Si ringraziano la Struttura Complessa di Medicina Fisica e Riabilitazione e la responsabile dott.ssa Tiziana Iacomussi per la collaborazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si ringraziano la Struttura Complessa di Medicina Fisica e Riabilitazione e la responsabile dott.ssa Tiziana Iacomussi per la collaborazione"

Transcript

1 OSPEDALE MARIA VITTORIA GUIDA PRATICA per i PAZIENTI OPERATI con PROTESI TOTALE D ANCA INFORMAZIONI E CONSIGLI PRATICI DALL INGRESSO IN OSPEDALE ALLA DIMISSIONE E SUCCESSIVA RIEDUCAZIONE MOTORIA FUNZIONALE STRUTTURA COMPLESSA ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA Direttore Dott. Angelo Dettoni

2 Coordinatore Scientifico dott. Mauro Roselli * Disegni dott.ssa Giuseppina Montanari * Si ringraziano la Struttura Complessa di Medicina Fisica e Riabilitazione e la responsabile dott.ssa Tiziana Iacomussi per la collaborazione * Dirigente Medico A.S.L. TO2 - Ospedale Maria Vittoria S.C. Ortopedia e Traumatologia (Direttore: dott. Angelo Dettoni)

3 Torino Nord OSPEDALE MARIA VITTORIA GUIDA PRATICA per i PAZIENTI OPERATI con PROTESI TOTALE D ANCA INFORMAZIONI E CONSIGLI PRATICI DALL INGRESSO IN OSPEDALE ALLA DIMISSIONE E SUCCESSIVA RIEDUCAZIONE MOTORIA FUNZIONALE STRUTTURA COMPLESSA ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA Direttore Dott. Angelo Dettoni

4 L ANCA NORMALE L anca normale è un articolazione costituita dalla testa del femore, che rappresenta i due terzi di una sfera e che s inserisce in una cavità emisferica, la cavità acetabolare. Le superfici che vengono in contatto sono ricoperte da cellule cartilaginee che le rendono perfettamente levigate. Le due ossa sono unite tra loro da una capsula fibrosa che forma un manicotto fibroso che avvolge l articolazione e da una membrana sinoviale che produce un liquido per lubrificare e nutrire le superfici articolari e renderle perfettamente scorrevoli tra loro. CAPSULA ARTICOLARE TESTA FEMORALE CAVITÀ ACETABOLARE COLLO FEMORALE 4

5 CAPSULA ARTICOLARE GRAN TROCANTERE PICCOLO TROCANTERE SPINAILIACA ANTERIORE SUPERIORE LEGAMENTO INGUINALE CAPSULA ARTICOLARE PUBE GRAN TROCANTERE ISCHIO DIAFISI FEMORALE 5

6 L ANCA PATOLOGICA La coxartrosi può essere definita come la degenerazione delle cellule cartilaginee con perdita della perfetta congruenza e levigatezza delle superfici dell articolazione coxo-femorale e la eventuale formazione di osteofiti (crescita ossea periarticolare). TESTA FEMORALE CAVITÀ ACETABOLARE OSTEOFITA COLLO FEMORALE OSTEOFITA 6

7 L artrosi dell anca può essere legata a numerosi fattori così definiti: 1) COXARTROSI PRIMITIVA o idiopatica (senza causa specifica) 2) COXARTROSI SECONDARIA (a patologie note) a) post traumatica b) displasia congenita c) osteocondrite epifisaria, morbo di Perthes d) coxa vara, o valga e) artrite settica f) malattia reumatica g) necrosi della testa femorale Contribuiscono ad una maggiore incidenza di degenerazione articolare fattori quali l obesità, la scarsa attività fisica ed occupazionale, fattori genetici ed ambientali. L artrosi dell anca esordisce con modesto dolore a livello inguinale dopo una deambulazione o affaticamento in generale. Il riposo è sufficiente a calmare il dolore. Con il progredire della coxartrosi si assiste ad un peggioramento del dolore ed a una sempre più marcata limitazione funzionale delle rotazioni, abduzione, adduzione e flessione fino ad arrivare alla zoppia durante la deambulazione, all ipotrofia muscolare, ad atteggiamenti coattivi. OPZIONI TERAPEUTICHE Iniziale fisiocinesiterapia e terapia farmacologia; terapia chirurgica: osteotomie correttive, intervento sec. Ganz, etc. (indicazioni molto limitate). Sostituzione protesica Scopo dell intervento: abolire il dolore; ridare motilità articolare normale; recupero funzionale globale. 7

8 LA PROTESI TOTALE D ANCA La protesi d anca, cementata o non, rispecchia l anca naturale, ossia è costituita da una sfera metallica o di ceramica che sostituisce la testa del femore e s inserisce in uno stelo metallico che viene posizionato nel femore prossimale. Il tutto si assembla con una coppa metallica con un inserto di ceramica, metallo o polietilene che trovano alloggio nella cavità del bacino erosa (acetabolo). Come l anca sana la protesi ha delle superfici lisce che permettono il movimento con scarso attrito e senza dolore. 8

9 LA VISITA ORTOPEDICA Lo specialista Ortopedico è deputato al trattamento chirurgico dell apparato osteo articolare. Solo dopo un accurata valutazione clinica, obiettiva e radiologica verrà posta indicazione alla sostituzione protesica totale. LA PREPARAZIONE PRIMA DELL INTERVENTO Prima dell intervento sarà necessario essere sottoposti a visita anestesiologica, ove verrà valutata la necessità di ulteriori accertamenti. Sarà necessario perdere chili se obesi; smettere di fumare e segnalare l assunzioni di farmaci. Come per tutti i grandi interventi anche per questo ci sono dei rischi,come embolie, polmoniti, infezioni, reazioni allergiche ed altre complicanze post operatorie, che potranno essere spiegati dall ortopedico durante la visita. La visita si concluderà dopo aver informato il paziente su tutto quanto necessita sapere su questo intervento e con la firma da parte del medico e del paziente stesso dell apposito modulo di consenso informato. Prima o durante l intervento verrà effettuata: profilassi antitromboembolica, in accordo a quanto risulta in letteratura dalle raccomandazioni internazionali; profilassi antibiotica contro il rischio d infezione, secondo quanto risulta dalla letteratura internazionale; profilassi delle ossificazioni periarticolari. 9

10 L INTERVENTO Il ricovero potrà avvenire uno o due giorni prima dell intervento. La sera prima dell intervento sarà necessario: eseguire una doccia; restare digiuni dalle ore 24.00; potrà essere eseguito un clistere. Al mattino verranno posizionati un ago cannula per la somministrazione di farmaci ed eventuali trasfusioni e un catetere vescicale. L anestesista provvederà ad eseguire l anestesia epidurale o più raramente generale. Al termine dell intervento resterà la sensazione di perdita della sensibilità agli arti inferiori per qualche ora ancora. Attraverso le flebo verranno somministrati farmaci antalgici ed antibiotici, uno o due tubicini dreneranno il sangue dalla ferita, impedendo la formazione di ematomi. Flebo, drenaggi e cateteri verranno rimossi il giorno seguente l intervento. Dopo l intervento, gli arti inferiori sono mantenuti abdotti a 30 da un cuscino divaricatore per mantenere la posizione corretta e prevenire manovre sbagliate. I medici e gli infermieri professionali della nostra S.C. restano a disposizione per eventuali richieste del paziente. 10

11 RIABILITAZIONE DOPO L INTERVENTO DI PROTESI D ANCA La presa in carico riabilitativa del paziente avviene dal giorno seguente l intervento mediante visita fisiatrica. Verrà steso il programma riabilitativo che sarà iniziato dai fisioterapisti in ospedale, continuato al domicilio se il paziente viene dimesso in adr (assistenza domiciliare riabilitativa) o in regime di ricovero presso le strutture riabilitative accreditate oppure presso il day hospital riabilitativo della struttura complessa di mfr (medicina fisica e riabilitazione). Nell impostare il trattamento riabilitativo verranno considerate: le condizioni generali e locali pre e post-operatorie; la collaborazione del paziente. I - II GIORNATA POSTOPERATORIA Verranno curati: l allineamento posturale al letto; gli esercizi per l arto operato e per l arto controlaterale; gli esercizi attivi ed attivi assistiti per la caviglia che attiva la pompa plantare; gli esercizi per la ginnastica respiratoria. III - IV GIORNATA POST-OPERATORIA Oltre a quanto sopra: assunzione della posizione seduta con le gambe fuori dal letto. V - VI GIORNATA POST-OPERATORIA Al paziente verrà insegnato ad assumere la posizione eretta ed ad iniziare la deambulazione con utilizzo di un girello o di bastoni canadesi secondo le abilità. 11

12 CONSIGLI SUI MOVIMENTI PERMESSI E QUELLI DA EVITARE N.B. Gran parte dei consigli seguenti sono legati anche al tipo di via chirurgica di accesso: quanto esposto vale per la via postero-laterale usata comunemente per questo intervento. si a) NON PIEGARE L ANCA OPERATA OLTRE I 90 GRADI RISPETTO ALL ASSE VERTICALE DEL CORPO no b) DA SEDUTI, LE GINOCCHIA NON DEVONO MAI ESSERE PIU ALTE DELLE ANCHE E LE SPALLE NON DEVONO ESSERE PIU AVANTI RISPETTO ALLE ANCHE 12

13 si IN POSIZIONE SEDUTA, PER RIDURRE I GRADI DI FLESSIONE DELL ANCA, ALLUNGARE IN AVANTI L ARTO OPERATO (IL GINOCCHIO RISULTA PIU ABBASSATO RISPETTO AL CONTROLATERALE) 13

14 no a) QUANDO SI E CORICATI NON INCROCIARE MAI LE GAMBE si b) MANTENERE SEMPRE UN CUSCINO RIPIEGATO TRA LE COSCE PER MANTENERE L ABDUZIONE DEGLI ARTI no c) NELLA POSIZIONE SUL FIANCO NON RUOTARE MAI L ARTO OPERATO VERSO L INTERNO (IL GINOCCHIO E IL PIEDE NON DEVONO MAI GIRARSI ALL INTERNO) si d) MANTENERE SEMPRE IL CUSCINO TRA LE COSCE ANCHE IN QUESTA POSIZIONE 14

15 no NON ACCOVACCIARSI MAI: MOVIMENTO AD ALTO RISCHIO DI LUSSAZIONE! a) UTILIZZARE SEMPRE SEDIE ALTE E STABILI, CON SEDILE NON TROPPO SOFFICE O CEDEVOLE (POLTRONA O DIVANO BASSO). DA SEDUTI NON STARE SUL BORDO DELLA SEDIA, NON PIEGARE MAI IL TRONCO IN AVANTI, NEL RIALZARSI MANTENERE IL BUSTO BEN ERETTO E GUARDARE IN AVANTI. NEI PRIMI MESI DOPO L INTERVENTO SONO INDISPENSABILI SEDIE CON I BRACCIOLI, PER PERMETTERE UNA SPINTA DELLA BRACCIA EFFICACE VERSO L ALTO E SCARICARE L ANCA DAL CARICO TOTALE PROVOCATO DALL ALZARSI IN PIEDI si no b) NON ACCAVALLARE MAI LE GAMBE, NE RUOTARE L ARTO OPERATO ALL INTERNO c) MANTENERE SEMPRE UNA CORRETTA POSIZIONE SEDUTA CON LE ANCHE FLESSE NON OLTRE I 90 GRADI, LE GINOCCHIA LEGGERMENTE DIVARICATE, IL BUSTO BEN ERETTO E BEN INDIETRO CONTRO LO SCHIENALE 15

16 no si a) ANCHE DURANTE LA GUIDA NON SEDERSI SU SEDILI TROPPO BASSI CON LE ANCHE FLESSE OLTRE I 90 GRADI E IL BUSTO IN AVANTI b) UTILIZZARE DEI CUSCINI PER MANTENERE IL BUSTO ERETTO E IL SEDILE SOLLEVATO no si c) NON SCENDERE DALL AUTO INTRARUOTANDO L ARTO OPERATO (CON IL GINOCCHIO RIVOLTO VERSO L INTERNO) d) SPOSTARE GLI ARTI AFFIANCATI FACENDO FORZA SULLE BRACCIA 16

17 no WATER E BIDET VANNO UTILIZZATI CON L APPOSITO RIALZO. DA SEDUTI LE ANCHE NON DEVONO MAI RISULTARE PIU BASSE DELLE GINOCCHIA si 17

18 no a) NON RACCOGLIERE OGGETTI DA TERRA FLETTENDO IL TRONCO si b) PORTARE TUTTO IL PESO DEL CORPO SULL ARTO NON OPERATO PIEGANDO IN AVANTI L ANCA E IL GINOCCHIO. PORTARE IN ESTENSIONE ALL INDIETRO L ANCA OPERATA CON IL GINOCCHIO PIEGATO VERSO IL SUOLO E TENERSI CON UNA MANO AD UN APPOGGIO SICURO si c) IL GINOCCHIO DELL ARTO OPERATO SARA APPOGGIATO A TERRA EVITANDO COSI L ECCESSIVA FLESSIONE DELL ANCA 18

19 no a) PER CALZARE LE SCARPE NON FLETTERE MAI L ANCA OPERATA OLTRE I 90 GRADI PIEGANDO IL BUSTO IN AVANTI (USARE CALZASCARPE LUNGHI E CALZACALZE) si no b) SEDUTI SU SEDIA BEN STABILE E CON BRACCIOLI, PORTARE L ARTO OPERATO SOTTO IL GINOCCHIO DELL ALTRO LATO EVITANDO DI PIEGARE L ANCA OPERATA OLTRE I 90 GRADI c) NON ACCAVALLARE L ARTO OPERATO RUOTANDO IN DENTRO O IN FUORI L ANCA 19

20 no a) NON SOVRACCARICARE L IMPIANTO PROTESICO PORTANDO PESI SUPERIORI A 20 KG. (L USURA DEL COTILE E DIRETTAMENTE PROPORZIONALE ALL USO E AL PESO SOLLEVATO) si b) UTILIZZARE VALIGIE CON TROLLEY O CARRELLINI CON RUOTE PER LA SPESA 20

21 RICORDA: SALE L ARTO INFERIORE SANO SCENDE QUELLO OPERATO a) NEL POST-OPERATORIO E NECESSARIO DEAMBULARE CON DUE STAMPELLE. PER SALIRE LE SCALE, PORTARE PER PRIMO L ARTO SANO SUL GRADINO SOVRASTANTE, POI PROCEDERE CON L ANCA OPERATA b) PER SCENDERE, PORTARE ENTRAMBE LE STAMPELLE SUL GRADINO SOTTOSTANTE, QUINDI AVANZARE CON L ANCA OPERATA SEGUITA DA QUELLA SANA 21

22 si a) PER RECUPERARE LA FORZA MUSCOLARE SONO CONSIGLIATE PASSEGGIATE SU TERRENI PIANEGGIANTI no b) EVITARE PERCORSI ACCIDENTATI O PARTICOLARMENTE RIPIDI CON ZAINI PESANTI 22

23 I PROSSIMI CONTROLLI Il primo controllo clinico e radiografico andrà effettuato a 2 mesi dall intervento, secondo le indicazioni date dall Ortopedico nella lettera di dimissione. Il secondo controllo clinico e radiografico dopo 6 mesi. Il terzo ad un anno e poi a due anni ed infine ogni 2 anni. RICORDA: PORTARE SEMPRE LE RADIOGRAFIE DELL ANCA OPERATA PORTARE SEMPRE IL FOGLIO DI DIMISSIONE DALL OSPEDALE DESCRIVERE LA TERAPIA IN ATTO Il Direttore della Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia o un Collega delegato della Sua equipe sono a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti, negli orari di ricevimento, su appuntamento.

24 a cura della SC RELAZIONI ESTERNE

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

Chirurgia - Protesi di Anca:

Chirurgia - Protesi di Anca: Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi (FI) Agenzia Recupero e Riabilitazione* Direttore Dr. Pietro Pasquetti * P. Pasquetti, I. Gelli, G. Mangone, T. Bassarelli Chirurgia - Protesi di Anca: RIABILITAZIONE

Dettagli

Guida pratica per i pazienti operati di artroprotesi d anca

Guida pratica per i pazienti operati di artroprotesi d anca Guida pratica per i pazienti operati di artroprotesi d anca Questo libretto informativo è stato ideato, grazie alla collaborazione tra l équipe riabilitativa di REHA TICINO, il Dipartimento multisito di

Dettagli

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni

SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione. Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo Galassi Dott. Gian Andrea Magagni Percorso riabilitativo per pazienti operati di protesi di ginocchio

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

ANATOMIA DELL ANCA ~ 1 ~

ANATOMIA DELL ANCA ~ 1 ~ L intervento di artroprotesi totale d anca rappresenta uno dei maggiori successi della moderna ortopedia in grado di garantire il ripristino della funzionalità articolare, abolendo la sintomatologia dolorosa

Dettagli

La protesi totale d anca

La protesi totale d anca La protesi totale d anca COSA FARE E COSA NON FARE GE.SA s.r.l. Via Ragazzi del 99 n.1-10090 BUTTIGLIERA ALTA (TO) Tel. 011.932.98.11 r.a. - Fax 011.932.98.72 P.IVA 07676010015 E-mail: info@gesamdb.it

Dettagli

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca

Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca Dipartimento Neuro Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Guida per i pazienti operati di endoprotesi o artroprotesi d anca A cura di: Dott.ssa Procicchiani Donatella

Dettagli

Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca

Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca Consigli utili per il paziente operato di protesi d'anca Da seguire per le prime 6-10 settimane (due mesi circa) dopo l'intervento di protesi d'anca I seguenti consigli servono a evitare la lussazione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

L'ARTROPROTESI D'ANCA

L'ARTROPROTESI D'ANCA L'ARTROPROTESI D'ANCA ISTRUZIONI PER IL PAZIENTE Dott. Alessandro Masini Casa di Cura Paideia Via Vincenzo Tiberio 46 00191 Roma Tel.: 06330941 06330945100 DOPO L'INTERVENTO Nelle ore che seguono all intervento

Dettagli

CHIRURGIA PROTESICA DELL ANCA

CHIRURGIA PROTESICA DELL ANCA Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico HUMANITAS EDUCATIONAL CHIRURGIA PROTESICA DELL ANCA Unità Operativa di Chirurgia Protesica prof. L. Spotorno www.humanitas.it Un anca libera dal dolore,

Dettagli

CENTRO STUDI ATTIVITA MOTORIE VIA SAN MARCO 99 VIA BELLAVITIS 11 TEL 049.893.48

CENTRO STUDI ATTIVITA MOTORIE VIA SAN MARCO 99 VIA BELLAVITIS 11 TEL 049.893.48 CENTRO STUDI ATTIVITA MOTORIE VIA SAN MARCO 99 VIA BELLAVITIS 11 TEL 049.893.48.02 -------------------------------------------------------------------- LA PROTESI DI GINOCCHIO DOPO L INTERVENTO La prima

Dettagli

Artroprotesi di Ginocchio. VenetoSportsMed

Artroprotesi di Ginocchio. VenetoSportsMed Artroprotesi di Ginocchio VenetoSportsMed Se il vostro ginocchio è severamente danneggiato dall artrosi potrebbe risultarvi difficile svolgere le semplici attività quotidiane come il camminare; il dolore

Dettagli

A cura di: dott. Antonio Croce. con la collaborazione di: dott.ssa Elisabetta Diotti, dott. Enrico Borgo PROTESI D ANCA. Manuale per il paziente

A cura di: dott. Antonio Croce. con la collaborazione di: dott.ssa Elisabetta Diotti, dott. Enrico Borgo PROTESI D ANCA. Manuale per il paziente A cura di: dott. Antonio Croce con la collaborazione di: dott.ssa Elisabetta Diotti, dott. Enrico Borgo PROTESI D ANCA Manuale per il paziente www.protesianca.com COS E UNA PROTESI D ANCA L intervento

Dettagli

Il Paziente Ortopedico

Il Paziente Ortopedico Il Paziente Ortopedico Fratturato - Fratture vertebrali - Fratture di femore - Fratture di spalla In elezione - Protesi d anca - Protesi di ginocchio - Protesi di spalla Le fratture CAUSE Le fratture vertebrali

Dettagli

ARTROPROTESI DI ANCA: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali

ARTROPROTESI DI ANCA: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali ARTROPROTESI DI ANCA: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali Presentazione Gentile Signore/a, con questo opuscolo desideriamo fornirle alcune indicazioni riguardo i comportamenti più

Dettagli

ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali

ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali ARTROPROTESI DI GINOCCHIO: trattamento riabilitativo norme igienico-comportamentali Presentazione Gentile Signore/a, con questo opuscolo desideriamo fornirle alcune indicazioni sui comportamenti più idonei

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

www.casadicura-villabianca.it

www.casadicura-villabianca.it Rev. 0 del 01.10.2010 Casa di Cura Medico- Riabilitativa Villa Bianca (Accreditata con il SSN - Det. Dir. n. 587/2005 - Det. Dir. n. 195/2007) Medicina Fisica e Riabilitazione: per pazienti operati di

Dettagli

Artroprotesi d Anca Informazioni al Paziente

Artroprotesi d Anca Informazioni al Paziente Area Funzionale Ortopedico-Traumatologica-Riabilitativa Artroprotesi d Anca Informazioni al Paziente Struttura Complessa di Ortopedia Direttore Dott. Giovanni Annaratone Struttura Complessa di Recuero

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione post

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

L ARTROPROTESI DI GINOCCHIO

L ARTROPROTESI DI GINOCCHIO L ARTROPROTESI DI GINOCCHIO ISTRUZIONI PER IL PAZIENTE Dott. Alessandro Masini Casa di Cura Paideia Via Vincenzo Tiberio 46 00191 Roma Tel.: 06330941 06330945100 1 1 INTRODUZIONE Questa guida è stata ideata

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione

Dettagli

Protesi di ginocchio. Manuale d uso. dott. Antonio Croce. dott.ssa Elisabetta Diotti dott. Enrico Borgo dott. Marco Ometti.

Protesi di ginocchio. Manuale d uso. dott. Antonio Croce. dott.ssa Elisabetta Diotti dott. Enrico Borgo dott. Marco Ometti. Suppl. a Select - Selezione di Clinica e Terapia Annno - n. - 2006 Protesi di ginocchio Manuale d uso a cura di dott. Antonio Croce con la collaborazione di dott.ssa Elisabetta Diotti dott. Enrico Borgo

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE

ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA ARTROSI DI SPALLA PAZIENTE 1 COSA È L ARTROSI? E una patologia della cartilagine articolare che non guarisce e, nel tempo, tende ad aggravarsi.

Dettagli

BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA:

BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA: BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA: Premesse anatomiche L articolazione della spalla (scapolo-omerale) è costituita dalla testa dell omero, che ha la forma di una porzione di sfera, e dalla cavità glenoidea

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

rotesi di ginocchio Consigli pratici per il paziente su come affrontare l intervento (prima, durante e dopo) a cura di A. Baldini e R.

rotesi di ginocchio Consigli pratici per il paziente su come affrontare l intervento (prima, durante e dopo) a cura di A. Baldini e R. Strumento Tecnico Educativo per il Paziente P rotesi di ginocchio Consigli pratici per il paziente su come affrontare l intervento (prima, durante e dopo) a cura di A. Baldini e R. Abbate Con il contributo

Dettagli

Le artroprotesi d anca: informazione e consenso

Le artroprotesi d anca: informazione e consenso U.O. DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA OSPEDALE CIVILE MAGGIORE BORGO TRENTO AZIENDA OSPEDALIERA DI VERONA Direttore: Dott. Massimo Marcer Le artroprotesi d anca: informazione e consenso Andrea Scalvi QUANDO

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Il Mal di Schiena Imparare a Prevenirlo

Il Mal di Schiena Imparare a Prevenirlo Dr. Umberto Donati Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano Specialista in Medicina Legale e Assicurazioni Medico Esperto in Omotossicologia www.ortopedicoabologna.it

Dettagli

PROTESI TOTALE D ANCA PERCORSO STANDARD PER IL PAZIENTE

PROTESI TOTALE D ANCA PERCORSO STANDARD PER IL PAZIENTE PROTESI TOTALE D ANCA PERCORSO STANDARD PER IL PAZIENTE Gentile Signore/a, questo opuscolo è stato pensato per poterle fornire tutte le informazioni utili a renderle più chiaro il percorso che dovrà affrontare

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

PIERO PECCHIA ARTROPROTESI D ANCA

PIERO PECCHIA ARTROPROTESI D ANCA PIERO PECCHIA ARTROPROTESI D ANCA (NOTE INFORMATIVE PER I PAZIENTI) Questo libretto è dedicato a voi che state per affrontare l intervento di artroprotesi d anca; vi servirà per comprenderne meglio le

Dettagli

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA RIABILITAZIONE CARDIOVASCOLARE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Una corretta attività fisica svolge un azione molto favorevole sull apparato cardiovascolare, riduce tutti i principali

Dettagli

UNA SEMPLICE GUIDA PER LA PROTESI DI ANCA

UNA SEMPLICE GUIDA PER LA PROTESI DI ANCA UNA SEMPLICE GUIDA PER LA PROTESI DI ANCA Dr. Christian Jäger Ortopedia e Traumatologia Pag. 1 INDICE INTRODUZIONE Questa brochure è destinata a coloro che si sottoporranno ad un intervento di protesi

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE ORTOPEDICO MILVA SPADA

ASSISTENZA AL PAZIENTE ORTOPEDICO MILVA SPADA Universita degli studi di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia corso di laurea in infermieristica Sezione formativa di Ravenna Anno Accademico 2012-2013 SEMINARIO 2 ANNO _I SEMESTRE ASSISTENZA AL PAZIENTE

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA. Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi

ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA. Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi SEDE Ospedale di Ivrea (Asl TO 4) Piazza della Credenza Primo piano Blocco B ORGANICO PER TURNO Mattino(6-14): 4

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

Dipartimento di Chirurgia Specialistica/Ortopedia

Dipartimento di Chirurgia Specialistica/Ortopedia Dipartimento di Chirurgia Specialistica/Ortopedia Dipartimento di Chirurgia Specialistica/Ortopedia Direttore dr. Carlo Fioruzzi P. O. PIACENZA Direttore: dr. C. Fioruzzi Equipe medica dr. R. Alessandrini

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

FRATTURA DI FEMORE IN ETA GERIATRICA

FRATTURA DI FEMORE IN ETA GERIATRICA Protocollo Riabilitativo INRCA FRATTURA DI FEMORE IN ETA GERIATRICA La presa in carico del paziente con frattura di femore A cura di Anna Gaspari Frattura del Femore La menomazione e disabilità da patologia

Dettagli

Quando la protesi d anca fallisce

Quando la protesi d anca fallisce Marco d Imporzano Direttore Scientifico, Istituto Ortopedico G. Pini, Milano Quando la protesi d anca fallisce La revisione Nuove tematiche Si intende per revisione di una protesi d anca, la procedura

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Azienda USL 6 Livorno UO Riabilitazione Funzionale PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Anni 2008 2009 A cura delle UUOO RIABILITAZIONE FUNZIONALE AZIENDALI in collaborazione con le palestre 1 PROGRAMMA

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

COXARTROSI: L'APPROCCIO CHINESIOLOGICO COME PARTE INTEGRANTE DELLA RIABILITAZIONE a cura di Dino Caprara

COXARTROSI: L'APPROCCIO CHINESIOLOGICO COME PARTE INTEGRANTE DELLA RIABILITAZIONE a cura di Dino Caprara COXARTROSI: L'APPROCCIO CHINESIOLOGICO COME PARTE INTEGRANTE DELLA RIABILITAZIONE a cura di Dino Caprara INTRODUZIONE Nel seguente protocollo sono descritte le linee guida di esercizi specifici adatti

Dettagli

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua 50 1964 2014 anni Il Centro di Terapia in Acqua di Villa Maria Il Centro di Fisioterapia Riabilitativa in Acqua (idrochinesiterapia) di Villa Maria è

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili)

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili) LE ARTICOLAZIONI Le ossa dello scheletro sono tenute insieme dalle articolazioni. Tali strutture consentono una mobilità più o meno ampia a seconda della loro conformazione e della modalità con cui vengono

Dettagli

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO.

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. FASE PREOPERATORIA conoscenza del lavoro conoscenza dell'ambiente adattamento strutturale alle nuove

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

P. Volpi M. Galli. www.traumasport.net

P. Volpi M. Galli. www.traumasport.net P. Volpi M. Galli www.traumasport.net ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT E DI CHIRURGIA ARTROSCOPICA Responsabili: M. DENTI - H. SCHOENHUBER - P. VOLPI Equipe: C.

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

www.slidetube.it Addominoplastica

www.slidetube.it Addominoplastica Addominoplastica Autori: Fabio Santanelli, Professore Associato, Titolare Cattedra di Chirurgia Plastica, Direttore Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica, Università di Roma, Responsabile Unità

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA

EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA EDUCAZIONE ALLA POSTURA ED AL MOVIMENTO NEL POST INTERVENTO SULLA COLONNA Ft GABRIELLA PISU Dipartimento Recupero e Riabilitazione Funzionale A.S.O. CTO-M.Adelaide Direttore: Dott.ssa M.V. Actis 2 Corso

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE Via Amadeo 24, 20133 Milano Via Vivaio 22, 20122 Milano Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 E-mail: info@oasiortopedia.it E-mail: l.boldrini@isokinetic.com Pagina web: www.oasiortopedia.it

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche Pagina 1 / 2 andare alla pagina: 1 6 Posizione del M/L Posizione del A/P Peso corporeo Determinare il peso corporeo. Prendere già in considerazione eventuali variazioni prevedibili (ad es. oscillazioni

Dettagli

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO

ESERCIZI PER TUTTI I GIORNI PER CONTINUARE A PRENDERSI CURA DELLA PROPRIA SCHIENA. Per le foto ringraziamo Nicoletta VERGARO ASL 4 CHIAVARESE DIPARTIMENTO della RIABILITAZIONE e della DISABILITA Direttore: Dott.ssa Valeria LEONI S.C. MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA A cura di: Mirella DEFILIPPI - Sonia CERETTO CASTIGLIANO - Alice

Dettagli

PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE

PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE o CISTECTOMIA RADICALE CON CONFEZIONAMENTO DI NEOVESCICA ORTOTOPICA La vescica consente l accumulo di urina e il

Dettagli

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA

SERVIZIO DI REUMATOLOGIA SERVIZIO DI REUMATOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA I REUMATISMI COME PREVENIRLI E CURARLI Le malattie reumatiche, denominate con varie terminologie (reumatismi,

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Proposta di esercizi settimanali per persone con Spondilite Anchilosante

Proposta di esercizi settimanali per persone con Spondilite Anchilosante Proposta di esercizi settimanali per persone con Spondilite Anchilosante INFORMAZIONI GENERALI Gli esercizi riabilitativi eseguiti tutti i giorni, al proprio domicilio, sono un indicazione utile e consigliata

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45

Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45 Posizione Eretta Naturalmente ; La distanza tra i piedi Corrisponde alla Larghezza delle anche Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45

Dettagli

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma

I.N.R.C.A. Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Anziani - IRCCS in Forma Il movimento è fondamentale per il soggetto anziano per mantenere o riacquistare l indipendenza e l autosufficienza. Spesso l atteggiamento della persona di una certa età è di sfiducia e rassegnazione:

Dettagli

EDUCAZIONE ED ASSISTENZA AL PAZIENTE CON FLEBOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI STIEVANO ALESSANDRO

EDUCAZIONE ED ASSISTENZA AL PAZIENTE CON FLEBOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI STIEVANO ALESSANDRO EDUCAZIONE ED ASSISTENZA AL PAZIENTE CON FLEBOPATIA DEGLI ARTI INFERIORI RELATORI: MAURIZIO PALOMBI STUDENTE: MINI MENACHERY STIEVANO ALESSANDRO IL TERMINE VARICE DERIVA DAL LATINO VARUS, CHE SIGNIFICA

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE

CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA CAPSULITE ADESIVA PAZIENTE 1 CHE COSA È LA CAPSULITE ADESIVA? La capsulite adesiva, nota anche come Spalla congelata o Frozen Shoulder

Dettagli

Test di prestazione fisica nell anziano

Test di prestazione fisica nell anziano Lezioni 9 & 10 Test di prestazione fisica nell anziano La valutazione funzionale dell efficienza fisica dell anziano può essere attuata mediante scale di autovalutazione quindi attraverso l uso di un questionario,

Dettagli

Il legamento crociato anteriore. VenetoSportsMed

Il legamento crociato anteriore. VenetoSportsMed Il legamento crociato anteriore VenetoSportsMed Le informazioni che seguono includono dettagli sull anatomia e la fisiologia del ginocchio con una lesione del legamento crociato anteriore, le opzioni terapeutiche

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI Importanti istruzioni di sicurezza Uso corretto 3 Assemblaggio 4 KRANKcycle: specificazioni, strumenti e assemblaggio Specificazioni modello 4 Strumenti per l assemblaggio 5 Assemblaggio

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia L Aspirato Midollare Informazione per pazienti e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Dott. Francesco Merli - Direttore Cristiana Caffarri - Coordinatore

Dettagli

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE PROF. FRANCESCO MONTORSI PROFESSORE ORDINARIO DI UROLOGIA UNIVERSITA VITA SALUTE SAN RAFFAELE MILANO Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE

Dettagli