I.I.S. G. B. Vico - CHIETI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S. G. B. Vico - CHIETI"

Transcript

1 I.I.S. G. B. Vico - CHIETI Progetto a.s

2 LE FINALITÀ Rendere la scuola un luogo in cui gli alunni diventano i protagonisti del processo educativo. Accrescere il senso di identità degli studenti. Creare una rete capace di innescare processi di autoapprendimento e di contribuire allo sviluppo di competenze Favorire l'interazione tra il vissuto degli studenti e la didattica tradizionale, in modo da rendere più attraente l'apprendimento. Contribuire all'acquisizione di una mentalità critica e creativa.

3 GLI OBIETTIVI Utilizzare abitualmente gli strumenti informatici nella didattica delle varie discipline Implementare una piattaforma LMS (Learning Management System) Realizzare Action Maze (labirinti interattivi) interdisciplinari Documentare il lavoro svolto Socializzare i risultati

4 LE TECNOLOGIE LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) Spazio web Piattaforma LMS (Learning Management System) Canale YouTube Blog EEE-PC per ogni alunno Memoria usb per ogni alunno

5 LA PIATTAFORMA LMS Un learning management system (LMS) è un insieme di programmi che permette l'organizzazione di corsi on-line. Tramite una piattaforma LMS è possibile: La creazione, l'organizzazione, la gestione e la memorizzazione dei contenuti didattici; La composizione e la modularizzazione di unità didattiche fondamentali, chiamate learning object (LO); Il tracciamento e la memorizzazione delle interazioni degli studenti con i learning object. Visualizza Piattaforma

6 GLI ACTION MAZE Un Action Maze (labirinto interattivo) consiste in un numero (più o meno ampio) di punti decisionali, ciascuno rappresentante un momento di una procedura decisionale complessa. In ogni punto viene descritto uno scenario in termini essenziali e vengono date delle informazioni in base alle quali scegliere una delle opzioni offerte cliccando sul link corrispondente. Ciascuna opzione porta l utente ad un altro punto decisionale o ad un vicolo cieco. La creazione di un Action Maze da parte degli studenti richiede programmazione e tempo, ma è un'attività che stimola lo sviluppo e il consolidamento di diverse abilità e competenze: la pianificazione, la selezione, l analisi e la sintesi; se gli studenti lavorano in piccoli gruppi sono attivate anche le competenze comunicative poiché la pianificazione e realizzazione richiedono molta discussione prima di giungere alla versione finale. Inoltre, migliorano le abilità sociali, perché gli studenti devono contrattare ogni idea, e si sviluppano la flessibilità verso l opinione altrui e l apprezzamento di punti di vista diversi. Visualizza esempio di Action Maze

7 REALIZZARE UN ACTION MAZE 1) definire gli obiettivi di apprendimento dell Action Maze; 2) progettare uno scenario (la qualità dello scenario dipende dal suo realismo, dai dettagli e dalla sua rilevanza per gli studenti); 3) fare una lista delle decisioni che gli studenti devono prendere: la maggior parte dell apprendimento reale avviene mentre gli studenti effettuano la loro scelta; le opzioni non devono essere troppo ovvie o troppo facili, il loro numero deve essere limitato per ciascun punto decisionale e tutte devono essere ragionevoli e ben definite; 4) disegnare un diagramma dei punti decisionali e delle loro interconnessioni per aver una visione globale del labirinto e per identificare i vicoli ciechi; 5) elaborare il testo e la grafica (il testo deve essere conciso e semplice, le immagini devono aggiungere informazioni al testo o ambientazione allo scenario).

8 UNA PROPOSTA PER GLI ACTION MAZE IL TEATRO ANATOMICO (Galilei fra fisica, filosofia e anatomia) Scenario: Galilei partecipa ad una dimostrazione anatomica. Discipline coinvolte: Fisica, Storia, Filosofia, Scienze, Lett. Italiana, St. Arte, Ed. Fisic

9 PROPOSTA OPERATIVA 1) Integrazione della progettazione individuale con specifici riferimenti all'uso delle nuove tecnologie per il miglioramento dell'azione didattica. 2) Presentazione del progetto 3) Progettazione di Action Maze interdisciplinari da far realizzare agli studenti. 4) Uso delle nuove tecnologie nella pratica quotidiana 5) Creazione di corsi sulla piattaforma LMS 6) Realizzazione degli Action Maze 7) Documentazione del lavoro 8) Socializzazione del lavoro e dei prodotti

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE Opzione Economico-Sociale Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2013/2014 INDICE 1. Introduzione. pag. 3 2. Finalità e obiettivi

Dettagli

RiusaLO, la libreria di Learning Object della PA

RiusaLO, la libreria di Learning Object della PA RiusaLO, la libreria di Learning Object della PA 26 giugno 2013 Di cosa parleremo - Il Progetto ETICA pubblica nel sud e il Social learning - RiusaLO: obiettivi, contenuti e funzionalità della libreria

Dettagli

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto ha previsto la realizzazione da parte degli alunni dell

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE

METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE 1. LEARNING BY DOING DEFINIZIONE: apprendimento attraverso il fare, attraverso l operare, attraverso le azioni. OBIETTIVI: Gli obiettivi di apprendimento si configurano

Dettagli

MIGLIORARE GLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: insegnare, apprendere e valutare con la LIM. Manerbio (16 h) Montichiari (16 h) Orzinuovi (16 h) Tot 64 h

MIGLIORARE GLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: insegnare, apprendere e valutare con la LIM. Manerbio (16 h) Montichiari (16 h) Orzinuovi (16 h) Tot 64 h MODULI FORMATIVI La proposta progettuale si svilupperà su più corsi, dislocati geograficamente, in modo da favorire la partecipazione dei, con livelli diversi, secondo la seguente articolazione : PRIMO

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

E-learning. Introduzione

E-learning. Introduzione E-learning Introduzione Definizione L'e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agli utenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

I.T.I.-L.S. F. Giordani Via Laviano, 8 - Caserta

I.T.I.-L.S. F. Giordani Via Laviano, 8 - Caserta Company LOGO I.T.I.-L.S. F. Giordani Via Laviano, 8 - Caserta Progetto Scuol@2.0 La scuola tra utopia e nuove tecnologie Alcuni suggerimenti per l uso Company LOGO LE PAROLE CHIAVE E-Learning Multimedialità

Dettagli

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 L'Open Source entra nell'e Learning Paolo Gatti http://www.paologatti.it E learning: introduzione Per e learning si intende la possibilità di imparare sfruttando la rete

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT)

Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT) Istituto d Istruzione Superiore Carlo e Nello Rosselli Aprilia (LT) Presentazione del corso: CCNA Discovery 1: Networking for Home and Small Businesses Opportunità Internet sta cambiando la vita come noi

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività

Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività MEDA, 10/09/2015 PROT. N. 9280 Alla c.a. Dirigenti scolastici Loro Sede Oggetto: generazione web 2015/2016 Formazione insegnanti. Calendarizzazione attività A seguire, si elencano i moduli formativi programmati

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

Guida all utilizzo a cura di Francesco Lattari. Guida all utilizzo di moodle per studenti

Guida all utilizzo a cura di Francesco Lattari. Guida all utilizzo di moodle per studenti Guida all utilizzo a cura di Francesco Lattari Indice Introduzione p. 01 Come collegarsi p. 02 Come registrarsi p. 03 Come effettuare il login p. 04 La Home dello studente p. 05 Header e Funzionalità p.

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE "Documentarista Informatico" a.s. 2013/14 Prof. Francesco Dentici Indicazioni ed ipotesi di lavoro Gestione ed aggiornamento del sito Web della scuola Preparazione

Dettagli

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali)

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Con il progetto, di cui alla delibera n. 52/9 del 27.11.2009 della RAS avente ad oggetto "POR Sardegna 2007/2013, FERS, Asse

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE via Bartolo Longo 17 - Giugliano in Campania, 80014, Napoli Sede succursale : Via Dante Alighieri, 78 - Giugliano Tel. centrale 081 5061595 Fax 081 8948984 www.minzoni.it

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Politecnico di Milano. Allegato 2. Relazione Finale

Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Politecnico di Milano. Allegato 2. Relazione Finale Diploma On Line per Esperti di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Politecnico di Milano Allegato 2 Relazione Finale Insegnante: prof. Giorgio Ravanelli a.s. 2006/2007 1. Descrizione di contenuti,

Dettagli

UNIVERSITAS MERC ATORUM

UNIVERSITAS MERC ATORUM All. 4 Carta dei servizi Pag. 1 Carta dei servizi dell Università Telematica Universitas Mercatorum Art. 1- Premessa L Univeristà Telematica Universitas Mercatorum è costituita in seno al Sistema delle

Dettagli

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011).

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). http://www.apogeonline.com/libri/9788850329847/scheda

Dettagli

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5 Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo Maurizio Gentile Gentile, M. (2008). Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo. Scuola e Formazione, pp. 21-25. Nell anno scolastico 2005/2006 un gruppo

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 8143 - E-Learning Manager

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 8143 - E-Learning Manager CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 814 - E-Learning Manager Dati principali - Corso ID: 814 - E-Learning Manager ID Corso: Titolo corso: logia corso: Link dettaglio Master: Master di 1 livello o 2 livello:

Dettagli

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Cos è Moodle Moodle è un software per la gestione di corsi a distanza utilizzato a livello mondiale nelle Università, nelle

Dettagli

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Il progetto Obiettivi: progettare, realizzare e utilizzare

Dettagli

ICT per la didattica

ICT per la didattica ICT per la didattica S2 progettare elearning Rizomatica.net Progettare un percorso e-learning Teorie e tecniche di Instructional design Macro e micro progettazione didattica Obiettivi formativi Strategie

Dettagli

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?)

E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) Tavola Rotonda E-learning: tra passato, presente e futuro (una sfida ancora attuale?) L'idea è quella di confrontare, nelle nostre diverse esperienze, come e quanto l'uso di Moodle è cambiato ed ha cambiato

Dettagli

Formazione on line Le soluzioni di More Interactive per lo sviluppo di competenze e conoscenze

Formazione on line Le soluzioni di More Interactive per lo sviluppo di competenze e conoscenze ... Formazione on line Le soluzioni di More Interactive per lo sviluppo di competenze e conoscenze More Interactive Srl - Via Russoli, 1-20143 Milano Tel +39.02.89123754 - Fax +39.02.89122451 www.more.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA Alunni iscritti a.s.2011-12 n. 950 a.s.2012-13 n. 1200 Personale docente n. 124 Di cui 104 a tempo indeterminato Personale ATA n. 38 DSGA Amministrativi

Dettagli

Comunicazione capo-collaboratore: un percorso e-learning per Cariparma e Friulandria

Comunicazione capo-collaboratore: un percorso e-learning per Cariparma e Friulandria Case Study: Comunicazione capo-collaboratore: un percorso e-learning per Cariparma e Friulandria Nell ambito di un progetto di formazione rivolto ai ca. 1.000 manager di Cariparma e Friuladria (responsabili

Dettagli

La formazione a distanza

La formazione a distanza Diap.: 1 La formazione a distanza Diap.: 2 La formazione a distanza ambiente formativo tecnologico comprensivo di forme di didattica adistanzaediapprendimentoonline Diap.: 3 permette una interazione tra

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union PROGRAMMA DI STUDIO Nuove Tecnologie di Comunicazione (ICT) per il Social Networking 2013 responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute CONTENUTO 1. TARGET GROUP 3

Dettagli

GLI ADOLESCENTI NELLA RETE L uso di Internet, social network e new media

GLI ADOLESCENTI NELLA RETE L uso di Internet, social network e new media SCHEDA PROGETTO DI RICERCA-AZIONE (SPERIMENTAZIONE IN AULA) NOME E COGNOME DOCENTE: Vitaliano Pastori GLI ADOLESCENTI NELLA RETE L uso di Internet, social network e new media SCUOLA/ENTE/ORGANIZZAZIONE:

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi PROGETTO CL@SSI2.0 Titolo: DIGITALI Finalità generale del Progetto Creare occasioni significative di formazione integrale della persona, per sviluppare in modo particolare la capacità di orientarsi nella

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

SIMULWARE. SimulwareProfessional

SIMULWARE. SimulwareProfessional SIMULWARE SimulwareProfessional Che cosʼè SimulwareProfessional SimulwareProfessional è una piattaforma elearning SCORM-AICC compliant con un elevato livello di scalabilità e personalizzazione. Si presenta

Dettagli

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Le piattaforme Il concetto di ambiente di apprendimento riconduce storicamente a termini quali formazione

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LA NOSTRA IDENTITÀ Liceo Linguistico Regina Mundi Siamo una scuola cattolica e questa appartenenza ci definisce come uomini e professionisti Siamo impegnati a verificare

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

Glossario. Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi)

Glossario. Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi) Glossario Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi) Con adaptive learning ( apprendimento adattivo ) si intende un metodo che utilizza il computer come strumento interattivo per adattare

Dettagli

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa

IL PIANO FORMATIVO PIVOT. Avviso 2/08 Fondimpresa IL PIANO FORMATIVO PIVOT Avviso 2/08 Fondimpresa INDICE Sintesi del Progetto Finalità Obiettivi Destinatari Fasi del Progetto Risultati Attesi Il Piano Formativo PIVOT FINALITA' SINTESI DEL PROGETTO FINALITA'

Dettagli

L e-learning come strumento aziendale

L e-learning come strumento aziendale L e-learning come strumento aziendale Presentiamoci Serena Martini Associato a Joomla! Lombardia dal 2012 facebook: https://www.facebook.com/luna76mi linkedin: https://it.linkedin.com/in/serenamartini

Dettagli

Corso NEOASSUNTI A.S. 2012/13

Corso NEOASSUNTI A.S. 2012/13 Corso NEOASSUNTI A.S. 2012/13 E-tutor ing. Antonio Di Micco Docente di elettronica presso: Istituto Superiore Statale P. Gobetti Scandiano (RE) E-mail: antonio.dimicco@libero.it Programma Riferimenti normativi

Dettagli

PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 1 INDICE 1. Premessa... 2 2. I NOSTRI CORSI... 4 3. OBIETTIVI... 6 4. MODALITÀ DI EROGAZIONE... 7 4.1. E-Learning... 7 4.2. In

Dettagli

Scuola digitale inclusiva dal dire al fare: esperienze e modelli operativi dalle scuole italiane

Scuola digitale inclusiva dal dire al fare: esperienze e modelli operativi dalle scuole italiane Scuola digitale inclusiva dal dire al fare: esperienze e modelli operativi dalle scuole italiane Prof.ssa Monica Fanizzi Organizzazione della scuola - Usi didattici del tutorial Prof.ssa Maria Bertoldini

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

DidActive Box. Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva

DidActive Box. Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva DidActive Box Strumenti per una didattica aperta, condivisa e interattiva Laboratorio aperto Ogni classe, un laboratorio: questa prospettiva è possibile con DidActive Box, che unisce l ultima versione

Dettagli

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

Nuova Piattaforma Formazione a Distanza. Le regole di utilizzo

Nuova Piattaforma Formazione a Distanza. Le regole di utilizzo Nuova Piattaforma Formazione a Distanza Le regole di utilizzo LA STRUTTURA DEI CORSI Il catalogo formativo prevede per ogni utente di Agenzia un percorso formativo determinato sulla base del ruolo NewAge

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Docebo: la tua piattaforma E-Learning Google Ready.

Docebo: la tua piattaforma E-Learning Google Ready. Docebo: la tua piattaforma E-Learning Google Ready. Potenzia la tua suite Google Apps con Piattaforma FAD e Tutorial gratuiti Docebo! Docebo aiuta le aziende nella transizione da altre suite d ufficio

Dettagli

Preciso che le seguenti considerazioni sono basate esclusivamente sulla mia breve esperienza di utente della piattaforma Blackboard del DOL.

Preciso che le seguenti considerazioni sono basate esclusivamente sulla mia breve esperienza di utente della piattaforma Blackboard del DOL. Didattica assistita da Tecnologie I settimana La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate

Dettagli

Pillole formative e-learning

Pillole formative e-learning Pillole formative e-learning Amicucci Formazione Umberto Santucci Il problema della formazione Ci aspettano tempi duri (energia, ambiente, globalizzazione) Ci saranno meno risorse per la formazione Ma

Dettagli

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina A cura di Novella Caterina 1 RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI 1.1 Premessa di scenario 1.2 Finalità 1.3 Destinatari del corso 1.4 Obiettivi 1.5 Target di riferimento 1.6 Referenti di progetto manager (Pm) si

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARE: PROGETTO DI INFORMATICA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARE: PROGETTO DI INFORMATICA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/13 ATTIVITA EXTRACURRICULARE: PROGETTO DI INFORMATICA Denominazione del progetto UN TUFFO NELLA MULTIMEDIALITÀ Responsabile di progetto D Angelo Matilde Analisi

Dettagli

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education seguici e commenta su #primariaday Napoli 7 aprile 2014 Il nuovo ambiente RCS Education per la didattica digitale CONTENUTI e SERVIZI

Dettagli

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Workshop SVEA Torino, 20 Ottobre 2011 Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto Tecnologie Didattiche Genova Workshop SVEA Torino, 20

Dettagli

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 (stralci dal compito in classe di Italiano sul testo argomentativo) La tecnologia mi ha reso più motivato nel mio studio e più attento e più partecipe in classe

Dettagli

Rilevazione delle Dotazioni Multimediali per la Didattica A.S. 2013 2014

Rilevazione delle Dotazioni Multimediali per la Didattica A.S. 2013 2014 Rilevazione delle Dotazioni Multimediali per la Didattica A.S. 2013 2014 Sezione riservata all'istituzione Scolastica In questa sezione vengono poste alcune domande inerenti la funzione centrale di Istituzione

Dettagli

Formazione sistema editoriale CMS

Formazione sistema editoriale CMS Ufficio Società dell'informazione Nome del Progetto Acronimo del Progetto Formazione sistema editoriale CMS Documento Data di stesura Maggio 2010 Versione 1.2 Sommario 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione...

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo Francesco Sardu 8 agosto 2003 indice 1. Apprendimento organizzativo, individuale e generativo 2. Le cinque discipline per

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE EUROPA 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2 telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 http://www.iceuropa.it - e-mail: raic809002@istruzione.it PEC: raic809002@pec.istruzione.it

Dettagli

La rete di tecnologie La circolazione dei contenuti attraverso diversi mezzi di comunicazione anche a partire dalle attività degli utenti

La rete di tecnologie La circolazione dei contenuti attraverso diversi mezzi di comunicazione anche a partire dalle attività degli utenti Nicoletta Vittadini La rete di contenuti Il sito web tradizionale La rete di tecnologie La circolazione dei contenuti attraverso diversi mezzi di comunicazione anche a partire dalle attività degli utenti

Dettagli

Innovation Manager 2.0

Innovation Manager 2.0 Iniziativa promossa e finanziata da Ottobre 2014 Dicembre 2014 Innovation Manager 2.0 Giornate di formazione per portare innovazione nelle PMI Realizzata in collaborazione con Di cosa si tratta? Innovare

Dettagli

Il progetto Vindis: un'occasione per costruire una rete di esperienze significative a supporto dei DSA

Il progetto Vindis: un'occasione per costruire una rete di esperienze significative a supporto dei DSA Il progetto Vindis: un'occasione per costruire una rete di esperienze significative a supporto dei DSA Lucia Ferlino Istituto Tecnologie Didattiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Genova Luigi

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

LA FORMAZIONE A DISTANZA (FAD)

LA FORMAZIONE A DISTANZA (FAD) 82 LA FORMAZIONE A DISTANZA (FAD) Presentazione La Fad (Formazione a Distanza) è un'alternativa moderna, efficiente e flessibile a forme tradizionali di apprendimento. In alcuni casi - grazie alle sue

Dettagli

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione CURIOSANDO NELL INGLESE Anno scolastico 2014/2015 Tipo di intervento: Laboratori pomeridiani Destinatari del progetto: Alunni classi prime scuola primaria Progetto per l insegnamento della lingua inglese

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014-15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO INFORMATICA/GIORNALINO SCUOLA PRIMARIA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014-15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO INFORMATICA/GIORNALINO SCUOLA PRIMARIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014-15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO INFORMATICA/GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio CLICCA E IMPARA SCUOLA PRIMARIA Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE DIDATTICO

AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE DIDATTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE

Dettagli

Retail Technology Enhanced Learning

Retail Technology Enhanced Learning Manuela Martini Ingegnere Gestionale, manager esperto di Business Process Re-engineering, Manuela ha gestito progetti nazionali ed internazionali finalizzati all'informatizzazione dei processi organizzativi

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A.

Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. Intesa sul sistema di formazione del personale A.T.A. L anno 2004, il giorno 20 del mese di luglio, presso il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito indicato Miur), ai sensi

Dettagli

Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado. La Certificazione Internazionale

Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado. La Certificazione Internazionale Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado La Certificazione Internazionale Dall anno scolastico 2012 2013, la nostra scuola secondaria di primo e secondo grado è stata riconosciuta

Dettagli

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net Una piattaforma LMS open-source: a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net I modelli di formazione in modalità e-learning richiedono necessariamente l utilizzo di una tecnologia per la

Dettagli

UD1 E learning: Introduzione e Standard Filippo Sciarrone

UD1 E learning: Introduzione e Standard Filippo Sciarrone UD1 E learning: Introduzione e Standard Filippo Sciarrone 23/09/2009 Guida all uso di piattaforme e-learning 1 Schema Obiettivi della UD1 E learning Piattaforme LMS Esercitazione Standard di riferimento

Dettagli

SMART EDUCATION: Soluzioni innovative per la Scuola 2.0 Vodafone Italia

SMART EDUCATION: Soluzioni innovative per la Scuola 2.0 Vodafone Italia SMART EDUCATION: Soluzioni innovative per la Scuola 2.0 Vodafone Italia Bologna, 17 ottobre 2013 Le Smart Cities secondo Vodafone Miglioramento qualità della vita dei cittadini Forte impatto sulla comunità

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Via Sacra Famiglia, 17 Telefono 090635441 Fax E-mail Iolanda.caponata@istruzione.it iolanda.caponata-4011@postacertificata.gov.it

Dettagli

documento di progettazione Pagina 1

documento di progettazione Pagina 1 documento di progettazione Pagina 1 MASTER UNIVERSITARIO IN E-LEARNING Sommario 1. Introduzione e contesto - Finalità generali del corso - Titolo - Tema 2. Obiettivi - Macroobiettivo 3. Contenuti - Destinatari

Dettagli

LS - OSA e gli esami di Stato

LS - OSA e gli esami di Stato LS - OSA e gli esami di Stato Prof. Settimio Mobilio Dipartimento di Scienze Università Roma Tre Progetto LS-OSA Progetto per accompagnare il nuovo indirizzo del Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate

Dettagli

La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano

La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano Semplice Efficace Gratuita Molto più di una piattaforma! i-d-e-e.it è in realtà una multipiattaforma didattica, la prima appositamente dedicata

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli