Capitolo 11: Stimolanti del Sistema Nervoso Centrale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 11: Stimolanti del Sistema Nervoso Centrale"

Transcript

1 Capitolo 11: Stimolanti del Sistema Nervoso Centrale Slides 1-53 La stimolazione del S.N.C. si può esprimere con una gamma di manifestazioni comportamentali come: a) aumento della vigilanza b) irritabilità c) ansia d) convulsioni L intensità della stimolazione del S.N.C. sembra dipendere soprattutto dalla area cerebrale principalmente interessata e dal meccanismo molecolare responsabile dell aumento di eccitabilità. L ipereccitabilità deriva dall alterazione di un equilibrio tra stimoli eccitatori ed inibitori normalmente esistente nel S.N.C. Le basi molecolari e cellulari della stimolazione del S.N.C. risiedono in una regolazione dell integrazione di influenze eccitatorie ed inibitorie a livello di singolo neurone. Un agente può indurre stimolazione del S.N.C. con uno o più meccanismi associati 1) potenziamento della neurotrasmissione eccitatoria 2) diminuzione o antagonismo della trasmissione inibitoria 3) controllo presinaptico del rilascio del neurotrasmettitore 1

2 PSICOSTIMOLANTI (NO6B) SIMPATICOMIMETICI Amfetamina Catina Metamfetamina Metilfenidato MDMA (Ecstasy) e composti correlati Cocaina DERIVATI XANTINICI Caffeina Fenetillina VARI Derivati del cannabinolo Indoli allucinogeni LSD 2

3 PSICOSTIMOLANTI: simpaticomimetici CH 2 CH NH 2 OH CH CH NH 2 Amfetamina Catina (antiobesità) O O CH 2 CH NH MDMA (Ecstasi) metilendiossimetamfetamina COO CH HN Metilfedidato 3

4 Simpaticomimetici I composti di questo gruppo, spesso chiamati anche ammine stimolanti, derivano dalle catecolamine. Pur mostrando la tipica azione simpaticomimetica delle catecolammine, se ne differenziano per la durata d'azione più prolungata e per l'azione centrale più intensa. Queste due ultime proprietà sono dovute all'aumento della loro stabilità nei confronti degli enzimi e ad un incremento del carattere lipofilo collegato all'assenza di gruppi ossidrilici nella loro struttura chimica. L'amfetamina viene utilizzata come psicoanalettico, anoressante ed anche come analettico in caso di intossicazione da farmaci deprimenti. I piacevoli effetti a livello psichico (euforia, elevato senso di fiducia in se stessi e potenziamento delle capacità lavorative) possono portare ad abuso. La forma destrogira, dexamfetamina, ha un'attività stimolante centrale 3 o 4 volte più grande della forma levogira e un'azione simpaticomimetica più debole. La metamfetamina sembra avere un effetto stimolante centrale maggiore dell'amfetamina stessa. 4

5 L'amfetamina è un potente stimolante del SNC utilizzato per anni dagli sportivi come "energetico", in medicina viene utilizzata come psicoanalettico, anoressante ed anche come analettico in caso di intossicazione da farmaci deprimenti. I piacevoli effetti a livello psichico (euforia, elevato senso di fiducia in se stessi e potenziamento delle capacità lavorative) possono portare ad abuso. Possiede una potente azione antifatica, aumenta la concentrazione, non migliora la potenza aerobica e anaerobica, migliora la resistenza e la tolleranza allo sforzo. Nello sport si cominciò ad impiegarla perché produceva uno stato di iperattività, con aumento delle capacità ideative, miglioramento del tono dell'umore, riduzione della percezione della stanchezza, il soggetto diviene capace di un lavoro quantitativamente molto maggiore, anche se spesso questo lavoro qualitativamente è più scadente. Sebbene migliori la capacita di svolgere compiti la destrezza può peggiorare. Quando è necessario uno sforzo intenso e di breve durata, come nelle competizioni atletiche, l'amfetamina può migliorare la prestazione, nonostante il possibile peggioramento della destrezza e della capacità motoria. Comunque, l uso di amfetamina e derivati porta ad allucinazioni, stato di malessere e bulimia. 5

6 CH 2 CH NH 2 Amfetamina HO Metabolismo dell'amfetamina CH 2 CH NH 2 L'amfetamina è assorbita molto rapidamente ed ha un'emivita di circa 7 ore. Normalmente, il 20-30% della sostanza stupefacente è escreta come tale con le urine, mentre la maggior parte viene metabolizzata con processi di deaminazione, ossidazione e idrossilazione. In particolare l amfetamina può essere idrossilata sull'anello aromatico per dare p-idrossianfetamina o sulla catena alifatica per dare la norefedrina. La deaminazione ossidativa dell'amfetamina porta al fenilacetone che viene ulteriormente ossidato ad acido benzoico, il quale viene eliminato con le urine come tale o coniugato con la glicina ed eliminato come acido ippurico. CH OH CH NH 2 CH 2 C p-idrossiamfetamina Norefedrina Fenilacetone O C NH CH 2 O Acido ippurico COOH COOH 6

7 Derivati sintetici dell'amfetamina I derivati sintetici dell'amfetamina che si possono classificare ad azione allucinogena comprendono quelli che portano sul nucleo benzenico almeno un gruppo metossilico e quelli che mostrano sempre sul nucleo benzenico, in posizione 3, 4 rispetto alla catena laterale, un gruppo metilendiossolico. I principali derivati sono mostrati nella figura successiva La D.O.M. è un derivato amfetaminico che viene chiamata S.T.P. dalle iniziali serenità, tranquillità e pace. Questa molecola, che causa euforia ed è un potente allucinogeno, è stata rilevata dai chimici della Food and Drug Administration fra i costituenti di una miscela di varie sostanze, denominata appunto S.T.P. Attualmente la S.T.P. è sinonimo del termine D.O.M. Il D.O.B. è un allucinogeno particolarmente potente dotato di un effetto superiore del composto di riferimento D.M.A. I derivati metilendiossilici sono stati sintetizzati fin dal 1914 (M.D.M.A.) come anoressozzanti e solo in seguito è stata evidenziata la loro azione allucinogena. 7

8 H 3 CO CH 2 CH NH 2 para-metossiamfetamina o P.M.A. H 3 CO CH 2 CH NH 2 O 2,5-dimetossiamfetamina o D.M.A. H 3 CO Br CH 2 CH NH 2 O 2-amino-1-(2,5)dimetossi-4-metilfinilpropano o S.T.P. o D.O.M. 2,5-dimetossi-4-bromoamfetamina o D.O.B O O CH 2 CH NH 3,4-metilendiossimetanfetamina o M.D.M.A. o Ecstasi o Adam 8

9 REALAZIONI STRUTTURA ATTIVITA D R CH 2 CH NH 2 B A Posizione E C Attività di tipo amfetaminico Attività di tipo DOM A: Ammine terminali N-Metile>NH 2 >NHR>NR 2 NH 2 >NHR>NR 2 B: centro chirale S(+)> (±) > R(-) R(-) > (±) > S(+) C: Gruppo a-metilico L omogolazione < la potenza La sotituzione con H < la potenza L omogolazione < la potenza La sotituzione con H < la potenza D: Posizione b b-oh < potenza E: Sostituzione aromatica b =O Mantiene attività Preferito l aromatico non sotituito b-oh non studiata b =O non studiata Preferita la 2,5 dimetossi sostituzione. La sostituzione in 4 modula l attività 9

10 1. Narcolessia UTILIZZO CLINICO DELLE AMFETAMINE 2. Sindrome ipercinetica del bambino detta anche sindrome da deficit di attenzione/iperattività (ADHD). Il metilfenidato è il farmaco più usato a dosi minori rispetto a quelle che danno euforia e altri effetti collaterali. Alterazioni nella via della dopamina sembrano essere coinvolte nell ADHD. 3. Non sono più utilizzate come farmaci anoressizzanti perché aumentano l ipertensione polmonare (fenfluramina). UTILIZZO NON CLINICO DELLE AMFETAMINE 1. Aumento delle prestazioni fisiche e mentali 2. Diminuzione della coscienza della fatica 3. Esaltazione dell ideazione e della gratificazione con aumento dell autostima 4. Innalzamento del tono dell umore 10

11 Meccanismo d azione delle amfetamine Gli effetti dell amfetamina sono dovuti al release di catecolamine (dopamina e noradrenalina) dalle terminazioni nervose. L aumento del release delle catecolamine è conseguenza delle seguenti azioni dell amfetamina: 1) inibizione del trasportatore vescicolare (vesicular carrier) 2) inibizione delle monoamminossidasi (MAO) 3) inversione della direzione di trasporto del carrier di membrana 4) blocco del reuptake delle catecolamine 11

12 Meccanismo d azione delle amfetamine 1) Il blocco del carrier vescicolare impedisce che la DA venga immagazzinata nelle vescicole 2) La DA si accumula nel citoplasma del neurone anche perché le MAO sono bloccate 3) Nella membrana del neurone è presente un carrier che normalmente trasporta DA dallo spazio sinaptico al citoplasma (reuptake mechanism) da dove viene poi immagazzinata nelle vescicole 4) Quando la concentrazione di DA nel citoplasma è superiore a quella nello spazio sinaptico il carrier di membrana inverte la sua direzione di trasporto: la DA è trasportata dal citoplasma allo spazio sinaptico Gli effetti comportamentali dell amfetamina sono mediati dalla DA liberata dalla terminazione nervosa 12

13 13

14 14

15 Metilen diossi metamfetamina: MDMA ( Ecstasy ) O O CH 2 CH NH Questa molecola fu scoperta in Germania nel 1912 dai ricercatori della MERCK e brevettata nel 1914 come anoressizzante. Nel 1985 l MDMA è diventata popolare come droga ricreativa e si è diffusa con vari nomi fra cui ECSTASY. 15

16 16

17 17

18 18

19 MDMA: meccanismo d azione a) L MDMA blocca il carrier vescicolare che trasporta la serotonina entro le vescicole b) La serotonina si accumula nel citoplasma e si ha un inversione del trasporto della serotonina da parte del carrier di membrana c) Si ha pertanto un aumento del release di serotonina, un blocco del suo reuptake ed un blocco delle MAO Gli effetti gratificanti dell MDMA sono mediati dalla serotonina liberata dalle terminazioni nervose ed hanno la durata di qualche ora. Dopo l iniziale effetto stimolante dovuto alla liberazione di serotonina, l MDMA provoca l effetto opposto: il blocco della sintesi di serotonina che avviene per inibizione della triptofano idrossilasi (TRH). 19

20 La triptofano idrossilasi, l enzima deputato alla sintesi di serotonina, viene inibita attraverso diversi meccanismi: a) L accumulo di serotonina nel citoplasma esercita un meccanismo di feedback negativo b) L MDMA viene ossidato nei neuroni in un composto altamente reattivo, un chinoide, che si lega alla triptofano-idrossilasi in maniera irreversibile O MDMA: meccanismo d azione O CH 2 CH NH Chinoide c) Nei processi di ossidoriduzione dell MDMA si formerebbero radicali liberi che inattivano la triptofano-idrossilasi e sarebbero anche responsabili della neurotossicità attraverso modificazioni irreversibili delle proteine e dei lipidi della terminazione nervosa 20

21 21

22 22

23 Xantine Tra le metilxantine presenti in molte piante (caffè, thè, cacao) solo la caffeina presenta una marcata attività psicoanalettica. Infatti la teofillina mostra scarso effetto stimolante centrale e la teobromina ne è del tutto priva O R 3 R 1 N N O N R 2 N Caffeina Teofillina Teobromina R 1 R 2 R 3 H H 23

24 CAFFEINA La caffeina è il composto psicoattivo più usato nel mondo. Fin dagli inizi degli anni 70 la caffeina era considerata un composto sicuro. Oggi invece si sa che la caffeina ha azioni farmacologiche ben definite e si parla di caffeinismo in caso di uso smodato sia acuto che cronico. Il caffè, che è la più importante risorsa di caffeina, viene estratto dal frutto della Coffea Arabica e anche della Coffea Canephora o Robusta La caffeina come stimolante corticale e bulbare, a forte dosi anche spinale, è la più attiva delle xantine, mentre la teobromina è l alcaloide meno potente del gruppo. La stimolazione bulbare, ottenuta con forti dosi di questi alcaloidi, causa un aumento della velocità e profondità degli atti respiratori, ma in misura meno significativa di quella prodotta dagli analettici. Le xantine stimolano anche il centro vasomotore bulbare con frequente aumento delle resistenze periferiche e della pressione arteriosa 24

25 A dosaggi normali (una tazza di caffè contiene circa mg di caffeina) viene stimolata soprattutto la corteccia cerebrale. Negli stati di affaticamento vengono eliminati i segni di stanchezza e viene incrementata l'attività psichica. A dosi più elevate (iniezione di quantitativi pari o superiori a 0.5 g) viene stimolato anche il centro respiratorio e quello vasomotorio. Gli effetti delle xantine possono essere ricondotti a due meccanismi principali: Inibizione della fosfodiesterasi Antagonismo del recettore adenosinico. Dalla teofillina si ottengono, per alchilazione, la caffeina e altri derivati tra cui la fenetillina, utilizzato come psicotonico. O H 3 C O N O N H N N O O CH 2 OH ( O) 2 SO 2 etofillina proxifillina diprofillina caffeina H 3 C O N O N N N 25

26 26

27 27

28 Effetti farmacologici delle xantine Organi o tessuti Sistema nervoso centrale Corteccia Midollo Cuore Muscolatura liscia Vasi Bronchioli Muscolatura scheletrica Reni Tratto gastrointestinale Effetto Euforia, lieve stimolazione Aumento della frequenza respiratoria e vagale Aumento della frequenza e della gettata Vasodilatazione periferica Vasodilatazione centrale Dilatazione Stimolazione Diuresi Aumento secrezioni e metabolismo 28

29 29

30 30

31 31

32 Cocaina N COO OOCC 6 H 5 Esistono otto possibili forme stereoisomere del metil-3-(benzilossi)-8-metilazabiciclo[3,2,1]ottan-2-carbossilato di cui uno, R-cocaina, è chiamata semplicemente cocaina. La cocaina è un estere tra l acido benzoico e la metilecgonina. Chimicamente, la cocaina è nota come 2R-carbometossi-3S-benzilossi-1Rtropano. H 32

33 La cocaina cloridrato è la forma farmaceutica usata come anestetico locale e abusata dai tossicomani per via nasale e/o endovena. Dalla ebollizione della cocaina cloridrato in ambiente alcalino (bicarbonato; baking-soda) si libera la cocaina base che può essere estratta con etere (free-base) o, più semplicemente, raccolta come una pasta al termine della evaporazione dell acqua. La cocaina base, conosciuta come crack (per il caratteristico rumore prodotto dalla sublimazione dei cristalli durante il fumo), può essere fumata raggiungendo tassi ematici più elevati e più rapidi rispetto all uso intranasale del cloridrato. 33

34 La cocaina da strada è sempre adulterata: mannitolo, lattosio, glucosio, inositolo, lidocaina, procaina, tetracaina, amfetamina, fenciclidina, eroina. L uso endovenoso di cocaina è spesso associato alla contemporanea somministrazione di eroina ( speed-ball ). La combinazione delle due sostanze ha un fortissimo potere tossicomanigeno e dà origine a fenomeni di dipendenza molto gravi. L associazione più frequente è: cocaina e bevande alcoliche. La ragione è duplice: da un lato, le due sostanze controbilanciano i rispettivi effetti eccitatori e depressivi, dall altro, in presenza di etanolo la cocaina è metabolizzata in cocaetilene, un composto ad azione simile a quella della cocaina, ma con una più lunga durata d azione. 34

35 A livello centrale la cocaina provoca alterazioni nella trasmissione sinaptica sia noradrenergica che dopaminergica. Azione psicostimolante: liberazione di dopamina dai terminali sinaptici provenienti dal VTA (area tegmentale ventrale) a livello del sistema limbico in particolare nel nucleus accumbens. Azione euforigena: la cocaina induce acutamente un repentino senso di euforia che, dipendente dalla dose, dalla via di somministrazione, dallo stato di tolleranza individuale, dura tra pochi secondi e vari minuti. L euforia è associata a senso di sicurezza, seguita da diminuzione dell umore con insorgenza di lieve stato ansioso. L alternanza degli stati euforici ed ansiosi porta alla modalità d uso detta binge caratterizzata da un uso ripetuto a brevi intervalli di tempo fino ad esaurimento della droga. 35

36 36

37 Meccanismo d azione della cocaina L azione sinaptica della cocaina è conseguente al blocco della riassunzione di alcuni neurotrasmettitori a livello delle sinapsi del sistema nervoso. Quando a livello della terminazione nervosa (a) le molecole di neurotrasmettitore vengono liberate dalle vescicole, esse attraversano la fessura sinaptica e stimolano le cellule nervose successive. Di regola, una parte delle molecole di neurotrasmettitore che si trovano nella fessura sinaptica viene ri-pompata verso il neurone che le ha liberate (reuptake). In presenza di cocaina (b) la pompa di riassunzione viene bloccata e l azione stimolatrice delle molecole di neurotrasmettitore aumenta con l aumento della concentrazione nella fessura sinaptica. 37

38 ALLUCINOGENI NON CLASSICI CANNABINOIDI Della marijuana o pianta Cannabis esistono tre principali piante: Cannabis sativa, Cannabis indica e Cannabis ruderalis. Il cannabinoide che è stato identificato come responsabile primario degli effetti psicoattivi della cannabis è il D 9 -tetraidrocannabinolo (THC) Le droghe principali ottenute dalla canapa indiana sono: MARIJUANA (Infiorescenze, foglie seccate) THC 0,5-14% HASHISH (Resina di cannabis e fiori pressati) THC 2-20% OLIO DI HASHISH THC 15-50% 38

39 D 9 -TETRAHYDROCANNABINOL (THC) 39

40 Cannabinoidi naturali OH OH H 3 C H 3 C O D-9-THC H 3 C H 3 C O D-8-THC OH OH H 2 C H 3 C HO Cannabidiolo H 3 C H 3 C O Cannabinolo 40

41 Cannabinoidi I cannabinoidi hanno effetti diversi sul cervello tra cui è preminente l azione sui recettori cannabinoidi CB1 e CB2, scoperti nel 1990 e I ligandi endogeni per questi recettori si comportano come neurotrasmettitori. Quello degli endocannabinoidi costituisce un sistema di neurotrasmissione in grado di regolare l eccitabilità neuronale mediante interazioni con le trasmissioni GABA-ergica, serotonergica, glutamatergica e dopaminergica. Esercitano un ruolo regolatorio su diversi sistemi come il centro del vomito, modulano l'appetito (è stato recentemente evidenziato da un significativo aumento dei livelli di endocannabinoidi in modelli animali di obesità) Sembrano possedere attività analgesica (interazioni sinergiche con il sistema degli oppiodi endogeni) Inducono rilassatezza, piacevole senso di euforia, lieve compromissione cognitiva No marcata dipendenza fisica e sindrome da sospensione 41

42 ENDOCANNABINOIDI O C NH CH 2 CH 2 OH ANANDAMIDE N-Arachidonoiletanolamide (1992) 2AG (1995) 42

43 I recettori CB1 e CB2 sono accoppiati ad una proteina G e sono a sette domini transmembrana. I recettori CB1 mediano gli effetti psicoattivi del THC e sono localizzati soprattutto nel cervello, mentre i recettori CB2 sono coinvolti nell attività immunomodulatoria e sono localizzati in periferia. Distribuzione del recettore CB1 cannabinoide hippocampus cortex cerebellum caudatus putamen mesencephalon substantia nigra globus pallidus BASAL GANGLIA 43

44 Cannabis. Applicazioni terapeutiche Antiemetico: chemioterapia antineoplastica Prevalgono gli studi su una somministrazione per via orale: THC (5-15 mg/m2), Dronabinol (THC), nabilone Efficace per il trattamento del vomito lieve-moderato. Non esistono studi comparativi con gli antagonisti 5-HT-3 Nelle sindromi anoressiche e nella cachessia: stimolante dell appetito Dolore Disordini movimento, glaucoma e asma Altre applicazioni in fase di studio 44

45 ALLUCINOGENI CLASSICI Gli allucinogeni classici si legano al recettore 5-HT 2 della serotonina. Ci sono due classiche categorie di allucinogeni arilalchilaminici: Indoalchilammine (IAA) Fenilalchilammine (PAA) Le indoalchiammine sono ulteriormente suddivise in: Triptamine-N-sostituite α-alchiltriptamine ergoline β-carboline 45

46 Indoalchilammine Uno degli allucinogeni più conosciuto è la N,N-dimetiltriptamina (DMT) che è considerata il prototipo di questa classe. La DMT è un composto di origine naturale che può essere facilmente preparata per sintesi in laboratorio. Non è attiva per somministrazione orale in quanto viene degradata nelle condizioni acide dello stomaco, viene generalmente somministrata per inalazione o attraverso fumo. N N H DMT La N-monometiltriptamina e l ammina primaria della triptamina sono inattive come agenti psicoattivi in quanto non sono sufficientemente lipofili per attraversare la barriera ematoencefalica. 46

47 a-alchiltriptamine Come detto precedentemente la triptamina non è un agente psicoattivo; l introduzione di un gruppo a-metilico (a-metiltriptamina) aumenta la lipofilia e la protegge sufficientemente dal metabolismo rendendola due volte più potente del DMT H N H N H a-metiltriptamina L inserimento del metile produce un carbonio asimmetrico, l isomero S (+) è più potente del corrispondente enantiomero R (-) 47

48 Ergoline e dietilammide dell acido lisergico L'acido lisergico è la componente base di numerosi alcaloidi quali l'ergonovina. Si trova nel micelio di un fungo ascomicete noto come Claviceps purpurea (o "Segale Cornuta"), la cui forma di conservazione, lo sclerozio, ricorda una "clavetta". La dietilammide dell acido (+) lisergico (LSD) è forse il più conosciuto ed uno dei più potenti degli allucinogeni classici. LSD non è presente in natura mentre molte ergoline correlate lo sono. N O N H LSD N H 48

49 Fu prodotto per la prima volta da Albert Hofmann (Sandoz,compagnia farmaceutica svizzera) LSD Effetti dell LSD sul Sistema Nervoso: Alterazioni percettive Allucinazioni Distorsione del tempo e dello spazio I soggetti sono calmi, passivi Incapacità di esprimere pensieri concreti L LSD ha una struttura simile a quella della serotonina ed interagisce con i recettori serotoninergici 49

50 Meccanismo di azione Agisce sui recettori serotoninergici 5HT 2A, a causa della sua somiglianza strutturale con la serotonina Sono presenti principalmente nella corteccia cerebrale ed in altre zone cerebrali come : bulbo e tubercolo olfattorio, nucleus accumbens, nucleus tractus solitarius La corteccia cerebrale, fortemente implicata nella modulazione degli stati umorali, cognitivi e percettivi, insieme al locus coeruleus, deputato alla percezione e al riconoscimento degli stimoli esterni, sono le principali regioni in cui agiscono gli allucinogeni attraverso la stimolazione dei recettori 5HT 2A O CH N 3 N H HO LSD H N H N H N H Serotonina 50

51 b-carboline Le beta carboline rappresentano una classe di agenti riferita agli alcaloidi dell armala. Gli alcaloidi armalinici furono inizialmente ritrovati nei semi della ruta siriaca (Peganum harmala), dove l'armalina è tipicamente l'alcaloide più abbondante, con concentrazioni variabili di armina e solo quantità in tracce di THH (Holmstedt, 1982). Le preparazioni di origine vegetale sono generalmente miscele contenenti la DMT o la 5-OMe- DMT. Alcune b-carboline possiedono attività anti MAO. L attività MAO-inibitoria può potenziare l effetto degli allucinogeni a struttura dopaminergica. Le tre b-carboline più conosciute sono l armina, la armalina e la tetraidroarmina. H 3 CO Armina N H N H 3 CO H 3 CO NH N CH H 3 Tetraidroarmina (THH) N H Armalina N 51

52 Fenilalchilammine Le feniletilammine e le fenilisoproilammine rappresentano il gruppo più numeroso degli allucinogeni classici. Le fenietilammine sono a-desmetil derivati delle fenilisopropilammine. La presenza del gruppo metilico in a aumenta la lipofilia del composto e riduce la sua sensibilità metabolica alle MAO. Come conseguenza le feniletilammine producono effetti quantitativamente simili alle fenilisopropilammine pur essendo meno attive. Il composto più conosciuto tra le feniletilammine è la mescalina. La mescalina (3,4,5-trimetossi-ß-fenetilammina) è un alcaloide contenuto principalmente nel peyote (Lophophora Williamsii), pianta succulenta appartenente alla famiglia delle cactacee, originaria del deserto del Messico e usata per scopi stupefacenti in riti sciamanici dai nativi americani. La mescalina, il principale agente allucinogeno della pianta, viene isolata nel 1897 dal chimico tedesco Arthur Heffter e sintetizzata nel 1919 da Ernst Spath. H 3 CO NH 2 H 3 CO O mescalina 52

53 Le modificazioni strutturali della mescalina e delle sostanze ad essa correlate ottenute introducendo un gruppo metilico in a ed eliminando i gruppi metossilici o cambiandone posizione danno luogo ad una serie di composti conosciuti come fenilisopropilammine. Alcuni esempi sono i seguenti: O OMA NH 2 H 3 CO NH 2 MMA NH 2 H 3 CO PMA 53

L ABUSO DI SOSTANZE COCAINA

L ABUSO DI SOSTANZE COCAINA L ABUSO DI SOSTANZE COCAINA Idroclorato di cocaina Crack (si ottiene rimuovendo un gruppo idrocloruro dalla cocaina base) Pianta dalle cui foglie viene estratta la cocaina (Erythroxylon coca) 1 La cocaina

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

L azione delle droghe sul cervello

L azione delle droghe sul cervello Aspettando le Olimpiadi delle Neuroscienze Trento 16 gennaio 2012 in collaborazione con il Museo delle Scienze di Trento L azione delle droghe sul cervello Yuri Bozzi, PhD Laboratorio di Neuropatologia

Dettagli

I principali tipi di droghe

I principali tipi di droghe I principali tipi di droghe Droghe e basi neuronali della gratificazione Tutte le sostanze che danno dipendenza aumentano il tono dopaminergico del sistema mesolimbico, in particolare dell accumbens (shell)

Dettagli

CANNABIS. Generazione In- Dipendente

CANNABIS. Generazione In- Dipendente CANNABIS Generazione In- Dipendente CANNABIS Introduzione CANAPA (CANNABIS SATIVA) Principi attivi: tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) Altri Principi non attivi: cannabinolo, cannabidiolo Con i termini hashis

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

STIMOLANTI DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE ANFETAMINE E DERIVATI COCAINA

STIMOLANTI DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE ANFETAMINE E DERIVATI COCAINA STIMOLANTI DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE ANFETAMINE E DERIVATI COCAINA SISTEMI A PROIEZIONE DIFFUSA Gruppi di neuroni con i corpi cellulari raggruppati in zone precise del SNC Assoni lunghi e ramificati,

Dettagli

Tossicodipendenze: CANNABINOIDI

Tossicodipendenze: CANNABINOIDI Tossicodipendenze: CANNABINOIDI CANNABINOIDI (categoria di composti sintetizzati dalla pianta) Origine naturale: Cannabis sativa (varianti C. Indica e C. Americana) E impiegata da più di 4000 anni per

Dettagli

BASI PSICO-BIOLOGICHE DELLE FUNZIONI CEREBRALI SUPERIORI

BASI PSICO-BIOLOGICHE DELLE FUNZIONI CEREBRALI SUPERIORI BASI PSICO-BIOLOGICHE DELLE FUNZIONI CEREBRALI SUPERIORI Walter Adriani & Giovanni Laviola Reparto di Neuroscienze Comportamentali, Dipartimento di Biologia Cellulare e Neuroscienze, Istituto Superiore

Dettagli

Stimolanti SNC: Psicoanalettici-Timolettici Inibitori delle MAO

Stimolanti SNC: Psicoanalettici-Timolettici Inibitori delle MAO Stimolanti SC: Psicoanalettici-Timolettici Inibitori delle MA MA-A: metabolismo della serotonina e della noradrenalina. Inibizione irreversibile da parte della clorgilina. MA-B: metabolismo ammine più

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

Droga=sostanza stupefacente o psicotropa

Droga=sostanza stupefacente o psicotropa Droga=sostanza stupefacente o psicotropa OMS: Sostanze di origine vegetale o di origine sintetica capaci di provocare modificazioni più o meno temporanee e dannose sull equilibrio psico-fisico di chi le

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

Sostanze Stupefacenti. Dipartimento Salute Mentale Settore Dipendenze Patologiche

Sostanze Stupefacenti. Dipartimento Salute Mentale Settore Dipendenze Patologiche Sostanze Stupefacenti Dipartimento Salute Mentale Settore Dipendenze Patologiche Classificazione delle principali sostanze d abuso Deprimenti il SNC: Inalanti Sedativi minori (barbiturici) Sedativi maggiori

Dettagli

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Dott. Giuseppe Giubbarelli Medico del lavoro UO Medicina del lavoro Ospedale di Sassuolo Cosa sono le droghe Sostanze : Psicoattive :(agiscono

Dettagli

GLI EFFETTI DELLE DROGHE SUL CORPO UMANO

GLI EFFETTI DELLE DROGHE SUL CORPO UMANO GLI EFFETTI DELLE DROGHE SUL CORPO UMANO Realizzato da Prof.ssa Tiziana Bello LE DROGHE NEL CERVELLO, NEL CORPO, NELLA PSICHE: ECCO CHE COSA SUCCEDE.. DRITTE AL CERVELLO E NON SOLO Tutte le droghe agiscono

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Farmacologia Speciale ß-Endorfina. Gangli della base. Ipofisi. Corteccia. N. arcuato ipotalamo. Amigdala. midollo allungato Encefaline Dinorfine ampia distribuzione

Dettagli

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10)

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Clordiazepossido / LIBRIUM 50 mg p.os ogni 6 ore il 1 giorno, poi 25 mg ogni 6 ore il 2 e 3 giorno Diazepam / VALIUM 10 mg p.os o i.v. ogni 6 ore

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Introduzione. Generalità

Introduzione. Generalità DIPENDENZE Introduzione In questo capitolo si illustrano le situazioni di urgenza che si possono verificare in pazienti che abusano di sostanze farmacologiche di natura diversa. Senza entrare in questa

Dettagli

Elenco degli stupefacenti vietati

Elenco degli stupefacenti vietati Stupefacenti. O di Swissmedic 812.121.2 Appendice d 22 (art. 4) Elenco degli stupefacenti vietati acido lisergico, dietilamide dell (LSD-25) vedere sotto dietilamide dell acido lisergico 3-(2-aminobutil)-indolo

Dettagli

sistema nervoso centrale informazioni sensoriali ipotalamo ipofisi sistema nervoso autonomo comportamenti motivati sistema endocrino omeostasi

sistema nervoso centrale informazioni sensoriali ipotalamo ipofisi sistema nervoso autonomo comportamenti motivati sistema endocrino omeostasi Omeostasi del mezzo interno sistema nervoso centrale informazioni sensoriali ipotalamo sistema nervoso autonomo ipofisi sistema endocrino comportamenti motivati omeostasi Comportamenti motivati Omeostatici

Dettagli

La marijuana è un medicinale?

La marijuana è un medicinale? La marijuana è un medicinale? Da oltre 20 anni negli Stati Uniti la marijuana viene somministrata per alleviare una vasta gamma di disturbi. Si ritiene che la marijuana aiuti in presenza di stati dolorosi

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO EFFETTI DELLA STIMOLAZIONE DEL SIMPATICO Organo effettore Simpatico Parasimpatico Occhio: m. radiale dell iride m. sfintere dell iride contrazione,midriasi Manca innervazione

Dettagli

Tossicodipendenze: COCAINA

Tossicodipendenze: COCAINA Tossicodipendenze: COCAINA COCAINA Origine naturale: alcaloide delle foglie di Erythroxylon coca (isolato nel 1855) La cocaina e' un estere che appartiene alla famiglia dei tropani degli alcaloidi naturali.

Dettagli

Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser. T. A.S.P. di Vibo Valentia

Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser. T. A.S.P. di Vibo Valentia 1 - La dipendenza da Nicotina 2 - Trattamenti farmacologici (Vareniclina, Bupropione, Nicotina) e interazioni con i principali farmaci delle altre dipendenze Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser.

Dettagli

Giunzione neuromuscolare

Giunzione neuromuscolare Il calcio provoca un rimaneggiamento di membrana e la sua conseguente fusione. Questo compito è svolto dalle proteine SNARE che si agganciano tra la membrana interna pre-sinaprica e quella della vescicola.

Dettagli

SISTEMA NERVOSO PERIFERICO

SISTEMA NERVOSO PERIFERICO SISTEMA NERVOSO SISTEMA NERVOSO PERIFERICO SISTEMA NERVOSO CENTRALE SISTEMA AUTONOMO SIMPATICO PARASIMPATICO Encefalo e midollo spinale Involontario, musc liscio, cuore, ghiandole, ecc SISTEMA SOMATICO

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

2.1.8 Clinica e terapia dei disturbi da uso di sostanze. Cannabinoidi

2.1.8 Clinica e terapia dei disturbi da uso di sostanze. Cannabinoidi 2.1.8 Clinica e terapia dei disturbi da uso di sostanze. Cannabinoidi Introduzione La marijuana è un derivato della canapa indiana, la Cannabis Sativa. La principale sostanza psicoattiva che se ne ricava

Dettagli

Farmacologia delle emozioni

Farmacologia delle emozioni Farmacologia delle emozioni 17 passioni in mostra INIZIO LE EMOZIONI MALATE ANSIA E DISTURBI D ANSIA IL CERVELLO E I DISTURBI D ANSIA Le emozioni malate Le emozioni sono funzioni complesse, espressione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. Dottorato di Ricerca in Farmacologia e Tossicologia Socio-Ambientale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. Dottorato di Ricerca in Farmacologia e Tossicologia Socio-Ambientale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dottorato di Ricerca in Farmacologia e Tossicologia Socio-Ambientale Coordinatore: Prof. N. D Alessandro Settore scientifico disciplinare:

Dettagli

30/03/2012 DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA. Anni 80: emergenza eroina LE DIPENDENZE PATOLOGICHE. Anni 90: le politossicodipendenze

30/03/2012 DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA. Anni 80: emergenza eroina LE DIPENDENZE PATOLOGICHE. Anni 90: le politossicodipendenze LE DIPENDENZE PATOLOGICHE IL SISTEMA FAMIGLIA E LE DIPENDENZE PATOLOGICHE Anni 8: emergenza eroina Anni 9: le politossicodipendenze CONVEGNO: FAMIGLIA E MALATTIA 9 MARZO 212 Garbagnate Milanese Terzo millennio:

Dettagli

LE DIPENDENZE ALCUNI TIPI DI DROGHE

LE DIPENDENZE ALCUNI TIPI DI DROGHE LE DIPENDENZE ALCUNI TIPI DI DROGHE NOME MATERIA PRIMA ZONA GEOGRAFICA DI PROVENIENZA MORFINA EROINA La materia prima per la produzione di queste droghe è ricavata dall OPPIO, sostanza contenuta nelle

Dettagli

Farmacologia e Tossicologia, 2015. TOSSICOLOGIA-8b SOSTANZE D ABUSOE TOSSICODIPENDANZA. François DESAPHY

Farmacologia e Tossicologia, 2015. TOSSICOLOGIA-8b SOSTANZE D ABUSOE TOSSICODIPENDANZA. François DESAPHY Farmacologia e Tossicologia, 2015 TOSSICOLOGIA-8b SOSTANZE D ABUSOE TOSSICODIPENDANZA Jean-Fran François DESAPHY ALLUCINOGENI Composti di origine naturale o sintetici In grado di amplificare le percezioni

Dettagli

Unità Coordinamento Regionale Dipendenze UCRD. Sostanze d abuso e sicurezza sulle strade Materiale didattico

Unità Coordinamento Regionale Dipendenze UCRD. Sostanze d abuso e sicurezza sulle strade Materiale didattico Unità Coordinamento Regionale Dipendenze UCRD Sostanze d abuso e sicurezza sulle strade Materiale didattico 1 SOSTANZE D ABUSO E SICUREZZA SULLE STRADE PREMESSA Ogni anno nelle strade d Europa perdono

Dettagli

Droga e ambienti di lavoro

Droga e ambienti di lavoro Dipartimento di Sanità Pubblica SPSAL - Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche U.O.C. Dipendenze Patologiche Ser.T. - Servizio

Dettagli

Effetti principali: stimola il metabolismo / termogenesi, incrementando il consumo calorico mobilita i grassi di deposito effetto energetico

Effetti principali: stimola il metabolismo / termogenesi, incrementando il consumo calorico mobilita i grassi di deposito effetto energetico W NEU LA FORM V I TA M I N S T O R E P R O D U C T S F O R B E AU T I F U L P E O P L E A Z I O N E T E R M O G E N I CA O S S I DA I G R A S S I NUOVO THERMO STRONG Stessa veste, ma prodotto totalmente

Dettagli

Proprietà delle fibre dolorifiche

Proprietà delle fibre dolorifiche IL DOLORE 1 Proprietà delle fibre dolorifiche La percezione del dolore è generata da terminazioni nervose libere che costituiscono la parte sensitiva dei nocicettori (recettori del dolore) Gli assoni che

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA DIPENDENZA DA FUMO Il tabagismo è l'abitudine o dipendenza dal fumo di tabacco a cui consegue un'intossicazione di tipo cronico DEFINIZIONE DI DIPENDENZA Per dipendenza si intende una alterazione del comportamento

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Analgesici narcotici ANALGESICI NARCOTICI Totale: 67 ANALGESICI NARCOTICI 65 105 135 158 191 208 236 247 259 288 347 376

Dettagli

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram Indice generale 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram 1.1 Definizione di farmaco 1 1.2 Classificazione e nomenclatura dei farmaci 1 1.3 Sviluppo di nuovi farmaci 3 1.4

Dettagli

APPUNTI SULLE TOSSICODIPENDENZE

APPUNTI SULLE TOSSICODIPENDENZE APPUNTI SULLE TOSSICODIPENDENZE La tossicodipendenza è una condizione prodotta dall uso ripetuto di una sostanza chimica in modo che essa divenga necessaria, perché l interruzione provoca disturbi mentali

Dettagli

LE SOSTANZE STUPEFACENTI Premessa

LE SOSTANZE STUPEFACENTI Premessa LE SOSTANZE STUPEFACENTI Premessa Fin dall antichità l uomo ha sempre ricercato sostanze che potessero portarlo a rendere la vita più piacevole, diminuendo il dolore, lo sconforto e le frustrazioni. A

Dettagli

Interazione tra alcol e farmaci o "sostanze" varie Molti farmaci (in primo luogo tranquillanti ed ansiolitici, ma anche antidolorofici, alcuni antistaminici, perfino sciroppi per la tosse) interagiscono

Dettagli

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA Corteccia cerebrale ed aree associate: da 12 a 15 miliardi di neuroni Cervelletto: 70 miliardi di neuroni

Dettagli

FARMACO DIPENDENZA E TOSSICOMANIA

FARMACO DIPENDENZA E TOSSICOMANIA FARMACO DIPENDENZA E TOSSICOMANIA Intendiamo per droga una sostanza non necessariamente adoperata come farmaco terapeutico che, assunta dall esterno, può provocare, oltre a modificazioni psichiche e comportamentali,

Dettagli

SOSTANZE TOSSICHE: Cancerogeni chimici (idrocarburi aromatici policiclici) Metalli cancerogeni (arsenico, nichel, cadmio, cromo) Possibili promotori

SOSTANZE TOSSICHE: Cancerogeni chimici (idrocarburi aromatici policiclici) Metalli cancerogeni (arsenico, nichel, cadmio, cromo) Possibili promotori CONSUMO DI TABACCO Il consumo di prodotti a base di tabacco, come le sigarette, i sigari e il tabacco da pipa, è associato a tassi di mortalità e morbidità superiori a qualsiasi altra esposizione individuale,

Dettagli

FAMIGLIA DEGLI OPPIACEI

FAMIGLIA DEGLI OPPIACEI droghe Mario Pezzella 12 a tutto campo La classificazione storica delle sostanze d abuso prevede sette famiglie di componenti ponendo al primo posto la nicotina seguita dall alcool etilico, dagli oppiacei,

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

Breve storia Farmacologia della Cannabis analgesia ipotermia, immobilità alterazioni comportamentali

Breve storia Farmacologia della Cannabis analgesia ipotermia, immobilità alterazioni comportamentali 1 CANNABINOIDI Le informazioni contenute nel sito possono generare situazioni di pericolo e danni. I dati presenti hanno un fine illustrativo e in nessun caso esortano né spingono ad atti avversi alla

Dettagli

concretizzare le nostre aspirazioni, trasformare i nostri sogni in realtà.

concretizzare le nostre aspirazioni, trasformare i nostri sogni in realtà. Q uando negli anni sessanta la società cominciò a prendere coscienza di quanto fosse diffuso tra i giovani l uso di stupefacenti, si pensò che per contrastarne l uso sarebbe bastato informare i ragazzi

Dettagli

NON RIDURRE I TUOI SOGNI IN POLVERE DÌ NO A DROGA E ALCOL METTI IN CIRCOLO LA VITA

NON RIDURRE I TUOI SOGNI IN POLVERE DÌ NO A DROGA E ALCOL METTI IN CIRCOLO LA VITA NON RIDURRE I TUOI SOGNI IN POLVERE DÌ NO A DROGA E ALCOL METTI IN CIRCOLO LA VITA Conoscere i danni delle sostanze stupefacenti per dire NO a droga e alcol Comitato scientifico Riccardo Gatti Direttore

Dettagli

Le membrane. Struttura e funzione

Le membrane. Struttura e funzione Le membrane Struttura e funzione Le membrane fungono da barriere selettive La membrana plasmatica è importante per molte funzioni Il doppio strato lipidico Molecole anfipatiche FOSFOLIPIDI STEROLI GLICOLIPIDI

Dettagli

per un tempo più protratto Usi ed abusi La differenza è conseguente alla lieve ma rilevante diversità nella struttura chimica

per un tempo più protratto Usi ed abusi La differenza è conseguente alla lieve ma rilevante diversità nella struttura chimica 1 Le informazioni contenute nel sito possono generare situazioni di pericolo e danni. I dati presenti hanno un fine illustrativo e in nessun caso esortano né spingono ad atti avversi alla salute psicofisica

Dettagli

Gli effetti sulla salute (di terzi) conseguenti all abuso di alcool, droghe e farmaci

Gli effetti sulla salute (di terzi) conseguenti all abuso di alcool, droghe e farmaci Evento Formativo Regionale D.Lgs 81/08 La questione della salute verso terzi: aspetti bioetici, medico-legali, giuridici, sanitari ed organizzativi Gli effetti sulla salute (di terzi) conseguenti all abuso

Dettagli

Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona. Lezione 18-19: Droghe e tossicodipendenza

Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona. Lezione 18-19: Droghe e tossicodipendenza Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona Corso di Farmacologia Lezione 18-19: Droghe e tossicodipendenza La via del piacere Gli stimolanti (es. cocaina, oppioidi, amfetamine,cannabinoidi)

Dettagli

Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi i

Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi i Neurotrasmettitori e recettori sinaptici Neurotrasmettitore Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi

Dettagli

La chimica del cervello Il funzionamento del cervello visto con gli occhi del chimico

La chimica del cervello Il funzionamento del cervello visto con gli occhi del chimico La chimica del cervello Il funzionamento del cervello visto con gli occhi del chimico Stefano Mammi Dipartimento di Scienze Chimiche Università di Padova stefano.mammi@unipd.it Liceo Scientifico P. Paleocapa

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

FORME NEL MERCATO CLANDESTINO:

FORME NEL MERCATO CLANDESTINO: SCHEDE TECNICHE Nelle pagine che seguono si fornisce un maggior approfondimento sulle sostanze psicoattive più conosciute ma anche di quelle che routinariamente non vengono registrate dagli indicatori

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali

9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali 9. Alterazione dei processi cognitivo-emozionali Nel gioco d azzardo patologico sono stati descritti alcuni processi e condizioni caratteristiche che spiegano ulteriormente la patologia. Riassumendo quanto

Dettagli

Psicologia delle tossicodipendenze

Psicologia delle tossicodipendenze Psicologia delle tossicodipendenze Caratteristiche principali Meccanismo d azione generale Effetti principali Definizione sostanza chimica naturale o di sintesi che provoca alterazioni psicoattive agendo:

Dettagli

Unità Coordinamento Regionale Dipendenze UCRD

Unità Coordinamento Regionale Dipendenze UCRD Unità Coordinamento Regionale Dipendenze UCRD Unità Coordinamento Regionale Dipendenze Via Piero della Francesca, 1-09047 Selargius (CA) www.aslcagliari.it UCRD Cittadella della Salute - Padiglione C Via

Dettagli

ASL RM/G. Convegno sulle Tossicodipendenze Riduzione del Danno e non solo

ASL RM/G. Convegno sulle Tossicodipendenze Riduzione del Danno e non solo ASL RM/G UOSD SER.T TIVOLI-GUIDONIA Direttore Dott. Massimo Persia Convegno sulle Tossicodipendenze Riduzione del Danno e non solo Futuro dei Ser.t Prossime Sfide Vittoria Terme Hotel (Tivoli Terme Roma),

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

COSA E sostanza tossica potente agente tumorale provoca danni

COSA E sostanza tossica potente agente tumorale provoca danni ALCOL COSA E L'alcol etilico, o etanolo, si forma per fermentazione di alcuni zuccheri semplici o per distillazione del mosto fermentato, è una sostanza tossica per le cellule ed è un potente agente tumorale.

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

Alma Mater Studiorum UNIVERSITA DI BOLOGNA

Alma Mater Studiorum UNIVERSITA DI BOLOGNA Alma Mater Studiorum UNIVERSITA DI BOLOGNA Dottorato di Ricerca in Farmacologia e Tossicologia Area 05- Scienze Biologiche S.S.D. BIO/14 - Farmacologia BACLOFEN E D-CICLOSERINA COME POTENZIALI STRUMENTI

Dettagli

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso,

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, condannato ad una schiavitù involontaria, essendo obbligato

Dettagli

TOSSICOLOGIA DELLE DROGHE D ABUSO; VECCHIE E NUOVE DROGHE

TOSSICOLOGIA DELLE DROGHE D ABUSO; VECCHIE E NUOVE DROGHE TOSSICOLOGIA DELLE DROGHE D ABUSO; VECCHIE E NUOVE DROGHE Signore L., Pattelli E., Russo A. Servizio di Tossicologia d Urgenza Centro Antiveleni Università degli Studi di Roma La Sapienza La diffusione

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri

Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri Alcol e Polidipendenze D.Artuso M.Bellinato L.Nicolotti Ser.D. Moncalieri E noto che la principale comorbidità dell abuso/dipendenza di qualsiasi sostanza è un altro abuso/dipendenza da sostanze di una

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PUBBLICA _04! 04_2012

DOCUMENTAZIONE PUBBLICA _04! 04_2012 Tabacco, Tabagismo e Sindromi d Astinenza SMETTERE. INFORMAZIONI PRELIMINARI INDICE PAG 1 INTRODUZIONE Danni e rischi relativi del fumo PAG 1-2 Caratteristiche generali e farmacologia PAG 3 La nicotina

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Istituto Santelia Cantù

Istituto Santelia Cantù 30 gennaio 2012; primo incontro (Riccardo) Istituto Santelia Cantù Classe 1 f liceo scientifico Brain storming DIPENDENZA: droga, alcool, farsi figo, fumare, monotonia, dimenticare, gioco, isolamento,

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI. APRI IL DIALOGO, CHIUDI ALLA DROGA.

INFORMAZIONI UTILI. APRI IL DIALOGO, CHIUDI ALLA DROGA. INFORMAZIONI UTILI. APRI IL DIALOGO, CHIUDI ALLA DROGA. LA DROGA DISTRUGGE. È DIMOSTRATO. DI CERVELLO CE N È UNO SOLO. Che le droghe facciano male lo sentiamo ripetere da sempre. Ma sappiamo veramente

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Farmaci colinergici. Farmaci colinergici 10/05/2014. Sistema nervoso. Centrale (SNC) Encefalo + Midollo spinale

Farmaci colinergici. Farmaci colinergici 10/05/2014. Sistema nervoso. Centrale (SNC) Encefalo + Midollo spinale Sistema nervoso Centrale (SNC) Encefalo + Midollo spinale Periferico (SNP) Nervi cranici + nervi spinali Sistema nervoso autonomo (SNA) Risposte involontarie Sistema nervoso somatico Risposte volontarie

Dettagli

Droghe, Comportamenti, Dipendenze

Droghe, Comportamenti, Dipendenze Alfio Lucchini Droghe, Comportamenti, Dipendenze Fenomeni Norme Protagonismo CLINICA DELLE DIPENDENZE E DEI COMPORTAMENTI DI ABUSO/Testi FrancoAngeli Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione

Dettagli

Il lavoro sociale nelle dipendenze da alcol e droga

Il lavoro sociale nelle dipendenze da alcol e droga LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valerio Quercia Il lavoro sociale nelle dipendenze da alcol e droga Indice Introduzione 9 1. Sostanze legali e illegali: quali sono, cosa sono e

Dettagli

INDICE. 1. Introduzione 4. 2. La prevenzione 5 - Uso di sostanze e percorso evolutivo 6

INDICE. 1. Introduzione 4. 2. La prevenzione 5 - Uso di sostanze e percorso evolutivo 6 A cura di Giovanni Serpelloni: Dipartimento Politiche Antidroga, Presidenza Consiglio dei Ministri Franco Alessandrini: Unità Neuroradiologia, AOUI Borgo Trento, Verona Claudia Rimondo: Sistema Nazionale

Dettagli

CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA

CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA 10 COSE CHE I GENITORI POTREBBERO NON SAPERE RIGUARDO ALLA Marijuana PREVENZIONE E RIABILITAZIONE DALLE DROGHE CONOSCI LE RISPOSTE A QUESTE DOMANDE SULLA MARIJUANA? 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 L uso di marijuana

Dettagli

Classificazione del dolore

Classificazione del dolore Dolore neuropatico Classificazione del dolore NOCICETTIVO NEUROPATICO (dovuto a danno/disfunzione del sistema somatosensoriale) MISTO quando i sintomi del dolore nocicettivo si sommano a quelli del dolore

Dettagli

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA Incidenza superiore al 5% nei pazienti industrializzati Marcato restringimento vie aree (colpi di tosse, respiro superficiale, senso di costrizione

Dettagli

Tossicomania: la malattia negata

Tossicomania: la malattia negata Tossicomania: la malattia negata Il paradigma medico della dipendenza. Appello ai medici e agli specialisti della salute mentale a prendersi cura delle persone con dipendenza patologica Gaetano De Ruvo*

Dettagli

SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE

SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DALLA REGIONE PIEMONTE SEQUESTRI 2009 1. La Direzione Centrale per i Servizi Antidroga del Ministero dell Interno ha segnalato al Sistema Nazionale di Allerta Precoce ad ottobre,

Dettagli

Alcol, tabacco e altre droghe. Conoscere i rischi per decidere i comportamenti

Alcol, tabacco e altre droghe. Conoscere i rischi per decidere i comportamenti Capitolo 4 Alcol, tabacco e altre droghe. Conoscere i rischi per decidere i comportamenti Le basi biologiche della gratificazione: gli effetti piacevoli dell assunzione dell alcol e delle altre droghe

Dettagli

Quanto riportato è parte della pubblicazione prodotta a cura della NIDA (National Institute on Drug Abuse) Drugs, brains and behavior.

Quanto riportato è parte della pubblicazione prodotta a cura della NIDA (National Institute on Drug Abuse) Drugs, brains and behavior. Quanto riportato è parte della pubblicazione prodotta a cura della NIDA (National Institute on Drug Abuse) Drugs, brains and behavior. The science of addiction - www.drugabuse.gov; La scienza della dipendenza

Dettagli