Azienda con Sistema Qualità Certificato secondo UNI EN ISO 9001:2008 REG. N: 1216-A da Cermet

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda con Sistema Qualità Certificato secondo UNI EN ISO 9001:2008 REG. N: 1216-A da Cermet"

Transcript

1 Azienda con Sistema Qualità Certificato secondo UNI EN ISO 9001:2008 REG. N: 1216-A da Cermet

2 2 Pratiche Edilizie Indice PRATICHE EDILIZIE pag 3 GESTIONE TERRITORIO pag 13 Cartografia NOTIZIE SULLA HALLEY informatica Halley informatica è specializzata nella produzione di software per Comuni. Oltre Comuni italiani utilizzano i programmi Halley. Lo sviluppo del prodotto avviene a Matelica (MC), sede centrale dell azienda. Un unico gruppo di programmatori realizza tutte le procedure. Da questa organizzazione derivano le caratteristiche peculiari dei programmi Halley: - Qualità ed elevato standard industriale. - Grande quantità di funzioni automatizzate. - Semplicità d uso. - Completa integrazione delle procedure. - Stessa interfaccia utente per tutte le funzioni. La grande diffusione dei prodotti e la loro industrializzazione permettono di offrire anche condizioni di acquisto e di assistenza estremamente vantaggiose.

3 Pratiche Edilizie Pratiche Edilizie 3 Gestione completa di tutti i procedimenti per lo Sportello Unico dell Edilizia (S.U.E.) aggiornati e personalizzabili in base alle varie normative statali e regionali. Gestione del back office per le Attività Produttive con la possibilità di creare una pratica edilizia o un Attività Produttiva (procedura Gestione Commercio) in modo integrato e automatico. Gestione di ogni Strumento Urbanistico e di tutti i Piani Attuativi. Le Concessioni Demaniali, integrate con le pratiche dello Sportello Unico dell Edilizia, consentono la gestione del rilascio, dei subentri e dei rinnovi delle concessioni per il demanio marittimo, idrico - lacuale e montano. Gestione automatizzata della commissione per il paesaggio. Calcoli dei contributi concessori completamente automatici e personalizzabili mediante l uso di Excel. Monitoraggio dell attività edilizia, sia nei volumi sia per le superfici. Certificati di destinazione urbanistica. Gestione dei certificati di Idoneità degli alloggi. Grazie al portale Egov Halley, i tecnici professionisti potranno sia inserire una nuova pratica sia controllare l iter di quelle esistenti. Anche i cittadini potranno l iter delle proprie pratiche, senza doversi recare in comune. Lo scadenzario consente di ottenere dei report con le pratiche che hanno delle rate in scadenza. Ricerca delle pratiche, rapida e completa. Gestione dell agenda con evidenziate tutte le scadenze degli adempimenti del procedimento e delle rate da incassare con la possibilità di inserire delle annotazioni libere. Massima integrazione tra tutte le procedure HALLEY in particolare con territorio, anagrafe, cartografia, protocollo informatico, messi notificatori, atti amministrativi, finanziaria e commercio. Accesso alla procedura da internet. Integrazione con i programmi Microsoft, Winword (per le stampe) ed Excel (per i report e per l analisi con dei grafici). Possibilità di personalizzare la procedura in ogni sua descrizione o codice. Utilizzabile da tutte le figure dell ufficio, dall amministrativo, al tecnico istruttore, al dirigente. Manuale in linea sempre aggiornato.

4 4 Pratiche Edilizie Testi tipo forniti (oltre 50), tutti personalizzabili. Riepilogo dei contributi per controllare l incassato e fare previsioni su quanto ancora si deve incassare. Riepiloghi di massa, per comunicare con soggetti diversi e/o per differenti motivi, effettuando una sola estrazione. Report di controllo per monitorare l iter del procedimento in ogni sua singola fase Monitoraggio dell attività edilizia, sia nei volumi sia per le superfici. Elenchi per il controllo dell esito dei pareri espressi da enti esterni per la verifica dei documenti mancanti nelle varie pratiche. Solleciti e invio comunicazioni per le scadenze imminenti mediante l uso dell . Report delle pratiche con rate in scadenza. Estrazione pratiche per la comunicazione annuale all Anagrafe Tributaria. Report automatici per fornire dati alla Guardia di Finanza, all Inail e all ex Genio Civile. S.U.E. Si possono gestire le pratiche per lo Sportello Unico dell Edilizia (vedi. fig. 1): tale gestione è costantemente aggiornata alla normativa nazionale (D.P.R. 447/98 e D.P.R. 440/2000 per la semplificazione dei procedimenti e la gestione degli impianti produttivi; D.P.R. 380/2001 e s.i.m. Testo unico dell edilizia, L. 15/2005 sui procedimenti amministrativi e L. 80/2005 motivazioni del diniego ed estensione del silenzio assenso). È consentita l archiviazione di ogni documento in arrivo o in partenza, con collegamenti automatici fra gli stessi, di modo che si possa creare quella banca dati integrata nota come fascicolo del fabbricato. Si ha la possibilità di gestire domande di tutti i tipi di permessi di costruire (ex concessioni edilizie), DIA, SCIA (Legge n 122 del 30/07/2010) attività edilizia libera (Legge n 73 del 22/05/2010), autorizzazioni paesaggistiche (D.Lgs. 490/99 Testo unico dei beni culturali e ambientali e D.L. 42/2004) e paesaggistiche semplificate (D.P.R. n 139 del 09/07/2010), autorizzazioni, comunicazioni varie, nulla osta, pareri preventivi, segnalazioni di abusi e relative sanatorie, accertamenti di conformità e condoni edilizi (L. 326/2003 e s.i.m.). Si ha inoltre la possibilità di distinguere le pratiche che Fig. 1

5 Pratiche Edilizie 5 intendono avvalersi della facoltà di ampliamento introdotta dal piano casa; tali pratiche vengono gestite attraverso un foglio di calcolo (Microsoft Excel) molto semplice ed intuitivo, che riprendendo i parametri di ogni Legge Regionale, aiuta l operatore a verificare l ammissibilità dell intervento all ampliamento consentito dal piano casa (vedi. fig. 2). Nell esempio di calcolo LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08/10/2009 REGIONE MARCHE: Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza degli edifici e promuovere tecniche di edilizia sostenibile. Attività Produttive Grazie all integrazione con la procedura Commercio, versione , è possibile gestire in modo completo le informazioni relative ad un attività produttiva, dalla pratica edilizia agli adempimenti giuridico - amministrativi (apertura, sub ingresso,..). In un unica funzione l operatore può interagire con entrambe le procedure, visualizzando contemporaneamente tutte le informazioni a disposizione. GESTIONE DEGLI STRUMENTI URBANISTICI E DEI PIANI ATTUATIVI Rappresentano il risultato di un complesso processo di situazioni e determinazioni amministrative che scaturiscono dai vari strumenti della pianificazione del territorio. Sono piani attuativi della pianificazione generale: piani particolareggiati (PP), piani per l edilizia economica e popolare (PEEP), piani per gli insediamenti produttivi (PIP), piani di recupero (PR) e piani di lottizzazione (PL). La gestione consentirà all operatore di rispettare e impostare un proprio iter amministrativo tenendo sotto controllo tutte le fasi che permettono l istruttoria, l adozione e quindi l approvazione di un Piano Attuativo. La flessibilità di questo gestionale consente inoltre di seguire l iter amministrativo dell approvazione di altri strumenti di pianificazione o programmi operativi, dalle varianti al piano regolatore (PRG), ai programmi pluriennali di attuazione (P.P.A.), per i quali l attuazione degli strumenti generali avviene sulla base di programmi pluriennali che vengono utilizzati per delimitare aree e zone in cui realizzare le previsioni dei piani generali e le relative urbanizzazioni. TERREMOTO DELL AQUILA DEL 6 APRILE 2009 Per i 50 comuni compresi nella perimetrazione dell area danneggiata dall evento sismico, è stata prevista la possibilità di gestire due nuovi tipi di pratica ad-hoc: SISMA DIA e SISMA AUTORIZZAZIONE. Con questi tipi di pratica si potrà gestire l intero iter della ricostruzione così come previsto dalle Ordinanze della Presidenza del Consiglio dei Ministri n 3778 (A), 3779 (B e C), 3790 (E). I professionisti, progettisti degli interventi, potranno inserire la pratica direttamente dal proprio studio grazie ad internet, e grazie al servizio EGOV di Halley per le Pratiche Edilizie che provvede e fornisce già la modulistica predefinita, il lavoro sia dei professionisti sia del tecnico comunale sarà sicuramente più efficiente. COMMISSIONI EDILIZIE Gestione completa della commissione: convocazione, ordine del giorno, gestione pareri e stampa dei verbali anche in tempo reale durante lo svolgimento della seduta stessa, sia della commissione edilizia, sia di quella integrata o della commissione per il paesaggio. Fig. 2: esempio del file Excel per verificare l ammissibilità dell intervento alle agevolazioni del Piano Casa

6 6 Pratiche Edilizie CONCESSIONI DEMANIALI La gestione delle concessioni demaniali consente di personalizzare l iter amministrativo e offre le soluzioni per una corretta gestione di tutti i modelli del demanio marittimo, dal rilascio della concessione (modello D1) alla rinuncia (modello D8). Il calcolo del canone di concessione (vedi fig. 3) e del tributo regionale sono automatici. È previsto inoltre l affidamento a gestori temporanei (art. 45bis) ed è consentita la registrazione presso la locale Agenzia del Demanio e l annotazione al repertorio del comune. Si possono individuare gli enti territorialmente competenti ad esprimere un parere per ottenere la concessione demaniale e controllare che lo facciano entro il termine di scadenza. Per il demanio idrico lacuale, oltre alla gestione dei rilasci, rinnovi o rinunce, si possono gestire le concessioni per le boe, controllando il numero massimo di licenze ammissibile per ogni concessionario; si può personalizzare ogni tipo di canone di concessione sia riferito ad un area demaniale o ad uno specchio d acqua. Le concessioni per il demanio montano possono essere rilasciate per il taglio boschivo, per il prato a pascolo o per attività turistico ricreative come gli impianti sciistici o le aree attrezzate per il parapendio; la gestione personalizzabile è in grado di soddisfare anche le esigenze più particolari. Canone demaniale sotto controllo: per evitare dimenticanze nei pagamenti annuali del canone (entro il 31 dicembre dell anno precedente) è stato previsto un efficace sistema automatico che, dopo aver aggiornato gli importi unitari, rielabora i canoni demaniali ed effettua una comunicazione tempestiva (via mail) per informare il concessionario. Come funziona il sistema: il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti modifica gli importi unitari (il software calcola anche le diminuzioni come avvenuto per il 2010), informando con un Decreto le Regioni e le autorità competenti, le quali inoltrano ai comuni i nuovi importi unitari; l operatore indica la percentuale di variazione e il sistema adegua gli importi unitari del canone. Con un semplice clic del mouse si aggiorna il canone dell anno indicato, coinvolgendo tutte le concessioni demaniali valide e consentendo un effettivo risparmio di tempo. Per completare la procedura, si effettua la comunicazione di avvenuta variazione a tutti i concessionari indicando l importo e la data di scadenza; inoltre si allega alla comunicazione il modello F23 precompilato per ogni concessione demaniale, creato in modo completamente automatico con il grande vantaggio che il cittadino si vede recapitare per posta la comunicazione e il modello F23 pronto da portare in banca per il pagamento; allo stesso modo può ricevere il tutto comodamente via mail. CALCOLO AUTOMATICO DEI CONTRIBUTI EDILIZI Sulla base dei dati inseriti e di apposite tabelle totalmente personalizzabili, in rispetto delle normative regionali, vengono calcolati automaticamente sia il contributo al costo di costruzione (vedi fig. 4) che gli oneri di urbanizzazione (L. 10/77 e D.P.R. 381/2001), la monetizzazione e parcheg- Fig. 3: esempio di una concessione demaniale con evidenziati i canoni dovuti.

7 Pratiche Edilizie 7 Fig. 4 gi, gli standard urbanistici e la sistemazione dei luoghi o ogni altro importo dovuto (sanzioni, diritti tecnici, ecc.) il tutto mediante l uso di Microsoft Excel, che potrà essere personalizzato per ogni cliente. GESTIONE E RATEIZZAZIONE DEI PAGAMENTI DEI CON- TRIBUTI CONCESSORI Dopo aver stabilito i contributi dovuti, è possibile personalizzare la modalità di pagamento rateizzato e quindi calcolare le singole rate. Al momento in cui una rata dovesse scadere, in modo completamente automatico viene calcolato l importo di mora e si può inoltre stabilire l eventuale quota dovuta come interesse legale. CERTIFICATI DI DESTINAZIONE URBANISTICA (CDU) Gestione dei dati per la richiesta, controllo della normativa e dei vincoli eventualmente presenti e stampa del certificato. POSSIBILITÀ DI INTERVENTO SU TUTTI I SUB PROCEDIMENTI É possibile gestire l istruttoria delle pratiche edilizie che può essere differenziata per ogni tipo di atto; in modo completamente automatico l operatore è aiutato dalla procedura nella verifica dei parametri urbanistici edilizi, evitando quindi che possano essere autorizzati interventi che superino le soglie di ammissibilità. Si ha il controllo automatico sulla documentazione prodotta in relazione alla tipologia di intervento (anche tale documentazione può essere personalizzata); si possono gestire i sopralluoghi sia per gli accertamenti sia per l agibilità. Sono gestibili tutti i procedimenti che s innescano dopo l adozione del provvedimento, dalle volture, all inizio lavori, alle proroghe (possibilità di gestire più di una proroga per pratica), alle varianti in corso d opera ed essenziali, alle denunce sismiche (ex deposito al genio civile) fino all agibilità. DEMATERIALIZZAZIONE La procedura consente di archiviare documenti di ogni tipo, fotografie e/o scansioni, può inoltre memorizzare tutti i file di progetto inerenti la pratica eliminando il cartaceo.

8 8 Pratiche Edilizie SCADENZARIO Una fitta serie di controlli informatici (tutte le scadenze vengono verificate ad ogni avanzamento) predispone dei suggerimenti con messaggi a video i quali guidano il lavoro quotidiano dell operatore (vedi fig. 5). L agibilità, per esempio, è controllata previo il pagamento delle rateizzazioni. La procedura lascia all operatore la scelta di procedere e non ci sono dati obbligatori che impediscono o rallentano il flusso di lavoro. RICERCA RAPIDA DELLE INFORMAZIONI La notevole potenzialità della ricerca offre il riepilogo dei dati essenziali (vedi fig. 6). Riconosciuta la pratica che si intende gestire, la schermata di riepilogo ne contiene tutte le principali informazioni (vedi fig. 7). TRASFERIMENTO DATI AD ALTRI ENTI Invio automatico della comunicazione all Anagrafe Tributaria ai sensi del decreto 17/9/1999 del Ministero delle Finanze e dal Provvedimento 2 ottobre 2006 e s.i.m.: Modalità e termini di comunicazione dei dati all anagrafe tributaria da parte degli uffici comunali, in relazione alle denunce di inizio attività presentate allo sportello unico comunale per l edilizia, permessi di costruire e ogni altro atto di assenso comunque denominato in materia di attività edilizia rilasciato, ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 e successive modificazioni, relativamente ai soggetti dichiaranti, agli esecutori e ai progettisti dell opera. Fig. 5: esempio dell iter di un Autorizzazione completamente personalizzabile. Fig. 6: lista con 318 pratiche, risultato della ricerca.

9 Pratiche Edilizie 9 N.T.A. Nell istruttoria della pratica è possibile integrare la normativa di piano regolatore o comunque dello strumento urbanistico vigente, consentendone la gestione e la stampa. CONTROLLO DATI E REPORT STATISTICI Per facilitare il controllo e la gestione dei dati sono state predisposte decine di estrazioni, che permettono di monitorare l andamento dei procedimenti di ogni singola pratica, evidenziando quelle che risultano ottemperate fuori dai termini o che stanno per scadere, offrendo quindi la possibilità di effettuare comunicazioni di avviso di massa evitando l innescarsi di sanzioni o more. Le stesse estrazioni sono predisposte per visualizzare i dati con dei grafici usando Excel, con tutte le sue possibili personalizzazione. Un potente gestore di query sql consente inoltre di elaborare in modo assolutamente personale i propri dati, aiutando la dirigenza e l amministrazione nelle scelte. Sono inoltre disponibili delle apposite funzioni per estrarre i dati (sempre in formato Excel) da inviare alla Guardia di Finanza (per sapere quanti cantieri sono stati avviati e le anagrafiche coinvolte), all INAIL (per monitorare le imprese e il loro stato di contribuzione), all ex Genio Civile (per monitorare i lavori strutturali e il rispetto delle normative sismiche). AGENDA Con la gestione di uno strumento di uso consolidato come un agenda, si ha la possibilità di coniugare e quindi confrontare le attività e gli impegni quotidiani che ogni tecnico comunale ha (annotazioni personali), con le scadenze degli adempimenti (vedi fig. 8) del procedimento di ogni pratica edilizia in gestione, e di combinarle con le scadenze delle Fig. 7: esempio della schermata principale di una DIA. Fig. 8: esempio della schermata di controllo degli iter scaduti e in scadenza.

10 10 Pratiche Edilizie rate da incassare. Questa funzionalità consente di avere un unico strumento in cui verificare e annotare i propri impegni, alcuni dei quali saranno proposti in modo automatico della procedura delle Pratiche Edilizie (adempienti e rate), mentre altri saranno gestibili liberamente con la possibilità di renderli visibili anche ad altri operatori (note). STAMPE La stampa dei provvedimenti o di qualunque comunicazione avviene attraverso l ausilio del programma Microsoft Winword, ma si può usare un qualunque altro editor open source, tipo Writer di Open Office. Non ci sono limiti nella generazione di nuovi modelli. PERSONALIZZAZIONE DI OGNI PARAMETRO Alla luce del modificato art. 117 del Titolo V della Costituzione, che ha attribuito alle Regioni autonomia legislativa anche in materia edilizia, la procedura permette di personalizzare ogni parametro, da qualunque descrizione o codice, alla scelta di quali tipi di atti da utilizzare, di personalizzare l istruttoria e i tempi per le scadenze di ogni fase. SERVIZI E-GOVERNMENT È disponibile la pubblicazione automatica all Albo Pretorio on-line (Decreto Brunetta), i cui dati sono a disposizione sia nella rete intranet sia in internet, con la possibilità di ottenere informazioni sugli adempimenti necessari per ognuno dei procedimenti riguardanti l edilizia e le attività produttive. È possibile verificare l elenco delle domande presentate che risultano avere un provvedimento adottato con consultazione riservata e diversificata per i titolari della pratica (aventi titolo), per i professionisti coinvolti e per le imprese, con aggiornamento dei dati in tempo reale. Tra i vari dati si può consultare il prospetto per il calcolo dei contributi concessori e l oblazione del condono edilizio. Per i professionisti è prevista la compilazione on-line delle domande da presentare per la pratica (anagrafiche, codici fiscali, ubicazione, dati catastali, oggetto dei lavori, consistenza dell opera, documentazioni prodotte, ecc.) agevolazione che consente loro (vedi fig. 9) direttamente dal proprio studio di inserire la pratica e contemporaneamente favorisce la parte iniziale del lavoro del tecnico comunale relativa all inserimento dati. ACCESSO PROTETTO PER OGNI PRATICA La modifica dei dati è consentita solo agli operatori a cui viene assegnato un adeguato profilo di accesso; è inoltre possibile individuare fino a 2 operatori per ogni pratica, che saranno gli unici a poterla modificare. Si può effettuare una suddivisione a compartimenti stagni, all interno dei quali ogni operatore si occupa solo di determinate pratiche, ad esempio un tecnico cura le SCIA, un altro si occupa delle CIL, un altro ancora dei permessi di costruire, ecc., di modo che ogni operatore abbia un controllo totale su tutti i dati che si gestiscono per quel tipo di pratica, senza che nessun altro operatore possa modificarne le informazioni. Un altra possibilità offerta è la gestione trasversale delle singole attività grazie alla quale un operatore (tecnico o funzionario) si occupa di una determinata attività (gestione), sia essa i pareri, i contributi edilizi, le rateizzazioni e le fidejussioni, le volture, ecc.. Questa gamma di opzioni di accessi protetti e controllati è funzionale soprattutto per i comuni medio grandi in cui i ruoli sono maggiormente suddivisi tra gli addetti. COLLEGAMENTI CON ALTRE PROCEDURE La Gestione del Territorio, perfettamente integrata evita ridondanze di informazioni. I dati dei residenti sono prelevati direttamente dalla procedura Anagrafe, mentre tutti i dati degli altri applicativi Halley sono consultabili direttamente attraverso la proceduta Gestione Territorio. Dalla cartografia sono direttamente consultabili i dati delle Pratiche Edilizie, viceversa dalla gestione dei dati catastali l operatore può aprire direttamente la mappa catastale posizionata sulla particella catastale interrogata. Il collegamento con i Messi Notificatori consente di automatizzare la pubblicazione all Albo Pretorio, sia interna sia su internet, senza lavori aggiuntivi per il messo comunale. Il collegamento con il Protocollo Informatico consente invece di ridurre i tempi di attesa, sia per la protocollazione in uscita sia per quella in entrata, avendo immediatamente a disposizione il dato protocollato. Il collegamento con la procedura Atti Amministrativi, per la gestione dei permessi di costruire in deroga agli strumenti urbanistici (art. 14 DPR 380/2001), per i quali occorre una delibera del Consiglio Comunale, evita errori nella trascrizione o ritardi nell avvio del procedimento edilizio. Inoltre dall iter di una pratica edilizia si può generare un atto, una determina, un ordinanza e preparare il testo in modo completamente automatico creando un collegamento che rimane nel tempo e consentendo all operatore un reale risparmio di tempo. Dalle pratiche degli strumenti urbanistici per il verificare la copertura Finanziaria si ha il collegamento ai capitoli di bilancio inerenti l intervento previsto.

11 Pratiche Edilizie 11 Fig. 9: esempio della schermata principale di un permesso di costruire. SERVIZI RECUPERO DATI 1 Parallelamente all installazione avviene un recupero dei dati presenti in un eventuale software precedentemente in uso (i dati su carta sono recuperabili solo dopo un attenta valutazione dei nostri tecnici). SISTEMAZIONE STAMPE 1 Durante la fase di avviamento la HALLEY offre la possibilità di integrare i modelli per le stampe usate dai clienti a quelli in uso dalla procedura. Questo servizio può anche essere espletato dall operatore una volta acquisite minime e basilari nozioni. COMUNICAZIONI AI CLIENTI 2 La rete di consulenti Halley, ci permette di essere sempre a conoscenza, talvolta anche precorrendo i tempi, delle normative in uscita anche in bozza; nei casi in cui queste informazioni abbiano effetti sull uso quotidiano delle procedure dell ufficio tecnico è nostra cura informare i nostri clienti. 1 Servizi a pagamento, previo accordo preventivo. 2 Compresi nel canone di assistenza FUNZIONI PRATICHE Ricerca e modifica Ultima gestita Ultime inserite Nuova pratica Pratica edilizia (S.U.E.) Pratica per l impresa Concessione demaniale Strumento urbanistico Aggiunta dei pagamenti Pagamenti S.U.E. Canoni demaniali Segnalazione abusi edilizi Scadenze Iter Rate AGENDA COMMISSIONI Ordini del giorno Commissioni e componenti Parametri REPORT Contributi Importi per aggregazioni Da incassare e incassati Condono edilizio Canoni demaniali Di riepilogo Registro unico Anagrafiche Situazione pratiche Denunce sismiche Verifica idoneità alloggio

12 12 Pratiche Edilizie Scadenze Fasi Fasi fuori dai termini Pagamenti Agibilità irregolare D.U.R.C. Canoni demaniali Certificazione energetica Pratiche Documenti Anagrafiche Verifica dei tempi medi Tempi di rilascio Stato dei pareri Assenze e rimborsi per CEI/CE Giacenza Estrazione per vigilanza Per zona / piano casa Riepilogo volturate Di massa Pratiche per anagrafiche Avviso per ANAGRAFICHE Gestione anagrafiche Tipi di anagrafiche Storico degli accorpamenti ENTI ESTERNI Comunicazioni mensili Soprintendenza Abusi I.N.A.I.L. I.S.T.A.T. Ex-Genio Civile Guardia di Finanza Comunicazioni annuali Anagrafe Tributaria Agenzia Entrate regionale IMPOSTAZIONI Dati generali Documenti Codici Strumento urbanistico Gestione zone Parametri urbanistico-edilizi Gestione pratiche Parametri pratiche Motivi di giacenza Uffici di giacenza Parametri calcoli Calcoli contributi Tipi di contributi Parametri rateizzazioni Rateizzazioni tipo Interessi legali Aggregazioni Parametri iter Iter delle pratiche Adempimenti-scadenze Stato adempimenti-scadenze TESTI TIPO Testi in uso UTILITÀ Annulla/Ripristina pratiche Elaborazione pratiche Controllo silenzio/assenso BB.AA. Assegnazione pratiche Sostituzione iter Sostituzione rate pagamenti Cambio tipo pratica Sistema fine lavori su varianti Aggiorna anni prot./rilascio Ubicazioni vuote Aggiorna date su rateizzazioni Manutenzione archivi Documentazione procedura Sistema figure professionali Esporta/importa testi tipo Storicizzazione ristampe Gestione sistemistica Sistema fine lavori su varianti Aggiorna anni prot./rilascio Ubicazioni pratiche vuote Aggiorna date su rateizzazioni Chiocciole per testi Importa pratiche Da internet Caricamento iniziale Da anagrafe tributaria Operatori intervenuti sulle pratiche COLLEGAMENTI Anagrafe Gestione Territorio APPLICAZIONI GRAFICHE PROTOCOLLO INFORMATICO MESSI NOTIFICATORI FINANZIARIA ATTI AMMINISTRATIVI EGOV DOTAZIONE ORGANICA

13 Gestione Territorio Gestione del Territorio Il Sistema Informativo Territoriale Halley (SITH) 13 Consultazione immediata delle informazioni collegate alle U.I.U.: residenti, tributi pagati, pratiche edilizie rilasciate. Gestione dei fabbricati e relative unità immobiliari urbane (u.i.u), cuore del SITH. Importazione dei dati contenuti nel DOCFA e collegamento automatico ai fabbricati e alle unità immobiliari. Possibilità di effettuare controlli incrociati. Data Base Territoriale comune a tutto il sistema informativo. Creazione ed aggiornamento automatico del Data Base Territoriale. Massima sicurezza dei dati. Gestione e rappresentazione grafica del territorio dettagliata sulla base dei tre moduli gestionali: Carta Fondamentale Comunale, Catasto e PRG. Visualizzazione grafica di immobili ed interrogazione informazioni relative alle dimensioni grafiche, agli identificativi catastali, e restituzione delle percentuali e superficie appartenente alle zone o ai vincoli del PRG. Gestione dati grafici relativi a porzioni di terreno per estrazione informazioni di identificazione catastale, superficie e percentuale di appartenenza alle zone identificate dal PRG come valido supporto nella redazione dei Certificati di Destinazione Urbanistica. Possibilità di consultare tutti i moduli grafici attraverso Internet, anche per la redazione dei CDU, così da offrire ai cittadini un ulteriore accesso ai dati grafici senza dover rivolgersi al personale dell amministrazione comunale. Elaborazioni di carte tematiche che sfruttano i dati della popolazione (anagrafe), del territorio e delle pratiche edilizie. Stampa ecografica di ogni area di circolazione, anche su file per Excel Estratto di mappa catastale in appropriata scala. Consultazione immediata del SIC (sistema informativo comunale) con ricerche incrociate che sfruttano le unità immobiliari, i dati catastali e i cittadini residenti o proprietari. Dettaglio e relativa stampa di un area, ricercata per estremi catastali, corredata dei dati di superficie grafica, superficie catastale, appartenenza a zona e vincoli del PRG. Report dei dati generici di un fabbricato, i numeri civici ad esso collegati e la sua rappresentazione grafica nel territorio, sia in formato immagine, sia in formato vettoriale. Consultazione e stampa delle Norme Tecniche di Attuazione (NTA) dello strumento urbanistico vigente. Stampa delle planimetrie catastali (DOCFA) associate ad ogni unità immobiliare urbana (u.i.u.). Importazione dei dati grafici, sia in formato autocad (dwg dxf), sia in formato gis (shape file). Esportazione dei dati grafici in diversi formati, sia vettoriali sia di tipo immagine.

14 14 Gestione del Territorio Le fondamenta del grande progetto, sul quale la Halley sta lavorando da 30 anni ininterrottamente, sono rappresentate da questa procedura di Gestione Territorio, che in un unico data base, completamente correlato, gestisce le informazioni comuni a tutte le altre procedure, permettendo una vera e completa integrazione tra di loro (vedi fig. 1). La procedura Gestione Territorio (vedi fig. 2) ha funzioni proprie per la gestione delle informazioni, ma cosa più importante, mette a disposizione delle altre procedure delle utility, creando una perfetta integrazione dei dati (es. quando un cittadino viene iscritto in anagrafe, è necessario individuare l ubicazione per la residenza; queste informazioni area di circolazione e numerazione civica, apparentemente fanno parte della procedura Anagrafe, in realtà sono informazioni gestite dalla procedura Gestione Territorio). Fig. 1: schema del sistema integrato comunale (S.I.C.). Fig. 2: esempio della gestione dello stradario con le relative unità immobiliari di ogni numero civico. Dati del territorio La procedura Gestione Territorio gestisce i dati riguardanti: Fabbricati e Unità immobiliari, Aree di circolazione e Numerazione (civica o metrica). Le operazioni compiute sui dati della procedura sono controllate per evitare inserimenti errati, duplicati o modifiche non corrette. Un sofisticato sistema di controllo protegge l operatore poco attento impedendogli di eliminare dati non eliminabili, cioè informazioni che in realtà sono usate in altre procedure e per questo motivo non eliminabili. La rappresentazione grafica permette la gestione delle cartografie che rappresentano il territorio comunale e grazie ad un semplice menù, rende l utilizzo della procedura alla portata di tutti, anche di chi non ha esperienza in ma- teria di cartografia. Quest ultima è strutturata in tre moduli gestionali: Carta Fondamentale Comunale (CFC), Catasto e PRG (strumento urbanistico vigente, paino strutturale, ecc.). Essi garantiscono la base per lo sviluppo di successivi moduli (applicazioni grafiche) che andranno a creare una rete di informazioni utili ad ogni operatore comunale, dai tecnici agli amministrativi. La versatilità della parte grafica permette la sovrapposizione e la gestione dei moduli in svariate combinazioni. Inoltre si possono inserire sfondi raster (immagini in file di tipo ecw o geotiff) o vettoriali che ne aumentano le potenzialità e offrono all utente ampie possibilità di personalizzazione ed ausilio nella visualizzazione (vedi fig. 3).

15 Gestione del Territorio 15 Fig. 3: stralcio della cartografia (Carta Fondamentale); il fabbricato 334 è interrogato in fig. 4. Aree di circolazione (vie) Per ciascuna area di circolazione sono gestite le informazioni riguardanti la via ed i collegamenti con le vie limitrofe. I toponimi sono gestiti separatamente dalle vie per facilitare le ricerche. Numeri civici Ciascun numero civico viene collegato alla via di appartenza, al quartiere, all isolato ed all edificio. Ulteriori informazioni gestibili sono quelle relative alla USL di riferimento, alla parrocchia ed alla frazione. Fabbricati Vengono definiti tramite una descrizione (nome del palazzo e numero che gli viene attribuito), oltre alle proprietà fisiche (altezza, volume, superficie, caratteristiche di costruzione, stato di conservazione, ecc.) ed il riferimento catastale (sezione, foglio e mappale oltre ai dati DOCFA). Il fabbricato viene inoltre individuato dall area di circolazione e dalla numerazione (civica o metrica) (vedi fig. 4). Dal fabbricato si possono aggiungere le unità immobiliari che lo costituiscono o collegare le unità immobiliari esistenti che ne fanno parte. Possono essere collegati alla cartografia, la quale ne illustra la sagoma e la posizione nel territorio e si possono inoltre allegare delle immagini (foto o planimetrie progettuali). Unità immobiliari Ogni unità immobiliare viene collegata al numero civico e quindi alla propria area di circolazione. Ciascuna unità immobiliare ha una propria scheda dati dove possono essere gestiti la scala, il piano, l interno, la categoria, la sezione, il foglio e la particella catastale, oltre alla distinzione tra catasto urbano e terreni, la classe, i vani, i mq. ecc.. Per ciascuna unità immobiliare è possibile gestire anche i proprietari e gli affittuari. Se è installata la procedura Anagrafe, tutti i nominativi dei cittadini possono essere richiamati in automatico. Fig. 4: dettaglio di un fabbricato direttamente interrogabile dalla cartografia (Fig. 3).

16 16 Gestione del Territorio Carta fondamentale comunale Partendo dalla Carta Tecnica Regionale (CTR) o dalla restituzione ad hoc di una cartografia fotogrammetrica, si gettano le basi per la gestione della Carta Fondamentale Comunale (CFC). La CFC è strutturata in diversi tematismi: i fabbricati, la viabilità, il territorio, la toponomastica e le zonizzazioni, a loro volta ulteriormente organizzati. Questo consente l ordinamento e l ottimizzazione della gestione dei dati stessi, migliorando l efficienza delle risposte alle interrogazioni (vedi fig. 5). Con l inserimento del Codice Edificio si individua un fabbricato e permette di collegare la rappresentazione grafica del territorio al SITH o SIC, dal quale estrarre tutte le informazioni gestite; una volta creati i collegamenti, si disporrà di una procedura ed una banca dati aggiornata quotidianamente dal lavoro degli operatori comunali sui gestionali Halley. Per ogni edificio è possibile creare un archivio fotografico, tale da creare un valido supporto visivo nella gestione di informazioni di dettaglio o variazioni storiche. Inoltre è possibile apporre delle note che contengono informazioni utili all operatore. È possibile interrogare un fabbricato per conoscerne i dati metrici (perimetro, superficie coperta, ecc.) il Codice Edificio, i civici in esso compresi e di conseguenza consultare le anagrafiche dei residenti (vedi fig. 6), degli eventuali affittuari, dei proprietari (prelevandoli dalla procedura ICI), consultare lo stato di contribuzione (tributi) o le pratiche edilizie collegate. Catasto Con l importazione delle mappe vettoriali fornite dall Agenzia del Territorio, si possono visualizzare i singoli fogli catastali o alternativamente assieme ad altri. Selezionando una particelle catastale, si possono ottenere informazioni grafiche (superficie e perimetro) oppure accedere alla base dati dell Agenzia del Territorio caricata nella procedura ICI (catasto 2000) o consultare i dati del DOCFA. Per ogni subalterno, dal Catasto Fabbricati è possibile importare ed archiviare la relativa planimetria catastale opportunamente orientata ed in scala adeguata, ed effettuare un riscontro con le dichiarazioni dei tributi (tarsu-tia). Si può quindi ricercare una particella con l identificativo catastale ed interrogarla per visualizzare le informazioni relative o accedere direttamente alla procedura delle Pratiche Edilizie. Questo modulo, utilizzando i dati forniti dall Agenzia del Territorio, richiede un minimo di lavoro iniziale di caricamento dei dati, ed è poi di facile aggiornamento grazie alla possibilità di acquisire i dati aggiornati (presi da Agenzia del Territorio) o di inserirli graficamente tramite l operatore. Si possono individuare in modo semplice ed efficace le particelle catastali da sottoporre ad un piano particellare d esproprio. Fig. 5: esempio di visualizzazione dei fabbricati sull ortofoto Fig. 6: dettaglio di un cittadino residente, consultato direttamente dalla cartografia

17 Gestione del Territorio 17 P.R.G. L applicazione permette la gestione del Piano Regolatore Generale del Comune (Piano Strutturale, ecc.), classificandolo in temi, P.R.G., Vincoli e Piani, i quali a loro volta sono suddivisi in gruppi e in ulteriori zone, definite da confini (poligoni), tratteggi e testi. Contemporaneamente ai dati grafici si possono gestire quelli alfanumerici quali i parametri urbanistici e le normative tecniche di attuazione (NTA). Sovrapponendo il PRG al modulo catasto è possibile generare l archivio che mette in relazione le particelle catastali alle zone di P.R.G. (vedi fig. 7), indispensabile per la compilazione dei Certificati di Destinazione Urbanistica (CDU). Inoltre il programma calcola automaticamente la percentuale di appartenenza di una particella alle varie zone del PRG o ai Vincoli. Questo modulo sarà utile, oltre che per il CDU, per il monitoraggio delle aree edificabili, nel caso di possibili lottizzazioni o, ad esempio per le aree fabbricabili, nel confronto con le dichiarazioni ICI. Inoltre sfruttando la sovrapposizione con gli altri moduli è un valido strumento per elaborare lo sviluppo e il governo del proprio territorio. Creazione ed aggiornamento dei dati Tutti i dati e le entità gestite possono essere integrati e modificati direttamente dalle procedure collegate alla Gestione del Territorio (demografici, tributi, ufficio tecnico, ecc.). Tramite questi collegamenti con le procedure Halley, si ottiene un continuo aggiornamento dei dati territoriali. Inoltre per i nuovi clienti, l archivio delle unità immobiliari e dei fabbricati possono essere generare partendo dai dati catastali del DOCFA, avendo come situazione iniziale quella a conoscenza dell Agenzia del Territorio. I dati grafici che si possono importare ed elaborare sono file vettoriali (i formati più diffusi sono DWG, DXF e SHP). Utilizzo della procedura La procedura può avere vita autonoma, ma dà il massimo vantaggio direttamente dall interno delle altre procedure, infatti un apposito menu di funzioni, relativo alla gestione dei dati gestiti da questa procedura, è disponibile in Anagrafe, nei Tributi, nell Urbanistica ecc.. Ogni postazione di lavoro può accedere a questa procedura. L operatore, senza interrompere il lavoro che sta svolgendo, può consultare le informazioni del territorio e navigare attraverso le procedure ad esso collegate. Altri dati Le Nazioni e tutti i Comuni italiani sono codificati e già inseriti; i codici catastali permettono il calcolo automatico di tutti i Codici Fiscali manualmente o attraverso le procedure collegate. Collegamento con altre procedure Tutte le procedure che hanno necessità di accedere ad informazioni del territorio usufruiscono di moduli standard messi a disposizione dalla procedura Gestione del Territorio. Allo stesso modo le varie procedure permettono l accesso ai loro dati dalla Gestione del Territorio. Quindi, partendo da qualsiasi informazione che abbia un riferimento ad un luogo (collocazione nel territorio), è possibile consultare tutte le altre informazioni collegate. Ad esempio, da un cittadino residente in Anagrafe, si può consultare, attraverso la Gestione del Territorio, l unità immobiliare, chi è il proprietario dell unità immobiliare, ma anche le utenze dell acqua, dei rifiuti, le contravvenzioni contestate, le pratiche edilizie aperte e realizzate, l ICI, le rette delle mense e dei trasporti scolastici ecc. Selezionando il numero civico nel data base grafico della cartografia, si possono imme- Fig. 7: dettaglio di un cittadino residente, consultato direttamente dalla cartografia

18 18 Gestione del Territorio diatamente consultare i dati delle altre procedure collegate. Un altro punto saliente della procedura è la possibilità di consultare la cartografia da internet, per esempio dal sito istituzionale del comune. Controlli incrociati L utilizzo delle funzioni disponibili, da parte di tutte le altre procedure che accedono ai dati del territorio, garantisce un uniformità di informazioni e la possibilità di avviare controlli incrociati. Le unità immobiliari possono essere riconosciute in modo differente dai vari uffici comunali: i demografici le definiscono in modo toponomastico, mentre l area tecnica (tributi e ufficio tecnico), giustamente utilizza i riferimenti catastali; per evitare duplicazioni o errori gestionali Halley predispone dei processi organizzativi che si possono semplificare con lo schema sottostante (vedi fig. 8). Abilitazioni Allo scopo di adattare la procedura all organizzazione del Comune, è possibile associare protezioni e permissioni diverse per ogni tipo di dato gestito. Per ciascun operatore, è quindi possibile stabilire quali dati far consultare e quali dati far modificare in funzione della pianta organica (servizio di appartenenza e figura professionale). STAMPE Sono stati predisposti diversi elenchi di utilità quali: l elenco dei numeri civici suddivisi per via. La stampa delle vie che costituiscono lo Stradario. Gli elenchi dei Comuni: italiani, esteri, per provincia. NUOVE APPLICAZIONI GRAFICHE La procedura gestisce già numerose informazioni che saranno condivise nei prossimi moduli gestionali che riguarderanno: Reti tecnologiche Segnalazione Guasti e Manutenzioni Manutenzione Arredi Urbani Manutenzione verde Pubblico Illuminazione pubblica Occupazione suolo pubblico Rilevazione Incidenti Nettezza Urbana Segnaletica Stradale Affissioni e Cartelloni Pubblicitari Locazione loculi cimiteriali (già realizzata e distribuita; procedura TC Servizi Cimiteriali) Trasporti scolastici ESTRAZIONI DATI E REPORT STATISTICI Un utilità chiamata statistiche (o Thai report) permette all operatore di impostare in maniera autonoma tutti i report che ritiene opportuni, scegliendo tra tutti i dati a disposizione. Questa funzione permette di estrarre i dati dall archivio mysql in qualunque formato, in excel, in pdf, in rtf per dare la possibilità di esportare i dati estratti in una veste grafica più semplice e leggibile per tutti. SERVIZI Per quanto riguarda le basi cartografiche, viene fornita la bonifica dei dati relativi alle mappe catastali digitalizzate, oltre alla possibilità di inserimento dei codici edifici nell applicativo Carta Fondamentale Comunale. Le modalità ed il costo del servizio vengono preventivamente accordate. Fig. 8: schema semplificato che illustra quali sono le informazioni principali che consento di realizzare un corretto governo del territorio.

19 SERVIZIO ASSISTENZA HALLEY INFORMATICA HELP DESK L Help Desk è il primo livello dell assistenza. Fornisce un servizio di primo supporto basandosi su delle domande/risposte già codificate dai tecnici specializzati. Nel caso questo supporto non sia sufficiente ad aiutare il Cliente, l Unità in esame sottopone la rilevazione al secondo livello dell assistenza. ASSISTENZA II LIVELLO L assistenza telefonica rappresenta il secondo livello dell assistenza. Si occupa della gestione delle rilevazioni che gli vengono passate dall Help Desk. I tecnici di questa unità sono specializzati nelle varie procedure. La chiamata dell Assistenza telefonica è a carico della Halley. ASSISTENZA III LIVELLO Questo servizio viene erogato utilizzando direttamente i programmatori delle varie aree di produzione e viene automaticamente attivato quando anche il secondo livello di assistenza non riesce a trovare la soluzione al problema. Tale livello riesce sempre ad arrivare alla soluzione del problema poiché ha a disposizione il codice della procedura. Arrivo telefonate al n o richieste via fax al n Help Desk Risposta immediata alle problematiche del cliente UN TECNICO RISPONDE IN MEDIA A 19 TEL/H SI L HELP DESK RISOLVE IL 60% DELLE TELEFONATE Risposta risolutiva NO ASSISTENZA Il cliente viene RICHIAMATO da tecnici specializzati LA RISPOSTA É GARANTITA ENTRO 4 ORE LAVORATIVE SI Risposta risolutiva NO IL 70% DEI PROBLEMI É RISOLTO ENTRO LA GIORNATA LAVORATIVA PRODUZIONE o HARDWARE (a seconda della tipologia del problema) risposta definitiva FINE Adeguamento del software per variazioni legislative Adeguamento del software per aggiungere funzionalità Aggiornamento per evoluzione tecnologica Teleassistenza TUTTO COMPRESO NEL CANONE DI ASSISTENZA ANNUALE VERIFICA (Resp. Processo Progettazione e Produzione Software) - Responsabile di Area Data: 15 settembre 2011 Firma: Dott. Marco Sabatinelli CONVALIDA (Responsabile Sistema Gestione Qualità) Data: 15 settembre 2011 Firma: Romina Crescentini

20 Halley la più qualificata rete di Assistenza per i Comuni 500 ADDETTI IN INFORMATICA PER IL COMUNE - 25 CENTRI HALLEY Brescia Matelica Macerata HALLEY INFORMATICA - SEDE CENTRALE Via Circonvallazione, Matelica (MC) Tel Fax Halley FILIALE MACERATA Centro egovernment Via Dell Industria, 170/172 - Corridonia Tel HALLEY FILIALE DI TORINO Strada Leinì, 18/E - Caselle Torinese Tel Fax HALLEY FILIALE DI BERGAMO Via Partigiani, 25 - Seriate (BG) Tel Fax HALLEY FILIALE DI BRESCIA Via Malta, 12 - Brescia Tel Fax HALLEY FILIALE DI LA SPEZIA Via Don Minzoni, 2 - La Spezia Tel Fax HALLEY FILIALE DI ROMA Viale Antonio Ciamarra, ROMA Tel Fax HALLEY FILIALE DI PESCARA V.le Bovio, 95/1 - Pescara Tel Fax HALLEY LOMBARDIA Via Cesare Cattaneo, 10/B - Cantù (CO) Tel Fax HALLEY VENETO Via Lombardi, 14 Int. 7/8 - Marcon (VE) Tel Fax HALLEY TOSCANA SRL Via Piovola, Empoli (FI) Tel Fax HALLEY INFORMATICA SAS Via G. Pepe, 18 - Grosseto Tel Fax HALLEY SUD-EST SRL C.da Colle delle Api - Campobasso Tel Fax HALLEY SUD-EST Filiale Potenza Via Vaccaro - Potenza Tel Fax FLORENS SOFTWARE Via Omodeo, 44/8 - Bari Tel Fax SVIC SRL V.le Rossini, 1/C - Lecce Tel Fax /96 SOLUZIONI HALLEY Via Gregaria - Pietrelcina (BN) Tel Fax HALLEY CAMPANIA Via Nazionale Mercogliano (AV) Tel Fax HALLEY CONSULTING Viale Lainò, 6 - Catania Tel Fax HALLEY CONSULTING FILIALE DI CAMPOCALABRO Via Campo Piale, 12/C - Campo Calabro (RC) Tel Fax HALLEY CONSULTING FILIALE DI PALERMO Viale Regione Siciliana, Palermo Tel Fax ELLE SNC Corso F.Crispi n. 194/196 - S.Giovanni Gemini (AG) Tel Fax DATAGEST SRL Via R. Margherita, S.Teresa di Riva (ME) Tel Tel. Fax HALLEY SARDEGNA Via Ticino, 5 - Assemini (CA) Tel Fax HALLEY SARDEGNA FILIALE DI SASSARI Via Sulcis, 28/A - Sassari Tel Fax Garanzie HALLEY: Assistenza telefonica; aggiornamento programmi; assistenza presso il Cliente; subentro ad ogni obbligazione assunta dai Centri Halley in relazione al corretto funzionamento dei programmi indipendentemente dal Centro Halley che ha effettuato la fornitura. Tale garanzia può essere richiesta in forma scritta.

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa.

per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa. Territorio per la redazione delle dichiarazioni di Catasto Fabbricati con il pacchetto applicativo Do.C.Fa. Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Lazio - Territorio Roma, 25 Luglio 2013 Pagina 1 di

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2 Mercoledì 15 Aprile 2015 Anno XLVI N. 12 PARTE PRIMA CONDIZIONI DI VENDITA: Ogni fascicolo 2,50. La vendita è effettuata esclusivamente in Genova presso la Libreria Giuridica- PARTE PRIMA 3 SOMMARIO LEGGE

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

FORNITURA AI COMUNI DEI DATI CATASTALI INTEGRATIVI AI DATI FORNITI AI SENSI DELL'ART. 34 QUINQUIES LEGGE 80/2006

FORNITURA AI COMUNI DEI DATI CATASTALI INTEGRATIVI AI DATI FORNITI AI SENSI DELL'ART. 34 QUINQUIES LEGGE 80/2006 PAG. 1 DI 5 FORNITURA AI COMUNI DEI DATI CATASTALI INTEGRATIVI AI DATI FORNITI AI SENSI DELL'ART. 34 QUINQUIES LEGGE 80/2006 23 Luglio 2012 DOC. ES-23-IS-0S PAG. 2 DI 5 INDICE 1. PREMESSA 4 2. COMPOSIZIONE

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA. CAD Solutions. Ver. 1.

Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA. CAD Solutions. Ver. 1. DOCFA Plug-in Il Plug-in gratuito integrato in progecad Professional, per la realizzazione di planimetrie in formato DOCFA CAD Solutions www.progecad.com Ver. 1.0 P a g i n a 2 P a g i n a 3 Indice Indice...

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Comunicazione di inizio attività edilizia libera ai sensi del comma 2 dell art. 6 del DPR 380/2001

Comunicazione di inizio attività edilizia libera ai sensi del comma 2 dell art. 6 del DPR 380/2001 ORIGINALE/COPIA AL COMUNE DI MILANO SETTORE SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SERVIZIO INTERVENTI EDILIZI MINORI Via Pirelli, 39 20124 Milano 2 piano corpo basso ART.6 DPR. 380/2001 - competenza SUE N ATTI

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli