Riunione della Commissione IMCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Riunione della Commissione IMCO"

Transcript

1 TITOLO Riunione della Commissione IMCO LUOGO E DATA 17 e 18 settembre 2012 Sala: Altiero Spinelli (3G-3) Parlamento Europeo, 1040 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione IMCO RELAZIONE La Commissione parlamentare per il mercato interno e la protezione dei consumatori ha presentato e discusso i seguenti punti: Codice doganale dell Unione (Rifusione) L on. Le Grip, membro del PPE e relatrice del parere, conferma la necessità della rifusione del Codice per approfondire e ammodernare la normativa doganale. L attuale normativa si basa sul Codice del 92, ma nel frattempo sono state fatte varie modifiche. La Commissione Europea ha infine deciso per un ordinamento rifuso, rispondendo a tre obiettivi: 1. il rinvio della data di attuazione del codice doganale, inizialmente prevista per il 24 giugno 2013, necessario perché le modifiche dei sistemi informatici stanno riscontrando ritardi in vari Stati membri; 2. l adeguamento del Codice al trattato di Lisbona, in tema di poteri delegati e competenze di esecuzione (art. 290 e 291); 3. l attuazione di modifiche per la sicurezza e l ammodernamento delle procedure informatiche. Gli emendamenti al testo riguardano: - L obbligo di recepimento della modalità elettronica per tutti gli scambi di dati tra autorità doganali e operatori economici (art.6). Tale principio vuole aumentare l interazione e la sicurezza nello scambio delle merci. Per non aumentare il divario tra gli Stati membri è importante esigere da tutti l ammodernamento informatico, quindi le deroghe vanno accordate solo in casi eccezionali e per un periodo limitato. - La valorizzazione dello status di operatore economico autorizzato (OEA). Spesso l iter per raggiungere tale status è lungo e difficile. Si propongono emendamenti per semplificare la procedura di rilascio dello status da inserire nel testo di base. Inoltre, per semplificare le operazioni dell OEA bisogna alleggerire i controlli successivi allo sdoganamento. Il ruolo dell OEA garantisce la sicurezza economica interna, quindi bisogna puntare sulla sua valorizzazione. Nell incoraggiare la domanda di acquisizione dello status si devono considerare le caratteristiche delle piccole medie imprese. - Il tema dell OEA va trattato anche nel campo delle relazioni internazionali in materia doganale. UE e USA hanno sottoscritto un patto per il riconoscimento degli OEA anche in

2 America, come già altri Stati non membri. È necessario proseguire con il riconoscimento internazionale dell OEA tramite accordi con altri sistemi doganali. - Stante la suddivisione dei poteri delegati e delle competenze di esecuzione della Commissione (art del trattato di Lisbona), si vogliono includere nel testo di base: 1. lo sdoganamento centralizzato; 2. le regole per l acquisizione dello status di Operatore Economico Autorizzato; 3. le regole sull acquisizione d origine e l origine preferenziale delle merci. Sono state proposte modifiche anche per altre parti del trattato, il che richiederà un accordo politico. Tra queste il deposito temporaneo, da non trattare come una procedura, ma come parte a sé stante, in quanto altrimenti le implicazioni annesse appesantirebbero il lavoro di tutti, OEA in primis. L unione doganale è un anello fondamentale del mercato unico, nonché per le esigenze degli operatori economici. È quindi importante che su questo tema si abbia il consenso forte tra Commissione e parlamento. Per questo l approccio bilanciato tra deroghe e ammodernamenti dell On. Le Grip è stato condiviso generalmente da tutti i gruppi politici. Particolari indicazioni dei relatori ombra hanno riguardato l armonizzazione di procedure e tempi di attuazione delle disposizioni per l ammodernamento, la limitazione dei tempi delle deroghe in tema di aggiornamento digitale, l agevolazione degli OEA, rispetto all applicazione della semplificazione (on. Rapti, S&D; on. Bielan, ECR; on. Kalniete, EPP; on. Stihler, S&D). L on. Schwab (EPP) ha invece dissentito con il lavoro dell on. Le Grip, affermando che il testo non è così equilibrato in quanto alla sburocratizzazione e i requisiti degli operatori, soprattutto per quelli nazionali. I punti da emendare per lui riguardano lo sgravio effettivo per la procedura di rilascio dello status di OEA e il valore doganale per l Unione, di cui non si trovano i principi nel codice. Tutti i gruppi parlamentari si sono trovati d accordo nel sottoscrivere il trattato di Lisbona sul tema degli atti delegati, con l inclusione al testo di base del codice di atti legislativi più specifici, invocando l equilibrio tra decisioni politiche ed efficacia amministrativa. Tale tema conferma l interesse che la base giuridica debba essere uniforme e non a discrezione di Stati membri. L on. Ruhle (V-ALE) in particolare è preoccupata che la Commissione proponga una pletora di deroghe, mentre scadenziario e mansioni devono rimanere tali e quali. Il rappresentante della Commissione europea, dopo aver espresso generale soddisfazione per la relazione Le Grip, ha tuttavia ribattuto la sua preoccupazione per il fatto che il parlamento voglia far confluire nell atto di base sempre più dettagli. Il prezzo da pagare sarebbe la rigidità della regolamentazione, con conseguenze negative sull adattamento alle condizioni reali. In tema di deroghe bisogna considerare la difformità dell aggiornamento informatico tra Stati membri. Pertanto ne andrebbero definiti i criteri. Per quanto riguarda l OEA, anche qui troppe facilitazioni imporrebbero di introdurre sempre più criteri, a discapito di flessibilità e di una maggiore difficoltà per ottenere lo status. L on. Le Grip pensa comunque di aver creato un buon equilibrio tra atti delegati e atti esecutivi rispetto al testo di base; la ripartizione delle competenze tra parlamento e Commissione è rispettata e l operazione di ricostruzione del codice nel testo di base si può accompagnare ai dettagli presenti negli atti delegati. Calendario dei lavori:

3 - 16 ottobre, scadenza per la presentazione di emendamenti sul draft report del 17 settembre, novembre, discussione sugli emendamenti, - 28 novembre, seconda riunione della commissione parlamentare IMCO per lavorare sugli eventuali emendamenti di compromesso, - 29 novembre, si vota la relazione e il mandato, - primavera 2013, fine dei lavori. Politica di concorrenza 2011 L on. Schwab (EPP) discute la relazione annua sulla politica di concorrenza del 2011, gestita dall on. Presedo (S&D) della commissione ECON. Così com è stato strutturato il nuovo report è di più facile comprensione. I punti salienti sono quelli sollevati anche dalla stampa nelle indagini sui LIBOR e i CDS swaps. La relazione prende in considerazione soprattutto molti temi tra cui quello sulle transazioni via internet, che richiedono standardizzazione per la competitività e tutela contro il rischio della posizione dominante. La commissione ECON ha rafforzato la sua analisi in questioni quali il tema dei diritti dei consumatori, ma ha anche portato nuove questioni alle quali la commissione IMCO risponderà; tra queste la ricapitalizzazione degli istituti bancari europei, che non sembra il caso di inserire in questa relazione. Interessante anche il punto sulle regole per gli aiuti agli Stati europei, che forse contribuiranno anche alla tutela dei diritti dei consumatori, ad esempio sul copyright. La commissione ECON tenta di inserire anche altri settori di analisi, quali lo stimolo per la crescita, tema che soffre di una proliferazione di burocrazia. Più investimenti pubblici non sono il modo per raggiungere quel punto. In altri settori, quali l energia, è auspicata una competizione maggiore. Nel regolamentare la competizione bisogna assicurare che la posizione dominante fuoriesca così che la competizione possa essere un circuito positivo per i consumatori. Secondo l on. Cofferati (S&D) il parere sulla politica di concorrenza 2011 è una buona occasione per rivedere le regole del mercato europeo da un punto di vista generale. Bisogna tutelare i diritti consumatori. La vigilanza per i pagamenti elettronici va mantenuta e rafforzata. L on. Chatzimarkakis (ALDE) ha invece affermato che la relazione non analizza la reazione del mercato interno rispetto alla crisi finanziaria. Il divario economico tra gli Stati membri sta aumentando progressivamente e la relazione non sembra trattare con serietà tali temi. Stando a quanto afferma il parlamentare i fondi devoluti nell area PIGS hanno aggravato la situazione. Il mercato interno dovrebbe garantire che la bilancia dei pagamenti tra i paesi EU sia equilibrata. Tutto dovrebbe essere più trasparente, anche nel caso delle insolvenze. Inoltre bisogna definire il potere di sanzione della Commissione europea. Al momento essa si limita infatti a fotografare la situazione, senza agire. Il fatto che Spagna e Grecia abbiano livelli di disoccupazione tra i peggiori al mondo dopo 20 anni di mercato interno dovrebbe far pensare. Gli strumenti messi in campo non stanno funzionando. Tutta l agenda cozza con questi risultati negativi. La relazione giustamente pone il problema del cattivo funzionamento delle agenzie di rating, deleterio per il mercato interno. La Commissione dovrebbe lavorare quindi a favore della creazione di un agenzia europea. L on. Bielan (ECR) ha affermato che per avere lo sviluppo del mercato interno bisogna poter

4 attuare una policy completa. Questo aiuta inoltre una corretta concorrenza. La mancanza di trasparenza ha portato alla crisi, soprattutto con i derivati. La regolamentazione non deve creare oneri eccessivi. L on. de Jong (GUE/NGL) ha posto il problema della trasparenza fra tre tipi di divisioni nel sistema della concorrenza, ovvero all interno del governo, tra aziende e consumatori e poi all interno delle aziende. Non c è menzione di questo nel report. I suoi dubbi hanno riguardato il ruolo dell UE rispetto ai fallimenti dei grandi gruppi d impresa. Per prevenire bisogna definire le regole di concorrenza rispetto a questi settori. Il mercato deve evitare che i grandi determinino i prezzi. Il rappresentante della Commissione europea ha confermato che la politica della concorrenza è fondamentale per la ripresa. La relazione non tratta tuttavia tutti i temi che la Commissione ha affrontato durante lo scorso anno. I temi principali riguardano i servizi finanziari, il cibo e il settore dell aero-trasporto di beni. Secondo l on. Schwab (EPP), il diritto alla competitività ha valenza, però bisogna puntare i riflettori sul mercato interno, che compete tale commissione parlamentare. Pertanto la legge sulla competizione deve garantire che il mercato interno funzioni, senza scavalcamenti di competenze d ambito. Attuazione della direttiva 2008/48/CE sul credito al consumo L On. Collin-Langen, membro del PPE, ha presentato il parere sulla direttiva sul credito al consumo (DCC). I principali obiettivi sono la protezione dei consumatori e il rafforzamento del mercato interno attraverso il credito al consumo. Si punta all aumento dell armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri sui patti per i prestiti riguardo il credito al consumo per un valore tra 200 e 75;000. Bisogna ridurre le differenze tra legislazioni nazionali. Fornire informazioni trasparenti sulle condizioni di prestito permetterebbe di facilitare i crediti trans-nazionali. La relazione identifica il deficit di implementazione nella DCC rispetto all insignificante sviluppo del credito al consumo transfrontaliero. I relatori hanno rimarcato che tale direttiva venga applicata prima di dibatterne qualunque revisione. I 29 emendamenti proposti hanno riguardato soprattutto l implementazione dell informazione al consumatore, gli accertamenti sulla valutazione della solvibilità dei debiti e il corretto recepimento della normativa europea. Appalti pubblici L on. Tarabella (S&D), rapporteur della relazione, ha raggruppato in dieci cluster i 2500 emendamenti che ha ricevuto. In questa sessione sono stati presentati i primi cinque, ovvero: 1. la scelta delle procedure d appalto; 2. la strategia d uso delle gare d appalto pubbliche; 3. la riduzione della documentazione; 4. le compravendite tramite internet; 5. l accesso delle PMI agli appalti pubblici. L appalto pubblico è uno strumento prioritario per raggiungere l armonizzazione del mercato interno (consiste nel 18% del PIL europeo). Tuttavia bisogna tenere in considerazione come sempre l applicabilità e l efficacia delle normative, per garantire i diritti dei cittadini all interno del modello europeo e le norme sociali e ambientali. All applicabilità della norma deve seguire l applicazione vera e propria. Per questo conta anche molto il raggiungimento del principio

5 della semplificazione. L efficienza delle procedure (cluster 1) non dipende esclusivamente da un sistema di aggiudicazione più semplice, esse richiedono trasparenza. Lo strumento del dialogo competitivo ad esempio non ha funzionato. Questo risultato ha indotto la Commissione a proporre il partenariato per l innovazione. Tuttavia la di là della denominazione innovativa bisogna poter proporre qualcosa di chiaro e concreto. Resta che se il fine è l innovazione e lo sviluppo, la procedura deve essere più trasparente, e deve basarsi sulla sana concorrenza tra imprese. L uso degli appalti pubblici (cluster 2) va rafforzato aumentando la trasparenza. Il tema dell offerta vantaggiosa è stato interessato da molti emendamenti. Per quanto riguarda i subappalti, spesso i problemi derivano dalla mancanza di controllo della catena, che provoca una scarsa qualità nei lavori. Sono da definire quindi le corresponsabilità di controllo. È comunque importante che ci sia una regolamentazione chiara per il subappalto. Per quanto riguarda il 3 e 4 cluster (riduzione della burocrazia e e-procurement), si devono evitare frammentazioni e rinvio delle decisioni. Le amministrazioni devono avere le informazioni necessarie per adoperarsi al recepimento. Inoltre l e-procurement funziona solo se la piattaforma è interoperabile. Per favorire l accesso delle PMI agli appalti pubblici (cluster 5) viene proposta la suddivisione dell appalto in lotti. Tuttavia non si può imporre all ente aggiudicatrice tale suddivisione. Gli ulteriori cinque cluster non sono trattati in questa sede, ma riguardano: 6) l aggregazione della domanda, 7) le altre procedure di appalti pubblici, le varianti, i termini della pubblicazione, 8) le procedure sane, 9) una governance migliore attraverso la rendicontazione, le statistiche, ecc, 10) le definizioni: soglie, massimali, nomenclatura, ecc verranno discussi dalla commissione IMCO il 5 novembre. Preoccupazioni principali da parte dei gruppi politici riguardano la mole degli emendamenti (on. Weiler, S&D), soprattutto perché all interno degli stessi partiti ci sono ancora divergenze (on. Engel, EPP; on. Ruhle, EFA), da colmare con un lavoro più sinergico (on. Harbour, ECR). Bisogna inoltre ridimensionare gli stessi obiettivi della relazione perché possano essere messi in pratica (on. Engel, EPP). Si auspica pertanto che si vada al più presto alla fase degli emendamenti di compromesso (on. Schaldemose, S&D). Tutti i gruppi parlamentari spingono per la certezza del diritto e per questo malvedono misure complesse a livello procedurale (on. De Jong, GUE-NGL), ad esempio nei subappalti (on. Ruhle, EFA) o per la facilitazione dell accesso alle PMI con la suddivisione in lotti (on. Engel, EPP) se non a livello nazionale (on. Chatzimarkakis, ALDE). La stessa creazione di nuovi concetti quali la sostenibilità sociale come criterio di aggiudicazione degli appalti sembra non favorire la certezza del diritto alle aziende, in quanto ancora non è contenuta nel testo la definizione di tale concetto (on. Engel, EPP; on. Ruhle, EFA). Tuttavia molti nutrono interesse all etica e al sociale in merito ai criteri di selezione delle gare. Si deve trovare quindi un alternativa all offerta più vantaggiosa come criterio (on. Ruhle, EFA; on. Salvini, EFD). Inoltre, un eccessiva regolamentazione delle competenze delle autorità aggiudicatrici irrigidirebbe il loro compito, a discapito della concorrenzialità dei bandi (on. Harbour, ECR), come in tema di subappalti bisogna evitare nuovi gravami, che imporrebbero la gestione da parte degli amministratori di ulteriore modulistica (on. Ruhle, EFA; on. Salvini, EFD).

6 Resta la particolare attenzione verso attori quali le PMI (on. de Jong GUE-NGL), e le amministrazioni locali (on. Mayer, EPP), che per veder realmente rappresentati i loro interessi potrebbero essere coinvolti nella sperimentazione di nuove procedure. La trasparenza è un tema che ritorna riguardo ai subappalti, in quanto per verificarne l efficienza tutti i rapporti di responsabilità devono essere disponibili per l analisi (on. Engel, EPP). La difficoltà di recepimento della direttiva potrebbe cadere soprattutto rispetto al punto dei ritardati pagamenti (on. Salvini, EFD). Nonostante per questo e per ulteriori motivi si auspichi una proroga (on. Gebhardt, S&D), il relatore on. Tarabella (S&D) è stato lapidario: per quanto riguarda i ritardi di pagamento chi non rispetta regole è escluso dal gioco. La scadenza per la votazione della commissione IMCO è stata prolungata al 29 Novembre e al 18 Dicembre. Modifica della direttiva 2005/36/CE relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali e del regolamento relativo alla cooperazione amministrativa tramite il sistema d'informazione del mercato interno L on. Vergnaud, membro del S&D, ha esordito ribadendo la sinergia tra parlamento e Commissione rispetto a tale direttiva, riguardante l agevolazione della mobilità delle figure professionali attraverso la semplificazione delle procedure. Oltre ad aumentare la fiducia nel rapporto tra clienti e fornitori, tale settore può contribuire alla crescita e dare fiducia ai giovani per il loro futuro di mobilità. La direttiva riguarda centinaia di professioni in numerosi stati, quindi sarà necessario approvare compromessi e concessioni. Inoltre l on. Corazza Built (EPP) ha ribadito che la direttiva non vada verso la disciplina del mercato del lavoro ma resti nel campo dei riconoscimenti delle qualifiche. I punti salienti riguardano ad esempio l emendamento rispetto al tema dell accesso parziale, da non impedire ma da modificare per alcune professioni, soprattutto nel settore medico. La proposta del tesserino professionale trova tutti favorevoli. È ritenuto uno strumento importante per agevolare procedure e se sviluppato potrebbe diventare un vero strumento di cittadinanza europea. Resterebbe comunque volontario ed andrebbe ad implementare le attuali procedure. Ulteriore punto su cui ci si trova d accordo è il mantenimento del principio del consenso tacito. Per quanto riguarda i periodi di tirocinio, la proposta riguarda l esclusione del riferimento alle remunerazioni. Spesso infatti i tirocini non sono necessariamente remunerati, quindi per evitare che la base giuridica sia incerta è necessaria una specificazione. Le verifiche linguistiche sono un altro punto il cui sviluppo condurrebbe ad una maggior fiducia tra clienti e pazienti soprattutto nel settore sanitario. I test dovrebbero avvenire sotto il controllo delle autorità competenti, senza interferenze rispetto alle competenze nazionali (on. Bielan, ECR). Sul tema dell allineamento delle formazioni, professioni quali l infermiere, vista la loro recente evoluzione, dovrebbero subire aumenti nel periodo formativo. Questo contemplando un periodo di almeno sei anni dall approvazione della misura. Così facendo uscirebbero anche da uno status sociale che il sistema politico non ha mai valorizzato (on. Weiler, S&D) oltre che non sempre riconosciuto tra diverse nazioni (on. Handzlik, EPP). Ulteriore nota è quella fatta sulla professione notarile. Visti i diversi sistemi legislativi vigenti

7 negli stati membri, si chiede di cancellare dalla direttiva il loro status, per approfondire il loro caso separatamente e garantirne la certezza giuridica. Gli esponenti dei gruppi parlamentari sono stati generalmente soddisfatti dell ottima base di partenza, sottolineando però l eventualità negativa di eludere il principio della semplificazione rispetto al riconoscimento dei titoli o ad ulteriori controlli da parte degli stati membri (on. Le Grip, PPE). L on. Harbour (ECR) ha infine aggiunto che nelle professioni quali quella medica le stesse competenze linguistiche dovrebbero essere garantite dalle autorità competenti. Particolare approvazione è stata mostrata per l inclusione dei liberi professionisti nel sistema di assistenza sanitaria da parte della Commissione. LINKS Ordine del giorno: %2f%2fEP%2f%2fNONSGML%2bCOMPARL%2bIMCO-OJ %2b02%2bDOC%2bPDF%2bV0%2f%2fIT Eseguito da: Francesco Peretti UNIONCAMERE DEL VENETO Delegazione di Bruxelles Av. de Tervueren 67 - B Bruxelles Tel Fax

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

Relazione 1 Le nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni

Relazione 1 Le nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni Relazione 1 Le nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni di Nicoletta Torchio L intervento intende svolgere una panoramica sul pacchetto direttive appalti e concessioni, volta soprattutto

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 25.06.2008 SEC(2008) 2193 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE CODICE EUROPEO DI BUONE PRATICHE PER FACILITARE L ACCESSO DELLE PMI AGLI

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Procedura di registrazione

Procedura di registrazione Agentur für die Verfahren und die Aufsicht im Bereich öffentliche Bau-, Dienstleistungs- und Lieferaufträge Agenzia per i procedimenti e la vigilanza in materia di contratti pubblici di lavoro, servizi

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014

Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Istituto per l innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale Prima lettura delle nuove norme in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. n. 66/2014 Il presente documento intende

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli