Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presidenza del Consiglio dei Ministri"

Transcript

1 Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA Leadership nelle organizzazioni e gestione delle risorse umane: un approccio multidisciplinare innovativo con particolare focus sull intelligenza emotiva e sulla psicologia dei gruppi ROMA OTTOBRE 2013 GENNAIO

2 INDICE Introduzione Obiettivi Aree, strumenti e metodi Destinatari Valutazione obiettiva dell apprendimento Coordinamento scientifico Programma di dettaglio Regolamento 2

3 1. Introduzione Dal punto di vista organizzativo, l'azienda può essere considerata un sistema socio-tecnico, costituito da risorse umane (le persone che costituiscono l organismo personale dell'azienda) e tecnologie (mezzi strumentali e know how). Dall'interazione tra questi due fattori deriva il comportamento aziendale, rivolto al raggiungimento degli obiettivi, che a sua volta produce dei risultati. "Risorse umane" è il termine usato per designare il personale che lavora in un'azienda e, in particolar modo, il personale dipendente. Con questa espressione si vuole evidenziare l'aspetto di valore o capitale insito nel personale, nella sua professionalità e nelle sue competenze. Le spese per lo sviluppo di tali risorse devono essere considerate investimenti. Dunque, le risorse umane rappresentano una fonte di vantaggio competitivo per l'azienda e in quanto tali acquisiscono una rilevanza tale da essere oggetto di una vera e propria scienza. Il coordinamento delle varie persone che costituiscono l'organizzazione, tanto più necessario quanto più i compiti sono complessi, spetta al leader. Accanto alle competenze nel saper scegliere, gestire, motivare e valutare i propri collaboratori, oggi diventa quanto mai strategico trattenere le risorse in azienda attraverso la messa in atto di azioni che contribuiscano al miglioramento del clima aziendale. Un leader capace dovrà individuare i compiti più consoni alle necessità della propria azienda e più adeguati al raggiungimento degli obiettivi dell'organizzazione, tenendo in considerazione l impatto sui collaboratori. Qualità del leader è la vision che gli consenta di tracciare la rotta dell impresa. Suo compito è dare un senso alle azioni di ciascun collaboratore in modo che essi possano identificare ed apprezzare il proprio ruolo in azienda, migliorare le competenze. In una organizzazione virtuosa essi saranno invogliati ad assumersi responsabilità e parteciperanno alla creazione dell intelligenza emotiva aziendale. La mission è la ragion d essere di un azienda e deve essere pensata dalla leadership in modo che ciascun collaboratore, pur con diversi gradi di approfondimento, sia in grado di dare risposte precise relativamente alla ragion d essere dell organizzazione, ai suoi valori, ai suoi prodotti e alle sue priorità strategiche. La leadership dovrà inoltre preoccuparsi di sviluppare in azienda quelle competenze emotive che consentano sia di trasmettere ai collaboratori entusiasmo, senso di appartenenza ed impegno, sia di evitare la caduta nella routine, nella de-responsabilizzazione e nel disimpegno emotivo. 3

4 Perciò, appare chiaro che una gestione efficace ed efficiente dell'organizzazione da parte del leader necessita di conoscenze di base quali dinamiche psicologiche sia individuali che di gruppo, così come di competenze specifiche riguardanti le strategie di comunicazione e le problematiche relative allo svolgimento del suo ruolo. Non da ultimo, la conoscenza approfondita della personalità e dei meccanismi della comunicazione emozionale, in tutte le sue sfaccettature, dai suoi tratti più fisiologici a quelli più propriamente disadattativi, consente di valutare appieno le modalità di integrazione dell individuo con l ambiente e le iniziali modalità di disgregazione e burn-out. 2. Obiettivi Il presente corso si propone di fornire le competenze atte a gestire in maniera efficiente e produttiva le organizzazioni di lavoro, secondo le moderne concezioni di leadership efficace, adottando una prospettiva multidisciplinare e multidimensionale, in cui vengono integrati i contributi delle teorie psichiatriche-psicologiche classiche e gli apporti più recenti delle neuroscienze, della neuropsicologia e della psicologia del lavoro. In particolare, il corso mirerà a fornire strumenti utili finalizzati a: 1) sviluppare competenze e strategie proprie del ruolo di leader, tra cui gestire efficacemente i processi di decision-making e problem-solving; 2) apprezzare i più recenti contributi delle neuroscienze alla psicologia delle organizzazioni lavorative (e.g., neuroscienze sociali, neuroeconomia, neuroergonomia); 3) gestire le risorse umane, da un punto di vista organizzativo-produttivo, ma anche motivazionale e relazionale; 4) comprendere, riconoscere e gestire le dinamiche ed i fenomeni caratteristici dei gruppi, in particolare dei gruppi di lavoro; 5) valutare correttamente l'efficienza e l'adeguatezza dei collaboratori e del lavoro di gruppo; 6) apprezzare elementi di personalità e modalità di rapportarsi dell individuo con l ambiente attraverso caratteristiche fisiopatologiche in ambito di neuroscienze; 7) identificare l espressione emozionale, sia verbale che non verbale, elemento fondamentale dell interazione umana; 8) identificare e gestire segnali di disagio psichico, quali ansia, depressione, stress, sindrome da burn-out, nelle loro componenti neurofisiologiche e comportamentali. 4

5 3. Aree, Strumenti e Metodi Rispetto agli obiettivi sopra delineati, il presente corso si caratterizza per una struttura flessibile e interattiva, atta a stimolare la partecipazione diretta dei presenti, tramite anche l'impiego di questionari, simulate, workshop e dinamiche di gruppo. Inoltre, l'apprendimento verrà monitorato mediante procedure di verifica. Il corso mira a fornire competenze attinenti alle seguenti aree e discipline: 3.1. Tecniche e Strategie di Decision Making e Problem Solving La decisione è la scelta di intraprendere un'azione, tra più alternative considerate (opzioni), da parte di un individuo o di un gruppo (decisore). In base al numero di attori coinvolti si distinguono decisioni individuali, assunte da un solo individuo per sé stesso; decisioni collettive, assunte per un gruppo da un individuo, dal gruppo stesso o da un altro gruppo. Le decisioni collettive pongono particolari problemi: devono essere accettate dai membri del gruppo, occorre che chi decide abbia il potere di prendere decisioni per tutti, ed inoltre, occorrono delle regole per trasformare le scelte di ciascuno di essi nella scelta collettiva. Il grado di difficoltà di una decisione dipende essenzialmente dall'incidenza dei fattori non noti, dalla complessità, data dal numero di fattori da porre in relazione reciproca, dalla valutazione delle conseguenze della decisione, dal numero di opzioni alternative di scelta, e dalle possibili reazioni personali a ciascuna opzione. Il decision making è strettamente collegato al processo di problem-solving. Un problema esiste quando, a causa della presenza di ostacoli o impedimenti, siamo costretti a individuare nuove azioni, per raggiungere i nostri obiettivi. Dunque, per arrivare alla soluzione, è necessario un cambiamento nel nostro modo di vedere le cose o nei nostri comportamenti. Tuttavia, il Problem Solving non è un processo interamente razionale e lineare, al contrario richiede di integrare le nostre risorse logiche, critiche e creative. Per facilitare i processi decisionali in un gruppo di lavoro, il leader può avvalersi di efficaci strategie di analisi finalizzate ad evidenziare i fattori causali di un problema, stimolare risposte creative (brainstorming), ridurre la complessita di una situazione multifattoriale e multideterminata, analizzare e sintetizzare l'andamento dei processi produttivi, analizzare correttamente e realisticamente, e quindi gestire funzionalmente, i rischi situazionali, valutare l'influenza di fattori politici, economici, sociali e tecnologici sull'organizzazione. 5

6 3.2. Neuroscienze cognitive Le neuroscienze cognitive si occupano dello studio dei meccanismi biologici che sottostanno alla cognizione, cioè all interpretazione, all utilizzo e all immagazzinamento delle informazioni, ponendo particolare attenzione ai substrati neurali dei processi mentali e delle loro manifestazioni comportamentali. Le Neuroscienze Sociali, in particolare, affrontano lo studio dei modi in cui il sistema neuro-endocrino-immunitario è coinvolto nei processi socio-culturali e come il funzionamento di tale sistema è influenzato dalle opzioni disponibili, dal contesto nel quale esse sono presentate, dai fattori emotivi, dalle interazioni con altri individui. Questo approccio ha per esempio permesso di evidenziare come i processi decisionali, anche quelli in apparenza più semplici, hanno in realtà una genesi complessa e multideterminata, con l'attivazione di diverse aree cerebrali in sequenza. Un altro settore della ricerca neuroscientifica di recente sviluppo, ma anche di spiccato carattere interdisciplinare, è rappresentato dalla Neuroeconomia. La Neuroeconomia tenta di far convergere i contributi di discipline quali l economia cognitiva e sperimentale, le neuroscienze, la microeconomia, la psicologia, l epistemologia e la filosofia della mente, allo scopo di capire come il cervello ci consente di prendere decisioni specificatamente nell'ambito economico. Le attuali linee di ricerca sono dirette a indagare i correlati neurali di processi, quali il rimpianto (regret) decisionale, il ragionamento probabilistico, il decision-making, la relazione rischio-rendimento in ambito finanziario ed il valore atteso. Inoltre, la neuroeconomia contribuisce alla comprensione di come le emozioni influenzino le nostre scelte economiche, e di quali aree cerebrali si attivino a seconda delle caratteristiche del contesto decisionale. Infine, la Neuroergonomia Cognitiva consiste nello studio delle condizioni ottimali per un efficace adattamento tra l'individuo e le varie dimensioni del suo ambiente di lavoro (obiettivi, colleghi, organizzazione, ecc), così come dei meccanismi psicologici e neuropsicologici dell'individuo, implicati nel corso della sua attività di lavoro, non solo per favorire la prosuttività, ma anche per ridurre al minimo la possibilità di errore. La Neuroergonomia Cognitiva adotta sia una prospettiva costruttivista, per cui il cervello umano costruisce attivamente l'esperienza e la conoscenza, dandogli forma e ordine, sia una prospettiva relativista, per cui qualsiasi azione umana è strettamente relata al contesto sociale in cui si attua. Inoltre, la Neuroergonomia Cognitiva pone in risalto il ruolo dell'emotività nei processi decisionali, in quanto influenti sull'attenzione, la memoria ed il ragionamento logico e, in quanto tali, determinanti nella percezione del rischio e nel decision- 6

7 making, rappresentando un fattore chiave per il controllo dell'errore umano anche nei contesti lavorativi Gestione delle risorse umane Al fine di potenziare e di sfruttare le competenze distintive dell impresa, la leadership dovrà valorizzare le risorse non solo strumentali e tecnologiche, ma anche le risorse umane di cui dispone. Ciò implica: a) saper organizzare l'attività lavorativa in modo tale da impiegare nel modo più efficiente possibile il potenziale delle persone che lavorano all'interno dell'azienda, b) sviluppare le competenze emotive che consentono sia di trasmettere ai collaboratori motivazione, senso di appartenenza, sia di evitare la caduta nella de-responsabilizzazione e nel disimpegno emotivo, sia di gestire le conflittualità che può emergere all'interno dell'organizzazione, c) mantenere un contatto costante con le persone con cui si lavora, al fine di modulare e modificare gli interventi, qualora necessario, ma anche al fine di valutare l'effettivo rendimento dei singoli e della sinergia del gruppo di lavoro. A tal fine, occorre focalizzare sui seguenti punti-chiave: - tipologie delle strutture organizzative negli ambienti lavorativi - definizioni e stili di leadership - vision, mission, goal-setting, competenze, senso di auto-efficacia - caratteristiche e strategie di comunicazione efficace e principi della Programmazione Neuro- Linguistica o PNL) - aspetti motivazionali ed empowerment - prevenzione, diagnosi, gestione e risoluzione di conflitti e di atteggiamenti oppositivi nel gruppo di lavoro (mediazione e confrontazione) - feedback positivi e negativi - aspetti di organizzazione logico-pratica dell'attività lavorativa e job enrichment. In aggiunta a ciò, dati gli elevati livelli di stress che si possono produrre all'interno delle organizzazioni, a carico di tutte le figure che ne fanno parte, verranno illustrati principi di: a) Mindfullness, ovvero consapevolezza dei propri pensieri, azioni e motivazioni. Le pratiche di mindfulness aiutando la mente a liberarsi dai pensieri automatici, compulsivi, ansiosi, consente un efficace equilibrio tra istanze e motive e cognitive, favorendo allo stesso tempo un'accresciuta capacità attentiva, ed una minore reattività e oppositività nei rapporti interpersonali; b) Bioenergetica e tecniche di rilassamento psico-corporeo: ansia e stress sono reazioni psicofisiche, hanno cioè manifestazioni sia sul versante emozionale, che su quello fisico. Dunque, attraverso una serie di tecniche respiratorie, esercizi fisici, di posizioni e contatti corporei, viene favorito il recupero della consapevolezza di sé, per aiutare la persona a superare stati ansiosi ed emotivi 7

8 disfunzionali che interferiscono con un atteggiamento propositivo, attivo e produttivo, nonché per favorire i rapporti interpersonali Psicologia dei gruppi Quando gli individui si uniscono a formare un gruppo, si osservano atteggiamenti e comportamenti del tutto peculiari, per cui il gruppo smette di essere semplicemente la giustapposizione di più individui, ma piuttosto assume un profilo di personalità suo proprio, con caratteristiche e tendenze tipiche di una psiche collettiva. Dato che l'essere Umano è l'unità di cui le organizzazioni sono composte, e dato il ruolo di gestione delle risorse umane giocato dal leader, la conoscenza, comprensione e capacità di interpretazione dei fenomeni psicologici dell'individuo e dei gruppi rappresentano delle competenze necessarie. Nel presente corso, verranno quindi trattati i seguenti temi: - Il gruppo come Gestalt - Teorie della Mente, e basi neuroficiologiche dell'empatia (neuroni-specchio) - Intelligenza ed Intelligenza Sociale - Dinamiche psicologiche nelle interazioni di gruppo: ruoli, aspettative, rappresentazioni, atteggiamenti, percezioni e giudizi, proiezioni fantasmatiche, dimensioni inconsapevoli, identificazione e proiezione - concezione sistemica del gruppo: cambiamento e resistenza al cambiamento - gruppo di lavoro e lavoro di gruppo - membership e groupship, collaborazione vs. competizione - principi e percezione di giustizia organizzativa - norme e controllo formale/informale nei gruppi - selezione e inserimento di nuovi elementi nel gruppo di lavoro 3.5. Procedure e tecniche di valutazione del gruppo di lavoro La progettazione dei sistemi di valutazione e di retribuzione hanno un ruolo centrale ai fini di un'equa impostazione del rapporto tra il contributo richiesto e le ricompense ricnosciute agli individui facenti parte del team di lavoro. Il processo di valutazione si compone di quattro fasi: identificazione, osservazione, misurazione e sviluppo. Nella fase di identificazione occorre determinare le aree che devono diventare oggetto di studio (posizione, competenze strumentali, competenze organizzative, prestazione produttiva) e quindi individuare le dimensioni che possono fungere da indicatori attendibili e validi di ciascuna area. Il passo successivo è scegliere la tecnica 8

9 di misurazione più adeguata ed efficiente (critical incident, valutazione per obiettivi, ranking methods, questionari, procedure di auto-valutazione). Inoltre, il leader dovrà focalizzare risorse e vulnerabilità dell'organizzazione (ad es., mediante l'appreciative Enquiry (modello 5D) e la SWOT Analysis), così come verificare uniformità di obiettivi e mission all'interno dell'organizzazione (modello McKinsey 7S) Psicologia della Personalità Con il termine personalità si intende l'insieme delle caratteristiche psichiche e delle modalità comportamentali che definiscono il nucleo delle differenze individuali, nella molteplicità dei contesti in cui la condotta umana si sviluppa. La struttura di personalità dell'individuo è multideterminata, derivando dall'integrazione di fattori di ordine sia biologico che ambientale, le cui combinazioni hanno una variabilità molto elevata. Tuttavia, lo sforzo scientifico ed epistemologico della Psicologia della Personalità consiste nel rintracciare delle regolarità, dei tratti stabili o ricorrenti, tali da poter rendere relativamente prevedibile il comportamento umano. Data la pregnanza dei rapporti interpersonali e delle dinamiche psicologiche implicita nella gestione delle risorse umane, una conoscenza delle basi neurofisiologiche e comportamentali dei processi psicologici individuali è parte integrante del know how della leadership, e precisamente: - personalità, tipi, carattere e temperamento - basi genetiche ed influenze ambientali: apprendimento, condizionamento, modelling - struttura ed epifenomeno: dal sistema nervoso centrale all'organizzazione psichica - stati, tratti, motivazione - consapevolezza di sè, senso di auto-efficacia e flessibilità al cambiamento: basi neurofisiologiche ed aspetti comportamentali - meccanismi psicologici di base (proiezione, scissione, idealizzazione, svalutazione ecc.), locus of control esterno/interno 3.7. Espressione emozionale e comunicazione interpersonale Come già evidenziato, la componente emozionale nei rapporti interpersonali anche all'interno delle organizzazioni lavorative è pervasiva al punto da condizionare significativamente anche i processi decisionali apparentemente basati sulla logica e la razionalità. Secondo le teorie neurofisiologiche più recenti, le emozioni hanno una tripla componente: cognitiva, emotiva e fisiologica, e la loro elaborazione è a carico delle aree più antiche del nostro cervello. Inoltre, è stato scientificamente dimostrato mediante sofisticate tecniche di neuroimmagini, che i segnali relativi all'elaborazione emotiva vengono inviati in anticipo rispetto a quelli relativi all'elaborazione logico- 9

10 razionale. L'espressione emozionale, fondamentale nella comunicazione interpersonale, nell'essere umano è estremamente complessa e raffinata. Peraltro, studi antropologici e transculturali hanno evidenziato l'universalità di alcune emozioni di base, che poi, combinandosi e declinandosi a seconda del contesto socio-culturale specifico, assumono innumerevoli sfumature. L'espressione emozionale consta di elementi verbali e non verbali, la cui percezione e interpretazione è rapidissima, tanto da generare situazioni stimolo-risposto immediate. Dunque, la conoscenza, la capacità di identificare tali componenti e processi negli altri, ma anche la capacità di controllare la propria espressione emozionale, rappresenta una competenza di notevole importanza per il leader, al fine di migliorare e rendere più efficace la comunicazione all'interno dell'organizzazione Identificazione di segnali di disagio psico-emotivo nel contesto dell'organizzazione É necessario considerare che il ruolo dirigenziale implica anche la capacità di rappresentare all interno e all esterno le linee guida, le strategie di intervento e gli obiettivi dell impresa. Questo significa confrontarsi con ostacoli a livello logistico, concettuali o di organizzazione; con la gestione di relazioni interpersonali spesso complesse; con il dover percorrere a ritmi sempre più accelerati ed incalzanti il percorso per arrivare agli obiettivi richiesti. Tutto ciò può generare alti livelli di stress negli individui, qualunque ruolo essi ricoprano. Lo stress è il secondo problema di salute legato all'attività lavorativa riferito più frequentemente e colpisce il 22% dei lavoratori dei 27 Stati membri dell'ue (dati del 2005). Elevati livelli di ansia e stress possono culminare nella sindrome da burn-out, che rappresenta l'esito patologico di un processo stressogeno che colpisce le persone negli ambiti di lavoro. Si possono scatenare quindi manifestazioni sintomatiche a livello aziendale (assenteismo, frequente turn over, scarso controllo dei tempi di lavorazione, problemi disciplinari, molestie, riduzione della produttività, infortuni, difficoltà di concentrazione, ridotta capacità decisionale), e individuale con reazioni emotive (irritabilità, ansia, disturbi del sonno, depressione, ipocondria, alienazione, spossatezza, problemi relazionali nella sfera personale, comportamenti disfunzionali) e fisiologiche (problemi alla schiena, indebolimento del sistema immunitario, disfunzioni gastro-intestinali, disturbi cardiaci, ipertensione). Tutto ciò deve essere in primo luogo riconosciuto e, solo in seguito alla sua rilevazione può essere almeno parzialmente attenuato con l'adozione di strategie organizzative specifiche, ma anche con tecniche di gestione dello stress. In molti casi, la maggiorparte di queste reazioni presenta una forte componente somatica, ed inoltre, dato il suo carattere destabilizzante per l'individuo, tende ad essere negata o attribuita erroneamente a cause diverse. Ciò può portare ad una dilazione e quindi ad un'intensificazione del disagio e della sintomatologia, con notevole aggravio, anche economico, a 10

11 spese della produttività e della funzionalità dell'organizzazione nel suo complesso. Dunque, in questa sede verranno illustrati i seguenti punti-chiave: - elementi per la valutazione e l'identificazione dei sintomi principali di disagio psico-emotivo, quali ansia, depressione, tratti ossessivi e/o fobici, sintomi psicotici, sintomi somatoformi, sintomi dissociativi, impulsività-aggressività - effetti disfunzionali sulle funzioni cognitive - normalità vs. patologia: quando determinate tendenze di personalità assumono carattere patologico? - consapevolezza degli stati di stress e disagio psico-fisico - modalità di coping e resilienza 4. Destinatari Il corso è destinato a dirigenti di I e II fascia delle amministrazioni statali, di enti pubblici e di enti locali. 5. Coordinamento scientifico Il coordinamento scientifico del corso è affidata al Prof. Carlo Caltagirone ordinario di Neurologia presso il Dipartimento di Medicina dei sistemi dell Università di Tor Vergata- Roma. 6. Valutazione obiettiva dell apprendimento Per la valutazione obiettiva dell apprendimento di quanto proposto durante il corso è prevista una valutazione anonima con questionari da somministrare prima e dopo il corso stesso. Sarà così possibile identificare e quantificare in maniera pesata: a) il gradimento dei discenti rispetto le singole materie proposte; b) il gradimento delle modalità innovative di lezione proposte durante il corso, c) l apprendimento reale di nuove informazioni proposte nel corso, 3 d) l opinione dei discenti sull impate che tali nuove informazioni avranno sulla loro carriera dirigenziale. 11

12 7. Programma di dettaglio I GIORNO ore 9,00/12,00 - Introduzione al corso; - Ruolo dei più recenti contributi delle neuroscienze sociali; - Principi di neuroeconomia; - Somministrazione di questionario per le aspettative sul corso e questionario autodescrittivo. II GIORNO ore 9,00/12,00 - Intelligenza ed intelligenza sociale: teorie della mente; - Basi neurofisiologiche dell'empatia; - Dinamiche psicologiche nelle interazioni di gruppo: ruoli, aspettative, rappresentazioni, atteggiamenti, percezioni e giudizi. III GIORNO ore 9,00/12,00 workshop (3 gruppi di 8 partecipanti) IV GIORNO ore 9,00/12,00 - Dal sistema nervoso centrale all organizzazione psichica; - Modalità di rapportarsi dell individuo con l ambiente attraverso caratteristiche fisiopatologiche in ambito di neuroscienze; - Tratti di personalità. V GIORNO ore 9,00/12,00 - Psicologia della personalità: tipi, carattere e temperamento; - Basi genetiche ed influenze ambientali: apprendimento, condizionamento, modelling; - Consapevolezza di sé, senso di auto-efficacia e flessibilità al cambiamento: basi neurofisiologiche ed aspetti comportamentali. VI GIORNO ore 9,00/12,00 workshop (3 gruppi di 8 partecipanti) VII GIORNO ore 9,00/12,00 - Espressione emozionale e comunicazione interpersonale; 12

13 - Identificazione dell espressione emozionale, sia verbale che non verbale, come elemento fondamentale dell interazione umana; - Individuazione e gestione dei segnali di disagio psichico, quali ansia, depressione, stress, nelle loro componenti neurofisiologiche e comportamentali. VIII GIORNO ore 9,00/12,00 - Definizioni e stili di leadership: vision, mission, goal-setting, competenze, senso di autoefficacia; - Aspetti motivazionali ed empowerment; - Aspetti di organizzazione logico-pratica dell'attività lavorativa e job enrichment. IX GIORNO ore 9,00/12,00 workshop (3 gruppi di 8 partecipanti) X GIORNO ore 9,00/12,00 - Conflittualità e stress nell ambito lavorativo; - Sindrome da burn out; - Tecniche di gestione dello stress. XI GIORNO ore 9,00/12,00 - Gruppo di lavoro e lavoro di gruppo; - Valutazione dell'efficienza e dell'adeguatezza dei collaboratori e del lavoro di gruppo; - Potenziamento dei processi di decision-making e problem-solving. XII GIORNO ore 9,00/12,00 - Questionario di valutazione del corso; - Feedback diretto sul corso; - Chiusura del corso. 13

14 REGOLAMENTO 1. Svolgimento delle lezioni I partecipanti sono tenuti a rispettare l'orario delle attività didattiche previsto dal calendario del Corso. La presenza giornaliera verrà rilevata con la firma di entrata ed uscita dei partecipanti. Durante lo svolgimento delle lezioni, per non disturbare i colleghi e i docenti, i partecipanti sono tenuti a tenere i cellulari spenti e ad evitare l ingresso e l uscita dall aula, se non strettamente necessario. 2. Assenze I partecipanti sono tenuti a frequentare il corso con costanza e serietà. Non si possono effettuare assenze, dovute a qualsiasi motivazione, superiori al 20% della durata complessiva del Corso. Tale limite è posto a garanzia dell apprendimento e del raggiungimento degli obiettivi didattici. Tutti i permessi e i ritardi superiori a 15 minuti saranno considerati ai fini del calcolo del monte ore di assenza consentita. Una frequenza saltuaria e incostante, oltre a danneggiare gli altri candidati esclusi, potrebbe configurarsi come danno erariale in quanto il costo del singolo corso trova giustificazione in un numero minimo di corsisti, al di sotto del quale l attivazione del corso diventa diseconomica. 3. Certificazione finale Al termine del Corso sarà rilasciato ai partecipanti che abbiano seguito le lezioni, senza superare le assenze consentite, un attestato di partecipazione. 14

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO IL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO Dott. Piergiorgio Frasca (Psicologo del lavoro e delle organizzazioni) Dr. Piergiorgio Frasca Il rischio stress lavoro-correlato 1 DOCENTE Dott. Piergiorgio Frasca Psicologo

Dettagli

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA LO STRESS NELLA PSICOLOGIA Sempre più spesso si sente parlare di stress, di persone stressate, di società stressata. La parola inglese stress significa anche pressione, sollecitazione, ed è stata introdotta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro

Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro Accordo bilaterale europeo sullo stress sul lavoro a cura di Cinzia Frascheri Responsabile nazionale salute e sicurezza sul lavoro CISL Membro ufficiale per l'italia al tavolo negoziale, in rappresentanza

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)?

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Si parla di disturbi specifici di apprendimento (dsa) nel caso in cui il soggetto indenne da problemi di ordine cognitivo, neurologico, sensoriale, presenti

Dettagli

Le patologie stress lavoro- correlate

Le patologie stress lavoro- correlate Le patologie stress lavoro- correlate Alfonso Cristaudo U.O Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Lo Stress Cenni Storici HHans Selye (Vienna, 1907 Montreal, 1982) contribuì

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Droga: ma il problema dov è?

Droga: ma il problema dov è? DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 7 1 Droga: ma il problema dov è? 1.1 Un problema complesso È noto come il fenomeno dell uso e della diffusione di sostanze stupefacenti soprattutto nella fascia d età che tradizionalmente

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli