L'India nel processo di integrazione internazionale. Dal primo al secondo unbundling e la posizione dell'italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'India nel processo di integrazione internazionale. Dal primo al secondo unbundling e la posizione dell'italia"

Transcript

1 QUADERNI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA PUBBLICA E TERRITORIALE n. 2/2010 Silvio Beretta e Renata Targetti Lenti L'India nel processo di integrazione internazionale. Dal primo al secondo unbundling e la posizione dell'italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

2 QUADERNI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA PUBBLICA E TERRITORIALE UNIVERSITA DI PAVIA REDAZIONE Enrica Chiappero Martinetti Dipartimento di Economia Pubblica e Territoriale Università degli Studi di Pavia Corso Strada Nuova PAVIA tel fax COMITATO SCIENTIFICO Italo Magnani (coordinatore) Luigi Bernardi Renata Targetti Lenti La collana di QUADERNI DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA PUBBLICA E TERRITORIALE ha lo scopo di favorire la tempestiva divulgazione, in forma provvisoria o definitiva, di ricerche scientifiche originali. La pubblicazione di lavori nella collana è soggetta, con parere di referees, all approvazione del Comitato Scientifico. La Redazione ottempera agli obblighi previsti dall art. 1 del D.L.L 31/8/1945 n. 660 e successive modifiche. Le richieste di copie della presente pubblicazione dovranno essere indirizzate alla Redazione.

3 L'India nel processo di integrazione internazionale. Dal primo al secondo unbundling e la posizione dell'italia Silvio Beretta, Renata Targetti Lenti, Abstract. The paradox of India s current success can be seen as the outcome of what were once considered policy failures. If compared with other fast-growing Asian economies (as China), India s pattern of development is quite idiosyncratic. Indian economy differs from any other at the same development level (in particular from China) under two respects, namely the skill intensity of its exports and the variety of its products. The importance of services compared to manufacturing is widely acknoweldged. In addition to this, within this latter India emphasized skill-intensive rather than labour-intensive manufacturing. Moreover, within manufacturing India emphasized skill-intensive rather than labour-intensive productions. While China seems to be absorbing surplus labour from agriculture into manufacturing, there is a growing concern that India failed to match its neighbour. In fact, according to some scholars the prospects for employment growth in the skill-based sector are relatively limited. In contrast to other comparable developing Countries, India put an emphasis on tertiary education. Combined with a wide range of policy distortions, this may account for channelling the manufacturing sector into more skill-intensive productions. Furthermore, the government attempted to develop capital goods production (mostly by involving the public sector). This led to India being a major presence in few industries, requiring a scale of production larger than in other developing Countries. However, regulatory penalties and constraints on big private businesses implied that - in most private industries - the average firm size was relatively small. Finally, a rigid labour law regime, as well as constraints on the scale of private enterprises, might as well have limited India s presence in labour-intensive manufacture, i.e. the usual specialization pattern of a populous developing Country. At the same time, the protectionist policy created an enormously diversified industrial sector, if compared to other similar economies. Also, such diversification ends up often being quite inefficient. The combination of these policy mistakes can be considered instrumental in shaping the economy of India today. Many authors complained that India would not revert to the pattern followed by other Countries, despite several reforms which removed some political obstacles shaping its distinctive path. Now, the challenge is to successfully combine a rapid rate of growth with a development process, promoting employment and poverty reduction. Such virtuous path could result not only from national policies, but above all from the globalization process and the outsourcing and offshoring in the service sectors. In particular, moving from outsourcing of business services ( first unbundling ) to outsourcing of tasks ( second unbundling ) could be very important. A theory of global production process focusing on tradable tasks would be especially suitable to investigating how falling costs of offshoring affect factor prices and employment in the industrialized Countries as well as in developing countries like India. In this paper, we analyze how national policies contribute to explain India s growth and its place in the international division of labour. We first examine India s pattern of development, being sure that a snapshot of India at this point reflects the legacy of its unique and muchcommented-upon development strategy: a curious combination of simultaneously favouring and disfavouring domestic entrepreneurship, with a rich overlay of arcane rules and procedures. Then, we examine the position of India in the globalization process. In particular, we try to explain the challenges and opportunities for this system, that could derive from the so-called second unbundling. JEL Classification: F41 L2 L8 O53 O57 P52. Keywords: Sviluppo economico dell'india, India e globalizzazione, India e Cina, Outsourcing, Offshoring, Unbundling. 1

4 1. Introduzione Il 6 luglio 2006 è stato riaperto al traffico il passo di Nathu La fra l India e la Cina, a quasi seimila metri d altezza nel cuore dell Himalaya. La via della seta che aveva contrassegnato per millenni i rapporti fra i due paesi, e fra la Cina e il resto del mondo, è tornata alla vita dopo essere stata ermeticamente sigillata per oltre quarant anni (Armellini, 2008, p. 7). Così inizia la prefazione di Antonio Armellini, già ambasciatore d Italia a New Delhi, alla traduzione italiana di un recente saggio sui sistemi imprenditoriali di India e Cina (Khanna, 2008). Ma la circostanza evocata introduce con immediatezza il tema delle prospettive dell economia indiana nel contesto internazionale, quali si vanno delineando a seguito del prevedibile intensificarsi dei rapporti commerciali tra i due sistemi asiatici: ne potrebbero infatti derivare sinergie fra tali sistemi, con conseguente accelerazione dello sviluppo di entrambi. Infatti Both nations would be more inclined to solve cooperatively the relatively small irritants that exist between them, such as border disputes (Basu, 2007, p. 30). È consueto, oggi, mettere a confronto la crescita recente dell India e quella della Cina (Rampini, 2006). Tale confronto non è, d altra parte, né irrilevante né di rilievo contingente: è invece funzionale a meglio comprendere i fattori specifici dello sviluppo economico indiano, e quindi anche le sue prospettive, che condizioneranno a loro volta quelle dell intera area asiatica e le stesse opportunità di crescita delle (e di integrazione con le) economie europee e italiana in questa area. Si sostiene a tale proposito che Cina e India si svilupperanno autonomamente secondo linee mutually reinforcing e non conflittuali (Armellini, 2008, p. 8): esse continueranno a uniformarsi a modelli distinti, ma sfrutteranno al meglio le rispettive eccellenze e la loro complementarità produrrà vantaggi in termini di crescita sia interna sia mondiale (Khanna, 2008). La progressiva apertura dell India agli scambi internazionali è una delle conseguenze più significative del processo di globalizzazione. In un contesto di crescente, generalizzata interdipendenza l area asiatica ha complessivamente assunto, ed è destinata ad accrescere, la propria rilevanza nel quadro delle relazioni triangolari USA-Pacifico-Europa. Le performance della Cina nella macroregione East Asia and the Pacific e dell India in quella South Asia costituiscono oggi, infatti, la determinante del sistematico maggior valore del tasso di sviluppo del Pil - sia effettivo sia previsto - dei developing countries rispetto al dato medio mondiale 1 : tale effetto risulterebbe naturalmente ancora maggiore se, per ottenere queste medie regionali, i dati della crescita venissero ponderati per la popolazione. Il processo di integrazione non riguarda più d altra parte, come in passato, i soli flussi commerciali ma anche - e soprattutto - i flussi di investimento e la delocalizzazione dei processi produttivi: questi presentano, per l Europa e per l Italia, sfide e opportunità di crescente rilievo la cui consapevolezza presuppone, ed è questo l oggetto del presente lavoro, un approfondimento, di necessità non strettamente economicistico, proprio delle specificità dello sviluppo indiano. 2. India e Cina: un primo confronto Se molte sono le analogie fra i due sistemi sotto il profilo dei fondamentali del processo di crescita, altrettanto numerose - e forse più marcate - appaiono le differenze culturali, socio-politiche e di struttura produttiva. L India, così come la Cina, si distingue per un processo di crescita accelerato, che è andato accentuandosi nell ultimo decennio e le cui determinanti sono riconducibili alle 1 Simmetricamente, i paesi raggruppati sotto la voce Sub-Saharan Africa registrano valori (sia effettivi sia in proiezione) sistematicamente inferiori a quelli medi dei developing countries, ma stabilmente superiori (anche nelle proiezioni a medio termine) alla media mondiale, con la sola eccezione degli anni (+2,2% contro +3%). Ancora più in basso nella graduatoria si colloca l area Middle East and North Africa, limitatamente tuttavia agli anni fra il 2004 e il 2008 (previsioni), dal momento che sia i valori relativi agli anni sia quelli previsti per il sono superiori alla media mondiale (rispettivamente +4% contro +2,2% e +3,6% contro +3,3%). Se quindi i paesi Middle East and North Africa possono essere considerati un freno nei confronti del complesso dei developing countries, sembra che siano i paesi high-income a esserlo quando il contesto è quello mondiale (World Bank, 2008). 2

5 riforme avviate all inizio degli anni 90. I tassi di crescita del Pil, sebbene meno elevati di quelli cinesi, sono stati nell ultimo decennio - e permangono - molto significativi. L India è oggi, infatti, la quinta economia per importanza in termini di Pil 2. In entrambi i paesi il ruolo delle imprese pubbliche si è poi rivelato determinante per l avvio del processo di crescita. E in entrambi le diverse fasi della crescita sono state contrassegnate da significativi cambiamenti politici e dall emergere di personalità come Nehru, i Gandhi e più recentemente Manmohan Singh in India e come Deng Xiaoping e Jiao Zeming in Cina. In India risale infatti a Nehru la decisione di promuovere un modello di pianificazione centralizzata basato sull intervento dello Stato sia come regolatore del sistema economico sia come proprietario delle risorse produttive. Per tali vie esso è andato progressivamente assumendo un ruolo preponderante, quando non esclusivo, in settori rilevanti dell economia indiana (si parla a questo proposito di Commanding Height). Nel periodo immediatamente successivo all indipendenza, e fino agli anni 80, la pianificazione indiana, pur evidenziando analogie con quella cinese in ragione della priorità assegnata da entrambe all industria di base, ha presentato caratteristiche del tutto peculiari. Gli orientamenti di policy riflettevano in particolare i princìpi gandhiani. La morigeratezza nei comportamenti di consumo trovava infatti giustificazione nella ricerca di un migliore equilibrio tra uomo e natura ed era pertanto cruciale ai fini del benessere complessivo degli individui. Tale messaggio si traduceva, in campo economico, nella difesa delle produzioni locali, di quelle tradizionali e di quelle artigianali a scapito delle produzioni destinate all esportazione 3. In entrambi i paesi permane rilevante il peso di un agricoltura in larga misura arretrata. In India, sia pure per ragioni diverse dalla Cina, il settore agricolo è stato sistematicamente penalizzato, determinando di frequente scarsità di beni alimentari. In India, così come in Cina, ma il dato è comune ai paesi emergenti, sono inoltre rilevanti e crescenti le diseguaglianze tra regioni, tra classi sociali, tra città e campagna. In entrambi i paesi politica estera e alleanze sono state condizionate, negli ultimi anni, dalla necessità di reperire fonti energetiche aggiuntive. Gli accordi nucleari recentemente siglati con gli Stati Uniti segnano inoltre l abbandono da parte dell India della politica di non allineamento e il suo ingresso tra i protagonisti di maggiore peso della comunità internazionale (Torri, 2007). Tra India e Cina sono individuabili, per converso, anche differenze significative. Sul piano generale, al socialismo confuciano della nuova Cina si contrappone in India la democrazia diffusa, contraddistinta da un ampia autonomia regionale e da un modello di organizzazione sociale guidata dal basso (Armellini, 2008, p.8) nel contesto di istituzioni e di strutture formative profondamente segnate - specialmente a livello di istruzione superiore - dall influenza britannica. In particolare il sistema universitario viene considerato una delle determinanti del ruolo eminente che l India occupa nel terziario avanzato (ICT). È infatti nel contesto di un assetto istituzionale democratico, quindi antagonistico rispetto a quello cinese, che si è sviluppata la produzione di beni immateriali informatici, biotecnologici e di servizi a elevato contenuto di innovazione. Tale assetto si è iscritto in una cultura millenaria di pluralismo e di "tradizione argomentativa", nella quale il dibattito delle idee ha potuto svilupparsi in spirito di reciproco riconoscimento. La tradizione culturale indiana è infatti, contrariamente a quella cinese, spiccatamente speculativa. Inoltre, come ha recentemente ricordato Amartya Sen, il concetto stesso di democrazia può essere esteso per comprendervi non soltanto le istituzioni di natura specificamente politica, ma anche altre rilevanti caratteristiche del sistema (Sen, 2004). In tale più ampia accezione la democrazia è definibile come 2 Nel 2008 il Pil era di 1,217.5 miliardi di dollari USA, pari a un valore pro capite di 1,070.0 dollari. 3 Le ragioni remote che contribuiscono a spiegare il mancato avvio di un autentico processo di industrializzazione in India sono di natura eterogenea: fra le altre gli interessi della Compagnia delle Indie Orientali, che hanno concorso a frenare lo sviluppo delle industrie tradizionali, e la convenienza a utilizzare tecniche produttive a elevata intensità di lavoro, cioè della risorsa produttiva più abbondante. Non vi è tuttavia dubbio che la responsabilità principale deve essere attribuita proprio alle politiche di piano adottate: la centralità assegnata alle lavorazioni artigianali e manuali e la rigida divisione dei ruoli tra mercanti-capitalisti e artigiani-manuali vennero infatti assunte come canoni ai quali conformare l architettura della politica industriale. 3

6 government by discussion dove individual values can and do change in the process of decisionmaking (Buchanan, 1954, p. 120). In India il sistema democratico, per di più strutturalmente decentrato, ha rappresentato un freno al processo di accumulazione. Tasso di risparmio e tasso di investimento risultano infatti sistematicamente inferiori a quelli cinesi. Mentre in Cina la propensione all investimento in infrastrutture ha favorito la modernizzazione del sistema produttivo, la carenza di infrastrutture adeguate continua infatti a rappresentare un ostacolo per lo sviluppo indiano. In Cina il controllo pubblico del sistema bancario e finanziario ha promosso l accumulazione e la crescita: in India ha invece determinato un offerta di credito insufficiente e distorsioni nella sua composizione. La struttura dell economia indiana per settori produttivi è inoltre molto diversa da quella cinese. Il settore manifatturiero vi occupa infatti un peso tuttora modesto (pari al 29% del PIL nel 2008 contro il 49% della Cina) mentre più consistente, e in qualche misura anomalo per un paese emergente, è il peso del settore terziario (pari ben il 53% del PIL nel 2008 contro il 40% della Cina) 4. La diversità delle strutture produttive e dei sistemi finanziari trova poi corrispondenza nel diverso ruolo degli investimenti esteri: in Cina questi suppliscono alle carenze del mercato interno, in India sono considerati un potenziale ostacolo allo sviluppo del sistema economico (Khanna, 2008). 3. Linee evolutive dello sviluppo indiano Secondo numerosi osservatori sono le politiche attuate nei decenni che hanno preceduto il processo riformatore, nonché le liberalizzazioni successive, a spiegare caratteristiche e specificità del sistema economico indiano (Kochhar et al., 2006; Banerjee, 2006). Queste sono sinteticamente identificabili in: i) un settore industriale molto differenziato, caratterizzato tanto da imprese pubbliche di grandi dimensioni, quanto da imprese private di dimensioni medio-piccole e a elevata intensità di lavoro qualificato, ii) un mercato del lavoro piuttosto rigido nel quale è carente l offerta di lavoro qualificato; iii) un settore terziario molto sviluppato in rapporto a quello manifatturiero. Tali caratteristiche sono la conseguenza: 1) di un espansione del terziario avanzato più rapida della norma, per un paese emergente, e 2) della progressiva contrazione registrata, negli anni recenti, dagli investimenti nell istruzione superiore. Nei decenni che seguirono l indipendenza lo Stato nazionalizzò alcuni settori-chiave dell economia, sostenendone altri con ingenti investimenti, e sottoponendo il settore privato a un articolato sistema di regole e di controlli. Vennero erette barriere tariffarie e doganali a protezione delle industrie nazionali. Tali politiche ebbero come effetto tassi di crescita di modesta entità. La crescita - pure contenuta - degli anni 80, alla quale ci si riferisce come all Hindu rate of growth (Rodrik, Subramanian, 2004; Srinivasan, 2005), era stata in larga misura determinata da politiche di bilancio espansive che, unitamente all aumento dei sussidi, avevano contribuito ad accrescere il disavanzo del settore pubblico. Il fabbisogno di quest ultimo era stato in parte finanziato monetizzandolo, cioè collocando titoli del debito pubblico presso la Banca Centrale. Base monetaria e offerta di moneta erano aumentate. Il disavanzo pubblico aveva assorbito gran parte del risparmio disponibile interno, riducendo le risorse a disposizione degli investimenti privati. L accumulo dei disavanzi si era tradotto in un aumento del debito pubblico con conseguenze significative in termini di elevati tassi di inflazione, necessità di ricorrere al credito estero per il finanziamento degli investimenti, aumento del debito estero: circostanza, quest ultima, che aveva accresciuto i rischi di insolvenza delle imprese (con conseguente recessione e perdita di posti di lavoro) derivanti da eventuali svalutazioni monetarie. Nonostante gli interventi del FMI, della Banca Mondiale e giapponesi, l economia indiana 4 I dati sono di fonte World Bank (2009a), Si veda: 09~pagePK:141132~piPK:141109~theSitePK:295584,00.html 4

7 manifestava, all inizio degli anni 90, preoccupanti segnali di crisi. Le restrizioni commerciali (tariffarie e non) introdotte non si erano rivelate sufficienti a ridurre il disavanzo di parte corrente, a determinare il quale avevano contribuito sia le ingenti importazioni di beni alimentari necessarie a fare fronte all insufficiente produzione agricola, sia il permanere della dipendenza dall estero per l approvvigionamento di materie prime (risorse energetiche) e beni capitali. Si erano, di conseguenza, progressivamente ridotte le riserve valutarie ed era aumentato il debito estero. La crescente inflazione interna aveva inoltre ridotto la competitività delle esportazioni indiane. È in questo contesto macroeconomico che si inquadra la crisi nei pagamenti internazionali dell inizio degli anni 90 5 : per farvi fronte l India concordò con il FMI un nuovo prestito di 1,5 miliardi di dollari, nonché l adozione di riforme strutturali. Le riforme intraprese a partire dal 1991 furono caratterizzate da un mix di politiche di stabilizzazione e di interventi strutturali di stampo liberista (Bardhan, 2004). Questo processo di liberalizzazione è noto come Delhi Consensus, per sottolinearne la peculiarità rispetto al noto Washington Consensus. La Commissione per il piano venne ridotta a un ruolo consultivo, mentre il processo di liberalizzazione investì gli investimenti, il tasso di cambio, il regime commerciale, il settore finanziario e quello fiscale. Durante la fase iniziale del programma di riforme la priorità fu assegnata all abolizione del License Raj, il complicato e minuzioso sistema di licenze e di adempimenti richiesti fin dai tempi dell indipendenza per iniziare e condurre un attività economica nella maggior parte dei settori produttivi. Anche al riequilibrio dei conti pubblici e alle politiche di stabilizzazione fu assegnata la priorità 6. Il tasso di crescita del PIL aumentò progressivamente attestandosi al 6,2% in media all anno nel periodo , per passare successivamente al 9,4% nel 2005 e ridursi progressivamente al 7,1% nel La ripresa è stata particolarmente significativa nei settori industriale e dei servizi nonché nella domanda di beni di consumo. Si apre a questo punto la terza fase del processo di sviluppo. Gli investimenti diretti esteri erano passati da 0,6 miliardi di dollari nel a 4,1 miliardi nel , con una particolare accelerazione verso la fine del 1993: tali sviluppi vennero interpretati come una sorta di voto di fiducia nei confronti delle politiche macroeconomiche attuate. Le misure adottate dalla Reserve Bank of India a partire dal 1994 hanno inoltre consentito di ridurre l inflazione al di sotto del 5% nel 1996: in assenza di aggiustamenti significativi in campo fiscale, questo risultato è stato raggiunto grazie all aumento dei tassi di interesse reali. Le riforme economiche varate nel 1991 e i positivi effetti dell accresciuta integrazione del paese nel sistema internazionale hanno favorito la valorizzazione delle sue potenzialità, così da determinare un aumento del PIL di quasi quattro volte (293 miliardi di dollari USA nel 1988, miliardi nel 2008) 7. Non sono state tuttavia in grado di ridurre in misura adeguata il fenomeno della povertà, che in molte zone rimane ancora molto elevato 8 : i divari tra zone urbane e zone rurali permangono inoltre fortissimi 9. L India è oggi il secondo paese più popoloso dopo la Cina, con 1 miliardo e 40 milioni di abitanti 10. Il ragguardevole incremento della popolazione non è sorprendente dal punto di vista delle regolarità demografiche. Anche i paesi occidentali, quando 5 Le riserve valutarie indiane erano appena sufficienti a sostenere due settimane di importazioni. In più, il rating dell India venne abbassato e le obbligazioni indiane vennero declassate a junk bonds. 6 Nel maggio del 1992, appena dopo la prima serie di liberalizzazioni commerciali, venne dimezzata la percentuale di produzione manifatturiera indiana sottoposta a restrizioni non tariffarie, che passò dal 90% al 46%. Tuttavia i provvedimenti di liberalizzazione riguardavano, ancora una volta, soprattutto i beni intermedi e i macchinari: in queste categorie le percentuali dei beni sottoposti a restrizioni non tariffarie erano scese, rispettivamente, al 19% e al 12%. Le restrizioni non tariffarie sui beni di consumo finale rimanevano invece elevatissime. 7 Si veda World Bank (2009b). 8 Un terzo della popolazione vive ancora in condizioni di povertà: per l'esattezza il 26,1% se si colloca la soglia della povertà a un livello - comunque molto basso - di 80$ all'anno. La percentuale sale al 44% (la Cina si colloca al 19%) se si fissa la soglia a 1$ al giorno, cioè al livello convenzionalmente stabilito dalle Nazioni Unite come corrispondente alla povertà estrema. La percentuale sale a circa l 80% se la soglia viene collocata a 2$ al giorno. 9 Secondo stime ufficiali indiane, fra il marzo e l ottobre del 2004 i casi di suicidi per debiti di contadini sarebbero stati più di mille, mentre l'istituto di Studi per lo Sviluppo di Chennai parla di una vera e propria "epidemia". 10 Si veda World Bank (2009b). 5

8 sono stati socialmente ed economicamente comparabili all India odierna, hanno registrato andamenti demografici analoghi. Ma se il tasso di crescita della popolazione indiana può essere considerato normale, valori assoluti e distribuzione territoriale non lo sono. Il 71% circa degli abitanti vive infatti ancora in zone rurali 11. Le città molto popolate sono, per ora, relativamente poco numerose: meno di 40 superano il milione di abitanti, incluse le quattro megalopoli di Mumbai, Kolkata, Dilli e Chennai. Per concludere, il processo riformatore degli anni 90 (dopo alcuni tentativi che risalgono alla metà del decennio precedente) e le politiche del governo guidato da Manmohan Singh sotto l influenza di Sonia Gandhi hanno consentito all India, forse per la prima volta dall indipendenza, di esercitare un ruolo di protagonista nel contesto internazionale. Deregolamentazione degli investimenti nella maggior parte dei settori industriali, sottrazione di molte industrie-chiave alla mano pubblica, graduale abolizione delle restrizioni quantitative sulle importazioni, avvio della liberalizzazione dei cambi e della convertibilità di parte corrente, alleggerimento della pressione fiscale e riforme finanziarie sono alcuni dei provvedimenti/orientamenti assunti in quegli anni 12. E andata in tal modo affermandosi una imprenditorialità diffusa la quale per altro, al momento, costituisce solo una premessa di sviluppo equilibrato nel medio periodo. La caduta delle limitazioni quantitative al commercio dei tessili e l entrata in vigore (1 gennaio 2005) delle norme a tutela della proprietà intellettuale rappresentano un ulteriore, significativo momento di svolta. 4. Le caratteristiche del settore produttivo L India è un economia di tipo misto in cui il policy maker, a livello sia federale sia statale, svolge tuttora un significativo ruolo di regolazione, oltre che di gestione diretta delle numerose imprese pubbliche. Le politiche attuate dopo l indipendenza, e nei due decenni dall inizio delle riforme, hanno prodotto effetti contrastanti che danno luogo, secondo alcuni autori, a un vero e proprio paradosso (Banerjee, 2006). La pianificazione centralizzata, analogamente a quanto accaduto in Cina, aveva annullato ogni sorta di incentivo, riducendo di conseguenza la produttività e la competitività del sistema. Erano state introdotte severe (e crescenti) misure di restrizione commerciale al fine di proteggere le industrie locali, caratterizzate da bassa produttività. Il Licence Raj, sommandosi a quello dei dazi doganali, aveva determinato gravi distorsioni nel sistema produttivo favorendo le produzioni destinate a sostituire le importazioni piuttosto che a incentivare le esportazioni. I prezzi interni erano molto più elevati di quelli internazionali, mentre il sistema delle licenze aveva dato luogo al formarsi di posizioni di rendita. Uno degli obiettivi del processo di pianificazione e delle politiche protezionistiche era stato quello di raggiungere l autosufficienza in molti settori manifatturieri, favorendo nel contempo i comparti produttori di beni capitali (Kochhar et al., 2006). Sistema delle licenze e controllo pubblico erano gli strumenti utilizzati per realizzare gli obiettivi di piano. Contemporaneamente si era cercato di frenare, tramite la legislazione antimonopolistica, gli eccessi di concentrazione produttiva. A partire dall inizio degli anni 80 e fino al 1990, tuttavia, la strategia di sviluppo ha subìto modificazioni, in particolare sotto forma di un più accentuato decentramento dei processi decisionali e della promozione delle privatizzazioni. Il regime delle licenze (l Hindu rate of reform) è stato reso più flessibile, sebbene in modo non generalizzato bensì selettivo. Grazie all adozione di questi provvedimenti gli anni 80 hanno visto una crescita piuttosto sostenuta rispetto ai decenni 11 Al momento dell indipendenza, gli abitanti dell India ammontavano a circa 350 milioni. Oggi sono all incirca triplicati. L India registra attualmente una crescita demografica costante (pari all 1,61% all anno) notevolmente inferiore ai picchi raggiunti tra gli anni 50 e 70 del XX secolo, che sollecitarono drastiche misure di pianificazione familiare, tra cui le impopolari campagne di sterilizzazione: tale andamento era stato determinato dai ragguardevoli risultati raggiunti nella lotta contro le carestie locali e dal miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie, che hanno prodotto una forte riduzione del tasso di mortalità. 12 Per un inquadramento generale dell argomento cfr. Bardhan (2004), Per approfondimenti più settoriali cfr. anche Reddy (2004), Rakshit (2004) e Govinda Rao (2004). 6

9 precedenti. Gli investimenti si sono progressivamente orientati verso il settore privato. I consumi interni sono cresciuti. I miglioramenti organizzativi introdotti nel settore industriale e il mutato atteggiamento del governo nei confronti dell imprenditoria privata hanno consentito un incremento della produttività. La scomposizione del tasso di sviluppo del reddito ha messo in luce come la modesta crescita precedente agli anni 80 fosse attribuibile all aumento nella dotazione dei fattori, mentre quella successiva è da attribuirsi prevalentemente all aumento della loro produttività (Basu, 2007, p.10). Secondo alcuni autori (Rodrik, Subramanian, 2004; Virmani, 2004) tale aumento è ascrivibile al migliorato utilizzo dei fattori nei diversi settori produttivi più che alla riallocazione degli stessi dai settori a bassa produttività (agricoltura) verso quelli a produttività più elevata (industria e servizi). Uno degli obiettivi centrali della politica economica è diventato, a partire dall inizio degli anni 80, la promozione delle esportazioni. Grazie al deprezzamento del tasso di cambio reale e alla riduzione delle tariffe, le esportazioni di prodotti sia manifatturieri sia agricoli sono aumentate in misura significativa. L aumento delle esportazioni ha inoltre consentito di importare beni capitali e tecnologie più avanzate. Gli investimenti diretti esteri sono aumentati di circa 15 volte a far tempo dalla liberalizzazione dell economia, e di ben 450 volte rispetto al Oggi l India è un paese molto appetibile per gli investitori stranieri. E stata progressivamente elevata la quota di partecipazione consentita alle imprese straniere 14, provvedimento che ha dato immediato impulso a importanti operazioni nel settore automobilistico, delle telecomunicazioni e dei servizi informatici con la costituzione di joint venture con importanti partner stranieri (Honda, Toyota, Michelin). Queste politiche sono all origine di un sistema produttivo accentuatamente dualistico, non solo dal punto di vista delle tecniche impiegate, ma anche e soprattutto a seconda che si tratti di imprese private o pubbliche, di grande o di piccola dimensione, industriali o agricole. Nel settore pubblico le imprese sono prevalentemente di grande dimensione e utilizzano tecnologie a elevata intensità di capitale. Nel settore privato prevalgono invece le piccole e medie imprese a conduzione familiare. La piccola impresa familiare di carattere artigianale era stata considerata dall autorità di piano come lo strumento per fare fronte all abbondante disponibilità di lavoro nelle aree rurali, ma anche per il raggiungimento dell autosufficienza nella produzione di alcuni beni di consumo di base e di una distribuzione più equa del reddito. La prevalenza di imprese di piccole dimensioni si conferma come una caratteristica distintiva del sistema industriale indiano. Questo ultimo è il risultato di misure che, in passato, erano state oggetto di critiche (Kochhar et al. 2006). Grazie alle politiche protezionistiche adottate nel primo periodo della pianificazione si è sviluppato un sistema industriale assai articolato, prevalentemente finalizzato a soddisfare le esigenze del mercato interno. Il peso del settore manifatturiero, tuttavia, è ancora relativamente ridotto rispetto a quello del terziario. Contrariamente a quanto si è verificato in altri paesi emergenti, il sistema manifatturiero che è andato delineandosi nei primi decenni successivi all indipendenza, e che tuttora permane, era caratterizzato da industrie a elevato contenuto di lavoro qualificato e a elevata intensità di capitale (Banerjee, 2006). Risultava invece inferiore alla media dei PVS la presenza di industrie a elevato contenuto di lavoro non qualificato. Tali caratteristiche non hanno subìto sostanziali modificazioni a seguito delle riforme degli anni 80 e Da una parte è stato più agevole mantenere la specializzazione acquisita, dall altra non è stata sostanzialmente modificata una legislazione che ha favorito l impiego del capitale rispetto a quello del lavoro. Il processo di privatizzazione ha trovato corrispondenza nello sviluppo di alcune grandi imprese a proprietà familiare (l esempio più significativo è probabilmente quello del gruppo Tata). La piccola 13 Vedi World Bank (2009b). 14 Si rimanda per un approfondimento di questo punto ai siti del Ministero delle Finanze (http://www.finmin.nic.in/foreign_investment/int_finance_issues/index.html) e Doing Business with India (http://www.madaan.com/investing.htm). 15 La maggior parte della produzione è infatti realizzata in impianti moderni, in particolare nell industria siderurgica, petrolchimica e della carta, nella produzione di apparecchiature elettriche ed elettroniche, di prodotti chimici, nella lavorazione della pelle e dei metalli. Di rilievo sono anche le industrie per la lavorazione del tè e dei cereali, gli oleifici, gli zuccherifici. 7

10 e media industria, tuttavia, mantiene un ruolo di rilievo: rappresenta infatti circa il 40 % della produzione, di cui i 2/3 destinati all esportazione, e assicura il 65% dell occupazione. Contrariamente al modello cinese, basato sulla mano d opera a basso costo, quello indiano ha privilegiato specifiche nicchie tecnologiche. Il ricorso alla subfornitura ha inoltre compensato, in molti casi, la scarsa capienza del mercato interno. Un altra caratteristica significativa del sistema industriale indiano (eredità della pianificazione) è il peso relativamente equilibrato dei diversi settori: prodotti di base, intermedi e beni di consumo (fra questi ultimi il tessile, specialmente cotoniero, è tra i più antichi e importanti). L industria cinematografica è tra le prime al mondo per numero di film prodotti. Negli ultimi anni si è considerevolmente sviluppata anche l industria a elevata intensità tecnologica (aeronautica, elettromeccanica), oltre naturalmente al settore dell informatica, particolarmente attivo nella produzione di software. Un anomalia del sistema industriale è costituita dal modesto turnover delle imprese, determinato dall abbondanza di finanziamenti a disposizione anche delle imprese poco efficienti (Topalova, 2004) originata a sua volta da una politica del credito conservativa (Banerjee, Duflo, 2004). Una politica creditizia poco aggressiva, inoltre, ha frenato la crescita dimensionale delle imprese, con conseguenze negative in termini di efficienza: si tratta del fenomeno noto come under-lending (Banerjee et al., 2003, p. 142). Negli Stati più dinamici, tuttavia, vanno profilandosi in questo campo alcuni mutamenti, con conseguente riduzione nel numero delle industrie meno dinamiche (Kochhar et al., 2006). Un fattore che potrebbe favorire la scomparsa di alcune imprese, e una riduzione del grado di diversificazione, è costituito dallo sviluppo del settore immobiliare, determinato dalla vendita di terreni industriali nelle grandi città, come conseguenza del rapido processo di urbanizzazione (Kochhar et al., 2006). In India il settore dei servizi presenta una dimensione media superiore a quella caratteristica di un paese emergente. Alcuni comparti, come quello bancario, sono caratterizzati da bassi livelli di efficienza. Altri invece, come quelli produttori di software, sono assai dinamici e competitivi. La loro evoluzione è il risultato delle riforme strutturali del passato oppure di politiche settoriali, in particolare nel settore dell istruzione: si tratta comunque di comparti strategici per la collocazione internazionale del paese. La trasformazione del sistema bancario ha seguito un percorso parallelo a quello del sistema reale (Banerjee et. al., 2004). Inizialmente privato, esso aveva subìto un processo di nazionalizzazione a partire dal Elevato dirigismo, obblighi di finanziamento di settori considerati prioritari e vincoli di riserva e di liquidità particolarmente onerosi avevano ridotto l indipendenza operativa e la competitività delle banche (Cole, 2002). Solamente in una terza fase, e cioè a partire dal 1992, è iniziato un percorso inverso finalizzato a liberalizzare il sistema, a favorirne riorganizzazione, concorrenzialità e autonomia (Banerjee et al., 2003, 2004). E stata prevista la possibilità di fondare banche private, riducendo la quota pubblica nelle banche di Stato mediante offerta pubblica di acquisto di azioni e facilitando l accesso al mercato da parte delle banche estere. Sono state gradualmente introdotte regolamentazioni prudenziali in linea con gli standard internazionali (Chiarlone, 2008). L efficienza degli istituti bancari resta, tuttavia, inferiore a quella riscontrabile in altri paesi emergenti. Il peso dello Stato nella proprietà delle banche rimane significativo e il livello di consolidamento molto basso (Chiarlone, 2008, p. 108). Permangono obblighi di erogazione e di riserva che vincolano l autonomia delle banche. Il limitato sviluppo dell intermediazione trova rispondenza, come generalmente avviene nei paesi emergenti, nella sostanziale esclusione dall accesso al credito dei segmenti più deboli della popolazione (Banerjee, Duflo, 2005). Infine, l apertura agli istituti stranieri non è ancora completa e sembra che questo passo seguirà il processo di consolidamento delle banche indiane (Chiarlone, 2008, p. 108). Nonostante tali limiti, il sistema bancario ha avuto e conserva un ruolo rilevante per il sistema economico. Esso rappresenta infatti il principale canale di finanziamento del sistema stesso; sebbene il suo peso sia molto inferiore a quello della Cina, resta comunque nettamente superiore a quello di altri segmenti 8

11 del mercato finanziario Il sistema educativo in India Una caratteristica del sistema formativo indiano (secondo taluni studiosi un autentica singolarità per un paese emergente), è costituita dal fatto che la spesa in higher education è relativamente più elevata di quella in primary education (Kochhar et al., 2006). Si devono a questa anomalia alcune specificità del sistema sociale, ma soprattutto di quello produttivo. Da una parte il tasso di analfabetismo permane molto elevato, dall altra la presenza del lavoro qualificato in alcune industrie è particolarmente significativa. Tale politica dà luogo a risultati ambigui. Da una parte essa ha finito con l alimentare un emigrazione di lavoratori qualificati verso paesi anglofoni (Usa, Regno Unito); dall altra ha favorito la nascita di imprese a elevata intensità tecnologica e di lavoro qualificato che operano nel terziario avanzato. In un contesto caratterizzato da una severa normativa antimonopolistica, da elevata protezione tariffaria e da sussidi alle imprese pubbliche, l abbondanza di lavoro qualificato ha determinato la nascita di imprese particolarmente competitive (Kochhar et al., 2006). Secondo Banerjee (2006, p.1022) The combination made for many interesting experiments that probably would not have happened in a less dirigiste economy. Dopo avere ottenuto l indipendenza, l India cercò di sviluppare un sistema scolastico unitario e integrato, ma la formazione della giovane popolazione indiana, con la complessità sociale e religiosa che la caratterizza, non fu opera facile 17. Anche se dall indipendenza il numero delle scuole e dei discenti è notevolmente aumentato 18, circa il 30 per cento dei bambini di età compresa tra i sei e i dieci anni non frequenta la scuola pubblica. Numerosi fattori spiegano l elevato tasso di abbandono scolastico. Esiste, innanzitutto, una sorta di diffidenza da parte delle famiglie povere, soprattutto nelle zone rurali, verso la scuola pubblica. Il lavoro minorile (presente soprattutto in agricoltura, ma diffuso anche in attività industriali quali la tessitura dei tappeti, la produzione di sigarette e la tessitura della seta) è inoltre un fenomeno associato alla povertà: tra analfabetismo e povertà si determina quindi una sorta di circolo vizioso. In parallelo sono state create Università, di tradizione anglofona, e centri di ricerca all' avanguardia. Il paese conta circa 200 atenei: i più antichi sono quelli di Kolkata, Mumbai e Chennai, sorti nel Ogni anno conseguono la laurea 400mila ingegneri, che trovano immediatamente occupazione, e anzi non sono sufficienti a soddisfare la richiesta interna. La crescita economica, prossima al 10%, renderà infatti necessaria l occupazione di non meno di un milione e 700mila ingegneri. Nonostante le Università siano praticamente al completo, si prevede per il 2010 un deficit di almeno mezzo milione di laureati. Negli anni 80 gli imprenditori indiani avevano imparato ad adattarsi alle prime pur modeste liberalizzazioni. A partire dagli anni 90, a seguito del processo riformatore, avevano iniziato a esportare e a sfruttare le potenzialità offerte dalla globalizzazione. Oggi sono gli imprenditori indiani ad acquisire quote di imprese straniere. Ne è un esempio la scalata da parte dell indiana 16 Sul tema specifico - quanto rilevante - del microcredito un accurato resoconto dell esperienza di Sewa (Self Employed Women s Association) iniziata nel tre anni prima della fondazione della Grameen Bank di Muhammad Yunus - è contenuto in Gramaglia (2008). 17 Più della metà della popolazione ha meno di 25 anni. Molti di questi giovani non hanno alcuna qualificazione e sono disoccupati. Il 40% della popolazione sopra i 15 anni di età è ancora analfabeta. La Costituzione indiana aveva previsto l eliminazione del sistema delle caste che per secoli aveva escluso da ogni prospettiva di promozione sociale gli strati inferiori della popolazione. All indomani dell indipendenza furono attuate importanti misure per promuovere attivamente l istruzione e migliorare le condizioni di vita delle classi marginali, la cui origine si collega al prevalere di gruppi etnici economicamente e culturalmente superiori su popolazioni sottomesse. Si calcola, tuttavia, che siano ancora 240 milioni i dalit, termine recentemente utilizzato per designare gli harijan, figli di Dio, come furono chiamati da Gandhi gli impuri. 18 Dopo le riforme degli anni 80 il sistema scolastico, quasi interamente gestito a livello degli stati, prevede l istruzione obbligatoria e gratuita dai 6 ai 14 anni. Recentemente è stato inoltre istituito un programma nazionale di alfabetizzazione degli adulti. Nel 2005 il tasso di alfabetizzazione della popolazione adulta era cresciuto al 56,6%, contro il 43% degli anni 80 dello scorso secolo. 9

12 Mittal della lussemburghese Arcelor. Abbiamo capitali e conoscenza per farlo, ricorda spesso Nandan Nilekani, che dal 1 gennaio è entrato nel consiglio d'amministrazione di Reuters. With the rise in foreign exchange balance and the confidence of success in the software and pharmaceuticals sector, Indian corporations have gone on a spree of buying international companies, an activity unheard of ten years ago (Basu, Maertens, 2007, p. 21). Nonostante i progressi realizzati dal sistema educativo, cominciano tuttavia a emergere strozzature connesse alla qualità dei laureati. Nasscom, l'associazione delle imprese di software e dei servizi, ammonisce che già oggi solo un ingegnere su quattro serve davvero a ciò di cui ha bisogno l' information technology indiana. «È vero: quella della qualità è una strozzatura della crescita che dobbiamo correggere», ammette Nilekani 19. Per questo Infosys ha appena stanziato 300 milioni di dollari per costruire nuovi edifici, sviluppare i corsi e aggiornare i curricula nel campus di Mysore, nel Karnataka, dove oggi studiano giovani (13mila fra un paio d' anni). 6. La collocazione del sistema economico indiano nel processo di globalizzazione Quale è la prevedibile collocazione dell India nell economia internazionale se si tiene contemporaneamente conto della sua evoluzione di sistema e delle caratteristiche del processo di globalizzazione? Quali sono inoltre gli elementi positivi e quali quelli negativi dello sviluppo passato, che oggi possono favorire oppure frenare l integrazione dell India nell economia internazionale? Per quanto si possa essere tentati dal consentire con Ulrich Beck (1999, p.13) nel considerare il termine globalizzazione una orribile parola diventata inevitabile in ogni dichiarazione pubblica, e si possa quindi desiderare di astenersi dall usarla, non v è dubbio che i fenomeni che essa sottende, e nei quali consiste, siano a tal punto incombenti e rilevanti da proporci di continuo nuove occasioni di attenzione e ulteriori prospettive di analisi. E ciò vale tanto se si ritiene, come fa Anthony Giddens (2000), che il termine sia sufficientemente autoesplicativo da esimerci da ogni impegno definitorio, quanto se ci si impegna nella ricerca di definizioni più o meno puntuali, come è consuetudine che facciano sia le organizzazioni internazionali (sottolineando ad esempio la natura della globalizzazione in quanto processo dinamico e multidimensionale di integrazione economica 20 ) sia tanti studiosi, magari per tentarne periodizzazioni o per puntualizzarne aspetti rilevanti, oltre che funzionali a impostare discussioni più fondate di quanto non lo consenta, di norma, tanta pubblicistica d occasione (Osterhammel, Petersson, 2005). E sono proprio studiosi indiani a svolgere un ruolo eminente in tale discussione, quali esponenti di primo piano di quella rete internazionale, o rete d interazione, che secondo taluni costituisce l accezione tuttora prevalente di uno spazio globale (e dei correlati assetti sociali globali ) ancora allo stadio di 19 Nandan Nilekani è stato cofondatore, a 27 anni, di Infosys e Ceo. Recentemente il ministro indiano delle Finanze Chidambaram ha sostenuto che l'ibm è il passato, Infosys il futuro. Infy, come la chiamano gli indiani, è la prima impresa indiana quotata al Nasdaq. Oltre al quartier generale di Electronic City, a Bangalore, dispone di nove centri di sviluppo e di 30 uffici in 20 Paesi. Quando fu creata nel 1981 da Murthy, Nilekani e altri cinque amici, Infosys Technologies aveva un capitale sociale corrispondente alle 10mila rupie (circa 200 dollari) prestate da Sudha, la moglie di Narayana Murthy. Alla chiusura dell' ultimo anno fiscale la sua capitalizzazione di mercato superava i 30 miliardi di dollari. Da 26 trimestri ottiene risultati superiori alle previsioni e per 13 trimestri il suo rendimento ha superato il 15%. Siamo in un mercato dalle tremende opportunità, afferma Nilekani senza tuttavia riuscire a dissimulare il proprio ottimismo. In realtà Infosys fa le cose più in fretta, meglio e più a buon mercato perché siamo riusciti a creare una compagnia su scala mondiale. 20 OECD (2005, p.11). La stessa fonte ufficiale sottolinea (p. 16) come alla crescente internazionalizzazione dei mercati abbiano contribuito soprattutto i) la liberalizzazione e la deregolamentazione dei movimenti di capitale, e particolarmente dei servizi finanziari; ii) l ulteriore apertura dei mercati agli scambi commerciali e agli investimenti iii) il ruolo strategico svolto dalle tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT) nell economia. 10

13 utopia o di struttura a tendere 21, Il riferimento è, in particolare, a Jagdish Bhagwati (2000, 2005, 2006) e al suo lavoro di sistematizzazione del problema dei costi e dei benefici della globalizzazione, degli obiettivi di minimizzazione e di massimizzazione correlati, della gestione della transizione verso livelli sempre più elevati di integrazione 22 e della connessa velocità ottimale di aggiustamento; del cruciale problema, infine, del rapporto fra globalizzazione e democrazia, con i connessi riferimenti esemplificativi (con riferimento alla realtà indiana) alla relazione fra diffusione delle tecnologie informatiche, accesso ai mercati internazionali e sviluppo delle attività artigianali (Bhagwati, 2005). Ci si riferisce inoltre, naturalmente, all opera complessiva di Amartya Sen, tutta finalizzata a individuare condizioni e caratteristiche della buona società aperta e delle relative regole di governo 23. Il sistema economico indiano ha registrato un crescente grado di apertura nei confronti dell estero, pur non potendosi ancora considerare l India un sistema particolarmente aperto. Il suo grado di apertura, misurato dall interscambio di beni e servizi, è passato infatti dal 20,4% nel 2000 al 29,9% nel 2005 e al 38,6% nel 2008 (World Bank, 2009a, 2009b), a segnalare una progressiva integrazione nel mercato internazionale 24. Il tasso annuo di crescita delle importazioni (8,6% nel 2007 e 17,9% nel 2008) ha sempre superato quello delle esportazioni (tasso di crescita medio annuo pari al 7,5% nel 2007 e al 12,8% nel 2008) con conseguente persistente disavanzo commerciale (54 miliardi di dollari nel 2007 e quasi 70 nel 2008). L incremento dell interscambio è stato inoltre favorito dalla creazione delle Zone Economiche Speciali (Special Economic Zones) particolarmente vantaggiose sotto i profili fiscale, doganale e, in generale, regolativo e procedurale. La crescita dell interscambio dell India con il resto del mondo (unitamente a quello della Cina) costituisce uno dei fenomeni più significativi dell ultimo decennio, destinato a modificare radicalmente non solo gli equilibri geopolitici, ma anche la dinamica della diseguaglianza a livello mondiale sia tra paesi sia al loro interno (Topalova, 2006; Harrison, McMillan, 2007). La Banca Mondiale (World Bank, 2008), facendo riferimento alla vasta letteratura disponibile, fornisce indicazioni significative 25. L approccio della Intercountry inequality, che misura le variazioni del reddito pro-capite fra paesi prescindendo dalla numerosità della popolazione, porta a concludere che nel corso degli ultimi due decenni la distribuzione mondiale del reddito è diventata più iniqua. Quello che misura invece la International inequality, ponderando i redditi pro capite per la popolazione, suggerisce la conclusione opposta in ragione, soprattutto, dell evoluzione registrata proprio dai sistemi economici cinese e indiano. L approccio della Global inequality, infine, consente di misurare la diseguaglianza a livello mondiale effettuando confronti fra redditi 21 Per una sintetica rassegna di posizioni su questo punto cfr. J. Osterhammel, Petersson (2003). Per un punto di vista italiano cfr. Deaglio (2004). 22 Alla critica della politica dell Amministrazione Clinton a questo proposito, per quanto riguarda tanto i flussi finanziari quanto quelli commerciali, Bhagwati dedica in particolare una raccolta di interventi. Si veda Bhagwati (2000). 23 Cfr., fra i tanti, Sen (2002). particolarmente per gli scenari aperti (pp. 3-9) dal primo capitolo, dal titolo Dieci punti sulla globalizzazione. L avversario viene esemplificato mediante l immagine (contenuta in almeno quattro testi sanscriti a partire dal 500 a.c.) della ranocchia che trascorre l intera vita in un pozzo ed è timorosa di tutto quello che ne sta al di fuori. La ranocchia, ammette Sen, aveva una visione del mondo, ma circoscritta a quel piccolo pozzo.questo rimane un problema importante, perché in giro, al giorno d oggi, ci sono miriadi di ranocchie e anche, naturalmente, i loro sostenitori e difensori (p. 17). In tema di regole di governo, la necessità di istituzioni finalizzate allo sviluppo della conoscenza e alla sua trasmissione internazionale (fattore considerato ancora più strategico dello sviluppo dei mercati ai fini di una globalizzazione più equilibrata) è sottolineata da Pasinetti (2007). 24 L India esporta un ampia varietà di prodotti, principalmente tessili, capi di vestiario, gemme e gioielli, articoli in pelle, tè, apparecchiature meccaniche e prodotti chimici di base. Stati Uniti, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Arabia Saudita, Belgio e alcuni paesi del Commonwealth sono i suoi principali partner commerciali. 25 La centralità dell argomento è enfatizzata da Sen (2002, p. 5) che sottolinea: La sfida principale ha a che fare, in un modo o nell altro, con la disuguaglianza, sia tra le nazioni sia nelle nazioni. Le disuguaglianze rilevanti comprendono le differenze nella ricchezza, ma anche le macroscopiche asimmetrie nel potere politico, sociale ed economico. Una questione cruciale è la divisione, tra paesi ricchi e paesi poveri o tra differenti gruppi in un paese, dei guadagni potenziali generati dalla globalizzazione. Per una sistematizzazione della complessa relazione fra povertà, crescita e disuguaglianza cfr. Bourguignon (2003), e altresì Kanbur (2005). 11

14 indipendentemente dal paese di appartenenza. Questa misura, riflettendo sia le diseguaglianze tra paesi (between countries) sia quelle all interno dei paesi (within countries), mostra una sostanziale stabilità a partire dalla fine degli anni 80 (World Bank, 2008). Si stima che proprio la rapida crescita delle grandi economie emergenti (Cina e India in particolare) abbia consentito di bilanciare la tendenza alla crescita delle diseguaglianze all interno dei diversi paesi. Particolarmente utili ai nostri fini sono le elaborazioni di Milanovic e Yitzhaki (2002). Esse consentono, nell ottica dell approccio della Global inequality, di segnalare l emergere di una classe media mondiale, e di identificare la sua distribuzione per grandi aree del mondo. Dopo avere convenzionalmente identificato tre categorie globali di percettori di reddito ( poveri, classe media e ricchi ), i due autori mettono in evidenza il fatto che la classe media pesava, nel 1993, per l 8% della popolazione mondiale e per il 12% del reddito (Milanovic, Yitzhaki, 2002, p. 173). Ulteriori elaborazioni calcolano nel 7,6% e nel 13,8% i rispettivi valori riferiti al 2000 e nel 16,1% e nel 14,0 % quelli previsti al 2030 (World Bank, 2008, p.101). La classe media proveniente da East Asia and the Pacific (prevalentemente Cina), stimata pari all 1,3% della popolazione mondiale (e al 2,0 % del reddito) nel 2000, viene proiettata al 7,3% (e al 6,4% del reddito) nel 2030: i dati relativi alla South Asia (prevalentemente India) registrano un incremento dallo 0,1 all 1,6% della popolazione mondiale (e dallo 0,1% all 1,3% del reddito). I paesi nei quali si verificheranno incrementi rilevanti nelle dimensioni della classe media (Cina e India sono e/o saranno i più probabili fra questi) sperimenteranno anche le implicazioni di tale fenomeno, così come ne sarà condizionata la struttura stessa della produzione mondiale. La composizione del paniere globale di beni e servizi domandati tenderà infatti a subire un riorientamento potenzialmente radicale, e ciò tanto più accadrà quanto più la classe media dei paesi emergenti peserà sulla classe media mondiale. Questa ultima circostanza tenderà inoltre a determinare conseguenze in termini di political economy, e queste consisteranno nell incremento di popolarità dell opinione (e quindi delle politiche) pro-globalizzazione, che vedranno aumentare la propria base sociale di riferimento, oltre che il peso politico di questa 26. Proprio in India, negli ultimi anni, si è andata formando una consistente classe borghese e imprenditoriale. Alla globalizzazione commerciale (è ancora il caso indiano ad avvalorare questa tesi) dovranno essere affiancate - per captarne i guadagni - politiche ulteriori, idonee a favorire la mobilità del lavoro (Munshi, Rosenzweig, 2004). L integrazione finanziaria, in quanto sia all origine di instabilità (specie in situazioni di fragilità istituzionale), è infatti onerosa per i poveri, e le crisi finanziarie che si sono succedute (fra cui quelle asiatiche) sono di ciò una dimostrazione convincente. La non univocità della relazione fra povertà e globalizzazione emerge infine dal peso del fattore progresso tecnico, nella misura in cui questo ultimo risulti indipendente dagli sviluppi della globalizzazione e sia invece rilevante nel determinare i differenziali di reddito. La composizione delle esportazioni indiane non riflette i vantaggi comparati caratteristici di un paese emergente. Contrariamente a quanto avviene nella maggior parte di tali paesi, non solo la produzione interna, ma anche le esportazioni sono costituite da prodotti dotati di un elevato contenuto di lavoro qualificato. The two things that distinguish India from any other economy at its level of development are the skill intensity of its exports and the diversity of what it produces (Banerjee, 2006, p.1022). Secondo Banerjee e Duflo (2000), tuttavia, la quota di esportazione sul totale mondiale di questi prodotti, in passato, è stata meno elevata di quanto sarebbe stato giustificabile sulla base del grado di sviluppo del settore. Il successo nelle esportazioni di prodotti informatici dipende più dal livello di reputazione che non dal prezzo. Solo introducendo sistemi di rating in grado di segnalare il grado di affidabilità delle singole industrie sarà possibile incrementare le esportazioni di questi prodotti. Anche il settore delle biotecnologie ha sperimentato, ed è destinato a subire, un evoluzione molto simile a quella del settore informatico. Il fattore che contribuirà a mantenere elevato il grado di competitività delle esportazioni di high-tech customized 26 Per alcuni riferimenti alle connessioni con il teorema di Stolper-Samuelson, all approccio delle preferenze dell elettore mediano (in relazione al peso crescente di questo ultimo nei paesi in sviluppo) oltre che agli effetti di ritorsione ipotizzabili nei paesi industrializzati (e alle relative verifiche empiriche), cfr. World Bank (2008). 12

15 software è la reputazione che i prodotti indiani saranno in grado di conquistare nel tempo. Questo modello di specializzazione in industrie a elevata intensità di lavoro qualificato potrebbe, nel futuro immediato, presentare elementi di debolezza dal punto di vista della sostenibilità in relazione agli aumenti di costo del lavoro qualificato. Questi effetti si sono già manifestati sotto forma di incrementi dei livelli retributivi, e quindi di un aumento della diseguaglianza salariale. Secondo stime recenti il divario tra le retribuzioni dei lavoratori con istruzione superiore e quelle dei lavoratori con istruzione secondaria è aumentato dal 34% al 50% (Azam, 2009, p. 2). Due sono le possibili spiegazioni di tali aumenti. Secondo alcuni autori i mutamenti nei salari relativi sono attribuibili all aumento della domanda di lavoro qualificato (Chamarbagwala, 2006), particolarmente in numerosi comparti del settore industriale (Kijima, 2006; Chamarbagwala, 2006). Skill biased technological change is the most probable reason for shift in demand in favor of tertiary graduated workers (Azam, 2009, p.14). Secondo altri, invece, tali divari sono attribuibili all aumento dei rendimenti dell istruzione superiore (Kijima, 2006). Tale aumento, che si è concentrato tra la fine degli anni 90 e il 2004, sarebbe stato causato dall arresto della crescita relativa dell offerta di lavoratori laureati. Cambiamenti nelle politiche dell istruzione, che si sono tradotti in un maggiore impegno nella formazione primaria e secondaria a svantaggio di quella superiore, si sono combinati con un aumento della domanda di lavoro qualificato, e quindi dello skill premium (Azam, 2009). 7. Globalizzazione e forme alternative di outsourcing e offshoring L outsourcing, o per meglio dire seguendo Krugman (2007, p.1) l offshore outsourcing, può essere definito come il commercio internazionale in input intermedi, che talvolta attraversano più volte le frontiere prima di essere incorporati nei beni finali. Si tratta di un fenomeno relativamente recente, reso economicamente conveniente dalla diminuzione dei costi di trasporto e di comunicazione, che agevola la combinazione di input provenienti da paesi diversi in vista della produzione di un determinato bene o servizio (Sharma, 2005). Secondo Blinder (2005, p. 2) economists who interpret offshoring as nothing more than international business as usual are greatly underestimating both its importance and its disruptive impact on Western societies. E possibile spiegare l aumento della domanda relativa di lavoro qualificato, e del conseguente aumento delle retribuzioni, ricorrendo a un modello formulato da Feenstra (2007) per analizzare gli effetti dell attività di outsourcing. Il modello è stato elaborato per spiegare la dinamica relativa (nel paese di origine e in quello di arrivo) delle retribuzioni dei lavoratori specializzati rispetto a quelli non specializzati, conseguente al trasferimento di una fase del processo produttivo di beni e di servizi. Precisamente The provision of services or the production of various parts of a good in different countries that are then used or assembled into a final good in another location is called foreign outsourcing or more simple outsourcing (Feenstra, Taylor, 2008, p. 228). La delocalizzazione produttiva a cui il modello si applica è quella tradizionale, relativa a uno specifico settore. Parti del processo produttivo e/o componenti del prodotto sono ottenute in uno o più paesi diversi da quello di residenza dell industria che organizza il processo produttivo e commercializza il prodotto finale. Per spiegare gli effetti dell outsourcing è opportuno distinguere, all interno della catena di formazione del valore di un bene, le diverse fasi, da quella iniziale di ricerca e sviluppo a quella finale della commercializzazione (fig.1a). Se queste attività vengono separate sulla base del diverso impiego di lavoro qualificato, è agevole individuare quelle che verranno presumibilmente trasferite all estero. Si veda su questo punto la fig.1b desunta da Feenstra, Taylor (2008, p. 232). Saranno trasferite quelle fasi della lavorazione del prodotto, collocate alla sinistra della linea di confine A, che richiedono un maggiore impiego di lavoro non qualificato, il cui prezzo è inferiore nei paesi emergenti. Si tratta, generalmente, di una parte dell attività di produzione dei componenti e dell assemblaggio degli stessi. 13

16 Fig. 1a Le fasi del processo produttivo ordinate per sequenza temporale Fig. 1b Le fasi del processo produttivo ordinate per qualificazione del lavoro Fonte: Feenstra, Taylor (2008), p.232. Mano a mano che i costi del trasporto o del capitale diminuiscono nel paese straniero, risulterà conveniente trasferirvi un maggior numero di attività. La linea di confine tra attività trasferite e attività che restano nel paese di origine si sposta verso destra da A a B (fig. 2). Il primo effetto consiste nella diminuzione dell impiego di lavoro non qualificato e nel corrispondente aumento del prezzo relativo del lavoro qualificato nel paese di origine, cioè the relative wage of skilled labor will increase because of outsourcing (Feenstra, Taylor, 2008, p. 236). Analogamente il trasferimento di attività a più elevato contenuto di lavoro qualificato determina anche nel paese straniero un aumento della domanda di lavoro qualificato: conseguentemente anche in questo paese aumenta il prezzo relativo di questa tipologia di lavoro. L evidenza empirica raccolta da Feenstra e Taylor (2008) sulla base dei dati del NBER conferma questa ipotesi. Fig.2 La linea divisoria nella catena del valore si sposta verso destra Fonte: Feenstra,Taylor (2008), p I costi relativi del lavoro trovano corrispondenza in minori prezzi relativi dei componenti prodotti all estero rispetto ai prezzi delle produzioni a più elevata intensità di lavoro qualificato realizzate nel paese di origine. Si osserverà pertanto una riduzione delle ragioni di scambio di questi due tipi di attività, alla quale corrisponderà uno spostamento delle produzioni all esterno della frontiera, con conseguente passaggio, in termini di livelli di produzione, dal livello Y 0 al livello Y 1 (Feenstra, Taylor, 2008, p. 250). Si veda a questo proposito la fig

17 Fig.3 Equilibrio con outsourcing: un modello semplificato Fonte: Feenstra, Taylor (2008), p Gli effetti dell outsourcing nel paese che coordina il processo produttivo (generalmente il paese industrializzato) sono molteplici. Innanzitutto si determina una riduzione dei costi, e quindi anche del prezzo di vendita del prodotto. In secondo luogo si determina un mutamento nel peso relativo dei diversi tipi di occupazione a seconda del grado di specializzazione, e conseguentemente anche nelle retribuzioni relative. Questi effetti sono analoghi a quelli che si verificherebbero se si utilizzassero le prestazioni di lavoratori immigrati. When a good or service is produced more cheaply abroad, it makes more sense to import it than to make or provide it domestically (Mankiw, 2004, p. 229). Nel corso del tempo si è intensificato l outsourcing dei componenti, cioè quello interno al settore manifatturiero. In parallelo è aumentato anche l outsourcing dei servizi alle imprese. La produzione di servizi richiede tuttavia un impiego di lavoro qualificato superiore a quello richiesto nel settore manifatturiero. Secondo alcuni autori l outsourcing di servizi rientra nel modello tradizionale di commercio internazionale. In un modello di tipo ricardiano il fenomeno interesserà pertanto i paesi caratterizzati da un vantaggio comparato nella produzione di servizi. The growing outsourcing of services in industrial countries is simply a reflection of the benefits from the greater division of labor and trade (Amiti, Wei, 2004, p. 37). Il fenomeno nuovo, secondo questi autori, è costituito dal timore della perdita dell occupazione da parte di categorie di lavoratori (liberi professionisti, contabili, disegnatori) che in precedenza erano protetti nei confronti della concorrenza internazionale. D altra parte l evidenza empirica raccolta da Amiti e Wei (2004, 2005a, 2005b) non sembrava confermare, almeno fino al 2003, questi timori. Drawing on the experiences of the United States and the United Kingdom, we can say that, in the aggregate, outsourcing does not appear to be leading to net job losses - that is, jobs lost in one industry often are offset by jobs created in other growing industries (Amiti, Wei, 2004, p. 37). Probabilmente, tuttavia, l outsourcing di servizi presenta, di fatto, aspetti di novità rispetto al modello tradizionale dei costi comparati, come conseguenza della crescente complessità del contesto socio-economico mondiale: si parla a questo proposito di seconda globalizzazione. 15

18 8. Globalizzazione e nuove forme di outsourcing. Il secondo unblunding La seconda globalizzazione è caratterizzata dalla crescente rilevanza dell outsourcing delle mansioni. Si tratta di un processo diverso da quello descritto nel paragrafo precedente (Grossman, Rossi-Hansberg, 2006, 2008; Blinder, 2006). In questo caso, infatti, lo spacchettamento, e il corrispondente trasferimento all estero, non riguardano più le diverse fasi del processo produttivo, bensì l organizzazione stessa d impresa, distinta sulla base delle diverse mansioni (Baldwin, 2006) 27. Fig.4 Il primo e il secondo unbundling Fonte: Baldwin (2006), p. 25. Ne conseguono, in altri termini, mercati globali di mansioni nei quali tendono a confluire trasversalmente unità di competenze facenti capo a settori produttivi eterogenei sotto il profilo sia della collocazione geografica sia dei livelli di produttività (fig. 4). Ne risulta superata la corrispondenza fra dotazione di lavoro qualificato e protagonisti vincenti del processo di globalizzazione, come anche quella, simmetrica, fra lavoro non qualificato e perdenti. Molte professioni legate alla società dell informazione e all economia della conoscenza rispondono più di altre, oggi, alla pratica di questo tipo di outsourcing. La nuova globalizzazione, che si realizza secondo il nuovo paradigma, si distingue pertanto dalla prima per il fatto di operare a livelli di disaggregazione molto più spinti. In quanto tale può coinvolgere processi produttivi tanto industriali quanto terziari, tanto di fabbrica quanto di ufficio, frammentandoli. La caduta dei costi di comunicazione e di coordinamento, nonché differenziali salariali non compensati da divari di produttività adeguati, determinano e/o favoriscono tale processo. Gli effetti sulla domanda e sulle remunerazioni dei differenti tipi di lavoro possono risultare rafforzati quando si introduca questo ulteriore, e inedito, concetto di delocalizzazione, riferito non a fasi di un singolo processo produttivo, ma a specifiche mansioni afferenti contemporaneamente a più settori. Questo tipo di outsourcing, sulla scorta dell approccio noto come paradigma di Princeton, e che fa perno sulla crescente rilevanza della concorrenza internazionale fra mansioni individuali rispetto a quella che opera fra aziende e/o fra settori industriali, ruota attorno al cosiddetto secondo unbundling, o secondo spacchettamento (Grossman, Rossi-Hansberg, 2006, 2008). Questo fenomeno si è venuto determinando a seguito del pratico annullamento dei costi di comunicazione, e a esso consegue la pressoché perfetta trasferibilità interspaziale delle mansioni codificabili (Baldwin, 2006). Il punto appare di particolare rilevanza, fin da oggi ma ancora di più in prospettiva, sia per il sistema socio-economico indiano sia per le relazioni fra questo e il 27 Un esercizio di integrazione fra trade-in-tasks theory e trade-in-goods theory è contenuto in Baldwin, Robert-Nicoud (2010). 16

19 resto del mondo. Emerge immediatamente, a questo proposito, una significativa differenza tra il new paradigm (così definito da Grossman, Rossi-Hansberg, 2006, p. 1) e l old paradigm. Secondo Blinder (2005, 2006) l outsourcing di servizi può essere addirittura valutato alla stregua di una seconda rivoluzione industriale. L outsourcing di componenti era giustificato dai differenziali nel costo del lavoro non qualificato rispetto a quello qualificato, ed era favorito dalla riduzione dei costi di trasporto che interessava in uguale misura tutti i settori produttivi (Harrison, McMillan, 2009). L outsourcing di mansioni, invece, può essere attuato solo in determinati casi (Sako, 2006; Sako, Tierney 2005), in relazione alla natura della mansione e non al contenuto relativo di lavoro non qualificato. L esempio più convincente è quello dei conducenti di mezzi di trasporto. Si tratta di una mansione il cui contenuto di lavoro non qualificato è elevato, ma che non può essere trasferita all estero (Baldwin, 2006). In generale si può ipotizzare che non possano essere trasferite le mansioni che richiedono un rapporto face-to-face con il cliente. Tuttavia As information technology improves, more and more personal services will migrate over the line and become impersonal services. At this point, we cannot even guess the ultimate dimensions of the migration. But it is likely to be large (Blinder, 2005, p. 15). Amiti e Wei (2004) hanno documentato che, tra il 1992 e il 2000, l outsourcing di servizi da parte di imprese manifatturiere degli Stati Uniti è aumentato del 6%. Nello stesso tempo, tuttavia, erano aumentate anche le esportazioni di servizi, così da determinare un surplus netto (Garner, 2004). Il medesimo fenomeno si osserva in altri paesi industrializzati come Regno Unito e Svizzera. I paesi emergenti che registrano un surplus netto nel comparto dei servizi sono India, Singapore e Hong Kong (Amiti, Wei, 2004). In sintesi l outsourcing di mansioni verso l estero produce tre effetti all interno (Grossman, Rossi- Hansberg, 2006). In primo luogo si riduce il prezzo relativo dei beni ottenuti impiegando lavoratori che percepiscono salari più bassi. Inoltre si riducono domanda di lavoro e occupazione. Aumenta infine la produttività media dei lavoratori, dal momento che rimangono nel paese le funzioni caratterizzate da un più elevato livello di produttività. L ipotesi di Grossman e Rossi-Hansberg (2006) è che la tecnologia più avanzata dell economia domestica si combini con un lavoro meno costoso all estero, con effetti paragonabili a quelli che si otterrebbero con l introduzione del progresso tecnologico: gli effetti in termini di benessere dovrebbero quindi essere comunque positivi. Alcuni autori hanno distinto le mansioni in due categorie: quelle basate su routine e quelle non routinarie. The idea is that the routine tasks, which include routine manual and routine cognitive categories could be offshored to educated workers in low-wage nations (Baldwin, 2006, p. 34). Spitz (2004) ha osservato in particolare, in Germania, una contrazione nell occupazione delle mansioni di natura routinaria, accompagnata da un aumento nell occupazione di quelle non trasferibili : egli sottolinea inoltre il diverso ruolo delle tecnologie informatiche nelle differenti mansioni, dal momento che computer technology is complementary to workers in executing analytical and interactive activities, whereas it substitutes for workers in performing manual and cognitive routine tasks (Spitz, 2004, p. 1). Non bisogna dimenticare inoltre che l effettivo trasferimento dipenderà anche dall esistenza (o non) di costi di coordinamento di mansioni complementari. Si darà pertanto un limite al di sopra del quale il trasferimento non risulta conveniente (Baldwin, 2006). Nel trasferimento di mansioni la distinzione rilevante è quindi quella tra le attività che possono transitare sulla fibra ottica e le altre, e non quella tradizionale basata sul livello di istruzione dei lavoratori (Blinder, 2005). Bardhan e Kroll (2003), Jensen e Kletzer (2005), Van Welsum e Reif (2006) individuano, con riferimento agli Stati Uniti, un numero piuttosto elevato di professioni trasferibili: in particolare analisti finanziari, tecnici in campo medico, specialisti in informatica o in discipline matematiche. Mann (2005) ha calcolato che negli Stati Uniti, tra il 1999 e il 2004, circa un terzo delle occupazioni a bassa qualifica nel settore informatico (operatori telefonici e informatici) è stata trasferita all estero. E invece aumentato l impiego di lavoratori specializzati. 17

20 Alcuni studi hanno evidenziato, sia teoricamente che empiricamente, i vantaggi che possono essere ottenuti dalle imprese che ricorrono all outsourcing di servizi (Abramovsky et al., 2004). Glass e Saggi (2001) giungono alla conclusione che l outsourcing, riducendo i costi, determina un aumento dei profitti e di conseguenza anche delle spese per ricerca e sviluppo. Altri studi, utilizzando dati relativi a singole imprese e/o impianti, mostrano come l outsourcing di servizi sia generalmente associato a un aumento di produttività nell impresa che utilizza servizi importati (Hijzen et al., 2006; Gorg et al., 2008; Tomiura, 2007; Olsen, 2006). Secondo Sako (2006) l aumento di produttività è attribuibile alla combinazione di tre fattori: 1) la standardizzazione dei processi di fornitura di servizi, 2) una maggiore specializzazione accompagnata da incentivi per migliorare le performance, 3) l utilizzo domestico di servizi a più elevato contenuto di lavoro specializzato. Generalmente l aumento di produttività si accompagna a una riduzione del costo del prodotto, con vantaggio per le imprese che utilizzano i relativi beni come input. Se poi si verifica una perdita di occupazione nel settore che ricorre all outsourcing, questa è generalmente compensata dall aumento dell occupazione in altri settori (Amiti, Wei, 2004). Nel complesso, dunque, non si osserva una significativa riduzione della domanda di lavoro con effetti negativi sull accumulazione di capitale umano (Crinò, 2009). Uno studio recente utilizza dati a livello di impianto riferiti all Irlanda, con l obiettivo di stimare la relazione tra outsourcing di servizi, profitti e innovazione. I risultati confermano le attese, e cioè l esistenza di una correlazione positiva tra outsourcing e andamento delle innovazioni. Secondo questa interpretazione outsourcing allows a plant to restructure activities towards more skill intensive (innovative) activity (Gorg, Hanley, 2009, p. 5). Si sposta quindi verso l esterno la frontiera tecnologica. Si tratta di un risultato di rilievo, che consente di ridimensionare gli effetti negativi prodotti dall outsourcing di servizi in termini di riduzione dell occupazione; consente inoltre di prevedere che il divario tecnologico tra paesi industrializzati e paesi emergenti permarrà e che l outsourcing di servizi è una strategia destinata a perdurare (Gorg, Hanley, 2009). Da quanto osservato discendono alcune significative conseguenze in ordine alle politiche che i paesi industrializzati dovrebbero adottare per compensare la riduzione di occupati derivante dall outsourcing. Le conseguenze della prima ondata erano abbastanza definite. Il trasferimento aveva interessato prevalentemente i settori tradizionali, a basso contenuto tecnologico. I lavoratori qualificati e con elevato grado di istruzione avevano tratto vantaggio dal trasferimento all estero delle fasi della produzione a più elevato contenuto di lavoro non qualificato. Le politiche di sostegno finalizzate a compensare la perdita di posti di lavoro si prefiggevano quindi di migliorare il livello di istruzione dei lavoratori meno qualificati e di incentivare la nascita di attività industriali nei settori a più elevato contenuto tecnologico. Molto più complesso è invece progettare politiche adeguate a fronteggiare gli effetti negativi del secondo spacchettamento. Un eccesso di impegno delle politiche formative europee a favore delle mansioni soggette a tale modalità di outsourcing aumenta per ciò stesso, e proprio nella misura in cui consegue i propri obiettivi in termini di miglioramento delle qualifiche professionali, il numero dei lavoratori passibili di subire le conseguenze negative dei processi di delocalizzazione, quando tali lavoratori siano occupati in mansioni agevolmente trasferibili. Paradossalmente risultano meno esposti alla concorrenza internazionale i lavoratori poco specializzati, che occupano posizioni per loro natura non trasferibili (Blinder, 2005). Si è già osservato come alcune mansioni nel campo dei servizi alla persona, delle pulizie, dei trasporti siano per definizione locali. Già in passato, in un articolo scritto per il centenario del New York Times come se scrivesse nel 2096, Krugman (2006, p.1) aveva attirato l attenzione sui rischi che potevano derivare da una offerta eccessiva di lavoratori specializzati nella cosiddetta economia della conoscenza: ultimately an economy must serve consumers - and consumers don't want information, they want tangible goods. A world awash in information will be a world in which information per se has very little market value. Anche Blinder (2006) ha sottolineato come la domanda di beni materiali sia destinata ad aumentare anche nei paesi emergenti. Il ritmo di espansione della domanda di informazione potrebbe invece risultare più lento rispetto all offerta. Come osserva Baldwin (2006, p. 42) If ten 18

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Silvio Beretta, L India, la globalizzazione, gli altri e noi

Silvio Beretta, L India, la globalizzazione, gli altri e noi Silvio Beretta, L India, la globalizzazione, gli altri e noi 1) L intervento che svolgerò è anch esso, come quelli di chi mi ha preceduto, interno al tema generale globalizzazione. E inizio con il sottolineare

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

India: come rilanciare crescita e occupazione

India: come rilanciare crescita e occupazione India: come rilanciare crescita e occupazione ECONOMIA di Stefano Chiarlone L India cresce a un tasso in grado di ridurre sensibilmente la povertà. Ma per mantenere questo ritmo occorre superare una serie

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Outline Che Cosa è la globalizzazione? Flussi commerciali Flussi di capitali Flussi di persone. La globalizzazione

Outline Che Cosa è la globalizzazione? Flussi commerciali Flussi di capitali Flussi di persone. La globalizzazione Andrea F. Presbitero E-mail: a.presbitero@univpm.it Pagina web: www.dea.unian.it/presbitero/ Dipartimento di Economia Università Politecnica delle Marche Corso di Economia dello Sviluppo 1 Che Cosa è la

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Divergenze P. Gautry, capo economista

Divergenze P. Gautry, capo economista 2015 Divergenze P. Gautry, capo economista Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com www.ubp.com La crescita

Dettagli

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2 La Russia e il modello standard «modificato» 1/2 La Russia era una delle regioni più arretrate d Europa ancora a metà del Ottocento Lo Zar Alessandro II per modernizzare il paese e stimolare la crescita

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9//22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Politiche commerciali: Libero scambio vs. protezionismo

Politiche commerciali: Libero scambio vs. protezionismo Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Politiche commerciali: Libero scambio vs. protezionismo Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Le vie commerciali dell antica Roma Tre quesiti

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori ITALIA Il PIL pro capite ha continuato a contrarsi, collocandosi ben al di sotto della media superiore dell OCSE. Nonostante un aumento dell intensità di capitale, la crescita della produttività del lavoro

Dettagli

1,25 dollari al giorno. Il mondo sotto la soglia

1,25 dollari al giorno. Il mondo sotto la soglia 1,25 dollari al giorno. Il mondo sotto la soglia 1,25 dollari al giorno. Il mondo sotto la soglia Vincenzo Comito L'andamento della povertà nel mondo: le nuove misure della Banca Mondiale e di altre istituzioni

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

UN MERCATO SENZA LAVORO PER I GIOVANI?

UN MERCATO SENZA LAVORO PER I GIOVANI? NOTA ISRIL ON LINE N 14-2013 UN MERCATO SENZA LAVORO PER I GIOVANI? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it UN MERCATO SENZA LAVORO PER I GIOVANI?

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Lo scenario economico internazionale

Lo scenario economico internazionale Il recente andamento del commercio internazionale e la posizione dell Italia La marcata espansione del commercio internazionale è un aspetto decisivo dell attuale fase dell economia mondiale. Nell ultimo

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO Corso di Economia Monetaria e Regolamentazione Internazionale Prof. Andrea Filippo Presbitero Federica Catalani Anastasia Zenobi a.a 2009/2010 1 Introduzione: Questo

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale SOMMARI0 QUATTRO Lezione del 24 0ttobre 2005. 1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale Il lavoro come fattore di produzione. La politica del lavoro presenta una diversa dimensione rispetto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE

III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE III PROBLEMI STRUTTURALI E TENDENZE III.1 Crescita: produttività e competitività I problemi dell Italia hanno radici profonde, che superano la congiuntura sfavorevole degli ultimi anni. Il processo di

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

L ITALIA NELL ECONOMIA- MONDO DEL XXI SECOLO. Giuseppe Marotta Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin Modena 24/03/2011

L ITALIA NELL ECONOMIA- MONDO DEL XXI SECOLO. Giuseppe Marotta Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin Modena 24/03/2011 L ITALIA NELL ECONOMIA- MONDO DEL XXI SECOLO Giuseppe Marotta Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin Modena 24/03/2011 Marotta - Modena 24/03/2011 2 Dai BRIC agli STIM ai GGG: nuovi acronimi per

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 Crescita in economia aperta Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 1 Globalizzazione= riduzione della rilevanza economica dei confini nazionali (in contrapposizione

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I. Il sistema monetario internazionale: evoluzione storica. Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp.

Finanza Aziendale Internazionale I. Il sistema monetario internazionale: evoluzione storica. Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp. Finanza Aziendale Internazionale I Il sistema monetario internazionale: evoluzione storica Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp. 3 e 5 A) Il sistema monetario internazionale e la finanza aziendale

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

Riassunto Tesi di Laurea Sul Capitale Umano nello Sviluppo Economico dell India.

Riassunto Tesi di Laurea Sul Capitale Umano nello Sviluppo Economico dell India. Riassunto Tesi di Laurea Sul Capitale Umano nello Sviluppo Economico dell India. Fra il 1500 e il 1870 l India è stato uno dei paesi più ricchi al mondo, per poi impoverirsi nel Novecento. Durante i due

Dettagli

Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti?

Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti? Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti? Di Riccardo Faini, Jonathan Haskel, Giorgio Barba Navaretti, Carlo Scarpa, and Christian Wey Sintesi del rapporto Nel

Dettagli

Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza

Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza Esportare la Dolce Vita 2014 il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati alessandra lanza riservato e confidenziale 5 maggio 2014 esportare la dolce vita 1 Esportare la Dolce Vita il progetto cos è

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Argentina

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Argentina L impatto della crisi finanziaria internazionale in Argentina A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 16 - Ottobre 2010 ABSTRACT - La crisi economica del 2008 ha colto l Argentina

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Approfondimento Diritto e attività agricola europea

Approfondimento Diritto e attività agricola europea Approfondimento Diritto e attività agricola europea La globalizzazione Il termine globalizzazione indica, in primo luogo, il processo economico, sociale, politico e culturale attraverso il quale i mercati

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) - World Employment and Social Outlook 2015. The Changing Nature of Jobs ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale La prima edizione del nuovo

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406.

Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. Massimo Florio, Network Industries and Social Welfare. The Experiment that Reshuffled European Utilities, Oxford University Press, 2013, pp. V-406. 1. Il volume Network Industries and Social Welfare è

Dettagli