FOCUS BRASILE Gli Investimenti in Brasile: strumenti giuridici e aspetti fiscali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOCUS BRASILE Gli Investimenti in Brasile: strumenti giuridici e aspetti fiscali"

Transcript

1 FOCUS BRASILE Gli Investimenti in Brasile: strumenti giuridici e aspetti fiscali Avv. Paolo Manzato Senior Partner Roberta Miotti Advogada in San Paolo Brasile, Lisbona Portogallo e Milano Italia Manzato & Associati -Studio Legale Corso di Porta Romana, 63 - MILANO Tel Fax Website: Aspetti Fiscali degli Investimenti in Brasile 15 novembre 2007 Il Sole 24 ORE Sala Collina

2 A MONTE DEGLI INVESTIMENTI: COME E STRUTTURATO IL SISTEMA BANCARIO E FINANZIARIO BRASILIANO IL SISTEMA FINANZIARIO NAZIONALE E COSI COMPOSTO: - CONSIGLIO MONETARIO NAZIONALE (CMN); - BANCA CENTRALE DEL BRASILE (BACEN); - BANCO DO BRASIL; - BANCA NAZIONALE PER LO SVILUPPO ECONOMICO E SOCIALE (BNDES) - BANCHE A CAPITALE PRIVATO

3 QUAL E LA DEFINIZIONE DI CAPITALE STRANIERO SECONDO LA LEGGE BRASILIANA? PER CAPITALE STRANIERO SI INTENDE: - i beni, le macchine e gli attrezzi ( equipamentos ) entrati nel Paese e destinati alla produzione di beni e servizi; - le risorse finanziarie o monetarie introdotte nel Paese al fine di essere utilizzate nelle attività economiche * a patto che, in entrambe le ipotesi, i beni e le risorse appartengano a persone fisiche o giuridiche residenti all estero, domiciliate all estero o con sede all estero.

4 QUALI SONO I MERCATI UFFICIALI DI CAMBIO IN BRASILE? Sono due, entrambi regolamentati dalla Banca Centrale: - cambio commerciale, riservato alle operazioni commerciali e agli investimenti in moneta straniera in Brasile; - cambio turismo, destinato ad altri tipi di operazioni, quali transazioni in entrata e in uscita.

5 IL CAPITALE STRANIERO DEVE ESSERE REGISTRATO IN BRASILE? Sì, attraverso il modulo RDE IED (Registro Declaratório Eletrônico Investimento Externo Direto), integrante il sistema di informazioni del Banco Central SISBACEN. - Tutti gli investimenti stranieri devono essere registrati presso il Banco Central do Brasil. - Tale registrazione è essenziale per la rimessa dei profitti all estero, o per il rimpatrio di capitale e la registrazione di reinvestimenti di profitti. - L investimento estero, che è soggetto a registrazione, non è sottoposto a previa analisi e verifica da parte del Banco Central. - Basterà, allo scopo, l RDE (il Registro Dichiaratorio Elettronico), che è effettuato direttamente dall impresa che riceve l investimento estero diretto e/o dal rappresentante dell investitore straniero.

6 IN COSA CONSISTE IL NUMERO RDE - IED? È un numero simile a quello di un conto corrente ed in assenza del quale non è possibile effettuare la registrazione di alcun investimento. -È ottenuto tramite il SISBACEN, via internet, prima di: a) effettuare operazioni di cambio relative alle rimesse dall estero e per l estero, in valuta straniera, o ai trasferimenti in valuta nazionale, a titolo di investimento; b) effettuare l investimento estero diretto in una determinata società ricevente.

7 1) COME VIENE TASSATA L IMPRESA CHE VUOLE INVESTIRE IN BRASILE? CENNI SULLA TASSAZIONE IN BRASILE - La tassazione avviene a livello federale, statale e municipale (ci sono 26 Stati oltre al Distretto di Brasília). - Le fonti sono la Costituzione Federale ed il Codice Tributario, oltre alle disposizioni specifiche e settoriali, oltre ai tributi locali.

8 IMPOSTE FEDERALI - Imposta sul reddito delle persone giuridiche (IRPJ), con aliquota del 15% sul lucro real (una delle 3 basi imponibili), con una sovrimposta sulla parte di reddito che eccede i R$ ,00 reais mensili (circa 7.500,00 mensili). - Imposta sui prodotti industriali (IPI), con aliquote variabili dallo 0 al 356, 6% (per i beni non di prima necessità, tipo le sigarette).

9 CONTRIBUTI FEDERALI Sempre a livello federale, vi sono poi vari contributi sui ricavi: - contributo per il finanziamento della sicurezza sociale (COFINS) pari al 7,6%; - contributo per il programma di integrazione sociale (PIS/PASEP), pari all 1,65%; - Contributo sociale sul lucro netto (CSLL = Contribuição social sobre o lucro liquido ) pari al 9% dell utile ante imposte. - contributo provvisorio alla movimentazione finanziaria (CPMF), pari allo 0,38% da applicare sui conti correnti bancari.

10 IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE GIURIDICHE (IRPJ) - prevede l aliquota del 15% sul lucro real (cioè una delle 3 basi imponibili), con una sovrimposta del 10% sulla parte di reddito che eccede i R$ ,00 reais mensili (= 7.500,00 mensili circa).

11 -segue- IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE GIURIDICHE (IRPJ) - la determinazione della base imponibile può avvenire: - sulla base del reddito effettivamente conseguito (lucro real); - su base presunta (lucro estimado), cioè sulla base del reddito stimato trimestralmente con verifica del saldo a credito o debito entro il marzo dell anno successivo o - su base preconcordata con il fisco (lucro presumido), applicando delle percentuali predeterminate ai ricavi, variabili a seconda del tipo di attività svolta. - è previsto un uguale trattamento per società e stabili organizzazioni e vige il principio del foreign tax credit.

12 MISURE ANTIELUSIVE È prevista una serie di misure antielusive: -esiste un limite alla deduzione di royalties: una impresa licenziataria brasiliana può dedurre le royalties solo entro il limite del 5% dei propri ricavi (1% se si tratta di marchi); -il pagamento di royalties è consentito solo se il marchio o il brevetto è stato registrato sia in Brasile sia nel paese di origine. -gli addebiti infragruppo sono deducibili ma devono essere approvati dalle autorità fiscali brasiliane; - i servizi di assistenza tecnica forniti dalla società controllante non residente a società brasiliane non sono deducibili ai fini fiscali.

13 SIGNIFICATIVE ESENZIONI AL REGIME FISCALE Esistono significative esenzioni per le società che esportano almeno l 80% della propria produzione, con l esenzione dal COFINS (7,6%) e dal PIS / PASEP (1,65%): - le perdite possono essere riportate all infinito, ma nei limiti del 30% del reddito annuo (in Italia di solito il limite temporale è di 5 anni); - nel caso di distribuzione di dividendi, il Banco Central do Brasil verifica che l ultimo bilancio della società distributrice non sia in perdita: in questo caso può bloccare il rimpatrio dei dividendi in proporzione alla perdita accertata.

14 PRINCÍPI DELLA TASSAZIONE INTERNAZIONALE NEI RAPPORTI TRA ITALIA E BRASILE In Brasile e in Italia vige il principio della world wide taxation da cui deriva la doppia imposizione giuridica o economica in capo al contribuente. Per eliminare o mitigare la doppia imposizione i paesi OCSE hanno creato una rete di trattati che costituiscono norme speciali, destinate ad operare in deroga alle normative fiscali interne. Il trattato vale per IRPJ brasiliana e per l IRES, l IRPEF e l IRAP (benché quest ultima non esplicitamente confermata dalle autorità brasiliane).

15 TRATTATO ITALO-BRASILIANO CONTRO LA DOPPIA IMPOSIZIONE Il trattato italo-brasiliano del 29/11/1980 si basa sull uguale trattamento fiscale da riservare a società residenti e stabili organizzazioni e sul metodo di eliminazione della doppia imposizione costituito dal criterio del credito di imposta in luogo di quello dell esenzione. È quindi fondamentale verificare se le modalità di presenza sul territorio brasiliano integrino o meno i requisiti per dar luogo ad una stabile organizzazione, che obbligherebbe ad adempiere agli stessi obblighi fiscali rispetto alla costituzione di una società locale.

16 2) QUALI SONO LE MODALITÀ PIÙ COMUNI PER OPERARE SUL MERCATO BRASILIANO E QUALI CONSEGUENZE VI SONO DAL PUNTO DI VISTA FISCALE? A) Si può operare attraverso una società: i livelli di tassazione sono quelli di cui ho già parlato in precedenza. B) Si può operare attraverso una stabile organizzazione. La convenzione italo-brasiliana del 1980 riprende la definizione OCSE di stabile organizzazione quale sede fissa di affari in cui l impresa esercita in tutto o in parte la sua attività e prevede alcune figure tipiche di sede fissa che hanno carattere esemplificativo e non esaustivo: a) una sede di direzione; b) una succursale; c) un ufficio; d) una officina; e) un laboratorio; f) un cantiere di costruzione o di montaggio la cui durata oltrepassa i sei mesi. g) la prassi e la giurisprudenza hanno considerato stabile organizzazione anche un agente dipendente dotato dei poteri di rappresentanza; h) l apertura di una filiale di vendita.

17 NON CONFIGURA UNA STABILE ORGANIZZAZIONE: -L agente di commercio/mediatore se si tratta di agente indipendente o se agente dipendente non dotato di poteri di rappresentanza; -l invio di merce in Brasile con introduzione in deposito doganale; -la stipula di un contratto di distribuzione o di licenza o brevetto con una società brasiliana; - l apertura di un ufficio di rappresentanza che non svolga attività di vendita, ma si limiti a svolgere funzioni pubblicitarie o di ricerca o diffusione di informazioni.

18 COME SI APPLICA IL TRATTATO ITALIA-BRASILE DEL 1980 PER L ELIMINAZIONE DELLA DOPPIA IMPOSIZIONE IN PRESENZA DI STABILE ORGANIZZAZIONE? - il metodo del credito di imposta prevede che se un soggetto residente in Italia percepisce elementi di reddito che sono tassati anche nel paese estero (stabile organizzazione), questi concorreranno a formare il reddito complessivo in Italia a fronte dei quali al percettore viene riconosciuto un credito di imposta pari alle imposte assolte all estero; - il credito di imposta, tuttavia, non potrà essere superiore alle imposte italiane attribuibili a tale reddito nella proporzione in cui il reddito concorre a formare il reddito complessivo.

19 3) COME È POSSIBILE RIMPATRIARE I PROFITTI O OTTIMIZZARE IL CARICO FISCALE TRANSNAZIONALE? CASI DI ELIMINAZIONE DELLA DOPPIA IMPOSIZIONE - Nel caso di erogazione di dividendi, royalties e interessi la convenzione prevede l applicazione delle seguenti ritenute: - 15% sui dividendi; - 15% sugli interessi; - 25% sulle royalties nel caso di marchi; - 15% in tutti gli altri casi. Tuttavia, la convenzione stipulata con il Brasile stabilisce che nel caso del pagamento di dividendi, interessi e royalties il credito di imposta sia figurativo, ovvero, che spetti al contribuente italiano, per lo scomputo delle tasse da scontare in Italia, in misura figurativa, pari ovvero al 25% del reddito prodotto in Brasile.

20 ECCEZIONE IMPORTANTE Se una società residente in Italia detiene almeno il 25% del capitale di una società residente in Brasile, l Italia esenta da imposte i dividendi ricevuti dalla società brasiliana e non si applicherà alcuna ritenuta in Brasile.

21 CHI EMANA LE NORME IN BRASILE? Le norme sono emanate dall Unione Federale, dagli Stati, dal Distrito Federal e dai Municipi.

22 IL BRASILE HA FIRMATO ACCORDI INTERNAZIONALI? Si, il Brasile ha firmato grande parte dei Trattati internazionali multilaterali in vigore ed ha circa 65 accordi bilaterali con l Italia, tra i quali l accordo contro la doppia imposizione fiscale.

23 COME È COSTITUITO IL SISTEMA GIURIDICO BRASILIANO? Il sistema giuridico brasiliano si basa su quello romano. Il Brasile ha adottato la forma codicistica per creare le fondamenta del suo sistema legale. La fonte primaria del diritto è la legge scritta, disposta in codici.

24 Manzato & Associati Studio Legale Milano Corso di Porta Romana, 63 Tel Fax Website : Roma Via del Tritone, 102 Tel Fax

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Tassazione dei redditi di fonte estera e redditi dei non residenti Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli Il sistema delle imposte sul reddito I II PARTE 1 Tassazione

Dettagli

Tassazione delle attività finanziarie

Tassazione delle attività finanziarie Tassazione delle attività finanziarie Principali problematiche Vedi quanto detto detto su: Reddito consumo (è opportuno esentare le rendite finanziarie?) Reddito prodotto e Reddito entrata È opportuno

Dettagli

Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014

Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014 La gestione di branch estere: criticità tributarie e contabili. Difficoltà connesse al recupero delle imposte estere (principi normativi - un caso pratico) Convegno di Studio Brescia, 13.02.2014 BRANCH

Dettagli

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI E TASSAZIONE DEI DIVIDENDI ESTERI Sommario: 1. Premessa - 2. Il regime di tassazione dei dividendi nell ordinamento belga e la Convenzione contro le doppie imposizioni

Dettagli

STATI UNITI D'AMERICA

STATI UNITI D'AMERICA STATI UNITI D'AMERICA Negli Stati Uniti d America, la potestà impositiva fiscale si articola su tre livelli: federale, statale, e municipale Principali trattati sottoscritti con l Italia Convenzione contro

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A.

RISOLUZIONE N. 170/E. OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. RISOLUZIONE N. 170/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2005 OGGETTO: Istanza di Interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. X S.P.A. Con l interpello specificato in oggetto,

Dettagli

COME OPERARE IN BRASILE PRINCIPALI FORME DI ORGANIZZAZIONE DI UN IMPRESA.

COME OPERARE IN BRASILE PRINCIPALI FORME DI ORGANIZZAZIONE DI UN IMPRESA. COME OPERARE IN BRASILE PRINCIPALI FORME DI ORGANIZZAZIONE DI UN IMPRESA. Le società estere possono operare in Brasile sia in via diretta, per mezzo di succursali o filiali, sia in via indiretta, per mezzo

Dettagli

Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese

Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Misure per supportate la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Le slide non forniscono una completa descrizione delle nuove norme né affrontano tutte le tematiche che possono rilevare ai fini

Dettagli

IMPLICAZIONI TRIBUTARIE ITALIANE DEGLI INVESTIMENTI IN FRANCIA

IMPLICAZIONI TRIBUTARIE ITALIANE DEGLI INVESTIMENTI IN FRANCIA IMPLICAZIONI TRIBUTARIE ITALIANE DEGLI INVESTIMENTI IN FRANCIA Milano, 6 Aprile 2011 1 AGENDA L investimento diretto in Francia mediante l apertura di una filiale (branch) Il principio della tassazione

Dettagli

Summary 2014 - Grecia

Summary 2014 - Grecia Summary 2014 - Grecia Informazioni generali: Valuta - Euro ( EUR) Mobilità dei capitali - Non ci sono restrizioni sulla mobilità dei capitali, ma le esportazioni di valuta estera devono essere effettuate

Dettagli

SISTEMA LEGALE E TRIBUTARIO IN BRASILE

SISTEMA LEGALE E TRIBUTARIO IN BRASILE FORUM BRASILE SISTEMA LEGALE E TRIBUTARIO IN BRASILE Martedì, 15 aprile 2014 - Parma Cav. Avv. Giacomo Guarnera Panorama Giuridico Brasiliano Nuovo Codice Civile (L. 10.406/02) Unificazione del Diritto

Dettagli

BRASILE BREVE GUIDA AGLI INVESTIMENTI

BRASILE BREVE GUIDA AGLI INVESTIMENTI BRASILE BREVE GUIDA AGLI INVESTIMENTI 1 PREMESSA Il presente documento e le informazioni in esso contenute sono destinate a coloro i quali, avendo l intenzione di investire in Brasile, vogliono avere talune

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 14/2015 del 7 maggio 2015 TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

Dettagli

SOCIETA ALL ESTERO LA STABILE ORGANIZZAZIONE E GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI IN ITALIA

SOCIETA ALL ESTERO LA STABILE ORGANIZZAZIONE E GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI IN ITALIA SOCIETA ALL ESTERO LA STABILE ORGANIZZAZIONE E GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI IN ITALIA L internazionalizzazione delle imprese italiane in un paese straniero o di imprese estere in Italia diventa

Dettagli

Riferimenti normativi. Schema

Riferimenti normativi. Schema Tema n. 25 Il candidato esamini la disciplina dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) e accenni ai dubbi di incompatibilità dell imposta con la normativa comunitaria Riferimenti normativi

Dettagli

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA LA FISCALITA NELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA Fabio Landuzzi 14 ottobre 2014 www.pirolapennutozei.it Fiscalità nell internazionalizzazione dell impresa LE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI:

Dettagli

6. LA TASSAZIONE DELLE ATTIVITA FINANZIARIE IN EUROPA

6. LA TASSAZIONE DELLE ATTIVITA FINANZIARIE IN EUROPA 93 6. LA TASSAZIONE DELLE ATTIVITA FINANZIARIE IN EUROPA Il problema della tassazione delle attività finanziarie nei Paesi dell Unione Europea è diventato più rilevante con la liberalizzazione dei movimenti

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y CINA TASSAZIONE DEI LAVORATORI STRANIERI PRESENTI IN CINA di Avv. Francesco Misuraca Criteri di tassazione dei lavoratori stranieri presenti in Cina La normativa generale cinese, che va comparata con le

Dettagli

Circolare monotematica LUGLIO 2015

Circolare monotematica LUGLIO 2015 Circolare monotematica LUGLIO 2015 1 OPERARE ALL ESTERO Novità in corso di introduzione per effetto del Decreto legislativo, ancora in esame, in attuazione della Legge delega 11 Marzo 2014, n.23 1. NOVITA

Dettagli

Il sistema fiscale austriaco

Il sistema fiscale austriaco Il sistema fiscale austriaco 1. Introduzione 2. Imposte sul reddito delle società 3. Imposte sul reddito delle persone 4. Imposte sul reddito dei non residenti 5. Altre imposte di rilievo 6. Calcolo della

Dettagli

COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL I.R.P.E.F.

COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL I.R.P.E.F. COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL I.R.P.E.F. Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio assunta con i poteri del

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Aumento dell'aliquota di tassazione delle rendite finanziarie dal 20% al 26%, (effetti finanziari diretti).

RELAZIONE TECNICA Aumento dell'aliquota di tassazione delle rendite finanziarie dal 20% al 26%, (effetti finanziari diretti). RELAZIONE TECNICA Artt. 3 e 4, commi da 1 a 10 (Disposizioni in materia di redditi di natura finanziaria) Le disposizioni in esame prevedono l incremento di sei punti percentuali, a decorrere dal luglio

Dettagli

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura 1 PREMESSA L art. 1 del DL 31.5.2014 n. 83, entrato in vigore l 1.6.2014 e convertito nella L. 29.7.2014 n. 106, ha introdotto

Dettagli

L eliminazione della doppia imposizione

L eliminazione della doppia imposizione L eliminazione della doppia imposizione by Paolo Battaglia - Wednesday, September 23, 2015 http://www.ascheri.net/2015/09/23/leliminazione-della-doppia-imposizione/ L applicazione del World Wide Taxation

Dettagli

La riforma 2008 sull imposizione dei redditi delle imprese 1

La riforma 2008 sull imposizione dei redditi delle imprese 1 Avv. Paola Fasciani, Rechtsanwältin e Fachanwältin für Steuerrecht Avvocato Specializzato in diritto tributario Francoforte sul Meno e Milano La riforma 2008 sull imposizione dei redditi delle imprese

Dettagli

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Novembre 2013 Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Avv. Vincenzo Bancone e Dott. Manfredi La Barbera, CBA Studio Legale e Tributario

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone)

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Nel Quadro RT del modello Unico PF 2015 devono essere dichiarate le plusvalenze e le minusvalenze di natura finanziaria,

Dettagli

Guida Agli Investimenti Esteri In Brasile

Guida Agli Investimenti Esteri In Brasile Guida Agli Investimenti Esteri In Brasile Indice 1. Investimenti stranieri in Brasile 2. Registrazione del capitale straniero 3. Rimessa degli utili 4. Rinvestimento di utili 5. Rimpatrio del capitale

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

Gli investimenti esteri in Cina A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A

Gli investimenti esteri in Cina A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A Gli investimenti esteri in Cina CHIETI, 7 OTTOBRE 2013 FROSINONE, 10 OTTOBRE 2013 A V V. G I O V A N N I P I S A C A N E M A N A G I N G P A R T N E R - G W A Contenuti - CINA 1. Gli Uffici di Rappresentanza

Dettagli

Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong

Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Hong Kong di Cristiano Donnet La Convenzione è stata firmata in data 14 gennaio 2013 Il Segretario ai Servizi Finanziari del Tesoro, Professor KC Chan,

Dettagli

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese

Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese Misure per la crescita e l internazionalizzazione delle imprese (Schema di decreto legislativo n. 161) N. 217 4 giugno 2015 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni Misure per

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Le modifiche alla fiscalità di banche e assicurazioni, delle imprese petrolifere e delle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003 ASSOCIATI: prof. dott. GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona commercialista revisore contabile dott. MINO CASTELLANI commercialista revisore contabile dott.

Dettagli

Doing Business in Florida Guida 3 LA LEGISLAZIONE FISCALE

Doing Business in Florida Guida 3 LA LEGISLAZIONE FISCALE Doing Business in Florida Guida 3 LA LEGISLAZIONE FISCALE Febbraio 2008 Disclaimer: Avendo questa guida carattere meramente introduttivo ed informativo, e non volendosi in alcun modo sostituire all attività

Dettagli

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE Milano, 5 aprile 2013 Informazioni tributarie 1.4/04/2013 A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE 1. PEX REGIME DI PARTECIPATION EXEMPTION. NUOVI CHIARIMENTI. (CIRCOLARE N. 7/E DELL

Dettagli

GUIDA AGLI INVESTIMENTI ESTERI IN BRASILE

GUIDA AGLI INVESTIMENTI ESTERI IN BRASILE GUIDA AGLI INVESTIMENTI ESTERI IN BRASILE Marzo/2006 A cura del Vice Presidente della Câmera Ítalo-Brasileira de Comércio e Industria Giacomo Guarnera Guarnera Advogados Ogni e qualsiasi diritto riservato

Dettagli

MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE. Milano, 2 ottobre 2014

MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE. Milano, 2 ottobre 2014 MOBILITA DEL LAVORATORE DIPENDENTE Milano, 2 ottobre 2014 Fiscalità internazionale e doppia imposizione L invio di un dipendente all estero comporta, in molti casi, la soggezione alla potestà impositiva

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

Imposizione fiscale negli Stati Uniti per gli investitori stranieri

Imposizione fiscale negli Stati Uniti per gli investitori stranieri Imposizione fiscale negli Stati Uniti per gli investitori stranieri By Richard S. Lehman, P.A. Copyright 2004 1 1. Trattamento fiscale delle Società straniere e degli stranieri non residenti Norme Generali

Dettagli

Spett.le Società XENIA - SRL VIALE 1' MAGGIO N. 22 24030 PRESEZZO BG Codice Fiscale 04953370964

Spett.le Società XENIA - SRL VIALE 1' MAGGIO N. 22 24030 PRESEZZO BG Codice Fiscale 04953370964 Consulenza Fiscale Società Vendita Diretta Agenti di Commercio e Incaricati alle Vendite Largo Giorgio La Pira n. 10 - Massa e Cozzile (PT) Iscrizione CCIAA PT Codice Fiscale 01002000477 Call Center Clienti

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef)

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef) Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10 Esercizi svolti (Irpef) Esercizio 1 Nel corso del 2009, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle ritenute

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 24.03.2015 Dividendi intersocietari Normativa interna, normativa comunitaria e Convenzioni contro le doppie imposizioni Categoria: Ires Sottocategoria:

Dettagli

Le trading e le royalty companies.

Le trading e le royalty companies. Le trading e le royalty companies. Studio Legale Tributario e di Consulenza Economico Aziendale Paparella - Sed P.za Mincio, 2 00198 Roma Tel. 068555816-828 - Fax 068555828 Avv. Nunzio Dario Latrofa Milano,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1

Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Aspetti fiscali della previdenza integrativa 1 Il regime fiscale della previdenza integrativa risente del sistema in base al quale è strutturato. Al compimento dell età pensionabile il sottoscrittore percepirà

Dettagli

BRASILE: aspetti legali, contrattuali e societari dell ingresso nel mercato brasiliano. Confindustria Piacenza -10 Maggio 2012

BRASILE: aspetti legali, contrattuali e societari dell ingresso nel mercato brasiliano. Confindustria Piacenza -10 Maggio 2012 BRASILE: aspetti legali, contrattuali e societari dell ingresso nel mercato brasiliano Confindustria Piacenza -10 Maggio 2012 I TEMI 1. Introduzione - le forme d ingresso nel mercato brasiliano 2. L esportazione

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L UFFICIO DI RAPPRESENTANZA Natura giuridica e attivita dell Ufficio di Rappresentanza L ufficio di rappresentanza (Representative Office, RO) e la forma piu semplice di presenza in Cina per le imprese

Dettagli

Ecapital 2014. Gestione amministrativa e fiscale delle società. Ancona Sede Villa Favorita Mercoledì, 11 giugno 2014. Relatore: Dott.

Ecapital 2014. Gestione amministrativa e fiscale delle società. Ancona Sede Villa Favorita Mercoledì, 11 giugno 2014. Relatore: Dott. Ancona Sede Villa Favorita Mercoledì, 11 giugno 2014 Relatore: Dott. Modalità svolgimento attività di impresa 1) Forma individuale (anche in forma familiare) 2) Società di persone (s.s., Snc e Sas) 3)

Dettagli

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti

Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Il regime fiscale delle SIIQ: imposte di ingresso, redditi prodotti e utili distribuiti Prof. Tommaso Di Tanno (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi Contributi versati dal 1 gennaio 2007 I contributi versati a fondi

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

L evasione fiscale in Italia

L evasione fiscale in Italia L evasione fiscale in Italia Aggiornamento: febbraio 2016 1 Programma dell incontro Il sistema fiscale in Italia Il fenomeno dell evasione fiscale Gli effetti dell evasione nella società Come l contrasta

Dettagli

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi L Imposta sul Reddito delle Società (IRES) Rimini, 7 febbraio 2004 Nuova disciplina della tassazione dei dividendi Dott. Giorgio Nerpiti Studio Combattelli e Nerpiti - Dottori Commercialisti Associati

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

DIVIDENDI, INTERESSI E ROYALTIES

DIVIDENDI, INTERESSI E ROYALTIES DIVIDENDI, INTERESSI E ROYALTIES (Walter Andreoni) GALLERIA CIVICA D ARTE MODERNA Torino, 11 Gennaio 2006 Dividendi - In generale Tassazione in entrata (IRES, IRPEF); Tassazione in uscita (ritenuta alla

Dettagli

REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA

REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA Appunti sul trattamento fiscale dei dividendi distribuiti da societa estera (non residente in paesi a fiscalità privilegiata) REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA Giandomenico Andreetta San

Dettagli

Trusts. La tassazione dei dividendi percepiti dal trust

Trusts. La tassazione dei dividendi percepiti dal trust La tassazione dei dividendi percepiti dal trust L art. 1, comma 655, della legge di stabilità 2015 (1) pone fine ad un regime fiscale di indubbio vantaggio che aveva caratterizzato l imposizione dei dividendi

Dettagli

Stabile organizzazione

Stabile organizzazione Stabile organizzazione 1 INDICE Stabile organizzazione (SO) Introduzione Nozione Stabile organizzazione materiale Stabile organizzazione personale Case study e determinazione del reddito della So 2 INTRODUZIONE

Dettagli

IPERCONSULTING PROFESSIONISTI PER PICCOLE E MEDIE IMPRESE

IPERCONSULTING PROFESSIONISTI PER PICCOLE E MEDIE IMPRESE ACE (Aiuto alla Crescita Economica) Art. 1 D.L. 06 dicembre 2011 n. 201 L ACE (Aiuto alla crescita economica), l agevolazione introdotta dal decreto Salva Italia (Dl 201/2011) per rafforzare il sistema

Dettagli

Brasile: cosa fare e cosa non fare

Brasile: cosa fare e cosa non fare Brasile: cosa fare e cosa non fare RICCARDO MEZZA Imposte e regimi fiscali Margini di utile sull investimento Filiale commerciale Installare una fabbrica CASO PRATICO: Vendita di macchinari e componenti

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI DELLE HOLDING

INDICE. Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI DELLE HOLDING INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI DELLE HOLDING 1. La scelta del tipo di società... pag. 13 1.1 Introduzione... pag. 13 1.2 Il problema della commercialità... pag. 13 1.3 L utilizzo

Dettagli

Schede Paese : Il Kazakhstan Francesca Santini

Schede Paese : Il Kazakhstan Francesca Santini Schede Paese : Il Kazakhstan Francesca Santini Capitale: Astana Lingua: kazakho (lingua di Stato), russo (lingua ufficiale) Moneta: tenge (Kzt) Forma istituzionale: repubblica presidenziale (nel 1991 ha

Dettagli

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa DIVIDENDI La società che distribuisce dividendi dovrà individuare i beneficiari ed applicare, eventualmente, le ritenute con obbligo di rivalsa (art. 27/600). Beneficiari: Art. 47 - Beneficiari - Persone

Dettagli

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale Relatore: Ing. Federico Pendin 1 Premessa L incarico affidatomi dal direttivo del consorzio scuole lavoro

Dettagli

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Convegno IMMOBILI IN ITALIA ED ALL ESTERO: ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Roberto TAMBURELLI 1 Introduzione all RW FONTE NORMATIVA Gli Art. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano alcuni soggetti

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20%

REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20% REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20% La tassazione degli altri (interessi) AUSTRIA 25,00% BELGIO 15,00% DANIMARCA 39,00% FINLANDIA 29,00% FRANCIA 25,00% GERMANIA (*) 0,00% GRECIA 10,00% IRLANDA

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in

Dettagli

DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO

DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO DISCIPLINA GIUSLAVORISTICA E FISCALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI ITALIANI ALL ESTERO Dott. Filippo Campailla S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A C A M P A I L L A Studio: Trieste - IT - 34121 Trieste,

Dettagli

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI

IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI IMPOSTA SUI REDDITI SOCIETARI Con questa imposta viene tassato l utile contabile dopo la sua trasformazione ai fini fiscali. La percentuale fiscale per l Esercizio 2014 è pari al 10%. Riporto della perdita

Dettagli

IL SISTEMA FISCALE TRIBUTARIO IN ALBANIA

IL SISTEMA FISCALE TRIBUTARIO IN ALBANIA Ufficio di Tirana IL SISTEMA FISCALE TRIBUTARIO IN ALBANIA Fiscalita albanese Quadro normativo il Sistema Tributario albanese Dal 1995, con l avvio del processo di apertura e di liberalizzazione del mercato,

Dettagli

Docente: Alessandro Bugli

Docente: Alessandro Bugli Docente: Alessandro Bugli Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012 Fonte: OECD Global Pension Statistics - 2012 Rapporto patrimonio / PIL dei fondi pensione Paesi OCSE anno 2012

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro parte v > misure contro L evasione 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. ALtre disposizioni Limiti all uso del denaro contante La comunicazione

Dettagli

L ARTISTA E GLI ADEMPIMENTI FISCALI

L ARTISTA E GLI ADEMPIMENTI FISCALI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LA MUSICA FRA CREATIVITA, DIRITTO E FISCO L ARTISTA E GLI ADEMPIMENTI FISCALI Dott. Campolunghi Davide 12 ottobre 2010 - Foyer del Conservatorio, via Conservatorio 12 Milano

Dettagli

La Green Economy in Brasile: opportunità d investimento. Lunedì, 10 giugno 2013 Milano

La Green Economy in Brasile: opportunità d investimento. Lunedì, 10 giugno 2013 Milano La Green Economy in Brasile: opportunità d investimento Lunedì, 10 giugno 2013 Milano Cav. Avv. Giacomo Guarnera Panorama Giuridico Brasiliano Nuovo Codice Civile (L. 10.406/02); Unificazione del Diritto

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Il principio di trasparenza. IRPEF. IRES. REGIME DELLE CFC Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Dott.ssa Barbara Gilardi Titolo della lezione Schema I PARTE

Dettagli

SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA

SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA SOMMARIO CAPITOLO 1 PREMESSA 1.1 Principali novità fiscali della Legge di Stabilità 2014 CAPITOLO 2 REDDITO D IMPRESA 2.1 Novità in materia di deduzioni 2.2.1 Presupposto soggettivo 2.2.2 Misura dell agevolazione

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

A.A. 2013/14 - CLES Seconda esercitazione - IRES, ATTVITA FINANZIARIE, IVA Testo e soluzioni

A.A. 2013/14 - CLES Seconda esercitazione - IRES, ATTVITA FINANZIARIE, IVA Testo e soluzioni A.A. 2013/14 - CLES Seconda esercitazione - IRES, ATTVITA FINANZIARIE, IVA Testo e soluzioni Esercizio 1 - Tassazione società di capitali e persone fisiche Il contribuente X lavora come dipendente nella

Dettagli

Irrilevanza fiscale delle erogazioni ai beneficiari e trust non residenti

Irrilevanza fiscale delle erogazioni ai beneficiari e trust non residenti Irrilevanza fiscale delle erogazioni ai beneficiari e trust non residenti di Alberto Righini, Raffaello Lupi, Dario Stevanato La mancanza della titolarità della fonte del reddito in capo ai beneficiari

Dettagli

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI

POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI POLIZZE VITA CASO MORTE: TASSAZIONE DEI CAPITALI IL CONSULENTE: TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE L Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare 8/E del 1 aprile 2016 con cui fornisce dei chiarimenti

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Lavorare in Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 6 LAVORARE IN RUSSIA 6.1 Persone giuridiche nella Federazione Russa La normativa Russa offre alle aziende estere

Dettagli

20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it www.studiofa.it Fortarezza & Associati

20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it www.studiofa.it Fortarezza & Associati 20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it FINANZIARIA 2008 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI Dott. Davide Toscano Technical meeting del 31/01/2008 1 La legge n.

Dettagli

PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI

PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI PATENT BOX DETASSAZIONE DEI REDDITI DERIVANTI DA BENI IMMATERIALI Art. 1, commi 37-45L. 23.12.2014 N. 190 Art. 5 co. 1, D.L. 24.01.2015 N. 1 (Investment Compact) pzanatta@uive.it Dott. Paolo Zanatta 18.02.2015

Dettagli

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali

Roma, 18 marzo 2015. OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali RISOLUZIONE N. 29/E Roma, 18 marzo 2015 OGGETTO: Interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Adozione IFRS 11 e relativi effetti fiscali Con l interpello specificato in oggetto, concernente l

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa

Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa Lezione n. 8 Aspetti e problemi della tassazione delle imprese. 1) Aliquota effettiva e forma giuridica dell impresa Ernesto Longobardi Il trattamento tributario delle imprese dipende dalla loro forma

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14

La tassazione delle attività finanziarie. 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 La tassazione delle attività finanziarie 30018 Scienza delle finanze Cles A.A. 2011/12 Classe 14 Attività finanziarie - Regime sostitutivo per i redditi da capitale e le plusvalenze - Base imponibile -

Dettagli

LA MANOVRA ECONOMICA VARATA IL 4 DICEMBRE 2011 DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI

LA MANOVRA ECONOMICA VARATA IL 4 DICEMBRE 2011 DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI LA MANOVRA ECONOMICA VARATA IL 4 DICEMBRE 2011 DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI LE MISURE FISCALI 1. LE MISURE PER LE IMPRESE E PER IL LAVORO AUTONOMO IRAP Il decreto prevede un importante intervento in materia

Dettagli

Restando a disposizione per l approfondimento dei casi concreti, porgiamo i migliori saluti.

Restando a disposizione per l approfondimento dei casi concreti, porgiamo i migliori saluti. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 18 Novembre 2014 Collaboratori coordinati e continuativi e amministratori di Società residenti all estero: trattamento fiscale degli

Dettagli