Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali"

Transcript

1 Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Piano di Test per applicazioni SIL di InterPro versione Regione Toscana Centro Tecnico per la e.toscana Compliance Indice generale 1.Introduzione Descrizione dei casi di Test Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Riferimenti...14 Pagina 1 di 14

2 1. Introduzione In questo documento è riportata la descrizione dei test svolti dal Centro Tecnico per valutare la conformità agli standard e.toscana delle applicazioni SIL Protocollo. La configurazione di deploy cui si fa riferimento nel documento è mostrata in Figura 1. Le applicazioni coinvolte nella verifica sono le seguenti: L'applicativo SIL Protocollo da verificare; Un applicativo SIL sviluppato dal Centro Tecnico (nel seguito anche SIL-CT) che opera come un SIL di un Ente con cui SIL-Protocollo dialoga nel realizzare gli scenari di test relativi agli scambi di documenti tra Enti; Il portale per quanto concerne gli scambi di messaggi con i privati; L'applicazione web WebConf per la configurazione della piattaforma. Figura 1: Configurazione di deploy della applicazione "SIL-Protocollo" sottoposta a verifica e "SIL-CT" sviluppata dal Centro Tecnico e.toscana Compliance. e WebConf fanno parte della piattaforma InterPro rivolta ai privati. Il NAL utilizzato nelle verifiche è carttestnal, nal di test installato presso Regione Toscana che ospita il Proxy Applicativo Protocollo Informatico. Pagina 2 di 14

3 2. Descrizione dei casi di Test Nel seguito vengono riportati i casi di test a cui sarà sottoposto SIL-Protocollo. I test case opzionali sono evidenziati dal colore celeste, mentre con il colore giallo sono indicati i test che hanno altre particolarità esplicitate nel testo Test Case 01 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di inviare messaggi relativi a registrazioni di Il SIL-Protocollo dovrà inviare messaggi che presentano dati di segnatura diversi per coprire i seguenti casi di test: [a] Messaggio di protocollo senza allegati (col solo documento informatico primario) [a.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo ad una AOO associata al Centro Tecnico. SIL-CT riceve il messaggio e lo protocolla assegnandogli un numero di registrazione. Il documento primario è integro alla ricezione. [b] Messaggio di protocollo con allegati (documento informatico primario e almeno un allegato) [b.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo con almeno un allegato. SIL- CT riceve il messaggio e lo protocolla assegnandogli un numero di registrazione. Il documento primario e gli allegati sono integri alla ricezione. [c] Messaggio di protocollo con allegati organizzati in fascicoli (se la funzionalità è gestita dal SIL) [c.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo con allegato/i organizzati in fascicoli. SIL-CT riceve il messaggio e lo protocolla assegnandogli un numero di registrazione. Il documento primario e i fascicoli sono integri alla ricezione. [d] Messaggio di protocollo con altri destinatari principali [d.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatario una UO (Unità Organizzativa) di una AOO associata al Centro Tecnico. SIL-CT riceve in maniera integra il messaggio di [d.2] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo indirizzato al destinatario privato persona fisica con codice fiscale stabilito dal Centro Tecnico. riceve in maniera integra il messaggio di [d.3] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo indirizzato al destinatario privato persona giuridica con partita IVA stabilita dal Centro Tecnico. riceve in maniera integra il messaggio di Pagina 3 di 14

4 [e] Messaggio di protocollo con più destinatari principali [e.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari due SIL associati al Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.2] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari un SIL associato al Centro Tecnico ed una UO di una seconda AOO associata al Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.3] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari un SIL associato al Centro Tecnico e privato persona fisica il cui codice fiscale è stabilito dal Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.4] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari un SIL associato al Centro Tecnico e privato persona giuridica la cui partita IVA è stabilita dal Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.5] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari due UO, una di una AOO associata al Centro Tecnico e l altra di una differente AOO associata al Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.6] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari una UO di una AOO associata al Centro Tecnico e privato persona fisica il cui codice fiscale è stabilito dal Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.7] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari una UO di una AOO associata al Centro Tecnico e privato persona giuridica la cui partita IVA è stabilita dal centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f] Messaggio di protocollo con un destinatario per conoscenza ed uno o più destinatari principali [f.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari due SIL associati al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.2] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari un SIL associato al Centro Tecnico ed una UO di una seconda AOO associata al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.3] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari privato persona fisica il cui codice fiscale stabilito dal Centro Tecnico e un SIL associato al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.4] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari privato persona giuridica la cui partita IVA è stabilita dal Centro Tecnico e un SIL associato al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.5] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari due UO, una di una AOO associata al Centro Tecnico e l altra di una differente AOO associata al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario Pagina 4 di 14

5 principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.6] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari privato persona fisica il cui codice fiscale è stabilito dal Centro Tecnico ed una UO di una AOO associata al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.7] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari privato persona giuridica la cui partita IVA è stabilita dal Centro Tecnico ed una UO di una AOO associata al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.8] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo indirizzato a più destinatari principali e un altro in conoscenza (si usano i due SIL del Centro Tecnico ed un altro di quelli da testare). I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [g] Messaggio di protocollo con segnatura che include dati della unità organizzativa del destinatario SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo indirizzato a SIL-CT. Il SIL destinatario riceve il messaggio di protocollo in maniera integra e contenente: [g.1] Indirizzo telematico [g.2] Telefono e Fax [h] Messaggio con riferimenti ad altri messaggi protocollati / contesti procedurali / procedimenti [h.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo indirizzato a SIL-CT. Il SIL destinatario riceve il messaggio di protocollo in maniera integra e contenente i riferimenti ad altri messaggi protocollati, contesti procedurali o procedimenti Test Case 02 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere notifiche di trasporto per l'accettazione / mancata accettazione e l'avvenuta / mancata consegna. Verifica da effettuare: [a] SIL protocollo riceve le notifiche di accettazione e di avvenuta consegna/errore di consegna per i messaggi di protocollo inviati e le associa ad i relativi messaggi Test Case 03 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di inviare e ricevere messaggi relativi a registrazioni di protocollo all'interno della sua stessa coda. [a] Invio / ricezione di messaggi di protocollo e di Conferma di Ricezione inviati da SIL- Protocollo a se stesso. [a.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo sulla sua stessa coda, con richiesta di conferma ricezione; SIL-Protocollo riceve correttamente il messaggio di Pagina 5 di 14

6 protocollo e invia la conferma ricezione, che è, a sua volta, ricevuta in maniera corretta e con segnatura coerente Test Case 04 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi di protocollo inviati da un altro Ente: [a] Ricezione di messaggi di Conferma di Ricezione inviati da SIL-CT senza allegati [a.1] SIL-CT invia una conferma ricezione assegnandole un numero di protocollo, senza allegati, circa il messaggio con un certo numero di protocollo assegnato dal SIL Protocollo mittente. Il SIL Protocollo riceve correttamente il messaggio di conferma ricezione, con segnatura coerente. [b] Ricezione di messaggi di Aggiornamento di Conferma senza allegati Verifica da effettuare: [b.1] SIL-CT invia un aggiornamento di conferma senza allegati circa il messaggio inviato dal SIL Protocollo con un certo numero di Il SIL Protocollo riceve correttamente il messaggio di Aggiornamento Conferma. Il SIL-CT riceve una notifica di trasporto di avvenuta consegna. [c] Ricezione di messaggi di Annullamento Protocollazione [c.1] SIL-CT invia un annullamento di protocollazione circa il messaggio inviato dal SIL Protocollo con un certo numero di protocollo e a cui ha precedentemente risposto con un messaggio di Conferma Ricezione. Il SIL Protocollo riceve correttamente il messaggio di Annullamento Protocollazione. Il SIL-CT riceve una notifica di trasporto di avvenuta consegna Test Case 05 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi di protocollo inviati da SIL-CT (con e senza allegati, ovvero con il solo documento primario). [a] Ricezione di messaggi di protocollo senza allegati [a.1] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione se richiesto. SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna. [b] Ricezione di messaggi di protocollo con allegati [b.1] SIL-CT invia un messaggio di protocollo con 4 allegati contenenti rispettivamente uno spazio nel nome del file, un underscore nel nome del file, una lettera accentata nel nome del file e senza tali caratteri nel nome del file. SIL- Protocollo riceve in modi integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione se richiesto. SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna. [c] Ricezione di messaggi di protocollo con altri destinatari [c.1] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una UO associata a SIL Protocollo. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione se richiesto. SIL-CT riceve la Pagina 6 di 14

7 notifica di avvenuta consegna. [c.2] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una UO non associata a SIL Protocollo. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio e solleva eccezione (che può essere automatica o manuale). SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna e l'eccezione. [c.3] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una AOO ed a SIL Protocollo, entrambi come destinatari principali. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione se richiesto. SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna. [c.4] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una AOO ed in conoscenza a SIL Protocollo. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione se richiesto. SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna. [c.5] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati a SIL Protocollo specificando un destinatario privato. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio e solleva eccezione (che può essere automatica o manuale). SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna e l'eccezione. [d] Ricezione di messaggi di protocollo provenienti da [d.1] invia un messaggio di protocollo senza allegati a SIL Protocollo, utilizzando un mittente persona fisica. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione. riceve la notifica di avvenuta consegna e la conferma di ricezione. [d.2] invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una UO associata a SIL Protocollo, utilizzando un mittente persona fisica. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione. riceve la notifica di avvenuta consegna e la conferma di ricezione. [d.3] invia un messaggio di protocollo senza allegati a SIL Protocollo, utilizzando un mittente persona giuridica. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione. riceve la notifica di avvenuta consegna e la conferma di ricezione. [d.4] invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una UO associata a SIL Protocollo, utilizzando un mittente persona giuridica. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione. riceve la notifica di avvenuta consegna e la conferma di ricezione. In aggiunta verrà verificata la capacità di ricevere messaggi di protocollo con segnature valide generate in maniera casuale da SIL-CT. (es. segnatura minima contenente solo gli elementi obbligatori, Segnatura con dati del mittente che includono CodiceAmministrazione, Indirizzo Telematico, Telefono e Fax, Mittente che include Denominazione e Identificativo della Persona che ha effettuato la protocollazione etc...). In caso di inserimento di elementi opzionali, non sono stati menzionati i sottoelementi obbligatori, ma solo quelli aggiuntivi (per esempio, l'elemento Persona deve contenere il sottoelemento Denominazione, ma in [e.3] è stato citato solo l'elemento facoltativo Identificativo) [e] Ricezione di messaggi di protocollo con segnature casuali sono stati inviati da SIL-CT i seguenti messaggi di protocollo con segnature diverse: [e.1] Segnatura minima con solo gli elementi obbligatori. [e.2] Mittente che include Codice Amministrazione, Indirizzo Telematico, Telefono e Pagina 7 di 14

8 Fax [e.3] Mittente che include Denominazione dell'amministrazione e Identificativo della Persona che ha effettuato la protocollazione. [e.4] Mittente che include dati della Persona espressi come Nome, Cognome, CF, Id. [e.5] Mittente che include dati di una Unita' Organizzativa e del Ruolo e di una Persona. [e.6] Mittente espresso come Ruolo, Persona e Indirizzo postale esteso (Toponimo, Civico, CAP, Comune, Provincia, Nazione) [e.7] Mittente che prevede piu' Unita' Organizzative annidate e CodiceAmministrazione. [e.8] Destinatario che include Denominazione dell'amministrazione, Unita' Organizzativa, AOO, Indirizzo Telematico, Telefono e Fax. [e.9] Destinatario che include Denominazione dell'amministrazione e i dati completi della Persona (Nome, Cognome, Titolo, CF, Id). [e.10] Destinatario che include i dati dell'amministrazione, Ruolo e Persona (Nome, Cognome, Titolo, CF, Id). [e.11] Destinatario espresso come Ruolo, Persona e Indirizzo postale esteso (Toponimo, Civico, CAP, Comune, Provincia, Nazione). [e.12] Destinatario che prevede piu' Unita' Organizzative annidate e CodiceAmministrazione. [e.13] Destinatario che include Denominazione dell'amministrazione, Unita' Organizzativa con Ruolo, AOO, Indirizzo Telematico, Telefono e Fax. [e.14] Più Destinatari (uno e' il vero destinatario, l'altro e' il mittente). [e.15] La Segnatura include un Destinatario e uno Per Conoscenza (lo stesso mittente). Il destinatario per conoscenza e' indicato con il solo Indirizzo Telematico. [e.16] La Segnatura include un Destinatario e uno Per Conoscenza (il mittente). Il destinatario per conoscenza riporta in modo esteso anche i dati della UO. [e.17] La Segnatura riporta i campi Classifica, Riservato, InterventoOperatore, OraRegistrazione. [e.18] La Segnatura contiene l'elemento PrimaRegistrazione. [e.19] La Segnatura contiene gli elementi Riferimento Documenti Cartacei e Riferimenti Telematici (comunque vuoti). Contiene inoltre l'elemento Risposta. [e.20] La Segnatura contiene un fascicolo con un documento telematico [e.21] Come la [e.10] ma senza indicazione di SMTP come indirizzo telematico [e.22] Come la [e.12], ma senza l'attributo Tipo Riferimento nell'elemento Documento 2.6. Test Case 06 Il SIL Protocollo riceve in maniera integra i messaggi. SIL-CT riceve le notifiche di trasporto di sola accettazione per ogni messaggio inviato. Verifica della capacità di SIL-Protocollo di inviare a SIL-CT i seguenti messaggi: [a] Messaggi di Conferma Ricezione in risposta ad una richiesta esplicita del mittente [a.1] SIL-Protocollo invia una conferma ricezione senza allegati circa un messaggio protocollato e con il campo Riferimenti valorizzato (almeno una parte tra Messaggio, Contesto Procedurale e Procedimento). Il SIL-CT riceve in modo integro la conferma di ricezione. Pagina 8 di 14

9 [a.2] SIL-Protocollo invia una conferma ricezione con 3 allegati (il primo con uno spazio nel nome, il secondo con un underscore nel nome ed il terzo senza né spazi né underscore nel nome) circa un messaggio protocollato e con il campo Riferimenti valorizzato (almeno una parte tra Messaggio, Contesto Procedurale e Procedimento). Il SIL-CT riceve in modo integro la conferma di ricezione e gli allegati. [b] Messaggi di Aggiornamento Conferma [b.1] SIL-Protocollo invia un aggiornamento di conferma senza allegati circa un messaggio protocollato. e con il campo Riferimenti valorizzato (almeno una parte tra Messaggio, Contesto Procedurale e Procedimento) Il SIL-CT riceve in modo corretto l'aggiornamento di conferma. [b.2] SIL-Protocollo invia un aggiornamento di conferma con 3 allegati (il primo con uno spazio nel nome, il secondo con un underscore nel nome ed il terzo senza né spazi né underscore nel nome) circa un messaggio protocollato e con il campo Riferimenti valorizzato (almeno una parte tra Messaggio, Contesto Procedurale e Procedimento). Il SIL-CT riceve in modo integro l'aggiornamento di conferma e gli allegati. [c] Messaggi di Annullamento Protocollazione [c.1] SIL-Protocollo invia un annullamento di protocollazione circa un messaggio protocollato, precedentemente inviato da SIL-CT. Il SIL-CT riceve in modo corretto l'annullamento di protocollazione Test Case 07 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi di aggiornamento dell'indice delle Aree Organizzative Omogenee e delle Unità Organizzative. Il SIL può implementare varie modalità per il download delle AOO/UO. Ad esempio, è possibile effettuare 1. uno scarico massivo (in fase di installazione) e successivamente mantenere l'allineamento tramite lo scarico dei soli aggiornamenti, 2. effettuare sempre scarichi massivi, 3. interrogare puntualmente la singola AOO/UO (in presenza di una banca dati del SIL). Almeno una delle tre modalità deve essere obbligatoriamente implementata dal SIL-Protocollo. [a] Scarico dell'intera base dati delle AOO [a.1] SIL-Protocollo richiede l'intera banca dati delle Aree Organizzative Omogenee, invocando il metodo getallaoo(), come descritto in [RFC-AOO]. [a.2] Durante il download della base dati AOO viene rimosso un record tra quelli già [a.3] Durante il download della base dati AOO viene inserito un record prima di quelli già scaricati da SIL-Protocollo. SIL-Protocollo deve essere in grado di rilevare che la base dati è cambiata durante lo scaricamento ed applicare le corrette politiche del caso (ad es. procedere ad un nuovo download oppure segnalare l'evento Pagina 9 di 14

10 [b] Scarico degli aggiornamenti AOO [b.1] SIL-Protocollo richiede gli aggiornamenti della banca dati delle Aree Organizzative Omogenee rispetto all'ultimo download, invocando il metodo getvariazioniaoo(), come descritto in [RFC-AOO]. [b.2] Durante il download della base dati AOO viene rimosso un record tra quelli già [b.3] Durante il download della base dati AOO viene inserito un record prima di quelli già [c] Scarico della base dati AOO di pertinenza per una provincia [c.1] SIL-Protocollo richiede la banca dati delle Aree Organizzative Omogenee relativa ad una singola provincia, invocando il metodo getaooperprovincia(), come descritto in [RFC-AOO]. [c.2] Durante il download della base dati AOO viene rimosso un record tra quelli già [c.3] Durante il download della base dati AOO viene inserito un record prima di quelli già scaricati da SIL-Protocollo. SIL-Protocollo deve essere in grado di rilevare che la base dati è cambiata durante lo scaricamento ed applicare le corrette politiche del caso (ad es. procedere ad un nuovo download oppure segnalare l'evento [d] Interrogazione puntuale per codice AOO [d.1] SIL-Protocollo richiede i dati di una specifica Area Organizzativa Omogenea utilizzandone il codice AOO, invocando il metodo getaoo() come descritto in [RFC- AOO]. [e] Scarico dell'intera base dati delle UO [e.1] SIL-Protocollo richiede l'intera banca dati delle Unità Organizzative, invocando il metodo getalluo(), come descritto in [RFC-AOO]. [e.2] Durante il download della base dati UO viene rimosso un record tra quelli già [e.3] Durante il download della base dati UO viene inserito un record prima di quelli già Pagina 10 di 14

11 [f] Scarico degli aggiornamenti UO [f.1] SIL-Protocollo richiede gli aggiornamenti della banca dati delle Unità Organizzative rispetto all'ultimo download, invocando il metodo getvariazioniuo(), come descritto in [RFC-AOO]. [f.2] Durante il download della base dati UO viene rimosso un record tra quelli già [f.3] Durante il download della base dati UO viene inserito un record prima di quelli già base dati è cambiata durante lo scaricamento ed applicare le corrette politiche del caso (ad es. procedere ad un nuovo download oppure segnalare l'evento [g] Interrogazione puntuale per codice UO [g.1] SIL-Protocollo richiede i dati di una specifica Unità Organizzativa utilizzandone il codice UO, invocando il metodo getuo() come descritto in [RFC-AOO] Test Case 08 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi relativi all'interruzione del collegamento del proxy destinatario con l'architettura CART, all'interno di una sessione di ricezione o invio di messaggi di 2.9. Test Case 09 Verifica da effettuare: [a] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo a SIL-CT; nel corso dell'invio, il proxy a cui si riferisce SIL-CT viene disconnesso dalla rete. Il SIL-Protocollo riceve una notifica di trasporto di accettazione ma non quella di consegna. SIL-Protocollo in questo caso non deve ritentare l'invio. Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere notifiche di errore di consegna causa destinatario inconsistente di un messaggio di protocollo, ovvero i cui dati SIL, AOO e PEC siano discordanti rispetto ad IPAR Test Case 10 Verifica da effettuare: [a] SIL-Protocollo riceve la notifica di errore di consegna per un messaggio di protocollo contenente un destinatario principale inconsistente. [b] SIL-Protocollo riceve la notifica di errore di consegna per un messaggio di protocollo contenente un destinatario principale corretto ed un destinatario per conoscenza inconsistente. Verifica della capacità di SIL-Protocollo di gestire una propria interruzione del collegamento con l'architettura CART, tramite scollegamento del cavo di rete, all'interno di una sessione di ricezione o invio di messaggi di Verifica da effettuare: [a] SIL-Protocollo interrompe la ricezione dei messaggi dal proxy, garantendo all'utente la possibilità di ricevere in maniera integra quelli per cui non è stato inviato tempestivamente l'ack al proxy. Pagina 11 di 14

12 2.11. Test Case 11 [b] SIL-Protocollo interrompe l'invio dei messaggi al proxy, garantendo all'utente la possibilità di ripetere l'invio dei rimanenti, in particolare di eventuali messaggi di cui non è stata ricevuta tempestivamente la notifica di accettazione/non accettazione. Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi relativi agli Attributi di Domicilio Elettronico (ADE). Analogamente al caso delle AOO/UO, il SIL può implementare varie modalità per il download degli Attributi di Domicilio Elettronico. Ad esempio, è possibile effettuare: 1. uno scarico massivo (in fase di installazione) e successivamente mantenere l'allineamento tramite lo scarico dei soli aggiornamenti, 2. effettuare sempre scarichi massivi, 3. interrogare puntualmente la singola ADE (in presenza di una banca dati del SIL). Nel caso 3., tuttavia, lo scarico massivo dell'intera banca dati in fasi diverse dall'installazione è fortemente sconsigliato per motivi di performance. Almeno una delle tre modalità deve essere obbligatoriamente implementata dal SIL-Protocollo. [a] Scarico dell'intera base dati [a.1] SIL-Protocollo richiede l'intera banca dati degli Attributi di Domicilio Elettronico, invocando il metodo getallade(), come descritto in [RFC-ADE]. [a.2] Durante il download della base dati ADE viene rimosso un record tra quelli già [b] Scarico degli aggiornamenti [b.1] SIL-Protocollo richiede gli aggiornamenti della banca dati degli Attributi di Domicilio Elettronico rispetto all'ultimo download, invocando il metodo getvariazioniade(), come descritto in [RFC-ADE]. [b.2] Durante il download della base dati ADE viene rimosso un record tra quelli già [c] Scarico della base dati di pertinenza per una provincia [c.1] SIL-Protocollo richiede la banca dati degli Attributi di Domicilio Elettronico relativa ad una singola provincia, invocando il metodo getadeperprovincia(), come descritto in [RFC-ADE]. [c.2] Durante il download della base dati ADE viene rimosso un record tra quelli già [d] Interrogazione puntuale per codice fiscale [d.1] SIL-Protocollo richiede gli Attributi di Domicilio Elettronico di uno specifico privato persona fisica utilizzandone il codice fiscale, invocando il metodo Pagina 12 di 14

13 getadecfpi() come descritto in [RFC-ADE]. [d.2] SIL-Protocollo richiede gli Attributi di Domicilio Elettronico di uno specifico privato persona giuridica utilizzandone la partita IVA, invocando il metodo getadecfpi() come descritto in [RFC-ADE] Test Case 12 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi di protocollo senza segnatura (messaggi non conformi) inviati dal Gateway PEC (con e senza allegati, ovvero con il solo documento primario). [a] Ricezione di messaggi di protocollo Verifica da effettuare: [a.1] Da casella PEC valida si invia alla casella PEC della AOO ricevente un messaggio di protocollo senza segnatura e senza allegati;il messaggio viene inviato dal GW al SIL Protocollo che lo riceve in modo integro, protocollandolo senza inviare la conferma ricezione. Il SIL-Protocollo provvede all acquisizione del messaggio dalla coda Comunicazione ricevendo due file attachment rispettivamente in formato.xml e.eml. Il primo file contiene il file di metadati di protocollo, il secondo la mail originale completa senza allegati. SIL-CT non riceve la notifica di avvenuta consegna [a.2] Da casella PEC valida si invia alla casella PEC della AOO ricevente un messaggio di protocollo senza segnatura e 4 allegati contenenti rispettivamente uno spazio nel nome del file, un underscore nel nome del file, una lettera accentata nel nome del file e senza tali caratteri nel nome del file. Il messaggio viene inviato dal GW al SIL Protocollo che riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo senza inviare la conferma ricezione. Il SIL-Protocollo provvede all acquisizione del messaggio dalla coda Comunicazione in due file attachment rispettivamente in formato.xml e.eml. Il primo file contiene il file di metadati di protocollo, il secondo la mail originale completa con gli allegati. SIL-CT non riceve la notifica di avvenuta consegna [b] Invio di messaggi di protocollo Verifica da effettuare: [b.1] Da SIL Protocollo si invia un messaggio di protocollo senza allegati ad un ente che non partecipa al progetto interpro;il messaggio viene inviato dal Proxy protocollo al SIL del Gateway che lo riceve in modo integro e lo inoltra tramite casella PEC alla PEC dell ente destinatario. SIL-Protocollo riceve la notifica di avvenuta consegna [b.2] Da SIL Protocollo si invia un messaggio di protocollo con 4 allegati contenenti rispettivamente uno spazio nel nome del file, un underscore nel nome del file, una lettera accentata nel nome del file e senza tali caratteri nel nome del file ad un ente che non partecipa al progetto interpro. Il messaggio viene inviato dal Proxy protocollo al SIL del Gateway che lo riceve in modo integro e lo inoltra tramite casellapec alla PEC dell ente destinatario. SIL-Protocollo riceve la notifica di avvenuta consegna. Pagina 13 di 14

14 3. Riferimenti [CertCART] Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali versione 1.0, 11 Febbraio 2006 [RFC-SIL] Certificazione e.toscana Compliance di applicativi SIL, RFC e.toscana Compliance, n.33.2, 4 Gennaio 2007 [RFC-Protocollo] Protocollo Informatico, RFC e.toscana Compliance, n.8, 19 settembre 2007 [RFC-ADE] Attributi di Domicilio Elettronico, RFC e.toscana Compliance, n.122.1, 28 maggio 2009 [RFC-CPPA] Comunicazioni PA con Privati, RFC e.toscana Compliance, n.121.0, 8 aprile 2009 [RFC-AOO] Pubblicazione Indice AOO, RFC e.toscana Compliance, n.110.5, 29 luglio 2009 [AccrInterPRO] Accreditamento InterPRO, versione 1.2, 17 settembre 2009 Appendice A Messaggio non conforme da Gateway PEC L acquizione di un messaggio non conforme da parte del SIL Protocollo tramite il Proxy Protocollo avviene attraverso il servizio RichiediComunicazione il cui WSDL è esposto alla url Tramite la chiamata al metodo getmessaggio con parametri di input nomesil = Nome SIL e nomeevento = Comunicazione (valore fisso), il SIL-Protocollo riceve il SoapMessage di esito dell operazione; nel caso sia presente un messaggio nella coda Comunicazione questa è ricevuta sotto forma di due file attachment, il primo in formato.xml contenente i metadati di protocollo (rif. [RFC-8 "Protocollo Informatico] 4.3), il secondo in formato.eml contenente la mail originale completa degli eventuali allegati. Effettuata la ricezione del messaggio, il SIL-Protocollo dovrà poi provvedere alla cancellazione dello stesso dalla coda Comunicazione tramite il servizio InvioACK presente sul Proxy Protocollo ed esposto alla url richiamando il metodo send con parametri di input nomesil = Nome SIL-CT nomeevento = Comunicazione (valore fisso). Pagina 14 di 14

Le comunicazioni telematiche in Toscana

Le comunicazioni telematiche in Toscana Le comunicazioni telematiche in Toscana Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana I N D I C E Le comunicazioni telematiche I canali di comunicazioni InterPRO e le Amministrazioni Pubbliche Come attivare

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti

Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti Definizione delle interfacce di colloquio fra le componenti (integrazione documento) 1 DOCUMENTO:. 1.2 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome firma Verificato da: Approvato da: Area ISIC LISTA

Dettagli

Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1

Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1 Definizione delle interfacce di colloquio SOAP 1.1 DOCUMENTO:. 1.0 Emesso da: EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE Nome Alessio Sardaro firma Verificato da: Approvato da: LISTA DI DISTRIBUZIONE AGGIORNAMENTI

Dettagli

Miglioramento dell efficienza interna Trasparenza dell azione amministrativa

Miglioramento dell efficienza interna Trasparenza dell azione amministrativa Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it/dematerializzazione PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente

Dettagli

Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5

Manuale d'uso. e.compliance. Versione 0.5 Manuale d'uso e.compliance Versione 0.5 31/12/2007 1 Indice generale Scopo del manuale...5 e.toscana Compliance...6 Introduzione...7 I documenti Request For Comments (RFC) e.toscana...7 Tipologie di RFC...7

Dettagli

CIRCOLARE N. 60 DEL 23 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 60 DEL 23 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 60 DEL 23 GENNAIO 2013 FORMATO E DEFINIZIONI DEI TIPI DI INFORMAZIONI MINIME ED ACCESSORIE ASSOCIATE AI MESSAGGI SCAMBIATI TRA LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Revisione della Circolare AIPA del

Dettagli

SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE

SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE SPECIFICHE OPERATIVE PER L IDENTIFICAZIONE UNIVOCA DEGLI UFFICI CENTRALI E PERIFERICI, DELLE AMMINISTRAZIONI, DESTINATARI DELLA FATTURAZIONE Indicazioni operative previste dall allegato D al decreto attuativo

Dettagli

CIRCOLARE 7 maggio 2001, n. AIPA/CR/28

CIRCOLARE 7 maggio 2001, n. AIPA/CR/28 CIRCOLARE 7 maggio 2001, n. AIPA/CR/28 Articolo 18, comma 2, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 31 ottobre 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 21 novembre 2000, n. 272, recante

Dettagli

Progetto Automazione flusso documentale e dematerializzazione

Progetto Automazione flusso documentale e dematerializzazione Progetto Automazione flusso documentale e dematerializzazione Le tappe Stato dell arte Consolidamento e sviluppi a cura di: Patrizio Geri Direzione Sistemi Informativi Titolare P.O. Responsabile Automazione

Dettagli

Manuale d'uso. Sistema di gestione delle richieste di configurazione dei servizi CART. Versione 1.4

Manuale d'uso. Sistema di gestione delle richieste di configurazione dei servizi CART. Versione 1.4 Manuale d'uso Sistema di gestione delle richieste di configurazione dei servizi CART Versione 1.4 21/05/2013 1 Scopo del manuale... 3 2 Il Sistema di gestione delle richieste...4 2.1 Sottoscrizione utenti...6

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Dal 1 gennaio 2006 è in vigore il Codice dell amministrazione

Dal 1 gennaio 2006 è in vigore il Codice dell amministrazione ICT E DIRITTO Rubrica a cura di Antonio Piva, David D Agostini Scopo di questa rubrica è di illustrare al lettore, in brevi articoli, le tematiche giuridiche più significative del settore ICT: dalla tutela

Dettagli

Funzionamento di una casella di PEC integrata nel sistema di protocollo Titulus

Funzionamento di una casella di PEC integrata nel sistema di protocollo Titulus Funzionamento di una casella di PEC integrata nel sistema di Titulus Ricezione di un messaggio PEC tramite Titulus Titulus integra una casella di posta elettronica certificata per ogni area organizzativa

Dettagli

Corrispondenza tra AOO di Ateneo

Corrispondenza tra AOO di Ateneo Corrispondenza tra AOO di Ateneo Sommario Introduzione...2 Situazione attuale...2 Soluzione prospettata...2 Istruzioni per l'uso...4 Inserimento di un destinatario interno all'ateneo...4 Inserimento di

Dettagli

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA SERVIZIO PEC LINEE GUIDA Pagina n. 1 Premessa:: LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E UN MEZZO DI TRASPORTO, VELOCE, SICURO E CON VALIDITA LEGALE. NON E UN METODO DI AUTENTICAZIONE DEI DOCUMENTI TRASMESSI.

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.0)

Gestione posta elettronica (versione 1.0) Gestione posta elettronica (versione 1.0) Premessa La presente guida illustra la procedura per la gestione della posta elettronica all'interno dell'applicativo Gecodoc PRO. Attivazione della Gestione Posta

Dettagli

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA

SERVIZIO PEC LINEE GUIDA Allegato n. 02 SERVIZIO PEC LINEE GUIDA Pagina n. 1 PRIMA DI COMINCIARE: NOTA BENE: LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA E UN MEZZO DI TRASPORTO, VELOCE, SICURO E CON VALIDITA LEGALE. NON E UN METODO DI AUTENTICAZIONE

Dettagli

PEC (Posta Elettronica Certificata)

PEC (Posta Elettronica Certificata) COMUNE DI TORRE DI MOSTO PEC (Posta Elettronica Certificata) Il manuale ufficiale del CNIPA, che spiega la PEC, può essere visualizzato utilizzando il link seguente: http://www.torredimosto.it/uploads/file/guida%20la%20posta%20elettronica%20certificata.pdf

Dettagli

La PEC in Titulus: ricevute, notifiche, bozze, spam. Divisione documentale

La PEC in Titulus: ricevute, notifiche, bozze, spam. Divisione documentale La PEC in Titulus: ricevute, notifiche, bozze, spam Divisione documentale Argomenti 1. riepilogo introduttivo 2. le ricevute di accettazione e di consegna 3. la segnatura 4. le nuove ricevute e le nuove

Dettagli

La PEC in Titulus: ricevute, notifiche, bozze, spam. Divisione documentale

La PEC in Titulus: ricevute, notifiche, bozze, spam. Divisione documentale La PEC in Titulus: ricevute, notifiche, bozze, spam Divisione documentale Argomenti 1. riepilogo introduttivo 2. le ricevute di accettazione e di consegna 3. la segnatura 4. le nuove ricevute e le nuove

Dettagli

Domande Ricorrenti - Posta Elettronica Certificata (PEC)

Domande Ricorrenti - Posta Elettronica Certificata (PEC) Domande Ricorrenti - Posta Elettronica Certificata (PEC) 1. Cosa dice il decreto? Di seguito il dettaglio del decreto: " Tra le misure per la riduzione dei costi amministrativi a carico delle imprese sono

Dettagli

Il protocollo in pillole

Il protocollo in pillole Divisione flussi documentali e informativi Il protocollo in pillole Tutta la corrispondenza in arrivo al Dipartimento affluisce alla Segreteria amministrativa del Dipartimento che la apre e la registra

Dettagli

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia 1. Che cos è? La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di posta elettronica (che utilizza i protocolli standard della posta elettronica tradizionale) mediante il quale al mittente viene fornita,

Dettagli

La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi. Dott.sa Paola Callegari

La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi. Dott.sa Paola Callegari La digitalizzazione negli studi professionali e la fatturazione elettronica La soluzione Sistemi Dott.sa Paola Callegari Fatturazione Elettronica Emissione/ Trasmissione Archiviazione Conservazione CHIAVI

Dettagli

Consolidamento e sviluppo CART

Consolidamento e sviluppo CART Nome del progetto Consolidamento e sviluppo CART Acronimo del progetto TOSCART Documento Manuale interfaccia monitoraggio Acronimo del documento TOSCART-TEC-INTWEB-PMC Stato del documento Definitivo Versione

Dettagli

La PEC e interoperabilità di protocollo

La PEC e interoperabilità di protocollo La PEC e interoperabilità di protocollo Contenuti (1) La Pec La PEC nella normativa Gli attori coinvolti Utenti Gestori La rete di comunicazione Il documento informatico Il punto di vista dell utente Il

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MANUALE OPERATIVO FUNZIONI DI SCRIVANIA PER GLI UFFICI SUAP versione

Dettagli

C.E.D. Software house ia Aci 13 93100 CALTANISSETTA (CL) Tel Fax +39 0934553912 Cell.+39 3473337039 E mail: info@cedcl.it http://www.cedcl.

C.E.D. Software house ia Aci 13 93100 CALTANISSETTA (CL) Tel Fax +39 0934553912 Cell.+39 3473337039 E mail: info@cedcl.it http://www.cedcl. Pag.1 Pag.2 Codice Amministrazione Digitale Pubblicato nella GU del 29 aprile 2006, n. 99 SO n. 105 il Decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 159 che integra il Codice dell'amministrazione Digitale, in

Dettagli

Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva Modello PALEO

Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva Modello PALEO REGIONE MARCHE Allegato alla del. n. 17 del 29/04/2015 Disciplinare Tecnico per il servizio di conservazione sostitutiva Modello PALEO Ente produttore: ERSU di Urbino Soggetto conservatore: Marche DigiP

Dettagli

ISTRUZIONI PER I CASI DI ANOMALIE

ISTRUZIONI PER I CASI DI ANOMALIE TRIBUNALE ORDINARIO DI FERRARA CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FERRARA VADEMECUM PER IL PCT SEZIONE 6 ISTRUZIONI PER I CASI DI ANOMALIE SOMMARIO 6.1. COSA FARE E A CHI RIVOLGERSI NEL CASO SI VERFICHINO

Dettagli

GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000

GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000 GESTIONE DEL PROTOCOLLO D.P.R. 445 / 2000 La soluzione proposta, conforme alle normative vigenti in materia, permette l amministrazione completa di tutte le informazioni relative al protocollo di un Ente

Dettagli

Interoperabilità dei Protocolli Informatici delle pubbliche amministrazioni lucane

Interoperabilità dei Protocolli Informatici delle pubbliche amministrazioni lucane Interoperabilità dei Protocolli Informatici delle pubbliche amministrazioni lucane Indice delle Pubbliche Amministrazioni Regione Basilicata Ufficio Società dell'informazione Lucana Sistemi s.r.l. Quadro

Dettagli

INVIO DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO IN CONSERVAZIONE A NORMA

INVIO DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO IN CONSERVAZIONE A NORMA INVIO DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO IN CONSERVAZIONE A NORMA Il DPCM 3 Dicembre 2013 del Codice dell Amministrazione Digitale stabilisce l 11 Ottobre 2015 come termine ultimo per adeguare la segreteria

Dettagli

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese Sintesi del progetto L evoluzione normativa ha portato il Comune di Giugliano ad una revisione del proprio sistema informatico documentale da alcuni anni. La sensibilità del Direttore Generale al miglioramento

Dettagli

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Vademecum per l edizione del Manuale di Gestione documentale degli Enti Locali ai sensi dell art.5 del DPCM 3 dicembre 2013 a cura di Domenico Barone e Marco Angeloni e con la collaborazione di Gabriella

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di IT Telecom Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 32 Indice degli argomenti Indice degli argomenti... 1 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

07/12/11 Data ultimo aggiornamento

07/12/11 Data ultimo aggiornamento U.O. Autonoma Informatica Relazione Tecnica Modulo di acquisizione massiva dei documenti Codice Classificazio ne Autorizzati Autore Nome file Ad uso interno Simone Pozzani ProgettoAcquisizioneMassiva Versione

Dettagli

Le imprese di nuova costituzione dovranno dotarsi di email certificata da subito, all atto della costituzione.

Le imprese di nuova costituzione dovranno dotarsi di email certificata da subito, all atto della costituzione. Da oggi è possibile acquistare un indirizzo email personalizzato PEC (Posta Elettronica Certificata) oppure registrare un nuovo dominio con la certificazione PEC. La posta elettronica certificata (PEC)

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO del LAVORO di REGIONE LIGURIA

SISTEMA INFORMATIVO del LAVORO di REGIONE LIGURIA Pag. 1/18 SISTEMA INFORMATIVO del LAVORO di REGIONE LIGURIA ASSESSORATO ALLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO E DELL'OCCUPAZIONE, POLITICHE DELL'IMMIGRAZIONE E DELL'EMIGRAZIONE, TRASPORTI. Dipartimento Istruzione,

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Ufficio Provinciale Pisa Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Pisa Marzo 2012 Versione 3.0 Ufficio Provinciale Pisa SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3

Dettagli

Trenitalia S.p.A. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL PORTALE ACQUISTI DI TRENITALIA

Trenitalia S.p.A. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL PORTALE ACQUISTI DI TRENITALIA Trenitalia S.p.A. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL PORTALE ACQUISTI DI TRENITALIA Piazza della Croce Rossa, 1-00161 Roma Trenitalia S.p.A. - Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Società con socio unico soggetta

Dettagli

Norme principali di riferimento per la formazione, classificazione e conservazione dei documenti amministrativi

Norme principali di riferimento per la formazione, classificazione e conservazione dei documenti amministrativi Il documento informatico formazione, classificazione e conservazione sostitutiva Norme principali di riferimento per la formazione, classificazione e conservazione dei documenti amministrativi DPR 445

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 32 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE SEZIONE A) DEFINIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO GENERALE. SEZIONE B) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI CONSERVAZIONE DIGITALE DEI DOCUMENTI

Dettagli

PdA Cancelleria Telematica. Manuale utente Avvocati e CTU. Pagina 2 di 26

PdA Cancelleria Telematica. Manuale utente Avvocati e CTU. Pagina 2 di 26 PdA Cancelleria Telematica REGIONE TOSCANA INDICE REGIONE TOSCANA... 1 COMUNICAZIONI...7 COPIA TEMPORANEA LOCALE...8 ESECUZIONE E FALLIMENTI FASCICOLI PREFERITI...12 FASCICOLI...13 SENTENZE...15 UDIENZE...16

Dettagli

UNIDOC. Fatturazione elettronica e PEC. Alessandra Bezzi Università degli Studi dell Insubria. Chieti 3 giugno 2014

UNIDOC. Fatturazione elettronica e PEC. Alessandra Bezzi Università degli Studi dell Insubria. Chieti 3 giugno 2014 UNIDOC Fatturazione elettronica e PEC Alessandra Bezzi Università degli Studi dell Insubria Chieti 3 giugno 2014 Riferimenti normativi DPCM 3 dicembre 2013 DPR 28 dicembre 2000 n. 445 D.Lgs. 7 marzo 2005

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata Cedacri S.p.A. Sede legale: Via del Conventino n. 1 43044 Collecchio (Parma) C.F./Partita IVA e Iscrizione al Registro delle Imprese di Parma: 00432960342 R.E.A.: 128475

Dettagli

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b]

Protezione delle registrazioni di tracciamento da modifiche non autorizzate A R.1.6 [TU4452000/52/1/b] 7 CHECK LIST 7.1 Tabella di Controllo sezione 1 A R.1.1 [TU4452000/52/1/a] Garanzie di sicurezza e integrità del sistema A R.1.2 [DPCM311000/7/1] Requisiti minimi di sicurezza del sistema operativo dell

Dettagli

MANUALE D'USO DEL PROCESSO DI RIUSO

MANUALE D'USO DEL PROCESSO DI RIUSO Direzione Generale Organizzazione e risorse Settore Infrastrutture e Tecnologie per lo Sviluppo dell Amministrazione Elettronica MANUALE D'USO DEL PROCESSO DI RIUSO Versione 1.0 28.9.2010 DOCUMENTO: Emissione

Dettagli

Anai Veneto in collaborazione con Biblioteca civica Bertoliana Pec e non solo Pec

Anai Veneto in collaborazione con Biblioteca civica Bertoliana Pec e non solo Pec Anai Veneto in collaborazione con Biblioteca civica Bertoliana Pec e non solo Pec Dott.ssa Valeria Pavone Responsabile Servizio archivistico del Comune di Padova I nuovi strumenti della gestione documentale

Dettagli

REGOLAMENTO. per l'accesso al PORTALE ACQUISTI ITALFERR

REGOLAMENTO. per l'accesso al PORTALE ACQUISTI ITALFERR REGOLAMENTO per l'accesso al PORTALE ACQUISTI ITALFERR regolamento per l'accesso al portale acquisti italferr 20130618a.docx pagina 1 di 10 INDICE Articolo 1 - Definizioni... 3 Articolo 2 - Accesso al

Dettagli

Guida di installazione ed uso per IntellyGate PASSI DA SEGUIRE PER L'INSTALLAZIONE. IntellyGate Guida di installazione ed uso

Guida di installazione ed uso per IntellyGate PASSI DA SEGUIRE PER L'INSTALLAZIONE. IntellyGate Guida di installazione ed uso Guida di installazione ed uso per IntellyGate PASSI DA SEGUIRE PER L'INSTALLAZIONE Di seguito vengono riassunti i passi da seguire per installare l'intellygate. 1. Accedere alle pagine web di configurazione

Dettagli

IL PARTNER INFORMATICO PER AZIENDE E PROFESSIONISTI

IL PARTNER INFORMATICO PER AZIENDE E PROFESSIONISTI IL PARTNER INFORMATICO PER AZIENDE E PROFESSIONISTI P.E.C. POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA 2 SOMMARIO: DEFINIZIONE DI P.E.C. IL VALORE LEGALE A COSA SERVE COME VA USATA COME SI CONFIGURA SUL PC 3 DEFINIZIONE

Dettagli

CONFERMA D ORDINE Ogni ordine ricevuto verrà confermato al cliente via e mail. L ordine minimo è di 35.00 + IVA.

CONFERMA D ORDINE Ogni ordine ricevuto verrà confermato al cliente via e mail. L ordine minimo è di 35.00 + IVA. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA PREMESSA La ditta SCUOLA IDEA vende e consegna prodotti presenti nel proprio listino sul territorio Italiano I rapporti commerciali tra la SCUOLA IDEA e il cliente sono regolati

Dettagli

Modello Concettuale del Portale di un Comune

Modello Concettuale del Portale di un Comune Modello Concettuale del di un Comune Sistema Informativo e World Wide Web Il Comune è dotato di un suo Sistema Informativo. Utenti Sistema Informativo Ogni sistema informativo è costruito per fornire determinati

Dettagli

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) C I T T À D I B A C O L I C I T T A D I B A C O L I ( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) (adottato con

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE VERSIONE 1.2

MANUALE DI GESTIONE VERSIONE 1.2 MANUALE DI GESTIONE VERSIONE 1.2 Versione: 1.2 Stato: Definitiva Data entrata in vigore: 01/07/2014 Data aggiornamento: 01/12/2014 Approvazione: Delibera n. 18956 del 25 giugno 2014 Manuale di gestione

Dettagli

Manuale utente per l iscrizione all elenco telematico imprese

Manuale utente per l iscrizione all elenco telematico imprese Manuale utente per l iscrizione all elenco telematico imprese Sommario 1. Introduzione... 2 2. Registrazione impresa... 2 2.1. Iscrizione impresa... 3 2.2. Conferma dati... 4 2.3. Attivazione... 5 3. Modifica

Dettagli

Manuale utente OTTOBRE 2015

Manuale utente OTTOBRE 2015 Manuale utente OTTOBRE 2015 1 1. PROTOCOLLO INFORMATICO DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE... 4 2. COME ACCEDERE AL PROTOCOLLO INFORMATICO... 4 3. COME DARE I COMANDI... 4 3.1 ATTRAVERSO IL NAVIGATORE...

Dettagli

Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82

Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 Modifiche ed integrazioni introdotte dal decreto-legge 22 giugno 2012 n. 83 e 6 luglio 2012 n 95 (convertiti con modificazioni,

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE s.pigliapoco@unimc.it Codice dell amministrazione digitale Il codice dell amministrazione digitale (Co.A.Di.) è contenuto

Dettagli

GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO D.P.R. 445 / 2000

GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO D.P.R. 445 / 2000 GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO D.P.R. 445 / 2000 Lo Studio K S.r.l. offre un prodotto in grado di soddisfare con estrema flessibilità quanto previsto dal quadro normativo vigente in materia di Protocollo

Dettagli

La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge

La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge La piattaforma di Protocollo Informatico a norma di legge josh Protocol! è il rivoluzionario sistema di Protocollo Informatico scalabile ed idoneo alle esigenze di grandi e piccole amministrazioni Non

Dettagli

Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri

Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri Dottore di ricerca in Informatica giuridica e diritto dell informatica - Università di Milano Definizione Una casella

Dettagli

BANDO Piano straordinario per l occupazione. Misura II.4. Più Export

BANDO Piano straordinario per l occupazione. Misura II.4. Più Export BANDO Piano straordinario per l occupazione Misura II.4 Più Export Guida alla preregistrazione dei beneficiari per la presentazione telematica delle domande di finanziamento 1) ACCESSO ALLA PROCEDURA Il

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA Carlo Pisanti Direttore Centrale - Banca d Italia Accademia dei Lincei Roma, 9 luglio 2010 Slide 1 Quali sono le finalità a cui deve provvedere

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Padova Aprile 2012 Versione 3.0 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONE E COMPITI...3 3.

Dettagli

Manuale utente del servizio di Posta Elettronica Certificata

Manuale utente del servizio di Posta Elettronica Certificata 27 Ottobre 26 Manuale utente del servizio di Posta Elettronica Certificata Pagina 1 di 5 27 Ottobre 26 TABELLA DELLE VERSIONI Versione Data Paragrafo Descrizione delle modifiche apportate 1A 7-8-22 Tutti

Dettagli

PostaCertificat@ GUIDA UTENTE ACCESSO DA TERMINALE MOBILE

PostaCertificat@ GUIDA UTENTE ACCESSO DA TERMINALE MOBILE Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A 1 INDICE 1 ASPETTI GENERALI DELL'... 4 2 TERMINALI MOBILI SUPPORTATI... 5 3 ACCESSO MOBILE - FUNZIONALITÀ PER UTENTE PUBBLICO... 6 3.1 ACCESSO

Dettagli

Manuale dell Utente 1.0.4 VOLA 4. Release. Vola S.p.A.

Manuale dell Utente 1.0.4 VOLA 4. Release. Vola S.p.A. Release 1.0.4 VOLA 4 Manuale dell Utente Vola S.p.A. Traversa di Via Libeccio snc Z.I. Cotone 55049 Viareggio (LU) Tel +39 0584 43671 Fax +39 0584 436700 info@vola.it www.vola.it Sommario INTRODUZIONE

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 26 febbraio 2010 Definizione delle modalita' tecniche per la predisposizione e l'invio telematico dei dati delle certificazioni di malattia al SAC. (10A03028) (GU n. 65 del 19-3-2010 ) DECRETO

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER L ACCESSO AL PORTALE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI FORMULARI

MANUALE OPERATIVO PER L ACCESSO AL PORTALE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI FORMULARI MANUALE OPERATIVO PER L ACCESSO AL PORTALE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI FORMULARI 1 Introduzione Per la presentazione delle istanze di finanziamento a valere sul PSR Agricoltura 2007/2013, è stato realizzato

Dettagli

Segesta srl Via Giacomo Peroni 400 00131 Roma Tel. 06/36.00.65.96 Fax 06/233.28.703 marketing@segestaitalia.it

Segesta srl Via Giacomo Peroni 400 00131 Roma Tel. 06/36.00.65.96 Fax 06/233.28.703 marketing@segestaitalia.it Segesta srl Via Giacomo Peroni 400 00131 Roma Tel. 06/36.00.65.96 Fax 06/233.28.703 marketing@segestaitalia.it Cosa dice la normativa italiana? Il protocollo informatico è l'insieme delle risorse di calcolo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

LINEE GUIDA PER I DESTINATARI CATALOGO DELL OFFERTA FORMATIVA REGIONALE SEZIONE B FORMAZIONE CONTINUA PIANI FORMATIVI AZIENDALI

LINEE GUIDA PER I DESTINATARI CATALOGO DELL OFFERTA FORMATIVA REGIONALE SEZIONE B FORMAZIONE CONTINUA PIANI FORMATIVI AZIENDALI Dipartimento regionale della formazione professionale LINEE GUIDA PER I DESTINATARI CATALOGO DELL OFFERTA FORMATIVA REGIONALE SEZIONE B FORMAZIONE CONTINUA PIANI FORMATIVI AZIENDALI ASSEGNAZIONE DI VOUCHER

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

Ente Parco dell Etna. Nicolosi

Ente Parco dell Etna. Nicolosi Ente Parco dell Etna Via Del Convento n. 45 Nicolosi MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO DELL ENTE PARCO DELL ETNA. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Premessa 1. Per gestire correttamente i

Dettagli

MANUALE D'USO DEL PROCESSO E.TOSCANA COMPLIANCE

MANUALE D'USO DEL PROCESSO E.TOSCANA COMPLIANCE MANUALE D'USO DEL PROCESSO E.TOSCANA COMPLIANCE Manuale d uso del processo e.toscana Compliance 2/60 Indice 1 Introduzione... 3 1.1 Obiettivi del documento... 4 1.2 Abbreviazioni e sigle... 7 2 Il Numero

Dettagli

MODULO I TRASPORTI E FACCHINAGGIO

MODULO I TRASPORTI E FACCHINAGGIO Da inviare a: BF SERVIZI srl mail: vendite@bfserviziit fax + 39 051 6374020 Scadenza: 8 febbraio 2013 Ragione sociale dell Azienda Espositrice Indirizzo completo Città Prov CAP Nazione Telefono Fax E-mail

Dettagli

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE... 3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4

Dettagli

Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC

Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC Informazioni sul documento Revisioni 06/06/2011 Andrea De Bruno V 1.0 1 Scopo del documento Scopo del presente documento è quello di illustrare

Dettagli

CONNETTORE MAILUP PER MICROSOFT DYNAMICS CRM

CONNETTORE MAILUP PER MICROSOFT DYNAMICS CRM CONNETTORE MAILUP PER MICROSOFT DYNAMICS CRM Azione del Connettore sul CRM L implementazione del connettore apporta le seguenti modifiche a livello della suite MS Dynamics CRM 2011: 1) Creazione Entità

Dettagli

Manuale di Gestione. Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea. Direzione Sistemi Informativi

Manuale di Gestione. Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea. Direzione Sistemi Informativi Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Direzione Sistemi Informativi Versione 1.0 Sommario 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONI...3 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario Inserimento semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli

Dettagli

L organizzazione della comunicazione esterna attraverso

L organizzazione della comunicazione esterna attraverso L organizzazione della comunicazione esterna attraverso gli strumenti della telematica 30 MAGGIO 2013 SALA CONFERENZE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO WEB 2.0 La comunicazione attraverso ITC 1. Permette

Dettagli

IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO

IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO PCT Istruzioni per l uso IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO 12 novembre 2014 Brescia 1 Cosa è cambiato con il PCT Aspetti positivi: I documenti sono consultabili da qualsiasi postazione; Si è sempre aggiornati

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Giugno 2012 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...2 2. DEFINIZIONI...2 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

Registrazione Ente con i relativi Addetti all inserimento

Registrazione Ente con i relativi Addetti all inserimento Registrazione Ente con i relativi Addetti all inserimento EventiPA è un servizio web totalmente gratuito ideato per dare la massima visibilità agli eventi organizzati dalle Pubbliche Amministrazioni, come

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

GEODROP APPLICATIONS. Developer. Public. Private. Reseller

GEODROP APPLICATIONS. Developer. Public. Private. Reseller GEODROP APPLICATIONS Public Developer Reseller Private Le Applicazioni di Geodrop Guida per Developer alle Applicazioni Guida alle applicazioni v1.1-it, 21 Dicembre 2012 Indice Indice...2 Cronologia delle

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata Lo stato dell arte 31 agosto 2009 ver. 1.1 Sintresis s.r.l. tel: 0125/627026 via Castiglia, 4 http://www.sintresis.it 10015 Ivrea email: info@sintresis.it Indice 1. Introduzione...3

Dettagli

Manuale Utente. Gestione protocollo in uscita. 1 01/12/2014 Vincenzo Pellegrino 2 18/12/2014 Vincenzo Pellegrino

Manuale Utente. Gestione protocollo in uscita. 1 01/12/2014 Vincenzo Pellegrino 2 18/12/2014 Vincenzo Pellegrino Manuale Utente Gestione protocollo in uscita Rev. Data Descrizione Modifiche Emissione 1 01/12/2014 Vincenzo Pellegrino 2 18/12/2014 Vincenzo Pellegrino Pag. 1 1.0 Manuale utente 1.1 Descrizione generale

Dettagli

Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA. Manuale di gestione. dei flussi documentali e del Protocollo informatico

Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA. Manuale di gestione. dei flussi documentali e del Protocollo informatico Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Manuale di gestione dei flussi documentali e del Protocollo informatico Approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.77 del 13.10.2015 Struttura Manuale di

Dettagli

Sostenere lo sviluppo, guidare la crescita.

Sostenere lo sviluppo, guidare la crescita. Sostenere lo sviluppo, guidare la crescita. Fasi operative per la presentazione di un Progetto su piattaforma GIF: 1) Scheda di Registrazione Impresa. 2) Processo Approvativo ed emissione credenziali di

Dettagli

Domanda di Reiscrizione all Albo degli Avvocati

Domanda di Reiscrizione all Albo degli Avvocati Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati FIRENZE Domanda di Reiscrizione all Albo degli Avvocati Il/La sottoscritto/a nato/a. il residente in via cap tel. cell. con studio in via cap tel. fax e-mail PEC

Dettagli

(N.d.R. Le parti evidenziate in giallo sono quelle strettamente attinenti ai lavoratori del pubblico impiego)

(N.d.R. Le parti evidenziate in giallo sono quelle strettamente attinenti ai lavoratori del pubblico impiego) 1 Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Ministero del lavoro e delle

Dettagli

Controllo automatizzato delle dichiarazioni: domiciliazione degli esiti presso gli intermediari e assistenza tramite PEC

Controllo automatizzato delle dichiarazioni: domiciliazione degli esiti presso gli intermediari e assistenza tramite PEC Trieste, 7 maggio 2010 Controllo automatizzato delle dichiarazioni: domiciliazione degli esiti presso gli intermediari e assistenza tramite PEC Agenzia delle Entrate Settore Gestione Tributi 1 Comunicazione

Dettagli

Manuale Operativo Front Office e Back Office. Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3

Manuale Operativo Front Office e Back Office. Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3 Manuale Operativo Front Office e Back Office Servizio OpenSUAP COD. PRODOTTO D.9.3 Indice 1. Configurazione Software 1.1 Configurazione della PEC in OpenSUAP 2. Front Office OpenSUAP 2.1 Utilizzo Front

Dettagli