L ATTIVITA ESTRATTIVA IN PUGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ATTIVITA ESTRATTIVA IN PUGLIA"

Transcript

1 L ATTIVITA ESTRATTIVA IN PUGLIA

2 L Italia è il più grande produttore di materiali lapidei al mondo La Puglia, ed in particolare il Nord Barese è la terza regione in Italia per quantità di materiali estratti e una delle prime anche per qualità dei materiali.

3 Tutte le varietà di marmi cavati presentano elevate caratteristiche tecniche, che le rendono idonee all impiego come pietre ornamentali, anche in condizioni ambientali caratterizzate da forti contrasti di temperatura e di umidità. Proprietà fisiche elevato grado di compattezza; valori molto buoni della resistenza a flessione, del modulo elastico, buone resistenze all'usura e all'urto; ottima lucidabilità e buona persistenza della stessa nel tempo. valori assai bassi del coefficiente di imbibizione valori trascurabili della dilatazione lineare termica.

4 MARMO DI APRICENA La lavorazione del Marmo di Apricena, iniziata agli albori del secolo scorso, ha avuto un forte impulso nel secondo dopoguerra quando si passò dal taglio a sabbia (particolare mistura di sabbia silicea che fatta colare in continuo su lame di ferro permettevano una lenta ma continua abrasione della superficie di contatto) al taglio con utensili diamantati. Si utilizza cioè polvere di diamante, che impastato con un particolare legante permette un taglio molto più veloce e preciso. L'attuale tecnologia permette una velocità di taglio che può raggiungere e superare anche i 20/25 centimetri per ora.

5 La produzione locale copre quasi tutta la produzione regionale, classificando l'intera area come la più importante del Meridione d'italia, sia per la quantità dei materiali estratti che per la qualità dei prodotti offerti sul mercato (nazionale e soprattutto estero).

6 I marmi e le pietre di Apricena sono conosciuti in tutto il mondo per la loro versatilità d'uso, per la caratteristica di robustezza nella lavorazione a spessore, nelle opere di pavimentazione e rivestimenti (sia all'esterno che all'interno), per le qualità cromatiche che li contraddistinguono e li sottopongono alla grande attenzione degli operatori del settore.

7 SERPEGGIANTE SCHEDA TECNICA Varietá: Calcare a grana fine, beige-marroncino, fittamente laminato. Localitá di estrazione: Apricena- Poggio Imperiale Composizione chimico mineralogica: CaCO3=98,4% - MgCO3=0,7% - Fe2O3=0,01% Altri ossidi (SiO2, Al2O3, Na2O, P2O5)= 0,6% Residuo insolubile: 0,2% (Illite dominante, caolinite abbondante, montmorillonite scarsa).

8 Caratteristiche meccaniche Resistenza a compressione Provini allo stato naturale (a) 1970, (b) 1980 kg/cm2 Provini saturi d'acqua (a) 1800, (b) 1805 kg/cm2 Provini dopo 20 cicli di gelo e disgelo: (a) 1945, (b) 1865 kg/cm2 Resistenza a flessione: (a)165 (b)125 kg/cm2 Caratteristiche sedimentologico-petrografiche Calcare pelmicritico dato da lamine algali e da lamine a pellets; intraclasti con calcite spatica e bioclasti. Plaghe calcitiche di ricristallizzazione.

9 Caratteristiche fisiche Peso specifico: 2,71 gr/cm3 Peso di volume: 2,68 gr/cm3 Grado di compattezza: 0,988 Coeff. di porosità: 0,012 Coeff. di imbibizione riferito al peso: 0,32% Coeff. di imbibizione riferito al volume: 0,73% Coeff. di dilatazione lineare termica 4.07 mm/m C-10-3 Modulo elastico: (a) kg/cm2 Resistenza all'usura: (a) 2,87 mm/km - Resistenza all' urto : (b) 15 kg/cm Direzione della sollecitazione rispetto al piano di stratificazione (a) normale - (b) parallelo - (c) non riconoscibile in laboratorio alla scala del campione.

10 LA PIETRA DI TRANI Costituisce una ricchezza per la città di Trani. Famosa nel mondo, ha una realtà produttiva dinamica, di tipo artigianale-industriale,con un imprenditoria capace di stare sul mercato con una gamma di prodotti molto vasta e innovatrice. Il bacino di sfruttamento della pietra di Trani ha un area piuttosto vasta.

11 L impiego della pietra di Trani per molteplici usi è consentito dalle sue particolari caratteristiche tecnologiche. Largamente adoperata nei secoli, trova oggi vasta applicazione in ogni tipo di costruzioni civili e in architettura. E particolarmente adoperata, ben lucidata, martellinata o allo stato grezzo, per colonne, capitelli, stipiti, davanzali, pavimenti, marciapiedi, scalini e moli.

12 Trani rappresenta il maggiore giacimento di questo materiale dell'intera regione. Il materiale prodotto è caratterizzato da una notevole compattezza e resistenza. Si presenta con una tonalità di fondo color bianco avorio, con striature e venature gialle e rosse.

13 Opere di rilevante pregio artistico sono state costruite ed ornate con la pietra di Trani: le cattedrali di Trani, Barletta, Bari, Bitonto Castel del Monte a Bari: il palazzo dell Acquedotto pugliese, il palazzo della Provincia a Napoli: il palazzo delle Poste, la Stazione Marittima ed il salone della Corte di Appello i marmi tranesi furono impiegati anche per costruire i moli, le banchine e le altre costruzioni del porto di Malta e di Alessandria d Egitto.

14 LE CAVE NEL PAESAGGIO PUGLIESE

15 Volando a bassa quota sul territorio pugliese non passa inosservata la presenza di tante aperture del suolo che caratterizzano la regione. Le formazioni geomorfologiche naturali superficiali più tipiche del paesaggio carsico sono le doline (es. il "Pulo" di Molfetta e di Altamura), depressioni del territorio che raccolgono l acqua superficiale e la convogliano nelle falde sottostanti.

16 Pulo di Altamura

17 A queste forme si aggiungono quelle antropiche che in misura maggiore caratterizzano il paesaggio: le cave a "fossa", tipiche degli ambienti pianeggianti.

18 Sin dai tempi antichi, i nostri progenitori estraevano materiale dal sottosuolo per scopi ornamentali e per le costruzioni (Castel del Monte, trulli di Alberobello, masserie del XV e XVI sec.). Le cave rappresentano giacimenti di materiale naturale imprescindibili per l industria edile (produzione di cemento, calce, ecc.). La "coltivazione" di questi materiali ha sempre condizionato buona parte dell economia pugliese; il tufo, i c.d. marmi estratti, sono stati sempre molto apprezzati in tutto il mondo. La pietra calcarea inoltre, trova impiego nella cosmesi e nell industria dell acciaio, infatti, una delle più grosse cave europee si trova all interno del complesso siderurgico tarantino.

19 L attività di estrazione non è diffusa in maniera omogenea in Puglia; se si considerano le cave attive s individuano, per ogni provincia, zone ad alta distribuzione ognuna con tipiche coltivazioni: Trani (BA) (calcare, "Pietra di Trani" e "marmi" utilizzati a scopo ornamentale, rivestimenti interni ed esterni, pavimentazioni); Cursi e Melpignano (LE) (calcarenite nota come "Pietra Leccese", utilizzata per lavori artistici e di restauro); Ginosa (TA) (sabbie e ghiaie per l industria edile); Poggio Imperiale e Apricena (FG) (calcare utilizzato a scopo ornamentale).

20 La coltivazione di tali materiali presenta tuttavia alcuni aspetti negativi, dovuti soprattutto alle variazioni indotte sulla configurazione del paesaggio e, più in generale, sulle condizioni naturali dell ambiente.

21 In Puglia come in quasi tutte le regioni del Sud, manca un preciso censimento delle cave. Da una stima superficiale si rileva che le cave in disuso sono in numero maggiore di quelle in attività. Nella sola provincia di Bari si contano più di 600 cave abbandonate, nella provincia di Lecce vi sono all incirca 20 cave abbandonate per ogni 100 Km2, Taranto ne conta 13 per ogni 100 Km2, Foggia e Brindisi meno di 10; la maggior parte di questi siti risulta non avere specifici utilizzi.

22 La disciplina delle cave è tuttora regolata dall'articolo 45 del regio decreto 29/07/ 27, n ("legge mineraria"), modificato dall'articolo 7 del DPR 28/06/ 55, n. 620 e dalle successive modificazioni. In base a tali disposizioni e salvo particolari leggi regionali, le cave sono lasciate al libero arbitrio del proprietario del suolo.

23 È opinione diffusa che nel territorio nazionale, tale normativa ha aumentato i contrasti fra tutela paesaggistico ambientale e "pretese" produttive. La libertà con la quale fino ad oggi le cave sono state aperte ed abbandonate, nonché il mancato ripristino delle stesse, rappresenta una delle cause principale dello scempio paesaggistico ambientale, con gravi ripercussioni nei territori collinari, negli alvei dei fiumi ed in pianura.

24 In Puglia la scelta del sito di estrazione ha spesso prevalso sulla salvaguardia paesaggistica alterando o distruggendo importanti forme carsiche epigee (cioè superficiali), le lame. Al termine della coltivazione, spesso, i fronti di cava vengono lasciati in assetto verticale, senza l adozione di misure atte ad attenuare la scarpata. Inoltre molte di queste attività sono spesso poste in aree di particolare valore naturalistico, pertanto rumore e polvere inducono modificazioni sulla vita animale e vegetale.

25 Un altro fenomeno di degrado ambientale avveniva negli anni addietro, quando era pratica comune riversare i fanghi calcarei provenienti dalla lavorazione della pietra direttamente in mare; questo creava lungo la costa, seri problemi di inquinamento marino. Oggigiorno è pratica riversare tale materiale all interno della stessa cava.

26 Dalle indagini condotte dagli organi competenti, emerge un rapporto assai stretto fra l'incontrollato sviluppo dell'attività estrattiva e il successivo uso del sito ai fini dello smaltimento abusivo di ogni sorta di rifiuti. Molti luoghi adibiti a discariche abusive sono vecchie cave in disuso. In tali siti s ignorano completamente tutte le misure di tutela ambientale.

27 Pertanto la pratica di utilizzare il suolo come ricettacolo finale di ogni tipo di rifiuto solido o liquido, in una regione carsica come la Puglia, determina un potenziale pericolo d inquinamento delle falde acquifere sottostanti per filtrazione di percolato. Con questo si giustifica la presenza massiccia di colibatteri, cloruri, fosforo, nitriti, ammoniaca, ecc., nell analisi dell acqua del sottosuolo di alcune zone della Puglia.

28 La geologia della Puglia caratterizzata dalla presenza di una piattaforma carbonatica formatasi durante l era secondaria, giustifica l assenza di una ben definita idrografia superficiale. Le falde sottostanti, costituiscono un gran serbatoio d acqua tanto prezioso quanto vulnerabile a tutte quelle forme d inquinamento antropico derivanti da rilasci di corpi inquinanti.

29 Recentemente si assiste ad un timido ripristino dei vecchi siti per usi prevalentemente agricoli (meno del 20 %) o in alternativa come discariche controllate, previo valutazione ambientale. Nell ambito di queste ultime prevalgono le discariche di materiale inerte.

30 Appare dunque imprescindibile che l attività di cava sia regolamentata al fine di individuare siti di scarso valore paesaggistico naturale. Inoltre la scelta del luogo deve annullare completamente gli eventuali rischi d inquinamento idrogeologico. Pertanto se l area presenta una vocazione agricola sarebbe auspicabile restituire a tale area il sito sottratto. La destinazione a discarica deve essere preceduta dalle necessarie indagini preliminari per mitigare il forte impatto ambientale che determina una tale destinazione.

31 Il proprietario della cava è obbligato alla risistemazione ambientale del sito una volta cessata l attività di estrazione. Pertanto la domanda di apertura di una cava deve essere accompagnata dal piano di recupero del sito ad attività esaurita. Quanto affermato è in genere già previsto dalle leggi vigenti, ma difficilmente se ne vedono gli effetti

32 PARCO DELL ALTA MURGIA ED ATTIVITA ESTRATTIVA

33 Il Parco Nazionale dell'alta Murgia, istituito nel 1998 con la legge n.426, si estende su un territorio di circa ettari. I Comuni i cui territori sono interessati dal Parco sono Altamura, Andria, Bitonto, Cassano delle Murge, Corato, Gravina in Puglia, Grumo Appula, Minervino Murge, Poggiorsini, Ruvo di Puglia, Santeramo in Colle, Spinazzola, Toritto.

34 Il Parco dell Alta Murgia, sin dalle prime battaglie per la sua istituzione, si è configurato quale parco rurale, in grado cioè di conciliare la presenza dell uomo con i valori naturalistici e ambientali, al fine di perseguire un nuovo sviluppo, sostenibile e duraturo, del territorio.

35 Alla grande ricchezza socio-paesaggistica del parco si affiancano però alcuni problemi, che, dal punto di vista geologico-ambientale sono: le cave le discariche abusive gli spietramenti

36 LE CAVE DELLA MURGIA In virtù della diversificata costituzione geolitologica e della qualità dei materiali estratti, il territorio pugliese è stato da tempo immemorabile oggetto di attività estrattiva da parte dell uomo, tanto che in molte aree i segni dell antica attività costituiscono parte integrante e caratterizzante del paesaggio:

37

38 ESEMPI: cave costiere presenti sul litorale di Monopoli cave in sotterraneo di Canosa, Ginosa o Mottola alcune cave storiche nel territorio dell Alta Murgia (cave di bauxite verso Spinazzola, cave di tufo nei pressi di Poggiorsini), che, per la bellezza e la suggestione che esercitano, meriterebbero una valorizzazione a fini turistici e/o culturali (come già avvenuto per esempio in provincia di Lecce o ad Apricena - Fg, dove alcune cave sono utilizzate per spettacoli e concerti all aperto).

39 Un caso eccezionale, nell ottica della valorizzazione dei siti di cava, è quello della cosiddetta Cava dei Dinosauri di Altamura, sede di un ricchissimo giacimento paleontologico risalente a circa 70 milioni di anni fa trentamila orme di dinosauri su un'area di dodicimila metri quadrati, appartenenti almeno a cinque diverse specie di dinosauri, costituiscono una scoperta eccezionale e fanno della "Valle incantata" di Altamura, così come è stata definita, il sito più ricco e importante d'europa e forse del mondo.

40 L'eccezionale scoperta, avvenuta nel 1999, permette inoltre di rileggere la storia del paesaggio pugliese: si pensava infatti che circa 70 milioni di anni fa nell'area pugliese non esistessero terre emerse, mentre le testimonianze paleontologiche dimostrano la presenza di isole circondate dal mare.

41

42 LE CAVE DI BAUXITE La bauxite è una roccia la cui composizione è caratterizzata dalla presenza di diverse specie mineralogiche tra cui prevalgono gli ossidi e gli idrossidi di alluminio e di ferro. La quantità di idrossido di alluminio varia nei differenti depositi tra il 30 e il 75%, facendo sì che tali giacimenti di bauxite rivestano notevole importanza economica ai fini dell estrazione dell'alluminio.

43 Dal punto di vista genetico la formazione delle bauxiti è il risultato dell alterazione delle rocce calcaree ad opera degli agenti atmosferici: dopo il processo di dissoluzione del carbonato di calcio ad opera delle acque meteoriche ricche di anidride carbonica, i minerali residuali, trasformabili in ossidi e idrossidi di ferro e alluminio, vengono trasportati dalle acque meteoriche e accumulati nelle depressioni del terreno. Terre rosse

44 Nell'area della Murgia i depositi di bauxite si rinvengono in depressioni doliniformi lungo la strada che unisce Corato a Spinazzola; molto diffusi sono gli affioramenti nel Salento, interessando diffusamente la parte centro meridionale della provincia di Lecce; nel Gargano particolarmente interessanti sono i depositi di S.Giovanni Rotondo.

45 La terra rossa si rinviene in superficie come riempimento delle formazioni carsiche naturali. Le cave di terra rossa, spesso in esercizio saltuario, presentano uno scavo di notevole dimensioni e profondità di una decina di metri. Spesso le cave in disuso diventano sede di ristagni d acqua che perdurano per tempi anche lunghi con inevitabili ripercussioni igienico ambientali.

46 Il problema si pone quando la legittima attività estrattiva, importante fonte di sviluppo economico e sociale si scontra con la tutela del territorio e dei valori ambientali e paesaggistici presenti.

47 Negli ultimi decenni la diffusione dei processi estrattivi in aree sempre più estese sta comportando sempre più spesso la distruzione di vaste aree rurali. Le cave rompono la continuità ecologica e paesaggistica del territorio e una volta dismesse originano situazioni di degrado e di abbandono difficilmente sanabili, anche in ragione della particolare situazione climatica pugliese e della morfologia stessa delle nostre cave, che rendono ancora più difficili e costosi gli interventi di recupero e di rinaturalizzazione.

48 Uno dei casi simbolo dell aggressività delle attività estrattive nei confronti del territorio, e dei valori in esso presenti, è sicuramente quello dell Alta Murgia, in particolare del territorio dei Comuni di Ruvo e di Minervino, dove numerose nuove cave vengono aperte quasi senza controllo e soprattutto quelle ormai esaurite vengono abbandonate o trasformate in discarica, in numerosi casi abusivamente.

49 Gli squilibri ambientali generati dalle attività estrattive possono invece essere risolti da un attenta pianificazione e da un puntuale controllo sul territorio, che da un lato tenga in considerazione l importanza economica ed occupazionale che il settore estrattivo riveste, ma dall altro si ponga l obiettivo della massima compatibilità tra attività estrattive stesse e territorio.

50 DISCARICHE ABUSIVE aperte arbitrariamente, senza alcun rispetto per l ambiente, la popolazione e la salute pubblica Individuazione del sito Stabilizzazione dei pendi Impermeabilizzazione del fondo della discarica Opportuno monitoraggio della geochimica dei suoli e delle acque sotterranee (di falda) DISCARICA CONTROLLATA Far vedere altra presentazione

51 Spietramenti Lo spietramento è una lavorazione del terreno di carattere straordinario, eseguita sempre in fase di preparazione di un terreno naturale ad usi agricoli. Rientra a tutti gli effetti come opera di miglioramento fondiario.

52 Finalità" La presenza di scheletro roccioso grossolano, in particolare di grandi dimensioni, rappresenta un ostacolo per la meccanizzazione di specifiche operazioni colturali. Ad esempio ostacola la semina e la raccolta meccanica eseguita con macchine provviste di barra falciante e di aspo raccoglitore.

53 Esecuzione " In passato lo spietramento si eseguiva come pratica manuale : le pietre, a iniziare da quelle di maggiori dimensioni, venivano rimosse manualmente ogni volta che affioravano in occasione delle lavorazioni principali e disposte in cumuli ai bordi dei campi oppure utilizzate per realizzare opere di muratura. " Questa pratica, che richiedeva tempi lunghi e si presentava particolarmente gravosa, si è svolta tradizionalmente in Italia fino agli anni e ha consentito il miglioramento delle condizioni pedologiche di molti terreni agricoli."

54 In seguito lo spietramento è stato inserito fra le opere di miglioramento fondiario, spesso suscettibile di finanziamenti con fondi pubblici, da eseguire con interventi meccanici dopo il dissodamento o lo scasso.

55 Pregi e La rimozione dello scheletro permette di ottenere superfici più omogenee e letti di semina più accurati, di ridurre le dosi di semina, di aumentare la resa e la precisione della raccolta meccanica." Nelle coltivazioni erbacee l'operazione si rivela necessaria soprattutto in regime di agricoltura intensiva ad alto grado di meccanizzazione, in particolare per colture che richiedono una superficie regolare e una copertura omogenea, come ad esempio la foraggicoltura."

56 difetti Le lavorazioni profonde, in particolare l'aratura, fanno affiorare nuovo scheletro in superficie vanificando un intervento meccanico eseguito in precedenza in fase di messa a coltura.

57 L'asportazione di un notevole volume di scheletro può abbassare in modo considerevole il piano di campagna esponendo il terreno a fenomeni di ristagno superficiale. " " Una depressione locale ha infatti un'azione di richiamo delle acque di deflusso sia superficiale sia sottosuperficiale dai terreni circostanti. " Il rischio è elevato in caso di presenza elevata di scheletro: terreni con il 30-40% di scheletro possono subire un abbassamento di quota di cm qualora si asporti lo scheletro nei primi 40 cm di terreno.

58 I pascoli naturali sono uno degli habitat più minacciati in Europa e quindi meritevoli di tutela. Nella Murgia si tratta di pascoli a substrato calcareo e di pseudo-steppe con concentrazione di rilevanti specie a rischio di estinzione legate a tali habitat seminaturali e contemplati dalle direttive comunitarie.

59 Indagini vegetazionali e botaniche condotte dall'università di Bari su ambienti spietrati hanno rivelato un irreversibile distruzione delle specie vegetali tipiche e legate al suolo carsico. Questo condiziona poi anche la sopravvivenza di specie faunistiche legate a questi particolari ambienti. Un recupero di tale tipologia di habitat danneggiati dallo spietramento si vedrebbe solo dopo decine di anni.

60 Anche dal punto di vista strettamente geologico si assiste al dilavamento del suolo così frantumato con conseguenze sulla circolazione delle acque e ad un veloce processo di desertificazione, a causa dell'azione erosiva dei venti ed al dilavamento delle acque piovane, azioni non più contrastate dalla presenza degli apparati radicali della vegetazione spontanea. Tutto si riflette anche sul piano paesaggistico con una banalizzazione evidente del contesto ambientale.

Foto: Mina Lacarbonara

Foto: Mina Lacarbonara Foto: Mina Lacarbonara Introduzione Lo sfruttamento e la sempre maggiore sottrazione di suolo dai contesti tipicamente naturali e rurali sta determinando cambiamenti radicali nei paesaggi, nell ambiente,

Dettagli

LE CAVETTE DI BAUXITE DI SPINAZZOLA NELLE IMMAGINI D ARCHIVIO: UNA SCOPERTA CHE VIVE NEL RICORDO

LE CAVETTE DI BAUXITE DI SPINAZZOLA NELLE IMMAGINI D ARCHIVIO: UNA SCOPERTA CHE VIVE NEL RICORDO Ricerche Speleologiche - Anno 2006 n. 1 MANLIO PORCELLI* * Centro Altamurano Ricerche Speleologiche LE CAVETTE DI BAUXITE DI SPINAZZOLA NELLE IMMAGINI D ARCHIVIO: UNA SCOPERTA CHE VIVE NEL RICORDO 1. Premessa

Dettagli

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti 1 PREMESSA... 2 2 METODO DI COLTIVAZIONE... 3 2.1 Scopertura del giacimento... 3 2.2 Estrazione e carico del calcare... 3 2.3 Trasporto all impianto... 3 2.4 Frantumazione... 3 2.5 Recupero ambientale...

Dettagli

Destinazione rifiuti Italia anno 2007

Destinazione rifiuti Italia anno 2007 compostaggio 6% Destinazione rifiuti Italia anno 2007 recupero 36% discarica 48% inceneritore 10% La DISCARICA CONTROLLATA è un sistema di smaltimento dei rifiuti (tipicamente Rifiuti Solidi Urbani) che

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

CASTELNUOVESE INERTI S.R.L. Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516

CASTELNUOVESE INERTI S.R.L. Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516 Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516 CAVA RIMANDOLI 7 COMUNE DI PERGINE VALDARNO (AR) ai sensi del Decreto Legislativo 30 maggio 2008 n 117 Attuazione

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA 8119 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10 Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Aggiornamento: Febbraio 2014

denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Aggiornamento: Febbraio 2014 Progetto di realizzazione del pozzo denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Elementi informativi dallo Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA MONTECCHI DI SOTTO - POLO 17 COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17 1. INQUADRAMENTO Comune di: Castrocaro Terme - Terra del Sole. Località: Montecchi di sotto. Elaborato cartografico

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Il biologico in Puglia

Il biologico in Puglia Quaderno della Il biologico in Puglia 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Consorzio Puglia Natura è un consorzio cui aderiscono sia imprese agricole e agroalimentari sia consumatori

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E DELLE ACQUE REFLUE Criteri applicativi al DGR 2495/2006

REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E DELLE ACQUE REFLUE Criteri applicativi al DGR 2495/2006 Città di Arzignano REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO E DELLE ACQUE REFLUE Criteri applicativi al DGR 2495/2006 ART. 1. PREMESSE Il presente Regolamento detta, all

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE COMUNE DI TRIGGIANO COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE 1 - PREMESSA Il progetto proposto all Amministrazione Comunale di Triggiano prevede la

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

09/10/2014 MURATURE IN PIETRA

09/10/2014 MURATURE IN PIETRA MURATURE IN PIETRA 11 PREMESSA Le principali qualità della pietra, come il peso elevato, la durezza, la resistenza al fuoco, hanno permesso di ottenere costruzioni solide e durevoli. Di conseguenza, questo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 33. Tutela e valorizzazione del patrimonio geologico e speleologico. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 33. Tutela e valorizzazione del patrimonio geologico e speleologico. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO 25652 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 33 Tutela e valorizzazione del patrimonio geologico e speleologico. La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Articolo 1 Finalità ed oggetto

REGIONE PUGLIA. Articolo 1 Finalità ed oggetto Regolamento attuativo del Decreto del Ministero del Ministero per lo Sviluppo Economico del 10 settembre 2010, Linee Guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili, recante la

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre MATERIALI LAPIDEI 1. Caratteristiche e proprietà delle pietre - Classificazione e terminologia - Proprietà principali delle pietre e loro influenza sul tipo di impiego 2. Estrazione e lavorazione dei materiali

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

Prodotti per la bioedilizia. catalogo prodotti

Prodotti per la bioedilizia. catalogo prodotti catalogo prodotti prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale La calce è uno dei materiali da costruzione più antichi e più sani. Il crescente inquinamento dei centri abitati va di pari

Dettagli

prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale

prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale prodotti bio a base di calce aerea o calce idraulica naturale La calce è uno dei materiali da costruzione più antichi e più sani. Il crescente inquinamento dei centri abitati va di pari passo con la tendenza

Dettagli

Studio delle acque in grotta

Studio delle acque in grotta Studio delle acque in grotta Introduzione Il carsismo è il fenomeno predominante nel Parco Nazionale del Gargano, data la natura calcarea del territorio. Il fenomeno carsico è prodotto dall'acqua piovana

Dettagli

Quadro di Riferimento Programmatico

Quadro di Riferimento Programmatico ALLEGATO II Indirizzi per l elaborazione dello Studio preliminare ambientale ai fini della procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA di progetti inerenti le attività estrattive Finalità e requisiti

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE INTRODUZIONE Poiché un attività estrattiva così come proposta modifica notevolmente sia la morfologia sia le caratteristiche generali dei suoli, è opportuno, per mitigare

Dettagli

Diagnostica e conservazione di opere d arte. Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia

Diagnostica e conservazione di opere d arte. Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia Colonna del Todaro Piazzetta San Marco, Venezia Le due superbe colonne di Marco e Todaro sorgono in quell incantevole spazio denominato piazzetta San Marco affacciata sul Bacino tra Palazzo Ducale e la

Dettagli

Premessa L ACQUA E I PROCESSI PRODUTTIVI. Le acque per uso industriale e agricolo L ACQUA E L UOMO. Dlgs 152/99 e DLgs 258/2000:

Premessa L ACQUA E I PROCESSI PRODUTTIVI. Le acque per uso industriale e agricolo L ACQUA E L UOMO. Dlgs 152/99 e DLgs 258/2000: L ACQUA E L UOMO L ACQUA E I PROCESSI PRODUTTIVI Le acque per uso industriale e agricolo Prof. Fabio Conti Straordinario di Ingegneria Sanitaria e Ambientale Premessa Dlgs 152/99 e DLgs 258/2000: Obiettivi:

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

La Puglia. e i suoi paesaggi

La Puglia. e i suoi paesaggi La Puglia e i suoi paesaggi La carta fisica La puglia confina a nord e a est con il mar Adriatico a sud con mar Ionio e Basilicata e a ovest con Molise e Campania La parte amministrativa Il capoluogo di

Dettagli

VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009

VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009 ENERGY (R) EVOLUTION VII Forum Internazionale dell informazione per la salvaguardia della natura Greenaccord Viterbo, 25/29 Novembre 2009 Antonio Bertolotto, fondatore e Amministratore Delegato del Gruppo

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA

ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA Alpe opera da oltre mezzo secolo nell estrazione, lavorazione e fornitura di Pietra di Luserna (Gneiss Lamellar). Esperienza, creatività e la continua ricerca

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

Preg.mo Signore CRISTIANO DE ECCHER Consigliere provinciale Gruppo consigliare Alleanza nazionale SEDE

Preg.mo Signore CRISTIANO DE ECCHER Consigliere provinciale Gruppo consigliare Alleanza nazionale SEDE Assessore all Urbanistica e Ambiente Via Torre Verde, 27-38100 Trento Tel. 0461493202 - Fax 0461493203 e-mail: ass.urbambiente@provincia.tn.it Preg.mo Signore CRISTIANO DE ECCHER Consigliere provinciale

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree in Ingegneria Civile ed

Dettagli

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011 Il rischio idrogeologico e il contributo della ricerca Il caso della Puglia Polemio M. irpi - Sede di Bari Il Consiglio Nazionale

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

COMPARTI: Aree verdi, giardini e parchi Aree protette e vincolate Camping e Villaggi Turistici Ville, Dimore Storiche, Giardini Storici

COMPARTI: Aree verdi, giardini e parchi Aree protette e vincolate Camping e Villaggi Turistici Ville, Dimore Storiche, Giardini Storici L ECCELLENZA DEL MADE IN ITALY NELLE PAVIMENTAZIONI STRADALI DRENANTI Biostrasse coniuga l innovazione tecnologica con il massimo rispetto dell ambiente permettendo la realizzazione di massetti stradali

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE Descrizione dell ambito L area denominata Cava Castagnole è un ambito estrattivo formato da due cave, posto lungo via Toti tra gli abitati di Castagnole e Porcellengo;

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

Elenco corsi validati dalla Commissione Nazionale APC Triennio 2011-2013

Elenco corsi validati dalla Commissione Nazionale APC Triennio 2011-2013 Elenco corsi validati dalla Commissione Nazionale APC Triennio 2011-2013 Cod. 007/PUG/11: Giornata di Studio Rischi Naturali ed effetti del cambiamento climatico Bari, 10-11 marzo 2011-12 Cod. 004/PUG/11:

Dettagli

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Caronno P., 09-04 04-2010 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE

Dettagli

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 Distribuzione geografica e pedoambiente Aree poste all'interno di fondivalle collinari nelle immediate vicinanze dei rii o piccoli torrenti che li solcano. Si tratta

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

La Boutique della Piastrella snc

La Boutique della Piastrella snc La Boutique della Piastrella nasce nel 1996 a Saccolongo, in provincia di Padova. La fusione tra la decennale esperienza degli artigiani e la collaborazione di partner qualificata ha permesso alla Boutique

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di PERUGIA PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Restauro e riqualificazione dell'arco Etrusco Prospetti da 2 a 8 COMMITTENTE: Comune di Perugia - U.O.

Dettagli

Le rocce 2: proprietà e utilizzo

Le rocce 2: proprietà e utilizzo Le rocce 2: proprietà e utilizzo di Monica Onida Percorso collegato Le rocce raccontano - Nucleo Terra e Universo Autore Monica Onida Referente scientifico Michela Mayer Ordine di scuola Scuola Secondaria

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Saronno, 16-11-2009 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE FLUVIALE

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

CAPITOLO 3 LINEE GUIDA PER UN QUARTIERE ECOSOSTENIBILE 3.1 LINEE GUIDA

CAPITOLO 3 LINEE GUIDA PER UN QUARTIERE ECOSOSTENIBILE 3.1 LINEE GUIDA CAPITOLO 3 LINEE GUIDA PER UN QUARTIERE ECOSOSTENIBILE 3.1 LINEE GUIDA Dopo lo studio dei vari quartieri ecosostenibili, europei ed italiani, ho notato diversità sia normative che di progettazione spostandosi

Dettagli

MACINAZIONE ECOLOGICA: RIDUZIONE DEI CONSUMI SPECIFICI E DELLE EMISSIONI DI CO 2 MEDIANTE L USO DI ADDITIVI SPECIALI PER LA PRODUZIONE DI CEMENTO

MACINAZIONE ECOLOGICA: RIDUZIONE DEI CONSUMI SPECIFICI E DELLE EMISSIONI DI CO 2 MEDIANTE L USO DI ADDITIVI SPECIALI PER LA PRODUZIONE DI CEMENTO MACINAZIONE ECOLOGICA: RIDUZIONE DEI CONSUMI SPECIFICI E DELLE EMISSIONI DI CO 2 MEDIANTE L USO DI ADDITIVI SPECIALI PER LA PRODUZIONE DI CEMENTO A cura del gruppo Ricerca & Sviluppo Divisione Additivi

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

TUTELA E SVILUPPO DELL ALTA MURGIA

TUTELA E SVILUPPO DELL ALTA MURGIA Capitolo 01 TUTELA E SVILUPPO DELL ALTA MURGIA La 6^ lezione svolta il 28 novembre 2009 della scuola sociopolitica di Gioia del Colle del Centro Studi Erasmo Onlus, parla dell alta Murgia. Poiché trattasi

Dettagli

Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale

Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale TECNICHE E NORMATIVE PER LO SMALTIMENTO DELLE ACQUE ASI BRINDISI - 23 Maggio 2013 Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale dott. geol. Antonio Di Fazio 1 Oggetto della

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati 4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati DBC 2009 19 Preparazione dei campioni Parametro da analizzare (elemento nutritivo o caratteristica del suolo) Mezzo / metodo d estrazione Rapporto tra

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Guida alla Disciplina tecnica per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari

REGIONE CAMPANIA. Guida alla Disciplina tecnica per l utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione e delle sanse umide dei frantoi oleari REGIONE CAMPANIA AGC Sviluppo Attività Settore Primario Settore SIRCA AGC Ecologia, Tutela dell Ambiente, Ciclo Integrato delle Acque, Protezione Civile Settore Tutela dell Ambiente Guida alla Disciplina

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010)

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010) RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE (ai sensi dell art. 26 comma 1 lett.i del D.P.R. n. 207/2010) La presente relazione si riferisce alle opere inerenti il progetto delle urbanizzazioni primarie e secondarie

Dettagli

PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO Le caratteristiche topografiche e geometriche delle aree interessate dal piano di coltivazione si possono rilevare mediante l esame delle planimetrie, delle

Dettagli

Parte 1: VERIFICA PROGETTO

Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1a: analisi aspetti ambientali Aspetto ambientale Impatto Rientra nel progetto Utilizzo di risorse idriche nelle proprietà Impoverimento risorse idriche dell ente Perdite

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione

Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione Presentazione della Carta di Vocazione alla infiltrazione La Carta di Vocazione La Carta di Vocazione alla infiltrazione degli acquiferi costituisce uno strumento di supporto alle decisioni sia per la

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE TERRACQUAMBIENTE LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE Fondata nel 1992, Sinergeo è una struttura indipendente con sede a Vicenza. Essa riunisce figure professionali altamente qualificate,

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

C O N S O R Z I O D I B O N I F I C A T E R R E D A P U L I A B A R I LA DIGA LOCONE

C O N S O R Z I O D I B O N I F I C A T E R R E D A P U L I A B A R I LA DIGA LOCONE C O N S O R Z I O D I B O N I F I C A T E R R E D A P U L I A B A R I LA DIGA LOCONE Ubicata sul torrente omonimo, affluente del fiume Ofanto, in agro di Minervino Murge, località Monte Melillo BARI, novembre

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE MISCELAZIONE E POSA IN OPERA CARNIVAL è un massetto minerale

Dettagli

dall esperienza del restauro l intonaco di qualità per l edilizia

dall esperienza del restauro l intonaco di qualità per l edilizia MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO soluzioni per nuove costruzioni scheda tecnica sanacolor 2000 intonaco idrofobizzato colorato SANACOLOR 2000 PRODOTTO PER LA BIOEDILIZIA

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 1 QUADRO NORMATIVO E DELLE COMPETENZE INERENTE LE RISORSE IDRICHE REGIONE MOLISE

Dettagli

La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto dell'ambiente

La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto dell'ambiente Raw Materials University day 6th December 2013 Sapienza University, Rome Sala del Chiostro Faculty of Civil and Industrial Engineering La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLI BARI, 31 DICEMBRE 2010 N. 195 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

Un metodo di stima delle potenzialità economiche ed ambientali delle colture energetiche: il caso dell Emilia Romagna

Un metodo di stima delle potenzialità economiche ed ambientali delle colture energetiche: il caso dell Emilia Romagna POLITECNICO DI MILANO FACOLTÀ DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E TERRITORIALE Un metodo di stima delle potenzialità economiche ed ambientali delle colture energetiche: il caso dell Emilia Romagna Parchi

Dettagli

Risanamento. Analisi e cicli specifici per un corretto intervento

Risanamento. Analisi e cicli specifici per un corretto intervento SEMINARIO TECNICO Torino 3/10/2011 Risanamento. Analisi e cicli specifici per un corretto intervento Relatore Dr. Moroni Alberto Incontro tecnico di aggiornamento In collaborazione Analisi dell immobile

Dettagli

Struttura della Città Rurale.

Struttura della Città Rurale. Sine Putimu. Città Rurale_ALLEGATI In occasione del quinto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico Generale)

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DELL'OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA" TERRA DI BARI"

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DELL'OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRA DI BARI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DELL'OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA" TERRA DI BARI" Art. 1 Denominazione La denominazione di origine controllata "Terra di Bari", accompagnata

Dettagli

EDILIZIA BIOECOLOGICA PER UNO SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE. Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica:

EDILIZIA BIOECOLOGICA PER UNO SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE. Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica: Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica: L Ingegneria Naturalistica è una disciplina tecnica in grado di conciliare le esigenze antropiche di intervento sul territorio con quelle

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento?

Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento? Il crollo di Afragola causato da un cedimento strutturale. Ma che cosa ha provocato il cedimento? L edificio crollato verso le 1,30 del 31 luglio scorso in Via Calvanese di Afragola ha evidenziato la precarietà

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

DISCARICA loc. Lastiella

DISCARICA loc. Lastiella COMUNE DI ROVERETO DISCARICA loc. Lastiella n. 21 La discarica è ubicata a Rovereto in Località Lastiella e interessa la ex cava Ognibeni & Vettori ora abbandonata. L'intervento si configura come recupero

Dettagli