L importanza della chirurgia dei turbinati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L importanza della chirurgia dei turbinati"

Transcript

1 Cattedra di Otorinolaringoiatria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Foggia L importanza della chirurgia dei turbinati Pasquale Cassano

2 FILTRARE RISCALDARE UMIDIFICARE STERILIZZARE FUNZIONI DEL NASO RISUONATORE DIFESA RESPIRATORIA OLFATTORIA

3 Clearance muco-ciliare

4 EPITELIO COLONNARE PSEUDOSTRATIFICATO CILIATO MEMBRANA BASALE Linfoide Ghiandolare LAMINA PROPRIA Vasale (Sinusoidi cavernosi)

5 Istopatologia del turbinato ipertrofico Arch Otolaryngol Head Neck Surg Jun;132(6): The histopathology of the hypertrophic inferior turbinate. Berger G, Gass S, Ophir D. OBJECTIVE: To analyze the quantitative and qualitative characteristics of the hypertrophic inferior turbinate (IT). DESIGN: A prospective, non randomized, controlled, morphometric study. SETTING: University-affiliated hospital.subjects Seventeen patients with refractory IT hypertrophy and 12 with normal ITs. INTERVENTIONS: Twenty ITs were removed from patients with refractory IT hypertrophy and 14 from patients with normal ITs. MAIN OUTCOME MEASURES: The soft tissue and bony elements and the relative proportions of the soft tissueconstituents of the hypertrophic and normal ITs were measured and compared. The Bonferroni correction was used to adjust for multiple comparisons. Qualitative assessment was performed to assess possible pathologic changes in all IT tissues. RESULTS: The hypertrophic ITs were significantly wider. The medial mucosal layer, which thickened from a mean +/- SD of / mm to / mm(p</=.001), made the greatest contribution to the total increase in the width of the IT (64.4%). The enlargement in width of the lateral mucosal layer from 0.91+/ mm to /- 031 mm was of borderline statistical significance. The portion of the medial, lateral, and inferior layers of the lamina propria that houses inflammatory cells enlarged significantly in patients with IT hypertrophy compared with healthy control subjects. The relative proportion of the connective tissue, sub mucosal glands, and arteries remained unchanged, whereas that ofvenous sinusoids increased significantly in all aspects of the hypertrophic mucosa. Fibrosis, inflammation, and engorged venous sinusoids were noted in hypertrophic ITs, yet there was no evidence of tissue destruction. CONCLUSION: Understanding the histopathology of the hypertrophic IT is imperative for the development and management of IT reduction surgery.

6 Istopatologia del turbinato ipertrofico Rhinology 2006; 44(4):234-8 Chronic inferior turbinate enlargment and the implication for surgical intervention Farmer SE, Eccles R. Sarebbe più corretto parlare di Allargamento del turbinato in quanto non vi è evidenza di ipertrofia cellulare ma solo di iperplasia cellulare, edema tissutale e congestione vascolare

7 COSA FARE? Dottore, non respiro bene con il naso?

8 1) DIAGNOSI

9 Rinomanometria Anteriore Attiva

10

11

12 Ipertrofia dei turbinati inferiori Turbinato inferiore normale Turbinato inferiore ipertrofico Riniti allergiche: Cause allergiche specifiche Rinopatie vasomotorie: Cause aspecifiche: variazioni di temperatura o di umidità, impiego di farmaci vasocostrittori e variazioni ormonali 5/15 Ostruzione cronica delle fosse nasali: Cause anatomiche: ipertrofia adenoidea, deviazione del setto e iperplasia della bolla etmoidale

13 Ipertrofia dei turbinati La diagnosi di ostruzione nasale da ipertrofia dei turbinati può essere posta solo dopo esclusione di alterazioni strutturali (deviazione del setto nasale, atresie congenite più o meno accentuate, stenosi cicatriziali post-chirurgiche, ecc.) o patologie neoformative (poliposi nasale, tumori maligni, ecc.).

14 Terapia medica La terapia medica è particolarmente indicata nelle patologie vasomotorie allergiche o comunque cito-dipendenti

15 Terapia medica Int J Immunopathol Pharmacol Jan-Mar;26(1): The role of nasal cytology in the management of inferior turbinate hypertrophy. Cassano M, Maselli Del Giudice A, Russo G, Russo L, Ciprandi G. Department of Otorhinolaryngology, University of Foggia, Foggia Italy. Abstract Inferior turbinate hypertrophy (ITH) is the main cause of nasal obstruction symptom. This study aimed at investigating whether a particular cellular pattern could be a predictive factor for failure of medical treatment for ITH in patients with rhinitis. Globally, 258 patients with chronic nasal obstruction due to ITH were evaluated by: visual analogue scale assessment of symptoms, skin prick tests, fiber-endoscopy, active anterior rhinomanometry, and nasal cytology. All patients were treated with drugs for 3 months and then re-evaluated. The symptom improvement depended on the different cellular pattern. There was improvement in: 54 (51.4 percent) patients with allergic rhinitis, 72 (69.2 percent) with non-allergic rhinitis with neutrophils (NARNE), 15 (42.8 percent) with non-allergic rhinitis with eosinophils (NARES), and 9 (64.3 percent) with non-allergic rhinitis with mast cells/non-allergic rhinitis with eosinophils and mast cells (NARMA/NARESMA). The non-responders (108; 41.9 percent) were therefore directed towards surgical treatment. Both patients with allergic rhinitis and patients affected by NARES had a higher failure rate to medical treatment compared with NARMA and NARESMA groups (pless than0.01). In conclusion, elevated number of eosinophils, in the nasal secretion of both allergic (allergic rhinitis) and non-allergic (NARES) patients with ITH, can be associated to a higher medical treatment failure rate.

16 Prognosi citologica nell ipertrofia dei turbinati OBIETTIVO Valutare se un particolare infiltrato cellulare in soggetti con rinite allergica o non allergica cellulomediata,è predittivo di un fallimento della terapia medica e quindi conduce con maggiore probabilità ad una risoluzione chirurgica Cassano M et al, 2012

17 Prognosi citologica nell ipertrofia dei turbinati Anamnesi con symptom score RAA Prick test Rinofibroscopia Citologia nasale 258 pazienti con ipertrofia dei turbinati inferiori Cassano M et al, 2012

18 Prognosi citologica nell ipertrofia dei turbinati 258 pazienti con ipertrofia dei turbinati inferiori 105 (40.7%) Rinite allergica 35 (13.6%) NARES 104 (40.3%) NARNE 8 (3.1%) NARMA 6 (2.3%) NARESMA 153 (59.3%) Rinite non allergica cellulo-mediata Cassano M et al, 2012

19 Prognosi citologica nell ipertrofia dei turbinati 258 pazienti con ipertrofia dei turbinati inferiori Terapia medica di almeno tre mesi con : Antistaminici per via generale (levocetirizina 1/die) Corticosteroidi topici (mometasone furoato 2/die) Anticolinergici (Ipratropium bromide 2/die in caso di abbondante rinorrea) Cassano M et al, 2012

20 Symptom score prima del trattamento Nasal Obstruction Itching Rhinorrhea Sneezing Nasal Cytology ALLERGIA NARES NARMA/NARESMA NARNE TOTAL Median Min Max Median Min Max Median Min Max Median Min Max Cassano M et al, 2012

21 Symptom score post- trattamento Nasal Cytology ALLERGIA NARES NARMA/NARESMA NARNE TOTAL Median Nasal Obstrucion Min Max Median Itching Min Max Median Rhinorrhea Min Max Median Sneezing Min Max Cassano M et al, 2012

22 RAA pre e post-trattamento Cassano M et al, 2012

23 Percentuale di fallimento terapeutico nelle sottoclassi citologiche Il confronto statistico (chi-quadro e diseguaglianza di Bonferroni) tra i gruppi Allergy e Nares con gli altri gruppi facevano emergere una differenza statisticamente significativa (p<0.01) Cassano M et al, 2012

24 Correlazione lineare di Pearson tra resistenze RAA pre e post trattamento

25 Prognosi citologica nell ipertrofia dei turbinati CONCLUSIONI La citologia nasale può essere utile per definire una prognosi del trattamento medico dell ipertrofia dei turbinati La presenza di una elevata quota di eosinofili nel paziente con rinite allergica o con rinite non allergica (NARES) è accompagnata da una maggiore probabilità di fallimento della terapia medica I risultati dell esame citologico tuttavia non devono indurci a by-passare la terapia medica ma servono per chiarire al paziente le possibilità di risoluzione. Cassano M et al, 2012

26 Punto di non ritorno Fallimento della terapia medica

27 Indicazione alla chirurgia

28 Istopatologia del turbinato ipertrofico Arch Otolaryngol Head Neck Surg Jun;132(6): The histopathology of the hypertrophic inferior turbinate. Berger G, Gass S, Ophir D. OBJECTIVE: To analyze the quantitative and qualitative characteristics of the hypertrophic inferior turbinate (IT). DESIGN: A prospective, non randomized, controlled, morphometric study. SETTING: University-affiliated hospital.subjects Seventeen patients with refractory IT hypertrophy and 12 with normal ITs. INTERVENTIONS: Twenty ITs were removed from patients with refractory IT hypertrophy and 14 from patients with normal ITs. MAIN OUTCOME MEASURES: The soft tissue and bony elements and the relative proportions of the soft tissueconstituents of the hypertrophic and normal ITs were measured and compared. The Bonferroni correction was used to adjust for multiple comparisons. Qualitative assessment was performed to assess possible pathologic changes in all IT tissues. RESULTS: The hypertrophic ITs were significantly wider. The medial mucosal layer, which thickened from a mean +/- SD of / mm to / mm(p</=.001), made the greatest contribution to the total increase in the width of the IT (64.4%). The enlargement in width of the lateral mucosal layer from 0.91+/ mm to /- 031 mm was of borderline statistical significance. The portion of the medial, lateral, and inferior layers of the lamina propria that houses inflammatory cells enlarged significantly in patients with IT hypertrophy compared with healthy control subjects. The relative proportion of the connective tissue, sub mucosal glands, and arteries remained unchanged, whereas that ofvenous sinusoids increased significantly in all aspects of the hypertrophic mucosa. Fibrosis, inflammation, and engorged venous sinusoids were noted in hypertrophic ITs, yet there was no evidence of tissue destruction. CONCLUSION: Understanding the histopathology of the hypertrophic IT is imperative for the development and management of IT reduction surgery.

29 EPITELIO COLONNARE PSEUDOSTRATIFICATO CILIATO MEMBRANA BASALE Linfoide Ghiandolare LAMINA PROPRIA Vasale (Sinusoidi cavernosi)

30 TECNICHE CHIRURGICHE Turbinectomia totale Turbinectomia parziale Turbinoplastica Elettrocauterizzazione Coaugulazione intraturbinale Decongestione sottomucosa dei turbinati Laser (Argon Plasma, Nd:YAG NEODIMIO-YAG, Diodi, CO2, KTP) Radiofrequenze Neurectomia del n.vidiano

31 Terapia Chirurgica A. Interventi extramucosi demolitivi Turbinectomia totale/subtotale Turbinectomia parziale (turbinotomia, decorticazione del turbinato) Trimming extramucoso con microdebrider ( microabrasion ) B. Interventi extramucosi di superficie Diatermocoagulazione (elettrocauterizzazione) Chemocauterizzazione (cauterizzazione chimica) Criochirurgia Laserchirurgia Argon Plasma C. Interventi extramucosi di riposizionamento Lateralizzazione (lussazione laterale, lateral outfracture ) Conco-antropessia D. Interventi sottomucosi Turbinectomia sottomucosa (resezione sottomucosa del cornetto osseo) Turbinoplastica (decongestione sottomucosa) : Iniezione di corticosteroidi Iniezione di sostanze sclerosanti Diatermocoagulazione Laserchirurgia Radiofrequenza Coblation Microdebrider

32 OBIETTIVO DELLA CHIRURGIA DEI TURBINATI Diminuire il disturbo preservando la funzione APPROCCI CHIRURGICI RADICALI L allargamento indiscriminato del lume nasale non e sinonimo di respirazione nasale ottimale

33 Interventi EXTRAMUCOSI

34 TURBINECTOMIA TOTALE Rimozione totale del turbinato VANTAGGI Effetti nel miglioramento della respirazione immediati SVANTAGGI Emorragie post-operatorie 5-8% Croste nasali, a volte anche dopo mesi, Sinechie 6-12% Possible rinite atrofica Secchezza nasale e cefalea Sintomatologia ostruttiva paradossa EMPTY NOSE SYNDROME Tecnica dannosa

35 TURBINECTOMIA PARZIALE Resezioni orizzontali inferiori Resezioni diagonali Resezioni della testa Resezione della coda Rimodellamento VANTAGGI E SVANTAGGI Simili ma meno marcati di quelli della turbinectomia totale

36 ELETTROCAUTERIZZAZIONE PRIMA METODICA DI TRATTAMENTO DELL IPERTROFIA DEI TURBINATI INFERIORI Cauterizzazione della parete mediale in direzione rostro caudale Heider e crusel 1845 Von Bruns e Volotolini (corrrenti galvaniche) Oggi mono e bipolare VANTAGGI SVANTAGGI Basso rischio di sanguinamento peri e post operatorio Necrosi e fibrosi tissutale Facile e rapida esecuzione Atrofia o metaplasia della mucosa Anestesia locale Perdita apparato ciliare Alterazione della clearance e del TMC Frequenti croste e sinechie turbino-settali Esiti più invalidanti della malattia di partenza

37 ELETTROCAUTERIZZAZIONE Temperatura C Campo elettrico ad alta densità attraverso il tessuto Vaporizzazione dei fluidi intra e extra cellulari Dessicazione e denaturazione del tessuto Necrosi tissutale Profondità 0,6-3,5 mm

38 LASER Turbinectomie parziali o totali e resezioni intraturbinali CO2 Neomidio-Yag Diodi KTP Argon plasma VANTAGGI Buona emostasi Anestesia locale SVANTAGGI Ampie escare e croste con alterazioni a volte irreversibili dell epitelio di rivestimento Diffusa degenerazione della sottomucosa e sostituzione con tessuto di granulazione Alterazione della funzione

39 Interventi SOTTOMUCOSI

40 COAUGULAZIONE INTRATURBINALE Infissione di elettrodi mono o bipolari sottomucosa Corrente elettrica Coaugulazione dei sinusoidi venosi FIBROSI SOTTOMUCOSA SVANTAGGI Risultati limitati nel tempo Difficile valutare l entità dell azione in profondità Secrezione nasale cronica Sanguinamento e croste nel postoperatorio VANTAGGI Facile e rapida esecuzione Anestesia locale Ripetibile

41 DECONGESTIONE SOTTOMUCOSA (Tecnica di Sulsenti) Incisione sulla testa del turbinato Scollamento dei tessuti molli rasente il bordo osseo esteso fino alla coda del turbinato ed evitando lesioni della mucosa Introduzione nel tunnel di pinza weil o microdebrider Rimozione del tessuto erettile in eccesso Eventuale lateralizzazione del turbinato VANTAGGI Buoni risultati a lungo termine Integrità della mucosa SVANTAGGI Sanguinamento A volte tamponamento Anestesia generale TECNICA MAGGIORMENTE CONSIGLIATA IN LETTERATURA

42

43 TURBINOPLASTICA Tecniche che intervengono su osso e parenchima attraverso un numero limitato di incisioni. ANTERIORE: incisione sul margine infero-mediale con sollevamento di flap mucoso, asportazione di osso e parenchima vascolare, accostamento dei lembi PARZIALE INFERIORE: asportazione di cuneo longitudinale della porzione inferiore del turbinato SVANTAGGI Sanguinamento intraoperatorio Anestesia Generale Tamponamento Nasale (?) VANTAGGI Buoni risultati a lungo termine Preservazione dell integrità mucosa

44 Turbinoplastica

45

46 Materiali e metodi 150 Pazienti diagnosi strumentale e citologica pre-trattamento GRUPPO A 75 pz (laser) GRUPPO B 75 pz (turbinoplastica) Diagnosi strumentale citologica a distanza a uno e tre mesi dal trattamento. Obiettivo: valutazione delle modifiche cito-funzionali della mucosa nasale dei pazienti trattati con laser vs pazienti trattati con turbinoplastica a uno e a tre mesi

47 Modificazioni rinomanometriche Cassano M. et al, 2010

48 Trasporto muco-ciliare Cassano M. et al, 2010

49 Cellule ciliate alterate Cassano M. et al, 2010

50 Rapporto mucipare/ciliate Cassano M. et al, 2010

51 Conclusioni La turbinoplastica endoscopica consente una migliore preservazione della mucosa del turbinato inferiore rispetto alla tecnica laser Se associata all out-fracture della porzione ossea consente ottimi risultati funzionali con un ripristino della funzionalità del trasporto muco-ciliare in tempi brevi La laser-terapia, comportando un traumatismo maggiore per la mucosa di superficie dovrebbe essere limitata ai casi in cui non sia consigliabile effettuare l anestesia generale.

52 RADIOFREQUENZE Infissione degli elettrodi Energia a bassa frequenza Lesioni termiche del tessuto ipertrofico intraturbinale Fibrosi e cicatrizzazione Riduzione volumetrica del turbinato VANTAGGI Facile e rapida esecuzione Preservazione della mucosa Anestesia locale Ripetibile nel tempo No tamponamento nasale SVANTAGGI Risultati limitati nel tempo Tecnica piu utilizzata

53 Non tutte le RF sono identiche Spettro delle RF : dalle frequenze audio fino a infrarosso e microonde (10 KHz MHz) NON tutte le apparecchiature a RF in commercio sono tra loro equivalenti. Esse si differenziano per frequenza, tensione e modo di funzionamento (monopolare o bipolare) e nella energia totale inviata al tessuto

54 COBLATION Determina elettrodissociazione Temperature tra i 40 e 70 Immersione elettrodo in film conduttivo Disattivazione prima dell estrazione dal turbinato

55 Coblation Strato di vapore ionizzato o plasma ~ 120 micron Energia ionica utilizzata per rompere i legami molecolari del tessuto Riduzione a gas e ossidi Minima penetrazione termica micron

56 Confronto Coblation - Bovie Coblation Diatermia - Dissociazione molecolare -Vaporizzazione cellulare Centigradi Centigradi - Bipolare -Generalmente monopolare - Danno termico limitato -Danno termico importante

57 Diatermia a confronto con Coblation ECh. convenzionale Coblation

58 TURBINATI

59 Tunnelizzazione dei Turbinati Secondo la dimensione del turbinato si creano due o tre canali Non sovrapporre le lesioni E possibile osservare immediatamente una riduzione volumetrica parziale (MAX 15 gg) Turbinates

60 Riduzione dei Turbinati Una rapida ripresa della respirazione normale per pazienti affetti da ipertrofia dei turbinati. Dolore e formazione di croste minima determina una elevata tollerabilità da parte dei pazienti La rapidità dell intervento riduce il fastidio Il piccolo punto di inserimento aumenta la precisione e il controllo Procedura ideale per la SO o per l ambulatorio Turbinates

61 DECONGESTIONE/ABLAZIONE SOTTOMUCOSA DEI TURBINATI

62 Riduzione dei turbinati ReFlex Ultra 45

63 Protocollo Chirurgico arthrocare La consolle riconosce tutti i manipoli. Per il ReFlex Ultra 45 imposta i valori su: 4 Ablazione e 2 Coagulo Entrare nel turbinato a pedale premuto fino all ultima tacca sul Wand Si esegue un trattamento retrogrado a tre step con ablazione per 10 sec. per ogni step ottenendo (ma tratt.a la demande ) Si ottengono almeno tre lesioni per tunnel generato (si fanno due tunnel paralleli)

64 Riduzione dei Turbinati Fino al 50% di riduzione dell ostruzione nasale entro la prima settimana dal trattamento. Rafforzamento della riduzione a 3, 6 e 12 mesi Soddisfazione del paziente che si incrementa nel tempo. I punteggi della VAS evidenziano un continuo miglioramento dei sintomi a 3, 6 e 12 mesi Bäck LJJ, Hytönen ML, Malmberg HO, Ylikoski JS. Submucosal bipolar radiofrequency thermal ablation of inferior turbinates: A long-term follow-up with subjective and objective assessment. The Laryngoscope 2002; 112:

65 Riduzione dei turbinati Pre-OP Immediate Post-OP After 1-2 days After 1 week After 3-4 weeks

66 COMPARAZIONE Sistemi basati su COBLATION Temperature Da 40 C C a 70 C Sistemi elettrochirurgici Convenzionali: elettrobisturi Più di 400 C Profondità danno termico Effetto sui tessuti target Effetti sui tessuti circostanti Minima Rimozione delicata, dissoluzione Minima dissoluzione Profonda Rapido riscaldamento, carbonizzazione, bruciatura, taglio Bruciatura e carbonizzazione non sotto controllo

67 COMPARAZIONE Sistemi basati su COBLATION Sistemi elettrochirurgici Convenzionali: Laser CO2 e a DIODI Temperature Da 40 C C a 70 C Fino a 400 C Profondità danno termico Minima Profonda Effetto sui tessuti target Rimozione delicata, dissoluzione Rapido riscaldamento con carbonizzazione. Effetti sui tessuti circostanti Minima dissoluzione Bruciatura e carbonizzazione

68 ALTRI GENERATORI DI RADIOFREQUENZE Ellman Surgitron Celon CelonLab ENT Somnus

69 NEURECTOMIA DEL NERVO VIDIANO (Tecnica totalmente extraturbinale) Legatura del nervo (soppressione dell attività parasimpatica) Transantrale, Transsettale, Transpalatale. Miglioramento della rinorrea immediato. Alto rischio di complicanze (sanguinamento)

70 TECNICHE Complicanze intraoperatorie Complicanze Post-operatorie Efficacia nel tempo Elettrocauterizzazione Turbinectomia Turbinoplastica Laser Coaugulazione intraturbinale Decongestione sottomucosa Radiofrequenze costi

71 TECNICHE CHIRURGICHE MUCOSA Elettrocauterizzazione Turbinectomia Turbinoplastica Laser SOTTOMUCOSA Coaugulazione intraturbinale Decongestione sottomucosa Radiofrequenze

72 METODO SOTTOMUCOSO PRECISA E MIRATA CONDOTTA CHIRURGICA Riduzione del tessuto erettile patologico e deconnessione innervazione secretivo-vasomotoria Rispetto della mucosa nasale Rispetto delle formazioni ghiandolari annesse Conservazione della vascolarizzazione ed innervazione Riduzione volumetrica del turbinato ragionevole TECNICHE MAGGIORMENTE CONSIGLIATE

73 LETTERATURA Non esiste metodica ideale Tutte hanno complicanze a breve o lungo termine RICERCA CLINICA PROGRESSO TECNOLOGIA REALI BENEFICI PER IL PAZIENTE

74 LETTERATURA Dal 1965 ad oggi circa 700 lavori

75 LETTERATURA Riporta i risultati della chirurgia dei turbinati su 382 pazienti assegnati in maniera randomizzata alle seguenti terapie: -Elettrocauterizzazione (62) -Crioterapia (58) -Causticazione con laser (54) -Resezione submucosa senza out-fracture (69) -Resezione submucosa con out-fracture (94) -Turbinectomia (45) Follow-up da 1 a 4 anni con: Rinomanometria Rinometria acustica Tempo di trasporto mucociliare Symptom score IgA secretorie CONCLUSIONE: La resezione submucosa con out-fracture consente i migliori risultati in termini di aumento del flusso respiratorio, mantenimento della funzionalità respiratoria nasale e basse conplicanze

76 STUDI COMPARATIVI Comparative study of the effects of submucosal cauterization of the inferior turbinate with or without outfracture Antonio Celso Nunes Nassif FilhoI; Comparative study on the long-term effectiveness between coblation- and microdebrider-assisted partial turbinoplasty. Lee JY, Lee JD. Comparison of chemical cautery (AgNo3) and steroid spray against SMD (submucosal diathermy) in the treatment of symptomatic inferior turbinate hypertrophy (ITH). Kafle P Comparison of long term results after Ho:YAG and diode laser treatment of hyperplastic inferior nasal turbinatesronald Sroka, PhD 1 *, Philip Janda, Comparison of microdebrider-assisted inferior turbinoplasty and submucosal resection for Children with hypertrophic inferior turbinates Yu-Lin Chen Comparison of radiofrequency tissue volume reduction and submucosal resection with microdebrider in inferior turbinate hypertrophy Zeynep Kizilkaya,MD

77 Mancanza di trials clinici randomizzati controllati Cochrane Database Syst Rev Dec 8;(12):CD Inferior turbinate surgery for nasal obstruction in allergic rhinitis after failed medical treatment. Jose J, Coatesworth AP. BACKGROUND: Allergic rhinitis is a highly prevalent disease that results from an IgE-mediated hypersensitivity reaction of the nasal mucosa to inhaled allergens. It is primarily treated by allergen avoidance and medical treatment, but when these measures fail to control symptoms then surgery to the inferior turbinates of nose is often performed. It is unclear whether these procedures are beneficial in the long term or indeed whether the risks outweigh the benefits. OBJECTIVES: To assess the effectiveness of inferior turbinate surgery on unrelieved or partially relieved nasal obstruction in patients after maximal medical treatment of proven allergic rhinitis, to compare the results using different surgical techniques and to measure short and longterm results. SEARCH STRATEGY: We searched the following databases from their inception for published, unpublished and ongoing trials: the Cochrane Ear, Nose and Throat Disorders Group Trials Register; the Cochrane Central Register of Controlled Trials (CENTRAL) (The Cochrane Library 2010, Issue 2); PubMed; EMBASE; CINAHL; LILACS; KoreaMed; IndMed; PakMediNet; CAB Abstracts; Web of Science; BIOSIS Previews; CNKI; mrct (Current Controlled Trials); ClinicalTrials.gov; ISRCTN; ICTRP (International Clinical Trials Registry Platform); Cambridge Scientific Abstracts; Google and additional sources for published and unpublished trials. We modelled subject strategies for databases on the search strategy designed for CENTRAL. The date of the most recent search was 6 July SELECTION CRITERIA: Randomised controlled trials of inferior turbinate surgery versus continued medical treatment for proven allergic rhinitis, or comparisons between one technique of inferior turbinate surgery versus another technique, after maximal medical treatment. DATA COLLECTION AND ANALYSIS: Both authors independently screened the search results and assessed the full text of potentially relevant studies. We attempted to contact trial authors for additional information. MAIN RESULTS: There were no studies that fulfilled the inclusion criteria of the review. AUTHORS' CONCLUSIONS: This review highlights the need for randomised controlled trials to evaluate the role of inferior turbinate surgery for nasal obstruction in allergic rhinitis after failed medical treatment. Future trials needs to be rigorous in design and delivery, separate adults from paediatric patients, not combine allergic with non-allergic patients and last long enough to determine long-term results and complications.

78 Mancanza di trials clinici randomizzati controllati 3. Laryngoscope Sep;119(9): Surgical management of adult inferior turbinate hypertrophy: a systematic review of the evidence. Batra PS, Seiden AM, Smith TL. Section of Nasal and Sinus Disorders, Head and Neck Institute, Cleveland Clinic OBJECTIVES/HYPOTHESIS: The evidence-based medicine (EBM) schema advocates critical appraisal of the scientific literature for treatment of diseases. The objective of this review was to analyze the role of surgery for symptomatic adult inferior turbinate hypertrophy (ITH) by focusing on the following question: In adults with nasal airway obstruction (NAO) from documented ITH having failed medical therapy, does inferior turbinate surgery improve disease-specific quality of life, symptoms, and/or objective parameters with minimum 6-month follow-up?. STUDY DESIGN: Evidence-based review. METHODS: Articles for inclusion were identified by query of appropriate search terms in the PubMed database. The articles were reviewed independently by two authors and assigned an evidence level based on standard EBM guidelines. RESULTS: The search yielded 514 abstracts for review, retrieved 143 abstracts for full review, and included 96 articles in the report. The majority of the articleswere assigned level 4 (75) or level 5 (18) evidence. One report was assigned level 1 and two reports were assigned level 2. Median number of patients reported was 50 (range, 1-533). Subjective assessment parameters were reported in 80 studies. Objective parameters were evaluated in 36 studies, including acousticrhinometry or rhinomanometry (26) and mucociliary function (8). Overwhelming data supported efficacy of surgery for NAO from ITH with positive results reported in 93 studies. CONCLUSIONS: The literature provides considerable level 4 and 5 evidence for efficacy of surgery for adult symptomatic ITH. Given the paucity of level 1 and 2 data, future studies should focus on prospective studies with matched control groups for comparison.

79

80

81

82 MALATTIE CON DIFETTO DELLA CLEARANCE MUCO-CILIARE CONGENITE A) SINDROME DI KARTAGENER B) MUCOVISCIODOSI C) SINDROME DELLE CIGLIE IMMOBILI ACQUISITE A) FLOGOSI RINOSINUSALI CRONICHE B) FLOGOSI VIRALI ACUTE C) RINITE ALLERGICA D) POLIPOSI NASALE E) IPERYROFIA ADENOIDEA

83 RINOPATIE VASOMOTORIE - iter diagnostico - ANAMNESI (familiare, socio-ambientale, personale) TESTS CUTANEI RAST siero TPN SPECIFICO ESAME RINOLOGICO RINOCITOGRAMMA + - rinopatia vasomotoria non allergica eosinofila rinopatia vasomotoria distonica

84 RINOCITOGRAMMA Tecnica dello scraping : campioni di mucosa nasale mediante raschiamento (curette di plastica) Colorazione con la metodica di Giemsa Lettura per campi Studio della composizione della cellularità nel secreto nasale ed in particolare valutazione dell eosinofilia (significativa se > 20 % in tre conte successive)

85 DI COSA ABBIAMO BISOGNO? Microscopio ottico Nikon E600 con funzione a contrasto di fase Microscopio ottico Nikon E500 con funzione a contrasto di fase

86 DI COSA ABBIAMO BISOGNO?

87 SCRAPING

88 Rhino Probe

89 SCRAPING

90 PREPARAZIONE DEL VETRINO

91 PREPARAZIONE DEL VETRINO

92 COLORAZIONE DI MAY GRUNWALD S GIEMSA May Grunwald s puro 3 May Grunwald s diluito 1/1 6 Acqua distillata 1 Giemsa diluito 1/10 30

93 CITOLOGIA NASALE c.ciliate c.mucipare spore neutrofili plasmacellula batteri

94 Prognosi citologica nell ipertrofia dei turbinati OBIETTIVO Valutare se un particolare infiltrato cellulare in soggetti con rinite allergica o non allergica cellulomediata,è predittivo di un fallimento della terapia medica e quindi conduce con maggiore probabilità ad una risoluzione chirurgica Cassano M et al, 2012

95 Prognosi citologica nell ipertrofia dei turbinati Anamnesi con symptom score RAA Prick test Rinofibroscopia Citologia nasale 258 pazienti con ipertrofia dei turbinati inferiori Cassano M et al, 2012

96 Prognosi citologica nell ipertrofia dei turbinati 258 pazienti con ipertrofia dei turbinati inferiori 105 (40.7%) Rinite allergica 35 (13.6%) NARES 104 (40.3%) NARNE 8 (3.1%) NARMA 6 (2.3%) NARESMA 153 (59.3%) Rinite non allergica cellulo-mediata Cassano M et al, 2012

97 Prognosi citologica nell ipertrofia dei turbinati 258 pazienti con ipertrofia dei turbinati inferiori Terapia medica di almeno tre mesi con : Antistaminici per via generale (levocetirizina 1/die) Corticosteroidi topici (mometasone furoato 2/die) Anticolinergici (Ipratropium bromide 2/die in caso di abbondante rinorrea) Cassano M et al, 2012

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

CENTRO TERAPIA DEL DOLORE DOTT. S. ADILARDI DOTT. P. SEBASTIANO

CENTRO TERAPIA DEL DOLORE DOTT. S. ADILARDI DOTT. P. SEBASTIANO CENTRO TERAPIA DEL DOLORE DOTT. S. ADILARDI DOTT. P. SEBASTIANO Approccio conservativo per la decompressione percutanea discale cervicale NUCLEOPLASTICA IL DISCO INTERVERTEBRALE Struttura Anulus fibroso:

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Trattamento chirurgico delle emorroidi

Trattamento chirurgico delle emorroidi Decision making Trattamento chirurgico delle emorroidi Riccardo Annibali Proctologo, Milano Legare, tagliare, dilatare, magari congelare : questo il titolo di un articolo apparso su Lancet alcuni anni

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Semplice, veloce ed economica:

Semplice, veloce ed economica: GYN 30-6 05/2013-IT Semplice, veloce ed economica: ansa unipolare SupraLoop sec. BRUCKER/MESSROGHLI per l isterectomia laparoscopica sopracervicale (LASH) Ansa unipolare SupraLoop sec. BRUCKER/MESSROGHLI

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 L unità AUTOCON II 80 è un elettrobisturi ad alta frequenza compatto e potente che convince

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale

La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale La nucleoplastica percutanea a coblazione nel trattamento dell ernia discale lombare e cervicale G.Bonaldi Neuroradiologia Osp. P. Giovanni XXIII - Bergamo Storia della chirurgia miniinvasiva del disco

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Guida a PubMed a cura di Renato Fianco, Biblioteca della Sezione di Psichiatria e Psicologia Clinica

Guida a PubMed a cura di Renato Fianco, Biblioteca della Sezione di Psichiatria e Psicologia Clinica Guida a PubMed a cura di Renato Fianco, Biblioteca della Sezione di Psichiatria e Psicologia Clinica Introduzione Che cos è un database? Una base di dati o database o DB è una collezione organizzata di

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Prodotto Isi Web Knowledge

Prodotto Isi Web Knowledge Guida pratica all uso di: Web of Science Prodotto Isi Web Knowledge acura di Liana Taverniti Biblioteca ISG INMP INMP I prodotti ISI Web of Knowledge sono basi di dati di alta qualità di ricerca alle quali

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER L'ANESTESIA NEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE NEUROMUSCOLARI

RACCOMANDAZIONI PER L'ANESTESIA NEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE NEUROMUSCOLARI A cura di F. Racca, T. Mongini, N. Passoni RACCOMANDAZIONI PER L'ANESTESIA NEI PAZIENTI AFFETTI DA MALATTIE NEUROMUSCOLARI In collaborazione con Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Onlus Sezione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli