L applicazione dell Icf nelle statistiche sulla disabilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L applicazione dell Icf nelle statistiche sulla disabilità"

Transcript

1 L applicazione dell Icf nelle statistiche sulla disabilità Alessandro Solipaca Disabilità e integrazione sociale ISTAT Convegno finale La diffusione dell ICF* nell inserimento lavorativo dei disabili 28 marzo 2012 Italia Lavoro, Sala Biagi Via Guidubaldo del Monte 60 Roma 1

2 Informazione statistica sulla disabilità: il problema definitorio In Italia, negli ultimi 40 anni, dalla normativa in materia di disabilità e dalla letteratura nazionale e internazionale, si possono riscontrare tre diversi punti di vista: o legato alla menomazione; o legato alla limitazione funzionale; o bio-psicosociale. 2

3 Il punto di vista legato alla menomazione Considera la disabilità un problema di salute o di anormalità del corpo o della psiche di un singolo individuo. Questo approccio è ben rappresentato dal modello medico, che definisce la disabilità come una diversità rispetto ad una condizione considerata normale. 3

4 Punto di vista legato alla limitazione funzionale Questo approccio integra il modello medico con l ambiente di vita della persona con disabilità. Questo approccio è presente nella Classificazione Internazionale delle Menomazioni, della Disabilità e dell Handicap (ICIDH). 4

5 L approccio bio-psicosociale Con questo approccio la disabilità viene intesa come la conseguenza o il risultato di una complessa relazione tra la condizione di salute di un individuo, fattori personali (età, sesso, classe sociale, esperienze di vita... ) e fattori ambientali che caratterizzano le circostanze in cui egli vive. La Classificazione Internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute (ICF) rappresenta l implementazione di questo approccio. 5

6 I tre differenti approcci influenzano l informazione statistica sulla disabilità 6

7 Disabilità in Italia Fonti amministrative Casellario INPS: Si fa riferimento ad invalidità determinata da apposite commissioni o medici legali, per la quale è riconosciuta l erogazione di prestazione di tipo monetario 7

8 8

9 Confronto tra bisogni informativi dell ICF ed informazioni fornite dal Sistema Informativo sulla disabilità 9

10 10

11 L asse portante del sistema informativo è rappresentato dal sistema indicatori che contiene circa tabelle, corrispondenti a 600 indicatori disaggregati per genere, classe di età, territorio (regione o ripartizione geografica). 11

12 Domini ICF coperti dal SID Attività e Partecipazione ICF components ICF chapters ICF domains Generic Health and social assistance Families Incidents Non profit organizations SID sections Education and school integration Work and employment Social protection Health Transport Social life ACTIVITIES / PARTICIPATION Chapter 1 - Learning and apllying knowledge Chapter 3 - Communication Chapter 4 - Mobility Chapter 5 - Self care Chapter 6 - Domestic life Chapter 7 - Interpersonal interactions and relationships Chapter 8 - Major life areas Chapter 9 - Community, social and civic life d110 - Watching d115 - Listening d132 - Acquire information d360 - Using communication d410 - Changing basic body position d420 - Transferring oneself d450 - Walking d455 - Moving around d470 - Using transportation d475 - Driving d510 - Washing oneself d520 - Caring for body parts d530 - Toileting d40 - Dressing d550 - Eating d610 - Acquiring a place to live d750 - Informal social relathionship d760 - Family relationship d820 - School education d825 -Vocational training d830 - Higher education d845 - Acquiring, keeping and terminating a job d850 - Remunerative emplyoment d910 - Community life d920 - Recreation and leisure d930 - Religion and spirituality d950 - Political life and citizenship 12

13 Domini ICF coperti dal SID Percentuale di codici (3 digit) 1.Apprendimento e applicazione delle conoscenze 2.Compiti e richieste generali 3.Comunicazione 4.Mobilità 5.Cura della propria persona 6.Vita domestica 7.Interazioni e relazioni interpersonali 8.Aree di vita principali 9.Vita sociale 1.Prodotti e tecnologia 2.Ambiente 3.Relazioni e sostegno sociale 4.Atteggiamenti 5.Servizi, sistemi e politiche 13

14 Domini ICF coperti dal SID e dall Indagine % di codici (3 digit) 1.Apprendimento e applicazione delle conoscenze 2.Compiti e richieste generali 3.Comunicazione 4.Mobilità 5.Cura della propria persona 6.Vita domestica 7.Interazioni e relazioni interpersonali 8.Aree di vita principali 9.Vita sociale 1.Prodotti e tecnologia 2.Ambiente 3.Relazioni e sostegno sociale 4.Atteggiamenti 14 5.Servizi, sistemi e politiche

15 Domini prevalentemente scoperti... Informazioni che saranno disponibili quando sarà possibile valorizzare gli archivi relativi alle certificazioni rilasciate dalle CML Asl 15

16 Cosa si sta facendo per implementare i concetti ICF nelle indagini di popolazione 16

17 Alcuni esempi concreti: la popolazione con disabilità 17

18 Alcuni esempi concreti: il modo di porre le domande 18

19 Alcuni esempi concreti: interazione con l ambiente 19

20 Alcuni esempi concreti: interazione con l ambiente Mobilità Utilizzo dei mezzi di trasporto Accessibilità agli edifici Istruzione e formazione Lavoro Utilizzo di internet Supporto e contatti sociali Tempo libero Situazione economica 20

21 Alcuni esempi concreti: interazione con l ambiente Mobilità Utilizzo dei mezzi di trasporto Accessibilità agli edifici Istruzione e formazione Lavoro Utilizzo di internet Supporto e contatti sociali Tempo libero Situazione economica 21

22 Alcuni esempi concreti: interazione con l ambiente 22

23 Alcuni esempi concreti: interazione con l ambiente 23

24 GRAZIE DELL ATTENZIONE 24

25 Domini ICF coperti dal SID Fattori ambientali ICF components ICF chapters ICF domains Generic Health and social assistance Families Incidents Non profit organizations SID sections Education and school integration Work and employment Social protection Health Transport Social life ENVIRONMENTAL FACTORS Chapter 1 - Products and technology Chapter 3 - Support and relationships Chapter 5 - Services, systems and policies e155 - Design, construction and building products and technology of buildings for private use e310 - Immediate family e315 - Extended family e320 - Friends e325 - Acquaintances, peers, colleagues, neighbours and e340 - Personal care providers and personal assistance e515 - Architecture and construction services, systems and policies e540 - Transportation services, systems and policies e555 - Associations and organizational services, systems and policies e570 - Social security services, systems and policies e575 - General social support services, system and policies e580 - Health services, systems and policies e590 - Labour and employment services, system and policies 25

26 Domini ICF coperti dall Indagine sull inclusione sociale Funzioni corporee ICF components ICF chapters ICF domains Survey sections Block 1 Block 2 Bolck 3 Block 4 Block 5 Block 6 Bolck 7 Block 8 Block 9 Block 10 Bolck 11 Bolck 12 Bolck 13 Body function Chapter 1 - Mental function b Global mental functions Chapter 2 - Sensory functions and pain Chapter 4 - Functions of the cardiovascular, haematological, immunologica and Chapter 5 - Functions of the digestive, metabolic and endocrine systems Chapter 6 - Genitourinary and reproductive functions b Seeing and related fubctions b Hearing and vestibular functions b Functions of the cardiovascular system b Functions of the respiratory system b515 - Digestive functions b540 - General metabolic functions b620 - Urinations functions Chapter 7 - Neuromusculoskeletal and movementrelated functions b Functions of the joint and bones b Muscle functions 26

27 Domini ICF coperti dall Indagine sull inclusione sociale Attività e partecipazione ICF components ICF chapters ICF domains Survey sections Block 1 Block 2 Bolck 3 Block 4 Block 5 Block 6 Bolck 7 Block 8 Block 9 Block 10 Bolck 11 Bolck 12 Bolck 13 ACTIVITIES / PARTICIPATION Chapter 3 - Communication Chapter 4 - Mobility Chapter 5 - Self care Chapter 6 - Domestic life Chapter 7 - Interpersonal interactions and relationships Chapter 8 - Major life areas Chapter 9 - Community, social and civic life d330-d349 Communicating producing d360 - Using communication d420 - Transferring oneself d450 - Walking d455 - Moving around d460 - Moving around in different locations d470 - Using transportation d475 - Driving d510 - Washing oneself d520 - Caring for body parts d530 - Toileting d40 - Dressing d550 - Eating d560 - Drinking d570 - Looking after one's self d620 -Acquisition of goods and services d630 - Preparing meals d640 - Doing housework d750 - Informal social relathionship d760 - Family relationship d School education d Work and emplyment d Economy life d910 - Community life d920 - Recreation and leisure d930 - Religion and spirituality 27

28 Domini ICF coperti dall Indagine sull inclusione sociale Fattori ambientali ICF components ICF chapters ICF domains Survey sections Block 1 Block 2 Bolck 3 Block 4 Block 5 Block 6 Bolck 7 Block 8 Block 9 Block 10 Bolck 11 Bolck 12 Bolck 13 ENVIRONMENTAL FACTORS Chapter 1 - Products and technology Chapter 2 - Natural enviroment and human made chenges to enviroments Chapter 3 - Support and relationships Chapter 5 - Services, systems and policies e115 - Products and technology for personal use in daily living e120 - Products and technology for personal indoor and outdoor mobility and trasportation e125 - Products and technology for communication e130 - Products and technology for educations e135 - Products and technology for employment e160 - Products and technology of land development e210 - Physical geography e310 - Immediate family e315 - Extended family e320 - Friends e325 - Acquaintances, peers, colleagues, neighbours and e340 - Personal care providers and personal assistance e355 - Health professionals e360 - Other professionals e515 - Architecture and construction services, systems and policies e540 - Transportation services, systems and policies e570 - Social security services, systems and policies e575 - General social support services, system and policies e580 - Health services, systems and policies e585 - Education and training services, systems and policies e590 - Labour and employment services, system and policies 28

29 Quello che si sta facendo Inps Mentali Indicatori sintetici 29

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB

Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB L ICF e la sua filosofia Bolzano 18 novembre 2004 Dr Matilde Leonardi Co-Chair WHO-ICF children group Coordinatore Scientifico Progetto ICF in Italia Responsabile Progetto Disabilità INN CB IRCCS Istituto

Dettagli

Dalla illuminazione pubblica alla Smart City: Mauro Annunziato

Dalla illuminazione pubblica alla Smart City: Mauro Annunziato Dalla illuminazione pubblica alla Smart City: la ricerca europea e gli approcci applicativi Mauro Annunziato Coordinatore Smart Cities ed Ecoindustria Città sostenibili Energia, Ambiente, Trasporti Società

Dettagli

ICF. L ICF è lo strumento che la WHO usa per classificare la salute e le disabilità

ICF. L ICF è lo strumento che la WHO usa per classificare la salute e le disabilità ICF L ICF è lo strumento che la WHO usa per classificare la salute e le disabilità LA 54ª ASSEMBLEA MONDIALE DELLA SANITÀ (22 maggio 2001) - APPROVA E PUBBLICA L ICF - RACCOMANDA AGLI STATI MEMBRI DI UTILIZZARE

Dettagli

Smart City: Mauro Annunziato

Smart City: Mauro Annunziato Smart City: la ricerca europea e gli approcci applicativi Mauro Annunziato Coordinatore Smart Cities ed Ecoindustria Smart City : sostenibilità a 360 ECONOMY Development of innovative spirit Ability to

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it

A cura del Prof. Antonio Pignatto. ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it I BISOGNI DEL PAZIENTE AUDIOLESO, TRA SALUTE E DISABILITA A cura del Prof. Antonio Pignatto ANTIFORMA S.r.l. Via M. Aurelio, 55 Milano Tel: 02 28.97.02.49 www.antiforma.it ICF Un nuovo membro della famiglia

Dettagli

UN MODELLO PER LO SVILUPPO DI CITTÀ INTELLIGENTI

UN MODELLO PER LO SVILUPPO DI CITTÀ INTELLIGENTI DA LUMIÈRE ALLA SMART CITY: UN MODELLO PER LO SVILUPPO DI CITTÀ INTELLIGENTI Roma, 5 marzo 202 Claudia Meloni Progetto Smart Cities Unità Tecnologie Avanzate per l Energia e l Industria SMART CITIES: SOSTENIBILITA

Dettagli

Università degli studi di Siena PROGRAMMA LLP/ERASMUS MOBILITA ERASMUS STAFF TRAINING 2013/2014. Training Programme

Università degli studi di Siena PROGRAMMA LLP/ERASMUS MOBILITA ERASMUS STAFF TRAINING 2013/2014. Training Programme Training Programme Informazioni sull Istituto di appartenenza e sull istituto/impresa ospitante Information about the home institution and the host institution or enterprise Nome e cognome del membro dello

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane

Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane Lavorare per progetti investendo nelle risorse umane 27 settembre 2002 Agenda Accenture Chi siamo Cosa facciamo Come siamo organizzati I nostri ruoli La complessità dei progetti L organizzazione di un

Dettagli

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale Social enterprise as a driving factor of social innovation Giornata di studio / Study Day Martedì 19 maggio 2015 Aula Magna SUPSI Trevano

Dettagli

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute

L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute L ICF - Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute CHE COS È È una classificazione della salute e dei domini ad essa correlati che aiuta a descrivere i cambiamenti

Dettagli

Joint staff training mobility

Joint staff training mobility Joint staff training mobility Intermediate report Alessandra Bonini, Ancona/Chiaravalle (IT) Based on https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/mwikis/eurydice/index.php/belgium-flemish- Community:Overview and

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

IEEE Computer Society Italy Chapter. @ Universita di S. Marino Settembre 2008

IEEE Computer Society Italy Chapter. @ Universita di S. Marino Settembre 2008 IEEE Computer Society Italy Chapter @ Universita di S. Marino Settembre 2008 Cos e l IEEE Fondata nel 1884, l IEEE è una organizzazione no-profit con oltre 370.000 soci in 150 nazioni del mondo. L appartenenza

Dettagli

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione

ICF : approccio educativo. Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione ICF : approccio educativo Elisabetta Ghedin Facoltà di Scienze della Formazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA L ICF sta penetrando nelle pratiche di diagnosi condotte

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/67.90.18 055/67.80.41 www.itcpeano.it posta@itcpeano.it LICEO Liceo Linguistico TECNICO ECONOMICO Amministrazione,

Dettagli

ICF a scuola Indicazioni operative

ICF a scuola Indicazioni operative UST Cremona In collaborazione con CTS Cremona ICF a scuola Indicazioni operative Paola Romagnoli a.s. 2013-2014 Che cos è l ICF? È un sistema di classificazione multidisciplinare, innovativo per impostazione,

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

la roadmap per le città sostenibili

la roadmap per le città sostenibili Smart Cities la roadmap per le città sostenibili Mauro Annunziato Coordinatore Smart City ed Ecoindustria La strada maestra della sostenibilità ambientale passa attraverso l efficienza energetica Fonte

Dettagli

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business

La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business La Governance come strumento di valorizzazione dell'it verso il business Livio Selvini HP IT Governance Senior Consultant Vicenza, 24 novembre Hewlett-Packard Development Company, L.P. The information

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti European Conference on Information Literacy 2013 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti Finalità ECIL 2013 ha voluto riunire ricercatori, professionisti dell informazione,

Dettagli

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE

PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE PSICOLOGIA DELL HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE DISABILITÀ E ICF PROF. FINO BUONO SVILUPPO DEL CONCETTO DI DISABILITA DA MODELLI BASATI SUL DEFICIT A MODELLI ECOLOGICI I MODELLI MEDICI ERANO CENTRATI SULLE

Dettagli

Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni

Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni Mediatore interculturale c è il posto nella Classificazione delle professioni Nel documento Linee di indirizzo per il riconoscimento della figura professionale del mediatore interculturale prodotto dal

Dettagli

ILLY AND SUSTAINABILITY

ILLY AND SUSTAINABILITY ILLY AND SUSTAINABILITY DARIA ILLY BUSINESS DEVELOPMENT - PORTIONED SYSTEMS DIRECTOR NOVEMBER 14 THE COMPANY Trieste 1 9 3 3, I t a l y R u n b y t h e I l l y f a m i l y D i s t r i b u t e d i n m o

Dettagli

A ROMA IL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA SINDROME DI DOWN

A ROMA IL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA SINDROME DI DOWN A ROMA IL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA SINDROME DI DOWN Si svolgerà a Roma, l 8 e il 9 Novembre 2013, presso Palazzo Carpegna, in via Aurelia 481, il Congresso Internazionale sulla Sindrome di Down,

Dettagli

Lingua Inglese a.a. 2015/2016 OBIETTIVO DEL CORSO

Lingua Inglese a.a. 2015/2016 OBIETTIVO DEL CORSO Lingua Inglese a.a. 2015/2016 OBIETTIVO DEL CORSO Obiettivo dei corsi proposti dal SELdA (I livello) è portare gli studenti al livello B1 SOGLIA definito dal Quadro di Riferimento Europeo delle Lingue

Dettagli

PROFILO DI GRUPPO 2015

PROFILO DI GRUPPO 2015 PROFILO DI GRUPPO 2015 IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. 8% del mercato italiano circa 7.400 DIPENDENTI oltre 1.000 large accounts su tutti i mercati System Integration & Application Maintenance

Dettagli

Certificazioni professionali informatiche in Europa la misura condivisa delle competenze ICT per competere e innovare

Certificazioni professionali informatiche in Europa la misura condivisa delle competenze ICT per competere e innovare Forum PA 2007 Formazione Informatica nella PA Certificazioni professionali informatiche in Europa la misura condivisa delle competenze ICT per competere e innovare Giulio Occhini AICA Roma, 21 Maggio 2007

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE

NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE NUOVE TECNOLOGIE E DISABILITÀ: DAL DIRE AL FARE Dir. Min.27/12/2012 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA Fondandosi

Dettagli

Definizione di SALUTE O.M.S.

Definizione di SALUTE O.M.S. Definizione di SALUTE O.M.S. Non solo assenza di malattia ma stato di completo benessere fisico, psicologico e sociale. Non basta quindi curare ma anche prevenire, informare, sensibilizzare, promuovere

Dettagli

World Bank Group. International Finance Corporation

World Bank Group. International Finance Corporation World Bank Group International Bank for Reconstruction and International Association International Finance Corporation Mutilateral Investment Guarantee Agency International Center for the Settlement of

Dettagli

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL

Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Misura delle performance dei processi con le metriche suggerite da COBIT e ITIL Valter Tozzini - ItSMF Italia Paola Belforte - ItSMF

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Italian

CURRICULUM VITAE. Italian CURRICULUM VITAE 1.Personal data: Family name: Risso First names: Alessandra Date of birth: May 18, 1961 Nationality: Italian 2.Education: University of Trieste (IT), Training Sciences Faculty Date: 05

Dettagli

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali del 2 settembre 2005 (Stato 1 maggio 2009) Il Dipartimento federale dell economia,

Dettagli

STRATEGIE, RISORSE E STRUMENTI FINANZIARI PER LA REALIZZAZIONE DEI PROGETTI A LIVELLO LOCALE NAPOLI 27 MARZO 2014

STRATEGIE, RISORSE E STRUMENTI FINANZIARI PER LA REALIZZAZIONE DEI PROGETTI A LIVELLO LOCALE NAPOLI 27 MARZO 2014 STRATEGIE, RISORSE E STRUMENTI FINANZIARI PER LA REALIZZAZIONE DEI PROGETTI A LIVELLO LOCALE NAPOLI 27 MARZO 2014 Un prodotto digitale (una cassetta degli attrezzi interattiva) in grado di migliorare la

Dettagli

HR e CSR: Una sinergia con significativi impatti sulla sostenibilità dell organizzazione. Matteo Barone Livia Piermattei

HR e CSR: Una sinergia con significativi impatti sulla sostenibilità dell organizzazione. Matteo Barone Livia Piermattei HR e CSR: Una sinergia con significativi impatti sulla sostenibilità dell organizzazione Matteo Barone Livia Piermattei CSR Management Network Milano, 10 novembre 2009 Economica Corporate Governance 6.0%

Dettagli

HEAD. (Human Empowerment Aging and Disability): tecnologie e rete per tele-servizio di riabilitazione

HEAD. (Human Empowerment Aging and Disability): tecnologie e rete per tele-servizio di riabilitazione HEAD (Human Empowerment Aging and Disability): tecnologie e rete per tele-servizio di riabilitazione 262M di anziani eta media crescente 861M Pazienti cronici, 50% esiti negativi 75-85% speso per la gestione

Dettagli

Lo Psicologo in Azienda (20.09.2008) Opportunità di sviluppo professionale

Lo Psicologo in Azienda (20.09.2008) Opportunità di sviluppo professionale Lo Psicologo in Azienda (20.09.2008) Opportunità di sviluppo professionale Curriculum Vitae Massimiliano Coppa PERSONAL DATA Surname & First name: Coppa Massimiliano Age : 39 EDUCATION University Degree:

Dettagli

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI

L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI L INFORMAZIONE GEOGRAFICA NELLA RILEVAZIONE DEI NUMERI CIVICI Marina BERTOLLINI 1, Antonietta ZULLO 2, SOMMARIO Il largo impiego delle informazioni geografiche

Dettagli

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali del 2 settembre 2005 (Stato 1 febbraio 2011) Il Dipartimento federale dell economia,

Dettagli

Politecnico de Milano Dipartamento di Architettura e Pianificazione Laboratorio di Qualità Urbana e Sicurezza Laboratorio Qualità urbana e sicurezza Prof. CLARA CARDIA URBAN SAFETY AND QUALITY LABORATORY

Dettagli

FORUM ABI HR. Giuditta Alessandrini Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi Roma TRE giuditta.alessandrini@uniroma3.

FORUM ABI HR. Giuditta Alessandrini Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi Roma TRE giuditta.alessandrini@uniroma3. FORUM ABI HR Roma-Palazzo Altieri 9 Giugno 2015 Giuditta Alessandrini Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi Roma TRE giuditta.alessandrini@uniroma3.it FORUM HR 2015 Laboratorio

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Il sistema e le scelte: assetto e prospettive negli interventi per la Long Term Care. Giovanni Fosti 27 Marzo 2014

Il sistema e le scelte: assetto e prospettive negli interventi per la Long Term Care. Giovanni Fosti 27 Marzo 2014 Il sistema e le scelte: assetto e prospettive negli interventi per la Long Term Care Giovanni Fosti 27 Marzo 2014 Agenda 1. Le risorse: Italia, Francia, Germania, UK 2. Inclusione e intensità degli interventi

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

IL BENESSERE ORGANIZZATIVO COME LEVA GESTIONALE E DI ENGAGEMENT Bologna, 28 Giugno 2012. Emilio Zampetti Chief of Human Resources at Elica Group

IL BENESSERE ORGANIZZATIVO COME LEVA GESTIONALE E DI ENGAGEMENT Bologna, 28 Giugno 2012. Emilio Zampetti Chief of Human Resources at Elica Group IL BENESSERE ORGANIZZATIVO COME LEVA GESTIONALE E DI ENGAGEMENT Bologna, 28 Giugno 2012 Emilio Zampetti Chief of Human Resources at Elica Group CHI SIAMO Multinazionale Leader al mondo nella Produzione

Dettagli

8 Maggio 2014 Smartainability. P. Girardi, A. Negri, A. Temporelli

8 Maggio 2014 Smartainability. P. Girardi, A. Negri, A. Temporelli 8 Maggio 2014 Smartainability P. Girardi, A. Negri, A. Temporelli 8 Maggio 2014 Smartainability P. Girardi, A. Negri, A. Temporelli SMART EPO 2015 - SMART PLANNING, SMART BUILDING, SMART CONNECTING 8 MAGGIO

Dettagli

AICA - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico. Certificazioni informatiche europee

AICA - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico. Certificazioni informatiche europee - Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico Certificazioni informatiche europee Milano, 6 ottobre 2003 1 AICA Profilo istituzionale Ente senza fini di lucro, fondato nel 1961 Missione:

Dettagli

Accomodamento ragionevole e disabilità L approccio biopsicosociale e l ICF

Accomodamento ragionevole e disabilità L approccio biopsicosociale e l ICF Accomodamento ragionevole e disabilità L approccio biopsicosociale e l ICF Paola Bucciarelli I architetto 4inclusion Supporting Human Diversity Through Inclusive Design Disabilità e accomodamento ragionevole:

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO. Un università internazionale per il territorio

POLITECNICO DI TORINO. Un università internazionale per il territorio POLITECNICO DI TORINO Un università internazionale per il territorio I valori Leader nella cultura politecnica Nazionale ed Internazionale Reputazione Eccellenza nell istruzione superiore e la formazione

Dettagli

Persone con disabilità in Italia, fra dati ufficiali e luoghi comuni

Persone con disabilità in Italia, fra dati ufficiali e luoghi comuni Persone con disabilità in Italia, fra dati ufficiali e luoghi comuni Quante sono, oggi, in Italia le persone con disabilità? Quante si trovano in una condizione di gravità tale da richiedere un maggiore

Dettagli

#social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti

#social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti #social media strategy social media strategy e social CRM: strumenti per dialogare con rete e clienti innovation design training new business strategy be a jedi disclaimer 2 il presente documento è stato

Dettagli

Ricerca-azione per l inclusione degli alunni con Disturbo dello Spettro Autistico e/o Bisogni Educativi Speciali

Ricerca-azione per l inclusione degli alunni con Disturbo dello Spettro Autistico e/o Bisogni Educativi Speciali Ricerca-azione per l inclusione degli alunni con Disturbo dello Spettro Autistico e/o Bisogni Educativi Speciali Marco Pontis (Centro Studi Erickson, Trento) e Roberta Fadda (Università di Cagliari) I

Dettagli

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali

414.712 Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali Ordinanza del DFE concernente i cicli di studio, gli studi postdiploma e i titoli delle scuole universitarie professionali del 2 settembre 2005 (Stato 4 ottobre 2005) Il Dipartimento federale dell economia,

Dettagli

Ausili: definizioni e normative

Ausili: definizioni e normative ASPHI Fondazione Onlus Ausili: definizioni e normative Sommario 1. Definizioni 2. La normativa ISO 9999 3. Il Nomenclatore Tariffario italiano 2 Definizioni Ausili: definizioni e normative Ausili Le difficoltà

Dettagli

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista

Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista VERSO UNA SCUOLA INCLUSIVA DALL ICF AL PEI Pescara 2 dicembre 2011 Dott.ssa Monica Pradal - pedagogista CHE COS E L ICF? Un modello concettuale di approccio globale al funzionamento della persona, che

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ATTUAZIONE DELLE POLITICHE DELL UE ATTRAVERSO L APPROCCIO BOTTOM UP E LA GOVERNANCE MULTILIVELLO IL PATTO DEI SINDACI IN ABRUZZO.

REGIONE ABRUZZO ATTUAZIONE DELLE POLITICHE DELL UE ATTRAVERSO L APPROCCIO BOTTOM UP E LA GOVERNANCE MULTILIVELLO IL PATTO DEI SINDACI IN ABRUZZO. ATTUAZIONE DELLE POLITICHE DELL UE ATTRAVERSO L APPROCCIO BOTTOM UP E LA GOVERNANCE MULTILIVELLO IL PATTO DEI SINDACI IN ABRUZZO. Il Piano Energetico Regionale (PER) Approvato con D.G.R. n. 470/c del 31/08/2009

Dettagli

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO

ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Linea ID 0: La presa in carico della disabilità: percorsi e strutture TITOLO: Messa a regime nelle regioni italiane di un sistema di monitoraggio sullo stato di salute della popolazione anziana in particolare

Dettagli

COMPANY PROFILE 2014 100 4 50

COMPANY PROFILE 2014 100 4 50 100 COMPANY PROFILE 2014 4 50 IL GRUPPO La prima realtà IT italiana. circa 7.300 DIPENDENTI 7,2% del mercato italiano oltre 1.000 large accounts su tutti i mercati System Integration & Application Maintenance

Dettagli

POLITICA DI COESIONE A SUPPORTO DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE Orientamenti Strategici Comunitari Bozza Maggio 2005

POLITICA DI COESIONE A SUPPORTO DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE Orientamenti Strategici Comunitari Bozza Maggio 2005 POLITICA DI COESIONE A SUPPORTO DELLA CRESCITA E OCCUPAZIONE Orientamenti Bozza Maggio 2005 STRATEGIA DI LISBONA: 2 OBIETTIVI CRESCITA IMPIEGO Policy: A more attractive place to invest and work Extend

Dettagli

Giornata Informativa Nazionale Bando 2012 CIP ICT PSP. Coordinamento Progetti Europei Genova

Giornata Informativa Nazionale Bando 2012 CIP ICT PSP. Coordinamento Progetti Europei Genova Giornata Informativa Nazionale Bando 2012 CIP ICT PSP Roma, 13 Gennaio 2012 Alessandra Risso Coordinamento Progetti Europei Genova INDICE I PROGETTI CIP DEL COMUNE DI GENOVA L'ESPERIENZA DEL PROGETTO PERIPHERIA

Dettagli

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM Raffaella D Alessandro IBM GTS Security and Compliance Consultant CISA, CRISC, LA ISO 27001, LA BS 25999, ISMS Senior Manager, ITIL v3 Roma, 16 maggio 2012 IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel

Dettagli

Gli strumenti finanziari per la realizzazione di iniziative smart

Gli strumenti finanziari per la realizzazione di iniziative smart Gli strumenti finanziari per la realizzazione di iniziative smart - opportunità, criticità e soluzioni Simona Camerano cassa depositi e prestiti Intelligenze e innovazione: passi concreti verso il futuro

Dettagli

MODELLI ORGANIZZATIVI E DIDATTICI. Apprendimento professionale continuo per il Life Long Learning

MODELLI ORGANIZZATIVI E DIDATTICI. Apprendimento professionale continuo per il Life Long Learning MODELLI ORGANIZZATIVI E DIDATTICI Apprendimento professionale continuo per il Life Long Learning Gruppo tecnico provinciale per il Lifelong Learning ECIPA/CNA CTM APA Unione Commercio Confesercenti Tangram

Dettagli

UNEUROPA Bollettino delle nuove accessioni del Centro di Documentazione Europea Giugno - Agosto 2010

UNEUROPA Bollettino delle nuove accessioni del Centro di Documentazione Europea Giugno - Agosto 2010 UNEUROPA Bollettino delle nuove accessioni del Centro di Documentazione Europea Giugno - Agosto 2010 A cura di Rosanna Cifolelli URL: http://serviziweb.unimol.it/pls/unimol/consultazione.mostra_pagina?id_pagina=2820

Dettagli

Una scuola per l'europa...ready to leave! Fate clic per aggiungere testo

Una scuola per l'europa...ready to leave! Fate clic per aggiungere testo Una scuola per l'europa...ready to leave! Fate clic per aggiungere testo The schools are provided to committing a course aimed at: Developing the attendee's language sense and the linguistic skills in

Dettagli

Informatica Sociale (Social Informatics)

Informatica Sociale (Social Informatics) Informatica Sociale (Social Informatics) Informatica Sociale Componenti strutturati del DI: Fiorella De Cindio Andrea Trentini Dottorandi, assegnisti e tecnici del DI: Stefano Stortone (assegnista) Giuseppe

Dettagli

Come valutare la maturità del proprio modello di sviluppo del software

Come valutare la maturità del proprio modello di sviluppo del software Come valutare la maturità del proprio modello di sviluppo del software Matteo Meucci Chair OWASP Day per la PA Roma 9, Novembre 2010 Copyright 2010 - The OWASP Foundation Permission is granted to copy,

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA

SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL ARCHITETTURA E DESIGN PIER LUIGI SPADOLINI SVILUPPO LOCALE E CONOSCENZA Il ruolo del Knowledge Management BENEDETTA BIONDI La conoscenza

Dettagli

Formazione in E-learning per dipendenti Fiat World Wide. Settembre 2014

Formazione in E-learning per dipendenti Fiat World Wide. Settembre 2014 Formazione in E-learning per dipendenti Fiat World Wide Settembre 2014 Attività e-learning L attività e-learning riguarda la progettazione e l erogazione di corsi on line, principalmente su tematiche Corporate

Dettagli

I tempi turbolenti richiedono una leadership efficace e creativa. Sviluppa il tuo potenziale.

I tempi turbolenti richiedono una leadership efficace e creativa. Sviluppa il tuo potenziale. I tempi turbolenti richiedono una leadership efficace e creativa. Sviluppa il tuo potenziale. I tempi turbolenti richiedono una leadership efficace e creativa. Sviluppa il tuo potenziale Ovunque nel mondo

Dettagli

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani)

Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) Progetto GSK «TUTTI DIVERSI, TUTTI UGUALI» Non c'è nulla di più ingiusto che fare parti uguali fra diseguali (Don Milani) L ICF-CY e l approccio biopsicosociale ai problemi dell educazione speciale Incontro

Dettagli

ICT Security Governance. 16 Marzo 2010. Bruno Sicchieri ICT Security Technical Governance

ICT Security Governance. 16 Marzo 2010. Bruno Sicchieri ICT Security Technical Governance ICT Security 16 Marzo 2010 Bruno Sicchieri ICT Security Technical Principali aree di business 16 Marzo 2010 ICT Security in FIAT Group - I Principi Ispiratori Politica per la Protezione delle Informazioni

Dettagli

La serie di Norme ISO 10000

La serie di Norme ISO 10000 La serie di Norme ISO 10000 Giovanni Mattana Giugno 2010 2 PERCHÉ UNA NUOVA ATTENZIONE ALLA SERIE DI NORME ISO 10000? La Norma Iso EN UNI 9001:2008, in vari punti specifici, ora rimanda alle norme della

Dettagli

QSN Quadro Strategico Nazionale 2007-2013. Competenze spendibili per lavorare e sapersi muovere nel mercato del lavoro Europeo

QSN Quadro Strategico Nazionale 2007-2013. Competenze spendibili per lavorare e sapersi muovere nel mercato del lavoro Europeo QSN Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 Competenze spendibili per lavorare e sapersi muovere nel mercato del lavoro Europeo Pier Giovanni Bresciani Università di Bologna e Università di Genova Il Fenomeno-Competenze

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

CATALOGO OFFERTA FORMAZIONE LINGUISTICA 2015

CATALOGO OFFERTA FORMAZIONE LINGUISTICA 2015 Language Consultants CATALOGO OFFERTA FORMAZIONE LINGUISTICA 2015 CATALOGO FORMAZIONE LINGUISTICA 2015 Corsi di Lingua Inglese Professional English Course, Elementary pag. 2 Professional English Course,

Dettagli

E possibile presentare domanda solo per le sedi pertinenti al Dipartimento/ex Facoltà, Facoltà, Corso di Laurea di afferenza.

E possibile presentare domanda solo per le sedi pertinenti al Dipartimento/ex Facoltà, Facoltà, Corso di Laurea di afferenza. SCELTA DELLE SEDI ed ELENCO CODICI AREA DISCIPLINARE Il Bando Erasmus/Studio a.a. 2013/2014 è strutturato in diversi sottobandi ciascuno dei quali è riferito, in linea di massima e con le eccezioni di

Dettagli

PROGETTO TWINNING DI GEMELLAGGIO ITALIA POLONIA

PROGETTO TWINNING DI GEMELLAGGIO ITALIA POLONIA PROGETTO TWINNING DI GEMELLAGGIO ITALIA POLONIA TITOLO DEL PROGETTO CAPACITY BUILDING IN THE FIELD OF ENVIRONMENTAL HEALTH PL2005/IB/EN/02 PERIODO DI REALIZZAZIONE Marzo 2007- luglio 2008 LO STRUMENTO

Dettagli

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI

WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI WP7 Predisposizione strumenti condivisi da utilizzare: protocollo ICF PEI Premessa: la necessità di sviluppare strumenti di valutazione basati su ICF Il livello di partecipazione alle attività scolastiche

Dettagli

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich

Attività Adattata. Lezione 1. a.a. 2013-2014. Monica Emma Liubicich Attività Adattata Lezione 1 a.a. 2013-2014 Monica Emma Liubicich Secondo le Nazioni Unite i disabili nel mondo sono 650 milioni: 10% della popolazione In Italia circa 3.000.000, il 4,8% della popolazione

Dettagli

Funzionamento Umano e Qualità della Vita delle Persone con Disabilità Intellettive ed Evolutive: quale contributo per i Diritti e l Inclusione sociale

Funzionamento Umano e Qualità della Vita delle Persone con Disabilità Intellettive ed Evolutive: quale contributo per i Diritti e l Inclusione sociale Funzionamento Umano e Qualità della Vita delle Persone con Disabilità Intellettive ed Evolutive: quale contributo per i Diritti e l Inclusione sociale Prof. Luigi Croce Dinamica dell integrazione Comunità:

Dettagli

Gruppo 1 Aspetti organizzativi e informativi Sottogruppo c) Mobilità

Gruppo 1 Aspetti organizzativi e informativi Sottogruppo c) Mobilità Gruppo 1 Aspetti organizzativi e informativi Sottogruppo c) Mobilità Premessa Il sottogruppo di lavoro Mobilità si è occupato di due priorità: il Portale europeo della mobilità e il Network europeo dei

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2010 Allegato 1 TITOLO: La definizione del case-mix nelle cure domiciliari:

Dettagli

ALLEGATO N 6. Living together- English for the social sector- Ilaria Piccioli- Editrice San Marco

ALLEGATO N 6. Living together- English for the social sector- Ilaria Piccioli- Editrice San Marco ALLEGATO N 6 Anno scolastico 2012-2013 classe Disciplina: Docente: Testo: 5 E Inglese Gabriella Airoldi Living together- English for the social sector- Ilaria Piccioli- Editrice San Marco Ore di lezione

Dettagli

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A.

IL BS7799 ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI. Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it BS 7799. Sistemi Informativi S.p.A. IL BS7799 Relatore: Ing. Marcello Mistre, CISA marcello.mistre@sistinf.it Sistemi Informativi S.p.A. ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI Sistemi Informativi S.p.A. 2 ATTIVITA DELLA SECURITY STUDIO, SVILUPPO ED

Dettagli

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION TEAM BADIALI CONSULTING CORPORATE FINANCE TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION "contribuire al successo dei nostri clienti attraverso servizi di consulenza di alta qualitá" "to contribute to

Dettagli

Le certificazioni ISC² : CISSP CSSLP SSCP

Le certificazioni ISC² : CISSP CSSLP SSCP Le certificazioni ISC² : CISSP CSSLP SSCP Chi è ISC² (ISC)² = International Information Systems Security Certification Consortium (ISC)²is the non-profit international leader dedicated to training, qualifying

Dettagli

Opera Pubblica. Protagonisti del cambiamento Europeo. Leaders of a changing face of Europe.

Opera Pubblica. Protagonisti del cambiamento Europeo. Leaders of a changing face of Europe. Opera Pubblica Opera Pubblica Protagonisti del cambiamento Europeo. Leaders of a changing face of Europe. Opera Pubblica Strategia Europa 2020. 20% riduzione del consumo di energia. 20% riduzione delle

Dettagli

PIANO DI VALUTAZIONE MONITORAGGIO. RING TransferRING Supports for Caregivers IT-0446

PIANO DI VALUTAZIONE MONITORAGGIO. RING TransferRING Supports for Caregivers IT-0446 This project has been funded with support from the European Commission. This publication [communication] reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use

Dettagli

Sistemi di gestione dell energia e Green Building:

Sistemi di gestione dell energia e Green Building: Sistemi di gestione dell energia e Green Building: Marzo 2014 Marco Mari I temi trattati 1. Tendenze e orientamenti europei 2. La garanzia per la committenza: UNI CEI 11352:2010 Requisiti per le ESCO 1.

Dettagli

Come far ripartire l'italia? Annamaria Di Ruscio

Come far ripartire l'italia? Annamaria Di Ruscio Come far ripartire l'italia? Annamaria Di Ruscio Amministratore Delegato - NetConsulting cube Crescita 2015E/2014 Incertezza economica con qualche segnale di ripresa Crescite anno su anno del PIL 8% 7%

Dettagli

ROMA, 6 e 7 marzo 2013. Applicazione di ICF nella scuola inclusiva, orientata alla qualità della vita

ROMA, 6 e 7 marzo 2013. Applicazione di ICF nella scuola inclusiva, orientata alla qualità della vita Centro Studi Psico Medico Pedagogico della Mediazione formazione - applicazione ricerca - sperimentazione - psicopedagogico e clinica Eboli Via San Berardino, 28/a - Brescia Via Cipro, 96 CSPDM Onlus ROMA,

Dettagli