Guida didattica all unità 2 Rispettiamo l ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida didattica all unità 2 Rispettiamo l ambiente"

Transcript

1 Guida didattica all unità 2 Rispettiamo l ambiente 1. Proposta di articolazione dell unità Presentiamo qui di seguito un ipotesi di articolazione dell unità 2, indicando una possibile scansione delle diverse tipologie di attività illustrate nella Guida didattica per l insegnante. Come indicazioni preliminari, l insegnante dovrà tenere conto dei seguenti elementi: Le attività con correzione automatica possono essere opportunamente selezionate, tenendo presente che le sessioni indispensabili sono le prime 4. Le attività di Free Response possono essere proposte dall insegnante nell ordine ritenuto più opportuno, indipendentemente dalla collocazione suggerita dagli autori. Le schede di approfondimento si prestano a molteplici usi e a essere presentate in momenti diversi del percorso. Quella descritta qui di seguito, quindi, è solo una delle possibili ipotesi di articolazione dell unità 2, che prevede lo studio consecutivo delle prime 5 sessioni, un attività di Free Response orale, lo studio dell ultima sessione e infine lo svolgimento delle ultime 3 attività di Free Response. 1. Come attività preliminare, l insegnante può svolgere un attività di anticipazione, che può essere proposta in due varianti: Variante in classe: l insegnante propone un brainstorming sul tema dell unità, scrivendo alla lavagna le due parole chiave dell unità, Raccolta differenziata e Gestione dei rifiuti, e chiedendo agli studenti di dire tutte le parole che vengono loro in mente riguardo a questo tema. Variante online: l insegnante pubblica nel forum di classe un immagine sul tema dei rifiuti e della raccolta differenziata, come quella da noi proposta, e chiede agli studenti di commentarla liberamente.

2 Un attività di questo tipo può essere proposta all inizio dell unità oppure per ogni singola sessione. 2. L insegnante assegna le attività con correzione automatica delle cinque sessioni come compito da svolgere individualmente. 3. Prima di iniziare l ultima sessione, l insegnante può proporre la prima attività di Free Response orale, la conversation, dal titolo Ri-vestiamoci! : si tratta di realizzare un dialogo in cui lo studente si mette d accordo con un amica per organizzare la stampa di volantini da distribuire nel quartiere per promuovere la raccolta e l utilizzo di abiti usati. Uno dei due ragazzi vuole stampare i volantini a casa, mentre l altra desidera fare una stampa professionale, e l uno cerca di convincere l altra. Nel documento con la descrizione dell attività, in corrispondenza della sezione Attività, l insegnante trova il modello di messaggio da pubblicare in forma scritta nel forum di classe. L insegnante, in classe, suddivide gli studenti in coppie, e dà una versione stampata della consegna dell attività. Chiede agli studenti di scrivere il testo delle battute mancanti del dialogo e di drammatizzarlo. Sceglie poi una coppia di studenti, che recitano il dialogo davanti alla classe. 4. L insegnante assegna lo svolgimento delle attività con correzione automatica della sessione 6, come attività individuale o come lavoro a gruppi, se la classe è dotata di postazioni pc. 5. A conclusione dell unità, l insegnante propone lo svolgimento del persuasive essay Campagna elettorale. L attività vera e propria è preceduta da una fase preparatoria, che può essere svolta sia in classe che online. Variante in classe: gli studenti vengono suddivisi in gruppi di 3 o 4. Se i gruppi in totale sono 4, due rappresenteranno i partiti dei verdi, molto sensibili alle problematiche ambientali, quindi non favorevoli all uso dell energia nucleare, e due

3 rappresenteranno i partiti dei grigi, poco sensibili alle problematiche ambientali, quindi favorevoli all utilizzo dell energia nucleare. L insegnante distribuisce agli studenti le due schede: Scheda A: Il partito dei grigi Sì al nucleare! Scheda B: Il partito dei verdi No al nucleare! Gli studenti discutono nel proprio gruppo i punti del programma politico e, aggiungono altri punti programmatici (minimo 2), coerenti con l idea politica del proprio partito sul tema dell energia nucleare. Dopo il lavoro di gruppo per discutere del programma e aggiungere i nuovi punti programmatici, l insegnante dà il via alla discussione collettiva in classe, in cui i gruppi si confrontano sui singoli punti dei vari programmi, cercando di convincere il partito avversario della validità del proprio programma. L insegnante può intervenire come mediatore e stimolatore della discussione. Variante online: L insegnante pubblica la scheda A e la scheda B in due note forum, e chiede agli studenti di leggere il programma, di sceglierne uno e di discuterne con i compagni che hanno scelto lo stesso programma per ampliarlo con almeno due nuovi punti programmatici. L obiettivo è elaborare, discutendo nel forum, la versione definitiva di ciascun programma, che l insegnante commenterà e correggerà direttamente nel forum. Dopo questa attività di preparazione, l insegnante propone lo svolgimento del persuasive essay vero e proprio, come lavoro individuale a casa. Le fonti sulla base delle quali gli studenti dovranno elaborare il saggio argomentativo (testo scritto, tabelle, link al materiale audio/video) possono essere pubblicate nel forum. I testi elaborati dagli studenti possono essere pubblicati sia nel forum che consegnati all insegnante in classe in forma cartacea. 6. L unità prosegue con la reply Il riciclone : lo studente deve rispondere a una del Presidente dell Associazione Leganaturaitalia. Riceve questo messaggio perché l Associazione scrive a tutti gli studenti delle scuole superiori, allo scopo di promuovere un concorso a premi relativo alla raccolta differenziata nelle scuole. L insegnante può proporre quest attività sia nel forum, come compito individuale a casa, sia in classe, come lavoro di coppia o a gruppi. 7. L unità si conclude con l attività di cultural comparison Io riciclo : lo studente

4 prepara una breve presentazione orale alla sua classe sulla differente gestione dei rifiuti e sui connessi problemi ambientali della realtà in cui vive. Fa poi una comparazione tra la sua realtà locale e una realtà italiana che conosce bene, evidenziando punti comuni e differenze. 2. Possibili attività di espansione/ampliamento dell unità I materiali proposti nell unità possono essere utilizzati anche per attività di espansione/ampliamento da parte dell insegnante, che può farne un uso autonomo e indipendente dal percorso proposto online, e usare testi scritti, audio e video come archivio di testi da didattizzare e su cui elaborare nuove attività. Anche in questo caso, le attività di espansione possono essere proposte sia come compito individuale da svolgere a casa, insieme a parti delle attività con correzione automatica, sia come lavoro di gruppo in classe. Espansione n. 1 Facciamo la raccolta differenziata Il video delle sessioni 1 e 2 Prova pratica di raccolta differenziata (Parte I e II) può essere utilizzato in classe per proporre un lavoro a gruppi dal titolo Facciamo la raccolta differenziata : l insegnante suddivide la classe in gruppi di 3 o 4 studenti e chiede loro di guardare il video per intero (Parte I e Parte II). La consegna dell attività è di redigere, sulla base del video, un elenco di materiali con l indicazione dei contenitori dove verranno gettati (ad esempio una tabella con queste intestazioni: tipo di rifiuto, dove ). In una variante più complessa, l attività può essere preceduta da una ricerca su Internet, attraverso cui ciascun gruppo cerca esempi di opuscoli con scopi informativi su come fare la raccolta differenziata. Ecco qualche link utile: Alla fine dell attività, i gruppi si confrontano sull elenco dei materiali individuati e inseriti nella tabella scritta. Quest attività può essere proposta alla fine dell unità o subito dopo la visione del video delle sessioni 1 e 2, perché può essere un buon modo per:

5 - focalizzare l attenzione degli studenti sul lessico del video; - fissare il lessico dell unità; - proporre agli studenti un lavoro di riorganizzazione dei contenuti del video per costruire un testo informativo con uno scopo ben preciso; - anticipare i contenuti della sessione 2. Espansione n. 2 Parliamo di raccolta differenziata! Il punto di partenza di quest attività di espansione è l attività 1 della sessione 2.3, costituita da un abbinamento audio frasi per costruire mini-dialoghi costituiti da 2 battute ciascuno. L insegnante suddivide la classe in 5 gruppi e assegna a ciascun gruppo una coppia di battute (cioè un audio e una frase scritta). L attività consiste nell immaginare una situazione a partire dalla coppia di battute, e nell ampliare il dialogo (con battute che possono sia precedere che seguire le battute date), con l obiettivo di recitare l intero dialogo. L attività può prevedere anche una voce recitante fuori campo che illustri il contesto e commenti l interazione tra i due parlanti. In una versione semplificata, l attività può essere assegnata anche come compito individuale da svolgere a casa. Espansione n. 3 Moda e riciclo Quest attività può essere proposta come anticipazione dell audio L atelier del riciclo, proposto nella sessione 2.6 (attività 2 e 3), che contiene un intervista alla fondatrice dell Atelier del riciclo Grazia Pelagrossi, e che concerne il rapporto tra moda e riuso dei materiali. Prima di ascoltare l audio, l insegnante assegna agli studenti una ricerca in Rete su quali sono le novità più interessanti riguardo all argomento moda e riciclo e alle iniziative di riuso creativo dei materiali in Italia. Gli studenti devono innanzitutto individuare, o tutti insieme o suddivisi per gruppi, le parole chiave (in italiano) più adatte per effettuare la ricerca su Google. Ecco alcuni suggerimenti per le parole chiave: - Riuso creativo - Riciclo creativo - Fai da te con materiali riciclati/di recupero

6 - Lavoretti con materiali riciclati/di recupero - Vestiti con materiali riciclati - Gioielli con materiali di riciclo Invitare gli studenti a trovare, autonomamente o discutendo in classe, le parole più adatte, può essere un ottimo esercizio di ripasso del lessico e delle relazioni tra le parole (ad esempio i rapporti di sinonimia tra riciclati e recuperati o tra riuso e riciclo ), su cui l insegnante, una volta stilato l elenco definitivo delle chiavi di ricerca, può proporre anche una riflessione metalinguistica. Una volta individuate le parole con cui effettuare la ricerca, questa può essere fatta sia sul motore Google generico, sia su Google Immagini, se l insegnante intende proporre una variante più facile dell attività. L obiettivo della ricerca vera e propria su Internet è trovare le idee più originali di riuso creativo e alla moda di materiali di recupero: ciascuno studente (o ciascun gruppo) sceglie un immagine o una pagina (a seconda che la ricerca sia stata fatta solamente sulle immagini o sui siti in generale) e illustra alla classe l idea di riuso creativo. Questa stessa attività (nelle due varianti) può essere proposta anche nel forum, ed essere assegnata come compito conclusivo dell unità, nell intervallo temporale che intercorre tra una lezione in presenza e l altra. 3. Trascrizioni Video Salve! Oggi andiamo a curiosare all interno di un abitazione per fare insieme alla padrona di casa una prova pratica di raccolta differenziata. Venite con me! La signora Mariella Giorgi è appena tornata dal supermercato dove ha fatto la spesa. Vediamo in che modo depone i suoi acquisti e quanti imballaggi vanno a riempire i rispettivi contenitori. In casa troviamo un bidoncino verde per l organico, un sacco di carta per carta e cartone, un contenitore per bottiglie di vetro, flaconi di plastica, lattine e tetrapak, un sacco nero per i rifiuti non recuperabili. Video e Salve! Oggi andiamo a curiosare all interno di un abitazione per fare insieme alla padrona di casa una prova pratica di raccolta differenziata. Venite con me!

7 La signora Mariella Giorgi è appena tornata dal supermercato dove ha fatto la spesa. Vediamo in che modo depone i suoi acquisti e quanti imballaggi vanno a riempire i rispettivi contenitori. In casa troviamo un bidoncino verde per l organico, un sacco di carta per carta e cartone, un contenitore per bottiglie di vetro, flaconi di plastica, lattine e tetrapak, un sacco nero per i rifiuti non recuperabili. Dopo che la famiglia Giorgi ha consumato il pranzo, la signora Mariella deve sparecchiare e pulire il lavello. Lo svuotamento dei piatti riguarda principalmente i rifiuti organici che vanno inseriti nel bidoncino verde. Tutti gli avanzi di cibo pasta, pane, riso, pesce, carne, bucce di frutta e scarti di verdura sono ottimi ingredienti per produrre compost utilizzato in agricoltura e giardinaggio. Tutto ciò che ha origine animale e vegetale deve finire qui, comprese le salviette di carta e la carta sporca di materiali organici, i fondi di caffè e i filtri di tè o camomilla. Le bottiglie di plastica e di vetro, i contenitori in tetrapak del latte o di altre bevande, le lattine di alluminio, la carta stagnola, i contenitori in plastica e in polistirolo, una volta svuotati e schiacciati, sono destinati alle campane blu; i tappi metallici o in plastica devono essere inseriti nel contenitore separatamente. Restano da eliminare detersivi ormai scaduti, spugnette logore, strofinacci usati: i contenitori in plastica dei detersivi vanno nel multimateriale insieme al vetro, al metallo, all alluminio, al polistirolo e al tetrapak; spugnette e strofinacci, guanti di gomma utilizzati per pulire ed eventuali resti di ceramica non sono riciclabili e per questo finiscono nel cassonetto grigio dell indifferenziato. Video La signora Mariella è anche un appassionata di giardinaggio e ha appena finito di potare una siepe. Piccoli quantitativi di resti di potatura, di foglie ed erba secca vanno gettati nel cassonetto dell organico; per quantità più importanti di resti da giardinaggio, invece, ci si deve recare alla stazione ecologica più vicina oppure telefonare all apposito numero verde per il ritiro a domicilio. A proposito di ingombranti, la famiglia Giorgi ha appena deciso di rinnovare l arredamento e così ha accatastato il vecchio divano e altra mobilia in un angolo del giardino in attesa degli operatori per il ritiro a domicilio, concordando l appuntamento al telefono. A fine giornata, è evidente che la raccolta differenziata casalinga è fondamentale per mandare al riciclo tutto il riciclabile: nel sacco dell indifferenziato andrà sempre meno roba, mentre i rifiuti di una famiglia media saranno dati dall organico e dal multimateriale. Differenza: il bidoncino dell umido si riempirà ogni due/tre giorni, sarà il più pesante ma meno ingombrante; plastica, metalli e affini costituiranno invece la parte più voluminosa ma leggera. Basta organizzare gli spazi e la mente per contribuire con piccoli gesti quotidiani alla grande sfida di un futuro non troppo lontano: ridurre l uso delle discariche e degli inceneritori. E ora un ringraziamento alla signora Mariella che ci ha insegnato come si esegue una corretta raccolta differenziata nelle nostre case. Prendete nota e seguite l esempio!

8 Audio Clip 1 A: Guarda, Luisa! Finalmente ho convinto mio marito a comprare tre cestini per fare la raccolta differenziata! B: Davvero! Il mio ancora non ne vuol sapere: è pigro. Clip 2 A: Ragazzi, finalmente il preside ha deciso di mettere nei corridoi i cestini per la raccolta differenziata! B: Ancora io non li ho visti, professore! Clip 3 A: Signorina, ha visto? Ho comprato i cestini per la raccolta differenziata. Li usi, mi raccomando! B: Va bene, direttore! Non si preoccupi! Clip 4 A: Carlo, hai visto il professore? Parla tanto di fare attenzione a dove gettiamo plastica, carta, eccetera eccetera, e poi lui butta la plastica nel cestino della carta. B: L ho visto. È bravo a parlare, ma poi nei fatti, non dà l'esempio. Clip 5 A: Allora Signor Ministro, cosa sta facendo il Governo per convincere i cittadini a fare la raccolta differenziata? B: Intanto, noi del Ministero dell Ambiente, abbiamo creato un spot pubblicitario che da oggi comincerà a passare in televisione. Audio Intervistatore: Buonasera, amici ascoltatori e amiche ascoltatrici! Questa settimana per la nostra rubrica, Fashionizzati anche tu, abbiamo intervistato Grazia Palagrossi, ideatrice dell Atelier del riciclo. Grazia, che cos è Atelier del riciclo? G.P.: Atelier del riciclo è una community di oltre 25 mila persone che vivono in modo ecosostenibile e che hanno trovato nella creatività la chiave per rispettare l ambiente senza rinunciare agli abiti belli e alla moda. Intervistatore: Come nasce Atelier del riciclo? G.P. L esperienza è iniziata nel Viaggiando molto all estero ho visto che il

9 movimento del recupero era entrato prepotentemente nel campo del design e c erano dei fenomeni molto interessanti. Così abbiamo iniziato anche in Italia con degli eventi spot: siamo quelli che hanno diffuso in Italia gli swap party, gli eventi di scambio di abiti più o meno griffati, accessori e bijoux. Intervistatore: Vedo che siete molto legati alla moda... G.P.: Sì, infatti, è proprio così: abbiamo organizzato il primo grosso evento proprio durante la Settimana della Moda di Milano nel settembre Poi abbiamo ampliato il discorso del riciclo non solo al baratto ma proprio al riuso, quindi la ricreazione del guardaroba partendo da abiti ed elementi che ci sono già. Intervistatore: Come si può essere ecosostenibili nell ambiente della moda? G.P.: La maniera migliore e anche più divertente per essere ecosostenibili e ridurre il peso della produzione sul pianeta (anche quello della moda) è quello di prolungare la vita dei capi. Prolungando la vita di un abito e quindi ritrasformandolo, noi alleggeriamo l impatto ecologico della moda sul pianeta. Audio Intervistatore: Come si fa a trasformare un capo di abbigliamento? G.P.: Non è necessario saper cucire, basta applicare alcune astuzie di tipo tecnico e sfoderare la creatività per riuscire a rinnovare il guardaroba partendo da quello che già abbiamo, un operazione praticamente a costo zero per il nostro portafogli e a costo zero per il pianeta. Lo stesso discorso riguarda anche gli oggetti, che possono essere reinventati e ricreati partendo da quello che si scarta: per esempio, carta e in cartone e tutto quello che abbiamo in casa, come bottiglie di plastica, contenitori in vetro, possono diventare di tutto e di più; lampadari, tappeti e le vecchie t-shirt possono diventare borse, e così via. Intervistatrice: Quale futuro c è per il riciclo nel campo nella moda? G.P.: Solo l ultimo anno l incremento del ricavo derivato dal settore del riciclo è stato del 40%; quindi abbiamo davvero davanti un futuro legato a questo settore. Secondo me, non solo a livello industriale, per quanto riguarda l economia delle grandi aziende, ma anche per quanto riguarda la possibilità di trovare nuovi mestieri e nuove occupazioni per i giovani, il riciclo sarà molto importante. Intervistatore: Puoi spiegarci meglio? Cosa intendi esattamente? G.P.: Atelier del riciclo fa un po da circuito e da punto di riferimento per tanti giovani che si occupano di moda oppure di arredo e complementi d arredo: entrano nel mondo del lavoro e possono trovare nuove opportunità percorrendo questa strada. Contattando le aziende che hanno tantissimi scarti da riciclare e che dovrebbero affrontare delle spese per il loro smaltimento, per esempio, i nuovi designer hanno la possibilità di abbattere il costo di avviamento dell attività e di produzione perché

10 hanno un sacco di materiale gratuito con cui lavorare. Intervistatore: Complimenti Grazia! Speriamo che tanti altri giovani scelgano questa strada. Linea alla regia!

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno.

Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Dario torna a casa dalla scuola con il Nonno. Sai Nonno: oggi abbiamo concluso le prove generali per lo spettacolo di fine d anno; credo proprio che ti piacerà, soprattutto il finale. Poco prima dell ultima

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Ordinamento dei numeri e retta numerica. Nucleo: Numeri Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per sviluppare in modo più consapevole la capacità di confrontare frazioni, confrontare numeri decimali e successivamente

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

A queste rispondo cosi:

A queste rispondo cosi: La presente traduzione non sostituisce in alcun modo il regolamento originale del gioco. Il presente documento è da intendersi come un aiuto per i giocatori di lingua italiana per comprendere le regole

Dettagli

Flavio Turchet Cell. +39 335 70 61 395 Email: flavio.turchet@libero.it Web: www.flavioturchet.com

Flavio Turchet Cell. +39 335 70 61 395 Email: flavio.turchet@libero.it Web: www.flavioturchet.com 1 Questo corso è pensato per assimilare i principi di base per immergersi con lo Scooter o DPV (Diver Propulsion Vehicle). Vengono prese in esame le abilità critiche necessarie nel momento i cui si utilizza

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE

COSTRUISCI UN FORNO SOLARE COSTRUISCI UN FORNO SOLARE Obiettivi: Realizzare un semplice forno solare al fine di mostrare come il sole può essere una fonte di energia rinnovabile. Illustrare l'effetto serra Descrizione generale:

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO I BIGLIETTI SCUOLA I biglietti scuola, nella modalità biglietto singolo, hanno un costo di 10 per ogni studente e sono riservati ai gruppi scolastici

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

GLI ANIMALI SI NUTRONO

GLI ANIMALI SI NUTRONO Azione 1 Italiano come L2 La lingua per studiare DISCIPLINA: SCIENZE Livello : A 2 GLI ANIMALI SI NUTRONO Gruppo 5 Autori: CRETI MARIELLA - GIONTI FRANCA Destinatari: alunni 1 biennio - scuola primaria

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli