Riunione della Commissione IMCO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riunione della Commissione IMCO"

Transcript

1 TITOLO Riunione della Commissione IMCO LUOGO E DATA 17 e 18 settembre 2012 Sala: Altiero Spinelli (3G-3) Parlamento Europeo, 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione IMCO RELAZIONE La Commissione parlamentare per il mercato interno e la protezione dei consumatori ha presentato e discusso i seguenti punti: Codice doganale dell Unione (Rifusione) L on. Le Grip, membro del PPE e relatrice del parere, conferma la necessità della rifusione del Codice per approfondire e ammodernare la normativa doganale. L attuale normativa si basa sul Codice del 92, ma nel frattempo sono state fatte varie modifiche. La Commissione Europea ha infine deciso per un ordinamento rifuso, rispondendo a tre obiettivi: 1. il rinvio della data di attuazione del codice doganale, inizialmente prevista per il 24 giugno 2013, necessario perché le modifiche dei sistemi informatici stanno riscontrando ritardi in vari Stati membri; 2. l adeguamento del Codice al trattato di Lisbona, in tema di poteri delegati e competenze di esecuzione (art. 290 e 291); 3. l attuazione di modifiche per la sicurezza e l ammodernamento delle procedure informatiche. Gli emendamenti al testo riguardano: - L obbligo di recepimento della modalità elettronica per tutti gli scambi di dati tra autorità doganali e operatori economici (art.6). Tale principio vuole aumentare l interazione e la sicurezza nello scambio delle merci. Per non aumentare il divario tra gli Stati membri è importante esigere da tutti l ammodernamento informatico, quindi le deroghe vanno accordate solo in casi eccezionali e per un periodo limitato. - La valorizzazione dello status di operatore economico autorizzato (OEA). Spesso l iter per raggiungere tale status è lungo e difficile. Si propongono emendamenti per semplificare la procedura di rilascio dello status da inserire nel testo di base. Inoltre, per semplificare le operazioni dell OEA bisogna alleggerire i controlli successivi allo sdoganamento. Il ruolo dell OEA garantisce la sicurezza economica interna, quindi bisogna puntare sulla sua valorizzazione. Nell incoraggiare la domanda di acquisizione dello status si devono considerare le caratteristiche delle piccole medie imprese. - Il tema dell OEA va trattato anche nel campo delle relazioni internazionali in materia doganale. UE e USA hanno sottoscritto un patto per il riconoscimento degli OEA anche in

2 America, come già altri Stati non membri. È necessario proseguire con il riconoscimento internazionale dell OEA tramite accordi con altri sistemi doganali. - Stante la suddivisione dei poteri delegati e delle competenze di esecuzione della Commissione (art del trattato di Lisbona), si vogliono includere nel testo di base: 1. lo sdoganamento centralizzato; 2. le regole per l acquisizione dello status di Operatore Economico Autorizzato; 3. le regole sull acquisizione d origine e l origine preferenziale delle merci. Sono state proposte modifiche anche per altre parti del trattato, il che richiederà un accordo politico. Tra queste il deposito temporaneo, da non trattare come una procedura, ma come parte a sé stante, in quanto altrimenti le implicazioni annesse appesantirebbero il lavoro di tutti, OEA in primis. L unione doganale è un anello fondamentale del mercato unico, nonché per le esigenze degli operatori economici. È quindi importante che su questo tema si abbia il consenso forte tra Commissione e parlamento. Per questo l approccio bilanciato tra deroghe e ammodernamenti dell On. Le Grip è stato condiviso generalmente da tutti i gruppi politici. Particolari indicazioni dei relatori ombra hanno riguardato l armonizzazione di procedure e tempi di attuazione delle disposizioni per l ammodernamento, la limitazione dei tempi delle deroghe in tema di aggiornamento digitale, l agevolazione degli OEA, rispetto all applicazione della semplificazione (on. Rapti, S&D; on. Bielan, ECR; on. Kalniete, EPP; on. Stihler, S&D). L on. Schwab (EPP) ha invece dissentito con il lavoro dell on. Le Grip, affermando che il testo non è così equilibrato in quanto alla sburocratizzazione e i requisiti degli operatori, soprattutto per quelli nazionali. I punti da emendare per lui riguardano lo sgravio effettivo per la procedura di rilascio dello status di OEA e il valore doganale per l Unione, di cui non si trovano i principi nel codice. Tutti i gruppi parlamentari si sono trovati d accordo nel sottoscrivere il trattato di Lisbona sul tema degli atti delegati, con l inclusione al testo di base del codice di atti legislativi più specifici, invocando l equilibrio tra decisioni politiche ed efficacia amministrativa. Tale tema conferma l interesse che la base giuridica debba essere uniforme e non a discrezione di Stati membri. L on. Ruhle (V-ALE) in particolare è preoccupata che la Commissione proponga una pletora di deroghe, mentre scadenziario e mansioni devono rimanere tali e quali. Il rappresentante della Commissione europea, dopo aver espresso generale soddisfazione per la relazione Le Grip, ha tuttavia ribattuto la sua preoccupazione per il fatto che il parlamento voglia far confluire nell atto di base sempre più dettagli. Il prezzo da pagare sarebbe la rigidità della regolamentazione, con conseguenze negative sull adattamento alle condizioni reali. In tema di deroghe bisogna considerare la difformità dell aggiornamento informatico tra Stati membri. Pertanto ne andrebbero definiti i criteri. Per quanto riguarda l OEA, anche qui troppe facilitazioni imporrebbero di introdurre sempre più criteri, a discapito di flessibilità e di una maggiore difficoltà per ottenere lo status. L on. Le Grip pensa comunque di aver creato un buon equilibrio tra atti delegati e atti esecutivi rispetto al testo di base; la ripartizione delle competenze tra parlamento e Commissione è rispettata e l operazione di ricostruzione del codice nel testo di base si può accompagnare ai dettagli presenti negli atti delegati. Calendario dei lavori:

3 - 16 ottobre, scadenza per la presentazione di emendamenti sul draft report del 17 settembre, novembre, discussione sugli emendamenti, - 28 novembre, seconda riunione della commissione parlamentare IMCO per lavorare sugli eventuali emendamenti di compromesso, - 29 novembre, si vota la relazione e il mandato, - primavera 2013, fine dei lavori. Politica di concorrenza 2011 L on. Schwab (EPP) discute la relazione annua sulla politica di concorrenza del 2011, gestita dall on. Presedo (S&D) della commissione ECON. Così com è stato strutturato il nuovo report è di più facile comprensione. I punti salienti sono quelli sollevati anche dalla stampa nelle indagini sui LIBOR e i CDS swaps. La relazione prende in considerazione soprattutto molti temi tra cui quello sulle transazioni via internet, che richiedono standardizzazione per la competitività e tutela contro il rischio della posizione dominante. La commissione ECON ha rafforzato la sua analisi in questioni quali il tema dei diritti dei consumatori, ma ha anche portato nuove questioni alle quali la commissione IMCO risponderà; tra queste la ricapitalizzazione degli istituti bancari europei, che non sembra il caso di inserire in questa relazione. Interessante anche il punto sulle regole per gli aiuti agli Stati europei, che forse contribuiranno anche alla tutela dei diritti dei consumatori, ad esempio sul copyright. La commissione ECON tenta di inserire anche altri settori di analisi, quali lo stimolo per la crescita, tema che soffre di una proliferazione di burocrazia. Più investimenti pubblici non sono il modo per raggiungere quel punto. In altri settori, quali l energia, è auspicata una competizione maggiore. Nel regolamentare la competizione bisogna assicurare che la posizione dominante fuoriesca così che la competizione possa essere un circuito positivo per i consumatori. Secondo l on. Cofferati (S&D) il parere sulla politica di concorrenza 2011 è una buona occasione per rivedere le regole del mercato europeo da un punto di vista generale. Bisogna tutelare i diritti consumatori. La vigilanza per i pagamenti elettronici va mantenuta e rafforzata. L on. Chatzimarkakis (ALDE) ha invece affermato che la relazione non analizza la reazione del mercato interno rispetto alla crisi finanziaria. Il divario economico tra gli Stati membri sta aumentando progressivamente e la relazione non sembra trattare con serietà tali temi. Stando a quanto afferma il parlamentare i fondi devoluti nell area PIGS hanno aggravato la situazione. Il mercato interno dovrebbe garantire che la bilancia dei pagamenti tra i paesi EU sia equilibrata. Tutto dovrebbe essere più trasparente, anche nel caso delle insolvenze. Inoltre bisogna definire il potere di sanzione della Commissione europea. Al momento essa si limita infatti a fotografare la situazione, senza agire. Il fatto che Spagna e Grecia abbiano livelli di disoccupazione tra i peggiori al mondo dopo 20 anni di mercato interno dovrebbe far pensare. Gli strumenti messi in campo non stanno funzionando. Tutta l agenda cozza con questi risultati negativi. La relazione giustamente pone il problema del cattivo funzionamento delle agenzie di rating, deleterio per il mercato interno. La Commissione dovrebbe lavorare quindi a favore della creazione di un agenzia europea. L on. Bielan (ECR) ha affermato che per avere lo sviluppo del mercato interno bisogna poter

4 attuare una policy completa. Questo aiuta inoltre una corretta concorrenza. La mancanza di trasparenza ha portato alla crisi, soprattutto con i derivati. La regolamentazione non deve creare oneri eccessivi. L on. de Jong (GUE/NGL) ha posto il problema della trasparenza fra tre tipi di divisioni nel sistema della concorrenza, ovvero all interno del governo, tra aziende e consumatori e poi all interno delle aziende. Non c è menzione di questo nel report. I suoi dubbi hanno riguardato il ruolo dell UE rispetto ai fallimenti dei grandi gruppi d impresa. Per prevenire bisogna definire le regole di concorrenza rispetto a questi settori. Il mercato deve evitare che i grandi determinino i prezzi. Il rappresentante della Commissione europea ha confermato che la politica della concorrenza è fondamentale per la ripresa. La relazione non tratta tuttavia tutti i temi che la Commissione ha affrontato durante lo scorso anno. I temi principali riguardano i servizi finanziari, il cibo e il settore dell aero-trasporto di beni. Secondo l on. Schwab (EPP), il diritto alla competitività ha valenza, però bisogna puntare i riflettori sul mercato interno, che compete tale commissione parlamentare. Pertanto la legge sulla competizione deve garantire che il mercato interno funzioni, senza scavalcamenti di competenze d ambito. Attuazione della direttiva 2008/48/CE sul credito al consumo L On. Collin-Langen, membro del PPE, ha presentato il parere sulla direttiva sul credito al consumo (DCC). I principali obiettivi sono la protezione dei consumatori e il rafforzamento del mercato interno attraverso il credito al consumo. Si punta all aumento dell armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri sui patti per i prestiti riguardo il credito al consumo per un valore tra 200 e 75;000. Bisogna ridurre le differenze tra legislazioni nazionali. Fornire informazioni trasparenti sulle condizioni di prestito permetterebbe di facilitare i crediti trans-nazionali. La relazione identifica il deficit di implementazione nella DCC rispetto all insignificante sviluppo del credito al consumo transfrontaliero. I relatori hanno rimarcato che tale direttiva venga applicata prima di dibatterne qualunque revisione. I 29 emendamenti proposti hanno riguardato soprattutto l implementazione dell informazione al consumatore, gli accertamenti sulla valutazione della solvibilità dei debiti e il corretto recepimento della normativa europea. Appalti pubblici L on. Tarabella (S&D), rapporteur della relazione, ha raggruppato in dieci cluster i 2500 emendamenti che ha ricevuto. In questa sessione sono stati presentati i primi cinque, ovvero: 1. la scelta delle procedure d appalto; 2. la strategia d uso delle gare d appalto pubbliche; 3. la riduzione della documentazione; 4. le compravendite tramite internet; 5. l accesso delle PMI agli appalti pubblici. L appalto pubblico è uno strumento prioritario per raggiungere l armonizzazione del mercato interno (consiste nel 18% del PIL europeo). Tuttavia bisogna tenere in considerazione come sempre l applicabilità e l efficacia delle normative, per garantire i diritti dei cittadini all interno del modello europeo e le norme sociali e ambientali. All applicabilità della norma deve seguire l applicazione vera e propria. Per questo conta anche molto il raggiungimento del principio

5 della semplificazione. L efficienza delle procedure (cluster 1) non dipende esclusivamente da un sistema di aggiudicazione più semplice, esse richiedono trasparenza. Lo strumento del dialogo competitivo ad esempio non ha funzionato. Questo risultato ha indotto la Commissione a proporre il partenariato per l innovazione. Tuttavia la di là della denominazione innovativa bisogna poter proporre qualcosa di chiaro e concreto. Resta che se il fine è l innovazione e lo sviluppo, la procedura deve essere più trasparente, e deve basarsi sulla sana concorrenza tra imprese. L uso degli appalti pubblici (cluster 2) va rafforzato aumentando la trasparenza. Il tema dell offerta vantaggiosa è stato interessato da molti emendamenti. Per quanto riguarda i subappalti, spesso i problemi derivano dalla mancanza di controllo della catena, che provoca una scarsa qualità nei lavori. Sono da definire quindi le corresponsabilità di controllo. È comunque importante che ci sia una regolamentazione chiara per il subappalto. Per quanto riguarda il 3 e 4 cluster (riduzione della burocrazia e e-procurement), si devono evitare frammentazioni e rinvio delle decisioni. Le amministrazioni devono avere le informazioni necessarie per adoperarsi al recepimento. Inoltre l e-procurement funziona solo se la piattaforma è interoperabile. Per favorire l accesso delle PMI agli appalti pubblici (cluster 5) viene proposta la suddivisione dell appalto in lotti. Tuttavia non si può imporre all ente aggiudicatrice tale suddivisione. Gli ulteriori cinque cluster non sono trattati in questa sede, ma riguardano: 6) l aggregazione della domanda, 7) le altre procedure di appalti pubblici, le varianti, i termini della pubblicazione, 8) le procedure sane, 9) una governance migliore attraverso la rendicontazione, le statistiche, ecc, 10) le definizioni: soglie, massimali, nomenclatura, ecc verranno discussi dalla commissione IMCO il 5 novembre. Preoccupazioni principali da parte dei gruppi politici riguardano la mole degli emendamenti (on. Weiler, S&D), soprattutto perché all interno degli stessi partiti ci sono ancora divergenze (on. Engel, EPP; on. Ruhle, EFA), da colmare con un lavoro più sinergico (on. Harbour, ECR). Bisogna inoltre ridimensionare gli stessi obiettivi della relazione perché possano essere messi in pratica (on. Engel, EPP). Si auspica pertanto che si vada al più presto alla fase degli emendamenti di compromesso (on. Schaldemose, S&D). Tutti i gruppi parlamentari spingono per la certezza del diritto e per questo malvedono misure complesse a livello procedurale (on. De Jong, GUE-NGL), ad esempio nei subappalti (on. Ruhle, EFA) o per la facilitazione dell accesso alle PMI con la suddivisione in lotti (on. Engel, EPP) se non a livello nazionale (on. Chatzimarkakis, ALDE). La stessa creazione di nuovi concetti quali la sostenibilità sociale come criterio di aggiudicazione degli appalti sembra non favorire la certezza del diritto alle aziende, in quanto ancora non è contenuta nel testo la definizione di tale concetto (on. Engel, EPP; on. Ruhle, EFA). Tuttavia molti nutrono interesse all etica e al sociale in merito ai criteri di selezione delle gare. Si deve trovare quindi un alternativa all offerta più vantaggiosa come criterio (on. Ruhle, EFA; on. Salvini, EFD). Inoltre, un eccessiva regolamentazione delle competenze delle autorità aggiudicatrici irrigidirebbe il loro compito, a discapito della concorrenzialità dei bandi (on. Harbour, ECR), come in tema di subappalti bisogna evitare nuovi gravami, che imporrebbero la gestione da parte degli amministratori di ulteriore modulistica (on. Ruhle, EFA; on. Salvini, EFD).

6 Resta la particolare attenzione verso attori quali le PMI (on. de Jong GUE-NGL), e le amministrazioni locali (on. Mayer, EPP), che per veder realmente rappresentati i loro interessi potrebbero essere coinvolti nella sperimentazione di nuove procedure. La trasparenza è un tema che ritorna riguardo ai subappalti, in quanto per verificarne l efficienza tutti i rapporti di responsabilità devono essere disponibili per l analisi (on. Engel, EPP). La difficoltà di recepimento della direttiva potrebbe cadere soprattutto rispetto al punto dei ritardati pagamenti (on. Salvini, EFD). Nonostante per questo e per ulteriori motivi si auspichi una proroga (on. Gebhardt, S&D), il relatore on. Tarabella (S&D) è stato lapidario: per quanto riguarda i ritardi di pagamento chi non rispetta regole è escluso dal gioco. La scadenza per la votazione della commissione IMCO è stata prolungata al 29 Novembre e al 18 Dicembre. Modifica della direttiva 2005/36/CE relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali e del regolamento relativo alla cooperazione amministrativa tramite il sistema d'informazione del mercato interno L on. Vergnaud, membro del S&D, ha esordito ribadendo la sinergia tra parlamento e Commissione rispetto a tale direttiva, riguardante l agevolazione della mobilità delle figure professionali attraverso la semplificazione delle procedure. Oltre ad aumentare la fiducia nel rapporto tra clienti e fornitori, tale settore può contribuire alla crescita e dare fiducia ai giovani per il loro futuro di mobilità. La direttiva riguarda centinaia di professioni in numerosi stati, quindi sarà necessario approvare compromessi e concessioni. Inoltre l on. Corazza Built (EPP) ha ribadito che la direttiva non vada verso la disciplina del mercato del lavoro ma resti nel campo dei riconoscimenti delle qualifiche. I punti salienti riguardano ad esempio l emendamento rispetto al tema dell accesso parziale, da non impedire ma da modificare per alcune professioni, soprattutto nel settore medico. La proposta del tesserino professionale trova tutti favorevoli. È ritenuto uno strumento importante per agevolare procedure e se sviluppato potrebbe diventare un vero strumento di cittadinanza europea. Resterebbe comunque volontario ed andrebbe ad implementare le attuali procedure. Ulteriore punto su cui ci si trova d accordo è il mantenimento del principio del consenso tacito. Per quanto riguarda i periodi di tirocinio, la proposta riguarda l esclusione del riferimento alle remunerazioni. Spesso infatti i tirocini non sono necessariamente remunerati, quindi per evitare che la base giuridica sia incerta è necessaria una specificazione. Le verifiche linguistiche sono un altro punto il cui sviluppo condurrebbe ad una maggior fiducia tra clienti e pazienti soprattutto nel settore sanitario. I test dovrebbero avvenire sotto il controllo delle autorità competenti, senza interferenze rispetto alle competenze nazionali (on. Bielan, ECR). Sul tema dell allineamento delle formazioni, professioni quali l infermiere, vista la loro recente evoluzione, dovrebbero subire aumenti nel periodo formativo. Questo contemplando un periodo di almeno sei anni dall approvazione della misura. Così facendo uscirebbero anche da uno status sociale che il sistema politico non ha mai valorizzato (on. Weiler, S&D) oltre che non sempre riconosciuto tra diverse nazioni (on. Handzlik, EPP). Ulteriore nota è quella fatta sulla professione notarile. Visti i diversi sistemi legislativi vigenti

7 negli stati membri, si chiede di cancellare dalla direttiva il loro status, per approfondire il loro caso separatamente e garantirne la certezza giuridica. Gli esponenti dei gruppi parlamentari sono stati generalmente soddisfatti dell ottima base di partenza, sottolineando però l eventualità negativa di eludere il principio della semplificazione rispetto al riconoscimento dei titoli o ad ulteriori controlli da parte degli stati membri (on. Le Grip, PPE). L on. Harbour (ECR) ha infine aggiunto che nelle professioni quali quella medica le stesse competenze linguistiche dovrebbero essere garantite dalle autorità competenti. Particolare approvazione è stata mostrata per l inclusione dei liberi professionisti nel sistema di assistenza sanitaria da parte della Commissione. LINKS Ordine del giorno: %2f%2fEP%2f%2fNONSGML%2bCOMPARL%2bIMCO-OJ %2b02%2bDOC%2bPDF%2bV0%2f%2fIT Eseguito da: Francesco Peretti UNIONCAMERE DEL VENETO Delegazione di Bruxelles Av. de Tervueren 67 - B Bruxelles Tel Fax

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I GENNAIO 2005 eprocurement pubblico Clausola di esclusione della responsabilità Commissione europea Original document

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

Considerazioni. del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte

Considerazioni. del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte Considerazioni del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte Premessa Il gruppo di lavoro TANDEM sin dal 2001 opera per la diffusione dei sistemi di gestione ambientale nelle

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

Le sfide della nuova direttiva per la centrale di committenza

Le sfide della nuova direttiva per la centrale di committenza Le sfide della nuova direttiva per la centrale di VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA E DELL EFFICACIA DELLA DIRETTIVA 2004/18 1 Frammentazione ed eterogeneità delle stazioni appaltanti (250.000); 2 Le piccole

Dettagli

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale"

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale SENATO DELLA REPUBBLICA 11ª Commissione Permanente (Commissione Lavoro, Previdenza Sociale) A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale" 3 ottobre

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, ASCANI, SALTAMARTINI, TINAGLI, BONAFÈ, MORASSUT

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, ASCANI, SALTAMARTINI, TINAGLI, BONAFÈ, MORASSUT Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2014 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, ASCANI, SALTAMARTINI, TINAGLI, BONAFÈ, MORASSUT Disposizioni per la promozione di

Dettagli

L uso strategico degli appalti pubblici per un economia sostenibile: le nuove direttive europee

L uso strategico degli appalti pubblici per un economia sostenibile: le nuove direttive europee L uso strategico degli appalti pubblici per un economia sostenibile: le nuove direttive europee Cons. Anna Maria Villa Responsabile Ufficio Cittadinanza europea, Mercato interno e AAGG Roma Sala polifunzionale

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Procurement Training Program Area Giuridica La nuova normativa sugli appalti

Procurement Training Program Area Giuridica La nuova normativa sugli appalti Procurement Training Program Area Giuridica La nuova normativa sugli appalti Perché formarsi sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 1 L interesse europeo Negli ultimi anni, l interesse della Commissione europea per l inclusione sociale è cresciuto

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza 1 Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza In un momento in cui l economia inizia a riprendersi e il Paese a crescere, sono importanti le parole dell Autorità Garante della

Dettagli

Aggregazione della domanda e partecipazione delle PMI

Aggregazione della domanda e partecipazione delle PMI Aggregazione della domanda e partecipazione delle PMI Avv. Martina Beneventi Direttore legale e Societario Consip S.p.A. Roma, 2 dicembre 2014 Classificazione: Consip Public 1 AGENDA Quadro normativo di

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

PACCHETTO REVISIONE MARCHI

PACCHETTO REVISIONE MARCHI DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO MARCHI E BREVETTI PACCHETTO REVISIONE MARCHI PROPOSTO DALLA COMMISSIONE EUROPEA www.uibm.gov.it

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Servizio Pubblici Appalti

Servizio Pubblici Appalti Servizio Pubblici Appalti OGGETTO: Decreto Legislativo 18 aprile 2016 n. 50 pubblicato nella G.U. del 19/04/16 supplemento ordinario n. 10/L recanti le disposizioni relative al nuovo Codice degli appalti

Dettagli

Acquisti pubblici: dall e-procurement opportunità per le Imprese e gli Enti

Acquisti pubblici: dall e-procurement opportunità per le Imprese e gli Enti Acquisti pubblici: dall e-procurement opportunità per le Imprese e gli Enti L utilizzo delle tecnologie applicate agli acquisti: il punto di vista delle imprese e delle stazioni appaltanti Annalisa Giachi

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 22.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 51/3 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2013 in merito a una proposta di direttiva del

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali

Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali Verso la conferenza nazionale per la casa Torino 19 novembre 2004 1 Intervento del Sottosegretario di Stato Alberto Gagliardi Presidente, autorità,

Dettagli

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive INTERVENTO: La Riforma della contabilità delle amministrazioni pubbliche: le principali innovazioni e

Dettagli

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA

IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA IL COMMERCIO ELETTRONICO NELL UNIONE EUROPEA Quale rilevanza assume nell Unione europea il commercio elettronico? I seguenti fattori contribuiscono a determinare la rilevanza che il commercio elettronico

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Commissione istruttoria per le politiche del lavoro e dei sistemi produttivi (II) Osservazioni e proposte I servizi di gestione degli immobili: il facility

Dettagli

TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO

TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles 25 e 26 settembre 2013 Commissione Parlamentare IMCO RELAZIONE Sono stati

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it Osservazioni a margine dell approvazione delle nuove direttive europee in materia di appalti pubblici e concessioni

www.ildirittoamministrativo.it Osservazioni a margine dell approvazione delle nuove direttive europee in materia di appalti pubblici e concessioni Osservazioni a margine dell approvazione delle nuove direttive europee in materia di appalti pubblici e concessioni A cura di Martina Provenzano 1. Introduzione. 2. La nuova direttiva in materia di appalti

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Documento di lavoro su Volontariato e Terzo settore

Documento di lavoro su Volontariato e Terzo settore Documento di lavoro su Volontariato e Terzo settore Obiettivi Ridefinire e riqualificare il rapporto tra volontariato e pubblica amministrazione nel quadro dell evoluzione del welfare regionale; Valorizzare,

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA

Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA Dichiarazione di Intenti SARDEGNA CORSICA CORSICA E SARDEGNA UN PATTO NUOVO TRA DUE ISOLE SORELLE DEL MEDITERRANEO Oggi, 14 marzo 2016, il Presidente della Regione autonoma della Sardegna e il Presidente

Dettagli

CAV. LAV. MARIO RESCA Presidente Confimprese. Stati Generali del Commercio Regione Lombardia. Milano, 4 febbraio 2013

CAV. LAV. MARIO RESCA Presidente Confimprese. Stati Generali del Commercio Regione Lombardia. Milano, 4 febbraio 2013 CAV. LAV. MARIO RESCA Presidente Confimprese Stati Generali del Commercio Regione Lombardia Milano, 4 febbraio 2013 1 CONFIMPRESE -L ASSOCIAZIONE DEL COMMERCIO MODERNO I NUMERI 100 Associati 300 Marchi

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO

TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO TITOLO Riunione della Commissione Parlamentare IMCO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Parlamento Europeo Rue Wiertz 60, 1000 Bruxelles 17 novembre 2014 Commissione Parlamentare IMCO RELAZIONE Sono stati individuati

Dettagli

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME)

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Obiettivo Il passaggio dalla programmazione 2007-13 a quella 2014-2020 porterà molti cambiamenti

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La direttiva: obiettivi e strategie. Appalti e concorrenza Semplificazioni e rafforzamento della disciplina Modernizzazione: appalti e nuove

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE 1. Linee guida per il Progetto di legge per il rilancio della competitività lombarda 2. Aggiornamento dei criteri attuativi di Credito Adesso: 3.

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing Osservazioni sulla proposta dell Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture di Linee Guida per la redazione dei documenti di gara e per l utilizzo dell offerta economicamente

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Servizi sociali di interesse generale in Europa e in Italia Il diritto dell UE è fatto per i servizi sociali?

Servizi sociali di interesse generale in Europa e in Italia Il diritto dell UE è fatto per i servizi sociali? Servizi sociali di interesse generale in Europa e in Italia Il diritto dell UE è fatto per i servizi sociali? Valentina Caimi, Policy Adviser 14 febbratio, 2013 Agenda Chi siamo Le maggiori sfide ad un

Dettagli

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità

Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Consultazione pubblica per la revisione del regolamento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in materia di rating di legalità Osservazioni di Confindustria Osservazioni generali L Autorità

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81)

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81) Sommario 2 3 6 8 Principi di comportamento Principi d azione Rispetto della legalità Rispetto della salute e della sicurezza sul lavoro Rispetto dell ambiente e della collettività Rapporti con fornitori

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

Dogane. Base giuridica

Dogane. Base giuridica Dogane Introduzione La politica doganale costituisce uno dei fondamenti dell'unione europea (UE) ed è essenziale per il funzionamento del mercato interno, il quale non può funzionare correttamente se non

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Generalsekretariat des Landes Amt für Gesetzgebung Segreteria generale della Provincia Ufficio Legislativo REGOLAMENTO (UE)2015/1017 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 25 giugno relativo al Fondo

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Scuola di Psicologia e Scienze della Formazione Laboratorio di specializzazione professionale in Scienze dell'educazione permanente e della formazione continua I progetti

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA Che cosa si intende per sicurezza alimentare? Con questo termine si intendono tutte quelle politiche e quelle strategie messe in atto dall'unione al fine di

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI Integrazione 231 e SGS M.G.Marchesiello Bologna 5 giugno 2014 L. 3.08.2007 n. 123 Misure in tema di tutela della salute

Dettagli

STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa

STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa IEFE Centre for Research on Energy and Environmental Economics and Policy STILE LONDINESE PER GLI AUTOBUS ITALIANI di Elisabetta Iossa Un buon servizio di trasporto locale aumenta la fiducia dei cittadini

Dettagli

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Settembre 2015 MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Francesca Scacchi e Giuseppe Zaghini, Vigilanza su mercati e Servizi di Investimento, Federcasse La Direttiva 2014/65/UE (di seguito

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

RACCOLTA DELLE MOZIONI I. SULLA NEGOZIAZIONE ASSISTITA

RACCOLTA DELLE MOZIONI I. SULLA NEGOZIAZIONE ASSISTITA FIRENZE 10/11 APRILE 2014 I. SULLA NEGOZIAZIONE ASSISTITA RACCOLTA DELLE MOZIONI Il Coordinamento della Conciliazione Forense, nell ottica dell incentivazione delle soluzioni negoziali, con il coinvolgimento

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH)

MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH) MARKT/2508/02 IT Orig. EN VIGILANZA SULLA RIASSICURAZIONE: APPROCCIO BASATO SU UNA PROCEDURA ACCELERATA ( FAST-TRACK APPROACH) Il progetto di vigilanza sulla riassicurazione è giunto ad un punto in cui

Dettagli

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3 Codice etico Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione articolo 25-septies e articolo 25 undecies del D.Lgs. 231/01 20/01/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione SOMMARIO generalità

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa

Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa IP/03/645 Bruxelles, 7 maggio 2003 Mercato interno: la Commissione presenta un piano in dieci punti per migliorare il benessere dell Europa La Commissione europea ha pubblicato la strategia per il mercato

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli