PROPOSTE DIDATTICHE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTE DIDATTICHE 2013"

Transcript

1 PROPOSTE DIDATTICHE "La storia è testimone dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita, nunzio dell'antichità" Cicerone L ISRSEC anche quest anno, ha preparato una serie di percorsi didattici e di aggiornamento per studenti e insegnanti di ogni ordine e grado di scuole e dell università, forte di una lunga esperienza nel campo della formazione sulla storia del Novecento e del Novecento Senese, e del suo vasto patrimonio documentario. Per tale attività è riconosciuto dal Ministero dell Istruzione come Agenzia Formativa all interno della rete INSMLI e dall Ufficio Scolastico Regionale con una apposita convenzione. L Istituto Storico Senese opera per costruire progetti che tengano conto dei bisogni che provengono dal mondo della scuola e della società contemporanea, privilegiando come sempre la condivisione delle attività con gli insegnanti, l analisi della situazione classe per una efficace articolazione degli interventi e delle strategie di insegnamento, di comunicazione, di calibratura degli obiettivi e con la verifica dei risultati dove richiesti, privilegiando iniziative di respiro e rapporti continuativi con le scuole e i docenti. L Istituto è convinto della validità culturale della storia quale materia formativa permanente e come indagine sul passato sia nel ricordo delle memorie, sia nelle restituzioni degli studi e delle ricerche scientifiche, accompagnata dalla riflessione sul mondo contemporaneo, per una lettura critica non solo del passato, ma anche e soprattutto del presente. L Istituto lavora per rispondere ai bisogni formativi degli studenti, costruendo iniziative, attività e progetti nell ottica di proporre agli insegnanti, ma anche ai cittadini, quell attitudine dell imparare per insegnare che è alla base di ogni crescita professionale e civile, privilegiando il metodo attivo attraverso corsi di aggiornamento, libere letture, presentazione di volumi e i laboratori didattici. ATTENZIONE! La crisi generale che ha investito e ancora investe tutta la società italiana ed europea, in particolar modo quella senese, ha creato negli ultimi anni una sofferenza economica generale della quale anche l Istituto ha subito le conseguenze. Da quest anno pertanto, mancando quasi completamente di risorse, non potrà garantire i suoi interventi senza un vostro contributo di rimborso spese. 1

2 SEMINARI DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI ED ESPERTI Storia, memoria e cittadinanza. Dalla guerra fascista alla repubblica democratica 2 Corso di aggiornamento per insegnanti in collaborazione con l Ufficio Scolastico Regionale della Toscana, in sei incontri dedicati all aggiornamento storiografico e all elaborazione memoriale e civile della guerra, della Resistenza e della nascita della Repubblica. EDUCAZIONE CIVICA PERMANENTE CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI e CITTADINI, APERTO ANCHE AGLI STUDENTI DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE Lezioni aperte di storia Storia di una Identità Corso di aggiornamento per insegnanti in collaborazione con l Università di Siena sul processo di costruzione dello stato nazione in Italia, con particolare attenzione alle dinamiche sociali proprie della identità italiana, che nel corso dei secoli si sono andate trasformando. (Primavera 2014) Corsi e seminari di storia contemporanea già promossi e che possono essere prenotati definendo modalità e numero degli incontri: Antisemitismo, Razzismo, Shoah Cittadinanza e Costituzione Democrazia e Consenso Il Confine orientale Le stragi dei vincitori Migranti e Migrazioni Olocausti dimenticati e Shoah 2

3 Storia dell antisemitismo Antisemitismo, razzismo e Shoah a Siena 3 Universo Lager Le immagini del razzismo Resistenza senza frontiere Fascismo e Consenso Fascismo e razzismo La Guerra Fredda e il Muro di Berlino I contributi verranno definiti in base alla richiesta degli interventi. Possono inoltre essere create ex novo attività, su richiesta dei docenti in corrispondenza delle tematiche tradizionali dell Istituto. Relativamente alle altre attività dell Istituto, vi invieremo a breve il calendario. Per maggiori informazioni contattare: ISRSEC, prof. Aldo di Piazza, tel , via San Marco, 90 - per ricerche di archivio e prestito libri, ATTIVITA DIDATTICA, prof. Paola Santucci, tel , PERCORSI MUSEALI, ATTIVITA DIDATTICA, INIZIATIVE, dott. Laura Mattei, tel , Museo Stanze della Memoria, (mercoledì venerdì ore 15,00 18,30), tel , 3

4 4 Quaderni didattici Appunti di storia Certi dell assoluta necessità di continuare a proporre la tradizionale riflessione storica quale mezzo insostituibile di comprensione del passato e del presente e, d altro canto, convinti del rilievo straordinario, a partire dall ambito strumentale, sia dell on line, della LIM e delle nuove tecnologie multimediali, facendo tesoro delle esperienze fin qui maturate, e sull onda del successo che hanno avuto i nostri interventi nelle scuole, abbiamo avviato l elaborazione dei Quaderni didattici, Appunti di storia, tendenzialmente pensati per le specifiche esigenze degli insegnanti di approfondimento e sensibilizzazione degli studenti verso alcune tematiche storiche, come risorse di ricerca e mezzi per coinvolgerli, attraverso la mediazione della didattica per gruppi, del gioco a squadra, della riflessione ad alta voce, del domanda e rispondi a tempo, ma che si richiamano tuttavia agli obiettivi di formazione, comprensione e riflessione, componenti imprescindibili del crescere consapevole. Il lavoro svolto è stato organizzato secondo le tendenze costruttiviste, nella convinzione che la Storia, non abbia significato come mero oggetto descrittore, ma debba essere compreso quale testimone dell evoluzione del rapporto dell uomo con il mondo. E in tale ottica che sono stati pensati questi Quaderni Didattici, in cui si riconoscono le procedure disciplinari consuete, cercando di avvalorarle e verificarle lungo un processo cognitivo in costante evoluzione, aperto, largamente partecipato e fondato sui principi del Laboratorio di Storia. In questo senso la nostra attenzione è davvero centrata sulla nuova scuola, nei fatti e non solo nelle idee. 4

5 LA GUERRA 5 Perché la guerra? L umanità non sembra aver attraversato nessun periodo prolungato senza guerre. Si può affermare perciò che la guerra, con i suoi orrori e le sue crudeltà, sembra appartenere al patrimonio genetico della nostra specie. Ma perché la storia umana è un succedersi ininterrotto di atrocità, un "immenso mattatoio»? (Hegel) Freud ci risponde dicendo che nell'uomo c'è un'ineliminabile spinta aggressiva e distruttiva, che solo l'incessante processo di civilizzazione potrà frenare. Siamo convinti pertanto, che solo un lavoro costante verso la conoscenza, la comprensione, la consapevolezza, la ricerca della verità, l umanità potrà cambiare e forse immaginare di vivere senza la guerra. 5

6 1 - I bombardamenti aerei degli alleati sull Italia 6 «Uno dei simboli più caratteristici della guerra totale e dell esperienza del conflitto fu la guerra aerea, e al suo interno l esperienza del bombardamento aereo. Nella percezione e poi ancor più nella memoria, il tempo di guerra venne scandito dalla minaccia, dall esperienza e dal subire le conseguenze dei bombardamenti aerei. I bombardamenti unificarono l immagine che gli italiani si costruirono del tempo di guerra». Nella seconda guerra mondiale i bombardamenti aerei hanno avuto una parte decisiva, dal Blitz tedesco su Londra fino alle atomiche sganciate nell agosto 1945 su Hiroshima e Nagasaki. A lungo confinato alla dimensione militare, questo aspetto della guerra sta conoscendo in anni recenti un interesse nuovo, allargato in particolare agli effetti sulle popolazioni e al dibattito sulla legittimità di tali interventi. Il presente corso pertanto, si propone di indagare, tenendo presenti gli avvenimenti che portarono allo scatenarsi della seconda guerra mondiale, alcuni episodi di cruda violenza e di sterminio, di cui si sono macchiati gli eserciti e di conseguenza i governi, statunitense e sovietico per una riflessione più critica della dimensione guerra che ha portato e porta ancora oggi a determinare la morte di numerosi civili indifesi verso la ricerca di una maggiore consapevolezza del presente da parte degli studenti. Il percorso si articola attraverso: - la lettura dei brani più significativi dei seguenti testi: Nicola Labanca, I bombardamenti aerei sull'italia, ed. Il Mulino, 2012 C. Baldoli, Andrew Knapp, Richard Overy, Bombing, states and peoples in western Europe, , Continuum International Publishing Group, con la visione di documentari dell Istituto Luce sui bombardamenti di Roma, Milano, (strage di Gorla), Genova, Torino, Grosseto, Siena - con le interviste a testimoni - con l attività didattica preparata ad hoc Destinatari: Scuola Media Scuola Superiore Durata: 6/8 ore L intervento sarà calibrato in rapporto alla classe. Costo: da definire in rapporto agli interventi 6

7 2 - Il 900, secolo delle guerre più grandi 7 Analisi e riflessione sui due più terribili eventi del 900 Cause ed effetti. Tematiche del corso -Storia e sviluppo delle dinamiche e delle vicende relative alla Prima e alla Seconda Guerra Mondiale -Definizione di guerra totale -Quali Vittime e quali Carnefici -Il Perché di questi massacri -Come lo vissero i popoli che ne furono coinvolti -Quali eredità Il corso vuole affrontare con chiarezza le motivazioni che portarono allo sviluppo sia della prima che della seconda guerra mondiale, non dimenticando chi finanziò i conflitti. Nell attività didattica, lungo il percorso, ci si avvale di mappe concettuali, create e da creare insieme ai ragazzi, mappatura e studio dei fronti occidentale, italiano, orientale, di filmati originali, di percorsi multimediali, di letture di documenti, di giochi a squadre. Il percorso è particolarmente consigliato per la preparazione degli esami finali. Si possono definire incontri anche per la preparazione di percorsi multimediali per docenti e studenti. Destinatari: Scuola Media Scuola Superiore Durata: 10 ore Attività didattica calibrata secondo la classe Costo: da definire in rapporto agli interventi 7

8 3 Tempeste di fuoco sulla Germania 8 Nell estate del 1943 la Royal Air Force, con il supporto dell VIII flotta aerea statunitense, cominciò una serie di incursioni su Amburgo. L operazione era denominata in codice Gomorra. Nella sola notte del 28 luglio, furono sganciate su Amburgo più di tonnellate di bombe dirompenti e incendiarie. La metodologia era già collaudata: prima bombe dirompenti per scardinare finestre e ingressi degli edifici, poi contemporaneamente spezzoni e bombe incendiarie al fosforo per bruciare i tetti e appiccare il fuoco penetrando fin negli scantinati. Il piano di bombardamenti su larga scala della Germania era stato ideato nel 1940 e cominciò a diventare operativo nel L affinamento della tecniche di incursione aerea, anche con l impiego di agenti chimici come il fosforo bianco, dispiegò i suoi devastanti effetti sulla Germania nazista fino a culminare negli attacchi ad Amburgo del 1943 ed a Dresda del febbraio 1945, in cui furono volutamente perseguite tattiche per far registrare un altissimo numero di perdite umane. Per molti anni, anzi quasi fino a oggi, parlare dei bombardamenti subiti, è stato in Germania, ma anche negli altri paesi europei, un argomento tabù per eccellenza, poiché i tedeschi erano colpevoli e dovevano elaborare la loro colpa, mentre ciò che un intero popolo aveva sofferto, doveva passare sotto silenzio. Vogliamo pertanto studiare e approfondire quel periodo, l impatto emotivo e i danni, gli occhi di chi guardò da lontano quegli avvenimenti e ciò che successe, attraverso la lettura e l interpretazione di due storici: - G. Sebald, ci conduce nell epicentro del fuoco distruttivo che incenerì, la città di Amburgo, mettendo a protocollo quell orrore in gran parte rifuggito dagli scrittori tedeschi osservando la madre con il cadavere carbonizzato del suo bambino dentro la valigia o la famiglia che sorseggia beatamente il caffè seduta al balcone in un sobborgo risparmiato dall area bombing, il libraio che tiene sotto il banco e mostra ai clienti di fiducia le foto dei cadaveri accatastati in strada, delle case sventrate, dei cieli in fiamme o la massaia che lava i vetri dell unico edificio svettante in mezzo a un deserto di macerie. 8

9 -F. Taylor, ricostruisce quanto avvenne dalle 21:51 di giovedì 13 febbraio 1945 in oltre sedici ore di bombardamento su Dresda, la Firenze del nord. 9 Non si tratta di una cronistoria dell orrore, ma di riflettere essenzialmente sull argomento guerra, sulla nascita e lo sviluppo della tecnologia militare, su una storia in cui hanno cessato di valere le categorie di libertà e scelta per far muovere invece, un efferato, inarrestabile e perfido meccanismo distruttivo. Dopo le immani risorse profuse nella costruzione di aerei e ordigni non sarebbe stato infatti concepibile per gli Alleati scaricare le bombe in mezzo ai campi e impedire che cogliessero il loro «naturale» bersaglio: questo sostiene un generale americano a cui non sarebbe certo bastato che un immane bandiera bianca venisse fatta sventolare sul campanile di una chiesa dagli abitanti di una città-bersaglio. E come immagine allegorica si staglia il bombardamento dello zoo di Berlino, con la visione apocalittica dei pachidermi che bruciano vivi, dei loro corpi smembrati, delle loro urla furiose. Il percorso si articola tenendo presenti i seguenti testi: W.G. Sebald, Storia naturale della distruzione, ed. Adelphi, 2004 F. Taylor, Dresda. 13 febbraio 1945: tempesta di fuoco su una città tedesca, Mondadori, 2005 Il corso si avvale, oltre che della lettura di pagine scelte dai due testi, di attività didattica e della visione di spezzoni del documentario Tempesta di fuoco, dello storico inglese David Irving, specializzato nella storia militare della Seconda Guerra Mondiale. Destinatari: Scuola Media Scuola Superiore Attività didattica calibrata secondo la classe Durata: 4 ore Costo: da definire in rapporto agli interventi 9

10 4 Storia della bomba atomica 10 La realizzazione delle bombe nucleari è dovuta a numerosi scienziati e a una catena di successive scoperte, iniziate da Enrico Fermi nel Molti scienziati tedeschi, per evitare le persecuzioni naziste, si erano trasferiti negli Stati Uniti. Anche in Italia la politica razziale del regime fascista aveva costretto all'esilio molti intellettuali e scienziati, fra questi, il fisico E. Fermi, sposato con un'ebrea, che approfittando del viaggio in Svezia per ritirare il premio Nobel (1938), cercò rifugio negli Stati Uniti. Qui si costituì una comunità di scienziati di altissimo livello, che mise a disposizione del governo le proprie conoscenze in materia di scienza applicata all'industria bellica e alla guerra. Albert Einstein, altro fisico tedesco emigrato, il 2 agosto 1939, indirizzò una lettera al presidente Roosevelt con la quale lo informava della possibilità di costruire un nuovo tipo di bomba basata sulla fissione nucleare. Con l'ingresso in guerra degli Stati Uniti nel dicembre del 1941, prese avvio il programma nucleare denominato "Progetto Manhattan". Occuparci di quale fu l origine e la storia degli studi che portarono alla realizzazione della bomba atomica fa nascere una serie di questioni delle quali ci occuperemo e su cui le nuove generazioni possono trovare numerose connessioni con il presente e aprire spazi interdisciplinari. Ne riassumiamo alcune di seguito: a) scientifiche, relative al problema della scissione e dei processi nucleari in genere; b) tecniche, relative ai piani di produzione su vasta scala degli elementi pesanti scissionabili e alla costruzione di bombe atomiche; c) militari, relative all'efficacia della bomba stessa e al suo impiego; d) giuridiche e politiche, relative al controllo statale e internazionale degli armamenti atomici e dell'energia nucleare; e) tecnico-economiche, relative allo sfruttamento industriale dell'energia nucleare a scopi pacifici; f) biologiche, relative agli effetti della bomba atomica sugli organismi viventi e alle modificazioni ambientali in genere da essa prodotta. Ci si avvale della lettura dei seguenti testi: K. Rainer, La bomba di Hitler, ed Lindau, 2006 Destinatari: Scuola Media Scuola Superiore Attività didattica calibrata secondo la classe Durata: 4/6 ore Costo: da definire in rapporto agli interventi 10

11 11 LAVORIAMO CON IL CINEMA Ridefinire anche in questo contesto l utilità del mezzo cinematografico quale supporto per certi aspetti insostituibile, nella didattica di qualsiasi materia sarebbe pura retorica. Crediamo invece opportuno proporre qui alcune pellicole cinematografiche di narrativa storica e documentaristica sicuramente valide sotto l aspetto formativo, per un lavoro di riflessione e di studio, efficaci nello sviluppare la creatività ed il senso critico degli studenti anche al fine di renderli capaci di decodificarle per una loro più compiuta comprensione. Viviamo in un periodo in cui la narrativa filmata è sempre meno condizionata dal contesto dialogico e dove invece sempre più l azione prende il sopravvento, con produzioni (soprattutto quelle americane) che attualmente hanno poco a che vedere con un contesto culturale o una valenza educativa e di crescita. Occorre pertanto rieducare gli studenti alla comprensione dei codici cinematografici, per ricondurli in un campo nel quale ci sia maggior spazio di riflessione ed opportunità di indagine. Per questi motivi l Istituto ha scelto alcune pellicole (datate) che offrano ai docenti: -l opportunità di lettura dei testi di riferimento, -una occasione di ripasso dei fatti storici, -la consapevolezza non solo della trama, ma dei motivi di fondo dei film, -uno spazio al metadiscorso, riconducendo la storia passata al presente. 11

12 1- Mettete dei fiori nei vostri cannoni 12 a) Prima guerra mondiale Visione del film Uomini contro REGIA: Francesco Rosi SOGGETTO: Dal romanzo Un anno sull'altipiano di Emilio Lussu INTERPRETI: Mark Frechette, Alain Cuny, Gian Maria Volonté DURATA: 100' ORIGINE: Italia, 1970 Destinatari: Scuola Media Durata 6 ore Scuola Superiore Analisi del periodo storico di riferimento e brevi cenni sul film. Visione del film, Analisi della pellicola sia da un punto di vista tecnico che narrativo, schede didattiche di analisi e comprensione. Giochi didattici a squadre. (per la Scuola Media) Si consiglia la visione presso il Percorso Museale Stanze della Memoria su appuntamento. Attività didattica calibrata secondo la classe. Costo: da definire in base agli interventi 12

13 13 b) Seconda guerra mondiale Visione del film L Agnese va a morire REGIA, Giuliano Montaldo SOGGETTO Dal romanzo omonimo di Renata Viganò INTERPRETI, Ingrid Thulin, Stefano Satta Flores, Michele Placido, Massimo Girotti DURATA,130' ORIGINE, Italia, 1976 Destinatari: Scuola Superiore Durata 6 ore Analisi del periodo storico di riferimento e brevi cenni sul film. Visione del film, Analisi della pellicola sia da un punto di vista tecnico che narrativo, schede didattiche di analisi e comprensione. Giochi didattici a squadre. (per la Scuola Media). Si consiglia la visione presso il Percorso Museale Stanze della Memoria su appuntamento. Attività didattica calibrata secondo la classe. Costo: da definire in base agli interventi 13

14 2- Viaggio nella Memoria a) Vecchie pagine di attualità 14 Questo percorso con numerosi filmati non vuole costituire solo un itinerario storico e neanche tenta di fare la biografia dell Istituto Luce o di verificare lo sviluppo del cinema culturale e di quello particolare documentaristico in Italia. Ciò che ci proponiamo è di sfogliare insieme pagine antiche di attualità, attraverso il Cinegiornale Luce e i documentari fra il 1920 circa ed il 1950 sul filo di una curiosità di esploratori fra persone, istituzioni e avvenimenti che pur appartenendo al passato, possono farci capire che peso avesse quella parte di cinema che è il film di attualità nel formare le coscienze o semplicemente nel creare una informazione in un epoca in cui non c era la televisione e il mondo non arrivava ogni sera in casa nostra attraverso le immagini del telegiornale. Quasi tutti i documenti raccolti sono originali, alcuni inediti, altri assai rari. Un Viaggio nella Memoria che può costituire materia di riflessione ed uno studio più attento e ragionato dell oggi. Se potessimo fornire delle indicazioni di partenza in questo viaggio nei primi trent anni dell Istituto Luce, potremmo dire che il Luce, fin dal principio presenta delle punte di qualità straordinarie nella realizzazione dei documentari, per la perfezione della ripresa fotografica e per la volontà di ricerca poetica che per esempio in Stramilano presenta lo sperimentalismo più ardito. Durante il regime fascista, l Istituto Luce diventa un organismo potente e importante, rafforzato in ogni misura per dare del fascismo e dell Italia un immagine preordinata rimanendo quindi imbrigliato nelle veline del potere. Poi finisce la ricerca, manca la volontà di rinnovamento anche tecnico e del regista non si avverte mai troppo la presenza. Le cose cambiano negli anni duri della guerra quando intorno al Luce si raggruppano alcuni validi cineasti di nuova generazione che non vogliono essere complici di menzogne propagandistiche quali Blasetti, Antonioni, Paolucci, Cerchio. Improvvisamente però anche i cinegiornali acquistano sul finire del fascismo un nuovo gusto del documento vivo e gli operatori nei mesi bui della Repubblica di Salò, riescono spesso a comunicarci il senso stesso dell attualità più spietata, fissando come possono, fra censure e rimozioni, (al Luce, per esempio non è permesso di filmare la fucilazione di Ciano), il crepuscolo di un mito, nella consapevole vigilia della sconfitta. Nel trentennio fra il 20 ed il 50, l Italia cambia e cambiano gli Italiani e c è sempre una macchina da presa che segue il cammino del paese e ce ne tramanda oggi le immagini. Obiettivi: -Comprendere la comunicazione della realtà durante il periodo di riferimento -Comprendere e paragonare il presente al passato per una maggiore consapevolezza dell oggi -Comprendere come la comunicazione massmediologica dei fatti e degli avvenimenti può manipolare la collettività verso scelte non scelte. Destinatari: Scuola Media Durata: 6 ore Costo: da definire in base agli interventi 14

15 15 Per le iniziative sul Cinema si possono creare attività anche sui seguenti titoli: Scuola Media, Biennio Scuola Superiore Train de vie, Kapò, Liam Scuola Superiore Kapò, Katin, Liam 15

16 SOCIETA E POPOLO 16 In uno stato democratico, in cui tutti dovrebbero partecipare, anche se indirettamente, al funzionamento della vita pubblica, le regole condivise sono di fondamentale importanza per il vivere comune. Ma per far sì che le regole non vengano ignorate o violate, e affinché la giustizia funzioni correttamente, occorre capire il senso profondo che le sottende. Il presupposto indispensabile affinché questo avvenga, affinché il sistema di regole esplicite ed implicite, che regolano il sociale, vengano non imposte, ma realmente condivise, è che tutti i cittadini riconoscano il valore dell altro, e che quindi ad ognuno vengano assegnati uguali diritti ed uguali doveri. E affinché le regole vengano colte nella loro importanza, occorre che ci sia un azione di informazione e di sensibilizzazione a livello istituzionale, scolastico, familiare soprattutto nei confronti dei giovani. Soltanto riscoprendo i valori a cui si ispirano le regole che stanno alla base della convivenza civile, ovvero i diritti e i doveri, le libertà e limiti di azione di ogni individuo, è possibile instaurare una vera e propria cultura del RISPETTO DELLA DIGNITÀ UMANA. E soltanto attraverso la tutela dei diritti fondamentali, si può aspirare ad una società che dia ampio spazio al confronto e alla collaborazione a livello personale, sociale, politico e civile; ad una società più giusta e più serena, in cui si possa vivere una condizione paritaria e in cui la legge sia uguale per tutti. Di fondamentale importanza, in questo senso, sono le Carte che prospettando un modello di convivenza orientato al riconoscimento del valore dell altro, regolano il vivere sociale e civile delle Nazioni e sono depositarie della legalità di tutte le altre norme giuridiche. Prima tra tutte, la Dichiarazione dei Diritti Umani, che pone le basi del tessuto normativo a livello mondiale. La Carta dei Diritti Fondamentali dell Unione Europea su scala europea e la Costituzione Italiana su scala nazionale. 16

17 1- La Storia della Democrazia La democrazia è uno degli ordini politici più diffusi del mondo. La sua genesi, nell epoca della modernità, risale al secolo diciottesimo, con il passaggio dallo Stato assoluto, allo Stato costituzionale, a quello democratico, secondo un percorso che segna in profondità la cultura politica europea occidentale nel ciclo storico della modernità. 17 Questo corso è stato espressamente concepito allo scopo di approfondire le principali elaborazioni di pensiero e le dinamiche di affermazione e di sviluppo della democrazia, in Occidente. Dopo una rapida rassegna del lessico specifico e delle forme democratiche dell antichità, si passerà dal dibattito teorico e profondamente rinnovatore del Settecento e Ottocento verso il Novecento per giungere alla costituzione dei governi democratici e infine alla post democrazia, in stretta connessione con la circostanza storica e l evoluzione dei sistemi politici odierni. Testi utilizzati per preparare il percorso: A.Panebianco, Democrazia, in Enciclopedia del Novecento G. Sartori, Democrazia, in Enciclopedia delle Scienze Sociali, Roma, Istituto dell Enciclopedia italiana L.Canfora, Tucidite continuato, Padova, Antenore N. Bobbio, Il futuro della democrazia, Torino Einaudi Dizionario Enciclopedico Pericle, The Helios Ricco di attività didattica e giochi di squadra Obiettivi Analizzare il lessico di riferimento -Comprendere le origini e la natura dell ordinamento democratico -Comprendere come e perché è nato lo Stato -Comprendere Le differenze e le analogie fra i 3 grandi totalitarismi del 900 -Le condizioni che crearono la nascita dello Stato Democratico e Repubblicano in Italia -L attuale democrazia. Verso quale futuro? Il percorso si avvale di numerosi filmati. Destinatari: Scuola Media Durata: 6 ore Scuola Superiore (biennio) Costo: da definire in base agli interventi 17

18 2- La storia del Parlamento italiano 18 Dallo Statuto albertino e dal primo Parlamento torinese, il percorso studia e approfondisce i principali avvenimenti e le guerre che portarono l Italia ad unirsi e a creare il primo Parlamento e la Costituzione repubblicana. Ricchissimo di attività didattiche e giochi di squadra. Il percorso si avvale di numerosi filmati. E particolarmente indicato per il ripasso della storia, dall unificazione italiana al Destinatari: Scuola Media Durata: 9 ore Costo: da definire in base agli interventi 3- Dialoghi con la Costituzione Analizzare i valori ed il senso della Costituzione italiana, in relazione allo stato di salute della Democrazia del Paese, creando un confronto dinamico che si trasformi in un vero e proprio dialogo con i cittadini. Due incontri sui diritti degli italiani; un percorso di formazione e di analisi sulla storia politica e sociale del nostro Paese. Il primo incontro, dal titolo Io ho il diritto, partirà da un breve accenno alla costituzione dello stato totalitario con la definizione del nostro ordinamento. Successivamente avrà al centro gli articoli 2 e 3 della Costituzione. Nel corso dell incontro verrà proposta una riflessione sui diritti intesi come pilastri della crescita democratica di un Paese, sulla difesa dei diritti conquistati e sulla necessità di esigere che essi vengano rispettati, la proposta non sarà disgiunta da una riflessione anche sui doveri civici e morali in qualità di persone e di cittadini. L altro incontro sarà dedicato a Lavoro, società e libertà (articoli 1, 4, 41). Il lavoro fra diritto e dovere, controllo e libertà. Si potrà partire dall esperienza dei ragazzi. Verrà fornito un questionario/intervista. Destinatari: Scuola Media Durata: 4 ore Scuola Superiore (Biennio) Costo: da definire in base agli interventi 18

19 LABORATORI 19 La didattica di laboratorio, pone al centro della sua formazione lo studente. In quest'ottica la funzione del docente non è più quella di detenere-trasmettere la conoscenza, ma quella di lavorare alla progettazione e alla facilitazione della ricerca che impegna lo studente. Conseguentemente l'attenzione non ricade più tanto o soprattutto sull'acquisizione di contenuti quanto sul raggiungimento di competenze che consentano autonomia di indagine e di interpretazione sugli eventi del passato e capacità di orientamento nel presente. Fare storia in Laboratorio richiede tempo e pertanto presuppone l'abbandono di una concezione "generalista" della disciplina (quella in base alla quale si procede dal passato remoto al presente senza tralasciare alcun argomento) per privilegiare un'organizzazione tematica e diacronica, rispetto a quella tradizionalmente cronologica che ha costituito la base della formazione degli insegnanti. 19

20 LABORATORIO DEL 900 SENESE TREKKING URBANO Siena nel Accanto ad una Siena storica fondata sulle tracce di uno straordinario passato medievale e conosciuta da tutti, ne è cresciuta un altra moderna di un certo valore, anche se tenuta in scarsa considerazione, che trova le sue tracce nella storia della città tra fine 800 e prima metà del XX secolo. Il progetto che l ISRSEC qui presenta vuole portare alla riflessione su questa recente storia cittadina attraverso la realizzazione di un trekking urbano che porti a conoscenza di quelle parti della città del 900 che legarono la quotidianità della vita dei senesi sia alla grande storia (Prima e Seconda Guerra mondiale), sia alle trasformazioni urbanistiche del tessuto cittadino, che alle tensioni politico-culturali che attraversarono anche Siena e il suo territorio. Parlando di cultura senese, abbiamo ritenuto opportuno ricostruire uno specifico percorso itinerario tozziano che mira a far conoscere il grande scrittore senese attraverso le pagine dei suoi capolavori che meglio si legano al tessuto della città progetto è indirizzato prioritariamente alle scuole con cui l'isrsec ha un consolidato rapporto di esperienze e contatti, ma vuole rivolgersi anche alla cittadinanza interessata alla storia contemporanea. 20

Indice delle proposte didattiche:

Indice delle proposte didattiche: ISRSEC - ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA SENESE E DELL ETA CONEMPORANEA via San Marco, 90 53100 - Siena tel. 0577 271510 istituto.siena@virgilio.it OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Denominazione

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Disciplina: Storia. ANNO SCOLASTICO 2015-2016 - Classe IIA

Disciplina: Storia. ANNO SCOLASTICO 2015-2016 - Classe IIA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 - Classe IIA Disciplina: Storia Lo studio della storia, insieme alla memoria delle generazioni viventi, alla percezione del presente e alla visione del futuro, contribuisce a

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE 1 CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE Percorsi educativi per l affermazione di una cultura di genere Contro ogni forma di violenza e discriminazione Piena cittadinanza delle differenze A cura dell Associazione

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca MUSEO STORICO DELLA RESISTENZA Sant Anna di Stazzema COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca PARCO NAZIONALE DELL A PACE Parco nazion Alla cortese attenzione di: Dirigenti

Dettagli

PERCORSI DI LEGALITÀ...PER DARE SENSO AL FUTURO

PERCORSI DI LEGALITÀ...PER DARE SENSO AL FUTURO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Francavilla di Sicilia Via Napoli, 2 Francavilla di Sicilia(Me) Telefono 0942 981230 c.f.96005620834 c.u.ufal7m

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: Il sé e l altro, La conoscenza del mondo, Linguaggi, creatività, espressione) ANNI TRE TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI 1. Si

Dettagli

Progetto: Educazione a colori

Progetto: Educazione a colori Progetto: Educazione a colori Cammino tra identità, intercultura e pace per i bambini della scuola primaria ed i preadolescenti della scuola secondaria di primo grado 1 Camminando si apre il cammino, non

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016 PROGETTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO anno scolastico 2015-2016 1 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Anno Scolastico 2015-2016 FINALITÀ GENERALI: Il riferimento alla

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

Se impariamo a conoscerci, se superiamo il disagio, se scopriamo l armonia della vita, prevenire è possibile. ( Vincenzo Masini)

Se impariamo a conoscerci, se superiamo il disagio, se scopriamo l armonia della vita, prevenire è possibile. ( Vincenzo Masini) Se impariamo a conoscerci, se superiamo il disagio, se scopriamo l armonia della vita, prevenire è possibile. ( Vincenzo Masini) Fin dalla premessa ai programmi della scuola Primaria e Secondaria si è

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE 0. Premessa La violenza sulle donne è un fenomeno sempre più drammaticamente presente nel nostro

Dettagli

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA A.S.2010/2011 APPROVATA NEL COLLEGIO

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwe rtyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjkl zxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyu iopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcv

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Attività didattiche 2012-2013

Attività didattiche 2012-2013 Attività didattiche 2012-2013 VISITA TRADIZIONALE Lungo un percorso di 30 sale i ragazzi sono accompagnati a conoscere i fatti e i protagonisti che hanno portato all indipendenza e all unità d Italia.

Dettagli

SCHEDA COE. Volontari richiesti: N 3

SCHEDA COE. Volontari richiesti: N 3 IN ITALIA PER UN IMPEGNO INTERNAZIONALE COMO/VARESE/LECCO SCHEDA COE Volontari richiesti: N 3 SEDE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Barzio, Saronno. INTRODUZIONE NUMERO ORE DI SERVIZIO SETTIMANALI DEI VOLONTARI:

Dettagli

7. AREA DELLA PROGETTUALITA

7. AREA DELLA PROGETTUALITA 7. AREA DELLA PROGETTUALITA - Ambito didattico progettuale - Ampliamento dell offerta formativa 2015/16 N.B.: LE PAGINE 142,143,144 DELLA SEZIONE 7 SONO ANCORA IN FASE DI ALLESTIMENTO! 139 AMBITO DIDATTICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Stage a Barcellona. Diritto internazionale: I diritti umani e il Franchismo

Stage a Barcellona. Diritto internazionale: I diritti umani e il Franchismo Stage a Barcellona Diritto internazionale: I diritti umani e il Franchismo Un gruppo di venticinque alunni del II e III liceo provenienti da tutte le sezioni presenti nel liceo ha partecipato dal 7 Aprile

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci)

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci) SCHEDA ANALITICA PROGETTUALE TITOLO DEL PROGETTO: LA RETE DA SCRIVERE A.S.2013-2014 FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016 PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO Anno scolastico 2015/2016 Le recenti disposizioni in materia di alternanza scuola / lavoro sono state una preziosa opportunità per sviluppare nuovi progetti di collaborazione

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

Percorsi di confine. Trieste / Gorizia / Nova Gorica Redipuglia / Caporetto

Percorsi di confine. Trieste / Gorizia / Nova Gorica Redipuglia / Caporetto Percorsi di confine Trieste / Gorizia / Nova Gorica Redipuglia / Caporetto Laboratori di storia a cielo aperto a.s. 2014-2015 Non semplici gite, ma percorsi alla scoperta dei luoghi della memoria e delle

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

SCUOLA COLLEGIO CONVITTO. celana. Via Papa Giovanni XXIII, 2/A 24030 - Celana di Caprino B.sco Tel. 035 781002 www.scuolacollegiocelana.

SCUOLA COLLEGIO CONVITTO. celana. Via Papa Giovanni XXIII, 2/A 24030 - Celana di Caprino B.sco Tel. 035 781002 www.scuolacollegiocelana. SCUOLA COLLEGIO CONVITTO celana Via Papa Giovanni XXIII, 2/A 24030 - Celana di Caprino B.sco Tel. 035 781002 www.scuolacollegiocelana.com e-mail: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Anno Scolastico 2010-2011

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca M. Bloch Tipologie di fonti Ogni epoca si dà le fonti che rispondono ai propri bisogni (M.Vovelle)

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA. Introduzione EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Introduzione Facendo seguito alle Indicazioni per il curricolo per la scuola d infanzia e per il primo ciclo di istruzione del Ministro della Pubblica Istruzione (settembre 2007)

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

CURRICOLI D ISTITUTO - AREA STORICO-GEOGRAFICA DISCIPLINA: STORIA

CURRICOLI D ISTITUTO - AREA STORICO-GEOGRAFICA DISCIPLINA: STORIA CURRICOLI D ISTITUTO - AREA STORICO-GEOGRAFICA DISCIPLINA: STORIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO: L alunno si informa in modo autonomo su fatti

Dettagli

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA - PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA A cura di - 1 Soggetto proponente e attuatore I.T.C. P.A.C.L.E. e ITER M. Luther King di Muggiò (MI) Via Allende, 3

Dettagli

DISCIPLINA STORIA. LIBRO DI TESTO Brancati, Pagliarani, Il nuovo dialogo con la storia, La Nuova Italia, Brescia, voll. 2-3

DISCIPLINA STORIA. LIBRO DI TESTO Brancati, Pagliarani, Il nuovo dialogo con la storia, La Nuova Italia, Brescia, voll. 2-3 IISSTTIITTUUTTOO SSTTAATTAALLEE PPAASSCCAASSIINNOO Doc. di Rif.: M 7.3.2.15 Programmazione individuale a. s. 2013-2014 MQ Sez. 7 P 7.3.2 Rev 0 Pag. 1 di 8 Liceo delle Scienze umane Liceo linguistico Liceo

Dettagli

La comunità dei 10.000 viaggiatori e la ricerca sul futuro della storia reggiana

La comunità dei 10.000 viaggiatori e la ricerca sul futuro della storia reggiana La comunità dei 10.000 viaggiatori e la ricerca sul futuro della storia reggiana L esperienza educativa Dal 1999 Istoreco organizza per gli studenti reggiani il Viaggio della Memoria: Auschwitz, Terezin,

Dettagli

Programmi 1979 e 1985, Indicazioni 2004 e 2007

Programmi 1979 e 1985, Indicazioni 2004 e 2007 Dall ordito delle indicazioni alla trama del curricolo 1. Un punto di partenza per la riflessione A cura di Ivo Mattozzi (Università di Bologna Clio 92) Programmi 1979 e 1985, 1 Indicazioni 2004 e 2007

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA APUANA PERCORSI DIDATTICO-FORMATIVI A.S. 2013-2014

ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA APUANA PERCORSI DIDATTICO-FORMATIVI A.S. 2013-2014 PERCORSI DIDATTICO-FORMATIVI A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE Per l Anno Scolastico 2013-2014 l Istituto Storico della Resistenza Apuana ha attivato tre proposte di didattica della storia, individuando altrettante

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

PROGETTAZIONE educativo-didattica

PROGETTAZIONE educativo-didattica PROGETTAZIONE educativo-didattica A.S. 2014/15 Premessa Motivazione del Percorso Formativo Il bambino nella scuola dell infanzia, sviluppa la propria identità personale e il senso di appartenenza alla

Dettagli

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca Spett. DIRIGENTI SCOLASTICI COLLEGI DOCENTI della SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO di San Daniele del Friuli OGGETTO: proposta di attività di didattica

Dettagli

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Competenze storiche economiche e sociali 1 Le competenze storico-economiche e sociali:

Dettagli

LABORATORIO NAZIONALE PER LA DIDATTICA DELLA STORIA col sostegno dell Ufficio Scolastico Provinciale di Bologna

LABORATORIO NAZIONALE PER LA DIDATTICA DELLA STORIA col sostegno dell Ufficio Scolastico Provinciale di Bologna SEMINARIO DI FORMAZIONE per l insegnamento di a cura di M. Rita Casarotti Liceo Ginnasio L. Ariosto, Ferrara e Francesco Monducci LANDIS, Bologna PRESENTAZIONE I recenti interventi legislativi in materia

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO La scuola contemporanea diventa sempre più un luogo di incontro di bambini e ragazzi che provengono da origini, storie di

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

Mai più violenza sulle donne

Mai più violenza sulle donne Mai più violenza sulle donne L iniziativa, alla prima edizione, intende sollecitare, nell ambito delle attività didattiche e di ricerca, un approfondita analisi, da parte dei docenti e degli studenti della

Dettagli

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00 DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 x Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno precedente (con particolare

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TORTONA 2) Codice di accreditamento: NZ01098 3) Albo e classe di iscrizione: ALBO

Dettagli

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno di Anna Lindh Foundation www.euromedalex.org Acting

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi,

Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi, Signor Presidente della Repubblica, gentili autorità, cari docenti e cari ragazzi, come avete appena sentito negli interventi che mi hanno preceduto, nella veste di Ministro dell Istruzione ho voluto che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli