ATTI DEL VI CONVEGNO ITALO-FRANCESE PER LA DIFFUSIONE RECIPROCA DELLE LINGUE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATTI DEL VI CONVEGNO ITALO-FRANCESE PER LA DIFFUSIONE RECIPROCA DELLE LINGUE"

Transcript

1 ATTI DEL VI CONVEGNO ITALO-FRANCESE PER LA DIFFUSIONE RECIPROCA DELLE LINGUE ACTES DU VI e COLLOQUE FRANCO-ITALIEN POUR LA DIFFUSION MUTUELLE DES LANGUES Aosta 7 e 8 ottobre 2005 Aoste 7 et 8 octobre

2 Unione Latina, 131, rue du Bac Paris, France ISBN :

3 Discorsi inaugurali - 7 SOMMARIO Aosta, 7 e 8 ottobre On. Luciano Caveri, Presidente della Regione autonoma Valle d Aosta - Prof.ssa Anna Bioley, Coordinatrice del Programma di Plurilinguismo europeo Pax Linguis - Prof. Ernesto Bertolaja, Direttore della promozione e insegnamento delle lingue, Unione Latina Conferenze in seduta plenaria - Prof.ssa Anna Vaiasicca, Rappresentante del Centro nazionale Europass Europass, portafoglio per valorizzare la mobilità e la trasparenza delle qualifiche e competenze acquisite Prof. Gianmario Raimondi, Docente dell Università della Valle d Aosta Salvaguardare un identità linguistica. La prospettiva dell Università della Valle d Aosta Prof. Christian Puren, Docente dell Università Jean Monnet, Saint- Etienne La prospettiva operativa nell insegnamento-apprendimento delle lingue-culture - 35 Resoconti dei gruppi di lavoro - Primo Gruppo (Presidente: Prof.ssa Anna Bioley) Dispositivi di formazione dei formatori Secondo Gruppo (Presidente: Prof. Pierre Méthivier) Dispositivi d insegnamento delle lingue Terzo Gruppo (Presidente: Cav. Uff. Lorenzo Viale) Confronto delle strategie, strumenti e approcci didattici dell insegnamento dell italiano e del francese. L esperienza del tedesco (art. 40 bis dello Statuto della Valle d Aosta) Quarto Gruppo (Presidente: Prof.ssa Manuela Vico) Confronto degli orientamenti delle politiche linguistiche

4 Allocuzioni di chiusura dei lavori Prof. Ernesto Bertolaja, Direttore della Promozione e Insegnamento delle Lingue, Unione Latina Lettura della mozione conclusiva - Dott.ssa Teresa Charles, Assessore all educazione e alla cultura della Regione autonoma Valle d Aosta Appendice Diffusione reciproca delle lingue tra Italia e Francia Costituzione dell Intergruppo di coordinamento 4

5 Discours d ouverture - 7 SOMMAIRE Aoste, 7 et 8 octobre M. Luciano Caveri, Président de la Région autonome Vallée d Aoste - Mme Anna Bioley, Coordinatrice du Programme de Plurilinguisme européen Pax Linguis - M. Ernesto Bertolaja, Directeur de la promotion et enseignement des langues, Union Latine Conférences en séance plénière - Mme Anna Vaiasicca, Représentante du Centre national Europass Europass, portefeuille pour la valorisation de la mobilité et de la transparence des qualifications et des compétences acquises M. Gianmario Raimondi, Professeur à l Université de la Vallée d Aoste Sauvegarder une identité linguistique. La perspective de l Université de la Vallée d Aoste M. Christian Puren, Professeur à l Université Jean Monnet, Saint- Etienne La perspective actionnelle dans l enseignement-apprentissage des langues-cultures - 35 Comptes rendus des groupes de travail: - Premier Groupe (Présidente : Mme Anna Bioley) Procédures de formation des formateurs Deuxième Groupe (Président : M. Pierre Méthivier) Modalités d enseignement des langues Troisième Groupe (Président : M. Lorenzo Viale) Comparaison des stratégies, outils et approches didactiques pour l enseignement de l italien et du français. L expérience de l allemand (art. 40 bis du Statut spécial de la Vallée d Aoste) Quatrième Groupe (Présidente : Mme Manuela Vico) Comparaison des orientations des politiques linguistiques

6 Allocutions de clôture des travaux M. Ernesto Bertolaja, Directeur de la promotion et enseignement des langues, Union Latine Lecture de la motion conclusive - Mme Teresa Charles, Assesseur à l éducation et à la culture de la Région autonome Vallée d Aoste Appendice Diffusion réciproque des langues entre la France et l Italie Constitution de l Intergroupe de coordination 6

7 DISCORSI INAUGURALI DISCOURS D OUVERTURE 7

8 8

9 On. Luciano Caveri Presidente della Regione autonoma Valle d Aosta Président de la Région autonome Vallée d Aoste Je voudrais d abord m excuser auprès de nos amis qui participent à cette rencontre organisée par Pax Linguis : je ne peux pas m y rendre et je vous envoie donc ce message vidéo. Je voulais quand même être des vôtres, par vidéo interposé, parce que je crois que les thèmes et les problèmes que vous abordez sont très importants. Certains d entre vous le savent, j ai vécu avec beaucoup de plaisir mon expérience de membre du Parlement européen ; maintenant, je suis entré dans une dimension un peu parallèle, à travers la deuxième chambre de l Union européenne, c est-à-dire le Comité des Régions. Je veux dire par là que j ai pleinement compris, dans la vie quotidienne de ces deux institutions, l importance d être plurilingue et l enrichissement qui découle de cette capacité. Maîtriser différentes langues, avoir la possibilité de parler avec les autres et même de confronter les différentes méthodes d apprentissage est aujourd hui indispensable. Je pense que de ce point de vue, le fait de nous retrouver en Vallée d Aoste est significatif puisque, ici, nous tentons chaque jour et c est très difficile de faire vivre à nos jeunes et à la communauté tout entière une expérience bilingue. L idée de posséder plusieurs langues, tout en conservant sa langue régionale par exemple, pour la Communauté valdôtaine, le francoprovençal, auquel s ajoute la langue allemande de la Communauté Walser n est pas banale. Si l on y ajoute l ambition de s exprimer dans deux langues importantes comme l italien et le français et même, dans les lycées classiques, d étudier le grec et le latin, l on obtient un ensemble de logiques plurilingues qui constitue, à mon avis, un laboratoire idéal pour la recherche des meilleures solutions. Mais pour ce faire, pour disposer de bonnes formules pour l apprentissage et pour l école, pour la formation ou pour la vie quotidienne, il faut et il n y a pas d alternatives avoir des échanges avec les autres. Il me paraît donc que le rôle de Pax Linguis dans ce secteur est fondamental, car chaque rencontre comme celle-ci aboutit à des résultats grâce auxquels 9

10 notre communauté régionale peut améliorer ses systèmes et découvrir de nouvelles idées. C est pour cela que je tiens à féliciter les organisateurs de ce colloque. J espère aussi que tous trouveront leur séjour dans notre Vallée aussi profitable qu agréable. 10

11 Prof.ssa Anna Bioley Coordinatrice del Programma di Plurilinguismo europeo Pax Linguis Coordinatrice du Programme de Plurilinguisme européen Pax Linguis Magnifico Rettore dell Università della Valle d Aosta Prof. Pietro Passerin d Entrèves, Monsieur Adrien Berthier - Directeur de l Alliance Française de la Vallée d Aoste, Madame Frémont Attachée de Coopération linguistique en Vallée d Aoste, Dott.ssa Mariagrazia Vacchina Difensore Civico della Valle d Aosta, Dottor Augusto Rollandin Senatore della Valle d Aosta, Monsieur Roberto Armand Consul Honoraire de France à Aoste, Dottor Ernesto Bertolaja Direttore dell Unione Latina, Coordinatori e Relatori dei gruppi di lavoro, Signore e Signori, in qualità di Coordinatrice del gruppo di lavoro del Programma di Plurilinguismo Europeo Pax Linguis, di cui fanno parte, oltre al Presidente della Giunta Regionale, Onorevole Luciano Caveri, anche l Assessore Regionale all Istruzione ed alla Cultura, Dott.ssa Teresa Charles (rappresentata dalla Prof.ssa Anna Galliano) ed il Presidente del Consiglio Regionale, Dottor Ego Perron, (rappresentato dalla Prof.ssa Anna Maria Traversa), sono onorata di porgervi il benvenuto al VI Convegno italofrancese per la diffusione reciproca delle lingue, organizzato ad Aosta dalla Regione Autonoma Valle d Aosta, in collaborazione con l Unione Latina e che vede, in qualità di partecipanti attivi, l Alliance Française di Aosta, l Alliance Française di Cuneo, l Alliance Française Riviera dei Fiori e la Federazione Nazionale delle Associazioni degli Italianisti in Francia. Il Programma di Plurilinguismo Europeo Pax Linguis, promotore del Convegno, istituito con legge regionale 26 aprile 1993, n. 19, si propone il perseguimento dei seguenti obiettivi: a) promouvoir, par une campagne d information sur les modes et les moyens d une éducation bilingue de base et sur les conditions de sa mise en œuvre, une meilleure connaissance des débouchés socioculturells que peut offrir l amélioration en qualité et en quantité de l enseignement et de l étude des langues ; b) procéder à une recherche scientifique des expériences d éducation bilingues en cours dans d autres pays, en coordonner les éléments et 11

12 procéder à l analyse des résultats et des enseignements qui peuvent en découler ; c) organiser dans la région des stages de formation en matière d éducation bilingue et plurilingue, à l intention des jeunes, des étudiants et du personnel enseignant ; d) organiser dans la région des congrès et des séminaires pour faire connaître l évolution des politiques linguistiques et pédagogiques et diffuser le message de l éducation plurilingue comme un moyen de paix et de solidarité entre les peuples ; e) promouvoir des projets pilotes pour un enseignement précoce des langues, en liaison avec les organes de l état compétents ; f) formuler des recommandations à proposer au gouvernement central et à la communauté européenne, pour l adoption de politiques plurilingues. Siamo pertanto qui riuniti durante queste due giornate, che saranno particolarmente intense, per esaminare non solo l evoluzione delle politiche linguistiche e pedagogiche della lingua italiana, di quella francese, nonché, in omaggio all articolo 40bis dello Statuto della Valle d Aosta, di quella tedesca, ma anche per diffondere il messaggio dell educazione plurilingue quale mezzo di pace, di unione e di solidarietà tra i popoli. L Unione Latina è la veicolatrice e la promotrice per eccellenza dell insegnamento delle lingue romanze in particolare, nonché dell educazione plurilingue, per cui cedo la parola al Dottor Bertolaja ed al VI Convegno italo francese per la diffusione reciproca delle lingue che siamo lieti di ospitare per la prima volta in Valle d Aosta, con l auspicio che, sia gli interventi in plenaria, che gli scambi tra esperti nei vari gruppi di lavoro, nonché l esame dei materiali innovativi che sono stati messi a vostra disposizione, possano essere fonti di arricchimento didattico e culturale, nonché trasferibili in campo scolastico. 12

13 Prof. Ernesto Bertolaja Direttore della Promozione e Insegnamento delle Lingue, Unione Latina Directeur de la Promotion et Enseignement des Langues, Union Latine Permettetemi innanzitutto di ringraziare la Regione Valle d Aosta che ci ospita e di esprimere la mia gioia di ritrovarci qui, in una delle Regioni d Europa in cui il plurilinguismo è reale. Certo un plurilinguismo variabile nel tempo, poiché gli spazi d interlocuzione e le lingue che li compongono sono il risultato di nostalgie, di passioni e di attese, ma un plurilinguismo vivo, alimentato contemporaneamente dallo status e dal corpus delle lingue: da eredità culturali profonde, dalle necessità, gli obblighi e le opportunità proprie di una Regione a Statuto autonomo, e dall impatto dell aumento del traffico europeo transalpino, specifico di una zona che all UNESCO piace chiamare i corridoi culturali del Sud-Est europeo. Tutti gli specialisti appartenenti agli spazi territoriali che da ormai più di dodici anni sono coinvolti nella realizzazione dei nostri Convegni transfrontalieri sanno perfettamente che nel campo della lingua, nulla è mai definitivamente acquisito né stabilito. Questo fatto è in relazione, in un certo modo, con il concetto degli itinerari culturali valorizzati dal Consiglio d Europa (cioè l idea che attraverso i flussi migratori il patrimonio diversificato dei diversi paesi d Europa costituisca di fatto un bene culturale comune). Esso rende necessaria, inoltre, la distinzione in un mondo concorrenziale in cui le lingue-culture sono anche veicolate da beni e servizi prodotti e commercializzati. Le autonomie locali (Regioni, Province, Comuni), delle quali ringrazio i responsabili per la loro partecipazione attiva, che mette in risalto la percezione chiara che hanno del ruolo delle lingue nello sviluppo locale, sono oggi parte preponderante nella struttura consultiva bilaterale intergovernativa, uno dei risultati politici dei lavori dei convegni precedenti. Ora che le relazioni bilaterali tendono a fondersi nell integrazione europea, è auspicabile programmare una struttura operativa che miri alla diffusione transfrontaliera reciproca delle lingue a livello europeo dove esistano anche certe leve di decisioni e di finanziamento. 13

14 Nel mio intervento al precedente convegno di Mentone nel 2003, ho fatto appello alla messa in opera di reti federatrici d azioni. È inoltre un apporto dei nostri incontri, il fatto d aver progressivamente costituito un analisi comparata permanente delle pratiche di formazione, di formazione dei formatori e di innovazioni che favoriscano la realizzazione di reti informali attorno ad iniziative e a progetti interregionali, interprovinciali ed intermunicipali. È importante sottolineare, in definitiva, la fondamentale armonizzazione tra gli approcci didattico-pedagogici e le politiche linguistiche attuate. Sviluppare una metodologia innovativa in un contesto in cui la linguaobiettivo non è valorizzata non è affatto produttivo; altrettanto controproduttive sono le politiche di re-orientamento dell offerta linguistica in un sistema educativo che non prenda in considerazione né le griglie decisionali, né la formazione degli insegnanti, né le rappresentazioni sociali. Il continuum di questi convegni permette a questo proposito di confrontare, nell arco diacronico, gli sviluppi del rapporto tra le finalità civiche che il Paese si ripropone con l insegnamento delle lingue e gli obiettivi didatticopedagogici che si manifestano in contesti in evoluzione. La lingua italiana e la lingua francese sono depositarie del dialogo storico costitutivo dell Europa plurilingue. Le regioni transfrontaliere tenderanno certamente prima o dopo a divenire degli spazi d interlocuzione interni, liberi da barriere che limitano ancora la circolazione di alunni e di insegnanti. Si può temere una maggiore permeabilità ai flussi linguistici dominanti, ma anche rappresentare una più grande capacità ad allargare un offerta di formazione. Ciò sembra verificarsi con le tecnologie deterritorializzate dell informazione e della comunicazione che danno accesso, per esempio, ad un offerta importante di supporti d apprendimento di una lingua veicolare africana come il ki-swahili via Internet. Lo spazio transfrontaliero interessa già azioni comuni e finanziate in materia di sanità, di sicurezza, di ambiente, perché non nel campo dell insegnamento delle lingue, abbordato come un bene d interesse pubblico? Non c è dubbio che i prossimi cambiamenti avranno un grande impatto sia sulla distribuzione delle lingue che sui dispositivi d insegnamento e sulle strategie d insegnamento e di apprendimento. Siamo qui oggi per tracciarne le prospettive. 14

15 CONFERENZE IN SEDUTA PLENARIA CONFERENCES EN SEANCE PLENIERE 15

16 16

17 Prof.ssa Anna Vaiasicca Rappresentante del Centro nazionale Europass Représentante du Centre national Europass Europass, Portafoglio per valorizzare la mobilità e la trasparenza delle qualifiche e competenze acquisite Europass, Portfolio au service de la mobilité et de la transparence des qualifications et des compétences acquises Con l apertura dello spazio economico europeo la mobilità interna alla comunità è destinata ad aumentare. Tutte le iniziative messe in campo dal Consiglio e dalla Commissione sono dirette alla massima valorizzazione delle competenze e alla mobilità sociale, per sostenere la creazione in Europa dell economia della conoscenza. La strategia portante di questo progetto è la predisposizione di sistema di istruzione e formazione integrato al fine di creare un apparato per l apprendimento permanente. Per questo motivo gli Stati membri da anni lavorano per costruire sistemi di istruzione e formazione con queste caratteristiche. Dal 1996 la Commissione europea lavora a stretto contatto con gli Stati membri per l implementazione delle politiche comunitarie, in particolare per l individuazione di strategie che puntino ad una maggior cooperazione, anche in merito ai sistemi di regolazione in materia di istruzione e formazione. La trasparenza delle certificazioni e delle qualifiche costituisce la dimensione comunemente condivisa per comunicare in maniera efficace il contenuto di un certificato. Contemporaneamente a livello comunitario si considerava altrettanto importante intervenire a sostegno delle politiche per la mobilità sociale, promosse attraverso programmi ed interventi comunitari che hanno favorito le azioni di scambio internazionale. Sul tema della mobilità la Commissione sta da tempo percorrendo due strade: una diretta al riconoscimento delle professioni regolamentate e l altra diretta al riconoscimento delle qualifiche e delle competenze, facendo riferimento a criteri condivisi tra i paesi membri di trasparenza. In breve, la prima basata fortemente sulla normativa, quindi più formalizzata, con controlli da parte delle autorità competenti e pertanto più vincolante ed è soprattutto riferita esclusivamente ai cittadini-lavoratori dell Unione che 17

18 vogliono spostarsi all interno del mercato del lavoro comunitario, su cui si sono registrate già delle difficoltà di ordine giuridico. La seconda soluzione si presenta innanzitutto come più pragmatica e più snella nelle procedure, si tratta infatti di utilizzare dei protocolli già definiti e condivisi nell ambito dei lavori realizzati dalla commissione tecnica, composta dai rappresentanti dei diversi Stati, nel corso degli anni precedenti, e di cui l utenza di riferimento è costituita in modo rilevante dai giovani inseriti nei percorsi di istruzione e formazione. Con la Dichiarazione di Copenaghen del 30 novembre del 2002 i Ministri rappresentanti di 31 paesi europei (UE e SEE South East Europe), facendo seguito al Consiglio di Barcellona che puntava ad una maggiore cooperazione in materia di istruzione e formazione, hanno concordato sulla necessità di incrementare la cooperazione in questo ambito ed a favorire la mobilità per promuovere l occupabilità, la cittadinanza attiva e la realizzazione personale. Pertanto, costruire la Comunità europea basata sulla conoscenza e assicurare un mercato del lavoro aperto a tutti costruiscono due sfide fondamentali cui tutte le parti coinvolte devono partecipare attivamente. Gli obiettivi operativi su cui puntare sono diversi, tra cui la costituzione di un quadro unico per la trasparenza delle competenze e delle qualifiche. Con la decisione del Consiglio e del Parlamento europeo numero 2241 del 15 dicembre 2004 viene istituito un quadro unico per la trasparenza delle qualifiche e delle competenze che costituisce il primo risultato concreto del processo di Copenaghen chiamato Europass, che consiste in un dossier coordinato di documenti esistenti, resi più accessibili ai cittadini e ai datori di lavoro, con un migliore impatto e una migliore visibilità. In esso sarà possibile integrare in futuro nuovi documenti, utili ai fini della trasparenza dei titoli e della valorizzazione dell apprendimento. A queste iniziative si affiancano le linee d azione individuate per la prossima programmazione in materia d istruzione e formazione varate nel marzo del 2001 a Stoccolma, per dare seguito alla Strategia di Lisbona, in cui sono stati precisati gli obiettivi di lavoro che vedono le questioni afferenti le competenze e la mobilità come rilevanti, e su cui puntare per contribuire alla realizzazione della società della conoscenza. Tra gli obiettivi di lavoro individuati le competenze linguistiche svolgono un ruolo chiave per facilitare la mobilità in Europa. Il piano d azione per le lingue fissa il quadro e i principali obiettivi strategici da perseguire in 18

19 tre sfere d azione: estensione a tutti i cittadini dell apprendimento della lingua lungo tutto l arco della vita, miglioramento dell insegnamento delle lingue e creazione di un ambiente più favorevole per l apprendimento delle lingue straniere. Tra le azioni destinatarie di finanziamento si rilevano iniziative a sostegno della mobilità sia degli allievi che dei formatori. Accrescere la mobilità nell istruzione e nella formazione costituisce quindi un fattore chiave della nuova programmazione Istruzione e formazione Pertanto i dispositivi di trasparenza inseriti nel Portafoglio Europass si profilano come perfettamente connessi a queste iniziative e rispondono ai bisogni di comunicare in modo trasparente e inequivocabile le competenze e i titoli di cui si è in possesso. I singoli dispositivi che compongono il Portafoglio Europass sono: - Europass Curriculum Vitae (ex Curriculum Vitae Europeo): formato standard di Curriculum Vitae che consente di uniformare la presentazione dei titoli di studio, delle esperienze lavorative e delle competenze individuali. Riguarda l insieme delle competenze personali. - Europass Passaporto delle Lingue (parte dell ex Portafoglio Europeo delle Lingue): strumento che accompagna l individuo nel percorso di apprendimento delle lingue straniere lungo tutto l'arco della vita. - Europass-Mobilità (ex Europass-formazione): libretto individuale che conferisce trasparenza e visibilità ai periodi di formazione e di apprendistato all estero. - Europass Supplemento al Certificato: certificazione integrativa che accompagna l attestato di qualifica professionale e fornisce informazioni riguardo il contenuto del percorso formativo, il livello della qualifica e le competenze acquisite. - Europass Supplemento al Diploma: certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi di tipo accademico contenente una descrizione della natura, del livello e del contenuto degli studi superiori intrapresi e completati con successo. La sfida del Portafoglio Europass è di contribuire fortemente alla creazione di uno spazio europeo di libera circolazione dei cittadini, per incrementare le occasioni di studio e lavoro, e per utilizzare le opportunità sul territorio europeo, per tutto l arco della vita. I singoli dispositivi inseriti nel Portafoglio sono già in uso da anni. Il diploma supplement è un dispositivo individuato dall Unesco in collaborazione con il Consiglio europeo in vigore dal Nel nostro paese c è stato un certo interesse a questo dispositivo, ma senza lasciare effetti rilevanti poiché il passaggio dal vecchio sistema didattico e 19

20 quindi di valutazione dell apprendimento al nuovo sistema dei crediti ha richiesto lunghi tempi di assestamento. Dallo scorso anno con il Decreto n. 9/2004 del 30 aprile 2004 il MIUR obbliga le Università al rilascio di questo certificato. Comunque allo stato attuale la quasi totalità degli atenei sono in fase di allestimento del servizio di rilascio del dispositivo. Il supplemento al certificato è un documento che è stato approvato dal Consiglio europeo nel 2002 e consiste in un allegato all attestato di qualifica professionale e al diploma: serve a rendere più facilmente comprensibile che cosa il certificato stesso significhi in termini di competenze acquisite, con riferimento al sistema di formazione in cui è stato rilasciato. Sono particolarmente importanti le informazioni da inserire nel box 3 relativo alle abilità e alle competenze acquisite. Altre informazioni riportate consistono in: - la gamma di possibili occupazioni cui si può accedere con la qualifica conseguita; - le istituzioni che hanno rilasciato il certificato e gli organismi d accreditamento; - il livello del certificato; - le varie modalità di conseguimento del certificato; - i requisiti e le opportunità di acceso all istruzione del livello superiore. La competenza di rilascio del Supplemento al certificato è affidata alle Regioni, che a loro volta possono scegliere di delegare il rilascio agli enti di formazione che realizzano i corsi di qualificazione. Il nuovo formato di Europass-Mobilità sostituisce il dispositivo Europass- Formazione introdotto nel Questo dispositivo, modulato dall esperienza di un progetto Leonardo, è stato concepito per promuovere percorsi europei di formazione e per valorizzare le occasioni di formazione integrata al lavoro, che un cittadino può svolgere in un altro paese, ossia tirocini e stage formativi, mettendo in trasparenza e conferendo maggiore visibilità all esperienza. Con il dispositivo comunitario Europass- Formazione la Comunità ha avviato in pratica la promozione di percorsi europei di formazione e la valorizzazione delle esperienze di mobilità, formalizzandone la modalità di descrizione dei contenuti e il format del dispositivo che è stato definito e condiviso a livello comunitario. Le esperienze scaturite nella prima fase di applicazione del suddetto dispositivo hanno avuto un impatto rilevante per i titolari dei libretti. Da un indagine effettuata tra i titolari del libretto sono stati raccolti elementi 20

21 significativi sulle esperienze realizzate, tra i quali segnaliamo l aspetto emozionale che ha accompagnato l esperienza. Risulta infatti particolarmente forte l impatto del cambiamento del contesto di apprendimento e della diversità culturale che, in maniera trasversale, ha accompagnato i percorsi. Il desiderio di confronto con altre culture è tra le più ricorrenti motivazioni addotte dai titolari dei libretti. Inoltre, la familiarità acquisita nell operare con un altra lingua sembra ridurre la percezione delle distanze, della diversità culturale e sociale con gli altri Stati membri. Inoltre, per gli intervistati, misurarsi con un esperienza di mobilità sembra facilitare una maggiore consapevolezza sulle proprie capacità di adattamento a nuovi contesti. Il nuovo Europass-Mobilità introduce delle novità a livello di contenuto che lo rendono attuale, maggiormente rispondente ai bisogni dei cittadini, più fruibile da parte delle imprese, ed applicabile a un bacino di utenza più ampio e diversificato. Infatti, il nuovo dispositivo riguarda tutti i cittadini europei, non soltanto gli studenti degli istituti d istruzione secondaria, studenti universitari e operatori che vogliono realizzare un esperienza di mobilità e valorizzare gli apprendimenti non formali con essa acquisiti; riguarda anche i cittadini che, inseriti in un percorso di formazione, vogliono effettuare un percorso di apprendimento in un altro paese dell Unione. Questo strumento mette a valore sia l esperienza di mobilità che la conoscenza della lingua straniera utilizzata e contestualizzata in ambito lavorativo. Lo strumento del Portafoglio Europass che valorizza in modo più efficace la conoscenza delle lingue estere è l Europass Passaporto delle lingue, costituito da una sezione del Portafoglio Europeo delle Lingue, messo a punto dal Consiglio d'europa nel 1998, e diretto agli utilizzatori finali, agli insegnanti ed esaminatori, autori di libri di testo, decisori delle politiche linguistiche, in quanto può fornire indicazioni sulle metodologie pedagogiche impiegate per l insegnamento della lingua straniera. Nella sua attuale formulazione, l EPL è uno strumento che accompagna l individuo nel proprio percorso di apprendimento delle lingue straniere lungo tutto l'arco della vita. Esso offre infatti una descrizione puntuale delle competenze linguistiche acquisite sia in ambito formale (scuola e formazione) sia in altri contesti (sul lavoro, con gli amici, in famiglia, ecc.). É una dichiarazione autocertificata e volontaria, quindi non ha bisogno di ulteriori validazioni. 21

22 Il formato dell EPL è scaricabile dal sito htm/index.htm e, salvando il documento su una directory del proprio PC, è possibile compilare gli appositi box. La compilazione può essere effettuata autonomamente oppure con l aiuto di formatori, insegnanti di lingua o esperti di orientamento. Infine, abbiamo il dispositivo del Curriculum Vitae Europass CVE in cui inserire e collegare in modo cronologico tutti gli altri dispositivi ottenuti dai cittadini, inclusi nel portafoglio Europass. Questo dispositivo ricopre il ruolo di ricostruire in forma narrativa, con esposizione autobiografica, il percorso effettuato dal titolare del Portafoglio. Questo elenco, tuttavia, non è esaustivo in quanto, in futuro, potrebbero essere inseriti anche altri documenti, miranti a migliorare la trasparenza delle qualifiche e delle competenze. Si sottolinea che Europass costituisce un opportunità offerta ai cittadini, non un obbligo. Pertanto si può scegliere liberamente se utilizzare un singolo documento Europass oppure l intero portafoglio. Il Centro Nazionale Europass costituito presso ogni Paese europeo si occupa della promozione, dell implementazione e della gestione di questo dispositivo e del sistema informativo su cui si fonda. Il NEC in Italia è istituito presso l Isfol, è promosso dalla Commissione europea e, a livello nazionale, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Le funzioni essenziali del NEC consistono nelle attività di coordinamento e di promozione. Attraverso il coordinamento si facilita l accesso dei cittadini ai dispositivi conformemente alla decisione e alle disposizioni nazionali. Attraverso il NEC, inoltre, tutti i cittadini che non hanno accesso a Internet possono ottenere i documenti Europass in forma cartacea. La promozione consiste nel promuovere ed informare il grande pubblico e gli attori chiave dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro sul dispositivo Europass che deve essere, infatti, diffuso su tutto il territorio nazionale, con particolare attenzione ai datori di lavoro, agli operatori di orientamento e al personale delle scuole. Altre funzioni, di supporto rispetto alle due principali, riguardano: - la gestione di un sito Internet nazionale (http://www.europass-italia.it) contenente informazioni specifiche e links per l accesso ai dispositivi europei per la trasparenza e al portale europeo Europass (http:// 22

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo

1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo 1. E indispensabile da sapere! Les must 1. Sì, è piacevole cominciare con la parola di assenso: sì Oui 2. A volte però non c è scelta, e siamo costretti a dire no... chi vi sente capisce subito che per

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli