futuri Gilda Flaccavento Nunzio Romano 2edizione mista Corso di scienze per la scuola secondaria di primo grado con MULTIBOOK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "futuri Gilda Flaccavento Nunzio Romano 2edizione mista Corso di scienze per la scuola secondaria di primo grado con MULTIBOOK"

Transcript

1 futuri Gilda Flaccavento Nunzio Romano 2edizione mista Corso di scienze per la scuola secondaria di primo grado con MULTIBOOK

2 Coordinamento editoriale: Claudia Leante Coordinamento redazionale: Maria Angiola Patriarca Progetto grafico: Studio Mizar, Bergamo Redazione: Tina Locatelli Ricerca iconografica: Imagoteca di Luciana De Riccardis Elaborazione digitale testo e immagini e impaginazione: Studio Mizar, Bergamo Disegni: Daniela Blandino,Bluedit, Graffito, Studio Giancarlo Pennati, Filippo Pietrobon, Andrea Bianchi/Agenzia MIA Copertina: Studio Mizar, Bergamo Foto di copertina: Common frog leaping into water Stephen Dalton/Minden Pictures Stock Photo Agency Referenze iconografiche: Archivio RCS Libri, Archivio Scala, Corbis, Marka, SPL/Contrasto, Shutterstock e inoltre: Look at Sciences-Minden-Phototake-Science& Society-Visual:unlimited-Dennis Kunkel-F.Tomasinelli-M.Brega/TheLighthouse. Per la realizzazione degli inserti Scienziati si diventa: Simona Cerrato, Francesca Petrera, Marta Picciulin, Redazione OggiScienza (Sissa Medialab, Trieste) e inoltre: Alessandro Amato (INGV), Jon Bashor (LBL), Alfred Beran (OGS), Valentina Daelli, Stefano Dal Secco, Paolo Gasparini (IRCCS Burlo Garofolo), Paolo Giubellino (CERN), Margherita Hack, Patrizia Landi (INGV), Rolf Muertter (Biohere), Concetta Nostro (INGV), Pietro Parisse (Elettra), Federica Sgorbissa, Gigi Tomasi, Melania Eva Zanchetta (CBM) Credits degli inserti Scienziati si diventa: CHIMICA- Foto grande apertura: Luca Boarino, Emanuele Enrico (Nanofacility, INRIM) Scienziati si diventa: al centro, Scott Warren and Uli Wiesner, Cornell University; in basso, Swarmbot.org project. Chimico-fisica: pag I: ritratto, Valentina Domenici; schermo a cristalli liquidi, Simona Cerrato; molecola di un cristallo liquido, Valentina Domenici; pag II: molecole tutte allineate, Valentina Domenici; spettro, Valentina Domenici; 2 foto cristalli su Dna, Giuliano Zanchetta; Chimica dei materiali: ritratto, Francesca Maria Toma; attinometro: Sarah Cady; elettrodo nanotubi, Francesca Maria Toma; bus, Tom Page, London; cella solare, Francesca Maria Toma; termogravimetro, Francesca Maria Toma. CIELO: Foto grande di apertura: NASA; scienziati si diventa: foto in alto, A. Schaller (STScI); foto al centro: NASA, ESA, J. Clarke (Boston University), and Z. Levay (STScI); foto in basso: NASA, ESA and P. Kalas (University of California, Berkeley, USA); Astrofisica: pagina I, ritratto e Giulia al lavoro, Giulia Migliori; telescopio Chandra, NASA/CXC/NGST; dipinto di Aurore Simmonet, Aurore Simonnet/Sonoma State University/NASA; pagina II in alto, Galassia Sigaro e Sagittarius A, NASA/CXC/Wesleyan/R.Kilgard et al.; in basso, disegno buco nero, Alain r; scontro tra galassie, X-rayNASA/CXC/IfA/D. Sanders et al; Optical NASA/STScI/NRAO/A.Evans et al. Cosmologo: pagina I, ritratto e Marco al lavoro, Marco Regis; Quintetto di Stephan, NASA, ESA, and the Hubble SM4 ERO Team; materia oscura, NASA/ESA/Richard Massey; pagina II, Via Lattea, Serge Brunier; scontro tra due galassie (al centro), X-ray: NASA/CXC/CfA/M.Markevitch et al.; Optical: NASA/ STScI; Magellan/U.Arizona/D.Clowe et al.; Lensing Map: NASA/STScI; ESO WFI; Magellan/U.Arizona/D.Clowe et al.; le galassie più antiche, NASA, ESA, Y. Izotov (Main Astronomical Observatory, Kyiv, UA) and T. Thuan (University of Virginia); Universo primordiale, WMAP Science Team, NASA. ANIMALI: Foto grande di apertura: Marco Minocci; Scienziati si diventa: foto in alto, Rygel, M.C.; foto al centro, OAR/ National Undersea Research Program (NURP); NOAA; foto in basso, SPL. Etologa: pagina I: ritratto e Lisa al lavoro, Lisa Locatello; foto in alto a destra, Diego Poloniato; pagina II: tutte le foto, Lisa Locatello. Zoologo: tutte le foto, Moreno Di Marco. Partecipa al quiz: dall alto, prima foto, Tom Oates; seconda foto, Simona Cerrato; terza foto, Luca Galuzzi; quarta foto, Fiver Löcker from Wellington, New Zealand; quinta foto, US Fish and Wildlife Service. L Editore si scusa per eventuali omissioni o errori di attribuzione e dichiara la propria disponibilità a regolarizzare. La realizzazione di un libro presenta aspetti complessi e richiede particolare attenzione nei controlli: per questo è molto difficile evitare completamente inesattezze e imprecisioni. L Editore ringrazia sin da ora chi -vorrà segnalarle alle redazioni. Per segnalazioni o suggerimenti relativi al presente volume scrivere a: Direzione Editoriale RCS Libri S.p.A. - Divisione Education Via Rizzoli, Milano fax Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art.68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n.633. Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Corso di Porta Romana n. 108, Milano, Proprietà letteraria riservata ISBN RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione: marzo 2012 Ristampe Stampato presso Rotolito Lombarda, Seggiano di Pioltello (MI)

3 Presentazione del corso Il corso Futuri scienziati è articolato in 3 volumi relativi ai tre anni della scuola secondaria di primo grado. La materia è suddivisa nei seguenti 4 temi: Materia e fenomeni fisici e chimici; La Terra nel Sistema Solare; Struttura, funzione ed evoluzione dei viventi; Uomo, ambiente e società. Le unità che compongono il volume in apertura propongono i CONTENUTI, i PREREQUISITI, gli OBIETTIVI e la rubrica Perché ne parliamo? che motiva lo studente allo studio dell unità. Nelle lezioni, ovvero i paragrafi, le definizioni sono messe in evidenza per facilitare la memorizzazione. Sperimenta guida lo studente nello svolgimento di un esperimento portandolo alla deduzione finale. Osserva accompagna lo studente all osservazione di un dato fenomeno. Lo sai che... Perché? Come fare per... rubriche di approfondimento, curiosità e operatività Le lezioni si chiudono sempre con Rifletti e rispondi, box che propone domande per la verifica immediata dei contenuti III

4 Nella seconda parte dell unità i contenuti vengono ampliati in alcune schede: APPROFONDIAMO, che completa gli argomenti dell unità con un approccio sia teorico sia pratico. IN PASSATO, che propone pagine che curano l aspetto storico delle scienze. SCIENZE E..., pagine di educazione alla salute, alla sicurezza e all ambiente. ENTRA IN LABORATORIO, dove vengono proposti numerosi esperimenti organizzati in step che inducono l alunno a ragionare sui fenomeni. In chiusura di unità: MI PREPARO ALL INTERROGAZIONE: la sintesi di fine unità proposta come una simulazione dell interrogazione a domande e risposte VERIFICHIAMO: pagine che presentano esercizi di verifica delle conoscenze e delle abilità e che, attraverso la rubrica Scienze e Matematica, propongono esercizi specifici che mettono in gioco competenze matematiche in ambito scientifico Gli inserti SCIENZIATI SI DIVENTA... offrono lo spunto per avvicinarsi alle scienze di oggi e di domani attraverso interviste a ricercatori che si raccontano, spiegano in che cosa consiste il proprio lavoro e a che cosa serve, quali sono gli strumenti e le immagini che utilizzano. L inserto propone in apertura temi ancora aperti di attualità della scienza per stimolare la curiosità dello studente e in chiusura brevi domande di comprensione del testo; attività lessicali in lingua inglese completano l inserto. IV

5 Il MULTIBOOK Sulle pagine del volume ric orre spesso il simbolo che rimanda a numerose animazioni interattive presenti nel MULTIBOOK, contenuto nel DVD allegato al corso. Ecco come si presenta il MULTIBOOK per lo studente quando il DVD viene inserito nel computer: Il tuo libro digitale si fa in tre! Nel MULTIBOOK infatti saranno disponibili 3 indici di navigazione: 1. Libro digitale Cliccando sull indice LIBRO si entra nel volume digitale, in cui sono presenti tutte le pagine del testo con pulsanti che attivano contenuti e approfondimenti multimediali e su cui è possibile lavorare con note, matite e zoom grazie agli strumenti posti nella fascia inferiore della schermata. 2. Contenuti multimediali Grazie a un indice che segue la scansione del testo, vengono proposti tutti i contenuti multimediali presenti nel volume organizzati in categorie (video, audio, animazioni e attività) e vengono proposti anche contenuti extra. 3. Immagini La stessa tipologia di indicizzazione è proposta anche per le immagini, sulle quali è inoltre possibile intervenire con appositi strumenti (note, commenti, disegni ecc.). I contenuti digitali presenti nel libro interattivo multimediale sono così organizzati: Lezioni filmate che spiegano e illustrano i contenuti di un argomento specifico dell unità e brevi clip video che animano l iconografia rendendo ancora più chiare ed efficaci le spiegazioni. Esperimenti animati che guidano lo studente nello svolgimento di un esperimento portandolo alla deduzione finale. Osservazioni animate che conducono lo studente all osservazione di un dato fenomeno. Schemi che animano le immagini e le illustrazioni trasformandole in uno strumento di comprensione visiva utile per la memorizzazione dei contenuti. Mi preparo all interrogazione: audioripassi in formato mp3 delle sintesi di fine unità. V

6 Vengono inoltre proposti contenuti digitali per gli inserti SCIENZIATI SI DIVENTA : una videointervista al ricercatore che presenta se stesso e il suo lavoro, la presentazione dell ente di affiliazione e una galleria di immagini commentate. Il MULTIBOOK è personalizzabile perché permette di indicizzare, a seconda delle proprie esigenze, i contenuti multimediali e le immagini in modo da creare librerie tematiche a supporto della lezione. VI Materiali digitali online per lo studente Oltre che su carta e su DVD (MULTIBOOK), il tuo corso di Scienze prosegue anche sul web: sul sito sono disponibili numerosi materiali extra destinati allo studente, a completamento dei contenuti cartacei. Per accedervi basta digitare, nell apposito campo presente in tutte le pagine del sito, il codice che si trova nel volume. È possibile scaricare e salvare i contenuti digitali sul computer in modo da poterli trovare facilmente in qualsiasi momento. Per esplorare i contenuti disponibili, basterà cliccare due volte sul file index.html. Il materiale digitale per lo studente è organizzato in 3 sezioni: Il Museo Virtuale Ideale In un ambientazione grafica spettacolare, viene proposta una visita guidata fra le eccellenze dei Musei nel mondo. Il museo ricostruisce 4 ambienti corrispondenti ai 4 temi delle scienze. In ciascuna sala si troveranno 5 oggetti, scelti nelle collezioni dei Musei di tutto il mondo, che rappresentano i progressi più importanti della scienza e della tecnica in quel campo. Per ciascun oggetto vengono fornite informazioni organizzate in tre categorie: che cos è, dove si trova e perché è importante nella Storia della Scienza. La Cinebiblioteca: organizzata in ambienti tematici, propone una selezione di libri e film a sfondo scientifico adatti a una visione in classe o a casa. Materiali per il ripasso e l approfondimento sui contenuti delle unità: Audioripasso, in formato mp3 Quiz interattivi con punteggio finale Mappe interattive per fare il punto sui contenuti studiati Entra in laboratorio, animazioni di esperimenti e osservazioni utili per l approfondimento Storia delle Scienze, presentazioni animate sulle grandi scoperte e sugli scienziati più famosi Glossario interattivo illustrato

7 Indice Materiali digitali per lo studente Il MULTIBOOK, libro digitale interattivo che accompagna ogni volume del corso, propone numerose animazioni che rendono più vivo e coinvolgente l apprendimento. In sono disponibili: il Museo virtuale ideale la Cinebiblioteca materiali per il ripasso e l approfondimento sui contenuti delle unità: Quiz di verifica interattivi Mappe interattive per fare il punto sui contenuti studiati Entra in laboratorio, animazioni di esperimenti e osservazioni utili per l approfondimento Glossario interattivo illustrato Materia e fenomeni fisici e chimici unità 1 Il moto e le sue caratteristiche 1 In quiete o in moto? 2 Gli elementi caratteristici del moto 4 La misura di queste grandezze 5 Il moto rettilineo uniforme 7 Il diagramma cartesiano del moto rettilineo uniforme 8 Il moto vario 9 Moto vario e velocità media 9 Il diagramma cartesiano del moto vario 10 Il moto accelerato 10 Il moto uniformemente accelerato 12 Il diagramma cartesiano del moto uniformemente accelerato 13 La caduta libera dei corpi 13 Il diagramma cartesiano del moto di caduta libera 15 Approfondiamo Il moto circolare 16 Per misurare la velocità 17 In passato Galileo e la caduta dei corpi 18 La misura del tempo 20 Mi preparo 21 Verifichiamo 22 inserto scienziati si diventa chimico fisica chimica dei materiali VII Indice

8 unità 2 I principi della dinamica 27 Le forze 28 La pressione 29 Composizione di forze 31 Forze e movimento 33 Il primo principio della dinamica 33 Il secondo principio della dinamica 34 Il terzo principio della dinamica 36 Approfondiamo L attrito 38 Entra in laboratorio La resistenza del mezzo 40 Forme idrodinamiche e aerodinamiche 40 In passato Isaac Newton 41 Scienze e sicurezza Velocità, casco e cinture di sicurezza 42 Mi preparo 43 Verifichiamo 44 unità 3 Forze ed equilibrio 47 Forze in equilibrio 48 Come si determina il baricentro di un corpo? 50 L equilibrio dei corpi 51 L equilibrio dei corpi sospesi 51 L equilibrio dei corpi appoggiati 52 Forze ed equilibrio nei liquidi 54 Approfondiamo La spinta aerostatica 57 Entra in laboratorio Misuriamo la spinta di Archimede 58 Mi preparo 59 Verifichiamo 60 unità 4 Le macchine semplici 63 Le leve 64 Vari tipi di leva 67 Leve vantaggiose, svantaggiose e indifferenti 67 Leva di primo genere 68 Leva di secondo genere 69 Leva di terzo genere 69 Il piano inclinato, la vite e il cuneo 70 Approfondiamo La carrucola, una particolare leva 73 Leve nel nostro corpo 74 In passato Archimede, scienziato e inventore 75 Mi preparo 76 Verifichiamo 77 VIII Indice

9 unità 5 La meccanica dei liquidi 81 Caratteristiche di un liquido in quiete 82 Le forze di adesione 83 La pressione idrostatica 85 Liquidi in movimento 87 Approfondiamo La tensione superfi ciale 90 Il torchio idraulico 91 I vasi comunicanti 92 Entra in laboratorio La capillarità 93 La tensione superfi ciale 93 Mi preparo 94 Verifichiamo 95 unità 6 Elementi di chimica 97 Le trasformazioni della materia 98 I mattoni della materia 100 Numero atomico e numero di massa 101 Massa atomica e peso atomico 101 Gli isotopi 102 Elettroni e strati elettronici 103 La tavola periodica degli elementi 104 La tavola Mendeleev 105 I legami chimici 107 Il legame ionico 108 Il legame covalente 109 Il legame metallico 110 La valenza 110 Approfondiamo Gli ultimi elementi della tavola periodica 112 In passato L atomo, da Dalton ai giorni nostri 113 Scienze e salute Elementi per la nostra salute 114 Mi preparo 115 Verifichiamo 116 unità 7 Reazioni e composti chimici 119 Le reazioni chimiche 120 Equazioni e leggi chimiche 122 La legge della conservazione della massa 123 La legge delle proporzioni definite 124 I principali composti chimici 126 Gli ossidi 126 Le anidridi 127 Gli idrossidi o basi 127 Gli acidi 128 I sali 129 IX Indice

10 Sostanze acide, basiche e neutre 131 Approfondiamo Ossidazione e combustione 134 Sintesi, analisi e scambio 135 Entra in laboratorio Una reazione di analisi 136 Una reazione di doppio scambio 136 Una reazione di neutralizzazione 137 Acida, basica o neutra? 138 Mi preparo 139 Verifichiamo 140 unità 8 I composti organici 143 La chimica organica 144 Gli idrocarburi 145 Le materie plastiche 146 Alcoli e acidi carbossilici 146 Carboidrati e lipidi 148 Proteine e acidi nucleici 150 Approfondiamo Il carbonio 151 Il fullerene 152 Entra in laboratorio Le sostanze organiche contengono carbonio 153 La patata contiene amido 153 Mi preparo 154 Verifichiamo 155 La Terra nel Sistema Solare unità 9 Dalle stelle all Universo 157 Stelle e galassie 158 Le stelle 159 Una stella nasce e... muore 160 L Universo: origine e futuro 162 La Via Lattea 165 Approfondiamo Le costellazioni 167 Distanze astronomiche 169 In passato L astronomia, un antica scienza 170 Mi preparo 172 Verifichiamo 173 X Indice

11 unità 10 Il Sistema Solare 175 Il Sole e l origine del Sistema Solare 176 L origine del Sistema Solare 177 Il Sistema Solare: i pianeti 179 Le leggi di Keplero 180 Gli altri corpi del Sistema Solare 182 Approfondiamo Altre ipotesi sull origine del Sistema Solare 185 I pianeti del Sistema Solare 186 Mi preparo 187 Verifichiamo 188 unità 11 La Terra: il nostro pianeta 191 Sulla Terra: paralleli e meridiani 192 Le coordinate geografiche 193 Il moto di rotazione della Terra 194 Il moto di rivoluzione della Terra 196 Il nostro satellite: la Luna 199 L origine della Luna 200 I movimenti, le fasi lunari e le maree 201 Le fasi lunari 202 Le maree 203 Eclissi di Sole e di Luna 204 Approfondiamo I fusi orari 206 Il moto di rotazione della Terra 207 Il Sole a mezzanotte 208 In passato La Terra è piatta o sferica? 209 Mi preparo 211 Verifichiamo 213 inserto scienziati si diventa astrofisica cosmologo Struttura, funzione ed evoluzione dei viventi unità 12 Elementi di ecologia 219 Dall habitat all ecosistema 220 I componenti abiotici di un ecosistema 223 I componenti biotici di un ecosistema 228 Catene e reti alimentari 233 Reti alimentari 235 XI Indice

12 Cicli biogeochimici 236 La piramide ecologica 239 Equilibrio e dinamica degli ecosistemi 241 Approfondiamo La nicchia ecologica 244 Il prato, un ecosistema a noi vicino 245 Scienze e ambiente Un fattore devastante per gli ambienti 246 Aree protette in Italia 247 Mi preparo 248 Verifichiamo 250 unità 13 Biosfera e biomi 253 Le zone climatiche della Terra 254 I grandi ambienti: i biomi terrestri 256 I biomi terrestri 256 I biomi acquatici 262 Il bioma marino 262 Il bioma d acqua dolce 264 Approfondiamo Tra bosco e prateria 266 Scienze e ambiente Per un pianeta malato 267 Mi preparo 268 Verifichiamo 269 Uomo, ambiente e società unità 14 Il sistema uomo 271 Il ciclo vitale dell uomo 272 Struttura generale del corpo umano 274 Dalla cellula all organismo 275 L apparato tegumentario 278 La pelle 278 Gli annessi cutanei 279 Le funzioni della pelle 281 Per la salute dell apparato tegumentario 283 Approfondiamo Melanociti e melanina 286 Scienze e salute Salute e malattia 287 Scienze e sicurezza In caso di emergenza 289 Mi preparo 290 Verifichiamo 292 XII Indice

13 unità 15 L apparato locomotore 295 Il sistema scheletrico: le ossa 296 Le ossa 298 Le articolazioni 300 Lo scheletro 302 Lo scheletro del capo 302 Lo scheletro del tronco 303 Lo scheletro degli arti 304 Le funzioni del sistema scheletrico 305 Per la salute del sistema scheletrico 306 Il sistema muscolare 309 Tipi di tessuto muscolare e muscoli 309 Il lavoro dei muscoli 312 Le funzioni del sistema muscolare 314 Per la salute del sistema muscolare 316 Approfondiamo Formazione e riparazione delle ossa 317 Quali muscoli usiamo per 318 Scienze e salute Impariamo a camminare 320 Mi preparo 321 Verifichiamo 324 unità 16 La nutrizione e l apparato digerente 329 Nutrirsi, un esigenza fondamentale 330 I principi nutritivi 331 Alimenti e fabbisogni 333 I nostri fabbisogni alimentari 333 L apparato digerente 335 Il canale digerente 335 Gli organi annessi: fegato e pancreas 339 Il processo digestivo 340 In bocca la prima digestione 341 La digestione gastrica ed enterica 342 Assorbimento e assimilazione 345 Per la salute dell apparato digerente 347 Approfondiamo Le vitamine 349 Il tuo fabbisogno energetico 350 Scienze e salute Una corretta alimentazione 352 I disturbi alimentari 354 Un pericolo per i denti: la carie 356 Mi preparo 357 Verifichiamo 360 XIII Indice

14 unità 17 L apparato respiratorio 365 Respirare, un continuo bisogno 366 Gli organi dell apparato respiratorio 367 La respirazione 369 La respirazione esterna o polmonare 369 La respirazione interna o cellulare 373 Per la salute dell apparato respiratorio 374 Approfondiamo Capacità polmonare e vitale 375 Fonazione e linguaggio 376 Scienze e salute Il fumo, una pericolosa abitudine 378 Mi preparo 380 Verifichiamo 381 unità 18 Apparato circolatorio e sistema linfatico 383 Il cuore e il ciclo cardiaco 384 Il ciclo cardiaco 385 Vasi sanguigni e sangue 386 Il sangue 387 I gruppi sanguigni 389 La circolazione del sangue 391 Per la salute dell apparato circolatorio 393 Il sistema linfatico 395 Approfondiamo Il fattore Rh 396 Battito cardiaco ed elettrocardiogramma 398 In passato Harvey e Malpighi 399 Mi preparo 400 Verifichiamo 402 unità 19 L apparato escretore 405 Eliminare i rifiuti 406 Gli organi dell apparato renale 407 Le funzioni dell apparato escretore 408 Per la salute dell apparato escretore 410 Approfondiamo Le analisi del sangue e delle urine 412 Scienze e salute Attenzione ai farmaci 413 Mi preparo 414 Verifichiamo 415 inserto scienziati si diventa etologa zoologo XIV Indice

15 In quiete o in moto? Gli elementi caratteristici del moto Il moto rettilineo uniforme Il moto vario Il moto uniformemente accelerato 1 Conoscere le unità di misura delle grandezze fondamentali Conoscere il concetto di rapporto Conoscere i concetti di moto e di quiete Comprendere i concetti di velocità e accelerazione Conoscere e distinguere il moto rettilineo uniforme, vario, uniformemente accelerato e di caduta libera dei corpi Osserva l immagine a fianco. L albero lungo la strada, il cagnolino seduto in attesa del suo padrone, l automobile posteggiata sono fermi o si muovono? Sicuramente non avrai dubbi nel dire che sono fermi. La moto che velocemente si allontana, il ragazzo che sta andando a scuola, l uccellino che vola sopra gli alberi sono corpi fermi o in movimento? Anche in questo caso sai affermare che sono in movimento. Adesso osserva questa immagine. La ragazza sulla scala mobile si muove o è ferma? Non è così semplice rispondere, non credi? E ancora. Guardando le due figure in basso, sai dire con certezza se è stato il cane o il coniglietto a muoversi? Come vedi, non è sempre facile capire se un corpo è fermo o in movimento. Per chiarire i nostri dubbi, occupiamoci allora di quest argomento: il movimento e la quiete. Il moto e le sue caratteristiche Materia e fenomeni fisici e chimici

16 In quiete o in moto? Papà ti ha proposto un bel giretto in automobile e adesso state percorrendo una strada della tua città; sei fermo o ti stai muovendo? Rispetto all automobile o rispetto a papà sei fermo, ma rispetto alla strada ti stai muovendo, e anche rispetto al tuo amico, che ti sta salutando dal marciapiede, ti stai muovendo. Essere fermi o muoversi, cioè la quiete e il moto, sono quindi due concetti relativi nel senso che per renderci conto se ci muoviamo o no dobbiamo fare riferimento a qualcosa che, in quel momento, possiamo considerare fermo. Osserva In queste immagini non riesci a individuare quale dei due ragazzi nella seconda figura risulta essersi mosso. In questo caso, invece, puoi sicuramente stabilire che si è mosso il ragazzo con il casco rosso, perché rispeto alla panchina, che è ferma, è questo ragazzo che risulta aver cambiato posizione. 2 Materia e fenomeni fisici e chimici

17 Questo qualcosa da considerare fermo, la panchina nel nostro esempio, si chiama sistema di riferimento, ed è a esso che dobbiamo sempre riferire le nostre osservazioni sullo stato di quiete o di moto di un corpo. Se prendiamo in esame, ad esempio, il caso della ragazza sulla scala mobile diremo che: Prendendo come sistema di riferimento la scala mobile, la ragazza è in quiete. MULTI BOOK VIDEO Prendendo come sistema di riferimento il ragazzo fermo alla base della scala mobile, la ragazza è in movimento. Possiamo allora definire questi primi due concetti, quiete e moto, dicendo che: Un corpo è in quiete se, rispetto a un certo sistema di riferimento, non cambia la sua posizione nel tempo. Un corpo è in moto se, rispetto a un certo sistema di riferimento, cambia la sua posizione nel tempo. Quando non si parla di un sistema di riferimento particolare, ci si riferisce alla Terra. In effetti, come sai, il nostro pianeta si muove e quindi tutto ciò che è sulla Terra si muove con essa rispetto al Sole, ma poiché noi siamo su di essa, non avvertiamo il suo movimento e quindi possiamo considerarla un sistema di riferimento fisso. Sarà quindi rispetto a essa che parleremo di moto o di quiete di un corpo e che prenderemo in esame i vari movimenti che studieremo. Rifletti e rispondi Che cosa si intende per sistema di riferimento? Quando un corpo in quiete? Quando un corpo in movimento? 3 1 Il moto e le sue caratteristiche

18 Gli elementi caratteristici del moto Quali sono gli elementi che caratterizzano il moto di un corpo? Rispondiamo cercando il modo più preciso di descrivere, ad esempio, il moto del signor Paolo da casa sua alla stazione. Sono in ritardo, farò il percorso più breve, che è lungo 400 m; mantenendo una discreta velocità impiegherò dieci minuti circa. Sicuramente dobbiamo indicare il percorso che il signor Paolo ha effettivamente fatto, cioè la traiettoria del moto, la lunghezza di tale percorso, il tempo complessivamente impiegato e la velocità mantenuta. Viale Via B. Cairoli Via B. Cairoli L.go Rossi dell Università Viale Via delle Bombarde Via Isonzo C.so Via Jules Verne Viale Conti Marche Viale Alessandrina Via dei Peroni Via Manzoni Via Omero Via Po Via Grandi V.le d. Stazione Piazza d Italia Viale Marche P.za Regina Via Leonardo Via Bruni dell Università V. Caletta Viale Orchidee Il solco lasciato da ogni sciatore sulla neve evidenzia la sua posizione istante per istante ed è la traiettoria del moto. La scia lasciata da ogni aereo evidenzia la sua posizione istante per istante ed è la traiettoria del moto. Le orme lasciate sulla sabbia evidenziano la posizione del ragazzo istante per istante ed è la traiettoria del moto. La traiettoria del moto è la linea immaginaria formata da tutti i punti che un corpo nel suo spostamento occupa dalla posizione iniziale a quella finale. MULTI BOOK VIDEO La traiettoria è individuata dalla direzione, dal verso e dalla lunghezza e ci dà lo spazio percorso dal corpo. Spazio, tempo e velocità sono quindi gli elementi, o le grandezze, che caratterizzano il moto di un corpo. 4 Materia e fenomeni fisici e chimici

19 La misura di queste grandezze Per quanto riguarda lo spazio, l unità di misura è il metro (m), con i suoi multipli e sottomultipli. Ma poiché lo spazio è caratterizzato, oltre che dal suo valore assoluto (400 m, ad esempio), anche dalla direzione e dal verso, dobbiamo sempre stabilire il punto di partenza e di arrivo (direzione e verso). Ciò si esprime dicendo che: Lo spazio percorso è una grandezza vettoriale, in quanto è una grandezza individuata dal valore assoluto, detto modulo, dalla direzione e dal verso. Una grandezza vettoriale si rappresenta con un segmento orientato, chiamato vettore. La lunghezza del vettore ci dà il valore assoluto (reale o in scala), la retta a cui appartiene ci indica la direzione e la freccia il verso. punto di partenza verso punto di arrivo direzione 100 m modulo = 100 m 4 = 400 m Il tempo intercorso tra l inizio e la fine del moto è il tempo impiegato. L unità di misura del tempo è il secondo (s oppure sec) e lo strumento di misura è l orologio. Il tempo, come misura, è individuato solo da un valore numerico ( ore) e si dice pertanto che è una grandezza scalare. Unità di misura Simbolo Valori secondo s minuto m 1 m = 60 s ora h 1 h = 60 m = 3600 s Per quanto riguarda la velocità, osserviamo che se per percorrere un certo spazio, ad esempio 100 km, abbiamo impiegato 4 ore, vuol dire che ogni ora abbiamo percorso (100 : 4 = 25) 25 km, ovvero che la nostra velocità è stata di 25 km/h (chilometri al l ora). Possiamo pertanto dire che: La velocità, v, è il rapporto fra lo spazio percorso, s, e il tempo impiegato, t, per percorrerlo: spazio percorso v = = s tempo impiegato a percorrerlo t La velocità indica quindi lo spazio percorso nell unità di tempo ed è una grandezza derivata, la cui unità di misura dipende dalle unità di misura dello spazio e del tempo. Se lo spazio è misurato in metri e il tempo in secondi, l unità di misura della velocità è m/s (metri al secondo); se lo spazio è misurato in chilometri e il tempo in ore, l unità di misura della velocità è km/h (chilometri al l ora). 5 1 Il moto e le sue caratteristiche

20 Secondo le caratteristiche della traiettoria si possono avere vari tipi di moto. Se la traiettoria descritta dal corpo è una linea curva, il moto si dice curvilineo. Se la traiettoria descritta dal corpo è una retta, il moto si dice rettilineo. Secondo il tipo di linea, il moto curvilineo può essere: circolare, se la traiettoria è un cerchio; ellittico, se la traiettoria è un ellisse; parabolico, se la traiettoria è una parabola. ellittico MULTI BOOK VIDEO circolare Anche in base alla velocità del corpo si possono avere vari tipi di moto, quali: il moto rettilineo uniforme, il moto vario e il moto uniformemente accelerato. parabolico Rifletti e rispondi Quali grandezze caratterizzano il moto di un corpo? Perché lo spazio percorso è una grandezza vettoriale? Quando un moto si dice rettilineo? Come può essere un moto curvilineo? 6 Materia e fenomeni fisici e chimici

21 Il moto rettilineo uniforme Diciamo che un corpo si muove di moto rettilineo uniforme se la traiettoria che esso descrive è una retta e se la velocità si mantiene costante nel tempo. In questo caso il corpo percorre spazi uguali in tempi uguali. Osserviamo un automobile che, su un tratto di strada senza curve e senza ostacoli, si muove di moto rettilineo uniforme alla velocità di 100 km/h. L automobile percorre spazi uguali in tempi uguali: in 1 ora percorre 100 km; in 2 ore percorre (100 x 2) km = 200 km; in 3 ore percorre (100 x 3) km = 300 km; e così via 1 h 2 h 3 h 4 h 100 km 100 km 100 km 100 km 100 km 200 km 300 km 400 km Se un corpo si muove di moto rettilineo uniforme, con la formula s = v t, possiamo quindi calcolare quanto spazio percorrerà in un certo tempo. Il moto di un corpo che si muove lungo una linea retta a velocità costante, percorrendo quindi spazi uguali in tempi uguali, si dice moto rettilineo uniforme. Nel moto rettilineo uniforme s = v t rappresenta la relazione che lega spazio, velocità e tempo e prende il nome di legge oraria del moto rettilineo uniforme. Lo sai che... La legge oraria del moto rettilineo uniforme ci permette di rispondere a tre quesiti. Se ho una velocità costante di 20 m/s, quanti metri posso percorrere in 5 secondi? Ovviamente: (20 5) m = 100 m. Se ho fatto un percorso di 300 km alla velocità costante di 50 km/h, quanto tempo ho impiegato? Ovviamente: (300 : 50) h = 6 h. Se ho percorso 270 km in 3 ore, qual è stata la velocità? Ovviamente: (270 : 3) km/h = 90 km/h. Per rispondere alle domande abbiamo usato tre formule: s = v t t = s v v = s t 7 1 Il moto e le sue caratteristiche

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale Unità didattica 3 Il moto Competenze Riconoscere e descrivere i principali tipi di moto. Definire la velocità scalare e vettoriale e l accelerazione scalare e vettoriale. Descrivere il moto rettilineo

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla)

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla) INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 L EQUILIBRIO DEI SOLIDI 2 IL MOVIMENTO: LA VELOCITA 3 IL MOVIMENTO: L ACCELERAZIONE 4 I PRINCIPI DELLA DINAMICA 5 IL LAVORO, LA POTENZA E L ENERGIA 6 LA TEMPERATURA

Dettagli

Indice FISICA E CHIMICA. Per ogni unità in. 1 Il movimento 1. 3 L equilibrio dei corpi 41. 4 Le leve 63. 2 Forze e movimento 21

Indice FISICA E CHIMICA. Per ogni unità in. 1 Il movimento 1. 3 L equilibrio dei corpi 41. 4 Le leve 63. 2 Forze e movimento 21 Indice er ogni unità in una mappa interattiva un test di verifica interattivo con punteggio finale un audioripasso esperimenti, osservazioni e schemi animati, raccolti nella sezione Il tuo laboratorio

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Avvertenza. gesn@bluewin.ch

Avvertenza. gesn@bluewin.ch Versione 2.0 settembre 2006 Avvertenza Il presente testo è da considerarsi come documento di lavoro. Vi invitiamo pertanto a voler segnalare eventuali errori e imprecisioni al seguente indirizzo gesn@bluewin.ch

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h 78 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o B7 L UniVERSO E IL SISteMA SolaRE Tempi In aula: 8 h A casa: 5 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività

Dettagli

Bartoccini Marco 3 A

Bartoccini Marco 3 A Bartoccini Marco 3 A Le persone e le cose possono stare ferme oppure muoversi,e quando si muovono possono farlo a diverse velocità.il movimento si svolge nello spazio e nel tempo: esso infatti copre una

Dettagli

Richiami di meccanica

Richiami di meccanica Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 1 Richiami di meccanica - Tipologie di movimento - E opportuno iniziare questa sintesi degli elementi di meccanica da applicare ai movimenti del corpo umano precisando

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 Prof.ssa: R. M. Dierna Materia: Scienze naturali Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 All inizio dell anno scolastico si è verificato lo stato delle conoscenze e l accertamento dei prerequisiti,

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Le trasformazioni fisiche della materia Gli stati fisici della materia I sistemi omogenei ed eterogenei Le sostanze pure ed i miscugli

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Scientifico statale Innocenzo XII Anzio (Roma) PROGRAMMA SVOLTO (a.s. 2013/14) Classe PRIMA sez

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: TERZE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15 Classe I A AFM Il metodo sperimentale. Misurazione e misura. Il Sistema Internazionale Grandezze fondamentali: lunghezza, massa e tempo. Grandezze derivate Unità di misura S.I. : metro, kilogrammo e secondo.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Statale «Via Silvestri 301» Programma di BIOLOGIA Classe 2 a A Indirizzo ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA n.1 Titolo La cellula La struttura della cellula La teoria

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado 1 VISITA GUIDATE Attività didattiche Scuola Secondaria I grado Visita standard Gli studenti vengono condotti da un animatore scientifico in una visita ad alcune delle postazioni interattive del Museo.

Dettagli

GUIDA iprof. InsTaLLa usa AGGIOrNA

GUIDA iprof. InsTaLLa usa AGGIOrNA GUIDA iprof InsTaLLa usa AGGIOrNA che cos è iprof Progetto Maria Vittoria Alfieri, Luca De Gregorio Progettazione, sviluppo software e grafica Ocho Durando S.P.A. Supervisione tecnica e coordinamento Luca

Dettagli

SCENEGGIATURA Moti rettilinei uniformi: sorpassi, incontri e sistemi di due equazioni

SCENEGGIATURA Moti rettilinei uniformi: sorpassi, incontri e sistemi di due equazioni SCENEGGIATURA Moti rettilinei uniformi: sorpassi, incontri e sistemi di due equazioni Si lavora sulla descrizione e sull'analisi di esperienze cinematiche relative a sorpassi e incontri con moti di persone

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Classi quinte Don Milani Camponogara Anno scolastico 2014/2015. UdA. Viaggio Nel Sistema Solare

Classi quinte Don Milani Camponogara Anno scolastico 2014/2015. UdA. Viaggio Nel Sistema Solare Classi quinte Don Milani Camponogara Anno scolastico 2014/2015 UdA Viaggio Nel Sistema Solare UNITA' DI APPRENDIMENTO Denominazione Viaggio... nel SISTEMA SOLARE L'universo e il Sistema Solare Prodotti

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: formazione.online@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 Sensate esperienze

Dettagli

Esploriamo i social network insieme ai figli

Esploriamo i social network insieme ai figli Esploriamo i social network insieme ai figli Perché fare un viaggio sul pianeta Google Map? Ci sono tre buone ragioni 1. Stimoli il senso dell orientamento nei bambini! La tua via, il tuo parchetto, la

Dettagli

Modulo PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Scuola Secondaria di Primo Grado

Modulo PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Scuola Secondaria di Primo Grado 1 di 6 AREA Matematico scientifica MATERIE COINVOLTE Matematica - Scienze DOCENTI Patrizia Lualdi - Silvia Colombo RIFERIMENTO AI DOCUMENTI NAZIONALI E DI ISTITUTO P.E.C.U.P L allievo utilizza le conoscenze

Dettagli

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca X MATEMATICA_COP_Layout 1 15/03/11 08:51 Pagina 2 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione

Dettagli

Unità didattica 4. 1 La prima legge di Newton

Unità didattica 4. 1 La prima legge di Newton Unità didattica 4 Forza e moto COMPETENZE Descrivere e spiegare le tre leggi di Newton. Spiegare la forza di attrito. Descrivere il moto circolare e spiegare la natura della forza centripeta. Enunciare

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d Esercizio 1 Un automobile viaggia a velocità v 0 su una strada inclinata di un angolo θ rispetto alla superficie terrestre, e deve superare un burrone largo d (si veda la figura, in cui è indicato anche

Dettagli

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S.

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti la dinamica dei sistemi materiali, nei quali vengono discusse le caratteristiche

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

Programmazione modulare 2015-16

Programmazione modulare 2015-16 Programmazione modulare 2015-16 ndirizzo: BEO Disciplina: FS lasse: Prime 1 1B 1 1G Ore settimanali previste: 3 (2 ore eoria - 1 ora Laboratorio) OPEEZE itolo odulo POLO Ore previste per modulo Periodo

Dettagli

Istituto F. Algarotti. Programma di Scienze. Classe 1 A FM

Istituto F. Algarotti. Programma di Scienze. Classe 1 A FM Istituto F. Algarotti Programma di Scienze Classe 1 A FM L Universo Caratteristiche delle stelle Le galassie La nascita delle stelle L origine dell universo Il sistema solare Il sole I pianeti terrestri

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m);

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m); 1 L ENERGIA holbox/shutterstock 1. IL LAVORO Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J (1 N) (1 m); inoltre, la formula (5) del capitolo «I princìpi della

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

p. 5 1 Esercitazione e ripasso p. 5 1.1 Tutte le attività p. 5 1.2 Regole grammaticali p. 7 1.3 Verifiche suggerite p. 8 1.

p. 5 1 Esercitazione e ripasso p. 5 1.1 Tutte le attività p. 5 1.2 Regole grammaticali p. 7 1.3 Verifiche suggerite p. 8 1. 1 INDICE INTRODUZIONE 1 Che cos è WebLab? 2 Perché usare WebLab? p. 3 p. 3 p. 3 COME ACCEDERE A WebLAB? 1 Sei un insegnante? 2 Non sei ancora registrato? 3 Sei uno studente? p. 4 p. 4 p. 4 p. 4 LE ATTIVITÀ

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: SECONDE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015 METODOLOGIA DIDATTICA E STRUMENTI Le lezioni teoriche vengono sviluppate a partire da momenti pratici e di osservazione di fenomeni. I principi teorici verranno quindi o presentati dall insegnate o ricavati

Dettagli

Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE TECNOLOGIA

Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE TECNOLOGIA Istituto Comprensivo G. GALILEI Tradate Varese PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI TECNOLOGIA a.s.2011/12 Classi I - II - III PREMESSA La tecnologia da un lato studia e progetta i dispositivi, le macchine e gli

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Studiare argomenti trattati. Esercizi 3, 5 e 6 pag.169 2/2 MARTEDÌ LAB - studio del moto rettilineo uniforme mediante rotaia a cuscino d aria.

Studiare argomenti trattati. Esercizi 3, 5 e 6 pag.169 2/2 MARTEDÌ LAB - studio del moto rettilineo uniforme mediante rotaia a cuscino d aria. Data giorno Attività svolte Compiti assegnati 2/3 MARTEDÌ LAB - filmato Tempo e orologi e questionario di comprensione in classe sul filmato visto. 25/2 GIOVEDÌ Esercizi. Es. 40 e 41 pag.196 24/2 MERCOLEDÌ

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Seconda Spazio per

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

I ESERCITAZIONE. Soluzione

I ESERCITAZIONE. Soluzione I ESERCITAZIONE 1. Moto rettilineo uniforme Un bagnino B è sulla spiaggia a distanza d B = 50 m dalla riva e deve soccorrere un bagnante H che è in acqua a d H = 100 m dalla riva. La distanza tra il punto

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 3C Materia: FISICA Insegnante: Graziella Iori Testo utilizzato: Caforio, Ferilli - Fisica! Le regole del gioco -

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

ISTITUZIONE SCOLASTICA Via Tuscolana, 208 - Roma Sede associata Liceo-Ginnasio ''B.Russell" Verifica sommativa di Fisica

ISTITUZIONE SCOLASTICA Via Tuscolana, 208 - Roma Sede associata Liceo-Ginnasio ''B.Russell Verifica sommativa di Fisica ISTITUZIONE SCOLASTICA Via Tuscolana, 208 - Roma Sede associata Liceo-Ginnasio ''B.Russell" Verifica sommativa di Fisica Questionario a risposta multipla Prova di uscita di Fisica relativa al modulo DESCRIZIONE

Dettagli

Esperimenti Informazioni per il PD

Esperimenti Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/7 Compito Gli alunni conducono degli esperimenti sul tema dell auto con propulsione a razzo usando diversi materiali. Obiettivo Gli alunni acquisiscono nuove conoscenze e rafforzano

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo:

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo: 01 Chi sono? Uno è piccolo come una mosca, l altro è grande come un giocatore di basket, ma in tutti gli esseri viventi il cibo che essi mangiano (assorbono) e l aria (ossigeno) che respirano devono andare

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE. Argomenti svolti anno scolastico 2014\1 5. Docente: Gennaro Sollo Classe: I sez.: Au

PROGRAMMA DI SCIENZE. Argomenti svolti anno scolastico 2014\1 5. Docente: Gennaro Sollo Classe: I sez.: Au Argomenti svolti anno scolastico 2014\1 5 Docente: Gennaro Sollo Classe: I sez.: Au ASTRONOMIA: Nascita dell Universo Galassie Sistema solare Teoria geocentrica ed eliocentrica Leggi di Keplero Legge di

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO Liceo Scientifico Statale Vito Volterra - Ciampino PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 Finalità - Comprensione del testo e sua utilizzazione come strumento conoscitivo - Sviluppo

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

GIOCHI DI ANACLETO. DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile. Associazione per l Insegnamento della Fisica. Materiale elaborato dal Gruppo:

GIOCHI DI ANACLETO. DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile. Associazione per l Insegnamento della Fisica. Materiale elaborato dal Gruppo: Associazione per l Insegnamento della Fisica GIOCHI DI ANACLETO 2006 DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile I. Ti viene proposto un questionario comprendente 25 quesiti ordinati in modo casuale rispetto all argomento

Dettagli

Lucia Barale, Lucia Nazzaro, Stefano Rascioni, Giovanna Ricci Impresa, Marketing e Mondo

Lucia Barale, Lucia Nazzaro, Stefano Rascioni, Giovanna Ricci Impresa, Marketing e Mondo Lucia Barale, Lucia Nazzaro, Stefano Rascioni, Giovanna Ricci Impresa, Marketing e Mondo Destinazione Ordine e indirizzo di scuola Scuola secondaria di secondo grado Materia Economia Aziendale e geopolitica

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica Come scrivere una relazione di laboratorio Premesso che durante l esperienza di laboratorio è necessario annotare tutto ciò che è utile per poter redigere la relazione, questa deve contenere: gli strumenti

Dettagli

Prova di Matematica. www.matematicamente.it Prove Invalsi Secondaria di primo grado classe III 2009-2010

Prova di Matematica. www.matematicamente.it Prove Invalsi Secondaria di primo grado classe III 2009-2010 Prova di Matematica D. Su una confezione di succo di frutta da 250 ml trovi le seguenti informazioni nutrizionali: INFORMAZIONI NUTRIZIONALI Valori medi per 00 ml Valore energetico 54 Kcal 228 kj Proteine

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Cadet Per studenti di terza della scuola secondaria di primo grado e prima della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti

Dettagli

A. Douglas Scotti - M. Opera TSS Tecnologia Sviluppo Sostenibilità

A. Douglas Scotti - M. Opera TSS Tecnologia Sviluppo Sostenibilità A. Douglas Scotti - M. Opera TSS Sviluppo Sostenibilità Destinazione Ordine e indirizzo di scuola Scuola secondaria di primo grado Materia La proposta culturale e didattica Il progetto del libro Un percorso

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

5 10 17 26 37 2,,,,,,... 2 3 4 5 6

5 10 17 26 37 2,,,,,,... 2 3 4 5 6 MATEMATICA GENERALE 2014 - CTF Funzioni e successioni - Esercizi Docente: ALESSANDRO GAMBINI 1. a) Rappresenta mediante espressione analitica la seguente successione numerica. Motiva la tua risposta. 5

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

TEST DI AUTOVALUTAZIONE PER STUDENTI CHE INTENDONO ISCRIVERSI ALLA LAUREA TRIENNALE IN ASTRONOMIA

TEST DI AUTOVALUTAZIONE PER STUDENTI CHE INTENDONO ISCRIVERSI ALLA LAUREA TRIENNALE IN ASTRONOMIA I TEST DI AUTOVALUTAZIONE PER STUDENTI CHE INTENDONO ISCRIVERSI ALLA LAUREA TRIENNALE IN ASTRONOMIA 1. Date le due frazioni 3/7 e 4/7, trovare una frazione compresa fra esse 2. Risolvere l equazione: (x

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD

GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD GLI STRUMENTI DELLA SMART BOARD La struttura tecnologica è formata da: Lavagna interattiva:può essere di varie misure (da 48 a94 ) e formati (4/3 o 16/9) Proiettore: può essere sia grandangolare (con molti

Dettagli

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO

SECONDARIA DI PRIMO GRADO. SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO RAGAZZI IN GAMBA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO +MOVIMENTO TV = OK! SPUNTI PER UN LABORATORIO di ORIENTEERING URBANO Laboratorio sperimentale per la ricerca di una maggiore consapevolezza e conoscenza

Dettagli

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Materia: BIOLOGIA Classe: 2E Docente: Toccoli Simona Livelli di partenza Per verificare i livelli di partenza è stato svolto un colloquio

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

DIDATTICA CON IL WEB PER IL PIANO ISS Rassegna di siti utili per la didattica della biologia, chimica, scienze della Terra e dello spazio

DIDATTICA CON IL WEB PER IL PIANO ISS Rassegna di siti utili per la didattica della biologia, chimica, scienze della Terra e dello spazio web DIDATTICA CON IL WEB PER IL PIANO ISS Rassegna di siti utili per la didattica della biologia, chimica, scienze della Terra e dello spazio di Giulia Realdon, Presidio Territoriale di Monfalcone-Gorizia

Dettagli

Obiettivogalassie! Premessa per i docenti

Obiettivogalassie! Premessa per i docenti Obiettivo Obiettivogalassie! galassie! Laboratorio Laboratorioper perlalascuola scuolasecondaria secondariadidisecondo secondogrado grado Premessa per i docenti L'intento con cui è stato preparato questo

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

FISICA DELLA BICICLETTA

FISICA DELLA BICICLETTA FISICA DELLA BICICLETTA Con immagini scelte dalla 3 SB PREMESSA: LEGGI FISICHE Velocità periferica (tangenziale) del moto circolare uniforme : v = 2πr / T = 2πrf Velocità angolare: ω = θ / t ; per un giro

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Classe 3 Sez D Materia : Matematica Docente: Angelini Antonella Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-2010 Contratto Formativo Individuale 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze

Dettagli

1. Ripensare la fisica

1. Ripensare la fisica Giuseppina Rinaudo Fondamenti di Fisica Corso SIS Indirizzi FIM e SN classe 059 - a.a. 2006/07 Sito web: http://www.iapht.unito.it/fsis/fondam059/fondamenti.html giuseppina.rinaudo@unito.it 1. Ripensare

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

Sintesi Scopo Metodo

Sintesi Scopo Metodo Sintesi Scopo: analizzare le variazioni aerodinamiche dovute allo sbandamento in una barca a vela monoscafo. Metodo: - definizione di un modello ideale di vela; - simulazione numerica del flusso d aria

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

VIAGGIO TRA LO SPAZIO

VIAGGIO TRA LO SPAZIO PROGETTO DI ASTRONOMIA VIAGGIO TRA LO SPAZIO Soggetti coinvolti: bambini di 5 anni della scuola dell infanzia statale di Ceregnano SEZIONE TRILLY ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLADOSE (RO) Insegnanti impegnate

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli