RAPPORTO sull industria dei quotidiani in Italia. Osservatorio Quotidiani Carlo Lombardi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO 2012. sull industria dei quotidiani in Italia. Osservatorio Quotidiani Carlo Lombardi"

Transcript

1 RAPPORTO 2012 sull industria dei quotidiani in Italia Osservatorio Quotidiani Carlo Lombardi

2 Il Rapporto 2012 sull industria dei quotidiani è stato realizzato da ASIG per l Osservatorio tecnico Carlo Lombardi per i quotidiani e le agenzie di informazione. Salvatore Curiale ha coordinato il progetto ed ha curato la stesura dei testi Sergio Vitelli ha collaborato alla raccolta dei dati Giuseppe Pascucci e Luca Michelli hnnoa curato l aggiornamento della Banca Dati dell Industria editoriale italiana Elga Mauro ha curato le traduzioni dall inglese Osservatorio Tecnico Carlo Lombardi per i quotidiani e le agenzie di informazione Via Sicilia Roma - tel fax

3 Rapporto 2012 sull industria italiana dei quotidiani PREMESSA Nell accingerci a stilare la premessa dell edizione 2012 del Rapporto sull industria dei quotidiani, ci siamo resi conto che avremmo potuto riproporre tale e quale, con i necessari aggiornamenti dei dati statistici, il testo che accompagnava l edizione dell anno passato, sia nella parte che riguarda la descrizione della crisi, sia laddove si cerca di individuare possibili aree di intervento per il settore. Di nuovo (e di peggio) c è la crisi economica generale, acuitasi a partire dall autunno scorso con gli inevitabili riflessi sui comportamenti individuali, che rischia di deprimere ulteriormente i consumi culturali, che già nel nostro Paese non sono mai stati coltivati con particolare amore. I più recenti dati Fieg non fanno che testimoniare un ulteriore avvitamento della spirale negativa che da circa cinque anni investe l industria editoriale; la diffusione media giornaliera dei quotidiani a pagamento è scesa sotto i 4,5 milioni di copie giornaliere; in soli cinque anni, tra il 2006 e il 2011, si è perso più di un milione di copie giornaliere di diffusione, e il fenomeno della free press, che ha rappresentato per anni una interessante opportunità di diversificazione permettendo di raggiungere nuovi lettori, appare in pesante ripiegamento, con chiusure di testate, accorpamenti di edizioni, tagli alle tirature ed alle foliazioni. La pubblicità nel 2011 è calata del 5,5% per i quotidiani a pagamento, e addirittura del 22,4% per i gratuiti, a fronte di un mercato complessivo che ha perso il 3,8%. La quota di mercato dei quotidiani è passata dal 16,2% al 15,6%, mentre la televisione, pur risentendo anch essa della crisi degli investimenti pubblicitari (-3,1%), ha allargato dal 53,2% al 53,6% la propria quota. * * * A fronte di questo quadro generale, può apparire quasi miracoloso che, nel complesso, le aziende editoriali italiane possano chiudere i bilanci 2011 con un margine operativo lordo positivo per circa 100 milioni di euro ed utili per circa 30. Ma a ben guardare nelle serie storiche, ci si accorge che il risultato è stato reso possibile solo grazie ad una significativa riduzione dei costi operativi, calati del 14% tra il 2008 e il Nel 2011 però i costi sono diminuiti soltanto dello 0,7%: segno chiaro del fatto che i margini per una ulteriore riduzione dei costi vanno assottigliandosi. E necessario dunque agire sull altra colonna del conto economico, quella dei ricavi: ma come? Il modello di business attuale appare in difficoltà, soggetto com è ad una continua erosione di entrambe le sue componenti (copie e pubblicità). Il digitale è certamente una strada che gli editori stanno percorrendo con decisione ed impegno, se è vero che, su 13 milioni di italiani che ogni giorno accedono a internet, circa la metà visitano siti di quotidiani. Né è casuale il fatto che la pubblicità su internet stia stata l unica nel 2011 a segnare un risultato positivo (+12%). Ma va detto anche, per non alimentare aspettative esagerate, che la strada della diversificazione digitale è ancora lunga e faticosa, e passerà ancora molto tempo prima che i prodotti digitali possano generare ritorni significativi. Nel biennio i ricavi da attività online delle aziende editoriali italiane sono cresciuti dell 83%, eppure l incidenza totale 3

4 premessa dei ricavi digitali sul fatturato non ha superato nel 2011 il punto e mezzo percentuale. Negli Stati Uniti ed in Gran Bretagna, Paesi con una maggiore penetrazione di internet rispetto al nostro e dove l uso della lingua inglese consente l accesso ad un mercato potenziale enormemente maggiore rispetto a quello disponibile agli editori italiani, sono rari gli esempi di editori che riescono a superare il 20/25% di ricavi digitali. * * * Attenzione al nuovo quindi, ma anche rafforzamento e messa in efficienza del ciclo produttivo tradizionale, sono le strade da percorrere per cercare di uscire dalle difficoltà di oggi. In quest ottica, vanno salutate positivamente iniziative come la riorganizzazione dell ADS, che fornirà agli investitori pubblicitari dati affidabili e tempestivi, e i progetti di razionalizzazione del sistema distributivo in corso che promettono, con la certificazione delle rese e l informatizzazione dei punti vendita, di ridurre le inefficienze logistiche e di aprire nuove opportunità di ricavo per la rete delle edicole, oggi in forte sofferenza. E va sostenuta con forza ogni iniziativa a difesa del diritto d autore contro qualunque forma di pirateria e di sfruttamento, online e offline. Troppo spesso ci dimentichiamo, anche noi che viviamo in questo mondo, che dietro una notizia c è una complessa e costosa organizzazione: se vogliamo informazione di qualità, dobbiamo essere pronti a pagarla per ciò che vale, riconoscendo il diritto alla remunerazione di chi ci ha messo il proprio lavoro ed investito i propri quattrini. * * * La nostra natura di Osservatorio contrattuale ci impone di analizzare le possibili ricadute dei trend sopra descritti sul sistema di relazioni industriali del settore. Nell area che una volta si definiva di pre, occorrerà rivedere i flussi di lavoro in funzione di un organizzazione che prevede non più un solo prodotto bensì una molteplicità di canali; in quest area, la flessibilità e la capacità di adattamento a nuovi flussi organizzativi diventeranno il fattore di competitività più rilevante, e la formazione assumerà un ruolo determinante. Nell area di produzione tradizionale, invece, bisogna partire da un dato ineludibile: oggi sono attivi in Italia più di 80 stabilimenti per la di quotidiani, con circa 140 linee di, a fronte di volumi produttivi in costante calo. E necessario accompagnare e governare il processo di razionalizzazione dell infrastruttura produttiva esistente, favorendo la trasformazione degli impianti da semplici nti remote in centri di produzione e logistica multiprodotto, in grado di servire nuovi mercati. Il rinnovo del contratto di lavoro, che mentre chiudiamo questa ricerca è ancora in discussione, costituisce una occasione da non perdere per agevolare questi trend e superare un passato che deve rimanere un patrimonio e non trasformarsi in peso ed ipoteca sul futuro. * * * Business tradizionale da ottimizzare con un occhio vigile a tutte le novità che offre il mercato, la società e le tecnologie digitali: questa, in estrema sintesi, la sfida con la quale dovremo misurarci nei prossimi anni; questa la domanda a cui dovrà dare risposta la riforma dell editoria di cui da tanto tempo si parla e il cui obiettivo non può che essere quello di garantire a tutti gli operatori le condizioni affinché l informazione, bene costituzionalmente tutelato, possa essere prodotta in un contesto di sostenibilità economica. Il Consiglio Direttivo Maggio

5 Rapporto 2012 sull industria italiana dei quotidiani INDICE IL MERCATO DEI LETTORI...11 Il c a l o c o n t i n ua...11 Il n o d o d e l s i s t e m a distributivo...13 Le d i f f i c o lt à d e l l a f r e e p r e s s...14 Un p o p o l o d i n a v i g a t o r i (e d i l e t t o r i)...15 La d i f f u s i o n e USA? E in c r e s c i ta...17 Me n o s ta b i l i m e n t i d i s t a m p a?...19 IL MERCATO PUBBLICITARIO Un a c r i s i s t r u t t u r a l e?...20 I q u o t i d i a n i in d e t ta g l i o...22 Ri t o r n o a g l i a n n i Ci n q ua n ta...24 Un d o l l a r o g ua d a g n a t o, d o d i c i p e r s i...25 GLI INDICATORI ECONOMICI Ri c a v i : c o n t i n ua l o s c i v o l a m e n t o...26 I c o s t i: l a d i s c e s a è finita?...27 I m a r g i n i o p e r a t i v i...29 OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONI POLIGRAFICHE Da t i o c c u pa z i o n a l i e r e t r i b u t i v i c o m p l e s s i v i...31 Da t i o c c u pa z i o n a l i e r e t r i b u t i v i s u d d i v i s i p e r a r e a g e o g r a f i c a...35 Da t i o c c u pa z i o n a l i e r e t r i b u t i v i s u d d i v i s i p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a...42 Da t i o c c u pa z i o n a l i e r e t r i b u t i v i s u d d i v i s i p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...49 ANAGRAFE DELL INDUSTRIA EDITORIALE Da t i d i riepilogo...56 Le t e s tat e q u o t i d i a n e...57 Le s o c i e t à editrici...83 I c e n t r i s t a m p a...98 I c e n t r i s t a m p a...98 Le a g e n z i e d i i n f o r m a z i o n e Le c o n c e s s i o n a r i e d i p u b b l i c i t à

6 INDICE DELLE TABELLE E DEI GRAFICI IL MERCATO DEI LETTORI Ti r a t u r a e v e n d i ta m e d i a An d a m e n t o v e n d i t e Vo l u m i p r o d u t t i v i a n n u i Suddivisione d e l l a t i r a t u r a c o m p l e s s i v a La f r e e-p r e s s in Ita l i a...14 La f r e e p r e s s n e l m o n d o, An d a m e n t o d e l l a r e a d e r s h i p in Ita l i a Co m p o s i z i o n e d e l l u t e n z a w e b in Ita l i a, An d a m e n t o d e l l u t i l i z z o m e d i o d e l w e b in Ita l i a...16 Di f f u s i o n e c o m b i n a t a d e i 25 m a g g i o r i q u o t i d i a n i USA, m a r z o Ch i u s u r e d i s ta b i l i m e n t i p e r l a s t a m p a d i q u o t i d i a n i n e g l i USA, IL MERCATO PUBBLICITARIO Il m e r c a t o pubblicitario i ta l i a n o , m e z z i c l a s s i c i...20 Il mercato pubblicitario italiano , mezzi classici, a valori costanti Ev o l u z i o n e d e l m e r c a t o pubblicitario i ta l i a n o...21 Il m e r c a t o pubblicitario i ta l i a n o (g e n n a i o-f e b b r a i o)...21 Fat t u r at o pubblicitario d e i q u o t i d i a n i Fat t u r at o pubblicitario d e i q u o t i d i a n i (g e n n a i o-m a r z o )...22 Fat t u r at o m e d i o p e r m o d u l o pubblicitario a va l o r i c o s ta n t i An d a m e n t o pubblicitario q u o t i d i a n i t r a d i z i o n a l i e f r e e p r e s s, Andamento della pubblicità sui quotidiani Usa a valori costanti Suddivisione p e r c a t e g o r i a d e l fat t u r at o pubblicitario s u i q u o t i d i a n i USA...25 GLI INDICATORI ECONOMICI Ri c a v i c o m p l e s s i v i d e i q u o t i d i a n i a va l o r i c o r r e n t i...26 Ri c a v i c o m p l e s s i v i d e i q u o t i d i a n i a va l o r i c o s ta n t i Suddivisione % d e i r i c a v i d a v e n d i t e e d a p u b b l i c i t à...27 An d a m e n t o d e i c o s t i e d e i r i c a v i d e l l e i m p r e s e editoriali e d e l c o s t o d e l l a v i ta, (va l = 100)...27 Co m p o s i z i o n e d e i c o s t i n e l l e a z i e n d e editoriali, a n n o Ev o l u z i o n e d e i c o s t i editoriali Re t r i b u z i o n e l o r d a 2011 d e g l i o p e r a i poligrafici p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a...29 Margini operativi delle imprese editoriali a valori costanti OCCUPAZIONE E RETRIBUZIONI POLIGRAFICHE Dati occupazionali e retributivi complessivi Oc c u pa z i o n e poligrafica Di p e n d e n t i a l 31/12 p e r s e s s o e qualifica...31 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i p e r s e s s o e qualifica: Ad d e t t i Ad d e t t i 2011 p e r s e s s o e l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o...32 Suddivisione dei dipendenti per gruppi di livelli di inquadramento...32 Me d i a r e t r i b u z i o n i o r d i n a r i e a n n u e p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o...33 Me d i a r e t r i b u z i o n i o r d i n a r i e a n n u e 2011 p e r l i v e l l o e s e s s o...33 Me d i a r e t r i b u z i o n i s t r a o r d i n a r i e a n n u e...33 Me d i a r e t r i b u z i o n i s t r a o r d i n a r i e a n n u e 2011 p e r l i v e l l o e s e s s o...33 Re t r i b u z i o n e c o m p l e s s i v a a n n ua m e d i a...34 Me d i a r e t r i b u z i o n i c o m p l e s s i v e a n n u e 2011 p e r l i v e l l o e s e s s o...34 To ta l e r e t r i b u z i o n i e r o g a t e, o r e l a v o r a t e, m e d i a o r a r i a

7 Rapporto 2012 sull industria italiana dei quotidiani Dati occupazionali e retributivi suddivisi per area geografica Suddivisione d e l l e a z i e n d e p e r r e g i o n e e a r e a g e o g r a f i c a...35 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i p e r a r e a g e o g r a f i c a: Di p e n d e n t i a l 31/12 p e r s e s s o e qualifica...35 Ad d e t t i 2011 p e r s e s s o e a r e a g e o g r a f i c a...35 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: No r d-ov e s t...36 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: No r d-es t...36 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Ce n t r o...36 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Su d...36 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Is o l e...36 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011 p e r g r u p p i d i l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e a r e a g e o g r a f i c a...37 Ad d e t t i p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e a r e a g e o g r a f i c a...37 Ad d e t t i 2011 p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o, s e s s o e a r e a g e o g r a f i c a...37 Me d i a r e t r i b u z i o n e o r d i n a r i a a n n ua: suddivisione p e r a r e a g e o g r a f i c a...38 Me d i a r e t r i b u z i o n i o r d i n a r i e a n n u e p e r l i v e l l o e a r e a g e o g r a f i c a...38 Media retribuzioni ordinarie annue 2011 per sesso, livello e area geografica...38 Me d i a r e t r i b u z i o n e s t r a o r d i n a r i a a n n ua: suddivisione p e r a r e a g e o g r a f i c a...39 Me d i a r e t r i b u z i o n i s t r a o r d i n a r i e a n n u e p e r l i v e l l o e a r e a g e o g r a f i c a...39 Media retribuzioni straordinarie annue 2011 per sesso, livello e area geografica...39 Me d i a r e t r i b u z i o n e c o m p l e s s i v a a n n ua: suddivisione p e r a r e a g e o g r a f i c a...40 Me d i a r e t r i b u z i o n i c o m p l e s s i v e a n n u e p e r l i v e l l o e a r e a g e o g r a f i c a...40 Media retribuzioni complessive annue 2011 per sesso, livello e area geografica...40 Totale retribuzioni erogate, ore lavorate, media oraria per area geografica...41 Suddivisione % d e l m o n t e r e t r i b u t i v o 2011 p e r a r e a g e o g r a f i c a...41 Re t r i b u z i o n e m e d i a o r a r i a: suddivisione p e r a r e e g e o g r a f i c h e...41 Dati occupazionali e retributivi suddivisi per tipologia di azienda Suddivisione d e l l e a z i e n d e p e r t i p o l o g i a...42 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011 p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a...42 Di p e n d e n t i a l 31/12 p e r s e s s o e qualifica...42 Ad d e t t i 2011 p e r s e s s o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...42 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011:So c i e t à editrici...43 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Ce n t r i s t a m p a p u r i...43 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Ce n t r i s t a m p a ibridi...43 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Ag e n z i e d i i n f o r m a z i o n e...43 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Alt r e s o c i e t à...43 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011 p e r g r u p p i d i l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...44 Ad d e t t i p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...44 Ad d e t t i 2011 p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o, s e s s o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...44 Me d i a r e t r i b u z i o n e o r d i n a r i a a n n ua: suddivisione p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a...45 Me d i a r e t r i b u z i o n i o r d i n a r i e a n n u e p e r l i v e l l o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...45 Media retribuzioni ordinarie annue 2011 per sesso, livello e tipologia di azienda...45 Media retribuzione straordinaria annua: suddivisione per tipologia di azienda...46 Me d i a r e t r i b u z i o n i s t r a o r d i n a r i e a n n u e p e r l i v e l l o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...46 Media retribuzioni straordinarie annue 2011 per sesso, livello e tipologia di azienda.46 Media retribuzione complessiva annua: suddivisione per tipologia di azienda...47 Me d i a r e t r i b u z i o n i c o m p l e s s i v e a n n u e p e r l i v e l l o e t i p o l o g i a d i a z i e n d a...47 Media retribuzioni complessive annue 2011 per sesso, livello e tipologia di azienda...47 Totale retribuzioni erogate, ore lavorate, media oraria per tipologia di azienda...48 Suddivisione % d e l m o n t e r e t r i b u t i v o 2011 p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a indice delle tabelle e dei grafici

8 indice delle tabelle e dei grafici Re t r i b u z i o n e m e d i a o r a r i a: suddivisione p e r t i p o l o g i a d i a z i e n d a...48 Dati occupazionali e retributivi suddivisi per tipologia di Suddivisione d e l l e s o c i e t à editrici p e r t i p o l o g i a...49 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011 p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...49 Di p e n d e n t i a l 31/12 p e r s e s s o e qualifica...49 Ad d e t t i 2011 p e r s e s s o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...49 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Provinciali...50 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Re g i o n a l i...50 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Pl u r i r e g i o n a l i...50 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Na z i o n a l i...50 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011: Politici...50 Suddivisione % d e i d i p e n d e n t i 2011 p e r g r u p p i d i l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...51 Ad d e t t i p e r l i v e l l o d i i n q ua d r a m e n t o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...51 Addetti 2011 per livello di inquadramento, sesso e tipologia di...51 Media retribuzione ordinaria annua: suddivisione per tipologia di...52 Media retribuzioni ordinarie annue per livello e tipologia di...52 Me d i a r e t r i b u z i o n i o r d i n a r i e a n n u e 2011 p e r s e s s o, l i v e l l o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...52 Me d i a r e t r i b u z i o n e s t r a o r d i n a r i a a n n ua: suddivisione p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...53 Media retribuzioni straordinarie annue per livello e tipologia di...53 Me d i a r e t r i b u z i o n i s t r a o r d i n a r i e a n n u e 2011 p e r s e s s o, l i v e l l o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...53 Media retribuzione complessiva annua: suddivisione per tipologia di..54 Media retribuzioni complessive annue per livello e tipologia di...54 Me d i a r e t r i b u z i o n i c o m p l e s s i v e a n n u e 2011 p e r s e s s o, l i v e l l o e t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...54 To ta l e r e t r i b u z i o n i e r o g a t e, o r e l a v o r a t e, m e d i a o r a r i a p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...55 Suddivisione % d e l m o n t e r e t r i b u t i v o 2011 p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...55 Re t r i b u z i o n e m e d i a o r a r i a: suddivisione p e r t i p o l o g i a d i s o c i e t à editrice...55 ANAGRAFE DELL INDUSTRIA EDITORIALE Dati di riepilogo Te s t a t e q u o t i d i a n e, p e r r e g i o n e...56 So c i e t à editrici, p e r r e g i o n e e t i p o l o g i a...56 Ce n t r i s t a m p a, p e r r e g i o n e e t i p o l o g i a...56 Co n c e s s i o n a r i e d i p u b b l i c i t à, p e r r e g i o n e e t i p o l o g i a...56 Ag e n z i e d i i n f o r m a z i o n e, p e r r e g i o n e e periodicità...56 I centri Ca pa c i t à p r o d u t t i va p e r r e g i o n e...98 Ca pa c i t à p r o d u t t i va e c o n s u m o d e i g i o r n a l i q u o t i d i a n i...98 Suddivisione d e l l a c a pa c i t à p r o d u t t i va p e r t i p o l o g i a d i c o n t r at t o d i l a v o r o

9 Rapporto 2012 sull industria italiana dei quotidiani NOTA METODOLOGICA Le elaborazioni contenute in questo rapporto di ricerca sono state realizzate sulla base dei dati provenienti da diverse fonti: Federazione Italiana Editori Giornali: diffusione, tirature, ricavi da vendite e da pubblicità, bilanci delle imprese editoriali. Ads (Accertamento diffusione ): diffusione e vendite dei quotidiani. Fondo Nazionale di previdenza per i lavoratori dei giornali quotidiani Fiorenzo Casella : dati occupazionali e retributivi. Istat: andamento del costo della vita. World Association of Newspapers: mercato internazionale dei quotidiani. Audipress e Audiweb: readership dei quotidiani e dei siti internet. Nielsen Media Research: andamento del mercato pubblicitario italiano. Osservatorio Stampa Fcp: andamento del fatturato pubblicitario dei giornali. Riteniamo opportuno fornire alcuni chiarimenti circa le elaborazioni che sono state effettuate sui dati sopra esposti e che sono state rese necessarie dalle esigenze alle quali la presente pubblicazione è tenuta a rispondere. Tirature e diffusione. Questi dati vengono elaborati da Fieg sulla base degli allegati ai bilanci che le aziende trasmettono alla Federazione dopo l approvazione. Spesso a proposito dei prodotti editoriali si tende a fare confusione tra diffusione e vendita. In questa pubblicazione ci siamo attenuti ai criteri seguiti dall Ads, in base ai quali la diffusione è costituita dal totale delle copie che vengono cedute, non importa se a titolo oneroso o gratuito. Ciò che rimane della tiratura dopo la diffusione costituisce la resa. All interno delle copie diffuse Ads distingue tra diffusione pagata (a sua volta suddivisa in vendita delle singole copie e abbonamenti pagati), vendite in blocco (ovvero la vendita di lotti di copie ad aziende, enti, associazioni e simili, con una percentuale di sconto concordata), diffusione gratuita (abbonamenti, omaggi, coupon), altro (vendite all estero, altri usi, etc.). Ricavi dei quotidiani. I ricavi complessivi sono rilevati dai bilanci delle aziende. Va sottolineato come i ricavi da vendite sono da considerarsi al netto dell aggio dei rivenditori e distributori, così come i ricavi da pubblicità sono da considerarsi al netto delle commissioni pagate dagli inserzionisti alle agenzie pubblicitarie ed ai centri media. Inflazione. Il parametro di riferimento è l indice nazionale Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (Foi), al netto dei consumi di tabacchi. Retribuzioni poligrafiche. I dati riportati si riferiscono alla retribuzione lorda effettivamente erogata dalle aziende ai dipendenti poligrafici. I dati forniti dal Fondo Casella riportano, suddivisi per livello di inquadramento, il numero di lavoratori che hanno prestato attività nel corso dell anno, l importo complessivo delle retribuzioni ordinarie erogate, il numero di giorni lavorativi retribuiti, l importo complessivo delle retribuzioni 9

10 nota metodologica straordinarie erogate, il numero complessivo di ore di straordinario prestate. Per il calcolo delle retribuzioni ordinarie, la media annua è stata ottenuta dividendo la retribuzione degli addetti per il numero di giorni complessivamente retribuiti, e moltiplicando il totale ottenuto per 312, numero di giorni contrattualmente retribuiti nell arco dell anno solare. Per le retribuzioni straordinarie, il dato medio annuo è stato ottenuto dividendo il numero delle ore di straordinario retribuite per il numero dei poligrafici. Anagrafe dell industria dei quotidiani. I dati relativi a testate, società editrici, centri e concessionarie di pubblicità sono desunti dalle gerenze pubblicate nelle testate. A cadenza periodica viene aggiornato l archivio mediante l acquisizione di una copia della pubblicazione e l invio di una scheda per l aggiornamento dei dati. La definizione di testata quotidiana, nella sua apparente univocità, può prestarsi a diverse interpretazioni e ad equivoci; da una parte, infatti, occorrere distinguere tra testata ed edizione, distinzione spesso non agevole, soprattutto nel caso sempre più frequente di pubblicazioni realizzate con organizzazioni redazionali e produttive sinergiche e che condividono larga parte dei contenuti. Per i fini che si propone questo rapporto, abbiamo ritenuto di adottare una estensione la più ampia possibile del concetto di testata quotidiana : una pubblicazione di contenuto giornalistico univocamente distinta sulla base del nome, che venga pubblicata almeno quattro volte a settimana. Per le agenzie di informazione, il dato di partenza è costituito dagli elenchi che, sino a qualche anno fa, venivano pubblicati dalla Presidenza del consiglio. Si è quindi verificata l effettiva attività svolta (molte di queste agenzie esistevano solo sulla carta) attraverso l invio periodico di questionari per il rilevamento dei dati. L aggiornamento dei dati, sia per quanto riguarda le testate giornalistiche ed i dati collegati, che per quanto riguarda le agenzie di informazione, viene effettuato attraverso un costante monitoraggio della specializzata e contatti diretti con rivenditori e distributori su tutto il territorio nazionale. Data l estrema fluidità del settore, è possibile che alcuni dei dati riportati possano risultare superati nel momento in cui questo rapporto giungerà nelle mani dei lettori; ce ne scusiamo sin d ora con gli interessati, invitandoli a segnalarci errori ed omissioni. 10

11 Rapporto 2012 sull industria italiana dei quotidiani IL MERCATO DEI LETTORI Il calo continua Il 18 aprile scorso sono stati presentati liere del 2008 ai 6,5 milioni del Andamento vendite Vendita media variaz. giornaliera % presso la sede Fieg di Roma i dati più aggiornati sull andamento del mercato edilineato tuttavia ,5% 2011; va sotto ,6% toriale. Le vendite dei giornali quotidiani che, rimanendo ,3% ,6% sono risultate in calo per il quinto anno sostanzialmente ,4% identico ,7% consecutivo, assestandosi poco al di sotto ,6% dei 4,5 milioni di copie giornaliere. Nel il numero di ,2% ,2% 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un punti vendita ,5% incremento delle vendite, si vendevano 5,5 da rifornire, ,7% ,9% milioni di copie al giorno; in un lustro si è la diminuzione ,1% bruciato quindi un milione di copie, pari a delle vendite ,1% ,6% poco meno del 20% del totale. non si riflette ,8% L andamento delle vendite è particolarmente in una dimi ,9% differenziato per area geografica: i nuzione della ,0% ,8% dati indicano infatti che nelle regioni del percentuale di ,9% Nord si vendono mediamente 92 copie per resa, che infatti ,2% 2011* ,7% 100 abitanti, al Centro 84 copie, mentre nel 2011 è stata variazione ,4% nelle regioni meridionali la vendita media non arriva alle 50 copie pari al 31,5%, * stime su un campione di 58 testate. Dati Fieg per mille abitanti. Il Tiratura e vendita media % delle copie viene venduto nelel regioni del Nord a fronte di una popolazione del %, mentre al Sud, dove vive il 34% della popolazione italiana, viene venduto solamente il 22% delle copie La riduzione delle quote vendute si riflette anche sul dato della tiratura produzione complessiva, ovvero la tiratura, 2008 vendita 2009 anch essa in calo negli * ultimi anni, dai 7,5 milioni di copie giorna- * stime su un campione di 58 testate. Dati Fieg 11

12 Volumi produttivi annui ±% 10/11 ±% 08/11 vendite ,9% -14,1% abbonamenti pagati ,4% -22,5% copie gratuite ,3% -14,2% altro (vendite in blocco, ,4% -26,9% abbon. gratuiti, diff. estero, etc.) resa ,4% -5,2% tiratura complessiva ,1% -12,7% Elaborazione Asig su dati Ads il mercato dei lettori sostanzialmente stabile rispetto al 31,8% del settecento milioni di copie di giornale che non producono ricavi o che, nel caso delle rese, determinano costi aggiuntivi. Quanto incida la resa sull apparato produttivo dell industria dei quotidiani appare evidente analizzando la tabella in questa pagina, che mette a confronto i dati Ads degli ultimi quattro anni. La produzione complessiva è diminuita nell arco di tempo considerato del 13% circa, corrispondente a circa 325 milioni di copie annue. Ma il calo della resa nello stesso periodo è stato soltanto del 5,2%, mentre le vendite in edicola sono diminuite del 14% e quelle in abbonamento di oltre il 22%. Dal grafico emerge chiaramente che, per ogni 100 copie te, meno di 70 generano reddito L altro aspetto significativo evidenziato dal grafico è la limitatissima quota - meno del 6% sulla produzione complessiva, poco più dell 8% della diffusione pagata complessiva - costituita dagli abbonamenti. Si tratta di un valore in continuo decremento: i dati Fieg stimano un calo dell 11,3% dei ricavi da abbonamento dei quotidiani italiani in soli due anni, tra il 2009 e il Non ha certamente aiutato il sensibile incremento delle tariffe postali intervenuto nel 2010 e l ulteriore aggravio costituito dalla tariffa aggiuntiva che gli editori sono per le aziende editoriali, mentre Suddivisione della tiratura complessiva 2011 la percen- 62,4% abbonamenti pagati vendite 5,7% tuale di copie di resa, che era inferiore al 26% nel 2006, è andata copie gratuite 1,4% crescendo attestandosi nel altro (vendite in blocco, abbon. gratuiti, diff. estero, 2011 al di sopra etc.) del 28%. In totale, ogni anno resa 28,3% 2,1% si no oltre Elaborazioni Asig su dati Ads 12

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ. Riccardo Puglisi

COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ. Riccardo Puglisi COSA COMPRA LA PUBBLICITÀ Riccardo Puglisi Le questioni in ballo Che cosa compra la pubblicità? L attenzione di lettori ed ascoltatori per i prodotti pubblicizzati. I mass mediacome "GianoBifronte (mercatoaduelati)

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli