PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2014/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2014/2015"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO MARINEO - BOLOGNETTA Corso dei Mille, Marineo (PA) Tel. 091/ Fax 091/ C.F. : Codice Meccanografico: PAIC PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2014/2015

2 INDICE PREMESSA IL POF...PAG.3 Cos è il POF SEZIONE PRIMA - L ISTITUTO COMPRENSIVO COME SISTEMA EDUCATIVO CARATTERISTICHE E FINALITÀ DELL ISTITUTO COMPRENSIVO PAG.5 Cos è un Istituto Comprensivo Punti di forza SEZIONE SECONDA - L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MARINEO - BOLOGNETTA LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA PAG.8 Il contesto Analisi territoriale e sociale Risorse del territorio e collaborazioni Condizioni di fattibilità e risorse disponibili La scuola in cifre Organigramma Informazioni utili IL PROGETTO EDUCATIVO...PAG.22 Principi e finalità Scelte educative Il curricolo Formazione e aggiornamento AMPLIAMENTO E ARRICCHIMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA..PAG.36 Progetti curricolari Progetti finanziati da fondi europei LA VALUTAZIONE.PAG.40 La valutazione degli alunni 1

3 Criteri di valutazione del processo di apprendimento Modalità comuni ai fini della valutazione Assegnazione del voto e griglie per la valutazione disciplinare Invalsi Valutazione del comportamento Valutazione degli alunni disabili Valutazione degli alunni con DSA e degli alunni BES Recupero Valutazione di sistema Esame di Stato RAPPORTI SCUOLA/FAMIGLIA PAG.53 SEZIONE TERZA ALLEGATI.PAG.54 Rilevazione intermedia della situazione educativa e didattica Scuola Primaria Rilevazione intermedia della situazione educativa e didattica Scuola Secondaria di I Grado Comunicazione alla famiglia delle carenze (art.2 comma 7 DPR 122/2009) Consiglio orientativo Certificato delle competenze al termine del Primo Ciclo Scolastico Piano delle uscite didattiche, delle visite guidate e dei viaggi d istruzione a.s. 2014/2015 PREMESSA 2

4 IL POF Nell ambito della propria autonomia funzionale ogni scuola elabora il Piano dell Offerta Formativa, cioè il P.O.F. COS È IL POF Rappresenta la carta d identità della scuola. Viene approvato dal Collegio dei Docenti e adottato dal Consiglio di Istituto. Attraverso il P.O.F. la scuola: esplicita le proprie scelte educativo-didattiche e metodologico-organizzative si impegna ad azioni concrete e le comunica alle famiglie fornisce informazioni chiare ed esaurienti sugli obiettivi (educativi, curricolari, progettuali), l organizzazione (tempo scuola, plessi, organigramma, risorse) e la valutazione adottati dall Istituto risponde ai bisogni dell utenza e del contesto socio-culturale nel quale opera. 3

5 SEZIONE PRIMA L ISTITUTO COMPRENSIVO COME SISTEMA EDUCATIVO CARATTERISTICHE E FINALITÀ DELL ISTITUTO COMPRENSIVO COS È UN ISTITUTO COMPRENSIVO L istituto comprensivo è uno spazio professionale che invita i suoi abitanti a rimettersi in discussione ad assumersi responsabilità comuni sull educazione di una generazione di ragazzi. Sul piano istituzionale fare comprensivo 4

6 significa fare comunità ; l istituto è un frutto della governance territoriale; deve prevalere il gusto dell autogoverno, dell assunzione di responsabilità ; ci deve essere uno stile, un metodo di lavoro; percorsi fortemente condivisi, in un fitto dialogo con gli operatori scolastici (G. Cerini 2006). L Istituto Comprensivo riunisce la scuola dell infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado in un unica istituzione scolastica. Mira a realizzare un progetto formativo unitario all interno del quale ogni alunno possa sviluppare le proprie potenzialità e la propria identità di individuo e di cittadino. Tale progetto è incentrato sulla continuità educativa e didattica dei diversi livelli d istruzione che collaborano e dialogano tra loro, con le famiglie e con il territorio. PUNTI DI FORZA Valore aggiunto dell Istituto Comprensivo è la continuità fra i tre gradi scolastici. La continuità permette di: promuovere la cultura dell accoglienza prevenire le difficoltà di passaggio tra i diversi ordini di scuola costruire un progetto educativo unitario sviluppare l appartenenza al territorio rafforzando l integrazione tra enti e istituzioni 5

7 6

8 SEZIONE SECONDA L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MARINEO - BOLOGNETTA LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 7

9 L Istituto Comprensivo Statale Marineo-Bolognetta è nato dall unione tra l Istituto Comprensivo San Ciro di Marineo e l Istituto Comprensivo di Bolognetta per effetto del Decreto Assessoriale n.8 del in seguito al piano di dimensionamento della rete scolastica in Sicilia per l a.s. 2013/2014. IL CONTESTO - ANALISI TERRITORIALE E SOCIALE MARINEO Marineo, situato nel cuore del territorio palermitano, si sviluppa in una zona collinare, a 531 metri sul livello del mare e conta 6700 abitanti circa. La sua conformazione morfologica è caratterizzata dalla presenza della Rocca, una formazione montuosa di origine calcarea su cui sono presenti specie vegetali molto rare e protette. La popolazione, dedita fino agli anni 60 esclusivamente all agricoltura, svolge attualmente attività anche nell artigianato e nel settore terziario. Di notevole rilevanza è la produzione di olio d oliva, uve e vini pregiati, nonché la lavorazione del legno e del ferro battuto. Si registra però la presenza di un elevato tasso di disoccupazione, riflesso della crisi economica nazionale e internazionale con effetti visibili sul contesto sociale ed economico del paese. Il tessuto socioculturale è tuttavia in continua evoluzione grazie alla presenza di numerose associazioni culturali, educative, sportive e di volontariato. Le tradizioni religiose, folkloristiche e culturali sono sostenute dall Amministrazione comunale, dalla Parrocchia e dalle diverse comunità che gravitano intorno a quest ultima. Marineo, nel corso degli anni, è diventato sempre di più un punto di riferimento oltre i confini nazionali: ne sono testimonianza il pluridecennale gemellaggio con la cittadina francese di Sainte-Sigolène, il Premio Internazionale di poesia Città di Marineo e la recente partecipazione al Progetto Comenius. La presenza di due indirizzi di un Istituto di Istruzione Secondaria Superiore, oltre alle scuole dell obbligo, consente di poter considerare medio il grado di istruzione raggiunto dalla popolazione. Anche in una comunità coesa e serena quale quella di Marineo emergono comunque alcuni problemi sociali che si ripercuotono sul tessuto umano e familiare delle nuove generazioni. BOLOGNETTA Il Comune di Bolognetta (Agghiastru in siciliano) dista dal capoluogo circa 25 Km ed è situato a un'altezza di 300 metri. Il territorio, prevalentemente collinare, è attraversato dal fiume Milicia, che nasce nel Bosco di Ficuzza, e da tre vie di comunicazione stradali: lo Scorrimento veloce Palermo-Agrigento, la Strada statale 118 Corleonese Agrigentina e la SP 77 Villabate - Villafrati. 8

10 La cittadina nasce agli inizi del XVII sec. intorno a un fondaco (luogo di sosta lungo la regia trazzera che collegava Palermo con l interno della Sicilia) dopo che Marco Mancino, facoltoso mercante genovese, ne acquistò il feudo da Vincenzo Bologna (da cui Bolognetta). Il centro abitato di Bolognetta è suddiviso in diversi quartieri, alcuni dei quali formatisi a partire dal 1980: Piazza - Piano Castello - Strada Nova - Ultima Strada (Via Bellini) - Bivio - Oliveri - Pirainazzo - Scuole - Variante (Via Luigi Sturzo) - Campo Sportivo. Oggi la popolazione si aggira intorno alle 4174 unità; molti abitanti risiedono nelle diverse contrade presenti nel territorio. Le più popolate sono: Lordica - Scozzari - Cozzo Napolitano - Roccabianca - Grassurelli Catalano - Casachella - Filaccina. Da parecchi anni, si registra la presenza instabile di numerosi nuclei familiari provenienti da zone limitrofe o dalla città e quella di extracomunitari. Bolognetta, pur essendo relativamente giovane, ha una discreta presenza di monumenti che rendono piacevole una visita al paese. Ricordiamo la Chiesa Madre dedicata alla Madonna del Carmelo, la Casa Museo della Vita Contadina e Palazzo Mancino. Tra le strutture del territorio, particolarmente importante è la Biblioteca Comunale "Tommaso Bordonaro": centro culturale di grande interesse per le sue iniziative, per la presenza di una attrezzatissima ludoteca e per essere sede didattica dell Università popolare di Bolognetta. Interessanti anche le iniziative comunali di scambio culturale legate ai gemellaggi con i paesi dell U.E e le manifestazioni religiose e folkloristiche. Nel territorio operano associazioni culturali, ricreative, sportive, religiose e di volontariato che riescono però ad agganciare solo una parte dei giovani e della popolazione adulta. È presente, inoltre, una struttura di accoglienza per minori in situazione di disagio familiare. L'economia si basa prevalentemente sul settore terziario e dei servizi. Modeste sono le attività commerciali, artigianali e agricole a conduzione familiare. Il tasso di disoccupazione è elevato; è in aumento il lavoro nero. La ricezione turistica è uno dei punti di forza dell'economia bolognettese. Nel territorio si trovano due hotel e due bed&breakfast. Numerosi sono ristoranti, pub, bar e aziende di agriturismo che fanno di Bolognetta uno dei centri più rinomati della provincia di Palermo, in particolare per la degustazione di prodotti tipici durante le festività pasquali e natalizie. La cittadina però non manca di quelle problematiche sociali che, in alcuni casi, si ripercuotono sul vissuto familiare e personale delle future generazioni. RISORSE DEL TERRITORIO E COLLABORAZIONI C.T.R.H Misilmeri c/o D.D. Landolina Attività di supporto agli alunni disabili e/o con difficoltà di apprendimento 9

11 Misilmeri (Marineo-Bolognetta) COMENIUS Lifelong Learning Programme Agenzia Nazionale (Marineo) Comune e Scuole primarie di Sainte- Sigoléne (Marineo) ASP Misilmeri (Marineo-Bolognetta) Fondazione G. Arnone (Marineo) Ass. Lwanga (Marineo) Ass. Misericordia (Marineo) Ass. Marineo solidale (Marineo) Comunità religiose (Marineo- Bolognetta) Vigili Urbani e Carabinieri (Marineo- Bolognetta) S.O.A.T (Marineo-Bolognetta) CONI (Bolognetta) Collaborazione transnazionale tra istituti scolastici in Europa Collaborazione per le attività di gemellaggio Collaborazione NPI per la gestione degli alunni diversamente abili Partecipazione al Premio di poesia dei ragazzi; Coro polifonico Attività finalizzate alla solidarietà in Tanzania Progetto Educare alla sicurezza - attività finalizzate alla prevenzione e alla protezione civile; attività ludico-didattiche e ricreative Progetti vari Partecipazione a diverse iniziative religiose, sociali e culturali Partecipazione ad iniziative varie sulla legalità Iniziative di educazione alla salute e alimentare Giochi sportivi e Settimana dello Sport Altre risorse: Comune di Marineo Comune di Bolognetta Protezione civile Centro Territoriale Permanente Università degli Studi di Palermo Biblioteca comunale Museo archeologico della Valle dell Eleuterio Monumenti storico-artistici del territorio Ambienti naturali: Bosco di Ficuzza, lago di Scanzano 10

12 La nostra scuola, al fine di una migliore ottimizzazione delle risorse e per affrontare in modo efficace le diverse problematiche che si possono presentare al suo interno, ha aderito ad alcuni accordi di rete fra istituzioni scolastiche: - Osservatorio di area sul fenomeno della dispersione scolastica, per la promozione del successo formativo e delle reti per l educazione prioritaria (R.E.P.) Distretto 9 Sede Legale Scuola Secondaria di I grado Cosmo Guastella - Misilmeri. - Microrete Primavera della Scienza. - Una rete per la didattica e per le competenze Scuola capofila Scuola Secondaria di I grado Cosmo Guastella Misilmeri. CONDIZIONI DI FATTIBILITÀ E RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI Il POF è sostenuto finanziariamente dallo Stato, dalla Regione e dal Comune. In particolare, il contributo offerto dall Ente locale permette all Istituto di fornire all utenza un servizio di Scuolabus per uscite e visite guidate nel territorio che consentono l ampliamento dell offerta formativa. Per tutte le attività si attinge alle seguenti fonti di finanziamento: Fondo d Istituto calcolato sulla base dei docenti e del personale A.T.A. Fondo autonomia L.440/97 per i progetti che richiedono interventi di esperti interni/esterni e l utilizzo di strumenti e materiali per la loro realizzazione Fondo per le Funzioni Strumentali Fondi per i Giochi sportivi e la Settimana dello Sport Finanziamenti per la formazione del personale Contributi EE.LL. Regione Sicilia FSE, FESR Fondi della Comunità Europea per il Progetto Comenius Contributi volontari versati dalle famiglie 11

13 LA SCUOLA IN CIFRE Gli alunni che frequentano l Istituto Comprensivo sono 1241 così distribuiti: 294 Scuola dell Infanzia 560 Scuola primaria 387 Scuola secondaria di I Grado Marineo Sede centrale - San Ciro 264 alunni Plesso Beccadelli 57 alunni Plesso Calderone 87 alunni Plesso Gorgaccio 98 alunni Plesso Via Makella 238 alunni Sede Scuola Primaria: ospita 4 seconde, 3 classi terze, 4 classi quarte, 4 classi quinte. Per il corrente anno scolastico ospita n 2 sezioni a tempo ridotto della Scuola dell Infanzia Calderone Risorse: 1 biblioteca, 2 aule di informatica, 1 aula per le attività di sostegno, teatrino scolastico, cortile, palestra (al momento inagibile), 15 LIM. Sede Scuola Primaria: ospita 3 classi prime. Risorse: 1 aula per le attività di sostegno; 4 LIM. Sede Scuola dell Infanzia Sede Scuola dell Infanzia: ospita 4 sezioni di scuola dell infanzia a tempo normale. Per il corrente anno scolastico ospita n 2 sezioni a tempo ridotto della Scuola dell Infanzia Calderone Risorse: 1 aula giochi, 1 aula audiovisiva, 1 aula per le attività motorie, 1 sala mensa. Sede della Scuola secondaria di primo grado: ospita 4 classi prime, 3 classi seconde, 4 classi terze. Risorse: 1 biblioteca, 2 aule di informatica, 1 Aula Magna, 1 aula per le attività di sostegno, 1 aula di scienze, 14 LIM. 12

14 Bolognetta Plesso Via Torrebruna - Infanzia Plesso Via Torrebruna De Amicis Plesso Via Torrebruna Scuola Media 109 alunni 239 alunni 149 alunni Sede della Scuola dell Infanzia: ospita 5 sezioni di scuola dell infanzia a tempo ridotto. Sede Scuola Primaria: ospita 2 classi prime, 3 classi seconde, 3 classi terze, 2 classi quarte, 3 classi quinte. Sede della Scuola Secondaria di primo grado: ospita 3 classi prime, 2 classi seconde, 2 classi terze. Risorse: Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I Grado - 2 aule multimediali, 1 Aula Magna (temporaneamente occupata da una classe di Scuola Secondaria di I grado), 22 LIM. ORGANIGRAMMA DIRIGENTE SCOLASTICO DIRETTORE AMMINISTRATIVO COORDINAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI Collaboratori D.S. Prof.ssa Antonina Lampone Giuseppa Damiano Dott.ssa Francesca Sinagra Ins. Giuseppa Lo Pinto 13

15 Responsabili di plesso e/o di sede coordinata Marineo Ins. Rosaria Milazzo - Scuola Infanzia Gorgaccio Ins. Maria Cira Muratore - Scuola Primaria Beccadelli Prof.ssa Cinzia Giacobello - Scuola Secondaria di I Grado Bolognetta Ins. Anna Spataro - Scuola Infanzia T.R. C. Romano Ins. Gaetana Sclafani - Scuola Primaria E. De Amicis Prof.ssa Maria Rosaria Macchiarella - Scuola secondaria di I Grado L. Pirandello Funzioni Strumentali Area 1 - Gestione del P.O.F., sostegno ai docenti e INVALSI Prof.ssa Caterina Piazzese Area 2 Sostegno, BES e dispersione Marineo Ins. Rosa Baio Ins. Gaetana Mortillaro Area 2 Sostegno, BES e dispersione Bolognetta Prof. Savatore Perniciaro Area 3 Interventi e servizi per gli alunni, coordinamento progetti, 14

16 viaggi e visite guidate Prof.ssa Rosa D Aversa Area 4 Curricolo verticale, orientamento e continuità Ins.Rosa Raineri Area 5 Informatica Ins.Daniela Morfino GRUPPI ISTITUZIONALI Consiglio d Istituto Collegio dei Docenti Consiglio di Interclasse Consiglio di Intersezione Consigli di classe Dipartimenti disciplinari Comitato di valutazione Dirigente Scolastico Prof.ssa Antonina Lampone (membro di diritto) Docenti: Francesca Calderone, Rosaria Masi, Santo Orlando, Salvatore Perniciaro, Antonina Sclafani, Francesca Sinagra, Maria Baio, Vincenza Taormina. Personale ATA: Cira Inguì, Antonino Scrò. Genitori: Salvatore Arrigo, Elenda Baio, Patrizia Bivona, Rosa Alba D Amato, Cira Di Galbo, Francesca La Duca, Anna Oltremare, Irene Scrò. Tutti i docenti in servizio Tutti i docenti delle classi parallele e i rappresentati dei genitori Tutti i docenti della sezione e i rappresentanti dei genitori Tutti i docenti della classe e i rappresentanti dei genitori Tutti i docenti in servizio Membri effettivi : Maria Teresa Siragusa, Patrizia Sorbo, Margherita Ferrantelli, 15

17 DOCENTI REFERENTI Indicazioni Nazionali Biblioteca e aula di Scienze - Scuola Primaria - Marineo Gemellaggio Marineo-St. Sigolène Progetto Comenius Biblioteca Scuola Secondaria di I grado - Marineo Laboratorio Scientifico Scuola secondaria di I grado - Marineo Attività artistiche Scuola Secondaria di I grado - Marineo Progetto Legalità Scuola Secondaria di I grado- Bolognetta Informatica per la Scuola Primaria - Marineo Informatica per la Scuola Secondaria di I grado - Marineo Salvatore Perniciaro Membri supplenti : Anna Maria Lo Piccolo, Gaetano Di Carlo Prof. ssa Caterina La Spisa Ins. Antonina Puccio Ins. Antonina Puccio Prof. ssa Margherita Ferrantelli Prof. Giovanni Puma Prof. ssa Maria Butera Prof. Epifanio Barbaccia Prof.ssa Maria Rosaria Macchiarella Ins. Giuseppe Spinella Prof. Antonino Barcia 16

18 Informatica per la Scuola Secondaria di I grado - Bolognetta B.E.S. e D.S.A. Prof.ssa Rosalia Cammarata Prof.ssa Cinzia Giacobello PERSONALE A.T.A. Area Didattica e Alunni Infanzia e Primaria Area Didattica e Alunni Scuola Secondaria I Grado Salvatore Caronna Antonino Ficarra Didattica e Protocollo Area Personale Atti Propedeutici all Attività Negoziale Collaborazione con il DS, circolari, rapporti con il Comune e con i plessi Area Finanziaria e Patrimoniale Francesca Cammareri Maria Barcia Francesca Brandi - Giuseppa Mansella Giuseppe Gammino Michela Venezia DSGA Giuseppa Maria Damiano Collaboratori Scolastici MARINEO 17

19 Plesso Gorgaccio: Antonino Cimò, Cosimo Ilardi, Francesco Princiotta Plesso San Ciro: Gaetano Badami, Enza Bivona (supplente Cimò Antonino momentaneamente utilizzato C/O il plesso Gorgaccio), Francesco Gerardi, Rosalia Giovinco, Giuseppe Mancino, Antonino Scrò Plesso Beccadelli: Giuseppe Di Salvo Scuola Secondaria di I grado: Silvestre Ficarra, Angelo Giardina, Benedetto Scrò, Salvatore Vivona BOLOGNETTA Plesso Via Torrebruna: Erminia Arrigo, Vincenza Coltelluccio, Rosa Cracolici, Cira Inguì, Giuseppe Montegallo, Michele Savoncelli ALTRE FIGURE SICUREZZA RSU RSPP Ing. Gaetano Ciavarello Maria Carmen Calderone, Cosimo Ilardi, Anna Maria Lo Piccolo, Giuseppe Montegallo, Gioacchina Provenzano. 18

20 INFORMAZIONI UTILI Calendario scolastico Inizio anno scolastico: 11 settembre 2014 Termine anno scolastico: 09 giugno 2015 Per la scuola dell infanzia il termine delle attività educative è fissato al 30 giugno 2015 Giornate di vacanza previste dai calendari nazionale e regionale: Tutte le domeniche 1 novembre 2014, festa di tutti i Santi L 8 dicembre, Immacolata Concezione Vacanze natalizie: dal 22 dicembre 2014 al 6 gennaio gennaio 2015 (Marineo - festa del Santo Patrono) 16 e 17 febbraio 2015 (vacanze di carnevale) Vacanze pasquali: dal 02 aprile al 07 aprile aprile maggio maggio giugno giugno 2015 (Bolognetta - festa del Santo Patrono) Esami di Stato Gli esami di Stato per le classi terze della Scuola secondaria di primo grado si svolgeranno in tali date: 15 Giugno: Riunione preliminare 16 Giugno: Italiano 17 Giugno: Matematica 18 Giugno: Lingue 19 Giugno : Prova Invalsi 19

21 Contatti Marineo Scuola Primaria - sede S. Ciro, Corso dei Mille, 2 Tel Fax: Scuola Primaria - plesso Beccadelli, via Don Bosco Tel Scuola dell Infanzia- plesso Gorgaccio, c/da Gorgaccio Tel Scuola Secondaria di I grado, via Makella Tel Bolognetta Scuola dell Infanzia, via P.pe di Torrebruna Tel Scuola Primaria, via P.pe di Torrebruna Tel.- Fax: Scuola Secondaria di I grado, via P.pe di Torrebruna Tel Fax: ORARI DÌ RICEVIMENTO Gli uffici di segreteria sono aperti al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 11:00 alle 13:15; il martedì dalle ore 15:30 alle 17:30. Il Dirigente Scolastico (o un suo delegato) riceve nella sede centrale di Marineo, Corso dei Mille, 2, nei giorni di lunedì e giovedì dalle ore 9:00 alle ore 11:00. Tutti gli altri giorni solo su appuntamento. Sito web: IL PROGETTO EDUCATIVO PRINCIPI E FINALITÀ La scuola in quanto istituzione dello Stato assume come proprio orizzonte di riferimento la Costituzione Italiana (artt. 2, 3, 33, 34) 20

22 Valori e principi fondamentali della nostra scuola sono: Uguaglianza e imparzialità Accoglienza, integrazione e socializzazione Promozione del benessere e prevenzione dello svantaggio Libertà d insegnamento Da questi principi ispiratori e con riferimento agli Indirizzi generali delle attività della scuola e scelte generali di gestione e amministrazione (Art.3 c.3 D.P.R. n marzo 1999) approvati dal Collegio dei Docenti del 6 settembre 2013 scaturiscono le seguenti finalità: Raggiungere il successo formativo attraverso il ricorso a metodologie innovative quali la prassi della ricerca/scoperta e della didattica laboratoriale per la valorizzazione dei diversi stili di apprendimento. Realizzare pari opportunità d istruzione, con particolare riferimento agli alunni in situazioni di disagio, svantaggio, disabilità o con bisogni educativi speciali. Sviluppare negli alunni le competenze necessarie per affrontare con crescente consapevolezza e maturità le esperienze di vita e per orientarsi in modo critico nella realtà. Adottare un sistema di valutazione efficace che assicuri omogeneità, equità e trasparenza dell atto valutativo. Sviluppare e valorizzare il senso di appartenenza al territorio secondo modalità di partecipazione e interazione attiva e consapevole. Costruire un alleanza educativa con le famiglie sulla base di relazioni costanti incentrate sul rispetto dei reciproci ruoli e sulla collaborazione nelle comuni finalità educative. Realizzare un progetto formativo coerente, unitario e integrato anche attraverso un curricolo verticale che permetta di progettare in modo organico, sistematico e corresponsabile il percorso formativo degli alunni. 21

23 SCELTE EDUCATIVE PAROLE-CHIAVE Lettura dei bisogni formativi Individuazione delle azioni educative prioritarie e dei campi d azione Costruzione del curricolo verticale - Competenze BISOGNI FORMATIVI Rappresentano le aspettative, le esigenze dei singoli alunni, delle loro famiglie e della comunità. Scaturiscono dall analisi della realtà in cui la scuola si colloca e all interno della quale agisce per promuovere la formazione degli alunni: acquisire fiducia e consapevolezza di sé, dei propri limiti, punti di forza, attitudini, interessi, potenzialità. socializzare e collaborare con i compagni, accettando gli altri e la loro diversità. raggiungere livelli di autonomia gradualmente più complessi nella vita pratica, nello studio e nelle scelte personali. acquisire competenze adeguate alla complessità della società attuale. maturare capacità critiche al fine di operare scelte consapevoli e responsabili. AZIONI EDUCATIVE PRIORITARIE Sono le azioni educative che il Collegio dei Docenti ritiene imprescindibili per offrire risposta ai bisogni formativi degli alunni e perseguire concretamente le proprie finalità: Educare alla convivenza democratica, alla solidarietà, all accoglienza e al rispetto della diversità in una dimensione interculturale. Promuovere lo sviluppo armonico della persona e garantire la continuità del processo educativo agevolando il passaggio tra i diversi gradi d istruzione all interno dell Istituto Comprensivo e nel livello d istruzione successivo. Costruire una scuola in grado di interagire con la comunità circostante. Favorire l acquisizione delle competenze-chiave e di una solida preparazione culturale. Promuovere il successo formativo e prevenire fenomeni di dispersione scolastica. 22

24 Garantire l inserimento e l integrazione degli alunni diversamente abili e degli alunni stranieri. Ottimizzare l efficacia didattica attraverso la dimensione laboratoriale/metacognitiva e l uso delle nuove tecnologie. CAMPI D AZIONE Sono gli ambiti all interno dei quali si ineriscono le azioni educative dell Istituto. Vengono individuati e delineati dal Collegio dei Docenti allo scopo di attuare concretamente le proprie scelte educative e progettuali: Continuità e Orientamento Integrazione/ Inclusione Prevenzione e intervento sul disagio/recupero della dispersione scolastica e delle difficoltà di apprendimento Recupero Consolidamento Potenziamento Efficacia didattica Rapporto scuolaterritorio Continuità e Orientamento Le attività realizzate all interno di quest area mirano a costruire un percorso formativo incentrato sull unitarietà e la continuità del processo educativo e sul raccordo pedagogico, didattico e organizzativo tra i vari ordini di scuola presenti all interno dell Istituto: condivisione di criteri comuni per la formazione delle classi; realizzazione di incontri informativi tra i docenti e di schede personali sugli alunni per il passaggio tra i vari ordini di scuola; realizzazione di progetti d istituto comuni per i tre gradi di scuola; costruzione del curricolo verticale; attività di orientamento per la conoscenza e l analisi di attitudini, potenzialità, interessi, motivazioni degli studenti. Integrazione/Inclusione La scuola si configura come luogo dell integrazione e dell inclusione per tutti gli alunni, con particolare riferimento agli 23

25 alunni diversabili e stranieri, mediante: P.E.I. (Piani Educativi Individualizzati); tutoring; laboratori artistico-espressivi e laboratori di psicomotricità a classi aperte; gestione dei contatti con il servizio di specialisti della ASL; collaborazione e supporto alle famiglie per la condivisione delle attività e delle strategie educative; attività specifica della Funzione Strumentale di riferimento per i docenti, gli alunni e le famiglie. Prevenzione e intervento sul disagio Recupero della dispersione scolastica e delle difficoltà di apprendimento Obiettivo fondamentale di quest area è intervenire su ogni forma di criticità e perseguire il successo formativo degli alunni attraverso modalità integrate quali: interventi metodologico-didattici specifici e percorsi di superamento delle forme di disagio (tecniche di lavoro di gruppo cooperativo, uso di materiale didattico informatizzato per il recupero delle condizioni di svantaggio etc); consulenza esterna con le strutture disponibili nel territorio; somministrazione di test screening per l individuazione di problemi di apprendimento, scarsa motivazione o inadeguato metodo di studio; attività della Funzione Strumentale specifica per la gestione degli interventi e per il raccordo tra le famiglie, i docenti e le istituzioni specialistiche del territorio; progettazione, per gli alunni certificati con DSA e per gli alunni individuati come BES (nota prot del 22 novembre 2013), di un Piano Didattico Personalizzato con obiettivi, metodologie didattiche e strumenti compensativi e dispensativi adeguati alle loro specifiche esigenze. Recupero, consolidamento e potenziamento Allo scopo di sviluppare le potenzialità di ciascun alunno e favorire il successo formativo, i docenti attivano: 24

26 analisi dei bisogni e delle risorse per adeguare le iniziative didattiche alle esigenze degli alunni; test d ingresso e/o in itinere per valutare le abilità logiche trasversali e programmare interventi mirati; attività didattiche con modalità differenziate in orario curricolare (lavoro per piccoli gruppi, tutoring, compiti differenziati); percorsi specifici di rinforzo e di approfondimento disciplinare curricolari e/o extracurricolari. Efficacia didattica I docenti realizzano una didattica incentrata sulla sperimentazione, sulla ricerca/azione, sulla didattica laboratoriale e metacognitiva, sull uso delle nuove tecnologie come strumenti facilitatori e modalità di comunicazione e scambio: apprendimento collaborativo per favorire l interazione, la comunicazione e l assunzione di responsabilità; dimensione laboratoriale intesa come ricerca attiva, problem solving e realizzazione di prodotti documentabili; approccio interdisciplinare per promuovere l acquisizione delle competenze-chiave; uso del computer come supporto alla didattica attraverso LIM, giochi educativi, programmi interattivi, utilizzo e/o costruzione di CD multimediali su argomenti interdisciplinari; uso consapevole di Internet per l arricchimento dei materiali didattici e come metodo di ricerca; Progetti FSE e FESR; Progetto Primavera delle Scienze ; Progetto di rete sulle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione. Rapporto scuola-territorio La scuola si apre al territorio e si raccorda con esso secondo modalità d intervento tra loro integrate: collaborazione con Enti istituzionali; utilizzo delle risorse esterne a fini educativi (Biblioteca comunale, associazioni culturali, ONLUS ecc); intervento di esterni a supporto delle attività didattiche (Polizia municipale, Carabinieri, ASL, Servizi sociali, ecc). COMPETENZE E CURRICOLO VERTICALE Obiettivo della progettazione educativo-didattica è lo sviluppo della competenza fondamentale del SAPER AGIRE, 25

27 risorsa indispensabile per la realizzazione e la crescita personale, per la cittadinanza attiva e l integrazione, per la capacità d inserimento professionale. Alla formazione delle competenze concorrono, con le loro specificità, gli obiettivi di ciascun ambito disciplinare. Le discipline non sono, infatti, il fine ultimo dell azione educativo-didattica, ma il mezzo, lo strumento attraverso il quale strutturare il pensiero e il ragionamento secondo modalità di logica e di coerenza trasferibili a differenti contesti cognitivi. Mediante le discipline e le connessioni interdisciplinari è possibile attivare negli alunni competenze trasversali di carattere comunicativo, logico e operativo. Tali competenze si stratificano in modo graduale, progressivo e organico all interno di un itinerario formativo unitario rappresentato dal curricolo verticale, un percorso di apprendimento permanente ed efficace che, partendo dalla scuola dell infanzia, prosegue fino alla scuola secondaria di primo grado e conduce all acquisizione delle competenze-chiave. ABILITA CONOSCENZE C O M P E T E N Z E CAPACITA PERSONALI L Istituto Comprensivo Marineo-Bolognetta recepisce le otto competenze-chiave per l apprendimento permanente secondo la raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio d Europa del 18 dicembre 2006 (2006/962/CE): 1. Comunicazione nella madre lingua 2. Comunicazione nelle lingue straniere 3. Competenza matematica, competenza in campo scientifico di base e competenza in campo tecnologico 4. Competenza digitale 5. Imparare a imparare 6. Competenze sociali e civiche 7. Spirito di iniziativa e imprenditorialità 8. Consapevolezza ed espressione culturale 26

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli