Microcredito, nuove povertà e politiche di sviluppo locale promosso da Associazione Finanza Etica in collaborazione con Mag Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Microcredito, nuove povertà e politiche di sviluppo locale promosso da Associazione Finanza Etica in collaborazione con Mag Roma"

Transcript

1 Microcredito, nuove povertà e politiche di sviluppo locale promosso da Associazione Finanza Etica in collaborazione con Mag Roma di Cinzia Cimini Negli ultimi dieci anni la finanza etica, e con essa il microcredito, ha iniziato ad essere argomento di ampio e diffuso interesse. Molta della popolarità è dovuta in Italia all allora nascente progetto di una banca etica che potesse agire su tutto il territorio nazionale (Banca Popolare Etica, riconosciuta da Banca d Italia a marzo 1999) e, sul piano internazionale la popolarità è senz altro dovuta all esperienza della Grameen bank del prof. Yunus. Il crescente interesse, soprattutto di consumatori critici, ha determinato nello stesso tempo un fiorire di numerosi prodotti finanziari etici. Il consumo critico è un modo di consumare, ovvero di acquistare ed utilizzare beni e servizi, secondo criteri di salvaguardia dell ambiente naturale, di rispetto dei diritti e di solidarietà internazionale. Muove i suoi passi dalla consapevolezza della insostenibilità - ambientale e sociale - degli attuali livelli di consumo del nord del mondo. In tal senso consumo critico vuol dire innanzitutto riduzione dei livelli di consumo, recupero e riuso dei materiali e riciclaggio dei rifiuti, scegliere di acquistare ciò che è stato prodotto con tecnologie a minor impatto ambientale e con materiali riciclati o materie prime non scarse o in via di esaurimento, non scegliere di acquistare ciò che è stato prodotto con lo sfruttamento del lavoro di adulti e di minori. Ma soprattutto vuol dire ripensare il proprio stile di vita dando centralità alla socialità e ai ritmi naturali del vivere, facendo dell atto del consumo un momento di soddisfazione di necessità reali. Forma specifica di consumo critico sono i gruppi d acquisto solidale (GAS): gruppi di persone che si riuniscono per acquistare insieme non solo in base alla qualità e al prezzo dei prodotti, ma in base a criteri etici 1. Il movimento della finanza etica nasce per proporre un modo differente di usare il denaro: in modo non speculativo, ma come strumento di sostegno delle reti sociali e di sviluppo del territorio, sottraendo inoltre il risparmio a quegli operatori che ne possono fare un utilizzo discutibile (commercio di armi, sfruttamento di territori di paesi del sud, inquinamento ambientale). L attività finanziaria, che implica lo spostamento delle risorse da chi ne ha in eccesso a chi ne ha in difetto, è al centro della critica e della proposta di questi operatori 2. In Italia sono operative dalla fine degli anni 70 le Mutue Auto Gestione: cooperative finanziarie che raccolgono risparmio e ridistribuiscono prestito tra i propri soci in modo mutualistico e secondo principi di trasparenza, cooperazione e solidarietà. Nel 1999 è inoltre nata la Banca Popolare Etica 3 che è il primo operatore bancario in Italia ad ispirarsi completamente ai principi della finanza etica ed a finanziare esclusivamente terzo settore ed altra economia. Questo forum, però non si è posto nell ottica di esaltare le magnificenze del microcredito, ma piuttosto di individuarne i nodi critici e la reale portata del fenomeno. È opportuno partire nella disamina evidenziando alcuni aspetti critici che pongono le basi dell analisi e dello studio del microcredito in Italia. La prima riguarda la questione definitoria. Cosa si intende per microcredito, o comunque per microfinanza? È sufficiente definire il microcredito come quel prestito di piccola entità (ma quanto piccola deve essere l entità di tale prestito?) restituito con le modalità che meglio si adattano al 1 Si veda a tal proposito Cimini C., Lombardi E., Marcon G., Naletto G., Lavorare nel terzo settore, Carocci editore, in corso di pubblicazione. 2 Su funzioni, storia ed esperienze della finanza etica cfr. Bicciato F. (2000) e Messina A. (2003). 3 Banca nata nel 1998 per iniziativa dei 15 mila cittadini e centinaia di organizzazioni della società civile. Ha sede centrale a Padova, sportelli nelle principali città, finanzia in via prioritaria le organizzazioni non profit e valuta i progetti da sostenere anche in funzione del loro impatto ambientale e sociale. Oggi movimenta circa 300 milioni di euro e controlla anche una Società di gestione del risparmio (Etica Sgr) abilitata all investimento in fondi comuni, e il consorzio Etimos, specializzato nel microcredito nel sud del mondo.

2 progetto finanziato? Oppure a queste prime caratteristiche indicate ne vanno aggiunte anche altre? In sostanza il microcredito funziona soltanto perché si parla di piccoli importi o questo è soltanto uno dei suoi aspetti più evidenti? Secondo il parere di chi ha condotto la ricerca, come si vedrà meglio più avanti 4, il microcredito possiede altre caratteristiche che ne giustificano l efficacia: - si tratta di un credito solidale, quindi che non coinvolge solo la persona che ha ricevuto il prestito, ma anche la rete di relazioni dello stesso, contestualizzando il concetto di rete a seconda del paese a cui si fa riferimento e della sua situazione economica e sociale; - si tratta di un prestito rivolto ai non bancabili dal sistema tradizionale del credito; - si tratta, infine, di uno strumento di sviluppo locale, inteso come sviluppo sia sociale che economico 5. Aggiungere queste ulteriori caratteristiche alla definizione di microcredito restringe l universo degli operatori di microcredito, poiché in tal caso diventa necessario prestare attenzione alle metodologie di raccolta e di erogazione dei microfinanziamenti. Il secondo aspetto da porre in evidenza ha a che fare con il rapporto tra microcredito e finanza etica, oppure, ed è del tutto speculare, il rapporto tra finanza tradizionale e microcredito. Il microcredito di per sé è un prodotto di finanza etica? I principi dell altra economia 6 fanno riferimento alla filiera produttiva, prendendo in considerazione anche le cosiddette esternalità negative prodotte dal sistema economico e quindi valorizzando le esperienze di altra economia che tendono a ridurre tali costi esterni. Tutto questo per dire che microcredito non vuol dire necessariamente finanza etica, ma risulta necessario fare attenzione alla raccolta dei capitali utilizzati, alla loro provenienza, alle modalità di gestione di tali capitali 7. Se si condivide una definizione di microcredito, secondo la quale esso è strumento di sviluppo locale ed è una forma di credito solidale, allora non si può prescindere dal prendere in considerazione ancora una volta la filiera produttiva del credito: l efficacia di lungo termine di un cambiamento del sistema economico e sociale - dello strumento microcredito dipenderà in massima parte dalla filiera produttiva nella quale l organizzazione che fa microcredito è inserita. Come si accennava all inizio di questo paragrafo, negli ultimi tempi il microcredito è salito alla ribalta delle istituzioni e dei media (un po come era accaduto un decennio fa con il terzo settore), presentandolo come la panacea delle sperequazioni fra i tanti nord e i tanti sud presenti anche all interno dello stesso nord del mondo. Sarebbe però necessario interrogarsi quanto pesa in termini quantitativi il microcredito in Italia. Ad oggi nessun censimento del microcredito in Italia è stato ancora fatto perché si tratta di un fenomeno relativamente giovane, ma anche perché non vi è particolare chiarezza nella definizione, come si accennava già precedentemente. Ci sono oltre 30 mila sportelli di istituti di credito in Italia, che raccolgono un risparmio complessivo di circa 729 miliardi di euro e svolgono una attività di impiego complessivo del risparmio raccolto per oltre mille miliardi di euro (fonte Banca d'italia, statistiche giugno 2004), di cui circa 480 miliardi di euro in mutui: l'entità dei capitali coinvolti nei progetti di microcredito in Italia non è assolutamente paragonabile con il mercato creditizio tradizionale. Negli ultimi quattro anni sono stati erogati circa 550 mila euro in microfinanziamenti e sono stati raggiunti circa 330 beneficiari, con una presenza sul territorio nazionale che nulla ha a che vedere con la presenza capillare del sistema creditizio tradizionale. 4 Cfr. paragrafo Una definizione di microcredito. 5 Il concetto di sviluppo locale richiama un idea non soltanto economica di sviluppo, ma di uno sviluppo che sia partecipato, che consente di mettere al centro le persone, che consente di valorizzare le relazioni prima che il capitale. Si veda a tal proposito gli atti del convegno Verso uno sviluppo locale partecipato, Comune di Roma, Assessorato alle Politiche per le Periferie, lo Sviluppo Locale, il Lavoro. 6 Sui principi dell altra economia si veda la carta dei principi del Tavolo dell Altra Economia di Roma (wwwaltraeconomiaroma.org). Si considerano esperienze di altra economia il commercio equo e solidale, la finanza etica, il consumo critico, l agricoltura biologica, il turismo responsabile, il software libero, le energie rinnovabili. Tale elenco chiaramente non vuole essere esaustivo ma raccoglie le principali attività sulle quali si è concentrata maggiormente l attenzione in questi ultimi anni. 7 Uno degli aspetti nodali dell altra economia è proprio quello della partecipazione e dell inclusione sociale ed economica. 2

3 Se si guardano i dati europei sulla microfinanza si scoprirà che l Italia rappresenta poco più del 20% dei programmi di microfinanza attivati in Europa e nei paesi in transizione, e in termini di beneficiari a malapena l 1% dei beneficiari raggiunti dalla totalità dei programmi di microfinanza europei 8. Si può quindi facilmente concludere che è poco corretto parlare di microcredito nei modi e nei termini in cui viene presentato dai media e dalle istituzioni pubbliche. Un ultimo aspetto che risulta particolarmente interessante è quello del rapporto tra organizzazioni che fanno microcredito e istituzioni pubbliche. In particolare ciò che andrebbe indagato e approfondito e questa ricerca ha toccato fuggevolmente è il ruolo delle istituzioni pubbliche nei programmi di microcredito. Uno spunto per l analisi di questo aspetto può essere preso dalla ventennale esperienza del terzo settore. Come afferma Marcon 9, «[ ] dopo oltre un decennio di affermazioni e di crescita, si pongono al terzo settore sfide e nodi critici che devono essere affrontati e risolti positivamente. In generale la questione che attraversa diversi ambiti e temi è quella dell autonomia e della diversità del terzo settore rispetto agli altri due settori, quelli del mercato e dello stato. Infatti in agguato vi sono sempre i rischi per il terzo settore di diventare un appendice o un surrogato del settore pubblico (parastato) o del settore privato (paramercato). [ ] Nel caso del welfare [ ]il punto critico è chiaro. Il terzo settore può da una parte essere (o costretto ad essere) pura stampella e collettore di risorse pubbliche nell ottica di una progressiva riduzione del welfare, diventando soggetto parastatale di gestione di servizi esternalizzato, soggetto che agisce sul mercato con pure logiche privatistiche. Oppure può essere soggetto autonomo di promozione di diritti e della cittadinanza, di allargamento della sfera dei servizi sociali, in un ruolo di integrazione delle politiche sociali e del welfare: un soggetto che amplia le risorse e gli strumenti per dare risposte adeguate a quella domanda diversificata e personalizzata di servizi che le società moderne avanzano.» 10 Il microcredito, a seconda delle attività finanziate, si suddivide in microcredito di emergenza, quando il prestito viene erogato per far fronte a spese non previste di discreta entità riguardanti le spese sanitarie, spese relative all istruzione, ecc., oppure microcredito rivolto ad attività di microimprenditorialità. Mentre in quest ultimo caso le istituzioni di microcredito si confrontano con gli istituti di credito tradizionale, è nel primo caso, cioè nel caso di microcredito d emergenza, che vi è un maggior confronto con le istituzioni pubbliche locali. Prendendo spunto dall esperienza ventennale del terzo settore, è soprattutto nel caso del microcredito d emergenza che sono più alti i rischi di diventare un appendice, un surrogato del settore pubblico. 8 Fonte 9 Si veda sull argomento Le ambiguità degli aiuti umanitari, Feltrinelli editore, 2002, e Le utopie del ben fare, L ancora del Mediterraneo, Cimini C., Lombardi E., Marcon G., Naletto G., Lavorare nel terzo settore, Carocci editore, Roma,

4 Quale definizione per il microcredito? Se si utilizza una definizione molto inclusiva, è possibile definire il microcredito attraverso le seguenti peculiarità: a) prestito di piccola entità. La definizione e la delimitazione di prestito di piccola entità varia, ovviamente tra nord e sud del mondo e non può essere definita a priori; b) piccole quote di rimborso ravvicinate nel tempo. Anche quando si accenna all aspetto dell entità delle rate di rimborso del prestito, la stessa entità non va presa in termini assoluti bensì va relativizzata rispetto al territorio in cui viene utilizzato lo strumento di microcredito. Questi elementi non sono, a nostro parere, sufficienti a definire in modo esaustivo il fenomeno del microcredito, che ha ormai più di trenta anni di esperienza al suo attivo nel nord come nel sud del mondo. Un primo aspetto su cui ragionare e porre attenzione è la sua caratteristica di essere credito solidale, che assume valenze molto diverse se il finanziato si trova in un paese come il Bangladesh oppure in Italia. Dall esperienza della Grameen Bank si deduce che il microcredito, per poter avere la caratteristica di credito solidale, implica che chiunque voglia accedere al microcredito deve costituire un gruppo, all interno del quale ciascuno ha bisogno di un prestito. Il gruppo è solidalmente responsabile per il prestito che ciascun componente riceve e tutto ciò sostituisce le garanzie reali generalmente richieste dalle banche tradizionali. Non si può dire che il microcredito in Italia è inteso come un credito solidale allo stesso modo. Nelle numerose interviste che sono state condotte presso le organizzazioni (profit e non profit, di finanza etica piuttosto che di finanza tradizionale) che in Italia attualmente gestiscono un progetto di microcredito è emersa la necessità di conoscere bene il beneficiario del finanziamento, di instaurare con lo stesso una relazione molto forte, non solo fra ente erogatore e finanziato, ma facendo partecipare attivamente alla rete di relazione e al progetto stesso di microcredito un terzo soggetto (o più interlocutori) che rappresenti la comunità entro la quale il finanziato vive e lavora. Come si può, quindi, vedere anche in questo caso si parla di credito solidale perché chi prende in carico, rispetto all erogatore del prestito, la responsabilità del prestito, si assume una responsabilità di fatto in solido con chi ha ricevuto il prestito e in alcuni casi questa responsabilità in solido assume anche sfaccettature formali (si pensi ad esempio al caso delle Mutue Autogestione). Afferma infatti nell intervista Francesco Fantuzzi di Mag 6 di Reggio Emilia: Il lato vincente del microcredito è sicuramente la capacità di lavorare insieme, di instaurare relazioni di scambio fra finanziati e finanziatori in modo da creare un rapporto di fiducia, che può diventare la chiave per il successo nella risoluzione delle problematiche. Oppure ancora, l avvocato Rossi della Banca del Piemonte, nella sua intervista, afferma: Non sono richieste garanzie né personali né reali. L unica garanzia è quella della conoscenza, in qualche modo la parrocchia (Parrocchia di San Agostino, partner del progetto di microcredito della banca) funge da garante morale per i finanziati presso la Banca del Piemonte. Un altro aspetto su cui focalizzare l attenzione, già ampiamente venuto fuori esaminando il microcredito come un credito in solido, è quello delle garanzie reali. L idea che il microcredito porta con sé è la mancanza di necessità di chiedere garanzie patrimoniali a chi fa richiesta di un finanziamento. La garanzia patrimoniale è uno dei punti cardine della non bancabilità. Le caratteristiche che determinano una restrizione dell universo bancabile possono essere così individuate 11 : Rischiosità del finanziamento, perché la decisione di finanziare o meno un soggetto non è presa sulla base di una garanzia reale in grado di coprire la mancata restituzione del credito, ma sulla validità o meno del progetto e sull affidabilità delle persone che lo propongono. Intervengono parametri sia economici sia sociali nella scelta di dare o meno il credito; Scarsa economicità del finanziamento, perché i prestiti richiesti sono irrisori rispetto alle elevate cifre che le banche muovono sul mercato finanziario; Costo del personale elevato, perché occorrono persone per valutare il progetto anche da un punto di vista sociale. Il progetto va seguito nella sua evoluzione, affinché la banca possa intervenire, qualora ci sia qualcosa che non va nella sua realizzazione, offrendo consulenza. Le banche tradizionali mirano all abbattimento dei costi per aumentare i profitti: le banche si 11 Tratto da Lunaria, La finanza etica in Italia. Come e perché promuoverla, supplemento BancaNote, novembre

5 ricordano dei progetti finanziati solo quando il prestito non è restituito. Come si evince da questa definizione di soggetto non bancabile, è la rischiosità del finanziamento a determinare la necessità per l istituto creditizio di far accompagnare il prestito da una garanzia patrimoniale che copra il rischio che il credito non vada a buon fine e non venga restituito. Cosa permette al microcredito di superare questa difficoltà? Come è stato già sottolineato precedentemente, le relazioni di fiducia, che sono alla base di un progetto di microcredito, diminuiscono la rischiosità del prestito: si conosce il progetto che sta dietro la richiesta di finanziamento in tutte le sue parti, se ne conoscono le motivazioni sociali ed economiche e in più ci sono persone, esterne al finanziamento, che si sono fatte cariche del buon andamento del progetto finanziato. La soluzione della costruzione e dell utilizzazione delle reti sociali, delle relazioni di fiducia, non è l unica per non chiedere garanzie patrimoniali. Vi è anche un notevole utilizzo dei fondi di garanzia: un soggetto terzo mette a disposizione, a copertura del rischio, dell istituto bancario un fondo di garanzia, utilizzabile ogni qualvolta un prestito non dovesse rientrare. Però non va dimenticato anche l altro aspetto rilevato dalla definizione di non bancabilità, che è dato dall elevato costo del personale determinato dal fatto che il progetto va accompagnato anche nella sua realizzazione, per poter intervenire a sanare eventuali situazioni di difficoltà del beneficiario del prestito. Un altra caratteristica da sottolineare del microcredito, e della microfinanza più in generale, è quella di essere strumento di sviluppo locale. Per poter spiegare questo concetto è utile introdurre il concetto di distretto di economia solidale 12 : l idea di fondo del distretto è quella di collegare le realtà locali creando dei circuiti economici, in cui per quanto possibile le esigenze dei vari nodi della rete (consumatori, commercianti, produttori) vengono soddisfatte grazie alla reciproca interazione 13. Da ciò ne deriva che ciascun nodo può, in rete con gli altri nodi della comunità, autodeterminare il proprio sistema economico e sociale. Il microcredito, in quanto strumento finanziario centrato sui fabbisogni della comunità, che opera con la prospettiva dei progetti locali, è parte integrante di questo meccanismo di sviluppo locale. È ora possibile delineare confini, sicuramente non esaustivi, del microcredito e in generale della microfinanza. Si definisce microcredito quel prestito che: a. è di piccola entità; b. è rimborsato con piccole rate molto vicine temporalmente; c. si caratterizza come solidale; d. non è accompagnato da garanzie reali; e. è strumento di sviluppo locale. A conclusione di questa disamina sulle questioni definitorie del microcredito, sembra opportuno fare una ulteriore precisazione introducendo una nuova variabile, cioè il contesto valoriale entro cui il microcredito può essere collocato. Si sono finora citati sia esempi di progetti di microcredito realizzati da operatori della finanza tradizionali che operatori della finanza etica. Il contesto non è, ovviamente, neutro rispetto alle caratteristiche del microcredito né lo è rispetto ai risultati che lo stesso raggiunge. Mentre è più complesso fare una valutazione di merito sui risultati dell uno e dell altro caso, è doveroso mostrare le declinazioni che le caratteristiche sopra elencate possono assumere a seconda che il microcredito è utilizzato dalla finanza tradizionale piuttosto che dalla finanza etica e alternativa. La finanza etica si pone un obiettivo ambizioso: non solo allontanare il risparmio da quelle imprese non rispettose dei diritti umani e dell ambiente, ma incidere sul comportamento del sistema bancario, garantendo l accesso al credito ai quei soggetti definiti non bancabili dal sistema 12 L espressione è mutuata da quella utilizzata nell economia tradizionale, distretto industriale con il quale si indica una rete stabile di scambi, prevalentemente locali, di beni e servizi (dell economia tradizionale). La terminologia distretto di economia solidale intende fare riferimento anch esso una rete locale stabile di scambi di beni e servizi, con la differenza che i nodi della rete sono costituiti da organizzazioni di economia solidale. Il primo distretto di economia solidale in Italia, in fase avanzata di realizzazione, è quello di Roma ed è allo studio una stessa esperienza nelle Marche. 13 A. Calori, I distretti di economia solidale, in V. Cobelli e G. Naletto (a cura di), Atlante di un altra economia. Politiche e pratiche del cambiamento, Manifesto Libri, Roma,

6 bancario tradizionale, perché non in possesso di garanzie reali, proponendo il credito come diritto. La finanza etica è quell insieme di strumenti di raccolta e di impiego, offerti sul mercato, che rispetta i seguenti requisiti: 1. un tasso di interesse sganciato dal mercato: il risparmiatore ha la possibilità di definire il tasso da applicare sul proprio risparmio scegliendolo tra uno massimo prefissato dalla banca ed il tasso zero. Il vantaggio in questo caso non è economico ma permette al risparmiatore una maggiore adesione e partecipazione nei progetti finanziati. 2. Gestione della raccolta del risparmio e degli impieghi in modo trasparente: si dà la possibilità al risparmiatore di conoscere il funzionamento della struttura che gestisce il risparmio e la destinazione di ogni singolo finanziamento. 3. Una politica degli impieghi rivolta a valorizzare le persone. Quest ultimo requisito rappresenta senz altro l aspetto peculiare della finanza etica: essa è orientata ad una idea di sviluppo non legato a doppia mandata con l economia; si propone come obiettivo quello di generare ricchezza e distribuirla equamente per garantire a tutti gli individui il soddisfacimento dei propri bisogni. La finanza etica e alternativa possiede al suo interno diverse sfaccettature: - strumento di selezione delle imprese che rispettano l ambiente e la dignità dell uomo; - strumento atto a favorire quelle organizzazioni impegnate nel sociale e in attività ecocompatibili; - strumento per riscattare dalla povertà e restituire al credito il significato di dare fiducia alle persone. Alcuni esempi di microfinanziamenti di Banca popolare Etica* *con la garanzia del fondo di Etica Sgr (per motivi di privacy sono stati usati nomi di fantasia) In collaborazione con: CARITAS DIOCESANA DI ANDRIA NOME DEL BENEFICIARIO Attivita Marco Agente immobiliare Giuseppe Mario Venditore Ambulante Commerciante di prodotti ortofrutticoli IMPORTO SCOPO VALORE SOCIALE Claudio Artigiano Completamento lavori di ristrutturazione di un ufficio Acquisto mezzo di trasporto per la merce e di stufa a gas per ambiente esterno al fine di esercitare l attività durante l inverno Acquisto furgoncino usato Apertura negozio di tappezzeria Alleggerimento spese del nucleo familiare Giovane età, ma costretto ai margini della società avendo scontato una pena detentiva Evitare il declino dell attività economica, messa a serio rischio dal danno economico causato da condizioni atmosferiche avverse Uscita dal tunnel del lavoro nero In collaborazione con: CARITAS DIOCESANA DI ASSISI NOME DEL BENECIARIO ATTIVITA Importo Giovanna Collaboratrice domestica SCOPO Riscatto oggetti di valore ereditati dalla famiglia, impegnati per spese mediche VALORE SOCIALE Momentanea difficoltà finanziaria per ingenti spese mediche sostenute durante la malattia del marito In collaborazione con: CARITAS DIOCESANA di MAZZARA DEL VALLO NOME DEL BENECIARIO ATTIVITA DEL BENEFICIARIO Importo SCOPO VALORE SOCIALE Fouad Operaio Motivi familiari (acquisto mobili) Immigrato tunisino in difficoltà Lucia Impiegata Liquidità per spese sanitarie Bisogni economici dovuti alla malattia del marito 6

7 In collaborazione con: CARITAS DIOCESANA di CITTA DI CASTELLO Evita NOME DEL BENECIARIO ATTIVITA DEL BENEFICIARIO Operaia (attività saltuaria) Importo Francisco Operaio SCOPO VALORE SOCIALE Pagamento affitto arretrato Gravi difficoltà economiche Pagamento biglietti arerei per ricongiungimento familiare Il richiedente è un immigrato equadoregno e ha 2 figlie in Equador che deve portare in Italia Alcuni esempi di microfinanziamenti di Banca di Credito Cooperativo I MIGRANT CORNER. Un iniziativa molto concreta nata da una intesa tra il Credito Cooperativo e Confartigianato: creare negli sportelli delle Banche di Credito Cooperativo (BCC) e nelle sedi locali di Confartigianato dei punti di contatto dedicati agli immigrati imprenditori artigiani. Il Migrant Corner offrirà, a partire dal 2005, due tipi di servizi: di natura consulenziale e di natura bancaria e finanziaria (prodotti disegnati e realizzati ad hoc sotto un unico involucro a livello nazionale, come le rimesse con bonifico friendly a costi contenuti; carta di credito pre-pagata; mutuo prima-casa e mutuo-mobilio; leasing etico; forme previdenziali personali e familiari; finanziamenti per favorire il ricongiungimento familiare, finanziamenti su segnalazione di Confartigianato, ed altro). LOMBARDIA: RISORSA IMMIGRAZIONE. E dal 1995 che la Cassa Rurale di Treviglio e Geradadda Credito Cooperativo ha messo a punto un pacchetto - denominato Risorsa immigrazione - composto da un conto corrente agevolato, contraddistinto da tasso di remunerazione favorevole, spese di tenuta conto fisse, spese per trasferimento fondi nel paese di origine e commissioni contenute, agevolazioni sui prestiti e finanziamenti, di solito chirografari in considerazione della mancanza di beni reali da offrire in garanzia. Nel progetto originale figuravano anche la costituzione di un Fondo cooperativo di garanzia presso la Banca (ora estinto) e un Fondo di solidarietà e sviluppo alimentato da versamenti di soci e clienti della banca, del comune di Bergamo e di varie associazioni. Attraverso quest ultimo fondo è stata realizzata una piccola rete di Casse Rurali in Senegal in collaborazione con una ONG di Bergamo e Acra, altra ONG operante nel Paese africano, avvalendosi di finanziamenti europei. Recentemente il pacchetto Risorsa immigrazione è stato sottoposto ad un restyling, nel quale sono state coinvolte anche alcune associazioni di immigrati, al fine di costruire una proposta veramente rispondente alle esigenze dei destinatari. Il pacchetto, che è riservato a cittadini stranieri extracomunitari che vivono e lavorano in Italia con regolare permesso di soggiorno, si compone di diversi elementi. C è un mutuo (un mutuo ipotecario per l acquisto della prima casa, a tasso fisso o variabile agevolato e con facilitazioni sulle spese di istruttoria. Arriva a finanziare fino al 90 % del valore dell immobile ed è prevista l estensione della durata a 20 anni). C è il prestito personale agevolato per spese famigliari, di ricongiungimento famigliare e rientro nel paese d origine e per l avvio di attività artigianali o di commercio. E poi prevista la possibilità di effettuare rimesse di fondi nei paesi d origine a condizioni agevolate (grazie ad accordi specifici con banche locali in alcuni Paesi è agevolata anche la consegna dei fondi) ed una serie di servizi, bancari (Carta di Credito Cooperativo, Carta prepagata, Bancomat) e non (utilizzo gratuito Internet, accesso a libri scolastici e divulgativi tra cui il Corso di Italiano per stranieri; tariffe agevolate per i viaggi di rientro; sconti e agevolazioni di carattere assicurativo). EMILIA ROMAGNA RADICI : UN PACCHETTO DI PRODOTTI E SERVIZI INTEGRATI. L altra esperienza è quella di 12 Banche di Credito Cooperativo dell Emilia-Romagna che hanno elaborato un iniziativa denominata Radici. L iniziativa è rivolta ai cittadini immigrati con regolare permesso di soggiorno nel nostro Paese. Si tratta di un conto corrente multifunzione che, oltre alle tradizionali opportunità legate al conto (depositi, finanziamenti, anche per avviare o sostenere una 7

8 piccola attività imprenditoriale, carte di debito e di credito...), offre specifici servizi ritagliati sulle esigenze della clientela immigrata (in primo luogo rimesse nei paesi d origine). Non si tratta semplicemente di un prodotto in più da inserire nel catalogo dell offerta. A caratterizzarlo ci sono due aspetti. Il primo, è stato disegnato con il coinvolgimento delle più rappresentative Associazioni degli immigrati e delle diverse realtà competenti sul fenomeno immigrazione; il secondo, cura particolarmente l aspetto culturale. Al personale di sportello delle BCC è stata, infatti, rivolta una specifica formazione, coordinata da un mediatore culturale (il palestinese Milad Bashir), esperto nelle tematiche del dialogo inter-culturale. 250 addetti di sportello (circa il 19% dei collaboratori delle banche coinvolte) sono in grado, oggi, di essere non solo terminali di un informazione finanziaria, ma veri e propri esperti del tema immigrazione. A loro il compito di spiegare, quando serve, quali documenti occorrono per ottenere il permesso di soggiorno (ve ne sono 34 tipologie) e tanto altro, grazie ad un programma di auto formazione in costante aggiornamento e consultabile on-line. Anche l informazione è stata particolarmente curata. Sono state realizzate brochures informative in cinque lingue (italiano, francese, inglese, spagnolo, arabo), distribuite non soltanto in banca, ma in tutti i luoghi di norma frequentati dai lavoratori immigrati. A dicembre 2003 i conti correnti intestati a cittadini immigrati nella regione sfioravano quota Dall adozione di Radici, il loro numero è aumentato dell 11%. LAZIO: IL MICROCREDITO DELLA BCC DI ROMA. La Banca di Credito Cooperativo di Roma ha realizzato un programma di microcredito rivolto ai cittadini immigrati e alle fasce sociali più deboli (anziani, ecc.). Tale servizio, messo a punto dalla Banca assieme alla Farmacap (la società che gestisce le farmacie comunali di Roma) e all XI Municipio (con la prospettiva di essere sperimentato ed esteso a tutte le altre amministrazioni territoriali della città), consiste nell offrire dei crediti di piccolo importo (non superiori a 2000 euro) finalizzati all inserimento lavorativo, all acquisto e/o noleggio di veicoli, servizi alla persona e prevede di creare un pacchetto di servizi bancari dedicati e agevolati (apertura di un conto corrente e accesso al credito a tassi di favore). Fra i servizi offerti c è, inoltre, la possibilità di rilascio di carte prepagate a circolazione internazionale che consentono ai cittadini immigrati di trasferire nel Paese d origine piccoli risparmi accumulati a costi contenuti. Per l iniziativa Farmacap ha stanziato un fondo di garanzia di 500mila euro e si occuperà in prima persona della raccolta delle richieste dei clienti. TRA LA BCC DI COLLETORTO E LA DIOCESI DI TERMOLI LARINO MOLISE: PROGETTO SENAPA PER LA RICOSTRUZIONE DEL DOPO TERREMOTO La Banca di Credito Cooperativo di Colletorto (Cb) ha stipulato con la Diocesi di Termoli Larino una Convenzione finalizzata alla istituzione di un Fondo rotativo a sostegno delle attività di ricostruzione del dopo terremoto del novembre Il Fondo, sostenuto dai due soggetti, opererà attraverso la formula del microcredito. E questo uno dei passaggi chiave dal punto di vista organizzativo di un progetto più ampio (coordinato dalla Federazione Abruzzo e Molise delle BCC) denominato Senapa e che vede coinvolti, oltre alla Diocesi ed alla BCC, anche la Parrocchia di San Giuliano di Puglia e le Caritas Diocesane della Lombardia (queste ultime hanno assunto l onere della copertura dei costi di gestione dell intero progetto). Beneficiari degli interventi gestiti dal Fondo saranno le famiglie e le piccole attività imprenditoriali delle zone duramente colpite dal terremoto. Le domande saranno valutate da un apposito Comitato Tecnico (istituito congiuntamente da Diocesi e BCC) con il compito di seguire la fase della pre-istruttoria, di gestire i collegamento tra i richiedenti e la stessa Banca nonché di diffondere l iniziativa tra i Comuni interessati dal sisma. Il valore aggiunto dell intero progetto (nato da una sollecitazione del Vescovo di Termoli-Larino S.E. Mons. Tommaso Valentinetti) sta nella co-partecipazione della Diocesi al Fondo, con la messa a disposizione di una somma a titolo di garanzia, e di aver scelto la formula del microcredito e della finanza etica come strumento idoneo ad intervenire concretamente nella 8

9 faticosa e lunga azione di ricostruzione o, semplicemente, di ritorno alla normalità (molte famiglie, nonostante la casa dichiarata inagibile devono continuare a pagare le rate dei mutui, in un primo tempo congelate dalle banche). Una sollecitazione, questa, prontamente ripresa dal Credito Cooperativo locale che già, nei giorni immediatamente al sisma, aveva attivato una importante rete di solidarietà e di interventi diretti sul territorio. Dal punto di vista tecnico, i finanziamenti erogati dal fondo non potranno essere superiori ai 10 mila euro e con una durata massima di 36 mesi. VENETO. PRESTITI D ONORE. La Banca di Credito Cooperativo del Trevigiano, in sinergia con il comune di Castelfranco Veneto, ha messo a disposizione un plafond di 1 milione di euro per prestiti d onore. Tali prestiti - che hanno un importo massimo di 6 mila euro, sono erogati ad un tasso di estremo favore (attualmente il 2%) e non richiedono garanzie - hanno l obiettivo di offrire strumenti di emancipazione da percorsi assistenziali a persone che vengono così facilitate nell accedere al sistema creditizio. BCC ROMA. CREDITO ALIMENTARE PER CONIUGI SEPARATI. La BCC di Roma, in partnership col comune di Roma e con l Associazione Codice Donna, offre prestiti agevolati e sostegno nel recupero degli assegni di mantenimento per i figli rivolto a quei genitori (1 caso su 3) che non riescono a percepirli. Il progetto si rivolge a tutti coloro che non possono offrire garanzie. Le azioni che il progetto prevede sono di due tipi: concessione di piccoli prestiti fino a 5 mila euro a tassi estremamente vantaggiosi; sostegno per il recupero del credito per il mantenimento dei figli. BCC BERGAMO. PRESTITI PER AIUTARE I GENITORI. 9 BCC della provincia di Bergamo hanno siglato una convenzione di Aiuto spese per i servizi all infanzia rivolta ai lavoratori o lavoratrici e agli imprenditori (Asili). In base a tale convenzione, le BCC mettono a disposizione di genitori con figli da 0 a 3 anni fino a 8 mila euro per tre anni, con altri due per la restituzione, a condizioni agevolate, al fine di venire incontro alle forti spese che debbono sostenere i genitori dei bambini più piccoli. BCC CREMONA. MICROCREDITO CON LA DIOCESI. Le sei Banche di Credito Cooperativo della provincia di Cremona, insieme alla Diocesi di Crema, hanno varato un iniziativa di microcredito rivolta alle persone o alle famiglie in stato di bisogno, che risiedano o lavorino nel territorio della Diocesi. La convenzione prevede la possibilità di ricevere un prestito che potrà andare da 500 a euro da rimborsare in 36 mesi, che è la durata massima. Il plafond messo a disposizione è di 150 mila euro, in una logica di fondo rotativo. La diocesi di Crema segnalerà alle 6 BCC (Cremasca, Offanengo, Dovera e Postino, Cremonese, dell'adda, e Cassa Rurale del Cremasco) le persone o le famiglie che necessitano di un aiuto temporaneo, rilasciando una lettera di presentazione per l'ammissione al beneficio. A loro volta, le BCC avvieranno le pratiche per l'erogazione del prestito. SERVIZI DI SUPPORTO: TRASFERIMENTO DELLE RIMESSE / LEASING/. Il Credito Cooperativo ha inoltre realizzato una serie di servizi di supporto che vanno ad integrare l azione sul territorio delle diverse banche locali impegnate nei confronti dei lavoratori immigrati. BONIFICO FRIENDLY : Il prodotto consente di venire incontro ai problemi che i lavoratori hanno nel trasferimento delle rimesse nei paesi di origine. Messo a punto da Iccrea Banca Spa, 9

10 Bonifico Friendly contente il trasferimento dei fondi degli immigrati verso il proprio Paese di origine a condizioni di favore, in modo rapido, economico e sicuro, anche in assenza di domiciliazione bancaria dei destinatari. L'importo massimo del bonifico è di euro ed ha un costo di 6,00 euro. Il meccanismo si basa sulla selezione e l accordo tecnico con banche corrispondenti nei paesi di destinazione. CARTA PREPAGATA TASCA. E una carta di credito prepagata con validità triennale, spendibilità internazionale, ricaricabile fino ad un massimo di 500 euro, ad un costo base di 5 euro. Disponibile presso tutte le BCC italiane. LEASING ETICO. E il primo prodotto leasing italiano (messo a punto da Banca Agrileasing Spa) con specifiche finalità di carattere sociale. Si rivolge, tra l altro, agli immigrati regolarmente residenti in Italia che avviano attività commerciali e produttive e che necessitano di acquistare beni strumentali o automobili. Per accedere a questo prodotto - che si rivolge anche ad associazioni ed aziende non profit, come anche ad aziende commerciali che si impegnano ad adottare criteri di responsabilità socio-ambientale - è prevista oltre alla consueta verifica economica un altra effettuata da una speciale procedura denominata Etikit. Quest ultima valuta il contenuto etico, l impatto sociale e ambientale dei progetti/beni e la dimensione etica dei soggetti che richiedono il finanziamento. 10

LE ESPERINZE DI FINANZA ETICA IN ITALIA Un quadro d insieme

LE ESPERINZE DI FINANZA ETICA IN ITALIA Un quadro d insieme LE ESPERINZE DI FINANZA ETICA IN ITALIA Un quadro d insieme di Cinzia Cimini Sgombriamo il campo. Cosa si intende per finanza etica? Sicuramente è utile alla discussione dare, innanzitutto una definizione

Dettagli

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo

Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati. Giuseppe Garofalo Microcredito e Microfinanza: dai paesi in via di sviluppo ai paesi industrializzati Giuseppe Garofalo Nord e Sud del mondo Secondo i dati dell UNDP (United Nations Development Program), il 20% più ricco

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione 28 febbraio 2013 Salone d Onore del Comune di Cuneo 1.CHE COS È IL

Dettagli

C ambieresti il modo di investire i tuoi L INVESTIMENTO ETICO

C ambieresti il modo di investire i tuoi L INVESTIMENTO ETICO FINANZA L INVESTIMENTO ETICO C ambieresti il modo di investire i tuoi soldi? Tra i vari aspetti su cui bisogna cominciare a riflettere troviamo la, che ha un ruolo preponderante nei destini del mondo,

Dettagli

Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino

Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino Bologna, 21 maggio 2010 premessa: la popolazione sotto il livello di povertà L'ISTAT conduce annualmente una analisi delle condizioni

Dettagli

Banca Popolare Etica. Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Venerdì 1 giugno 2012

Banca Popolare Etica. Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica. L interesse più alto è quello di tutti. Venerdì 1 giugno 2012 Banca Popolare Etica L interesse più alto è quello di tutti Roberto Guerra direttore filiale di Bari Banca popolare Etica Venerdì 1 giugno 2012 Banca popolare Etica È punto di incontro tra: risparmiatori

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona TERRAFUTRA. FIRENZE 26 Maggio 2012

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona TERRAFUTRA. FIRENZE 26 Maggio 2012 CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 TERRAFUTRA FIRENZE 26 Maggio 2012 Francesco Delfino andriacaritas@libero.it www.caritasandria.com GLI STRUMENTI A DISPOSIZIONE

Dettagli

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero 2.3 Le rimesse degli immigrati all estero L importanza crescente che il fenomeno migratorio sta assumendo comporta la necessità di considerare la funzione economica svolta dai cittadini stranieri inseriti

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA

BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA BILANCIO SOCIALE 2012 1. PREMESSA 1.1 Metodologia Il bilancio sociale 2012 di MxIT-Microcredito per l Italia è stato realizzato da un gruppo di lavoro composto dal CdA e dai dipendenti, con il supporto

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI A SOGGETTI APPARTENENTI A FASCE DEBOLI DELLA POPOLAZIONE

PROTOCOLLO D INTESA PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI A SOGGETTI APPARTENENTI A FASCE DEBOLI DELLA POPOLAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI A SOGGETTI APPARTENENTI A FASCE DEBOLI DELLA POPOLAZIONE Fra Caritas Italiana con sede in Roma Viale F. Baldelli, 41 CF 80102590587 nella persona del

Dettagli

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI Dire fare abitare Fondo Fei 2013, Azione 6, prog. 105060 - CUP D18D14000570008 EMERGENZA ABITATIVA Dal

Dettagli

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza 6. un aggiornamento sui dati del prestito della speranza Dal Censimento delle opere ecclesiali 1. Il Prestito della Speranza nel contesto nazionale del microcredito Il Prestito della Speranza è un progetto

Dettagli

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE 42 CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 220/I0093427 P.G. NELLA SEDUTA DEL 20/12/2004 A RIFERIMENTI NORMATIVI L. 285/1997, art. 4 La L. 285/1997

Dettagli

Devono essere privilegiate quelle persone che per situazioni contingenti non possono accedere ai prestiti bancari

Devono essere privilegiate quelle persone che per situazioni contingenti non possono accedere ai prestiti bancari PREMESSA Il Consorzio con deliberazione del Consiglio d Amministrazione n 24 del 18/7/2014 ha stipulato un convenzione con l Associazione S. Vincenzo di San Bernardo Via Beltramo 2 Rivoli per il progetto

Dettagli

Il Progetto Policoro è un progetto della Chiesa Italiana che tenta di dare una risposta concreta al problema della disoccupazione al Sud.

Il Progetto Policoro è un progetto della Chiesa Italiana che tenta di dare una risposta concreta al problema della disoccupazione al Sud. Il Progetto Policoro è un progetto della Chiesa Italiana che tenta di dare una risposta concreta al problema della disoccupazione al Sud. Policoro, città in provincia di Matera, è il luogo del primo incontro

Dettagli

PRESENTARSI IN BANCA. mini guide. operative. per futuri e nuovi. imprenditori. di Andrea Binello. Il primo approccio con le banche

PRESENTARSI IN BANCA. mini guide. operative. per futuri e nuovi. imprenditori. di Andrea Binello. Il primo approccio con le banche mini guide operative per futuri e nuovi imprenditori PRESENTARSI IN BANCA di Andrea Binello Il primo approccio con le banche collana oggi e domani imprenditore per futuri e nuovi imprenditori collana

Dettagli

I contributi economici a sostegno del reddito

I contributi economici a sostegno del reddito Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate I contributi economici a sostegno del reddito Rimini, 24 gennaio 2012 Le misure della

Dettagli

Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011

Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011 Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Accesso al Micro Credito per Immigrati Modena 16/03/2011 Finalità sperimentare

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

Fondazione Microcredito e Sviluppo

Fondazione Microcredito e Sviluppo Fondazione Microcredito e Sviluppo Caltagirone La missione della Fondazione Favorire la valorizzazione, la promozione, lo sviluppo e la gestione del dispositivo del microcredito quale strumento di coesione

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

TUTTO CIO PREMESSO E CONSIDERATO, TRA LE PARTI SI CONVIENE QUANTO SEGUE: 1 CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MICROCREDITO PER IL JOB CREATION ANNUALITÀ 2012/2013, TESO A PREVENIRE IL FENOMENO DELL USURA E RIVOLTO PRIORITARIAMENTE AI CITTADINI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli

di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza

di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza INCENTIVI INAIL: DAL BANDO AI FINANZIAMENTI CONSIDERAZIONI SU TEMPI E MODALITA' DI EROGAZIONE DEL FINANZIAMENTO di Cristina Aprile e Roberto Aprile Risorse umane >> Igiene e sicurezza PREMESSA Nel corso

Dettagli

C O N V E N Z I O N E PER L AVVIO DEL PROGETTO MICROCREDITO PER LE FAMIGLIE TRA : COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO

C O N V E N Z I O N E PER L AVVIO DEL PROGETTO MICROCREDITO PER LE FAMIGLIE TRA : COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO C O N V E N Z I O N E PER L AVVIO DEL PROGETTO MICROCREDITO PER LE FAMIGLIE TRA : COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO CARITAS PARROCCHIALE DI CATTOLICA PER L EROGAZIONE DI MICROCREDITO

Dettagli

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Rosella Sciolla Responsabile Direzione Crediti Regionale Piemonte Nord Valle d Aosta di UniCredit Banca Torino, 27 Maggio 2010 2 Basilea

Dettagli

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO Per diventare professionisti del microcredito Perché un Master in Finanza per lo Sviluppo? Per offrire un percorso di specializzazione che mette insieme due mondi apparentemente

Dettagli

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE

ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEI PRESTITI D ONORE Approvato con D.C.C. n. 169 del 09.11.1995 e D.C.C. n. 6 del 13.02.1996 esecutive FINALITÀ Art. 1 1. La legge 142/90 e lo Statuto Comunale pongono a carico delle

Dettagli

Credito alle famiglie 2009. Giuseppe Zadra Direttore Generale

Credito alle famiglie 2009. Giuseppe Zadra Direttore Generale Credito alle famiglie 2009 Giuseppe Zadra Direttore Generale Roma, 23 giugno 2009 Gli impieghi alle famiglie consumatrici in Italia 400.000 350.000 300.000 250.000 200.000 150.000 100.000 50.000-366.898

Dettagli

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale Allegato alla convenzione del 4/11/2011, modificato in data 25 settembre 2014 e in data 19 marzo 2015 FONDO DI GARANZIA FINALIZZATO A SOSTENERE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO

Dettagli

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio SEMINARIO Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio Novara, 29 gennaio e 26 febbraio 2015 Sviluppo di reti attive tra i Servizi per l assistenza agli anziani a domicilio

Dettagli

GVV Lombardia e piccolo credito. Investimento Sociale, come strumento di lotta alla povertà

GVV Lombardia e piccolo credito. Investimento Sociale, come strumento di lotta alla povertà Il Girasole: GVV Lombardia e piccolo credito Investimento Sociale, come strumento di lotta alla povertà 1 Premessa Il micro-credito è uno strumento di sviluppo economico che permette l'accesso ai servizi

Dettagli

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI

DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI DISTRETTO DI ECONOMIA SOLIDALE CARTA DEGLI INTENTI MODENA, GIUGNO 2006 Pagina 1 di 6 Premessa Questo documento nasce dalla volontà di formalizzare l avvio di una rete di soggetti operanti, a vario titolo,

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon)

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon) Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica (a cura del prof. Bruno Bordignon) 1 ABRUZZO 1 BASILICATA BOLZANO (Provincia Autonoma di) A livello di normativa sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D'ONORE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D'ONORE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D'ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 6 del 29/01/2015 Sevizi Sociali INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO..... PAG. 2 ART. 2 - FINALITÀ....

Dettagli

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM dei principali termini finanziari di uso quotidiano IL PROGETTO MEDIARE.COM La presente pubblicazione è stata curata da

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

Sviluppo del territorio e dell economia locale

Sviluppo del territorio e dell economia locale ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Settore Punti di forza Punti di debolezza Rischi Opportunità Sviluppo del territorio e dell economia locale Buoni livelli di qualità della vita a livello socio-economico,

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio un impresa possibile!, svolto nell ambito di Start

Dettagli

L esperienza del Laboratorio Sud della Fondazione Tertio Millennio - Onlus JOB CREATION, RETE, TERRITORIO

L esperienza del Laboratorio Sud della Fondazione Tertio Millennio - Onlus JOB CREATION, RETE, TERRITORIO L esperienza del Laboratorio Sud della Fondazione Tertio Millennio - Onlus JOB CREATION, RETE, TERRITORIO Cinzia Ministeri Palermo 11 maggio 2011 Cos è la Fondazione Tertio Millennio La Fondazione Tertio

Dettagli

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito;

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito; Allegato alla Delib.G.R. n. 56/7 del 29.12.2009 Criteri e modalità di gestione del fondo di garanzia etica. Art. 3, comma 2, lett. e), della L.R. n. 1/2009. PREMESSA. Questa direttiva definisce i criteri

Dettagli

Buone pratiche di finanza etica e microcredito

Buone pratiche di finanza etica e microcredito 1 Laboratorio 2 Buone pratiche di finanza etica e microcredito Che cosa è il microcredito Il microcredito è uno strumento di sviluppo economico, che permette alle persone in situazione di povertà ed emarginazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA CONFCOOPERATIVE TOSCANA E FEDERAZIONE TOSCANA BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

PROTOCOLLO DI INTESA TRA CONFCOOPERATIVE TOSCANA E FEDERAZIONE TOSCANA BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO PROTOCOLLO DI INTESA TRA CONFCOOPERATIVE TOSCANA E FEDERAZIONE TOSCANA BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO 01/10/2004 PROTOCOLLO DI INTESA TRA CONFCOOPERATIVE TOSCANA E FEDERAZIONE TOSCANA BANCHE DI CREDITO

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1

Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1 Oggetto: Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, 1, art. 3, comma 2, lett. e). Fondo di garanzia etica. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale riferisce in ordine

Dettagli

Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA

Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA Protocollo d intesa PATTO PER LA CASA Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Compagnia delle Opere Bergamo Confindustria Bergamo ANCE Bergamo Fiaip Bergamo Confcooperative Bergamo Legacoop

Dettagli

Cittadini stranieri consumatori

Cittadini stranieri consumatori Cittadini stranieri consumatori Grazie ai dati raccolti dalla Fondazione Leone Moressa è possibile comprendere la struttura dei redditi delle famiglie immigrate e comprenderne gli effettivi livelli.

Dettagli

Banche e crisi Microcredito

Banche e crisi Microcredito Banche e crisi Microcredito Oggetto conversazione Attuale situazione di grave recessione Domande che tutti si fanno Le banche hanno doveri e quindi responsabilità sociale? Come devono comportarsi in caso

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

MICROCREDITO E SUO SVILUPPO NEL CAMPO AMBIENTALE 1. La microfinanza ed il microcredito

MICROCREDITO E SUO SVILUPPO NEL CAMPO AMBIENTALE 1. La microfinanza ed il microcredito MICROCREDITO E SUO SVILUPPO NEL CAMPO AMBIENTALE 1. La microfinanza ed il microcredito Durante questo ultimo decennio si è molto discusso di microfinanza e di microcredito, spesso confondendo i due termini.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. INDICE Art. 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 2 SOCI. Art. 3 - ORGANI SOCIALI. Art. 4 - NODI TERRITORIALI

REGOLAMENTO INTERNO. INDICE Art. 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 2 SOCI. Art. 3 - ORGANI SOCIALI. Art. 4 - NODI TERRITORIALI REGOLAMENTO INTERNO INDICE Art. 1 - PRINCIPI GENERALI Mutualità Autogestione Trasparenza Centralità delle relazioni Convivialità Non auto riproduzione del denaro Art. 2 SOCI Chi può diventare socio Ammissione

Dettagli

LA CO A C MP O A MP G A INE SOCIA C L IA E L

LA CO A C MP O A MP G A INE SOCIA C L IA E L LA COMPAGINE SOCIALE LA COMPAGINE SOCIALE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza si ispira ai principi di onestà, correttezza, trasparenza e riservatezza nello svolgimento

Dettagli

CREDITI CORPORATE LENDING

CREDITI CORPORATE LENDING CREDITI partner affidabili CORPORATE LENDING PERCHÉ UN FINANZIAMENTO IN POOL? Come noto, i motivi per cui una banca può essere indotta a sindacare un operazione di finanziamento possono essere molteplici:

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013

DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013 DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013 1. OPERAZIONI DI IMPORTO RIDOTTO (MICROCREDITO) Domanda. Una operazione di Microcredito estinta o parzialmente estinta consente di liberare, anche pro quota, il

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

Il Percorso Famiglia Incontro del Tavolo Multistakeholders. Associazione Bancaria Italiana 23 luglio 2013

Il Percorso Famiglia Incontro del Tavolo Multistakeholders. Associazione Bancaria Italiana 23 luglio 2013 Il Percorso Famiglia Incontro del Tavolo Multistakeholders Associazione Bancaria Italiana 23 luglio 2013 Indice Il Percorso Famiglia: l iniziativa e i dati aggiornati Il fondo nuovi nati Il fondo giovani

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

Catania, 12 giugno 2015

Catania, 12 giugno 2015 La Previdenza dei Dottori Commercialisti tra attualità e prospettive Catania, 12 giugno 2015 1 La CNPADC ha come finalità statutaria quella di svolgere funzioni di previdenza e di assistenza Le prestazioni

Dettagli

Scheda didattica IL RUOLO DELLA BANCA

Scheda didattica IL RUOLO DELLA BANCA Perché risparmiare? Scheda didattica IL RUOLO DELLA BANCA La vita è imprevedibile e non sempre è possibile sapere in anticipo cosa accadrà in futuro. Però se si mette da parte qualcosa, si potrà affrontare

Dettagli

ALCUNE ESPERIENZE DI MICROCREDITO NELLE DIOCESI ITALIANE

ALCUNE ESPERIENZE DI MICROCREDITO NELLE DIOCESI ITALIANE ALCUNE ESPERIENZE DI MICROCREDITO NELLE DIOCESI ITALIANE (a cura di Angela Petrella) Il successo ottenuto dal microcredito in molti Paesi in via di sviluppo e la crescente attenzione dimostrata riguardo

Dettagli

BANCA POPOLARE ETICA

BANCA POPOLARE ETICA BANCA POPOLARE ETICA Chi è e che cosa fa per l ambiente? l LODI 12 luglio 2006 L interesse più alto è quello di tutti Chi siamo? BANCA! Un intermediario finanziario che mette in contatto indirettamente

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA CONFCOOPERATIVE UMBRIA E FEDERAZIONE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO DEL LAZIO UMBRIA SARDEGNA.

PROTOCOLLO DI INTESA TRA CONFCOOPERATIVE UMBRIA E FEDERAZIONE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO DEL LAZIO UMBRIA SARDEGNA. PROTOCOLLO DI INTESA TRA CONFCOOPERATIVE UMBRIA E FEDERAZIONE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO DEL LAZIO UMBRIA SARDEGNA Premesso che: la cooperazione - secondo le finalità fatte proprie dalla Confcooperative

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

ART. 1 Finalità. ART. 2 Oggetto

ART. 1 Finalità. ART. 2 Oggetto COMUNE DI VERBANIA Regolamento per l'erogazione di contributi straordinari (con la formula del Prestito d'onore) a sostegno di soggetti in condizione di difficoltà economica Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA CALCOLO ABSTRACT OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2000 NUMERO NOVE CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2000 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

4. di dichiarare a tutti gli effetti di legge la presente deliberazione immediatamente esecutiva.

4. di dichiarare a tutti gli effetti di legge la presente deliberazione immediatamente esecutiva. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 80 del 10 06 2015 23175 All esito della suesposta istruttoria, si rimette alla Giunta regionale l approvazione del presente atto ricognitivo dei provvedimenti,

Dettagli

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ENTE PROPONENTE: C.I.D.E.S. Centro Internazionale dell Economia Sociale Consorzio di Cooperative Sociali SEDE ACCREDITATA: Via Cervellati, 1/f Bologna (BO) 40122 TITOLO

Dettagli

STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL

STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL QUADERNO TECNICO STRUMENTI E AZIONI DI SUPPORTO AL CREDITO OTTOBRE 2013 STRUMENTI E AZIONI: ACCORDO ABI-CONFINDUSTRIA 2013 FONDO JESSICA TRANCHED COVER (EX DGR ACCELERAZIONE DELLA SPESA DEI FONDI EUROPEI)

Dettagli

Finanza Creatrice. indagine sul microcredito nella Provincia di Roma. a cura di MAG Roma società cooperativa

Finanza Creatrice. indagine sul microcredito nella Provincia di Roma. a cura di MAG Roma società cooperativa Finanza Creatrice indagine sul microcredito nella Provincia di Roma cooperativa a cura di MAG Roma società cooperativa Prefazione Adriano Labbucci Presidente del Consiglio Provinciale di Roma Per convinzione

Dettagli

Convenzione commerciale tra BANCA POPOLARE ETICA e LEGACOOP UMBRIA. Premessa

Convenzione commerciale tra BANCA POPOLARE ETICA e LEGACOOP UMBRIA. Premessa Convenzione commerciale tra BANCA POPOLARE ETICA e LEGACOOP UMBRIA Premessa BANCA POPOLARE ETICA si propone di gestire le risorse finanziarie di famiglie, donne, uomini, organizzazioni, società di ogni

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl

REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl REGOLAMENTO INTERNO della Coop. ACANTA MAG (Mutua di Auto Gestione) - Scarl Premessa - Riferimenti La Coop. Acanta MAG (nel proseguo del documento chiamata semplicemente Acanta) è uno strumento al servizio

Dettagli

Regione Toscana SCHEDA PROGETTO / GIOVANI, SÌ!

Regione Toscana SCHEDA PROGETTO / GIOVANI, SÌ! Regione Toscana SCHEDA PROGETTO / GIOVANI, SÌ! 1. PERCHÉ UN PROGETTO DEDICATO AI GIOVANI Per la prima volta dal dopoguerra i figli rischiano di vivere peggio dei loro padri, di essere più poveri delle

Dettagli

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro

Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro Lo strumento del microcredito a servizio del Progetto Policoro A partire dalle numerose esperienze sbocciate in alcune diocesi nel campo del microcredito a sostegno delle imprese nate dal Progetto Policoro

Dettagli

Nonprofit: un pilastro del Paese

Nonprofit: un pilastro del Paese Banca Prossima 1 Nonprofit: un pilastro del Paese Il mondo nonprofit è fondamentale per l economia e la società italiane 250.000 organizzazioni «laiche» 26,4 milioni di utenti diretti (il 45% della popolazione)

Dettagli

UBI Comunità al servizio del non profit. 23 ottobre 2014

UBI Comunità al servizio del non profit. 23 ottobre 2014 UBI Comunità al servizio del non profit 23 ottobre 2014 1 Posizionamento di UBI Banca Forte posizionamento competitivo 1 Gruppo bancario cooperativo italiano per capitalizzazione Circa 3,7 mln di clienti:

Dettagli

Il tema dell occupazione del personale

Il tema dell occupazione del personale Anche volontariato e non profit possono facilitare gli scambi fra i Paesi europei. Italia e Polonia, per esempio, hanno promosso un progetto comune per risolvere una reciproca emergenza: quello della carenza

Dettagli

Mini GUIDA della Fondazione Studi

Mini GUIDA della Fondazione Studi ANNO 2015 Mini GUIDA della Fondazione Studi Il sostegno all imprenditorialità come strumento di politica attiva del lavoro. La grave crisi economica e finanziaria che oramai da anni attanaglia l economia

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA BANCA DAL 1472 Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario Dir. Rossano Bagnai IL PROGRAMMA DI MICROCREDITO DELLA

Dettagli

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania Circolare Informativa n 45/2012 Microcredito Regione Campania e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 7 INDICE Premessa pag.3 1) Soggetti beneficiari pag. 3 2) Linee di intervento

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli