Rapporto annuale 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto annuale 2010"

Transcript

1 Rapporto annuale 2010

2 SOMMARIO Presentazione... p. 1 Organi istituzionali e staff...» 2 Bilancio sociale anno » 5 La fondazione in sintesi...» 6 Riepilogo dei Fondi patrimoniali...» 12 I progetti di utilità sociale 1 Bando » 13 I Fondi memoriali...» 30 I progetti di utilità sociale 2 Bando » 37 Relazioni e Bilancio » 49 FONDAZIONE DELLA PROVINCIA DI LECCO ONLUS Piazza Lega Lombarda LECCO LC Tel Fax C.F Intesa Sanpaolo - Lecco Iban: IT60 S Deutsche Bank - B.Pop.Lecco - Lecco Iban: IT49 L Banca Lecchese - Lecco Iban: IT49 Q Banca Prossima - Milan Iban: IT65 D BCC Alta Brianza - Oggiono Iban: IT91 W Il presente Rapporto è stato progettato e realizzato dallo staff della Fondazione. grafico e fotocomposizione in Fondazione: Maurizio Costantini. Testi a cura di Emilio Amigoni e Gianfranco Maggi. Stampa: Cattaneo Paolo Grafiche s.r.l. - Oggiono/Annone Brianza. Le fotografie di copertina e quelle del testo sono tratte dalla mostra L Italia Unitaria nella collezione d arte della Fondazione Cariplo e in altre raccolte private locali tenutasi dal 27 novembre al 19 dicembre 2010 presso la Quadreria Bovara-Reina di Malgrate. In copertina: GEROLAMO INDUNO, La partenza dei volontari, 1877 (collezione Fondazione Cariplo). In 4 a di copertina: FELICE DONGHI, Veduta di Malgrate, 1850 (collezione privata). Il rapporto è stato realizzato con il contributo di:

3 Presentazione Mario Romano Negri, Presidente Ancora una volta rinnoviamo il nostro appuntamento annuale per documentare il lavoro svolto dalla Fondazione della Provincia di Lecco nel corso del Un anno che, come gli 11 precedenti, ha visto la Fondazione porsi come qualificato interprete delle istanze provenienti dal territorio nei tradizionali settori di operatività, sulla falsariga di quanto suggerito dagli orientamenti della Fondazione Cariplo. A questo proposito riteniamo opportuno sottolineare come i dati esposti nel Rapporto Annuale si riferiscono esclusivamente all operatività della Fondazione locale, escludendo quanto viene erogato (1 milione di euro) da Fondazione Cariplo, nell ottica degli "interventi emblematici provinciali", per i quali la struttura di Lecco si pone come il tramite accreditato per l istruttoria ed il conseguente parere sulle pratiche. Nel corso del 2010, a valere sui 2 bandi pubblicati, sono stati deliberati contributi a nostro carico per oltre 930 mila euro a fronte di complessivi 102 progetti, così suddivisi: " 68 interventi di tipo socio assistenziale e socio sanitario per euro " 32 tutela patrimonio artistico per euro " 2 tutela della natura e dell ambiente per euro Complessivamente nel 2010 sono state raccolte donazioni per circa euro, che hanno consentito erogazioni per oltre 2 milioni di euro. Di particolare soddisfazione, considerato il periodo, è il risultato scaturito della gestione finanziaria che rappresenta il migliore in assoluto dalla nascita della Fondazione. Per una valutazione complessiva dell operato della Fondazione segnaliamo i valori riassuntivi (in migliaia di euro) dalla sua nascita: Donazioni su progetti Da Fondaz. Cariplo Redd. da Patrimonio Erogazioni Anche quest anno la Fondazione della Provincia di Lecco, ha voluto lasciare un segno nel campo della cultura promuovendo, dopo la mostra "I Promessi Sposi di Aligi Sassu" del maggio 2009, un nuovo importante appuntamento con l arte, che si è concretizzato con la mostra "L Italia unitaria nella collezione d arte della Fondazione Cariplo e in altre raccolte private locali" che ha avuto luogo alla quadreria Bovara Reina di Malgrate dal 27 novembre al 19 dicembre E stata l occasione, per quanti hanno visitato la mostra, ed in particolare per gli studenti, di vedere autentici capolavori spesso riprodotti nei libri di testo o visti solo sui libri d arte; ha anche costituito l anteprima, a livello locale, delle celebrazioni del 150 anniversario dell Unità d Italia. Giova sottolineare che il successo della mostra è stato il risultato di uno sforzo congiunto di più attori ad iniziare dalla Fondazione Cariplo e dai privati che hanno prestato le opere, per dare corpo ad un progetto virtuale del Liceo Classico Manzoni sviluppato, nell anno scolastico , con un gruppo di studenti del V anno; alcuni studenti hanno anche redatto le schede illustrative dei dipinti prestati da privati, mentre un altro nutrito gruppo ha svolto il ruolo di guida alle scolaresche in visita alla mostra. Altra preziosa collaborazione è stata prestata da insegnanti e ragazzi sia del Liceo Artistico "Medardo Rosso" sia dell Istituto Professionale Aldo Moro di Valmadrera. Nel rapporto a Vostre mani è stato inserito un DVD sulla mostra, mentre parte delle opere presentate costituisce la sezione iconografica della presente pubblicazione. 1

4 Organi istituzionali & Staff COMITATO DI NOMINA Prefetto di Lecco Dott. Marco VALENTINI Presidente Provincia di Lecco Sig. Daniele NAVA Vicario Episcopale zona di Lecco Mons Bruno MOLINARI Presidente C.C.I.A.A. di Lecco Ing. Vico VALASSI Sindaco di Lecco Dott. Virginio BRIVIO Rappresentante Fondazione Cariplo CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE* MARIO ROMANO NEGRI Presidente MANETTO FABRONI ** Vice Presidente TEODORO BERERA * Vice Presidente LUIGI ANDREOTTI * Consigliere MAURO MARINARI * Consigliere CARLO MARIA PENSA * Consigliere CESARE ROSSI Consigliere GIOVANNA CASARTELLI Consigliere ISIDORA CASTENETTO Consigliere GIUSEPPE LORINI Consigliere GIOVANNI FAZZINI ** Consigliere CATHERINE DE SENARCLENS ** Consigliere CARLO CLAUDIO MONTOLI ** Consigliere Membri del Comitato Esecutivo ** fino al 21 febbraio 2011 ** dal 22 febbario 2011 EMILIO AMIGONI Segretario Generale COLLABORATORI VOLONTARI RICCARDO BACCHI GASTONE BORSANI LUIGI BRAMBILLA ACHILLE COLOMBO GIORGIO CORTELLA MAURIZIO COSTANTINI GIANFRANCO MAGGI DESIDERIO MAURI GIUSEPPE MAZZUCCONI ADALBERTO ODAZIO ALESSANDRO PAVONI LUIGI POZZI LUIGI POZZONI CESARE REGAZZONI GIANNI ROCCA GIUSEPPE RUSCONI Segreteria Amministrativa: DANIELA DALL ANGELO COLLEGIO DEI REVISORI* COLLEGIO DEI PROBIVIRI* LUIGI BOLIS FERNANDO MOLINARI PAOLO BIANCHI MICHELE PECCATI ANTONIO ROCCA Membro effettivo - Presidente Membro effettivo Membro effettivo Membro supplente Membro supplente PAOLO CATTANEO MANETTO FABRONI * CESARE FURLANI * MAURO MARINARI ** LUIGI ANDREOTTI ** ** fino al 21 febbraio 2011 ** dal 22 febbraio 2011 * I componenti gli Organi sociali sono stati designati, per il triennio 2011/20013, dal Comitato di Nomina nella seduta del

5 GEROLAMO INDUNO, Il garibaldino, 1871 (collezione Fondazione Cariplo). Esposto alla Mostra L Italia Unitaria presso la Quadreria Bovara-Reina di Malgrate, 27 novembre - 19 dicembre

6 4 GEROLAMO INDUNO, Pescarenico, 1862 (collezione Fondazione Cariplo). Esposto alla Mostra L Italia Unitaria presso la Quadreria Bovara-Reina di Malgrate, 27 novembre - 19 dicembre 2010

7 Bilancio Sociale anno

8 La Fondazione in sintesi 1. Il patrimonio Il patrimonio netto della Fondazione si è incrementato nel 2010 di quasi 100 mila euro, in virtù della costituzione di un nuovo Fondo nominativo, dell incremento della dotazione di altri 6 Fondi, nonché per effetto dell accantonamento a riserva di una parte dell avanzo di esercizio. Ben più consistente è stata invece la crescita del dato cu - mulativo del patrimonio e dei fondi vari disponibili (+ 359 mila euro). E risultato ancora relativamente modesto lo sviluppo dei Fondi patrimoniali nominativi, tuttavia in ripresa rispetto all esercizio precedente. Rispetto alla voce, che rappresenta il principale veicolo di implementazione del patrimonio netto, ha giocato un ruolo frenante la congiuntura economica, per quanto meno pesante che nel Nell esercizio è stata ripresa la prassi di effettuare un accantonamento, ancorché contenuto, a riserva, preferendo tuttavia riservare la parte maggioritaria dell avanzo a incremento della dotazione del Fondo oscillazione titoli e all aumento del Fondo di stabilizzazione delle erogazioni. Si è confermata, dunque, la scelta prudenziale di accantonare risorse per mantenere un profilo costante di erogazioni nei prossimi anni, seppur in presenza di eventuali e minoritari episodi saltuari di default finanziari e/o di uno scenario di riduzione dei rendimenti nominali degli investimento finanziari. Patrimonio netto migliaia di euro La tipologia degli investimenti patrimoniali Gli investimenti del patrimonio della Fondazione sono gestiti autonomamente dal Comitato Esecutivo, assistito da un apposito Comitato tecnico, composto da collaboratori volontari portatori di una consolidata esperienza professionale nell ambito bancario e finanziario. Il tutto, secondo gli orientamenti deliberati dal Consiglio e all interno del regolamento adottato dallo stesso organismo. La tabella riportata raffigura la distribuzione percentuale degli investimenti finanziari in atto al In presenza dell obiettivo di massimizzare il rendimento del patrimonio, benché in un quadro ispirato al necessario contenimento dei rischi, l andamento altalenante del mercato finanziario ha reso necessario adottare una gestione attiva degli investimenti, cercando di accompagnare virtuosamente l evolversi delle curve delle quotazioni, anticipando, ove possibile, i mutamenti in itinere. Si è così riusciti a realizzare interessanti plusvalenze, sia nell ambito del portafoglio azionario e in fondi, sia nel portafoglio obbligazionario. Nel complesso, comunque la composizione dello stock di titoli non ha subito grosse modifiche strutturali nei confronti dell assetto a fine 2009, dopo le sostanziali variazioni intervenute nel corso dell esercizio precedente, con riferimento, sia alle scadenze, sia al paniere dei titoli. I titoli di stato sono rimasti pertanto minoritari, anche perché a lungo penalizzati rispetto ai rendimenti dei titoli corporate, ritenuti comunque di non maggiore rischiosità. La componente azionaria e in fondi è stata sovrappesata rispetto al 2009, considerato il buon rapporto fra dividendi e quotazioni. Il peso relativo di quota componente è rimasto comunque contenuto (meno dell 8%, dato che aumenta all 11% considerando le obbligazioni "perpetual"). Patrimonio e Fondi migliaia di euro

9 2. La tipologia degli investimenti patrimoniali Tipologia Invest. Patrimoniali Titoli di stato a m/l term 14% Obbligazioni banc. a m/l term 14% Fondi Immobiliari 1% Obbligazioni corporate 22% Fondi Comuni 3% suddivisione percentuale Azioni 4% Obbligazioni banc. TV - misto 14% Liquidità 2% Obbligazioni banc. Sub e perp 26% 2010 Azioni 4.04 Fondi comuni 2.67 Fondi immobiliari 1.14 Obbl. bancarie a m/l termine Titoli di stato a m/l termine Obbl. corporate m.l. termine Obbl. banc, T.v. o misto Obbl. banc. Sub. e perp Liquidità 2,24 100,00 100,00 3. Il reddito della gestione patrimoniale Il rendimento del patrimonio, prodotto da una attenta e puntuale gestione degli investimenti, è risultato pienamente soddisfacente. Rispetto all esercizio precedente, caratterizzato dal top reddituale nella decennale gestione della Fondazione, il risultato netto è aumentato ulteriormente di quasi il 15%, configurando così la migliore performance mai conseguita. Lo stesso giudizio di eccellenza vale rispetto al rendimento percentuale (oltre il 5% anche al netto delle svalutazioni). Le componenti più dinamiche sono state le plusvalenze sui realizzi e il rendimento dei titoli obbligazionari. Il privilegio assegnato alla componente a tasso fisso, anziché variabile, nella composizione del portafoglio obbligazionario ha contribuito a provocare un aumento della remunerazione globale di quest ultimo segmento, pari a circa di 200 mila euro, contro una riduzione di soli 90 mila euro del rendimento dei titoli di Stato. Tanto più che nel frattempo è giunta a regime la ricomposizione effettuata nel 2009 fra le due componenti, a favore delle obbligazioni. La riduzione delle plusvalenze realizzate rispetto all esercizio precedente è stata invece pressoché compensata dall aumento delle altre voci dei proventi finanziari. Un effetto positivo è stato prodotto anche dal ridimensionamento dei titoli indicizzati all inflazione a favore della componente a tasso fisso, ritenuta comparativamente remunerativa anche in un possibile scenario di una moderata ripresa dei prezzi. Reddito Gestione Patrimoniale migliaia di euro

10 4. Le risorse per le erogazioni Le somme disponibili per erogazioni nel 2010 sono risultate in moderata crescita rispetto all esercizio precedente. La composizione percentuale dei tre flussi di risorse che afferiscono alle erogazioni possibili evidenzia, rispetto all esercizio 2009, un invarianza della componente "trasferimenti da Fondazione Cariplo" ed invece un aumento consistente del gettito da investimenti finanziari, a fronte di una riduzione, ancorché contenuta, delle donazioni raccolte. Anche nell esercizio 2010 è stato acquisito, con un consistente incremento quantitativo, il contributo derivante dall assegnazione del "5 per mille", relativo, in questo caso, all esercizio fiscale In definitiva, anche nell esercizio in esame, è stata confermata la posizione minoritaria dell apporto finanziario di Fondazione Cariplo rispetto alla impostazione della politica erogativa. Pur non sottovalutando l importante effetto "leva" operato da tale trasferimento, valutiamo questo risultato come un segno inequivocabile della piena maturità acquisita dalla nostra Fondazione. 5. Le erogazioni di contributi Il brillante andamento della raccolta complessiva di risorse ha favorito la politica erogativa che ha potuto mettere a segno un risultato eccellente, con una totalizzazione superiore ai due milioni di euro. La tabella esprime il divario positivo fra gli ultimi esercizi. Si è potuto, in tal modo, dare risposte adeguate alle domande di contributo pervenute a valere sui due bandi pubblicati, soddisfacendo sostanzialmente tutte le proposte attinenti alle priorità indicate nei settori previsti nelle norme operative. La selezione delle priorità ha tenuto conto del patrimonio conoscitivo ed esperienziale maturato nei confronti delle dinamiche sociali e delle modalità con cui tendono ad esprimersi i bisogno del territorio, adeguando pertanto costantemente i regolamenti alla evoluzione in atto. In tal senso, ad esempio, sono stati riformulati gli obiettivi relativi alla soddisfazione del disagio sociale, circoscrivendoli a dimensioni sostenibili. Analogamente, sono state ricomprese tra gli interventi di tutela del patrimonio anche iniziative di censimento minuzioso dei beni artistici da parte dei decanati ambrosiani, intese quale presupposto per una conseguente valorizzazione di tali manufatti. Suddivisione risorse per erogazioni Erogazione di contributi Fondazione Cariplo 27% Donazioni 37% Rend. Patrimoniale 36%

11 6. Le spese di gestione Il volume delle spese operative nell esercizio 2010, costantemente monitorato, è risultato in diminuzione rispetto all esercizio precedente. Conseguentemente, il rapporto fra l ammontare delle spese di gestione e il totale delle erogazioni - da ritenersi un indicatore dell efficienza gestionale - si è attestato al 2,5%, contro il 2,8% dell esercizio precedente. Ad ogni evidenza, si tratta di una percentuale del tutto soddisfacente, molto più contenuta di quella media del settore Nonprofit, ma anche ai dati più eccellenti rilevati nelle Fondazioni medio-piccole. Resta da precisare, ancora una volta, che la bassa incidenza di questo dato è da ascrivere alla componente della Fondazione che si identifica nei volontari, che gestiscono la maggior parte delle funzioni operative, ivi comprese quelle attinenti alla gestione degli investimenti finanziari. 7. Le donazioni ricevute Nell esercizio sono pervenuti, quali donazioni e contributi a diverso titolo, ad incremento del patrimonio e soprattutto a sostegno delle erogazioni, mila euro di risorse finanziarie da terzi. La parte largamente maggioritaria di queste donazioni (circa 1 milione di euro) provengono dal territorio provinciale, ribadendo, quindi, il forte radicamento della fondazione nel suo ambito di operatività. Il risultato, molto buono, è tuttavia leggermente inferiore a quello del 2009, che aveva segnato un incremento di oltre il 30% rispetto a quello precedente Anno ,873% Donazioni ricevute migliaia di euro spese erogazioni % Spese su erogaz Anno Anno ,773% ,475% spese erogazioni % Spese su erogaz spese erogazioni % Spese su erogaz 9

12 8. La suddivisione settoriale delle erogazioni Nell esercizio precedente si era verificato il ritorno ad un ruolo largamente maggioritario per il settore socioassistenziale, rispetto agli altri comparti previsti nei regolamenti dei bandi di assegnazione. Tale tendenza si è ulteriormente rafforzata nell anno Le risorse destinate al comparto sociale sono aumentate ulteriormente. La percentuale relativa è aumentata dal 68% al 76%, la quota più alta sinora attinta. Lo sviluppo di questa sezione è avvenuto a detrimento di entrambi gli altri settori considerati. L ambito ambientale, purtroppo, è scemato a valori quasi trascurabili, confermando le difficoltà strutturali per il Terzo settore di impostare progetti "dal basso" per una migliore salvaguardia dei beni territoriali. Nessuna scelta selettiva da parte della Fondazione ha infatti avuto influenza nella determinazione del risultato, che è ascrivibile totalmente al fronte della domanda. Il comparto della tutela e valorizzazione del patrimonio storico e artistico, a sua volta, ha ceduto una quota delle erogazioni al "socio-assistenziale", per effetto di una certa riduzione delle domande di restauri di manufatti, mentre rimane consistente la spinta per gli interventi di tipo strutturale. La componente "culturale" del macro-settore "Arte- Cultura" è rimasta attestata su valori contenuti, ma in questo caso per una esplicita scelta gestionale, con riferimento sia alla normativa delle Onlus, sia ad una impostazione intenzionale della graduatoria settoriale dei Bandi, tesa a privilegiare i comparti più necessitanti. 9. La distribuzione territoriale degli interventi La distribuzione dei contributi nell esercizio 2010 su base circondariale - secondo la suddivisione statutaria del territorio provinciale - è riportata nella tabella. Rispetto all anno precedente si rileva una contrazione della quota del Circondario di Lecco, che scende al di sotto della soglia del 50%. Una soglia tuttora elevata, ma che riflette la composizione un po anomala del Circondario, oltre che la fisiologica collocazione nel Capoluogo di attività a valenza provinciale, La perdita di posizione del Circondario di Lecco è compensata dalla lieve crescita del Meratese, ma soprattutto del Casatese, che recupera un dimensionamento più adeguato rispetto alla sua consistenza demografica. Rimangono sostanzialmente invariate le percentuali degli altri Circondari. Da un punto di vista demografico, si può tuttavia rilevare che la quota del Circondario della Val San Martino (che, tra l altro si estende al di là dei confini storici dell area ex Bergamasca) è sottodimensionata rispetto, sia al Lario, sia alla Valsassina. Difficile stabilire se ciò sia da imputare a una maggiore capacità progettuale di queste ultime zone o a una minore "compenetrazione" della Val San Martino nelle dinamiche della Fondazione. Suddivisione settoriale delle erogazioni Distribuzione Territoriale degli Interventi Lecco 45 Sociale 76% Arte / Cultura 23% Merate 23 Oggiono 8 Ambiente 1% Valle San Martino 4 Lario 6 Valsassina 7 Casatenovo 9 10

13 10. La tipologia degli interventi sovvenzionati La distribuzione dei contributi nel 2010 rispetto alla tipologia degli investimenti realizzati dalle Organizzazione Non Profit (ONP) proponenti segnala una modesta discontinuità rispetto all esercizio precedente, a differenza di quanto si era verificato lo scorso anno, quando si era avuta una impennata delle spese per la corresponsione di servizi di utilità sociale. Resta il fatto che le erogazioni maggioritarie, pure se in lieve riduzione percentuale, sono destinate a sostenere i servizi prestati, assai più che gli interventi sulle strutture o l acquisto di attrezzature. Queste risultanze sono il portato congiunto della formulazione delle domande e delle opzioni in sede di assegnazione dei contributi, ma in definitiva riflettono le tendenze in atto, che fanno emergere una forte esigenza di servizi a fronte di bisogni sociali crescenti, ovvero della minore copertura pubblica dei servizi sociali tradizionali Tipologia degli interventi Servizi 49% Attrezzature 32% Ristruttu razioni 19% GIOACCHINO TOMA, Piccoli patrioti, 1862 (collezione privata). Esposto alla Mostra L Italia Unitaria presso la Quadreria Bovara-Reina di Malgrate, 27 novembre - 19 dicembre

14 Riepilogo dei fondi patrimoniali Incrementi 2010 a) Fondi territoriali 1 Fondo della Comunità di Premana Fondo della Comunità di Molteno e Garbagnate Fondo della Comunità di Valmadrera Fondo della Comunità di Introbio Fondo della Comunità di Malgrate Totale b) Fondi tematici 1 Fondo Rocca ("Dignità delle persone") Fondo Aldo Fazzini Fondo Antonietta e Domenico Scola Totale c) Fondi a destinazione vincolata 1 Fondo dott. Domenico Colombo Fondo Stefano e Giovanna Farina Fondo Down Up Fondo Fratel Antonio Bargiggia Fondo Suor Giuseppina Conti Totale d) Fondi indirizzabili 1 Fondo L. e G. D Fondo Confindustria Lecco Fondo Aristide e Giovanni Stucchi Fondo Mario Bellemo Fondo ing. Pietro Pensa Fondo G.R Fondo ANCE Lecco Fondo avv. Luigi Falaguerra Fondo Linda e Piero Fondo GM Sistemi Fondo Virginio Cattaneo Fondo dott. Burzachechi e famiglia Fondo Panzeri Spa Fonto Dott. Livio Mammini Fondo C.C.I.A.A. di Lecco Fondo Rotary Club Lecco Fondo Lions Club Castello Brianza Laghi Totale Totale FONDI PATRIMONIALI euro

15 Progetti di utilità sociale 1 Bando 2010 Descrizione, ammontare del contributo e stato di realizzazione al 15 marzo

16 CAI Club Alpino Italiano sezione Grigne di Mandello Lario La mulattiera e l alveo n. 1 Euro L intervento in progetto si propone di realizzare opere di regolazione del deflusso delle acque piovane e di ripristino dei tratti di selciato danneggiati sul sentiero n.14, una delle più antiche mulattiere della Grigna, che collega la frazione di Rongio al Rifugio Elisa ed al Buco di Grigna. L opera, in corso di realizzazione, viene portata avanti con il lavoro volontario dei soci del CAI Grigne (secondo quanto positivamente sperimentato in questi anni), ove non sia strettamente indispensabile l apporto delle attrezzature di un impresa. Legambiente Lecco Onlus - Valmadrera Il lago riscoperto n. 2 Euro In relazione alla prossima costruzione di un ponte ciclopedonale, Legambiente intende realizzare opere che offrano opportunità di attrazione per la riscoperta del lago di Annone, offrendo ai cicloamatori che percorrono la ciclabile, un punto di sosta attrezzato anche per far conoscere quest area naturale ricca di biodiversità. I lavori, in corso di realizzazione, hanno subito uno stop per il periodo invernale e riprenderanno in primavera con conclusione prevista entro giugno Gli interventi sono effettuati con l ausilio di volontari locali e internazionali, supportati da attività di studio della scuola elementare di Suello al fine di produrre ricerche storiche e naturalistiche. Il Comune di Suello partecipa all iniziativa con un sostegno finanziario. Parrocchia dei SS. Vito e Modesto - Civate Restauro della Madonna Addolorata di Civate n. 3 Euro Con il presente progetto si intende procedere al restauro di una pregevole statua della Madonna Addolorata - risalente ad un periodo compreso fra il XVII e il XVIII secolo - che presenta lacune dello strato pittorico e della preparazione, depositi di materiale pulverulento e di sporco di natura grassa e circoscritte crettature e sollevamenti del colore, nonché ridipinture. L obiettivo consiste nel restituire al bene l originario decoro e permettere un soddisfacente godimento delle peculiarità artistiche dell opera. Il restauro è a cura della ditta Luzzana Restauri di Civate. 14 Club Alpino Italiano CAI sezione di Lecco *Riccardo Cassin* Restauro, catalogazione documenti storici storia alpinismo lecchese n. 4 Euro Il CAI sta procedendo alla costituzione di un centro documentazione della storia dell alpinismo lecchese, anche in funzione della prossima realizzazione del "Museo della montagna", eseguendo interventi di restauro conservativo di beni documentari significativi, per cui chiede il contributo della Fondazione. Si tratta di documenti cartacei deperibili, come volumi di atti, attestati, lettere, memorie, fotografie, diapositive, pellicole. Il materiale così restaurato può essere fruito all interno degli spazi museali ed essere utilizzato per mostre tematiche ed eventualmente messo in rete.

17 Corpo Musicale "Alessandro Manzoni" Città di Lecco Pentagrammi di ieri n. 5 Euro Il Corpo musicale Manzoni è stato fondato nel 1862 come fanfara militare annessa alla Guardia Nazionale. Oggi è composto da una quarantina di giovani motivati. Svolge una intensa attività concertistica in tutta Italia. Data la quantità di materiale di importanza storica (fra cui alcuni manoscritti dal Maestro Amilcare Ponchielli), l Associazione ha sentito l esigenza di catalogare, restaurare e promuovere la conoscenza di quanto dispone. Il lavoro, in corso, è affidato al musicologo Rusconi, affiancato da molti volontari del Corpo. Parrocchia di S. Ambrogio - Lierna Restauro affreschi Chiesetta SS Maurizio e Lazzaro n. 6 Euro Con il progetto di intende procedere al restauro - a cura di Giuseppina Suardi - e alla conservazione delle opere residue del ciclo pittorico ad affresco ritrovato nel 1933, nel corso dell intervento diretto dall Arch. Giannino Castiglioni, nella Chiesa dei SS Maurizio e Lazzaro (edificata indicativamente nel 1147 e sita nel borgo denominato "Castello"). Il brano oggetto dell intervento rappresenta San Sebastiano e Santo Stefano. Secondo lo studioso Oleg Zastrow, può essere datato, in prima analisi, in un arco temporale compreso tra il 1150 e il 1300, costituendo quindi una testimonianza artistica preziosa per il nostro territorio. Lavori in corso sotto la stretta sorveglianza del Sovrintendente Dott.ssa E. Palmieri. Parrocchia S. Antonio Abate Parlasco La Trinità di Aragonius n. 7 Euro Questo progetto tende a consentire il restauro dei brani di affresco sulla parete di destra dell abside della chiesa, dopo gli interventi di restauro sul fondo e sulla parete di sinistra. L obiettivo è quello di riportare in luce i dipinti di fine cinquecento di probabile mano del pittore bresciano Aragonio che ha affrescato anche l attiguo arco trionfale. Si tratta di una piccola parrocchia molto legata alle tradizioni che con questo intervento intende inserirsi in un itinerario storico-artistico che coinvolga l intera comunità. L intervento è in corso, con tempi previsti per l ultimazione che si potrarranno sino ad estate inoltrata per rispettare le disposizioni attuative della Soprintendenza. Parrocchia di S. Alessandro Martire Robbiate Restauro conservativo e pittorico nella Chiesa di S. Alessandro n. 8 Euro Si è proceduto al recupero di due grandi tele (m.2,80x1,80) raffiguranti una "Trasfigurazione" (Ignoto sec. XVII, ma Bottega di C. Procaccini) e una "Adorazione dei Pastori" (ignoto del sec. XVII, ma Bottega del Procaccini), in deposito antico della Pinacoteca di Brera. Le restauratrici Bianca Alberti e Anna Soragna di Milano stanno provvedendo alla rimozione dei depositi superficiali, l assottigliamento delle vernici, la rimozione dei ritocchi alterati, stuccature e reintegrazione pittorica, rendendo così fruibilli ai visitatori e ai fedeli le due pregevoli opere pittoriche. Al momento è stato concluso il restauro dell "Adorazione dei Pastori", mentre la seconda tela è in fase di ultimazione. 15

18 Di mano in mano solidale - società cooperativa sociale a.r.l. Onlus - Ballabio Quattro soldi in tasca (acquisto di un furgone e attrezzature per giardinaggio) n. 9 Euro La cooperativa aveva la necessità di acquistare attrezzature per il verde e un furgone, allo scopo di ampliare la sua attività e offrire prospettive di lavoro (almeno a tempo determinato a 4 soggetti in condizione di svantaggio e di disagio sociale). Trattasi di una cooperativa che opera all interno di una Associazione ("Comunità e famiglia", presente in Lombardia con 10 strutture) che integra in gruppi di famiglie soggetti in situazioni di disagio. L intervento si è concluso positivamente ed il contributo è stato erogato. Associazione la Nostra Famiglia - IRCCS Eugenio Medea - Bosisio Parini Individuazione predittori nella dislessia evolutiva n. 10 Euro La dislessia colpisce circa il 5% della popolazione ed interferisce con gli obiettivi scolastici e con l equilibrio emotivorelazionale del bambino. L IRCCS Medea ha promosso, in collaborazione con Università di Padova e Università San Raffaele, studi per identificare i possibili predittori della Dislessia Evolutiva. Grazie alla collaborazione con gruppi sensibili della società civile, si propone di strutturare anche nel territorio lecchese una parte delle iniziative e delle verifiche in corso di sviluppo, focalizzandosi sulla "individuazione dei predittori psicoligici e biologici". Il progetto, in corso, gode del sostegno finanziario del Rotary Club Lecco. Associazione Amici dell Alveare Onlus Brivio Attività fisioterapiche e soggiorno marino n. 11 Euro Accanto al soggiorno marino a Cattolica, effettuato nello scorso mese di giugno, sono stati previsti interventi di fisioterapia, acquaticità e attività fisiche riabilitative per gli utenti della cooperativa L Alveare, cioè soggetti disabili, per i quali l Associazione collabora con la Cooperativa. I corsi di acquaticità, a completamento dell intero ciclo di interventi, sono effettuati nel periodo gennaio - marzo Coop. Soc. Il Grigio Onlus Calolziocorte Fiumi di lavoro: acquisto nuove attrezzature n. 12 Euro Con questo progetto la Cooperativa, che si propone ai Comuni della zona come interlocutore specializzato nella gestione del verde, intende estendere l attività alla pulizia degli alvei dei fiumi e dei torrenti, in conformità alla normativa che regola la "pulizia idraulica dei reticoli idrici minori". Si è reso necessario procedere all acquisto di nuove e idonee attrezzature, (cippatrici, gru e benna) per le quali è stato chiesto un contributo pari al 50% del costo.

19 Ass. Mater Vitae Onlus - Casatenovo Dopo la Comunità: i legami come cammino insieme per ricostruire n. 13 Euro Questo progetto vuole tentare di superare un modello assistenzialistico e proporre un modello capace di rispondere alle esigenze di housing sociale attraverso l offerta di un opportunità abitativa, a tempo determinato, nonché di programmi di reinserimento sociale. Il servizio è rivolto a donne con o senza figli che si trovano per motivi educativi, legali, economici e/o psicologici/psichiatrici a non aver raggiunto una totale autonomia o che non possono contare su un sostegno umano e concreto. Praticamente si è provveduto ad unire al vero e proprio supporto materiale, anche una serie di interventi di sostegno e coinvolgimento nella comunità con l aiuto di un nucleo di volontari. Ass. Volontari Namaste Missioni Consolata Castello Brianza Madri che si raccontano e raccontano n. 14 Euro L associazione svolge da anni un intenso lavoro per l integrazione di persone extracomunitarie, in particolare di donne con bambini. L attività oggetto del progetto riguarda corsi di italiano e abilitazione all uso di Internet, con un coinvolgimento congiunto di donne e bambini stranieri ed italiani. L investimento riguarda attrezzature e materiale, nonché alcune prestazioni professionali. Il progetto è in corso di esecuzione. Ass. Bondeko Progetti Onlus - Civate Mamme al centro: momenti di incontro e di confronto per Donne Immigrate n. 15 Euro Larius società cooperativa sociale - Colico Inventiamo-Creiamo-Produciamo... e Cooperiamo n. 16 Euro Il progetto nasce dal confronto con amministratori e operatori sociali e scolastici dei Comuni di Civate, Rogeno e Valmadrera, relativamente alle problematiche incontrate dalle famiglie immigrate nel loro percorso di inserimento sociale. Obiettivi del progetto sono quindi: fornire un sostegno al ruolo genitoriale e interrompere l isolamento delle donne, creare momenti di aggregazione e sperimentazione, incentivare la creazione di reti informali e di forme di mutuo-aiuto, fornire gli strumenti linguistici e la conoscenza dei servizi. Modalità: attività formative e di aggregazione (lingua italiana e laboratori), attività di sostegno alla genitorialità, attività di alfabetizzazione sociale, spazio bimbi. Le attività previste hanno preso avvio lo scorso mese di dicembre con durata prevista sino a maggio/giugno Si vuole realizzare un "Laboratorio Artigianale" a Colico per la lavorazione di mobiletti in legno, restauro, oggettistica e prodotti similari. Nel medio-lungo periodo, si prevede la possibilità di diversificare la produzione a misura delle esigenze della domanda che si andranno a riscontrare. Il tutto con lo scopo di inserire soggetti psicosofferenti in collaborazione con il Centro Psichico sociale di Lecco-Bellano, in modo da rispondere ad una esigenza del Territorio. L investimento riguarda per 3/4 le attrezzature da acquistare e per 1/4 la remunerazione di un maestro d arte per lo "start up". Iniziativa in corso. 17

20 Fenice Società cooperativa sociale Costa Masnaga Potenziare gli impianti per una produzione diversificata Con l acquisto dei macchinari e delle attrezzature oggetto della presente domanda di contributo, la cooperativa ha inteso potenziare la sua capacità produttiva nel settore della lavorazione dell alluminio, corrispondendo alle esigenze di una committenza in fase di ripresa dopo un periodo di difficoltà. Alla realizzazione del progetto hanno compartecipato con contributi in denaro anche privati simpatizzanti. Operazione regolarmente conclusa. n. 17 Euro Alma Faber Cooperativa sociale Onlus Galbiate Presa e consegna: acquisto di un furgone La cooperativa, operante dal 2005, ha acquistato un furgone (FIAT Scudo) per corrispondere alle esigenze della clientela in due ambiti operativi: gli arredi per impianti sportivi e la cartotecnica (il comparto maggiormente interessato all inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati). Automezzo acquisito. n. 18 Euro KWA Kusaidia Cooperativa Sociale Onlus Galbiate Agriturismo sociale Fuentes (secondo atto) n. 19 Euro Si è reso necessario un intervento di straordinaria manutenzione per la sistemazione del cortile esterno della struttura agrituristica gestita dalla cooperativa su concessione novennale della Provincia, per la messa in sicurezza e un idoneo utilizzo dello spazio. Si prevede l attivazione di una fitta rete di sinergie tra servizi pubblici e privati tra cui il Servizio collocamento mirato alle fasce deboli della Provincia di Lecco e le comunità residenziali per tossico ed alcooldipendenti. La caratteristica della struttura e le sue potenzialità (agricole, zootecniche. ristorazione, fattoria didattica) offrono ottime prospettive occupazionali a soggetti svantaggiati. L intervento è in fase di conclusione. 18 Domenico Rusconi Cooperativa sociale Onlus Introbio RusconCablo n. 20 Euro Con l acquisto di altre attrezzature si è voluto ampliare l attività della cooperativa, realizzando un nuovo laboratorio di cablaggio materiale elettrico ed elettronico, sia in fornitura completa che in conto lavorazione. Si potranno così effettuare inserimenti lavorativi in forma stabile e qualificata di persone svantaggiate del territorio valsassinese, realizzzando in via complementare una efficace sensibilizzazione della popolazione, anche attraverso l apporto della Comunità Montana e del distretto ASL di Bellano. Operazione conclusa.

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli