Gli OpenData e i Comuni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli OpenData e i Comuni"

Transcript

1 Gli OpenData e i Comuni Osservatorio egovernment Milano, 13 marzo 2015

2 Agenda Significatività statistica del campione di Comuni analizzato Cosa sono gli OpenData - Dimensione del fenomeno Le Linee guida nazionali per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Un modello operativo per la produzione e gestione di dati di tipo aperto la governance degli OpenData Un modello di riferimento per i dati produrre, pubblicare e gestire dati di qualità

3 Significatività statistica del campione di Comuni analizzato Indagine svolta nei mesi di gennaio-febbraio 2015 Analizzato un campione di 577 Comuni Il campione analizzato è statisticamente rappresentativo dell universo dei Comuni italiani* * Svolte due analisi: analisi della correlazione e Paired T-Test

4 Agenda Significatività statistica del campione di Comuni analizzato Cosa sono gli OpenData - Dimensione del fenomeno Le Linee guida nazionali per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Un modello operativo per la produzione e gestione di dati di tipo aperto la governance degli OpenData Un modello di riferimento per i dati produrre, pubblicare e gestire dati di qualità

5 Cosa sono gli OpenData «Il dato di tipo aperto è un dato della pubblica amministrazione, conoscibile (pubblico), a cui è associata una licenza che ne consente il libero utilizzo (disponibile) e che abbia le caratteristiche di accessibilità e gratuità»*. * LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO INFORMATIVO PUBBLICO, AgID 2014

6 Dimensione del fenomeno % di Comuni che pubblicano OpenData Sì 70% 67% 65% 60% 50% 40% 30% 34% 47% 54% Sì 41% No 59% 20% 10% 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di

7 Dimensione del fenomeno Volontà di pubblicare dati in formato aperto nel futuro: No Open Data 59% 120% Sì 100% 100% 80% Sì 34% 60% 53% 67% No 66% 40% 38% 20% 28% 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di

8 Dimensione del fenomeno Principali ragioni che sinora hanno impedito la pubblicazione dei dati aperti: No Open Data 59% Scarsità di personale interno da dedicare 60% Scarsità di risorse economiche da dedicate 43% Non possediamo banche dati che sono pubblicabili in formato aperto Scarse competenze nella gestione tecnica delle banche dati Scarso interesse da parte della componente politica Scarse competenze nella raccolta e conversione dei dati in formato aperto Scarso interesse della direzione amministrativa Scarse competenze nella comunicazione e promozione dei dati aperti Scarse competenze nella fase di pubblicazione dei dati aperti Scarse competenze nella bonifica dei dati Scarse competenze per l aggiornamento dei dati aperti 25% 25% 25% 20% 13% 10% 10% 9% 9% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 21% Meno di % Tra e % 50% Tra Tra e e % Più di Scarso interesse da parte della componente politica

9 Agenda Significatività statistica del campione di Comuni analizzato Cosa sono gli OpenData - Dimensione del fenomeno Le Linee guida nazionali per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Un modello operativo per la produzione e gestione di dati di tipo aperto la governance degli OpenData Un modello di riferimento per i dati produrre, pubblicare e gestire dati di qualità

10 Le Linee guida nazionali Le Linee guida nazionali per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico (AgID, gen. 2014) Obiettivo: favorire una maggiore trasparenza nell agire amministrativo e la partecipazione attiva dei cittadini nei processi decisionali delle PA, rendere disponibile agli stakeholder (cittadini, enti, imprese) i dati pubblici online, nell ottica della promozione e dello sviluppo economico Strumenti: Un modello operativo per la produzione e gestione di dati di tipo aperto Un modello di riferimento per i dati e metadati

11 Le linee guida nazionali Adozione delle Linee guida nazionali 100% 90% 80% 24% 38% 40% 24% 70% 58% 63% 42% 60% 31% 50% 22% 20% 33% 40% 30% 17% 20% 10% 45% 40% 40% 25% 38% No Sì 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di Non sono a conoscenza delle Linee guida

12 Agenda Significatività statistica del campione di Comuni analizzato Cosa sono gli OpenData - Dimensione del fenomeno Le Linee guida nazionali per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Un modello operativo per la produzione e gestione di dati di tipo aperto la governance degli OpenData Un modello di riferimento per i dati produrre, pubblicare e gestire dati di qualità

13 La governance degli OpenData Un modello operativo per la produzione e gestione di dati di tipo aperto la governance degli OpenData Per garantire la produzione, la pubblicazione e la gestione di dati aperti di qualità, è auspicabile: Attivare un forte coordinamento interno tra le diverse realtà coinvolte nel processo Individuare ruoli e figure strategiche impegnate nel processo Avere la capacità di ripensare e ottimizzare i processi dei quali gli OpenData fanno parte

14 La governance degli OpenData Grado di strutturazione del processo di pubblicazione dei dati: Sì, è stato definito un processo identificando mansioni, ruoli, responsabilità, con il supporto dell'ict 70% 65% 67% 60% 56% 40% 50% 46% 60% 40% 30% 28% 20% No 10% 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di Sì, è stato definito un processo identificando mansioni, ruoli, responsabilità, con il supporto dell'ict

15 La governance degli OpenData Approccio strutturato nella scelta di quali banche dati pubblicare: 80% Sì 70% 60% 69% Sì 32% 50% 40% 45% No 68% 30% 20% 27% 28% 33% 10% 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di

16 La governance degli OpenData Istituzione di figure di riferimento per la gestione degli OpenData No, nessuna figura o gruppo specifico Sì, un referente tecnicoinformatico della banca dati Sì, un responsabile del coordinamento e del controllo degli OpenData (Data Manager) Sì, un gruppo che promuove l uso e la diffusione degli Open Data (OpenData Team) Sì, un referente tematico della banca dati che conosce la storia dei dati Sì, un responsabile del processo popolamento e aggiornamento del catalogo dei dati Sì, altre figure per la gestione dei dati aperti (specificare) Sì, un responsabile del coordinamento degli uffici interni all Ente (Data Manager 15% 6% 5% 4% 4% 4% 4% 68% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di %

17 La governance degli OpenData La conversione in formato aperto dei dati viene effettuata: I dati vengono convertiti in formato aperto da parte della direzione o 71% dell unità organizzativa che gestisce i dati Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % I dati vengono conferiti ad un soggetto esterno all Amministrazione che provvede alla conversione in formato aperto I dati vengono conferiti ad una struttura identificata dal vertice amministrativo che provvede alla conversione in formato aperto 14% 21% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % I dati vengono conferiti ad una società di proprietà dell Ente che provvede alla conversione in formato aperto 1%

18 La governance degli OpenData La pubblicazione dei dati in formato aperto viene effettuata da: Ogni singola direzione o unità organizzativa 63% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Una struttura identificata dal vertice amministrativo 28% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Un soggetto esterno all Amministrazione 12% Una società di proprietà dell Ente 1% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di %

19 La governance degli OpenData Attori che partecipano alla scelta di quali dati pubblicare: Il personale delle unità organizzative che gestiscono i dati Nessun soggetto, a parte chi è stato delegato alla pubblicazione dei dati aperti 29% 71% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % I potenziali soggetti beneficiari (le imprese, i cittadini, le associazioni, ecc.) Altri Enti pubblici 4% 3% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Esperti e cultori della specifica materia cui fanno riferimento i dati 2% Altro 2% Uno o più comitati scientifici

20 La governance degli OpenData Affidamento della gestione dei dati aperti a una società esterna al Comune: 45% 40% 40% Sì 25% 35% 30% 34% Sì No 75% 25% 20% 15% 21% 25% Sì, prevalentemente al fine di ridurre i costi di gestione Sì, prevalentemente per le scarse competenze interne sui dati aperti 10% 5% 6% Sì, prevalentemente poiché il personale interno è risultato insufficiente 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di

21 70% La governance degli OpenData Interventi per migliorare la gestione dei dati a seguito della prima pubblicazione 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 14% 12% 2% Meno di % 29% 30% 25% 6% 5% Tra e Tra e % 0% Tra e % 44% 19% Più di Sì Sì, alle direzioni o alle unità organizzative sono state fornite linee guida per meglio organizzare la gestione dei dati Sì, è stata individuata un unica unità organizzativa dell Ente che gestisce tutti i dati secondo uno standard definito Sì 24% No 76%

22 La governance degli OpenData Forme di incentivazione del personale per la pubblicazione di OpenData Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % 24% 0,4% 6% No, e l Ente non ha intenzione di introdurre un sistema di incentivazione No, ma l Ente sta valutando forme di incentivazione 70% Sì, la dirigenza riceve un incentivo se predispone dati in formato aperto Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Sì, tra gli obiettivi della dirigenza è prevista una voce specifica per i dati aperti

23 La governance degli OpenData Principali carenze nella gestione dei dati aperti: Gestione tecnica delle banche dati Governance dei dati 40% 38% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Raccolta e conversione dei dati in formato aperto Bonifica dei dati 36% 34% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Comunicazione e promozione dei dati aperti 32% Gestione della pubblicazione dei dati aperti 31% Gestione degli aggiornamenti dei dati aperti Nessuna, il personale interno all Ente possiede tutte le competenze necessarie per la 18% 30%

24 Agenda Significatività statistica del campione di Comuni analizzato Cosa sono gli OpenData - Dimensione del fenomeno Le Linee guida nazionali per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Un modello operativo per la produzione e gestione di dati di tipo aperto la governance degli OpenData Un modello di riferimento per i dati produrre, pubblicare e gestire dati di qualità

25 La qualità dei dati aperti pubblicati La qualità dei dati aperti pubblicati Esistono diversi modelli per valutare la qualità dei dati aperti pubblicati. Le principali dimensioni indagate sono: la qualità dell'informazione fornita insieme ai dati aperti la facilità con cui utenti e programmi riescono ad accedere ai dati Linked Open Data*, metadati, aggiornamenti Le piattaforme di pubblicazione utilizzate L engagement *Linked Open Data: poter sfruttare la semantica dei dati e le infrastrutture Web per abilitare la scoperta e l'inferenza di nuove informazioni LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO INFORMATIVO PUBBLICO, AgID 2014

26 La qualità dei dati aperti pubblicati Prevalente formato di pubblicazione dei dati 6% 2% Dotati di un URI che li rende indirizzabili online, attraverso strutture basate su formato RDF (Resource Description Framework) 2% In un formato non leggibile da una applicazione informatica (es. immagine, PDF) 27% In un formato strutturato che può essere interpretato da un software non proprietario 63% In un formato strutturato che può essere interpretato da un software proprietario Presentano nel dataset collegamenti ad altri dataset LOD (Linked Open Data)

27 La qualità dei dati aperti pubblicati Prevalente formato di pubblicazione dei dati 2% 4% 3% 8% 10% 8% 15% 26% 8% 17% Presentano nel dataset collegamenti ad altri dataset LOD (Linked Open Data) 55% In un formato strutturato che può essere interpretato da un software proprietario 79% 58% 58% 94% In un formato strutturato che può essere interpretato da un software non proprietario In un formato non leggibile da una applicazione informatica (es. immagine, PDF) 35% 1% Meno di % Tra e Tra e % Tra e % Più di Dotati di un URI che li rende indirizzabili online, attraverso strutture basate su formato RDF (Resource Description Framework)

28 La qualità dei dati aperti pubblicati Le licenze associate al dato I termini stabiliti dalla licenza definiscono l uso che gli utenti possono fare dei dati, la paternità degli stessi e le modalità di creazione di eventuali lavori derivati. La licenza, e la relativa versione utilizzata, rientra tra i metadati obbligatori minimi da fornire in fase di pubblicazione di dataset aperti

29 La qualità dei dati aperti pubblicati Prevalente licenza: Dati soggetti a licenza chiusa: 64% 5% 3% 2% 6% 20% Creative Commons (CC BY) Creative Commons (CC BY-NC) Creative Commons (CC BY-SA) Creative Commons 00 Italian Open Data Licence 1.0 Italian Open Data Licence 2.0 Sì 2% No 98% Licenza proprietaria Nessuna licenza Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di %

30 Pubblicazione di metadati: La qualità dei dati aperti pubblicati 9% 11% 20% 17% 18% 31% 15% 38% 31% 35% 50% 75% 24% 22% 10% 23% 42% 37% 35% 33% 25% No, non vengono pubblicati metadati Non conosciamo il significato di metadato Sì, solo alcuni dataset contengono metadati Meno di Tra e Tra e Tra e Più di Sì, tutti i dataset contengono metadati

31 La qualità dei dati aperti pubblicati Pubblicazione dell informazione della frequenza di aggiornamento dei dati: 60% Sì Sì 16% 50% 40% 42% 50% No 84% 30% 20% 15% 20% 10% 8% 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di

32 La qualità dei dati aperti pubblicati Effettuazione di controlli per verificare l aggiornamento dei dati pubblicati: 100% 90% 80% 70% 60% 50% 76% 83% 75% 67% 88% Sì Sì, almeno una volta all anno Sì 78% No 22% 40% Sì, più volte in un mese 30% Sì, una volta al mese 20% 10% 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di

33 La qualità dei dati aperti pubblicati Introduzione di soluzioni per facilitare l estrazione e l elaborazione dei dati No, non sono state apportate modifiche 74% Sì, le banche dati sono state strutturate in modo da essere interrogabili attraverso applicazioni Sì, sono stati inseriti metadati alle banche dati dell Ente 11% 9% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Sì, sono stati attivati sistemi di archiviazione e storicizzazione dei dati Sì, sono stati inseriti (ove possibile) elementi di georeferenziazione nelle banche dati dell Ente Sì, sono stati associate della parole chiave in forma di tag Sì, sono state inserite (ove possibile) marche temporali nelle banche dati dell Ente 6% 6% 5% 0% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di %

34 La qualità dei dati aperti pubblicati Effettuazione di modifiche migliorative nella gestione delle banche dati a seguito della prima pubblicazione: 80% Sì 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% Sì 45% No 55% 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di

35 La qualità dei dati aperti pubblicati Le piattaforme utilizzate Per migliorarne accessibilità e fruibilità, gli OpenData possono essere pubblicati su più piattaforme, come quelle nazionali (dati.gov) oppure le piattaforme regionali

36 Piattaforme utilizzate La piattaforma per la pubblicazione degli OpenData è: 13% Riutilizzo di software sviluppati per conto della Pubblica Amministrazione Software combinazione delle precedenti soluzioni 30% 9% Software di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d uso 21% Software fruibile in modalità cloud computing 26% 1% Software libero o a codice sorgente aperto Software sviluppato per conto della Pubblica Amministrazione

37 Piattaforme utilizzate La piattaforma per la pubblicazione degli OpenData è: 24% 18% 17% 42% 21% 36% 60% 50% Software sviluppato per conto della Pubblica Amministrazione Software libero o a codice sorgente aperto 20% Software fruibile in modalità cloud computing 2% 17% 7% 11% 13% Meno di % 18% 18% 11% 9% Tra e Tra e % 8% 20% Tra e % Più di Software di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d uso Software combinazione delle precedenti soluzioni Riutilizzo di software sviluppati per conto della Pubblica Amministrazione

38 Piattaforme utilizzate Possibilità di ospitare dati aperti pubblicati da altri soggetti, nel proprio sistema di pubblicazione: 60% Sì 50% 40% Sì 41% No 59% 30% 20% 10% 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di

39 Piattaforme utilizzate Utilizzo di dati aperti pubblicati da altre PA: 45% 40% Sì 42% 35% 30% 25% 20% 15% 22% 17% 20% 31% Sì 22% No 78% 10% 5% 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di

40 Agenda Il coinvolgimento degli Stakeholder L engagement è fondamentale per raggiungere l obiettivo di promuovere lo sviluppo del territorio attraverso l utilizzo degli OpenData da parte di cittadini, associazioni e imprese

41 L engagement Numero medio, tipologia di banche dati pubblicate e scaricate Media banche dati pubblicate Comune (inferiore ai ) 2,6 Territorio Statistiche % Enti 41% 51% Territorio Cultura 19% 25% Comune (compreso tra e ) Comune (compreso tra e ) 2,9 3,2 Cultura Welfare Istruzione 37% 26% 24% Statistiche Attività produttive Istruzione 15% 14% 12% Comune (compreso tra e ) 3,3 Infrastrutture Attività produttive 18% 16% Welfare Sanità 10% 9% Comune (compreso tra e ) 3,1 Mobilità 15% Mobilità 8% Comune (compreso tra e ) 3,9 Energia e ambiente Sicurezza 12% 7% Infrastrutture Agricoltura e pesca 6% 4% Comune (compreso tra e ) Comune (superiore ai ) 5,3 6,2 Sanità Agricoltura e pesca Affari esteri 6% 5% 2% Energia e ambiente Sicurezza Affari esteri 4% 3% 2%

42 L engagement Monitoraggio dei dati scaricati dagli utenti: 1% 16% 82% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % No Sì, i risultati del monitoraggio sono pubblicati in un altra area del sito istituzionale Sì, i risultati del monitoraggio sono pubblicati nel medesimo sito dedicato ai dati aperti Sì, ma i risultati del monitoraggio non vengono pubblicati

43 L engagement Possibilità per gli utenti di effettuare segnalazioni sulle banche dati: 70% 60% 60% 58% Sì 50% 50% 40% Sì, esiste un modulo online per gestire la segnalazione Sì 32% 30% 20% 22% 31% Sì, esistono diversi strumenti per effettuare segnalazioni in modalità sincrona o asincrona (call center, chat, social network) No 68% 10% Sì, viene inviata una al referente incaricato che si occupa di gestire la richiesta 0% Meno di Tra e Tra e Tra e Più di

44 L engagement definizione di procedure per garantire una risposta tempestiva alle segnalazioni degli utenti: 60% 50% 50% Sì 30% 40% 30% 20% 25% 31% 33% 38% Sì Sì, ma solo per alcune tipologie di dati Sì, per tutte le tipologie di dati No 70% 10% 0% Meno di Tra e Tra Tra e e Più di

45 L engagement Azioni e strumenti di promozione e diffusione: Campagne pubblicitarie sul sito istituzionale 46% Nessuna attività promozionale Seminari sul tema dei dati aperti o della trasparenza 15% 41% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Campagne pubblicitarie a mezzo stampa Gruppi di lavoro con esperti del settore e soggetti potenzialmente beneficiari Contest (competizioni per lo sviluppo di applicazioni con dati aperti) 6% 5% 1% Comuni inferiori % Comuni tra e % Comuni con più di % Hackathon (maratone di hacker) 1%

46 Gli OpenData e i Comuni Osservatorio egovernment Milano, 13 marzo 2015

Le prospettive dell Open Data

Le prospettive dell Open Data Le prospettive dell Open Data 28 febbraio 2012 Francesco Tortorelli La disponibilità dei dati Tra l 80% ed il 90% dei dati digitali sono stati creati negli ultimi 2 anni Mentre camminiamo, siamo in auto,

Dettagli

GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2012

GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2012 GIORNATA DELLA TRASPARENZA 2012 Pillole di Trasparenza Concorso Farmacie e Opendata Claudia Biffoli Direzione Generale del Sistema Informativo e Statistico Sanitario Ufficio IV ex DGSI Roma, 12 Dicembre

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO

Dettagli

Le criticità nella gestione dei dati sensibili

Le criticità nella gestione dei dati sensibili Le criticità nella gestione dei dati sensibili Ing.Giovanni Gentili Resp. Agenda digitale dell Umbria Regione Umbria Questo lavoro è pubblicato sotto licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

OPEN DATA: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI FIRENZE Forum PA, 18 Maggio 2012. Gianluca Vannuccini Comune di Firenze

OPEN DATA: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI FIRENZE Forum PA, 18 Maggio 2012. Gianluca Vannuccini Comune di Firenze OPEN DATA: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI FIRENZE Forum PA, 18 Maggio 2012 Gianluca Vannuccini Comune di Firenze Perché Open Data a Firenze Cosa abbiamo fatto Come l abbiamo fatto Le difficoltà I risultati

Dettagli

GARANZIAHACK AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA COMPETIZIONE APP PER GARANZIAHACK

GARANZIAHACK AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA COMPETIZIONE APP PER GARANZIAHACK GARANZIAHACK AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA COMPETIZIONE APP PER GARANZIAHACK Premessa Le "app", o applicazioni software, fanno ormai parte della vita di tutti noi. L'attuale generazione di giovani

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) INDICE Pagina TITOLO I Disposizioni Generali

Dettagli

Comune di Lograto. Provincia di Brescia

Comune di Lograto. Provincia di Brescia Comune di Lograto Provincia di Brescia REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) (approvato con la deliberazione del Consiglio

Dettagli

OPEN DATA: INFORMAZIONI ACCESSIBILI A TUTTI

OPEN DATA: INFORMAZIONI ACCESSIBILI A TUTTI OPEN DATA: INFORMAZIONI ACCESSIBILI A TUTTI UNA INTRODUZIONE AI DATI APERTI Stefano Sabatini COSA VUOL DIRE APERTO? Knowledge is open if anyone is free to access, use, modify, and share it subject, at

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Programma 2 PER L'INNOVAZIONE E IL LAVORO PREVISIONI DI SPESA CORRENTE (TITOLO PRIMO) PREVISIONI DI SPESA PER INVESTIMENTI (TITOLO SECONDO)

Programma 2 PER L'INNOVAZIONE E IL LAVORO PREVISIONI DI SPESA CORRENTE (TITOLO PRIMO) PREVISIONI DI SPESA PER INVESTIMENTI (TITOLO SECONDO) Programma 2 PER L'INNOVAZIONE E IL LAVORO PREVISIONI DI SPESA CORRENTE (TITOLO PRIMO) INTERVENTI ANNO 2014 ANNO 2015 ANNO 2016 ANNO 2017 ANNO 2018 INTERVENTO 1 - PERSONALE 1.352.000,00 1.420.500,00 1.420.500,00

Dettagli

Finalità e governance del servizio

Finalità e governance del servizio Il documento AIB per il #nuovo SBN, approvato dal CEN dell Associazione italiana biblioteche nel dicembre 2013 e che indica alcune linee di intervento per rilanciare il Servizio bibliotecario nazionale,

Dettagli

Corso sull'amministrazione Digitale: dal CAD al decreto Trasparenza

Corso sull'amministrazione Digitale: dal CAD al decreto Trasparenza Corso sull'amministrazione Digitale: dal CAD al decreto Trasparenza edizione 2013-2014 Presso il CIRSFID, Via Galliera 3, Bologna Il programma di seminari qui proposto è rivolto primariamente alle pubbliche

Dettagli

Open Data: un modello organizzativo e tecnologico per potenziare gli strumenti a supporto del mercato del lavoro L esperienza Piemontese

Open Data: un modello organizzativo e tecnologico per potenziare gli strumenti a supporto del mercato del lavoro L esperienza Piemontese Open Data: un modello organizzativo e tecnologico per potenziare gli strumenti a supporto del mercato del lavoro L esperienza Piemontese Anna Cavallo Direzione Enti Locali La vision 2 Il nuovo paradigma

Dettagli

ALLEGATO 1. Linee Guida per la realizzazione del progetto MB OPEN DATA

ALLEGATO 1. Linee Guida per la realizzazione del progetto MB OPEN DATA ALLEGATO 1 Linee Guida per la realizzazione del progetto MB OPEN DATA INDICE FUNZIONE DELLE LINEE GUIDA 1 GOVERNO APERTO E DATI APERTI COME STRUMENTI DI TRASPARENZA 2 OPEN DATA 2 ORGANIZZAZIONE INTERNA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1990 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRASSI, ALLOCCA e TECCE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GENNAIO 2008 Norme in materia di pluralismo informatico

Dettagli

Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali

Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali Le Competenze digitali nella missione dell Agenzia per l Italia Digitale Dal Decreto legge 83/2012, convertito con legge 134/2012

Dettagli

StatPortal Open Geo Data

StatPortal Open Geo Data StatPortal Open Geo Data La soluzione open source che integra nativamente open data e geoportale Alessandro Greco Sistemi Territoriali S.R.L. a.greco@sister.it CC BY 3.0 IT Teramo, 18 Novembre 2015 Sistemi

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma, 13 Novembre 2013 Ing. Carolina Cirillo Direttore Servizi Informatici e Telematici Agenda Perché l Open

Dettagli

SISTAR - SISTEMA STATISTICO REGIONALE: programmazione e divulgazione dell informazione statistica

SISTAR - SISTEMA STATISTICO REGIONALE: programmazione e divulgazione dell informazione statistica PRESENTAZIONE DELL EDIZIONE 2013 DELL ANNUARIO STATISTICO REGIONALE SISTAR - SISTEMA STATISTICO REGIONALE: programmazione e divulgazione dell informazione statistica Genova, 5 febbraio 2014 Elena Ricci

Dettagli

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' art. 10 d. lgs. 33/2013 Sommario Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione... 1 1. Procedimento di elaborazione

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

C l o u d c o n s u l t i n g

C l o u d c o n s u l t i n g Cloud consulting Chi siamo Cloud Consulting è una società di consulenza strategica composta da professionisti con esperienze pluriennali in realtà societarie ed universitarie nazionali ed internazionali,

Dettagli

PUNTI DI FORZA. 1. Piano operativo nazionale con obiettivi concreti e costituzione del Catasto delle infrastrutture

PUNTI DI FORZA. 1. Piano operativo nazionale con obiettivi concreti e costituzione del Catasto delle infrastrutture CRITICITÀ 1. Inadeguatezza della infrastruttura digitale (connettività) a fronte di investimenti importanti permangono profonde differenze territoriali nel paese e all'interno della stessa Regione 2. difficoltà

Dettagli

Una comunità di utenti e sviluppatori, l esperienza di PAFlow PROVINCIA DI PRATO

Una comunità di utenti e sviluppatori, l esperienza di PAFlow PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PRATO STEFANO BARGIOTTI 1 Elementi specifici del progetto Sistema Integrato, Multiente, in tecnologia WEB per la gestione del protocollo informatico, gestione atti e flussi documentali Apertura

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI.

METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI. METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI. Sistema M.A.Ga. è un'applicazione cloud che integra un insieme

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

Forum PA. Open Data INPS

Forum PA. Open Data INPS Forum PA Roma, 9-12 maggio 2011 Open Data INPS Modelli di sviluppo per l Open Government nella PA 10 maggio 2011 pag. 1 Portale INPS Una piattaforma per i dati del settore pubblico: 10 maggio 2011 pag.

Dettagli

Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi

Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi Linee guida per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico Giorgia Lodi Smart City Exhibition 2013 Dall informazione pubblica alla crescita economica: gli open data come veicolo di sviluppo

Dettagli

Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati

Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati COMUNE DI LUSIANA Provincia di Vicenza Progetto: Regolamento Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati Redatto ai sensi dell art. 52, comma 1, del D.Lgs. 82/2005 e successive

Dettagli

OPEN DATA Il processo di pubblicazione dei dati nelle P.A.

OPEN DATA Il processo di pubblicazione dei dati nelle P.A. PROGRAMMA DETTAGLIATO Titolo del Corso OPEN DATA Il processo di pubblicazione dei dati nelle P.A. Come valorizzare il patrimonio informativo degli Enti Pubblici Soggetti proponenti IMT Alti Studi Lucca

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Presidiare una consultazione online

Presidiare una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Presidiare una consultazione online Autore: Maria Antonietta Sanna Artizzu, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Il Progetto BIVEE Business Innovation in Virtual Enterprise Ecosystems. Università Politecnica delle Marche 9 ottobre 2013, Ancona

Il Progetto BIVEE Business Innovation in Virtual Enterprise Ecosystems. Università Politecnica delle Marche 9 ottobre 2013, Ancona Il Progetto BIVEE Business Innovation in Virtual Enterprise Ecosystems Università Politecnica delle Marche 9 ottobre 2013, Ancona 1 Innovazione Arte? Pratica empirica? Attività ingegneristica? Cos è l

Dettagli

COMUNICAZIONE AD AGID DELLE BASI DATI DA PARTE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

COMUNICAZIONE AD AGID DELLE BASI DATI DA PARTE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI COMUNICAZIONE AD AGID DELLE BASI DATI DA PARTE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI L art. 24-quater, comma 2, D.L. n. 90/2014, convertito in Legge n. 114/2014 l'11 agosto u.s., obbliga tutte le pubbliche amministrazioni

Dettagli

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ]

[ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB ] 2011 Titolo del documento: Piano di adeguamento sito web Periodo di riferimento: Da Agosto 2011 N revisione: 1 Autore del documento: URP Data ultima versione: 30/08/2011 [ PIANO DI ADEGUAMENTO SITO WEB

Dettagli

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT

Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Brescia, Webinar11 Formez Novembre PA - 27 2010 Novembre 2013 1 Gli Open Data della Regione del Veneto: da INSPIRE a RNDT Massimo Foccardi (*), Delio Brentan (*), Monica Cestaro (**) (*) Regione del Veneto

Dettagli

REPORT GRUPPO DI LAVORO III

REPORT GRUPPO DI LAVORO III REPORT GRUPPO DI LAVORO III Piattaforma web Network per la RCS per la gestione dei flussi informativi ed organizzazione Centrale di produzione coordinata e permanente delle pillole informative del SSR

Dettagli

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) PROVINCIA DI FORLI'-CESENA REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Approvato con Delibera di G.P. n. 141775/456 del 06/12/2013

Dettagli

La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali

La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali Agostino Ragosa Direttore Agenzia per l Italia Digitale 18 giugno 2014 Le Competenze digitali nella missione dell Agenzia per l Italia Digitale Dal Decreto

Dettagli

Cataloghi per i dati aperti

Cataloghi per i dati aperti Cataloghi per i dati aperti Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica, organismo

Dettagli

Forum PA. Open Data INPS

Forum PA. Open Data INPS Forum PA Roma, 16-19 maggio 2012 Open Data INPS Modelli di sviluppo per l Open Government nella PA 10 maggio 2011 pag. 1 Portale INPS Una piattaforma per i dati del settore pubblico: 15 marzo 2012 l Inps

Dettagli

Il Software come risorsa nell epoca degli Open Data. Michele Bordi, Sistemi Informativi Comune di Macerata

Il Software come risorsa nell epoca degli Open Data. Michele Bordi, Sistemi Informativi Comune di Macerata Il Software come risorsa nell epoca degli Open Data Michele Bordi, Sistemi Informativi Comune di Macerata Stato attuale dell apertura dei dati dati.gov.it : 10348 dataset per 76 amministrazioni Riuso ancora

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione Repubblica Italiana Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Bilancio e Tesoro- Ragioneria Generale della Regione Catania 18 Marzo 2008 REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e

Dettagli

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Dati personali Nome e cognome: Davide D Amico Data di nascita: 03 Luglio 1974 Nazionalità : italiana Titoli di studio e culturali Master

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 GIUNTA REGIONE MARCHE Servizio Attività Normativa e Legale e Risorse Strumentali P.F. Sistemi Informativi e Telematici REGIONE MARCHE Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo

Dettagli

PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PRESENTAZIONE SINTETICA PROGETTO JOOMLA! UN SITO WEB OPEN SOURCE PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Premessa: Considerato che: 1. le attuali funzionalità e requisiti connessi alle piattaforme web della Pubblica

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

Dati Geografici ed OpenData

Dati Geografici ed OpenData Dati Geografici ed OpenData Giovanni Biallo Presidente Associazione OpenGeoData Italia ForumPA 2012 Creative Commons BY 3.0 1 Perché OpenGeoData Perché il dato geografico è molto richiesto non solo per

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

Smart City: Città Ideale 2.0

Smart City: Città Ideale 2.0 Smart City: Città Ideale 2.0 Smart City è uno spazio urbano ben diretto, che affronta le sfide della globalizzazione e della crisi economica con lo sviluppo sostenibile, con attenzione alla coesione sociale,

Dettagli

La Trasparenza Amministrativa: il D.Lgs. 33/2013 Il ruolo del Polo ICT nella qualificazione della domanda della P.A.

La Trasparenza Amministrativa: il D.Lgs. 33/2013 Il ruolo del Polo ICT nella qualificazione della domanda della P.A. La Trasparenza Amministrativa: il D.Lgs. 33/2013 Il ruolo del Polo ICT nella qualificazione della domanda della P.A. Università della Calabria - DIMES 31 marzo 2015 http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it

Dettagli

Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano. Cagliari, 18/01/2010

Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano. Cagliari, 18/01/2010 Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico: il DistrICT Lab Flavia Marzano Cagliari, 18/01/2010 Il sistema ricerca e il trasferimento tecnologico Sardegna DistrICT => Lab => >Distretto Tecnologico

Dettagli

Comunicazione ad AgID delle Basi di dati e degli applicativi che le utilizzano

Comunicazione ad AgID delle Basi di dati e degli applicativi che le utilizzano Comunicazione ad AgID delle Basi di dati e degli applicativi che le utilizzano In considerazione delle numerose richieste ricevute, si informa che nel periodo dal 20 al 30 novembre 2014 è nuovamente disponibile

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI

REGOLAMENTO SULLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI REGOLAMENTO SULLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI REGOLAMENTO SULLA FACOLTA DI ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI Sommario Art. 1 - Principi, finalità, e oggetto...3 Art. 2 -

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

OPEN DATA L ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA

OPEN DATA L ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA OPEN DATA L ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA Ferdinando Ferrari Programmazione integrata e Finanza Semplificazione Attuazione delle agende regionali di semplificazione e digitalizzazione Giugno 2013 L AGENDA

Dettagli

di impatto del nuovo ISEE

di impatto del nuovo ISEE Aree Metropolitane Il sistema di valutazione di impatto del nuovo ISEE Clesius srl Il cloud computing Uno dei maggiori trend nel settore ICT di questi ultimi anni è senza dubbio il Cloud Computing, ovvero

Dettagli

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi A CHE PUNTO SIAMO Cogliere opportunità le dell evoluzione normativa Dagli anni 90 l innovazione

Dettagli

Open Data Come rendere aperti i dati delle PA

Open Data Come rendere aperti i dati delle PA Open Data Come rendere aperti i dati delle PA Parte I PA e dati aperti, introduce il concetto di Open Government, la prassi dell'open Data e presenta un approfondito quadro normativo sui due temi Parte

Dettagli

PA e Web: evoluzione e tendenze

PA e Web: evoluzione e tendenze Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA PA e Web: evoluzione e tendenze Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20. Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato

LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20. Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato 26115 LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20 Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA INDICE 1 - Premessa pag. 3 1.1 - Premessa normativa pag. 3 2 - Le principali novita pag. 4 3 - Procedimento di elaborazione e adozione del programma pag. 8 3.1

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Progetto IQuEL. Sistema IQuEL per il monitoraggio quali- quantitativo dei servizi erogati 26 Novembre 2008

Progetto IQuEL. Sistema IQuEL per il monitoraggio quali- quantitativo dei servizi erogati 26 Novembre 2008 Progetto IQuEL Sistema IQuEL per il monitoraggio quali- quantitativo dei servizi erogati Parma, TITOLO 26 Novembre 2008 La qualità nel Comune di Firenze Asili nido da oltre dieci anni fanno rilevazioni

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Dall agenda digitale

Dettagli

egovernment e Cloud computing

egovernment e Cloud computing egovernment e Cloud computing Alte prestazioni con meno risorse Giornata di studio CNEL Stefano Devescovi Business Development Executive IBM Agenda Quali sono le implicazioni del cloud computing? Quale

Dettagli

1. Premessa... 3. 2. Quadro normativo di riferimento... 6. 3. Definizioni... 6. 4. Modalità di individuazione dei dati oggetto di riutilizzo...

1. Premessa... 3. 2. Quadro normativo di riferimento... 6. 3. Definizioni... 6. 4. Modalità di individuazione dei dati oggetto di riutilizzo... LINEE GUIDA RELATIVE AL RIUTILIZZO E MESSA A DISPOSIZIONE IN OPEN DATA DEI DATI PUBBLICI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE Approvate con deliberazione della Giunta Regionale n.2080/2012 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S.

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. 2003-2004------------------------------------------ VISTO

Dettagli

Progetto INPS Open Data

Progetto INPS Open Data Progetto INPS Open Data Settembre 2013 Open Data API Application Programming Interface 10 maggio 2011 pag. 1 Il progetto INPS Open Data ha risposto all esigenza di fornire ai cittadini i dati dell Istituto

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 AgID Agenzia per l Italia Digitale Obiettivi di accessibilità per l anno Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 30/03/ 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica Villa Umbra, Perugia 13-14 Marzo 21-22 Aprile 2015

CORSO DI FORMAZIONE. Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica Villa Umbra, Perugia 13-14 Marzo 21-22 Aprile 2015 CORSO DI FORMAZIONE Gli Enti Locali e l Agenda Digitale: servizi on line, open data e smart communities Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica Villa Umbra, Perugia 13-14 Marzo 21-22 Aprile 2015 L iniziativa

Dettagli

Governare il cambiamento per creare valore condiviso

Governare il cambiamento per creare valore condiviso ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Percorsi formativi per una nuova Pubblica Amministrazione Governare il cambiamento per creare valore condiviso Corsi settembre - dicembre 2012: 1. Il nuovo governo locale

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

Open data: aspetti giuridici Trento, 29 settembre 2015. Stefano Leucci - Università di Trento - stefano.leucci@unitn.it

Open data: aspetti giuridici Trento, 29 settembre 2015. Stefano Leucci - Università di Trento - stefano.leucci@unitn.it Open data: aspetti giuridici Trento, 29 settembre 2015 Stefano Leucci - Università di Trento - stefano.leucci@unitn.it Obiettivi Spiegare le regole giuridiche per la circolazione delle informazioni. Costruire

Dettagli

Progetto di modernizzazione dell Istat

Progetto di modernizzazione dell Istat Progetto di modernizzazione dell Istat Presentazione dell Interim Report Comitato di Presidenza allargato 5 Dicembre 2014 Outline Ragioni del cambiamento Progetto di modernizzazione Metodo di lavoro Alcune

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3

DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA PRADAC INFORMATICA. L azienda pag. 1. Gli asset strategici pag. 2. L offerta pag. 3 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA L azienda pag. 1 Gli asset strategici pag. 2 L offerta pag. 3 Il management Pradac Informatica pag. 5 Scheda di sintesi pag. 6 Contact: Pradac Informatica Via delle

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

IRIS: trovare le informazioni utili agli UTT per rispondere alle esigenze del territorio

IRIS: trovare le informazioni utili agli UTT per rispondere alle esigenze del territorio Università degli studi di Verona e NETVAL NETwork per la VALorizzazione della Ricerca Universitaria L Università, sistema aperto? Come diffonde i suoi risultati? Verona, 23 ottobre 2014 IRIS: trovare le

Dettagli

Informazione e coinvolgimento dei cittadini

Informazione e coinvolgimento dei cittadini Informazione e coinvolgimento dei cittadini IL DEPOSITO NAZIONALE PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: ASPETTI GEOLOGICI ED AMBIENTALI FEDERICO COLOSI Direttore Relazioni Esterne - Sogin COSA SANNO

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli