News

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2013-2014. News 2013-2014. www.comprensivo1sesto.gov.it/organigramma_10.html www.comprensivo1sesto.gov.it/page_25.html"

Transcript

1

2 CHI SIAMO pag. 5 News Composizione dell istituto Direzione e Segreteria Insegnanti collaboratrici e fiduciarie Insegnanti funzioni strumentali Segreteria Personale amministrativo Orario di funzionamento Le scuole dell istituto Scuole dell infanzia Scuole primarie Scuola secondaria di 1 grado Strutture scolastiche Analisi del contesto ambientale Sul sito web: Insegnanti referenti Collaboratori scolastici: assegnazione ai plessi Organizzazione scuole: - sezioni e insegnanti scuola infanzia - classi e insegnanti scuola primaria - classi e insegnanti scuola secondaria di 1 grado Organi Collegiali: Collegio dei Docenti Comitati di Valutazione Consigli di Intersezione / Interclasse/ Classe Consiglio di Istituto Rappresentanti dei Genitori 2

3 I NOSTRI TRAGUARDI pag. 13 Obiettivi condivisi Finalità Scelte educative Scelte metodologiche Modalità di valutazione Orientamento scolastico informativo Finanziamento dello Stato Contributi volontari dei genitori Contributi altri Enti RISORSE FINANZIARIE pag. 16 COME SIAMO ORGANIZZATI pag. 17 Tempo scuola Visite guidate e viaggi d istruzione Servizi Pre-scuola Trasporto Mensa * Prevenzione e Recupero Recupero e consolidamento delle conoscenze, competenze ed abilità, per alunni stranieri e per alunni in situazione di svantaggio o di handicap. PROGETTI E AREE DI INTERVENTO pag. 19 Arricchimento formativo Ampliamento delle conoscenze, competenze e abilità Accoglienza, Continuità e Orientamento Laboratori 3 Lingue e culture comunitarie Musica

4 Informatica e Multimedialità Lettura e Biblioteca Teatro Scienze Gioco-sport Educazione Stradale 4

5 PROGETTI P.O.F.T. Pag. 26 SICUREZZA, LEGALITA, CONVIVENZA CIVILE Pag. 29 COME MIGLIORARE Pag.30 Pag.31 Piano di aggiornamento Corsi di formazione per il personale docente Corsi di formazione per il personale A.T.A. Sportello psico-pedagogico Rilevazione qualità del servizio ALLEGATI AL P.O.F Pag. 32

6 CHI SIAMO Allo scopo di rendere più comprensibile la lettura del Piano di Offerta Formativa (P.O.F.), riteniamo opportuno fornire alcuni chiarimenti. Il P.O.F. è stato introdotto nella scuola con il Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche (D.P.R. 08/03/99), ai sensi dell art.21 della legge istitutiva dell Autonomia scolastica, la n.59 del 15/03/97, comunemente detta legge Bassanini. Con questa legge, le funzioni dell Amministrazione centrale e periferica della pubblica istruzione [ ] fermi restando i livelli unitari e nazionali di fruizione del diritto allo studio e gli elementi comuni all intero sistema scolastico pubblico, sono progressivamente attribuite alle istituzioni scolastiche. Il P.O.F. si pone quindi come il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale dell Istituto. Esso esplicita la progettazione disciplinare, extradisciplinare, educativa ed organizzativa nell ambito dell autonomia. E stato elaborato dal Collegio dei Docenti che ha tenuto conto degli indirizzi generali del Consiglio di Istituto, delle norme ministeriali vigenti e ha trovato tutte le componenti delle scuole impegnate nell individuazione di percorsi e strategie educativo-didattiche mirate al raggiungimento del successo formativo di ogni alunno. Nella progettazione del Piano dell Offerta Formativa, l Istituzione si è avvalsa della collaborazione degli Enti Territoriali e delle diverse realtà sociali del comprensorio che interagiscono per fornire agli alunni occasioni, strumenti e stimoli per il loro processo formativo. Il presente documento si ispira ai principi di uguaglianza, imparzialità, accoglienza, integrazione e libertà di insegnamento sanciti dagli articoli 2, 3, 33, 34 della Costituzione Italiana.

7 NEWS Il REGISTRO ELETTRONICO Quest anno il nostro Istituto Comprensivo compie il primo anno di vita! Lo festeggiamo con un importante innovazione: l adozione del Registro Elettronico, nell ambito di un generale processo d innovazione tecnologica che coinvolge tutte le scuole dell Istituto. Dallo scorso anno è infatti entrato in vigore con successo lo scrutinio elettronico in tutte le nostre scuole. Nell anno scolastico corrente il Registro Elettronico è stato adottato per tutte le classi della scuola media Pescetti: il nuovo strumento ci porta ad essere scuola pilota nel panorama scolastico italiano. Abbiamo affrontato il suo utilizzo non solo in ottemperanza alla normativa vigente, ma nella convinzione che esso rappresenti un prezioso supporto alla qualità del nostro fare scuola, perché consente una maggiore trasparenza e comunicazione con l utenza, condizione indispensabile per il raggiungimento dei nostri obiettivi. (vedi dettagli sul nostro sito web) LABORATORI DEL SAPERE SCIENTIFICO La seconda novità è rappresentata dalla partecipazione al Concorso Regionale per l assegnazione di contributi a supporto di una didattica innovativa nelle discipline matematiche e scientifiche, denominato Laboratori del sapere Scientifico. Il nostro Progetto, chiamato NaturalMente e realizzato a cura di un gruppo di docenti dei tre ordini di scuola, è stato approvato e si è classificato tra i primi della Regione Toscana. Ha ottenuto perciò i previsti finanziamenti per la ristrutturazione dei laboratori scientifici e degli orti botanici, per la formazione dei docenti e per il coordinamento e la promozione delle attività con gli alunni.

8 COMPOSIZIONE DELL ISTITUTO PRESIDENZA e SEGRETERIA: via Tommaseo 27 tel. 055/ fax 055/ Dirigente scolastico: dott.ssa Anna Bergamo Collaboratori: ins.cristina Belli, ins.paola Arcuri, ins.pierpaolo Infante Referente Scuola infanzia: ins. Marcella Lorenzini Funzioni Strumentali Area 1. Gestione del Piano dell Offerta Formativa ins. Maria Francesca Morini e Monica Papini Area 2. Supporto al lavoro dei docenti / Informatica ins. Gloria Gigli, Filippo Perini e Marco Bagnoli Area 3. Recupero del disagio ins. Caterina de Fine e Sandra Casini Area 3. Handicap ins. Maria Pia Di Salvo, Gianna Oggianu e Eliana Trinca Area 3. Intercultura e Alfabetizzazione alunni stranieri ins. Margherita Brunello e Cecilia Fraticelli Area 3. Continuità nido infanzia primaria e media ins. Francesca Pani, Daniela Nardi e Silvia Manetti. Responsabili di plesso ins. Filippo Perini (Pescetti) ins. Anna Maria Cattani (L.L.Radice) ins. Fulvia Giagnoni (Villa La Fonte) ins. Fiorella Aiazzi (Villa San Lorenzo) ins. Cinzia De Benedetto (L.L.Radice Infanzia) ins. Patrizia Trallori (Azzurra) ins. Elisa Turano (Ciari) ins Monica Ruberti (Gobetti)

9 ! SERVIZI AMMINISTRATIVI Direttore dei servizi generali e amministrativi (DSGA): Franco Giuliano sovrintende con autonomia operativa ai servizi generali ed amministrativo-contabili; coordina il personale alle sue dipendenze ed i collaboratori scolastici; è referente per la privacy e responsabile della formazione in merito, per tutto il personale dell Istituto. Assistenti Amministrativi Franca Tamiazzo: didattica Infanzia e Primaria, acquisti e gestione beni Luana Baldini: didattica scuola Media, acquisti e gestione beni Anna Meucci: area personale-docenti T.I-T.D annuale scuola Infanzia e Primaria Daniela Careri: area personale-docenti e ata T.I-T.D annuale scuola Media Franca Macaluso: area personale a tempo determinato Sonia Stella: sicurezza D.Lgs 81/08, area contabile finanziaria, collaborazione con Dsga Olga Rita Sandretti: area protocollo, archivio e rapporti enti locali ORARIO SETTIMANALE di RICEVIMENTO della SEGRETERIA per L UTENZA INTERNA ed ESTERNA LUNEDI, MERCOLEDI, VENERDI dalle ore 11:00 alle ore 13:00 MARTEDI, GIOVEDI, dalle ore 15:00 alle ore 17:00 SABATO chiuso (tranne nel periodo delle iscrizioni) NOTE Nei periodi di interruzione dell attività didattica sono previste le seguenti chiusure prefestive: 24 e 31/12/2013. La Segreteria, come sempre a disposizione dell utenza, si prefigge inoltre di: - far conoscere la propria organizzazione ed i molteplici servizi offerti; - migliorare le prestazioni dei servizi, rendendo in particolare più rapida la risposta alle varie richieste; - ridurre e prevenire gli errori, gestire gli imprevisti ed assicurare la costanza del servizio nel tempo; - innovare il servizio, attraverso l utilizzo di nuovi strumenti e tecnologie.

10 LE SCUOLE DELL ISTITUTO L Istituto è composto da quattro scuole dell infanzia, tre scuole primarie ed una scuola secondaria di 1 grado Numero totale alunni: 1438 (Scuola infanzia 326, Scuola primaria 587 e Scuola secondaria di 1 grado 525) Scuole dell infanzia GOBETTI - via Donizetti 129, tel : 3 sezioni 77 alunni 6 insegnanti + 2 ins. sostegno L.LOMBARDO RADICE INFANZIA via Aleardi, tel : 3 sezioni 77 alunni 6 insegnanti AZZURRA - V.le Ariosto 400, tel : 4 sezioni - 98 alunni - 9 insegnanti CIARI - via Boito, tel : 3 sezioni - 74 alunni - 6 insegnanti Nelle quattro scuole operano tre insegnanti per la religione cattolica. Scuole primarie LUCIO LOMBARDO RADICE - via Tommaseo 27, tel : 14 classi (Tempo P.) 312 alunni 28 insegnanti + 2 insegnanti di religione cattolica + 8 insegnanti di sostegno. VILLA SAN LORENZO - via Scardassieri 47, tel : 7 classi (Tempo P.) 150 alunni 14 insegnanti + 2 insegnanti di religione cattolica + 2 insegnanti di sostegno. VILLA LA FONTE - via Gramsci 620, tel : 6 classi (Tempo P.) 125 alunni 12 insegnanti + 1 insegnante di religione cattolica + 1 insegnante di sostegno. Scuola secondaria di 1 grado G. PESCETTI - via A. Diaz 40, tel classi prime, 8 classi seconde e 7 classi terze 525 alunni - 52 insegnanti, di cui 7 insegnanti di sostegno.

11 LE STRUTTURE SCOLASTICHE Le scuole dell Infanzia e le scuole Primarie sono dislocate su sette sedi e sono dotate di ampi spazi esterni ed interni. Sono fornite di attrezzature didattiche come computer, macchine fotografiche digitali, telecamere, impianto stereo, lettori cd, registratori, televisori. Dispongono inoltre delle seguenti strutture: - Spazi multifunzionali per attività di psicomotricità, musicali creative e ludiche - Spazi adibiti a biblioteca, sala lettura (prestito libri) - Spazi polivalenti: pittura, laboratori espressivi - Tre lavagne interattive (una per ciascuna scuola primaria) - Laboratorio di Informatica (uno per ogni scuola primaria) - Due palestre (presso le scuole Lucio Lombardo Radice e Villa La Fonte) - Orti didattici - Spazio adibito a teatro presso la scuola Lucio Lombardo Radice, dove si svolgono regolarmente recite, spettacoli, attività musicali come quella del coro - Giardini e spazi esterni usati non solo per le consuete attività ludiche, durante la ricreazione scolastica, ma anche per feste, mostre, spettacoli di fine anno La scuola Secondaria di 1 grado è dislocata in un unica sede e dispone delle seguenti strutture: - 2 Totem per la registrazione della presenza - uscita degli alunni - Badge per ogni alunno; - Punto TV per prendere visione delle circolari e dei comunicati utili all'utenza; - Pc portatile con connessione ad internet in tutte le classi, utile per il Registro elettronico; - Super tablet in due classi; - 8 Lavagne LIM; - Laboratorio di informatica dotato di 15 postazioni pc; - Laboratorio di Arte ed Immagine; - Laboratorio di Musica - Laboratorio per Attività Artigianali dotato di forno per la cottura della ceramica; - Laboratorio scientifico con videomicroscopio e numerosi strumenti per esperimenti di chimica e fisica; - Orto Botanico; - Spazi multifunzionali per alunni diversamente abili; - Aula di alfabetizzazione per alunni stranieri; - Biblioteca; - Palestra. La scuola possiede inoltre molteplici attrezzature didattiche: televisori, videoregistratori, lettori DVD, proiettori diapositive, macchine fotografiche digitali, lavagne luminose, telecamera, computer, videoproiettore, collegamento ad Internet ed un numero considerevole di testi di narrativa e di consultazione.

12 ANALISI DEL CONTESTO AMBIENTALE L utenza dell Istituto Comprensivo n 1di Sesto Fiorentino si caratterizza per la sua eterogeneità socio culturale dovuta sia all estensione territoriale, sviluppata sull asse Sud- Est, parallelo alla via principale del paese, sia all incremento numerico dovuto alla presenza di bambini provenienti da altre culture. Il territorio comunale offre molteplici opportunità educative: sono presenti società sportive di varie discipline, che propongono attività differenziate per orario ed età, e associazioni che offrono invece servizi di supporto educativo alle famiglie. L Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi del Comune di Sesto Fiorentino ha elaborato un Piano di Offerta Formativa Territoriale (POFT), che offre alle scuole attività didattico-espressive (teatrali, musicali, ambientali, scientifiche, sociali e culturali), che integrano e supportano il piano di offerta formativa delle singole scuole, rendendo più evidente la capacità progettuale, in termini educativi, tra scuola e territorio. Affiancano la scuola, nel ruolo educativo, altre organizzazioni presenti sul territorio come: il Cinema, il Consiag, l Unicoop, La Cassa di Risparmio di Firenze, e tutti coloro che offrono la loro collaborazione per raggiungere le finalità educative indicate dagli organi collegiali, tra cui: la Scuola di Musica, con sede nella Villa San Lorenzo, offre corsi specifici a partire dall età della scuola dell infanzia ed è stata disponibile a mettere in atto rapporti di collaborazione con la vicina scuola primaria Villa San Lorenzo e dall anno scolastico 2001/02 il rapporto si è allargato a tutte le scuole dell Istituto Comprensivo. La Biblioteca pubblica ha promosso varie iniziative tese a diffondere sempre più l interesse e il piacere per la lettura; fra queste, è prevista la visita della Biblioteca, un progetto di letture animate e laboratori differenziati per età ed altre iniziative tra cui la rassegna Maggio di libri. Il Polo Scientifico Universitario ripropone il progetto (Open Lab) per la divulgazione della cultura scientifica mediante un approccio sperimentale. Il Teatro della Limonaia e il Laboratorio Nove rappresentano una fonte stimolante per spettacoli ed iniziative culturali. I Centri Civici n. 1 e 3, anche grazie a diverse associazioni di volontari, proseguono il rapporto di appoggio con le scuole dell Istituto, in collaborazione con l Istituzione per i servizi educativi, culturali e sportivi del Comune di Sesto Fiorentino e i Vigili Urbani Altre Associazioni di volontariato come La Ginestra offrono un supporto in termini di consulenza e di intervento diretto con alunni e famiglie L Oratorio S. Luigi della Pieve di S. Martino, i Circoli ARCI, ed altre associazioni come M&Te offrono ormai da anni servizi di doposcuola e di tutoraggio per bambini e ragazzi della scuola primaria e secondaria di 1 grado. Associazioni di tipo ecologico e naturalistico offrono la loro collaborazione alle scuole e organizzano manifestazioni e mostre. E costante la collaborazione con i Servizi socio-sanitari dell A.S.L., per i casi in cui si renda proficuo un intervento mirato, laddove si rilevino difficoltà specifiche legate alla sfera dell apprendimento o del contesto socio-familiare. Ex docenti offrono la loro collaborazione per attività di sostegno e recupero agli alunni in difficoltà e progetti di lettura espressiva ed animata.

13 Da qualche anno è diventato operativo un protocollo d intesa firmato dai rappresentanti dell Istituzione, da quelli dei Servizi sociali e da quelli dei Servizi sanitari, atto a promuovere e coordinare tutti gli interventi a favore degli alunni in condizione di disagio e svantaggio scolastico. Le scuole del nostro Istituto si sono organizzate in rete con tutte le scuole della Piana, Sesto Campi Calenzano, in modo da porsi come unico interlocutore nei riguardi degli Enti territoriali ed ottimizzare gli interventi condivisi. Per coordinare attività di formazione aggiornamento e per altre proposte comuni, esiste anche una rete più allargata, il Polo Firenze Nord, comprendente le scuole dell area Nord Ovest di Firenze e le scuole di Sesto Campi Calenzano, centrata sul sostegno all innovazione e all autonomia. Inoltre, nell ambito delle programmazioni di classe della scuola primaria e secondaria di 1 grado viene presa in considerazione la partecipazione alle iniziative culturali fiorentine che rivestono particolare importanza per la formazione culturale dei nostri alunni. Infine si ricorda che l amministrazione comunale garantisce un servizio di pre-scuola per gli alunni i cui genitori ne hanno necessità e un servizio di trasporto casa-scuola, per mezzo di pulmini.

14 I NOSTRI TRAGUARDI OBIETTIVI CONDIVISI Star bene a scuola, in una scuola sicura, prevenendo ogni forma di disagio. Creare un clima positivo all apprendimento, promuovendo e potenziando la fiducia in se stessi, per favorire la crescita personale e la costruzione dell identità. Favorire lo sviluppo globale dell alunno e delle sue intelligenze multiple. Valori prioritari Educazione ai diritti umani Educazione alla solidarietà Promozione per l integrazione e il confronto con altre culture Comprensione del punto di vista dell altro Collaborazione Educazione alla pace Educazione ambientale Esigenze dell utenza Trasparenza nella comunicazione degli obiettivi educativi e didattici Colloqui periodici con il personale docente Possibilità di momenti di incontro e di festa tra famiglie e alunni Servizio mensa, prescuola e trasporto casa-scuola

15 FINALITA Finalità socio-culturali " Incoraggiare l integrazione socioculturale e scolastica " Mirare al superamento del disagio scolastico determinato da situazioni di svantaggio socioculturale " Offrire opportunità per la socializzazione, l interazione e la collaborazione con gli altri " Sviluppare le potenzialità di ciascun alunno. " Promuovere l autonomia personale e la riflessione critica " Orientare verso scelte consapevoli e preparare alla responsabilità personale " Realizzare la continuità tra i diversi ordini di scuola " Educare ai valori che determinano la convivenza civile, quali la pace, la giustizia e la democrazia " Favorire un positivo rapporto di collaborazione scuola-famiglia. " Incrementare i rapporti con le agenzie culturali, educative e sociali operanti nel territorio Finalità intellettuali " Promuovere una dimensione dinamica dell apprendimento " Stimolare lo sviluppo della creatività " Motivare alla conoscenza fornendo occasioni di esperienze concrete di tipo espressivo, motorio, linguistico, logico e scientifico " Sollecitare la comprensione dei processi di comunicazione verbale e non verbale " Sviluppare le capacità logiche " Favorire l acquisizione di un metodo di studio autonomo, sistematico e creativo. Finalità ambientali Porre un attenzione più consapevole verso i problemi dell ambiente, della tutela e dell uso corretto del territorio, della salvaguardia dei beni artistici e culturali. SCELTE EDUCATIVE La programmazione delle attività didattiche rivolte a ciascuna classe e sezione viene predisposta sulla base delle linee guida della programmazione educativa, che per la scuola secondaria di 1 grado è elaborata ed approvata dal consiglio di classe e negli altri ordini di scuola, dal Collegio docenti alla luce del documento programmatico ministeriale. La programmazione didattica delinea il percorso formativo degli alunni utilizzando il contributo delle varie discipline e tiene conto dell : organizzazione didattica calibrata alle effettive capacità ed esigenze d apprendimento degli alunni; unitarietà dell insegnamento; flessibilità oraria; verifica e valutazione dei risultati in itinere.

16 SCELTE METODOLOGICHE lavoro di gruppo classi aperte laboratori insegnamento individualizzato collaborazioni con Enti locali, altre scuole, Istituzioni ed associazioni culturali ricerca e sperimentazione valorizzazione delle competenze e dell impegno professionale Le metodologie e gli strumenti di lavoro utilizzati vengono precisati in sede di programmazione didattica, classe per classe, sezione per sezione, in base alle esigenze dei singoli alunni. MODALITÀ DI VALUTAZIONE e ORIENTAMENTO SCOLASTICO INFORMATIVO La valutazione è intesa come un processo in itinere, che si svolge cioè nel corso dell intera vita scolastica. Essa avviene su diversi livelli, individuali e collegiali, sulla base di osservazioni sistematiche dei processi di insegnamento-apprendimento. La valutazione riguarda i livelli di formazione raggiunti, in relazione agli obiettivi stabiliti dal Collegio dei Docenti e dai Consigli di Classe. La valutazione terrà conto dei progressi nell apprendimento rilevati in ciascun alunno e non potrà quindi prescindere dall individualizzazione dei percorsi, tenendo conto sia dei livelli di partenza che del conseguimento di capacità e conoscenze. La programmazione è in questo modo adeguata alle effettive capacità degli alunni. La documentazione del percorso formativo dell alunno dai tre ai dieci anni avviene attraverso un documento, elaborato dai docenti di scuola dell Infanzia e di scuola Primaria, che segue il bambino fino al suo ingresso alla scuola media, fornendo informazioni utili sul suo processo educativo, con particolare attenzione ai momenti di passaggio da un ordine di scuola all altro. Attualmente, per quanto riguarda la scuola secondaria di 1 grado, i risultati delle verifiche e tutte le comunicazioni vengono trasmesse alle famiglie attraverso il registro elettronico. Dallo scorso anno è attivo lo scrutinio elettronico in tutto il Comprensivo.. Settimanalmente, al mattino, si svolgono i colloqui tra docenti e genitori, su appuntamento. Alla fine del percorso scolastico, cioè al terzo anno, ad ogni alunno verrà rilasciata una certificazione delle competenze raggiunte e un giudizio orientativo. Da anni esiste un progetto per prevenire la dispersione scolastica e orientare alla scelta del percorso scolastico di secondo livello. Si articola in: - incontri con i docenti delle scuole medie superiori; - sportello informativo per genitori e studenti in collaborazione con una consulente al lavoro, nell ambito del progetto attivato dalla provincia di Firenze Nei mesi di dicembre e aprile,sono previsti i colloqui pomeridiani con i genitori degli alunni per tutti gli ordini di scuola. Per quanto riguarda la scuola primaria la valutazione è espressa mediante una scheda condivisa ed usata in tutte le scuole del Comprensivo.

17 RISORSE FINANZIARIE L attuazione delle linee operative indicate nel presente progetto per l offerta formativa sarà condizionata alla disponibilità di sufficienti risorse finanziarie, che derivano da: # disponibilità ordinarie del bilancio # assegnazione di eventuali contributi straordinari da parte dello Stato # finanziamenti specifici derivanti da progetti # contributi volontari versati dai genitori # contributi degli Enti pubblici territoriali # contributi di altri Enti Un ringraziamento particolare va ai genitori di tutti gli alunni, che contribuiscono con versamenti volontari all arricchimento dell offerta formativa, finanziano parte o interi progetti e sostengono le attività di laboratorio.

18 COME SIAMO ORGANIZZATI IL TEMPO SCUOLA Scuola dell Infanzia: Cinque giorni settimanali (dal lunedì al venerdì) con orario 8.00 / Scuola Primaria: Tempo pieno Cinque giorni settimanali (dal lunedì al venerdì) con orario 8.30 / 16.30, per un totale di 40 ore Modulo Cinque giorni settimanali (dal lunedì al venerdì) Classe IVA con orario 8.30 / lunedì, mercoledì e venerdì; 8.30 / martedì e giovedì Scuola secondaria di 1 grado: Tempo Scuola: 30 ore settimanali per tutte le classi, di cui 29 curricolari + 1 di approfondimento (lettere) Orario delle classi Materia I II III Italiano, storia e geografia Approfondimento lettere Inglese Francese/Spagnolo Scienze Matematiche Tecnologia Arte e Immagine Musica Scienze motorie Religione/Alternativa Totale ore settimanali Il Collegio dei Docenti e il Consiglio d Istituto, secondo quanto previsto dalla legge n 133/08, hanno deliberato il seguente tempo scuola per l a. s. 2013/14: 30 ORE SENZA SABATO 6 ore di lezione da lunedì a venerdì 30 ORE CON SABATO 5 ore di lezione tutti i giorni Nel modulo di iscrizione dovrà essere indicata la scelta della seconda lingua comunitaria: SPAGNOLO o FRANCESE

19 VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Le uscite dalla scuola, le visite guidate, i viaggi d istruzione, finalizzati alla conoscenza del patrimonio artistico e ambientale, alle strutture produttive ecc., costituiscono parte integrante della vita educativa e didattica della scuola. ali iniziative trovano motivazione a livello didattico-formativo e vengono programmate dagli insegnanti, che le rendono note nei Consigli di Classe, Interclasse e Intersezione. Il Piano annuale delle visite guidate viene approvato con delibera del Consiglio di Istituto. Per la scuola secondaria di primo grado sono previsti viaggi d istruzione per visite culturali o ambientali: - classi prime 1 giorno in Italia (Toscana o regioni limitrofe); - classi seconde 3 giorni a Green Energy Camp ; - classi terze 3 giorni in Italia 4/5 all estero. In questi ultimi anni siamo stati in varie città italiane e straniere: Torino, Trieste, Napoli, Matera, Barcellona (Spagna), Strasburgo, Camargue, Lione (Francia), Monaco di Baviera, Innsbruck, Dachau (Germania). SERVIZI PRESCUOLA l Istituzione ai Servizi Educativi del Comune di Sesto F.no fornisce un servizio di prescuola per gli alunni delle scuole primarie che, per motivi di lavoro dei genitori, necessitano di un ingresso anticipato. Il servizio funziona dalle ore 7.30 alle ore TRASPORTI l Istituzione ai Servizi Educativi del Comune di Sesto F.no gestisce un servizio di trasporto utilizzando in parte personale e mezzi comunali e in parte ditte appaltate. MENSA il Comune di Sesto F.no fornisce i pasti per le scuole dell infanzia e primarie del Circolo, servendosi della ditta Qualità e Servizi.

20 PROGETTI ed AREE di INTERVENTO PREVENZIONE E RECUPERO RECUPERO DISCIPLINARE, CONSOLIDAMENTO DELLE CONOSCENZE, COMPETENZE ed ABILITA per ALUNNI STRANIERI ALUNNI IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO O DI HANDICAP Questi progetti mettono l accento su approcci metodologici attivi, tesi a favorire l apprendimento attraverso le esperienze concrete. Partono dalle conoscenze pregresse degli alunni e, interagendo con l ambiente circostante, si articolano in più aspetti e momenti educativi. Lo scopo principale è quello di creare a scuola un clima sereno e coinvolgente, che consenta a tutti di fronteggiare gli stati di disagio emotivo, di consolidare ed ampliare le proprie abilità e competenze, tenendo comunque presente che l aspetto cognitivo riveste un importanza preponderante per gli obiettivi di apprendimento che la scuola si prefigge. La legislazione corrente, tutela il diritto all istruzione, introducendo i concetti di Bisogni Educativi Speciali e Inclusione Scolastica (Direttiva Ministeriale del 27/12 /2012) a completamento delle leggi sulla disabilità (L. 104/92) e sulla dislessia (L.170/2010)."Un bisogno educativo speciale è qualsiasi difficoltà evolutiva, in ambito educativo ed apprenditivo, espressa in funzionamento (nei vari ambiti della salute secondo il modello ICF dell'oms) problematico anche per il soggetto, in termini di danno, ostacolo o stigma sociale, indipendentemente dall'eziologia, e che necessita di educazione speciale individualizzata". Ogni alunno per determinati periodi, o con continuità, può manifestare Bisogni Educativi Speciali, vivendo in una situazione particolare, che lo ostacola nell apprendimento e nello sviluppo: questa situazione negativa può essere a livello organico, biologico, oppure familiare, sociale, ambientale, contestuale o in combinazioni di queste. Queste difficoltà possono essere globali e pervasive (si pensi all autismo) oppure più specifiche (ad esempio nella dislessia), settoriali (disturbi del linguaggio, disturbi psicologici d ansia, ad esempio); gravi o leggere, permanenti o transitorie. L area dei BES. è dunque una macrocategoria che contiene DSA, disabilità, disturbi evolutivi specifici,svantaggio socio-economico, linguistico, culturale ecc. A tutti gli alunni con Bisogni Educativi Speciali vanno estese le misure previste dalla L.170. E necessario, dunque, elaborare un percorso individualizzato e personalizzato per alunni con BES che vengono individuati sulla base di una segnalazione e documentazione clinica presentata dalle famiglie e sulla base del contributo del Consiglio di classe. La scuola nella sua autonomia, nella sua competenza professionale, è in grado di identificare un alunno con Bisogni Educativi Speciali anche in assenza di diagnosi clinica. Il Consiglio di Classe, infatti, basandosi su valide e ben fondate considerazioni pedagogico-didattiche si esprime e valuta la difficoltà.

21 Inoltre il nostro Istituto ha inserito nel proprio POF un modello di Piano Personalizzato, condiviso e contestualizzato in cui scrivere tutto ciò che si deve fornire allo studente con DSA, nel suo agire quotidiano (strategie, strumenti ), sulla base delle informazioni diagnostiche, delle osservazioni del ragazzo stesso e della famiglia. Il POF prevede che, per ogni alunno con DSA, siano rispettate tutte le procedure necessarie, dall accoglienza alla progettazione di un percorso, all uso di strumenti compensativi e dispensativi, che garantiscano il raggiungimento del suo successo formativo. I docenti che fanno parte del GLI (Gruppo Lavoro Inclusione) hanno il compito di elaborare le linee guida, coordinare le suddette attività e fornire ai docenti la modulistica relativa alla rilevazione dei BES e alla documentazione dei PDP (vedi allegati). Per quanto riguarda gli alunni diversamente abili, le attività saranno orientate a valorizzare ogni potenzialità esistente, prevenendo situazioni di difficoltà. Tale scopo sarà perseguito avvalendosi di progetti specifici che prevedono l intervento di insegnanti di sostegno, di docenti in attività di compresenza e di operatori esterni. Nelle classi dove opera l insegnante di sostegno si attua infatti un integrazione delle competenze professionali e una possibile flessibilità nell organizzazione. Tutti i docenti sono contitolari della classe e pertanto corresponsabili nell elaborazione ed attuazione del P.E.I. (Progetto Educativo Individualizzato). L insegnante di sostegno non rappresenta solo un supporto tecnico specifico, ma dà la possibilità di usufruire da parte di tutti gli alunni di un organizzazione didattica maggiormente articolata nei tempi e negli spazi, diventando una risorsa per tutta la comunità scolastica. Anche quest anno, insegnanti e genitori dell Istituto potranno avvalersi della consulenza di una psicopedagogista, fornita dall Istituzione per i servizi educativi del Comune, per l aiuto agli alunni non certificati, ma comunque in situazione di disagio. In questi anni è stato potenziato dall Istituzione Educativa di Sesto F.no il servizio di assistenza educativa per gli alunni diversamente abili, mediante l intervento di operatori esterni a supporto dei suddetti alunni. Grazie ai Laboratori attrezzati, il mezzo informatico costituisce veicolo importante di apprendimento individualizzato. Particolare importanza all interno del piano dell'offerta formativa dell Istituto viene data all Educazione Interculturale, che promuove tutte quelle attività e quei comportamenti che favoriscono l integrazione e il confronto con altre culture, la collaborazione e la solidarietà. In tal senso, le metodologie didattiche saranno finalizzate al dialogo, alla valorizzazione delle diversità e alla stimolazione della creatività. Prosegue il progetto di Alfabetizzazione ed Accoglienza per gli alunni stranieri, che in collaborazione con l Istituzione del Comune di Sesto, che prevede l anticipo della frequenza scolastica di una settimana a settembre, in modo che essi possano svolgere un primo corso di conoscenza della lingua italiana, allo scopo di facilitare la partecipazione e l integrazione nel contesto scolastico. E realizzato in rete tra le scuole dell Istituto e le scuole secondarie di 2 grado di Sesto F.no.

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo GIORGIO GABER Scuola Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Via Trieste, 85 55041 Lido di Camaiore (LU) Tel. 0584 67563 Fax 0584 67047 e-mail: luic83200q@istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli