ISTITUTO COMPRENSIVO E. FRANCESCHINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO E. FRANCESCHINI"

Transcript

1 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FRANCESCHINI via Tevere, Rho (MI) Codice Fisc.: Codice Mec.: MIIC8GD001 Tel. 02/ / Fax. 02/ ISTITUTO COMPRENSIVO E. FRANCESCHINI Piano dell Offerta Formativa a.s. 2014/15

2 INDICE 1. INFORMAZIONI SUL P.O.F Cos è il Pof 1.2 Come nasce 1.3 Chi lo approva 1.4 Durata/aggiornamento/verifica del Pof 1.5 Come ottenere il Pof 2. IDENTITA DELLA SCUOLA/CONTESTO TERRITORIALE Chi siamo 2.2 Caratteristiche della Comunità e del territorio in cui l Istituto opera 2.3 Aspetti demografici 2.4 Risorse e attività economiche 2.5 Comunicazioni e trasporti 2.6 Cultura e tempo libero 3. I NOSTRI ALUNNI LA FORZA DEL DOMANI MISSION DEL NOSTRO ISTITUTO 10 5.SCELTE EDUCATIVE PER ATTUARE LA MISSION Eguaglianza e pari opportunità 5.2Libertà d insegnamento 5.3Continuita : Costruzione del curricolo verticale 5.5Progettualità 5.6Formazione/Aggiornamento 5.7Collaborazioni: la scuola come sistema formativo integrato

3 6.PRESENTAZIONE DELLE SCUOLE DELL ISTITUTO Scuole dell Infanzia Pascoli e Via dei Ronchi 15 Obiettivi generali del processo formativo Relazione educativa Campi di esperienza Metodologia e strategie (il gioco, il tempo, lo spazio) orario scolastico organizzazione della giornata scolastica specificità dei plessi: progetti, laboratori e risorse strutturali Scuola dell Infanzia Pascoli Scuola dell Infanzia Via dei Ronchi 6.2 Scuole Primarie Federici Franceschini Frontini 26 Obiettivi generali del processo formativo Competenze/obiettivi trasversali metodologia strategie Relazione educativa Ripartizione dei tempi per le discipline Aggregazione delle materie per ambiti disciplinari Organizzazione della giornata scolastica,la mensa e l intervallo Specificità dei Plessi: progetti, laboratori e risorse strutturali Scuola Primaria Federici Scuola Primaria Franceschini Scuola Primaria Frontini 6.3 Scuole Secondarie I Via Tevere e Via Terrazzano.48 Profilo didattico e formativo della scuola Criteri per l'attuazione del piano dell'offerta formativa Progressività nell'innovazione Diversificazione delle attività, Recupero, Potenziamento Organizzazione delle funzioni e degli ambiti di azione Riferimenti Prevenzione del disagio Studio delle lingue straniere e promozione della cultura internazionale Potenziamento e certificazioni internazionali dell'apprendimento delle lingue straniere Gemellaggio con la scuola di Dilambwe nella Repubblica democratica del Congo Orientamento : L'orientamento nella scuola secondaria di I grado L orientamento nella nostra scuola Orientamento come prassi didattica quotidiana L orientamento per gli alunni dell ultimo anno Percorso formativi Obbiettivi didattici delle discipline Organizzazione Il tempo scuola alunni

4 Organizzazione delle attività : Inizio e conclusione delle lezioni, Recuperi orari Le risorse della scuola Orari Condivisione delle responsabilità 7. SCUOLE. DELL INCLUSIVITA SICUREZZA E PRIVACY 72 9.VERIFICA E VALUTAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO PATTO EDUCATIVO Nelle Scuole dell Infanzia/Primarie Nelle Scuola Secondaria di I..85

5 1 INFORMAZIONI SUL P.O.F. 1.1 Cos è il POF Il Piano dell offerta formativa (P.O.F.), secondo il regolamento sull autonomia scolastica, è il documento fondamentale della scuola: la identifica dal punto di vista culturale e progettuale, ne esplicita la progettazione, curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa. 1.2 Come nasce Il presente Piano nasce dal riesame dei precedenti documenti progettuali e tiene conto della più recente elaborazione collegiale avvenuta a diversi livelli. Esso è il naturale sviluppo della pratica didattica delle nostre scuole ed è costruito su criteri di verificabilità e trasparenza, in modo da consentire all istituzione scolastica la massima apertura nei confronti dei genitori e dell intera comunità. Il P.O.F., inoltre, è coerente con gli obiettivi generali ed educativi determinati a livello nazionale e locale e tiene conto delle esigenze del contesto sociale e nello stesso tempo prevede un organizzazione della didattica che promuova il successo formativo di ogni alunno. 1.3 Chi lo approva Il Piano dell offerta formativa è approvato dal Collegio Docenti e adottato dal Consiglio d Istituto tenuto conto delle proposte formulate dai genitori e dagli organismi presenti sul territorio. 1.4 Durata/aggiornamento/verifica del POF Il P.O.F. ha durata annuale. Il P.O.F. è flessibile e aperto: come tale è soggetto ad aggiornamenti nel corso dell anno scolastico in funzione dell evoluzione del sistema formativo e organizzativo dell istituto. Costituisce un impegno per la comunità scolastica, in quanto rappresenta l offerta di tipo educativo e didattico dell istituto. Il Piano dell offerta formativa sarà oggetto di periodiche valutazioni da parte sia della commissione che l ha elaborato, sia da parte degli insegnanti incaricati a svolgere attività relative al coordinamento del piano stesso. 1.5 Come ottenere il POF Il P.O.F. è un documento pubblico accessibile a tutti sul sito dell Istituto.

6 2. IDENTITA DELLA SCUOLA/CONTESTO TERRITORIALE 2.1 Chi siamo L Istituto Comprensivo E. Franceschini nasce a settembre del 2013 dall unione di più scuole del territorio rhodense. Esso comprende i tre ordini di scuola del primo ciclo dell Istruzione ( infanzia, primaria e secondaria di primo grado). Nello specifico: 2 Plessi di scuola dell infanzia ( Pascoli e Via Dei Ronchi ) 3 Plessi di scuola primaria ( Federici, Franceschini, Frontini ) 2 Plessi di scuola secondaria di primo grado ( Via Tevere, Via Terrazzano ) Denominazione Scuola N. classi N. docenti indirizzo Telefono/fax Scuola Infanzia Giovanni Pascoli Scuola Infanzia Via Dei Ronchi 6 14 Via S. Martino, 6 Tel Fax: Via Dei Ronchi, 29 Tel Fax Scuola Primaria Silvano Federici Via Mazzo, 19 Tel Fax: Scuola Primaria Ezio Franceschini 9 21 Via Tevere, 13 Tel Fax: Scuola Primaria Bernardo Frontini 5 16 Via Verbania 1-Lucernate Tel Fax: Scuola Sec.I grado 6 24 Via Tevere, 13 Tel Fax: Scuola Sec.I grado 7 24 Via Terrazzano, 20 Tel

7 Il Dirigente scolastico La Direzione ha sede nel plesso di via Tevere, dove il Dirigente Scolastico, Ing. Francesco Marchese e il Vicario, dott.ssa Lucia Rusconi, ricevono il pubblico, previo appuntamento telefonico. Il Dirigente è comunque presente nelle varie scuole a seconda delle necessità. Ufficio di segreteria L ufficio funziona dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30 alle ore in relazione all organizzazione interna e all orario di servizio della scuola a Tempo pieno. L ufficio è aperto al pubblico : lunedì-giovedì dalle ore 8.30 alle ore martedì-venerdì dalle ore alle ore mercoledì dalle ore alle ore 13.30

8 2.2 Caratteristiche della Comunità e del territorio in cui l Istituto opera L evoluzione economica,avvenuta nel periodo post-bellico,ha trasformato la struttura rurale originaria di Rho (case-cascina) in una struttura tipicamente urbana, ancor oggi in via di espansione nelle aree periferiche e nelle frazioni del comune (località Mazzo, Lucernate, Terrazzano). 2.3 Aspetti demografici Anche Rho,come tutte le zone limitrofe al triangolo industriale, ha ricevuto a partire dagli Anni Sessanta il flusso immigratorio proveniente dal Sud Italia. Attualmente tale flusso è diminuito e la classe giovanile è in linea di massima rhodense di fatto. Un fenomeno in via di espansione riguarda invece l immigrazione di cittadini extracomunitari, con la conseguente presenza di adolescenti stranieri nella scuola, provenienti da diverse parti del mondo per flussi migratori familiari o per adozione. Anche la nostra scuola si è pertanto fatto carico di questo nuovo scenario, che riguarda comunque tutto il Milanese, e ha di conseguenza attivato iniziative specifiche di accoglienza e di alfabetizzazione degli alunni stranieri. 2.4 Risorse e attività economiche Dal punto di vista economico la cittadina di Rho, si avvantaggia di un settore secondario sviluppato per lunga tradizione, rappresentato da industrie del ramo meccanico, chimico, alimentare e da una serie di medie aziende nei rami tessili,delle costruzioni, della carta e del legno. Il terziario è rappresentato da una buona rete commerciale e dei servizi (ospedali, banche, poste, logistica etc.). Inoltre con la creazione del nuovo polo fieristico Rho-Pero, si aprono ulteriori prospettive per tutto il territorio rhodense di tipo occupazionale, economico e sociale, con un significativo impatto su tutto il contesto della città e dintorni, i cui sviluppi sono ancora in divenire. 2.5 Comunicazioni e trasporti La cittadina è ben collegata con i comuni limitrofi ed in modo particolare con il capoluogo lombardo, grazie ad un efficace ramo di trasporti, sia su strade che ferroviari. I trasporti urbani sono rappresentati dalle linee G.T.M. (Groane Trasporti Mobilità), mentre i collegamenti con le altre località e con l area urbana milanese sono assicurati da servizi di linea della società MOVIBUS nata dalla aggregazione dei servizi e delle risorse di STIE spa,atm spa ed ATINOM spa (dal 1 luglio 2008) La rete ferroviaria è sempre stata d importanza cruciale per la cittadina di Rho, in quanto crocevia per i collegamenti con le principali città lombarde. Attualmente la rete ferroviaria mette in collegamento Rho con le stazioni ferroviarie milanesi e con tutte le località dell Italia Nordoccidentale, grazie anche all attivazione del passante ferroviario. La cittadina è collegata, inoltre,

9 al capoluogo lombardo dalla linea metropolitana Sesto S.Giovanni Milano-Pero- Rho (M1). 2.6 Cultura e tempo libero Per quanto riguarda il ramo delle attività culturali e del tempo libero, esistono nella realtà rhodense biblioteche, sedi di mostre, incontri culturali e, per quanto riguarda la biblioteca di Villa Burba,di una saletta archeologica. Le biblioteche rhodensi sono particolarmente attente alle esigenze dei ragazzi, con iniziative mirate, quali gli incontri di lettura con le scolaresche presso Villa Burba, cui aderiscono anche le nostre scuole e l edizione annuale del concorso di poesia per giovani Calendimaggio, presso Biblioteca Angela Piras di Mazzo. Per le attività sportive, si trovano sul territorio rhodense il campo sportivo in zona Mazzo- Terrazzano, le analoghe strutture comunali di Via Cadorna e nella frazione di Passirana. Nel quartiere Biringhello è sita una pista per la pratica del ciclismo. Numerose sono le palestre private di recente formazione, che offrono la possibilità di praticare tennis, nuoto, basket, atletica, equitazione, danza, ginnastica ritmica, karate.

10 3.I nostri alunni..la forza di domani. con specifici BISOGNI da soddisfare COGNITIVI Comunicare Conoscere Conoscere se stesso Sviluppare il pensiero logico e la conoscenza della realtà Sistematizzare le conoscenze Esprimersi mediante linguaggi non verbali RELAZIONALI Essere accettato Parlare Avere sicurezze Avere modelli educativi Essere incoraggiato Vivere in un clima sereno Vivere in un clima facilitante Essere rispettato Apprendere cooperando PSICOMOTORI Conoscere il proprio corpo Esplorare/ manipolare /fare ed agire Movimento Organizzarsi nello spazio Vivere esperienze di gruppo Apprendere giocando Apprendere sperimentando Apprender facendo

11 4. Mission del nostro Istituto è la formazione e l orientamento di un alunno che al termine di un percorso svolto in continuità diventa equilibrato protagonista competente sereno fiducioso ottimista tollerante Co-costruttore delle sue conoscenze propositivo pragmatico informato/colto abile/capace autonomo critico creativo solidale fantasioso inventivo curioso motivato versatile consapevole disponibile verso gli altri pronto ad aiutare chi è in difficoltà collaborativo riflessivo responsabile

12 4.DECLINAZIONE DELLA NOSTRA MISSION ACCOMPAGNARE l alunno nell elaborazione del senso della propria esperienza. PREVENIRE l evasione dell obbligo scolastico CONTRASTARE la dispersione scolastica ATTIVARE un efficace prevenzione del disagio attraverso percorsi formativi individualizzati FAVORIRE l esplorazione e la ricerca la didattica laboratoriale VALORIZZARE le esperienze e le conoscenze dell alunno CURARE l accesso facilitato per alunni con disabilità SOSTENERE la motivazione e la capacità di apprendere COGLIERE il valore della corporeità come mezzo di espressione, di comunicazione e di conoscenza ARRICCHIRE il confronto interpersonale RICONOSCE RE E RISPETTARE la diversità delle persone e delle cure come ricchezza RAFFORZARE l identità:imparare a conoscersi e a sentirsi persona unica ed irripetibile l autonomia personale ed organizzativa l autostima e la fiducia in sè 5.SCELTE EDUCATIVE ESPLICITARE le idee e i valori presenti nell esperienza PROMUOVERE l acquisizione degli alfabeti di base della cultura lo sviluppo di competenze la metacognizione: imparare a riflettere sull esperienza la sicurezza ed autonomia operativa INCORAGGIARE l apprendimento collaborativo la partecipazione attiva e sempre più consapevole della famiglia alla vita della scuola ORIENTARE il percorso educativo didattico verso l autorealizzazione degli alunni attraverso la scelta di contenuti esplicitati nelle Indicazioni Nazionali la pratica consapevole della cittadinanza attiva /(impegno personale e solidarietà sociale) la partecipazione(interesse ed impegno) la socializzazione nei confronti di compagni-adulti-insegnanti (ascolto-rispetto-collaborazione)

13 5. Scelte educative per attuare la Mission 5.1 Eguaglianza e pari opportunità L istituto promuove processi di integrazione e di recupero delle situazioni di svantaggio,di riconoscimento e accettazione delle diversità, utilizzando la flessibilità e la personalizzazione degli interventi formativi per offrire ad ogni alunno la possibilità di sviluppare al meglio le proprie potenzialità. 5.2Continuita : costruzione del curricolo verticale Pensare e progettare un percorso formativo unitario mette necessariamente al centro della riflessione pedagogica il concetto di continuità educativa e didattica, orizzontale e verticale. In tutte le scuole del nostro Istituto, da anni, si definiscono ed affinano specifici percorsi di raccordo al fine di promuovere negli alunni un atterraggio morbido, attenuando le difficoltà che talvolta si presentano nella fase di passaggio da una realtà scolastica all altra. Il curricolo rappresenta il nucleo fondante l identità dell istituto: è espressione di libertà d insegnamento, di autonomia scolastica,di scelte educative e didattiche rilevanti per il contesto culturale in cui si opera.e obiettivo del nostro Istituto progettare un unico curricolo verticale, progressivo e continuo,che copra l arco di istruzione dai 3 anni ai 14 anni. All interno del curricolo, occorre tener presente i traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di I grado; contemporaneamente è indispensabile costruire il cammino in continuità, avendo chiari i traguardi intermedi previsti a conclusione della scuola dell infanzia e della scuola primaria. In tal modo, l Istituto potrà individuare obiettivi di apprendimento, conoscenze e abilità, omogenei e progressivi, garantendo un percorso unitario per raggiungere i livelli di competenze prescritti. 5.3 Progettualità Nel nostro Istituto si progettano e costruiscono percorsi complementari a quelli più strettamente curricolari. Trattasi di Progetti d Istituto, Progetti di Plesso, Progetti in rete che rappresentano: - una risorsa per agire, conoscere, interagire con il territorio - un idea di creatività umana che introduce innovazione e rafforza la collegialità/condivisione I nostri progetti permettono di: - porre in evidenza tematiche di forte interesse sociale - ricercare percorsi didattici innovativi - veicolare positivi messaggi ambientali, civili, sociali

14 5.4 Formazione/Aggiornamento Uno degli elementi che determinano il grado di qualità del servizio offerto dalla scuola è identificabile nella professionalità dei docenti. Tale professionalità matura non solo grazie ad un indispensabile formazione iniziale ma si sviluppa e si rafforza lungo tutto lo svolgersi della carriera scolastica. 5.5 Collaborazioni: la scuola come sistema formativo integrato Il nostro Istituto dialoga con altre agenzie educative presenti sul territorio mantenendo sempre un ruolo centrale e di coordinamento. L ALLEANZA FORMATIVA TRA SCUOLA E FAMIGLIA E INDISPENSABILE PER IL SUCCESSO FORMATIVO.

15 6. PRESENTAZIONE DELLE SCUOLE DELL ISTITUTO 6.1 Scuole dell Infanzia Le Scuole dell Infanzia del nostro Istituto, Pascoli e Via Dei Ronchi mettono a disposizione un ambiente-scuola accogliente, motivante all attività e all apprendimento, con una chiara distribuzione di spazi-strutturati e spazi gioco per favorire il benessere dei bambini e aiutarli a vivere il piacere di fare, il piacere di imparare. Pascoli Via Dei Ronchi Punto di partenza è la CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI. 1. Il bambino è soggetto di diritti. 2. Il bambino ha il diritto di essere riconosciuto il centro del progetto educativo della scuola. 3. Il bambino ha il diritto al rispetto dell identità, dignità e della sua autonomia. 4. Il bambino ha il diritto all educazione e a vivere serene relazioni con gli adulti della scuola. 5. Il bambino ha il diritto ad una scuola che sviluppi e promuova al massimo le sue potenzialità. 6. I diritti del bambino costituiscono il riferimento su cui fondare il piano dell Offerta Formativa.

16 Obiettivi generali del processo educativo Maturazione dell identità intesa come radicamento della: sicurezza fiducia nelle proprie capacità curiosità(vivacità intellettuale) stima di sè apprendimento a vivere positivamente l affettività controllo delle emozioni Conquista dell autonomia per sviluppare la capacità di: interagire con gli altri prendere coscienza della realtà operare sulla realtà per modificarla compiere scelte aprirsi alla scoperta Sviluppo della competenza per potenziare le abilità: percettive,sensoriali, intellettive,linguistiche e motorie. per sviluppare le capacità: cognitive,culturali,comunicative estetiche e scientifiche

17 CAMPI DI ESPERIENZA Le abilità/ competenze previste per la scuola dell Infanzia sono da raggiungere trasversalmente grazie ad opportunità vissute/fruite nei campi d esperienza. Il termine campo è inteso come un aggregato coerente di proposte con stimolazioni intenzionali per un bambino, soggetto attivo che interagisce con la realtà al fine di conoscerla e comprenderla. IL CORPO E IL MOVIMENTO E il campo della corporeità e della motricità I DISCORSI E LE PAROLE E il campo di esercizio delle capacità comunicative riferite al linguaggio orale e al primo contatto con la lingua scritta Forma l intelligenza corporeo cinestetica ossia la capacità d risolvere problemi o di creare prodotti usando il proprio corpo o parti di esso Forma l intelligenza linguistica, sviluppa la capacità di usare il linguaggio orale e scritto LA CONOSCENZA DEL MONDO E il campo che si rivolge verso due direzioni l osservazione dei diversi aspetti della realtà e la formulazione di abilità logiche, la capacità di riconoscere i riferimenti dello spazio, di rappresentarli, di coordinarli fra loro Forma la prima organizzazione fisica del mondo esterno e l intelligenza logicomatematica ossia la capacità di utilizzare procedimenti logici matematici e scientifici IMMAGINI SUONI E COLORI Questo campo raggruppa le attività pittoriche e plastiche, teatrali e musicali e l educazione mass-mediale per sensibilizzare al piacere del bello e al senso estetico Forma l intelligenza plurima, la creatività di pensiero e un comportamento originale e divergente. Un obiettivo prioritario della scuola per l infanzia consiste ne decondizionare il bambino, troppo spesso esposto a rischi di omologazione immaginata ed ideativa. IL SE E L ALTRO Forma l intelligenza interpersonale ossia la capacità di Questo è il campo in cui si muove la capacità di METODOLOGIA riflessione del bambino verso l esistenza di norme su Partendo dal presupposto che l unico protagonista dell esperienza è il bambino, riteniamo cui si fonda l organizzazione sociale e la presenza di diversi contesti valoriali comprendere gli altri, le loro motivazioni, il loro modo di operare. Forma l intelligenza intrapersonale ossia la conoscenza degli aspetti interiori della propria persona, distinguendo le proprie emozioni

18 fondamentale privilegiare il metodo euristico-induttivo basato su un continuo atteggiamento di ricerca e scoperta. La didattica per problemi sviluppa curiosità immaginazione senso critico creatività Le tappe fondamentali della ricerca sono: nascita di un tema/problema formulazione delle ipotesi controllo delle ipotesi (indagine sul campo- raccolta dati- tabulazione dati- elaborazione dati - interpretazione dati) verifica: confronto tra le ipotesi e i dati finali STRATEGIE L apprendimento del bambino avviene attraverso l articolazione di attività strutturate, libere, differenziate, progressive e mediate. -gioco: risorsa privilegiata di apprendimento e relazioni. Il gioco rappresenta per l insegnante un valido strumento di osservazione del bambino, in quanto, attraverso l attività ludica traspaiono i bisogni, gli interessi, le conoscenze, gli influssi ambientali e familiari. Attraverso il gioco si svelano i bambini silenziosi, introversi, impacciati o al contrario, i rumorosi, gli estroversi, gli irrequieti. Attraverso l osservazione sistematica, lo/a insegnante può facilmente delineare interventi educativi personalizzati e trarre spunto per la impostazione dell attività didattica, partendo dalle immagini che traspaiono dalle conversazioni dei bambini. Concretamente -Attraverso l allestimento di un contesto internazionalmente organizzato in chiave ludica, strutturando spazi adeguati, forniti di materiali idonei. -Attraverso un intervento diretto nel merito dei giochi dei bambini, partecipando ai loro discorsi, sollecitando con domande guida ciò che non viene detto, ma sottinteso -Attraverso una partecipazione empatica al gioco dei bambini; per i piccoli è importante sentire che l adulto dà valore al loro gioco, lo rispetta, ne riconosce l importanza. -attività di laboratorio: attività d intersezione, sezione, a gruppi omogenei e non, consentono una più articolata fruizione degli spazi, dei materiali ludici delle attrezzature e dei sussidi didattici e creano

19 rapporti più stimolanti tra adulti e bambini. -attività di routine: facilitano la relazione tra bambini e adulti: ingresso uscita momento del pasto merende igiene. -gestione efficace del tempo Il tempo può essere definito come un contenitore delle risorse di cui dispone la scuola; definire i tempi e la loro scansione è molto importante al fine di salvaguardare il benessere psico-fisico del bambino. Le opportunità educative delle scuole di Via dei Ronchi e Pascoli sono distribuite, nell arco della giornata,in modo da alternare momenti di routine a momenti dedicati allo svolgimento delle attività didattiche programmate. Vengono,in questo modo,ottimizzati sia i tempi deboli che i tempi forti,che con questa procedura si integrano. -utilizzo flessibile dello spazio Lo spazio riveste una funzione educativa vitale da organizzare in modo intenzionale per renderlo ambiente di vita relazionale e contesto di apprendimento. Deve essere polifunzionale, modulabile, ossia strutturato secondo caratteristiche di flessibilità, gradevolezza e versatilità, pieno di sollecitazioni e di stimoli.

20 5. SPECIFICITA DEI PLESSI: PROGETTI E RISORSE STRUTTURALI PROGETTI COMUNI AD ENTRAMBI I PLESSI IN CORPORE SANO: NUTRIAMO CORPO E MENTE. Il nostro Istituto comprensivo partecipa al Progetto di Rete delle scuole di Rho e Pero con il Progetto Expo Junior 2015 e le Scuole dell Infanzia partecipano con questo progetto. La finalità del progetto è portare i bambini ad acquisire una corretta educazione alimentare, per attivare un sano e consapevole stile di vita, nel rispetto del proprio corpo e delle sue relazioni con l'ambiente. I temi che verranno proposti riguardano: Siamo fatti così. Giocare, scoprire, mangiare. Stare bene a tavola. Alimenti che fanno bene. ACCOGLIERE comprende: PROGETTO ACCOGLIERE Ha la finalità di mettere in luce e valorizzare il rapporto tra i bambini, la scuola e il personale che vi opera per facilitare e affiancare le famiglie, soprattutto dei nuovi iscritti. PROGETTO RACCORDO Costruire momenti di raccordo con l asilo nido, le scuole primarie, per garantire l integrazione sociale e culturale di tutti i bambini. PROGETTO OPEN DAY Presentazione delle linee essenziali del piano offerta formativa della scuola,visita della struttura scolastica e partecipazione dei bambini/e ai laboratori. PROGETTO MULTICULTURA Finanziato dal Piano per il Diritto allo Studio. IL MONDO IN UN PIATTO Propone una scuola multiculturale che vede la diversità come risorsa e non come ostacolo o pregiudizio attraverso la condivisione e il rispetto delle altre culture. Quest anno verrà dato particolare risalto all aspetto delle abitudini alimentari. BEN-ESSERE Finanziato dal Piano per il Diritto allo Studio. Progetto finalizzato ad affrontare tempestivamente le difficoltà che i bambini evidenziano nel loro percorso di crescita. L esperienza delle docenti ha evidenziato la necessità di avviare con l utenza un percorso mirato ad individuare tempestivamente situazioni di svantaggio con l ausilio di specialisti esperti. SPERIMENTANDO Finanziato dal Piano per il Diritto allo Studio.

21 Offrire ai bambini/e la possibilità di sperimentare giocando, il pensiero cognitivo, la creatività, e la capacità critica attraverso attività di laboratorio per età omogenea. Mi muoverho SICURO. La strada per compagna di viaggio. In collaborazione con organizzato dalla Polizia Locale del Comune di Rho. Il progetto prevede un percorso di educazione stradale per i bambini/e di 5 anni che attraverso l informazione, la formazione e la sperimentazione, riceveranno gli strumenti necessari per acquisire un comportamento consapevole e adeguato che gli permetterà di muoversi in sicurezza sulla strada. RUGBY RHO. In collaborazione con RUGBY RHO ASD Il progetto prevede un percorso motorio per i bambini di 5 anni che favorirà l apprendimento di abilità motorie generali e specifiche. FESTE Creare momenti di incontro per favorire la socializzazione tra bambini, insegnanti, genitori e famigliari. PIANO USCITE DIDATTICHE Data la valenza altamente formativa delle visite guidate tutti i bambini vi partecipano per fruire di esperienze vissute direttamente all esterno della scuola.

22 RISORSE STRUTTURALI Scuola dell Infanzia Pascoli Spazi interni: n 6 sezioni dotate di servizi igienici; n 3 saloni per attività comuni; n 3 corridoi; n 2 dormitori; n 2 refettori; n 1 locale adibito ad aula docenti; n 1 sevizio per portatori di handicap; n 3 servizi igienici per adulti; n 1 bidelleria; n 1 cucina con ripostiglio e servizi igienici per il personale; n 2 ripostigli; n 1 locale blindato; n 1 locale quadri elettrici. Scuola dell Infanzia Via Dei Ronchi Spazi interni: n 4 aule dotate di servizi igienici; n 2 locali comunicanti con le sezioni; n 1 saloncino per attività comuni, n 1 sala medica con servizi igienici, n 1 bidelleria, n 1 stanza deposito audiovisivi con porta di sicurezza, n 1 ripostiglio, n 1 servizi igienici per diversamente abili; n 1 cucina con bagno per il personale ausiliario; n 1 dispensa. Spazi esterni: n 3 verande attigue alle sezioni con giardino; n 1 giardino interno; n 1 giardino che circonda la scuola.

23 ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA SCOLASTICA DI ENTRAMBI I PLESSI L organizzazione educativa didattica di sezione è così programmata: ENTRATA ED ACCOGLIENZA ATTIVITÀ DI ROUTINE E PRIMA MERENDA o ATTIVITÀ DIDATTICHE (compresenza docenti e attivazione dei laboratori) o secondo il turno di mensa PREPARAZIONE AL PRANZO (igiene personale ) o secondo il turno di mensa PRANZO o ATTIVITÀ LUDICHE o ATTIVITÀ DIDATTICHE /SONNELLINO per i bambini di 3 anni SECONDA MERENDA USCITA ORARIO SCOLASTICO L orario scolastico è stabilito dalla normativa vigente : entrata uscita L eventuale apertura prolungata viene attivata con un minimo di 15 richieste pervenute all atto dell iscrizione dei bambini con entrambi i genitori lavoratori. La frequenza al prolungamento è obbligatoria; sono ammesse fino a 15 assenze nel corso dell anno, pena la decadenza del diritto di frequenza. Su richiesta delle famiglie l Ente Locale è stato attivato il servizio di pre-scuola dalle ore 7.15 alle ore 8.00.

24 6.2 Scuole Primarie L Istituto Comprensivo E. Franceschini comprende 3 plessi di scuola primaria: - Silvano Federici via Mazzo, 19 - Ezio Franceschini via Tevere, 13 - Bernardo Frontini -via Verbania, 1- Lucernate Le scuole primarie funzionano a tempo pieno (40 ore settimanali dal lunedì al venerdì, compresa la mensa). La mensa è un servizio gestito dall Amministrazione Comunale; la scuola ne ha la responsabilità educativa. Il Comune istituisce il servizio di prescuola/postscuola, a pagamento, sulla base di almeno 10 richieste. Nella primaria l alunno matura il proprio SAPERE, SAPER ESSERE, SAPER FARE, SAPERE padronanza delle abilità fondamentali dei linguaggi comunicativi e delle singole discipline SAPER ESSERE maturazione delle capacità di azione, di esplorazione, di progettazione, per capire ed operare responsabilmente nel contesto della scuola, della famiglia e della società SAPER FARE interiorizzazione delle modalità di indagine essenziale alla comprensione del mondo e dell'ambiente

25 COMPETENZE/OBIETTIVI TRASVERSALI Le nostre scuole primarie consapevoli dei profondi cambiamenti in atto nella società a livello mondiale e delle rilevanti competenze richieste al cittadino del futuro, improntano la propria azione educativa verso i quattro traguardi formativi, considerati dalla Commissione cultura e istruzione della Comunità Europea come i pilastri dell educazione. Imparare a conoscere Possedere un ampio bagaglio culturale e acquisire abilità mentali e strutture cognitive per incrementarlo nel corso della vita; avere curiosità intellettuale, senso critico e autonomia di giudizio; esercitarsi nella concentrazione, nella memoria, nella riflessione; essere in grado di affrontare e risolvere problemi, di orientarsi e assumere decisioni. Imparare a fare Possedere abilità e competenze che consentano di mettere in pratica ciò che si va apprendendo; sviluppare attitudine al lavoro, all iniziativa, al rischio; padroneggiare l uso di strumenti tecnologici e informatici; essere disposti all impegno personale; affinare le dimensioni della manualità e dell espressività. Imparare a vivere con gli altri Provare sentimenti di solidarietà, comprensione e tolleranza; decentrarsi dal punto di vista individuale per dialogare con il diverso; possedere capacità e strategie di scambio e comunicazione; dare senso alle esperienze individuali e collettive e ricercare significati condivisi; rispettare le regole della civile convivenza e saper collaborare nel gruppo. Imparare a essere Un soggetto dotato di qualità umane, quali: sensibilità, empatia, senso estetico, spiritualità. Un individuo coerente, responsabile e partecipe della vita sociale e civile. Una persona in grado di provare emozioni, nutrire sogni ed avere desideri da tradurre in progetti di vita.

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli