Bollettini valanghe e altri prodotti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettini valanghe e altri prodotti"

Transcript

1 WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF WSL-Institut für Schnee- und Lawinenforschung SLF WSL Institut pour l'étude de la neige et des avalanches SLF WSL Institute for Snow and Avalanche Research SLF Bollettini valanghe e altri prodotti Supporto interpretativo Edizione 2014

2 Responsabile dell'edizione Dr. Jürg Schweizer Direttore del unità di riccerca valanghe e prevenzione, SLF Davos Elaborazione tecnica Prevenzione valanghe, Thomas Stucki Traduzione TTN tele.translator.network 18, bd des Philosophes, CH-1205 Geneva, Switzerland Citazione WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF (ed) 2014: Bolletini valanghe e altri prodotti dell'istituto federale. Supporto interpretativo. Edizione rifatta editione. WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF. 51 p. Sostituisce la 13 edizione di 2013 Disponibile anche in lingua tedesca, francese e anglese Ottenibile presso (pubblicato saltano online) Copertina: Valanga nubiforma (Foto: J. Rocco)

3 2

4 Indice: 1. Introduzione Cos è un bollettino delle valanghe? Destinatari Redazione, frequenza e validità Redazione Frequenza e validità Informazioni su cui si basa l elaborazione del bollettino delle valanghe Contenuto e forme di rappresentazione del bollettino delle valanghe Contenuti del bollettino delle valanghe Il bollettino delle valanghe interattivo in internet e nell app (iphone e Android) Bollettini delle valanghe da stampare Bollettini delle valanghe in estate e autunno Carta delle icone Opportunità e limiti del bollettino delle valanghe Terminologia usata per descrivere il pericolo di valanghe Definizione del pericolo di valanghe Schema dei gradi di pericolo La scala europea del pericolo valanghe Spiegazioni sui singoli gradi di pericolo Generalità Debole pericolo di valanghe (grado 1) Moderato pericolo di valanghe (grado 2) Marcato pericolo di valanghe (grado 3) Forte pericolo di valanghe (grado 4) Pericolo di valanghe molto forte (grado 5) Spiegazioni sui punti pericolosi Generalità Inclinazione del pendio Esposizione del pendio Altitudine Altri termini usati per descrivere parti di terreno particolarmente critiche Uso nel bollettino delle valanghe Rappresentazione grafica sulla carta del pericolo di valanghe di parti di terreno particolarmente critiche Indicazioni e raccomandazioni supplementari per i singoli gruppi di destinatari Generalità Raccomandazioni permanenti Raccomandazioni riferite alla situazione in corso Espressioni geografiche Prodotti supplementari Carte della neve fresca Carta delle altezze del manto nevoso Altezza del manto nevoso a 2000 m o 2500 m Altezza del manto nevoso rispetto alla media pluriennale Carta di stabilità del manto nevoso Resoconto settimanale (in tedesco e francese) Icone Canali di distribuzione e possibilità di accesso a tutti i prodotti Feedback sul pericolo di valanghe Note conclusive

5 Appendice 1: Scala europea del pericolo valanghe con raccomandazioni Appendice 2: Tabella della scala europea del pericolo di valanghe Appendice 3: Esempio di un bollettino delle valanghe in internet: carta del pericolo di valanghe con descrizione del pericolo Appendice 4: Esempio di un bollettino delle valanghe in internet: manto nevoso e condizioni meteo Appendice 5.1: Esempio di un bollettino delle valanghe completo (da stampare) Appendice 5.2: Esempio di un bollettino delle valanghe completo (da stampare) Appendice 5.3: Esempio di una carta regionale del pericolo di valanghe (da stampare) Appendice 6: Esempio di una carta delle icone Appendice 7: Rete delle stazioni di confronto dei dati nivo-meteo del slf Appendice 8: Stazioni IMIS (e SwissMetNet) (stazioni nivologiche) Appendice 9: Espressioni geografiche: le unità più piccole: le 123 zone di avviso Appendice 10: Espressioni geografiche I: versante nordalpino e sudalpino Appendice 11: Espressioni geografiche II: regioni politico-geografiche principali Appendice 12: Espressioni geografiche III: regioni politico-geografiche secondarie Appendice 13: Espressioni geografiche IV: regioni politico-geografiche secondarie Appendice 14: Espressioni geografiche VI: Cresta Principale delle Alpi, Cresta settentrionale delle Alpi e regioni alpine interne Appendice 15: Esempio di una carta della neve fresca (1 giorno) Appendice 16: Esempio di una carta delle altezze del manto nevoso Appendice 17: Esempio di una carta dell'innevamento a 2000 m Appendice 18: Esempio di un carta con altezza del manto nevoso rispetto alla media pluriennale Appendice 19: Esempio di una carta della stabilità del manto nevoso Appendice 20: Tipiche situazioni di pericolo (modelli)

6 1. Introduzione Il WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF pubblica i bollettini delle valanghe dal Il Supporto interpretativo, la cui pubblicazione è iniziata nel 1985, contiene la descrizione del bollettino delle valanghe e di altri prodotti supplementari e agevola la loro interpretazione da parte dell utente. Dal 1985 sono state pubblicate diverse riedizioni (1993, 1994, 1998, 1999, 2001, 2002, 2003, 2004, 2007, 2008 e 2012) che illustravano le modifiche intercorse durante gli anni: nuovi formati e variazioni negli orari di pubblicazione del bollettino delle valanghe, così come dei diversi prodotti supplementari. L'ultima edizione 2012, completamente rielaborata, è stata pubblicata in occasione di una radicale modifica del bollettino delle valanghe. Nella presente edizione 2014 sono stati effettuati solo piccoli adeguamenti. Tutti i prodotti di servizio di avviso valanghe dell SLF si basano sulla scala del pericolo valanghe, valida dal 1993/94 in tutta Europa, con i suoi cinque gradi di pericolo. Questa scala si è affermata, con piccole variazioni, anche oltreoceano (Canada, USA). Non sono incluse nel Supporto interpretativo le piattaforme per i servizi di sicurezza come IFKIS- InfoManager (Sistema intercantonale di preallerta e d informazione in caso di crisi) e GIN (Piattaforma d informazione comune sui pericoli naturali), né i prodotti speciali riservati ivi contenuti. La formazione di questi utenti viene svolta durante i corsi per i responsabili della sicurezza organizzati dall SLF (per ulteriori informazioni vedere: Ad avere carattere vincolante è esclusivamente l ultima versione del Supporto interpretativo, disponibile sul sito web dell SLF all indirizzo Le descrizioni di persone, funzioni e professioni contenute nel seguente Supporto interpretativo si riferiscono per principio a entrambi i sessi, a meno che dal senso del testo non risulti diversamente. Il termine "valanga dello sciatore", diventato ormai di uso comune, viene utilizzato anche nel seguente Supporto interpretativo. Esso include non solo le valanghe che interessano in senso stretto gli sciatori, ma anche tutte quelle il cui distacco è stato provocato dagli appassionati di sport invernali (ad es. anche dagli snowboarder e dagli escursionisti con racchette da neve). 2. Cos è un bollettino delle valanghe? Con il bollettino delle valanghe (e altri prodotti supplementari), il WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF comunica al pubblico informazioni su innevamento e pericolo di valanghe sulle Alpi svizzere. Il contenuto del bollettino delle valanghe presenta le caratteristiche tipiche di un avviso. Durante la stagione invernale, esso viene pubblicato due volte al giorno. L informazione principale contenuta al suo interno è una previsione del pericolo di valanghe per le Alpi svizzere, il Liechtenstein ed eventualmente il Giura. Il bollettino delle valanghe comprende inoltre informazioni sui fenomeni meteorologici che possono influire sulla formazione di valanghe nonché sulle caratteristiche del manto nevoso. Queste informazioni fungono da base per la valutazione da parte dell utente. Le informazioni contenute nel bollettino delle valanghe non possono tuttavia sostituire una valutazione indipendente e locale sul posto poiché esse, basandosi su dati limitati, sono troppo generiche sotto questo profilo. Durante la stagione invernale, il bollettino delle valanghe ha sempre la stessa struttura. I suoi contenuti sono strutturati secondo la "piramide dell informazione" (cfr. Figura 1): prima vengono le informazioni più importanti (grado di pericolo), poi quelle sui punti pericolosi (zone principali), la descrizione del pericolo e le informazioni sul manto nevoso e sulle condizioni meteo. Infine è anche possibile accedere ai dati rilevati dalle stazioni meteo. Una terminologia unificata semplifica la comprensione e l applicazione. 5

7 Fig. 1: I contenuti del bollettino delle valanghe sono strutturati secondo la piramide dell informazione: l importante innanzitutto. Con i livelli successivi, aumenta il dettaglio dell informazione. 3. Destinatari Il bollettino delle valanghe si rivolge a tutte le persone che durante lo svolgimento della loro professione o nel loro tempo libero sono esposti al pericolo di valanghe e/o sono responsabili per la sicurezza di altre persone. Tra queste rientrano ad esempio: Personale dei servizi di avviso valanghe e delle commissioni valanghe dei comuni e del Genio Civile, nonché dei servizi di sicurezza degli impianti di risalita Personale dei servizi di salvataggio, della polizia e dell esercito Guide alpine, maestri di sci e capi-comitiva Residenti nei centri abitati in montagna Sciatori e snowboarder Scialpinisti, escursionisti con racchette da neve Alpinisti e appassionati di arrampicate su ghiaccio Altri appassionati di sport invernali In Svizzera, la media pluriennale (20 anni) delle vittime da valanga è di 22 persone/anno. Le analisi degli incidenti da valanga dimostrano che la maggior parte delle vittime viene travolta nelle "zone fuoripista", per lo più durante la pratica di sport invernali con gli sci o lo snowboard, durante l arrampicata o attività simili. Nel periodo che va dalla stagione 2002/03 alla stagione 2011/12, la loro percentuale sul numero totale di vittime è stata di oltre il 90%. A provocare la valanga è stato circa il 90% di queste vittime, oppure è stata provocata da un altro membro dello stesso gruppo. Quando la situazione nivologica e valanghiva è relativamente stabile, gli avvisi rivolti ad es. agli scialpinisti sono più dettagliati rispetto a quelli rivolti ai servizi locali di avviso valanghe. A partire dal grado di pericolo 3 (marcato pericolo di valanghe), aumentano anche le raccomandazioni per i servizi di sicurezza, che raggiungono la massima estensione soprattutto in caso di pericolo di valanghe molto forte (grado 5), quando la pratica di sport invernali nelle zone fuoripista è comunque molto limitata. 4. Redazione, frequenza e validità 4.1 Redazione Il bollettino delle valanghe svizzero viene redatto presso il WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF di Davos. Il responsabile della redazione è il servizio di avviso valanghe. 6

8 4.2 Frequenza e validità Il servizio di avviso valanghe segue le condizioni meteo, nivologiche e valanghive lungo tutto l anno. La frequenza d emissione e i contenuti del bollettino delle valanghe dipendono dalle circostanze stagionali Inverno In inverno, il bollettino delle valanghe è formato da due parti: 1. Carta del pericolo di valanghe con descrizione del pericolo: Questa parte del bollettino delle valanghe viene pubblicata due volte al giorno in quattro lingue (tedesco, francese, italiano, inglese). L edizione delle ore 17:00 contiene le previsioni del pericolo di valanghe per le successive 24 ore, cioè fino alle ore 17:00 del giorno successivo. Al mattino alle ore 08:00 viene pubblicata una nuova previsione, anch essa in quattro lingue (tedesco, francese, italiano, inglese), valida sino alla sera alle ore 17:00. Sostanzialmente, la pubblicazione di una valutazione del pericolo di valanghe è possibile anche in altri momenti della giornata. Solo raramente, tuttavia, si fa ricorso a questa possibilità. 2. Informazioni su manto nevoso e condizioni meteo: Questa parte del bollettino delle valanghe viene pubblicata solo alla sera, più precisamente alle ore 17:00 in tedesco e circa alle ore 18:00 in francese, italiano ed inglese. Essa è valida sino alle ore 17:00 o 18:00 del giorno successivo Periodi a margine dell inverno Di norma il bollettino con carta del pericolo di valanghe viene pubblicato sino a quando le fonti di informazione sulle quali lo stesso si basa (cfr. Capitolo 5) sono sufficienti per permettere una valutazione dettagliata del pericolo (gradi di pericolo inclusi). Durante i periodi di transizione, cioè tra l autunno e l inverno (solitamente dalla fine di novembre all inizio di dicembre) e tra la primavera e l estate (solitamente dalla fine di aprile all inizio di maggio), il bollettino delle valanghe viene pubblicato solo alla sera. Il formato e i contenuti sono identici a quelli del periodo invernale. Il bollettino delle valanghe può essere valido per diversi giorni, in questo caso fino alle ore 17:00 dell ultimo giorno di validità. La pubblicazione di bollettini con carta del pericolo di valanghe e la frequenza di pubblicazione dipendono soprattutto dai seguenti fattori: Densità delle informazioni: gli osservatori SLF sono in azione quotidianamente dal 1 novembre al 30 aprile. Nel restanti mesi le osservazioni sul territorio sono più scarse, anche perché di solito sono anche presenti meno appassionati di sport invernali in montagna. In questi casi, le informazioni vengono generalmente richieste telefonicamente in base alle necessità e alle possibilità. Una parte degli osservatori può inoltre entrare servizio solo dopo il 1 novembre con l apertura degli impianti di risalita, oppure deve interromperlo prima del 30 aprile quando la stagione finisce. Alla rete di stazioni automatiche è invece possibile accedere anche d estate. Necessità: un buon innevamento in ampie zone delle Alpi svizzere o l apertura stagionale degli impianti di risalita aumentano la necessità di un bollettino delle valanghe quotidiano Estate e autunno Dall inizio dell estate all autunno inoltrato, un bollettino delle valanghe specifico viene pubblicato solo in caso di forti nevicate, in formato testo e di solito senza indicazione dei gradi di pericolo. In autunno inoltrato i bollettini vengono pubblicati in base alla situazione nivologica e alle informazioni disponibili. In questo caso, i bollettini delle valanghe vengono pubblicati alla sera alle 7

9 ore 17:00 (in tedesco, circa alle ore 18:00 in francese, italiano e inglese) e sono validi per diversi giorni, cioè fino alle ore 17:00 dell ultimo giorno di validità. I criteri per la pubblicazione di un bollettino sono soddisfatti quando le previste quantità di neve fresca per ciascun evento meteo (nei casi normali 1 3 giorni) raggiungono uno dei seguenti valori: 20 cm a 2000 m o 40 cm a 2500 m o 60 cm a 3000 m o 80 cm a 3500 m I suddetti valori sono valori indicativi, che possono variare in funzione di vento, temperatura, ampiezza e proprietà del manto nevoso pre-esistente. L evento nevoso deve interessare almeno un intero massiccio. Nevicate locali, causate ad es. da isolate celle temporalesche, non vengono considerate Caso speciale Giura (e Sottoceneri) Diversa rispetto alle Alpi è la situazione nel Giura, dove un maggiore pericolo di valanghe si registra solo pochi giorni all'anno e in poche località, ma non dovrebbe comunque essere sottovalutato. Nel bollettino delle valanghe quotidiano, per il Giura verrà quindi pubblicato un grado di pericolo solo se valutato "marcato" (grado 3) o superiore. Una situazione simile si verifica in circa cinque giorni nel corso di un inverno. La regione del Sottoceneri viene invece valutata con tutti e cinque i gradi di pericolo. Quando però non è (più) presente neve, non viene pubblicato nessun grado di pericolo. 5. Informazioni su cui si basa l elaborazione del bollettino delle valanghe Per l elaborazione del bollettino, il servizio di avviso valanghe si basa su diverse fonti di informazione: Circa 210 osservatori, dotati di svariati programmi di rilevamento (misura, osservazione, valutazione), che hanno l obbligo di trasmettere i rilevamenti svolti ogni mattina tra le ore 06:00 e le ore 08:00 (a volte anche al pomeriggio). Circa 100 stazioni meteo automatiche facenti parte del Sistema intercantonale di misurazione e informazione (IMIS), così come altre circa 80 stazioni SwissMetNet, la rete di rilevamento automatica di MeteoSvizzera. Circa 40 profili stratigrafici su terreno pianeggiante e su pendio, aggiornati ogni due settimane, gli ultimi con relativo test di stabilità. Prodotti di previsione di MeteoSvizzera e altri servizi meteo. Segnalazioni di distacchi di valanghe da parte di scialpinisti e simili (cfr. Capitolo 15). Feedback sulla valutazione del pericolo di valanghe da parte di scialpinisti e simili (cfr. Capitolo 15). I tipici gruppi di osservatori si dividono in "osservatori delle stazioni comparative", "osservatori regionali", "osservatori mavalanche" e "osservatori delle stazioni di rilevamento". Presso le "stazioni comparative" (cfr. Appendice 7), gli osservatori rilevano le principali condizioni meteo (tra cui precipitazioni, nuvolosità) e, su un campo di rilevamento fisso, le caratteristiche della neve (neve fresca, altezza complessiva del manto nevoso, profondità di sprofondamento, densità della neve fresca, caratteristiche superficiali del manto nevoso). Gli "osservatori regionali" rilevano, all interno della loro area di competenza, gli stessi parametri, ma senza campo di rilevamento fisso. I rappresentanti di entrambi questi gruppi trasmettono inoltre le osservazioni (ad es. distacchi di valanghe, segnali di allarme) e una valutazione del pericolo di valanghe. Gli "osservatori mavalanche" sono guide alpine che trasmettono al servizio di avviso valanghe, entro le ore 15:00, le osservazioni e valutazioni fatte durante le loro escursioni con i clienti. Queste informazioni, che 8

10 vengono inserite in un app e poi trasmesse, includono principalmente osservazioni su neve fresca, segnali di allarme, valanghe ecc., così come una valutazione aggiornata del pericolo di valanghe. Contrariamente a tutti gli altri, questi osservatori si muovono liberamente in qualsiasi regione alpina svizzera. Presso le "stazioni di rilevamento" vengono misurate solo la neve fresca e l altezza del manto nevoso. Questi dati vengono usati principalmente per fini climatici e idrologici (serie pluriennali di misure). Gli osservatori sono dislocati in tutte le regioni alpine svizzere e i loro siti di rilevamento/osservazione si trovano per lo più ad altitudini comprese tra i 1000 e i 2700 m s.l.m.; soprattutto gli osservatori mavalanche si muovono anche ad altitudini più alte, mentre alcune stazioni di rilevamento si trovano anche ad altitudini più basse. Anche le misure aggiornate ogni ora o ogni mezz ora e trasmesse dalle "stazioni nivologiche automatiche" della rete IMIS (Sistema intercantonale di misurazione e informazione), gestite in collaborazione con gli uffici responsabili dei cantoni alpini, nonché dalle stazioni automatiche SwissMetNet di MeteoSvizzera, sono di grande utilità per la valutazione del pericolo di valanghe (Appendice 8: Carta delle stazioni SwissMetNet/IMIS). Oltre ai dati quotidiani, un altra importante fonte di informazione è rappresentata dai circa 40 profili stratigrafici su terreno pianeggiante e su pendio, che vengono rilevati ogni 14 giorni in tutte le regioni alpine svizzere. Essi vengono rilevati dagli osservatori sui campi di rilevamento pianeggianti oppure su pendii di prova significativi con relativo test di stabilità (test del blocco di slittamento). Per la valutazione dell evoluzione a breve termine delle condizioni meteo sono disponibili svariati "prodotti di previsione" di MeteoSvizzera e del Centro europeo per la previsione a media scadenza (ECMWF), così come ulteriori prodotti di altre fonti consultabili quando necessario. Per una migliore valutazione nelle regioni di confine, vengono inoltre scambiate periodicamente informazioni con i servizi di avviso valanghe dei paesi vicini. 6. Contenuto e forme di rappresentazione del bollettino delle valanghe Il bollettino delle valanghe è ottimizzato per i principali canali di distribuzione internet e smartphone ed è inoltre disponibile in diverse versioni stampabili. Le parti intitolate "Flash" e "Pericolo di valanghe" vengono compilate con l aiuto di una biblioteca di frasi predefinite e sono quindi disponibili immediatamente in tutte le lingue. Ciò permette di aggiornare questi contenuti in tutte le lingue anche al mattino. 6.1 Contenuti del bollettino delle valanghe Qui di seguito vengono descritti i contenuti del bollettino delle valanghe invernale. I bollettini estivi vengono descritti al punto "Flash" Nella parte intitolata "Flash" vengono spiegate in poche parole le caratteristiche essenziali della situazione valanghiva Pericolo di valanghe La descrizione del pericolo di valanghe è il contenuto più importante del bollettino delle valanghe. Essa contiene la previsione valida per il relativo periodo. Le regioni interessate dallo stesso grado di pericolo e dalle stesse parti di terreno particolarmente critiche (zone principali, cfr. Capitolo 10.6), vengono riunite nello stesso gruppo. Le regioni interessate dallo stesso grado di pericolo ma con differenti zone principali (ad es. diversa altitudine o esposizione) vengono invece differenziate. Il "pericolo di valanghe" può essere ulteriormente specificato con termini come pericolo di 9

11 "valanghe asciutte", pericolo di "valanghe bagnate nel corso della giornata" o pericolo di "valange per scivolamento di neve". La designazione del pericolo di valanghe comprende: Grado di pericolo Per descrivere i gradi di pericolo viene usata la scala europea del pericolo valanghe divisa in cinque gradi (cfr. Appendice 1): debole (grado 1), moderato (grado 2), marcato (grado 3), forte (grado 4) e molto forte (grado 5). Modelli (cfr. Appendice 20) La situazione valanghiva è ricondotta a uno o più "modelli", che favoriscono l orientamento e facilitano l individuazione del "problema principale" a cui prestare attenzione. Nel bollettino delle valanghe vengono utilizzati i seguenti modelli: - Neve fresca - Neve ventata (neve trasportata dal vento) - Neve vecchia (frattura all interno del manto di neve vecchia) - Neve bagnata, che può essere ulteriormente suddivisa in: - valanghe bagnate - valanghe bagnate nel corso della giornata - valanghe per scivolamento di neve - situazione favorevole (non uno altro modello, grado 1 (debole)) Punti pericolosi, zone principali Nella maggior parte dei casi, i punti particolarmente critici, cioè le parti di terreno dove il pericolo è particolarmente pronunciato, vengono rappresentati in forma grafica (anche sulla carta del pericolo di valanghe) e descritti in una parte di testo. Informazioni più dettagliate sui punti pericolosi e sulle zone principali sono contenute nel Capitolo 10. Descrizione del pericolo In questa parte viene descritto dettagliatamente il pericolo illustrato nella carta del pericolo di valanghe. Tra le altre cose, la descrizione del pericolo può includere informazioni sulla probabilità di distacco e sulle dimensioni delle potenziali valanghe o sulla struttura del manto nevoso e sulla posizione degli strati fragili all interno dello stesso. Se necessario, in questa parte vengono fornite avvertenze speciali (cfr. Capitolo 11) per i vari gruppi di utenti. Altri pericoli Se necessario, sotto al pericolo principale può essere descritto un altro pericolo. Quando ad es. oltre alle valanghe asciutte sono previste anche valanghe bagnate, in questa parte è presente un ulteriore avvertenza. Tuttavia, nei casi in cui la fonte principale di pericolo è costituita da valanghe bagnate, il pericolo di valanghe bagnate compare sia nella carta del pericolo di valanghe, sia nella descrizione del pericolo. In questo caso, il pericolo di valanghe asciutte può ad es. essere citato nella parte "Altri pericoli". Fatta eccezione per l assenza di una rappresentazione grafica dei punti particolarmente critici, la descrizione dell ulteriore pericolo segue lo stesso schema della descrizione del pericolo principale. Nelle carte doppie (cfr. Capitolo 9), per ciascuna carta del pericolo di valanghe viene descritto solo il pericolo principale. Note La parte intitolata "Note" permette di trasmettere, se necessario, ulteriori informazioni agli utenti, come ad es. un altra fonte di pericolo o un evoluzione meteo particolarmente incerta Manto nevoso e meteo, tendenza Il manto nevoso è il fattore che contribuisce in modo più determinante alla formazione di valanghe. Nella parte intitolata "Manto nevoso" vengono descritte le proprietà che caratterizzano la struttura del manto. La descrizione è di carattere generale e nella maggior parte dei casi include sia la struttura che la stabilità del manto nevoso. La struttura del manto nevoso viene determinata 10

12 dalla stratificazione del manto e dalle proprietà strutturali dei singoli strati (forma dei grani, dimensione dei grani, durezza). La stabilità del manto nevoso è un parametro che indica il grado di facilità con cui può distaccarsi una valanga, sia in modo provocato che spontaneo. La struttura del manto nevoso determina la sua stabilità. In questa parte viene descritta eventualmente anche l attività valanghiva osservata. Le condizioni meteo influiscono sul manto nevoso e quindi in modo diretto e determinante anche sull evoluzione del pericolo di valanghe. Nella parte intitolata "Condizioni meteo" vengono descritti i fattori rilevanti per l evoluzione del pericolo di valanghe. Tipicamente essi sono la neve fresca (o la pioggia), la temperatura dell aria, il vento e anche le condizioni di nuvolosità. Nel primo paragrafo vengono descritte le condizioni meteo del passato recente (almeno per il giorno in corso), nel secondo l evoluzione delle condizioni meteo per il periodo di validità del bollettino delle valanghe. La valutazione del pericolo si basa su queste condizioni meteo. Se l evoluzione prevista non si verifica, ciò può ripercuotersi anche sul pericolo di valanghe. Nella parte intitolata Tendenza viene valutata, sulla base delle previsioni meteo a media scadenza, l evoluzione approssimativa del pericolo di valanghe per i due giorni che seguono il periodo di validità. 6.2 Il bollettino delle valanghe interattivo in internet e nell app (iphone e Android) Dal momento che il funzionamento in internet e nell app è molto simile, la seguente descrizione vale per entrambi i canali di distribuzione (le azioni necessarie nell app sono racchiuse tra parentesi) Titolo Il titolo contiene informazioni sulla validità (giorno, ora dell aggiornamento, aggiornamento successivo) e il "Flash" Carta interattiva del pericolo di valanghe La carta interattiva del pericolo di valanghe, che si trova nella scheda "Pericolo di valanghe", contiene la valutazione del pericolo di valanghe per le Alpi svizzere, il Liechtenstein ed eventualmente per il Giura. La valutazione è formata dal grado di pericolo e dalla rappresentazione grafica dell esposizione e dell altitudine delle zone particolarmente critiche. Per facilitare l orientamento, la carta è zoomabile. Tenendo premuto il pulsante del mouse (trascinando il dito sullo schermo), è possibile spostare la carta zoomata. Attraverso la carta interattiva del pericolo di valanghe è possibile accedere alle descrizioni del pericolo. Spostando il cursore sulla carta (toccando la carta), viene evidenziata a colori la valutazione attiva, mentre tutte le altre passano in secondo piano. Facendo clic sulla carta (toccando "Dettagli"), si apre una finestra con la descrizione completa del pericolo (grado di pericolo, punti pericolosi se presenti e descrizione del pericolo), altri pericoli (se presenti) e note (se presenti). Il bollettino delle valanghe può contenere una o due carte del pericolo di valanghe. Se sono presenti due carte (ad es. in caso di aumento del pericolo di valanghe nel corso della giornata), questa procedura deve essere ripetuta per entrambe le carte. Alla fine della descrizione del pericolo si trova un avviso che richiama l attenzione sulla presenza di un altra carta. Nelle carte che si riferiscono a valanghe bagnate e valanghe per scivolamento di neve, come pure in generale quando il pericolo di valanghe è debole (grado 1), generalmente sulla carta non compare nessuna indicazione sull esposizione né sull altitudine Manto nevoso e meteo Selezionando la scheda "Manto nevoso e meteo" si accede ai contenuti descritti nel Capitolo A causa del tempo necessario per la traduzione, per le lingue francese, italiano e inglese trascorre 11

13 circa un ora dal momento in cui viene pubblicata la carta/descrizione del pericolo di valanghe a quello in cui viene invece pubblicata la parte "Manto nevoso e meteo". Durante questo intervallo di tempo, questa parte viene sostituita da un simbolo riempitivo. Se necessario, è possibile consultare nell archivio i dati degli ultimi bollettini delle valanghe Barra dei link Attraverso la barra dei link di colore blu sulla destra della pagina internet si accede a ulteriori contenuti che completano e supportano le informazioni del bollettino delle valanghe. Tra le altre cose, da qui si accede anche ai "Prodotti stampabili" (cfr. Capitolo 6.3). 6.3 Bollettini delle valanghe da stampare Dal momento che il bollettino interattivo non è adatto per essere stampato, vengono creati diversi prodotti stampabili: Carta del pericolo in Svizzera Regioni singole, inclusa descrizione del pericolo Manto nevoso e meteo Bollettino delle valanghe completo Carte regionali del pericolo valanghe I prodotti stampabili vengono creati sulla base dei contenuti del bollettino delle valanghe interattivo. Su tutti i prodotti stampabili sono indicati l ora e la data di validità, di pubblicazione e di aggiornamento (update), così come il "Flash". I singoli prodotti sono strutturati come segue: Carta del pericolo di valanghe La carta del pericolo di valanghe raggruppa tutte le regioni interessate dallo stesso grado di pericolo e fornisce informazioni grafiche sulle esposizioni e le altitudini nelle quali il pericolo è particolarmente pronunciato. Con l opzione "Regioni singole", è possibile stampare la carta del pericolo di valanghe per una determinata regione, inclusa la descrizione del pericolo. Se il bollettino delle valanghe è formato da due carte del pericolo, è necessario stamparle entrambe Manto nevoso e meteo I contenuti relativi al manto nevoso e alle condizioni meteo descritti nel Capitolo possono essere stampati separatamente dalle carte del pericolo di valanghe. A causa del tempo richiesto dalla traduzione, alla sera la parte "Manto nevoso e meteo" in lingua francese, italiano e inglese viene pubblicata circa un ora dopo la carta del pericolo di valanghe, cioè circa le ore 18: Bollettino delle valanghe completo Con l opzione "Bollettino delle valanghe completo" è possibile stampare l intero bollettino delle valanghe, formato dalla carta del pericolo di valanghe Svizzera, dalle descrizioni del pericolo in tutte le regioni e dalle informazioni su manto nevoso e condizioni meteo. A causa del tempo necessario per la traduzione della parte intitolata "Manto nevoso e meteo", alla sera il bollettino delle valanghe completo in lingua francese, italiana e inglese viene pubblicato circa un ora dopo la carta del pericolo di valanghe, cioè circa le ore 18:00. Al mattino, il "Bollettino completo" viene invece pubblicato contemporaneamente in tutte le lingue alle ore 08: Carta regionale del pericolo di valanghe La "carta regionale del pericolo di valanghe" (cfr. Appendice 5.3), che sostituisce i "bollettini regionali delle valanghe" pubblicati sino alla stagione invernale 2011/12, è particolarmente indicata ad es. per essere esposta nelle aree di informazione (freeride-checkpoint) degli impianti di risalita. Su una carta è possibile selezionare la sottozona desiderata (l unità più piccola della suddivisione 12

Bollettini valanghe e altri prodotti dell Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe SNV, Davos

Bollettini valanghe e altri prodotti dell Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe SNV, Davos Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe SNV Eidg. Institut für Schnee- und Lawinenforschung SLF Institut fédéral pour l étude de la neige et des avalanches ENA Institut federal per

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo 1 Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana Ottobre 2015 MeteoSvizzera Bollettino del clima Ottobre 2015 10 novembre 2015 Forti nevicate fino a basse quote e temperature gelide, perlomeno al nord delle Alpi, alternate a periodi di splendido tempo

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

Bollettino del clima dell anno 2014

Bollettino del clima dell anno 2014 anno 2014 MeteoSvizzera Bollettino del clima dell anno 2014 21 gennaio 2015 L anno 2014 è stato costellato di eventi meteorologici estremi. Dopo la nevicata record di inizio anno al sud, nel primo semestre

Dettagli

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE 29/10/2004 La pratica degli sport invernali al di fuori delle piste battute Che cosa si intende per sicurezza in montagna:

Dettagli

Nivologia e Valanghe

Nivologia e Valanghe Nivologia e Valanghe C.A.I. Nembro - Scuola di Scialpinismo Perché una lezione sulle valanghe? Il 90% delle Valanghe che coinvolgono Alpinisti e Scialpinisti non sono imputabili a distacchi naturali! Gli

Dettagli

Nuove tecnologie e metodologie nella conoscenza e prevenzione delle valanghe

Nuove tecnologie e metodologie nella conoscenza e prevenzione delle valanghe SULLE NEVI DELL APPENNINO IN SICUREZZA Giornata di studi sugli strumenti di prevenzione Roma, 10 dicembre 2010, ore 17.30 Nuove tecnologie e metodologie nella conoscenza e prevenzione delle valanghe Massimo

Dettagli

Neve Valanghe 2 -comportamento e riduzione del rischio

Neve Valanghe 2 -comportamento e riduzione del rischio Neve Valanghe 2 -comportamento e riduzione del rischio ARVA Apparecchio di ricerca in valanga È il dispositivo di sicurezza più importante dello scialpinista? Avere o non avere l ARVA durante la gita modifica

Dettagli

SCELTA E PREPARAZIONE DELLA GITA SCIALPINISTICA

SCELTA E PREPARAZIONE DELLA GITA SCIALPINISTICA SCELTA E PREPARAZIONE DELLA GITA SCIALPINISTICA Nuove proposte della Scuola Centrale di Sci Alpinismo del CAI Maurizio Dalla Libera Istruttore INA e INSA, Scuola Centrale di Sci Alpinismo del CAI Email:

Dettagli

Club Alpino Italiano Sezione di Roma. Corso base di sci-alpinismo 2009. 3 febbraio 2009. Neve e Valanghe I

Club Alpino Italiano Sezione di Roma. Corso base di sci-alpinismo 2009. 3 febbraio 2009. Neve e Valanghe I Club Alpino Italiano Sezione di Roma Club Alpino Italiano Sezione di Roma Scuola "Franco Alletto" Corso base di sci-alpinismo 2009 3 febbraio 2009 Neve e Valanghe I Matteo Centemero (ISBA e Direttore del

Dettagli

MONITORAGGIO. sperimentale. Punta SEEHORE DYNAVAL. del sito. della GESTIONE DELLE ALLERTE ED ATTIVITÀ IN CAMPO NEL CORSO DELLE PROVE SPERIMENTALI

MONITORAGGIO. sperimentale. Punta SEEHORE DYNAVAL. del sito. della GESTIONE DELLE ALLERTE ED ATTIVITÀ IN CAMPO NEL CORSO DELLE PROVE SPERIMENTALI PROGETTO DYNAVAL 5 MONITORAGGIO del sito sperimentale della Punta SEEHORE GESTIONE DELLE ALLERTE ED ATTIVITÀ IN CAMPO NEL CORSO DELLE PROVE SPERIMENTALI Nella pagina a fianco, riprese video durante la

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA. Guida all interpretazione III

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA. Guida all interpretazione III I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA Guida all interpretazione III Edito da AINEVA Redazione: Gruppo Previsori Valanghe Coordinatore progetto: Luciano Lizzero (Reg. Aut. Friuli Venezia Giulia) Autori: Elena Barbera

Dettagli

Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info www.guidemonterosa.info. Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa

Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info www.guidemonterosa.info. Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa SOCIETA DELLE GUIDE DI GRESSONEY Sede legale: Località Tache 11020 Gressoney-La-Trinité (Ao) Sede ufficio: Località Lago Gover 11025 Gressoney-Saint-Jean (Ao) Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info

Dettagli

GLOSSARIO DEI TERMINI USATI NEI BOLLETTINI NIVOMETEOROLOGICI

GLOSSARIO DEI TERMINI USATI NEI BOLLETTINI NIVOMETEOROLOGICI GLOSSARIO DEI TERMINI USATI NEI BOLLETTINI NIVOMETEOROLOGICI ABLAZIONE: Insieme combinato dei processi di sublimazione, fusione, ed evaporazione, compresa l azione del vento, che determinano una riduzione

Dettagli

Direttore Area Tecnico Scientifica / Area Ricerca e Informazione Sandro Boato

Direttore Area Tecnico Scientifica / Area Ricerca e Informazione Sandro Boato ARPAV Direttore Generale Andrea Drago Direttore Area Tecnico Scientifica / Area Ricerca e Informazione Sandro Boato Direttore Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Alberto Luchetta Direttore

Dettagli

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 Roberto Barbiero Introduzione Un intensa nevicata ha interessato nella giornata dell 11 marzo 2004 molte regioni del nord Italia. Dalle prime ore della notte

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

Prevenzione e comportamento Regola del 3 X 3 Valutazione del rischio Bollettino Valanghe

Prevenzione e comportamento Regola del 3 X 3 Valutazione del rischio Bollettino Valanghe Prevenzione e comportamento Regola del 3 X 3 Valutazione del rischio Bollettino Valanghe Marco Chierici INSA - INV Valutazione del pericolo di valanghe Riduzione del rischio Regione - a casa - (valutazione

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Associazione Amici Italia Islanda www.islanda.it - info@islanda.it 6

Associazione Amici Italia Islanda www.islanda.it - info@islanda.it 6 Le temperature medie in Gennaio nel periodo 1930-1960, periodo relativamente freddo. (Fonte: Iceland Meteorological Office / Markús Á. Einarsson). Associazione Amici Italia Islanda www.islanda.it - info@islanda.it

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo Allegato n 9 PIANO DIDATTICO CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO AE 1 LIVELLO STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

Una Carta storica per le Valanghe

Una Carta storica per le Valanghe Una Carta storica per le Valanghe Il rischio valanghe è un fenomeno che interessa tutti i Paesi in cui esista una combinazione di rilievi montuosi e precipitazioni nevose. Si calcola, infatti, che annualmente,

Dettagli

STAGIONE INVERNALE 1997-1998 Analisi di due situazioni nivometeorologiche significative

STAGIONE INVERNALE 1997-1998 Analisi di due situazioni nivometeorologiche significative Provincia Autonoma di Trento Servizio Prevenzione Calamità Pubbliche Ufficio Neve, Valanghe e Meteorologia Meteotrentino a cura di : Roberto Barbiero Marco Gadotti Mauro Mazzola STAGIONE INVERNALE 19-1998

Dettagli

Il turismo svizzero di fronte ai mutamenti climatici

Il turismo svizzero di fronte ai mutamenti climatici Il turismo svizzero di fronte ai mutamenti climatici Effetti e possibili adattamenti Luglio 2011 Wichtiger HINWEIS! Innerhalb der Schutzzone (hellblauer Rahmen) darf kein anderes Element platziert werden!

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo PIANO DIDATTICO Allegato n 9 CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO 1 LIVELLO AE/AC STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone)

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) IL TERRITORIO I paesi alpini in Europa sono sette: Italia, Francia, Austria, Germania, Slovenia,Croazia. Completamente all interno delle Alpi troviamo la Svizzera, l Austria

Dettagli

PRESENTAZIONE GENERALE

PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE Il sito è stato ideato ed istituito per rendere visibile a tutti, specialmente ai soggetti operanti nella protezione civile, la situazione idrometeorologica rilevata dalle stazioni

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona La sicurezza viene dal cielo www.meteomontebaldo.it L Osservatorio meteorologico Rifugio Fiori del Baldo é situato a 1850

Dettagli

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET)

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET) CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET) IL CHO OYU VISTO DALLA PIANA DI TINGRI LA VIA NORMALE SUL VERSANTE NORD-OVEST TEMPISTICA PER LA SALITA E DISCESA CAMPO

Dettagli

Neve Valanghe 1 -classificazione valanghe -proprietà della neve e metamorfismi

Neve Valanghe 1 -classificazione valanghe -proprietà della neve e metamorfismi Neve Valanghe 1 -classificazione valanghe -proprietà della neve e metamorfismi Innesco diminuzione angolo statico di attrito Statisticamente coinvolgono meno lo scialpinista in incidenti perché più prevedibili

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

IL PIANO PER LA SICUREZZA VALANGHE SULLA VIABILITA OLIMPICA

IL PIANO PER LA SICUREZZA VALANGHE SULLA VIABILITA OLIMPICA IL PIANO PER LA SICUREZZA VALANGHE SULLA VIABILITA OLIMPICA Area previsione e Monitoraggio Ambientale Servizio Idrologico e Nivologico C.so U. Sovietica, 216 Torino m.cordola@arpa.piemonte.it Con la collaborazione

Dettagli

Corsi di avvicinamento alla Montagna Appendice al Quaderno n. 2 Corsi di escursionismo

Corsi di avvicinamento alla Montagna Appendice al Quaderno n. 2 Corsi di escursionismo Corsi di avvicinamento alla Montagna Appendice al Quaderno n. 2 Corsi di escursionismo Questa appendice introduce due iniziative informative destinate a tutti coloro che si avvicinano alla montagna: -

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Legge 24 dicembre 2003, n. 363. "Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo"

Legge 24 dicembre 2003, n. 363. Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo Legge 24 dicembre 2003, n. 363 "Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 3 del 5 gennaio 2004 Capo I FINALITÀ E AMBITO

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

Ricevere l invio «Trattare la ricezione» Opzione «Mobile» Manuale

Ricevere l invio «Trattare la ricezione» Opzione «Mobile» Manuale Ricevere l invio «Trattare la ricezione» Opzione «Mobile» Manuale Versione V01.03 Edizione giugno 2013 1 Indice 1 Introduzione 4 2 Installazione / Primi passi 5 2.1 Installazione dell app su apparecchio

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

INCIDENTI 1985-2009 VALANGA. sulle Alpi Italiane

INCIDENTI 1985-2009 VALANGA. sulle Alpi Italiane INCIDENTI da VALANGA sulle Alpi Italiane 1985-29 Mauro Valt ARPAV- Centro Valanghe Arabba, Italy AINEVA, Trento, Italy mvalt@arpa.veneto.it aineva@aineva.it L incidente da valanga ha di per sé una mortalità

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

1 http://www.bikerides.at/trial.html (vedi Schwierigkeitsstufen) 2 http://www.mtb-news.de/forum/showthread.php?t=117048

1 http://www.bikerides.at/trial.html (vedi Schwierigkeitsstufen) 2 http://www.mtb-news.de/forum/showthread.php?t=117048 Singletrail-Skala (STS) Versione1.3 Classificazione secondo il grado di difficoltà tecnica www.singletrail-skala.de Carsten Schymik Harald Philipp David Werner 03.10.2006 Indice 1 Introduzione...... 2

Dettagli

Distacco artificiale di valanghe: linee guida per la procedura operativa, metodi e normativa

Distacco artificiale di valanghe: linee guida per la procedura operativa, metodi e normativa Distacco artificiale di valanghe: linee guida per la procedura operativa, metodi e normativa E. Bruno M. Maggioni M. Freppaz E. Zanini Progetto RiskNat Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée

Dettagli

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 Presentazione: escursione faticosa ma breve e di soddisfazione,

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

INCIDENTI DAVALANGA GLI. Panoramica sugli incidenti da valanga in Italia nella stagione 2013-2014

INCIDENTI DAVALANGA GLI. Panoramica sugli incidenti da valanga in Italia nella stagione 2013-2014 GLI Panoramica sugli incidenti da valanga in Italia nella stagione 2013-2014 INCIDENTI DAVALANGA Stefano Pivot Regione Autonoma Valle d Aosta - Assetto idrogeologico dei bacini montani- Ufficio Neve e

Dettagli

Sicurezza e ambiente negli sport sulla neve

Sicurezza e ambiente negli sport sulla neve Sicurezza e ambiente negli sport sulla neve Editore: Ufficio federale dello sport UFSPO Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM Autori: Domenic Dannenberger (capodisciplina

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI La partenza è da Villagrande di Tornimparte (880 m s.l.m.) lungo la strada provinciale SP1 Amiternina; dopo 400 metri circa in falsopiano svoltare a sinistra

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Modulo C. Infrastruttura «Sport» - Sport su ghiaccio - Sci di fondo. - Palestra. - Nuoto - Biathlon. - Arrampicata (indoor)

Modulo C. Infrastruttura «Sport» - Sport su ghiaccio - Sci di fondo. - Palestra. - Nuoto - Biathlon. - Arrampicata (indoor) Necessità di infrastrutture e superfici Modulo A Modulo B Modulo C Modulo D Modulo E Impianti di sport della neve Infrastruttura «Alloggi» Infrastruttura «Sport» Possibilità di praticare sport di montagna

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462

PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462 PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462 NEVE DIC05 SOP ATTIVATA - CCS c/o UTG NON ATTIVATO INFORMATIVA DA: Sala Operativa Provinciale

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli

COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE. Regione Piemonte Provincia di Vercelli Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI TRINO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE VOLUME 5 SISTEMA DI ALLERTAMENTO E PROCEDURE OPERATIVE Trino, lì Il Commissario Straordinario -------------------------------------------------------------

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 683 del 17 maggio 2016 pag. 1/6 SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE DEL VENETO, rappresentata da L AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

Capitolo 1. Il fenomeno della fulminazione atmosferica

Capitolo 1. Il fenomeno della fulminazione atmosferica Capitolo 1 Il fenomeno della fulminazione atmosferica 1.1 Introduzione I fulmini costituiscono un tema che da sempre affascina gli uomini. Le prime tracce di questo fenomeno risalgono a 4500 anni fa con

Dettagli

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Fax SMS Messaggi vocali E-mail LA COMUNICAZIONE RELATIVA ALL AVVISO DI CRITICITÀ SI RITIENE EFFICACE QUALORA ALMENO UNO DEI CANALI

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

MANUALE UTENTE VERSIONE A.1.1

MANUALE UTENTE VERSIONE A.1.1 MANUALE UTENTE VERSIONE A.1.1 (11/ 2014) 1 Sommario PREMESSA... 3 1 SPECIFICHE E CARATTERISTICHE... 4 1.1 Accesso al programma... 5 1.2 Area riservata... 6 2 INSERIMENTO NUOVO PROGRAMMA DI VIAGGIO... 6

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Regolamento per la gestione dell attività formativa e di aggiornamento tecnico AINEVA (modificato dal CTD il 18/12/2008)

Regolamento per la gestione dell attività formativa e di aggiornamento tecnico AINEVA (modificato dal CTD il 18/12/2008) Regolamento per la gestione dell attività formativa e di aggiornamento tecnico AINEVA (modificato dal CTD il 18/12/2008) Questo regolamento - redatto in attuazione del Documento sulla riorganizzazione

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA Parte I 24/07/12 enav.it METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

incidenti davalanga Versanti e stratigrafie tipiche, tempi di ritrovamento dei sepolti

incidenti davalanga Versanti e stratigrafie tipiche, tempi di ritrovamento dei sepolti Versanti e stratigrafie tipiche, tempi di ritrovamento incidenti dei sepolti davalanga Mauro Valt ARPAV-DRST Centro Valanghe di Arabba mvalt@arpa.veneto.it con la collaborazione di: Gruppo di Lavoro dei

Dettagli

Proposte dedicate alle Scuole Elementari, Medie e Superiori, CAI & promosse in collaborazione con l A.S.D. ViviMottarone

Proposte dedicate alle Scuole Elementari, Medie e Superiori, CAI & promosse in collaborazione con l A.S.D. ViviMottarone Proposte dedicate alle Scuole Elementari, Medie e Superiori, CAI & promosse in collaborazione con l A.S.D. ViviMottarone Cari insegnanti, per l imminente stagione invernale vi proponiamo le offerte formative

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza (trattata nella parte I) il wind shear (trattato

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE Semplicita' del sistema delle fasce e numerosita' dei gruppi di ore Accanto all obiettivo di offrire agli operatori un segnale di prezzo corretto che ne stimoli il comportamento efficiente, vi e' tra gli

Dettagli

AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO

AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO 2013 AUTOSOCCORSO & Soccorso Organizzato E l azione di soccorso attuata immediatamente dalle persone superstiti all evento 2 Fase di sopravvivenza Fase di asfissia

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE Il Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale, emesso quotidianamente entro le ore 15.00 dal Dipartimento Nazionale della

Dettagli

Conoscere e studiare l Italia Piccola guida per studenti stranieri

Conoscere e studiare l Italia Piccola guida per studenti stranieri Franca Marchesi Conoscere e studiare l Italia Piccola guida per studenti stranieri Franca Marchesi Conoscere e studiare l Italia Piccola guida per studenti stranieri È vietata la riproduzione, anche parziale,

Dettagli

Valanghe in Trentino Alto Adige, 3 i morti

Valanghe in Trentino Alto Adige, 3 i morti La neve fresca e le temperature in salita hanno reso pericolose le traversate in quota Valanghe in Trentino Alto Adige, 3 i morti Due escursionisti travolti da una slavina a Solda; un altro è rimasto ucciso

Dettagli

Ricerca degli effetti sul manto nevoso degli esplosivi convenzionali

Ricerca degli effetti sul manto nevoso degli esplosivi convenzionali Introduzione Ricerca degli effetti sul manto nevoso degli esplosivi convenzionali Ing. B. Frigo Courmayeur, 12 Marzo 2013 CORSO AINEVA Febbraio 1990 Pré S. Didier (AO). Febbraio 1986 S.S.26 Piccolo S.

Dettagli

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Descrizione Ubicato a 1542 m sul versante settentrionale della Maiella, alle coordinate geografiche N 42 008 09 E 14 003 39, il rifugio é intitolato a Paolo Barrasso,

Dettagli

Trekking. Vivere la montagna in sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni

Trekking. Vivere la montagna in sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni Trekking Vivere la montagna in sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Respirare aria fresca e pura, ammirare la maestosità dei panorami, ritemprare il corpo e lo spirito. La Svizzera è un paese di

Dettagli

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile!

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click IRRIMET Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Il primo sistema che fornisce in tempo reale mappe dell irrigazione e previsioni meteo

Dettagli

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

Sci alpinismo nel gruppo di Puez Sci alpinismo nel gruppo di Puez Questo articolo di Alberto De Giuli propone tre itinerari inediti per scialpinisti esperti. Si tratta di percorsi ad anello che presentano tutti i caratteri dello sci alpinismo

Dettagli

Relazione dott.ssa Cecilia Carreri, convegno S.Martino di Castrozza Il tema che tratteremo riguarda la responsabilità della Guida Alpina nell

Relazione dott.ssa Cecilia Carreri, convegno S.Martino di Castrozza Il tema che tratteremo riguarda la responsabilità della Guida Alpina nell Relazione dott.ssa Cecilia Carreri, convegno S.Martino di Castrozza Il tema che tratteremo riguarda la responsabilità della Guida Alpina nell accompagnamento nel fuori pista, cioè fuori dalle piste attrezzate

Dettagli

Stazione meteorologica senza fili con visualizzazione della temperatura e orologio radiocontrollato Modello: BAR386

Stazione meteorologica senza fili con visualizzazione della temperatura e orologio radiocontrollato Modello: BAR386 Stazione meteorologica senza fili con visualizzazione della temperatura e orologio radiocontrollato Modello: BAR386 MANUALE PER L UTENTE CONTENUTO Introduzione... 2 Panoramica del prodotto... 2 Vista anteriore...

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI GUIDA AL SITO ANIN MANUALE DI ISTRUZIONI Prima Sezione COME MUOVERSI NELL AREA PUBBLICA DELL ANIN Seconda Sezione COME MUOVERSI NELL AREA RISERVATA DELL ANIN http://www.anin.it Prima Sezione 1) FORMAZIONE

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

Ricezione invii Opzione Mobile Manuale

Ricezione invii Opzione Mobile Manuale Ricezione invii Opzione Mobile Manuale Edizione novembre 2015 1 Indice 1 Introduzione 4 1.1 Indirizzi importanti 4 2 Installazione / Primi passi 5 2.1 Installazione dell app RITR su apparecchio terminale

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Giornata della cultura 16 Marzo 2006 Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Prof. Giancarlo Spezie Attendiamo però i risultati del carotaggio di Dome-C (EPICA Project)

Dettagli

MEMORIA INIZIALE CNSASA - PARTE 1 MILANO 5-12-06

MEMORIA INIZIALE CNSASA - PARTE 1 MILANO 5-12-06 1 MEMORIA INIZIALE CNSASA - PARTE 1 MILANO 5-12-06 COMMISSIONE NAZIONALE SCUOLE DI ALPINISMO E SCI ALPINISMO Elenco dei tipi di corsi rivolti ai soci CAI Nota introduttiva: la CNSASA sta aggiornando le

Dettagli

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PSR CAMPANIA 2007/2013 MISURA 124 ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO www.consulenzairrigua.it PROGETTO REALIZZATO

Dettagli

MONTAGNAVDA APP Come funziona

MONTAGNAVDA APP Come funziona MONTAGNAVDA APP Come funziona APP Montagna.VDA Le nuove potenzialità degli smartphone sono estremamente utili per chi percorre la montagna. In particolare l utilizzo del GPS con la possibilità di connessione

Dettagli