La demenza vascolare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La demenza vascolare"

Transcript

1 A06 67

2

3 CLINICA DI NEUROLOGIA DIPARTMENTO DI MEDICINA CLINICA E NEUROLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Rita Moretti / Paola Torre Rodolfo Antonello / Gilberto Pizzolato La demenza vascolare Realtà cliniche, prospettive terapeutiche, identità biologiche

4 Copyright MMVII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2007

5 INDICE Cap.1 INTRODUZIONE Pag. 7 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Cap. 2 VASCOLARIZZAZIONE CEREBRALE: ANATOMIA E FISIOLOGIA Pag. 22 Moretti, Torre, Vilotti Cap.3 LE ALTERAZIONI VASCOLARI NELL ANZIANO Pag. 34 Moretti, Torre, Antonello Cap. 4 L ISCHEMIA CEREBRALE Pag. 41 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Cap. 5 LA DEFINIZIONE OPERATIVA DI DEMENZA VASCOLARE Pag. 51 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Cap. 6 DEMENZA VASCOLARE MULTI-INFARTUALE Pag. 61 Moretti, Torre, Antonello, Vilotti Cap. 7 DEMENZA DA SINGOLI INFARTI STRATEGICI Pag. 66 Moretti, Torre, Antonello Cap.8 DETERORAMENTO COGNITIVO VASCOLARE SOTTOCORTICALE Pag. 71 Moretti, Torre, Antonello, Vilotti Cap. 9 IL CONTRIBUTO DELLA NEUROIMMAGINE NEL DETERIORAMENTO Pag. 80 COGNITIVO Moretti, Torre, Antonello, Bratina, Ukmar Cap. 10 NEUROPSICOLOGIA DEL DETERIORAMENTO COGNITIVO VASCOLARE Pag. 88 Moretti, Torre Cap. 11 CASI CLINICI Pag. 95 Moretti, Torre, Vilotti, Antonello Cap. 12 TERAPIA DEL DETERIORAMENTO COGNITIVO VASCOLARE Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Pag. 108 Cap. 13 RUOLO DELL ACETILCOLINA NEL DETERIORAMENTO VASCOLARE Moretti, Torre, Antonello Pag. 123 Cap. 14 INIBITORI DELLA COLINESTERASI NEL TRATTAMENTO DELLA DEMENZA Pag. VASCOLARE 130 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Cap.15 RIVASTIGMINA NEL TRATTAMENTO DELLA DEMENZA VASCOLARE Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Pag. 140 Cap. 16 CONCLUSIONI Pag. 150 Cap. 17 BIBLIOGRAFIA Pag. 151

6

7 INTRODUZIONE Rita Moretti, Paola Torre, Rodolfo M. Antonello, Gilberto Pizzolato Clinica Neurologica, Università di Trieste Nel nostro Paese, la dinamica della popolazione anziana è una delle più significative nel mondo intero; in Italia, la percentuale di ultrasessantacinquenni (16%) ha superato quella dei soggetti con meno di 15 anni (15%). Considerato che l'attuale speranza di vita alla nascita e a 65 anni sia significativamente aumentata nelle ultime decadi, che la longevità sia una delle più elevate del mondo, e che la fecondità sia una delle più basse del mondo (1.2 figli per donna), si presuppone che si vada incontro ad una graduale senilizzazione della popolazione. Secondo un estrapolazione, nel 2030 gli ultrasessantacinquenni saranno 14,4 milioni (il 27% della popolazione totale). In termini relativi, rapportando le due code della distribuzione per età, ovvero gli ultrasessantacinquenni ai giovani con meno di 15 anni di età, la trasformazione rispetto al recente passato sarebbe ancor più straordinaria. Agli inizi degli anni '50 si contavano 3 giovani per ogni anziano; nel 1991 il rapporto era di 1:1; oggi, è già diventato di 1,13:1. Conformemente ai dati ISTAT, si osserva infatti che l indice di vecchiaia (cioè il numero degli ultrasessantacinquenni in rapporto alla popolazione di età compresa tra 0 e 14 anni) va salendo, a partire dal 1990, con una velocità costante. Nel 1990 l indice era pari a 87; nel 2010 si eleverà a quota 168. La composizione per età della popolazione anziana è destinata ad invecchiare ulteriormente e già nella seconda decade del prossimo secolo i "grandi vecchi", con più di 75 anni di età, diverranno numerosi quanto i 65-74enni e ciascuna delle due fasce d'età raggiungerà e supererà il 10% del totale della popolazione. Già intorno al 2020, più di due persone su otto avranno più di 65 anni di età e, tra queste, una avrà tra i 65 e i 74 anni e l'altra più di 75 anni di età (Vedi Tab. 1 e Fig. 1).

8 8 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Tabella 1. Speranza di vita alla nascita e a 65 anni (da: Relazione generale sulla condizione economica del paese, 1995). Maschi Femmine Alla A 65 anni Alla A 65 anni nascita nascita Veneto Lombardia Indice di vecchiaia delle Regioni italiane (>65 anni/0-14 anni) Piemonte Liguria Toscana Marche Abbruzzo Campania Basilicata Sicilia Fig. 1. Indice di vecchia delle Regioni Italiane E' diffusa l'opinione che l'invecchiamento si accompagni inesorabilmente alla perdita di numerose funzioni sia fisiche che mentali. Il deterioramento delle capacità mentali - che una cultura obsoleta continua a considerare "naturale" - è in realtà causato, più spesso di quanto non si creda, oltre che da numerose malattie (alcune delle quali curabili), dall'abbandono, dall'emarginazione sociale, dalla perdita di relazioni affettive, nonché dalla carenza di esercizio mentale e fisico. Va sottolineato fin da ora che la grande maggioranza delle persone anziane conserva un cervello in grado di funzionare in modo corretto. Sono numerosi gli anziani che in età avanzata conservano la capacità di svolgere compiti complessi e di rivestire incarichi sociali impegnativi.

9 Introduzione 9 L invecchiamento è un processo continuo e progressivo, che si caratterizza per una estrema eterogeneità inter-individuale (le manifestazioni sono variabili in qualità e in quantità tra individuo ed individuo) che intra-individuale (non tutti gli apparati ed i sistemi sono interessati in maniera omogenea al processo di senescenza). Da qui il principio fondamentale della geriatria: l anziano è soggetto a massima individualità biologica, del quale non è possibile identificare un modello paradigmatico di riferimento, espressione della normalità (Senin, 1999). L invecchiamento è un processo che si sviluppa lungo l intero arco della vita di un individuo, ma che inizia a manifestarsi, fenotipicamente, dopo il raggiungimento della maturità. Nell uomo le modalità con cui esso si realizza sono il risultato dell interazione di numerosi fattori, biologici, psicologici, ambientali, sociali ed economici. I progressi della medicina, i miglioramenti della situazione igienica, alimentare e lavorativa hanno prolungato la vita e sembrano aver protratto il tempo della vecchiaia. Mentre un tempo la vecchiaia era la fase della saggezza e dell equilibrio morale e l anziano era la memoria storica della società, il custode delle tradizioni e il detentore di un patrimonio di esperienze professionali tramandabile alle generazioni future, la cultura dominante oggi è quella della last information, della rincorsa all ultima notizia, dell aggiornamento continuo. Per una società che sembra rinnegare o quanto meno dimenticare le sue origini, l anziano ha meno valore di un individuo in età attiva, in quanto al momento del pensionamento si riduce il suo ruolo sociale ed economico. L anziano inoltre può perdere un condizione di salute ottimale e l autosufficienza per il graduale subentrare di malattie croniche invalidanti e di processi di deterioramento cognitivo..alle volte tutto ciò può interagire in modo conflittuale con il contesto sociale e diventare ancora più grave (Lori, 1995). Fisiologicamente, il cervello senile è caratterizzato da una serie di reperti morfologici involutivi: si possono perciò osservare depositi citoplasmatici di lipofuscine, che si accumulano tipicamente a livello di alcuni nuclei, in

10 10 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato particolare dell olivare inferiore, del nucleo dentato, del nucleo pallido. Si osservano anche la comparsa di vescicole di 3-5microm di diametro, con core centrale indefinito, forse contenenti proteine tau, neurofilamenti e microtubuli, molto evidenti a livello dell ippocampo, ma pure presenti a livello del nucleo basale di Meynert, dell amigdala, della corteccia frontale e del giro cingolato. Si osservano inoltre corpi di Lewy, derivati da accumuli di proteine neurofilamentari, dei corpi di Hirano (costituiti da actina degenerata, vinculina, tropomiosina e proteine tau, evidenti soprattutto a livello dell ippocampo) e dei grovigli neurofilamentari, la cui formazione, espressione della distorsione e del collasso dei microtubuli, potrebbe essere sinonimo di un alterazione del flusso citoplasmatico assonale. Queste alterazioni dei meccanismi di trasporto causano il rallentamento del transito delle proteine verso le strutture assonali. Fig. 2. Grovigli neurofibrillari (in alto a sinistra) e placche senili (frecce bianche) ed espressione di angiopatia congofila (frecce nere) (in alto a destra) Nel cervello senile sano, i grovigli neurofibrillari si localizzano esclusivamente nelle strutture mediali del lobo temporale (amigdala e ippocampo), mai nella neocortex, come invece avviene di regola nella Malattia di Alzheimer. Inoltre, si osservano accumuli di beta amiloide, diffusi, ma poco strutturati presenti nell archicortex (ippocampo, amigdala ed ipotalamo).

11 Introduzione 11 Anche la glia si modifica e va ad aumentare il numero di astrociti corticali, che determinano la cosiddetta gliosi senile. Dal punto di vista fisiopatologico poi, il microcircolo va incontro ad una degenerazione ialina, tipico risultato dello stress di parete esercitato dalla corrente ematica. In più si osserva una riduzione dell attività enzimatica della fosfofruttochinasi e probabilmente dell isocitrato sintetasi, enzimi coinvolti nel ciclo di Krebs. Nel cervello senile si verifica una riduzione della trasmissione neuronale, correlata sia a modificazioni quantitative che qualitative, sia ad una ridotta sensibilità recettoriale. Questo fenomeno viene ritenuto in parte responsabile dell alterata risposta clinica che si verifica negli anziani sottoposti a trattamenti psicofarmacologici, con ipersensibilità agli effetti indesiderati dei farmaci (Blennow et al., 1991; Blennow e Gottfries, 1998). Anche dal punto di vista neurotrasmettitoriale vi è un impoverimento dell encefalo senile rispetto a quello dell adulto; sembra che vi sia un deficit del sistema colinergico, tant è che un trattamento con scopolamina (antagonista dall acetilcolina per i recettori muscarinici) è causa di alterazione della conservazione della traccia mnesica, con progressiva riduzione dell apprendimento di nuovo materiale (Ehlert et al., 1994). Fig. 3. Proiezioni colinergiche cerebrali

12 12 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Con l invecchiamento si osserva una progressiva riduzione di tutte le attività enzimatiche legate al metabolismo delle catecoalmine: la dopamina diminuisce a partire dal ventesimo anno di età, a livello dello striato, dell ippocampo, del nucleo accumbens e della substantia nigra. Inoltre, si osserva una riduzione progressiva con l età, dell attività enzimatica biosintetica tiroxinaidrossilasi, cui si affianca un incremento dei livelli di dopamina nei neuroni residui (Palmer e DeKosky, 1993). I meccanismi alla base dell invecchiamento sono oscuri, ma le modificazioni neurbiologiche dell invecchiamento, al pari del coinvolgimento differenziale dei sistemi funzionali, possono influenzare il modo di invecchiare (Coffey e Cummings, 2001). Alterazione Diminuzione livelli di acetilcolinesterasi Diminuzione livelli di anidrasi carbonica Aumento dei livelli di catecolo O- metiltransferasi Diminuzione dei livelli di colina O- acetiltransferasi Diminuzione dei livelli dell acido glutamico decarbossilasi Aumento dei livelli di monoamino ossidasi Aumento dei livelli del recettore tipo 2 della dopamina Diminuzione dei livelli dei recettori muscarinici Diminuzione dei livelli dei recettori della serotonina Diminuzione dei livelli della neurotensina I livelli di somatostatina non cambiano Diminuzione dei livelli della sostanza P Aumento dei livelli del poli-peptide vasoattivo intestinale Area cerebrale colpita Ippocampo, nucleo di Meynert Corteccia Ippocampo Ippocampo, nucleo di Meynert Corteccia, talamo, gangli basali Corteccia frontale, globo pallido, substantia nigra, striato Tutti Corteccia, ippocampo Corteccia Substantia nigra Tutti Putamen Lobo temporale Adattata da American Geriatrics Society: Geriatrics Review Syllabus, ed. 3, edited by Reuben DB, Yoshikawa TT, Besdine RW. New York, American Geriatrics Society, 1996, p. 17. Tabella 2. Alterazioni neurotrasmetittoriali nel cervello senile

13 Introduzione 13 I disturbi della memoria rappresentano uno dei motivi che più frequentemente inducono l'anziano a rivolgersi al medico. La memoria è influenzata dalla presenza di malattie sistemiche la cui cura consente un completo recupero delle capacità di ricordare. Anche l'uso improprio di farmaci può compromettere il buon funzionamento della memoria. La depressione e l'ansia costituiscono una causa frequente e potenzialmente reversibile di disturbo della memoria. E' opportuno sottolineare che in alcuni soggetti anziani normali si può manifestare un disturbo della memoria, che non compromette le abituali attività quotidiane. Una percentuale minoritaria di anziani (10% degli ultra 65enni) soffre, invece, di disturbi della memoria ingravescenti, tali da comportare la perdita dell'autosufficienza; in queste situazioni la causa va studiata, diagnosticata e seguita nel tempo. Le ricerche degli ultimi anni hanno identificato una condizione di transizione tra la normalità e la demenza conclamata denominata Mild Cognitive Impairment (MCI, deterioramento cognitivo moderato), con un corrispettivo vascolare nella definizione di Vascular Cognitive Impairment No Dementia (VIND, deterioramento cognitivo vascolare, di grado modesto, senza le caratteristiche di demenza), nella quale si osserva un disturbo di memoria di entità superiore a quello atteso per l'età, senza che siano presenti i criteri per la diagnosi di demenza. Queste condizioni sono oggi considerate forme precliniche di demenza, che nel 35% dei casi, evolvono nei successivi due anni in demenza franca. Fino a non molto tempo fa, la demenza è stata considerata una normale sequela del processo di invecchiamento cerebrale, una sorta di conditio sine qua non della senescenza neuronale, cui si è data per molto tempo un unica etichetta arteriosclerosi, accomunando in questa condizione sia le patologie dementigene degenerative che quelle vascolari. Oggi, un approccio multidisciplinare e varie scale di valutazione consentono di poter stabilire in una grande maggioranza di casi l origine vascolare, degenerativa pura (per esempio,

14 14 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato la malattia di Alzheimer, AD) o associata ad altre estrinsecazioni neurologiche (quadri di deterioramento cognitivo associati, ad esempio, alla corea di Huntington). Il rischio di demenza negli anziani aumenta in maniera esponenziale con l'età. Nei paesi occidentali la malattia colpisce circa il 5% dei soggetti ultrasessantacinquenni, per arrivare ad interessare fino ad un terzo dei soggetti oltre gli 80 anni. Ogni anno, circa l'1% dei soggetti sopra i 65 anni si ammala di demenza. Le stime esatte della prevalenza della demenza variano a seconda della definizione della soglia di età utilizzata nella valutazione, ma è dato incontrovertibile il fatto che vi sia un aumento della prevalenza con l aumentare dell età: colpisce il 5-8% dei soggetti sopra i 65 anni, il 15-20% dei soggetti sopra i 75 anni e il 25-50% degli individui che hanno superato gli 85 anni di vita. Ciò comporta una crescita esponenziale conseguente delle problematiche sociali e sanitarie, con conseguente aumento delle spese di ospedalizzazione e di carico diagnostico e terapeutico per queste unità. In Italia, vengono ritenute valide stime approssimative di circa 127 nuovi casi di demenza l anno, ogni centomila abitanti di età superiore a 65 anni, ma anche qui si stima un raddoppiamento dei casi di demenza nei prossimi 25 anni. PREVALENZA DELLA DEMENZA tasso di prevalenza % Età M F M+F Fig. 4. Prevalenza del deterioramento cognitivo in rapporto all età

15 Introduzione 15 I dati dello studio ILSA indicano una prevalenza della demenza in Italia, per i soggetti di età compresa tra i 65 e gli 84 anni, del 5,3% negli uomini e del 7,2% nelle donne. In Italia si calcola, dunque, che le persone affette da questa patologia siano oltre Ciò considerando, dati di semplice estrapolazione consentono di affermare con ragionevole confidenza che si debba assistere ad un progressivo incremento dei casi di demenza in tutto il mondo, tenendo conto del graduale invecchiamento della popolazione. L età media della popolazione mondiale è in aumento e la fascia di popolazione ottuagenaria è quella che cresce piu rapidamente rispetto al resto della popolazione mondiale. L impatto sociale della demenza diventa devastante: le stime che provengono dall estrapolazione dei dati USA sono, a dir poco, eclatanti. Negli USA, infatti, il numero delle persone con demenza ospedalizzate e/o istituzionalizzate è in costante aumento: nel 1990 le persone ricoverate erano oltre un milione e mezzo. Nel 2005, esse hanno raggiunto quota due milioni e seicentomila persone. Di pari passo, le spese per l istituzionalizzazione di questi soggetti sono salite a valori pari a ventimila milioni di dollari nel E stato stimato che attualmente, in Italia, per ogni paziente con malattia di Alzheimer vengano spesi in media euro l anno: ciò include costi diretti ed indiretti. Infatti, le spese sociali globali comprendono non solo le cure offerte ai pazienti (terapie mediche, fisioterapie, istituzionalizzazioni), ma anche i costi derivati dalle ore di lavoro perdute e dalle eventuali terapie mediche offerte ai caregiver.

16 16 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato Fig. 5. Costi diretti dei deterioramenti cognitivi I risultati di una ricerca sul tema realizzata dal Censis nel corso del 1999, su un campione rappresentativo relativo all'intero territorio nazionale, di 802 caregiver di pazienti affetti da malattia di Alzheimer e non istituzionalizzati, hanno dimostrato il forte coinvolgimento delle famiglia nella cura e nell'assistenza del malato di Alzheimer. Il quadro emerso dall'indagine conferma in modo drammatico il carattere "familiare" della malattia di Alzheimer: intanto perché totale è risultato il coinvolgimento della famiglia nella cura, nelle assistenza, nel sostegno psicologico e nella tutela del proprio congiunto, che la progressione della malattia rende non solo sempre più dipendente ma anche sempre più debole ed indifeso nei confronti di un mondo esterno che ignora o stenta a comprendere e comunque teme gli effetti devastanti delle malattia; a ciò si aggiunga la carenza dei servizi sanitari e socio-assistenziali di supporto ai sempre più pressanti bisogni di assistenza, che configurano i tratti di una delega praticamente totale alla famiglia nel trattamento di tali malati. L'insufficienza delle risposte istituzionali accentua il peso e le richieste esercitate dalla malattia sulla famiglia e acuisce il processo di isolamento di una famiglia abbandonata a se stessa e, spesso ad un destino di impoverimento e marginalizzazione. I familiari dei malati di Alzheimer dedicano mediamente sette

17 Introduzione 17 ore al giorno all'assistenza diretta del paziente e quasi undici ore alla sua sorveglianza. L'impatto dell'attività assistenziale è tanto più rilevante quanto più essa finisce per sommarsi all'impegno legato allo svolgimento di altri ruoli, professionali, familiari, genitoriali, con tutte le conseguenze che ciò comporta sulla dimensione affettiva, la disponibilità di tempo, lo stress psicofisico. Infatti, i caregiver sono in prevalenza donne con famiglia e figli che, soprattutto nei casi di malattia grave, ospitano il malato in casa. Il 74% dei caregivers è di sesso femminile e la percentuale di donne cresce al crescere della gravità della malattia degli assistiti (coloro che assistono malati gravi sono, per l'81,2%, donne); inoltre il 65% circa dei casi il caregiver convive col malato, il che avviene in oltre 2/3 dei casi per le situazioni di malattia grave. L impegno per i caregiver diventa spesso insostenibile, soprattutto se lasciati a se stessi, senza il supporto di strutture di riferimento. Dati molto recenti hanno dimostrato che almeno il 50% dei caregiver soffre di episodi depressivi; essi stessi riferiscono di essere impegnati una media di ore settimanali per accudire con costanza il proprio caro, riducendo le ore di sonno effettive, che pure sono di scarsissima qualità. Il 40% dei caregiver occupati perdono piu di diciassette giorni lavorativi all anno e un 20% di essi cessa ogni impegno lavorativo per affiancare il proprio congiunto. Al contrario di altre patologie croniche, in cui comunque l assistenza continua risulta gravosa, onerosa e difficile; qui i familiari supportano l impegno fisico speso a curare, lavare e nutrire questi soggetti, anche dalla netta e precisa sensazione del disgregarsi della personalità del loro congiunto; spesso manifestazioni di aggressività fisica o verbale, apatia o indifferenza per i problemi circostanti, agnosie anche per i volti più familiari non vengono accettati come spia di condizione morbosa e vengono vissuti ed interpretati come atti deliberati del congiunto e quindi non accettati oppure negati a viva forza. Qui, più che altrove si rivela con costante ed incontrastata puntualità la sindrome del burn out.

18 18 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato È noto che la causa principale di ricovero di persone anziane affette da demenza in case protette o in residenze sanitarie assistite è rappresentata da disturbi del comportamento. È altrettanto noto che l assistenza domiciliare, in buona parte dei casi non riesce a gestire in modo soddisfacente questi problemi. Inoltre, i disturbi del comportamento nel paziente anziano affetto da demenza sono responsabili di visite al pronto soccorso, di ricoveri in reparti medici, riducono la qualità di vita sia dei pazienti che dei familiari. Le capacità di funzionalità sociale e personale di questi pazienti sono significativamente compromesse, rispetto a quanto lascerebbero prevedere la sola presenza dei disturbi cognitivi. L osservazione e la valutazione clinica (anche delle eventuali comorbilità) sono fondamentali; l approccio al disturbo comportamentale deve prevedere la valutazione dell impatto sul paziente stesso (è nettamente differente l approccio clinico nei confronti di allucinazioni senza partecipazione emotiva e di allucinazioni che siano terrifiche, o che incutano tensione, ansia e disagio) e sul caregiver. Per ottimizzare la sperimentazione e, la pratica quotidiana, obiettivo primario del clinico deve essere quello di riconoscere i segni di alterazione cognitiva e non, in pazienti con un sovrapporsi di altre patologie, quali ad esempio alterazioni cerebrovascolari o disordini parkinsoniani. In quest ottica, assume un fondamentale riscontro la demenza vascolare, che è probabilmente il secondo tipo, in ordine di frequenza, di decadimento cognitivo. Nei Paesi Occidentali, essa è considerata come la responsabile di circa il 15 (7-21%) di tutti i casi di demenza in casistiche autoptiche, laddove un altro 10% (4-15%) è causato dall associazione della Malattia vascolare con la Malattia di Alzheimer (Rocca et al., 1991; Cazzullo e Clerici, 1999). Numerose alterazioni cerebrali sono state associate alla demenza vascolare, ma rimane a tutt oggi mal definito in che termini esse siano causa diretta o

19 Introduzione 19 sequenza logica del processo di decadimento cognitivo. Gli studi di Tomlinson (Tomlinson et al., 1970) hanno ipotizzato che la demenza vascolare sia associata alla perdita di volume di tessuto cerebrale, maggiore di una soglia limite di ml. Questi dati non sono stati confermati da studi successivi, che invece sembrano univocamente ritenere che il danno ipossico/ischemico/ metabolico esteso alle porzioni encefaliche sottocorticali sia la caratteristica della demenza vascolare, rispetto a quella di Alzheimer. Globalmente, i pazienti che si presentano con quadri di demenza vascolare mostrano alle neuroimmagini segni di molteplici lesioni ischemiche, corticosottocorticali, più facilmente riscontrabili a sinistra, con un aumento del rapporto volume ventricolare/volume cerebrale, con aree di leucoaraiosi e con un allargamento maggiore del corpo dei ventricoli laterali, rispetto al normale standard di invecchiamento cerebrale. Le macroscopiche alterazioni della sostanza bianca rivestono un ruolo didascalico nell estrinsecazione del danno cognitivo, tipico della demenza vascolare, con l interruzione dei circuiti di proiezione cortico-sottocorticali, indispensabili per la speditezza dell esecuzione di tutti i compiti cognitivi. Da ciò deriva che il quadro di più comune riscontro quindi, nell ambito di un decadimento vascolare è quello di una straordinaria lentezza nell esecutività delle funzioni superiori. Inoltre, se ne deduce che sia inaccettabile oggi parlare di deterioramento vascolare come un unicum concettuale: un conto è il deterioramento cognitivo sottocorticale, un conto il deterioramento da malattia multiinfartuale, un altro ancora è quello determinato da alterazione vascolare di singoli infarti strategici. Tuttavia, secondo i criteri dell Organizzazione Mondiale della Sanità (ICD- 10), il deterioramento cognitivo vascolare è una forma di decadimento in cui vi è una compromissione costante, e quindi tipica, delle capacità mnesiche, mentre le capacità di critica e di giudizio dovrebbero essere conservate. Sta di fatto, che come per tutte le realtà scientifiche, l empirismo dominante finisce per ottenebrare le definizioni di una rigida categorizzazione, e quindi, anche i pochi

20 20 Moretti, Torre, Antonello, Pizzolato dati di certezza vengono oggi ribaltati: secondo la più comune classificazione NINDS-AIREN, si è autorizzati a parlare di demenza vascolare probabile quando vi è l oggettività di un impairment cognitivo che compromette le attività comuni del vivere sociale, con coesistenza di segni neurologici focali compatibili con una diagnosi di ischemia cerebrale, associata ad un evidenza neuroradiologica e quando sia rispettato il nesso di correlazione temporale tra insorgenza di demenza e cerebro-vasculopatia. I vecchi criteri diagnostici, che sostenevano che un punteggio della scala di Hachinski (Hachinski et al..,1975) superiore a 7 fosse indicativo di una sicura diagnosi di demenza vascolare, sono oggi dibattuti; in una recente revisione della scala, si è pensato di introdurre un punteggio limbo tra 4 (al di sotto del quale si dovrebbe riconoscere un carattere degenerativo franco) e 7, come zona di dubbio, o di sovrapposizione di un cono d ombra clinico, che identifica, il possibile e purtroppo frequente dilemma diagnostico tra una forma vascolare pura e una a più tipico carattere degenerativo. L altro aspetto, definito canonico, della cosiddetta evoluzione a gradini, tipica dell andamento della demenza vascolare, non è più considerato patognomonico, in quanto ampie revisioni, supportate dalla comune pratica clinica, mettono spesso in risalto un inizio insidioso, e un evoluzione progressiva anche per i casi vascolari. Da ultimo, anche uno dei cardini del NINDS-AIREN, delle alterazioni della sostanza bianca, unicamente presenti nella demenza vascolare, è stato smentito da due recenti studi (Englund, 1998; Wallin, 1998), in cui si è dimostrato a chiare lettere un alterazione evidente, anche se non eclatante, della sostanza bianca anche in molteplici casi studiati di Malattia di Alzheimer, a tal punto da poter far ipotizzare (sussurrando) un trait-d union fra le due vie etiopatogenetiche, sottintendenti la demenza vascolare e quella degenerativa. Un ultima spallata alle ataviche convinzioni è stata data da un lavoro recentissimo (Meyer et al., 2000) che ha stabilito quali rischi di involuzione verso forme franche di Alzheimer comportino, il repentino declino perfusionale

21 Introduzione 21 cortico-cerebrale, l ipertensione, l iperlipidemia e il rischio di bassa portata da alterazione della dinamica cardiaca; verrebbe così spiegato l aumento effettivo dell incidenza della demenza, anche Alzheimer, nella popolazione anziana. Il sovrapporsi e la possibile concomitanza della demenza degenerativa e di quella vascolare sono due realtà non solo non impossibili, ma anzi altamente probabili, anche se a tutt oggi mancano gli elementi per la comprensione etiopatogenetica del fenomeno. Tenendo conto tuttavia dell impatto invalidante delle forme vascolari, in cui per la concomitante e succitata presenza di segni a focolaio, testimoni di alterazioni lesionali cortico-sottocorticali importanti, con difficoltà nella deambulazione, impaccio nei movimenti fini, perdita dell equilibrio e cadute a terra, diviene di primaria importanza il precoce riconoscimento, da parte del clinico di sintomi prodromici. Una buona prevenzione primaria, e qualora questa fosse impossibile, una corretta valutazione secondaria diventano un cardine nella riduzione di almeno una parte di quei fattori di rischio noti, per evitare alterazioni dinamiche della perfusione cerebrale. L utilizzo di farmaci mirati, quali la selegilina, o fattori nootropi è ancor oggi dibattuto; resta inteso che sono aperti trials per verificare l efficacia dei farmaci di più recente introduzione, quali gli anticolinesterasici, nella terapia della demenza vascolare. Del resto, una terapia risolutiva e mirata, è ancora materia per il futuro, ed impone una attenzione da parte del mondo scientifico costante, anche per queste forme, oggi in parte nell ombra.

22 VASCOLARIZZAZIONE CEREBRALE: ANATOMIA E FISOLOGIA Rita Moretti, Paola Torre, Cristina Vilotti Clinica Neurologica, Università di Trieste Ogni emisfero cerebrale viene irrorato da un arteria carotide interna, che si origina dall arteria carotide comune, al di sotto dell angolo mandibolare, penetra nel cranio attraverso il forame carotideo, attraversa il seno cavernoso, dando origine, a questo livello all arteria oftalmica, passa attraverso la dura e si divide nelle arterie cerebrali anteriore e media. Fig. 6. Circolazione cerebrale: visione sagittale I grandi rami superficiali dell arteria cerebrale anteriore irrorano la corteccia e la sostanza bianca del lobo frontale inferiore, la superficie mediale dei lobi frontale e parietale e la parte anteriore del corpo calloso. I rami perforanti, più piccoli, irrorano regioni telencefaliche e di encefaliche profonde, quali le strutture limbiche, la testa del nucleo caudato e il braccio anteriore della capsula interna (Barnett, 1988). I grandi rami superficiali dell arteria cerebrale media irrorano la maggior parte della corteccia e della sostanza bianca della convessità degli emisferi, quali i lobi frontali, parietale, temporale e occipitale e l insula. I rami perforanti più piccoli (arterie lenticolostriate) supportano le regioni della sostanza bianca più profonde e le strutture di encefaliche, oltre che il braccio posteriore della capsula interna, il putamen, il segmento esterno del globus pallidus, e il corpo del nucleo caudato. Dopo che l arteria carotide interna fuoriesce dal seno cavernoso dà origine all arteria corioidea anteriore, destinata alla parte anteriore dell ippocampo e, a livello più caudale, il braccio posteriore della capsula interna.

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

IL CERVELLO CHE INVECCHIA

IL CERVELLO CHE INVECCHIA IL CERVELLO CHE INVECCHIA Conoscere per affrontare al meglio il declino cognitivo i quaderni della salute 2 a cura dell Assessorato alla Salute INDICE il cervello che invecchia pag 02 Quali norme comportamentali

Dettagli

Demenza. B- I deficit interferiscono significativamente sulle attività della vita quotidiana

Demenza. B- I deficit interferiscono significativamente sulle attività della vita quotidiana Le Demenze Demenza A- Presenza di deficit cognitivi multipli caratterizzati da: 1) compromissione mnesica apprendimento e richiamo 2) uno o più dei seguenti: a) afasia b) aprassia c) agnosia d) deficit

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CONCLUSIONI 138 APPENDICI 140 BIBLIOGRAFIA 143

CONCLUSIONI 138 APPENDICI 140 BIBLIOGRAFIA 143 INDICE Introduzione CAPITOLO 1 - STRUTTURA CEREBRALE 8 1.1. Dalle prime speculazioni sulla struttura cerebrale alla mappa corticale di Brodmann 8 1.2. La scoperta del neurone come unità costitutiva del

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI

NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI NON È PIÙ LUI, NON È PIÙ LEI Malattia di Alzheimer Una guida per le famiglie per un assistenza ottimale al malato Premessa 3 L importante rete di servizi residenziali e domiciliari presente nella nostra

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a:

Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Raccolta degli stimoli esterni ed interni Memorizzare i dati della sensibilità Coordinare e sviluppare le attività psichiche

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE Regione Emilia-Romagna NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE AFFETTE DA DEMENZA Quando ti guardo sono terrorizzata dall idea che tutto ciò finirà ben presto. Conosciamo

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA

Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Non so cosa avrei fatto oggi senza di te MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE CON DEMENZA Quando ti guardo sono

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Iperomocisteinemia causa di demenza cerebrale PENSARCI PRIMA PER NON PENSARE DOPO

Iperomocisteinemia causa di demenza cerebrale PENSARCI PRIMA PER NON PENSARE DOPO Prevenzione & Società Iperomocisteinemia causa di demenza cerebrale PENSARCI PRIMA PER NON PENSARE DOPO a cura di Angela Marocco con la consulenza scientifica del Dott. Ascanio Polimeni specialista in

Dettagli