RBS Retail Banking Services

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RBS Retail Banking Services"

Transcript

1 RBS Retail Banking Services Phone Collection Sollecito telefonico del credito Release del 26 febbraio 2014 Roma - P.le dell'industria 46, Tel. 06/

2 Indice 1. Profilo della società pag Tipologie di prodotto pag Introduzione al servizio pag Caratteristiche pag Obiettivi pag Schema funzionale pag Performance RBS pag Conclusioni pag Compliance e Certificazioni di Qualità pag Sistema di Compliance pag Sistema Certificazioni di Qualità pag Servizio di POS virtuale per il recupero del credito pag I nostri maggiori clienti pag. 31 2

3 Anno di costituzione: Profilo della società Presidente: Alessandro De Angelis, già direttore generale di Diners club Italia, direttore centrale di Deutsche Bank e banca Nazionale del lavoro, amministratore delegato di Myfin. Mercato di riferimento: Banche, Finanziarie e Assicurazioni Sedi: Roma (2.200 mq) Milano (1.300 mq) Sassari (500 mq) Postazioni: Personale: Contratti di lavoro 450 multimediali 272 dipendenti 104 collaboratori Credito per gruppo Bper Terziario per gli altri clienti 3

4 Gestione integrata di crediti scaduti 2. Tipologie di prodotto Sollecitazione Telefonica di crediti, a seguito (o meno) di sollecito epistolare. Tipologie di prodotto. Gestione a scadenza delle promesse di pagamento. Gestione degli appuntamenti e del back-office della rete di esattori. Gestione di azione di Commodity Check. Gestione del follow-up per titoli insoluti non protestati. Gestione di azione di Commodity Check Controllo delle prime rate insolute (first payment default). Verifica dell autenticità di un contratto (conferma firma e consegna del bene). Controllo accensione contestuale pluralità mutui (credit addiction). Controllo telefonico avvenuta ricezione di assegni e/o carte di credito. Gestione rientro Fuori Fido Richiesta telefonica di rientro. Istruttoria telefonica per aumento fido (creditextension). 4

5 3. Introduzione al servizio Il vero patrimonio di un Azienda è dato dal suo portafoglio clienti. La gestione di tale patrimonio è una delle attività aziendali più delicate e sofisticate. Particolare competenza, efficacia e cortesia richiede il rapporto con la clientela morosa. Oggi il servizio di phone collection è il supporto ideale per risolvere le esigenze del recupero del credito. RBS tramite il servizio di Phone Collection permette al Committente di tenere sotto controllo la clientela morosa, al fine di ottenere il pagamento dello scaduto e prevenire il peggioramento della qualità del credito. Il contatto tempestivo del debitore insolvente permette di diminuire in modo considerevole la possibilità che il credito insoluto aumenti e si riducano le possibilità di recupero. Ma, soprattutto riconduce la maggior parte delle azioni di recupero(quelle che si risolvono positivamente) all'interno della politica di customer care del Committente, cogliendo quindi l'obiettivo di mantenere in termini positivi la relazione con il cliente. 5

6 3.1. Caratteristiche Immediatezza L azione può essere proposta fin dal primo ritardo (first payment default) che può celare un intenzione radicale di non onorare il debito. Accade infatti talvolta che il cliente abbia acceso più prestiti presso diversi Enti bancari e non (credit addition) i quali, necessariamente, diventano concorrenti tra di loro in caso di insolvenza del debitore. La più rapida conoscenza della morosità favorisce l Ente più tempestivo nell avviare l azione di recupero crediti. Personalizzazione dell intervento su base storica Le informazioni raccolte dalla viva voce del cliente possono essere memorizzate e gestite in modo personalizzato in caso di ripresentazione nel tempo dello stato di morosità (esempio: nuovo domicilio, perdita del posto di lavoro ecc.). Ciò consente di non dover procedere in modo automatico e sequenziale nelle azioni successive, bensì di prescegliere direttamente quella ritenuta più efficace per ogni singolo stato. 6

7 3.2. Obiettivi Monitoraggio continuativo Attraverso la phone collection viene avviato un monitoraggio della clientela morosa al fine di prevenire un possibile deterioramento della qualità del Portafoglio Clienti. L azione genera un sistema di reporting personalizzato che fornisce un quadro completo dei risultati sia in termini di obiettivi raggiunti sia per tipologia d intervento (fasce di insoluto, per tipo di Clientela, per filiale, per anzianità, ecc.). Miglioramento qualitativo Il miglioramento qualitativo del sevizio alla clientela avviene attraverso un azione di educazione dei clienti solvibili ma meno puntuali nei pagamenti. L azione consente infatti di acquisire in tempo reale le motivazioni che hanno generato il ritardo e porvi rimedio, senza pregiudicare la relazione con i clienti. 7

8 3.2. Obiettivi Riduzione delle perdite La riduzione delle perdite viene attuata mediante un diverso mix di interventi sulla clientela, caratterizzati da un alto livello di personalizzazione e da un bassissimo tasso di dispersione del contatto (riduzione dei costi di esazione). Riduzione tempi di gestione Attraverso la phone collection la procedura di recupero del credito viene anticipata mediante una tempestiva conoscenza delle intenzioni del cliente moroso. 8

9 3.2. Obiettivi SITUAZIONE SENZA PHONE COLLECTION SITUAZIONE CON PHONE COLLECTION 9

10 Uniformità dell intervento sul territorio 3.2. Obiettivi La tipologia di comunicazione verso il Cliente è gestita in modo uniforme sull intera regione ed è controllabile dal Committente centralmente attraverso uno strumento telematico. E altresì uniforme l efficacia dell azione che non è influenzata dalla distribuzione territoriale dei debitori, fattore questo che condiziona sensibilmente l operato delle filiali. Integrazione con il ciclo di attività recupero crediti L azione di phone collection, anche in caso di mancato pagamento, migliora comunque l azione successiva dello Studio legale in quanto mette a disposizione un quadro informativo che, altrimenti, l azione di sollecitazione epistolare non avrebbe realizzato. Integrazione con il ciclo di attività recupero crediti L azione svolta da un azienda specializzata consente di effettuare il controllo telefonico negli orari di maggiore reperibilità della Clientela (generalmente): dalle 17 alle 21 per Privati dalle 9 alle 19 per i Professionisti, Artigiani e Commercianti Gli interventi possono essere estesi anche a 6 giorni su 7 10

11 3.3. Schema funzionale 11

12 4. Performance RBS Quadro sinottico chiusura Novembre 2013 CLIENTE ATTIVITA' AGEING SALDO AFFIDATO %SALDO MOVIMENTATO SPESE AFFIDATE % SPESE RECUPERATE COLLECTION AGENCY altre agenzie ranking RBS A CS ,16 88,83% ,53 18,17% 7 1 A CS ,18 87,06% ,56 13,80% 7 2 A C0L ,55 86,87% ,01 21,09% 4 2 A CG ,85 92,89% ,23 27,85% 5 1 B ESAE ,93 68,88% B ESAP ,43 77,60% C FCE ,99 91,42% ,26 73,29% 3 1 N.B. La differenza nei risultati deriva dalla gestione di prodotti differenti tra loro. RBS - Retail Banking Services 12

13 5. Conclusioni Vantaggi per la Banca Vantaggi per il cliente Licenza Questura Osservanza del D.Lgs 196/03 Diretti - sul costo per pratica gestita: Riduzione dei costi dell azione di recupero del credito Vontaggi perchè, su una fascia significativa di crediti relativamente freschi (30-40%) si sostituisce alle azioni più onerose (esattore - legale, ecc.). Indiretti - sul costo globale del recupero crediti: Attraverso un azione continuativa di educazione del cliente, la phone collection incide sui comportamenti futuri della clientela distratta. RBS opera sulla base della licenza rilasciata dalla Questura di Roma Commissariato di P S Selezione Coordinatore Esposizione Viale Asia nr.32. Con una tempestiva attività di segreteria si evita che al cliente venga addebitata la mora qualora abbia dimenticato il pagamento per pochi giorni. CODICE DEONTOLOGICO RBS attraverso il proprio servizio legale controlla che tutti gli operatori si attengano alle disposizioni impartite dal D.Lgsl. 196/03 Legge sulla Privacy. Nello svolgimento della propria attività l esattore/operatore telefonico: non deve esercitare pressioni indebite, molestie o minacce nei confronti del debitore al fine di indurlo al pagamento: per molestie si intendono anche: uso o il tentativo di violenza penalmente rilevante; il linguaggio osceno; l utilizzo improprio del mezzo telefonico; deve gestire eventuali situazioni conflittuali senza generare riflessi negativi sull immagine del Committente; deve avere contatti e conferire esclusivamente con il debitore; deve identificare il debitore; non deve inviare al debitore alcun tipo di comunicazione scritta o documento che non siano stati preventivamente autorizzati ed esaminati dal Committente; non deve qualificarsi utilizzando false generalità. 13

14 5. Conclusioni In conclusione, la sollecitazione telefonica dei crediti è un ottimizzatore che consente di ottenere il massimo rendimento possibile dall insieme delle varie tipologie di azione di recupero realizzate. 14

15 6. Compliance e Certificazioni di Qualità RBS ha impostato una strategia societaria mirata ad incorporare nella struttura aziendale, in modo irrevocabile, un modello organizzativo posto a presidio della compliance e del quality assurance. Per il conseguimento di questi obiettivi strategici, RBS si è avvalsa di consulenti specializzati a livello internazionale ed ha realizzato in gran parte le attività pianificate. Tutte le risorse umane che operano in azienda sono state formate nell osservanza di queste regole istituzionali ed i clienti hanno collaborato al completamento delle certificazioni. Di seguito esprimiamo le regole e le attività concluse ed in corso di completamento. 15

16 Sistema di Compliance OBIETTIVO 1.Garantire la conformità delle procedure con le norme di riferimento 2.Assicurare il costante controllo degli standard di servizio NORMATIVE DI RIFERIMENTO DEL SISTEMA D. LGS 231/01 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di responsabilità giuridica D.LGS 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali PCI DSS v.2.0 Ente Certificatore: Autocertificazione (con il supporto di Security Brokers) Anno di certificazione: 2010 Obiettivo: Sicurezza dei dati relativi ai titolari di carte di credito Recepimento nella legislazione italiana della direttiva 2007/64/Ce Payment Services Directive (PSD)

17 Sistema di Compliance D.LGS 231/01 Obiettivo: Prevenire e controllare il rischio di reati connessi all attività aziendale Risultato: Predisposizione di un sistema strutturato attraverso un modello organizzativo. Metodologia: Determinazione delle aree di rischio di reati connessi, definizione di protocolli e sistema disciplinare. Il D.Lgs 231/2001 emanato in attuazione della delega di cui all art.11 della legge 29 settembre 2000, n. 300 introduce la responsabilità amministrative degli enti (società di capitali, associazioni, consorzi, ecc.) su quanto stabilito dalle Convenzioni internazionali ratificate dall Italia. L applicazione del Modello organizzativo derivante dalla legge 231 è finalizzato alla eliminazione di eventuali comportamenti di carattere illegale, attraverso la conoscenza diffusa all interno dell azienda delle previsioni normative e l applicazione di specifiche sanzioni disciplinari e/o contrattuali, in caso di infrazione. In RBS, il processo di messa in atto del Modello previsto dalla legge 231 prevede l emanazione del Codice Etico aziendale, l individuazione delle aree aziendali caratterizzate da un potenziale rischio di infrazione, la definizione delle attività di prevenzione e controllo interno, attraverso l istituzione dell Organismo di Vigilanza (ODV). L obiettivo è garantire la prevenzione e il controllo delle procedure applicate nella gestione aziendale.

18 Sistema di Compliance D.LGS 196/03 Obiettivo: Garantire la tutela dei dati personali Risultato: controllo costante del rispetto della compliance in relazione alla normativa Metodologia: Controllo affidato a consulente legale esterno specializzato in materia di privacy. Il decreto legislativo 196/2003, che sostituisce la precedente normativa sulla privacy 675/1996 impone dei precisi obblighi nel trattamento dei dati personali e dei dati sensibili, affidando al Responsabile Legale la responsabilità per l adeguamento delle misure di sicurezza. Nell ambito di riferimento del decreto 196/2003, sono numerosi e continui i Provvedimenti emanati dal garante della Privacy che richiedono un constante controllo delle procedure in essere. RBS ha incaricato una struttura specializzata indipendente di definire gli interventi necessari per il rispetto delle previsioni normative e di eseguire controlli periodici, attraverso la supervisione di tutti i processi interni aventi rilievo nel trattamento dei dati personali. L obiettivo è la massima garanzia di rispetto delle norme e, conseguentemente, di tutela legale nei confronti della committenza, dell azienda e degli operatori.

19 Sistema di Compliance PCI DSS V.2.0 Obiettivo: Sicurezza dei dati relativi ai titolari di carte di credito Risultato: compliance e adeguamento costante del sistema Metodologia: Definire processi e modalità di monitoraggio del perimetro fisico ed informatico. Il Decreto legislativo 11 del 27 gennaio 2010 recepisce la direttiva 2007/64/CE (Payment Services Directive) e dispone in merito agli obblighi di sicurezza ed alle responsailità relative al trattamento dei dati utilizzati per i pagamenti con carte di credito. RBS ha adottato dal 2010 gli standard di sicurezza Payment Card Industry (PCI) e Data Security Standard (DSS), emanati dal PCI Council con la finalità di garantire standard appropriati per la gestione delle informazioni relative agli strumenti di pagamento e delle carte di credito in particolare. Il rispetto degli standard adottati viene controllato periodicamente attraverso procedure di audit interne supervisionate da Security Brokers, con l obiettivo di garantire il costante adeguamento delle misure di sicurezza.

20 Sistema Certificazioni di Qualità OBIETTIVO 1.Rendere oggettivi e trasparenti processi e dati 2.Garantire la qualità interna dei processi 3.Assicurare la conformità con gli standard di controllo richiesti CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 9001:2008 Ente Certificatore: TUV Italia Anno di certificazione: 2004 Obiettivo: Valutare la capacità dell organizzazione di soddisfare i committenti e le altre parti coinvolte. UNI EN 15838:2010 Ente Certificatore: ICIM Anno di certificazione: 2011 Obiettivo: Fornire le migliori pratiche focalizzate sul cliente per soddisfarne le aspettative ISO / IEC 27001:2006 Ente Certificatore: TUV Italia Anno di certificazione: 2013 Obiettivo: controllo della sicurezza delle informazioni trattate BS OHSAS 18001:2007 ISO 22301:2012 Ente Certificatore Individuato: TUV Italia Anno di certificazione previsto: 2014 Obiettivo: Garantire la sicurezza del posto di lavoro e delle risorse che vi operano Ente Certificatore Individuato: TUV Italia Anno di certificazione previsto: 2014 Obiettivo: Assicurare la continuità dei processi aziendali e dei servizi erogati in caso di disastro

21 Sistema Certificazioni di Qualità UNI EN ISO 9001:2008 Obiettivo: Valutare la capacità dell organizzazione di soddisfare i committenti e le altre parti coinvolte Risultato: Formalizzare e documentare correttamente i processi aziendali Metodologia: Applicazione dei criteri di efficacia ed efficienza volti al miglioramento costante La norma UNI EN ISO 9001:2008 raccoglie i principi di riferimento per la gestione della qualità aziendale nel settore dei servizi e si applica alle fasi di progettazione, approvazione, implementazione, gestione e controllo dei servizi erogati dall impresa. Tutti i processi aziendali devono essere formalizzati, documentati e approvati sia internamente che da parte dei clienti, se necessario prima di essere messi in produzione. RBS ha adottato il Sistema di Gestione della Qualità a partire dal 2004, applicando la norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2000 e, successivamente, recependo le varianti introdotte nella norma, fino all attuale versione Obiettivo del sistema di qualità è garantire il massimo controllo delle specifiche di servizio, il rispetto delle procedure previste e delle specifiche richieste dal committente.

22 Sistema Certificazioni di Qualità UNI EN 15838:2010 Obiettivo: Fornire le migliori pratiche focalizzate sul cliente per soddisfarne le aspettative Risultato: Generare una valutazione mensile di molteplici parametri che influenzano la qualità delle attività di CRM Metodologia: Monitoraggio costante degli indicatori critici La norma di certificazione UNI EN 15838:2010 definisce le specifiche di qualità relative ai Customer Contact Center (CCC), attraverso il controllo degli indicatori critici operativi, con l obiettivo di monitorare costantemente i livelli di servizio e consentire interventi tempestivi di natura correttiva e migliorativa. In particolare, la norma definisce gli standard di qualità relativi agli operatori (turnover volontario, assenteismo, livello di soddisfazione), ai tempi e alla qualità della risposta (percentuale di risposta, tempi di attesa, accuratezza, ecc.) e alla disponibilità effettiva di accesso al servizio. RBS ha certificato l applicazione della norma nel Il principale risultato è rappresentato dal controllo costante sulla qualità effettiva e dalla possibilità di intervento immediato in caso di mancato rispetto degli standard quantitativi e qualitativi previsti.

23 Sistema Certificazioni di Qualità ISO / IEC 27001:2006 Obiettivo: controllo della sicurezza delle informazioni trattate Risultato: Assicurare un adeguato e controllato accesso alle informazioni Metodologia: Monitoraggio dei parametri di disponibilità, integrità e riservatezza delle informazioni presenti nel perimetro informatico La norma ISO / IEC 27001:2006 ha per oggetto il controllo, la protezione e l integrità delle informazioni trattate all interno dell azienda, attraverso la definizione delle aree aziendali, dei processi e dei controlli rilevanti. Nell ambito del perimetro, infrastrutturale, funzionale e informatico, nel quale sono raccolte e trattate le informazioni, vengono analizzati i processi, individuati i potenziali fattori di rischio e attivate le procedure di controllo e di prevenzione. RBS ha completato l iter di certificazione che ha avuto l obiettivo di garantire il controllo sostanziale del trattamento e della integrità delle informazioni trattate, nel primo semestre del 2013.

24 Sistema Certificazioni di Qualità BS OHSAS 18001:2007 Obiettivo: Garantire la sicurezza del posto di lavoro e delle risorse che vi operano Risultato: Modello organizzativo conforme alla norma Metodologia: Analisi dei rischi correlati all attività svolta La norma di certificazione BS OHSAS 18001:2007 (occupational health and safety assessment series è stata emanata nel 1999 dal BSI (British Standard Institution) e disciplina il sistema di gestione della tutela della salute e della sicurezza sul posto di lavoro. La metodologia prevede l analisi dei rischi di processo e dei singoli fattori e l individuazione delle aree di intervento finalizzate al contenimento dei rischi. Lo standard è attualmente in fase di adozione e certificazione attraverso TUV Italia. Il completamento della procedura di certificazione è previsto entro l anno 2014.

25 Sistema Certificazioni di Qualità ISO 22301:2012 Obiettivo: Assicurare la continuità dei processi aziendali e dei servizi erogati in caso di disastro Risultato: Piani di continuità operativa e di disaster recovery efficaci Metodologia: : Monitoraggio dell'indice di resilienza attraverso l'analisi e trattamento dei rischi individuati, la presenza di procedure documentate e la consapevolezza dei risk owner designati La normativa ISO 22301:2012 risponde ai requisiti definiti dalla Banca d'italia nelle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche - Circolare aggiornamento del 2 luglio 2013 con specifico riferimento al capitolo 9 - La continuità operativa. Attraverso la conduzione della Business Impact Analysis è possibile identificare le aree vitali dell'organizzazione, definendo per ciascuna di esse i livelli minimi di servizio tollerabili (MBCO) in relazione ai tempi di ripristino (RTO) ed i tempi massimi tollerabili di disservizio (MAO). RBS ha attivato l'iter di certificazione per il Sistema di Gestione per la Continuità Operativa con l'ente certificatore TUV Italia prefissando l'audit documentale (I stadio) per maggio 2014 e l'audit in campo (II stadio) per novembre 2014.

26 7. Servizio di POS virtuale per il recupero del credito RBS ha attivato il servizio POS virtuale che consente di prelevare l importo del debito scaduto dalla Carta di Credito del soggetto moroso, attingendo alla disponibilità residua. Grazie all accordo con SETEFI, acquisisce in tempo reale il feedback della transazione. 26

27 L applicativo SETEFI è integrato con la piattaforma CRM di RBS. Spese di recupero del credito Importo del credito insoluto Disponibilità CDC del cliente moroso 27

28 Telefonata registrata: l operatore comunica la registrazione della telefonata. D. Lgs. 196/03 L interazione tra cliente ed operatore è regolata dallo standard per i Centri di Contatto con i Clienti (UNI EN 15838:2010). Interazione cliente/operatore UNI EN 15838:2010 L operatore acquisisce le informazioni per effettuare la transazione con Carta di Credito PCI DSS v 2.0 (continua ) Le transazioni sono trattate secondo i requisiti dello standard PCI DSS v

29 ( continua) Il portale SETEFI restituisce feedback immediato circa l esito della transazione L operatore aggiorna l applicativo CRM di RBS L operatore aggiorna l applicativo del committente L incasso avviene sul conto corrente del committente. 29

30 UNI CEI ISO/IEC 27001:2006 Sicurezza delle Informazioni L intero processo è regolato dalle procedure del Sistema di Gestione per la Qualità, secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 ed è condotto in ambiente sicuro, secondo la norma UNI CEI ISO/IEC 27001:2006, i cui obiettivi principali sono: Proteggere l integrità e la riservatezza delle informazioni Garantire il Business Continuity aziendale, tutelando la disponibilità delle informazioni. Pagamento Contatto UNI EN ISO 9001:2008 Feedback Acquisizione dati UNI CEI ISO/IEC 27001:

31 Banche I nostri maggiori clienti Compagnie Assicurative Finanziarie Altri Banche di Credito Cooperativo Bcc Vita Agos Ducato BNP Leasing Solutions (gruppo BNP Paribas) Banca di Sassari (Divisione Consumer gruppo BPER 13 Banche) Cardif (gruppo BNP Paribas) Compass Pierre Fabre Italia Spa Deutsche Bank AIG Mercedes Benz Financial Services Italia Cassa di Risparmio di Volterra Ace Europe FCE Bank (Ford Credit Europe) Genworth Iccrea Banca Impresa (ex Banca Agrileasing) (Metlife) Volkswagen Bank RBS - Retail Banking Services 31

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing I servizi di Business Process Outsourcing rappresentano uno strumento sempre più diffuso per dotarsi di competenze specialistiche a supporto della

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli