DAL FRUMENTO AL PANE LA QUALITÀ DIIERI E DIOGGI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAL FRUMENTO AL PANE LA QUALITÀ DIIERI E DIOGGI"

Transcript

1 DAL FRUMENTO AL PANE LA QUALITÀ DIIERI E DIOGGI Mercato nazionale ed internazionale del frumento e situazione attuale delle coltivazioni nel nord Italia: problematiche di coltivazione nel convenzionale, nel biologico e di filiera; le varietà da panificazione e la qualità delle farine piemontesi. Sabato 28 maggio 2011 Cristoforo Cresta

2 Mercato nazionale ed internazionale del frumento Frumento tenero una commodityil cui mercato segue le regole globali. Una produzione primaria nella maggior parte dei casi non caratterizzata. Il mercato è influenzato da diversi fattori: Produzione mondiale (variazioni dovute a problemi climatici e ); Consumi mondiali e le variazioni delle scorte; Chiusura di mercati; Utilizzo(alimentare, zootecnico, energetico); Speculazioni finanziarie (prodotti per l investimento); Mercato monetario; Situazione politica; Crisi varie; Ecc.

3 Focus cereali, marzo 2011 Evoluzione dell'indice dei prezzi mondiali ( =100) Fonte: elaborazioni Ismea su dati FAO

4 Focus cereali, marzo 2011 Bilancio mondiale del Frumento (mln t) ed evoluzione dei prezzi Fonte: elaborazioni Ismea su dati International Grains Council, World Bank

5 Focus cereali, marzo 2011 Andamento del prezzo medio nazionale del frumento tenero e confronto con i prezzi CIF del prodotto estero ( /t) Fonte: ISMEA

6

7 BORSA MERCI DI TORINO Ultimo anno

8

9 Situazione attuale delle coltivazioni nel nord Italia:

10 problematiche di coltivazione nel convenzionale, nel biologico e di filiera Obbiettivi dell agricoltore: Produzione; Qualità; Sanità. La Regione Piemontenel 2009 (ISTAT) si è collocata al quarto posto in Italia per la produzione di frumento tenero, con tdi granella prodotta su circa ha investiti. Nell ultimo decennio (media vs media ) la superficie è rimasta costante, mentre la PRODUZIONE TOTALE SI È PROGRESSIVAMENTE RIDOTTA PER L ABBASSAMENTO DELLE RESE. QUALI SONO LE CAUSE? La struttura della produzione regionale agraria si è recentemente modificata: Nel 2000 risultavano aziende dedite alla coltivazione del frumento tenero, Nel 2007 sono diminuite a aziende produttrici, a fronte di un incremento della SAU media che è passata da 1,9 ha nel 1970 a 4,0 ha nel 2007

11 Le aziende di piccole dimensioni (da 0 a 20 ha) sono quelle che hanno fatto registrare nel periodo considerato il maggiore calo percentuale; mentre le aziende comprese fra 50 e 100 ha e quelle superiori ai 100 ha sono invece incrementate numericamente. Il frumento tenero si distingue per la molteplicità degli usi. Le differenziazioni qualitative permettono di individuare diverse filiere di utilizzo della granella che naturalmente si traducono in quotazioni di mercato diverse in relazione alla categoria commerciale. Attualmente non esistono dati che consentano di differenziare la produzione piemontese in base a tali categorie L Italia e il Piemonte sono deficitaridi frumento: si importa frumento tenero da Francia, Austria, Germania, USA e Ucraina, ecc. Il raccolto nazionale di frumento tenero assicura circa il 40% dei volumi lavorati dall industria molitoria e mangimistica.farine: l 80% è destinato alla produzione di pane e la parte restante all industria dolciaria.

12 La produzione deve puntare verso la qualità e la filiera L Italia importa circa il 60% delle produzioni annualmente trasformate dall industria molitoria (80%) e mangimistica (20%). LA MASSICCIA IMPORTAZIONE NON HA STIMOLATO LA SELEZIONE DI GRANI DI QUALITÀ. Recentemente la volatilità dei prezzi e le esigenze del settore molitorio e di quello alimentare hanno indotto a ricercare la rispondenza della materia prima ad una specifica trasformazione. Un processo virtuoso che porta una commodity a trasformarsi progressivamente in una serie di specialties, ovvero di tipologie indicate a precise trasformazioni. Sono 4 le principali categorie di frumento tenero riconosciute dal mercato:

13 Classificazione delle diverse categorie delle farine attraverso i parametri chimici e reologici. Fonte: Tecnica Colturale e qualità del frumento in Piemonte Schede di Assistenza Tecnica

14

15 Il farinografo Brabender Il tempo della stabilità dell'impasto indica per quanto tempo l'impasto potrà subire lo sforzo meccanico senza rovinarsi ( cioè per quanto tempo l'impasto mantiene una buona consistenza rimanendo al di sopra di 500 U.B.). Una farina è tanto più forte quanto più lungo è questo periodo. L'impasto con una buona stabilità potrà sopportare una lavorazione più intensa e una fermentazione più lunga. Falling Number Il FallingNumber(indice di caduta di Hagberg) misura l attività alfa amilasica della farina. Il metodo prevede la rapida gelatinizzazione di una sospensione di sfarinato (sottoposto ad agitazione), in un bagno di acqua bollente e la successiva misura della liquefazione ad opera dell'alfa-amilasi, dell'amido contenuto nel campione. Fonte: Tecnica Colturale e qualità del frumento in Piemonte Schede di Assistenza Tecnica

16 Per valorizzare il frumento tenero, è necessario arrivare alla formazione di lotti omogenei con caratteristiche che si avvicinino una delle 4 categorie. Per ottenere granelle caratterizzate nelle categorie è necessario fare i conti con: le caratteristiche del terreno (fisiche, biologiche e chimiche); gli eventi biotici (infestanti, insetti e crittogame) e abiotici (allettamento); il clima (precipitazioni, temperature); la genetica sia per la categoria molitoria che per le resistenze a fattori biotici e abiotici (varietà). Fattori che possono influenzare la crescita della pianta e quindi la formazione e l accumulo delle riserve della cariosside. Fonte: Tecnica Colturale e qualità del frumento in Piemonte Schede di Assistenza Tecnica

17 Tabella d indicazioni delle scelte varietali(nble indicazioni sono state estratte dalla lettura dei dati di diversi campi varietali sia a parcellineche on-farm raccolti nell anno 2010 e precedenti). Fonte: pubblicazione Informazione nel settore agricolo anno 2010 Federsviluppo Consigliate In alternativa Da provare Frumento di Forza FF Frumento Panificabile Superiore FPS Bologna Blasco e Adelaide Arroco, Tiepolo Frumento panificabile FP PR22R58 e Aubusson Exotic, Antille e Epidoc Solehio, Altamira, Bandera, Sirtaki, Masaccio, Accor, Palesio e Genesi Frumento Biscottiero FB Artico Bramante Frumenti per Altri Usi FAU Sollario Feria

18 Frumenti di forza (FF) Frumenti panificabili superiori (FPS) hard medium hard medium soft Bologna Sagittario Blasco Adelaide Buon Pastor Esperia Valbona Kalango Albachiara Sangiacomo Salgemma Serpico Apache Vittorio Taylor Tiepolo Arrocco Frumenti panificabili (FP) Turelli Avorio hard medium soft Generale Abate A416 Altamira Nomade Africa Agadir Anapo Pandas Aubusson Antille Aquilante Quality Copernico Bandera Bilancia Soissons Genesi Botticelli Bokaro Trofeo Geronimo Enesco Bolero Frumenti da biscotto (FB) Vaiolet Epidoc Centauro medium soft Exotic Centro Arabia Abbondanza Guadalupe Salvia Eureka Artico Isengrain SO207 Bisquit Lilliput Vallese Bramante Masaccio Frumenti per altri usi (FAU) Mieti medium Palesio Andino PR22R58 Feria Profeta Sollario Quatuor Classificazione qualitativa di alcune varietà secondo l indice sintetico di Serio qualità (ISQ) e dell hardness(durezza: hard, medium e soft). Sirtaki Sobald Nella tabella sono state riportate le varietà caratterizzate in prove ufficiali Solehio delle quali è stata richiesta la certificazione Ense nel 2010 per almeno 20 Zanzibar ha.

19 Riflessioni su cosa determina la qualità commerciale: Com è il nostro ambiente di coltivazione? Come rispondono le varietà nell ambiente di coltivazione e di conseguenza come sono le farine? Scelta della varietà; Concimazioni azotate (proteine glutine); Problemi parassitari: insetti in particolare cimice crittogame in particolare fusariosi della spiga (DON).

20 GRANO BIO Problemi: Terreni carenti di sostanza organica conseguenti problemi di nutrizione della pianta scarse produzione e qualità; Infestanti; Crittogame difficoltà di controllo. Risoluzioni: Concimazione organica (allevamento), sovesci, una conversione in cui si cerca di migliorare il terreno; Per il controllo infestanti epoca di semina varietà competitive rotazione diserbo meccanico; Per le crittogame rotazione buona preparazione del terreno.

21 contratti di coltivazione strumenti per difendersi da: volatilità dei prezzi; instabilità climatica; crisi finanziaria. tipologie: Contratti e Accordi di coltivazione (tra agricoltori e stoccatori o trasformatori) Contratti di filiera (che coinvolgono in un ottica di integrazione i vari operatori della filiera). Clausole contrattuali richiamate nei contratti di coltivazione di frumento Fonte: Tecnica Colturale e qualità del frumento in Piemonte Schede di Assistenza Tecnica

22 Per approfondire: la scheda di assistenza tecnica, può essere richiesta alla redazione dei Quaderni della Regione Piemonte Agricoltura presso Regione Piemonte assessorato Agricoltura, corso Stati Uniti n. 21, Torino, tel , , fax , indirizzo di posta elettronica: regione.piemonte.it

23 AZIENDA AGRICOLA E PANE? 23

24 la FARINA 24

25 PULITURAha lo scopo di allontanare il materiale estraneo di natura minerale o vegetale (es. pietre e semi) CONDIZIONAMENTOIn questa fase il grano staziona a temperatura e umidità particolare, operazione che serve per facilitare la macinazione e ottenere farine con una maggiore attitudine all'impastamento. 25

26 MACINAZIONE Viene effettuata con coppie di cilindri metallici che ruotano in senso opposto l'uno all'altro. Questi cilindri possiedono rigature trasversali che rompono il chicco. Vi sono tre tipi di cilindri, con distanze reciproche e scanalature via via decrescenti: il primo serve a separare la crusca, il secondo il cruschello e il terzo, il tritello. Vi è poi il cilindro di rimacina, a superficie liscia, che serve ad affinare gli sfarinati ancora grossolani. Crusca, cruschello e tritello, che rappresentano gli scarti, ammontano al 20-22% e sono costituiti in prevalenza da fibre. Si indica con tasso di abburattamentodella farina la quantità di prodotto (in kg) ottenuto macinando 100 kg di grano. Tanto più alto è questo indice, tanto più grezza è la farina. Comunemente si definisce abburattata una farina più raffinata, cioè con un minor tasso di abburattamento. 26

27 MACINAZIONE A PIETRA o a PALMENTI: La macinazione per mezzo delle pietre, metodo più antico rispetto al più innovativo metodo a cilindri, consente di avere la presenza del germe nella farina e di ottenerla in un unico passaggio senza scaldarla. La bassa velocità di lavorazione permette la trasformazione del grano in farina, mantenendouna buona quantità di crusca e di germe, quindi più vitamine, oli, proteine e carboidrati. Questo procedimento inoltre fa sì che la farinasia più nutriente, più digeribile e più profumata. Ma anche meno conservabile e con una qualità panificatoria che dipende dal buon funzionamento e manutenzione delle pietre. 27

28 FARINA DI FRUMENTO TENERO Costituente fondamentalmente di tutti i tipi di farina è l'amido,un polisaccaride complesso, a cui si aggiungono parti minori di PROTEINE, GRASSI e FIBRE. La proprietà più importante della farina, è il suo CONTENUTO PROTEICO, in particolare di quello di GLIADINA e GLUTENINA. Queste due proteine semplici poste a contatto con l'acqua formano un complesso proteico detto GLUTINEche costituisce la struttura portante dell'impasto rappresentata come forza della farina. Il glutine nell impasto forma una sorta di reticoloall'interno della massa di farina e acqua che la rende compatta, elastica e capace di trattenere gli amidi ed i gas della lievitazione che formano così le bolle caratteristiche della struttura spugnosa di pane ed altri prodotti lievitati. In base alla quantità, ma anche alla qualità, del glutine contenuto in una data farina, l'impasto con l'acqua avrà più o meno resistenza ed elasticità, e varierà anche il tempo necessario per la lievitazione. 28

29 PANE 29

30 Impastamento FASI DI PRODUZIONE DEL PANE Gli ingredienti di base vengono mescolati in modo più o meno lento a seconda che il processo sia manuale o con impastatrice. Lo scopo primario di questa operazione è quello di formare il glutine:una massa elastica e modellabile formato dall'unione delle proteine del frumento, la gliadina e la glutenina. Durante l'impastamento il glutine si dispone in modo tale da formare un reticolo ordinato che si intreccia tra i granuli di amido. Nelle maglie di questo reticolo rimangono intrappolate bolle gassose, che verranno alimentate con l'anidride carbonica prodotta dalla fermentazione. La struttura elastica e resistente del reticolo non fa fuoriuscire il gas, determinando l'aumento del volume dell'impasto. Le macchine impastatrici esercitano una sollecitazione molto maggiore sulla farina, si alternano quindi fasi di impastamento a fasi di riposo per favorire l'idratazione e la formazione del glutine. 30

31 LA LIEVITAZIONE Il lievito: è un microrganismo vivente che se impastato assieme alla farina e all acqua trasforma gli zuccheri in alcol etilico e Anidride carbonica provocando il rigonfiamento della pasta e quindi la lievitazione. Temperatura di fermentazione: circa +25 C (max 35 C)

32 DUE METODI DI LIEVITAZIONE Lievitazione biologica con il lievito di birra è la più frequente nella panificazione e si ottiene con l aiuto di un microrganismo unicellulare responsabile della fermentazione alcolica chiamato Saccharomyces cerevisiae. (compresso e secco) Lievitazione biologica con il lievito naturale, dove il Saccharomyces cerevisiae e altri, anziché trovarsi in forma selezionata (come nel lievito di birra), fa parte di una microflora complessa composta da numerosi microrganismi, in particolare batteri lattici. farina + acqua maturazione per un tempo più o meno lungo e successivi rinfreschi

33 COTTURA Il pane viene cotto in forni elettrici, alcune produzioni artigianali continuano a produrlo come una volta, nel forno a legna. I lieviti hanno uno sviluppo massimo a gradi, quindi all'inizio della cottura si verifica un'incrementodella lievitazione. A gradi i lieviti muoiono. A 100 gradi l'impasto diventa rigido. A gradila crosta solidifica e comincia a diventare gialla a causa della trasformazione degli amidi in destrine, glucidi maggiormente digeribili rispetto all'amido. Questo spiega perché la digeribilità della crosta è superiore a quella della mollica. A gradi avviene la caramellizzazione di tutti gli zuccheri. A gradisi formano composti di colore bruno e composti aromatici, anche causati dalla reazione di Maillard. 33

34 Per approfondire: La pubblicazione può essere richiesta in formato cartaceo o informatico a Cristoforo Cresta tel Altre informazioni si possono avere ALL'INDIRIZZO:

35 Cristoforo Cresta tel

Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva

Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva FRUMENTO QUALITÀ 1 Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva Sanitaria : salubrità dei prodotti alimentari

Dettagli

Farine / Semilavorati / Prodotti speciali

Farine / Semilavorati / Prodotti speciali Farine / Semilavorati / Prodotti speciali t r a d i z i o n e i t a l i a n a Farine 00 Farina 00 - Manitoba Farina 00 - Oro Farina 00 - Superiore Farina per pizza napoletana Farina di grano tenero proveniente

Dettagli

Dal Grano al Pane. Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014

Dal Grano al Pane. Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014 Dal Grano al Pane Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014 Triticum durum o grano duro Triticum vulgare o grano tenero ATriticum durum -BTriticum aestivum var. Spada -CTriticum aestivum var. Brasilia La cariosside

Dettagli

Il pane. Ha un posto fondamentale

Il pane. Ha un posto fondamentale Il pane Il pane (dal latino panis) è un prodotto alimentare ottenuto dalla lievitazione e successiva cottura in forno di un impasto di farina di cereali, acqua e condimenti vari. Ha un posto fondamentale

Dettagli

1. LA CARIOSSIDE DEL FRUMENTO

1. LA CARIOSSIDE DEL FRUMENTO INDICI TECNOLOGICI :: Il frumento :: 1. La cariosside del frumento 2. Composizione chimica 3. Le proteine del frumento 4. Aspetti qualitativi del frumento 5. Qualità molitoria 6. Qualità tecnologica 7.

Dettagli

1. DETERMINAZIONE DELLA QUALITÀ DELLE FARINE DI FRUMENTO

1. DETERMINAZIONE DELLA QUALITÀ DELLE FARINE DI FRUMENTO Laboratorio 1 1. DETERMINAZIONE DELLA QUALITÀ DELLE FARINE DI FRUMENTO INDICE 1. COMPOSIZIONE E QUALITÀ DELLE CARIOSSIDI DI FRUMENTO 2 1.1. Composizione della cariosside 2 1.2. Caratteri qualitativi del

Dettagli

I Cereali. - Frumento. - Mais. - Riso

I Cereali. - Frumento. - Mais. - Riso Introduzione ai CEREALI e alle FARINE I Cereali La parola cereali rappresenta una grandissima famiglia di specie botaniche appartenenti alle graminacee. I più diffusi sono - Frumento Produzione mondiale:

Dettagli

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise Pasta frolla Pari q.tà materia grassa e zucchero Pasta sable % maggiore di m. g. rispetto allo zucchero Pasta brise % di sale maggiore (0,80%) % di zucchero minore 2-3% Giambattista Montanari Farine Amidi

Dettagli

Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry

Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry IL PANE Fare il pane in casa è molto più che una moda salutista o di una scelta economica, significa riappropriarsi di capacità manuali e modalità

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE

ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE Istituto Comprensivo Europa di Faenza - Scuola Media Europa - Classe 1ª C Docente coordinatore: Pia Molinari ALLA SCOPERTA DEL GLUTINE DAL CHICCO AL PANE 205 ISOLAMENTO DEL GLUTINE RELAZIONE DELL ESPERIMENTO

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO Cod. 503 SOYA O, Granella di Soia integrale, Farina integrale di grano tenero, Farina integrale di soia, Destrosio, Farina di frumento maltato, Agenti di trattamento della farina: Enzimi, E 300 (acido

Dettagli

BIOLOGICA. L armonia tra natura, uomo e salute

BIOLOGICA. L armonia tra natura, uomo e salute BIOLOGICA L armonia tra natura, uomo e salute L esigenza di stili di vita salutari ed equilibrati porta a ricercare sempre di più prodotti che soddisfi no non solo la voglia di bontà e fragranza, ma anche

Dettagli

Cereali Autunno Vernini

Cereali Autunno Vernini ANNO VI - SPECIALE Numero 1 - Ottobre 2007 Assessorato Agricoltura, Montagna, Sviluppo rurale e Tutela Fauna e Flora Cereali Autunno Vernini Attività sperimentale in provincia di Torino nell anno 2006/2007

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

farina serve ad indicare quella di grano semola

farina serve ad indicare quella di grano semola Cos è la farina? La farina è il prodotto ottenuto dalla macinazione di cereali o di altri prodotti (legumi, frutta a guscio, tuberi). Nell'uso comune quando non specificato il termine farina serve ad indicare

Dettagli

CATALOGO FARINE. Dal 1958 produciamo farine adatte a ogni vostra esigenza

CATALOGO FARINE. Dal 1958 produciamo farine adatte a ogni vostra esigenza CATALOGO FARINE Dal 1958 produciamo farine adatte a ogni vostra esigenza La nostra tradizione aziendale, da più di 50 anni, è sempre stata quella di acquistare grani di elevata qualità, privilegiando la

Dettagli

Non è tutto oro. quello che lievita

Non è tutto oro. quello che lievita Non è tutto oro quello che lievita Nasce nel 1936 nella valle del Ticino e fa parte del mondo Le Farine Magiche Lo Conte. Il gruppo Campano già leader nel settore retail per le farine speciali. Con 4 stabilimenti

Dettagli

Introduzione. Agronomo Francese

Introduzione. Agronomo Francese 1 Sommario Premessa..... Introduzione.. La Mia Esperienza.... Storia Del Pane.. Classificazione Del Pane... Elementi Fondamentali Per Ottenere Il Pane - La Farina..... - Il Lievito - Il Sale.... - L Acqua...

Dettagli

Il concetto di qualità di un prodotto alimentare è un concetto

Il concetto di qualità di un prodotto alimentare è un concetto I METODI ANALITICI PER LA MISURA DELLA QUALITÀ DEI CEREALI Maria Grazia D Egidio 1 e Marina Carcea 2 1 Consiglio per la Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura (CRA-Unità di ricerca per la Valorizzazione

Dettagli

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA LE SCIENZE AGRARIE Tra OGM e agricolture alternative Firenze, 19 Aprile 2013 GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA Blanco Università degli Studi di Bari Aldo Moro A. La Dieta Mediterranea è caratterizzata dal

Dettagli

Il grano è l unica materia prima per ottenere semola e farina. Se aggiungiamo solo dell acqua otteniamo la pasta. Con l aggiunta anche del lievito

Il grano è l unica materia prima per ottenere semola e farina. Se aggiungiamo solo dell acqua otteniamo la pasta. Con l aggiunta anche del lievito Il grano è l unica materia prima per ottenere semola e farina. Se aggiungiamo solo dell acqua otteniamo la pasta. Con l aggiunta anche del lievito otteniamo il pane. Pane e pasta sono gli alimenti più

Dettagli

FARINE, SEMI E LIEVITI BIOLOGICI della MOLINO ROSSO Gruppo d'acquisto Solidale del Circolo Legambiente Cantiere Verde

FARINE, SEMI E LIEVITI BIOLOGICI della MOLINO ROSSO Gruppo d'acquisto Solidale del Circolo Legambiente Cantiere Verde FARINE, SEMI E LIEVITI BIOLOGICI della MOLINO ROSSO Gruppo d'acquisto Solidale del Circolo Legambiente Cantiere Verde FARINE DI GRANO TENERO FARINA BIO DI GRANO TENERO INTEGRALE BIOLOGICA, MACINAZIONE

Dettagli

La produzione cerealicola mondiale nel 1995 è stata globalmente di 1.900 milioni di tonnellate, di cui il 25% è rappresentato dal frumento.

La produzione cerealicola mondiale nel 1995 è stata globalmente di 1.900 milioni di tonnellate, di cui il 25% è rappresentato dal frumento. I cereali sono senza dubbio i vegetali più largamente coltivati al mondo: si stima che circa i due terzi della superficie coltivabile sulla terra siano dedicati alla loro produzione. I prodotti della trasformazione

Dettagli

LE STAGIONI DEL FRUMENTO

LE STAGIONI DEL FRUMENTO SCUOLA PRIMARIA LE STAGIONI DEL FRUMENTO FARRO, FRUMENTO E MAIS - FRUMENTO PIAVE, CANOVE, TRITICUM MONOCOCCUM, MAIS MARANO, BIANCOPERLA, SPONCIO IL GRANO Il frumento (o grano) è una pianta che può crescere

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Agronomia e delle Coltivazioni Erbacee II (Prof. Teofilo Vamerali) Qualità delle farine per la panificazione

Laboratorio di Didattica dell Agronomia e delle Coltivazioni Erbacee II (Prof. Teofilo Vamerali) Qualità delle farine per la panificazione Laboratorio di Didattica dell Agronomia e delle Coltivazioni Erbacee II (Prof. Teofilo Vamerali) Qualità delle farine per la panificazione Programma del laboratorio N Lez. Modalità Titolo della lezione

Dettagli

FARINA DI GRANO TENERO TIPO "0" FARINA DI GRANO TENERO TIPO "00" FARINA DI GRANO TENERO TIPO "00"

FARINA DI GRANO TENERO TIPO 0 FARINA DI GRANO TENERO TIPO 00 FARINA DI GRANO TENERO TIPO 00 Art. 01154 FARINE DI GRANO TENERO Art. 01153 FARINE DI GRANO TENERO Art. 01150 FARINE DI GRANO TENERO FARINA 00 DEL MIO SACCO FARINA 00 DEL MIO SACCO FARINA 00 DEL MIO SACCO ARANCIONE W410-440 SAC.X KG.10

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento discienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Via E. De Nicola 07100 Sassari Tel. +39 079 229222/3 Fax +39 079 229222 e-mail agcess@uniss.it Partita IVA

Dettagli

SCHEDA TECNICA: Pane di semola rimacinata di grano duro con il 50% di sale in meno

SCHEDA TECNICA: Pane di semola rimacinata di grano duro con il 50% di sale in meno SCHEDA TECNICA: Pane di semola rimacinata di grano duro con il 50% di sale in meno GAMMA Forte LINEA Classico/Salute e Benessere Fare bene Fa bene Pane di semola rimacinata di grano duro con il 50% di

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Potere metanigeno: fattori determinanti Genetica Digeribilità della fibra Contenuto di amido Stress

Dettagli

Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione

Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione Aspetti tecnologici e nutrizionali della semola rimacinata di grano duro per la panificazione G.B. Quaglia 1 1 Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, Via Ardeatina, 546-00178 Roma

Dettagli

Strutturazione di impasti per la produzione di pane e pasta contenenti sfarinati con alto valore funzionale

Strutturazione di impasti per la produzione di pane e pasta contenenti sfarinati con alto valore funzionale Progetto Responsabile: Dr.sa M.G.D Egidio (CRA-ISC Roma) Unità di ricerca Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Strutturazione di impasti per

Dettagli

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria

Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria 1 Aspetti tecnologici di panetteria e pasticceria Le proprietà tecnologiche della farina La farina, come abbiamo già detto, è un prodotto ricavato dalla macinazione e successivo abburattamento del grano.

Dettagli

il primo ingrediente CATALOGO GENERALE

il primo ingrediente CATALOGO GENERALE il primo ingrediente CATALOGO GENERALE Eravamo un piccolo molino a pietra sulla riva del Po e siamo diventati, passo dopo passo, il primo gruppo molitorio italiano, e tra i maggiori in Europa. il primo

Dettagli

Celiachia: ci salverà il lievito madre

Celiachia: ci salverà il lievito madre Celiachia: ci salverà il lievito madre La celiachia negli ultimi anni è entrata prepotentemente nelle nostre vite: è ormai quasi impossibile non conoscere qualcuno che sia affetto da tale forma di intolleranza

Dettagli

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI ANNO ACCADEMICO 2009-2010 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE DOCENTE: Maria Grazia Volpe mail:mgvolpe@isa.cnr.it FINALITA Il corso si prefigge di avviare lo studente all

Dettagli

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Cavallucci Clarita Medico Veterinario Ph.D. claritacavallucci@alice.it

Dettagli

Scheda Tecnica Prodotto :

Scheda Tecnica Prodotto : ! 1 Scheda Tecnica Prodotto : Taralli Scaldati Classici, con olio extravergine d oliva 10% Confezione Kg 5 Marchio : FIORE ANTONIO Data Rev. : Gennaio 2015 Cod. Produzione : E813 Cod. EAN : - Cod. Fatturazione

Dettagli

Donatella Peressini, Monica Pin, Alessandro Sensidoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti, Università di Udine, via Sondrio 2/A-33100 Udine

Donatella Peressini, Monica Pin, Alessandro Sensidoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti, Università di Udine, via Sondrio 2/A-33100 Udine GLI INDICI QUALITATIVI DEL FRUMENTO: STUDIO DELLE RELAZIONI TRA CARATTERISTICHE COMPOSITIVE DEL FRUMENTO TENERO, CARATTERISTICHE REOLOGICHE DEGLI IMPASTI E PROPRIETA PANIFICATORIE Donatella Peressini,

Dettagli

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Università degli Studi di Torino DISAFA Molino Peila SpA Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Collegno 24 aprile 2015 Dr.

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

Farine per brevi lievitazioni Impasti diretti (2/6 ore)

Farine per brevi lievitazioni Impasti diretti (2/6 ore) Grandi Molini Italiani (GMI) è il primo gruppo molitorio italiano e tra i principali in Europa nella produzione di farine di grano tenero e semole di grano duro per uso domestico, per uso professionale

Dettagli

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari.

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari. Catalogo prodotti Pane Pane multicereali Panfiore Filone contadino Pane vitale Pane alla zucca Pane chiaro di farina di frumento mista con crosta gustosa e decorata con semi. Farina di frumento tipo 0,

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

Agenzia regionale per lo sviluppo rurale ERSA - Servizio Fitosanitario e Chimico 2

Agenzia regionale per lo sviluppo rurale ERSA - Servizio Fitosanitario e Chimico 2 Pubblicazione edita da Agenzia regionale per lo sviluppo rurale ERSA Via Montesanto, 17 Gorizia Partner Dipartimento di Scienze degli Alimenti - Università degli Studi di Udine Associazione produttori

Dettagli

I Mix Multicereali. Alta Qualità in Panificazione.

I Mix Multicereali. Alta Qualità in Panificazione. I Mix Multicereali Alta Qualità in Panificazione. I Mix Multicereali La Gamma Italmill è un azienda dinamica che opera nel mercato europeo dei prodotti da forno. Ed è Subito Pane, il brand Italmill dei

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4 AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili Alimento Contenuto di amido, % Mais granella 71-74 Avena 41-44 Riso 75-88 Grano 67-68 Orzo 67-68 Pisello semi 43-48 Patate

Dettagli

FARINA PER PIZZA ITALIANA SCEGLI LA QUALITA AL GIUSTO PREZZO

FARINA PER PIZZA ITALIANA SCEGLI LA QUALITA AL GIUSTO PREZZO FARINA PER PIZZA ITALIANA SCEGLI LA QUALITA AL GIUSTO PREZZO il primo gruppo molitorio italiano Grandi Molini Italiani (GMI) è il primo gruppo molitorio italiano e tra i principali in Europa nella produzione

Dettagli

Il GRANDE. LIBRO del PANE. Più di 250 ricette tradizionali e sfiziose. per un classico della cucina italiana. Lorena Fiorini

Il GRANDE. LIBRO del PANE. Più di 250 ricette tradizionali e sfiziose. per un classico della cucina italiana. Lorena Fiorini Il GRANDE LIBRO del PANE Lorena Fiorini Più di 250 ricette tradizionali e sfiziose per un classico della cucina italiana Acqua, farina e lievito: il pane. Un alimento che affonda le radici in riti sacri

Dettagli

con germe di grano + vitamine + sali minerali + fibre + GUSTO

con germe di grano + vitamine + sali minerali + fibre + GUSTO con germe di grano + vitamine + sali minerali + fibre + GUSTO INFIBRA / cosa c'è nel sacco? + benessere INFIBRA permette di aggiungere meno grassi al prodotto finito grazie alle proprietà panificatorie

Dettagli

Fibra S dai una svolta alla tua alimentazione, fai il pieno di fibre e sali minerali!

Fibra S dai una svolta alla tua alimentazione, fai il pieno di fibre e sali minerali! dai una svolta alla tua alimentazione, fai il pieno di fibre e sali minerali! è un mix per panificazione al 100% per la produzione di un gustoso pane alle fibre con tanti cereali e semi. Ricco di sapori

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

ARABO CON AVENA codice: 10008

ARABO CON AVENA codice: 10008 ARABO CON AVENA codice: 10008 Pagnotta morbida di forma arrotondata. Farina di grano tenero tipo 00, acqua, semilavorato a base di avena 6 % (fiocchi di avena, farina e tritello di avena, pasta acida essiccata

Dettagli

Dal Seme alla Pasta: una tradizione in continua evoluzione.

Dal Seme alla Pasta: una tradizione in continua evoluzione. Accademia Nazionale di Agricoltura Dal Seme alla Pasta: una tradizione in continua evoluzione. Bologna 26 novembre, 2014 Archiginnasio, Bologna By Roberto Ranieri Open Fields srl Collecchio (PR) Filiera

Dettagli

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Chiara Delogu Lorella Andreani SCS- Centro per la sperimentazione e certificazione delle sementi SEME Materiale

Dettagli

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum Introduzione I cereali utilizzati da secoli sia nell'alimentazione umana che in quella animale, grazie alle loro spiccate doti nutrizionali,

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

donna che schiaccia il grano - terracotta egiziana della sesta dinastia

donna che schiaccia il grano - terracotta egiziana della sesta dinastia Origine del pane Secondo la tradizione il pane è stato inventato in Egitto. Gli egiziani erano già in uso di frantumare i chicchi e produrre la farina, ma un giorno... Il Nilo in piena raggiunse i sacchi

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

INDICE 4 INTRODUZIONE 9 GRANO DURO 35 ORZO DISTICO 39 ORZO IBRIDO 42 ORZO POLISTICO 22 GRANO TENERO. 4 - L Azienda L industria sementiera

INDICE 4 INTRODUZIONE 9 GRANO DURO 35 ORZO DISTICO 39 ORZO IBRIDO 42 ORZO POLISTICO 22 GRANO TENERO. 4 - L Azienda L industria sementiera INDICE 4 INTRODUZIONE 4 - L Azienda L industria sementiera 7 - La scelta delle varietà La selezione 9 GRANO DURO 10 - Avispa 11 - Colorado 12 - Sy Lido 13 - Miradoux 14 - PR22D40 15 - PR22D66 16 - PR22D78

Dettagli

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina Definizione dal punto di vista alimentare: Materiale presente negli alimenti lentamente digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tratto gastrointestinale. (D.R. Mertens) 17/10/2012 1 Definizione

Dettagli

Quotazioni della Borsa Merci Telematica Italiana riferite al periodo 17/04/2014-23/04/2014

Quotazioni della Borsa Merci Telematica Italiana riferite al periodo 17/04/2014-23/04/2014 Quotazioni della Borsa Merci Telematica Italiana riferite al periodo 17/04/2014-23/04/2014 Quotazioni sui mercati a pronti (1) Cereali minori Orzo naz. pesante uso zootec. TOSCANA 220,000 / t 1.500 t Sorgo

Dettagli

IL PROCESSO DI FERMENTAZIONE: protagonista da sempre nella cultura dei popoli. Vendemmia egizia, tomba tebana di Nakht. 1425 ca.

IL PROCESSO DI FERMENTAZIONE: protagonista da sempre nella cultura dei popoli. Vendemmia egizia, tomba tebana di Nakht. 1425 ca. IL PROCESSO DI FERMENTAZIONE: protagonista da sempre nella cultura dei popoli Vendemmia egizia, tomba tebana di Nakht. 1425 ca. Nel corso della storia il vino 8000 a.c. ca Caucaso, fermentazione accidentale

Dettagli

La produzione biologica di mais, riso e cereali minori Breve vademecum

La produzione biologica di mais, riso e cereali minori Breve vademecum La produzione biologica di mais, riso e cereali minori Breve vademecum Il mais: notizie generali La coltivazione del mais in agricoltura biologica, ha visto un rilancio negli ultimi anni in seguito all'adozione,

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE

NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA. Speciale FARINE NUMERO 36 SETTEMBRE 2015 CONTIENE I.P. SEGUICI SU FACEBOOK RISTORAZIONE ITALIANA Speciale FARINE di Maurizio De Pasquale www.orlandipasticceria.com LA RICERCA DELLE PROTEINE N utrirsi bene è fondamentale

Dettagli

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 E bello conoscere il percorso del chicco di grano da semplice semino a pane quotidiano e osservare quanta cura e quanto lavoro c è dietro ogni fettina

Dettagli

GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA

GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA Nome... classe.... GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA Leggete i paragrafi, trovate la frase con lõidea principale e scrivetela nelle righe vuote STORIA DEL GRANO La storia del grano risale alla preistoria,

Dettagli

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI facciamo il nostro lavoro con passione 2 bavarese al caffè - 250 ml di latte - 250 ml di caffè - 500 ml di panna montata - 120 g di zucchero - 8 gr di colla di pesce - 125 g di tuorli d uovo (ovvero 6

Dettagli

Spiga & Madia Campagna 2009-10 dal partenariato locale tra produttori e consumatori, nuovo modelli di comunità

Spiga & Madia Campagna 2009-10 dal partenariato locale tra produttori e consumatori, nuovo modelli di comunità Spiga & Madia Campagna 2009-10 dal partenariato locale tra produttori e consumatori, nuovo modelli di comunità CATENA DEL VALORE DELLE PRODUZIONI AGRICOLE (Stati Uniti d America 2001) Materie prime Lavoro

Dettagli

Alternative al mais, i primi suggerimenti

Alternative al mais, i primi suggerimenti Alternative al mais, i primi suggerimenti La decisione di destinare parte della superficie agricola alla produzione di mais ed altri cereali per la produzione di biodisel e biogas, sottrarrà questo cereale

Dettagli

Biologico per scelta

Biologico per scelta Biologico per scelta biologico per scelta Mezzo secolo fatto di scelta attenta delle materie prime, innovazione tecnologica e coerenza di rapporti etici che hanno costruito un avventura imprenditoriale

Dettagli

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion SUPER PREMIUM PREMIUM Flavor & Passion Flavor & Passion Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet Food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Riprendendo

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n 23 del 23/09/2008 DISCIPLINARE

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente i cereali, le leguminose, le proteine vegetali e i loro derivati

Ordinanza del DFI concernente i cereali, le leguminose, le proteine vegetali e i loro derivati Ordinanza del DFI concernente i cereali, le leguminose, le proteine vegetali e i loro derivati 817.022.109 del 23 novembre 2005 (Stato 1 gennaio 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE: TERZO ANNO DI QUALIFICA OPERATORE DELL INDUSTRIA DOLCIARIA

PROFILO PROFESSIONALE: TERZO ANNO DI QUALIFICA OPERATORE DELL INDUSTRIA DOLCIARIA INDIRIZZO ARTE BIANCA Qualifica operatore dell industria dolciaria (D.M. 2 dicembre 1994) PROFILO PROFESSIONALE: TERZO ANNO DI QUALIFICA OPERATORE DELL INDUSTRIA DOLCIARIA L operatore dell industria dolciaria

Dettagli

Alunna: Marchini Irene Classe: 3 A Anno scolastico:2012/2013

Alunna: Marchini Irene Classe: 3 A Anno scolastico:2012/2013 Alunna: Marchini Irene Classe: 3 A Anno scolastico:2012/2013 Aspetto nutrizionale Principi nutritivi Funzione dei nutrienti Classificazione Dieta equilibrata Aspetto Tecnologico Produzione e trasformazione

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

Catalogo prodotti. Biodinamico per natura.

Catalogo prodotti. Biodinamico per natura. atalogo prodotti iodinamico per natura. simply organic since 1995 Stampato su carta riciclata al 100% 1011IT.0912 L azienda molitoria Steiner Mühle è l unico mulino in Svizzera a produzione interamente

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

!!!!!!!!! DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL PANETTONE TIPICO DELLA TRADIZIONE ARTIGIANA MILANESE! 1

!!!!!!!!! DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL PANETTONE TIPICO DELLA TRADIZIONE ARTIGIANA MILANESE! 1 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL PANETTONE TIPICO DELLA TRADIZIONE ARTIGIANA MILANESE 1 Articolo 1. Denominazione La denominazione di Panettone Tipico della Tradizione Artigiana Milanese è riservata al prodotto

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Abitualmente si considera cereale anche il grano saraceno, che tuttavia appartiene alla famiglia delle Poligonacee.

Abitualmente si considera cereale anche il grano saraceno, che tuttavia appartiene alla famiglia delle Poligonacee. Si ricavano da piante monocotiledoni appartenenti alla famiglia delle Graminacee e sono probabilmente i primi vegetali di cui è stata tentata la coltivazione. I cereali di più largo consumo sono: frumento,

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento GranItalia Aula Magna della Facoltà di Agraria Università di Bologna, 1 ottobre 2010 La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento Industria sementiera e innovazione varietale. La collaborazione

Dettagli

CHIEDI AL TUO RIVENDITORE DI ZONA IL MATERIALE PROMOZIONALE MENOCARB PER ALLESTIRE IL TUO PUNTO VENDITA. Il Ricettario

CHIEDI AL TUO RIVENDITORE DI ZONA IL MATERIALE PROMOZIONALE MENOCARB PER ALLESTIRE IL TUO PUNTO VENDITA. Il Ricettario CHIEDI AL TUO RIVENDITORE DI ZONA IL MATERIALE PROMOZIONALE PER ALLESTIRE IL TUO PUNTO VENDITA. Il Ricettario La perfetta alternativa per un alimentazione consapevole Sono sempre di più i consumatori che

Dettagli

Il mercato nazionale dei cereali. Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna

Il mercato nazionale dei cereali. Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna Il mercato nazionale dei cereali Verlicchi Augusto Org. Di Produttori Cereali Emilia-Romagna Il contesto di riferimento Il settore cerealicolo opera in un quadro caratterizzato da diversi aspetti difficilmente

Dettagli