ATTI DEL VI CONVEGNO ITALO-FRANCESE PER LA DIFFUSIONE RECIPROCA DELLE LINGUE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTI DEL VI CONVEGNO ITALO-FRANCESE PER LA DIFFUSIONE RECIPROCA DELLE LINGUE"

Transcript

1 ATTI DEL VI CONVEGNO ITALO-FRANCESE PER LA DIFFUSIONE RECIPROCA DELLE LINGUE ACTES DU VI e COLLOQUE FRANCO-ITALIEN POUR LA DIFFUSION MUTUELLE DES LANGUES Aosta 7 e 8 ottobre 2005 Aoste 7 et 8 octobre

2 Unione Latina, 131, rue du Bac Paris, France ISBN :

3 Discorsi inaugurali - 7 SOMMARIO Aosta, 7 e 8 ottobre On. Luciano Caveri, Presidente della Regione autonoma Valle d Aosta - Prof.ssa Anna Bioley, Coordinatrice del Programma di Plurilinguismo europeo Pax Linguis - Prof. Ernesto Bertolaja, Direttore della promozione e insegnamento delle lingue, Unione Latina Conferenze in seduta plenaria - Prof.ssa Anna Vaiasicca, Rappresentante del Centro nazionale Europass Europass, portafoglio per valorizzare la mobilità e la trasparenza delle qualifiche e competenze acquisite Prof. Gianmario Raimondi, Docente dell Università della Valle d Aosta Salvaguardare un identità linguistica. La prospettiva dell Università della Valle d Aosta Prof. Christian Puren, Docente dell Università Jean Monnet, Saint- Etienne La prospettiva operativa nell insegnamento-apprendimento delle lingue-culture - 35 Resoconti dei gruppi di lavoro - Primo Gruppo (Presidente: Prof.ssa Anna Bioley) Dispositivi di formazione dei formatori Secondo Gruppo (Presidente: Prof. Pierre Méthivier) Dispositivi d insegnamento delle lingue Terzo Gruppo (Presidente: Cav. Uff. Lorenzo Viale) Confronto delle strategie, strumenti e approcci didattici dell insegnamento dell italiano e del francese. L esperienza del tedesco (art. 40 bis dello Statuto della Valle d Aosta) Quarto Gruppo (Presidente: Prof.ssa Manuela Vico) Confronto degli orientamenti delle politiche linguistiche

4 Allocuzioni di chiusura dei lavori Prof. Ernesto Bertolaja, Direttore della Promozione e Insegnamento delle Lingue, Unione Latina Lettura della mozione conclusiva - Dott.ssa Teresa Charles, Assessore all educazione e alla cultura della Regione autonoma Valle d Aosta Appendice Diffusione reciproca delle lingue tra Italia e Francia Costituzione dell Intergruppo di coordinamento 4

5 Discours d ouverture - 7 SOMMAIRE Aoste, 7 et 8 octobre M. Luciano Caveri, Président de la Région autonome Vallée d Aoste - Mme Anna Bioley, Coordinatrice du Programme de Plurilinguisme européen Pax Linguis - M. Ernesto Bertolaja, Directeur de la promotion et enseignement des langues, Union Latine Conférences en séance plénière - Mme Anna Vaiasicca, Représentante du Centre national Europass Europass, portefeuille pour la valorisation de la mobilité et de la transparence des qualifications et des compétences acquises M. Gianmario Raimondi, Professeur à l Université de la Vallée d Aoste Sauvegarder une identité linguistique. La perspective de l Université de la Vallée d Aoste M. Christian Puren, Professeur à l Université Jean Monnet, Saint- Etienne La perspective actionnelle dans l enseignement-apprentissage des langues-cultures - 35 Comptes rendus des groupes de travail: - Premier Groupe (Présidente : Mme Anna Bioley) Procédures de formation des formateurs Deuxième Groupe (Président : M. Pierre Méthivier) Modalités d enseignement des langues Troisième Groupe (Président : M. Lorenzo Viale) Comparaison des stratégies, outils et approches didactiques pour l enseignement de l italien et du français. L expérience de l allemand (art. 40 bis du Statut spécial de la Vallée d Aoste) Quatrième Groupe (Présidente : Mme Manuela Vico) Comparaison des orientations des politiques linguistiques

6 Allocutions de clôture des travaux M. Ernesto Bertolaja, Directeur de la promotion et enseignement des langues, Union Latine Lecture de la motion conclusive - Mme Teresa Charles, Assesseur à l éducation et à la culture de la Région autonome Vallée d Aoste Appendice Diffusion réciproque des langues entre la France et l Italie Constitution de l Intergroupe de coordination 6

7 DISCORSI INAUGURALI DISCOURS D OUVERTURE 7

8 8

9 On. Luciano Caveri Presidente della Regione autonoma Valle d Aosta Président de la Région autonome Vallée d Aoste Je voudrais d abord m excuser auprès de nos amis qui participent à cette rencontre organisée par Pax Linguis : je ne peux pas m y rendre et je vous envoie donc ce message vidéo. Je voulais quand même être des vôtres, par vidéo interposé, parce que je crois que les thèmes et les problèmes que vous abordez sont très importants. Certains d entre vous le savent, j ai vécu avec beaucoup de plaisir mon expérience de membre du Parlement européen ; maintenant, je suis entré dans une dimension un peu parallèle, à travers la deuxième chambre de l Union européenne, c est-à-dire le Comité des Régions. Je veux dire par là que j ai pleinement compris, dans la vie quotidienne de ces deux institutions, l importance d être plurilingue et l enrichissement qui découle de cette capacité. Maîtriser différentes langues, avoir la possibilité de parler avec les autres et même de confronter les différentes méthodes d apprentissage est aujourd hui indispensable. Je pense que de ce point de vue, le fait de nous retrouver en Vallée d Aoste est significatif puisque, ici, nous tentons chaque jour et c est très difficile de faire vivre à nos jeunes et à la communauté tout entière une expérience bilingue. L idée de posséder plusieurs langues, tout en conservant sa langue régionale par exemple, pour la Communauté valdôtaine, le francoprovençal, auquel s ajoute la langue allemande de la Communauté Walser n est pas banale. Si l on y ajoute l ambition de s exprimer dans deux langues importantes comme l italien et le français et même, dans les lycées classiques, d étudier le grec et le latin, l on obtient un ensemble de logiques plurilingues qui constitue, à mon avis, un laboratoire idéal pour la recherche des meilleures solutions. Mais pour ce faire, pour disposer de bonnes formules pour l apprentissage et pour l école, pour la formation ou pour la vie quotidienne, il faut et il n y a pas d alternatives avoir des échanges avec les autres. Il me paraît donc que le rôle de Pax Linguis dans ce secteur est fondamental, car chaque rencontre comme celle-ci aboutit à des résultats grâce auxquels 9

10 notre communauté régionale peut améliorer ses systèmes et découvrir de nouvelles idées. C est pour cela que je tiens à féliciter les organisateurs de ce colloque. J espère aussi que tous trouveront leur séjour dans notre Vallée aussi profitable qu agréable. 10

11 Prof.ssa Anna Bioley Coordinatrice del Programma di Plurilinguismo europeo Pax Linguis Coordinatrice du Programme de Plurilinguisme européen Pax Linguis Magnifico Rettore dell Università della Valle d Aosta Prof. Pietro Passerin d Entrèves, Monsieur Adrien Berthier - Directeur de l Alliance Française de la Vallée d Aoste, Madame Frémont Attachée de Coopération linguistique en Vallée d Aoste, Dott.ssa Mariagrazia Vacchina Difensore Civico della Valle d Aosta, Dottor Augusto Rollandin Senatore della Valle d Aosta, Monsieur Roberto Armand Consul Honoraire de France à Aoste, Dottor Ernesto Bertolaja Direttore dell Unione Latina, Coordinatori e Relatori dei gruppi di lavoro, Signore e Signori, in qualità di Coordinatrice del gruppo di lavoro del Programma di Plurilinguismo Europeo Pax Linguis, di cui fanno parte, oltre al Presidente della Giunta Regionale, Onorevole Luciano Caveri, anche l Assessore Regionale all Istruzione ed alla Cultura, Dott.ssa Teresa Charles (rappresentata dalla Prof.ssa Anna Galliano) ed il Presidente del Consiglio Regionale, Dottor Ego Perron, (rappresentato dalla Prof.ssa Anna Maria Traversa), sono onorata di porgervi il benvenuto al VI Convegno italofrancese per la diffusione reciproca delle lingue, organizzato ad Aosta dalla Regione Autonoma Valle d Aosta, in collaborazione con l Unione Latina e che vede, in qualità di partecipanti attivi, l Alliance Française di Aosta, l Alliance Française di Cuneo, l Alliance Française Riviera dei Fiori e la Federazione Nazionale delle Associazioni degli Italianisti in Francia. Il Programma di Plurilinguismo Europeo Pax Linguis, promotore del Convegno, istituito con legge regionale 26 aprile 1993, n. 19, si propone il perseguimento dei seguenti obiettivi: a) promouvoir, par une campagne d information sur les modes et les moyens d une éducation bilingue de base et sur les conditions de sa mise en œuvre, une meilleure connaissance des débouchés socioculturells que peut offrir l amélioration en qualité et en quantité de l enseignement et de l étude des langues ; b) procéder à une recherche scientifique des expériences d éducation bilingues en cours dans d autres pays, en coordonner les éléments et 11

12 procéder à l analyse des résultats et des enseignements qui peuvent en découler ; c) organiser dans la région des stages de formation en matière d éducation bilingue et plurilingue, à l intention des jeunes, des étudiants et du personnel enseignant ; d) organiser dans la région des congrès et des séminaires pour faire connaître l évolution des politiques linguistiques et pédagogiques et diffuser le message de l éducation plurilingue comme un moyen de paix et de solidarité entre les peuples ; e) promouvoir des projets pilotes pour un enseignement précoce des langues, en liaison avec les organes de l état compétents ; f) formuler des recommandations à proposer au gouvernement central et à la communauté européenne, pour l adoption de politiques plurilingues. Siamo pertanto qui riuniti durante queste due giornate, che saranno particolarmente intense, per esaminare non solo l evoluzione delle politiche linguistiche e pedagogiche della lingua italiana, di quella francese, nonché, in omaggio all articolo 40bis dello Statuto della Valle d Aosta, di quella tedesca, ma anche per diffondere il messaggio dell educazione plurilingue quale mezzo di pace, di unione e di solidarietà tra i popoli. L Unione Latina è la veicolatrice e la promotrice per eccellenza dell insegnamento delle lingue romanze in particolare, nonché dell educazione plurilingue, per cui cedo la parola al Dottor Bertolaja ed al VI Convegno italo francese per la diffusione reciproca delle lingue che siamo lieti di ospitare per la prima volta in Valle d Aosta, con l auspicio che, sia gli interventi in plenaria, che gli scambi tra esperti nei vari gruppi di lavoro, nonché l esame dei materiali innovativi che sono stati messi a vostra disposizione, possano essere fonti di arricchimento didattico e culturale, nonché trasferibili in campo scolastico. 12

13 Prof. Ernesto Bertolaja Direttore della Promozione e Insegnamento delle Lingue, Unione Latina Directeur de la Promotion et Enseignement des Langues, Union Latine Permettetemi innanzitutto di ringraziare la Regione Valle d Aosta che ci ospita e di esprimere la mia gioia di ritrovarci qui, in una delle Regioni d Europa in cui il plurilinguismo è reale. Certo un plurilinguismo variabile nel tempo, poiché gli spazi d interlocuzione e le lingue che li compongono sono il risultato di nostalgie, di passioni e di attese, ma un plurilinguismo vivo, alimentato contemporaneamente dallo status e dal corpus delle lingue: da eredità culturali profonde, dalle necessità, gli obblighi e le opportunità proprie di una Regione a Statuto autonomo, e dall impatto dell aumento del traffico europeo transalpino, specifico di una zona che all UNESCO piace chiamare i corridoi culturali del Sud-Est europeo. Tutti gli specialisti appartenenti agli spazi territoriali che da ormai più di dodici anni sono coinvolti nella realizzazione dei nostri Convegni transfrontalieri sanno perfettamente che nel campo della lingua, nulla è mai definitivamente acquisito né stabilito. Questo fatto è in relazione, in un certo modo, con il concetto degli itinerari culturali valorizzati dal Consiglio d Europa (cioè l idea che attraverso i flussi migratori il patrimonio diversificato dei diversi paesi d Europa costituisca di fatto un bene culturale comune). Esso rende necessaria, inoltre, la distinzione in un mondo concorrenziale in cui le lingue-culture sono anche veicolate da beni e servizi prodotti e commercializzati. Le autonomie locali (Regioni, Province, Comuni), delle quali ringrazio i responsabili per la loro partecipazione attiva, che mette in risalto la percezione chiara che hanno del ruolo delle lingue nello sviluppo locale, sono oggi parte preponderante nella struttura consultiva bilaterale intergovernativa, uno dei risultati politici dei lavori dei convegni precedenti. Ora che le relazioni bilaterali tendono a fondersi nell integrazione europea, è auspicabile programmare una struttura operativa che miri alla diffusione transfrontaliera reciproca delle lingue a livello europeo dove esistano anche certe leve di decisioni e di finanziamento. 13

14 Nel mio intervento al precedente convegno di Mentone nel 2003, ho fatto appello alla messa in opera di reti federatrici d azioni. È inoltre un apporto dei nostri incontri, il fatto d aver progressivamente costituito un analisi comparata permanente delle pratiche di formazione, di formazione dei formatori e di innovazioni che favoriscano la realizzazione di reti informali attorno ad iniziative e a progetti interregionali, interprovinciali ed intermunicipali. È importante sottolineare, in definitiva, la fondamentale armonizzazione tra gli approcci didattico-pedagogici e le politiche linguistiche attuate. Sviluppare una metodologia innovativa in un contesto in cui la linguaobiettivo non è valorizzata non è affatto produttivo; altrettanto controproduttive sono le politiche di re-orientamento dell offerta linguistica in un sistema educativo che non prenda in considerazione né le griglie decisionali, né la formazione degli insegnanti, né le rappresentazioni sociali. Il continuum di questi convegni permette a questo proposito di confrontare, nell arco diacronico, gli sviluppi del rapporto tra le finalità civiche che il Paese si ripropone con l insegnamento delle lingue e gli obiettivi didatticopedagogici che si manifestano in contesti in evoluzione. La lingua italiana e la lingua francese sono depositarie del dialogo storico costitutivo dell Europa plurilingue. Le regioni transfrontaliere tenderanno certamente prima o dopo a divenire degli spazi d interlocuzione interni, liberi da barriere che limitano ancora la circolazione di alunni e di insegnanti. Si può temere una maggiore permeabilità ai flussi linguistici dominanti, ma anche rappresentare una più grande capacità ad allargare un offerta di formazione. Ciò sembra verificarsi con le tecnologie deterritorializzate dell informazione e della comunicazione che danno accesso, per esempio, ad un offerta importante di supporti d apprendimento di una lingua veicolare africana come il ki-swahili via Internet. Lo spazio transfrontaliero interessa già azioni comuni e finanziate in materia di sanità, di sicurezza, di ambiente, perché non nel campo dell insegnamento delle lingue, abbordato come un bene d interesse pubblico? Non c è dubbio che i prossimi cambiamenti avranno un grande impatto sia sulla distribuzione delle lingue che sui dispositivi d insegnamento e sulle strategie d insegnamento e di apprendimento. Siamo qui oggi per tracciarne le prospettive. 14

15 CONFERENZE IN SEDUTA PLENARIA CONFERENCES EN SEANCE PLENIERE 15

16 16

17 Prof.ssa Anna Vaiasicca Rappresentante del Centro nazionale Europass Représentante du Centre national Europass Europass, Portafoglio per valorizzare la mobilità e la trasparenza delle qualifiche e competenze acquisite Europass, Portfolio au service de la mobilité et de la transparence des qualifications et des compétences acquises Con l apertura dello spazio economico europeo la mobilità interna alla comunità è destinata ad aumentare. Tutte le iniziative messe in campo dal Consiglio e dalla Commissione sono dirette alla massima valorizzazione delle competenze e alla mobilità sociale, per sostenere la creazione in Europa dell economia della conoscenza. La strategia portante di questo progetto è la predisposizione di sistema di istruzione e formazione integrato al fine di creare un apparato per l apprendimento permanente. Per questo motivo gli Stati membri da anni lavorano per costruire sistemi di istruzione e formazione con queste caratteristiche. Dal 1996 la Commissione europea lavora a stretto contatto con gli Stati membri per l implementazione delle politiche comunitarie, in particolare per l individuazione di strategie che puntino ad una maggior cooperazione, anche in merito ai sistemi di regolazione in materia di istruzione e formazione. La trasparenza delle certificazioni e delle qualifiche costituisce la dimensione comunemente condivisa per comunicare in maniera efficace il contenuto di un certificato. Contemporaneamente a livello comunitario si considerava altrettanto importante intervenire a sostegno delle politiche per la mobilità sociale, promosse attraverso programmi ed interventi comunitari che hanno favorito le azioni di scambio internazionale. Sul tema della mobilità la Commissione sta da tempo percorrendo due strade: una diretta al riconoscimento delle professioni regolamentate e l altra diretta al riconoscimento delle qualifiche e delle competenze, facendo riferimento a criteri condivisi tra i paesi membri di trasparenza. In breve, la prima basata fortemente sulla normativa, quindi più formalizzata, con controlli da parte delle autorità competenti e pertanto più vincolante ed è soprattutto riferita esclusivamente ai cittadini-lavoratori dell Unione che 17

18 vogliono spostarsi all interno del mercato del lavoro comunitario, su cui si sono registrate già delle difficoltà di ordine giuridico. La seconda soluzione si presenta innanzitutto come più pragmatica e più snella nelle procedure, si tratta infatti di utilizzare dei protocolli già definiti e condivisi nell ambito dei lavori realizzati dalla commissione tecnica, composta dai rappresentanti dei diversi Stati, nel corso degli anni precedenti, e di cui l utenza di riferimento è costituita in modo rilevante dai giovani inseriti nei percorsi di istruzione e formazione. Con la Dichiarazione di Copenaghen del 30 novembre del 2002 i Ministri rappresentanti di 31 paesi europei (UE e SEE South East Europe), facendo seguito al Consiglio di Barcellona che puntava ad una maggiore cooperazione in materia di istruzione e formazione, hanno concordato sulla necessità di incrementare la cooperazione in questo ambito ed a favorire la mobilità per promuovere l occupabilità, la cittadinanza attiva e la realizzazione personale. Pertanto, costruire la Comunità europea basata sulla conoscenza e assicurare un mercato del lavoro aperto a tutti costruiscono due sfide fondamentali cui tutte le parti coinvolte devono partecipare attivamente. Gli obiettivi operativi su cui puntare sono diversi, tra cui la costituzione di un quadro unico per la trasparenza delle competenze e delle qualifiche. Con la decisione del Consiglio e del Parlamento europeo numero 2241 del 15 dicembre 2004 viene istituito un quadro unico per la trasparenza delle qualifiche e delle competenze che costituisce il primo risultato concreto del processo di Copenaghen chiamato Europass, che consiste in un dossier coordinato di documenti esistenti, resi più accessibili ai cittadini e ai datori di lavoro, con un migliore impatto e una migliore visibilità. In esso sarà possibile integrare in futuro nuovi documenti, utili ai fini della trasparenza dei titoli e della valorizzazione dell apprendimento. A queste iniziative si affiancano le linee d azione individuate per la prossima programmazione in materia d istruzione e formazione varate nel marzo del 2001 a Stoccolma, per dare seguito alla Strategia di Lisbona, in cui sono stati precisati gli obiettivi di lavoro che vedono le questioni afferenti le competenze e la mobilità come rilevanti, e su cui puntare per contribuire alla realizzazione della società della conoscenza. Tra gli obiettivi di lavoro individuati le competenze linguistiche svolgono un ruolo chiave per facilitare la mobilità in Europa. Il piano d azione per le lingue fissa il quadro e i principali obiettivi strategici da perseguire in 18

19 tre sfere d azione: estensione a tutti i cittadini dell apprendimento della lingua lungo tutto l arco della vita, miglioramento dell insegnamento delle lingue e creazione di un ambiente più favorevole per l apprendimento delle lingue straniere. Tra le azioni destinatarie di finanziamento si rilevano iniziative a sostegno della mobilità sia degli allievi che dei formatori. Accrescere la mobilità nell istruzione e nella formazione costituisce quindi un fattore chiave della nuova programmazione Istruzione e formazione Pertanto i dispositivi di trasparenza inseriti nel Portafoglio Europass si profilano come perfettamente connessi a queste iniziative e rispondono ai bisogni di comunicare in modo trasparente e inequivocabile le competenze e i titoli di cui si è in possesso. I singoli dispositivi che compongono il Portafoglio Europass sono: - Europass Curriculum Vitae (ex Curriculum Vitae Europeo): formato standard di Curriculum Vitae che consente di uniformare la presentazione dei titoli di studio, delle esperienze lavorative e delle competenze individuali. Riguarda l insieme delle competenze personali. - Europass Passaporto delle Lingue (parte dell ex Portafoglio Europeo delle Lingue): strumento che accompagna l individuo nel percorso di apprendimento delle lingue straniere lungo tutto l'arco della vita. - Europass-Mobilità (ex Europass-formazione): libretto individuale che conferisce trasparenza e visibilità ai periodi di formazione e di apprendistato all estero. - Europass Supplemento al Certificato: certificazione integrativa che accompagna l attestato di qualifica professionale e fornisce informazioni riguardo il contenuto del percorso formativo, il livello della qualifica e le competenze acquisite. - Europass Supplemento al Diploma: certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi di tipo accademico contenente una descrizione della natura, del livello e del contenuto degli studi superiori intrapresi e completati con successo. La sfida del Portafoglio Europass è di contribuire fortemente alla creazione di uno spazio europeo di libera circolazione dei cittadini, per incrementare le occasioni di studio e lavoro, e per utilizzare le opportunità sul territorio europeo, per tutto l arco della vita. I singoli dispositivi inseriti nel Portafoglio sono già in uso da anni. Il diploma supplement è un dispositivo individuato dall Unesco in collaborazione con il Consiglio europeo in vigore dal Nel nostro paese c è stato un certo interesse a questo dispositivo, ma senza lasciare effetti rilevanti poiché il passaggio dal vecchio sistema didattico e 19

20 quindi di valutazione dell apprendimento al nuovo sistema dei crediti ha richiesto lunghi tempi di assestamento. Dallo scorso anno con il Decreto n. 9/2004 del 30 aprile 2004 il MIUR obbliga le Università al rilascio di questo certificato. Comunque allo stato attuale la quasi totalità degli atenei sono in fase di allestimento del servizio di rilascio del dispositivo. Il supplemento al certificato è un documento che è stato approvato dal Consiglio europeo nel 2002 e consiste in un allegato all attestato di qualifica professionale e al diploma: serve a rendere più facilmente comprensibile che cosa il certificato stesso significhi in termini di competenze acquisite, con riferimento al sistema di formazione in cui è stato rilasciato. Sono particolarmente importanti le informazioni da inserire nel box 3 relativo alle abilità e alle competenze acquisite. Altre informazioni riportate consistono in: - la gamma di possibili occupazioni cui si può accedere con la qualifica conseguita; - le istituzioni che hanno rilasciato il certificato e gli organismi d accreditamento; - il livello del certificato; - le varie modalità di conseguimento del certificato; - i requisiti e le opportunità di acceso all istruzione del livello superiore. La competenza di rilascio del Supplemento al certificato è affidata alle Regioni, che a loro volta possono scegliere di delegare il rilascio agli enti di formazione che realizzano i corsi di qualificazione. Il nuovo formato di Europass-Mobilità sostituisce il dispositivo Europass- Formazione introdotto nel Questo dispositivo, modulato dall esperienza di un progetto Leonardo, è stato concepito per promuovere percorsi europei di formazione e per valorizzare le occasioni di formazione integrata al lavoro, che un cittadino può svolgere in un altro paese, ossia tirocini e stage formativi, mettendo in trasparenza e conferendo maggiore visibilità all esperienza. Con il dispositivo comunitario Europass- Formazione la Comunità ha avviato in pratica la promozione di percorsi europei di formazione e la valorizzazione delle esperienze di mobilità, formalizzandone la modalità di descrizione dei contenuti e il format del dispositivo che è stato definito e condiviso a livello comunitario. Le esperienze scaturite nella prima fase di applicazione del suddetto dispositivo hanno avuto un impatto rilevante per i titolari dei libretti. Da un indagine effettuata tra i titolari del libretto sono stati raccolti elementi 20

21 significativi sulle esperienze realizzate, tra i quali segnaliamo l aspetto emozionale che ha accompagnato l esperienza. Risulta infatti particolarmente forte l impatto del cambiamento del contesto di apprendimento e della diversità culturale che, in maniera trasversale, ha accompagnato i percorsi. Il desiderio di confronto con altre culture è tra le più ricorrenti motivazioni addotte dai titolari dei libretti. Inoltre, la familiarità acquisita nell operare con un altra lingua sembra ridurre la percezione delle distanze, della diversità culturale e sociale con gli altri Stati membri. Inoltre, per gli intervistati, misurarsi con un esperienza di mobilità sembra facilitare una maggiore consapevolezza sulle proprie capacità di adattamento a nuovi contesti. Il nuovo Europass-Mobilità introduce delle novità a livello di contenuto che lo rendono attuale, maggiormente rispondente ai bisogni dei cittadini, più fruibile da parte delle imprese, ed applicabile a un bacino di utenza più ampio e diversificato. Infatti, il nuovo dispositivo riguarda tutti i cittadini europei, non soltanto gli studenti degli istituti d istruzione secondaria, studenti universitari e operatori che vogliono realizzare un esperienza di mobilità e valorizzare gli apprendimenti non formali con essa acquisiti; riguarda anche i cittadini che, inseriti in un percorso di formazione, vogliono effettuare un percorso di apprendimento in un altro paese dell Unione. Questo strumento mette a valore sia l esperienza di mobilità che la conoscenza della lingua straniera utilizzata e contestualizzata in ambito lavorativo. Lo strumento del Portafoglio Europass che valorizza in modo più efficace la conoscenza delle lingue estere è l Europass Passaporto delle lingue, costituito da una sezione del Portafoglio Europeo delle Lingue, messo a punto dal Consiglio d'europa nel 1998, e diretto agli utilizzatori finali, agli insegnanti ed esaminatori, autori di libri di testo, decisori delle politiche linguistiche, in quanto può fornire indicazioni sulle metodologie pedagogiche impiegate per l insegnamento della lingua straniera. Nella sua attuale formulazione, l EPL è uno strumento che accompagna l individuo nel proprio percorso di apprendimento delle lingue straniere lungo tutto l'arco della vita. Esso offre infatti una descrizione puntuale delle competenze linguistiche acquisite sia in ambito formale (scuola e formazione) sia in altri contesti (sul lavoro, con gli amici, in famiglia, ecc.). É una dichiarazione autocertificata e volontaria, quindi non ha bisogno di ulteriori validazioni. 21

22 Il formato dell EPL è scaricabile dal sito htm/index.htm e, salvando il documento su una directory del proprio PC, è possibile compilare gli appositi box. La compilazione può essere effettuata autonomamente oppure con l aiuto di formatori, insegnanti di lingua o esperti di orientamento. Infine, abbiamo il dispositivo del Curriculum Vitae Europass CVE in cui inserire e collegare in modo cronologico tutti gli altri dispositivi ottenuti dai cittadini, inclusi nel portafoglio Europass. Questo dispositivo ricopre il ruolo di ricostruire in forma narrativa, con esposizione autobiografica, il percorso effettuato dal titolare del Portafoglio. Questo elenco, tuttavia, non è esaustivo in quanto, in futuro, potrebbero essere inseriti anche altri documenti, miranti a migliorare la trasparenza delle qualifiche e delle competenze. Si sottolinea che Europass costituisce un opportunità offerta ai cittadini, non un obbligo. Pertanto si può scegliere liberamente se utilizzare un singolo documento Europass oppure l intero portafoglio. Il Centro Nazionale Europass costituito presso ogni Paese europeo si occupa della promozione, dell implementazione e della gestione di questo dispositivo e del sistema informativo su cui si fonda. Il NEC in Italia è istituito presso l Isfol, è promosso dalla Commissione europea e, a livello nazionale, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Le funzioni essenziali del NEC consistono nelle attività di coordinamento e di promozione. Attraverso il coordinamento si facilita l accesso dei cittadini ai dispositivi conformemente alla decisione e alle disposizioni nazionali. Attraverso il NEC, inoltre, tutti i cittadini che non hanno accesso a Internet possono ottenere i documenti Europass in forma cartacea. La promozione consiste nel promuovere ed informare il grande pubblico e gli attori chiave dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro sul dispositivo Europass che deve essere, infatti, diffuso su tutto il territorio nazionale, con particolare attenzione ai datori di lavoro, agli operatori di orientamento e al personale delle scuole. Altre funzioni, di supporto rispetto alle due principali, riguardano: - la gestione di un sito Internet nazionale (http://www.europass-italia.it) contenente informazioni specifiche e links per l accesso ai dispositivi europei per la trasparenza e al portale europeo Europass (http:// 22

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II

STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II Strategia della CDPE del 24 ottobre 2013 per il coordinamento a livello nazionale dell insegnamento delle lingue seconde nel settore del secondario

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Il dispositivo Europass per promuovere la mobilità: il Supplemento al Diploma Verona, 21 novembre 2014 JOB&ORIENTA 2014

Il dispositivo Europass per promuovere la mobilità: il Supplemento al Diploma Verona, 21 novembre 2014 JOB&ORIENTA 2014 Il dispositivo Europass per promuovere la mobilità: il Supplemento al Diploma Verona, 21 novembre 2014 JOB&ORIENTA 2014 Ismene Tramontano ISFOL Centro Nazionale Europass Italia 1 Muoversi in Europa La

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ. Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015

IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ. Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015 IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015 Muoversi in Europa La mobilità transnazionale è considerata da oltre un

Dettagli

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO La Commissione VII (Cultura, scienza, istruzione), esaminato lo schema di decreto del Presidente della

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

Europass strumento di trasparenza e mobilità nei percorsi di certificazione delle competenze linguistiche

Europass strumento di trasparenza e mobilità nei percorsi di certificazione delle competenze linguistiche Europass strumento di trasparenza e mobilità nei percorsi di certificazione delle competenze linguistiche Bologna, 22 ottobre 2009 Alessandra Biancolini Centro Nazionale Europass Italia 1 Muoversi in Europa

Dettagli

5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1

5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1 5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1 Idocumenti ufficiali della Commissione Europea relativi all istruzione e alla formazione a partire dal 1996 (anno europeo del lifelong learning), ribadiscono

Dettagli

L Educazione degli Adulti nel sistema di istruzione: Obiettivi e misure di sistema

L Educazione degli Adulti nel sistema di istruzione: Obiettivi e misure di sistema L Educazione degli Adulti nel sistema di istruzione: Obiettivi e misure di sistema di Sebastian Amelio Saluto tutti voi e a voi tutti porto il saluto del Direttore Generale, dr.ssa Maria Grazia Nardiello,

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d Esame di Stato e

Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d Esame di Stato e Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d Esame di Stato e del diploma di Baccalauréat 1 Il Governo della Repubblica

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI SCUOLA MEDIA ARMANDO DIAZ OLBIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI PREMESSA Da alcuni anni la nostra scuola è frequentata da alunni stranieri provenienti da paesi europei ed extraeuropei, da

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MINISTERO DELL UNIVERSITÀ, DELL ISTRUZIONE E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA MUSICALE Fondazione Istituto Musicale della Valle d Aosta Fondation Institut Musical de la Valle Vallée d Aoste ISTITUTO

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA

VISTO VISTO RILEVATO VISTO PRESO ATTO RILEVATO RILEVATO CONSIDERATO RITENUTO RITENUTO DECRETA Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n.95 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui

Dettagli

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 L Alternanza Scuola-Lavoro è stata introdotta In Italia come una delle modalità di realizzazione dei percorsi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX linguistiche e Letterature straniere. Laurea magistrale. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX linguistiche e Letterature straniere. Laurea magistrale. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX linguistiche e Letterature straniere Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246

Dettagli

INDICE. Introduzione di Elisabetta Jafrancesco p. 7. 1. Il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 13 di Massimo Maggini

INDICE. Introduzione di Elisabetta Jafrancesco p. 7. 1. Il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 13 di Massimo Maggini INDICE Introduzione di Elisabetta Jafrancesco p. 7 1. Il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 13 di Massimo Maggini 2. Oltre il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 23

Dettagli

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia disegna un panorama molto variegato con differenze marcate

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2235 Prot. n. 25405 Data 05 agosto 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell'università e della ricerca scientifica

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado PREMESSA La scuola oggi deve affrontare il tema delle relazioni, dell incontro con

Dettagli

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Puglia Assessorato per il diritto allo studio e la formazione professionale Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Accordo per la realizzazione nell anno scolastico 2011/2012 di percorsi di

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento Questa breve guida è stata realizzata dalla redazione Edises, casa editrice specializzata in formazione universitaria

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO di ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Premessa Questo documento definisce tutte le azioni con cui attuare l inserimento scolastico degli alunni stranieri, sia di quelli che si iscrivono prima dell

Dettagli

Il nuovo piano di formazione per gli insegnanti di lingua friulana

Il nuovo piano di formazione per gli insegnanti di lingua friulana Il nuovo piano di formazione per gli insegnanti di lingua friulana { Alessandra Burelli Delegata per la promozione della lingua e cultura friulana, Università di Udine Lingua friulana e formazione degli

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE N.

DECRETO MINISTERIALE N. DECRETO MINISTERIALE N. 91 Norme per lo svolgimento degli Esami di Stato nelle sezioni funzionanti presso istituti statali e paritari in cui è attuato il Progetto- ESABAC (rilascio del doppio diploma italiano

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali

Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Scuola Valore Risorse per docenti dai progetti nazionali Cosa è Scuola Valore, Finalità... 2 I progetti... 3 Le risorse e i possibili utilizzi... 4 Il processo di produzione delle risorse... 6 1 Cosa è

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

All 13 PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO

All 13 PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO All 13 PROGETTI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO Le iniziative ormai consolidate nella vita dell Istituto volte a promuovere aperture all Europa e al mondo ì sono: SCAMBI Gli scambi di

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo Puntare sul futuro Vivere e lavorare in un altro paese è un opportunità molto interessante per i cittadini europei di tutte le

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) classe delle lauree Magistrali in Scienze economiche per l ambiente e la cultura (LM-76).

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato professionalizzante

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Con l occasione si porgono cordiali saluti. Roma, 23 maggio 2007 Prot. n. 1517/2007 Al Ministro on. Fabio Mussi Al Sottosegretario on. Luciano Modica Ministero dell Università e Ricerca LORO SEDI OGGETTO: Consultazione telematica. Gentile Ministro,

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico Alta scuola pedagogica dei Grigioni Concetto linguistico Marzo 2015 1 Indice Basi legali... p. 2 1. Introduzione... p. 2 2. Lingue e plurilinguismo nella formazione di base 2.1 Le prime lingue... p. 4

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Validazione degli apprendimenti acquisiti. Guida per la formazione professionale di base

Validazione degli apprendimenti acquisiti. Guida per la formazione professionale di base 1 Guida per la formazione professionale di base 2 Note editoriali Editore: Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT), Berna Version: 1 Langues: d / f / i Data di pubblicazione:

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento DECRETO 8 novembre 2011. Disciplina per la determinazione dei contingenti del personale della scuola necessario per lo svolgimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV]

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] corso triennale GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] Progetto: Flavia Pellegrini Comunicazione e informazione sono oggi presenze generalizzate e pervasive che caratterizzano ogni aspetto della quotidianità.

Dettagli

Tavoli d ascolto. Tavoli d ascolto

Tavoli d ascolto. Tavoli d ascolto Tavoli d ascolto 1. Nidi e infanzia 2. Dirigenti delle Istituzioni scolastiche e formative 1 Ciclo 3. Dirigenti delle Istituzioni scolastiche e formative 2 Ciclo 4. Insegnanti di lingua straniera, CLIL

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA a cura del DDM-GO (Docenti di Didattica della Musica Gruppo Operativo) 29 marzo 2013 L abilitazione all insegnamento è condizione essenziale per chiunque

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Percorsi Formativi. Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO. Laurea magistrale. Piacenza a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. www.unicatt.

Percorsi Formativi. Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO. Laurea magistrale. Piacenza a.a. 2014-2015. www.unicatt.it. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX della formazione FOTO Laurea magistrale www.unicatt.it Piacenza a.a. 2014-2015 www.unicatt.it INDICE Scienze della formazione 3 Laurea magistrale in Progettazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI LANCIOTTI MARTA

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI LANCIOTTI MARTA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita LANCIOTTI MARTA ESPERIENZE LAVORATIVE Date (da a) DA

Dettagli

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione?

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? Il riordino del sistema d istruzione e formazione Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? di Paolo Gallana Marzo 2010 Dove nasce il riordino La fonte normativa d origine è

Dettagli

migliorare la comprensione di messaggi orali e scritti ampliare il lessico. Favorire la preparazione per ottenere la certificazione esterna FIRST

migliorare la comprensione di messaggi orali e scritti ampliare il lessico. Favorire la preparazione per ottenere la certificazione esterna FIRST Prot. n. 5531 C/14 08/10/2014 BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER INCARICO DI DOCENTI MADRELINGUA INGLESE A) PER POTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE IN VISTA DELL ISCRIZIONE ALL ESAME FCE NEI PROSSIMI ANNI

Dettagli

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808...

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808... Ufficio Stampa COME SI DIVENTA INSEGNANTI: ECCO LE NUOVE REGOLE UN ANNO DI TIROCINIO PER LEGARE TEORIA A PRATICA ASSUNZIONI SOLO IN BASE ALLA NECESSITÀ PER EVITARE IL PRECARIATO PIÙ INGLESE E COMPETENZE

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli