Manuale operativo per una gestione consapevole dei rifiuti in azienda CON IL SOSTEGNO DI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale operativo per una gestione consapevole dei rifiuti in azienda CON IL SOSTEGNO DI"

Transcript

1 SOLUZIONE RIFIUTI Manuale operativo per una gestione consapevole dei rifiuti in azienda CON IL SOSTEGNO DI

2 Il manuale è stato realizzato da Confindustria Firenze grazie ai progetti PRWaste 2006 Firenze, Partner A.E.R. S.p.A PRWaste , Publiambiente S.p.A 4R CFSAFI, Partner S.A.FI. S.p.A Testi a cura di: Carlotta Iarrapino Conchita Musumeci Contesti e Cambiamenti snc Luana Berbeglia, Giacomo Borselli Sara Andrei Confindustria Firenze Firenze, Ottobre 2009 Stampato su carta ecologica nel mese di gennaio 2010 Tipolitografia Mecocci - San Piero a Ponti (FI)

3 INDICE PREFAZIONE...4 A CHI SI RIVOLGE SOLUZIONE RIFIUTI... 6 GESTIONE STRATEGICA...7 PRINCIPI E OBIETTIVI DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI RIFIUTI... 8 OBIETTIVI DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DEI RIFIUTI OBIETTIVI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CHE COSA È RIFIUTO...12 CHE COSA NON È RIFIUTO...14 MATERIE PRIME SECONDE (MPS) SOTTOPRODOTTI STRUMENTI OPERATIVI...17 DEFINIZIONE E IMPLEMENTAZIONE DELLA STRATEGIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI DEFINIZIONE ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO L Organigramma Il Mansionario AZIONI PER LA CONFORMITÀ NORMATIVA DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI Il Deposito Temporaneo Codici CER (Catalogo Europeo dei Rifiuti) Il Formulario di identificazione dei rifiuti (FIR) Registro Carico e Scarico Rifiuti Modello Unico Dichiarazione Ambientale (MUD) Il trasporto dei rifiuti in conto proprio Il conferimento dei rifiuti urbani assimilati e la Tariffa di Igiene Ambientale (TIA) Autorizzazioni Disposizioni Normative Specifiche Il Conai ed il recupero degli imballaggi PRINCIPALE NORMATIVA IN MATERIA DI RIFIUTI...41 PRINCIPALI PITTOGRAMMI...42 ALLEGATO 1. I 3 PROGETTI...43 ALLEGATO 2. CHECK UP DI CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI...48 ALLEGATO CARATTERISTICHE DI PERICOLO PER I RIFIUTI OPERAZIONI DI SMALTIMENTO OPERAZIONI DI RECUPERO CATALOGO EUROPEO DEI RIFIUTI (CER) LINK UTILI

4 Prefazione 4 SOLUZIONE RIFIUTI La richieste delle imprese alla nostra associazione, che chiedevano e chiedono di essere informate e supportate nell approfondimento di una tematica così complessa come la normativa sui rifiuti e indirizzate ad una corretta gestione, ha trovato nei tre Progetti territoriali sui rifiuti un attenta risposta. Infatti le imprese si sono dimostrate particolarmente interessate, consapevoli per prime come la riduzione della produzione dei rifiuti, la minimizzazione della loro pericolosità, il recupero della materia residuale e la minimizzazione dei quantitativi conferiti allo smaltimento siano azioni importanti per l efficienza operativa e la riduzione dei costi. Peraltro le aziende si sono dimostrate attente a tutte le forme di recupero tra cui quelle di energia, mostrandosi quindi sensibili alle tematiche di salvaguardia e protezione ambientale. Per Confindustria Firenze lo stare vicino alle imprese è importante, anche su questi temi di processo, e rappresenta un modo concreto di fare sistema, poiché insieme alla migliore gestione delle materie, la riduzione della produzione di rifiuti sia speciali che solidi urbani ed assimilati, si accompagna ad una migliore compatibilità delle imprese sul territorio. Questi principi sono stati il filo conduttore dei tre progetti ideati e realizzati da Confindustria Firenze. Fondamentale è stato il contributo della Provincia di Firenze che ha cofinanziato i tre progetti e il partenariato dei Gestori del Servizio Pubblico Locale (A.E.R. Spa, Publiambiente Spa, S.A.FI. Spa), che hanno supportato l iniziative attraverso una fattiva collaborazione, ma anche la convinta adesione di tante amministrazioni comunali che hanno potuto avere la dimostrazione di come tanti imprenditori abbiamo a cuore un modo sostenibile di intraprendere. Un particolare ringraziamento va quindi alle sessanta imprese, del Valdarno, Mugello e Val di Sieve, che aderendo ai tre Progetti hanno deciso di mettere in discussione, insieme a noi, i propri cicli produttivi, aprendo le porte delle proprie aziende al team work per confrontare e ridiscutere scelte aziendali. Questo manuale, per tutte le aziende associate, rappresenta in breve una guida per trovare la migliore soluzione, economicamente e ambientalmente possibile, indirizzando opportunamente l impresa nell articolato mondo delle leggi e dei regolamenti che regolano anche la TIA/TARSU. Francesco Caracciolo Direttore Confindustria Firenze

5 Presentazione SOLUZIONE RIFIUTI Soluzione Rifiuti è un manuale che intende proporre uno schema operativo che ha come obiettivo quello di aiutare le imprese della Provincia di Firenze a gestire in maniera corretta ed efficace i rifiuti aziendali. La gestione dei rifiuti, regolata da normative che negli anni sono diventate sempre più complesse, vede coinvolti vari attori, di natura anche molto diversa, che devono lavorare insieme perché i rifiuti non diventino un problema per il loro territorio. I principali soggetti coinvolti nella gestione dei rifiuti nella nostra Provincia sono: La Provincia di Firenze, ente a cui spettano la funzione di programmazione, effettuata attraverso i Piani di Gestione dei Rifiuti, e quella di controllo con il supporto degli Ambiti Territoriali Ottimali (ATO) e i Comuni. I Gestori del Servizio Pubblico Locale e le altre aziende, iscritte all Albo nazionale Gestori Ambientali, che provvedono alla raccolta, al trasporto e allo smaltimento dei rifiuti. Tutti coloro che producono rifiuti, cittadini e aziende, che hanno il compito di gestirli correttamente e, per quanto possibile, prevenirne la produzione. La gestione dei rifiuti può trovare soluzioni efficaci, e quindi tali da raggiungere gli obiettivi prefissati, solo attraverso azioni volte a organizzare i lavori delle varie parti coinvolte in modo da risolvere insieme le difficoltà che, inevitabilmente, nascono nei sistemi complessi. Per questo motivo, Confindustria Firenze ha presentato alla Provincia di Firenze tre progetti (uno per ogni area servita dai gestori ambientali A.E.R., Publiambiente e S.A.FI. che hanno partecipato in qualità di partner) con l obiettivo di prevenire e ridurre la produzione dei rifiuti attraverso un processo partecipato che coinvolgesse gli enti, i gestori e le aziende del territorio. Tali progetti sono stati approvati dalla Provincia di Firenze e premiati con cofinanziamenti che hanno già aiutato, attraverso sopralluoghi e check-up personalizzati, circa 60 aziende a prendere consapevolezza e risolvere le principali criticità legate alla gestione dei rifiuti e, nel contempo, innestato azioni concrete per la riduzione e prevenzione degli stessi. Visti i risultati ottenuti, Confindustria Firenze e i partner dei progetti hanno ritenuto che la metodologia sperimentata non dovesse rimanere patrimonio esclusivo delle aziende che avevano partecipato ma che tutte 5

6 le informazioni e le esperienze virtuose e innovative testate dovessero avere la maggiore diffusione possibile. Questo Manuale, Soluzione Rifiuti, vuole quindi essere un ulteriore elemento a supporto del raggiungimento dell obiettivo di riduzione dei rifiuti della Provincia di Firenze. A chi si rivolge Soluzione Rifiuti Soluzione Rifiuti è un manuale che si rivolge a tutte le persone che, a vario titolo, operano nella gestione dei rifiuti di una impresa. Agli Imprenditori... Gli imprenditori, insieme alla Direzione, hanno il compito di definire la strategia e gli obiettivi di gestione dei rifiuti della propria azienda e di controllarne i risultati raggiunti e gli scostamenti.... ai Responsabili Amministrazione e Produzione Nelle aziende il Responsabile Amministrativo e il Responsabile Produzione, hanno delle responsabilità in merito alla gestione operativa dei rifiuti e a tal fine organizzano gli addetti delle proprie aree.... al Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale Le aziende più strutturate, o con un Sistema di Gestione Ambientale certificato (ISO e/o EMAS) prevedono un Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale, che ha i compiti di organizzare, controllare e supervisionare l'operato delle varie aree aziendali coinvolte nella gestione dei rifiuti.... al Responsabile Risorse Umane Il responsabile del personale ha responsabilità indirette nella gestione dei rifiuti di una azienda. Questa figura, infatti, ha il compito di indagare i fabbisogni formativi delle persone che si occupano dei rifiuti e organizzarne la formazione.... a tutti gli operatori Tutte le persone delle varie aree aziendali hanno la responsabilità di portare avanti la politica di gestione dei rifiuti definita dalla Direzione. 6

7 Gestione Strategica Ogni imprenditore definisce la strategia della propria azienda e la modifica, quando necessario, sulla base di riscontri oggettivi. Gli imprenditori infatti, come ci hanno fatto notare quelli incontrati durante i sopralluoghi, al mutare delle situazioni sono in grado di cambiare rotta, spesso anticipando i cambiamenti e attivando comportamenti innovativi che poi diventano percorsi obbligati per tutti. Si tratta spesso di cambiamenti profondi, che non riguardano i soli prodotti, ma che sono necessari per garantire il successo in presenza di un mercato globale selvaggio, in cui vengono immessi articoli dei Paesi emergenti che non rispettano le regole a cui è sottoposta la nostra produzione, per non parlare della contraffazione e della crisi che sta attraversando il sistema nel suo complesso. Questa è solo una sintesi delle principali criticità sollevate dagli imprenditori intervistati ma illustra chiaramente il contesto in cui si ritrovano a lavorare gli Industriali della Provincia di Firenze. Cosa fare dunque per continuare a creare valore ed essere competitivi nel medio/lungo periodo? Gli imprenditori ci hanno spiegato che la gestione strategica non si esaurisce una volta definita l area di intervento della propria impresa (missione e core business), individuato il mercato di riferimento (clienti e concorrenti) e organizzato la struttura aziendale (contenendo i costi fissi e gestendo quelli variabili) ma le decisioni devono essere costantemente riviste in base a ciò che influenza, dall esterno, queste variabili. Ogni imprenditore che gestisce strategicamente la propria azienda, quindi, qualunque sia l attività svolta dalla stessa, deve anche tener conto delle politiche portate avanti sia a livello globale che locale. Tra queste una delle più normate negli ultimi anni è sicuramente quella relativa all ambiente. Infatti, a causa delle crescenti problematiche connesse all inquinamento, ai mutamenti climatici derivanti dal surriscaldamento globale e alla perdita di biodiversità del nostro pianeta, la normativa in materia è diventata sempre più complessa. Se questo da una parte ha portato difficoltà gestionali e incremento dei costi per gli imprenditori, dall altra ha sviluppato una sensibilità del mercato a produzioni Made in Italy che comunque necessitano di una tutela da parte della PA. Tali produzioni peraltro incorporano, oltre alla qualità e allo stile, anche una valenza etica risultante da un impatto sull'ambiente controllato. 7

8 In altre parole, le normative di tutela dell ambiente, sebbene spesso incidano sull andamento organizzativo ed economico dell azienda, possono creare il presupposto per nuove opportunità di sviluppo, visibilità e competitività, se correttamente integrate nelle strategie aziendali. Ovviamente la normativa dovrebbe proteggere le imprese dalla concorrenza sleale. Nello specifico la gestione dei costi relativi ai rifiuti se considerati attentamente dalla direzione e integrati nella strategia e negli obiettivi aziendali può trasformarsi nelle opportunità di cui abbiamo parlato poco sopra. Principi e obiettivi della normativa in materia di rifiuti PRINCIPI GENERALI PRINCIPIO «CHI INQUINA PAGA»: colui che produce un inquinamento è il responsabile che deve porre riparo ai danni causati all'ambiente. I costi necessari per ripristinare le condizioni ambientali precedenti l'inquinamento attraverso per es. opere di bonifica del suolo /sottosuolo, devono essere sostenuti dai soggetti responsabili dei danni e non posti a carico della società nel suo complesso. Pertanto anche la gestione dei rifiuti, in quanto attività potenzialmente inquinante deve essere gestita con le massime cautele per evitare inquinamenti del suolo, sottosuolo, acque sotterranee, ecc... PRINCIPIO DI RESPONSABILITÀ ESTESA DEL PRODUTTORE: un'impresa ha la responsabilità sull'intero ciclo di vita del bene prodotto poiché le sue scelte determinano le caratteristiche del prodotto stesso. Tale responsabilità si estende quindi anche su rifiuto prodotto fino allo smaltimento finale. La responsabilità del produttore di rifiuti è estesa infatti su tutta la filiera del rifiuto, dal conferimento allo smaltimento/recupero del rifiuto. UNIONE EUROPEA L obiettivo principale in materia di rifiuti è quello di ridurre al minimo le conseguenze negative della produzione e della gestione dei rifiuti per la salute umana e l ambiente. In conformità con il principio dello Sviluppo Sostenibile si dovrebbe altresì puntare a ridurre l uso di risorse e promuovere l applicazione pratica della gerarchia dei rifiuti secondo quanto proposto dalla Unione Europea. È stata definita infatti dalle UE una "gerarchia dei rifiuti"come ordine di priorità di ciò che costituisce la 8

9 migliore opzione per l ambiente: 1) prevenzione; 2) preparazione per il riutilizzo; 3) riciclaggio; 4) recupero di altro tipo, per esempio il recupero di energia; 5) smaltimento. Tale politica incoraggia una progettazione dei prodotti volta a ridurre i loro impatti ambientali e la minimizzazione della produzione di rifiuti durante la produzione. Naturalmente anche il successivo utilizzo dei prodotti ed il recupero e lo smaltimento degli stessi a fine vita, ovvero quanto divengono rifiuti devono avvenire in conformità con la gerarchia dei rifiuti. Tali misure incoraggiano lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti adatti all uso multiplo, tecnicamente durevoli e che, dopo essere diventati rifiuti, sono adatti a un recupero adeguato e sicuro e a uno smaltimento compatibile con l ambiente. PROVINCIA DI FIRENZE Il PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI (ANCHE PERICOLOSI) DELLA PROVINCIA DI FIRENZE è il piano cui devono fare riferimento tutte le aziende del territorio. Tale Piano, approvato nel 2006, si pone come obiettivi principali, tra gli altri: l indicazione di modalità e processi di riduzione alla fonte della produzione di rifiuti speciali anche pericolosi; l innesco di rapporti orizzontali fra industrie e attività economiche diverse, finalizzati a massimizzare le possibilità di recupero reciproco degli scarti prodotti all interno della Provincia. Il PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI, indica i modi e i tempi per giungere alla gestione dei rifiuti urbani e assimilati minimizzando la produzione di rifiuto, massimizzando il recupero e il riutilizzo dei rifiuti, ricorrendo a forme di gestione della quota residua dei rifiuti che privilegino il recupero di materiali e il risparmio e il recupero di energia e minimizzino gli effetti ambientali dalle attività di smaltimento, conseguendo, nel rispetto di quanto sopra, la riduzione dei costi di gestione. Il piano crea un sistema integrato di gestione dei rifiuti che potrà consentire una maggiore tutela dell ambiente. 9

10 Obiettivi di prevenzione e riduzione dei Rifiuti Per ridurre la quantità di rifiuti prodotti da una azienda la Direzione può decidere di agire attivando una strategia di prevenzione. Un eccessivo accumulo di rifiuti è infatti sintomo di processi di produzione inefficienti, di breve durata dei prodotti e di forme di consumo insostenibili. Una buona gestione dei rifiuti deve quindi anzitutto prevenirne la generazione. Prevenire vuol dire attivare misure prima che una sostanza, un materiale o un prodotto sia diventato un rifiuto. Queste misure possono riguardare: il riutilizzo dei prodotti; l estensione/allungamento del loro ciclo di vita (no usa e getta ); la riprogettazione del ciclo produttivo; la valorizzazione degli scarti (rimmissione nel ciclo produttivo o vendita dei Sottoprodotti e delle Materie Prime Seconde); la sostituzione di particolari sostanze sia nei prodotti finali che negli imballaggi (si tratta di miglioramenti qualitativi attraverso l impiego di materiali meno inquinanti e meno pregiati a parità di prestazioni del prodotto finito); la diminuzione dei materiali utilizzati in termini di quantità (minor impiego di materia per lo stesso prodotto); la ricerca costante di nuovi fornitori che offrano servizi e prodotti che riducono i rifiuti inviati allo smaltimento; il recupero energetico degli scarti di produzione. Strumento utile per comprendere come ridurre l impatto in termini di rifiuti del nostro processo produttivo e dei prodotti che l azienda immette nel mercato è l Analisi del Ciclo di Vita di un prodotto (LCA). Il ciclo di vita comprende l'estrazione della materia prima e sua lavorazione, la fabbricazione del prodotto, il trasporto, la distribuzione, l'uso e l'eventuale riuso, la raccolta, lo stoccaggio, il recupero e lo smaltimento finale del rifiuto che deriva dall'utilizzo produttivo o di consumo. L analisi del ciclo di vita permette di identificare le opportunità di miglioramento relativo agli impatti ambientali (e quindi relativo anche ai rifiuti prodotti) del nostro bene in una prospettiva dalla culla alla tomba. 10

11 Obiettivi per il miglioramento della gestione dei rifiuti In tutte le aziende le attività dei vari stabilimenti generano dei rifiuti ma per garantirne una corretta gestione, in conformità con la normativa, devono essere adottate procedure e metodi aventi come obiettivi primari la tutela della salute delle persone e dell ambiente. La direzione deve pertanto darsi degli obiettivi per migliorare la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di queste operazioni. Le azioni di miglioramento relative a questi obiettivi possono essere effettuate attraverso: una più efficace raccolta differenziata; lo sviluppo di collaborazioni con il Gestore del Servizio Pubblico Locale per l'ottimizzazione dell attività di raccolta dei rifiuti assimilati; l organizzazione delle responsabilità del personale (organigramma, mansionario); la redazione e attivazione di procedure per la gestione dei rifiuti nei reparti produttivi e la relativa formazione; la creazione di procedure per garantire il flusso dei dati relativi ai rifiuti dai reparti produttivi verso l'ufficio dove avviene la registrazione amministrativa; il coinvolgimento delle maestranze nella gestione dei rifiuti; il controllo efficace e continuativo della conformità delle azioni aziendali con le prescrizioni normative relative alla gestione fisica e amministrativa dei rifiuti. I gestori partner dei progetti (A.E.R. Spa, Publiambiente Spa e S.A.FI. Spa) durante i seminari hanno chiaramente illustrato quanto le aziende che separano correttamente i propri rifiuti oltre a dimostrare sensibilità e responsabilità nel permettere un ulteriore ciclo vitale ai materiali riciclati e un migliore utilizzo degli impianti esistenti, riescono a ridurre i propri costi di smaltimento, nonché ad avere benefici relativi alla presa di coscienza di quanto l azienda effettivamente consuma. E fondamentale mettere in atto una gestione responsabilizzata dei rifiuti che produciamo perché gli impianti, da soli, non sono in grado di risolvere il problema. Dobbiamo eliminare dalla nostra mentalità il concetto che i rifiuti siano qualcosa che non serve più e che dobbiamo semplicemente allontanare da noi, senza alcun criterio. Dobbiamo riflettere sul fatto che i rifiuti non sono appannaggio esclusivo del gestore del servizio, ma la soluzione al problema rifiuti è una forma di responsabilità sociale che riguarda tutti e soprattutto chi li produce. Dobbiamo pensare a cosa avverrà dei nostri rifiuti una volta conferiti al servizio di recupero e quindi separarli correttamente. (tratto dall intervento di Franco Mori, Publiambiente) 11

12 Che cosa è Rifiuto SOLUZIONE RIFIUTI Ogni azienda deve valutare con attenzione le circostanze specifiche che fanno di un materiale, di un prodotto o di una sostanza un rifiuto. Si ha un rifiuto se si produce o si è in possesso di una sostanza di cui ci si vuole (per scelta) o ci si deve (per Legge) disfare. Nella definizione di rifiuto coesistono pertanto due aspetti: un aspetto soggettivo: una certa sostanza è per la mia azienda un rifiuto perché non mi serve più e pertanto me ne voglio disfare. un aspetto oggettivo: la normativa mi dice che una certa sostanza è un rifiuto e quindi la devo gestire come tale. La normativa classifica i rifiuti secondo l'origine in: rifiuti urbani rifiuti speciali e secondo le caratteristiche di pericolosità in: rifiuti pericolosi rifiuti non pericolosi. RIFIUTI URBANI SPECIALI DOMESTICI esclusivamente provenienti da civili abitazioni NON PERICOLOSI assim ilati agli urbani come da Regolamento Comunale NON PERICOLOSI PERICOLOSI Provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da civile abitazione (aziende private ed enti) 12

13 Nella tabella che segue sono sintetizzate le principali attività da svolgere per una corretta gestione dei rifiuti speciali e pericolosi. CLASSIFICAZIONE DEL RIFIUTO STOCCAGGIO DEL RIFIUTO CONFERIMENTO E SMALTIMENTO Per ogni rifiuto speciale è necessario che venga attribuito un codice CER. Dal 1 luglio 2009 sono entrati in vigore i valori limite e le condizioni di ammissibilità dei rifiuti in discarica, fra cui anche l obbligo di caratterizzazione del rifiuto a carico del produttore prima del conferimento. Nella caratterizzazione può essere necessario effettuare l analisi chimica e fisica degli stessi presso un laboratorio accreditato. I rifiuti devono essere depositati in una apposita area all interno dell impresa definita Deposito Temporaneo. I Rifiuti non devono essere miscelati tra loro ma tenuti separati e identificati (preferibilmente tramite cartelli con il rispettivo codice CER). Il Deposito Temporaneo deve avere delle caratteristiche strutturali tali da evitare che i rifiuti possano essere dispersi nell ambiente. I rifiuti possono giacere nei depositi temporanei solo per periodi limitati di tempo e secondo limiti quantitativi stabiliti dalla normativa. Il trasporto dei rifiuti può essere effettuato direttamente dalla azienda produttrice senza autorizzazione apposita, nei limiti di 30 kg e 30 litri per i rifiuti non pericolosi. Per quantitativi superiori, sia nel caso di trasporto in conto proprio di rifiuti che di conferimento ad altra azienda, è necessaria l'iscrizione all'albo Gestori Rifiuti che qualifica l'azienda al trasporto di determinati rifiuti (Codici CER). Se si conferiscono i rifiuti a terzi è quindi necessario richiedere al trasportatore copia dell'iscrizione all'albo per verificare l'autorizzazione al trasporto di quei determinati rifiuti e che include anche la lista dei veicoli autorizzati. 13

14 REGISTRAZIONI I rifiuti viaggiano accompagnati dal Formulario Identificativo dei Rifiuti (FIR) composto da 4 copie. La 1 e 4 copia del formulario devono essere allegati al Registro di Carico e Scarico dove sono registrati tutti i rifiuti mandati allo smaltimento/recupero. Ogni anno l azienda, se tenuta, deve compilare il MUD nel quale specifica le tipologie e le quantità dei rifiuti speciali che ha inviato allo smaltimento/recupero. Indicazioni di maggior dettaglio sono riportati nel paragrafo Azioni per la conformità normativa della gestione dei rifiuti. Che cosa non è Rifiuto Alcuni residui/scarti provenienti dai vari processi aziendali possono essere gestiti in maniera diversa rispetto ai Rifiuti poiché ricadono nelle categorie di Materie Prime Seconde o di Sottoprodotti se rispettano alcune determinate caratteristiche. Materie Prime Seconde (MPS) La cessazione della qualifica di rifiuto avviene quando alcune materie, sostanze o prodotti secondari rispettano i seguenti criteri, requisiti e condizioni: a) siano prodotti da un operazione di riutilizzo, riciclo o di recupero di rifiuti; b) siano individuate la provenienza, la tipologia e le caratteristiche dei rifiuti dai quali si possono produrre; c) siano individuate le operazioni di riutilizzo, di riciclo o di recupero che le producono, con particolare riferimento alle modalità e alle condizioni di esercizio delle stesse; d) siano precisati i criteri di qualità ambientale, i requisiti merceologici e le altre condizioni necessarie per l immissione in commercio, quali norme e standard tecnici richiesti per l utilizzo, tenendo conto del possibile rischio di danni all ambiente e alla salute derivanti dall utilizzo o dal trasporto del materiale, della sostanza o del prodotto secondario; e) abbiano un effettivo valore economico di scambio sul mercato. 14

15 Sottoprodotti Non sono rifiuti fin dall origine i sottoprodotti, le sostanze e i materiali dei quali il produttore non intende disfarsi e che soddisfino tutti i seguenti criteri, requisiti e condizioni: 1) siano originati da un processo non direttamente destinato alla loro produzione; 2) il loro impiego sia certo sin dalla fase della loro produzione, integrale e avvenga direttamente nel corso del processo di produzione o di utilizzazione preventivamente individuato e definito; 3) soddisfino requisiti merceologici e di qualità ambientale idonei a garantire che il loro impiego non dia luogo ad emissioni e ad impatti ambientali qualitativamente e quantitativamente diversi da quelli autorizzati per l impianto dove sono destinati ad essere utilizzati; 4) non debbano essere sottoposti a trattamenti preventivi o trasformazioni preliminari per soddisfare i requisiti merceologici e di qualità ambientale di cui al punto 3), ma posseggano tali requisiti sin dalla fase di produzione; 5) abbiano un valore economico di mercato. Nella figura che segue è rappresentato uno schema riassuntivo che può aiutare a separare Sottoprodotti e Materie prime Secondarie dai Rifiuti. 15

16 MATERIE PRIME AZIENDA PRODOTTI FINITI RESIDUI/SCARTI DI PRODUZIONE L utilizzo del materiale è certo? NO SÌ Sono individuabili la provenienza la tipologia e le caratteristiche degli scarti? NO La produzione del materiale è avvenuta nel corso di un processo aziendale individuato e definito? SÌ Il materiale può essere utilizzato senza essere sottoposto a trattamenti o trasformazioni e ha un valore economico di mercato? SÌ SOTTOPRODOTTO NO NO SÌ Può essere effettuata un attività di RIUTILIZZO RICICLO o RECUPERO che trasformi lo scarto in un prodotto con un valore di scambio sul mercato? SÌ L utilizzo o il trasporto del prodotto generato dal RIUTILIZZO RICICLO o RECUPERO determina rischi per l ambiente o per la salute? NO SÌ NO MATERIE PRIME SECONDARIE RIFIUTO 16

17 Strumenti Operativi Definizione e implementazione della Strategia di Gestione dei rifiuti Nella tabella che segue sono riportate alcune fasi che l'imprenditore dovrebbe seguire per definire e implementare efficacemente la propria strategia di gestione dei rifiuti. FASE 1. Conosci la tua azienda Esempi applicativi - Quanti sono i rifiuti prodotti dalla mia azienda? - Quanto costa smaltirli? - Chi si occupa in azienda della gestione dei rifiuti? - La gestione dei rifiuti dell'azienda è in regola con la normativa? Essere in grado di rispondere alle seguenti domande è un primo passo per acquisire consapevolezza sulle aree di miglioramento della gestione dei rifiuti della propria azienda. Per una indagine più approfondita si veda Check up (Allegato 2) 2. Conosci cosa succede all'esterno 3. Definisci gli obiettivi e le azioni - Quali politiche a livello locale e globale vengono perseguite in materia dei rifiuti? (Si veda paragrafo Principi e obiettivi della normativa in materia di rifiuti ) - Come si comportano i concorrenti? - I clienti sono attenti/sensibili alle tematiche ambientali? 1. Prevenzione e riduzione dei Rifiuti: Valorizzazione degli scarti (vendita o reimmissione nel ciclo produttivo); Riprogettazione del ciclo produttivo; Analisi del ciclo di vita dei prodotti (inclusi imballaggi); Miglioramento della gestione dei Rifiuti: Riduzione dei costi di smaltimento attraverso una più efficace raccolta differenziata; sviluppo di collaborazioni con il Gestore del servizio pubblico locale per l'ottimizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti assimilati; organizzazione delle responsabilità del personale e relativa formazione; controllo della conformità normativa; 17

18 FASE Esempi applicativi 4. Coinvolgi tutta la tua struttura interna e comunica all'esterno Coinvolgere dipendenti e collaboratori nella strategia relativa alla gestione dei rifiuti assicura maggiori possibilità di successo nel raggiungimento degli obiettivi e può rendere i dipendenti più motivati. Comunicare poi a clienti e fornitori il proprio impegno può essere un uno strumento utile per crearsi una reputazione di azienda responsabile e riuscire a conquistarsi nuove fette di mercato grazie a un aumento della soddisfazione dei clienti. Esempi per un efficace coinvolgimento: - Dichiarazione e pubblicazione degli obiettivi attraverso: riunioni, affissione in bacheca, invio e- mail, newsletter, su rete intranet/sito, in allegato alla busta paga,... - Definizione delle procedure per le varie attività relative alla gestione dei rifiuti - Divulgazione dei risultati ottenuti alla struttura interna, ai clienti, ai fornitori, agli enti locali e di controllo (strumenti di contabilità e comunicazione ambientale: es. bilanci ambientali, ) 18

19 Definizione Organigramma e Mansionario SOLUZIONE RIFIUTI È sempre una buona regola che Organigramma e Mansionario relativi a un processo aziendale siano portati a conoscenza di tutte le persone che operano in quel determinato processo. L'efficienza di una organizzazione, infatti, passa dalla consapevolezza che ogni persona ha del proprio ruolo all'interno della stessa. La rappresentazione grafica della struttura organizzativa (Organigramma) insieme alla lista dei compiti spettanti a ogni figura aziendale (Mansionario) offrono la possibilità a tutti di comprendere in maniera immediata "chi fa che cosa e quali sono le relazioni e le gerarchie aziendali. L'organigramma e il mansionario che seguono devono essere considerati puramente indicativi. Ogni azienda potrà infatti personalizzarli in base alle proprie esigenze specifiche. L ORGANIGRAMMA Di seguito è riportato un organigramma tipo nel quale sono rappresentate tutte le figure direttamente e indirettamente coinvolte nella gestione dei rifiuti aziendali. Ovviamente tutti i dipendenti dovranno seguire le piccole e quotidiane azioni individuali, come ad esempio la corretta raccolta differenziata che dovrà essere resa possibile in tutti i reparti, dagli uffici alla produzione ai magazzini, e facilitata da cartelli che indichino con chiarezza cosa/dove buttare. Direzione Responsabile Risorse Umane Responsabile Gestione Ambientale Responsabile Amministrazione Responsabile Produzione Addetti alla Amministrazione Addetti alla Produzione 19

20 IL MANSIONARIO Imprenditore Direzione Definizione della Strategia e comunicazione / divulgazione della stessa (anche verso l esterno) Definizione degli obiettivi di prevenzione e riduzione dei rifiuti e di miglioramento della gestione Delega di compiti e responsabilità alle diverse funzioni Controllo Responsabile Gestione Ambientale Check up /analisi del processo di gestione dei rifiuti Supporto alla direzione nella scelta delle azioni relative agli obiettivi di prevenzione e riduzione dei rifiuti e di miglioramento della gestione Supervisione e controllo delle attività operative relative ai rifiuti Analisi dei risultati e degli scostamenti della gestione dei rifiuti rispetto agli obiettivi stabiliti Responsabile Amministrativo Gestione del registro di carico e scarico Tenuta dei Formulari Redazione e invio della Dichiarazione MUD (se dovuta) Responsabile Produzione Supporto alla direzione nella scelta delle azioni relative alla riduzione dei rifiuti Gestione delle operazioni di trattamento (preparazione, recupero o smaltimento) dei rifiuti. Tale compito comporta il coordinamento delle attività di conferimento con il Gestore del Servizio Pubblico Locale (SPL) e con le altre imprese autorizzate a svolgere le attività di trasporto dei rifiuti, inclusa la gestione delle autorizzazioni dei trasportatori e l iscrizione all albo se il trasporto avviene per conto proprio. Gestione dei depositi temporanei dei rifiuti per lo smaltimento/ recupero 20

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

DICHIARAZIONE MUD 2015 Scadenza MUD (dati 2014) al 30.04.2015

DICHIARAZIONE MUD 2015 Scadenza MUD (dati 2014) al 30.04.2015 Informativa del 05/02/2015 DICHIARAZIONE MUD 2015 Scadenza MUD (dati 2014) al 30.04.2015 AMBITO SEGNALAZIONE PAGINA Ambiente MUD 2015 3 Mondotecnico Srl Via Radici in Piano n 46 41049 Sassuolo (Mo) Tel.

Dettagli

MUD 2015. Confindustria Ravenna 27 marzo 2015. Servizio QSAE Confindustria Ravenna

MUD 2015. Confindustria Ravenna 27 marzo 2015. Servizio QSAE Confindustria Ravenna MUD 2015 Confindustria Ravenna 27 marzo 2015 Servizio QSAE Confindustria Ravenna Riferimenti normativi Sulla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 è stato pubblicato il Decreto del Presidente

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007

MUD 2015. RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MO007 MUD 2015 RIFERIMENTI NORMATIVI e NOVITA MUD 2015 Normativa di riferimento Il D. Lgs. n.152/2006 all art. 189 dispone l obbligo di comunicare le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti per

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011

LA NORMATIVA SUI RIFIUTI. Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 LA NORMATIVA SUI RIFIUTI Dott. Enrico Alberico 25 Ottobre 2011 Il progetto: Un nuovo sistema normativo fondato sulla necessità di garantire: omogeneità dei criteri per le attività inerenti la gestione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015

ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015 Comunicazione Rifiuti speciali ISTRUZIONI OPERATIVE MUD 2015 I soggetti obbligati a presentare il MUD 2014 sono: chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti; commercianti

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI

Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Il Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti SISTRI Classificazione ambiente > rifiuti > rifiuti gestione > adempimenti connessi alla gestione dei rifiuti Sommario Campo di applicazione Definizioni Adesione

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

MUD 2009. Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione. Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati

MUD 2009. Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione. Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati l Dichiarazione unica ambientale. Aumentati i moduli da compilare MUD 2009 Piccoli produttori di rifiuti unici soggetti agevolati Incremento dei soggetti tenuti a presentare il modello unico di dichiarazione

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

ALBO GESTORI AMBIENTALI

ALBO GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE DEL VENETO ALBO GESTORI AMBIENTALI ISCRIZIONE CATEGORIA 1 GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA Partner ufficiale 2008 della Camera di Commercio di Venezia Categoria 1 CENTRI DI RACCOLTA Riferimenti

Dettagli

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI Le formalità da seguire per procedere alle distruzioni di beni, analoghe sia per le rimanenze di magazzino che per i beni strumentali, sono attualmente previste dal D.P.R.

Dettagli

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti di Alberto Pesenato (*) e Paolo Cozzi (**) Il sistema SISTRI, rinviato al 2013, è un punto fermo anche nell applicazione del

Dettagli

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE DISCARICHE Nuove definizioni: riflessi per le aziende Criteri di ammissione dei rifiuti, adeguamento delle discariche in esercizio, obblighi dei conferitori dei rifiuti Il Decreto Legislativo 13 gennaio

Dettagli

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n.

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n. DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 NORME IN MATERIA AMBIENTALE PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

La gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari I RIFIUTI SANITARI (NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE) Legnago Ottobre-Novembre 2014 La gestione dei rifiuti sanitari Dott.ssa Giuliana Bonizzato Direzione Medica Ospedaliera il cambiamento

Dettagli

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE.

IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. IL REGISTRO DI CARICO E DI SCARICO DEI RIFIUTI (ART.190): PRIMA PARTE. di Alberto PIEROBON già Dirigente e ViceSegretario Generale Enti Locali già Dirigente e Direttore Generale Azienda Pluricomunale di

Dettagli

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ;

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; IL RETTORE DECRETO RETTORALE NR. 81/2015 il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; il Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 Disposizioni di attuazione della direttiva

Dettagli

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Comunicazione Rifiuti Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Soggetti obbligati / 1 I soggetti tenuti alla presentazione del MUD Sezione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente: dall articolo

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE

SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE Comune di Nuoro SETTORE MANUTENZIONI E AMBIENTE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI E DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PROVENIENTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE ART.

Dettagli

Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D

Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D ing. Mariella Bazzucco CATASTO RIFIUTI - MUD art. 189 - d.lgs. 152/2006 è articolato in una Sezione nazionale (ISPRA a Roma) e in Sezioni regionali/provinciali

Dettagli

Provincia di Treviso Settore Gestione del Territorio

Provincia di Treviso Settore Gestione del Territorio Prot. n. 100793 Treviso, 21 dicembre 2004 OGGETTO: Gestione rifiuti urbani e assimilati Servizio pubblico integrativo di gestione rifiuti speciali Adempimenti relativi alla compilazione di formulari di

Dettagli

RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA

RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA RESPONSABILITA' NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DA C/D, TERRE E ROCCE DA SCAVO E TRASPORTO RIFIUTI DA SISMA MANTOVA, 18 SETTEMBRE 2013 Relatore: Andrea Minari LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Struttura. Soggetti obbligati/1 Comunicazione Rifiuti CAPITOLO 1 - RIFIUTI CAPITOLO 1 - RIFIUTI E PRODOTTI IMMESSI SUL MERCATO. Comunicazione rifiuti

Struttura. Soggetti obbligati/1 Comunicazione Rifiuti CAPITOLO 1 - RIFIUTI CAPITOLO 1 - RIFIUTI E PRODOTTI IMMESSI SUL MERCATO. Comunicazione rifiuti MUD 2010 1 Premessa Sul supplemento ordinario alla G.U. n. 294 del 17 dicembre 2008 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2 dicembre 2008, recante Approvazione del

Dettagli

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA UFFICIO TECNICO PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA PROGETTO A CURA DELL UFFICIO TECNICO Istruttore Amministrativo Geometra Ingegnere PORCARO OLINDO SALVATORE BARBATO

Dettagli

Università di Sassari

Università di Sassari Università di Sassari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI PRODOTTI NELL UNIVERSITÀ DI SASSARI Art. 1 - Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento è emanato

Dettagli

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net LA POLITICA E LA MISSION La MEDI srl opera nel settore della Progettazione, Smontaggi,

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITA' AGRICOLE (ai sensi dell art. 206 comma 1 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i.) Fra LA PROVINCIA DI VICENZA I SOGGETTI GESTORI DEL CIRCUITO

Dettagli

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI

NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI NORMATIVA RAEE VADEMECUM PER GESTIONE CONSUMABILI ESAUSTI PRODUTTORE DEL RIFIUTO E SUOI ONERI Articolo 183 del Dlgs 152/2006 Definizioni b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti cioè

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 GUIDA ALLA COMPILAZIONE

COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 GUIDA ALLA COMPILAZIONE COMUNICAZIONE ANNUALE MUD 2013 con riferimento all anno 2012 GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il MUD rifiuti speciali semplificato Qualora il produttore decida di avvalersi della facoltà di effettuare la comunicazione

Dettagli

Dichiarazione Ambientale 2014

Dichiarazione Ambientale 2014 Dichiarazione Ambientale 2014 PRESENTAZIONE: DICHIARAZIONE MUD PER LE ATTIVITA' SVOLTE NELL'ANNO 2013 1 Normativa e soggetti obbligati 2 Normativa di riferimento Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n.152

Dettagli

Presentazione alla CCIA I A

Presentazione alla CCIA I A Presentazione alla CCIAA 1 Compilazione Produttori Chi Cosa Come Produttori iniziali che, nella propria Unità Locale, producono non più di 7 rifiuti e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori

Dettagli

SISTRI. Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI

SISTRI. Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI SISTRI Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti FAQ DOMANDE FREQUENTI Aggiornate al 6 maggio 2010 Indice Gestione-Rifiuti.it ISCRIZIONE E OPERATIVITÀ...5 1.01 Fino a quando è possibile iscriversi?...5

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA

ACCORDO DI PROGRAMMA. (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA ACCORDO DI PROGRAMMA (ai sensi dell art. 206 comma 1 del d.lgs 152/2006 e s.m.) Fra LA PROVINCIA DI BOLOGNA LE SOCIETÀ con sede in Bologna, in qualità di soggetti gestori delle piattaforme di conferimento

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01

Eco-Recuperi srl. Gennaio 2015 rev01 LINEE GUIDA GESTIONE DELLE CARTUCCE ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata alle cartucce

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10

D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 D.Lgs. 3.4.06, n. 152 Parte Quarta RIFIUTI B 1/10 Agg. n 1/11 CHE art. 192 commi 1-2 art. 192 commi 1-2 art. 226 art. 231 commi 1-2 art. 231 art. 255 art. 255 art. 231 art. 255 Abbandono o deposito incontrollato

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI

GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI CONFINDUSTRIA PADOVA, ROVIGO, TREVISO, VICENZA GESTIONE RIFIUTI E OPERATIVITÀ SISTRI FEBBRAIO 2014 Numero verde Le Associazioni di Padova, Rovigo, Treviso e Vicenza hanno sottoscritto un Accordo di collaborazione

Dettagli

news letter Inerti Foro Legge numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it

news letter Inerti Foro Legge numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it news letter Inerti Foro numero 1 gennaio 2009 www.inertiforo.it ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006 Claudio Boldori CON LA PUBBLICAZIONE DEL RONCHI TER, SEMBRA CONCLUSA LA PRIMA E DOVEROSA FASE DI COMPLETAMENTO

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI LA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI L applicazione della Decisione 16 gennaio 2001(2001/118/CE) modificata ed integrata dalle Decisioni 2001/119/CE e 2001/573/CE e dalla Legge 21 dicembre 2001 n. 443 (art.

Dettagli

ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA. L Aqui l a, 2 gi ugno 1998 Circolare n. 76/98 Pr ot. n.

ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA. L Aqui l a, 2 gi ugno 1998 Circolare n. 76/98 Pr ot. n. ALLE AZI ENDE I NDUSTRI ALI ASSOCI ATE L ORO SEDI AREA AMBI ENTE E SI CUREZZA L Aqui l a, 2 gi ugno 1998 Circolare n. 76/98 Pr ot. n. 495 OGGETTO: Pr ovvedi ment i appl i cat i vi del Dl gs 22/ 1997 sui

Dettagli

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali

Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali MODULO 3 Gestione dei rifiuti speciali Principali adempimenti amministrativi connessi alla gestione dei rifiuti speciali Dott. Michele Santoro I principali adempimenti amministrativi connessi alla produzione

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA

CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA CAPITOLO 4 - LA PROGRAMMAZIONE D EMERGENZA 4.1 IL PIANO DEGLI INTERVENTI PRIORITARI L Ordinanza n. 2983/99, all art. 1, nominava il Presidente della Regione siciliana commissario delegato per la predisposizione

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

INDICE. SIS.T.RI. Normativa Soggetti obbligati e soggetti non obbligati Ultime novità normative Operatività L utilizzo della piattaforma SISTRI

INDICE. SIS.T.RI. Normativa Soggetti obbligati e soggetti non obbligati Ultime novità normative Operatività L utilizzo della piattaforma SISTRI LA GESTIONE E LA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SIS.T.RI Relatore: Giovanni Cadeddu 16 Dicembre 2014 STUDIO DI CONSULENZA AMBIENTALE GIOVANNI CADEDDU Uff. Mantova Via Solferino, 1 46049 VOLTA M.NA (MN) tel.

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 27 aprile 2012 n.44 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge 21 settembre 2009 n.131; Vista la deliberazione

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO

FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO Il formulario è un documento di tipo formale che garantisce la tracciabilità del flusso dei rifiuti nelle varie fasi del trasporto, dal produttore/detentore al

Dettagli

6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo

6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo 6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI e gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo NORMA DI RIFERIMENTO D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale Parte quarta Norme in materia

Dettagli

Precauzioni per l ambiente

Precauzioni per l ambiente Precauzioni per l amiente DOMANDE &RISPOSTE 86 L impiego dei prodotti fitosanitari può causare danni all amiente? a no, se il prodotto non è molto tossico sì, possono contaminare il s u o l o, l aria,

Dettagli

PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI. Colverde 29/11/2014. Dott.ssa Claudia Testanera

PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI. Colverde 29/11/2014. Dott.ssa Claudia Testanera PARCO REGIONALE SPINA VERDE CORSO GEV 2014 POLIZIA AMMINISTRATIVA: RIFIUTI Colverde 29/11/2014 Dott.ssa Claudia Testanera LA GESTIONE DEI RIFIUTI Alcune nozioni: Definizione di Rifiuto Definizione di Sottoprodotto

Dettagli

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI.

Queste in sintesi sono le disposizioni che compongono il quadro normativo di riferimento della nuova disciplina sul SISTRI. SISTRI Il SISTRI nasce nel 2009 (D.M. 17 dicembre 2009) su iniziativa del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) il quale muovendosi nell ambito del più ampio quadro di

Dettagli

Comunicazione 02/2015

Comunicazione 02/2015 Carpi, 04/03/2015 Comunicazione 02/2015 Oggetto: MUD 2015 Si avvicina il consueto appuntamento con il MUD Entro il 30 aprile 2015 dovrà essere presentata la dichiarazione ambientale con riferimento ai

Dettagli

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI»

«LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H RAVENNA 27/09/2012 «LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA CANTIERE: ASPETTI OPERATIVI» DOTT.

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/165/CR8C/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/165/CR8C/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/165/CR8C/C5 PROBLEMATICHE IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI: SOTTOCATEGORIE DI DISCARICHE E MISCELAZIONE DEI RIFIUTI Tra le varie criticità riscontrabili

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA dati2014 2015 MUD Marzo 2015 Ultime novità sulla normativa ambientale SISTRI obbligatorietà contributo 2014 La legge 27/02/2015, n. 11, in sede di conversione del

Dettagli

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio

CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio CONSIDERATO CHE - la gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è regolata dalla legge; - il decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 (attuazione delle direttive 91/156/CEE sui

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014

SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 SISTRI 2014 Roma, 12 febbraio 2014 La presentazione è stata curata da Confindustria Venezia, in collaborazione con Assolombarda e gli esperti del sistema associativo Ogni riferimento ai rifiuti presente

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Spett.le Dipartimento Ambiente. Il sottoscritto..., nato a..., il..., nella sua qualità di legale rappresentante di..., con sede legale in.

Spett.le Dipartimento Ambiente. Il sottoscritto..., nato a..., il..., nella sua qualità di legale rappresentante di..., con sede legale in. Approvazione del progetto e autorizzazione alla realizzazione dell'impianto di smaltimento e contestuale autorizzazione all'esercizio delle attivita' di deposito preliminare per chi non rispetta le condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale

Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale Trasporti di rifiuti ferrosi Traffico di rifiuti e concorrenza sleale 21^ Giornata di Studio della Polizia Locale Veneto 55^ Edizione Nazionale Jesolo (VE) - 10, 11 aprile 2014 Pala Arrex - Sala Palladio

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI

SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI COSA E' IL SISTRI Il SISTRI è il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti che permette l'informatizzazione dell'intera filiera dei rifiuti

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 01/2008

CIRCOLARE CLIENTI - N 01/2008 CIRCOLARE CLIENTI - N 01/2008 DATA: 7/01/2008 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Ambiente / Manutenzioni / Acquisti e Vendite DA/FROM: TECNOLARIO S.r.l. TEL/FAX N : 0341.49.42.10 # 0341.25.00.07

Dettagli

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU SISTRI Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU 14 gennaio 2010 definizioni SISTRI: il sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli