FORMAZIONE PERMANENTE ANNO ISTITUTO SUPERIORE DI FORMAZIONE E RICERCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORMAZIONE PERMANENTE ANNO ISTITUTO SUPERIORE DI FORMAZIONE E RICERCA"

Transcript

1 FORMAZIONE PERMANENTE ANNO ISTITUTO SUPERIORE DI FORMAZIONE E RICERCA Programma dei corsi e dei seminari per le imprese settembre luglio 2014

2 ANNIVERSARIO ANNO PASSIONE E CONCRETEZZA AL SERVIZIO DELLE IMPRESE DI BRESCIA E DELLA LOMBARDIA ORIENTALE Il 13 marzo 2014 ISFOR 2000 compie 25 anni ed è con orgoglio che, accingendoci a festeggiare il traguardo, lo segnaliamo in questo catalogo. Un orgoglio che sorge spontaneo, ripercorrendo con il pensiero tutti questi anni di miglioramento continuo e di emozioni suscitate dai progetti formativi realizzati, dai cambiamenti intrapresi e dalle sfide affrontate con successo. Fin dalla sua costituzione il nostro istituto si riprometteva di radicarsi nel territorio, di orientarsi all'eccellenza attraverso l'innovazione dei suoi progetti formativi e di mantenere costante l'attenzione nei riguardi dell'utenza, rispondendo con flessibilità ed efficacia ai fabbisogni formativi espressi dalle piccole imprese bresciane e lombardo-orientali. Sono stati venticinque anni di impegno costante e vogliamo considerare l'anniversario solo come una tappa del nostro percorso, nella convinzione che ve ne siano molte altre da raggiungere, con lo stesso entusiasmo e con la stessa tenacia che ci hanno motivato fin dagli inizi e che ci hanno permesso di arrivare fin qui. Nell'anno speciale che ci attende rivolgiamo un sentito ringraziamento all'associazione Industriale Bresciana, che ha reso possibile la nostra storia. Così come ringraziamo le tante aziende che continuano a riconoscerci come sicuro approdo per le proprie attività formative e i partner con i quali collaboriamo a favore del tessuto socio-economico della provincia di Brescia e della Lombardia orientale. Se riusciamo a guardare con entusiasmo al futuro, certi che questa ricorrenza possa diventare un nuovo punto di partenza, è grazie alla consapevolezza di poter contare su specialisti che con la loro professionalità e il loro impegno formano una squadra affiatata e di grande valore che crede in ISFOR 2000 e nelle sue potenzialità. Achille Fornasini Amministratore delegato

3 ANNO FORMAZIONE PERMANENTE

4 SOMMARIO ISFOR 2000: LA FORMAZIONE D'ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI : I PRIMI PASSI E LA NUOVA SEDE pag : LE ALLEANZE E LO SVILUPPO pag : I MASTER DI UNIVERSITA' & IMPRESA pag : L'AVVENTO DI FONDIMPRESA pag : LE NUOVE SFIDE pag. 14 GLI ASSETTI DI ISFOR 2000 La compagine societaria pag. 17 Il consiglio di amministrazione pag. 19 La direzione e lo staff pag. 20 LA SEDE DI ISFOR 2000 pag. 22 LE PROPOSTE DI ISFOR 2000 Il 25 catalogo generale e i voucher Fondimpresa pag. 26 La formazione aziendale e il coaching individuale pag. 27 LE INFORMAZIONI GENERALI Modalità di iscrizione pag. 28 Articolazione didattica pag. 28 Facilitazioni economiche pag. 28 Disdetta delle iscrizioni pag. 30 Variazioni dell'attività formativa pag. 30 Come raggiungere la sede pag. 31 LA MODULISTICA Richiesta di iscrizione pag. 35 Richiesta di iscrizione personale pag. 37 Richiesta di contributo all'associazione Industriale Bresciana pag. 39 IL CALENDARIO GENERALE ^ Sezione: Amministrazione, Finanza e Controllo di gestione pag. 43 2^ Sezione: Processi produttivi e Sicurezza nei luoghi di lavoro pag. 59 3^ Sezione: Marketing e Relazioni commerciali pag. 97 4^ Sezione: Organizzazione e Sviluppo delle risorse umane pag ^ Sezione: Impresa digitale e Tecnologie informatiche pag. 121

5 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI Nel febbraio del 1985 si svolse a Brescia - organizzato dall Associazione Industriale Bresciana - il convegno Brescia 2000: l industria bresciana tra presente e futuro, nel corso del quale furono presentati gli esiti di ricerche che nell anno precedente erano state commissionate a centri studi di caratura nazionale. L obiettivo delle indagini era duplice: da un lato analizzare l industria bresciana al fine di rilevarne i punti di forza e di debolezza, dall altro delineare il profilo della società bresciana in tutte le sue componenti. Dal dibattito e dalle ricerche emerse la carenza nel tessuto produttivo locale di una cultura manageriale in grado di tenere il passo con i radicali mutamenti generati dall incalzante innovazione tecnologica e dalla crescente globalizzazione dei mercati. Da quell analisi a tutto campo risultò dunque, con assoluta chiarezza, che per uscire dalla crisi in cui si trovava l economia bresciana, ma anche per affrontare in termini di effettiva competitività un mercato in continua e rapidissima evoluzione, era di cruciale importanza intervenire non solo sulla tecnologia e sull organizzazione produttiva e distributiva, ma anche, e soprattutto, sulla componente umana del lavoro. Cominciò allora a prendere corpo l idea di promuovere la realizzazione di un organismo di alto profilo che si dedicasse alla formazione permanente e alla diffusione di un adeguata cultura manageriale: ISFOR 2000, appunto, e qui di seguito sono illustrati i fatti principali che hanno caratterizzato i suoi primi cinque lustri di attività : I PRIMI PASSI E LA NUOVA SEDE La società consortile per azioni denominata Istituto Superiore di Formazione e Ricerca, in forma abbreviata ISFOR 2000, è costituita il 13 marzo 1989 per iniziativa dell Associazione Industriale Bresciana, del Collegio dei Costruttori edili, della Confartigianato e dell Unione Agricoltori di Brescia, mentre l Università degli Studi di Brescia assicura all istituto il proprio contributo scientifico. Formalmente costituita la società, nel primo semestre 1989 si pone subito mano alla programmazione delle attività formative. 001 Maggio 1989: Giovanni Dalla Bona presenta ISFOR 2000 Settembre 1989: presentazione dei primi programmi Con l avvio delle prime attività formative inizia ad affermarsi il logo di ISFOR 2000: un immagine che con la sua raggiera evoca i molteplici filoni della conoscenza in grado di completare gli spazi vuoti affollanti il suo centro, favorendone l arricchimento in uscita. Il numero che accompagna l acronimo ISFOR è riferito al secolo verso cui traguarda la missione dell istituto. Avviate le attività istituzionali, il 28 ottobre 1989 si svolge un convegno che intende potenziare il contributo di ISFOR 2000 nei riguardi dell intera Comunità bresciana. Dedicato alle prospettive dell economia globale, l evento vede protagonista, tra gli altri, il Ministro del Tesoro Guido Carli, che illustra la situazione del nostro Paese, dimostrando, attraverso la sua presenza, particolare attenzione al nascente istituto.

6 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI Il primo convegno di ISFOR 2000 Nel 1990 si intensifica la proposta formativa di ISFOR 2000, che realizza i suoi interventi formativi nella sede dell Associazione Industriale Bresciana. La compagine societaria si amplia con l ingresso dell Associazione Commercianti della provincia di Brescia e dell Azienda Servizi Municipalizzati di Brescia (ora A2A). Con la realizzazione del Corso di Sviluppo Manageriale e Imprenditoriale, organizzato da ISFOR 2000 per conto dei Giovani Imprenditori dell Associazione Industriale Bresciana, nel 1991 ha inizio la cooperazione con la Scuola di Direzione Aziendale dell Università Bocconi di Milano. Il percorso formativo si rivolge espressamente a giovani imprenditori che abbiano maturato significative esperienze in aziende di piccole e medie dimensioni, ma fortemente dinamiche e competitive, spesso leader nel proprio settore o mercato di riferimento. 002 Immagini dal Corso di Sviluppo Manageriale e Imprenditoriale ISFOR 2000, aderente all Associazione Industriale Bresciana, nel 1992 diventa socio ordinario di ASFOR, l Associazione per la Formazione alla Direzione Aziendale e di SFC, Sistemi Formativi Confindustria. Consapevole dell importanza che una sede prestigiosa avrebbe rivestito per il successo dell istituto, l Associazione Industriale Bresciana decide di investire ingenti risorse finanziarie per la progettazione e la realizzazione di una sede architettonicamente e funzionalmente all avanguardia. Nella primavera del 1992 iniziano dunque i lavori per la costruzione della sede di ISFOR 2000, che sarà inaugurata il 9 ottobre 1993.

7 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI Il cantiere della sede di ISFOR 2000 Eugenio Bodini, Giovanni Dalla Bona e Gianfranco Nocivelli inaugurano la sede di ISFOR 2000 Il primo importante intervento formativo accolto dalla nuova sede si concretizza nell area sanitaria grazie alla collaborazione con il Cergas dell Università Bocconi di Milano. Le cooperazione consente a ISFOR 2000 di realizzare un percorso formativo imperniato sui temi del controllo di gestione e dell ottimizzazione degli aspetti organizzativi dei reparti ospedalieri, destinato al personale medico apicale degli Spedali Civili di Brescia. Grazie a questa prima esperienza, ISFOR 2000 promuoverà negli anni successivi signifi cativi percorsi formativi di natura gestionale destinati ad altri importanti enti ospedalieri e a organismi impegnati nella ricerca sanitaria. 003 Nel 1994 la nuova sede ospita un altra importante iniziativa progettata da ISFOR 2000 e SDA Bocconi: il Corso di managerialità per le aziende di pubblico servizio. L itinerario formativo, rivolto ai quadri direttivi dell Azienda Servizi Municipalizzati di Brescia, affronta i diversi aspetti della gestione effi ciente di un impresa pubblica. Apertura del corso per quadri e dirigenti ASM

8 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI La consolidata intesa con SDA Bocconi genera anche un articolato itinerario formativo destinato ai dirigenti e ai capi settore del Comune di Brescia. La premessa allo sviluppo di questo intervento nasce dalla constatazione che il ruolo degli enti locali sta subendo una profonda trasformazione, che implica problemi del tutto inediti. Il passaggio dalla gestione operativa dei servizi pubblici a funzioni di governo strategico del sistema dei servizi rappresenta il tema cruciale su cui si impernieranno, negli anni successivi, percorsi formativi destinati al personale di altri importanti enti pubblici locali. Comune di Brescia Comune di Lumezzane Comune di Desenzano Un operazione di aumento di capitale modifica sensibilmente l assetto societario. Nell istituto s innestano infatti nuove e significative partecipazioni, che confermano sia il crescente successo dell azione formativa promossa dall istituto, sia la credibilità di una funzione diretta a tutti i settori del mondo del lavoro e nei riguardi di un bacino d utenza ormai ben più ampio di quello iniziale. In tale quadro, oltre alle organizzazioni imprenditoriali - Confindustria Bergamo, Confesercenti Brescia, CNA Brescia e Assoconfidi Brescia (ora Confidi Lombardia) - entrano a far parte della società la Camera di Commercio di Brescia, il Mediocredito Lombardo (poi confluito in Banca Intesa, ora Intesa Sanpaolo), la Banca San Paolo di Brescia e il Credito Agrario Bresciano (che origineranno il Banco di Brescia, ora UBI-Banco di Brescia), la Bipop- Carire (ora Unicredit Group) e l Ordine dei Dottori Commercialisti di Brescia : LE ALLEANZE E LO SVILUPPO 004 Nel 1995 si completa il Corso base di Sviluppo Manageriale e Imprenditoriale, anch esso frutto della collaborazione tra ISFOR 2000 e la SDA Bocconi. Le nuove leve dei Giovani Imprenditori AIB affrontano così un percorso formativo imperniato sulle problematiche dell azienda familiare, ma anche sulle politiche di marketing orientate all internazionalizzazione e sulle specificità del ruolo imprenditoriale e manageriale. Gli scenari prossimi venturi e l avvento di nuove tecnologie sono invece i temi sui quali si basa l itinerario formativo La giusta direzione: Conoscere, Innovare, Competere pianificato su richiesta del Comitato Piccola Industria dell Associazione Industriale Bresciana. Il corso, originato dalla cooperazione progettuale tra ISFOR 2000 e il MIP, il consorzio per la gestione d impresa del Politecnico di Milano, è destinato esclusivamente a imprenditori e si propone di far fronte alla sentita esigenza di riflessione sulle frontiere più innovative della gestione aziendale. Una novità organizzativa, destinata a diventare un apprezzata tradizione, è la realizzazione di un libretto destinato a raccogliere le Esperienze professionali e formative individuali : un razionale strumento finalizzato ad accompagnare la crescita e lo sviluppo professionale di tutti coloro che partecipano alle attività dell istituto. Nel 1996 si consolidano anche le collaborazioni con gli ordini professionali bresciani - Ingegneri, Architetti e Collegio dei Geometri - finalizzate alla programmazione di azioni formative in materia di prevenzione e sicurezza nelle fasi di progettazione e di esecuzione dei lavori. Alle numerose edizioni di tali interventi parteciperanno, negli anni successivi, migliaia di professionisti bresciani.

9 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI Nel 1997, concretizzando i risultati emersi da un indagine svolta dall Università di Brescia, ISFOR 2000 si cimenta nella progettazione di interventi formativi destinati a giovani in cerca di prima occupazione qualificata e finanziati dalla Regione Lombardia. Nel corso dei cinque anni successivi saranno centinaia i neodiplomati e i neolaureati specializzati grazie ai percorsi formativi, molti dei quali di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore, coerenti con le esigenze del tessuto produttivo locale. I primi gruppi di neolaureati e di neodiplomati dopo il conseguimento degli attestati di specializzazione Nel 1997 si realizza altresì la piena autonomia economico-fi nanziaria di ISFOR 2000 grazie alle oltre iscrizioni alle attività promosse dall istituto. Tale risultato si rende possibile grazie al successo di tre fi loni operativi: la tradizionale formazione permanente divulgata tramite il catalogo generale, gli interventi di aggiornamento straordinario sempre più numerosi e le richieste di progettazione specifi ca provenienti da enti pubblici e privati. Unitamente a ISFOR 2000, nel 1998 i Giovani Imprenditori dell AIB contribuiscono, con la consapevolezza che tra le maggiori responsabilità dell imprenditore vi è quella di governare la comunicazione dei comportamenti aziendali con politiche adeguate, alla progettazione del ciclo di seminari denominato Comunicare l impresa: un percorso formativo che si prefi gge di orientare gli imprenditori a dosare le diverse discipline della comunicazione, utilizzandone a fondo le potenziali sinergie. Nel 1999 Confi ndustria Mantova e l Associazione degli Industriali di Cremona siglano con ISFOR 2000 due convenzioni che sanciscono l avvio di una serie di attività formative espressamente calibrate sulle esigenze delle imprese mantovane e cremonesi: intese che preludono all ingresso delle due organizzazioni confi ndustriali nel capitale di ISFOR Una tappa decisiva nel processo di consolidamento del ruolo di ISFOR 2000 come polo formativo d eccellenza dell intera Lombardia orientale. 005 Il 28 settembre 1999 si celebra il decennale dell istituto. Per l occasione ISFOR 2000 affi da all artista bresciano Tullio Cattaneo l incarico di realizzare una scultura in bronzo dedicata a Guido Carli, nell intento di ricordare l eminente fi gura - Governatore della Banca d Italia, presidente di Confi ndustria e Ministro del Tesoro - che dieci anni prima aveva partecipato, con interesse e attenzione, al primo convegno organizzato dall istituto. Cerimonia del decennale di ISFOR 2000

10 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI Il 13 dicembre 1999 la forte interazione tra un istituzione universitaria giovane, ma ormai collaudata e impegnata sul territorio come l Università degli Studi di Brescia, e un sistema di piccole e medie imprese ampio e articolato come quello della provincia di Brescia, porta alla costituzione della società consortile denominata Università & Impresa. L assetto societario comprende l Università degli Studi di Brescia quale partner di riferimento, la Camera di Commercio di Brescia, l Associazione Industriale Bresciana, ISFOR 2000, Apindustria Brescia, l Associazione Artigiani di Brescia, la Confartigianato Unione di Brescia e l Associazione bresciana della Confederazione Nazionale dell Artigianato. L obiettivo principale di Università & Impresa, nel quadro generale della prestazione di servizi di formazione d eccellenza post laurea e post esperienza, è quello di progettare e di realizzare un Master specifi camente orientato alle esigenze delle piccole e medie imprese. La sede legale di Università & Impresa è eletta presso l Università degli Studi di Brescia, mentre la sede operativa è quella di ISFOR : I MASTER DI UNIVERSITA & IMPRESA Nel 2000 ISFOR 2000 ottiene la Certifi cazione di Qualità UNI EN ISO 9001, che conferma l attestazione già ottenuta dall organismo indipendente internazionale Det Norske Veritas nell anno precedente. Il riconoscimento evidenzia e istituzionalizza lo sforzo dell istituto nell assicurare ai fruitori dei servizi formativi la realizzazione di corsi e seminari connotati da standard qualitativo elevato, costante e ripetibile. Riconoscimento ribadito negli anni successivi con la continuità pretesa dalla persistente erogazione di servizi formativi di eccellenza. Al fi ne di contribuire alla crescita equilibrata delle imprese commerciali e turistiche della provincia di Brescia, la Camera di Commercio di Brescia l Associazione Commercianti, la Confesercenti di Brescia, e ISFOR 2000 istituiscono la Scuola Superiore del Commercio e del Turismo per garantire un riferimento permanente nel campo della formazione professionale e manageriale diretta a tutti gli operatori commerciali e turistici. Dal 12 settembre 2000, data della sua presentazione, questo ramo di attività è destinato a coinvolgere migliaia di commercianti in azioni formative ad essi specifi camente dedicate. Presentazione della Scuola Superiore del Commercio e del Turismo Il 18 settembre 2000 prende il via la prima edizione del Master in Economia e Gestione della Piccola e Media Impresa. Un iniziativa grazie alla quale Università & Impresa si propone di offrire al sistema industriale bresciano una duplice opportunità: da un lato potenziare il contributo delle nuove generazioni di imprenditori, dall altro costituire un serbatoio di professionisti in grado di alimentare costantemente il fabbisogno manageriale. Con tale fi nalità, il Comitato scientifi co di Università & Impresa stabilisce che i modelli teorici e la realtà operativa si coniughino in modo equilibrato, evitando interpretazioni eccessivamente generali-

11 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI ste dell impresa: ne deriva un Master che intende assicurare un persistente richiamo alla concezione unitaria del sistema aziendale, cruciale nelle imprese di piccole dimensioni, valorizzando i tratti culturali che ne decretano il successo. A differenza di tutte le altre iniziative di Master proposte in campo nazionale, rivolte esclusivamente a laureati, si conviene di aprire il corso anche a non laureati, ma portatori di significative esperienze lavorative. I partecipanti alla prima edizione del Master PMI La progettazione del piano formativo denominato L attuazione efficace delle politiche di governance negli enti locali della provincia di Brescia consente a ISFOR 2000 di ottenerne il finanziamento da parte della Regione Lombardia attraverso il Fondo Sociale Europeo. Il progetto, che coinvolge migliaia di dipendenti pubblici, è patrocinato dalla Provincia di Brescia, dall Associazione Nazionale Professionale dei Segretari Comunali e Provinciali G. Vighenzi, dall Associazione Comuni Bresciani e dalle organizzazioni sindacali bresciane. ISFOR 2000 è accreditata sia dall AICA - Associazione Italiana per l informatica ed il Calcolo Automatico - quale Test Center ECDL autorizzato all erogazione di prove d esame finalizzate al rilascio della Patente Europea per l utilizzo del computer, sia dal Ministero della Sanità quale ente abilitato a progettare ed erogare seminari di formazione destinati agli Ottici interessati ad acquisire crediti riconosciuti dalla Commissione Nazionale per l Educazione Continua in Medicina. 007 Tra il 2001 e il 2002, a seguito di un operazione di aumento di capitale, la compagine societaria di ISFOR 2000 si amplia notevolmente con l ingresso di oltre 80 imprese, di altre organizzazioni imprenditoriali, di banche, di istituzioni e aziende pubbliche, di associazioni professionali e di istituti scolastici. Continua l attività formativa di Università & Impresa: l 8 aprile 2002, infatti, inizia la 2^ edizione del Master in Economia e Gestione della Piccola e Media Impresa. I partecipanti alla seconda edizione del Master PMI Il 12 luglio 2002 ISFOR 2000 ottiene l accreditamento presso la Regione Lombardia, quale ente di formazione atto a organizzare ed erogare servizi di formazione continua, superiore e di orientamento finanziati con risorse pubbliche, possedendo tutti i requisiti strutturali, organizzativi ed economico-finanziari richiesti.

12 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI Nel 2003 si svolge il ciclo di seminari destinato ai Giovani Imprenditori sul tema Opportunità e fatiche della convivenza generazionale nell azienda di famiglia. Nel corso si affrontano le criticità che preludono al passaggio delle responsabilità imprenditoriali, proponendo le modalità relazionali utili alla migliore convivenza nell azienda famigliare, anche attraverso una straordinaria attività di counseling individuale. Il panorama degli interventi in campo manageriale e imprenditoriale si arricchisce, il 5 maggio 2003, con l avvio della 3^ edizione del Master in Economia e Gestione della Piccola e Media Impresa. I partecipanti alla terza edizione del Master PMI Con il piano formativo denominato Nuove competenze per nuova competitività nelle aziende della Lombardia orientale, nel 2004 si consolida l alleanza strategica in campo formativo con le organizzazioni confindustriali di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova. Finanziato dal Fondo Sociale Europeo, e guidato da ISFOR 2000, il grande progetto formativo ottiene la condivisione delle organizzazioni sindacali delle quattro province. Il patto d azione comune si conferma e si consolida con la successiva proposta territoriale denominata Lo sviluppo locale per la competizione globale: conoscenze, competenze e strumenti finanziata ai sensi della Legge 236/93. Si tratta di un ampia e articolata proposta di interventi formativi volta a soddisfare i più urgenti fabbisogni professionali del tessuto produttivo bresciano e lombardo-orientale. 008 Il diffuso apprezzamento nei riguardi del Master in Economia e Gestione della Piccola e Media Impresa sollecita l interesse di altre categorie economiche: il consorzio Università & Impresa potenzia così il proprio contributo in favore della Comunità economica bresciana, promuovendo tre Master post esperienziali. Il 16 febbraio 2004 si avvia il Master in Economia e Gestione dei Servizi Turisticoalberghieri, patrocinato dalle organizzazioni imprenditoriali del turismo, che si propone di fornire ai partecipanti, titolari d albergo e di altre strutture ricettive, gli strumenti professionali e manageriali indispensabili per realizzare una gestione ottimale e profittevole in un ottica moderna e aperta al mercato. I partecipanti al Master turistico-alberghiero Il 1 giugno 2004 si avvia la 1^ edizione del Master in Economia e Gestione Immobiliare, con il coinvolgimento di tutte le associazioni imprenditoriali e professionali di settore, finalizzato a erogare conoscenze e competenze d eccellenza in campo immobiliare, funzionali alla valorizzazione dei patrimoni edilizi privati e all efficiente funzionamento del mercato nel quadro dei più moderni criteri organizzativi e gestionali. Apertura del corso e gruppo dei partecipanti al Master immobiliare

13 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI Dopo aver consolidato una significativa esperienza nella progettazione e nella gestione di Master post esperienza, il consorzio Università & Impresa inaugura la prima attività destinata esclusivamente a laureati con un percorso formativo realizzato con la collaborazione dell Istituto nazionale per il Commercio Estero: il Master in Internazionalizzazione della Piccola e Media Impresa. Destinato a laureati in discipline tecnico-scientifiche e a figli di imprenditori laureati già inseriti nell azienda di famiglia, il Master full time, aperto il 15 novembre 2004, si propone di formare esperti polivalenti in grado di favorire i processi di cooperazione industriale all estero nei settori industriali connotati da spiccata innovazione tecnologica. Apertura del corso, il gruppo dei partecipanti e la cerimonia di chiusura del Master sull internazionalizzazione : L AVVENTO DI FONDIMPRESA La condivisione formale e sostanziale dei progetti formativi territoriali realizzati da ISFOR 2000 da parte delle Parti Sociali della Lombardia orientale - Associazione Industriale Bresciana, Associazione Industriali di Cremona, Confindustria Bergamo, Confindustria Mantova, CGIL, CISL e UIL di Brescia, Valcamonica-Sebino, Bergamo, Cremona e Mantova - si amplia e si potenzia con l avvento del fondo interprofessionale Fondimpresa. La valorizzazione delle disponibilità di tale fondo si concretizza in un accordo quadro interprovinciale, che a sua volta genera protocolli d intesa regolanti le attività di un Comitato Paritetico di Pilotaggio impegnato nella guida strategica, nel monitoraggio e nel controllo delle proposte formative destinate alle imprese e ai lavoratori della Lombardia orientale. 009 Nell ambito delle disponibilità del fondo interprofessionale Fondirigenti, ISFOR 2000 assume il ruolo di capofila dei progetti formativi destinati ai dirigenti industriali sulla base di un intesa politico-programmatica stabilita dalle organizzazioni imprenditoriali della Lombardia orientale e da Federmanager. Con il patrocinio e la cooperazione dell Ordine dei Giornalisti della Lombardia, ISFOR 2000 promuove due edizioni consecutive del corso propedeutico all iscrizione nell elenco Pubblicisti dell Albo dei Giornalisti, che coinvolgono oltre 60 operatori della comunicazione impegnati in aziende e in istituzioni di Brescia e della Lombardia orientale. Apertura della prima edizione del corso per aspiranti giornalisti

14 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI Entrano nel capitale dell istituto sia l Università degli Studi di Brescia, sia l Università Cattolica del Sacro Cuore: partecipazioni che riconoscono non solo l importanza del ruolo svolto da ISFOR 2000, ma anche l intensità e il livello delle collaborazioni consolidatesi in favore della Comunità bresciana. Il 20 settembre e il 7 novembre 2005 iniziano rispettivamente la 4^ edizione del Master in Economia e Gestione della Piccola e Media Impresa e la 2^ edizione del Master in Economia e Gestione Immobiliare. Apertura del corso e gruppo dei partecipanti alla quarta edizione del Master PMI 010 Apertura del corso e gruppo dei partecipanti alla seconda edizione del Master immobiliare Grazie al coordinamento svolto dalla Provincia di Brescia - che coinvolge l Università degli studi di Brescia, l Università Cattolica del Sacro Cuore, la Camera di Commercio e l Ufficio Scolastico Provinciale di Brescia - nel 2006 si costituisce il Polo Formativo Territoriale per l attuazione del progetto sostenuto dalla Regione Lombardia denominato Innovazione tecnologica e internazionalizzazione per la competitività delle piccole e medie imprese manifatturiere della provincia di Brescia. La principale finalità del Polo, guidato da ISFOR 2000, è di promuovere l aggregazione di competenze degli attori accademici e scolastici della provincia di Brescia, valorizzandone le specificità, al fine di favorire la sinergia progettuale orientata ad elaborare piani formativi propedeutici all inserimento qualificato dei giovani nel mondo del lavoro. In attuazione del modello formativo sperimentale dell Alta Formazione in Apprendistato, nel 2006 Università & Impresa e l Università degli Studi di Brescia cooperano per favorire la programmazione di un innovativo Master universitario. La particolare soluzione formativa, che prevede l assunzione a termine dei partecipanti presso imprese industriali nel periodo di svolgimento del Master, è resa possibile dall intesa raggiunta tra le Parti Sociali della provincia di Brescia volta a regolamentare sia le condizioni di lavoro, sia la frequenza al corso inne-

15 ISFOR 2000 LA FORMAZIONE D ECCELLENZA COMPIE 25 ANNI stato sull esperienza aziendale. La convinta collaborazione delle rappresentanze datoriali e sindacali consente al consorzio di realizzare un Master universitario di 2 livello in Gestione dei Progetti di Internazionalizzazione Produttiva, che si propone di formare professionisti in grado di coordinare le varie aree della gestione aziendale interessate ai progetti di globalizzazione produttiva e commerciale. 7 febbraio 2006: presentazione del Master alle Parti Sociali 19 aprile 2006: apertura del Master all Università di Brescia Nel 2007 la cooperazione con l Associazione Industriale Bresciana si concentra nell elaborazione di progetti speciali per conto del Servizio Eco 90, con il quale, d intesa con i sindacati bresciani, si attivano numerosi interventi formativi destinati ai rappresentanti dei lavoratori in tema di sicurezza. Inoltre, grazie ad un accordo con la Camera di Commercio di Brescia e con l Azienda Sanitaria Locale di Brescia, il servizio Eco 90 affida a ISFOR 2000 la progettazione e la realizzazione dell intervento formativo Risk & Crisis Management: come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia. 011 Il 19 marzo e il 10 maggio 2007 iniziano rispettivamente la 5^ edizione del Master in Economia e Gestione della Piccola e Media Impresa e la 1^ edizione del Master in Economia e Gestione delle Cooperative e Imprese Sociali. Apertura del corso e gruppo dei partecipanti alla quinta edizione del Master PMI Il Master destinato ai responsabili di imprese sociali, progettato insieme a Koinòn, ente di formazione e studi di Confcooperative Brescia, intende concorrere alla formazione di competenze d eccellenza nel campo dell imprenditoria e della cooperazione sociale. Il Master, il cui impianto formativo contempera la funzione sociale con l efficienza economica, ottiene il riconoscimento e la condivisione da parte di tutte le rappresentanze istituzionali del Terzo Settore della provincia di Brescia.

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Evento annuale dei Confidi Siciliani. Confidi Day 2014 ABBAZIA SANTA ANASTASIA CASTELBUONO (PALERMO) 15 OTTOBRE 2014

Evento annuale dei Confidi Siciliani. Confidi Day 2014 ABBAZIA SANTA ANASTASIA CASTELBUONO (PALERMO) 15 OTTOBRE 2014 Evento annuale dei Confidi Siciliani Confidi Day 2014 ABBAZIA SANTA ANASTASIA CASTELBUONO (PALERMO) 15 OTTOBRE 2014 Un ruolo maggiore nella filiera del credito per la sostenibilità del sistema dei Confidi

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli