Capitolo 11: Stimolanti del Sistema Nervoso Centrale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 11: Stimolanti del Sistema Nervoso Centrale"

Transcript

1 Capitolo 11: Stimolanti del Sistema Nervoso Centrale Slides 1-53 La stimolazione del S.N.C. si può esprimere con una gamma di manifestazioni comportamentali come: a) aumento della vigilanza b) irritabilità c) ansia d) convulsioni L intensità della stimolazione del S.N.C. sembra dipendere soprattutto dalla area cerebrale principalmente interessata e dal meccanismo molecolare responsabile dell aumento di eccitabilità. L ipereccitabilità deriva dall alterazione di un equilibrio tra stimoli eccitatori ed inibitori normalmente esistente nel S.N.C. Le basi molecolari e cellulari della stimolazione del S.N.C. risiedono in una regolazione dell integrazione di influenze eccitatorie ed inibitorie a livello di singolo neurone. Un agente può indurre stimolazione del S.N.C. con uno o più meccanismi associati 1) potenziamento della neurotrasmissione eccitatoria 2) diminuzione o antagonismo della trasmissione inibitoria 3) controllo presinaptico del rilascio del neurotrasmettitore 1

2 PSICOSTIMOLANTI (NO6B) SIMPATICOMIMETICI Amfetamina Catina Metamfetamina Metilfenidato MDMA (Ecstasy) e composti correlati Cocaina DERIVATI XANTINICI Caffeina Fenetillina VARI Derivati del cannabinolo Indoli allucinogeni LSD 2

3 PSICOSTIMOLANTI: simpaticomimetici CH 2 CH NH 2 OH CH CH NH 2 Amfetamina Catina (antiobesità) O O CH 2 CH NH MDMA (Ecstasi) metilendiossimetamfetamina COO CH HN Metilfedidato 3

4 Simpaticomimetici I composti di questo gruppo, spesso chiamati anche ammine stimolanti, derivano dalle catecolamine. Pur mostrando la tipica azione simpaticomimetica delle catecolammine, se ne differenziano per la durata d'azione più prolungata e per l'azione centrale più intensa. Queste due ultime proprietà sono dovute all'aumento della loro stabilità nei confronti degli enzimi e ad un incremento del carattere lipofilo collegato all'assenza di gruppi ossidrilici nella loro struttura chimica. L'amfetamina viene utilizzata come psicoanalettico, anoressante ed anche come analettico in caso di intossicazione da farmaci deprimenti. I piacevoli effetti a livello psichico (euforia, elevato senso di fiducia in se stessi e potenziamento delle capacità lavorative) possono portare ad abuso. La forma destrogira, dexamfetamina, ha un'attività stimolante centrale 3 o 4 volte più grande della forma levogira e un'azione simpaticomimetica più debole. La metamfetamina sembra avere un effetto stimolante centrale maggiore dell'amfetamina stessa. 4

5 L'amfetamina è un potente stimolante del SNC utilizzato per anni dagli sportivi come "energetico", in medicina viene utilizzata come psicoanalettico, anoressante ed anche come analettico in caso di intossicazione da farmaci deprimenti. I piacevoli effetti a livello psichico (euforia, elevato senso di fiducia in se stessi e potenziamento delle capacità lavorative) possono portare ad abuso. Possiede una potente azione antifatica, aumenta la concentrazione, non migliora la potenza aerobica e anaerobica, migliora la resistenza e la tolleranza allo sforzo. Nello sport si cominciò ad impiegarla perché produceva uno stato di iperattività, con aumento delle capacità ideative, miglioramento del tono dell'umore, riduzione della percezione della stanchezza, il soggetto diviene capace di un lavoro quantitativamente molto maggiore, anche se spesso questo lavoro qualitativamente è più scadente. Sebbene migliori la capacita di svolgere compiti la destrezza può peggiorare. Quando è necessario uno sforzo intenso e di breve durata, come nelle competizioni atletiche, l'amfetamina può migliorare la prestazione, nonostante il possibile peggioramento della destrezza e della capacità motoria. Comunque, l uso di amfetamina e derivati porta ad allucinazioni, stato di malessere e bulimia. 5

6 CH 2 CH NH 2 Amfetamina HO Metabolismo dell'amfetamina CH 2 CH NH 2 L'amfetamina è assorbita molto rapidamente ed ha un'emivita di circa 7 ore. Normalmente, il 20-30% della sostanza stupefacente è escreta come tale con le urine, mentre la maggior parte viene metabolizzata con processi di deaminazione, ossidazione e idrossilazione. In particolare l amfetamina può essere idrossilata sull'anello aromatico per dare p-idrossianfetamina o sulla catena alifatica per dare la norefedrina. La deaminazione ossidativa dell'amfetamina porta al fenilacetone che viene ulteriormente ossidato ad acido benzoico, il quale viene eliminato con le urine come tale o coniugato con la glicina ed eliminato come acido ippurico. CH OH CH NH 2 CH 2 C p-idrossiamfetamina Norefedrina Fenilacetone O C NH CH 2 O Acido ippurico COOH COOH 6

7 Derivati sintetici dell'amfetamina I derivati sintetici dell'amfetamina che si possono classificare ad azione allucinogena comprendono quelli che portano sul nucleo benzenico almeno un gruppo metossilico e quelli che mostrano sempre sul nucleo benzenico, in posizione 3, 4 rispetto alla catena laterale, un gruppo metilendiossolico. I principali derivati sono mostrati nella figura successiva La D.O.M. è un derivato amfetaminico che viene chiamata S.T.P. dalle iniziali serenità, tranquillità e pace. Questa molecola, che causa euforia ed è un potente allucinogeno, è stata rilevata dai chimici della Food and Drug Administration fra i costituenti di una miscela di varie sostanze, denominata appunto S.T.P. Attualmente la S.T.P. è sinonimo del termine D.O.M. Il D.O.B. è un allucinogeno particolarmente potente dotato di un effetto superiore del composto di riferimento D.M.A. I derivati metilendiossilici sono stati sintetizzati fin dal 1914 (M.D.M.A.) come anoressozzanti e solo in seguito è stata evidenziata la loro azione allucinogena. 7

8 H 3 CO CH 2 CH NH 2 para-metossiamfetamina o P.M.A. H 3 CO CH 2 CH NH 2 O 2,5-dimetossiamfetamina o D.M.A. H 3 CO Br CH 2 CH NH 2 O 2-amino-1-(2,5)dimetossi-4-metilfinilpropano o S.T.P. o D.O.M. 2,5-dimetossi-4-bromoamfetamina o D.O.B O O CH 2 CH NH 3,4-metilendiossimetanfetamina o M.D.M.A. o Ecstasi o Adam 8

9 REALAZIONI STRUTTURA ATTIVITA D R CH 2 CH NH 2 B A Posizione E C Attività di tipo amfetaminico Attività di tipo DOM A: Ammine terminali N-Metile>NH 2 >NHR>NR 2 NH 2 >NHR>NR 2 B: centro chirale S(+)> (±) > R(-) R(-) > (±) > S(+) C: Gruppo a-metilico L omogolazione < la potenza La sotituzione con H < la potenza L omogolazione < la potenza La sotituzione con H < la potenza D: Posizione b b-oh < potenza E: Sostituzione aromatica b =O Mantiene attività Preferito l aromatico non sotituito b-oh non studiata b =O non studiata Preferita la 2,5 dimetossi sostituzione. La sostituzione in 4 modula l attività 9

10 1. Narcolessia UTILIZZO CLINICO DELLE AMFETAMINE 2. Sindrome ipercinetica del bambino detta anche sindrome da deficit di attenzione/iperattività (ADHD). Il metilfenidato è il farmaco più usato a dosi minori rispetto a quelle che danno euforia e altri effetti collaterali. Alterazioni nella via della dopamina sembrano essere coinvolte nell ADHD. 3. Non sono più utilizzate come farmaci anoressizzanti perché aumentano l ipertensione polmonare (fenfluramina). UTILIZZO NON CLINICO DELLE AMFETAMINE 1. Aumento delle prestazioni fisiche e mentali 2. Diminuzione della coscienza della fatica 3. Esaltazione dell ideazione e della gratificazione con aumento dell autostima 4. Innalzamento del tono dell umore 10

11 Meccanismo d azione delle amfetamine Gli effetti dell amfetamina sono dovuti al release di catecolamine (dopamina e noradrenalina) dalle terminazioni nervose. L aumento del release delle catecolamine è conseguenza delle seguenti azioni dell amfetamina: 1) inibizione del trasportatore vescicolare (vesicular carrier) 2) inibizione delle monoamminossidasi (MAO) 3) inversione della direzione di trasporto del carrier di membrana 4) blocco del reuptake delle catecolamine 11

12 Meccanismo d azione delle amfetamine 1) Il blocco del carrier vescicolare impedisce che la DA venga immagazzinata nelle vescicole 2) La DA si accumula nel citoplasma del neurone anche perché le MAO sono bloccate 3) Nella membrana del neurone è presente un carrier che normalmente trasporta DA dallo spazio sinaptico al citoplasma (reuptake mechanism) da dove viene poi immagazzinata nelle vescicole 4) Quando la concentrazione di DA nel citoplasma è superiore a quella nello spazio sinaptico il carrier di membrana inverte la sua direzione di trasporto: la DA è trasportata dal citoplasma allo spazio sinaptico Gli effetti comportamentali dell amfetamina sono mediati dalla DA liberata dalla terminazione nervosa 12

13 13

14 14

15 Metilen diossi metamfetamina: MDMA ( Ecstasy ) O O CH 2 CH NH Questa molecola fu scoperta in Germania nel 1912 dai ricercatori della MERCK e brevettata nel 1914 come anoressizzante. Nel 1985 l MDMA è diventata popolare come droga ricreativa e si è diffusa con vari nomi fra cui ECSTASY. 15

16 16

17 17

18 18

19 MDMA: meccanismo d azione a) L MDMA blocca il carrier vescicolare che trasporta la serotonina entro le vescicole b) La serotonina si accumula nel citoplasma e si ha un inversione del trasporto della serotonina da parte del carrier di membrana c) Si ha pertanto un aumento del release di serotonina, un blocco del suo reuptake ed un blocco delle MAO Gli effetti gratificanti dell MDMA sono mediati dalla serotonina liberata dalle terminazioni nervose ed hanno la durata di qualche ora. Dopo l iniziale effetto stimolante dovuto alla liberazione di serotonina, l MDMA provoca l effetto opposto: il blocco della sintesi di serotonina che avviene per inibizione della triptofano idrossilasi (TRH). 19

20 La triptofano idrossilasi, l enzima deputato alla sintesi di serotonina, viene inibita attraverso diversi meccanismi: a) L accumulo di serotonina nel citoplasma esercita un meccanismo di feedback negativo b) L MDMA viene ossidato nei neuroni in un composto altamente reattivo, un chinoide, che si lega alla triptofano-idrossilasi in maniera irreversibile O MDMA: meccanismo d azione O CH 2 CH NH Chinoide c) Nei processi di ossidoriduzione dell MDMA si formerebbero radicali liberi che inattivano la triptofano-idrossilasi e sarebbero anche responsabili della neurotossicità attraverso modificazioni irreversibili delle proteine e dei lipidi della terminazione nervosa 20

21 21

22 22

23 Xantine Tra le metilxantine presenti in molte piante (caffè, thè, cacao) solo la caffeina presenta una marcata attività psicoanalettica. Infatti la teofillina mostra scarso effetto stimolante centrale e la teobromina ne è del tutto priva O R 3 R 1 N N O N R 2 N Caffeina Teofillina Teobromina R 1 R 2 R 3 H H 23

24 CAFFEINA La caffeina è il composto psicoattivo più usato nel mondo. Fin dagli inizi degli anni 70 la caffeina era considerata un composto sicuro. Oggi invece si sa che la caffeina ha azioni farmacologiche ben definite e si parla di caffeinismo in caso di uso smodato sia acuto che cronico. Il caffè, che è la più importante risorsa di caffeina, viene estratto dal frutto della Coffea Arabica e anche della Coffea Canephora o Robusta La caffeina come stimolante corticale e bulbare, a forte dosi anche spinale, è la più attiva delle xantine, mentre la teobromina è l alcaloide meno potente del gruppo. La stimolazione bulbare, ottenuta con forti dosi di questi alcaloidi, causa un aumento della velocità e profondità degli atti respiratori, ma in misura meno significativa di quella prodotta dagli analettici. Le xantine stimolano anche il centro vasomotore bulbare con frequente aumento delle resistenze periferiche e della pressione arteriosa 24

25 A dosaggi normali (una tazza di caffè contiene circa mg di caffeina) viene stimolata soprattutto la corteccia cerebrale. Negli stati di affaticamento vengono eliminati i segni di stanchezza e viene incrementata l'attività psichica. A dosi più elevate (iniezione di quantitativi pari o superiori a 0.5 g) viene stimolato anche il centro respiratorio e quello vasomotorio. Gli effetti delle xantine possono essere ricondotti a due meccanismi principali: Inibizione della fosfodiesterasi Antagonismo del recettore adenosinico. Dalla teofillina si ottengono, per alchilazione, la caffeina e altri derivati tra cui la fenetillina, utilizzato come psicotonico. O H 3 C O N O N H N N O O CH 2 OH ( O) 2 SO 2 etofillina proxifillina diprofillina caffeina H 3 C O N O N N N 25

26 26

27 27

28 Effetti farmacologici delle xantine Organi o tessuti Sistema nervoso centrale Corteccia Midollo Cuore Muscolatura liscia Vasi Bronchioli Muscolatura scheletrica Reni Tratto gastrointestinale Effetto Euforia, lieve stimolazione Aumento della frequenza respiratoria e vagale Aumento della frequenza e della gettata Vasodilatazione periferica Vasodilatazione centrale Dilatazione Stimolazione Diuresi Aumento secrezioni e metabolismo 28

29 29

30 30

31 31

32 Cocaina N COO OOCC 6 H 5 Esistono otto possibili forme stereoisomere del metil-3-(benzilossi)-8-metilazabiciclo[3,2,1]ottan-2-carbossilato di cui uno, R-cocaina, è chiamata semplicemente cocaina. La cocaina è un estere tra l acido benzoico e la metilecgonina. Chimicamente, la cocaina è nota come 2R-carbometossi-3S-benzilossi-1Rtropano. H 32

33 La cocaina cloridrato è la forma farmaceutica usata come anestetico locale e abusata dai tossicomani per via nasale e/o endovena. Dalla ebollizione della cocaina cloridrato in ambiente alcalino (bicarbonato; baking-soda) si libera la cocaina base che può essere estratta con etere (free-base) o, più semplicemente, raccolta come una pasta al termine della evaporazione dell acqua. La cocaina base, conosciuta come crack (per il caratteristico rumore prodotto dalla sublimazione dei cristalli durante il fumo), può essere fumata raggiungendo tassi ematici più elevati e più rapidi rispetto all uso intranasale del cloridrato. 33

34 La cocaina da strada è sempre adulterata: mannitolo, lattosio, glucosio, inositolo, lidocaina, procaina, tetracaina, amfetamina, fenciclidina, eroina. L uso endovenoso di cocaina è spesso associato alla contemporanea somministrazione di eroina ( speed-ball ). La combinazione delle due sostanze ha un fortissimo potere tossicomanigeno e dà origine a fenomeni di dipendenza molto gravi. L associazione più frequente è: cocaina e bevande alcoliche. La ragione è duplice: da un lato, le due sostanze controbilanciano i rispettivi effetti eccitatori e depressivi, dall altro, in presenza di etanolo la cocaina è metabolizzata in cocaetilene, un composto ad azione simile a quella della cocaina, ma con una più lunga durata d azione. 34

35 A livello centrale la cocaina provoca alterazioni nella trasmissione sinaptica sia noradrenergica che dopaminergica. Azione psicostimolante: liberazione di dopamina dai terminali sinaptici provenienti dal VTA (area tegmentale ventrale) a livello del sistema limbico in particolare nel nucleus accumbens. Azione euforigena: la cocaina induce acutamente un repentino senso di euforia che, dipendente dalla dose, dalla via di somministrazione, dallo stato di tolleranza individuale, dura tra pochi secondi e vari minuti. L euforia è associata a senso di sicurezza, seguita da diminuzione dell umore con insorgenza di lieve stato ansioso. L alternanza degli stati euforici ed ansiosi porta alla modalità d uso detta binge caratterizzata da un uso ripetuto a brevi intervalli di tempo fino ad esaurimento della droga. 35

36 36

37 Meccanismo d azione della cocaina L azione sinaptica della cocaina è conseguente al blocco della riassunzione di alcuni neurotrasmettitori a livello delle sinapsi del sistema nervoso. Quando a livello della terminazione nervosa (a) le molecole di neurotrasmettitore vengono liberate dalle vescicole, esse attraversano la fessura sinaptica e stimolano le cellule nervose successive. Di regola, una parte delle molecole di neurotrasmettitore che si trovano nella fessura sinaptica viene ri-pompata verso il neurone che le ha liberate (reuptake). In presenza di cocaina (b) la pompa di riassunzione viene bloccata e l azione stimolatrice delle molecole di neurotrasmettitore aumenta con l aumento della concentrazione nella fessura sinaptica. 37

38 ALLUCINOGENI NON CLASSICI CANNABINOIDI Della marijuana o pianta Cannabis esistono tre principali piante: Cannabis sativa, Cannabis indica e Cannabis ruderalis. Il cannabinoide che è stato identificato come responsabile primario degli effetti psicoattivi della cannabis è il D 9 -tetraidrocannabinolo (THC) Le droghe principali ottenute dalla canapa indiana sono: MARIJUANA (Infiorescenze, foglie seccate) THC 0,5-14% HASHISH (Resina di cannabis e fiori pressati) THC 2-20% OLIO DI HASHISH THC 15-50% 38

39 D 9 -TETRAHYDROCANNABINOL (THC) 39

40 Cannabinoidi naturali OH OH H 3 C H 3 C O D-9-THC H 3 C H 3 C O D-8-THC OH OH H 2 C H 3 C HO Cannabidiolo H 3 C H 3 C O Cannabinolo 40

41 Cannabinoidi I cannabinoidi hanno effetti diversi sul cervello tra cui è preminente l azione sui recettori cannabinoidi CB1 e CB2, scoperti nel 1990 e I ligandi endogeni per questi recettori si comportano come neurotrasmettitori. Quello degli endocannabinoidi costituisce un sistema di neurotrasmissione in grado di regolare l eccitabilità neuronale mediante interazioni con le trasmissioni GABA-ergica, serotonergica, glutamatergica e dopaminergica. Esercitano un ruolo regolatorio su diversi sistemi come il centro del vomito, modulano l'appetito (è stato recentemente evidenziato da un significativo aumento dei livelli di endocannabinoidi in modelli animali di obesità) Sembrano possedere attività analgesica (interazioni sinergiche con il sistema degli oppiodi endogeni) Inducono rilassatezza, piacevole senso di euforia, lieve compromissione cognitiva No marcata dipendenza fisica e sindrome da sospensione 41

42 ENDOCANNABINOIDI O C NH CH 2 CH 2 OH ANANDAMIDE N-Arachidonoiletanolamide (1992) 2AG (1995) 42

43 I recettori CB1 e CB2 sono accoppiati ad una proteina G e sono a sette domini transmembrana. I recettori CB1 mediano gli effetti psicoattivi del THC e sono localizzati soprattutto nel cervello, mentre i recettori CB2 sono coinvolti nell attività immunomodulatoria e sono localizzati in periferia. Distribuzione del recettore CB1 cannabinoide hippocampus cortex cerebellum caudatus putamen mesencephalon substantia nigra globus pallidus BASAL GANGLIA 43

44 Cannabis. Applicazioni terapeutiche Antiemetico: chemioterapia antineoplastica Prevalgono gli studi su una somministrazione per via orale: THC (5-15 mg/m2), Dronabinol (THC), nabilone Efficace per il trattamento del vomito lieve-moderato. Non esistono studi comparativi con gli antagonisti 5-HT-3 Nelle sindromi anoressiche e nella cachessia: stimolante dell appetito Dolore Disordini movimento, glaucoma e asma Altre applicazioni in fase di studio 44

45 ALLUCINOGENI CLASSICI Gli allucinogeni classici si legano al recettore 5-HT 2 della serotonina. Ci sono due classiche categorie di allucinogeni arilalchilaminici: Indoalchilammine (IAA) Fenilalchilammine (PAA) Le indoalchiammine sono ulteriormente suddivise in: Triptamine-N-sostituite α-alchiltriptamine ergoline β-carboline 45

46 Indoalchilammine Uno degli allucinogeni più conosciuto è la N,N-dimetiltriptamina (DMT) che è considerata il prototipo di questa classe. La DMT è un composto di origine naturale che può essere facilmente preparata per sintesi in laboratorio. Non è attiva per somministrazione orale in quanto viene degradata nelle condizioni acide dello stomaco, viene generalmente somministrata per inalazione o attraverso fumo. N N H DMT La N-monometiltriptamina e l ammina primaria della triptamina sono inattive come agenti psicoattivi in quanto non sono sufficientemente lipofili per attraversare la barriera ematoencefalica. 46

47 a-alchiltriptamine Come detto precedentemente la triptamina non è un agente psicoattivo; l introduzione di un gruppo a-metilico (a-metiltriptamina) aumenta la lipofilia e la protegge sufficientemente dal metabolismo rendendola due volte più potente del DMT H N H N H a-metiltriptamina L inserimento del metile produce un carbonio asimmetrico, l isomero S (+) è più potente del corrispondente enantiomero R (-) 47

48 Ergoline e dietilammide dell acido lisergico L'acido lisergico è la componente base di numerosi alcaloidi quali l'ergonovina. Si trova nel micelio di un fungo ascomicete noto come Claviceps purpurea (o "Segale Cornuta"), la cui forma di conservazione, lo sclerozio, ricorda una "clavetta". La dietilammide dell acido (+) lisergico (LSD) è forse il più conosciuto ed uno dei più potenti degli allucinogeni classici. LSD non è presente in natura mentre molte ergoline correlate lo sono. N O N H LSD N H 48

49 Fu prodotto per la prima volta da Albert Hofmann (Sandoz,compagnia farmaceutica svizzera) LSD Effetti dell LSD sul Sistema Nervoso: Alterazioni percettive Allucinazioni Distorsione del tempo e dello spazio I soggetti sono calmi, passivi Incapacità di esprimere pensieri concreti L LSD ha una struttura simile a quella della serotonina ed interagisce con i recettori serotoninergici 49

50 Meccanismo di azione Agisce sui recettori serotoninergici 5HT 2A, a causa della sua somiglianza strutturale con la serotonina Sono presenti principalmente nella corteccia cerebrale ed in altre zone cerebrali come : bulbo e tubercolo olfattorio, nucleus accumbens, nucleus tractus solitarius La corteccia cerebrale, fortemente implicata nella modulazione degli stati umorali, cognitivi e percettivi, insieme al locus coeruleus, deputato alla percezione e al riconoscimento degli stimoli esterni, sono le principali regioni in cui agiscono gli allucinogeni attraverso la stimolazione dei recettori 5HT 2A O CH N 3 N H HO LSD H N H N H N H Serotonina 50

51 b-carboline Le beta carboline rappresentano una classe di agenti riferita agli alcaloidi dell armala. Gli alcaloidi armalinici furono inizialmente ritrovati nei semi della ruta siriaca (Peganum harmala), dove l'armalina è tipicamente l'alcaloide più abbondante, con concentrazioni variabili di armina e solo quantità in tracce di THH (Holmstedt, 1982). Le preparazioni di origine vegetale sono generalmente miscele contenenti la DMT o la 5-OMe- DMT. Alcune b-carboline possiedono attività anti MAO. L attività MAO-inibitoria può potenziare l effetto degli allucinogeni a struttura dopaminergica. Le tre b-carboline più conosciute sono l armina, la armalina e la tetraidroarmina. H 3 CO Armina N H N H 3 CO H 3 CO NH N CH H 3 Tetraidroarmina (THH) N H Armalina N 51

52 Fenilalchilammine Le feniletilammine e le fenilisoproilammine rappresentano il gruppo più numeroso degli allucinogeni classici. Le fenietilammine sono a-desmetil derivati delle fenilisopropilammine. La presenza del gruppo metilico in a aumenta la lipofilia del composto e riduce la sua sensibilità metabolica alle MAO. Come conseguenza le feniletilammine producono effetti quantitativamente simili alle fenilisopropilammine pur essendo meno attive. Il composto più conosciuto tra le feniletilammine è la mescalina. La mescalina (3,4,5-trimetossi-ß-fenetilammina) è un alcaloide contenuto principalmente nel peyote (Lophophora Williamsii), pianta succulenta appartenente alla famiglia delle cactacee, originaria del deserto del Messico e usata per scopi stupefacenti in riti sciamanici dai nativi americani. La mescalina, il principale agente allucinogeno della pianta, viene isolata nel 1897 dal chimico tedesco Arthur Heffter e sintetizzata nel 1919 da Ernst Spath. H 3 CO NH 2 H 3 CO O mescalina 52

53 Le modificazioni strutturali della mescalina e delle sostanze ad essa correlate ottenute introducendo un gruppo metilico in a ed eliminando i gruppi metossilici o cambiandone posizione danno luogo ad una serie di composti conosciuti come fenilisopropilammine. Alcuni esempi sono i seguenti: O OMA NH 2 H 3 CO NH 2 MMA NH 2 H 3 CO PMA 53

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

d r o g h e sintetiche

d r o g h e sintetiche ministero DELL INTERNO Dipartimento della Pubblica Sicurezza Direzione Centrale per i Servizi Antidroga d r o g h e sintetiche e d emergenti PRESENTAZIONE La Direzione Centrale per i Servizi Antidroga

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014 RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014 Uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia Dati relativi all anno 2013 e primo semestre 2014 - elaborazioni 2014 INDICE 1. CONSUMO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 36 Disposizioni urgenti in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, di

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Che cosa è l ansia: basi biologiche e correlazioni cliniche

Che cosa è l ansia: basi biologiche e correlazioni cliniche Serie Editoriale Società Italiana di Medicina Generale Che cosa è l ansia: basi biologiche e correlazioni cliniche Riccardo Torta, Paola Caldera Psicologia Clinica e Oncologica, Università di Torino Prefazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

AZIENDA USL 2 LUCCA. Effetti delle Sostanze Permanenza nell organismo. Dott.ssa. Ellena Pioli Responsabile U.F. SerT Lucca Lucca, marzo 2009

AZIENDA USL 2 LUCCA. Effetti delle Sostanze Permanenza nell organismo. Dott.ssa. Ellena Pioli Responsabile U.F. SerT Lucca Lucca, marzo 2009 AZIENDA USL 2 LUCCA Effetti delle Sostanze Permanenza nell organismo Dott.ssa. Ellena Pioli Responsabile U.F. SerT Lucca Lucca, marzo 2009 Introduzione Procedure Accertative di Secondo Livello : - Accertamenti

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Di seguito sono mostrati alcuni esempi della prova scritta riguardante il I Parziale.

Di seguito sono mostrati alcuni esempi della prova scritta riguardante il I Parziale. L esame di Chimica Farmaceutica e Tossicologica I, a.a. 2014-2015, consiste in una prova scritta ed una orale. La prova scritta viene effettuata nei giorni, luoghi ed orari che sono presenti on-line (sito

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

7.9 Reazioni che introducono un centro Stereogenico

7.9 Reazioni che introducono un centro Stereogenico 7.9 eazioni che introducono un centro tereogenico Molte reazioni convertono reagenti achirali a prodotti chirali. E importante ricordare, comunque che se tutti i i componenti iniziali (reagenti, catalizzatori,

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI ( )Il progetto del Dott. Jay Giedd, alla divisione di psichiatria infantile del National Institute of Mental Health di Bethesda, Maryland ha lo scopo di determinare

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche.

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche. Droga: ogni sostanza dotata di azione farmacologica psicoattiva, la cui assunzione provoca alterazioni dell umore e dell attività mentale. Una classificazione sociologica: Legali Illegali Strumentali o

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli