Direzione Marketing Small Business Missione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Marketing Small Business Missione"

Transcript

1 Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello di servizio dedicato per la clientela di competenza e monitorarne l applicazione in collaborazione con le strutture di Divisione e le Direzioni Centrali competenti per le tematiche di personale e organizzazione Assicurare lo sviluppo e l offerta di una gamma prodotti eccellente, completa e innovativa garantendo l interfaccia verso le fabbriche prodotto del Gruppo e l efficacia nella selezione e nell offerta di prodotti di terzi Formulare le strategie e le politiche commerciali definendo l'offerta dei prodotti e dei servizi e selezionando i canali da utilizzare per raggiungere al meglio la clientela, con particolare attenzione all innovazione di prodotto/servizio Fornire indirizzo alle competenti strutture delle Direzioni Regionali e di Area/Banca sulle tematiche di segmento/prodotto/canale per garantire il continuo aggiornamento e per consentire l'attuazione delle politiche commerciali, le attività di indirizzo delle strutture territoriali sottostanti e il conseguimento degli obiettivi Definire il pricing dei prodotti e dei servizi, nonché delle eventuali convenzioni nazionali, presidiando altresì le convenzioni stipulate a livello locale, con il supporto della Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione della Divisione Collaborare con la Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione della Divisione, per l elaborazione delle proposte di manovra su tassi e condizioni e di aggiornamento dei livelli di deroga da sottoporre all approvazione del Responsabile di Divisione Definire le strategie e formulare il pricing per i canali (es. ATM, Internet, Phone, Mobile) interagendo con la Direzione Presidio Qualità e Canali, in ottica di sviluppo dei prodotti e servizi erogati sugli stessi Definire con il Servizio Customer Relationship Management le modalità di contatto della clientela, sia in modalità inbound sia outbound, su tutti i canali disponibili, Filiali e canali diretti, nell ambito delle linee guida definite dal processo di pianificazione commerciale Interagire con la Direzione Presidio Qualità e Canali per la definizione dei formati e degli allestimenti standard delle Filiali, coordinandosi con le altre Direzioni Marketing Collaborare con il Servizio Customer Relationship Management della Divisione per la definizione delle logiche di evoluzione del sistema di CRM al fine di garantire l efficacia degli strumenti e la rispondenza ai fabbisogni delle strutture di gestione dei segmenti di clientela e dei prodotti di competenza Definire le necessità di interventi di marketing communication e di sviluppo dell immagine della Banca per i segmenti di competenza, interagendo con la Direzione Centrale Relazioni Esterne per la realizzazione degli interventi pianificati e con Direzione Presidio Qualità e Canali per quanto dalla stessa gestito Provvedere allo sviluppo e alla gestione dei rapporti con Enti e con Aziende del settore pubblico e dei servizi di tesoreria/cassa, incasso e pagamento, in accordo con le funzioni aziendali di riferimento Gestire le attività progettuali riferite agli ambiti commerciali ed ai mercati di competenza che coinvolgono le Direzioni Regionali e le Direzioni di Area/Banca della Divisione Banca dei Territori Fornire in service alle Banche della Divisione Banca dei Territori le attività rientranti nelle specifiche competenze e definite dagli appositi contratti Garantire il supporto all Operational Risk Manager Decentrato della Divisione relativamente alle attività di competenza per la gestione dei rischi operativi, individuando nell ambito delle proprie strutture la responsabilità di Referente Operational Risk Manager. 1 Attività/aziende con fatturato inferiore a 2,5 milioni di euro e accordato di Gruppo inferiore a 1 milione di euro 1

2 La Direzione Marketing Small Business si articola in: Servizio Small Business Core Servizio Micro Business, Professionisti e Condomini Servizio Prodotti di Raccolta, Tutela e Pagamento Servizio Prodotti di Impiego. Riportano inoltre al Responsabile della Direzione: Comunicazione e Pubblicità Ufficio Prodotti e Servizi per la Pubblica Amministrazione. Il settore primario (agricoltura, allevamento, silvicoltura pesca ed attività connesse) e le filiere agroindustriali sono presidiati attraverso il coordinamento funzionale del Direttore Generale di Agriventure da parte del Responsabile della Direzione Marketing Small Business. I prodotti e i servizi realizzati da Setefi, per l ambito di competenza, sono presidiati attraverso il coordinamento funzionale del relativo responsabile di prodotti e servizi da parte del Responsabile del Servizio Prodotti di Raccolta, Tutela e Pagamento della Direzione Marketing Small Business. 2

3 Strutture Servizio Small Business Core Presidiare l ambito di competenza identificandone i bisogni e le potenzialità di sviluppo in termini di prodotti/servizi Monitorare la concorrenza, definire il modello di servizio per la clientela di competenza anche sulla base delle evidenze delle analisi del Servizio Customer Relationship Management e seguirne l applicazione in collaborazione con le strutture di Divisione e le Direzioni Centrali competenti per le tematiche di personale e organizzazione Formulare le strategie e le politiche commerciali e le esigenze di offerta di prodotti e servizi, anche sui canali diretti, inerenti il segmento di clientela di competenza usando a supporto i modelli e le analisi del Servizio Customer Relationship Management, nonché collaborare con la Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione della Divisione all elaborazione del relativo piano Definire con il Servizio Customer Relationship Management le modalità di contatto della clientela, sia in modalità inbound sia outbound, su tutti i canali disponibili, Filiali e canali diretti, nell ambito delle linee guida definite dal processo di pianificazione commerciale Coordinarsi con gli altri Servizi di Segmento delle Direzioni Marketing al fine di garantire omogeneità e coerenza complessiva del modello di servizio e di approccio alla clientela Definire, in collaborazione con gli altri Servizi di segmento della Direzione e con le strutture di Divisione e le Direzioni Centrali competenti per le tematiche di personale e organizzazione, le modalità di segmentazione e portafogliazione della clientela di riferimento ed i relativi processi Definire, in collaborazione con i Servizi di prodotto e le Fabbriche prodotto di Gruppo e interagendo con le Società terze, le iniziative commerciali di sviluppo del segmento da veicolare su scala nazionale o, in relazione alle specificità territoriali, su scala regionale anche valutando le proposte ricevute dalle Direzioni Regionali Collaborare con i Servizi di prodotto per la definizione del pricing dei prodotti e servizi, anche relativamente ai prodotti veicolati mediante i canali diretti, nonché definire le relazioni e le eventuali convenzioni anche con Associazioni di Categoria e Consorzi di Garanzia Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali, e di Area/Banca, in particolare al Responsabile Segmento Small Business ed agli Specialisti Enti e Relazioni Territoriali per l attività sul territorio con le Associazioni di Categoria, sulle tematiche inerenti il segmento di competenza per garantire il continuo aggiornamento e per consentire l'attuazione delle politiche commerciali, le attività di indirizzo delle strutture territoriali sottostanti e il conseguimento degli obiettivi, ricevendo dalle medesime strutture territoriali sintesi delle esigenze/indicazioni provenienti dalla Rete In relazione alle iniziative di prodotto e servizio, supportare per gli aspetti di competenza la Direzione Personale nella predisposizione delle iniziative formative più appropriate da questa definite in ragione del fabbisogno di sviluppo delle competenze verificato con le strutture territoriali competenti Attivare il processo di Coordinamento Nuovi Prodotti, laddove previsto dalla normativa, per quanto riguarda le iniziative commerciali e le campagne pubblicitarie collegate a contestuali iniziative commerciali o a prodotti, anche nel caso di iniziative promosse dalle singole Direzioni Regionali, inerenti la clientela di competenza Interfacciarsi con il Servizio Customer Relationship Management per acquisire i dati delle analisi di customer insight al fine di individuare le migliori opportunità di sviluppo della clientela privilegiando un ottica multicanale ed un approccio di dialogo continuativo Supportare il Servizio Customer Relationship Management nella definizione delle logiche di evoluzione del sistema di CRM per il segmento di clientela di competenza Collaborare con Comunicazione e Pubblicità della Direzione per la definizione delle necessità di marketing communication per il segmento di competenza 3

4 Interagire con la Direzione Presidio Qualità e Canali per la definizione dei formati e degli allestimenti standard delle Filiali coordinandosi con gli altri Servizi di Segmento delle Direzioni Marketing per quanto di competenza. Servizio Micro Business, Professionisti e Condomini Presidiare l ambito di competenza identificandone i bisogni e le potenzialità di sviluppo in termini di prodotti/servizi Monitorare la concorrenza, definire il modello di servizio per la clientela di competenza anche sulla base delle evidenze delle analisi del Servizio Customer Relationship Management e seguirne l applicazione in collaborazione con le strutture di Divisione e le Direzioni Centrali competenti per le tematiche di personale e organizzazione Formulare le strategie e le politiche commerciali e le esigenze di offerta di prodotti e servizi, anche sui canali diretti, inerenti il segmento di clientela di competenza usando a supporto i modelli e le analisi del Servizio Customer Relationship Management, nonché collaborare con la Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione della Divisione all elaborazione del relativo piano Definire con il Servizio Customer Relationship Management le modalità di contatto della clientela, sia in modalità inbound sia outbound, su tutti i canali disponibili, Filiali e canali diretti, nell ambito delle linee guida definite dal processo di pianificazione commerciale Coordinarsi con gli altri Servizi di Segmento delle Direzioni Marketing al fine di garantire omogeneità e coerenza complessiva del modello di servizio e di approccio alla clientela Definire, in collaborazione con gli altri Servizi di segmento della Direzione e con le strutture di Divisione e le Direzioni Centrali competenti per le tematiche di personale e organizzazione, le modalità di segmentazione e portafogliazione della clientela di riferimento ed i relativi processi Definire, in collaborazione con i Servizi di prodotto e le Fabbriche prodotto di Gruppo e interagendo con le Società terze, le iniziative commerciali di sviluppo del segmento da veicolare su scala nazionale o, in relazione alle specificità territoriali, su scala regionale anche valutando le proposte ricevute dalle Direzioni Regionali Collaborare con i Servizi di prodotto per la definizione del pricing dei prodotti e servizi, anche relativamente ai prodotti veicolati mediante i canali diretti, definire le eventuali convenzioni nonché le relazioni e le convenzioni con le Associazioni di Categoria di riferimento Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali, e di Area/Banca, in particolare al Responsabile Segmento Small Business ed agli Specialisti Enti e Relazioni Territoriali per l attività sul territorio con le Associazioni di Categoria, sulle tematiche inerenti il segmento di competenza per garantire il continuo aggiornamento e per consentire l'attuazione delle politiche commerciali, le attività di indirizzo delle strutture territoriali sottostanti e il conseguimento degli obiettivi, ricevendo dalle medesime strutture territoriali sintesi delle esigenze/indicazioni provenienti dalla Rete In relazione alle iniziative di prodotto e servizio, supportare per gli aspetti di competenza la Direzione Personale nella predisposizione delle iniziative formative più appropriate da questa definite in ragione del fabbisogno di sviluppo delle competenze verificato con le strutture territoriali competenti Attivare il processo di Coordinamento Nuovi Prodotti, laddove previsto dalla normativa, per quanto riguarda le iniziative commerciali e le campagne pubblicitarie collegate a contestuali iniziative commerciali o a prodotti, anche nel caso di iniziative promosse dalle singole Direzioni Regionali, inerenti la clientela di competenza Interfacciarsi con il Servizio Customer Relationship Management per acquisire i dati delle analisi di customer insight al fine di individuare le migliori opportunità di sviluppo della clientela privilegiando un ottica multicanale ed un approccio di dialogo continuativo Supportare il Servizio Customer Relationship Management nella definizione delle logiche di evoluzione del sistema di CRM per il segmento di clientela di competenza 4

5 Collaborare con Comunicazione e Pubblicità della Direzione per la definizione delle necessità di marketing communication per il segmento di competenza Interagire con la Direzione Presidio Qualità e Canali per la definizione dei formati e degli allestimenti standard delle Filiali coordinandosi con gli altri Servizi di Segmento delle Direzioni Marketing per quanto di competenza. Servizio Prodotti di Raccolta, Tutela e Pagamento Presidiare la gamma di prodotti di raccolta e tutela e i sistemi di pagamento con particolare attenzione all innovazione di prodotto/servizio e alla compliance con le normative di riferimento, interagendo con i Servizi di segmento per raccogliere indicazioni sulle opportunità di sviluppo dell offerta commerciale e con il Servizio Customer Relationship Management al fine di individuare nuove esigenze/migliori combinazioni tra prodotti e servizi Monitorare la concorrenza per quanto concerne l offerta dei prodotti di competenza al fine di garantire l eccellenza della gamma prodotti della Banca raccordandosi con il Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali delle Direzioni Regionali per quanto rilevato localmente Coordinarsi con i Servizi di prodotto delle Direzioni Marketing Privati e Imprese che operano negli stessi ambiti al fine di garantire omogeneità e coerenza complessiva dell offerta Presidiare i prodotti Transazionali gestiti da Setefi in relazione all acquiring (POS) anche per segmenti di clientela di competenza delle altre Direzioni Marketing, attraverso il coordinamento funzionale del responsabile dei prodotti e servizi di Setefi medesima Declinare i business requirement necessari all implementazione dei diversi prodotti/servizi, nonché garantire l interfaccia e l allineamento con le fabbriche prodotto del Gruppo Assicurare la predisposizione e l aggiornamento dei contratti inerenti i prodotti di competenza, in collaborazione con la Direzione Centrale Legale e Contenzioso e la Direzione Centrale Compliance, nonché la relativa normativa in coordinamento con la Direzione Centrale Organizzazione e Sicurezza di Intesa Sanpaolo Group Services Attivare il processo di Coordinamento Nuovi Prodotti per quanto riguarda i nuovi prodotti di competenza, secondo la normativa della Banca in vigore Definire il pricing dei prodotti di competenza, anche veicolati mediante i canali diretti, sentiti i Servizi di Segmento e con il supporto del Servizio Pricing della Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione della Divisione Collaborare con il Servizio Pricing della Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione della Divisione, in allineamento con i Servizi di segmento, per l elaborazione delle proposte di manovra su tassi e condizioni e di aggiornamento dei livelli di deroga da sottoporre all approvazione del Responsabile di Divisione Supportare i Servizi di segmento nella definizione delle eventuali convenzioni e nella formulazione ed attuazione delle strategie e delle politiche e iniziative commerciali Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali, e di Area/Banca, in particolare agli Specialisti di prodotto per l ambito di competenza e garantendo l allineamento dei Responsabili di Segmento Small Business, sulle tematiche inerenti i prodotti di competenza per garantire il continuo aggiornamento e per consentire l'attuazione delle politiche commerciali, le attività di indirizzo delle strutture territoriali sottostanti e il conseguimento degli obiettivi, ricevendo dalle medesime strutture territoriali sintesi delle esigenze/indicazioni provenienti dalla Rete Supportare il Servizio Prodotti Transazionali della Direzione Maketing Privati nella gestione dei rapporti con le controparti di mercato per i prodotti di competenza Supportare la Direzione Centrale Compliance nella gestione dei rapporti con le Autorità di Vigilanza, nonché fornire al Servizio Prodotti di Raccolta, Investimento e Previdenza della Direzione Marketing Privati le segnalazioni di competenza relative alle prestazioni di servizi di investimento per l inoltro alle Autorità di Vigilanza 5

6 Fornire al Servizio Pianificazione e Monitoraggio Qualità della Direzione Presidio Qualità e Canali le informazioni necessarie all aggiornamento dei Fogli Informativi e dei Documenti di Sintesi dei prodotti di competenza, avendone preventivamente concordato il contenuto con la Direzione Centrale Compliance in relazione ai nuovi prodotti Assicurare l attivazione delle iniziative relative a Patti Chiari in coordinamento con il Servizio Pianificazione e Monitoraggio Qualità della Direzione Presidio Qualità e Canali Collaborare con le competenti funzioni di Divisione/Direzione per la comunicazione interna/esterna su prodotti di competenza. Servizio Prodotti di Impiego Presidiare la gamma di prodotti di impiego, sia a breve termine, sia a medio lungo termine, anche agevolati, con particolare attenzione all innovazione di prodotto/servizio e alla compliance con le normative di riferimento, interagendo con i Servizi di segmento per raccogliere indicazioni sulle opportunità di sviluppo dell offerta commerciale, e con le strutture di Divisione e le Direzioni Centrali competenti in relazione al presidio della qualità e dei processi di gestione del credito Interagire con il Servizio Customer Relationship Management al fine di individuare nuove esigenze/migliori combinazioni tra prodotti e servizi Monitorare la concorrenza per quanto concerne l offerta dei prodotti di competenza al fine di garantire l eccellenza della gamma prodotti della Banca raccordandosi con il Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali delle Direzioni Regionali per quanto rilevato localmente Coordinarsi con i Servizi di prodotto delle Direzioni Marketing Privati e Imprese che operano negli stessi ambiti al fine di garantire omogeneità e coerenza complessiva dell offerta Coordinarsi con il Servizio Prodotti di Impiego della Direzione Marketing Privati per il presidio dei prodotti di impiego gestiti da Moneta per l ambito di competenza Declinare i business requirement necessari all implementazione dei diversi prodotti/servizi, nonché garantire l interfaccia e l allineamento con le restanti fabbriche prodotto del Gruppo Assicurare la predisposizione e l aggiornamento dei contratti inerenti i prodotti di competenza, in collaborazione con la Direzione Centrale Legale e Contenzioso, la Direzione Centrale Decisioni Creditizie e la Direzione Centrale Compliance, nonché la relativa normativa in coordinamento con la Direzione Centrale Organizzazione e Sicurezza di Intesa Sanpaolo Group Services Attivare il processo di Coordinamento Nuovi Prodotti per quanto riguarda i nuovi prodotti di competenza, anche nel caso di iniziative promosse dalle singole Direzioni Regionali, secondo la normativa della Banca in vigore Definire il pricing dei prodotti di competenza, anche veicolati mediante i canali diretti, sentiti i Servizi di Segmento e con il supporto del Servizio Pricing della Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione della Divisione Collaborare con il Servizio Pricing della Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione della Divisione, in allineamento con i Servizi di segmento, per l elaborazione delle proposte di manovra su tassi e condizioni e di aggiornamento dei livelli di deroga da sottoporre all approvazione del Responsabile di Divisione Supportare i Servizi di segmento nella definizione delle eventuali convenzioni e nella formulazione ed attuazione delle strategie e delle politiche e iniziative commerciali Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali, e di Area/Banca, in particolare agli Specialisti di prodotto per l ambito di competenza e garantendo l allineamento dei Responsabili di Segmento Small Business, sulle tematiche inerenti i prodotti di competenza per garantire il continuo aggiornamento e per consentire l'attuazione delle politiche commerciali, le attività di indirizzo delle strutture territoriali sottostanti e il conseguimento degli obiettivi, ricevendo dalle medesime strutture territoriali sintesi delle esigenze/indicazioni provenienti dalla Rete 6

7 Supportare la Direzione Centrale Compliance nella gestione dei rapporti con le Autorità di Vigilanza in particolare per le segnalazioni in materia di intermediazione assicurativa Fornire al Servizio Pianificazione e Monitoraggio Qualità della Direzione Presidio Qualità e Canali le informazioni necessarie all aggiornamento dei Fogli Informativi e dei Documenti di Sintesi dei prodotti di competenza, avendone preventivamente concordato il contenuto con la Direzione Centrale Compliance in relazione ai nuovi prodotti Assicurare l attivazione delle iniziative relative a Patti Chiari in coordinamento con il Servizio Pianificazione e Monitoraggio Qualità della Direzione Presidio Qualità e Canali Collaborare con le competenti funzioni di Divisione/Direzione per la comunicazione interna/esterna su prodotti di competenza. Comunicazione e Pubblicità Definire le esigenze in termini di comunicazione esterna per i segmenti di competenza, in collaborazione con i Servizi di segmento e con le Società coordinate, interagendo e con il supporto della Direzione Centrale Relazioni Esterne e con la Direzione Presidio Qualità e Canali per quanto dalla stessa gestito Supportare i Servizi della Direzione e le Società coordinate, per la realizzazione delle comunicazioni verso le strutture territoriali della filiera Small Business interagendo con la Direzione Centrale Personale e la Direzione Presidio Qualità e Canali per l utilizzo dei diversi canali informazione Gestire le iniziative di direct marketing cartaceo, i materiali promo pubblicitari e l omaggistica, nonché gestire gli aspetti di comunicazione sul mailing in relazione al perimetro di competenza Interagire con il Servizio Customer Relationship Management per disporre dei dati delle analisi di Marketing Intelligence al fine di individuare il migliore approccio di comunicazione verso la clientela Coordinare le iniziative di sponsorizzazione per il perimetro di competenza, supportando il Responsabile di Direzione e di Divisione nell autorizzazione delle iniziative di sponsorizzazione locale nell ambito delle facoltà assegnate, e inoltrando le richieste di sponsorizzazioni centrali alle competenti Strutture Centrali Attivare il processo di Coordinamento Nuovi Prodotti, laddove previsto dalla normativa, per quanto riguarda le campagne pubblicitarie che non siano collegate a contestuali iniziative commerciali o a prodotti per l ambito di competenza della Direzione. Ufficio Prodotti e Servizi per la Pubblica Amministrazione Presidiare l ambito di competenza (Enti pubblici non gestiti da BIIS, Enti pubblici gestiti da BIIS con riferimento alle esigenze di cassa e tesoreria) identificandone i bisogni e le potenzialità di sviluppo in termini di prodotti/servizi Monitorare la concorrenza, definire il modello di servizio per la clientela di competenza anche sulla base delle evidenze delle analisi del Servizio Customer Relationship Management e seguirne l applicazione in collaborazione con le strutture di Divisione e le Direzioni Centrali competenti per le tematiche di personale e organizzazione Formulare le strategie e le politiche commerciali e le esigenze di offerta di prodotti e servizi, anche sui canali diretti, inerenti il segmento di clientela di competenza usando a supporto i modelli e le analisi del Servizio Customer Relationship Management, nonché collaborare con la Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione della Divisione all elaborazione del relativo piano Definire con il Servizio Customer Relationship Management le modalità di contatto della clientela, sia in modalità inbound sia outbound, su tutti i canali disponibili, Filiali e canali diretti, nell ambito delle linee guida definite dal processo di pianificazione commerciale Coordinarsi i Servizi di Segmento delle Direzioni Marketing al fine di garantire omogeneità e coerenza complessiva del modello di servizio e di approccio alla clientela Definire, in collaborazione con i Servizi di segmento della Direzione e con le strutture di Divisione e le Direzioni Centrali competenti per le tematiche di personale e organizzazione, 7

8 le modalità di segmentazione e portafogliazione della clientela di riferimento ed i relativi processi Definire, in collaborazione con i Servizi di prodotto e le Fabbriche prodotto di Gruppo e interagendo con le Società terze, le iniziative commerciali di sviluppo del segmento da veicolare su scala nazionale o, in relazione alle specificità territoriali, su scala regionale anche valutando le proposte ricevute dalle Direzioni Regionali Presidiare l evoluzione e la gestione dei servizi di tesoreria/cassa e dei servizi di pagamento/incasso a favore degli Enti e delle Aziende del settore pubblico, interfacciandosi con le strutture competenti della Banca Supportare lo sviluppo commerciale degli Enti valutando la partecipazione ai bandi di gara relativi a servizi di tesoreria/cassa, collaborando con BIIS relativamente ai clienti comuni per l'istruzione delle proposte, per la predisposizione delle offerte e per il supporto tecnicogiuridico all'erogazione del servizio stesso e in merito alla gestione del budget assegnato per i contributi contrattuali agli Enti Analizzare l'economicità, anche indotta, dei servizi da fornire agli Enti e definirne i business requirement e i requisiti funzionali necessari all implementazione interagendo con le funzioni competenti di Intesa Sanpaolo Group Services per la realizzazione Collaborare con i Servizi di prodotto per la definizione del pricing dei prodotti e servizi, anche relativamente ai prodotti veicolati mediante i canali diretti Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali, e di Area/Banca, in particolare al Responsabile Segmento Small Business ed agli Specialisti Enti e Relazioni Territoriali per l attività commerciale con gli Enti clienti della Divisione Banca dei Territori, sulle tematiche inerenti il segmento di competenza per garantire il continuo aggiornamento e per consentire l'attuazione delle politiche commerciali, le attività di indirizzo delle strutture territoriali sottostanti e il conseguimento degli obiettivi, ricevendo dalle medesime strutture territoriali sintesi delle esigenze/indicazioni provenienti dalla Rete In relazione alle iniziative di prodotto e servizio, supportare per gli aspetti di competenza la Direzione Personale nella predisposizione delle iniziative formative più appropriate da questa definite in ragione del fabbisogno di sviluppo delle competenze verificato con le strutture territoriali competenti Attivare il processo di Coordinamento Nuovi Prodotti, laddove previsto dalla normativa, per quanto riguarda le iniziative commerciali e le campagne pubblicitarie collegate a contestuali iniziative commerciali o a prodotti, anche nel caso di iniziative promosse dalle singole Direzioni Regionali, inerenti la clientela di competenza Interfacciarsi con il Servizio Customer Relationship Management per acquisire i dati delle analisi di customer insight al fine di individuare le migliori opportunità di sviluppo della clientela privilegiando un ottica multicanale ed un approccio di dialogo continuativo Supportare il Servizio Customer Relationship Management nella definizione delle logiche di evoluzione del sistema di CRM per il segmento di clientela di competenza Collaborare con Comunicazione e Pubblicità della Direzione per la definizione delle necessità di marketing communication per il segmento di competenza Interagire con la Direzione Presidio Qualità e Canali per la definizione dei formati e degli allestimenti standard delle Filiali coordinandosi con i Servizi di Segmento delle Direzioni Marketing per quanto di competenza. 8

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice Divisione Banca dei Territori 3 Direzione Marketing Privati 6 Direzione Marketing Small Business 15 Direzione Marketing Imprese 23

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE DI AREA...6 CREDITI...6 CONTROLLI...7 PERSONALE...8 COORDINATORE DI MERCATO

Dettagli

Funzionigrammi delle Strutture

Funzionigrammi delle Strutture Funzionigrammi delle Strutture Indice del documento Divisione Banca dei Territori 3 Divisione Corporate e Investment Banking 25 Divisione Banche Estere 52 Finanza di Gruppo 58 Direzione Affari Societari

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE L attuale contesto economico e di mercato richiede l implementazione di un nuovo modello di presidio della clientela business e pubblica amministrazione finalizzato

Dettagli

Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori

Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Sistema di Incentivazione 2010 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Incontro con OO.SS. 5 Febbraio 2010 1 Principali linee guida Il Sistema di Incentivazione 2010 ha lo scopo di

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS.

Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS. Piano di Sviluppo Moneta Incontro con OO. SS. Milano, 10 febbraio 2011 Il modello del polo captive del credito al consumo Sintesi La situazione iniziale Il modello di business target Il credito al consumo

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari Allegato al documento tecnico IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari ELENCO delle FIGURE PROFESSIONALI di RIFERIMENTO N 1 - Tecnico superiore per le operazioni di sportello nel settore dei servizi

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

Programma di Export Temporary Management

Programma di Export Temporary Management Programma di Export Temporary Management Aree di intervento Business Strategies, grazie ad una solida esperienza acquisita negli anni, eroga servizi nell ambito dell Export Temporary Management finalizzati

Dettagli

Regolamento delle Strutture

Regolamento delle Strutture Regolamento delle Strutture Aggiornamento: Dicembre 2010 1 INDICE BANCA PROSSIMA... 3 ORGANIGRAMMA... 5 AMMINISTRATORE DELEGATO... 7 DIRETTORE GENERALE... 8 COMITATI... 9 ATTIVITA COMUNI A TUTTE LE STRUTTURE

Dettagli

Banking & Financial Diploma Percorso base

Banking & Financial Diploma Percorso base Banking & Financial Diploma Sono oggi più di 3.000 i partecipanti che hanno conseguito l Attestato ABI di professionalità bancaria e finanziaria, con risultati eccellenti in termini di crescita personale

Dettagli

per l Azienda Turistica

per l Azienda Turistica Marketing Comunicazione e Internet per l Azienda Turistica Rurale GATEWAY TO LEARNING Il corso è inserito nel Catalogo Interregionale di Alta Formazione www.altaformazioneinrete.it Titolo del corso: Marketing,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

V SESSIONE LA SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO I SERVIZI DI SISTEMA

V SESSIONE LA SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO I SERVIZI DI SISTEMA C O N V E N T I O N V SESSIONE LA SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO I SERVIZI DI SISTEMA V SESSIONE LA SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO I SERVIZI DI SISTEMA FABIO CAMILLETTI CONVENTION ANNUALE FEDART PALERMO 12 OTTOBRE

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Obiettivi, metodo e strumenti al servizio della customersatisfactione dell efficacia commerciale. Direzione Marketing Small Business

Obiettivi, metodo e strumenti al servizio della customersatisfactione dell efficacia commerciale. Direzione Marketing Small Business Obiettivi, metodo e strumenti al servizio della customersatisfactione dell efficacia commerciale. Direzione Marketing Small Business Torino, dicembre 2012 1 Progetto «Banca Estesa»: gli obiettivi. Massimizzare

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. La struttura organizzativa DIREZIONE è confermata al dr. Paolo GAGLIARDO, con le specificazioni di seguito riportate. Alle dirette

Dettagli

GRUPPO POSTE ITALIANE- STRUTTURA ORGANIZZATIVA

GRUPPO POSTE ITALIANE- STRUTTURA ORGANIZZATIVA GRUPPO POSTE ITALIANE- STRUTTURA ORGANIZZATIVA Nel contesto di un mercato in rapida trasformazione, Poste Italiane è determinata a continuare a giocare un ruolo centrale per lo sviluppo e la crescita del

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Presentazione del progetto PROCESSO DI DISTRIBUZIONE INTEGRATA

Presentazione del progetto PROCESSO DI DISTRIBUZIONE INTEGRATA PROCESSO DI DISTRIBUZIONE INTEGRATA Il mercato 1. IL PROGETTO DI PARTNERSHIP Il Progetto nasce da una forte visione condivisa sul mercato di riferimento (le Imprese) e dalle modifiche in tema di mediazione

Dettagli

GENIAL OFFICE. srl. ... a supporto delle aziende per migliorare le performance... servizi di business process outsourcing www.genialoffice.

GENIAL OFFICE. srl. ... a supporto delle aziende per migliorare le performance... servizi di business process outsourcing www.genialoffice. ... a supporto delle aziende per migliorare le performance... servizi di business process outsourcing www.genialoffice.eu la società Genial Office ha come mission l erogazione di servizi a supporto dei

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 425/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 425/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 425/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. Alle dirette dipendenze dell Amministratore Delegato è istituita la DIREZIONE GENERALE OPERATIVA PASSEGGERI (in seguito DGOP),

Dettagli

TALENTsrl. L Azienda. Riccardo Santi. TALENTsrl confidenziale

TALENTsrl. L Azienda. Riccardo Santi. TALENTsrl confidenziale TALENTsrl L Azienda Riccardo Santi TALENTsrl confidenziale TALENTsrl Fondata nel 1996 15 persone 19 clienti in Banking, Retail, Manufacturing, Health, etc.. R&D: 2 progetti finanziati dal MIUR Convenzioni

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE Con riferimento agli Ordini di Servizio n. 6 e 7 del 02.02.2015, si comunica che, con effetto immediato, le attività relative agli affari legislativi, precedentemente

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI La nostra risposta alle esigenze della

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

Nuovo modello di servizio di Banca dei Territori a supporto della realizzazione del Piano d Impresa. Incontro con le OO.SS.

Nuovo modello di servizio di Banca dei Territori a supporto della realizzazione del Piano d Impresa. Incontro con le OO.SS. Nuovo modello di servizio di Banca dei Territori a supporto della realizzazione del Piano d Impresa Incontro con le OO.SS. 23 settembre 2014 Obiettivi dell intervento Raggiungere i risultati del Piano

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI

DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI DDConfidi è una soluzione per: LA SUITE DI SOLUZIONI SOFTWARE E SERVIZI DISEGNATA PER I CONFIDI SELEZIONARE CON ATTENZIONE I CLIENTI, MONITORARE IN MODO EFFICACE LA QUALITÁ DEL PORTAFOGLIO, RISPONDERE

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione Principali logiche organizzative: La Direzione Risorse Umane e Organizzazione ridefinisce il proprio

Dettagli

IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI

IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI 22 gennaio 2004 Posteitaliane 1 LINEE DI CONTESTO Negli anni passati è stato fatto un vigoroso sforzo per arricchire e diversificare

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. La struttura organizzativa DIREZIONE MANUTENZIONE E LOGISTICA, la cui titolarità è confermata ad interim all ing. Roberto TESTORE,

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 n. elaborato: 7 CRITICITA' NEI SERVIZI AL CONSUMATORE file: data: agg.: marzo 2014 Acea Ato 2 S.p.A. PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 7 Criticità nei servizi al consumatore

Dettagli

23.12.2014 ORDINE DI SERVIZIO n. 38/14 TUTELA AZIENDALE

23.12.2014 ORDINE DI SERVIZIO n. 38/14 TUTELA AZIENDALE TUTELA AZIENDALE Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione TUTELA AZIENDALE e ad attribuire e/o confermare le seguenti responsabilità:

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Referenziazioni della Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Referenziazioni della Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 13. TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 5. Professioni qualificate

Dettagli

SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ( BY INTERNAL AUDITING FACTORIT SPA ) SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI L azienda Factorit ha da qualche anno costituito una funzione di presidio del monitoraggio dei rischi aziendali strettamente connessi

Dettagli

Credit Controller Risk Manager

Credit Controller Risk Manager per il Executive Master in Credit Controller Risk Manager Sida Group Alta Formazione dal 1985 Strategia Consulenza Formazione Sedi: Roma Napoli Bologna Parma Chieti Perugia Ancona www.mastersida.com OBIETTIVI

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

Outsourcing. 1. Orienta Direct Software

Outsourcing. 1. Orienta Direct Software Outsourcing La Orienta Direct nasce nel 1994 come società specializzata nella gestione in outsourcing di servizi aziendali e fa parte di un gruppo insieme alla Orienta Agenzia per il Lavoro. Sempre più

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

La centralità del cliente PA nelle Poste Italiane: l esperienza della Direzione Chief Marketing Office

La centralità del cliente PA nelle Poste Italiane: l esperienza della Direzione Chief Marketing Office CRM e la strategia della multicanalità La centralità del cliente PA nelle Poste Italiane: l esperienza della Direzione Chief Marketing Office Mauro Giammaria Responsabile Account Pubblica Amministrazione

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI SEGMENTO SMALL

CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI SEGMENTO SMALL CATALOGO PRODOTTI E SERVIZI SEGMENTO SMALL 1 CREDITAGRI ITALIA AGENDA Presentazione di CreditAgri Italia scpa La carta dei servizi dedicati; I progetti speciali; La carta dei prodotti; Gli interventi di

Dettagli

Tecnico commerciale delle vendite. Standard della Figura nazionale

Tecnico commerciale delle vendite. Standard della Figura nazionale Tecnico commerciale delle vendite Standard della Figura nazionale Denominazione della figura TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche

Dettagli

L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL

L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL L intelligence commerciale per il governo della complessità distributiva: l approccio adottato in BNL Convegno ABI CRM 2003 Strategie di Valorizzazione delle Relazioni con la Clientela Andrea Di Fabio

Dettagli

Posteitaliane ORDINE DI SERVIZIO

Posteitaliane ORDINE DI SERVIZIO Posteitaliane Direzione Centrale Risorse Umane e Organizzazione Prot. 21/06 ORDINE DI SERVIZIO Decorrenza immediata OGGETTO: DIVISIONE RETE Con riferimento a quanto comunicato nell Ordine di Servizio n.

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio

Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio 26 settembre 2014 Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio Pasquale DEL NORD Responsabile HSE di Trenitalia Trenitalia ed il gruppo FS Controllata al 100%

Dettagli

Chi siamo. La società. Soluzioni. C-Card è la società del Gruppo Cedacri, costituita per operare nel business delle carte di pagamento.

Chi siamo. La società. Soluzioni. C-Card è la società del Gruppo Cedacri, costituita per operare nel business delle carte di pagamento. Company Profile 3 Chi siamo C-Card è la società del Gruppo Cedacri, costituita per operare nel business delle carte di pagamento. Tramite C-Card il Gruppo Cedacri amplia la sua proposta di servizi per

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI La nostra risposta alle esigenze della

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento AZIONE DI SISTEMA FILO Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento Azione di sistema: FILO- Formazione, imprenditorialità, lavoro e orientamento Il ruolo delle Camere di Commercio sui temi dello sviluppo

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1

Solvency II Operational Trasformation. Evidenze sull area Commerciale e Comunicazione 19 Gennaio 2012 1 Solvency II Operational Trasformation Evidenze sull area 19 Gennaio 2012 1 Agenda Modello di analisi adottato Modello dei processi standard area Impatti Solvency II sull area Modello di riferimento a tendere

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

CFO Solutions - Via Diaz, 18-37121 Verona - Tel. +39 045 8034282 - Fax +39 045 8007813 - info@cieffeo.com - www.cieffeo.com

CFO Solutions - Via Diaz, 18-37121 Verona - Tel. +39 045 8034282 - Fax +39 045 8007813 - info@cieffeo.com - www.cieffeo.com CFO Solutions - Via Diaz, 18-37121 Verona - Tel. +39 045 8034282 - Fax +39 045 8007813 - info@cieffeo.com - www.cieffeo.com CHI SIAMO CFO è una società di consulenza che opera dal 1993 nel campo dello

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale)

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 5 DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 1. FINALITA Torino Social Innovation (di seguito TSI) è un programma che

Dettagli

Web, Mobile e Firma Digitale: servizi in mobilità, reti esterne e offerta fuori sede

Web, Mobile e Firma Digitale: servizi in mobilità, reti esterne e offerta fuori sede ATTIVITA DI RICERCA 2013 Web, Mobile e Firma Digitale: servizi in mobilità, reti esterne e offerta fuori sede PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI I dati sulla diffusione del web in Italia segnalano

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno IL CONTRIBUTO DI UNICREDITO ITALIANO AL PROGETTO DI RICERCA Rating interni e controllo del rischio di credito Esperienze, problemi, Soluzioni Milano - 31 marzo 2004 NEWFIN Centro Studi sull innovazione

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE. Il giorno 24 gennaio 2007. In Padova PREMESSO CHE

ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE. Il giorno 24 gennaio 2007. In Padova PREMESSO CHE ACCORDO QUADRO EX ART. 18 CCNL 12.2.2005 SULLA DIVISIONALIZZAZIONE Il giorno 24 gennaio 2007 In Padova Tra la S.P.A. e le Segreterie degli Organi di coordinamento delle RR.SS.AA. PREMESSO CHE nelle riunioni

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive

Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il Governo Societario nelle Banche di Credito Cooperativo: attualità e prospettive Il modello di sistema dei controlli interni per il Credito Cooperativo Giuseppe Zaghini, Rischi e Controlli - Ufficio

Dettagli

Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013. Bologna, 25 febbraio 2013

Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013. Bologna, 25 febbraio 2013 Bando regionale Servizi innovativi e strategici per la crescita delle imprese giovanili innovative e creative DGR 9/2013 Bologna, 25 febbraio 2013 caratteristiche dei progetti Obiettivi: sostegno a giovani

Dettagli

Indice. Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci

Indice. Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci Indice Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci I modelli dell intermediazione bancaria. Premessa.2 Il modello

Dettagli

Presentazione Istituzionale - Gennaio 2012 -

Presentazione Istituzionale - Gennaio 2012 - Presentazione Istituzionale - Gennaio 2012 - Mission Erogare servizi ad ALTO VALORE aggiunto Operare con PROFESSIONALITA, proattività e flessibilità Garantire la massima QUALITA ai nostri clienti Garantire

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

HC DUBAI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI

HC DUBAI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI SELEZIONA E SVILUPPA OCCASIONI PER ENTRARE NEI MIGLIORI DEPARTEMENT STORE E RETAILS CHI SIAMO CREIAMO OPPORTUNITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO IL CRM DELLA PIATTAFORMA SMARTPLANNER Il CRM: controllo e performance Il CRM, customer relationship management, è una strategia competitiva basata su processi, controllo,

Dettagli

CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti

CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti CRM - Nuova visione organizzativa per eccellere nella soddisfazione dei clienti Cos è il CRM Customer Relationship Management Che cos è un cliente? In quanti modi definire il CRM? I vantaggi di CRM. Il

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 941/AD del 14 gen 2010

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 941/AD del 14 gen 2010 DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 941/AD del 14 gen 2010 "Divisione Passeggeri Nazionale/Internazionale" Al fine di massimizzare il risultato di business relativo ai servizi a mercato, la Divisione Passeggeri

Dettagli

Reggio Emilia, 15 Aprile 2013 Ore 15:00

Reggio Emilia, 15 Aprile 2013 Ore 15:00 Reggio Emilia, 15 Aprile 2013 Ore 15:00 A cura del Dott. Tommaso Ciritella Intesa San Paolo Camera di Commercio di Reggio Emilia Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere.

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli