Scheda Insegnamento. Il corso di studio, per i quali lo stesso costituisce un attività di base o caratterizzante: base

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda Insegnamento. Il corso di studio, per i quali lo stesso costituisce un attività di base o caratterizzante: base"

Transcript

1 Insegnamento: Matematica Generale con elementi di Informatica Corso di laurea dell insegnamento (specificare anche se triennale o magistrale): Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali Codifica: SSD (Settore scientifico disciplinare): Mat/05 Inf/01 Docente Responsabile: Rossana Luceri Eventuali altri docenti coinvolti: William Spataro Orario di ricevimento: Lunedì,10:30-12:30; Martedì, 11:30-13:00; Giovedì, 11:30-13 Crediti Formativi (CFU): 12 Ore di lezione: 64 Ore riservate allo studio individuale: 188 Ore di laboratorio: 48 Il corso di studio, per i quali lo stesso costituisce un attività di base o caratterizzante: base Facoltà competente: SMFN Lingua d insegnamento: Italiano Anno di corso: 1 Propedeuticità: Nessuna Organizzazione della didattica (lezioni, esercitazioni, laboratorio, ecc.): lezioni ed esercitazioni Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): obbligatoria Modalità di erogazione (tradizionale, a distanza, mista): tradizionale Metodi di valutazione (Prova scritta, orale, ecc): Prova scritta e orale. Risultati di apprendimento attesi: Matematica:L organizzazione del corso è finalizzata a trasmettere agli studenti saperi di base e tecniche di Calcolo differenziale e di Calcolo integrale, necessarie nelle applicazioni e nella prosecuzione degli studi. Altro obiettivo è quello di migliorare le capacità di astrazione, di sintesi e di pianificazione di problemi reali. Introduzione all Informatica: è un corso introduttivo di base di Informatica. Il corso introduce i classici concetti utilizzati in informatica (algoritmi, rappresentazione dell informazione, nozioni hardware) tramite lezioni di teoria (24 ore) e di laboratorio (24 ore). I risultati attesi possono essere sintetizzati in: 1. La conoscenza di base della struttura e del funzionamento di un personal computer e delle reti informatiche, delle principali funzioni di un sistema operativo e dei principali strumenti di produttività individuale (gestione di testi, fogli elettronici) 2. La conoscenza degli elementi programmazione di calcolatori elettronici e la capacità di individuare metodi risolutivi di semplici problemi. Programma/Contenuti: Calcolo differenziale Lineamenti di Calcolo Combinatorio Disposizioni, permutazioni, combinazioni semplici e con ripetizione. Fattoriale e coefficienti binomiali,definizioni e proprietà fondamentali. Esempi di applicazioni in problemi reali. Funzioni Funzioni iniettive, suriettive, biunivoche. Grafici di funzioni elementari. Definizione, proprietà e grafici di funzioni

2 esponenziali e logaritmiche. Operazioni elementari tra funzioni. Funzioni composte, funzioni inverse. Funzioni circolari e loro inverse. Limiti Limiti unilateri e bilateri. Teorema di relazione tra limiti unilateri e bilateri. Definizioni informali e formali di limiti. Asintoti. Regole per il calcolo dei limiti.teorema di confronto. Continuità Continuità a sinistra, a destra, in punti interni al dominio di funzioni, continuità in un intervallo.massimi e minimi globali e locali. Teorema di Weierstrass, teorema di Bolzano, teorema degli zeri. Applicazione del teorema degli zeri: esistenza di soluzioni di equazioni. Derivazione Rette tangenti non verticali e verticali. Definizione di derivata. Derivata sinistra e destra. Significato geometrico della derivata. Derivate di funzioni elementari. Regole di derivazione. Derivate di funzioni composte. Punti singolari e punti critici. Tangenti orizzontali. Teorema di Rolle. Teorema di Lagrange e corollario. Condizioni sufficienti per la monotonia di funzioni differenziabili in intervalli.test della derivata prima per massimi e minimi locali. Concavità e punti di flesso. Test della derivata seconda per la ricerca di punti di estremo locale, per lo studio della concavità e determinazione di punti di flesso. Regole dell Hospital. Risoluzione di sistemi lineari :metodo di eliminazione di Gauss. Integrazione Definizione di Primitiva. Integrale indefinito. Integrali di funzioni elementari. Partizioni e somme di Riemann. Integrale definito. Proprietà dell integrale definito.teorema del valore medio per gli integrali. Valore medio di una funzione. Teorema fondamentale del calcolo integrale. Tecniche di integrazione: metodo di sostituzione, integrazione per parti. Integrali di funzioni razionali. Programma di Teoria Informatica 1. Introduzione Cos è l informatica Problemi, algoritmi, programmi e calcolatore Applicazioni dell informatica 2. Rappresentazione dell informazione Rappresentazione di numeri naturali Cenni di aritmetica binaria Rappresentazione di informazione non numerica (caratteri, immagini, ecc.) 3. Architettura del calcolatore Processore, memoria centrale, memoria di massa, memoria cache, periferiche Una tassonomia dei sistemi informatici 4. Reti di calcolatori 1. La comunicazione dei dati 2. Reti locali e geografiche 3. Ipertesti, Multimedia, Ipermedia 4. Internet ed i suoi servizi 5. Elementi di Programmazione Algoritmi, Linguaggi e Programmi Variabili e Tipi Diagrammi di Flusso Costrutti Base di un Linguaggio di Programmazione: il Visual Basic Assegnazione Istruzioni Condizionali

3 Istruzioni Iterative Esempi e Semplici Applicazioni 6. Supporti informatici alla rappresentazione grafica di dati Gestione di serie di dati Concetto di funzione, e modalità di rappresentazione Diagrammi per l analisi di serie di dati Strumenti informatici per la gestione di dati: Fogli elettronici Cenni a sistemi evoluti per la gestione e l analisi di basi di dati Programma del Laboratorio 1. Utilizzo del Sistema Operativo Windows Gestione di files Gestione di applicazioni Strumenti di amministrazione 2. Il programma per scrittura Word L ambiente di lavoro di Word Operazioni di base su testi e documenti Impostazioni di pagina e formattazione di base Modalità di visualizzazione e stampa Elenchi, tabelle, tabulazioni e colonne Lavorare con immagini, disegni e grafici 3. Il programma per la gestione di Fogli Elettronici Excel Creare, aprire, modificare una cartella di lavoro Operazioni di formattazione su un foglio di lavoro Gestione di formule Rappresentazioni di funzioni Diagrammi e grafici Modelli Tabelle pivot per l analisi di dati Strumenti di controllo Cenni alla scrittura di macro Le eventuali attività di supporto alla didattica (tipi e orari): Date inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: Il calendario delle prove d esame: Bibliografia:Robert A.ADAMS Calcolo differenziale 1- Funzioni di una variabile reale C.E.A.

4 Insegnamento: Storia dell'architettura Corso di laurea dell insegnamento (specificare anche se triennale o magistrale): Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali Codifica: SSD (Settore scientifico disciplinare): ICAR/18 Docente Responsabile: Gattuso Philomene Eventuali altri docenti coinvolti: Orario di ricevimento: Crediti Formativi (CFU): 9 Ore di lezione: 72 Ore riservate allo studio individuale: 153 Ore di Laboratorio: Il corso di studio, per i quali lo stesso costituisce un attività di base o caratterizzante: Facoltà competente: S.M.F.N. Lingua d insegnamento: Italiano Anno di Corso: 1 Propedeuticità: Organizzazione della didattica (lezioni, esercitazioni, laboratorio, ecc.): Lezioni Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria Modalità di erogazione (Tradizionale, a distanza, mista): Tradizionale Metodi di valutazione (prova scritta, orale, ecc): L esame verrà effettuato con un colloquio su argomenti trattati a lezione e che fanno parte del programma del Corso. Farà parte integrante dell esame anche l esposizione della Ricerca. Risultati di apprendimento attesi: La principale finalità del Corso di Storia dell Architettura è quella di fornire le conoscenze basilari indispensabili per l interpretazione storico-critica dell architettura e dell attività edilizia. Le lezioni del Corso si propongono di ricostruire e analizzare criticamente i percorsi che l Architettura ha seguito a partire dalle sue prime manifestazioni fino agli inizi dell Ottocento, con particolare riferimento all Italia ma nel confronto europeo. Verranno esposti i fondamenti del linguaggio architettonico del passato attraverso le principali espressioni formali,

5 spaziali e tipologiche, opportunamente correlate anche a basilari aspetti costruttivi e strutturali. Si presterà attenzione, tra l altro, anche allo sviluppo della teoria dell architettura che ha accompagnato l evoluzione dell attività architettonica. Programma/Contenuti: Le origini dell architettura: dall architettura preistorica e megalitica all architettura minoica e micenea I sistemi costruttivi Architettura greca ( a.c.): caratteri generali Il sistema trilitico e l evoluzione dell ordine architettonico: ordine dorico, ionico e corinzio. Il tempio, il teatro, la città, la casa. La colonizzazione greca in Italia meridionale: la Magna Grecia. Architettura etrusca ( a.c.): caratteri generali Il tempio, l abitazione, la tomba. Esempi Architettura romana (509 a.c d.c.): caratteri generali Nuovi materiali e nuove tecniche costruttive: dal sistema trilitico al sistema ad arco. Il tempio, il teatro e l anfiteatro, la basilica, gli archi trionfali, le terme, i mausolei, il foro, gli acquedotti romani. L urbanistica romana: l assetto urbano e territoriale della città romana. Le tipologie residenziali. Architettura paleocristiana ( fine V secolo d. C.) : caratteri generali L architettura cristiana prima di Costantino, l architettura costantiniana e post-costantiniana. L origine della basilica cristiana: varianti tipologiche ed elementi componenti. Edifici a pianta centrale. Architettura bizantina ( VI secolo d. C.): caratteri generali L architettura al tempo di Giustiniano ( d.c.) a Costantinopoli e a Ravenna.

6 Architettura romanica (XI XII secolo): caratteri generali I nuovi aspetti tipologici, figurativi e statico-costruttivi dell organismo architettonico della chiesa. Il Romanico nelle varie regioni dell Italia. Architettura gotica (XIII XIV secolo): caratteri generali L organismo architettonico gotico nella città medievale, come soluzione unitaria di problemi statico-costruttivi, spaziali ed espressivi. Il Gotico in Francia: la prima architettura gotica e le grandi cattedrali gotiche dell Ile de France. La diffusione dell architettura gotica in Europa. L'architettura nel Duecento e Trecento in Italia. La diffusione del gotico nelle varie regioni dell Italia: l architettura dell Ordine cistercense e degli Ordini mendicanti in Italia, l architettura federiciana, il tardo-gotico nell Italia settentrionale: Milano e Venezia. Architettura del Quattrocento (XV secolo) Il primo Rinascimento: caratteri generali Continuità e discontinuità con il Medioevo. La riscoperta dell antico: Vitruvio ed il recupero del codice classico. L umanesimo e il nuovo linguaggio culturale. L'architettura come scienza; il rapporto con la natura e con l'uomo. Principi matematici e metodi progettuali: la prospettiva. Piante centrali e piante longitudinali. L Architettura del primo Quattrocento fiorentino: Filippo Brunelleschi fra Medioevo e mondo rinascimentale, l'impiego degli ordini: Chiesa di Santa Maria del Fiore a Firenze. La seconda metà del Quattrocento La trattatistica. Leon Battista Alberti: opere e teoria dell'architettura. Spazio architettonico e spazio urbano: la "città ideale". Milano degli Sforza, Filerete e Leonardo da Vinci. La tipologia del palazzo: Firenze, Pienza, Urbino e Ferrara. Architettura del Cinquecento (XVI secolo) Il secondo Rinascimento: caratteri generali Il primo Cinquecento romano: D. Bramante e la proposta di un linguaggio universale: Tempietto di S. Pietro in Montorio. L'esperienza di M. Buonarroti. Le opere fiorentine e romane: Cappella Medici e Biblioteca Laurenziana a Firenze; Basilica di San Pietro, Piazza del Campidoglio. La vicenda della Basilica di S. Pietro a Roma da Bramante a Michelangelo. Il classicismo nell ambiente veneto: J. Sansovino a Venezia: Piazza San Marco: la Zecca, la Libreria Marciana, la Loggetta. A. Palladio: i Palazzi e le Ville (Basilica di Vicenza, Palazzo Chiericati, Palazzo Valmarana, Palazzo Porto;

7 Villa Godi a Lonedo, Villa Foscari alla Malcontenta, Villa La Rotonda Almerico); Chiesa di S. Giorgio Maggiore e Chiesa del Redentore a Venezia; Teatro Olimpico a Vicenza. Il classicismo manierista a Firenze G.Vasari: il Corridoio Vasariano e il Palazzo degli Uffizi a Firenze. Il tardo Cinquecento romano: J. Barozzi da Vignola (detto Vignola): Palazzo Farnese a Caprarola, Chiesa del Gesù. L architettura del Seicento (XVII secolo) Il Barocco: caratteri generali L architettura barocca a Roma: G. L. Bernini: Baldacchino in S. Pietro, S. Andrea al Quirinale, Piazza San Pietro, Piazza del Popolo e le chiese di Santa Maria di Monte Santo e Di Santa Maria dei Miracoli. F. Borromini: S. Carlo alle Quattro Fontane, Oratorio dei Filippini, S. Ivo alla Sapienza, Palazzo di Propaganda Fide, S. Agnese a Piazza Navona. C. Maderno: Santa Susanna, Palazzo Barberini, la Basilica di S. Pietro a Roma. La vicenda della Basilica di S.Pietro a Roma da G.della Porta e D.Fontana a C. Maderno. Il tardo Barocco in Italia: Torino: G. Guarini (Cappella della Santissima Sindone, Palazzo Carignano), F. Juvarra (Basilica di Superga, Complesso di Stupinigi); Venezia: B. Longhena (Santa Maria della Salute); l ambiente napoletano: L. Vanvitelli: la Reggia di Caserta. il barocco siciliano: A. di Palma (Duomo di Siracusa), G. B. Vaccarini (Sant Agata di Catania) e R. Gagliardi (San Giorgio a Ragusa, il Duomo di Noto). L architettura del Settecento (XVIII secolo) Il Neoclassicismo: caratteri generali Le condizioni politiche, sociali, culturali dell'europa fra Illuminismo e Rivoluzione industriale. Il dibattito teorico, la riscoperta dell antico, il Gran Tour: viaggiatori e archeologi, G. B. Piranesi, J.J. Winckelmann. Il Neoclassicismo in Italia: l'opera di G. Valadier a Roma: Piazza del Popolo; G. Piermarini: Teatro alla Scala a Milano. Il Neoclassicismo in Francia: gli architetti della Rivoluzione E. L. Boullè (i progetti utopistici) e C.N. Ledoux (la Città ideale di Chaux, le Barrières). La pianificazione delle città nuove in Sicilia orientale e nella Calabria meridionale nel XVIII secolo. Le eventuali attività di supporto alla didattica (tipi e orari): Date inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: Il calendario delle prove d esame:

8 Bibliografia: Testi di base: AA.VV., Lineamenti di storia dell architettura, Roma, Carucci, WATKIN D., Storia dell architettura occidentale, Bologna, Zanichelli. Testi di approfondimento: CHELLI M., Manuale per leggere l architettura, Roma, EDUP, MURRAY P., L architettura del Rinascimento italiano, Bari, Laterza, SUMMERSON J., Il linguaggio classico dell'architettura, Torino, Einaudi, FRAMPTON K., Storia dell architettura moderna, Bologna, Zanichelli, 1986.

9 Insegnamento: Storia dell arte Corso di laurea dell insegnamento (specificare anche se triennale o magistrale): Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali Codifica: SSD (Settore scientifico disciplinare): L-ART/01 Docente Responsabile: Panarello Mario Eventuali altri docenti coinvolti: Orario di ricevimento: martedì 10, 30-11,30 presso dipartimento di storia delle arti, stanza prof.ssa A. Anselmi. Crediti Formativi (CFU): 9 Ore di lezione: 72 Ore riservate allo studio individuale: 153 Ore di laboratorio: Il corso di studio, per i quali lo stesso costituisce un attività di base o caratterizzante: Facoltà competente: S.M.F.N. Lingua d insegnamento: Italiano Anno di corso: 1 Propedeuticità: Organizzazione della didattica (lezioni, esercitazioni, laboratorio, ecc.): Lezioni Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria Modalità di erogazione (tradizionale, a distanza, mista): Tradizionale Metodi di valutazione (Prova scritta, orale, ecc): Prova Orale, eventuali verifiche scritte Risultati di apprendimento attesi: Conoscenza dei manuali e capacità di riconoscimento delle opere d arte Programma/Contenuti: Parte Prima Storia dell arte Greca. L età arcaica (( a. C.), principali testimonianze architettoniche, opere di scultura e ceramica: Santario di Aphaia ad Egina, la scuola di Samos, altre scuole, e personalità della scultura arcaica. Caramica a figure nere. L età classica ( a. C.). Architettura e urbanistica: La città a pianta ortogonale (esempi), i templi di Olimpia e Atene (il Partenone), attività dei principali scultori del tempo, (Mirone, Fidia, Policeleto, Prassitele, Skopas, ecc.), la pittura e la ceramica. L età ellenistica (322-1 a.c.) i centri principali e l architettura; esempi di scultura, di arte musiva e altre testimonianze artistiche. Risvolti dell arte greca in Italia. La Magna Grecia: principali centri, testimonianze architettoniche (Segesta, Agrigento, Paestum), e artistiche (principali testimonianze di scultura, pittura e

10 ceramica). Arte Etrusca, esempi di architettura, pittura e scultura: le necropoli e l arte funeraria. Arte e Architettura a Roma, principali testimonianze architettoniche e scultoree: l importanza del ritratto. L età augustea e l età imperiale. La citta, le abitazioni e le decorazioni pittoriche. L architettura monumentale, pubblica e celebrativa. L Italia dalla crisi dell impero romano all anno Mille: continuità della cultura antica. Le basiliche paleocristiane (San Giovanni, San Pietro, Santa Maria Maggiore ecc.), esempi di arte tardo-antica. Decorazione e arhitettura ravennate. La rottura dell età imperiale: il ritratto. Arte a Costantinopoli. Espressioni artistiche nei secoli bui. La rinascita carolingia. Arte e architettura nei secoli XI e XII: esempi di architteture romaniche e la scultura. Arte e archittura in Italia tra Duecento e Trecento: esempi di architettura e arte gotica d oltralpe e in Italia. La scultura del trecento in Italia: i Pisano. Risvolti della pittura: da Cimabue a Simone Martini. Parte Seconda Il Quattrocento in Italia. Architettura: Firenze nel Quattrocento e la sua tradizione classica. Brunelleschi: il concorso del 1401; La cupola di Santa Maria del Fiore; le chiese e le cappelle; l Ospedale degli Innocenti. Leon Battista Alberti, formazione; edifici civili e religiosi a Firenze; le chiese di Rimini e Mantova. Caratteri dell architettura di Filarete a Milano. L architettura in alcune corti italiane: Ferrara, Urbino, Roma Napoli. Esempio di sistemazione urbana di Pienza. Bramante a Milano: edifici religiosi. Pittura: Masaccio: formazione e collaborazione con Masolino da Panicale, polittici vari e Cappella Brancacci. Persistenza delle tendenze gotiche: Gentile da Fabriano. Opere principali di Paolo Uccello, Andrea del Castagno e Beato Angelico. Piero della Francesca, opere varie. Artisti della seconda metà del Quattrocento: Luca Signorelli; Andrea Mantegna; Antonello da Messina, formazione, excursus fra le opere giovanili e quelle mature (principali riferimenti della scuola ferraraese). Bartolomeo Vivariani, Giovanni Bellini: opere giovanili. La seconda metà del quattrocento a Firenze: Sandro Botticelli. Il primo ciclo di affreschi della Sistina a Roma. Leonardo da Vinci: formazione e prime opere, produzione del periodo milanese. Scultura: Lorenzo Ghiberti ed altri esponenti fiorentini di primo Quattrocento; Iacopo della Quercia. Donatello, le opere del periodo giovanile a Firenze, caratteri e confronti con opere di altri scultori coevi; opere del periodo padovano. Luca della Robbia; cenni su Bernardo Rossellino e i da Maiano tra Napoli e la Toscana. Le prime opere di Michelangelo a Firenze e Roma. Il Cinquecento in Italia. Architettura: Le vicende architettoniche della Basilica di San Pietro dal Quattrocento all intervento di Michelangelo. Sviluppi della pianta centrale. Edifici principali progettati da Bramante, Baldassarre Peruzzi, Antonio da Sangallo il giovane e Raffaello a Roma. Interventi nel complesso di San Lorenzo a Firenze di Michelangelo. Sviluppi dell architettura del Cinquecento: Michelangelo, opere dell ultimo periodo di attività. Jacopo Sansovino a Venezia. L attività di Andrea Palladio in Veneto. Pittura: L ultimo periodo di attività di Leonardo. Gli esordi di Raffaello: opere giovanili; periodo romano: le stanze vaticane. Michelangelo: la volta della Sistina. Sviluppi della pittura in area veneta: Giovanni Bellini, Sebastiano del Piombo e Giorgione; prime opere di Tiziano Artisti a Roma ed i Italia prima e dopo il sacco del Sebastiano del Piombo a Roma. Lorenzo Lotto: opere nelle Marche e a Bergamo. Artisti bresciani. Pittura emiliana della prima metà del Cinquecento: Correggio e Parmigianino. Artisti fiorentini del manierismo: Andrea del Sarto, Jacopo Pontormo, Rosso Fiorentino. Artisti in Italia dopo il sacco di Roma. Michelangelo il Giudizio Universale. La pittura veneta del Cinquecento: opere mature di Tiziano, principali opere di Tintoretto e Veronese. Esempi di pittura post-tridentina a Roma; alcune opere di Federico Barocci.

11 Scultura: Le sculture di Michelangelo dei primi anni del Cinquecento. La tomba di Giulio II. La Sagrestia Nuova e il non finito michelangiolesco. Le pietà del periodo tardo. Altri scultori fiorentini del Cinquecento, Bandinelli, Ammannati, Cellini. Il Seicento in Italia. Architettura: Opere varie di Francesco Borromini a Roma. Pietro da Cortona architetto. Bernini architetto, e la fusione delle arti. Opere diverse di Carlo Rainaldi, Francesco Mara Richini, Guarino Guarini. Pittura: Italia ed altre aree europee Ludovico, Agostino e Annibale Carracci. La produzione di Michelangelo Merisi da Caravaggio. Influenza di Caravaggio. Il classicismo emiliano: Domenichino, Guido Reni, Francesco Albani, Guercino.e Giovanni Lanfranco. Nicolas Pussin. Rubens in Italia. Pietro da Cortona pittore. Il Seicento napoletano in pittura: alcuni esponenti. La pittura matura del Seicento romano: Giovan Battista Gaulli e Carlo Maratta. Tendenze eccentriche tra naturalismo e barocco: vari artisti italiani. Principali personalità della pittura olandese del Seicento. Cenni sulla pittura della realtà in Lombardia. Scultura: Francesco Mochi: la pietà di Orvieto. Bernini scultore: analisi della sua produzione dal periodo giovanile all età matura. Opere diverse di Alessandro Algardi, François Duquesnoy, Melchiorre Caffà. Sviluppi della scultura a Napoli nel Seicento. Il Settecento In Italia. Architettura: Sviluppi dell architettura romana nel Settecento:De Sanctis, Salvi, Raguzzini, Fuga. Filippo Juvarra. Sviluppi dell architettura napoletana del Settecento: Domenico Antonio Vaccaro, Ferdinando Sanfelice. Luigi Vanvitelli. Pittura: Sviluppi della pittura a Napoli nel Settecento: Luca Giordano e Francesco Solimena, alcuni esempi. La decorazione a Genova, alcuni esempi.giovan Battista Tiepolo in Italia e nelle corti europee. Sebastiano Ricci e Giovan Battista Piazzetta. Il vedutismo in Italia: Canaletto e Guardi. Esempi di pittura di costume. Scultura: Sviluppi della della scultura del Settecento a Roma e a Napoli: alcuni esempi. Corso monografico: Scultura, pittura e architettura del Cinquecento nella provincia di Vibo Valentia. Antonello da Messina (saranno messi a disposizione opportunamente dei testi) Le eventuali attività di supporto alla didattica (tipi e orari): Date inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: Il calendario delle prove d esame: - Bibliografia: - Manuali consigliati: P. DE VECCHI, E. CERCHIARI, Arte nel tempo, Milano, varie edizioni, voll. 1, 2, 3. o in alternativa - P. ADORNO, A. MASTRANGELO, Espressioni d arte, Messina-Firenze, varie edizioni, voll. 1, 2 - C. BERTELLI, G. BRIGANTI, A. GIULIANO, Storia dell Arte italiana, Milano, varie edizioni, voll. 1, 2, 3, 4

12

13 Insegnamento: Chimica Generale di Base con Elementi di organica Corso di laurea dell insegnamento (specificare anche se triennale o magistrale): Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali Codifica: Docente Responsabile: Marirosa Toscano Eventuali altri docenti coinvolti: SSD (Settore scientifico disciplinare): CHIM/03 Orario di ricevimento: Tutti i pomeriggi da lunedì a giovedì dalle 15:30 alle 18:30 Crediti Formativi (CFU): 6 CFU (frontali) + 3CFU (esercitazioni) Ore di lezione: 80 Ore riservate allo studio individuale: 141 Ore di laboratorio: 36 Il corso di studio, per i quali lo stesso costituisce un attività di base o caratterizzante: Caratterizzante Facoltà competente: SMFN Lingua d insegnamento: Italiano Anno di corso: Primo Propedeuticità: nessuna Organizzazione della didattica (lezioni, esercitazioni, laboratorio, ecc.): Lezioni ed esercitazioni Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria Modalità di erogazione (tradizionale, a distanza, mista): Tradizionale Metodi di valutazione (Prova scritta, orale, ecc): Prova scritta + Prova orale da concordare col docente nel caso di lieve insufficienza della prova scritta Risultati di apprendimento attesi: lo studente dovrà acquisire conoscenze di base sui processi chimici elementari e sul comportamento degli elementi dei gruppi principali. Dovrà inoltre essere in grado di svolgere semplici esercizi numerici per la determinazione di ph, concentrazioni, potenziali redox, ecc.. Programma/Contenuti: Materia ed energia. Conservazione della massa. Unità di misura. Elementi, composti, miscele. Massa atomica e molecolare. Composizione percentuale e formula. Masse atomiche relative. Composizione elementare e formule empiriche. Numeri di ossidazione. Bilanciamento di reazioni. Reazioni di ossidoriduzione: concetto di semireazione. Nomenclatura. Concetto di mole. Massa e quantità molari. Resa percentuale. Struttura atomica: Basi sperimentali della teoria atomica, struttura del nucleo, isotopi, atomo di idrogeno (modello di Bohr) e sprettro dell'idrogeno, modello quantistico, numeri quantici, orbitali, atomi polielettronici, regole di Hund, principio di Aufbau e configurazioni elettroniche, proprietà periodiche e configurazione, variazione di energia di ionizzazione, affinità elettronica, raggio atomico e ionico. Il legame chimico: legame ionico, legame covalente, elettronegatività, polarità del legame, strutture di Lewis, radicali, risonanza, orbitali di legame (ibridizzazione, legame sigma e pi greco), delocalizzazione, orbitali molecolari, molecole biatomiche, forma delle molecole (teoria VSEPR) e polarità. Stati della materia: stato gassoso, forze intermolecolari, legame a ponte idrogeno, proprietà dei liquidi, proprietà dei solidi, solidi cristallini, legame metallico. Diagrammi di stato.

14 Soluzioni: definizioni. Concentrazione. Concetto di soluzione molare. Concetto di normalità. Solubilità. Proprietà colligative. Equilibrio chimico: Legge di azione di massa, principio di Le Chatelier. Effetto della concentrazione su K c. Dipendenza della costante di equilibrio da T. Equilibri in soluzione: Dissociazione dell'acqua. Kw. H + e OH - e loro intercorrelazione, ph. Acidi e basi. Teoria di Bronsted. Teoria di Lewis. Calcolo del ph per specie forti e deboli monoprotiche. Acidi e basi deboli poliprotici, relazioni tra costanti successive. Reazioni forte - debole, forte - forte. Soluzioni tampone. Solubilità e prodotto di solubilità. Reazione di precipitazione: effetto dello ione a comune. Elettrochimica: elettrolisi, celle galvaniche, corrosione. Elementi di chimica Organica: gruppi funzionali, principali reazioni di composti organici. Materiali inerenti il restauro: materiali lapidei; metalli e leghe; vernici, pigmenti; leganti; vetri e ceramiche; Danni degli inquinanti sui materiali. Diagnostica. Le eventuali attività di supporto alla didattica (tipi e orari): Date inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: Il calendario delle prove d esame: Bibliografia: I. BERTINI, C. LUCHINAT, F. MANI- CHIMICA -CASA EDITRICE AMBROSIANA A. M. MANOTTI LANFREDI, A. TIRIPICCHIO- FONDAMENTI DI CHIMICA II EDIZIONE-CASA EDITRICE AMBROSIANA BRUCE H. MAHAN- CHIMICA -CASA EDITRICE AMBROSIANA

15 Insegnamento: Fisica per beni culturali Corso di laurea dell insegnamento (specificare anche se triennale o magistrale): Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali Codifica: SSD (Settore scientifico disciplinare): FIS/01 Docente Responsabile: Caputi Lorenzo Eventuali altri docenti coinvolti: Orario di ricevimento: Martedì ore 10:30 11:30 cubo 33C Crediti Formativi (CFU): 7 Ore di lezione: 56 Ore riservate allo studio individuale: 184 Ore di Laboratorio: 60 Il corso di studio, per i quali lo stesso costituisce un attività di base o caratterizzante: Facoltà competente: S.M.F.N. Lingua d insegnamento: Italiano Anno di Corso: 1 Propedeuticità: Organizzazione della didattica (lezioni, esercitazioni, laboratorio, ecc.): Lezioni ed esercitazioni Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria Modalità di erogazione (Tradizionale, a distanza, mista): Tradizionale Metodi di valutazione (prova scritta, orale, ecc): Prova scritta seguita in caso di sufficienza da una prova orale Risultati di apprendimento attesi: Apprendimento dei fondamenti della Fisica attraverso la interiorizzazione di una visione speculativa dei processi naturali.

16 Programma/Contenuti: INTRODUZIONE AL CORSO. Cenni su: origine dell Universo; materia e radiazione; onde e particelle; forze fondamentali. NOZIONI DI BASE: scalari e vettori; operazioni con i vettori; trigonometria; metodo sperimentale. MECCANICA: spostamento, velocità e accelerazione; 1 a legge di Newton: sistemi inerziali; 2 a legge di Newton: forze; 3 a legge di Newton; sistemi non inerziali e forze apparenti; massa e densità; quantità di moto; lavoro; energia cinetica; forze conservative; energia potenziale. MECCANICA DEI FLUIDI: stati della materia; leggi dei gas; legge di Pascal; legge di Stevino; legge di Archimede; definizione di flusso; legge di Bernoulli; tensione superficiale; capillarità; pressione osmotica. TERMODINAMICA: definizione di sistema termodinamico; calore e temperatura; cambiamenti di fase; trasmissione del calore; i tre principi della termodinamica; entropia (cenni). OSCILLAZIONI: moto armonico; onde meccaniche; frequenza, ampiezza e velocità delle onde; principio di sovrapposizione; interferenza. ELETTRICITA : carica elettrica; legge di Coulomb; principio di sovrapposizione; campo elettrostatico; energia potenziale elettrica; potenziale elettrostatico; corrente elettrica; legge di Ohm; forza elettromotrice; legge di Joule. MAGNETISMO: campo magnetico; forza di Lorentz; legge di Ampere; legge di Biot-Savart; legge di Faraday- Neumann. ONDE ELETTROMAGNETICHE: dipoli oscillanti; la luce; invarianza della velocità della luce; assorbimento della luce; diffusione della luce; indice di rifrazione; dispersione della luce; pressione di radiazione; principio di Huygens. OTTICA:riflessione e rifrazione dei raggi di luce; polarizzazione della luce; interferenza; diffrazione; birifrangenza. Le eventuali attività di supporto alla didattica (tipi e orari): Date inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: Il calendario delle prove d esame: Bibliografia: INTRODUZIONE ALL ANALISI DEGLI ERRORI, J.R. Taylor, ed. Zanichelli FONDAMENTI DI FISICA, D. Halliday, R. Resnick, ed. Ambrosiana FONDAMENTI DI FISICA, J.S. Walker, ed. Zanichelli PRINCIPI DI FISICA, Serway Jewett, ed. Edises INVITO ALLA FISICA. P.A. Tipler, Ed. Zanichelli.

17 Insegnamento (1/5): Inglese I Corso di laurea dell insegnamento (specificare anche se triennale o magistrale): Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali Codifica: Docente Responsabile: TING, Yen-Ling Teresa SSD (Settore scientifico disciplinare): L/Lin-12 Eventuali altri docenti coinvolti: Caponsacco Barbara Chapman, Cheryl Filice Sara Internò Anna Mandoliti Annamaria Orario di ricevimento: Lunedì-Giovedì ca. 12:30-14:30 Crediti Formativi (CFU): 5 CFU Ore di lezione: 8 Ore riservate allo studio individuale: 69 Ore di laboratorio: 48 Il corso di studio, per i quali lo stesso costituisce un attività di base o caratterizzante: Altre attività formative Facoltà competente: SMFN Lingua d insegnamento: Inglese & Italiano Anno di corso: 1 Propedeuticità: nessuna Organizzazione della didattica (lezioni, esercitazioni, laboratorio, ecc.): Lezioni ed esercitazioni Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): obbligatoria Modalità di erogazione (tradizionale, a distanza, mista): tradizionale Metodi di valutazione (Prova scritta, orale, ecc): Inglese I Scritta Risultati di apprendimento attesi: Inglese I level B1-lower defined by the Common European Frame of Reference Programma/Contenuti: Il corso di English I comprende, tra le tante nozioni e lessico di natura generale/quotidiano le seguenti componenti grammaticali: simple tenses in the present, past and future; progressive tenses in the present and past; present simple vs. present progressive; going to future form; modal auxiliaries can/could/will/shall ; adjectives (comparatives and superlatives) and adverbs; prepositions; definite, indefinite and demonstrative articles; quantifiers and derivatives of some/any; basic midsentence conjunctions; relative clauses. Le eventuali attività di supporto alla didattica (tipi e orari): ricevimento + esercitazione per potenziamento Date inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: Il calendario delle prove d esame:

18 Bibliografia: New English File Pre-Intermediate Scheda Insegnamento

19 Insegnamento: Storia con elementi di preistoria e protostoria Corso di laurea dell insegnamento (specificare anche se triennale o magistrale): Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali Codifica: SSD (Settore scientifico disciplinare): M-STO/01 Docente Responsabile: Di Muro Alessandro Eventuali altri docenti coinvolti: Orario di ricevimento: Crediti Formativi (CFU): 6 Ore di lezione: 48 Ore riservate allo studio individuale: 150 Ore di Laboratorio: Il corso di studio, per i quali lo stesso costituisce un attività di base o caratterizzante: Facoltà competente: S.M.F.N. Lingua d insegnamento: Italiano Anno di Corso: 1 Propedeuticità: Organizzazione della didattica (lezioni, esercitazioni, laboratorio, ecc.): Lezioni Modalità di frequenza (obbligatoria, facoltativa): Obbligatoria Modalità di erogazione (Tradizionale, a distanza, mista): Tradizionale Metodi di valutazione (prova scritta, orale, ecc): Risultati di apprendimento attesi: Programma/Contenuti: Medioevo, Mezzogiorno e nascita dell Europa La transizione dall Antichità all alto Medioevo. Problemi di periodizzazione. Costantino I, Teodosio, la crisi del mondo antico. Tracollo della società romana, disgregazione del modello urbano di vita, crisi delle campagne.

20 Le invasioni barbariche e la creazione dei regni romano-barbarici. I Franchi e i Visigoti. La caduta di Roma e il regno ostrogoto. Teodorico. Giustiniano e la riunificazione del Mediterraneo. La guerra goto-bizantina. I Longobardi e l invasione dell Italia. Il Ducato di Benevento. Maometto, l impero islamico. La divisione del Mediterraneo e la genesi dell Europa. L VIII secolo. Primi segni di rinascita economico-sociale in Europa. La riapertura del Medietrraneo. La conquista franca del Regnum langobardorum e la resistenza del ducato longobardo di Benevento. Il Sacro romano impero. Carlomagno: un padre dell Europa. Ricchezza e sviluppo dell Europa carolingia. Rinascita dell economia e dei commerci nel Mezzogiorno d Italia tra longobardi, ebrei, bizantini e arabi. La connessione beneventana e la connessione vichinga. La divisione del Mezzogiorno longobardo e la conquista araba della Sicilia. Gli attacchi islamici al Mezzogiorno. I Vichinghi e l Europa. La crisi dell impero carolingio e la dissoluzione dello stato. Ottone di Sassonia e il Sacro romano impero. Pandolfo Capodiferro e la riunificazione del Mezzogiorno longobardo. Ottone II e la battaglia di Capocolonna. LA frammentazione del Mezzogiorno alla fine del X secolo: prosperità economica e debolezza politica, incastellamento e signorie territoriali. I Normanni e la conquista del Sud. Ruggero II e il Regnum Siciliae. Alle radici della Questione meridionale? Tra Federico II e gli Angioini: Mezzogiorno frontiera mediatrice tra economie-mondo o area economica subalterna? Le eventuali attività di supporto alla didattica (tipi e orari): Date inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: Il calendario delle prove d esame: Bibliografia: A. Di Muro, Economia e mercato nel Mezzogiorno longobardo (secc.viii- IX ), Salerno 2009 P. Dalena ( a c. di), Mezzogiorno rurale. Olio, vino e cereali nel Medioevo, Bari 2010.

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Opera d Arte società cooperativa, è

Opera d Arte società cooperativa, è LE PROPOSTE DIDATTICHE DI OPERA D ARTE Per la scuola, per i gruppi, per le associazioni, per la terza età, per i singoli, per chiunque voglia consolidare o arricchire le proprie conoscenze sulla storia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Formazione di operatori turistici Classe L-15 Anno Accademico 2010-2011

MANIFESTO DEGLI STUDI. CORSO DI LAUREA Formazione di operatori turistici Classe L-15 Anno Accademico 2010-2011 MANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA Formazione di operatori turistici Classe L-15 Anno Accademico 2010-2011 Nell A.A. 2010-2011 sarà attivato il 1 anno del Corso di Laurea in Formazione di operatori

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A RELIGIONE 9788810614082 CIONI LUIGI / MASINI PAOLO / PANDOLFI BARBARA PAOLINI LUCA I-RELIGIONE+LIBRO DIGITALE+DVD / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 16,00 Si Si No ITALIANO ANTOLOGIE

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

ORARIO 2 SEMESTRE A.A. 2006/2007. Lab.prog. Arch. e Urbana. 2MB (Ranzi) Lab. Prog. Architettonica e. Lab.prog. Arch. e Urbana

ORARIO 2 SEMESTRE A.A. 2006/2007. Lab.prog. Arch. e Urbana. 2MB (Ranzi) Lab. Prog. Architettonica e. Lab.prog. Arch. e Urbana Aule Orario Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Ist. Matem. 2B (Magrone) Cartografia tematica Fotografia urbana (Frongia) (Canciani) Quadrio Pirani Mario De Renzi Innocenzo Sabbatini Giulio

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788835038399 MANGANOTTI RENATO / INCAMPO NICOLA TIBERIADE / EDIZIONE PLUS U LA SCUOLA EDITRICE 14,10 No Si No ITALIANO GRAMMATICA

Dettagli