Auto Moto Perf. Group Ricambi R&D Qualità Acquisti Mktg ARD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Auto Moto Perf. Group Ricambi R&D Qualità Acquisti Mktg ARD"

Transcript

1 GESTIONE AZIENDALE - a.a. 2007/ Cognome Nome Matricola Esercizio 1 VaiPiano è un azienda leader nel settore dei sistemi frenanti, che opera oggi in 3 continenti con siti produttivi in 9 nazioni; è presente con propri uffici commerciali anche in Svezia, Francia e Stati Uniti e commercializza i propri prodotti in 70 Paesi. L'Azienda conta sulla zione di oltre 4500 dipendenti, quasi il 10% dei quali è composto da ingegneri e specialisti di prodotto impegnati in ricerca e sviluppo: questo a testimonianza dell importanza della componente innovativa per il business di VaiPiano. Recentemente, la spinta verso la ricerca di base ha portato alla creazione di un unità specializzata nella meccatronica denominata Advanced Research Development (ARD) sotto il diretto controllo del Direttore Ricerca e Sviluppo. Tra le funzioni a supporto dell Amministratore Delegato sono l Internal Audit, le Risorse Umane, l Ufficio Legale e l Ufficio IT. Le altre unità organizzative hanno lo scopo di presidiare le principali aree di business di VaiPiano. In particolare, il mercato delle auto e dei veicoli commerciali è responsabile dell 80% del fatturato complessivo; il 12% proviene invece dal mercato delle moto; il 7% dal mercato delle auto da corsa. Questi tre mercati hanno ognuno una business unit dedicata: si tratta delle Business Unit Auto, Moto e del cosiddetto Performance Group. Vi è poi un unità esplicitamente dedicata al mercato dei ricambi (responsabile dell 1% del fatturato). Completano il quadro l Ufficio Qualità, l Ufficio Acquisti e il Marketing. In azienda l Ufficio Acquisti occupa un ruolo di primo piano. Questo a causa dell elevata incidenza degli acquisti sia in termini economici che di qualità e innovatività del prodotto finito. Tutto questo si riflette anche nell organizzazione dell ufficio stesso, che riporta direttamente all Amministratore Delegato ed è decisamente articolata. L operato dell Ufficio Acquisti non è valutato solo in termini di costo complessivo: viene monitorata anche la qualità ed il livello di servizio garantiti ai clienti interni. Un unità denominata Marketing di Acquisto si occupa di ricercare e selezionare potenziali fornitori. Da essa dipendono un unità di staff che si occupa dell ottimizzazione dei fornitori e tre uffici dedicati ai fornitori di ghisa, alluminio e viterie. Vi è poi un unità che si occupa dell acquisto di materiali ausiliari, suddivisa in Servizi Generali, Macchinari, Utensilerie e Materiali e Attrezzature di Processo (ogni sottocategoria ha il proprio responsabile). Data poi la specificità di alcuni componenti legati ai diversi business, vi sono unità dedicate agli acquisti per le Auto e i Veicoli Commerciali, le Moto e il settore Racing. Infine, poichè il processo di centralizzazione dell Ufficio Acquisti cominciato due anni fa non è ancora stato completato, rimangono alcuni responsabili acquisti di area geografica. In particolare, Polonia, Brasile, Messico e Spagna hanno il proprio Direttore Acquisti, il quale risponde direttamente al Direttore Acquisti di gruppo. Data la rilevanza degli Acquisti, uno dei ruoli di maggior spicco in azienda è quello del Direttore Acquisti (altrimenti detto CPO- Chief Purchasing Officer), che gestisce il budget generale di acquisto ed ha competenze trasversali sulle diverse tipologie di acquisto. Il CPO fa inoltre parte del Board of Directors e quindi discute a pari livello con gli altri Direttori. Molto importanti sono anche i buyer (ovvero i responsabili dell acquisto di particolari categorie merceologiche). Essi svolgono infatti un fondamentale ruolo di interfaccia verso l esterno (tra i fornitori e l impresa) e verso l interno (con le varie funzione aziendali). Il CPO ha deciso di mantenere tre profili differenti di buyer: la prima tipologia di buyer ha una funzione prettamente commerciale: si tratta in genere di un laureato in economia che ha il compito di negoziare con i fornitori il prezzo più basso possibile, sulla base delle specifiche tecniche fornite dalla Ricerca e Sviluppo. Per fare ciò, egli deve seguire una procedura strettamente formalizzata ed implementata nel sistema informativo aziendale, che prevede tra l altro l uso di tool specifici, come le aste elettroniche. Il secondo tipo di buyer è invece costituito dai laureati in Ingegneria, che hanno solitamente competenze sia tecniche che commerciali e sono quindi in grado di comprendere tutte le caratteristiche dei beni acquistati. Perciò, essi sono anche incaricati di ricercare nuovi fornitori e discutere delle specifiche tecniche di prodotto, coordinandosi con la Ricerca e Sviluppo. Ogni unità dell Ufficio Acquisti fa poi capo ad un Senior Buyer (terza tipologia), il quale non è altro che un buyer esperto delle diverse categorie merceologiche facenti capo ad ogni unità. Oltre a poter gestire il budget della propria unità, il Senior Buyer si occupa di coordinare e valutare il lavoro del proprio team di buyer. Ogni Senior Buyer risponde al CPO e deve raggiungere precisi obiettivi di costo e livello di servizio. 1. Disegnare l organigramma di VaiPiano. Organizzazione: Semplice Funzionale Divisionale X Ibrida Matrice : Organigramma: AD IA UL RU IT Auto Moto Perf. Group Ricambi R&D Qualità Acquisti Mktg ARD

2 2. Disegnare l organigramma dell Ufficio Acquisti di VaiPiano. Organizzazione Ufficio Acquisti: Semplice Funzionale Divisionale X Ibrida Matrice : Organigramma: Acquisti Auto Moto Racing Marketing Materiali Polonia Brasile Messico Spagna d Acquisto ausiliari ottimizz. Ghisa Servizi 3. Per ogni ruolo dell Ufficio Acquisti di VaiPiano, specificare il grado di specializzazione orizzontale e verticale relativamente agli altri ruoli e il meccanismo di coordinamento adottato. Specializzazione orizzontale Specializzazione verticale Meccanismo di coordinamento Buyer Economista X Alta Media Bassa X Alta Media Bassa Standardizzazione delle competenze, Standardizzazione dei processi e Supervisione diretta Buyer Ingegnere Alta X Media Bassa X Alta Media Bassa Standardizzazione delle competenze, Supervisione diretta e mutuo adattamento con la R&S Senior Buyer Alta X Media Bassa Alta X Media Bassa Standardizzazione degli obiettivi e supervisione diretta CPO Alta Media X Bassa Alta Media X Bassa Standardizzazione degli obiettivi e mutuo adattamento con gli altri direttori L ing. Maserati, Direttore degli Acquisti di Gruppo, partecipando alle riunioni del Board of Directors si è recentemente reso conto di quanto sia importante per VaiPiano presidiare il rapporto con alcuni grandi clienti, appartenenti per la maggior parte al segmento delle automobili di lusso o comunque di alta gamma. Tali clienti hanno spesso più divisioni di prodotto e si rivolgono quasi sempre a VaiPiano per equipaggiare l intero portafoglio: automobili di serie, da corsa e in alcuni casi motociclette. Inoltre, data la dimensione e il prestigio di questi clienti, essi richiedono una forte personalizzazione dei prodotti di VaiPiano, soprattutto per i

3 componenti delle auto da corsa. Il Board ha infatti deliberato la creazione di un ruolo organizzativo esplicitamente dedicato a gestire la relazione con questi grandi clienti in modo trasversale alle divisioni di prodotto. Questo Client Manager avrà una delega decisionale di pari grado rispetto a quella dei Direttori di Divisione e di Funzione attualmente presenti. Maserati si chiede quindi se non possa essere utile prevedere delle figure simili all interno degli Acquisti. Infatti, molto spesso i grandi clienti hanno necessità del tutto simili su tutta la gamma di beni e servizi richiesti (siano essi relativi ad auto, moto e settore corse): materiali ad alte prestazioni, qualità di conformità non inferiore al 99%, progettazione ad hoc dei componenti, servizi di assistenza, ecc. Tutto ciò si riflette sui beni e servizi acquistati da VaiPiano. Maserati ha però dei vincoli di budget: non è stata prevista per il 2008 l assunzione di nuove persone, né tantomeno la ristrutturazione dell organizzazione della funzione acquisti. 4. Che tipo di organizzazione a livello di gruppo si configura con l introduzione della figura del Client Manager? Giustificare la risposta. Organizzazione a matrice 5. Tenendo conto dei vincoli: ossia che non è possibile assumere nuove persone né ristrutturare l organizzazione, quali alternative ha a disposizione Maserati per presidiare le esigenze dei grandi clienti a livello di funzione Acquisti? 6. Quali piani potrebbe invece mettere in atto per il prossimo anno, se non ci fossero più i vincoli? Iniziative attuali: Maserati ha a disposizione le seguenti alternative: - ruoli di collegamento: in questo caso non sono molto indicati, poichè si tratta di interfacciare più funzioni e divisioni interne agli Acquisti; - manager integratori: non avendo la possibilità di istituire un ruolo nuovo potrebbe incaricare alcune persone del proprio staff (in particolare del Marketing di Acquisto) di presidiare l acquisto di tutti i beni e servizi utili a produrre i sistemi per i grandi clienti. In questo caso potrebbe sfruttare una politica di incentivazione mirata; - team interfunzionali: per fare in modo che tutti i buyer che acquistano per i grandi clienti si coordinino tra di loro, condividendo esperienze simili. Questo progetto potrebbe essere presentato come un pilota per testare la capacità dei buyer di coordinarsi mutuamente. Piani futuri: Potendo richiedere l allocazione di nuove risorse Maserati dovrebbe valutare la possibilità di replicare l organizzazione a matrice all interno degli acquisti. In particolare, il Client Manager lato acquisti dovrebbe interagire strettamente con il Client Manager lato vendite. Nel caso in cui il livello di complessità lo permettesse, le due figure potrebbero addirittura essere fuse in una sola nel medio periodo. Per valutare l iniziativa migliore Maserati si potrebbe ovviamente basare sui risultati ottenuti nel 2008 con i manager integratori o i team interfunzionali. Esercizio 2 Il Dott. Black, Amministratore Delegato della, è chiuso da ore nel suo ufficio per meditare sulle considerazione emerse durante un intensa riunione del Consiglio di Amministrazione in cui si è parlato di un tema scottante: la relazione con la, uno dei principali fornitori dell azienda. La produce e commercializza biciclette da parecchi anni e si è sempre distinta nel settore per l elevata qualità dei suoi prodotti e in particolare sulle biciclette fuoristrada (mountain-bike). La strategia perseguita impone di focalizzarsi internamente sulle core competence, in particolare sulla progettazione e produzione di tubolari (struttura principale della bicicletta) e corone (ingranaggi anteriori e posteriori che trasmettono il movimento dai pedali alla ruota posteriore tramite la catena). Fattori principali dei tubolari sono la leggerezza e l aerodinamicità, mentre per quanto riguarda le corone i fattori principali sono la leggerezza e la resistenza/durata. Tutti gli altri componenti (es. pedali, cambio, ruote, freni ) sono esternalizzati a fornitori terzi e la ne cura successivamente l assemblaggio complessivo. La è un fornitore di cambi distintosi negli ultimi anni per le sue capacità innovative. Proprio per questo motivo, qualche anno fa il Dott. Black ha insistito per la formalizzazione di un contratto quadro di fornitura con la. Le due aziende hanno inizialmente to sulla progettazione dei rispettivi componenti per migliorarne l integrazione. I

4 risultati sono stati finora piuttosto buoni ed il mercato ha reagito positivamente al lancio dei prodotti in co-branding. E bene notare che in questo settore, anche se un prodotto presenta marchi congiunti (come nel caso + ), i clienti sono molto sensibili alle prestazioni delle singoli parti della bicicletta e sono fedeli ai singoli componenti più che al prodotto nel suo insieme. A fronte di una sempre più feroce concorrenza da parte dei produttori asiatici, ci si è subito resi conto del fatto che le prestazioni dei prodotti dovevano essere migliorate, in particolare proprio l interazione tra i meccanismi del cambio della e le corone della potrebbe essere oggetto di una riprogettazione. Il Dott. Black sa bene che uno sforzo leale e trasparente da parte delle due aziende potrebbe portare a dei vantaggi sicuri per entrambe le parti, mentre un atteggiamento passivo e poco convinto non cambierebbe la situazione attuale per nessuno. D altro canto, è anche consapevole del fatto che nel caso di un impegno forte da parte della e di un impegno scarso o parziale da parte della potrebbero scaturire effetti disastrosi. Il prodotto finale sarebbe totalmente coerente con le caratteristiche dei meccanismi progettati dal fornitore e, al contrario, il cambio tradizionale non riprogettato a dovere provocherebbe guasti frequenti alle corone per usura del materiale. I consumatori sarebbero indubbiamente pronti a contestare le corone e a lodare i cambi del fornitore, fino all estremo di acquistare biciclette di altre marche purchè montino cambi ; in questo modo il fornitore perderebbe alcuni profitti derivanti dalle vendite Spike-bike ma ne recupererebbe una parte grazie alle vendite di altre marche. Specularmente, lo stesso identico problema si verificherebbe per il fornitore nel caso in cui esso collabori lealmente e si comporti in modo più opportunistico. Domande: 1. Si analizzi il caso esposto in termini di teoria dei giochi. In particolare, si illustri la matrice dei pay-off che potrebbe costruire il Dott. Black (utilizzare punteggi da -1 a 2 per i pay-off in cui -1 rappresenta il ritorno peggiore e 2 il ritorno maggiore). Identificare le alternative dominanti, le soluzioni efficienti e le soluzioni di equilibrio (Nash). Infine si determini la soluzione del gioco. Matrice dei Payoff 2,2-1,1 1,-1 0,0 Alternative dominanti Alternativa dominante Spike- Soluzioni Efficienti e di Equilibrio Efficiente Equilibrio Alternativa dominante X Equilibrio Soluzione

5 2. Indicare quale struttura richiama tra i classici della teoria dei giochi: Il dilemma del prigioniero Il gioco del dispetto Il gioco delle coppie Il gioco del pollo Nessuno Motivazione Assomiglia ad un gioco delle coppie, perché le scelte simmetriche sono entrambe soluzioni di equilibrio, ma non sono entrambe efficienti. 3. Si identifichi la soluzione del gioco, sfruttando l'esistenza delle alternative dominanti. Nel caso non esistano alternative dominanti utilizzare sia il criterio ottimistico MaMa, sia il criterio pessimistico MaMin. MaMa MaMin Calcoli Payoff simmetrici: stessa scelta utilizzando lo stesso criterio Ma Ma Ma (2,1) =2 Ma Min Ma (-1,0)=0 4. Nel caso in cui il comportamento di zione o non zione fosse direttamente e immediatamente osservabile, avrebbe un vantaggio il first mover? Quale decisione prenderebbe? Il first mover ha un vantaggio. Chi muove per primo decide di re, ed essendo il suo comportamento osservabile, induce anche il secondo a re.

6 Nella parte finale del Consiglio di Amministrazione un altro dubbio ha turbato i presenti. Alcuni dirigenti della Spike-, partecipando all ultima fiera della bicicletta di Chicago, hanno percepito il rischio di una possibile zione tra la e la Xi-long, uno dei principali concorrenti della. La Xi-long è un azienda giapponese del tutto simile alla, sia per quanto riguarda le dimensioni (fatturato, dipendenti, filiali ) che per quanto riguarda i modelli dei prodotti. Negli ultimi mesi è diventata sempre più aggressiva sul mercato ed è noto che abbia più volte contattato la con il forte intento di instaurare una zione nella progettazione dei componenti. Il Dott. Black sa che un azienda come la non ha il budget sufficiente per giocare sui due tavoli e quindi dovrà scegliere tra re con la oppure, in alternativa, con la Xi-long. Nel caso in cui la non partecipi attivamente al processo di innovazione esiste il forte rischio che la cerchi nuovi sbocchi proprio alleandosi con il concorrente giapponese. Questo provocherebbe dei risultati equivalenti al caso precedente in cui la si applichi realmente al progetto di zione con la e quest ultima non collabori attivamente: la non otterrebbe alcun miglioramento sui propri prodotti e si troverebbe in svantaggio rispetto alla Xi-long, mentre la otterrebbe alcuni vantaggi derivanti dai modelli giapponesi. Nel caso in cui la si impegni attivamente nel progetto di innovazione e la allochi invece risorse alla relazione con la Xi-long lo scenario sarebbe disastroso: non solo perderebbe credibilità sul mercato finale, ma si troverebbe di fronte una crescita impetuosa del concorrente giapponese. La invece acquisterebbe una quota di mercato forte grazie alle vendite della Xi-long e alla zione, sfruttata opportunisticamente, della. 5. Si analizzi il caso esposto in termini di teoria dei giochi. In particolare, si illustri la matrice dei pay-off che potrebbe costruire il Dott. Black (utilizzare punteggi da -1 a 2 per i pay-off in cui -1 rappresenta il ritorno peggiore e 2 il ritorno maggiore). Identificare le alternative dominanti, le soluzioni efficienti e le soluzioni di equilibrio (Nash). Infine si determini la soluzione del gioco. Matrice dei Payoff con Spike- con Spike- con Xi-long 2,2-1,1-2,2 1,-1 0,0-1,1 Matrice dei Payoff con Efficiente Equilibrio con con Xilong Equilibrio con Spike- con Spike- con Xilong X X Soluzione : alternativa dominante di re con Xi-long. Spike-bike: sceglie di conseguenza di non re

CORSO DI GESTIONE AZIENDALE

CORSO DI GESTIONE AZIENDALE CORSO DI GESIONE ZIENDLE 13/07/2011 Nome: Cognome: Matricola: Esercizio 1 Cobasica è un gruppo industriale francese presente in quattro grandi settori industriali: l'ingegneria ferroviaria, l'ingegneria

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Organizzazione Agenda Una definizione di Organizzazione Microstruttura Organizzativa Ruoli, mansioni, compiti Specializzazione

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

Organizzazione processi. Modelli di incentivazione

Organizzazione processi. Modelli di incentivazione Organizzazione processi aziendali Modelli di incentivazione APPROCCIO PER PROCESSI LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ La norma italiana UNI EN ISO 9001, che costituisce il La norma italiana UNI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA Page Personnel, agenzia per il lavoro, è specializzata nella selezione di personale qualificato da inserire sia con la somministrazione di lavoro temporaneo sia mediante assunzioni

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Economia e gestione delle Imprese internazionali. Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009

Economia e gestione delle Imprese internazionali. Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009 Economia e gestione delle Imprese internazionali Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009 1 Contenuti del Corso 1. L internazionalizzazione delle Imprese:

Dettagli

Strategie di produzione

Strategie di produzione Strategie di produzione Strategie di produzione 1 Aspetti generali Nel contesto industriale una strategia è in estrema sintesi un piano finalizzato al raggiungimento di un obiettivo. Il piano deve esplicitare

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

Case study. AkzoNobel: siti multipli operanti all unisono

Case study. AkzoNobel: siti multipli operanti all unisono Case study AkzoNobel: siti multipli operanti all unisono Le componenti utente configurabili di Quintiq consentono un certo grado di personalizzazione pur utilizzando un unica architettura software presso

Dettagli

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15 Quality and Health&Safety Management Systems Summary RS è una filiale del gruppo multinazionale Electrocomponents plc. (con sede nel Regno Unito) che opera, principalmente, dal centro di distribuzione

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi 2 Processo di trasformazione di base per un azienda manifatturiera Organizzazione Risorse umane Contabilità R&S Marketing

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA

Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA Struttura organizzativa Le tre componenti chiave della struttura organizzativa sono: i rapporti di dipendenza formale, compresi il numero

Dettagli

L utilizzo dei sistemi informativi avanzati come. strumento innovativo nelle attività dell ingegneria di

L utilizzo dei sistemi informativi avanzati come. strumento innovativo nelle attività dell ingegneria di L utilizzo dei sistemi informativi avanzati come strumento innovativo nelle attività dell ingegneria di manutenzione Autori: C. Bianco L. Bordoni ATM S.p.A. Divisione metropolitana Parlare di trasporto

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

acquisti L importanza del Risk Management nell area

acquisti L importanza del Risk Management nell area Risk management L importanza del Risk Management nell area acquisti Il rischio fa parte del business una significativa e permanente realtà che quasi ogni società deve affrontare. Senza rischio, l attività

Dettagli

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione

Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione Per il successo dell azienda ci vuole una buona adesione www.puntolegno.it La soluzione ideale per chi vuole affrontare il mercato con la forza di un grande internazionale, senza perdere la propria identità

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze... 9

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Il sistema di pianificazione strategica

Il sistema di pianificazione strategica Il sistema di pianificazione strategica di Massimo Ciambotti 1 Il processo di Pianificazione Strategica Sono coinvolti tre tipi di attività: - Previsione ed analisi: indagine sui fenomeni futuri (interni

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 PASSAGGIO DA FORMA SEMPLICE A FORMA GERARCHICO-FUNZIONALE La forma semplice è caratterizzata

Dettagli

giusta Fai la spesa Inchiesta

giusta Fai la spesa Inchiesta Fai la spesa giusta Qual è la politica etica del tuo supermercato? Cosa c è dietro alle promozioni? La nostra inchiesta traccia il profilo di sei grandi insegne. Coop è la migliore. 20 Altroconsumo 278

Dettagli

Distribuzione. parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio. MarketPlace 76

Distribuzione. parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio. MarketPlace 76 parere legale distribuzione selettiva di Maurizio Iorio distribuzione selettiva e negozi on-line Sarà capitato di sentire parlare di rivenditori selezionati, distributori esclusivi e dettaglianti ufficiali

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

L analisi dell integrazione verticale

L analisi dell integrazione verticale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO L analisi dell integrazione verticale ( CAP 13 GRANT ) A cura di: Luca Fraternali Indice Definizione di integrazione verticale Fattori da considerare per effettuare

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) L organizzazione: concetti generali b) La struttura organizzativa c) I principali modelli di struttura organizzativa a) La struttura plurifunzionale b) La struttura

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO LA PIANIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO: 1. La gestione delle risorse umane. - 2. La programmazione del personale. - 3. La Human Resource Scorecard. 1. LA GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

Organizzazione aziendale

Organizzazione aziendale Organizzazione aziendale prof. Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Cos è una organizzazione? Insieme di individui Esistenza obiettivo comune Divisione del lavoro/coordinamento 1 Una organizzazione e... Sistema

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ciclo di vita dell organizzazione Ciclo di vita dell organizzazione

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC

COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC 1. Linee guida operative Il documento promulgato nel maggio del 2015 a cura della commissione Collegio Sindacale dell

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 1 Il corso di Economia ed Organizzazione

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

www.mauriziovinci.it

www.mauriziovinci.it www.mauriziovinci.it Il mercato impone decisioni rapide ed efficaci, obiettivi chiari e sostenibili, strategie ben strutturate che non lasciano spazio all improvvisazione. Studio di consulenza integrata

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

Rilancia la tua azienda

Rilancia la tua azienda Gli specialisti delle strategie di vendita per le PMI Rilancia la tua azienda Con le 12 Fasi del sistema di vendita 1 st Class Selling http://www.1stclassselling.com/ Premessa Se stai leggendo questo report

Dettagli

Optimize your energy park. www.en-come.com

Optimize your energy park. www.en-come.com Optimize your energy park / Supporto d ACQUISIZIONE / OPERAZIONI TECNICHE / OPERAZIONI COMMERCIALI / MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI / SMALTIMENTO IMPIANTI IT www.en-come.com Supporto d ACQUISIZIONE SMALTIMENTO

Dettagli

Bosco&Co. STRATEGIE E SVILUPPO D IMPRESA AGENZIA DI COMUNICAZIONE ROMA - BATTIPAGLIA (SA)

Bosco&Co. STRATEGIE E SVILUPPO D IMPRESA AGENZIA DI COMUNICAZIONE ROMA - BATTIPAGLIA (SA) BoscoCo. STRATEGIE E SVILUPPO D IMPRESA AGENZIA DI COMUNICAZIONE BoscoCo. è il partner professionale che supporta le imprese nel governo e nella gestione del loro business, aiutandole a raggiungere le

Dettagli

SAP per far crescere business in Unox S.p.a

SAP per far crescere business in Unox S.p.a Unox S.p.a. Utilizzata con concessione dell autore. SAP Customer Success Story Industry Unox S.p.a SAP per far crescere business in Unox S.p.a Partner Nome dell azienda Unox S.p.a Settore Metalmeccanico

Dettagli

Il Caso Ducati. Storia. Un esempio di riorganizzazione per processi. Storia

Il Caso Ducati. Storia. Un esempio di riorganizzazione per processi. Storia Il Caso Ducati Storia Un esempio di riorganizzazione per processi Storia Ducati oggi La centralità del cliente e del servizio Una nuova filosofia I processi di approvvigionamento e la supply chain Tecnica

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Principali opzioni per la realizzazione delle strategie corporate Crescita interna

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE E LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE E LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE ORGANI E FUNZIONI L ORGANIZZAZIONE E LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE ll sistema degli organi aziendali tramite i quali si svolge l amministrazione l forma la struttura organizzativa aziendale. Le attività svolte

Dettagli

INTRODUZIONE. n. 019 - MAGGIO 2013

INTRODUZIONE. n. 019 - MAGGIO 2013 IL DATORE DI LAVORO AFFIDA ALL ESTERNO LE COMPETENZE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) PER ESSERE SUPPORTATO NELL INDIVIDUAZIONE DELLE SOLUZIONI ADOTTABILI AL FINE DI EVITARE

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE I PROCESSI AZIENDALI E PROGETTI UDA 2 ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DEI

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO La pianificazione strategica può essere definita come il processo manageriale volto a mantenere una corrispondenza efficace tra gli obiettivi e le risorse

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori TANDEM A di Francesca Negri Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori g I venditori sono dipendenti della nostra azienda perché ci rappresentano sul mercato e anche perché

Dettagli

Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto

Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto www.unifg.it Innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto Valeria Spada Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali, Giuridiche, Merceologiche e Geografiche Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Marketing Industriale e Direzione d Impresa Introduzione al marketing Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 L evoluzione del marketing Dal marketing per addetti ai lavori, al

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing

Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing AICS MEETING DAY 2014 Credito su misura: il factoring quale soluzione finanziaria e gestionale per le Imprese e le Filiere produttive Direzione Marketing 21 MAGGIO 2014 Agenda: Chi siamo Cos è il Factoring

Dettagli

Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV

Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV Trasformate la vostra visione aziendale in realtà con Microsoft Dynamics NAV Avete lavorato molto per costruire una visione per la vostra azienda. Con Microsoft Dynamics NAV potrete trasformare questa

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli