building energy consumption by end use B. Howard, L. Parshall, J. Thompson, S. Hammer, J. Dickinson, V. Modi, Consumo energetico relativo al riscaldamento (in galloni) Dimensioni edificio Classificazione dell edificio Figura 15 Analisi classificazione/dimensione del consumo energetico di riscaldamento degli edifici dotati di riscaldamento centralizzato a New York (Fonte: Loeiz Bourdic, Istituto di Morfologia Urbana e dei Sistemi Complessi, 2014) L E L EG GI D I SCAL A UR B ANA P E R C O MP R EN D E R E I L P AS S A T O E C O S TR U IR E IL F UT U R O L analisi delle superfici non è che un esempio della complessità urbana ordinata da regolarità matematiche frattali. Gli studi sulla geografia urbana, e in particolare quello di Denise Pumain, hanno mostrato da tempo la presenza di leggi di classificazione e dimensione e della gerarchia di scala nei sistemi urbani, elaborando una teoria evolutiva in grado di spiegarli. I nostri studi consentono di comprendere tali risultati su tutte le scale della struttura urbana stessa. Quindi non soltanto le dimensioni di città aventi una gerarchia di scala, ma anche la scala più sottile del tessuto urbano, cioè la frammentazione parcellare, presenta tale regolarità matematica. I nostri lavori precedenti hanno dimostrato che la dimensione dei giardini pubblici di Parigi e di Manhattan è ugualmente gerarchizzata da leggi di scala, questa volta per ottimizzare l accessibilità partendo da una superficie minima, come in altri fenomeni frattali studiati dalla fisica. Lo stesso avviene per le reti stradali di Parigi o per la frequenza (la lunghezza cumulativa) dei diversi tipi di strada: sia i viali di Haussmann che le vie strette e curve del Medioevo rispettano una legge di scala. Altri studi, in particolare quelli di Sergio Porta, Paolo Crucitti e Vito Latora, hanno dimostrato che se si costruisce un grafo duale delle strade (cioè se si considerano le

12 18 Serge Salat strade come entità e le loro intersezioni come legami) e se si applicano a questi grafi le tecniche d analisi utilizzate per le reti sociali, si osservano, in particolare in città complesse come Ahmedabad o Venezia, proprietà di gerarchia di scala dei gradi dei nodi (vale a dire del numero di intersezioni per via), caratteristiche della connettività dei reticoli complessi, naturali quanto il cervello o artificiali quanto internet o il web. I sistemi stradali sono dunque scalari sia nelle loro proprietà metriche (le frequenze delle diverse geometrie stradali) che nella loro organizzazione topologica (la connettività delle strade tra di loro). Queste si riflettono ugualmente nel numero di linee per stazione e nei volumi dei passeggeri delle metropolitane di Parigi o di Londra, obbedienti anch essi a gerarchie scalari, come evidenziato da Loeiz Bourdic nell ambito delle ricerche dell Istituto di Morfologia Urbana e dei Sistemi complessi. Infine anche le densità demografiche e d impiego (come si è visto per numerose città europee) e di consumo energetico, obbediscono a leggi di scala urbana con maglie estremamente fini. Come nei frattali naturali, la presenza della gerarchia di scala nei numerosi fenomeni urbani risulta dalla selezione operata dall evoluzione delle strutture più efficienti e più resilienti. Rimandiamo quindi per approfondimenti ai nostri studi precedenti. Questi risultati offrono nuovi orizzonti alla comprensione delle città in tutte le scale, quella della complessità e della gerarchia di scala, permettendo anche di migliorarne la gestione. Abbiamo dimostrato in particolare che il consumo relativo alla viabilità di una città dipende molto meno dalla densità media della città che dal coefficiente gerarchico di tale densità. Abbiamo poi reso ancora più efficienti i modelli di valore nodale e locale, sviluppati inizialmente da Luca Bertolini, per spiegare le evoluzioni delle metropolitane. Questo nuovo modello, già applicato alla pianificazione strategica di Shanghai in programma per il 2050 in collaborazione con la Banca Mondiale e la Development and Reform Commission, integra la gerarchia di scala di distribuzione delle densità economiche tramite la rete di connettività. Stiamo applicando operativamente questo modello anche alla pianificazione delle città cinesi in base alle 6000 stazioni metropolitane in programma per il 2020 in Cina. Le numerose leggi di scala che abbiamo scoperto nelle città rappresentano sì un metodo per comprendere il passato, ma anche e soprattutto un metodo per costruire il futuro. Bibliografia Ballon H. (2012), The Greatest Grid - The Master Plan of Manhatan , New York, Museum of the City of New York and Columbia University Press. Noizet H., Bove B. (2013), Costa L., Paris, de parcelles en pixels: Analyse géomatique de l'espace parisien médiéval et moderne, Paris, Coédition PU Vincennes Pumain D., Paulus F., Vacchiani-Marcuzzo C., Lobo C., «An evolutionary theory for interpreting urban scaling laws», Cybergeo : European Journal of Geography [En ligne], Systèmes, Modélisation, Géostatistiques, document 343, mis en ligne le 05 juillet 2006, consulté le 12 octobre Salat S. (2011), Les villes et les formes: Sur l urbanisme durable, Paris, CSTB et Hermann.

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE COMUNICATO STAMPA Claudia Buccini +39 02 63799210 claudia.buccini@eur.cushwake.com CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE Causeway Bay a Hong Kong

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli