L apprendimento Cooperativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L apprendimento Cooperativo"

Transcript

1 L apprendimento Cooperativo 1 Cos è l apprendimento cooperativo? Il Cooperative Learning (apprendimento cooperativo - CL) è una strategia di apprendimento attiva, che facilita l acquisizione di abilità sociali e di nozioni didattiche; usato all interno di un gruppo di bambini, adolescenti o di adulti. Permette lo sviluppo di (1) capacità relazionali (2) strategie di apprendimento e metacognitive 2 1

2 Concetti base dell Apprendimento Cooperativo L Apprendimento cooperativo può essere visto come un insieme di tecniche di conduzione della classe, grazie alle quali gli studenti lavorano in piccoli gruppi per attività di apprendimento e ricevono valutazioni in base ai risultati acquisiti Con l AC si è in grado di creare una interdipendenza positiva all interno dei gruppi Per creare interdipendenza positiva, gli studenti devono mettere in atto delle competenze sociali: comportamenti che una persona deve imparare ad adottare per poter lavorare in gruppo 3 L apprendimento cooperativo rientra nella forma a mediazione sociale, come il peer tutotoring e peer collaboration Peer collaboration: gli allievi sono alla pari e hanno uguali competenze e conoscenze; non c è alla base la cosa più importante: l interdipendenza positiva Peer tutoring: un allievo tutor insegna ad un altro e così si rispecchiano le differenze esistenti tra insegnate alunno 4 2

3 Collaborare (cum + laborare) vuol dire lavorare insieme Implica una condivisione di compiti, in contrasto con un semplice scambio di informazioni o esecuzione di istruzioni. Affinché vi sia collaborazione o cooperazione, ci deve essere una reale interdipendenza tra i membri di un gruppo 1. nella realizzazione di un compito; 2. nel mutuo aiuto; 3. nel senso di responsabilità per il gruppo e per i suoi obiettivi; E deve essere posta attenzione alle abilità sociali e interpersonali 5 Quali e quanti sono, in linea di massima, le tipologie di gruppo? cooperativo ( Affondiamo o nuotiamo insieme ) competitivo ("Se tu vinci, io perdo/se io vinco, tu perdi") individualistico ("Siamo tutti qui, soli/ognuno lavora per sé") 6 3

4 A) Condizione di Apprendimento Cooperativo ( Affondiamo o nuotiamo insieme ) (Deutsch, 1949; Kagan, 1988; Johnson & Johnson, 1997). Gli studenti vivono relazioni di interdipendenza positiva: quando uno studente svolge il suo compito e raggiunge i suoi risultati tutti gli altri compagni del gruppo raggiungono i risultati cooperativamente 7 Per i fratelli Johnson (1994) la cooperazione è lavorare insieme per realizzare obiettivi condivisi. All interno di situazioni cooperative, le persone cercano di ottenere risultati per se stessi e per tutti gli altri membri del gruppo. L Apprendimento cooperativo è l uso educativo di piccoli gruppi attraverso i quali gli studenti lavorano insieme per portare al massimo livello il loro apprendimento e quello degli altri. 8 4

5 C) Condizione di apprendimento individualistico ("Siamo tutti qui, soli/ognuno lavora per sé") Gli allievi vivono relazione caratterizzate da assenza di interdipendenza: ciascuno svolge i compiti e ottiene dei risultati indipendentemente dagli sforzi che gli altri compiono e dai risultati che raggiungono. B) Condizione di apprendimento competitivo ("Se tu vinci, io perdo/se io vinco, tu perdi") Si vivono relazioni di interdipendenza negativa: solo alcuni studenti riescono a ottenere risultati eccellenti a scapito di altri 9 Tutti i gruppi diventano cooperativi? Il gruppo come punto di partenza: due teste sono meglio di una (Johnson & Johnson, 1987; Ellis, 1990) Vi sono quattro fasi che identificano un gruppo fino a divenire cooperativo pseudo-gruppo noncooperativo (tradizionale) cooperativo cooperativo ad alto rendimento 10 5

6 1) Pseudo-gruppo di Apprendimento Gli studenti non hanno alcun interesse a lavorare insieme. Pensano che verranno valutati individualmente. La collaborazione è solo apparente, in realtà vi è competizione. Il potenziale complessivo del gruppo è inferiore a quello dei singoli. 11 2) Gruppo non-cooperativo di Apprendimento. Gli studenti accettano di lavorare insieme, i compiti sono però strutturati in modo da richiedere poco lavoro comune: pensano che saranno valutati singolarmente. L interazione si ha solo all inizio, quando si tratta di capire come deve essere svolto un compito. L aiuto e la condivisione sono minimi, gli studenti si scambiano informazioni ma non hanno alcun interesse a insegnare agli altri membri del gruppo ciò che sanno. 12 6

7 3) Gruppo di Apprendimento Cooperativo. Gli studenti sono felici di lavorare insieme, e sanno che il loro successo dipende dallo sforzo comune L obiettivo di massimizzare i risultati stimola e motiva all apprendimento in gruppo (uno per tutti e tutti per uno) Gli studenti si sostengono e si danno assistenza personale e didattica In gruppo, ognuno ha ottenuto risultati migliori che non avrebbe conseguito lavorando da solo (il tutto è più della somma delle parti) 13 4) Gruppo di Apprendimento Cooperativo ad alto rendimento. È un gruppo di apprendimento cooperativo in cui il livello di impegno reciproco dei suoi membri consente di avere prestazioni eccezionali e di divertirsi al tempo stesso. Difetto: pochi gruppi raggiungono questo livello. 14 7

8 22/01/2008 (Katzenbach e Smith, 1993) 15 Possiamo individuare alcune forme e metodologie di Apprendimento Cooperativo che facilitano la cooperazione in gruppo LEARNING TOGETHER CIRCLES OF LEARNING JIGSAW GROUPS OF FOUR TEAM ASSISTED INDIVIDUALIZATION 16 8

9 LEARNING TOGETHER/ CIRCLES OF LEARNING (Johnson & Johnson, 1975, 1984) L'idea di base del modello è quella di far lavorare gli studenti in gruppi, su compiti di lavoro, dove ciascun gruppo lavora su un singolo compito che rappresenta il contributo del gruppo o della classe. Gli studenti riceveranno lodi e riconoscimenti per il lavoro fatto in modo soddisfacente. Nel modello, si suggerisce di usare gruppi eterogenei, che condividono le risorse e si aiutano reciprocamente. La forma dell'interazione del gruppo è decisa dall'insegnante. Esso si sviluppa in passi indicati per la strutturazione del lavoro di gruppo cooperativo 17 JIGSAW (Aronson, 1978) Il modello Jigsaw di apprendimento cooperativo utilizza la specializzazione del compito. Ogni studente ha un compito che contribuisce a un obiettivo complessivo di gruppo Ad ogni studente viene assegnata una parte di una lezione. Oppure una parte di materiale. Oppure una parte di informazioni e conoscenze specifiche di un argomento Ogni studente può lavorare in modo indipendente per diventare un esperto di una porzione della lezione ed è responsabile dell'insegnamento di tali informazioni agli altri componenti del gruppo 18 9

10 JIGSAW II Il modello (Slavin, 1986) risulta efficace anche quando l'obiettivo è quello di imparare abilità sociali. Ad es., Tutti gli studenti leggono un brano, una storia breve, con un tono basso e rispettando i turni Esempio: ogni studente, nel gruppo di quattro/cinque membri, riceve un foglio di informazioni su un argomento diverso. Esempio: dopo aver letto i loro fogli, alcuni studenti (uno per ciascun gruppo) si incontrano in un 'gruppo di esperti' temporaneo, composto da studenti che hanno studiato lo stesso argomento. Dopo un periodo di discussione, questi studenti ritornano nei rispettivi gruppi originali per insegnare agli altri quello che sanno sull argomento 19 GROUPS OF FOUR (Burns, 1981) In questo modello non ci si focalizza sugli obiettivi di gruppo né gli individui sono responsabili del profitto del gruppo. Piuttosto, implica che gli studenti lavorino assieme in un gruppo su qualche compito comune Per esempio, gli studenti possono rivedere il compito assegnato per casa e poi discutere le differenze, decidere sulle risposte corrette Ciò incoraggia la discussione e la giustificazione delle risposte 20 10

11 TEAM ASSISTED INDIVIDUALIZATION - TAI (Slavin, 1987) La premessa di base di questo approccio di cooperative learning è che gli studenti meno bravi possono migliorare senza rallentare gli studenti bravi. Ciò si realizza mettendo studenti di livello basso, medio e alto in gruppi di 4/5 membri. Gli studenti lavorano in modo indipendente, ciascuno al proprio livello e svolgono i loro compiti. Poi gli studenti si incontrano in gruppi, in cui scambiano documenti, relazioni, controllano le reciproche competenze, si aiutano a vicenda. Poi vengono valutati singolarmente 21 Quali e quanti sono i punti di forza del Learning Together? La tipologia di apprendimento cooperativo più diffusa è il Learning together (Johnson e Johnson, 1991). Esso si fonda su 5 elementi 1 - Positiva interdipendenza 2 - Interazione diretta 3 - Uso appropriato delle abilità sociali 4 - Responsabilità individuale e di gruppo 5 - Valutazione del lavoro 22 11

12 Con l interdipendenza positiva, i membri del gruppo fanno affidamento gli uni sugli altri per raggiungere lo scopo. Se qualcuno nel gruppo non fa la propria parte, anche gli altri ne subiscono le conseguenze. Gli studenti si devono sentire responsabili del loro personale apprendimento e dell'apprendimento degli altri membri del gruppo. È utile a conseguire un certo risultato (sociale o didattico) 23 Una volta conseguito un risultato, non è più possibile attribuire a una persona soltanto il merito di quanto è stato realizzato Questo aspetto caratterizza un gruppo come cooperativo, rispetto ad uno di tipo individualistico o competitivo 24 12

13 Anche se parte del lavoro può essere svolta individualmente, è necessario che i componenti lavorino in modo interattivo (Interazione Diretta), verificando a vicenda il proprio ragionamento, le conclusioni, le difficoltà, e manifestandosi fiducia senza timore di esporre la propria opinione È così che si sviluppano le abilità sociali, come la comunicazione, la funzione di guida, il problem-solving ecc. In questo modo si ottiene anche un altro vantaggio: gli studenti insegnano! 25 Sebbene l obiettivo sia unico per il gruppo e tutti concorrono per il suo conseguimento, ogni membro ha una responsabilità Individuale per ciò che ha fatto. La valutazione individuale e di gruppo fornisce valore alle proprie responsabilità e al lavoro sia individuale che di gruppo 26 13

14 Verifica dell apprendimento 27 Esempio 1 Paola Corbetta, Maria Luisa Gustinetti, Manuela Marcolin, Ivana Rota, Sara Rota. Le abilità sociali a scuola, (2005), Edizioni Junior. ATTIVITA DI LINGUA ITALIANA L'attività consiste nel sostituire le parole evidenziate di un testo con dei sinonimi. 1. Si formano gruppi di quattro alunni. 2. L'insegnante spiega l'attività 3. Consegna ad ogni gruppo una busta con i cartoncini dei ruoli 4. Spiega i compiti di ognuno: lettore, aiutante, attore, osservatore 28 14

15 Ad ogni gruppo viene assegnato un testo con delle parole evidenziate da sostituire con sinonimi. LETTORE legge un periodo del brano. L'ATTORE sostituisce la parola evidenziata con un sinonimo. L'AIUTANTE da il suo contributo con segni o parole; ad ogni soluzione esprime segni di lode ed incoraggiamento. L'OSSERVATORE raccoglie su una tabella le espressioni di lode ed incoraggiamento usate. I ruoli inizialmente vengono assegnati casualmente e poi si scambiano al termine di ogni periodo, ruotando i cartoncini in senso orario

16 Esempio 2 riferimento all allegato (fotocopie) Paola Corbetta, Maria Luisa Gustinetti, Manuela Marcolin, Ivana Rota, Sara Rota. Le abilità sociali a scuola, (2005), Edizioni Junior ATTIVITA DI MATEMATICA (GEOMETRIA) L'attività consiste nel disegnare, misurare e calcolare il perimetro e l'area di alcune figure geometriche. 1. Si formano gruppi di quattro alunni. 2. L'insegnante spiega l'attività 3. Consegna ad ogni gruppo una busta con i cartoncini dei ruoli 4. Spiega i compiti di ognuno: geometra, aiutante, calcolatore, osservatore 32 16

17 Ad ogni gruppo viene assegnata una scheda (allegato) con delle figure geometriche da disegnare e su cui svolgere delle attività (es. calcolo del perimetro e dell'area). II GEOMETRA disegna la figura, misura, scrive i dati. II CALCOLATORE calcola la misura del perimetro e dell'area. L' AIUTANTE da il suo contributo con segni o parole; ad ogni soluzione esprime segni di lode ed incoraggiamento. L'OSSERVATORE raccoglie su una tabella le espressione di lode e di incoraggiamento usate. I ruoli inizialmente vengono assegnati casualmente e poi si scambiano al termine di ogni figura, ruotando i cartoncini in senso orario. L'esperienza può essere ripetuta in altre discipline (es. musica, ricerca, scienze,... ) Al termine di ogni attività ogni alunno esprime le proprie sensazioni su una scheda strutturata (autovalutazione) 34 17

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

La lettura con la tecnica del jigsaw (gioco a incastro)

La lettura con la tecnica del jigsaw (gioco a incastro) La lettura con la tecnica del jigsaw (gioco a incastro) Abdelkrim Boussetta Ispettorato Regionale - Rabat 1 Corso di formazione Accademia di Rabat, giovedi 21 ottobre 2010 Docente Studente Materia 2 Insegnamento

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA APPRENDIMENTO COOPERATIVO E DIDATTICA INCLUSIVA Quali metodi e strategiepossiamo adottare per l'inclusione delle diverse abilità? Difficoltà di Apprendimento LOW ACHIEVERS sono ragazzi che incontrano difficoltà,

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES Ciò che i bambini sanno fare insieme oggi, domani sapranno farlo da soli ( Lev VYGOTSKJJ) IX CONVEGNO DI RIMINI SULLA QUALITA

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

RE.TE.CO.LE. Rete, TEcnologie, COoperative LEarning PREMESSA

RE.TE.CO.LE. Rete, TEcnologie, COoperative LEarning PREMESSA RE.TE.CO.LE Rete, TEcnologie, COoperative LEarning PREMESSA La scelta di introdurre nella scuola attività di cooperative learning in un contesto tecnologico, è motivata da considerazioni di diversa natura.

Dettagli

Strategia Laboratoriale

Strategia Laboratoriale CERT- LIM Interactive Teacher Test Mod. 2.2 CL La Certificazione delle Competenze Strumentali e Metodologiche con la LIM Candidati LIM AICA Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico

Dettagli

Cooperative learning. Tessaro su www.univirtual.it

Cooperative learning. Tessaro su www.univirtual.it Cooperative learning Il Cooperative Learning è una modalità di apprendimento in cui gli studenti lavorano insieme in piccoli gruppi per raggiungere obiettivi comuni, cercando di migliorare reciprocamente

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 2. Il lavoro di gruppo 1. Un insieme di persone in interazione 2. Il lavoro di gruppo

UNITÀ DIDATTICA 2. Il lavoro di gruppo 1. Un insieme di persone in interazione 2. Il lavoro di gruppo UNITÀ DIDATTICA 2. Il lavoro di gruppo 1. Un insieme di persone in interazione 2. Il lavoro di gruppo Il Cooperative learning o Learning Together Lo Structural Approach Lo Student Teal Learning Il Group

Dettagli

Metodologie del lavoro di gruppo

Metodologie del lavoro di gruppo Metodologie del lavoro di gruppo Dal lavoro in gruppo al lavoro di gruppo Federica Zanetti Facoltà di Scienze della Formazione Università di Bologna f.zanetti@unibo.it Per iniziare Metodologie del lavoro

Dettagli

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA SSIS LAZIO 2007-2007 Indirizzi Tecnologico, Economico-Giuridico CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Pedagogia e Scienze dell Educazione nella cultura contemporanea Prof.ssa Eleonora Guglielman 1 06. Costruttivismo:

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Certificazione Modulo II - Essential. Scheda Anagrafica. email Test Center Provincia. Scheda metodologico - didattica

Certificazione Modulo II - Essential. Scheda Anagrafica. email Test Center Provincia. Scheda metodologico - didattica Scheda Integrata Metodologico - Strategica Laboratoriale Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO Corso Nordic Walking Torino 04-10-2014 METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO CANALI DELLA COMUNICAZIONE METODI DI INSEGNAMENTO STILI DI INSEGNAMENTO ORGANIZZARE UNA SEDUTA I CANALI DELLA COMUNICAZIONE VERBALE

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BONATE SOTTO SCUOLA PRIMARIA DI BONATE SOTTO STORIE DALLA BIBBIA REFERENTE: ins. Carmela Maria Magni, specialista

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Convivenza civile e cittadinanza attiva e consapevole

Convivenza civile e cittadinanza attiva e consapevole Istituto Comprensivo Statale C. Carminati di Lonate Pozzolo Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Classi: 2 C- Scuola Primaria Volta 1 A- Scuola Secondaria Carminati a.s. 2009-2010 Unità di Apprendimento

Dettagli

L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO PER L INCLUSIONE:

L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO PER L INCLUSIONE: SEMINARIO NAZIONALE INDICAZIONI PER PROMUOVERE COMPETENZE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO PER L INCLUSIONE: risorse, strumenti, tecniche attive per.. Rete di n 6 istituti Comprensivi

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12 PROBLEMI DI MISURA Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN Classe Quinta 22/02/12 Panoramica progetto Descrizione generale di argomento e contenuto Obiettivi formativi (conoscenze/abilità/

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

C.L. e inserimento bambini HC. ins. Fabrizia Monfrino

C.L. e inserimento bambini HC. ins. Fabrizia Monfrino C.L. e inserimento bambini HC ins. Fabrizia Monfrino Scuola: I circolo di Giaveno (To) Disciplina: scienze Classe: 2 elem Anno scolastico: 2002/2003 Analisi classe: Scuola: 2 elementare a tempo pieno Classe:

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

PREMESSA FINALITA' OBIETTIVI PER GLI ALUNNI. Trovare un ambiente accogliente.

PREMESSA FINALITA' OBIETTIVI PER GLI ALUNNI. Trovare un ambiente accogliente. PREMESSA L inserimento degli studenti in un contesto scolastico nuovo rappresenta sicuramente un momento di preoccupazione. L intervento degli insegnanti è volto a limitare quanto più possibile le incertezze

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

Insegnare le abilità sociali con la carta a T. ins. Fabrizia Monfrino

Insegnare le abilità sociali con la carta a T. ins. Fabrizia Monfrino Insegnare le abilità sociali con la carta a T ins. Fabrizia Monfrino Scuola: I circolo di Giaveno (To) Classe: trasversale Anno scolastico: 2003/2004 Insegnare le abilità sociali con l uso della carta

Dettagli

IL COOPERATIVE LEARNING Sviluppo sociale e cognitivo, uniti per sempre

IL COOPERATIVE LEARNING Sviluppo sociale e cognitivo, uniti per sempre L Europa ci chiede (da tempo) anche questo: IL COOPERATIVE LEARNING Sviluppo sociale e cognitivo, uniti per sempre a cura di Enrico Carosio Ministero della Pubblica Istruzione Ordine di Istruzione Linee

Dettagli

Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria

Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria Fondazione Scuola di Musica C. e G. Andreoli di Mirandola (Mo) La musica è un linguaggio

Dettagli

Titolo del progetto: Murales

Titolo del progetto: Murales Titolo del progetto: Murales RILEVAZIONE BISOGNI Considerando che l operatività manuale può essere una risorsa per tutti gli alunni ed in particolare per gli alunni DVA e considerando anche che nell istituto

Dettagli

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori:

ambito a. Organizzazione delle situazioni di apprendimento ho scelto di sviluppare i seguenti indicatori: 1 INTRODUZIONE Prima di predisporre il Bilancio delle Competenze, sento la necessità di ripercorrere brevemente il mio percorso lavorativo, che non si è svolto solo in ambito scolastico. Dalla prima metà

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

L allievo con autismo a scuola: come facilitare esperienze inclusive?

L allievo con autismo a scuola: come facilitare esperienze inclusive? UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Scienze della formazione L allievo con autismo a scuola: come facilitare esperienze inclusive? Lucio Cottini Cattedra di: Pedagogia speciale Cesena, 8 maggio

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO. 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1

DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO. 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1 DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 2 famiglia osservo mio figlio e mi accorgo che.. gli insegnanti mi dicono che 17/09/2015 PH.D Francesca Salis

Dettagli

PROGETTAZIONE. Premessa. Caratteristiche dei destinatari

PROGETTAZIONE. Premessa. Caratteristiche dei destinatari Via Matteotti, 86/a - 84036 SALA CONSILINA (SA) Codice di Circolo SAEE12400V - codice fiscale 83002360655 Distretto Scolastico n. 61 Tel. 0975 520 289 / Fax 0975 527 058 e mail saee12400v@istruzione.it

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

APP rendere tutti insieme in Cooperative Learning. Bari Bip 8-9 settembre 2014 con Isabella Ghilarducci

APP rendere tutti insieme in Cooperative Learning. Bari Bip 8-9 settembre 2014 con Isabella Ghilarducci APP rendere tutti insieme in Cooperative Learning Bari Bip 8-9 settembre 2014 con Isabella Ghilarducci La scuola come... Guarda l'immagine e pensa all'effetto che ti fa Condividi l'immagine scelta con

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

Realizzazione di una chat su protocollo HTTP

Realizzazione di una chat su protocollo HTTP Università di Pisa Università di Pisa Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) Realizzazione di una chat su protocollo HTTP Realizzazione di una chat su protocollo HTTP Feo

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Accoglienza CHI BEN COMINCIA...

Accoglienza CHI BEN COMINCIA... Accoglienza CHI BEN COMINCIA... Anno scolastico 2010/2011 Osservazioni della Commissione L accoglienza è un percorso che ha come finalità: La formazione di un gruppo di lavoro (clima idoneo all apprendimento)

Dettagli

Ins. Elena Rodda Scuola Primaria di Pavone Classe 3 A A. S. 2008/09 NEL TEMPO LA STORIA 3 INDICE DEGLI ALLEGATI

Ins. Elena Rodda Scuola Primaria di Pavone Classe 3 A A. S. 2008/09 NEL TEMPO LA STORIA 3 INDICE DEGLI ALLEGATI INDICE DEGLI ALLEGATI Allegato 1 Griglia ad uso dell insegnante per valutare il testo regolativi. Allegato 2 Rubrica per valutare la capacità di esecuzione di un compito individuale Griglia di autovalutazione

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest

Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest Scheda Integrata Metodologico - Strategica WebQuest Certificazione Modulo II - Essential Scheda Anagrafica Skill Card Cognome Nome N 0 Materia d'insegnamento Ordine scuola Istituto email Test Center Provincia

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado Cerreto Sannita - San Lorenzello PROGETTO CONTINUITA EDUCATIVA REGOLIAMOCI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PREMESSA

Dettagli

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella In una scuola che ormai è concepita come luogo non solo deputato alla trasmissione del sapere, ma anche connesso

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili

Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili Integrazione Scolastica degli alunni Diversamente Abili Linee generali per l elaborazione dei progetti e modalità organizzativa L inserimento degli alunni disabili nel nostro Istituto è finalizzato alla

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione La presenza e il ruolo di ciascun utente nella sperimentazione è rilevato mediante il questionario di ingresso e il questionario di uscita (form):

Dettagli

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA La progettazione dell insegnante è un lavoro molto impegnativo che richiede tempo e accuratezza: una buona programmazione semplifica molto il lavoro di gruppo

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori)

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori) insegnare non più e non solo per trasferire saperi, per cui spesso basta un clic, bensì per formare uno studente competente, avviato a essere un futuro cittadino riflessivo e responsabile, aperto al nuovo

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

Robotica che passione

Robotica che passione DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO - EBOLI Via Gen. Gonzaga 84025- EBOLI(SA) Tel. e fax 0828 332859 mail: saee05400t@istruzione.it sito: secondocircoloeboli.it Robotica che passione attività per gli

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

Attività per la scuola secondaria di II grado

Attività per la scuola secondaria di II grado Attività per la scuola secondaria di II grado Il punto di esplosione Gli adolescenti sperimentano ed esprimono la rabbia in diversi modi. Alcuni esplodono da un momento all altro, apparentemente senza

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE. Premessa

SCHEDA DI PROGETTAZIONE. Premessa SCHEDA DI PROGETTAZIONE Premessa Le attività sono progettate al fine di favorire e permettere ai bambini l'uso della lettura per ricavare informazioni da testi scritti, ascoltati e messaggi iconici testi

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ. Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado. Premessa

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ. Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado. Premessa PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ Classi 4 a e 5 a Scuola Primaria Scuola secondaria di 1 grado Premessa La scuola e la famiglia condividono un modello educativo basato sul rispetto della Costituzione,

Dettagli

La lettura con la tecnica del Jigsaw

La lettura con la tecnica del Jigsaw La lettura con la tecnica del Jigsaw Abdelkrim Boussetta Centre Régional des métiers de l éducation et de la formation Rabat Per parecchio tempo l apprendimento è stato visto come un processo unidirezionale

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO <> BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO <<ANNA FRANK>> BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO BORGO D'ALE UNITA' DI APPRENDIMENTO DI ITALIANO TITOLO: TELEGIORNALE 2@0 Competenze chiave: competenza digitale (utilizzo del mezzo

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA COOPERAZIONE TRA PARI SU UN ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE IPERATTIVITA

GLI EFFETTI DELLA COOPERAZIONE TRA PARI SU UN ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE IPERATTIVITA GLI EFFETTI DELLA COOPERAZIONE TRA PARI SU UN ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE IPERATTIVITA IELENA BARBIANI, CHIARA TRUBINI E MARINA PINELLI Facoltà di Psicologia, Università di Parma barbiani.ielena@alice.it

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

BOLLIRE E SGUSCIARE LE UOVA

BOLLIRE E SGUSCIARE LE UOVA Esempio di modulo didattico relativo al progetto Ark of Inquiry Ark of Inquiry: Premi per la ricerca ai giovani studenti in Europa (AoI), è un progetto che riguarda la formazione degli insegnanti, orientato

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

IL COOPERATIVE-LEARNING

IL COOPERATIVE-LEARNING IL COOPERATIVE-LEARNING E stato nell insegnarti che ho realmente appreso, mentre tu apprendevi. P. Coelho Il cammino di Santiago Il "Cooperative Learning" si presenta come "un metodo di apprendimentoinsegnamento

Dettagli

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

CREDITO SCOLASTICO credito scolastico punteggio attribuzione punteggio massimo crediti candidati interni candidati esterni

CREDITO SCOLASTICO credito scolastico punteggio attribuzione punteggio massimo crediti candidati interni candidati esterni SISTEMA DEI CREDITI CREDITO SCOLASTICO E CREDITO FORMATIVO Il credito scolastico tiene conto del profitto strettamente scolastico dello studente, il credito formativo considera le esperienze maturate al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata CORSO LIBERI DI SCEGLIERE Prima giornata Ore 16,45 manuali Benvenuto lezione frontale Foglio firme, biro, posizionare le sedie a cerchio. Breve presentazione del Gruppo di Lavoro e metodologia interattiva...

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

SINTESI DELLA LEZIONE

SINTESI DELLA LEZIONE SINTESI DELLA LEZIONE La lezione è iniziata con un primo approccio, una panoramica, sui punti salienti del Cooperative Learning che possono essere cosi sintetizzati: 1. due parole su Gruppi e Ruoli; 2.

Dettagli

Il calcolo letterale per risolvere problemi e per dimostrare

Il calcolo letterale per risolvere problemi e per dimostrare Il calcolo letterale per risolvere problemi e per dimostrare (si prevedono circa 25 ore di lavoro in classe) Nome e cognome dei componenti del gruppo che svolge le attività di gruppo di questa lezione

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli