ETICHETTATURA DEL MIELE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ETICHETTATURA DEL MIELE"

Transcript

1 L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE VETERINARIA IN APICOLTURA 25 novembre 2011 ETICHETTATURA DEL MIELE Dott.ssa Giulia Stazzoni

2 Decreto legislativo109/92 e decreto legislativo 181/03 L etichetta e le relative modalità di realizzazione sono destinate ad assicurare la corretta e trasparente informazione del consumatore Devono essere effettuate in modo tale da: Non indurre in errore l acquirente (miele d api puro, miele grezzo,miele raffinato) Non attribuire al prodotto alimentare effetti o proprietà che non possiede (miele vergine integrale, miele curativo) Non suggerire che il prodotto possiede caratteristiche particolari, quando tutti i prodotti alimentari analoghi possiedono caratteristiche identiche (miele edulcorante, miele puro, miele d api, miele naturale) Non attribuire al prodotto alimentare proprietà atte a prevenire, curare o guarire una malattia umana né accennare a tale proprietà, fatte salve le disposizioni comunitarie relative alle acque minerali e ai prodotti alimentari destinati ad un alimentazione particolare (miele rilassante, miele antibatterico, miele espettorante, miele lenitivo)

3 Art.3 D.L.vo 109 /92 In etichetta DEVONO obbligatoriamente comparire le seguenti informazioni: Denominazione di vendita Peso netto Nome o ragione sociale o marchio depositato e la sede del fabbricante o del confezionatore La sede dello stabilimento di produzione o confezionamento o venditore (quando diverso dall indirizzo del responsabile di commercializzazione già indicato in etichetta) Lotto Termine minimo di conservazione Paese d origine

4 DENOMINAZIONE DI VENDITA D.L.vo 109/92 e D.Lgs.n.181/03 Denominazione legale del prodotto o il nome consacrato agli usi o ancora la denominazione merceologica generica per indicare una serie di prodotti Art 1 D.Lgs 179/04 Per miele s'intende la sostanza dolce naturale che le api (Apis mellifera) producono dal nettare di piante o dalle secrezioni provenienti da parti vive di piante o dalle sostanze secrete da insetti succhiatori che si trovano su parti vive di piante che esse bottinano, trasformano, combinandole con sostanze specifiche proprie, depositano, disidratano, immagazzinano e lasciano maturare nei favi dell alveare.

5 DENOMINAZIONE DI VENDITA Questa è la denominazione minima alla quale si possono inserire ulteriori informazioni riguardanti MIELE

6 L origine miele di D.Lgs 179/04 miele di fiori di miele di nettare di miele di melata MIELE di MELATA MIELE MIELE di FIORI D ARANCIO MIELE di NETTARE D ACACIA MIELE di CASTAGNO

7 La doppia indicazione floreale e/o vegetale Nota esplicativa sulla direttiva 2001/110/CE della Commisione Europea del 22 gennaio 2006: L indicazione in etichetta della doppia origine botanica e/o floreale, al posto del termine millefiori è consentita, a condizione che ricorrano queste condizioni: i fiori e/o i vegetali indicati abbiano lo stesso periodo di produzione di nettare e/o melata e siano della stessa origine geografica ciascuna delle origini botaniche indicate deve essere significativa ed il miele deve provenire interamente o principalmente dalle due origini indicate il miele deve avere, come nel caso dell indicazione monofloreale, caratteristiche organolettiche, fisicochimiche e microscopiche della duplice origine da cui proviene.

8 Se i fiori indicati non hanno lo stesso periodo di produzione di nettare e la stessa origine geografica, la duplice o multipla origine floreale può essere indicata a condizione che il termine miscela appaia chiaramente in etichetta.

9 Il metodo di produzione o di estrazione D.Lgs 179/04 miele in favo miele torchiato miele filtrato miele con pezzi di favo o sezioni di favo nel miele miele scolato miele centrifugato MIELE SCOLATO MIELE FILTRATO MIELE IN FAVO MIELE TORCHIATO MIELE CENTRIFUGATO MIELE CON PEZZI DI FAVO MIELE CON SEZIONI DI FAVO

10 Tutte le denominazioni possono essere sostituite dalla sola denominazione di vendita miele ad eccezione del miele filtrato, del miele in favo, miele con pezzi di favo o favo tagliato nel miele e del miele per uso industriale.

11 D.Lgs 179/04 Ad eccezione del miele filtrato e del miele per uso industriale le denominazioni possono essere completate da indicazioni che fanno riferimento all origine floreale o vegetale (esempio miele di fiori di rododendro) MIELE DI FIORI DI RODODENDRO

12 D.Lgs 179/04 all origine regionale, territoriale o topografica: l origine botanica regionale deve essere di regione o zona nota perciò è corretto dire miele delle colline senesi e scorretto miele di collina, è corretto dire miele di castagno del Monte Amiata e scorretto dire miele di castagno di montagna a criteri di qualità specifici prodotti dalla normativa comunitaria (es.dop,igp) Es. Miele della Lunigiana D.O.P. MIELE DI CASTAGNO DEL MONTE AMIATA MIELE DI CASTAGNO DI MONTAGNA MIELE D.O.P. MIELE della LUNIGIANA D.O.P. MIELE DELLE MIELE DI COLLINA COLLINE SENESI

13 La Circolare del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali n.1 del 08/03/2005 ha consentito la dicitura miele millefiori non prevista dal D.Lgs n. 179/04 ma ha vietato le dizioni: miele di bosco, miele di montagna, miele di prato

14 Circolare 12/7/2007 n.3 MIELE DI BOSCO questa dizione è permessa quando si vuole indicare un miele di melata di bosco. Se il miele di bosco fosse essenzialmente di origine floreale è opportuno indicare miele di fiori di bosco. Il miele di melata che non deriva da essenze boschive ma solo da piante erbacee non può chiamarsi miele di bosco ma solo miele di melata (Circolare 12/7/2007 n.3) MIELE di BOSCO

15 PESO NETTO Va indicato con il simbolo g senza punteggiatura e deve seguire il peso, si può esprimere anche in kg,anch esso senza punteggiatura e anche con la parola per esteso(chilogrammi grammi) La dicitura PESO NETTO è facoltativa. Disciplina metrologica Dpr 391/80 regolamenta le altezze minime dei caratteri in base al peso (volume) del prodotto QUANTITA NOMINALI g o ml ALTEZZA MINIMA IN mm FINO A 50 2 OLTRE 50 FINO OLTRE 200 FINO OLTRE

16 500 gr G 500 Gr. 500 Kg 1 1kg. 500 g. MIELE 1kg 1 chilogrammo 500 grammi 500 g

17 Art /92 e art /03 NOME RAGIONE SOCIALE O MARCHIO DEPOSITATO e la sede o del fabbricante o del confezionatore o del venditore stabilito nella comunità economica europea. La sede dello stabilimento di produzione o confezionamento (quando diverso dall indirizzo del responsabile di commercializzazione già indicato in etichetta). Il D. L.vo n. 109/1992 prevede che in etichetta debba figurare il nome o: del produttore e della sua sede (località ed indirizzo); del confezionatore e della sua sede (località ed indirizzo); del venditore e della sua sede (località ed indirizzo), purché stabilito in uno degli Stati membri.

18 Pertanto sull etichetta di un miele confezionato conto terzi in un luogo diverso da quello in cui si trovi la sede la sede o del fabbricante o del confezionatore o di un venditore che ne ha richiesto la produzione, deve essere riportato sia il nome o la ragione sociale o il marchio depositato e la sede o del fabbricante o del confezionatore o di un venditore sia la sede dello stabilimento di produzione o di confezionamento -lettera e) ed f) dell art.3 del decreto legislativo n.109 del 1992-

19 Confezionato per Giovanni Bianco presso Strada cassia sud 109 Buonconvento (SI) Confezionato da Giovanni Bianco Strada di pian del lago 9 Siena Prodotto da Giovanni Bianco e confezionato presso Mario Bianchi Strada cassia sud 109 Buonconvento (SI) Giovanni Bianco Strada di pian del lago 9 Siena MIELE Prodotto da Giovanni Bianco Strada di pian del lago 9 Siena Prodotto e confezionato per Agriturismo IL COLLE, via delle cerchia 5 (SI) presso il laboratorio Strada cassia sud 109 Buonconvento (SI) Prodotto da Giovanni Bianco,strada pian del lago 9,e confezionato presso Mario Bianchi Strada cassia sud 109 Buonconvento (SI) Prodotto e confezionato da Giovanni Bianco Strada di pian del lago 9 Siena 500 g ok

20 Confezionato per COOP da Unimiele Bari MIELE Prodotto da Giovanni Biancostrada pian del lago 9 siena e confezionato presso Mario Bianchi Prodotto da Giovanni Bianco per se e per gli amici Confezionato da Giovanni Bianco Per Agriturismo IL COLLE Siena Apicoltura Rossi Prodotto e confezionato in toscana 500 g no

21 LOTTO Art.13 D.L.vo 109/92 Per lotto si intende un insieme di unità di vendita di una derrata alimentare, prodotte fabbricate o confezionate in circostanze praticamente identiche (es. smielato tutto in un giorno, prodotto tutto in una zona). Il lotto è determinato dal produttore o dal confezionatore del prodotto alimentare ed è apposto sotto la propria responsabilità.

22 E obbligatorio LOTTO deve essere facilmente visibile chiaramente leggibile indelebile preceduto dalla lettera <L> salvo nel caso in cui sia riportato in modo da essere distinto dalle altre indicazioni di etichettatura La lettera L MIELE può essere seguita da numeri MIELE o lettere o numeri più lettere può essere omessa quando coincide con il termine minimo di conservazione indicato almeno con la menzione del giorno e del mese(art.11 D.lgs 181/03) L 25H52G Da consumarsi preferibilmente entro il 15 maggio g

23 TERMINE MINIMO DI CONSERVAZIONE (TMC) Art.10 D.L.vo 109/92 data fino alla quale il prodotto alimentare conserva le sue proprietà specifiche in adeguate condizioni di conservazione Il T.M.C. viene stabilito direttamente dal produttore sotto la sua responsabilità. si compone dell indicazione in chiaro e nell ordine del giorno, del mese e dell anno e può essere espresso: Con l indicazione del giorno e del mese per i prodotti alimentari conservabili per meno di tre mesi Con l indicazione del mese e dell anno per prodotti alimentari conservabili per più di tre mesi ma meno di 18 mesi (es da consumarsi preferibilmente entro la fine di gennaio 2012) Con la sola indicazione dell anno per prodotti alimentari conservabili per più di 18 mesi (da consumarsi preferibilmente entro la fine del 2013)

24 Il miele è un alimento che presenta un tenore di acqua libera basso, elevata concentrazione di sostanze zuccherine ed è caratterizzato dalla presenza naturale di sostanze antibatteriche, per cui è un alimento poco deperibile la cui lavorazione non è soggetta a rischi microbiologici di particolare rilievo. Per questo motivo è soggetto all obbligo del termine minimo di conservazione e non una data di scadenza. Il TMC va indicato con la dicitura da consumarsi preferibilmente entro quando la data è espressa con l indicazione del giorno del mese e dell anno da consumarsi preferibilmente entro la fine quando la data è espressa con l indicazione del mese e dell anno o soltanto dell anno le due diciture possono essere seguite dall indicazione del punto della confezione in cui figurano le date (es. vedi capsula)

25 MIELE Da consumarsi preferibilmente entro il 30/09/2014 Da consumarsi preferibilmente entro la fine di 09/2014 Da consumarsi preferibilmente entro la fine del 2014 L 25H52G 500 g

26 PAESE D ORIGINE Art.2-bis L. 81/2006 Sull etichetta devono essere indicati il paese d origine o i paesi di origine in cui il miele è stato raccolto Paese d origine ITALIA e FRANCIA Paese d origine SPAGNA Paese d origine ITALIA Paese d origine ITALIA e CINA MIELE Da consumarsi preferibilmente entro la fine di 09/2014 L 25H52G 500 g

27 E errato scrivere MIELE ITALIANO perché aggettivo MISCELA DI MIELI ITALIANO E UNGHERESE MIELE ITALIANO MIELE Da consumarsi preferibilmente entro la fine di 09/2014 L 25H52G 500 g

28 art.4 del decreto n.5464 del 3 agosto 2011 L indicazione relativa al paese o ai paesi d origine in cui il miele è stato raccolto è stampata con caratteri tipografici la cui dimensione- riferita all altezza della minuscola x - è pari o superiore a 2 mm ed è apposta in etichetta nello stesso campo visivo ed in prossimità della denominazione di vendita. Nel caso di imballaggi o contenitori, la cui superficie maggiore misura meno di 80 cmq, l altezza minima della x è pari o superiore a 0,9 mm Paese d origine ITALIA MIELE Da consumarsi preferibilmente entro la fine di 09/2014 L 25H52G 500 g

29 N.B.: MIELE, PESO NETTO e TERMINE MINIMO DI CONSERVAZIONE vanno scritti nello stesso campo visivo Paese Paese d origine d origine ITALIA ITALIA MIELE Da consumarsi preferibilmente entro la fine di 09/2014 Da consumarsi preferibilmente entro il 15/05/2016 L 25H52G 500 g

30 MIELE PER USO INDUSTRIALE E miele adatto all uso industriale come ingrediente in altri prodotti alimentari destinati ad essere successivamente lavorati. Può avere un gusto o un odore anomali avere iniziato un processo di fermentazione essere effervescente essere stato surriscaldato Non può essere denominato solo miele, la denominazione corretta è miele per uso industriale, deve riportare accanto alla denominazione di vendita la menzione destinato solo alla preparazione di cibi cotti.

31 Si ricorda inoltre che In base all art.3 comma 4 del Dlgs 179 il miele destinato ai consumatori deve essere preconfezionato all origine in contenitori chiusi in base all art.4 del Dlgs 179/04 è vietato aggiungere al miele, immesso sul mercato quanto tale o utilizzato in prodotti destinati al consumo umano, qualsiasi ingrediente alimentare, ivi compresi gli additivi, ed effettuare qualsiasi altra aggiunta se non di miele. Da ciò ne deriva che i preparati che si trovano in commercio a base ad esempio di miele e frutta secca non possono riportare in etichetta il termine <<miele>>, per cui dovremmo usare la denominazione specifica, ad es. << miele e nocciole>>.

32 SIGILLO DI GARANZIA D.L.vo 109/92 art. 1 comma 2 lettera b) Il sigillo di garanzia non deve poter essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata E in grado di garantire il consumatore ed il produttore da eventuali manipolazioni Sul sigillo si possono riportare dati dell etichetta esempio il Paese d origine. Fa parte delle modalità di confezionamento

33 Art.25 del D.L.vo 109/1992 Qualora il miele sia confezionato in imballaggio o recipienti di peso pari o superiori a 10 chilogrammi e non sia commercializzato al dettaglio le indicazioni quantità netta ed il nome o la ragione sociale e la sede del produttore o del confezionatore o di un venditore stabilito nella Comunità Europea possono figurare solo sui documenti commerciali di vendita Per cui sul contenitore/fusto deve comparire obbligatoriamente solo: la denominazione di vendita Il TMC Il Lotto MIELE Da consumarsi preferibilmente MIELE entro il 30/09/2016 L 265hg43

34 MIELE BIOLOGICO Reg. 834/07 relativo alla produzione biologica e all etichettatura dei prodotti biologici e che abroga il regolamento n.2092/91 Reg. 889/08 recante modalità di applicazione del reg.n.834/2007 del Consiglio relativo alla produzione biologica e all etichettatura dei prodotti biologici, per quanto riguarda la produzione biologica, l etichettatura e i controlli: Reg. 1254/08 che modifica il reg.889/2008

35 Per il miele biologico l etichetta deve contenere anche: Dicitura da agricoltura biologica logo comunitario organismo di controllo autorizzato dal MIPAAF (codice) codice dell operatore controllato

36 GRAZIE Grazie per l attenzione

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele Giugno 2009 L etichettatura nel confezionamento del miele Il Decreto Legislativo n. 181 del 23 giugno 2003: Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI

LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI LE NUOVE REGOLE IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE ED ETICHETTATURA DEI VINI REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC OTTOBRE 2009 PREMESSA La normativa in materia di classificazione ed etichettatura

Dettagli

Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore

Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore Giornate della Prevenzione Etichettatura: quadro normativo generale a tutela del consumatore Stefano Ferrarini Az. Ulss n. 6 Vicenza Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti di Origine

Dettagli

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE

MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO MIELI E PRODOTTI APISTICI DELLA TUSCIA VITERBESE MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE DISPOSIZIONI

Dettagli

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GIUGNO 2010 Il presente Manuale è stato realizzato con il contributo tecnico-scientifico di Dintec Scrl Consorzio per l Innovazione

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI RACCOLTA NORMATIVA PER GLI ADDETTI AL CONTROLLO UFFICIALE E GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI Parte Generale Dott. Mauro Bardelli Tecnico della prevenzione nell ambiente

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti.

Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti. RISOLUZIONE N. 210/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 novembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti.

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 IL CAPO DIPARTIMENTO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI PROVVEDIMENTO 8 luglio 2009 Iscrizione della denominazione «Aceto Balsamico di Modena», nel registro delle denominazioni di origine protette e

Dettagli

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita!

Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata. Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! Colli!Euganei! Denominazione!di!origine!Controllata Colli!Euganei!Fior!d Arancio Denominazione!di!origine!controllata!e!garantita! ETICHETTATURA!E! PRESENTAZIONE Normativa!di!riferimento Regolamento! CE!

Dettagli

Prodotti ortofrutticoli freschi

Prodotti ortofrutticoli freschi Prodotti ortofrutticoli freschi I prodotti ortofrutticoli freschi hanno assunto un importanza sempre maggiore nella dieta del consumatore medio, in considerazione dell attenzione che le persone pongono

Dettagli

DEFINIZIONI INDISPENSABILI

DEFINIZIONI INDISPENSABILI 1 DEFINIZIONI INDISPENSABILI Preimballaggio Per imballaggio preconfezionato, o preimballaggio, si intende l insieme del prodotto e dell imballaggio nel quale è confezionato. Possiamo affermare quindi che

Dettagli

COME. leggere un ETICHETTA. La Coopération au cæur de la Méditerranée. La Cooperazione al cuore del Mediterraneo

COME. leggere un ETICHETTA. La Coopération au cæur de la Méditerranée. La Cooperazione al cuore del Mediterraneo La Cooperazione al cuore del Mediterraneo La Coopération au cæur de la Méditerranée COME leggere un ETICHETTA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Cos è l etichetta di un prodotto

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92

Circolare n. 14878 Prot. 1898 Roma, 20 novembre 2014. Regolamento UE n. 1169/11 G.U.C.E. L 304 del 22 nov. 2011 D.lgs. 109/92 TITOLO DOCUMENTO Etichettatura degli alimenti: le nuove disposizioni del Reg. UE 1169/11 AREA TEMATICA Ambiente ed Energia SETTORE Qualità e Sicurezza alimentare ARGOMENTO SPECIFICO Sicurezza degli alimenti

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni

Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni Confetture, gelatine, marmellate e crema di marroni L etichettatura delle confetture, delle gelatine e delle marmellate, nonché della crema di marroni, è disciplinata, per gli aspetti generali, dal D.lgs.

Dettagli

- pari a valori prefissati dal riempitore, - espresse in unità di massa o di volume, - superiori o uguali a 5 g o a 5 ml e inferiori o uguali a 10 kg

- pari a valori prefissati dal riempitore, - espresse in unità di massa o di volume, - superiori o uguali a 5 g o a 5 ml e inferiori o uguali a 10 kg 31976L0211 Direttiva 76/211/CEE del Consiglio, del 20 gennaio 1976, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative al precondizionamento in massa o in volume di alcuni prodotti in

Dettagli

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I)

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Dr. Giovanni Formato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Il nuovo approccio per garantire la salubrità

Dettagli

PREIMBALLAGGI. La normativa e i controlli delle Camere di Commercio. Preimballaggi Verona 5 marzo 2014

PREIMBALLAGGI. La normativa e i controlli delle Camere di Commercio. Preimballaggi Verona 5 marzo 2014 Preimballaggi Verona 5 marzo 2014 La normativa e i controlli delle Camere di Commercio IL CONTESTO NORMATIVO STORICO CEE LIQUIDI ALIMENTARI direttiva 75/106/CEE precondizionamento in volume di alcuni liquidi

Dettagli

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI

L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI L INFORMAZIONE AI CONSUMATORI DI ALIMENTI il ravvicinamento delle legislazioni in materia di etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari Il reg. 1169/2011 In Italia, prima dell armonizzazione

Dettagli

Corretta indicazione di quantità e prezzi Opuscolo informativo per il commercio

Corretta indicazione di quantità e prezzi Opuscolo informativo per il commercio Corretta indicazione di quantità e prezzi Opuscolo informativo per il commercio ml cm kg cl m 5.90 CHF g cl Indice Sommario Pagina 2 Obiettivi 3 Termini / abbreviazioni 4 Obbligo d indicazione della quantità

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L

MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L Etichetta del Cacao e Cioccolato uno Novità Normative La normativa che disciplina il

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

NORMATIVE PER L'ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E TIPOLOGIE DI APPLICAZIONE

NORMATIVE PER L'ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E TIPOLOGIE DI APPLICAZIONE NORMATIVE PER L'ETICHETTATURA E TIPOLOGIE DI APPLICAZIONE Allegato 1 al Regolamento dell attività di Controllo e Certificazione dei Prodotti Biologici (REG. 001) CCPB srl Società a socio unico 40126 Bologna

Dettagli

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali

941.281 Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali Ordinanza sulla misurazione e indicazione della quantità delle merci misurabili nelle transazioni commerciali (Ordinanza sulle dichiarazioni) dell 8 giugno 1998 (Stato 1 luglio 1998) Il Consiglio federale

Dettagli

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014

Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura. Roma 18 dicembre 2014 Reg. (UE) 1169/2011 Le nuove norme sull etichettatura Roma 18 dicembre 2014 Il Nuovo Regolamento Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla fornitura di informazioni

Dettagli

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA)

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) 1 Scopo e campo di applicazione della ISO 22000 SCOPO: si applica quando una organizzazione delle filiera

Dettagli

ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI DI LARGO CONSUMO: ALIMENTI, COSMETICI, MODA, ELETTRODOMESTICI GUIDA PRATICA PER IL CONSUMATORE

ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI DI LARGO CONSUMO: ALIMENTI, COSMETICI, MODA, ELETTRODOMESTICI GUIDA PRATICA PER IL CONSUMATORE ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI DI LARGO CONSUMO: ALIMENTI, COSMETICI, MODA, ELETTRODOMESTICI GUIDA PRATICA PER IL CONSUMATORE APRILE 2010 La presente Guida al Consumo è stata realizzata dalla

Dettagli

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20 Marina Speri VERONA LE FRODI ALIMENTARI IN UOVA E OVOPRODOTTI Rovigo, 5 giugno 2009 Alcuni dati del comparto PRODUZIONE 2008: 12 miliardi e 952 milioni di uova CONSUMO 2008 :

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

LA NORMATIVA SANITARIA

LA NORMATIVA SANITARIA LA NORMATIVA SANITARIA IN APICOLTURA Maria Eleonora Reitano MEDICO VETERINARIO - ASL RM H Roma, 03 APRILE 2013 NORMATIVA IN APICOLTURA Deve tener conto di: 1. Sanità degli alveari 2. Tutela dell ambiente

Dettagli

Chiarimenti in materia di additivi alimentari

Chiarimenti in materia di additivi alimentari Chiarimenti in materia di additivi alimentari Definizione di additivo alimentare Qualsiasi sostanza abitualmente non consumata come alimento in sé e non utilizzata come ingrediente caratteristico di alimenti,

Dettagli

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti.

Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. D.M. 29 luglio 2004. Disposizioni sulla elaborazione, confezionamento, designazione e presentazione dei vini frizzanti. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 238 del 9 ottobre 2004). IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

Filiera agricola italiana

Filiera agricola italiana Filiera agricola italiana Manuale di corretta prassi per l etichettatura dei prodotti agricoli di Campagna Amica CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI Area Sicurezza Alimentare e Produttiva Ufficio Nutrizione

Dettagli

GUIDA PRATICA PER I PREPARATORI CERTIFICATI SECONDO IL REG. CE 834/07

GUIDA PRATICA PER I PREPARATORI CERTIFICATI SECONDO IL REG. CE 834/07 GUIDA PRATICA PER I PREPARATORI CERTIFICATI SECONDO IL REG. CE 834/07 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: Reg. CE 834/07 Reg. CE 889/08 DOCUMENTAZIONE Scheda materie prime Scheda di preparazione prodotti Registro

Dettagli

Per etichettatura s intende l insieme delle

Per etichettatura s intende l insieme delle L etichettatura degli alimenti: al servizio del consumatore I prodotti alimentari in vendita sono obbligatoriamente accompagnati da un etichetta, una sorta di carta d identità del bene acquistato. Ma solo

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 80 Informativa OGGETTO: Attività Produttive. Igiene alimenti e bevande.

Dettagli

Filiera agricola italiana

Filiera agricola italiana Filiera agricola italiana Manuale di corretta prassi per l etichettatura dei prodotti agricoli di Campagna Amica CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI Area Sicurezza Alimentare e Produttiva Ufficio Nutrizione

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci Il Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP) relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele. Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa

Dettagli

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari

PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari PROGRAMMA Formazione e aggiornamento degli utilizzatori professionali e dei consulenti fitosanitari Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nel PAN, nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012,

Dettagli

Le ultime righe fanno riferimento ai cosiddetti preincartati che il regolamento tratta nel successivo art. 44

Le ultime righe fanno riferimento ai cosiddetti preincartati che il regolamento tratta nel successivo art. 44 Regolamento (UE) N. 1169/2011 Art. 2 Definizioni «etichettatura»: qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce a un alimento e che figura su qualunque

Dettagli

Latte e prodotti lattiero caseari

Latte e prodotti lattiero caseari Latte e prodotti lattiero caseari Il latte rappresenta il primo alimento per l uomo e, per le sue caratteristiche nutrizionali comprese quelle dei suoi derivati si conferma come uno dei prodotti fondamentali

Dettagli

Definizione di tracciabilità

Definizione di tracciabilità Definizione di tracciabilità Spegnere il Telefonino!! Tracciabilità Reg.(CE) ) 178/2002 Programma per 8 e 16 ore Decreto Regione Liguria 793/2012 e Regolamento CE 852/2004 Ente Ligure di Formazione divisione

Dettagli

Si ringraziano: Daniela Rende, Lorenzo Pellegrino, Katya Gaudio per la collaborazione tecnica

Si ringraziano: Daniela Rende, Lorenzo Pellegrino, Katya Gaudio per la collaborazione tecnica Questa pubblicazione è frutto della collaborazione di un gruppo di esperti del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura (CRA): dott. Stefano Delbono dott. Andrea Ghiselli dott.ssa Roberta

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE della Denominazione di Origine Protetta Miele delle Dolomiti Bellunesi. Art 1. Denominazione del prodotto

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE della Denominazione di Origine Protetta Miele delle Dolomiti Bellunesi. Art 1. Denominazione del prodotto DISCIPLINARE DI PRODUZIONE della Denominazione di Origine Protetta Miele delle Dolomiti Bellunesi Art 1. Denominazione del prodotto La denominazione di origine protetta Miele delle Dolomiti Bellunesi,

Dettagli

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO

ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO ORGANISMI GENETICAMENTE MODIFICATI EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO Avv. Michele Mea Avv. Michele Mea NORMATIVA ATTUALE DI RIFERIMENTO 1. 1. Direttiva CE n. n. 18/2001 2. 2. Regolamento CE n. n. 1829/2003

Dettagli

IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA

IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Con il contributo di: Dipartimento 7 Agricoltura e Risorse Agroalimentari AIAB CALABRIA Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Calabria cofinanziato

Dettagli

Volume 1: Manuale di Corretta Prassi Igienica per la Distribuzione Automatica di Alimenti

Volume 1: Manuale di Corretta Prassi Igienica per la Distribuzione Automatica di Alimenti Volume 1: Manuale di Corretta Prassi Igienica per la Distribuzione Automatica di Alimenti Validato dal Ministero della Salute in conformità al Regolamento 852/2004/CE Questo manuale non può essere, totalmente

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 10 novembre 2009. Disposizioni nazionali relative alle norme di commercializzazione dell olio di oliva. IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE

Dettagli

Sommario: Sottazione A3... 4 Sottazione A5... 5. Azione B - Lotta alla varroasi e malattie connesse... 5 Sottazione B2... 5. Sottazione B4...

Sommario: Sottazione A3... 4 Sottazione A5... 5. Azione B - Lotta alla varroasi e malattie connesse... 5 Sottazione B2... 5. Sottazione B4... ALLEGATO 1 Manuale delle procedure istruttorie e di controllo delle domande di finanziamento delle azioni dirette al miglioramento della produzione e commercializzazione dei prodotti dell apicoltura Reg.

Dettagli

Art. 1 Denominazione

Art. 1 Denominazione Disciplinare di produzione per l olio extra vergine di oliva a denominazione di origine protetta Seggiano Art. 1 Denominazione La Denominazione di Origine Protetta Seggiano è riservata all'olio extra vergine

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

Roma, Settembre 2011 3

Roma, Settembre 2011 3 Il Quaderno Assovetro n. 4 Obblighi per materiali e oggetti a contatto con gli alimenti Codice di comportamento dell Industria Italiana del Vetro da Imballaggio fa parte della collana di pubblicazioni

Dettagli

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Per poter esaminare in modo specifico questi alimenti, occorre effettuare alcune premesse di ordine legislativo. La Direttiva 398/1989/CE ha inizialmente

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n.852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari;

VISTO il Regolamento (CE) n.852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari; Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Decreto 13 agosto 2012 - Disposizioni nazionali applicative del Regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, del regolamento applicativo (CE)

Dettagli

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta PANCETTA PIACENTINA Art.1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta "Pancetta Piacentina" é riservata al prodotto di salumeria

Dettagli

REG. CE 1935/2004 12.10.2012

REG. CE 1935/2004 12.10.2012 Principali elementi della legislazione europea, nazionale e regionale sui materiali a contatto. REG. CE 1935/2004: etichettatura, tracciabilità,dichiarazione di conformità. 12.10.2012 Dott.ssa Simonetta

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali

L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali Torino 27 marzo 2013 Laura Bersani L etichettatura inerente i prodotti del settore cerealicolo. Aspetti specifici e nutrizionali REQUISITI OBBLIGATORI PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI PRECONFEZIONATI

Dettagli

I cosmetici e la normativa europea: ingredienti ammessi e non, regole di etichettatura

I cosmetici e la normativa europea: ingredienti ammessi e non, regole di etichettatura I cosmetici e la normativa europea: ingredienti ammessi e non, regole di etichettatura Dott. ssa Elena Ugazio Università di Torino Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco PRODOTTI PER LA SALUTE

Dettagli

Disciplinare Tecnico di Produzione

Disciplinare Tecnico di Produzione Disciplinare Tecnico di Produzione Disciplinare Tecnico di Produzione di ArtiGelato Gelato Artigianale Tradizionale Garantito Tipo di prodotto Gelato artigianale. Denominazione del prodotto ARTIGELATO

Dettagli

Tutti i prodotti cosmetici commercializzati nell Unione Europea devono essere sicuri, cioè non causare danno alla salute umana quando applicati nelle

Tutti i prodotti cosmetici commercializzati nell Unione Europea devono essere sicuri, cioè non causare danno alla salute umana quando applicati nelle Tutti i prodotti cosmetici commercializzati nell Unione Europea devono essere sicuri, cioè non causare danno alla salute umana quando applicati nelle normali e prevedibili condizioni d uso Tutti gli ingredienti

Dettagli

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI.

VADEMECUM HACCP CO MMERCIO ALIMENTI. VADEMECUM HACCP COMMERCIO ALIMENTI. GUIDA NORMATIVA PER CONSULENTI, TECNICI E RESPONSABILI AZIENDALI di G. Manzone e G. Ventaloro M&M ASSOCIATI Consulenti Aziendali srl edizioni Prezzo 25,00 - Pagg. 320

Dettagli

VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI

VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI VADEMECUM IN MATERIA DI ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Approfondimento normativo delle principali indicazioni da riportare in etichetta dei prodotti alimentari destinati al commercio

Dettagli

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell ATTIVITA DI PRODUZIONE TRASFORMAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, VENDITA DI ALIMENTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi dell art. 6 del Reg. Europeo 852/2004 AL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

Catalogo e Listino Prezzi

Catalogo e Listino Prezzi Catalogo e Listino Prezzi 2015 www.bombonierapernatura.it L'eleganza della semplicità Abbiamo prodotti di qualità. garantiti, controllati e rigorosamente Made in Italy. Tutto ciò che vi offriamo proviene

Dettagli

Vista la legge 4 luglio 1967, n. 580; Visto il decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109;

Vista la legge 4 luglio 1967, n. 580; Visto il decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109; DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 9 febbraio 2001, n.187 Regolamento per la revisione della normativa sulla produzione e commercializzazione di sfarinati e paste alimentari, a norma dell'articolo

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA COME

COMMISSIONE EUROPEA COME COMMISSIONE EUROPEA Come leggere Fiocchi di riso e di grano integrale, arricchiti di vitamine (B1, B2, B3, B6, acido folico, B12, C) e ferro Peso netto: DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Cereal Lite

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Campo di applicazione

DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Campo di applicazione Decreto Legislativo 27.1.92 n. 109 Attuazione delle Dir. 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari come modificato da Decr. P.C.M. 6.2.96

Dettagli

GUIDA ALL IMPIEGO DEL LOGO EMAS

GUIDA ALL IMPIEGO DEL LOGO EMAS GUIDA ALL IMPIEGO DEL LOGO EMAS 1. PRINCIPI Regolamento di riferimento La presente guida lascia impregiudicato il diritto comunitario, le legislazioni nazionali e le norme tecniche non disciplinate dal

Dettagli

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA'

PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' PICCOLE PRODUZIONI LOCALI (PPL) IN APICOLTURA, QUALI OPPORTUNITA' Dr. Franco Ravagnan Integrate dalla Dr.a Piroska Sabbion ASL 8 Montebelluna. Az.U.L.S.S.16 Padova Padova 16 dicembre 2012 p.p.l. Progetti

Dettagli

GUIDA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO DESTINATA AI RICHIEDENTI

GUIDA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO DESTINATA AI RICHIEDENTI GUIDA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO DESTINATA AI RICHIEDENTI Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" NB: La presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti a redigere

Dettagli

Rassegna stampa dal quotidiano on line

Rassegna stampa dal quotidiano on line Rassegna stampa dal quotidiano on line Al via le iscrizioni per il corso di ''Operatore macchine agricole'' a Siena Lunedì 17 Ottobre 2011 12:07 Organizzate dall'unione Provinciale Agricoltori di Siena,

Dettagli

MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI AGGIORNAMENTI NORMATIVI

MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL CONTATTO CON ALIMENTI AGGIORNAMENTI NORMATIVI AGGIORNAMENTI NORMATIVI Marino Lamperti Federazione Gomma Plastica Area Tecnico Scientifica MATERIE PLASTICHE DA RICICLO DESTINATE AL AGGIORNAMENTI NORMATIVI > Stato attuativo del Regolamento (CE) N. relativo

Dettagli

DOCUMENTO UNICO. REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d'origine

DOCUMENTO UNICO. REGOLAMENTO (CE) N. 510/2006 DEL CONSIGLIO relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d'origine Pubblicazione di una domanda di registrazione ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 510/2006 del Consiglio relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI CIRCOLARE 13 settembre 1999, n.8 (pubblicata nella G.U. n. 258 del 03-11-1999) Quadro di riferimento per l'utilizzazione dei fertilizzanti in agricoltura

Dettagli

Trattamenti industriali e rintracciabilità

Trattamenti industriali e rintracciabilità Il Divulgatore n 4/2009 LATTE ALIMENTARE Trattamenti industriali e rintracciabilità Pastorizzazione, microfiltrazione, sterilizzazione Un excursus sui trattamenti cui è sottoposto il latte alimentare,

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

DICHIARAZIONI IN ETICHETTA E SCHEDE TECNICHE RELATIVE AI SUPPORTI / SOLVENTI E COADIUVANTI TECNOLOGICI IN SEMILAVORATI ALIMENTARI.

DICHIARAZIONI IN ETICHETTA E SCHEDE TECNICHE RELATIVE AI SUPPORTI / SOLVENTI E COADIUVANTI TECNOLOGICI IN SEMILAVORATI ALIMENTARI. Via per Parma, 32-43029 TRAVERSETOLO (PR) http://www.tecalsrl.com - E.mail- info@tecalsrl.com Tel. 0521 342104 - Fax 0521 342103-341647 R.E.A. 184523 - Reg. Imp. PR 01872080344 Cod. Fisc. e P.IVA 01872080344

Dettagli

Decreto Ministeriale 21 dicembre 1984 (in Gazz. Uff., 29 dicembre, n. 356).

Decreto Ministeriale 21 dicembre 1984 (in Gazz. Uff., 29 dicembre, n. 356). Decreto Ministeriale 21 dicembre 1984 (in Gazz. Uff., 29 dicembre, n. 356). Norme di esecuzione della legge 5 agosto 1981, n. 441, modificata dalla legge 4 maggio 1983, n. 171, e dalla legge 5 giugno 1984,

Dettagli

A relazione degli Assessori Ferrero, Saitta:

A relazione degli Assessori Ferrero, Saitta: REGIONE PIEMONTE BU51S2 18/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 24 novembre 2014, n. 44-645 Applicazione in Piemonte del D.M. 22 gennaio 2014. "Adozione del Piano d'azione Nazionale (PAN) per l'uso

Dettagli

REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 DEL CONSIGLIO. del 24 giugno 1991

REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 DEL CONSIGLIO. del 24 giugno 1991 REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 DEL CONSIGLIO del 24 giugno 1991 relativo al metodo di produzione biologico di prodotti agricoli e alla indicazione di tale metodo sui prodotti agricoli e sulle derrate alimentari

Dettagli

Manuale dei controlli e sanzioni sulla commercializzazione delle uova da cova e dei pulcini di volatili da cortile

Manuale dei controlli e sanzioni sulla commercializzazione delle uova da cova e dei pulcini di volatili da cortile Manuale dei controlli e sanzioni sulla commercializzazione delle uova da cova e dei pulcini di volatili da cortile REGOLAMENTO (CE) N. 1234/2007 DEL CONSIGLIO, ARTICOLO 121 REGOLAMENTO (CE) N. 617/2008

Dettagli

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più

Tronco di pesce spada ST PV Mare Più SCHEDA TECNICA PRODOTTO FINITO Cod. Prod. FTROSPA007 C66 REV.1 del 23/12/2014 Tronco di pesce spada ST PV Mare Più Catering Via Arno 7, 63824 Altidona (AP) - Telefono 0734 931254 Fa 0734 935014 info@marepiusrl.com

Dettagli

LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA

LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA LINEE GUIDA BOTANICALS MAURO SERAFINI SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA Il DM 9 luglio 2012, come modificato nell allegato 1 dal decreto 27 marzo 2014, ha definito piante, altre sostanze vegetali e parti relative

Dettagli

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA

COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA COSA SI INTENDE PER ETICHETTATURA Qualunque menzione, indicazione, marchio di fabbrica o commerciale, immagine o simbolo che si riferisce all alimento e che figura direttamente sull imballaggio o su un

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO PER LA FORNITURA DI MATERIALE DI CONSUMO PER LA STERILIZZAZIONE OCCORRENTE ALL ASL TO1 DURATA 12 MESI

DISCIPLINARE TECNICO PER LA FORNITURA DI MATERIALE DI CONSUMO PER LA STERILIZZAZIONE OCCORRENTE ALL ASL TO1 DURATA 12 MESI S SEDE LEGALE: Via San Secondo, 29 10128 TORINO tel. + 39 011 5661566 info@aslto1.it - www.aslto1.it C.F.P.I. 09737640012 ALLEGATO 1 DISCIPLINARE TECNICO PER LA FORNITURA DI MATERIALE DI CONSUMO PER LA

Dettagli

Laboratorio di smielatura provinciale consortile

Laboratorio di smielatura provinciale consortile Laboratorio di smielatura provinciale consortile dell Amministrazione Provinciale di Siena Dott.ssa Serena Rocchi, veterinario, collaboratore presso: Amministrazione Provinciale di Siena Via Massetana

Dettagli

D.M. 16 dicembre 1991, n. 434.

D.M. 16 dicembre 1991, n. 434. D.M. 16 dicembre 1991, n. 434. Regolamento per l attuazione dell art. 1, commi 4, 5 e 6 della legge 10 aprile 1991, n. 137, recante norme per 1 esercizio delle funzioni di controllo sulla commercializzazione

Dettagli

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto

DISCIPLINARE. Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Qualità con indicazione di origine "Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige" DISCIPLINARE per il settore Uova di gallina ovaiola con accesso all'aperto Decreto Presidente della Provincia n. 55 del 04.02.2014

Dettagli