RAPPORTO sull industria dei quotidiani in Italia. Osservatorio Quotidiani Carlo Lombardi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO 2012. sull industria dei quotidiani in Italia. Osservatorio Quotidiani Carlo Lombardi"

Transcript

1 RAPPORTO 2012 sull industria dei quotidiani in Italia Osservatorio Quotidiani Carlo Lombardi

2 Il Rapporto 2012 sull industria dei quotidiani è stato realizzato da ASIG per l Osservatorio tecnico Carlo Lombardi per i quotidiani e le agenzie di informazione. Salvatore Curiale ha coordinato il progetto ed ha curato la stesura dei testi Sergio Vitelli ha collaborato alla raccolta dei dati Giuseppe Pascucci e Luca Michelli hnnoa curato l aggiornamento della Banca Dati dell Industria editoriale italiana Elga Mauro ha curato le traduzioni dall inglese Osservatorio Tecnico Carlo Lombardi per i quotidiani e le agenzie di informazione Via Sicilia Roma - tel fax

3 Rapporto 2012 sull industria italiana dei quotidiani PREMESSA Nell accingerci a stilare la premessa dell edizione 2012 del Rapporto sull industria dei quotidiani, ci siamo resi conto che avremmo potuto riproporre tale e quale, con i necessari aggiornamenti dei dati statistici, il testo che accompagnava l edizione dell anno passato, sia nella parte che riguarda la descrizione della crisi, sia laddove si cerca di individuare possibili aree di intervento per il settore. Di nuovo (e di peggio) c è la crisi economica generale, acuitasi a partire dall autunno scorso con gli inevitabili riflessi sui comportamenti individuali, che rischia di deprimere ulteriormente i consumi culturali, che già nel nostro Paese non sono mai stati coltivati con particolare amore. I più recenti dati Fieg non fanno che testimoniare un ulteriore avvitamento della spirale negativa che da circa cinque anni investe l industria editoriale; la diffusione media giornaliera dei quotidiani a pagamento è scesa sotto i 4,5 milioni di copie giornaliere; in soli cinque anni, tra il 2006 e il 2011, si è perso più di un milione di copie giornaliere di diffusione, e il fenomeno della free press, che ha rappresentato per anni una interessante opportunità di diversificazione permettendo di raggiungere nuovi lettori, appare in pesante ripiegamento, con chiusure di testate, accorpamenti di edizioni, tagli alle tirature ed alle foliazioni. La pubblicità nel 2011 è calata del 5,5% per i quotidiani a pagamento, e addirittura del 22,4% per i gratuiti, a fronte di un mercato complessivo che ha perso il 3,8%. La quota di mercato dei quotidiani è passata dal 16,2% al 15,6%, mentre la televisione, pur risentendo anch essa della crisi degli investimenti pubblicitari (-3,1%), ha allargato dal 53,2% al 53,6% la propria quota. * * * A fronte di questo quadro generale, può apparire quasi miracoloso che, nel complesso, le aziende editoriali italiane possano chiudere i bilanci 2011 con un margine operativo lordo positivo per circa 100 milioni di euro ed utili per circa 30. Ma a ben guardare nelle serie storiche, ci si accorge che il risultato è stato reso possibile solo grazie ad una significativa riduzione dei costi operativi, calati del 14% tra il 2008 e il Nel 2011 però i costi sono diminuiti soltanto dello 0,7%: segno chiaro del fatto che i margini per una ulteriore riduzione dei costi vanno assottigliandosi. E necessario dunque agire sull altra colonna del conto economico, quella dei ricavi: ma come? Il modello di business attuale appare in difficoltà, soggetto com è ad una continua erosione di entrambe le sue componenti (copie e pubblicità). Il digitale è certamente una strada che gli editori stanno percorrendo con decisione ed impegno, se è vero che, su 13 milioni di italiani che ogni giorno accedono a internet, circa la metà visitano siti di quotidiani. Né è casuale il fatto che la pubblicità su internet stia stata l unica nel 2011 a segnare un risultato positivo (+12%). Ma va detto anche, per non alimentare aspettative esagerate, che la strada della diversificazione digitale è ancora lunga e faticosa, e passerà ancora molto tempo prima che i prodotti digitali possano generare ritorni significativi. Nel biennio i ricavi da attività online delle aziende editoriali italiane sono cresciuti dell 83%, eppure l incidenza totale 3

4 premessa dei ricavi digitali sul fatturato non ha superato nel 2011 il punto e mezzo percentuale. Negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna, Paesi con una maggiore penetrazione di internet rispetto al nostro e dove l uso della lingua inglese consente l accesso ad un mercato potenziale enormemente maggiore rispetto a quello disponibile agli editori italiani, sono rari gli esempi di editori che riescono a superare il 20/25% di ricavi digitali. * * * Attenzione al nuovo quindi, ma anche rafforzamento e messa in efficienza del ciclo produttivo tradizionale, sono le strade da percorrere per cercare di uscire dalle difficoltà di oggi. In quest ottica, vanno salutate positivamente iniziative come la riorganizzazione dell ADS, che fornirà agli investitori pubblicitari dati affidabili e tempestivi, e i progetti di razionalizzazione del sistema distributivo in corso che promettono, con la certificazione delle rese e l informatizzazione dei punti vendita, di ridurre le inefficienze logistiche e di aprire nuove opportunità di ricavo per la rete delle edicole, oggi in forte sofferenza. E va sostenuta con forza ogni iniziativa a difesa del diritto d autore contro qualunque forma di pirateria e di sfruttamento, online e offline. Troppo spesso ci dimentichiamo, anche noi che viviamo in questo mondo, che dietro una notizia c è una complessa e costosa organizzazione: se vogliamo informazione di qualità, dobbiamo essere pronti a pagarla per ciò che vale, riconoscendo il diritto alla remunerazione di chi ci ha messo il proprio lavoro ed investito i propri quattrini. * * * La nostra natura di Osservatorio contrattuale ci impone di analizzare le possibili ricadute dei trend sopra descritti sul sistema di relazioni industriali del settore. Nell area che una volta si definiva di pre, occorrerà rivedere i flussi di lavoro in funzione di un organizzazione che prevede non più un solo prodotto bensì una molteplicità di canali; in quest area, la flessibilità e la capacità di adattamento a nuovi flussi organizzativi diventeranno il fattore di competitività più rilevante, e la formazione assumerà un ruolo determinante. Nell area di produzione tradizionale, invece, bisogna partire da un dato ineludibile: oggi sono attivi in Italia più di 80 stabilimenti per la di quotidiani, con circa 140 linee di, a fronte di volumi produttivi in costante calo. E necessario accompagnare e governare il processo di razionalizzazione dell infrastruttura produttiva esistente, favorendo la trasformazione degli impianti da semplici nti remote in centri di produzione e logistica multiprodotto, in grado di servire nuovi mercati. Il rinnovo del contratto di lavoro, che mentre chiudiamo questa ricerca è ancora in discussione, costituisce una occasione da non perdere per agevolare questi trend e superare un passato che deve rimanere un patrimonio e non trasformarsi in peso ed ipoteca sul futuro. * * * Business tradizionale da ottimizzare con un occhio vigile a tutte le novità che offre il mercato, la società e le tecnologie digitali: questa, in estrema sintesi, la sfida con la quale dovremo misurarci nei prossimi anni; questa la domanda a cui dovrà dare risposta la riforma dell editoria di cui da tanto tempo si parla e il cui obiettivo non può che essere quello di garantire a tutti gli operatori le condizioni affinché l informazione, bene costituzionalmente tutelato, possa essere prodotta in un contesto di sostenibilità economica. Il Consiglio Direttivo Maggio

5 Rapporto 2012 sull industria italiana dei quotidiani INDICE IL MERCATO DEI LETTORI...11 Il c a l o c o n t i n ua...11 Il n o d o d e l s i s t e m a distributivo...13 Le d i f f i c o lt à d e l l a f r e e p r e s s...14 Un p o p o l o d i n a v i g a t o r i (e d i l e t t o r i)...15 La d i f f u s i o n e USA? E in c r e s c i ta...17 Me n o s ta b i l i m e n t i d i s t a m p a?...19 IL MERCATO PUBBLICITARIO Un a c r i s i s t r u t t u r a l e?...20 I q u o t i d i a n i in d e t ta g l i o...22 Ri t o r n o a g l i a n n i Ci n q ua n ta...24 Un d o l l a r o g ua d a g n a t o, d o d i c i p e r s i...25 GLI INDICATORI ECONOMICI Ri c a v i : c o n t i n ua l o s c i v o l a m e n t o...26 I c o s t i: l a d i s c e s a è finita?...27 I m a r g i n i o p e r a t i v i...29 OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONI POLIGRAFICHE Da t i o c c u pa z i o n a l i e r e t r i b u t i v i c o m p l e s s i v i...31 Da t i o c c u pa z i o n a l i e r e t r i b u t i v i s u d d i v i s i p e r a r e a g e o g r a f i c a...35 Da t i o c c u pa z i o n a l i e r e t r i b u t i v i s u d d i v i s i p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a...42 Da t i o c c u pa z i o n a l i e r e t r i b u t i v i s u d d i v i s i p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...49 ANAGRAFE DELL INDUSTRIA EDITORIALE Da t i d i riepilogo...56 Le t e s tat e q u o t i d i a n e...57 Le s o c i e t à editrici...83 I c e n t r i s t a m p a...98 I c e n t r i s t a m p a...98 Le a g e n z i e d i i n f o r m a z i o n e Le c o n c e s s i o n a r i e d i p u b b l i c i t à

6 INDICE DELLE TABELLE E DEI GRAFICI IL MERCATO DEI LETTORI Ti r a t u r a e v e n d i ta m e d i a An d a m e n t o v e n d i t e Vo l u m i p r o d u t t i v i a n n u i Suddivisione d e l l a t i r a t u r a c o m p l e s s i v a La f r e e-p r e s s in Ita l i a...14 La f r e e p r e s s n e l m o n d o, An d a m e n t o d e l l a r e a d e r s h i p in Ita l i a Co m p o s i z i o n e d e l l u t e n z a w e b in Ita l i a, An d a m e n t o d e l l u t i l i z z o m e d i o d e l w e b in Ita l i a...16 Di f f u s i o n e c o m b i n a t a d e i 25 m a g g i o r i q u o t i d i a n i USA, m a r z o Ch i u s u r e d i s ta b i l i m e n t i p e r l a s t a m p a d i q u o t i d i a n i n e g l i USA, IL MERCATO PUBBLICITARIO Il m e r c a t o pubblicitario i ta l i a n o , m e z z i c l a s s i c i...20 Il mercato pubblicitario italiano , mezzi classici, a valori costanti Ev o l u z i o n e d e l m e r c a t o pubblicitario i ta l i a n o...21 Il m e r c a t o pubblicitario i ta l i a n o (g e n n a i o-f e b b r a i o)...21 Fat t u r at o pubblicitario d e i q u o t i d i a n i Fat t u r at o pubblicitario d e i q u o t i d i a n i (g e n n a i o-m a r z o )...22 Fat t u r at o m e d i o p e r m o d u l o pubblicitario a va l o r i c o s ta n t i An d a m e n t o pubblicitario q u o t i d i a n i t r a d i z i o n a l i e f r e e p r e s s, Andamento della pubblicità sui quotidiani Usa a valori costanti Suddivisione p e r c a t e g o r i a d e l fat t u r at o pubblicitario s u i q u o t i d i a n i USA...25 GLI INDICATORI ECONOMICI Ri c a v i c o m p l e s s i v i d e i q u o t i d i a n i a va l o r i c o r r e n t i...26 Ri c a v i c o m p l e s s i v i d e i q u o t i d i a n i a va l o r i c o s ta n t i Suddivisione % d e i r i c a v i d a v e n d i t e e d a p u b b l i c i t à...27 An d a m e n t o d e i c o s t i e d e i r i c a v i d e l l e i m p r e s e editoriali e d e l c o s t o d e l l a v i ta, (va l = 100)...27 Co m p o s i z i o n e d e i c o s t i n e l l e a z i e n d e editoriali, a n n o Ev o l u z i o n e d e i c o s t i editoriali Re t r i b u z i o n e l o r d a 2011 d e g l i o p e r a i poligrafici p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a...29 Margini operativi delle imprese editoriali a valori costanti OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONI POLIGRAFICHE Dati occupazionali e retributivi complessivi Oc c u pa z i o n e poligrafica Di p e n d e n t i a l 31/12 p e r s e s s o e qualifica...31 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i p e r s e s s o e qualifica: Ad d e t t i Ad d e t t i 2011 p e r s e s s o e l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o...32 Suddivisione dei dipendenti per gruppi di livelli di inquadramento...32 Me d i a r e t r i b u z i o n i o r d i n a r i e a n n u e p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o...33 Me d i a r e t r i b u z i o n i o r d i n a r i e a n n u e 2011 p e r l i v e l l o e s e s s o...33 Me d i a r e t r i b u z i o n i s t r a o r d i n a r i e a n n u e...33 Me d i a r e t r i b u z i o n i s t r a o r d i n a r i e a n n u e 2011 p e r l i v e l l o e s e s s o...33 Re t r i b u z i o n e c o m p l e s s i v a a n n ua m e d i a...34 Me d i a r e t r i b u z i o n i c o m p l e s s i v e a n n u e 2011 p e r l i v e l l o e s e s s o...34 To ta l e r e t r i b u z i o n i e r o g a t e, o r e l a v o r a t e, m e d i a o r a r i a

7 Rapporto 2012 sull industria italiana dei quotidiani Dati occupazionali e retributivi suddivisi per area geografica Suddivisione d e l l e a z i e n d e p e r r e g i o n e e a r e a g e o g r a f i c a...35 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i p e r a r e a g e o g r a f i c a: Di p e n d e n t i a l 31/12 p e r s e s s o e qualifica...35 Ad d e t t i 2011 p e r s e s s o e a r e a g e o g r a f i c a...35 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: No r d-ov e s t...36 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: No r d-es t...36 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Ce n t r o...36 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Su d...36 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Is o l e...36 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011 p e r g r u p p i d i l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e a r e a g e o g r a f i c a...37 Ad d e t t i p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e a r e a g e o g r a f i c a...37 Ad d e t t i 2011 p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o, s e s s o e a r e a g e o g r a f i c a...37 Me d i a r e t r i b u z i o n e o r d i n a r i a a n n ua: suddivisione p e r a r e a g e o g r a f i c a...38 Me d i a r e t r i b u z i o n i o r d i n a r i e a n n u e p e r l i v e l l o e a r e a g e o g r a f i c a...38 Media retribuzioni ordinarie annue 2011 per sesso, livello e area geografica...38 Me d i a r e t r i b u z i o n e s t r a o r d i n a r i a a n n ua: suddivisione p e r a r e a g e o g r a f i c a...39 Me d i a r e t r i b u z i o n i s t r a o r d i n a r i e a n n u e p e r l i v e l l o e a r e a g e o g r a f i c a...39 Media retribuzioni straordinarie annue 2011 per sesso, livello e area geografica...39 Me d i a r e t r i b u z i o n e c o m p l e s s i v a a n n ua: suddivisione p e r a r e a g e o g r a f i c a...40 Me d i a r e t r i b u z i o n i c o m p l e s s i v e a n n u e p e r l i v e l l o e a r e a g e o g r a f i c a...40 Media retribuzioni complessive annue 2011 per sesso, livello e area geografica...40 Totale retribuzioni erogate, ore lavorate, media oraria per area geografica...41 Suddivisione % d e l m o n t e r e t r i b u t i v o 2011 p e r a r e a g e o g r a f i c a...41 Re t r i b u z i o n e m e d i a o r a r i a: suddivisione p e r a r e e g e o g r a f i c h e...41 Dati occupazionali e retributivi suddivisi per tipologia di azienda Suddivisione d e l l e a z i e n d e p e r t i p o l o g i a...42 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011 p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a...42 Di p e n d e n t i a l 31/12 p e r s e s s o e qualifica...42 Ad d e t t i 2011 p e r s e s s o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...42 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011:So c i e t à editrici...43 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Ce n t r i s t a m p a p u r i...43 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Ce n t r i s t a m p a ibridi...43 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Ag e n z i e d i i n f o r m a z i o n e...43 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Alt r e s o c i e t à...43 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011 p e r g r u p p i d i l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...44 Ad d e t t i p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...44 Ad d e t t i 2011 p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o, s e s s o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...44 Me d i a r e t r i b u z i o n e o r d i n a r i a a n n ua: suddivisione p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a...45 Me d i a r e t r i b u z i o n i o r d i n a r i e a n n u e p e r l i v e l l o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...45 Media retribuzioni ordinarie annue 2011 per sesso, livello e tipologia di azienda...45 Media retribuzione straordinaria annua: suddivisione per tipologia di azienda...46 Me d i a r e t r i b u z i o n i s t r a o r d i n a r i e a n n u e p e r l i v e l l o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...46 Media retribuzioni straordinarie annue 2011 per sesso, livello e tipologia di azienda.46 Media retribuzione complessiva annua: suddivisione per tipologia di azienda...47 Me d i a r e t r i b u z i o n i c o m p l e s s i v e a n n u e p e r l i v e l l o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...47 Media retribuzioni complessive annue 2011 per sesso, livello e tipologia di azienda...47 Totale retribuzioni erogate, ore lavorate, media oraria per tipologia di azienda...48 Suddivisione % d e l m o n t e r e t r i b u t i v o 2011 p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a indice delle tabelle e dei grafici

8 indice delle tabelle e dei grafici Re t r i b u z i o n e m e d i a o r a r i a: suddivisione p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a...48 Dati occupazionali e retributivi suddivisi per tipologia di Suddivisione d e l l e s o c i e t à editrici p e r t i p o l o g i a...49 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011 p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...49 Di p e n d e n t i a l 31/12 p e r s e s s o e qualifica...49 Ad d e t t i 2011 p e r s e s s o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...49 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Provinciali...50 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Re g i o n a l i...50 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Pl u r i r e g i o n a l i...50 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Na z i o n a l i...50 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Politici...50 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011 p e r g r u p p i d i l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...51 Ad d e t t i p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...51 Addetti 2011 per livello di inquadramento, sesso e tipologia di...51 Media retribuzione ordinaria annua: suddivisione per tipologia di...52 Media retribuzioni ordinarie annue per livello e tipologia di...52 Me d i a r e t r i b u z i o n i o r d i n a r i e a n n u e 2011 p e r s e s s o, l i v e l l o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...52 Me d i a r e t r i b u z i o n e s t r a o r d i n a r i a a n n ua: suddivisione p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...53 Media retribuzioni straordinarie annue per livello e tipologia di...53 Me d i a r e t r i b u z i o n i s t r a o r d i n a r i e a n n u e 2011 p e r s e s s o, l i v e l l o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...53 Media retribuzione complessiva annua: suddivisione per tipologia di..54 Media retribuzioni complessive annue per livello e tipologia di...54 Me d i a r e t r i b u z i o n i c o m p l e s s i v e a n n u e 2011 p e r s e s s o, l i v e l l o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...54 To ta l e r e t r i b u z i o n i e r o g a t e, o r e l a v o r a t e, m e d i a o r a r i a p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...55 Suddivisione % d e l m o n t e r e t r i b u t i v o 2011 p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...55 Re t r i b u z i o n e m e d i a o r a r i a: suddivisione p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...55 ANAGRAFE DELL INDUSTRIA EDITORIALE Dati di riepilogo Te s t a t e q u o t i d i a n e, p e r r e g i o n e...56 So c i e t à editrici, p e r r e g i o n e e t i p o l o g i a...56 Ce n t r i s t a m p a, p e r r e g i o n e e t i p o l o g i a...56 Co n c e s s i o n a r i e d i p u b b l i c i t à, p e r r e g i o n e e t i p o l o g i a...56 Ag e n z i e d i i n f o r m a z i o n e, p e r r e g i o n e e periodicità...56 I centri Ca pa c i t à p r o d u t t i va p e r r e g i o n e...98 Ca pa c i t à p r o d u t t i va e c o n s u m o d e i g i o r n a l i q u o t i d i a n i...98 Suddivisione d e l l a c a pa c i t à p r o d u t t i va p e r t i p o l o g i a d i c o n t r at t o d i l a v o r o

9 Rapporto 2012 sull industria italiana dei quotidiani NOTA METODOLOGICA Le elaborazioni contenute in questo rapporto di ricerca sono state realizzate sulla base dei dati provenienti da diverse fonti: Federazione Italiana Editori Giornali: diffusione, tirature, ricavi da vendite e da pubblicità, bilanci delle imprese editoriali. Ads (Accertamento diffusione ): diffusione e vendite dei quotidiani. Fondo Nazionale di previdenza per i lavoratori dei giornali quotidiani Fiorenzo Casella : dati occupazionali e retributivi. Istat: andamento del costo della vita. World Association of Newspapers: mercato internazionale dei quotidiani. Audipress e Audiweb: readership dei quotidiani e dei siti internet. Nielsen Media Research: andamento del mercato pubblicitario italiano. Osservatorio Stampa Fcp: andamento del fatturato pubblicitario dei giornali. Riteniamo opportuno fornire alcuni chiarimenti circa le elaborazioni che sono state effettuate sui dati sopra esposti e che sono state rese necessarie dalle esigenze alle quali la presente pubblicazione è tenuta a rispondere. Tirature e diffusione. Questi dati vengono elaborati da Fieg sulla base degli allegati ai bilanci che le aziende trasmettono alla Federazione dopo l approvazione. Spesso a proposito dei prodotti editoriali si tende a fare confusione tra diffusione e vendita. In questa pubblicazione ci siamo attenuti ai criteri seguiti dall Ads, in base ai quali la diffusione è costituita dal totale delle copie che vengono cedute, non importa se a titolo oneroso o gratuito. Ciò che rimane della tiratura dopo la diffusione costituisce la resa. All interno delle copie diffuse Ads distingue tra diffusione pagata (a sua volta suddivisa in vendita delle singole copie e abbonamenti pagati), vendite in blocco (ovvero la vendita di lotti di copie ad aziende, enti, associazioni e simili, con una percentuale di sconto concordata), diffusione gratuita (abbonamenti, omaggi, coupon), altro (vendite all estero, altri usi, etc.). Ricavi dei quotidiani. I ricavi complessivi sono rilevati dai bilanci delle aziende. Va sottolineato come i ricavi da vendite sono da considerarsi al netto dell aggio dei rivenditori e distributori, così come i ricavi da pubblicità sono da considerarsi al netto delle commissioni pagate dagli inserzionisti alle agenzie pubblicitarie ed ai centri media. Inflazione. Il parametro di riferimento è l indice nazionale Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (Foi), al netto dei consumi di tabacchi. Retribuzioni poligrafiche. I dati riportati si riferiscono alla retribuzione lorda effettivamente erogata dalle aziende ai dipendenti poligrafici. I dati forniti dal Fondo Casella riportano, suddivisi per livello di inquadramento, il numero di lavoratori che hanno prestato attività nel corso dell anno, l importo complessivo delle retribuzioni ordinarie erogate, il numero di giorni lavorativi retribuiti, l importo complessivo delle retribuzioni 9

10 nota metodologica straordinarie erogate, il numero complessivo di ore di straordinario prestate. Per il calcolo delle retribuzioni ordinarie, la media annua è stata ottenuta dividendo la retribuzione degli addetti per il numero di giorni complessivamente retribuiti, e moltiplicando il totale ottenuto per 312, numero di giorni contrattualmente retribuiti nell arco dell anno solare. Per le retribuzioni straordinarie, il dato medio annuo è stato ottenuto dividendo il numero delle ore di straordinario retribuite per il numero dei poligrafici. Anagrafe dell industria dei quotidiani. I dati relativi a testate, società editrici, centri e concessionarie di pubblicità sono desunti dalle gerenze pubblicate nelle testate. A cadenza periodica viene aggiornato l archivio mediante l acquisizione di una copia della pubblicazione e l invio di una scheda per l aggiornamento dei dati. La definizione di testata quotidiana, nella sua apparente univocità, può prestarsi a diverse interpretazioni e ad equivoci; da una parte, infatti, occorrere distinguere tra testata ed edizione, distinzione spesso non agevole, soprattutto nel caso sempre più frequente di pubblicazioni realizzate con organizzazioni redazionali e produttive sinergiche e che condividono larga parte dei contenuti. Per i fini che si propone questo rapporto, abbiamo ritenuto di adottare una estensione la più ampia possibile del concetto di testata quotidiana : una pubblicazione di contenuto giornalistico univocamente distinta sulla base del nome, che venga pubblicata almeno quattro volte a settimana. Per le agenzie di informazione, il dato di partenza è costituito dagli elenchi che, sino a qualche anno fa, venivano pubblicati dalla Presidenza del consiglio. Si è quindi verificata l effettiva attività svolta (molte di queste agenzie esistevano solo sulla carta) attraverso l invio periodico di questionari per il rilevamento dei dati. L aggiornamento dei dati, sia per quanto riguarda le testate giornalistiche ed i dati collegati, che per quanto riguarda le agenzie di informazione, viene effettuato attraverso un costante monitoraggio della specializzata e contatti diretti con rivenditori e distributori su tutto il territorio nazionale. Data l estrema fluidità del settore, è possibile che alcuni dei dati riportati possano risultare superati nel momento in cui questo rapporto giungerà nelle mani dei lettori; ce ne scusiamo sin d ora con gli interessati, invitandoli a segnalarci errori ed omissioni. 10

11 Rapporto 2012 sull industria italiana dei quotidiani IL MERCATO DEI LETTORI Il calo continua Il 18 aprile scorso sono stati presentati liere del 2008 ai 6,5 milioni del Andamento vendite Vendita media variaz. giornaliera % presso la sede Fieg di Roma i dati più aggiornati sull andamento del mercato edilineato tuttavia ,5% 2011; va sotto ,6% toriale. Le vendite dei giornali quotidiani che, rimanendo ,3% ,6% sono risultate in calo per il quinto anno sostanzialmente ,4% identico ,7% consecutivo, assestandosi poco al di sotto ,6% dei 4,5 milioni di copie giornaliere. Nel il numero di ,2% ,2% 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un punti vendita ,5% incremento delle vendite, si vendevano 5,5 da rifornire, ,7% ,9% milioni di copie al giorno; in un lustro si è la diminuzione ,1% bruciato quindi un milione di copie, pari a delle vendite ,1% ,6% poco meno del 20% del totale. non si riflette ,8% L andamento delle vendite è particolarmente in una dimi ,9% differenziato per area geografica: i nuzione della ,0% ,8% dati indicano infatti che nelle regioni del percentuale di ,9% Nord si vendono mediamente 92 copie per resa, che infatti ,2% 2011* ,7% 100 abitanti, al Centro 84 copie, mentre nel 2011 è stata variazione ,4% nelle regioni meridionali la vendita media non arriva alle 50 copie pari al 31,5%, * stime su un campione di 58 testate. Dati Fieg per mille abitanti. Il Tiratura e vendita media % delle copie viene venduto nelel regioni del Nord a fronte di una popolazione del %, mentre al Sud, dove vive il 34% della popolazione italiana, viene venduto solamente il 22% delle copie La riduzione delle quote vendute si riflette anche sul dato della tiratura produzione complessiva, ovvero la tiratura, 2008 vendita 2009 anch essa in calo negli * ultimi anni, dai 7,5 milioni di copie giorna- * stime su un campione di 58 testate. Dati Fieg 11

12 Volumi produttivi annui ±% 10/11 ±% 08/11 vendite ,9% -14,1% abbonamenti pagati ,4% -22,5% copie gratuite ,3% -14,2% altro (vendite in blocco, ,4% -26,9% abbon. gratuiti, diff. estero, etc.) resa ,4% -5,2% tiratura complessiva ,1% -12,7% Elaborazione Asig su dati Ads il mercato dei lettori sostanzialmente stabile rispetto al 31,8% del settecento milioni di copie di giornale che non producono ricavi o che, nel caso delle rese, determinano costi aggiuntivi. Quanto incida la resa sull apparato produttivo dell industria dei quotidiani appare evidente analizzando la tabella in questa pagina, che mette a confronto i dati Ads degli ultimi quattro anni. La produzione complessiva è diminuita nell arco di tempo considerato del 13% circa, corrispondente a circa 325 milioni di copie annue. Ma il calo della resa nello stesso periodo è stato soltanto del 5,2%, mentre le vendite in edicola sono diminuite del 14% e quelle in abbonamento di oltre il 22%. Dal grafico emerge chiaramente che, per ogni 100 copie te, meno di 70 generano reddito L altro aspetto significativo evidenziato dal grafico è la limitatissima quota - meno del 6% sulla produzione complessiva, poco più dell 8% della diffusione pagata complessiva - costituita dagli abbonamenti. Si tratta di un valore in continuo decremento: i dati Fieg stimano un calo dell 11,3% dei ricavi da abbonamento dei quotidiani italiani in soli due anni, tra il 2009 e il Non ha certamente aiutato il sensibile incremento delle tariffe postali intervenuto nel 2010 e l ulteriore aggravio costituito dalla tariffa aggiuntiva che gli editori sono per le aziende editoriali, mentre Suddivisione della tiratura complessiva 2011 la percen- 62,4% abbonamenti pagati vendite 5,7% tuale di copie di resa, che era inferiore al 26% nel 2006, è andata copie gratuite 1,4% crescendo attestandosi nel altro (vendite in blocco, abbon. gratuiti, diff. estero, 2011 al di sopra etc.) del 28%. In totale, ogni anno resa 28,3% 2,1% si no oltre Elaborazioni Asig su dati Ads 12

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 La riduzione delle copie vendute nel quinquennio è stata di 400 milioni, oltre un milione di copie al giorno. Lievemente meno accentuato il calo degli abbonamenti, passati da circa 380mila

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA. Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. COMUNICATO STAMPA Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. Il Consiglio di Amministrazione esamina i risultati al 31 dicembre

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

Nel futuro c è l ebook e non solo

Nel futuro c è l ebook e non solo http://www.aie.it/ Stato dell editoria in Italia Nel futuro c è l ebook e non solo Nicoletta Salvatori - 2014-2015 Corso Editing e scritture professionali - Università di Pisa 1 Associazione Italiana Editori

Dettagli

RAPPORTO 2015. sull industria dei quotidiani in Italia. Osservatorio Quotidiani Carlo Lombardi

RAPPORTO 2015. sull industria dei quotidiani in Italia. Osservatorio Quotidiani Carlo Lombardi RAPPORTO 2015 sull industria dei quotidiani in Italia Osservatorio Quotidiani Carlo Lombardi RAPPORTO 2015 sull industria dei quotidiani in Italia Osservatorio Quotidiani Carlo Lombardi Il Rapporto 2015

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i dati della filiera Alessandro Nova Università itàl. Bocconi Roma, 15 febbraio 2012 Filiera della carta 2012 Alessandro Nova 1 La filiera della carta, editoria,

Dettagli

RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO ESPRESSO AL 30 GIUGNO 2015

RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO ESPRESSO AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli La Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG), fondata nel 1950, rappresenta

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati La relazione trimestrale è redatta su base consolidata in quanto la

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO Società per Azioni RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2002 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

L Italia dei Libri 2011-2013

L Italia dei Libri 2011-2013 L Italia dei Libri 2011-2013 Indagine condotta mensilmente sul panel consumer Nielsen Dott.ssa Rossana Rummo, Direttore Generale per le biblioteche, gli istituti culturali ed il diritto d autore 1 Che

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Assemblea dei soci di Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A.: Approvato il bilancio 2009 Rinnovata la delega

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Gruppo Espresso: il consiglio di amministrazione approva i risultati consolidati del primo semestre 2008.

Dettagli

Economia Aziendale. Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli. Nº matricola: 708079

Economia Aziendale. Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli. Nº matricola: 708079 Economia Aziendale Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli Nº matricola: 708079 Corso A-D 2014-2015 Fonte: IL SOLE 24 ORE: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-10-07/

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Vendere per crescere. Il caso della vendita di diritti di edizione nell editoria per ragazzi

Vendere per crescere. Il caso della vendita di diritti di edizione nell editoria per ragazzi Vendere per crescere. Il caso della vendita di diritti di edizione nell editoria per ragazzi Giovanni Peresson (giovanni.peresson@aie.it) Elisa Molinari (elisa.molinari@ediser.it) La compravendita di diritti

Dettagli

RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO ESPRESSO AL 30 GIUGNO 2015

RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI DEL GRUPPO ESPRESSO AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA Ai sensi della delibera Consob 11971/99 e successive modificazioni e integrazioni GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.P.A. Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati consolidati al

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 PARMA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione è

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete REPORT SULLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA SETTEMBRE 2013 1 A. Consistenze e caratteristiche generali della rete Tav.1 Evoluzione della rete di distribuzione carburanti 2000 2005 2010 2011 Autostradali

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Primo trimestre 2006, fatturato pari a 26 milioni di euro (+13%) Ricavi pubblicitari in crescita del 14,8%, a 13,2 milioni di euro

Primo trimestre 2006, fatturato pari a 26 milioni di euro (+13%) Ricavi pubblicitari in crescita del 14,8%, a 13,2 milioni di euro Primo trimestre 2006, fatturato pari a 26 milioni di euro (+13%) Ricavi pubblicitari in crescita del 14,8%, a 13,2 milioni di euro Ebitda a 2,1 milioni (+37,3%) Risultato di gruppo ante imposte +273,7%

Dettagli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001 IV trimestre 2004 27 aprile 2005 Ufficio della comunicazione tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Poligrafici Editoriale

Poligrafici Editoriale COMUNICATO STAMPA (redatto ai sensi della Delibera Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni) Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria semestrale

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero IEM-Fondazione Rosselli La mission Quinto Summit sull Industria della Comunicazione IL DECIMO RAPPORTO IEM Riunire

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2012 MERCATO DELLE EROGAZIONI Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 6.875,45 milioni di euro nel secondo trimestre

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 VERONA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Class Editori spa per esaminare l'andamento delle attività della Casa Editrice nei primi sei

Class Editori spa per esaminare l'andamento delle attività della Casa Editrice nei primi sei Class Editori Milano, Roma, Londra, New York via Burigozzo 5 20122 - Milano Tel : + 39 0258219.1 Tel : + 39 0258317376 Comunicato stampa Approvata la semestrale al 30/06/2003. Costi (43,63 mil. Euro) in

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015

LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015 LA FILATURA ITALIANA NEL 2014-2015 Nota a cura di: Per: Federazione Tessile e Moda Centro Studi Pitti Immagine 1. Il bilancio settoriale del 2014 Nel 2014, per il terzo anno consecutivo, l industria italiana

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

L EDITORIA D INFORMAZIONE E IL SUO RUOLO NELL UNIVERSO DIGITALE

L EDITORIA D INFORMAZIONE E IL SUO RUOLO NELL UNIVERSO DIGITALE L EDITORIA D INFORMAZIONE E IL SUO RUOLO NELL UNIVERSO DIGITALE Claudio Giua, direttore dello Sviluppo e dell Innovazione Milano, 26 febbraio 2013 1 Nel 2010 si pensava che nel 2015 una buona media company

Dettagli

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini presso la Commissione Programmazione

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO Il presente studio fa parte delle pubblicazioni effettuate ogni anno, sin dal 1994, a cura della FRT - Federazione Radio Televisioni e SLC-CGIL,

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché?

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? 1 L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? La crisi che ormai da alcuni anni sta sconvolgendo la nostra economia ed il nostro lavoro ha colpito più di altri, alcuni comparti, caratterizzati dalla presenza

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna

I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna I laureati e il lavoro a dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna Andrea Cammelli A dieci anni dalla Dichiarazione di Bologna e ad otto dall avvio della riforma universitaria nel nostro paese, è possibile

Dettagli

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012 Monitor semestrale Internet in Italia I semestre 2012 Luglio 2012 Indice Premessa Pag. 2 Sintesi Pag. 3 Le dimensioni complessive del mercato Pag. 6 L offerta e l audience di Rai Pag. 11 Rai nel contesto

Dettagli

a cura di Raffaella Massaro e Sandro Sanseverinati

a cura di Raffaella Massaro e Sandro Sanseverinati Elaborazione promossa dalla Sezione Servizi Innovativi e Tecnologici di CONFINDUSTRIA PADOVA IL RUOLO DEI SERVIZI INNOVATIVI E TECNOLOGICI NELLA STRUTTURA ECONOMICA DI PADOVA E DEL VENETO Settembre 2010

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

PREZZI CARBURANTI. SQUERI: PROBABILI AUMENTI SOTTO IL LIMITE DI 1

PREZZI CARBURANTI. SQUERI: PROBABILI AUMENTI SOTTO IL LIMITE DI 1 Roma, 9 luglio 2010 METEO-CARBURANTI: IL PREZZO CHE FA Rapporto settimanale Figisc Anisa Confcommercio Settimana sabato 3 luglio giovedì 8 luglio 2010 a cura dell Ufficio Studi & Comunicazione Figisc PREZZI

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli