Documento del Consiglio di Classe 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del Consiglio di Classe 3"

Transcript

1

2 Sommario Documento del Consiglio di Classe 3 Programmi: Diritto ed Economia 11 Educazione Motoria 12 Filosofia 12 Inglese 13 Italiano 15 Matematica 16 Religione 17 Scienze Sociali 18 Scienze Sperimentali 21 Storia 22 Tedesco 23 Relazioni finali: Diritto ed Economia 25 Educazione Motoria 26 Filosofia 26 Inglese 28 Italiano 29 Matematica 31 Religione 32 Scienze Sociali 35 Scienze Sperimentali 37 Storia 39 Tedesco 40 2

3 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno scolastico Classe 5^ AS Coordinatrice: prof.ssa Elisea Fanutti Componenti del Consiglio di Classe Docente Materia Capozzella Francesca Ciani Mariella Colle Valentina Cossa Fabio De Filippo Giovanna Di Benedetto Patrizia Di Luccio Paola Fanutti Elisea Ferraris Paola Ferraris Paola Pugnale Danilo Inglese Scienze Sperimentali Matematica Filosofia Lingua str 2 - Tedesco Religione Scienze Motorie e Sportive Scienze Sociali Italiano Storia Diritto/Economia 1. PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE (storia della classe): La classe conta 28 studenti (21 femmine e 7 maschi). Si precisa che solo 18 studenti di questi erano presenti nella "classe prima" del corso di studi liceale di Scienze Sociali e gli altri si sono aggiunti negli anni seguenti. Nella "classe prima" gli studenti frequentanti erano 31 e al termine dell'anno scolastico non venivano ammessi alla classe successiva 7 studenti; 11 allievi riportavano debiti in varie discipline superando, poi, le prove previste all'inizio di settembre (per 3 studentesse, con " voto di Consiglio"). La "classe seconda" contava 29 studenti, venivano inseriti nuovi allievi provenienti da altri corsi di studio. Al termine dell'anno scolastico non venivano ammessi alla classe successiva 8 allievi mentre 11 riportavano debiti in varie discipline superando, in seguito, le prove previste e formalizzate negli scrutini integrativi all'inizio di settembre. La "classe terza" era composta, all'inizio dell'anno scolastico da 27 allievi (23 femmine e 4 maschi) e vedeva l'ingresso di 3 nuovi studenti: Birner Giacomo, Inturri Gianluca e Sciarappa Erminia. Nel 3

4 mese di ottobre veniva, inoltre, inserita un'alunna proveniente dalla Colombia, Bernal Naranjo Yessika; un altro studente, Bisesi Giulio, si aggiungeva al gruppo classe nel mese di novembre. Nel corso del primo quadrimestre si ritiravano 3 studenti: Birner, Bernal Naranjo e Novelli. Tra le varie attività svolte in quell'anno scolastico, merita di essere menzionato il progetto Conoscere per comprendere: priorità europee nel campo della salute legato al portale web Salute Europa che prevedeva anche la visita accurata alle istituzioni europee di Bruxelles dal 4 al 7 marzo 2012; in tale occasione la classe veniva accompagnata dalle docenti: prof.ssa Ciani e prof.ssa Ferraris. Durante gli scrutini finali una studentessa non veniva ammessa alla classe successiva mentre 9 allievi riportavano dei debiti in alcune discipline che superavano alla fine di agosto (6 studenti, però, con "Voto di Consiglio"). All'inizio dell'anno scolastico , la "classe quarta" contava 27 studenti (20 femmine e 7 maschi); 2 studenti decidevano di non frequentare le lezioni in questa classe (Sciarappa Erminia e Bisesi Giulio) mentre venivano inseriti 4 studenti provenienti da diverse situazioni scolastiche: Birner Giacomo, Ciroi Lorenzo, Morandi Federico e Tuzzi Filippo. All'inizio del mese di marzo si ritiravano 2 allievi: Birner Giacomo e Tuzzi Filippo. Tra i progetti attuati, degni di nota, viene ricordato Dal dire al fare, che prevedeva, per la classe, dal 7/04/13 al 14/04/13 un viaggio-studio in U.K. a Birmingham con i docenti: prof.ssa Ciani e prof. Cerdini Marfilius M. H. articolato con la frequenza al mattino di lezioni presso un università con corsi in Inglese per stranieri e lo svolgimento al pomeriggio di un attività di volontariato presso un centro di cerebrolesi. Sempre con lo stesso progetto veniva effettuata, dagli studenti della classe, un attività di volontariato dal 22/04/13 al 26/04/13 durante il pomeriggio presso una struttura di Bressa di Campoformido che in quel periodo ospitava un gruppo internazionale di persone disabili. Al termine della quarta, una studentessa non veniva ammessa alla classe successiva e 6 allievi riportavano debiti in alcune discipline, superando, poi, alla fine di agosto, le prove stabilite (per una studentessa con "voto di Consiglio"). All'inizio del corrente anno scolastico, una studentessa decideva di non seguire più questo corso di studi (Moschione Chantal) e venivano inseriti 6 studenti: Birner Giacomo, Bisesi Giulio, Di Francesco Isabella, Graziano Simona, Romano Adriana e Tirelli Nicola; tali studenti avevano diverse situazioni pregresse. In particolare si specifica che: 2 ripetevano l anno scolastico ( Di Francesco I. e Graziano S.), 2 avevano superato a settembre gli esami di idoneità in questo istituto (Birner G. e Bisesi G.), infine gli altri 2 avevano superato l esame di idoneità in un istituto di un'altra regione (Tirelli N. e Romano A.). Lo studente Birner G. si ritirava dalle lezioni il 21 novembre La classe, alla fine di quest'anno, appare eterogenea dal punto di vista del profitto globale e presenta un livello complessivo di apprendimento sufficiente. Durante la fase della programmazione iniziale, le docenti di lingua straniera (inglese e tedesco) hanno precisato che il livello di partenza globale della classe era molto basso specificando che non si poteva considerare regolare; tali insegnanti stabilivano, pertanto, di sospendere la programmazione di quinta per rendere possibile il recupero e il potenziamento delle abilità relative agli anni precedenti. Si precisa, inoltre che molti studenti sono pendolari ed il tempo impiegato nel tragitto casa-scuola va da un minimo di venticinque minuti ad un massimo di un'ora e quindici minuti. Gli studenti nel corso dell'anno scolastico hanno partecipato in modo eterogeneo alle varie iniziative didattiche articolate nelle diverse discipline: un piccolo gruppo di allievi è sempre risultato corretto e costruttivo instaurando relazioni sociali positive, arricchenti e formative sul piano culturale; un'altra parte della classe ha manifestato un sufficiente grado di partecipazione, impegnandosi in modo discontinuo e stabilendo relazioni positive solo con una ristretta cerchia di coetanei; infine un ultimo e piccolo gruppo di allievi e allieve ha effettuato numerose assenze, anche strategiche per sottrarsi alle prove di verifica concordate da molto tempo, ha partecipato esclusivamente ad alcune attività giudicate individualmente di gradimento e ha spesso messo in atto strategie di partecipazione non in sintonia con le linee didattico-educative previste dai docenti del Consiglio di classe. Le attività di gruppo, quando sono state effettuate, hanno previsto il rispetto di precisi criteri operativi per stimolare l' intervento responsabile di tutti i membri. 4

5 Sono state svolte attività improntate a varie metodologie per favorire lo sviluppo delle potenzialità personali; gli studenti sono stati indirizzati ad una partecipazione attiva al dialogo educativo al fine di sviluppare una capacità critica e di interpretazione per sapersi orientare sulle tematiche previste dai vari programmi disciplinari ma anche per imparare a decodificare tutti i linguaggi connessi con gli sviluppi della attuale situazione economico-storico-sociale. Si fa presente che, all'inizio del corrente anno scolastico, sono cambiati i docenti di Inglese, Tedesco e Filosofia. 2. CONTINUITA' DIDATTICA NEL TRIENNIO (X = stesso docente attualmente in servizio) Materia Docente attualmente in servizio Classe III Classe IV Classe V Inglese Capozzella Francesca Londero Ivana Cerdini Marfilius M.H. Capozzella Francesca Italiano Ferraris Paola X X X Diritto/Economia Pugnale Danilo X X X Filosofia Cossa Fabio Di Bert Carla Di Bert Carla Cossa Fabio Lingua str 2 - Tedesco De Filippo Giovanna Birri Raffaella Laghigna Annamaria De Filippo Giovanna Matematica Colle Valentina X X X Religione Di Benedetto Patrizia X X X Scienze Mot. e Sport. Di Luccio Paola X X X Scienze Sociali Fanutti Elisea X X X Scienze Sperimentali Ciani Mariella X X X Storia Ferraris Paola X X X 3. PROFILO FINALE DELLA CLASSE: Attualmente si evidenziano tre fasce di livello: la prima che raggruppa alcune studentesse con un buon profitto generale; tali allieve manifestano un comportamento corretto, rispettoso e costruttivo anche se spesso partecipano alle lezioni dialogate e alle attività didattiche su esplicita richiesta del docente; la seconda fascia annovera la maggioranza degli allievi con un profitto globale sufficiente e un comportamento abbastanza corretto. In questa seconda fascia vengono considerati alcuni ragazzi che presentano una buona capacità di elaborazione ma che non svolgono uno studio domestico sistematico e non sempre partecipano in modo costruttivo; la terza fascia comprende alcuni studenti che non raggiungono la sufficienza in tutte le discipline, che non sempre si sono dimostrati rispettosi delle regole scolastiche e delle norme sottese alla vita civile, che hanno effettuato numerose assenze e hanno utilizzato numerosissimi permessi di ingresso posticipato o di uscita anticipata. La classe, globalmente, manifesta una modesta propensione verso le attività di concentrazione prolungata. Molti studenti devono potenziare la capacità di autocontrollo emotivo e devono organizzare le fasi del metodo di studio in modo più efficace e sistematico. Restano ancora in fase di sviluppo, per certi studenti, le capacità critiche e le abilità logico-espositive. Sono presenti alcune situazioni particolari che hanno richiesto interventi educativi e formativi specifici. 4. COMPRESENZA: - Scienze Sociali/ Filosofia - attività svolta ogni quinta ora del giovedì con l'attuazione dell'orario definitivo-(docenti:fanutti E./Cossa F.) Percorsi interdisciplinari tra Sociologia e Filosofia: Il lavoro. 5

6 - Storia/Diritto-Economia - attività svolta ogni quarta ora del venerdì con l'attuazione dell'orario definitivo - (docenti: Ferraris P./Pugnale D.) "Aspetti storico-economico-giuridici legati al lavoro". 5a. OBIETTIVI TRASVERSALI EDUCATIVI E FORMATIVI (livello medio raggiunto) : Si specifica che il raggiungimento degli obiettivi è avvenuto in maniera differenziata per cui per alcuni studenti il processo di acquisizione appare appena sufficiente, per taluni discreto, per altri buono e per un numero esiguo risulta quasi ottimo. Saper vivere in una comunità organizzata rispettando le regole di civile convivenza. Prendere coscienza delle responsabilità individuali e collettive. Prendere coscienza del funzionamento dell'istituzione scolastica e partecipare in modo attivo e costruttivo alle iniziative promosse in tale ambito. Prendere coscienza delle diversità tra i popoli e le culture collaborando con gli altri e dimostrandosi disponibili al confronto. Intervenire nelle discussioni, tenendo conto del contributo dei compagni e lasciando a tutti la possibilità di esprimersi liberamente. Sviluppare l abitudine alla lettura e all approfondimento per potenziare le proprie competenze critiche e la propria formazione culturale. 5b. OBIETTIVI TRASVERSALI COGNITIVI (livello medio raggiunto): Si specifica che il raggiungimento degli obiettivi è avvenuto in maniera differenziata per cui per alcuni studenti il processo di acquisizione appare appena sufficiente, per taluni discreto, per altri buono e per un numero esiguo risulta quasi ottimo. Conoscenze Saper organizzare adeguatamente le conoscenze analizzate. Dimostrare una conoscenza particolareggiata delle singole discipline sapendo, comunque, effettuare collegamenti interdisciplinari. Sapersi orientare all'interno di vari argomenti fornendo un'interpretazione critica valida. Saper arricchire, attraverso le conoscenze acquisite, il proprio patrimonio culturale. Dimostrare di conoscere e di utilizzare in modo adeguato i linguaggi specifici delle diverse discipline. Abilità Comprendere e comunicare in diversi contesti utilizzando registri linguistici adeguati. Comprendere ed interpretare testi di varia natura. Comprendere i nuclei concettuali e le finalità di un testo sapendoli contestualizzare in ambiti definiti. Formulare argomentazioni corrette e chiare sulla base della coerenza interna. Saper affrontare i vari argomenti in modo analitico e sintetico. Operare dei confronti e dei collegamenti tra gli argomenti studiati. Saper ascoltare e poi riferire spiegazioni rispettando correttamente gli elementi essenziali della comunicazione. Produrre testi di varia natura (argomentativi, informativi, descrittivi, narrativi, ecc.) con correttezza morfo-sintattica, precisione lessicale, chiarezza espressiva e organicità espositiva. Prendere parte ad una discussione sostenendo il proprio punto di vista motivato in modo logico. Saper svolgere attività di ricerca in modo autonomo e/o in collaborazione con i compagni in vista della produzione di un lavoro organico di approfondimento. Competenza Saper applicare in varie situazioni autonomamente e coerentemente i concetti teorici assimilati 6

7 6. INTERVENTI DIDATTICI EDUCATIVI EFFETTUATI: I docenti hanno tenuto conto delle difficoltà registrate nel corso dell azione didattica e sono intervenuti operando con strategie mirate sia individualmente che per piccoli gruppi. Il Consiglio di Classe è stato disponibile all attivazione di attività di recupero in itinere con chiarimenti integrativi, lezioni di rinforzo, esercitazioni specifiche e invitando gli studenti in difficoltà alla fruizione degli sportelli "Help". Al termine del primo quadrimestre gli studenti che hanno riportato dei debiti sono stati sostenuti nello studio in itinere o nello studio individuale (sugli argomenti non adeguatamente assimilati). Gli allievi sono stati indirizzati anche alle attività facoltative di potenziamento con la frequenza di corsi allestiti dall'istituto in orario extracurricolare (per sostenere l'esame di ammissione a corsi universitari a numero chiuso o per sostenere esami di certificazione in lingua inglese). 7. ATTIVITA' EXTRA-PARA-INTERCURRICOLARI EFFETTIVAMENTE SVOLTE: Forme di integrazione interdisciplinare I docenti, quando si è presentata l'opportunità hanno trattato tematiche e veicolato contenuti seguendo un percorso diacronico di connessione interdisciplinare senza forzature e focalizzando i vari aspetti legati ad uno stesso argomento facendo anche comprendere come ci possano essere risposte dissimili ed approcci diversi. 8. ADESIONE DELLA CLASSE ALLE INIZIATIVE DELLA SCUOLA: Alcune allieve della classe hanno partecipato all'allestimento delle giornate di "Scuola Aperta". Molti studenti e studentesse della classe hanno effettuato il "dono del sangue" come segno tangibile di aiuto e solidarietà. Attività seguite: 15/10/2013 Partecipazione alla conferenza presso la Camera di Commercio di Udine sul tema "La fine delle pensioni e il reddito di cittadinanza" (Friuli Future Forum). 7/11/2013 Partecipazione a workshop (orientamento) presso Pordenone - Fiera. 13/11/2013 Partecipazione alla conferenza organizzata nell'aula magna dell'i.s.i.s. "C. Percoto" "Futuro con l'anima. Far ripartire la crescita economica investendo sulle future generazioni" (prof. L. Bruni e prof. P. Palamiti). 19/12/2013 Partecipazione nell'aula magna dell'i.s.i.s. "C. Percoto" alla presentazione dell'offerta formativa di alcuni corsi on-line e di atenei privati. 5/02/2014 Partecipazione nell'aula magna dell'i.s.i.s. "C. Percoto" alla conferenza tenuta dall'economista e filosofo Serge Latouche su " La Decrescita". 8/02/2014 Partecipazione all'attività di orientamento effettuata presso il polo scientifico dei Rizzi dell'università di Udine. 15/02/2014 Partecipazione nell'aula magna dell'i.s.i.s. "C. Percoto" alla conferenza tenuta dal prof. Mauro Ferrari su "Le nanotecnologie". 17/02/2014 Partecipazione nell'aula magna dell'i.s.i.s. "C. Percoto" all' intervista in diretta streaming effettuata da un gruppo di accreditati giornalisti a Glen Matlock (Sex Pistols). 6/03/2014 Visita ai monumenti della città di Udine con la spiegazione in lingua tedesca effettuata da gruppi di studenti della classe, debitamente preparati. 15/03/2014 Partecipazione ad attività di orientamento presso Udine - Fiera (Young 2014). dal 25/03/2014 al 30/03/2014 Venti studenti hanno partecipato al viaggio di istruzione a Berlino come completamento del progetto "Dal dire al fare avviato già in quarta. Durante il soggiorno gli allievi hanno visitato il centro di tossicodipendenza diretto dalla dott.ssa Degano e il centro di salute mentale di Posdam; inoltre, presso l'ambasciata italiana, 7

8 hanno effettuato un' intervista tesa a comprendere il sistema di intervento tedesco nei confronti del disagio sociale e del problema dell' immigrazione - Attività valide come stage. 8/04/2014 Partecipazione presso il teatro "Giovanni da Udine" allo spettacolo "Magazzino_18" realizzato dall'artista Simone Cristicchi. Inoltre, per quanto riguarda le Scienze Motorie e Sportive, gli studenti hanno seguito un corso di tennis (durante le ore curricolari) presso il centro sportivo di Paderno e un corso di danza presso una palestra del nostro istituto. Per quanto riguarda Scienze Sociali, la classe ha aderito ad un sondaggio promosso dall'università Ca' Foscari di Venezia sulla conoscenza del problema HIV/AIDS (Cosa ne sai?) effettuato dalla laureanda Elisa Nicoletti (31/01/2014). 9. METODOLOGIE DIDATTICHE ATTUATE E STRUMENTI: Per veicolare le conoscenze specifiche delle singole discipline, nell ambito dei vari contesti organizzati, sono state approntate distinte strategie didattiche. Ciascun docente ha scelto i metodi e mezzi di lavoro adatti alla propria disciplina (libro di testo, testi di approfondimento, schemi, mappe concettuali, testi con particolari riflessioni, appunti integrativi, fotocopie, audiocassette, videocassette, fogli lucidi per lavagna luminosa, filmati, slides prodotte con power point, programmi informatici specifici, ricerca guidata in internet, ecc.). Sono stati utilizzati gli spazi strutturati presenti nella scuola, prenotando le aule in sede centrale ove necessario: aula d informatica, aula multimediale, palestra, biblioteca, ecc.. La maggior parte degli insegnanti ha proposto percorsi didattici che implicavano la partecipazione diretta e dialogata degli studenti al fine di potenziare in loro le capacità critiche e riflessive. Le metodologie utilizzate sono state, comunque, così riassumibili: Lezione frontale espositiva strutturata con domande di attivazione e consegna di elaborazione finale. Lezione dialogata interattiva sull analisi dei testi, con esercizi di verifica e di ricerca. Attività di lettura e di ricerca guidata. Coinvolgimento degli alunni mediante la costituzione di gruppi di lavoro (soprattutto per le attività di recupero da effettuare nelle lingue straniere). Attività di recupero in itinere. Esercitazioni mirate effettuate come preparazione a prove scritte, orali, pratiche effettuate con l'affiancamento e la guida del docente. Lavoro di gruppo. Brainstorming. Pur nella specificità degli approcci connessi alla natura delle varie discipline, sono state definite le seguenti linee comuni: Adeguamento dei programmi al livello di partenza della classe. Coordinamento tra gli insegnanti per gli interventi educativi. Creazione di occasioni di stimolo per motivare gli studenti al lavoro scolastico e per accrescere in loro capacità di strategie di studio autonomo. 10. MODALITA' DI VERIFICA DELL' APPRENDIMENTO: I processi di apprendimento sono stati monitorati in modo sistematico e hanno permesso di effettuare interventi mirati di recupero o di approfondimento in relazione agli esiti registrati. La valutazione è stata intesa come momento del dialogo didattico-educativo teso all'arricchimento culturale. 8

9 Complessivamente si è tenuto conto delle condizioni di partenza degli studenti per procedere al controllo del raggiungimento dei seguenti obiettivi: progressione rispetto ai livelli di partenza, impegno dimostrato e affidabilità nel mantenerlo, partecipazione attiva e costruttiva alle attività didattiche, grado di padronanza della conoscenza dei contenuti disciplinari, competenza nella rielaborazione dei contenuti assimilati, competenza nell'esposizione logico-discorsiva, competenza nell' interpretazione autonoma e critica dei contenuti acquisiti, abilità nell'esposizione con dimostrazione di coerenza, pertinenza e chiarezza argomentativa. Le prove effettuate in numero congruo rispetto alle ore di docenza previste e nel rispetto delle indicazioni del POF, sono state effettuate con i seguenti mezzi: Colloquio lungo Colloquio breve Prove scritte valide per il voto orale Elaborato scritto di varia tipologia Problema da esaminare in modo scritto Prove scritte strutturate Prove scritte semi-strutturate Questionario scritto Prove orali o scritte di comprensione Relazione scritta Esercizi scritti Esercizi pratici Esercizi grafici Problem solving Presentazione orale di ricerche effettuate Infine, per la valutazione, si rimanda a quanto definito nel POF, precisando che è stata, comunque, effettuata con il voto legato all uso della scala decimale in cui il 6 rappresenta la valutazione minima positiva. Risultati delle Simulazioni delle Prove dell'esame di Stato (valutate in quindicesimi). 15/11/2013 Simulazione della Seconda prova dell'esame di Stato - Scienze Sociali (svolgimento di un tema tra tre proposti con tre ore a disposizione); presenti tutti gli studenti; media della classe: 11, /12/2013 Simulazione della Terza prova dell'esame di Stato - Durata: 3 ore - [Filosofia ( tipol. B - 3 domande con minimo 6 righe/ massimo 10 righe per risposta), Diritto/Economia ( tipol. B - 3 domande con minimo 6 righe/ massimo 10 righe per risposta), Scienze Motorie e Sportive (tipol. C 30 domande a risposta chiusa con scelta tra 4 opzioni), Tedesco ( tipol. B - 3 domande con minimo 6 righe/ massimo 10 righe per risposta)]; assente una studentessa, media della classe: 10,59. In particolare: media della classe in Filosofia: 11,33 media della classe in Diritto/Economia: 10,89 media della classe in Educazione Motoria: 13,15 media della classe in Tedesco: 6,98 9

10 13/03/2014 Simulazione della Terza prova dell'esame di Stato - Durata: 3 ore - [Scienze Sperimentali (tipol. C 30 domande a risposta chiusa con scelta tra 4 opzioni), Storia ( tipol. B - 3 domande con minimo 6 righe/ massimo 10 righe per risposta), Matematica ( tipol. B - 3 domande con minimo 6 righe/ massimo 10 righe per risposta), Inglese ( tipol. B - 3 domande con minimo 6 righe/ massimo 10 righe per risposta)]; assente una studentessa, media della classe: 9,78. In particolare: media della classe in Scienze sperimentali: 12,70 media della classe in Storia: 8,59 media della classe in Matematica: 7,07 media della classe in Inglese: 10,74 7/04/2014 Simulazione della Prima prova dell'esame di Stato - Italiano (svolgimento di un tema tra diverse tipologie proposte con 5 ore a disposizione); presenti tutti gli studenti; media della classe: 11, /04/2014 Simulazione della Seconda prova dell'esame di Stato - Scienze Sociali (svolgimento di due temi tra quattro proposti con 6 ore a disposizione); presenti tutti gli studenti; media della classe: 11,071. Complessivamente i criteri di valutazione adottati nelle prove di simulazione hanno tenuto conto dei seguenti aspetti: - Comprensione della consegna. - Conoscenza specifica degli argomenti richiesti con corretta focalizzazione. - Padronanza e uso appropriato del linguaggio disciplinare (con chiarezza espositiva). - Abilità/Competenza nel saper argomentare in modo organico e pertinente o nel saper sviluppare un ragionamento logico. - Abilità/Competenza nel saper utilizzare e/o confrontare le conoscenze anche in maniera pluridisciplinare. - Abilità/Competenza nel saper effettuare opportuni collegamenti tra gli argomenti trattati. - Abilità/Competenza nel saper elaborare sintesi chiare, corrette e congruenti. Udine, 15 maggio 2014 La Coordinatrice f.to Prof.ssa Elisea Fanutti 10

11 PROGRAMMA DI DIRITTO-ECONOMIA Classe 5^As - Anno scolastico Prof. Danilo Pugnale (1 ora settimanale + 1 ora di compresenza con Storia) Contenuti disciplinari analitici LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI Le organizzazioni europee L origine. La cittadinanza europea. Le istituzioni dell Unione. Le organizzazioni internazionali L organizzazione delle Nazioni Unite ( ONU ). Le istituzioni specializzate dell ONU. I CICLI ECONOMICI E LA POLITICA ECONOMICA Le fluttuazioni cicliche I caratteri del ciclo economico. Le teorie economiche(due a scelta). L intervento dello Stato nell economia Il prodotto e il reddito nazionale lordo. Il ruolo della finanza funzionale. La politica fiscale. Il bilancio dello Stato. IL RESTO DEL MONDO E I RAPPORTI ECONOMICI INTERNAZIONALI Il commercio internazionale La natura e le teorie del commercio internazionale. La politica commerciale e la cooperazione economica. Il mercato unico. Le transazioni I cambi. L unione monetaria europea. Il sistema monetario internazionale. La bilancia dei pagamenti. L economia dei paesi in via di sviluppo Come può un paese elevare il suo tasso di sviluppo? La globalizzazione. APPROFONDIMENTO SUL PENSIERO ECONOMICO La rivoluzione keynesiana. Per quanto riguarda l attività di compresenza tra diritto-economia e storia, si sono approfonditi determinati argomenti del programma, in particolare il tema del lavoro dal punto di vista giuridico (Costituzione italiana e legislazione specifica), economico, storico, sociale, antropologico ed il tema della pace attraverso l analisi critica di specifici documenti. Libro di testo in adozione: E. Malinverni, B. Tornari- Diritto Economia e Società-Scuola e Azienda, Milano. F.to da due studenti della 5^AS IL DOCENTE F.to Prof. Danilo Pugnale 11

12 PROGRAMMA DI EDUCAZIONE MOTORIA (Scienze Motorie e Sportive) Classe 5^As - Anno scolastico Prof. ssa Paola Di Luccio (2 ore settimanali ) Atletica Corsa : m.1000, Cooper. Test con piccoli attrezzi: funicella. Giochi sportivi. Pallavolo, Basket, Tennis. Danza latino-americana. TEORIA Anatomia: elementi di osteologia e miologia in riferimento al movimento. F.to da due studenti della 5^AS LA DOCENTE F.to Prof.ssa Paola Di Luccio PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe 5^As - Anno scolastico Prof. Fabio Cossa (2 ore settimanali + 1 ora di compresenza con Scienze Sociali) o I CARATTERI FONDAMENTALI DEL CRITICISMO o LE CARATTERISTICHE FILOSOFICHE DEL ROMANTICISMO o HEGEL: I capisaldi del sistema Idea, Natura e Spirito. Le partizioni della filosofia La Dialettica La fenomenologia dello spirito La dialettica dell autocoscienza: signoria e servitù Analisi di estratti del testo Enciclopedia delle scienze filosofiche specif. Lo spirito oggettivo: la società civile (lettura svolta in compresenza su fotocopia) o SCHOPENHAUER Il mondo come rappresentazione La metafisica della Volontà La liberazione dalla Volontà o KIERKEGAARD : le categorie filosofiche dell esistenzialismo o IL POSITIVISMO 12

13 Analisi di estratti del testo Sulla libertà di John Stuart Mill (lettura svolta in compresenza su fotocopia) o MARX : Biografia Caratteristiche del marxismo Materialismo storico Struttura e sovrastruttura Analisi di estratti del testo Manifesto del Partito Comunista (lettura svolta in compresenza dal manuale) o NIETZSCHE Biografia e malattia Il periodo illuministico: la morte di Dio e il nichilismo La filosofia del meriggio: il superuomo, l'eterno ritorno, la volontà di potenza o FREUD : La scoperta dell inconscio La psicoanalisi F.to da due studenti della 5^AS IL DOCENTE F.to Prof. Fabio Cossa PROGRAMMA DI INGLESE Classe 5^As - Anno scolastico Prof.ssa Francesca Capozzella ( 2 ore settimanali) Libro di testo: I.Piccioli, Living Together: English for the Social Sector, Ed. San Marco, Bergamo Programma svolto fino al 10/V/2014 Module 1: Surveillance and public safety The end of privacy? Surveillance and public safety Big Brother is watching you (G.Orwell) The machine supremacy A wearisome machine (E.M.Forster) 13

14 from TIME magazine o What's the NSA going to do with your data? (article) Module 2: New trends in globalization from TIME magazine o Is globalization dead? (article) Module 3: Apartheid and Nelson Mandela Two worlds apart Gordon (A.P.Brink) from TIME magazine The Indispensable Man: Nelson Mandela (article) Module 4: Britain in WORLD WAR I Britain at war: War poets: Dulce et Decorum (W.Owen) War Poets: The Soldier (R.Brooke) Module 5: World War II and after The Battle of Britain (article) Freedom of thought and totalitarian regimes: the destruction of words (G.Orwell) L'insegnante prevede di completare il programma entro il 10/VI/2014 con i seguenti contributi: 1. The D-Day 2. Modernist poetry: T.S.Eliot and The Waste Land F.to da due studenti della 5^AS LA DOCENTE F.to Prof.ssa Francesca Capozzella 14

15 PROGRAMMA DI ITALIANO Classe 5^As - Anno scolastico Prof.ssa Paola Ferraris ( 4 ore settimanali) - il Naturalismo: aspetti caratteristici. Lettura da L assommoir di Emile Zola. - il Verismo (confronto con il Naturalismo) e Giovanni Verga: lettura delle novelle Rosso Malpelo La roba e di brani tratti da I Malavoglia - Il Decadentismo in Europa e in Italia. - Gabriele D Annunzio: vita, opere, poetica. Analisi e commento delle poesie La sera fiesolana e La pioggia nel pineto. Lettura di un brano tratto dal romanzo Il piacere ( Il verso è tutto ). - Giovanni Pascoli: vita, opere, poetica. Analisi e commento delle poesie Lavandare, Novembre, Temporale, Il lampo, Il tuono, X agosto. - Italo Svevo: vita, opere, poetica. Analisi e commento di brani antologici tratti da La coscienza di Zeno. - Luigi Pirandello: vita, opere, poetica. Analisi e commento di brani tratti dal saggio L umorismo e dal romanzo Il fu Mattia Pascal; le novelle La patente e Il treno ha fischiato. - Giuseppe Ungaretti: vita, opere, poetica. Analisi e commento delle poesie: Veglia, San Martino del Carso, Mattina, Soldati, I fiumi. - Eugenio Montale: vita, opere, poetica. Analisi e commento delle poesie: Non chiederci la parola, Non recidere, forbice, quel volto, Piccolo testamento, Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale. - Il futurismo, l Ermetismo e il Neorealismo (aspetti salienti). - Selezione di canti tratti dalla Divina Commedia (Paradiso): I, III, VI, XXXIII (lettura integrale); XI (vv ), XII (vv ), XV (vv ), XVII (vv ), XXVII (vv ). F.to da due studenti della 5^AS LA DOCENTE F.to Prof.ssa Paola Ferraris 15

16 PROGRAMMA DI MATEMATICA Classe 5^As - Anno scolastico Prof.ssa Valentina Colle ( 4 ore settimanali) Contenuti disciplinari analitici: Primo quadrimestre Ripasso: disequazioni intere e fratte e disequazioni con valore assoluto; equazioni e disequazioni esponenziali; equazioni e disequazioni logaritmiche. Insiemi numerici: definizione di intervallo, intorno, intorno sinistro e destro, intorno circolare. Insieme inferiormente e superiormente limitato; estremo superiore e inferiore; massimo e minimo di un insieme numerico. Punto isolato di un insieme, punto di accumulazione. Funzioni: definizione di funzione, dominio, codominio, immagine; rappresentazione delle funzioni; classificazione delle funzioni: algebriche e trascendenti; funzioni iniettive, suriettive e biunivoche; funzioni crescenti, decrescenti e monotone; funzioni pari e dispari; funzioni periodiche; composizione di funzioni; invertibilità di funzioni; funzioni elementari; zeri di una funzione. Limite e continuità delle funzioni: limite finito di una funzione per x che tende ad un valore finito; limite destro e sinistro; limite finito di una funzione per x che tende all infinito; limite infinito di una funzione per x che tende ad un valore finito; limite infinito di una funzione per x che tende all infinito. Definizione unitaria di limite in termini di intorni. Teorema di unicità del limite (enunciato e dimostrazione). Secondo quadrimestre Limite e continuità delle funzioni: asintoti orizzontale e verticale; teorema di permanenza del segno (enunciato); teorema del confronto (enunciato). Funzioni continue. L algebra dei limiti e delle funzioni continue: operazioni con i limiti; limiti delle funzioni razionali; forme di indecisione + -, 0, 0/0 e /. Limite notevole per x che tende a 0 del rapporto tra il seno di x e x (con dimostrazione). Limite notevole per x che tende all infinito di (1+1/x) x (senza dimostrazione). Funzioni continue e operazioni tra funzioni continue. Asintoto obliquo. Funzioni continue: teorema di Weierstrass (enunciato); teorema dei valori intermedi (enunciato); teorema di esistenza degli zeri (enunciato); punti di discontinuità di prima, seconda e terza specie. Derivata di una funzione: tangente ad una curva; rapporto incrementale e suo significato geometrico; derivata di una funzione in un punto; derivata sinistra e destra; funzione derivabile in un intervallo. Significato geometrico della derivata di una funzione; equazione della retta tangente al grafico di una funzione. Relazione tra continuità e derivabilità (con dimostrazione). Derivata di alcune funzioni elementari: la funzione costante (con dimostrazione), la funzione identica (con dimostrazione). Teoremi sulle funzioni derivabili. Massimi, minimi, flessi: teoremi sulla derivazione: derivata del prodotto tra una funzione e una costante (con dimostrazione); derivata della somma e della differenza di due funzioni (con dimostrazione); derivata del prodotto di due funzioni (con dimostrazione); derivata del quoziente di due funzioni; derivata della potenza di una funzione. Derivata delle funzioni seno, coseno e logaritmo. Derivata di ordine superiore. 16

17 Teorema di Rolle (enunciato e interpretazione geometrica); teorema di Lagrange (enunciato e interpretazione geometrica); regola di De L Hospital. Crescenza e decrescenza di una funzione, punti stazionari. Punti di massimo e di minimo relativi ed assoluti di una funzione. Criterio per l esistenza di massimi e minimi relativi. Concavità di una curva e ricerca dei punti di flesso. Ricerca di massimi relativi, minimi relativi e flessi col metodo delle derivate successive. Studio di funzioni: Schema generale per lo studio di una funzione. Studio del grafico di funzioni algebriche razionali intere e fratte. Libro di testo: Lineamenti di Matematica Vol. 5 Autori: N. Dodero, P. Baroncini, R. Manfredi F.to da due studenti della 5^AS LA DOCENTE F.to Prof.ssa Valentina Colle Unità tematiche e di apprendimento svolte. A) La cristianità nel Novecento. PROGRAMMA DI RELIGIONE Classe 5^As - Anno scolastico Prof.ssa Patrizia Di Benedetto ( 1 ora settimanale con scelta facoltativa) B) Il concetto di Pace dopo la caduta del muro di Berlino. C)Il martirio della Russia cristiana D) L'eclissi di Dio nel'900. L'ateismo e le sue forme. E) L'aver cura come risposta alla condizione umana segnata dalla fragilità. Da completare F) Il Concilio Vaticano II: un Concilio per il mondo, voluto dal Papa Giovanni XXIII. G) Solidarietà e responsabilità del cristiano nei confronti delle nuove povertà. H) Documenti del Magistero:Dignitatis Humanae, Gaudium et spes, Caritas in Veritate. F.to da due studenti della 5^AS LA DOCENTE F.to Prof.ssa Patrizia Di Benedetto 17

18 PROGRAMMA DI SCIENZE SOCIALI Classe 5^As - Anno scolastico Prof.ssa Elisea Fanutti ( 5 ore settimanali + 1 in compresenza con Filosofia) Temi affrontati: 1. La globalizzazione 2. Il lavoro 3. La comunicazione 4. Il multiculturalismo 5. La socializzazione 6. La devianza 7. La condizione giovanile Sociologia: dal testo di E. Clemente e R. Danieli "Capire il mondo - società, comunicazione, cultura, educazione" Ed. paravia 1 Quadrimestre: Modulo 1 - La sociologia di fronte al lavoro. Unità 1 - La sociologia di fronte al lavoro: storia e concetti fondamentali [Il lavoro e i suoi aspetti - Teoria e pratica del lavoro nella storia occidentale: dagli schiavi ai white collars ( Aristotele - M. Weber - K. Marx) - L'organizzazione del lavoro: da Adam Smith al toyotismo ( A. Smith - F. W. Taylor - H. Ford - E. Mayo)]. Unità 2 - Il mondo del lavoro: aspetti e problemi [La merce-lavoro e il suo mercato (J. B. Say - F. Lassalle ) - Il problematico incontro tra domanda e offerta di lavoro: la disoccupazione (J. M. Keynes) - Il mercato del lavoro in Italia (M. Biagi- L. Gallino/R. Brunetta) - La sicurezza sul lavoro). Modulo 2 - La sociologia di fronte alla politica. Unità 1 - Il cittadino e il potere [Nel "cuore" della politica: il potere ( M. Foucault - M. Weber) - Il potere e lo Stato ( T. Hobbes - J. Locke - H. Arendt - N. Bobbio ) - La democrazia tra passato e presente (G. Sartori - R. A. Dahl )]. Modulo 3 - La comunicazione politica. Unità 1 - Storia e protagonisti della comunicazione politica [ Natura e origini della comunicazione politica (R. Jakobson - T. Hobbes - J. Locke) - Comunicazione e dialettica politica tra Ottocento e Novecento - La comunicazione politica oggi: aspetti e problemi ( J. G.Blumer e D. Kavanagh - G. Mazzoleni - M. Mc Combs e D. Shaw)]. Unità 2 - L'opinione pubblica: aspetti e interpretazioni [ Un'espressione composita "opinione" ( Platone - Aristotele - I. Kant ) - Tra Settecento e Ottocento (A. de Tocqueville - J. S. Mill - G. Le Bon) - L'opinione pubblica nell'età dei media (W. Lippmann - F. Lund e H. Blumer - P. Lazarsfeld - K. Z. Lewin - E. Noelle-Neumann - P. Bordieu)]. 2 Quadrimestre: Modulo 5 - Le forme della vita politica. Unità 2 - I sistemi politici: dalla banda allo Stato [ I sistemi non centralizzati - I sistemi centralizzati (K-A. Wittfogel - J. Diamond)]. Modulo 7 - L'educazione nella società multiculturale. Unità 1 - Le società muticulturali: aspetti e problemi [Alle radici della multiculturalità - Il riconoscimento delle culture: dall'uguaglianza alla differenza ( M. L. King - Malcom X ) - La ricchezza della diversità nella società d'oggi "Multiculturalism Act" e "3 modelli di ospitalità agli immigrati"- (P.-A. Taguieff - A. Sen)]. Unità 2 - Modelli e pratiche dell'educazione interculturale [L'esigenza di una nuova cultura pedagogica - La pedagogia interculturale (F. Cambi)]. Modulo 6 - Le nuove forme dell'educazione. Unità 2 - L'educazione tra formazione e terapia [Il ruolo dell'educazione contro il disagio - La malattia mentale (F. Basaglia) - Le regole della società e le scelte dell'individuo - La devianza (su fotocopia " R. Merton: la devianza come discrepanza tra mezzi e fini sociali" - E. M. Lemert, E. Goffman e H. Becker "Labeling theory" o teoria dell'etichettamento) - La tossicodipendenza - Una popolazione che invecchia - Come si diventa professionisti dell'educazione oggi in Italia - Le nuove terapie educative. Sociologia: dal testo di A. Binazzi e F. S. Tucci "Uno sguardo sul presente" G. B. Palumbo Editore 18

19 1 Quadrimestre: La globalizzazione: riconoscere e interpretare concetti e teorie. A. Giddens "Globalizzazione". D. De Masi "Dieci forme di globalizzazione". P. Barcellona "L'individuo dentro la globalizzazione". R. Robertson (intervista) "La necessità di fare mente glocale". J. Mandler "Tecnologia e globalizzazione". Il problema della formazione nel mondo contemporaneo J. S. Bruner: La "politicità" dell'educazione. 2 Quadrimestre: Le migrazioni del nostro tempo: bisogni, culture e simboli a confronto. U. Melotti "Migrazioni internazionali e processo di globalizzazione". V. Castronovo "La duplice matrice dell'immigrazione". E. Colombo "Le politiche europee verso gli immigrati". G. A. Stella "Aglio, coltello e peperoncino". Sviluppo umano e governo democratico della società. A. Giddens: C'è bisogno di una " democrazia democratizzante". A. Sen "La democrazia come valore universale". su fotocopia - Intervista a Z. Bauman "Globalizzazione del potere e crisi della politica" Lo sviluppo della comunicazione: mutamenti nella percezione individuale e sociale della realtà A. R. Pratkanis E. Aronson "L'influenza dei modelli dei mass media". R. Grandi, A. Mascio "L'uso delle nuove tecnologie nella ridefinizione dei modi di comunicazione dei giovani". Psicologia: dal testo di L. D'Isa "Psicologia generale, evolutiva e sociale" Hoepli Editore 1 Quadrimestre: Ambiente sociale e comunicazione Assiomi della pragmatica della comunicazione e patologia. P. Watzlawick - la Scuola di Palo Alto: i cinque assiomi. La comunicazione La comunicazione interpersonale. Che cosa s'intende per comunicazione. La comunicazione umana: linguaggio non verbale e linguaggio verbale (Michael Argyle - D. Abercrombie - Aspetti fondamentali del linguaggio verbale: C. Morris - Gli atti linguistici: J. L. Austin e J. R. Searle - Le funzioni del linguaggio verbale: R. Vianello; R. Jakobson). Le varie forme di comunicazione non verbale (G. Bateson - E.T. Hall). La comunicazione sociale. La comunicazione di massa (H. Blumer). I media tradizionali (A. Bandura). I new media e la comunicazione (D. McQuail). Gli effetti sociali della comunicazione di massa (M. Horkheimer e T. W. Adorno - J. T. Klapper - McQuail - P. F. Lazarsfeld - M.McCombs e D. Shaw - R. M. Entman). La persuasione pubblicitaria attraverso i media (J. B. Watson). 2 Quadrimestre: I gruppi Che cosa è il gruppo. I gruppi psicologici e le organizzazioni (gruppi primari e secondari - istituzioni sociali e gruppi di appartenenza). La leadership (K. Lewin, R. Lippitt e R. K. White - R. F. Bales). La dinamica di gruppo (K. Lewin - E. B. Bennett). 19

20 Teorie classiche del gruppo. K. Lewin e i gruppi di apprendimento (La teoria del campo - Conflitto, frustrazione e regressione - Nascita e sviluppo del T Group). J. Moreno e la sociometria - Psicodramma e sociodramma. W. Bion: apprendere dall'esperienza. L'operatore al lavoro nel gruppo. Il gruppo di lavoro (Modalità di riunione e organizzazione dei gruppi di lavoro). Il gruppo di animazione. Il gruppo terapeutico (I gruppi di auto-aiuto - I gruppi analitici: S. H. Foulkes - I gruppi Gestalt: F. Perls - I gruppi di terapia comportamentale: A. A. Lazarus - I gruppi di incontro: C. Rogers - I gruppi bioenergetici). Le impressioni e il conformismo. Solomon Asch: le impressioni e il conformismo. Gli studi sulla "social cognition". Studi di Henri Taifel (etichettamento - su fotocopia: La Social Identity Theory). Correlazione illusoria - L'euristica della rappresentatività - autoconvalida. Il disagio minorile Aspetti e problemi del periodo adolescenziale. La costruzione dell'identità e lo svincolo dal nucleo familiare (E. Erikson). Alcuni aspetti del disagio, del disadattamento e della devianza. Il ruolo dei servizi sociali. La psicologia del lavoro I problemi della selezione attitudinale e della motivazione. Gli esordi della psicologia del lavoro. La selezione e la formazione del personale. I problemi motivazionali. L'ambiente di lavoro. Lavoro e organizzazioni. L'ambiente fisico di lavoro. L'ambiente psicologico di lavoro (il burnout, il mobbing). Conferenze/Dibattiti: - Friuli Future Forum: "La fine delle pensioni e il reddito di cittadinanza" - Friuli Future Forum: "Futuro con l'anima. Far ripartire la crescita economica investendo sulle future generazioni" (prof. L. Bruni e prof. P. Palamiti). - Serge Latouche: La teoria della "decrescita". - Intervista a Glen Matlock (Sex Pistols) - (Successiva analisi di un "fenomeno sociale"). - Compresenza: (ogni quinta ora del giovedì) Scienze sociali/ Filosofia (docenti: Fanutti E./Cossa F.) Percorsi interdisciplinari tra Sociologia e Filosofia: Il lavoro. Per quanto riguarda Sc. Sociali verranno analizzati i seguenti brani: dal testo di E. Clemente e R. Danieli "Capire il mondo - società, comunicazione, cultura, educazione" Ed. paravia Unità 2 - Il mondo del lavoro: aspetti e problemi. dal testo di A. Binazzi e F. S. Tucci "Uno sguardo sul presente" G. B. Palumbo Editore L. Gallino "I costi umani della flessibilità". B. Manier " Il lavoro minorile". L. Gallino "Formazione e lavoro". U. Beck "Preludio sull'ottimismo apparentemente sconsiderato: il lavoro di impegno civile". A. Accornero "Era il secolo del lavoro". J. Mander "Tecnologia e globalizzazione". H. Norberg-Hodge "Modernizzazione e globalizzazione". dal testo di L. D'Isa "Psicologia generale, evolutiva e sociale" Hoepli Editore L'ambiente psicologico di lavoro (il burnout, il mobbing). LA DOCENTE F.to Prof.ssa Elisea Fanutti F.to da due studenti della 5^AS 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli