UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE ED AZIENDALI M.FANNO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE A VOLTE RITORNANO. BACK-SHORING: TREND PASSEGGERO O INVERSIONE DI TENDENZA? RELATORE: CH.MO PROF. Alvisi Alberto LAUREANDA: Mantovani Giovanna MATRICOLA N ANNO ACCADEMICO

2 Indice Introduzione... 3 Situazione mondiale... 7 I dati macroeconomici... 7 Il data base: Uni-CLUB MoRe Back-shoring Il contesto italiano La storia del fenomeno Cause e motivazioni del back-shoring I problemi legati all offshoring I benefici apportati dal back-shoring Conclusioni Bibliografia Sitografia

3 Introduzione Negli ultimi anni stiamo assistendo alla crescita di un fenomeno che sta prendendo piede in numerosi settori, da quello dell abbigliamento e delle calzature a quello meccanico, elettronico e delle forniture, e che coinvolge tutta la filiera produttiva, dalle materie prime al prodotto finito. Spesso, infatti, si leggono all interno di riviste economiche e di rapporti ufficiali predisposti da aziende di consulenza, termini come on-shoring, re-shoring, back-shoring, in-shoring, reverse-shoring ecc., però solo da pochi anni il fenomeno ha attirato l attenzione degli accademici. All interno del testo utilizzerò il termine più usato e più rappresentativo che è il cosiddetto back-shoring. Il fenomeno analizzato consiste nel rimpatrio di parte dei processi produttivi oppure, in casi più rari, dell intera filiera. Secondo Holz (2009), la prima persona ad avere pubblicamente utilizzato il termine back-shoring fu Michael Fields, ex presidente di Oracle USA, nel corso di un intervista con il Fortune Magazine. Tuttavia la prima vera definizione del fenomeno sembra essere stata quella proposta dallo stesso Holz (2009, 156), secondo il quale il back-shoring consiste nel trasferimento geografico di un operazione funzionale e a valore aggiunto da una struttura situata all estero alla nazione d origine dell impresa. (Fratocchi, et al., 2013b). Ovviamente nel corso del tempo sono state date molte definizioni al fenomeno, ma quella che descrive meglio e in maniera più approfondita la realtà è stata proposta da Fratocchi et al. Secondo questi autori, il rimpatrio della produzione è una strategia aziendale volontaria riguardante il ri-trasferimento totale o parziale di attività ad alto valore aggiunto per incontrare sia la domanda globale che quella regionale di prodotti preesistenti o nuovi e che può appoggiarsi su modelli di governance interni (controllati) e/o esterni (outsourcing). Se inizialmente si trattava solo di casi isolati, il back-shoring è diventato una vera e propria tendenza a partire dai primi anni della crisi economica. Come si vedrà all interno del testo, i dati disponibili sono ancora piuttosto scarsi. La mancanza di dati affidabili deriva fondamentalmente da due ragioni: in primo luogo le cessioni di precedenti investimenti esteri diretti hanno subito un impennata in seguito all inizio della crisi finanziaria, quindi si tratta di un fenomeno relativamente recente; in secondo luogo queste cessioni sono spesso percepite come dei meccanismi di correzione degli errori, e le imprese preferiscono non rendere disponibili dati riguardanti queste operazioni per evitare di ammettere di aver commesso gravi errori nelle precedenti strategie. (Fratocchi, et al., 2013b). Inoltre, essendo l unità di analisi del back-shoring spesso al di sotto della dimensione di fabbrica, coinvolgendo principalmente 3

4 la dimensione prodotto se non addirittura la dimensione componente, i dati secondari pubblici sono molto difficili se non impossibili da ottenere. (Gray et al., 2013, 31). Nel mio elaborato, quindi, utilizzerò i dati presenti nel data base Uni-CLUB MoRe Back-shoring sviluppato dal gruppo di ricerca Uni-CLUB, nato dalla collaborazione tra le Università dell Aquila, di Udine, di Catania, di Bologna, di Modena e di Reggio Emilia. Sebbene le testimonianze ad oggi raggiungano le 376 unità, non sono disponibili analisi aggiornate che suddividano per periodo, settore e paese ospitante, specialmente per quanto riguarda il caso italiano. Pertanto ho ritenuto più opportuno condurre una ricerca approfondita basandomi su tabelle di dati risalenti al 2013 che riescono meglio a inquadrare le varie sfaccettature del fenomeno. Esaminando la tabella 1, si nota come questo fenomeno stia diventando di importanza sempre più rilevante. Le strutture produttive lasciate si situano soprattutto in Cina dove il numero totale raggiuge le 164 unità a partire dagli anni 80. A seguire troviamo le altre regioni asiatiche, l Europa orientale, l Europa occidentale, l America centrale e meridionale e da ultimo il Nord America con soli 4 casi fino al Inoltre, si può notare come il numero dei casi empirici sia diventato consistente a partire dal 2007, continuando a crescere negli anni successivi. La tabella riportata non include tutti i casi del 2013, poiché è stata presentata al 115th International Academy of Management and Business (IAMB) a Lisbona ad Aprile I casi di back-shoring del 2013, come si può vedere in Figura 7, sono 75. Tabella 1: Analisi del back-shoring evidenziando host country e periodo. Year China Asia (other Eastern Western Central & North than China) Europe Europe South America America Total 80s s Total Fonte: Uni-CLUB MoRe Back-shoring 4

5 Le motivazioni che spingono al cambiamento di rotta sono tante e colpiscono tutte le aree dell attività aziendale. I numerosi autori di testi accademici ne hanno individuate molte, ma, come riportato da Fratocchi et al. (2014), le ragioni principali che inducono le imprese a rimpatriare la produzione sono legate principalmente al fatto che le attività inizialmente delocalizzate stanno deludendo le aspettative o che i vantaggi stimati si stanno deteriorando con il tempo. Ovviamente la decisione di rimpatriare deve essere esaminata con molta attenzione. Possono essere stati molti gli investimenti effettuati al fine di delocalizzare la produzione e questi variano a seconda dell entry mode adottato. Quindi, imprese che si sono insediate in un territorio estero attraverso un acquisizione saranno più propense a rilocalizzare in maniera più veloce rispetto a quelle che hanno scelto di creare e costituire una filiale ex novo. Questo è dovuto al fatto che gli investimenti necessari per acquisire una struttura già operativa sono inferiori rispetto a quelli necessari per insediarsi in un nuovo territorio e creare una struttura ex novo. Non è ancora chiaro se questo fenomeno sia legato alla crisi finanziaria. Alcuni autori dicono che le due cose non sono perfettamente correlate, altri ammettono che la crisi finanziaria possa aver agito come acceleratore dei processi di back-shoring. Nel seguito analizzerò anche questo aspetto e i dati disponibili al riguardo. Si assiste, quindi, a un ritorno alle origini dovuto alla necessità di maggior controllo, qualità superiore, riduzione dei tempi di consegna ecc. Lo scopo di questo testo è di mettere in luce le cause di questo fenomeno e analizzarne i benefici individuati dalle aziende interessate. La ricerca sarà eseguita attraverso un analisi della letteratura di riferimento, lo studio di business cases riferiti a diversi settori (moda e lusso, nautica, arredamento, automotive) e di dati macroeconomici e statistici (es. UniCLUB More Back-shoring) disponibili da fonti pubbliche. Il testo si divide in due sezioni principali. Nella prima sezione vengono analizzati ed interpretati i dati macroeconomici e statistici riguardanti l argomento oggetto di studio. Questo permette di comprendere ed inquadrare il fenomeno, fornendo un background per la successiva analisi dei casi concreti. Si nota, infatti, come le dinamiche globali influenzino le decisioni aziendali in materia di back-shoring. Nella seconda sezione, in seguito ad una breve parte inerente alla storia del fenomeno, mi dedicherò all esposizione delle cause e motivazioni che hanno portato numerose aziende al rimpatrio della produzione. Saranno analizzati i 5

6 problemi legati all off-shoring, dovuti soprattutto ad un errata valutazione dei costi. All interno di questa sezione analizzerò anche cinque business cases che fanno riferimento ad aziende italiane operanti in diversi settori industriali ma accomunate da una costante ricerca di esclusività ed innovazione. Concluderò il testo riassumendo gli elementi principali analizzati, muovendo alcune critiche e fornendo alcuni punti aperti per ulteriori analisi. 6

7 Situazione mondiale I dati macroeconomici Per una corretta interpretazione del trend emergente del back-shoring, diventa indispensabile fornire un analisi di alcuni dati macroeconomici legati al fenomeno. Le imprese, infatti, nel prendere le decisioni inerenti alla loro attività aziendale, fanno riferimento al contesto a cui appartengono. Uno studio recente legato al processo di off-shoring delle aziende tedesche rileva che un azienda su sei decide di tornare in patria dopo soli quattro anni. Un altro sondaggio riguardante le imprese manifatturiere inglesi dimostra che la produzione delocalizzata tra il 2008 e il 2009 nel 14% dei casi è rientrata. Sembra, quindi, che il fenomeno del back-shoring stia diventando un vero e proprio trend, dovuto al fatto che molte imprese si stanno rendendo conto che non sempre la delocalizzazione è la scelta più azzeccata. Nel panorama mondiale notiamo, infatti, che qualcosa sta cambiando. Questo riguarda soprattutto il paese che maggiormente attirò i nostri imprenditori per i grossi vantaggi che proponeva, ovvero la Cina. I salari cinesi stanno aumentando in maniera piuttosto significativa, in particolar modo nelle aree di Shangai e Tianjin, dove si raggiunge un incremento del 15-20% annuo. La produttività dei lavoratori, però, non si adegua a questa crescita, a causa di una mancanza di investimenti in tecnologia e formazione della forza lavoro. Altri problemi, legati al rafforzamento dello yuan, ai costi logistici, alle difficoltà dovute al fuso orario, alla scarsa tutela della proprietà intellettuale e alla complessità burocratica, stanno riducendo i benefici della delocalizzazione. (Cappellini, 2011) Secondo quanto riportato dall International Labour Organisation, i salari reali asiatici sono aumentati del % annuo tra il 2000 e il 2008, mentre nelle economie avanzate sono saliti solo dello 0.5% - 0.8% annuo. Inoltre, secondo uno studio condotto dall Hay Group, i salari del senior management in paesi come Cina, Turchia e Brasile hanno raggiunto un livello pari, se non superiore, a quelli del senior management in America e in Europa. Per quanto riguarda i salari reali del settore manifatturiero, se in America sono scesi del 2.2% a partire dal 2005, in Cina sono aumentati del 10% annuo tra il 2000 e il 2005, per poi subire un impennata del 19% annuo tra il 2005 e il 2010 (Boston Consulting Group). Il governo 7

8 cinese, per di più, ha stabilito un target pari a +13% per gli incrementi annuali del salario minimo fino al (The Economist, 2013) Viene automatico pensare che un aumento nei salari sia dovuto ad un maggior potere contrattuale dei lavoratori e a condizioni meno restrittive da parte del governo cinese. Le aspirazioni dei lavoratori cinesi stanno crescendo, rendendoli meno disposti a lavorare per tante ore all interno delle fabbriche con mansioni ripetitive e alienanti. Inoltre, una nuova legge sul lavoro, introdotta nel 2008, assicura più protezione ai lavoratori, includendo il diritto ad un contratto indeterminato dopo un anno di occupazione. I lavoratori, in breve, stanno diventando sempre più consapevoli dei loro diritti e questa consapevolezza ha causato una forte ondata di scioperi con conseguenti concessioni da parte dei datori di lavoro. Come riportato in Figura 1, notiamo che la media salariale annua del settore manifatturiero cinese continua progressivamente ad aumentare, riducendo sempre di più il divario salariale tra Oriente ed Occidente. Inoltre, secondo quanto riportato in un documento del Boston Consulting Group, Sirkin et al. hanno predetto che il costo del lavoro cinese nel 2015 si aggirerà intorno al 69% del corrispondente costo americano, mentre nel 2010 questa proporzione era solamente al 31%.( Fratocchi, et al.,2013a) Figura 1: Media salariale annua del settore manifatturiero cinese Fonte: National Bureau of Statistics of China Come possiamo notare anche in Figura 2, il costo del lavoro in Cina si sta progressivamente alzando, e secondo le previsioni potrebbe diventare notevolmente superiore a quello degli altri paesi meno sviluppati, come India e Messico. 8

9 Figura 2: Indice del costo dell outsourcing Fonte: AlixPartners Se è vero che in Cina sta crescendo notevolmente il costo del lavoro, esistono però paesi in via di sviluppo, come Bangladesh e Vietnam, dove il costo della manodopera è ancora molto basso. Sebbene possa sembrare conveniente spostare la produzione in paesi che presentano salari ancora più bassi di quelli cinesi, bisogna ricordare che la crescita salariale dipende, almeno in parte, dalla produttività del lavoro, pertanto paesi caratterizzati da bassi livelli salariali potrebbero presentare livelli di produttività altrettanto bassi. Analizzando la Figura 3, infatti, si nota come la maggior parte delle nazioni ha assistito ad una crescita continuativa dei salari reali medi negli ultimi dieci anni seguita da una crescita della produttività del lavoro del 2-4% annuo. In Cina, invece, i salari sono aumentati velocemente ma in maniera più rapida rispetto all aumento della produttività. Questo è dovuto al forte aumento dell occupazione all interno del settore privato e alla migrazione dalla campagna alla città. Al contrario, in India, Sri Lanka e nelle Filippine la crescita salariale risulta minore rispetto all aumento della produttività. Vediamo come, soprattutto nelle Filippine, l aumento percentuale della produttività supera di gran lunga l aumento dei salari. Questa caratteristica dipende dal fatto che molte persone sono passate da avere un lavoro pagato in nero ad un regolare lavoro retribuito. In questo modo la manodopera nel mercato ufficiale del lavoro è aumentata, mantenendo bassa la crescita dei salari. (The Economist, 2011) 9

10 Figura 3: Salari e produttività nei mercati del lavoro asiatici. Fonte: Asian Development Bank In conclusione, non bisogna considerare esclusivamente l aumento del costo del lavoro come motivazione per un operazione di rimpatrio. Anche altri fattori stanno giocando a favore di questo trend mondiale, primo fra tutti l aumento del costo legato alla logistica. Quando si decide di delocalizzare la produzione è necessario tenere in considerazione la localizzazione del proprio mercato di vendita. Il continuo incremento del costo del carburante (si è passati dai 20 dollari al barile nel 2000 ai 100 dollari di oggi) sta comportando un aumento considerevole dei costi di trasporto per le aziende che producono all estero, ma vendono i prodotti principalmente in patria o in regioni attigue. Quindi, se da un lato si registra un risparmio in termini di costo del lavoro, dall altro il continuo aumento dei costi logistici rende meno conveniente la delocalizzazione. Inoltre, i tempi di consegna delle merci da paesi situati oltreoceano sono molto lunghi, arrivando persino a 4-5 mesi dall emissione dell ordine. Per un impresa che ricerca un livello di servizio elevato e un alto grado di flessibilità queste tempistiche potrebbero comportare un grave ostacolo al perseguimento delle proprie finalità. Si può includere all interno dei fattori che favoriscono un processo di back-shoring anche il lento, ma progressivo rafforzamento dello yuan che sta spaventando notevolmente gli imprenditori occidentali. Se si analizza la situazione italiana, i dati riguardanti la produttività del lavoro in Italia sembrano incoraggianti per le imprese del Belpaese. Da quanto riportato in Figura 4, si nota come la produttività sia incrementata notevolmente negli ultimi due anni, dando segni positivi alle imprese che stanno optando per un operazione di back-shoring. (Trading Economics) 10

11 Figura 4: Produttività italiana: da Gennaio 2010 a Gennaio 2014 Fonte: National Institute of Statistics (ISTAT) Questo aumento potrebbe essere dovuto in parte all incremento dell automazione, che assicura una maggiore rapidità nella produzione. Infatti, investire in automazione in patria piuttosto che all estero ha circa lo stesso costo, con il vantaggio però che, investendo in patria, è possibile risparmiare sui costi logistici e di coordinamento e controllo che sarebbero necessari a mantenere le strutture offshore. Bisogna ricordare anche che, come dice Luciano Fratocchi, (Fratocchi L., 2014), i posti di lavoro che si recuperano non sono uguali, né per quantità, né per professionalità, a quelli che si erano persi originariamente con la delocalizzazione. Inoltre, a causa del continuo aumento del tasso di disoccupazione italiano, i lavoratori non facenti parte di sindacati sono disposti ad accettare un salario più basso rispetto a quello che ricevevano una decina di anni fa. Come dimostra il grafico riportato in Figura 5, i salari hanno subìto una brusca caduta nel 2012 per poi riprendere a crescere piuttosto lentamente nel corso dei due anni successivi. (Trading Economics) Figura 5. Indice salariale orario nel settore manifatturiero italiano Fonte: National Institute of Statistics (ISTAT) 11

12 Purtroppo, però, il costo del lavoro per le imprese italiane continua a salire a causa dell alta pressione fiscale. L aumento non va a beneficio dei lavoratori, ma costituisce i cosiddetti costi non salariali, ovvero tasse a carico dei dipendenti e dei datori che non si traducono in aumenti nei salari. (Gamba, 2014) Figura 6. Costo del lavoro italiano Fonte: National Institute of Statistics (ISTAT) Tuttavia, nonostante il maggiore costo del lavoro, sempre più aziende italiane tendono a privilegiare una filiera corta e controllata, che permetta loro di essere sempre a conoscenza dell avanzamento dei processi produttivi, garantendo la qualità dei beni prodotti e mantenendo un livello di servizio elevato. Inoltre, la vicinanza dei processi e il go to market più breve, consentono tempi di risposta ai cambiamenti più rapidi, una flessibilità maggiore e la possibilità di sfruttare al meglio le opportunità. Il data base: Uni-CLUB MoRe Back-shoring Uni-CLUB MoRe Back-shoring è un gruppo di ricerca nato dalla collaborazione tra cinque Università italiane. L acronimo CLUB MoRe indica le iniziali delle Università di Catania, L Aquila, Udine, Bologna, Modena e Reggio Emilia. I dati raccolti provengono da varie fonti, che includono a) riviste e quotidiani internazionali b) white papers pubblicati dalle più famose multinazionali di consulenza c) motori di ricerca disponibili in rete d) studi accademici esistenti. Il data base contiene 376 testimonianze. Con riferimento ai dati raccolti fino al 2012, le operazioni effettuate erano in tutto 294, ma provenivano solamente da 254 aziende. Vi è una discrepanza tra il numero totale delle imprese e il numero effettivo di operazioni, in quanto 25 12

13 imprese (il 9.8%) hanno effettuato più di un operazione di back-shoring. Secondo quanto rivelano i dati, inoltre, gli Stati Uniti risultano essere il paese più attivo in questo fenomeno, con una quota pari al 47% dei casi analizzati. Successivamente troviamo l Italia con il 21%, seguita dalla Germania con il 10%. A livello europeo, l Italia detiene il primo posto per quanto riguarda il numero delle operazioni con una quota pari al 60% dei processi di backshoring. Questa distribuzione delle quote è coerente con il peso delle industrie manifatturiere all interno dei diversi paesi. Infatti, gli USA sono l economia manifatturiera più grande al mondo, mentre Germania e Italia sono rispettivamente la prima e la seconda manifattura più importante dell Unione Europea. Se vogliamo stilare una classifica dei Paesi interessati dal back-shoring prima fra tutte troviamo la Cina con il 59% dei casi, seguita dagli altri paesi asiatici e dall Europa dell Est, entrambi con il 12% dei casi. Com è prevedibile, mentre le testimonianze riguardanti l Asia provengono in ugual misura da imprese americane ed europee, i casi di back-shoring provenienti dall Europa orientale riguardano esclusivamente aziende dell Europa occidentale. Tabella 2: Analisi dettagliata tenendo in considerazione il paese di origine e quello ospitante (dati 2014: Manufacturing reshoring: is it an opportunity for European companies, Fratocchi L.) Home country Host Country Europe North A. Asia Total I D UK F NL E N S CH FIN SLO USA CDN J SK Taiwan China Asia (other than China) Eastern Europe Western Europe Central & South America North Africa & Middle East Japan 3 3 North America Oceania 1 1 Total

14 Fonte: Uni-CLUB MoRe Back-shoring Research Group Andando ad analizzare il periodo nel quale queste operazioni sono state effettuate, notiamo che il fenomeno si è sviluppato notevolmente negli ultimi sei anni: precisamente, circa il 57% delle operazioni sono collocate negli ultimi quattro anni, mentre, andando più nel dettaglio, si può verificare che nell 84% dei casi l operazione è stata attuata a partire dall inizio della crisi finanziaria. Figura 7: Analisi dettagliata tenendo in considerazione il periodo nel quale è avvenuto il processo di back-shoring. (Dati 2014: Manufacturing reshoring: is it an opportunity for European companies, Fratocchi L.) Fonte: Uni-CLUB MoRe Back-shoring Research Group Il contesto italiano Per approfondire maggiormente l analisi del fenomeno nel nostro Paese, occorre introdurre ulteriori informazioni. Le operazioni analizzate dal data base, aggiornate al 2014, sono in totale 79. Non vi è dubbio che siano di più quelle realmente effettuate, tuttavia, a causa del fatto che spesso questo fenomeno viene interpretato come un meccanismo di correzione degli errori, molte imprese sono restie nel comunicare le decisioni di back-shoring in quanto significherebbe ammettere di aver commesso errori di valutazione in precedenza. 14

15 A causa della mancanza di analisi dettagliate aggiornate inerenti alla situazione italiana, esaminerò i dati raccolti da Uni-CLUB MoRe Back-shoring aggiornati al Le testimonianze italiane raccolte fino ad allora erano in totale 68. Cominciando con un analisi dettagliata per settore, si può notare una predominanza di operazioni nel settore tessile e delle calzature, con un numero di casi pari a 31, dei quali quattordici provenienti dalla Cina, nove dagli altri paesi asiatici e otto dall Europa orientale. Il settore in questione è altamente vulnerabile alla concorrenza straniera, ed è per questo motivo che molte imprese italiane decisero di delocalizzare la produzione in aree dove erano presenti bassi salari e manodopera non qualificata, principalmente quindi in Asia e in Europa orientale. Occorre evidenziare, anche, che un numero significativo di operazioni di back-shoring (10 su 31), all interno del settore tessile e calzaturiero, è stato attuato precedentemente alla crisi finanziaria, come si vede in Tabella 4. Questa caratteristica sembra denotare una scarsa correlazione tra il fenomeno oggetto di studio e la crisi globale. Sembra, infatti, che la decisione di rimpatriare sia dovuta soprattutto a decisioni manageriali errate, piuttosto che a fenomeni esterni come la crisi. Tabella 3: casi italiani: analisi dettagliata evidenziando il settore e il paese ospitante. Industry China Asia ( Eastern other Western North Europe than Europe America Total China) Clothing & footwear Mechanical Home furnishing Biomedical Appliances Electric 2 2 Electronic Food & beverage 1 1 Automotive Total Fonte: Uni-CLUB MoRe Back-shoring 15

16 Tabella 4: casi italiani: analisi dettagliata evidenziando l anno e il settore. # of Industry evidences Clothing & footwear Mechanical Home furnishing Biomedical Appliances Electric Electronic Food 1 1 Automotive Total Fonte: Uni-CLUB MoRe Back-shoring La crisi finanziaria, tuttavia, potrebbe aver agito come acceleratore dei processi di backshoring, in quanto i processi di off-shoring precedenti alla crisi sembrano essere durati più a lungo rispetto ai più recenti. Per quanto riguarda l intervallo di tempo tra l iniziale decisione di off-shoring e la successiva decisione di back-shoring, sembra che il range vari tra un minimo di 1 anno e un massimo di 19 anni per quanto riguarda le imprese italiane, risultato molto differente rispetto all indagine condotta sulle imprese tedesche. In quest ultimo mercato, infatti, per ogni 6 operazioni di offshoring 4 operazioni ritornano in patria nei 4-5 anni successivi, supportando l ipotesi che questi cambiamenti di rotta siano delle correzioni di breve periodo rispetto a valutazioni errate riguardanti la decisione di delocalizzazione della produzione. Non sembra, invece, che siano reazioni di lungo periodo all emergere di nuove tendenze di sviluppo regionali.(kinkel & Maloca, 2009) Riprendendo il caso italiano, per tornare in patria dal territorio asiatico si impiegano da 1 a 6 anni, mentre dall Europa dell Est da 7 a 19 anni. Questo risultato potrebbe contraddire, ad onore del vero, la convinzione che i processi di back-shoring siano esclusivamente dei 16

17 meccanismi di correzione degli errori a breve termine. Sembra, infatti, che le aziende italiane decidano di tornare in patria per garantire maggiore qualità al prodotto e per controllare con maggiore attenzione i processi produttivi. Come vedremo in seguito, anche il made-in effect gioca un ruolo importante nella scelta di rimpatrio. La storia del fenomeno Gli anni novanta sono stati caratterizzati da una forte integrazione economica e dalla liberalizzazione del commercio. Ne sono la prova due trattati, il Trattato di Maastricht del 1992 e il North American Free Trade Agreement (NAFTA) del 1994, e la costituzione del World Trade Organization (WTO), avvenuta nel Questi hanno permesso una maggiore integrazione dei mercati facilitando il commercio tra i diversi stati. L integrazione e la liberalizzazione del commercio sono stati facilitati dai miglioramenti nella memoria, nella velocità di clock dei computer e nella maggiore lunghezza di banda permessa dalla tecnologia di fibra ottica. (Leibl, Morefield, & Pfeiffer, 2011) Data l apertura dei mercati, le imprese si sono trovate a competere in un contesto molto eterogeneo. L ottica cui si mirava non era più quella nazionale, ma quella globale. Per tenere il passo con imprese di dimensioni maggiori e che quindi sfruttavano le economie di scala, molte piccole e medie imprese italiane hanno dovuto trasferire la produzione in aree dove il costo del lavoro fosse più basso. Questo avrebbe permesso loro di risparmiare in termini di costo per unità e quindi riuscire a sopravvivere alla forte concorrenza estera. Bisogna anche tenere conto che il rigido sistema di tassazione italiano e gli incentivi proposti nei paesi di destinazione hanno giocato un ruolo favorevole per l operazione di off-shoring. Perciò la tendenza a delocalizzare la produzione da paesi con elevati costi del lavoro, come Europa occidentale e Stati Uniti, a paesi con costi del lavoro più bassi ha preso piede proprio in questo periodo. Purtroppo, però, la maggior parte delle decisioni di delocalizzazione è stata presa senza avere una corretta visione di tutti i costi e dei rispettivi benefici che queste operazioni comportavano. Trovando quindi l off-shoring più problematico di quello che si aspettavano, molte aziende hanno deciso di fare dietrofront e quindi hanno scelto di rimpatriare tutta o parte della produzione trasferita all estero. La prima testimonianza italiana del fenomeno del back-shoring risale al 2004 con il caso Belfe. L impresa, operante nel settore dell abbigliamento, dopo aver delocalizzato la produzione in Cina e in altri Paesi del Sud Est asiatico negli anni 90, nel 2004 decise di attuare un operazione cosiddetta ibrida, 17

18 ovvero che associa tratti del back-shoring a tratti del near-shoring. Quest ultimo consiste nel trasferimento totale o parziale della produzione non in patria, ma in una nazione confinante oppure fisicamente più vicina rispetto alla precedente. Belfe, infatti, decise di servirsi di fornitori italiani, greci e rumeni. Occorre attendere, però, ancora alcuni anni affinché il fenomeno diventi d importanza consistente. Solo negli ultimi tre anni, infatti, il termine backshoring o re-shoring sta diventando di uso comune, riempiendo le testate giornalistiche e impegnando numerosi accademici. Che sia solamente un fenomeno passeggero o che sia una vera e propria inversione di tendenza non possiamo ancora saperlo, ma si prevedono ancora numerosi rientri dovuti alle ragioni che presenterò nella prossima sezione del testo. 18

19 Cause e motivazioni del back-shoring La situazione mondiale, analizzata nella prima parte del testo, riguardante i dati macroeconomici e statistici, costituisce un ottimo strumento da usare nella presentazione delle cause e motivazioni del fenomeno oggetto di studio. Infatti, le problematiche legate all incremento nel costo del lavoro cinese, all aumento dei costi logistici, alla perdita di flessibilità dovuta ai lunghi tempi di attesa hanno un importanza cruciale nelle scelte delle imprese. Queste ultime, oltre ad analizzare la situazione aziendale, studiano e s interessano a quello che succede a livello nazionale e globale. I problemi legati all offshoring Esistono molte definizioni per il termine off-shoring. Viene definito come un tipo di outsourcing che va al di là dei confini della nazione (Leibl, Morefield, & Pfeiffer, 2011). Secondo Fratocchi et al. (2013c), l off-shoring consiste nel trasferimento transfrontaliero di operazioni, precedentemente eseguite all interno della nazione di origine dell impresa, in località distanti e mira a servire sia il mercato locale sia quello globale. Per alcuni, invece, l off-shoring non viene considerato un modo per avere accesso al mercato nel quale vanno ad insediarsi gli stabilimenti produttivi. Secondo quanto riportato nel white paper sviluppato da Accenture (2011), con il termine off-shoring si intende il trasferimento dei processi produttivi all estero pur continuando a vendere i prodotti finiti nel mercato locale in patria. Sostanzialmente è l atto che separa la produzione e le operazioni inerenti alla filiera dalla domanda. Questa manovra, quindi, si differenzia dalla decisione strategica di delocalizzare la produzione per avere accesso ad un nuovo mercato. (Accenture, 2011) Sebbene alcune definizioni possano essere discordanti, possiamo affermare che lo scopo principale dell off-shoring sia quello di ridurre il più possibile i costi di produzione, sfruttando non solo i bassi salari, ma anche risorse meno costose, come le materie prime, le utenze, i servizi ecc. Secondo Ferdows (1997) questa è stata una delle strategie più comuni adottate dalle imprese per creare e mantenere un vantaggio competitivo sostenibile. Come riportato in Figura 8, i produttori analizzati dallo studio condotto da Accenture nel 2011, hanno citato cinque motivazioni principali che li hanno spinti a delocalizzare la 19

20 produzione scegliendo specifiche aree. Queste motivazioni si focalizzano sul costo del lavoro, sulla prossimità al cliente/mercato, sulla disponibilità di forza lavoro a basso costo, sul sistema di tassazione e sui costi di trasporto. Nella scelta di una determinata località incidono anche il sistema normativo locale, le capacità sviluppate dai fornitori che risultano essere tipiche della regione in cui ci si insedia, gli incentivi messi a disposizione dal governo e anche i tassi di cambio. Figura 8: Percentuali riguardanti le motivazioni principali che hanno spinto le imprese americane a delocalizzare. Labor costs Proximity to the customer/market Skills of workforce Taxes Transportation costs Government regulations Unique regional supplier capabilities Government incentives Currency exchange rates Other 5% 12% 45% 44% 37% 31% 24% 61% 67% 74% Fonte: Manufacturing s Secret Shift, Gaining Competitive Advantage By Getting Closer To the Customer, Accenture (2011) I problemi si presentano, tuttavia, quando vi è una scarsa conoscenza del mercato in cui si decide di insediarsi, quando le distanze fisiche e culturali sono molto marcate e quando vi è il rischio di comportamenti opportunistici da parte del personale del posto. Di conseguenza aumentano i costi di transazione e di coordinamento necessari a controllare e monitorare lo svolgimento delle attività. (Kinkel & Maloca, 2009) Per di più la maggior parte delle aziende, al momento della decisione di delocalizzazione, non valuta il costo totale del trasferimento della produzione, ma bensì quelle componenti di costo che per loro natura sono più facilmente calcolabili, poiché incidono direttamente sul costo del prodotto finito. Vengono tralasciate, invece, componenti che seppur avendo un impatto 20

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli