Esempio determinazione del tasso di attualizzazione del reddito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esempio determinazione del tasso di attualizzazione del reddito"

Transcript

1 Esempio determinazione del tasso di attualizzazione del reddito Il tasso di capitalizzazione i, ulteriore elemento da determinare per l applicazione del metodo misto della stima autonoma dell avviamento, deriva, come noto, dalla sommatoria di almeno due componenti: i 1 = tasso di remunerazione per il puro investimento di capitale (risk free rate); i = tasso di remunerazione per il rischio di impresa. Per quanto attiene alla determinazione di i 1 la teoria e la prassi sono concordi nell assegnare validità, quali parametri per il calcolo del risk free rate, ai rendimenti dei Titoli di Stato a lungo termine, che riflettono la durata teorica illimitata della vita dell azienda. In questa ottica potremmo utilizzare la media dei rendimenti dei Titoli di Stato con particolare riferimento a quelli a medio-lungo termine, o meglio ancora, utilizzare il tasso di remunerazione dei Titoli di Stato a lungo termine e a rendimento fisso per eccellenza, vale a dire i Buoni del Tesoro Poliennali (BTP). Il tasso sui BTP considerato in questa sede è quello ufficiale effettivo lordo, riferito al /6/011 per BTP in scadenza a dieci anni, pari al 3,75% 1. Poiché il reddito normale atteso, così come calcolato, è un entità reale, anche il tasso appena considerato deve essere depurato dalla componente inflazionistica, depurazione che si ottiene tramite l applicazione della regola elaborata da I. Fisher, tenuto conto che il tasso di inflazione ufficiale riferito al 010 (valore più recente alla data del /6/011) che considereremo come tasso di inflazione medio atteso, risulta pari al 1,6% 3 : Tasso di rendimento reale = Rendimento nominale tasso di inflazione 1 + tasso di inflazione 0,0375 0,016 = =,116141%,116% 1+ 0,016 Il tasso i 1, ovvero il tasso di remunerazione per il puro investimento di capitale, è pari a,116%. Per la determinazione di i, due potrebbero essere gli approcci utilizzabili: la c.d. Regola di Stoccarda e il Capital Asset Pricing Model. 1 Rendimento effettivo netto BTP a 10 anni, scadenza 01/08/01 - Fonte: Il Sole4Ore del /6/011. Cfr. I. FISHER, Appreciation and Interest, MacMillan, New York, Fonte: ISTAT.

2 Il primo approccio, nella sua formulazione generale, rappresenta il metodo di apprezzamento del rischio generale di impresa raccomandato dall U.E.C., l Unione Europea degli Esperti Economici, Contabili e Finanziari. Tale procedimento, in base alla raccomandazione dell U.E.C., suggerisce di abbattere del 30% il reddito durevole per tenere conto del rischio generale di impresa, mentre il rischio specifico d impresa rientra indirettamente nel processo di valutazione attraverso un prudente apprezzamento del reddito medio prospettico. In Dottrina 4, per tenere presente il diverso grado di rischio proprio di ciascun settore economico, il procedimento è applicato in base a una classificazione delle attività svolte dal complesso aziendale da valutare e alla loro suddivisione in cinque profili di rischio: basso, medio-basso, medio, medio-alto, alto, ai quali sono associate altrettante percentuali di abbattimento del reddito. Il metodo del CAPM (Capital Asset Pricing Model), invece, scompone il premio per il maggior rendimento atteso dall investitore, che impiega le sue risorse in un attività o investimento rischiosi, sulla base del prodotto fra il coefficiente β e il premio per il rischio di mercato azionario (ERP, Equity Risk Premium), al fine di misurare in tal modo rischi non diversificabili. In sintesi, la formula che esplicita il criterio appena esposto è la seguente: ( R ) β i = m i1 dove: (R m - i 1 ) = premio per il rischio azionario (ERP) β = coefficiente di volatilità dei rendimenti di un campione di titoli quotati di imprese operanti nello stesso settore (beta medio di un campione di aziende quotate operanti nello stesso settore di quella valutanda e con caratteristiche simili) 5. Nel caso della società X, si ritiene opportuno stimare il tasso di remunerazione per il rischio d impresa applicando il suddetto metodo del CAPM, rifacendosi, per la stima del premio per il rischio azionario, a valori suggeriti dalla Dottrina e dalla prassi professionale. Lo scrivente ha infatti ritenuto opportuno non considerare la Regola di Stoccarda, in quanto tale tecnica tenderebbe a sottostimare il premio per il rischio in presenza di un contenuto risk free rate. 4 Cfr. G. ZANDA-M. LACCHINI-T. ONESTI, La valutazione delle aziende, cit., pp Data la difficoltà di stima del β specifico della società X, poiché azienda non quotata nei mercati regolamentati, è prassi ovviare a tale difficoltà con l approssimazione del valore del β con quello medio di settore. Cfr. G. ZANDA-M. LACCHINI-T. ONESTI, La valutazione delle aziende, Giappichelli, Torino, pag. 106.

3 Ai fini dell applicazione del metodo del CAPM, il tasso di remunerazione per il rischio generale d impresa viene stimato facendo riferimento a dati aggiornati a gennaio 011 (valore più recente alla data del /6/011), che evidenziano un premio per il rischio di mercato per l Italia pari al 5,75% 6. Con riguardo al coefficiente β, si fa riferimento a quello relativo al settore specifico, che assume per l Europa, in base a dati aggiornati a gennaio 011, la misura media di 1,77 7. Il coefficiente β, nel caso in esame, esprime il rischio dello specifico settore rispetto al rischio generale di mercato ed è elemento fondamentale dell applicazione della metodologia del Capital Asset Pricing Model (CAPM). Si giunge così alla determinazione di i : i = 5,75% * 1,77 = 10,1775% Il tasso di attualizzazione è pertanto pari a: i = i 1 + i i =,116% + 10,1775% = 1,935% 1,9% Esempio di determinazione del reddito medio normale atteso Come è noto, il reddito medio normale atteso si sostanzia in un valore reddituale unico, normale e costante nel tempo che nel caso di specie si considera di durata illimitata essendo il ramo oggetto di valutazione destinato a perdurare indefinitamente. Per la sua determinazione si assumono come dati di partenza i risultati di stabilimento relativi al ramo d azienda Contigliano forniti dalla Società, sottoscritti dall Amministratore Delegato e riferiti al quinquennio appena concluso , periodo dal quale è possibile trarre una serie di dati altamente espressiva della dinamica reddituale aziendale all epoca di riferimento della presente valutazione (31 dicembre 011). Tale periodo, infatti, è sufficientemente ampio per spiegare l andamento del settore ed in particolare del ramo d azienda: ad anni di crisi del settore con prezzi di vendita molto contenuti 6 Cfr. Aswath Damodaran, Risk Premiums for Other markets, Last Updated in January 011, Sito internet 7 Cfr. Aswath Damodaran, Total Betas (Unlevered), Last Updated in January 011, Sito internet

4 (007 e 008) che hanno risentito della crisi ancora più rilevante degli anni precedenti, sono seguiti anni con forte crescita della domanda (009, ma soprattutto 010 e 011) con un trend che sulla base delle previsioni già presentate dovrebbe arrestarsi solo nel 013. Trattandosi di un settore cd ciclico riteniamo che il periodo , proprio perché ha riguardato la parte centrale del ciclo economico pluriennale del settore, non considerando infatti gli estremi rappresentati dagli anni nei quali il trend è fortemente negativo (prima del 007) o fortemente positivo (dopo il 011 e fino al 013 secondo le previsioni), sia quello più rappresentativo per individuare la redditività del ramo. I risultati di stabilimento non emergono dal bilancio della X S.p.A., riferito all intero contesto aziendale comprensivo degli altri stabilimenti, e pertanto sono il frutto di estrapolazioni dalla contabilità analitica della Società. Come noto la contabilità analitica è finalizzata al controllo della gestione ed il sistema mediante il quale essa viene posta in essere è funzione degli obiettivi che la Società intende perseguire in termini di monitoraggio e programmazione dell attività svolta. In questa ottica i suddetti risultati attengono ai ricavi ed ai costi diretti dello stabilimento di Contigliano riguardanti la gestione caratteristica, non considerando alcuni costi comuni alle altre due unità produttive della Società, in particolare quelle di Roma e Milano. Per queste considerazioni i risultati di stabilimento, rappresentati da redditi operativi (o margini operativi netti) del ramo W, anche se nel documento fornito dalla Società sono denominati risultati industriali 8, al fine dell applicazione del metodo reddituale devono essere trasformati in redditi netti. Si rende pertanto necessario: a) imputare pro-quota quei costi amministrativi sostenuti dalla Società nel suo complesso, ma che devono essere ai nostri fini riferiti al ramo ; b) imputare i fitti attivi rivenienti dalla locazioni di immobili ad uso abitativo; c) imputare gli oneri finanziari convenzionalmente afferenti al ramo ; d) calcolare le imposte sui redditi lordi per ricavare risultati netti. Riteniamo di trascurabile importanza considerare eventuali proventi finanziari; i componenti atipici di gestione così come quelli straordinari sono ignorati, data la loro dipendenza rispettivamente da accadimenti estranei alla gestione oggetto di valutazione e da accadimenti di tipo casuale od occasionale. Relativamente ai costi sub a) si ritiene opportuno includere unicamente quelli che X S.p.A. fatturerà a S S.p.A., la Società conferitaria del ramo d azienda W, per i servizi contabili ed amministrativi svolti direttamente dalla prima relativamente al ramo stesso; per quantificare tali costi si determina il differenziale negativo fra il corrispettivo a favore di XS.p.A. concordato per il 8 Cfr. Documento 13.

5 011 (Euro / ,36) e quello concordato per il 01 (Euro / ,91), ipotizzando il conferimento del ramo in S S.p.A. (differenziale di Euro ,55). I fitti attivi sono desunti da apposito prospetto redatto dalla società per il periodo di riferimento i cui valori abbiamo provveduto a convertire in Euro. Gli oneri finanziari del ramo W sono calcolati in base ad un procedimento convenzionale, ma che riteniamo significativo. Si parte comunque dall assunto che la risorsa finanziaria è per ogni impresa una risorsa indifferenziata vale a dire che va ad interessare l intero contesto aziendale: infatti le fonti finanziarie non sono mai collegabili a singoli investimenti se non nel momento in cui vengono accese. Al fine di determinare gli oneri finanziari di pertinenza del ramo è tuttavia necessario procedere nel seguente modo: si ripartiscono gli oneri finanziari complessivi della X S.p.A. risultanti dal bilancio fra i diversi rami aziendali in base ai ricavi delle vendite e delle prestazioni di ciascuno. Si tratta di un metodo empirico che mira ad imputare gli oneri finanziari in base al contributo che essi hanno dato alla gestione del ramo d azienda da valutare. Nel calcolo degli oneri finanziari non sono inclusi quelli che scaturiscono dal nuovo finanziamento a mediolungo termine di Euro ( ,17) contratto il 4 dicembre 011 e facente parte del ramo W, in quanto i suoi effetti in termini economici sull esercizio 011 non sono rilevanti. Si preferisce infatti, non potendo peraltro oggettivamente stimare l impatto che il finanziamento avrà sulla situazione economico-finanziaria del ramo, considerarlo solo in termini patrimoniali e non in termini reddituali positivi (effetto leva sulla redditività operativa) e reddituali negativi (oneri finanziari). Le imposte di cui al punto d) sono calcolate prudenzialmente nella misura del 50% sul reddito lordo, in quanto nel nostro Paese, come noto, le imposte effettive sono di fatto superiori a quelle nominali espresse in percentuale; ciò dipende da una generale elevata base imponibile dovuta ad oneri fiscalmente non deducibili e ad una ancora più elevata base imponibile per il calcolo dell IRAP, in particolare per alcuni settori come quello in esame. E opportuno inoltre specificare come la redditività del ramo W sia stata considerata in modo indipendente rispetto ai valori patrimoniali rivalutati; infatti per coerenza valutativa si pone spesso il problema di sostituire gli ammortamenti di bilancio con quelli ricalcolati in base agli stimati maggiori valori delle immobilizzazioni. In realtà, nel caso specifico, l adozione del metodo misto del valore medio si basa sulla media semplice delle risultanze del metodo patrimoniale semplice e del metodo reddituale semplice applicati in modo indipendente e per tale motivo le distinte applicazioni di tali metodi non si devono influenzare reciprocamente.

6 Considerando il reddito operativo nel periodo ed applicando le suddette rettifiche per giungere al reddito netto del ramo si redige la seguente tabella, considerando importi espressi in Euro. Determinazione del reddito netto (in Euro) Reddito Operativo , , , , ,00 Differenziale Oneri per Servizi Cont./Amministr , , , , ,55 Fitti Attivi 4.88, , ,30.65, ,4 Oneri Finanziari , , , , ,6 Reddito Lordo , , , , ,5 Imposte e Tasse (50%) , , , , ,1 Reddito Netto , , , , ,1 Pertanto, i redditi normalizzati nel quinquennio considerato sono i seguenti: 007: ,4 008: ,56 009: ,98 010: ,75 011: ,1 Per la determinazione del reddito medio normale è necessario riesprimere preliminarmente i suddetti redditi nello stesso metro monetario, all epoca di riferimento della valutazione (31 dicembre 011), considerando i tassi medi di inflazione rilevati per esprimere a valori del 011 i redditi del 007, 008, 009 e 010: Anno Inflazione Redditi Redditi Nominali Reali 007 1, ,4 (Redd.'07 * 1,017 * 1,016 * 1,05 * 1,07) , , ,56 (Redd.'08 * 1,016 * 1,05 * 1,07) , , ,98 (Redd.'09 * 1,05 * 1,07) , , ,75 (Redd.'10 * 1,07) , , ,1 (Redd.'11) ,1 Ottenuti i redditi reali per ciascun periodo considerato è possibile determinare il reddito medio atteso, a nostro avviso mediante l utilizzo di due metodi alternativi: - con l estrapolazione statistica dei redditi reali per gli anni 007, 008, 009, 010, 011;

7 - con la media aritmetica dei redditi reali per lo stesso periodo. La determinazione del reddito medio atteso, come espressione della capacità reddituale di una società che per sua natura è destinata a durare indefinitamente nel tempo, ci sembra senza dubbio opportuna in luogo di considerare per un limitato arco temporale redditi individuati puntualmente. Il primo metodo permette, sulla base dei suddetti redditi, di ricavare un risultato economico che sia rappresentativo della capacità di reddito prospettica della società. Prima di applicare il metodo della regressione statistica, è necessario in ogni caso accertarne la significatività, che sussiste se il coefficiente di determinazione (r ), come di seguito calcolato, è superiore a 0,5. X Y Sx Sy(*) SxSy Sx Sy , , , , , , , ,81 0, , , , , , , , (*) La media aritmetica dei redditi reali è pari a ,51 Ne deriva: r = Sx SxSy Sy = 10 * , = ,40 = 3, , = = , ,57398 = 0, Essendo il coefficiente di determinazione r superiore a 0,5, la regressione è validamente impiegabile per la determinazione del reddito medio atteso; è altresì opportuno sottolineare che l utilizzo della regressione lineare è, in questo caso, particolarmente appropriato, assumendo r un valore prossimo all unità. In questo modo il reddito medio prospettico è quindi determinato con il metodo della regressione lineare, basato sulla individuazione della retta di regressione: Y = a + bx

8 dove: a è uguale alla media di Y, ovvero ,51 b è calcolato in base alla seguente tabella: X Y XY X , , , , ,3 0, , , , , ,40 10 XY ,40 b= = = ,34 X 10 La retta di regressione è, pertanto, la seguente: Y= , ,34 X Il reddito netto normalizzato atteso è: , ,34 * 3 = ,53 Il reddito medio atteso, stimato con l estrapolazione dei redditi passati, è di ,53 e viene per definizione assunto come costante per un numero illimitato di anni. In alternativa, come evidenziato, può essere applicato il metodo della media aritmetica fra i redditi netti, anch essi opportunamente rivalutati. Come già sottolineato, trattandosi di un settore ciclico, che alterna fasi di crescita molto elevate ad altre di declino, soprattutto per quanto riguarda i prezzi di vendita dei prodotti, proprio questo metodo ci sembra il più adeguato, in quanto permette di neutrallizzare i picchi. Alla opportunità di ordine metodologico si accompagna anche l esigenza di determinare un valore il più prudenziale possibile: obiettivo non pienamente raggiungibile con l estrapolazione della redditività storica nella sua fase virtuosa. Dalla media dei redditi netti rivalutati si determina il reddito medio normale che, per le ragioni esposte assumiamo come parametro per l applicazione del metodo reddituale. Pertanto: , , , , ,1 R= 5

9 R= ,51 Ne deriva come il reddito medio normale atteso calcolato con tale procedimento risulti molto più contenuto, e quindi decisamente più prudenziale di quello estrapolato dal trend dei risultati storici.

10 Metodi Reddituali Tecniche di previsione dei redditi e applicabilità dei metodi 1

11 Indice: 1. Tecniche di previsione dei redditi attesi. Applicabilità dei metodi reddituali 3. Esempi applicativi

12 1. Tecniche di previsione dei redditi attesi 3

13 La determinazione del reddito atteso da attualizzare dipende dall approccio prescelto dall esperto TECNICHE DI PREVISIONE dei redditi attesi 4

14 1) Media dei redditi storici normalizzati Il reddito atteso coincide con la media dei redditi storici normalizzati degli ultimi tre-cinque esercizi 5

15 ) Estrapolazione statistica dei redditi storici normalizzati I redditi attesi sono determinati sulla base del trend di quelli storici, supponendo che l andamento dei redditi conseguiti si rinnoverà nel futuro 6

16 verificare che l andamento dei redditi passati sia tendenzialmente lineare (sufficientemente stabile) e rappresentabile graficamente mediante una retta: La retta di regressione 7

17 3) Metodo del budget La determinazione dei redditi attesi assume come input i risultati economici programmati e attesi dall impresa da valutare 8

18 4) Metodo dell innovazione I redditi attesi sono stimati in base a una previsione ragionevole sull andamento economico della gestione, tenendo conto delle potenzialità e delle scelte strategiche 9

19 1) Media redditi storici + ) Estrapolazione statistica dei redditi storici 3) Metodo del budget 4) Metodo dell innovazione - 10

20 . Applicabilità dei Metodi Reddituali 11

21 Proficua applicazione se: andamento positivo e stabile dei redditi redditi stimabili con sufficiente attendibilità quanto all ammontare e alla rischiosità 1

22 Criticità applicative per: Imprese in crisi di natura economica Imprese cicliche Imprese in fase di start-up Imprese in corso di ristrutturazione 13

23 3. Esempi applicativi 14

24 Esempio Metodo reddituale puro e media dei redditi storici Dati: Redditi storici normaliz. 6, ,5 Coeff. rivalutazione 1,1 1,05 1 i = 4,% 15

25 Svolgimento 6, ,5 1,1= 1,05 = 1 = 7 10,5 1,5 R Medio = , ,5 = 10 Calcolo del capitale economico (W) R 10 W = = = i 0,

26 Esempio Metodo reddituale complesso ed estrapolazione statistica dei redditi Dati: Redditi storici normalizzati e rivalutati 7 10,5 1,5 i = 4,5% 17

27 Svolgimento Verifica preliminare del valore di r Redditi storici Scarti dei redditi rispetto alla loro media (media = 10) Anno x y Sx Sy SxSy Sx Sy ,5 0 0, , ,5 1,5,5 1 6,5 5,5 15,5 18

28 r = SxSy Sx Sy = 5,5 15,5 = 5,5 5,567 = ( 0,98796) = 0,976 L estrapolazione statistica è applicabile La regressione riesce a spiegare il 97,6% della variabilità dei redditi 19

29 Calcolo della retta di regressione Redditi Tempo Y = a + b X Termine noto della retta Coefficiente angolare della retta Calcolo di a a = media di Y = 10 0

30 Calcolo di b Anno X Y XY X , ,5 1,5 1 5,5 XY 5,5 b= = = X,75 1

31 Equazione della retta di regressione Redditi Tempo Y = 10 +,75 X Calcolo dei redditi attesi normalizzati Anno X Y 01 15, ,

32 Calcolo del capitale economico (W) ? 15,5 18, R v 1 R v 014 v i W = R + + 3

33 1 W = 15,5v + 18,5v + 1 i v W 15,5 18,5 1 1 = ,045 ( 1+ 0,045) 0,045 ( 1+ 0,045) = 458,88 4

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO 1 1. Il modello di calcolo del tasso di remunerazione del capitale impiegato L Autorità,

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

In termini di rischio le conclusioni a cui giunge il modello possono riassumersi nelle seguenti proposizioni:

In termini di rischio le conclusioni a cui giunge il modello possono riassumersi nelle seguenti proposizioni: b) Il capital Asset Pricing Model (CAPM) Il modello del CAPM è stato elaborato agli inizi degli anni 60 da tre studiosi americani: Sharpe, Lintner e Mossin. Le ipotesi semplificatrici alla base del modello

Dettagli

ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA

ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA ESAME DI VALUTAZIONE D AZIENDA (ASPETTI TEORICI ED APPLICAZIONI PRATICHE) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MACERATA FACOLTA DI ECONOMIA Anno Accademico 2014-2015 A CURA DI PIERPAOLO CEROLI Professore a contratto

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE

RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE RELAZIONE DI STIMA RELATIVA AL POSSIBILE VALORE DI CESSIONE DELLE QUOTE DI SOCIETA DA COSTITUIRE Il sottoscritto Vladimiro BOLDI COTTI, Dottore Commercialista con Studio in Mantova (MN), Via Cremona n.

Dettagli

SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE

SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE Negli ultimi tre decenni, il Capital Asset Pricing model ha occupato un posto centrale e spesso controverso nella maggioranza degli strumenti di

Dettagli

GLI EQUILIBRI AZIENDALI

GLI EQUILIBRI AZIENDALI GLI EQUILIBRI AZIENDALI Il fine ultimo dell azienda è se stessa, ossia la sua capacità di sopravvivere e svilupparsi, operando in condizioni di «equilibrio». Le condizioni di equilibrio aziendale sono

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

La valutazione delle aziende. 4a parte

La valutazione delle aziende. 4a parte La valutazione delle aziende 4a parte 95 Il WACC Il WACC non è né un costo, né un rendimento minimo: è la media ponderata di un costo e di un rendimento minimo. Considerare il WACC un costo può essere

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Stefano Vescovi. Commercialista. Valutazione della. Farmacia Comunale di Rocca Priora. Buero

Stefano Vescovi. Commercialista. Valutazione della. Farmacia Comunale di Rocca Priora. Buero Stefano Vescovi Commercialista Valutazione della Farmacia Comunale di Rocca Priora Buero INDICE 1 NATURA E FINALITA DEL LAVORO... 3 2 PROFILO DELLA SOCIETÀ... 4 2.1 Informazioni generali... 4 2.2 Dati

Dettagli

ALLEGATO A1 ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO

ALLEGATO A1 ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO ALLEGATO A1 ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO 1 1. IL MODELLO DI CALCOLO DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO L Autorità,

Dettagli

2 Il patrimonio netto rettificato operativo (capitale operativo necessario)

2 Il patrimonio netto rettificato operativo (capitale operativo necessario) Il capitale accessorio (surplus assets). La normalizzazione del reddito (coerentemente alla definizione del capitale accessorio) 1 Premessa 2 Il patrimonio netto rettificato operativo (capitale operativo

Dettagli

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni utile alla determinazione del valore economico di un complesso aziendale o di specifiche categorie di beni Premessa La dottrina e la pratica offrono diverse possibilità nelle metodologie di calcolo del

Dettagli

LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA

LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA LA CREAZIONE DEL VALORE: IL METODO EVA Del Dott. Stefano Setti EVA: definizione e formula EVA (Economic Value Added) è un indicatore studiato negli anni 90 dall economista americano Bennet Stewart (Stern

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società Delta S.p.A. redige il proprio Bilancio d esercizio in conformità ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs. In relazione ad

Dettagli

Economia Aziendale- Corso Progredito

Economia Aziendale- Corso Progredito Economia Aziendale- Corso Progredito Valutazione delle Banche!!! Palmeri Stefano! Voina Daniela! Introduzione Una banca è un istituto di credito che esercita congiuntamente l'attività di raccolta del risparmio

Dettagli

La valutazione d azienda

La valutazione d azienda Maria-Gaia Soana Università degli Studi di Parma corso di Corporate Banking Agenda La valutazione d azienda I metodi patrimoniali, reddituali, misti e i multipli Agenda I metodi patrimoniali I metodi patrimoniali

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

La valutazione di azienda con il metodo reddituale.

La valutazione di azienda con il metodo reddituale. La valutazione di azienda con il metodo reddituale. a cura del Prof. Fabio Banderali (docente di discipline economiche e praticante commercialista in Lodi) Ciascuno di noi è, in verità, un immagine del

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Per ottenere una maggiore o migliore capacità produttiva, il decisore definisce i progetti di investimento industriale per mezzo dei quali

Dettagli

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La ricerca dell equilibrio fra teoria e vincoli Fabrizio Bencini Partner Kon Spa, dottore commercialista e revisore contabile Leonardo Filippini

Dettagli

Esempio n. 1 di valutazione d azienda (metodo reddituale)

Esempio n. 1 di valutazione d azienda (metodo reddituale) Esempio n. 1 di valutazione d azienda (metodo reddituale) I redditi attesi stimati sono: - reali; - normali; - netti e sono riportati nella tabella seguente. Importo 2013 Importo 2014 Importo 2015 VF 2015

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Applicazione dell articolo 5 del d. lgs. n.164/2000. Criteri di valutazione per il riconoscimento della marginalità economica di un giacimento di idrocarburi. DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PREMESSA Con

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La dinamica finanziaria Il Rendiconto Finanziario Analisi Economico-Finanziaria delle P.M.I. Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it La divergenza fra risultato

Dettagli

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO ANALISI DI FATTIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA PARCO DELLO SPORT DI MONZA 1. Executive Summary L analisi della fattibilità economico finanziaria ha come finalità la verifica della sostenibilità economico-finanziaria

Dettagli

WEB OFFER DIAMAN TECH SRL

WEB OFFER DIAMAN TECH SRL RELAZIONE WEB OFFER DIAMAN TECH SRL Indice Introduzione pag. 3 Parte generale..pag. 3 Il caso specifico...pag. 4 Conclusioni..pag. 6 INTRODUZIONE Il sottoscritto dott. Costantino Magro, nato a Padova il

Dettagli

6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO

6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 6. IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO 6.1 Le ipotesi alla base del Piano economico-finanziario Il Piano economico-finanziario risponde a due esigenze fondamentali: - completare il processo di pianificazione

Dettagli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valutazione degli investimenti 9 1-2 Argomenti trattati Costo del capitale aziendale e di progetto Misura del beta Costo del capitale e imprese diversificate Costo

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI

I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I SISTEMI DI VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI I CRITERI DI ANALISI TECNICO-FINANZIARIA. Le componenti base Alessio Di Angelantonio PREMESSA. Che cos è un investimento? Tante, troppe volte, all interno delle

Dettagli

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore di Paolo Moretti Le perdite di valore per le immobilizzazioni materiali, disciplinate dallo IAS 16 «Immobili, impianti e macchinari»,

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli Agenda Metodi di valutazione in generale Il metodo dei multipli Il DCF (Discounted Cash Flow) Un esempio concreto Gli elementi extra-contabili

Dettagli

2. I metodi di valutazione. 3. Caso pratico. Art. 2555 c.c. Come valutare un azienda: metodologie e casi pratici. 1. Perché si valuta un azienda

2. I metodi di valutazione. 3. Caso pratico. Art. 2555 c.c. Come valutare un azienda: metodologie e casi pratici. 1. Perché si valuta un azienda 00 000 00 0 000 000 0 Relatore: Dott. Andrea Gemmi Dottore Commercialista in Parma Come valutare un azienda: metodologie e casi pratici 00 000 00 0 000 000 0. Perché si valuta un azienda 3. Caso pratico

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale per l Energia e le Risorse Minerarie Ufficio Nazionale Minerario per gli Idrocarburi e la Geotermia CIRCOLARE 10 DICEMBRE 2004 Con il documento per

Dettagli

Roberto Barontini Professore Ordinario di Finanza Aziendale Viale Italia 94 19124 - La Spezia Tel. 018722014-3480718933 e-mail r.barontini@sssup.

Roberto Barontini Professore Ordinario di Finanza Aziendale Viale Italia 94 19124 - La Spezia Tel. 018722014-3480718933 e-mail r.barontini@sssup. Roberto Barontini Professore Ordinario di Finanza Aziendale Viale Italia 94 19124 - La Spezia Tel. 018722014-3480718933 e-mail r.barontini@sssup.it Parere sul processo di valutazione utilizzato dal Consiglio

Dettagli

OIC 9 Immobilizzazioni tecniche Perdite permanenti di valore. Premessa... 1. Il quadro normativo e regolamentare... 2. Gli aspetti fiscali...

OIC 9 Immobilizzazioni tecniche Perdite permanenti di valore. Premessa... 1. Il quadro normativo e regolamentare... 2. Gli aspetti fiscali... Sommario Premessa... 1 Il quadro normativo e regolamentare... 2 Gli aspetti fiscali... 6 Premessa La valutazione delle immobilizzazioni tecniche sta attraversando un periodo critico. Mi riferisco soprattutto

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING RISCHIO E CAPITAL BUDGETING Costo opportunità del capitale Molte aziende, una volta stimato il loro costo opportunità del capitale, lo utilizzano per scontare i flussi di cassa attesi dei nuovi progetti

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

PERIZIA DI STIMA DEL VALORE ECONOMICO DEL MARCHIO

PERIZIA DI STIMA DEL VALORE ECONOMICO DEL MARCHIO Giuseppe Balza Dottore Commercialista Revisore Legale dei Conti PERIZIA DI STIMA DEL VALORE ECONOMICO DEL MARCHIO ABBONDIO 1 INDICE 1. OGGETTO DELL INCARICO... 3 1. PRESUPPOSTI NELLO SVOLGIMENTO DELL INCARICO...

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

MOTIVO, OGGETTO, SINTESI DELL OPERAZIONE

MOTIVO, OGGETTO, SINTESI DELL OPERAZIONE MOTIVO, OGGETTO, SINTESI DELL OPERAZIONE La motivazione a supporto dell attività svolta dal sottoscritto per addivenire ad una perizia di stima del valore della Farmacia comunale di Santa Margherita Ligure,

Dettagli

Moores Rowland Bompani

Moores Rowland Bompani Tel. 02 4986350-357 Fax 02 4818143 milano@bompaniaudit.com www.bompaniaudit.com VIAREGGIO PATRIMONIO S.R.L. Viareggio (LU) Relazione della Società di Revisione sul Bilancio dell'esercizio chiuso al 31

Dettagli

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI 00187 Roma - Via Sicilia, 57 tel. 06 3236373 CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ATTUARI 00186 Roma Via del Corea, 3 tel. 06 3210350 REGOLE APPLICATIVE DEI PRINCIPI ATTUARIALI

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Si determini, utilizzando il metodo unlevered discounted cash flow, il valore del capitale economico di un impresa alla data del 1 gennaio 2008 operante

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito

1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito 1. Normalizzazione ed omogeneizzazione del reddito Esercizio: utile (euro) tasso d'inflazione aliquota fiscale (t) anno 2009 100 3,00% 50% anno 2010 120 4,00% 50% anno 2011 80 5,00% 50% Eventi: -Nel 2009:

Dettagli

Università degli Studi di L'Aquila Facoltà di Economia TECNICA PROFESSIONALE DISPENSA SULLA VALUTAZIONE D AZIENDA

Università degli Studi di L'Aquila Facoltà di Economia TECNICA PROFESSIONALE DISPENSA SULLA VALUTAZIONE D AZIENDA Università degli Studi di L'Aquila Facoltà di Economia TECNICA PROFESSIONALE DISPENSA SULLA VALUTAZIONE D AZIENDA INDICE 1. PREMESSA... 1 2. I METODI REDDITUALI E FINANZIARI... 4 2.1. I metodi reddituali...

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

1. Il bilancio e gli indici di bilancio

1. Il bilancio e gli indici di bilancio Indici di bilancio 1 1. Il bilancio e gli indici di bilancio Introduzione 1.1 Lo stato patrimoniale 1.2 Il conto economico 1.3 Indici di bilancio 1.4 Schemi per l interpretazione degli indici di bilancio

Dettagli

Valutazione d aziende. Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore. di Pasquale De Luca (*)

Valutazione d aziende. Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore. di Pasquale De Luca (*) Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore di Pasquale De Luca (*) Un azienda che intenda accedere a fonti di finanziamento esterne, sia che si tratti di accedere a capitale di debito

Dettagli

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione 27.XI.2013 Scopo e temi della lezione I principali tassi per la misura del valore degli investimenti sono: il saggio

Dettagli

1 L oggetto dell incarico. 2 L oggetto della valutazione. 3 La metodologia valutativa

1 L oggetto dell incarico. 2 L oggetto della valutazione. 3 La metodologia valutativa La valutazione di un ramo d azienda che svolge l attività di manutenzione caldaie a domicilio, oggetto di conferimento. Il metodo reddituale a due fasi 1 L oggetto dell incarico 2 L oggetto della valutazione

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 520 PROCEDURE DI ANALISI COMPARATIVA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

La valutazione delle aziende. 3a parte

La valutazione delle aziende. 3a parte La valutazione delle aziende 3a parte 65 I metodi empirici Transazioni comparabili Società comparabili 66 I metodi empirici: generalità e ambiti di utilizzo I metodi empirici vengono solitamente utilizzati

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

SOLUZIONI IV PLICO DI ESERCIZI DI RAGIONERIA

SOLUZIONI IV PLICO DI ESERCIZI DI RAGIONERIA SOLUZIONI IV PLICO DI ESERCIZI DI RAGIONERIA ESERCIZIO N.1 DETERMINAZIONE DEL VALORE DEL MARCHIO 1. Determinazione del fatturato in moneta omogenea ed ipotesi di sviluppo 1997 1998 1999 000 001 fatturato

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE IMPRESE

LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE IMPRESE LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE IMPRESE 1. INTRODUZIONE Questa relazione é dedicata alla misurazione del valore di un impresa funzionante, ed in particolare ai criteri che possono essere adottati per

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse contabilità dei costi contabilità industriale contabilità analitica economico-quantitative

l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse contabilità dei costi contabilità industriale contabilità analitica economico-quantitative Analisi dei Costi La gestione implica l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse, e dunque, costose. L analisi dei costi, è un momento fondamentale del sistema del controllo di gestione con l'espressione

Dettagli

Prof.ssa Sabrina Pucci Corso di Bilancio Anno Accademico 2011-2012 Esercitazione n 3

Prof.ssa Sabrina Pucci Corso di Bilancio Anno Accademico 2011-2012 Esercitazione n 3 ESERCIZIO N 1 Valutazione delle immobilizzazioni secondo il codice civile Il 10 gennaio del 2009, l impresa GAMMA acquista un terreno sostenendo un costo pari a euro 250.000 ed un impianto per 300.000.

Dettagli

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com IL VALORE DELLA SINERGIA di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management Sommario Le fonti di sinergia...3 La valutazione delle sinergie operative...4 La valutazione delle sinergie

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL VALORE DI MERCATO DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE ALLA DATA DEL 31 3 DICEMBRE 200 EXECUTIVE SUMMARY

DETERMINAZIONE DEL VALORE DI MERCATO DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE ALLA DATA DEL 31 3 DICEMBRE 200 EXECUTIVE SUMMARY DETERMINAZIONE DEL VALORE DI MERCATO DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL FONDO BNL PORTFOLIO IMMOBILIARE ALLA DATA DEL 31 3 DICEMBRE 200 008 EXECUTIVE SUMMARY GENNAIO 2009 INDICE ARGOMENTO PAGINA PREMESSA 1

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino MAP Rimanenze (OIC 13) A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino L articolo approfondisce nella sua completezza il contenuto dell OIC 13, nuovo Principio Contabile sulle rimanenze di

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DI UN ALBERGO

CRITERI DI VALUTAZIONE DI UN ALBERGO CRITERI DI VALUTAZIONE DI UN ALBERGO PERCHE UN AZIENDA ALBERGHIERA VA IN CRISI? 1) PER LA DESTINAZIONE 2) PER MOTIVI GESTIONALI 3) PER MOTIVI ECONOMICO- FINANZIARI OVVIAMENTE LA SECONDA E LA TERZA MOTIVAZIONE

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli