La demenza vascolare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La demenza vascolare"

Transcript

1 A06 67

2

3 CLINICA DI NEUROLOGIA DIPARTMENTO DI MEDICINA CLINICA E NEUROLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Rita Moretti / Paola Torre Rodolfo Antonello / Gilberto Pizzolato La demenza vascolare Realtà cliniche, prospettive terapeutiche, identità biologiche

4 Copyright MMVII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2007

5 INDICE Cap.1 INTRODUZIONE Pag. 7 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Cap. 2 VASCOLARIZZAZIONE CEREBRALE: ANATOMIA E FISIOLOGIA Pag. 22 Moretti, Torre, Vilotti Cap.3 LE ALTERAZIONI VASCOLARI NELL ANZIANO Pag. 34 Moretti, Torre, Antonello Cap. 4 L ISCHEMIA CEREBRALE Pag. 41 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Cap. 5 LA DEFINIZIONE OPERATIVA DI DEMENZA VASCOLARE Pag. 51 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Cap. 6 DEMENZA VASCOLARE MULTI-INFARTUALE Pag. 61 Moretti, Torre, Antonello, Vilotti Cap. 7 DEMENZA DA SINGOLI INFARTI STRATEGICI Pag. 66 Moretti, Torre, Antonello Cap.8 DETERORAMENTO COGNITIVO VASCOLARE SOTTOCORTICALE Pag. 71 Moretti, Torre, Antonello, Vilotti Cap. 9 IL CONTRIBUTO DELLA NEUROIMMAGINE NEL DETERIORAMENTO Pag. 80 COGNITIVO Moretti, Torre, Antonello, Bratina, Ukmar Cap. 10 NEUROPSICOLOGIA DEL DETERIORAMENTO COGNITIVO VASCOLARE Pag. 88 Moretti, Torre Cap. 11 CASI CLINICI Pag. 95 Moretti, Torre, Vilotti, Antonello Cap. 12 TERAPIA DEL DETERIORAMENTO COGNITIVO VASCOLARE Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Pag. 108 Cap. 13 RUOLO DELL ACETILCOLINA NEL DETERIORAMENTO VASCOLARE Moretti, Torre, Antonello Pag. 123 Cap. 14 INIBITORI DELLA COLINESTERASI NEL TRATTAMENTO DELLA DEMENZA Pag. VASCOLARE 130 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Cap.15 RIVASTIGMINA NEL TRATTAMENTO DELLA DEMENZA VASCOLARE Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Pag. 140 Cap. 16 CONCLUSIONI Pag. 150 Cap. 17 BIBLIOGRAFIA Pag. 151

6

7 INTRODUZIONE Rita Moretti, Paola Torre, Rodolfo M. Antonello, Gilberto Pizzolato Clinica Neurologica, Università di Trieste Nel nostro Paese, la dinamica della popolazione anziana è una delle più significative nel mondo intero; in Italia, la percentuale di ultrasessantacinquenni (16%) ha superato quella dei soggetti con meno di 15 anni (15%). Considerato che l'attuale speranza di vita alla nascita e a 65 anni sia significativamente aumentata nelle ultime decadi, che la longevità sia una delle più elevate del mondo, e che la fecondità sia una delle più basse del mondo (1.2 figli per donna), si presuppone che si vada incontro ad una graduale senilizzazione della popolazione. Secondo un estrapolazione, nel 2030 gli ultrasessantacinquenni saranno 14,4 milioni (il 27% della popolazione totale). In termini relativi, rapportando le due code della distribuzione per età, ovvero gli ultrasessantacinquenni ai giovani con meno di 15 anni di età, la trasformazione rispetto al recente passato sarebbe ancor più straordinaria. Agli inizi degli anni '50 si contavano 3 giovani per ogni anziano; nel 1991 il rapporto era di 1:1; oggi, è già diventato di 1,13:1. Conformemente ai dati ISTAT, si osserva infatti che l indice di vecchiaia (cioè il numero degli ultrasessantacinquenni in rapporto alla popolazione di età compresa tra 0 e 14 anni) va salendo, a partire dal 1990, con una velocità costante. Nel 1990 l indice era pari a 87; nel 2010 si eleverà a quota 168. La composizione per età della popolazione anziana è destinata ad invecchiare ulteriormente e già nella seconda decade del prossimo secolo i "grandi vecchi", con più di 75 anni di età, diverranno numerosi quanto i 65-74enni e ciascuna delle due fasce d'età raggiungerà e supererà il 10% del totale della popolazione. Già intorno al 2020, più di due persone su otto avranno più di 65 anni di età e, tra queste, una avrà tra i 65 e i 74 anni e l'altra più di 75 anni di età (Vedi Tab. 1 e Fig. 1).

8 8 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Tabella 1. Speranza di vita alla nascita e a 65 anni (da: Relazione generale sulla condizione economica del paese, 1995). Maschi Femmine Alla A 65 anni Alla A 65 anni nascita nascita Veneto Lombardia Indice di vecchiaia delle Regioni italiane (>65 anni/0-14 anni) Piemonte Liguria Toscana Marche Abbruzzo Campania Basilicata Sicilia Fig. 1. Indice di vecchia delle Regioni Italiane E' diffusa l'opinione che l'invecchiamento si accompagni inesorabilmente alla perdita di numerose funzioni sia fisiche che mentali. Il deterioramento delle capacità mentali - che una cultura obsoleta continua a considerare "naturale" - è in realtà causato, più spesso di quanto non si creda, oltre che da numerose malattie (alcune delle quali curabili), dall'abbandono, dall'emarginazione sociale, dalla perdita di relazioni affettive, nonché dalla carenza di esercizio mentale e fisico. Va sottolineato fin da ora che la grande maggioranza delle persone anziane conserva un cervello in grado di funzionare in modo corretto. Sono numerosi gli anziani che in età avanzata conservano la capacità di svolgere compiti complessi e di rivestire incarichi sociali impegnativi.

9 Introduzione 9 L invecchiamento è un processo continuo e progressivo, che si caratterizza per una estrema eterogeneità inter-individuale (le manifestazioni sono variabili in qualità e in quantità tra individuo ed individuo) che intra-individuale (non tutti gli apparati ed i sistemi sono interessati in maniera omogenea al processo di senescenza). Da qui il principio fondamentale della geriatria: l anziano è soggetto a massima individualità biologica, del quale non è possibile identificare un modello paradigmatico di riferimento, espressione della normalità (Senin, 1999). L invecchiamento è un processo che si sviluppa lungo l intero arco della vita di un individuo, ma che inizia a manifestarsi, fenotipicamente, dopo il raggiungimento della maturità. Nell uomo le modalità con cui esso si realizza sono il risultato dell interazione di numerosi fattori, biologici, psicologici, ambientali, sociali ed economici. I progressi della medicina, i miglioramenti della situazione igienica, alimentare e lavorativa hanno prolungato la vita e sembrano aver protratto il tempo della vecchiaia. Mentre un tempo la vecchiaia era la fase della saggezza e dell equilibrio morale e l anziano era la memoria storica della società, il custode delle tradizioni e il detentore di un patrimonio di esperienze professionali tramandabile alle generazioni future, la cultura dominante oggi è quella della last information, della rincorsa all ultima notizia, dell aggiornamento continuo. Per una società che sembra rinnegare o quanto meno dimenticare le sue origini, l anziano ha meno valore di un individuo in età attiva, in quanto al momento del pensionamento si riduce il suo ruolo sociale ed economico. L anziano inoltre può perdere un condizione di salute ottimale e l autosufficienza per il graduale subentrare di malattie croniche invalidanti e di processi di deterioramento cognitivo..alle volte tutto ciò può interagire in modo conflittuale con il contesto sociale e diventare ancora più grave (Lori, 1995). Fisiologicamente, il cervello senile è caratterizzato da una serie di reperti morfologici involutivi: si possono perciò osservare depositi citoplasmatici di lipofuscine, che si accumulano tipicamente a livello di alcuni nuclei, in

10 10 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato particolare dell olivare inferiore, del nucleo dentato, del nucleo pallido. Si osservano anche la comparsa di vescicole di 3-5microm di diametro, con core centrale indefinito, forse contenenti proteine tau, neurofilamenti e microtubuli, molto evidenti a livello dell ippocampo, ma pure presenti a livello del nucleo basale di Meynert, dell amigdala, della corteccia frontale e del giro cingolato. Si osservano inoltre corpi di Lewy, derivati da accumuli di proteine neurofilamentari, dei corpi di Hirano (costituiti da actina degenerata, vinculina, tropomiosina e proteine tau, evidenti soprattutto a livello dell ippocampo) e dei grovigli neurofilamentari, la cui formazione, espressione della distorsione e del collasso dei microtubuli, potrebbe essere sinonimo di un alterazione del flusso citoplasmatico assonale. Queste alterazioni dei meccanismi di trasporto causano il rallentamento del transito delle proteine verso le strutture assonali. Fig. 2. Grovigli neurofibrillari (in alto a sinistra) e placche senili (frecce bianche) ed espressione di angiopatia congofila (frecce nere) (in alto a destra) Nel cervello senile sano, i grovigli neurofibrillari si localizzano esclusivamente nelle strutture mediali del lobo temporale (amigdala e ippocampo), mai nella neocortex, come invece avviene di regola nella Malattia di Alzheimer. Inoltre, si osservano accumuli di beta amiloide, diffusi, ma poco strutturati presenti nell archicortex (ippocampo, amigdala ed ipotalamo).

11 Introduzione 11 Anche la glia si modifica e va ad aumentare il numero di astrociti corticali, che determinano la cosiddetta gliosi senile. Dal punto di vista fisiopatologico poi, il microcircolo va incontro ad una degenerazione ialina, tipico risultato dello stress di parete esercitato dalla corrente ematica. In più si osserva una riduzione dell attività enzimatica della fosfofruttochinasi e probabilmente dell isocitrato sintetasi, enzimi coinvolti nel ciclo di Krebs. Nel cervello senile si verifica una riduzione della trasmissione neuronale, correlata sia a modificazioni quantitative che qualitative, sia ad una ridotta sensibilità recettoriale. Questo fenomeno viene ritenuto in parte responsabile dell alterata risposta clinica che si verifica negli anziani sottoposti a trattamenti psicofarmacologici, con ipersensibilità agli effetti indesiderati dei farmaci (Blennow et al., 1991; Blennow e Gottfries, 1998). Anche dal punto di vista neurotrasmettitoriale vi è un impoverimento dell encefalo senile rispetto a quello dell adulto; sembra che vi sia un deficit del sistema colinergico, tant è che un trattamento con scopolamina (antagonista dall acetilcolina per i recettori muscarinici) è causa di alterazione della conservazione della traccia mnesica, con progressiva riduzione dell apprendimento di nuovo materiale (Ehlert et al., 1994). Fig. 3. Proiezioni colinergiche cerebrali

12 12 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Con l invecchiamento si osserva una progressiva riduzione di tutte le attività enzimatiche legate al metabolismo delle catecoalmine: la dopamina diminuisce a partire dal ventesimo anno di età, a livello dello striato, dell ippocampo, del nucleo accumbens e della substantia nigra. Inoltre, si osserva una riduzione progressiva con l età, dell attività enzimatica biosintetica tiroxinaidrossilasi, cui si affianca un incremento dei livelli di dopamina nei neuroni residui (Palmer e DeKosky, 1993). I meccanismi alla base dell invecchiamento sono oscuri, ma le modificazioni neurbiologiche dell invecchiamento, al pari del coinvolgimento differenziale dei sistemi funzionali, possono influenzare il modo di invecchiare (Coffey e Cummings, 2001). Alterazione Diminuzione livelli di acetilcolinesterasi Diminuzione livelli di anidrasi carbonica Aumento dei livelli di catecolo O- metiltransferasi Diminuzione dei livelli di colina O- acetiltransferasi Diminuzione dei livelli dell acido glutamico decarbossilasi Aumento dei livelli di monoamino ossidasi Aumento dei livelli del recettore tipo 2 della dopamina Diminuzione dei livelli dei recettori muscarinici Diminuzione dei livelli dei recettori della serotonina Diminuzione dei livelli della neurotensina I livelli di somatostatina non cambiano Diminuzione dei livelli della sostanza P Aumento dei livelli del poli-peptide vasoattivo intestinale Area cerebrale colpita Ippocampo, nucleo di Meynert Corteccia Ippocampo Ippocampo, nucleo di Meynert Corteccia, talamo, gangli basali Corteccia frontale, globo pallido, substantia nigra, striato Tutti Corteccia, ippocampo Corteccia Substantia nigra Tutti Putamen Lobo temporale Adattata da American Geriatrics Society: Geriatrics Review Syllabus, ed. 3, edited by Reuben DB, Yoshikawa TT, Besdine RW. New York, American Geriatrics Society, 1996, p. 17. Tabella 2. Alterazioni neurotrasmetittoriali nel cervello senile

13 Introduzione 13 I disturbi della memoria rappresentano uno dei motivi che più frequentemente inducono l'anziano a rivolgersi al medico. La memoria è influenzata dalla presenza di malattie sistemiche la cui cura consente un completo recupero delle capacità di ricordare. Anche l'uso improprio di farmaci può compromettere il buon funzionamento della memoria. La depressione e l'ansia costituiscono una causa frequente e potenzialmente reversibile di disturbo della memoria. E' opportuno sottolineare che in alcuni soggetti anziani normali si può manifestare un disturbo della memoria, che non compromette le abituali attività quotidiane. Una percentuale minoritaria di anziani (10% degli ultra 65enni) soffre, invece, di disturbi della memoria ingravescenti, tali da comportare la perdita dell'autosufficienza; in queste situazioni la causa va studiata, diagnosticata e seguita nel tempo. Le ricerche degli ultimi anni hanno identificato una condizione di transizione tra la normalità e la demenza conclamata denominata Mild Cognitive Impairment (MCI, deterioramento cognitivo moderato), con un corrispettivo vascolare nella definizione di Vascular Cognitive Impairment No Dementia (VIND, deterioramento cognitivo vascolare, di grado modesto, senza le caratteristiche di demenza), nella quale si osserva un disturbo di memoria di entità superiore a quello atteso per l'età, senza che siano presenti i criteri per la diagnosi di demenza. Queste condizioni sono oggi considerate forme precliniche di demenza, che nel 35% dei casi, evolvono nei successivi due anni in demenza franca. Fino a non molto tempo fa, la demenza è stata considerata una normale sequela del processo di invecchiamento cerebrale, una sorta di conditio sine qua non della senescenza neuronale, cui si è data per molto tempo un unica etichetta arteriosclerosi, accomunando in questa condizione sia le patologie dementigene degenerative che quelle vascolari. Oggi, un approccio multidisciplinare e varie scale di valutazione consentono di poter stabilire in una grande maggioranza di casi l origine vascolare, degenerativa pura (per esempio,

14 14 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato la malattia di Alzheimer, AD) o associata ad altre estrinsecazioni neurologiche (quadri di deterioramento cognitivo associati, ad esempio, alla corea di Huntington). Il rischio di demenza negli anziani aumenta in maniera esponenziale con l'età. Nei paesi occidentali la malattia colpisce circa il 5% dei soggetti ultrasessantacinquenni, per arrivare ad interessare fino ad un terzo dei soggetti oltre gli 80 anni. Ogni anno, circa l'1% dei soggetti sopra i 65 anni si ammala di demenza. Le stime esatte della prevalenza della demenza variano a seconda della definizione della soglia di età utilizzata nella valutazione, ma è dato incontrovertibile il fatto che vi sia un aumento della prevalenza con l aumentare dell età: colpisce il 5-8% dei soggetti sopra i 65 anni, il 15-20% dei soggetti sopra i 75 anni e il 25-50% degli individui che hanno superato gli 85 anni di vita. Ciò comporta una crescita esponenziale conseguente delle problematiche sociali e sanitarie, con conseguente aumento delle spese di ospedalizzazione e di carico diagnostico e terapeutico per queste unità. In Italia, vengono ritenute valide stime approssimative di circa 127 nuovi casi di demenza l anno, ogni centomila abitanti di età superiore a 65 anni, ma anche qui si stima un raddoppiamento dei casi di demenza nei prossimi 25 anni. PREVALENZA DELLA DEMENZA tasso di prevalenza % Età M F M+F Fig. 4. Prevalenza del deterioramento cognitivo in rapporto all età

15 Introduzione 15 I dati dello studio ILSA indicano una prevalenza della demenza in Italia, per i soggetti di età compresa tra i 65 e gli 84 anni, del 5,3% negli uomini e del 7,2% nelle donne. In Italia si calcola, dunque, che le persone affette da questa patologia siano oltre Ciò considerando, dati di semplice estrapolazione consentono di affermare con ragionevole confidenza che si debba assistere ad un progressivo incremento dei casi di demenza in tutto il mondo, tenendo conto del graduale invecchiamento della popolazione. L età media della popolazione mondiale è in aumento e la fascia di popolazione ottuagenaria è quella che cresce piu rapidamente rispetto al resto della popolazione mondiale. L impatto sociale della demenza diventa devastante: le stime che provengono dall estrapolazione dei dati USA sono, a dir poco, eclatanti. Negli USA, infatti, il numero delle persone con demenza ospedalizzate e/o istituzionalizzate è in costante aumento: nel 1990 le persone ricoverate erano oltre un milione e mezzo. Nel 2005, esse hanno raggiunto quota due milioni e seicentomila persone. Di pari passo, le spese per l istituzionalizzazione di questi soggetti sono salite a valori pari a ventimila milioni di dollari nel E stato stimato che attualmente, in Italia, per ogni paziente con malattia di Alzheimer vengano spesi in media euro l anno: ciò include costi diretti ed indiretti. Infatti, le spese sociali globali comprendono non solo le cure offerte ai pazienti (terapie mediche, fisioterapie, istituzionalizzazioni), ma anche i costi derivati dalle ore di lavoro perdute e dalle eventuali terapie mediche offerte ai caregiver.

16 16 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Fig. 5. Costi diretti dei deterioramenti cognitivi I risultati di una ricerca sul tema realizzata dal Censis nel corso del 1999, su un campione rappresentativo relativo all'intero territorio nazionale, di 802 caregiver di pazienti affetti da malattia di Alzheimer e non istituzionalizzati, hanno dimostrato il forte coinvolgimento delle famiglia nella cura e nell'assistenza del malato di Alzheimer. Il quadro emerso dall'indagine conferma in modo drammatico il carattere "familiare" della malattia di Alzheimer: intanto perché totale è risultato il coinvolgimento della famiglia nella cura, nelle assistenza, nel sostegno psicologico e nella tutela del proprio congiunto, che la progressione della malattia rende non solo sempre più dipendente ma anche sempre più debole ed indifeso nei confronti di un mondo esterno che ignora o stenta a comprendere e comunque teme gli effetti devastanti delle malattia; a ciò si aggiunga la carenza dei servizi sanitari e socio-assistenziali di supporto ai sempre più pressanti bisogni di assistenza, che configurano i tratti di una delega praticamente totale alla famiglia nel trattamento di tali malati. L'insufficienza delle risposte istituzionali accentua il peso e le richieste esercitate dalla malattia sulla famiglia e acuisce il processo di isolamento di una famiglia abbandonata a se stessa e, spesso ad un destino di impoverimento e marginalizzazione. I familiari dei malati di Alzheimer dedicano mediamente sette

17 Introduzione 17 ore al giorno all'assistenza diretta del paziente e quasi undici ore alla sua sorveglianza. L'impatto dell'attività assistenziale è tanto più rilevante quanto più essa finisce per sommarsi all'impegno legato allo svolgimento di altri ruoli, professionali, familiari, genitoriali, con tutte le conseguenze che ciò comporta sulla dimensione affettiva, la disponibilità di tempo, lo stress psicofisico. Infatti, i caregiver sono in prevalenza donne con famiglia e figli che, soprattutto nei casi di malattia grave, ospitano il malato in casa. Il 74% dei caregivers è di sesso femminile e la percentuale di donne cresce al crescere della gravità della malattia degli assistiti (coloro che assistono malati gravi sono, per l'81,2%, donne); inoltre il 65% circa dei casi il caregiver convive col malato, il che avviene in oltre 2/3 dei casi per le situazioni di malattia grave. L impegno per i caregiver diventa spesso insostenibile, soprattutto se lasciati a se stessi, senza il supporto di strutture di riferimento. Dati molto recenti hanno dimostrato che almeno il 50% dei caregiver soffre di episodi depressivi; essi stessi riferiscono di essere impegnati una media di ore settimanali per accudire con costanza il proprio caro, riducendo le ore di sonno effettive, che pure sono di scarsissima qualità. Il 40% dei caregiver occupati perdono piu di diciassette giorni lavorativi all anno e un 20% di essi cessa ogni impegno lavorativo per affiancare il proprio congiunto. Al contrario di altre patologie croniche, in cui comunque l assistenza continua risulta gravosa, onerosa e difficile; qui i familiari supportano l impegno fisico speso a curare, lavare e nutrire questi soggetti, anche dalla netta e precisa sensazione del disgregarsi della personalità del loro congiunto; spesso manifestazioni di aggressività fisica o verbale, apatia o indifferenza per i problemi circostanti, agnosie anche per i volti più familiari non vengono accettati come spia di condizione morbosa e vengono vissuti ed interpretati come atti deliberati del congiunto e quindi non accettati oppure negati a viva forza. Qui, più che altrove si rivela con costante ed incontrastata puntualità la sindrome del burn out.

18 18 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato È noto che la causa principale di ricovero di persone anziane affette da demenza in case protette o in residenze sanitarie assistite è rappresentata da disturbi del comportamento. È altrettanto noto che l assistenza domiciliare, in buona parte dei casi non riesce a gestire in modo soddisfacente questi problemi. Inoltre, i disturbi del comportamento nel paziente anziano affetto da demenza sono responsabili di visite al pronto soccorso, di ricoveri in reparti medici, riducono la qualità di vita sia dei pazienti che dei familiari. Le capacità di funzionalità sociale e personale di questi pazienti sono significativamente compromesse, rispetto a quanto lascerebbero prevedere la sola presenza dei disturbi cognitivi. L osservazione e la valutazione clinica (anche delle eventuali comorbilità) sono fondamentali; l approccio al disturbo comportamentale deve prevedere la valutazione dell impatto sul paziente stesso (è nettamente differente l approccio clinico nei confronti di allucinazioni senza partecipazione emotiva e di allucinazioni che siano terrifiche, o che incutano tensione, ansia e disagio) e sul caregiver. Per ottimizzare la sperimentazione e, la pratica quotidiana, obiettivo primario del clinico deve essere quello di riconoscere i segni di alterazione cognitiva e non, in pazienti con un sovrapporsi di altre patologie, quali ad esempio alterazioni cerebrovascolari o disordini parkinsoniani. In quest ottica, assume un fondamentale riscontro la demenza vascolare, che è probabilmente il secondo tipo, in ordine di frequenza, di decadimento cognitivo. Nei Paesi Occidentali, essa è considerata come la responsabile di circa il 15 (7-21%) di tutti i casi di demenza in casistiche autoptiche, laddove un altro 10% (4-15%) è causato dall associazione della Malattia vascolare con la Malattia di Alzheimer (Rocca et al., 1991; Cazzullo e Clerici, 1999). Numerose alterazioni cerebrali sono state associate alla demenza vascolare, ma rimane a tutt oggi mal definito in che termini esse siano causa diretta o

19 Introduzione 19 sequenza logica del processo di decadimento cognitivo. Gli studi di Tomlinson (Tomlinson et al., 1970) hanno ipotizzato che la demenza vascolare sia associata alla perdita di volume di tessuto cerebrale, maggiore di una soglia limite di ml. Questi dati non sono stati confermati da studi successivi, che invece sembrano univocamente ritenere che il danno ipossico/ischemico/ metabolico esteso alle porzioni encefaliche sottocorticali sia la caratteristica della demenza vascolare, rispetto a quella di Alzheimer. Globalmente, i pazienti che si presentano con quadri di demenza vascolare mostrano alle neuroimmagini segni di molteplici lesioni ischemiche, corticosottocorticali, più facilmente riscontrabili a sinistra, con un aumento del rapporto volume ventricolare/volume cerebrale, con aree di leucoaraiosi e con un allargamento maggiore del corpo dei ventricoli laterali, rispetto al normale standard di invecchiamento cerebrale. Le macroscopiche alterazioni della sostanza bianca rivestono un ruolo didascalico nell estrinsecazione del danno cognitivo, tipico della demenza vascolare, con l interruzione dei circuiti di proiezione cortico-sottocorticali, indispensabili per la speditezza dell esecuzione di tutti i compiti cognitivi. Da ciò deriva che il quadro di più comune riscontro quindi, nell ambito di un decadimento vascolare è quello di una straordinaria lentezza nell esecutività delle funzioni superiori. Inoltre, se ne deduce che sia inaccettabile oggi parlare di deterioramento vascolare come un unicum concettuale: un conto è il deterioramento cognitivo sottocorticale, un conto il deterioramento da malattia multiinfartuale, un altro ancora è quello determinato da alterazione vascolare di singoli infarti strategici. Tuttavia, secondo i criteri dell Organizzazione Mondiale della Sanità (ICD- 10), il deterioramento cognitivo vascolare è una forma di decadimento in cui vi è una compromissione costante, e quindi tipica, delle capacità mnesiche, mentre le capacità di critica e di giudizio dovrebbero essere conservate. Sta di fatto, che come per tutte le realtà scientifiche, l empirismo dominante finisce per ottenebrare le definizioni di una rigida categorizzazione, e quindi, anche i pochi

20 20 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato dati di certezza vengono oggi ribaltati: secondo la più comune classificazione NINDS-AIREN, si è autorizzati a parlare di demenza vascolare probabile quando vi è l oggettività di un impairment cognitivo che compromette le attività comuni del vivere sociale, con coesistenza di segni neurologici focali compatibili con una diagnosi di ischemia cerebrale, associata ad un evidenza neuroradiologica e quando sia rispettato il nesso di correlazione temporale tra insorgenza di demenza e cerebro-vasculopatia. I vecchi criteri diagnostici, che sostenevano che un punteggio della scala di Hachinski (Hachinski et al..,1975) superiore a 7 fosse indicativo di una sicura diagnosi di demenza vascolare, sono oggi dibattuti; in una recente revisione della scala, si è pensato di introdurre un punteggio limbo tra 4 (al di sotto del quale si dovrebbe riconoscere un carattere degenerativo franco) e 7, come zona di dubbio, o di sovrapposizione di un cono d ombra clinico, che identifica, il possibile e purtroppo frequente dilemma diagnostico tra una forma vascolare pura e una a più tipico carattere degenerativo. L altro aspetto, definito canonico, della cosiddetta evoluzione a gradini, tipica dell andamento della demenza vascolare, non è più considerato patognomonico, in quanto ampie revisioni, supportate dalla comune pratica clinica, mettono spesso in risalto un inizio insidioso, e un evoluzione progressiva anche per i casi vascolari. Da ultimo, anche uno dei cardini del NINDS-AIREN, delle alterazioni della sostanza bianca, unicamente presenti nella demenza vascolare, è stato smentito da due recenti studi (Englund, 1998; Wallin, 1998), in cui si è dimostrato a chiare lettere un alterazione evidente, anche se non eclatante, della sostanza bianca anche in molteplici casi studiati di Malattia di Alzheimer, a tal punto da poter far ipotizzare (sussurrando) un trait-d union fra le due vie etiopatogenetiche, sottintendenti la demenza vascolare e quella degenerativa. Un ultima spallata alle ataviche convinzioni è stata data da un lavoro recentissimo (Meyer et al., 2000) che ha stabilito quali rischi di involuzione verso forme franche di Alzheimer comportino, il repentino declino perfusionale

21 Introduzione 21 cortico-cerebrale, l ipertensione, l iperlipidemia e il rischio di bassa portata da alterazione della dinamica cardiaca; verrebbe così spiegato l aumento effettivo dell incidenza della demenza, anche Alzheimer, nella popolazione anziana. Il sovrapporsi e la possibile concomitanza della demenza degenerativa e di quella vascolare sono due realtà non solo non impossibili, ma anzi altamente probabili, anche se a tutt oggi mancano gli elementi per la comprensione etiopatogenetica del fenomeno. Tenendo conto tuttavia dell impatto invalidante delle forme vascolari, in cui per la concomitante e succitata presenza di segni a focolaio, testimoni di alterazioni lesionali cortico-sottocorticali importanti, con difficoltà nella deambulazione, impaccio nei movimenti fini, perdita dell equilibrio e cadute a terra, diviene di primaria importanza il precoce riconoscimento, da parte del clinico di sintomi prodromici. Una buona prevenzione primaria, e qualora questa fosse impossibile, una corretta valutazione secondaria diventano un cardine nella riduzione di almeno una parte di quei fattori di rischio noti, per evitare alterazioni dinamiche della perfusione cerebrale. L utilizzo di farmaci mirati, quali la selegilina, o fattori nootropi è ancor oggi dibattuto; resta inteso che sono aperti trials per verificare l efficacia dei farmaci di più recente introduzione, quali gli anticolinesterasici, nella terapia della demenza vascolare. Del resto, una terapia risolutiva e mirata, è ancora materia per il futuro, ed impone una attenzione da parte del mondo scientifico costante, anche per queste forme, oggi in parte nell ombra.

22 VASCOLARIZZAZIONE CEREBRALE: ANATOMIA E FISOLOGIA Rita Moretti, Paola Torre, Cristina Vilotti Clinica Neurologica, Università di Trieste Ogni emisfero cerebrale viene irrorato da un arteria carotide interna, che si origina dall arteria carotide comune, al di sotto dell angolo mandibolare, penetra nel cranio attraverso il forame carotideo, attraversa il seno cavernoso, dando origine, a questo livello all arteria oftalmica, passa attraverso la dura e si divide nelle arterie cerebrali anteriore e media. Fig. 6. Circolazione cerebrale: visione sagittale I grandi rami superficiali dell arteria cerebrale anteriore irrorano la corteccia e la sostanza bianca del lobo frontale inferiore, la superficie mediale dei lobi frontale e parietale e la parte anteriore del corpo calloso. I rami perforanti, più piccoli, irrorano regioni telencefaliche e di encefaliche profonde, quali le strutture limbiche, la testa del nucleo caudato e il braccio anteriore della capsula interna (Barnett, 1988). I grandi rami superficiali dell arteria cerebrale media irrorano la maggior parte della corteccia e della sostanza bianca della convessità degli emisferi, quali i lobi frontali, parietale, temporale e occipitale e l insula. I rami perforanti più piccoli (arterie lenticolostriate) supportano le regioni della sostanza bianca più profonde e le strutture di encefaliche, oltre che il braccio posteriore della capsula interna, il putamen, il segmento esterno del globus pallidus, e il corpo del nucleo caudato. Dopo che l arteria carotide interna fuoriesce dal seno cavernoso dà origine all arteria corioidea anteriore, destinata alla parte anteriore dell ippocampo e, a livello più caudale, il braccio posteriore della capsula interna.

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO

7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO SNC2 telencefalo Telencefalo Sostanza nera 7. TELENCEFALO: CORTECCIA CEREBRALE NUCLEI DELLA BASE SISTEMA LIMBICO utamen lobo allido Nucleo caudato In sezione frontale: Nuclei della base il corpo striato

Dettagli

Neuroscienze e diagnostica

Neuroscienze e diagnostica e diagnostica Sta diventando sempre più evidente che il concetto di plasticità cerebrale e sinaptica sia alla base della possibilità dell individuo di cambiare e quindi di diventare non solo quello per

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO: IL SISTEMA NERVOSO SOMATICO ED IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO. Sezione schematica trasversale del midollo spinale

IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO: IL SISTEMA NERVOSO SOMATICO ED IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO. Sezione schematica trasversale del midollo spinale IL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO: IL SISTEMA NERVOSO SOMATICO ED IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO Sezione schematica trasversale del midollo spinale 1 Nervi cranici: sono 12 paia di nervi che fuoriescono dall

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Sinapsi chimiche, la trasmissione dei segnali viene garantita da un mediatore chimico Sinapsi elettriche, risultano estremamente veloci nella

Sinapsi chimiche, la trasmissione dei segnali viene garantita da un mediatore chimico Sinapsi elettriche, risultano estremamente veloci nella Sinapsi -sito di contatto tra due cellule nervose -ruolo nella trasmissione delle informazioni -il contatto neurone-fibra muscolare prende il nome di placca motrice o giunzione neuromuscolare Sinapsi

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT Anatomia Arterie coronarie Le arterie coronarie principali sono due: la coronaria sinistra e la coronaria destra Coronaria sinistra: il primo tratto della coronaria sinistra, viene denominato tronco comune;

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

OLIMPIADI ITALIANE DELLE NEUROSCIENZE 2014 GARE LOCALI - A VERSIONE PER I DOCENTI ISTRUZIONI PER L USO

OLIMPIADI ITALIANE DELLE NEUROSCIENZE 2014 GARE LOCALI - A VERSIONE PER I DOCENTI ISTRUZIONI PER L USO OLIMPIADI ITALIANE DELLE NEUROSCIENZE 2014 GARE LOCALI - A ERSIONE PER I DOCENTI ISTRUZIONI PER L USO NEUROANATOMIA (prova individuale): 4 diverse tavole mute di cervello umano, con indicate 5 diverse

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Indice generale. Orientamento, sviluppo, anatomia macroscopica, vascolarizzazione e meningi...1. 1 Orientamento...3. 2 Sviluppo...

Indice generale. Orientamento, sviluppo, anatomia macroscopica, vascolarizzazione e meningi...1. 1 Orientamento...3. 2 Sviluppo... Indice generale Sezione I Orientamento, sviluppo, anatomia macroscopica, vascolarizzazione e meningi...1 1 Orientamento...3 Bibliografia...3 2 Sviluppo... 7 Fasi precoci della morfogenesi...7 Formazione

Dettagli

CON L AVANZARE DELL ETÀ

CON L AVANZARE DELL ETÀ DECLINO COGNITIVO CON L AVANZARE DELL ETÀ il contributo della neuroradiologia Dott.ssa E. Prodi Dott.ssa M.C. Valentini Martedì salute, Torino 12 Novembre 2013 L invecchiamento Modificazioni strutturali:

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

TESSUTO DEL MIOCARDIO. 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte.

TESSUTO DEL MIOCARDIO. 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte. TESSUTO DEL MIOCARDIO 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte. 2. Tessuto di conduzione, costituito da tessuto muscolare specializzato

Dettagli

Maurizia Rasura. UOS Stroke Unit Azienda Ospedaliera Sant Andrea. Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università, Roma

Maurizia Rasura. UOS Stroke Unit Azienda Ospedaliera Sant Andrea. Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università, Roma DISABILITÀ DEL PAZIENTE CON ICTUS CARDIOEMBOLICO O Maurizia Rasura UOS Stroke Unit Azienda Ospedaliera Sant Andrea Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università, Roma Fibrillazione Atriale (FA)

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Prof. Roberto Cotrufo 2009 Definizione di demenza La demenza è una sindrome caratterizzata da deterioramento di capacità cognitive

Dettagli

Il sistema nervoso. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

Il sistema nervoso. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara Il sistema nervoso Il neurone È costituito da: Corpo cellulare (o soma) Neurite o Assone (è la fibra nervosa) Dendriti (sono brevi prolungamenti) Le fibre nervose Le fibre nervose, riunite in fasci, formano

Dettagli

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 IPERTENSIONE ARTERIOSA IPERTENSIONE L ipertensione è la più comune malattia cardiovascolare. Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio

Dettagli

Disturbi comportamentali Aspetti clinici

Disturbi comportamentali Aspetti clinici Disturbi comportamentali Aspetti clinici Dott. ssa Livia Ludovico La Malattia di Alzheimer: gli aspetti clinici e l alleanza terapeutica Hotel Parma & Congressi Via Emilia Ovest, 281/A - Parma 24 settembre

Dettagli

I NUMEROSI ASPETTI SONOGRAFICI DELL'INSUFFICIENZA VENOSA CEREBRO-SPINALE: COME ESEGUIRE UN ESAME DOPPLER IN UN PAZIENTE CON SCLEROSI MULTIPLA

I NUMEROSI ASPETTI SONOGRAFICI DELL'INSUFFICIENZA VENOSA CEREBRO-SPINALE: COME ESEGUIRE UN ESAME DOPPLER IN UN PAZIENTE CON SCLEROSI MULTIPLA Traduzione in Italiano dell'articolo "THE MANY SONOGRAPHIC FACES OF THE CHRONIC CEREBROSPINAL VENOUS INSUFFICIENCY: HOW TO PERFORM DOPPLER EXAMINATION IN A MULTIPLE SCLEROSIS PATIENT" del Dr. M. Simka

Dettagli

NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO

NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO NEUROSCIENZE CLINICHE COCAINA: CONSEGUENZE SULLE FUNZIONI CEREBRALI E SUL COMPORTAMENTO ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Prof.ssa Barbara De Marchi Meccanismi d azione della cocaina! La cocaina agisce su re-uptake

Dettagli

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI 1 CORSO FORMATIVO/INFORMATIVO MESORACA (KR) 24/ 28 MAGGIO ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI DOTT.SSA MARIANTONIA ALTIMARI DIRIGENTE RESPONSABILE CSM MESORACA ASPETTATIVA DI VITA Il miglioramento

Dettagli

OBSERVATION TREATMENT (AOT)

OBSERVATION TREATMENT (AOT) ABSTRACT Valutazione dell efficacia dell ACTION OBSERVATION TREATMENT (AOT) sull impairment funzionale in pazienti con Demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato - Studio randomizzato e controllato Il

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE A06 152 Maria Grazia Belvedere Paolo Ruggeri IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE AFFETTO DA IPERTENSIONE ARTERIOSA POLMONARE ANALISI DI UN CASO CLINICO E REVISIONE DELLA LETTERATURA Copyright

Dettagli

La L D eme m nz n a z

La L D eme m nz n a z La Demenza Background La demenza è una delle principali cause di disabilità nel mondo occidentale e rappresenta una priorità assistenziale, soprattutto in termini di costi, che aumenterà nei prossimi anni

Dettagli

Indice generale PRINCIPI DI BASE INTRODUZIONE AL RAGIONAMENTO CLINICO. Sezione I. Sezione II

Indice generale PRINCIPI DI BASE INTRODUZIONE AL RAGIONAMENTO CLINICO. Sezione I. Sezione II Indice generale Sezione I PRINCIPI DI BASE 1. Elementi fondamentali del sistema nervoso............................... 1 Piano generale del sistema nervoso........ 1 Divisioni principali....................

Dettagli

ICTUS ISCHEMICO ICTUS EMORRAGICO

ICTUS ISCHEMICO ICTUS EMORRAGICO Prof. Di Bari ICTUS Definizione La malattia cerebrovascolare comprende l ICTUS, il TIA (attacco ischemico transitorio), e la DEMENZA VASCOLARE. L ictus è un disturbo focale delle funzioni cerebrali dovuto

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche Rigenerazione del Sistema Nervoso Biotecnologie Farmaceutiche Concetti Generali Il Sistema Nervoso Centrale (CNS) è resistente a fenomeni rigenerativi Le cellule staminali del CNS sono Presenti in piccolo

Dettagli

Anatomia Umana. Lezione 11

Anatomia Umana. Lezione 11 Anatomia Umana Lezione 11 VENTRICOLI ENCEFALICI I ventricoli sono cavità all interno dell encefalo contenenti liquido cerebrospinale e tappezzate da cellule ependimali. Nell encefalo adulto vi sono 4

Dettagli

http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll

http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll link simulazione http://perception02.cineca.it/q4/perception.dll username: studente bisazza password: bisazza La nocicezione, risultato di una somma algebrica L intensità dell informazione nocicettiva

Dettagli

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC La valutazione comportamentale Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC Ruolo dei disturbi comportamentali nella demenza sono la prima causa di stress nel care-giver (Rabins et al,

Dettagli

NEUROSCIENZE CAPITOLO 1 I FONDAMENTI

NEUROSCIENZE CAPITOLO 1 I FONDAMENTI CAPITOLO 1 I FONDAMENTI NEUROSCIENZE L encefalo ed il midollo spinale sono organizzati secondo due assi principali: l asse rostro-caudale e l asse dorso-ventrale. Il sistema nervoso centrale è prevalentemente

Dettagli

I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI

I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI PERCHÉ UNA SOSTANZA POSSA DIRSI NEUROTRASMETTITORE (NT) 1.1 La molecola deve essere localizzata nel neurone presinaptico IMMUNOCITOCHIMICA 1.2 La molecola deve essere sintetizzata

Dettagli

Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi i

Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi i Neurotrasmettitori e recettori sinaptici Neurotrasmettitore Sostanza liberata da una cellula nervosa presinaptica, in grado di agire in maniera specifica su una cellula postsinaptica. In alcune sinapsi

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Cosa sono le patologie neurodegenerative. Dr. R. Padoan Neurologia Feltre

Cosa sono le patologie neurodegenerative. Dr. R. Padoan Neurologia Feltre Cosa sono le patologie neurodegenerative Dr. R. Padoan Neurologia Feltre Le malattie neurodegenerative sono un insieme variegato di malattie del cervello, accomunate da un processo cronico e selettivo

Dettagli

sistema nervoso parte 3: neuroimaging, neuroni specchio, memoria, sistema limbico, plasticità sinaptica, malattie del sistema nervoso.

sistema nervoso parte 3: neuroimaging, neuroni specchio, memoria, sistema limbico, plasticità sinaptica, malattie del sistema nervoso. sistema nervoso parte 3: neuroimaging, neuroni specchio, memoria, sistema limbico, plasticità sinaptica, malattie del sistema nervoso. neuroimaging Il Neuroimaging è l utilizzo di varie tecnologie di in

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare?

Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare? Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare? Dr.ssa Elisabetta Corengia Dr.ssa Caterina Barrilà Ospedale Valduce Como Neurologia da Lo smemorato di Tapiola Arto Paasilinna

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI.

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI. IL CORPO UMANO FUNZIONA CORRETTAMENTE SOLO SE TIENE CONTO DELLE CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE SIA INTERNO CHE ESTERNO E SE GLI ORGANI DEI SUOI DIVERSI APPARATI SONO COORDINATI TRA LORO. IL SISTEMA NERVOSO

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI SEDE DI VARESE LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI Dott.ssa Cristina Morelli La malattia di Alzheimer è la più comune forma di demenza: colpisce l 1% della popolazione occidentale, il 6%

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

PARTE II LA FENOMENOLOGIA E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DEI DISTURBI SENILI DELL UMORE

PARTE II LA FENOMENOLOGIA E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DEI DISTURBI SENILI DELL UMORE Indice Collaboratori, XIII Introduzione, XVII PARTE I EPIDEMIOLOGIA E CARICO DELLA MALATTIA Epidemiologia dei disturbi depressivi nell età senile, Identificazione del caso, Prevalenza, incidenza e distribuzione,

Dettagli

Vertova 18-Settembre-2010. La terapia della malattia di Alzheimer Lo stato della ricerca e della terapia oggi.

Vertova 18-Settembre-2010. La terapia della malattia di Alzheimer Lo stato della ricerca e della terapia oggi. Vertova 18-Settembre-2010 La terapia della malattia di Alzheimer Lo stato della ricerca e della terapia oggi. Epidemiologia m.alzheimer Secondo ADI(Alzheimer s disease international) 1) 35 milioni persone

Dettagli

II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici. Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014

II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici. Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014 II dolore nel paziente con demenza: aspetti fisiopatologici Dr ssa Michela Marcon CDC Neurologia Sabato 20 settembre 2014 Secondo l International Association for the Study of Pain: Il dolore è un esperienza

Dettagli

danni alla cellula, tra cui:

danni alla cellula, tra cui: IL DANNO CELLULARE Vi sono diversi stimoli che possono causare danni alla cellula, tra cui: Agenti fisici (traumi meccanici, radiazioni, variazioni di temperatura, t etc.) Agenti chimici (farmaci, veleni,

Dettagli

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST Approccio psichiatrico nelle Demenze Depressione Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia

Dettagli

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi a cura di Pompeo Pindozzi La malattia di Alzheimer: COS E IL PROGETTO CRONOS LA RETE ASSISTENZIALE DEL PROGETTO CRONOS: OPERATORI E STRUTTURE COINVOLTE Il progetto cronos è il più ampio studio clinico-epidemiologico

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

I disturbi della mente

I disturbi della mente a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 I disturbi della mente 16/5/2006 Evoluzione Degenerazione delle capacità cognitive Invecchiamento buono Invecchiamento fisiologico

Dettagli

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco DEMENZA Sindrome clinica caratterizzata dal deterioramento della memoria e delle altre funzioni cognitive rispetto al livello di sviluppo

Dettagli

Premessa. Le basi dello shock

Premessa. Le basi dello shock SHOCK Premessa Lo shock è una condizione patologica pericolosa per la vita del paziente, ad insorgenza più o meno rapida, che si sviluppa come conseguenza di diverse malattie o lesioni. Nel 1852 un chirurgo

Dettagli

LA DISFUNZIONE ERETTILE

LA DISFUNZIONE ERETTILE LA DISFUNZIONE ERETTILE Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cosa significa disfunzione Per disfunzione erettile (DE) si intende l incapacità a

Dettagli

PATOLOGIE 3 ALTRE FORME DI DEMENZA

PATOLOGIE 3 ALTRE FORME DI DEMENZA DEMENZA VASCOLARE PATOLOGIE 3 ALTRE FORME DI DEMENZA CRITERI DIAGNOSTICI DEL DSM-IV Esaminiamo adesso i principali quadri di demenza secondaria, iniziando dalle demenze vascolari, le più frequenti, che

Dettagli

DOMANDE A SCELTA MULTIPLA

DOMANDE A SCELTA MULTIPLA DOMANDE A SCELTA MULTIPLA Nome e cognome Alle domande rispondere con V (vero) o F (falso) nell apposita casella riservato alla giuria 1-I neuroni: Sono costituiti da corpo cellulare, assone e dendriti

Dettagli

ENCEFALO E NERVI CRANICI

ENCEFALO E NERVI CRANICI ENCEFALO E NERVI CRANICI ORGANIZZAZIONE ANATOMICA DEL TESSUTO NERVOSO --SISTEMA NERVOSO CENTRALE (SNC) (racchiuso all interno di una struttura ossea CRANIO+CANALE VERTEBRALE: protezione fisica): CERVELLO

Dettagli

P aria (livello del mare) = 760 mmhg. Composizione: O 2 : 20.84% N 2 : 78.62% CO 2 : 0.04% po 2 = 159 mmhg. pn 2 = 597mmHg. pco 2 = 0.

P aria (livello del mare) = 760 mmhg. Composizione: O 2 : 20.84% N 2 : 78.62% CO 2 : 0.04% po 2 = 159 mmhg. pn 2 = 597mmHg. pco 2 = 0. Scambi alveolari Aria atmosferica = miscela di gas (principalmente O 2, N 2, CO 2 ) La velocità di diffusione di un gas (quantità di gas che diffonde nell unità di tempo) è direttamente proporzionale alla

Dettagli

DEMENZE. Demenze secondarie

DEMENZE. Demenze secondarie Prof. Benvenuti DEMENZE La demenza è caratterizzata da un declino cognitivo che si manifesta con uno stato di coscienza normale e in assenza di altre malattie acute o sub-acute che possono causare un declino

Dettagli

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della CO 2 in direzione opposta. L aria che respiriamo è una

Dettagli

Sistema nervoso autonomo

Sistema nervoso autonomo Sistema nervoso autonomo Provvede alla regolazione delle funzioni viscerali dell organismo, finalizzate al mantenimento dell omeostasi del mezzo interno L omeostasi è mantenuta grazie all equilibrio tra

Dettagli

Il mondo invecchia Il mondo invecchia

Il mondo invecchia Il mondo invecchia Il mondo invecchia Il mondo invecchia Evoluzione della popolazione anziana per classi d età e tassi di demenza Il cervello invecchia DISTURBI INTELLETTIVI DEL CERVELLO ANZIANO Declino della memoria Riduzione

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Modificato in versione stampa da: www.slidetube.it. Il sistema nervoso

Modificato in versione stampa da: www.slidetube.it. Il sistema nervoso Modificato in versione stampa da: www.slidetube.it Il sistema nervoso Struttura e funzione del sistema nervoso Il sistema nervoso riceve e interpreta gli impulsi sensoriali e trasmette quindi i comandi

Dettagli

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo!

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! Dott.ssa Edi Farnetani Dott. Alessio Damora 22-12-2011 ü Senectus ipse morbus est Terenzio ü I migliori anni della loro vita 65

Dettagli

SLA e mitocondri. sporadica. genetica. attività del Complesso II e IV. stress ossidativo. citosolica e mitocondriale SOD1

SLA e mitocondri. sporadica. genetica. attività del Complesso II e IV. stress ossidativo. citosolica e mitocondriale SOD1 SLA e mitocondri sporadica attività del Complesso II e IV stress ossidativo genetica SOD1 citosolica e mitocondriale Huntington e mitocondri attività del Complesso II e III acido 3-nitropropionico (C2)

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

SERVIZIO DI OCULISTICA

SERVIZIO DI OCULISTICA SERVIZIO DI OCULISTICA Cellula gangliare Bastoncello Nervo ottico Retina Cono Vasi sanguigni della retina Coroide Cornea Iride Pupilla Cristallino Corpo ciliare Corpo vitreo Sclera ASSOCIAZIONE ITALIANA

Dettagli

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA LE FRAGILITA DELL ANZIANO Motoria FRAGILITA Cerebro-vascolare Cognitiva Ambientale Metabolica STROKE 80 % ISCHEMICO EMORRAGICO 20 % CORTICALE A. cerebrale ant. A. cerebrale media A. cerebrale post. SOTTOCORTICALE

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

I COSTI SOCIALI E I BISOGNI ASSISTENZIALI

I COSTI SOCIALI E I BISOGNI ASSISTENZIALI C E N S I S Fondazione Censis Centro Studi Investimenti Sociali Federazione A.L.I.Ce. Italia Onlus Associazione per la Lotta all Ictus Cerebrale Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche Università

Dettagli

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido extracellulare e dalla loro regolazione. Membrana cellulare Ogni cellula presenta

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7384 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA Istituzione di centri a carattere scientifico per la prevenzione

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

Funzioni dell apparato respiratorio

Funzioni dell apparato respiratorio Funzioni dell apparato respiratorio -Scambi di O2 e CO2 -Regolazione ph -Protezione da patogeni inalati -Vocalizzazione respirazione Ventilazione Scambi gassosi polmonari Trasporto dei gas respiratori

Dettagli

I neurotrasmettitori

I neurotrasmettitori I neurotrasmettitori Classificazione dei farmaci in base agli effetti sulla trasmissione sinaptica AGONISTI: farmaci che facilitano gli effetti postsinaptici di un certo neurotrasmettitore ANTAGONISTI:

Dettagli

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE Corso di Laurea Magistrale in Farmacia A.A. 2013-2014 -seconda sessione: dal 16 giugno al 31 luglio 2014 -terza sessione: dal 1 al 30 settembre 2014 sessione

Dettagli

Indice delle illustrazioni Guida per lo studente Presentazione dell opera

Indice delle illustrazioni Guida per lo studente Presentazione dell opera xi INDICE GENERALE Indice delle illustrazioni Guida per lo studente Presentazione dell opera xiii xvii xviii SEZIONE A: ANATOMIA DESCRITTIVA 1 Visione d insieme 4 Midollo spinale 8 Tronco dell encefalo

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale Membrana plasmatica: struttura e funzione Reticolo endoplasmatico Citoscheletro Proteine di membrana Proteine di membrana e segnali Strutture di contatto

Dettagli