PI 2014 COMUNE DI CASIER

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PI 2014 COMUNE DI CASIER"

Transcript

1 PI 2014 COMUNE DI CASIER Variante n. 4 (Legge Regionale n. 11/2004 e s.m.i.) SCHEDE F (Art.3 L.R. 50/2012) Elaborato 24

2 AREE DEGRADATE Art.3 L.R. n. 50/2012 Comune di Casier COMUNE DI CASIER L. Da Vinci, 16 - Dosson di Casier (TV) ADOZIONE D.C.C. n. 02 del APPROVAZIONE D.C.C. n. 12 del Il Sindaco dott.ssa Daniela MARZULLO Il Segretario dott. Pier Paolo CARTISANO Settore Uso e Assetto Territorio architetto Paola BANDOLI GRUPPO DI LAVORO Progettazione urbanistica Raffaele GEROMETTA, urbanista Francesco POZZOBON, urbanista Valutazione idraulica Lino POLLASTRI, ingegnere Valutazione ambientale Elettra LOWENTHAL, ingegnere Lucia FOLTRAN, dott.ssa scienze ambientali VenetoProgetti SC Treviso, 18 - San Vendemiano (TV) Tel. +39 (0438) Fax. +39 (0438)

3 Quadro d unione Idoneità alla localizzazione di strutture commerciali Sv (Superficie di vendita, art. 3 L.R. n. 50/2012) Aree idonee Aree idonee a condizione Aree non idonee

4 AREE IDONEE Idoneità alla localizzazione di strutture commerciali

5 1 Terraglio - Pindemonte inserimento d ufficio Metalcrom Srl FG. 1 Mapp.li 2, 3426 (parte) L ambito è posizionato lungo l arteria del Terraglio, nell estremità nord-occidentale del territorio comunale, a confine con Treviso e Preganziol. L area è parzialmente gravata da vincolo paesaggistico (D.Lgs. 42/2004) generata dal tracciato storico del Terraglio. OTTIMA - l ambito è servito da viabilità di tipo regionale, ad accesso diretto sull asse metropolitano del Terraglio, tra Mestre e Treviso. E servito da rete ciclabile comunale (in sede propria). Attività produttiva insalubre di 1 classe, individuata dal PI vigente come Attività da trasferire. Presenza volumetrie obsolete e in stato di manutenzione mediocre. Elevato impatto paesaggistico in relazione al contesto storico-architettonico del Terraglio storico. del degrado Nell area è insediata un attività produttiva, classificata come insalubre e non compatibile con il contesto residenziale in cui è inserita. L area si configura come un elemento incongruo rispetto al contesto in cui è inserito. Il tessuto esistente circostante è residenziale, ad elevata densita edilizia. L area è classificata dal Vigente PI come Zto B, residenziale consolidata. Vi è la necessità di riqualificare le volumetrie esistenti, riconvertendone gli usi affinché siano compatibili con le destinazioni residenziali e commerciali presenti nell immediato intorno. Art.3 L.R. 50/2012 Articoli n. 22, comma 11 e n. 30bis, comma 6 delle Norme Tecniche Operative. 5

6 2 delle Industrie - le della Liberazione inserimento d ufficio Cristalsapo Srl FG. 2 Mapp.li 272 Ambito soggetto ad Accordo Pubblico Privato APP 02 Cristalsapo L ambito è posizionato lungo l arteria del nuovo Terraglio Est, all interno del polo produttivo ad est di Dosson, identificato dal PTCP della Provincia di Treviso come riconvertibile agli usi terziario e residenziale. L area è parzialmente gravata dalla fascia di rispetto stradale del Terraglio Est. BUONA / OTTIMA - l ambito è servito da viabilità di tipo regionale; l asse del Terraglio Est, una volta conclusa la realizzazione del raccordo sud, andrà a collegarsi con il polo infrastrutturale del casello autostradale Passante - A27. Non è servito da rete ciclabile comunale (in sede propria). Presenza di attività legata allo stoccaggio di materie chimiche, poco compatibili con il contesto. Scarsa valorizzazione delle potenzialità commerciali e terziarie del polo produttivo. Mancanza di un adeguata infrastrutturazione e collegamento con Dosson, su della Liberazione. del degrado L area si configura come un elemento non compatibile con il contesto in cui è inserita: un ambito con la presenza di un patrimonio architettonico di scarsa qualità e di un attività produttiva da trasferire. Il tessuto esistente circostante è residenziale (50%) e produttivo (50%). L area è classificata dal Vigente PI come Zto C2, residenziale di espansione. Vi è la necessità di riqualificare le volumetrie esistenti, riconvertendone gli usi verso il terziario. Art.3 L.R. 50/2012 Articoli nn. 18, 24 e 30bis delle Norme Tecniche Operative. Elaborato n. 13 Schede E. Schede Accordi Pubblico Privato - APP - Scheda APP.02 6

7 3 delle Industrie - le della Liberazione inserimento d ufficio Immonova Srl FG. 2 Mapp.li 239 Ambito soggetto ad Accordo di Pianificazione nel PAT approvato L ambito è posizionato lungo l arteria del nuovo Terraglio Est, all interno del polo produttivo ad est di Dosson, identificato dal PTCP della Provincia di Treviso come riconvertibile agli usi terziario e residenziale. L area è parzialmente gravata dalla fascia di rispetto stradale del Terraglio Est. BUONA / OTTIMA - l ambito è servito da viabilità di tipo regionale; l asse del Terraglio Est, una volta conclusa la realizzazione del raccordo sud, andrà a collegarsi con il polo infrastrutturale del casello autostradale Passante - A27. Non è servito da rete ciclabile comunale (in sede propria). Presenza di attività oggi dismessa; area di pertinenza in stato di abbandono. Scarsa valorizzazione delle potenzialità commerciali e terziarie del polo produttivo. del degrado L area si configura come un elemento non compatibile con il contesto in cui è inserita: un ambito con la presenza di un patrimonio architettonico di scarsa qualità ed in stato di abbandono. Il tessuto esistente circostante è produttivo (100%). L area è classificata dal Vigente PI come Zto D1, produttiva - artigianale. Vi è la necessità di riqualificare le volumetrie esistenti, riconvertendone gli usi verso il terziario. Art.3 L.R. 50/2012 Articoli nn. 26 e 30bis delle Norme Tecniche Operative. Articolo n. 9 delle Norme Tecniche del PAT approvato. Allegato E delle Norme Tecniche del PAT approvato. 7

8 4 Principale inserimento d ufficio Immobiliare Renata FG. 10 Mapp.li 215 Ambito soggetto ad Atto Unilaterale d Obbligo (Prot. n del ) L ambito è posizionato a ridosso del Parco Naturale Regionale del Fiume Sile, nelle vicinanze del SIC IT e ZPS IT , all interno della fascia di rispetto fluviale del Sile e a Vincolo Paesaggistico (D.Lgs ). L area è anche gravata da rischio idraulico, individuato dal vigente PAI. BUONA - l ambito è servito da viabilità di tipo provinciale, ad accesso diretto sulla SP n. 67 che collega Casier a Casale sul Sile. E a ridosso della rete ciclabile comunale (in sede propria). Presenza volumetrie dismesse ed obsolete; area pertinenziale in stato di abbandono. Elevato impatto paesaggistico in relazione al contesto fluviale. Rischio idraulico derivante dalle disposizioni del PAI. del degrado Le volumetrie presenti nell ambito, oggi sottoutilizzate, rappresentano alcune attività artigianali da tempo insediate. L area si configura come un elemento non compatibile con il contesto in cui è inserito: un ambito con la presenza di un patrimonio architettonico di scarsa qualità. Il tessuto esistente circostante è agricolo e, verso ovest, di tipo residenziale. L area è classificata dal Vigente PI come Zto C2, residenziale di espansione. Vi è la necessità di riqualificare le volumetrie esistenti, riconvertendone gli usi. Art.3 L.R. 50/2012 Articoli nn. 24 e 30bis delle Norme Tecniche Operative del PI. Ambito soggetto ad Atto Unilaterale d Obbligo di cui al Prot. n del

9 5 Principale per parte dell ambito, Prot. n del VerdiPrati Srl e altre proprietà FG. 10 Mapp.li 69, 70, 87, 253, 254, 255, 256, 257, 258, 259, 267, 268, 352, 354, 390 L ambito è inserito nel Parco Naturale Regionale del Fiume Sile, a ridosso della sponda fluviale. E adiacente al SIC IT e ZPS IT , all interno della fascia di rispetto fluviale del Sile e a Vincolo Paesaggistico - Aree di notevole interesse pubblico (D.Lgs ). L area è anche gravata da rischio idraulico, individuato dal vigente PAI. BUONA - l ambito è servito da viabilità di tipo provinciale, ad accesso diretto sulla SP n. 67 che collega Casier a Casale sul Sile. Non è direttamente servito da pista ciclabile. In relazione alla slow mobility, a nord dello stesso, si sviluppa la rete ciclopedonale del Sile. Presenza di volumetrie artigianali sottoutilizzate, all interno di un ambito di elevato pregio ambientale e paesaggistico. Elevato impatto paesaggistico in relazione al contesto fluviale. Presenza di un depuratore dismesso. del degrado Le volumetrie presenti nell ambito, oggi sottoutilizzate, rappresentano alcune attività artigianali da tempo insediate. L area si configura come un elemento non compatibile con il contesto in cui è inserito: un ambito carente di servizi e poco funzionale con la fruizione turistica ed escursionistica del Sile, con la presenza di un patrimonio architettonico di scarsa qualità. Il tessuto esistente circostante è agricolo. L area è classificata dal Vigente PI come Zto B2. Vi è la necessità di riqualificare le volumetrie esistenti, riconvertendone gli usi affinché siano compatibili anche con il Parco del Sile e le finalità contenute nel Piano Ambientale. Art.3 L.R. 50/2012 Articoli n. 22, comma 11, e n. 30bis delle Norme Tecniche Operative del PI. Schede integrative alle NdA del Piano Ambientale - K CA02 - della Variante di adeguamento del PRG al Piano Ambientale del Parco Naturale Regionale del Fiume Sile (Parere dell Ente Parco Sile di cui al Prot. comunale n. 109 del ) 9

10 L ambito è localizzato su A. Volta, all interno del polo produttivo della frazione di Le Grazie, identificata dal PTCP della Provincia di Treviso come riconvertibile agli usi terziario e residenziale. L area non è gravata da alcun tipo di limitazione o vincolo. BUONA - l ambito è collegato, attraverso Volta e Guizzetti, all asse del Terraglio, infrastruttura di rango regionale. Non è servito da rete ciclabile comunale (in sede propria). Presenza di attività oggi dismessa, con il fabbricato industriale in stato di abbandono e carente dal punto di vista statico. Scarsa valorizzazione delle potenzialità commerciali e terziarie del polo produttivo. del degrado L area si configura come un elemento non compatibile con il contesto in cui è inserita: un ambito con la presenza di un patrimonio architettonico di scarsa qualità ed in stato di abbandono. Il tessuto esistente circostante è produttivo (100%). L area è classificata dal Vigente PI come Zto D1, produttiva - artigianale. Vi è la necessità di riqualificare le volumetrie esistenti, riconvertendone gli usi verso il terziario. Articoli nn. 26 e 30bis delle Norme Tecniche Operative. FG. 2 Mapp.li 239 A. Volta inserimento d ufficio - L.R. 50/2012 6Art.3 10

11 AREE IDONEE a condizione Idoneità alla localizzazione di strutture commerciali

12 7 Aldo Moro, Ippolito Pindemonte inserimento d ufficio Ministero della Difesa FG. 1 Mapp.li 13, 3457, 232, 233, 234, 235, 236, 237, 238, 239, 245, 246, 247, 248, 249, 250, 251, 252, 253, 254 Federalismo Demaniale - Delibera Giunta Comunale n. 130/2013 L ambito, di notevole dimensioni, si sviluppa a nord del territorio comunale, a ridosso del cimitero comunale di Treviso. L unico vincolo presente è la fascia di rispetto cimiteriale. BUONA - l ambito è collegato ad est attraverso la SP n. 107 Zermanese che collega Treviso (nord) con il centro di Dosson (sud); ad ovest attraverso Pindemonte che si congiunge con la SS n. 13 Strada Terraglio. E servito da rete ciclabile comunale (in sede propria). Presenza di strutture militari oggi abbandonate. L ambito è inglobato all interno del nucleo residenziale di Dosson: una evidente condizione di incompatibilità. Degrado dovuto alla scarsa utilizzazione e valorizzazione di un bene demaniale. del degrado L area si configura come un elemento non compatibile con il contesto in cui è inserita: un ambito con la presenza di un patrimonio architettonico obsoleto ed abbandonato, localizzata nel centro urbano di Dosson, e collegato con la città di Treviso. Un bene demaniale non valorizzato. Il tessuto esistente circostante è a servizi (25%) e residenziale (75%). L area è classificata dal Vigente PI come Zto Fe, ad attrezzature di interesse generale. Vi è la necessità di riorganizzare l intero ambito, attraverso la compresenza di spazi residenziali e commerciali, la creazione di aree a servizi pubblici, e il ridisegno funzionale dell area, per renderla coerente con l intorno. Art.3 L.R. 50/2012 Articolo n. 47 delle Norme Tecniche Operative. IDONEA A CONDIZIONE: ammissibile a seguito della disponibilità dell area da parte del Comune e subordinata a specifica variante al PI. 12

13 AREE non idonee Idoneità alla localizzazione di strutture commerciali

14 L ambito è posizionato lungo l arteria del Terraglio, nell estremità nord-occidentale del territorio comunale, a confine con Treviso e Preganziol. L area è parzialmente gravata da vincolo paesaggistico (D.Lgs. 42/2004) generata dal tracciato storico del Terraglio. BUONA - l ambito è servito da viabilità di tipo regionale, ad accesso diretto sull asse metropolitano del Terraglio, tra Mestre e Treviso. Presenza volumetrie obsolete e in stato di manutenzione mediocre. Alta densità edilizia; Forte carenza di spazi liberi, da destinare alla sosta. del degrado Nell area sono insediate alcune attività commerciali (strutture di vicinato) localizzate lungo l asse del Terraglio. L area si configura come un elemento non compatibile con il contesto in cui è inserito: un ambito carente di adeguati spazi per la sosta, con la presenza di un patrimonio architettonico di scarsa qualità e di un attività produttiva da trasferire. Il tessuto esistente circostante è residenziale, ad elevata densita edilizia. L area è classificata dal Vigente PI come Zto B, residenziale consolidata. Vi è la necessità di riqualificare le volumetrie esistenti, riconvertendone gli usi affinché siano compatibili con le destinazioni commerciali presenti e la necessità di spazi di sosta. Articolo n. 22 delle Norme Tecniche Operative. NON IDONEA FG. 1 Mapp.li 4, 5, 8, 18, 20, 175, 258, 906, 909, 910, 912, 913, 942, 975, 1569, 2248 Terraglio inserimento d ufficio varie L.R. 50/2012 8Art.3 14

15 9 Principale inserimento d ufficio Caldaie Sile SpA FG. 9 Mapp.li 24, 26, 27, 263, 294, 405, 407, 409, 1688, 1689 Ambito soggetto ad Accordo di Pianificazione nel PAT approvato L ambito è inserito nel Parco Naturale Regionale del Fiume Sile, a ridosso della sponda fluviale. E adiacente al SIC IT e ZPS IT , all interno della fascia di rispetto fluviale del Sile e a Vincolo Paesaggistico - Aree di notevole interesse pubblico (D.Lgs ). La porzione a nord-ovest è anche interessata da rischio idraulico, individuato dal vigente PAI. BUONA - l ambito è servito da viabilità di tipo provinciale, ad accesso diretto sulla SP n. 67 che collega Casier a Treviso. E direttamente servito da pista ciclopedonale. In relazione alla slow mobility, a nord dello stesso, si sviluppa la rete ciclopedonale del Sile. Presenza di volumetrie industriali all interno di un ambito di elevato pregio ambientale e paesaggistico. Elevato impatto paesaggistico in relazione al contesto fluviale. del degrado L area si configura come un elemento non compatibile con il contesto in cui è inserito. Il tessuto esistente circostante è di tipo residenziale verso sud, mentre l area è classificata dal Vigente PI come Zto B4. Vi è la necessità di riqualificare le volumetrie esistenti, riconvertendone gli usi affinché siano compatibili anche con il Parco del Sile e le finalità contenute nel Piano Ambientale. Art.3 L.R. 50/2012 Articolo n. 22 delle Norme Tecniche Operative del PI. Articolo n. 9 delle Norme Tecniche del PAT approvato. Allegato E delle Norme Tecniche del PAT approvato. Schede integrative alle NdA del Piano Ambientale - K CA02 - della Variante di adeguamento del PRG al Piano Ambientale del Parco Naturale Regionale del Fiume Sile (Parere dell Ente Parco Sile di cui al Prot. comunale n. 109 del ) NON IDONEA 15

16 10 Corte d Assise All esterno del centro urbano Prot. n del Tenuta Villa Morosini - Soldera Srl FG. 9 Mapp.li 44, 49, 50, 59, 417, 418 L ambito è inserito nel Parco Naturale Regionale del Fiume Sile, a ridosso della sponda fluviale. E adiacente al SIC IT e ZPS IT , all interno della fascia di rispetto fluviale del Sile e a Vincolo Paesaggistico - Aree di notevole interesse pubblico (D.Lgs. 42/2004). La porzione a nord-ovest è anche interessata da rischio idraulico, individuato dal vigente PAI. INSUFFICIENTE - l ambito è servito da viabilità di tipo vicinale, a sezione ridotta e di attraversamento del centro storico di Casier. In relazione alla slow mobility, a nord dello stesso, si sviluppa la rete ciclopedonale del Sile. Presenza di volumetrie dismesse all interno di un ambito di elevato pregio ambientale e paesaggistico. Scarsa accessibilità, non sanabile, data la posizione ed i delicati equilibri architettonici, paesaggistici e relazionali presenti con l ecosistema del Sile e lo storico centro urbano di Casier. del degrado Le volumetrie presenti nell ambito, oggi dismesse, rappresentano il vecchio seminario dei Padri Sacramentini. L area si configura come un elemento non compatibile con il contesto in cui è inserito. Il tessuto esistente circostante è di tipo residenziale verso sud, mentre l area è classificata dal Vigente PI come Verde privato. Vi è la necessità di riqualificare le volumetrie esistenti, riconvertendone gli usi affinché siano compatibili anche con il Parco del Sile e le finalità contenute nel Piano Ambientale. Art.3 L.R. 50/2012 Articolo n. 38 delle Norme Tecniche Operative del PI. NON IDONEA 16

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

COMUNE DI VILLORBA PI 2014. Relazione illustrativa. Piano degli Interventi (PI) - Variante n. 1 Adeguamento alla LR 50/2012

COMUNE DI VILLORBA PI 2014. Relazione illustrativa. Piano degli Interventi (PI) - Variante n. 1 Adeguamento alla LR 50/2012 COMUNE DI VILLORBA Relazione illustrativa (Legge Regionale n. 11/2004 e s.m.i.) Piano degli Interventi (PI) - Variante n. 1 Adeguamento alla LR 50/2012 PI 2014 Variante n. 1 al PI Approvata con DCC n.

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

Adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del14/05/2009 - Il segretario

Adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del14/05/2009 - Il segretario Adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 22 del14/05/2009 - Il segretario Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 39 del 24/10/2009 - Il segretario Documento aggiornato con le modifiche previste

Dettagli

P.A.T. R 4. Relazione Sintetica. COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso. Elaborato

P.A.T. R 4. Relazione Sintetica. COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso. Elaborato COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso P.A.T. Elaborato R 4 Relazione Sintetica Elaborato adeguato all approvazione in sede di Conferenza di Servizi del 12/10/2010 REGIONE VENETO Direzione Urbanistica

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione Contenuti della comunicazione: Il PRUSST della Riviera

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del IL SINDACO Proposta N. 10 del 31/01/2014 SERVIZIO --Pianificazione Urbanistica Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA Progetto Integrato SESTRI CHIARAVAGNA INTERVENTI PROGETTO INTEGRATO 1. Realizzazione polo mercatale via Ferro 4 5 1 3 2 7 2. Riqualificazione piazza dei Micone 3. Riqualificazione

Dettagli

COMUNE DI CASIER (PROVINCIA DI TREVISO)

COMUNE DI CASIER (PROVINCIA DI TREVISO) COMUNE DI CASIER (PROVINCIA DI TREVISO) ORIGINALE Deliberazione nr. 66 del 24-04-2014 Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO ACCORDI PUBBLICO-PRIVATO AI SENSI DELL'ART. 6 DELLA L.R. 11/2004

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 4. Valtrompia Lodrino Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune Lodrino Viabilità Il comune si trova in una vallata a est di Via Martiri dell Indipendenza;

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA

LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA INU Lazio Gruppo di Lavoro Programmi integrati Paola Carobbi Daniel Modigliani Irene Poli Chiara Ravagnan LA RIGENERAZIONE DEGLI INSEDIAMENTI PER ATTIVITA A ROMA: POTENZIALITA E CRITICITA LA FASE DELLA

Dettagli

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n PLEOSINVEST SAS DI BARBIERO MARIO BOSELLO LILIANA A VARIANTE AMBITO E DEL PDL DI VIA TREVISO APPROVATO CON DELIBERA G.C. 17/2012 E 64/2012 RELAZIONE DICHIARAZIONI

Dettagli

VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE PS 1 COMUNE DI CESENA VARIANTE GENERALE. Stralcio

VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE PS 1 COMUNE DI CESENA VARIANTE GENERALE. Stralcio COMUNE DI CESENA PRG Settore Programmazione 2000 Urbanistica VARIANTE GENERALE VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE Stralcio PS 1 Progettisti Anna Maria Biscaglia

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

PRIMA VARIANTE AL PGT

PRIMA VARIANTE AL PGT COMUNE DI CORTE DE FRATI PRIMA VARIANTE AL PGT RELAZIONE PRELIMINARE C o m u n e d i C o r t e d e F r a t i P i a z z a R o m a, 1 2 6 0 1 0 C o r t e d e F r a t i ( C R ) T e l. 0 3 7 2 9 3 1 2 1 F

Dettagli

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio)

AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) 1 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo e aree adiacenti) AREA 2 (parcheggio tra la S.S.16 e la Via Ravenna) AREA 3 (parcheggio di Via Properzio) - - - - - - - 2 3 AREA 1 (parcheggio di Piazza del Popolo

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI:

INDICE DEGLI ARGOMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI: PREMESSA INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO PAESISTICO E REGIME VINCOLISTICO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO FINALITÀ DELL INTERVENTO PREMESSA Il progetto

Dettagli

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 124 Seduta del giorno 30 Aprile 2014

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 124 Seduta del giorno 30 Aprile 2014 Rep. 2014/124 Oggetto n 58 Ufficio: 007 Comune di Verona Deliberazione della Giunta Comunale N. Progr. 124 Seduta del giorno 30 Aprile 2014 PRESENTI TOSI SIG. FLAVIO CASALI AVV. STEFANO CORSI P. I. ENRICO

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

RAFFRONTO TRA TAVOLE VIGENTI E TAVOLE DI VARIANTE PS01 MAPPATURA DEI SERVIZI ESISTENTI E PREVISTI PS02 CARTA DEI PROGETTI PR PIANO DELLE REGOLE

RAFFRONTO TRA TAVOLE VIGENTI E TAVOLE DI VARIANTE PS01 MAPPATURA DEI SERVIZI ESISTENTI E PREVISTI PS02 CARTA DEI PROGETTI PR PIANO DELLE REGOLE RAFFRONTO TRA TAVOLE VIGENTI E TAVOLE DI VARIANTE Scheda 1 Scheda 2 Scheda 3 PS01 MAPPATURA DEI SERVIZI ESISTENTI E PREVISTI PS02 CARTA DEI PROGETTI PR PIANO DELLE REGOLE Scheda 1 PS01 MAPPATURA DEI SERVIZI

Dettagli

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA RELAZIONE Oggetto: VARIANTE ART.32 bis L.R.n.20/2000 AL PIANO STRUTTURALE COMUNALE INCREMENTO DELL ALTEZZA CONSENTITA PER LA REALIZZAZIONE DI MAGAZZINI AUTOMATICI PREMESSA La presente variante al Piano

Dettagli

COMUNE DI CAVALLINO-TREPORTI Provincia di Venezia OGGETTO

COMUNE DI CAVALLINO-TREPORTI Provincia di Venezia OGGETTO COPIA N 9 COMUNE DI CAVALLINO-TREPORTI Provincia di Venezia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO Approvazione della Variante al Progetto Unitario n. 31 del Campeggio Villa al Mare, ai

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Il Vicepresidente GELLI

Il Vicepresidente GELLI 10 14.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Art. 25 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore novanta giorni dopo la sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO. Censim ento degli edifici di recente costruzione in am bito rurale

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO. Censim ento degli edifici di recente costruzione in am bito rurale COMUNE DI Provincia di Forlì-Cesena REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO Censim ento degli edifici di recente costruzione in am bito rurale Legge regionale 24 marzo 2000, n. 20 Disciplina generale sulla tutela

Dettagli

Delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 30/03/2010. Approvazione Variante Urbanistica ai sensi del DPR 447/98 art 5 ditta PIVATO INFISSI.

Delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 30/03/2010. Approvazione Variante Urbanistica ai sensi del DPR 447/98 art 5 ditta PIVATO INFISSI. Delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 30/03/2010 Oggetto: Approvazione Variante Urbanistica ai sensi del DPR 447/98 art 5 ditta PIVATO INFISSI. Relaziona l'argomento l'assessore Rossetto Alberto dando

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLUNA

COMUNE DI MONTEBELLUNA Elaborato 47 Elaborati Approvati COMUNE DI MONTEBELLUNA ATTIVITA RICETTIVE Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano di Assetto del territorio PAT 2012 Adozione Approvazione Il Sindaco Prof. Marzio Favero

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

Modifiche in materia Commerciale

Modifiche in materia Commerciale PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Modifiche in materia Commerciale VARIANTE NON SOSTANZIALE AL PTCP ai sensi dell art.27bis della L.R. 20/2000 e s.m.i. RECEPIMENTO DEI

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 PROVINCIA DI FORLI'-CESENA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEGLI INSEDIAMENTI E INFRASTRUTTURE STORICI

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

Provincia di Torino Determinazione del Dirigente del Servizio Urbanistica

Provincia di Torino Determinazione del Dirigente del Servizio Urbanistica Provincia di Torino Determinazione del Dirigente del Servizio Urbanistica Prot. n..../248063/2006 OGGETTO: COMUNE DI MORIONDO TORINESE - VARIANTE STRUTTURALE AL P.R.G.I. - D.C.C. N. 14 DEL 21/04/2006 -

Dettagli

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Piano urbanistico attuattivo ambito territoriale denominato Altanea Brian. Ditte AGRICOLA ED IMMOBILIARE STRETTI s.s., SOCIETA AGRICOLA NOGARA s.s., SOCIETA AGRICOLA LAGUNA VERDE s.a.s. ADOZIONE.

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

Piano Integrato d Area del Medio Lago

Piano Integrato d Area del Medio Lago Provincia di Brescia Comunità montana del Sebino Bresciano Piano Integrato d Area del Medio Lago (Comuni di Marone, Monte Isola, Sale Marasino, Sulzano) Terzo stato di avanzamento giugno 2005 Indice 1)

Dettagli

la ditta ITALFERR, subentrata a IRICAV DUE per la progettazione degli interventi e in data 06.07.2001 chiedeva al comune d individuare il punto d

la ditta ITALFERR, subentrata a IRICAV DUE per la progettazione degli interventi e in data 06.07.2001 chiedeva al comune d individuare il punto d Adozione variante al vigente Piano Regolatore Generale Territorio Esterno ai sensi della L.R. 61/85 art. 50 comma 4 lett. g) per la previsione di un percorso ciclopedonale fino al nuovo parcheggio a servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA

REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 25/03/2009 1/8 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Questo regolamento, adottato nell

Dettagli

Piano di Governo del Territorio Ai sensi della L.R. n. 12/2005 e s.m.i. DOCUMENTO DI PIANO

Piano di Governo del Territorio Ai sensi della L.R. n. 12/2005 e s.m.i. DOCUMENTO DI PIANO Città di Tradate Provincia di Varese Piano di Governo del Territorio Ai sensi della L.R. n. 12/2005 e s.m.i. DOCUMENTO DI PIANO CRITICITA ALLEGATO G L Ufficio di Piano Luglio 2013 1 ESTRATTO DAL PUNTO

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici Provincia di Pavia ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Progettisti Incaricati dott. ing. Fabrizio Sisti via C. Battisti, 46-27049 Stradella (PV) dott. arch. Giuseppe Dondi via San Pietro,

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE

3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE 3. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE IDONEE ALLA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SMALTIMENTO E RECUPERO DEI RS E RSP Il Piano regionale dei rifiuti secondo stralcio relativo ai rifiuti speciali anche pericolosi,

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A.

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 SARZANESE - VALDERA IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A. SIMONE STEFANI - GEOLOGO GEOLOGIA ECOLOGIA - AMBIENTE COMUNE DI TERRICCIOLA (Provincia di Pisa) VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

Allegato M Elenco istanze pervenute a seguito avvio procedimento P.G.T. DESCRIZIONE RICHIESTA N DATA PROT. N NOMINATIVO RICHIEDENTE

Allegato M Elenco istanze pervenute a seguito avvio procedimento P.G.T. DESCRIZIONE RICHIESTA N DATA PROT. N NOMINATIVO RICHIEDENTE Allegato M Elenco istanze pervenute a seguito avvio procedimento P.G.T. N DATA PROT. N NOMINATIVO RICHIEDENTE DESCRIZIONE RICHIESTA 1 17.09.2005 4812 Dott. Renato Chiede un sedime di circa mq. 1000 in

Dettagli

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del.

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI PECETTO DI VALENZA Legge Regionale 5 dicembre 1977 n. 56 e successive modifiche ed integrazioni PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Approvato con D.G.R.

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

COMUNE DI CREMA RELAZIONE TECNICA DI INDIRIZZO SULLA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DI PROPRIETA COMUNALE EX DISTRIBUTORE DI VIA DIAZ PORTA SERIO

COMUNE DI CREMA RELAZIONE TECNICA DI INDIRIZZO SULLA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DI PROPRIETA COMUNALE EX DISTRIBUTORE DI VIA DIAZ PORTA SERIO ALLEGATO 1 COMUNE DI CREMA Area Affari Generali e Pianificazione Territoriale Piazza Duomo, 25- Tel. 0373/8942495 - Fax 0373-894298 e-mail ufficioprg@comune.crema.cr.it RELAZIONE TECNICA DI INDIRIZZO SULLA

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 1. Brescia e Comuni Vicini

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 1. Brescia e Comuni Vicini SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 1. Brescia e Comuni Vicini Brescia Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune BRESCIA Viabilità Le aree industriali si trovano sull asse nord-ovest

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Oggetto: Piano Attuativo denominato SALOV e Centro Leasing - Adozione- Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale Premesso che: con deliberazione del Consiglio Comunale del 27.4.2004 n. 51 è stato

Dettagli

COMUNE DI CALAVINO PIANO REGOLATORE GENERALE

COMUNE DI CALAVINO PIANO REGOLATORE GENERALE PIANO REGOLATORE GENERALE Variante 2012 1 a ADOZIONE Relazione illustrativa redatto da: beltrami + dellanna architetti associati Trento, ottobre 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA VARIANTE 1 a ADOZIONE 1. NATURA

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

PIANO OPERATIVO DEL COMMERCIO

PIANO OPERATIVO DEL COMMERCIO Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza Testo di confronto PIANO OPERATIVO DEL COMMERCIO Norme di Attuazione Variante 2009-2010 Adottato il 31/07/2009 Approvato il con delibera di C.C n..41

Dettagli

PROVINCIA di BOLOGNA. Contenuti normativi del! Regolamento Urbanistico Edilizio. ESTRATTO articoli modificati MAGGIO 2013

PROVINCIA di BOLOGNA. Contenuti normativi del! Regolamento Urbanistico Edilizio. ESTRATTO articoli modificati MAGGIO 2013 adottato con dcc n 44 del 15.04.1999 controdedotto con dcc n 88 del 24.07.2000 approvato con dgp n 48 del 26.02.2001 AGGIORNAMENTO 2001 COMUNE C A S A L E C C H I di RENO di O PROVINCIA di BOLOGNA RUE

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA 0 Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Pontecagnano Faiano risulta dotato di Piano Regolatore generale

Dettagli

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb.

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013 Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Valeria Polizzi CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 PROVINCIA DI FORLI'-CESENA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEGLI INSEDIAMENTI E INFRASTRUTTURE STORICI

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R. N. 12/2005

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R. N. 12/2005 COMUNE DI MONTORFANO (PROVINCIA DI COMO) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R. N. 12/2005 DOC. n 3-C - PIANO DELLE REGOLE All. n. 4 Scheda di valutazione art. 38 N.d.A. P.T.C.P. ADOZIONE N DEL PUBBLICATO

Dettagli

PRC - Piano Regolatore Comunale

PRC - Piano Regolatore Comunale COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso Regione del Veneto PRC - Piano Regolatore Comunale Articolo 12 Legge Regionale 23 aprile 2004, n. 11 PI - Piano degli Interventi - Variante 3 Articoli 17 e

Dettagli

COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI MARCON PROVINCIA DI VENEZIA AREA: USO ASSETTO TERRIT. UFFICIO: URBANISTICA Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO DEL 05-08-14 N.75 O G G E T T O APPROVAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

LAND Milano srl arch. Andreas Kipar

LAND Milano srl arch. Andreas Kipar LA NUOVA RETE DEI PAESAGGI DELLA PROVINCIA DI GORIZIA Contributo della Provincia di Gorizia alla candidatura a Venezia e Nordest capitale della cultura 2019 LAND Milano srl arch. Andreas Kipar 3 settembre

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04.

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04. Allegato A COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE E AGGIORNAMENTO 2013 Piano di Classificazione Acustica adottato con deliberazione del Consiglio

Dettagli