Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali"

Transcript

1 Requisiti di conformità di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Piano di Test per applicazioni SIL di InterPro versione Regione Toscana Centro Tecnico per la e.toscana Compliance Indice generale 1.Introduzione Descrizione dei casi di Test Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Test Case Riferimenti...14 Pagina 1 di 14

2 1. Introduzione In questo documento è riportata la descrizione dei test svolti dal Centro Tecnico per valutare la conformità agli standard e.toscana delle applicazioni SIL Protocollo. La configurazione di deploy cui si fa riferimento nel documento è mostrata in Figura 1. Le applicazioni coinvolte nella verifica sono le seguenti: L'applicativo SIL Protocollo da verificare; Un applicativo SIL sviluppato dal Centro Tecnico (nel seguito anche SIL-CT) che opera come un SIL di un Ente con cui SIL-Protocollo dialoga nel realizzare gli scenari di test relativi agli scambi di documenti tra Enti; Il portale per quanto concerne gli scambi di messaggi con i privati; L'applicazione web WebConf per la configurazione della piattaforma. Figura 1: Configurazione di deploy della applicazione "SIL-Protocollo" sottoposta a verifica e "SIL-CT" sviluppata dal Centro Tecnico e.toscana Compliance. e WebConf fanno parte della piattaforma InterPro rivolta ai privati. Il NAL utilizzato nelle verifiche è carttestnal, nal di test installato presso Regione Toscana che ospita il Proxy Applicativo Protocollo Informatico. Pagina 2 di 14

3 2. Descrizione dei casi di Test Nel seguito vengono riportati i casi di test a cui sarà sottoposto SIL-Protocollo. I test case opzionali sono evidenziati dal colore celeste, mentre con il colore giallo sono indicati i test che hanno altre particolarità esplicitate nel testo Test Case 01 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di inviare messaggi relativi a registrazioni di Il SIL-Protocollo dovrà inviare messaggi che presentano dati di segnatura diversi per coprire i seguenti casi di test: [a] Messaggio di protocollo senza allegati (col solo documento informatico primario) [a.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo ad una AOO associata al Centro Tecnico. SIL-CT riceve il messaggio e lo protocolla assegnandogli un numero di registrazione. Il documento primario è integro alla ricezione. [b] Messaggio di protocollo con allegati (documento informatico primario e almeno un allegato) [b.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo con almeno un allegato. SIL- CT riceve il messaggio e lo protocolla assegnandogli un numero di registrazione. Il documento primario e gli allegati sono integri alla ricezione. [c] Messaggio di protocollo con allegati organizzati in fascicoli (se la funzionalità è gestita dal SIL) [c.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo con allegato/i organizzati in fascicoli. SIL-CT riceve il messaggio e lo protocolla assegnandogli un numero di registrazione. Il documento primario e i fascicoli sono integri alla ricezione. [d] Messaggio di protocollo con altri destinatari principali [d.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatario una UO (Unità Organizzativa) di una AOO associata al Centro Tecnico. SIL-CT riceve in maniera integra il messaggio di [d.2] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo indirizzato al destinatario privato persona fisica con codice fiscale stabilito dal Centro Tecnico. riceve in maniera integra il messaggio di [d.3] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo indirizzato al destinatario privato persona giuridica con partita IVA stabilita dal Centro Tecnico. riceve in maniera integra il messaggio di Pagina 3 di 14

4 [e] Messaggio di protocollo con più destinatari principali [e.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari due SIL associati al Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.2] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari un SIL associato al Centro Tecnico ed una UO di una seconda AOO associata al Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.3] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari un SIL associato al Centro Tecnico e privato persona fisica il cui codice fiscale è stabilito dal Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.4] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari un SIL associato al Centro Tecnico e privato persona giuridica la cui partita IVA è stabilita dal Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.5] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari due UO, una di una AOO associata al Centro Tecnico e l altra di una differente AOO associata al Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.6] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari una UO di una AOO associata al Centro Tecnico e privato persona fisica il cui codice fiscale è stabilito dal Centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [e.7] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari una UO di una AOO associata al Centro Tecnico e privato persona giuridica la cui partita IVA è stabilita dal centro Tecnico. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f] Messaggio di protocollo con un destinatario per conoscenza ed uno o più destinatari principali [f.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari due SIL associati al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.2] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari un SIL associato al Centro Tecnico ed una UO di una seconda AOO associata al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.3] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari privato persona fisica il cui codice fiscale stabilito dal Centro Tecnico e un SIL associato al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.4] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari privato persona giuridica la cui partita IVA è stabilita dal Centro Tecnico e un SIL associato al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.5] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari due UO, una di una AOO associata al Centro Tecnico e l altra di una differente AOO associata al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario Pagina 4 di 14

5 principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.6] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari privato persona fisica il cui codice fiscale è stabilito dal Centro Tecnico ed una UO di una AOO associata al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.7] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo avente come destinatari privato persona giuridica la cui partita IVA è stabilita dal Centro Tecnico ed una UO di una AOO associata al Centro Tecnico, con il primo inserito come destinatario principale e l'altro in conoscenza. I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [f.8] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo indirizzato a più destinatari principali e un altro in conoscenza (si usano i due SIL del Centro Tecnico ed un altro di quelli da testare). I SIL destinatari ricevono in maniera integra il messaggio di [g] Messaggio di protocollo con segnatura che include dati della unità organizzativa del destinatario SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo indirizzato a SIL-CT. Il SIL destinatario riceve il messaggio di protocollo in maniera integra e contenente: [g.1] Indirizzo telematico [g.2] Telefono e Fax [h] Messaggio con riferimenti ad altri messaggi protocollati / contesti procedurali / procedimenti [h.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo indirizzato a SIL-CT. Il SIL destinatario riceve il messaggio di protocollo in maniera integra e contenente i riferimenti ad altri messaggi protocollati, contesti procedurali o procedimenti Test Case 02 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere notifiche di trasporto per l'accettazione / mancata accettazione e l'avvenuta / mancata consegna. Verifica da effettuare: [a] SIL protocollo riceve le notifiche di accettazione e di avvenuta consegna/errore di consegna per i messaggi di protocollo inviati e le associa ad i relativi messaggi Test Case 03 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di inviare e ricevere messaggi relativi a registrazioni di protocollo all'interno della sua stessa coda. [a] Invio / ricezione di messaggi di protocollo e di Conferma di Ricezione inviati da SIL- Protocollo a se stesso. [a.1] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo sulla sua stessa coda, con richiesta di conferma ricezione; SIL-Protocollo riceve correttamente il messaggio di Pagina 5 di 14

6 protocollo e invia la conferma ricezione, che è, a sua volta, ricevuta in maniera corretta e con segnatura coerente Test Case 04 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi di protocollo inviati da un altro Ente: [a] Ricezione di messaggi di Conferma di Ricezione inviati da SIL-CT senza allegati [a.1] SIL-CT invia una conferma ricezione assegnandole un numero di protocollo, senza allegati, circa il messaggio con un certo numero di protocollo assegnato dal SIL Protocollo mittente. Il SIL Protocollo riceve correttamente il messaggio di conferma ricezione, con segnatura coerente. [b] Ricezione di messaggi di Aggiornamento di Conferma senza allegati Verifica da effettuare: [b.1] SIL-CT invia un aggiornamento di conferma senza allegati circa il messaggio inviato dal SIL Protocollo con un certo numero di Il SIL Protocollo riceve correttamente il messaggio di Aggiornamento Conferma. Il SIL-CT riceve una notifica di trasporto di avvenuta consegna. [c] Ricezione di messaggi di Annullamento Protocollazione [c.1] SIL-CT invia un annullamento di protocollazione circa il messaggio inviato dal SIL Protocollo con un certo numero di protocollo e a cui ha precedentemente risposto con un messaggio di Conferma Ricezione. Il SIL Protocollo riceve correttamente il messaggio di Annullamento Protocollazione. Il SIL-CT riceve una notifica di trasporto di avvenuta consegna Test Case 05 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi di protocollo inviati da SIL-CT (con e senza allegati, ovvero con il solo documento primario). [a] Ricezione di messaggi di protocollo senza allegati [a.1] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione se richiesto. SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna. [b] Ricezione di messaggi di protocollo con allegati [b.1] SIL-CT invia un messaggio di protocollo con 4 allegati contenenti rispettivamente uno spazio nel nome del file, un underscore nel nome del file, una lettera accentata nel nome del file e senza tali caratteri nel nome del file. SIL- Protocollo riceve in modi integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione se richiesto. SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna. [c] Ricezione di messaggi di protocollo con altri destinatari [c.1] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una UO associata a SIL Protocollo. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione se richiesto. SIL-CT riceve la Pagina 6 di 14

7 notifica di avvenuta consegna. [c.2] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una UO non associata a SIL Protocollo. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio e solleva eccezione (che può essere automatica o manuale). SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna e l'eccezione. [c.3] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una AOO ed a SIL Protocollo, entrambi come destinatari principali. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione se richiesto. SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna. [c.4] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una AOO ed in conoscenza a SIL Protocollo. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione se richiesto. SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna. [c.5] SIL-CT invia un messaggio di protocollo senza allegati a SIL Protocollo specificando un destinatario privato. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio e solleva eccezione (che può essere automatica o manuale). SIL-CT riceve la notifica di avvenuta consegna e l'eccezione. [d] Ricezione di messaggi di protocollo provenienti da [d.1] invia un messaggio di protocollo senza allegati a SIL Protocollo, utilizzando un mittente persona fisica. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione. riceve la notifica di avvenuta consegna e la conferma di ricezione. [d.2] invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una UO associata a SIL Protocollo, utilizzando un mittente persona fisica. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione. riceve la notifica di avvenuta consegna e la conferma di ricezione. [d.3] invia un messaggio di protocollo senza allegati a SIL Protocollo, utilizzando un mittente persona giuridica. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione. riceve la notifica di avvenuta consegna e la conferma di ricezione. [d.4] invia un messaggio di protocollo senza allegati ad una UO associata a SIL Protocollo, utilizzando un mittente persona giuridica. Il SIL Protocollo riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo e inviando la conferma ricezione. riceve la notifica di avvenuta consegna e la conferma di ricezione. In aggiunta verrà verificata la capacità di ricevere messaggi di protocollo con segnature valide generate in maniera casuale da SIL-CT. (es. segnatura minima contenente solo gli elementi obbligatori, Segnatura con dati del mittente che includono CodiceAmministrazione, Indirizzo Telematico, Telefono e Fax, Mittente che include Denominazione e Identificativo della Persona che ha effettuato la protocollazione etc...). In caso di inserimento di elementi opzionali, non sono stati menzionati i sottoelementi obbligatori, ma solo quelli aggiuntivi (per esempio, l'elemento Persona deve contenere il sottoelemento Denominazione, ma in [e.3] è stato citato solo l'elemento facoltativo Identificativo) [e] Ricezione di messaggi di protocollo con segnature casuali sono stati inviati da SIL-CT i seguenti messaggi di protocollo con segnature diverse: [e.1] Segnatura minima con solo gli elementi obbligatori. [e.2] Mittente che include Codice Amministrazione, Indirizzo Telematico, Telefono e Pagina 7 di 14

8 Fax [e.3] Mittente che include Denominazione dell'amministrazione e Identificativo della Persona che ha effettuato la protocollazione. [e.4] Mittente che include dati della Persona espressi come Nome, Cognome, CF, Id. [e.5] Mittente che include dati di una Unita' Organizzativa e del Ruolo e di una Persona. [e.6] Mittente espresso come Ruolo, Persona e Indirizzo postale esteso (Toponimo, Civico, CAP, Comune, Provincia, Nazione) [e.7] Mittente che prevede piu' Unita' Organizzative annidate e CodiceAmministrazione. [e.8] Destinatario che include Denominazione dell'amministrazione, Unita' Organizzativa, AOO, Indirizzo Telematico, Telefono e Fax. [e.9] Destinatario che include Denominazione dell'amministrazione e i dati completi della Persona (Nome, Cognome, Titolo, CF, Id). [e.10] Destinatario che include i dati dell'amministrazione, Ruolo e Persona (Nome, Cognome, Titolo, CF, Id). [e.11] Destinatario espresso come Ruolo, Persona e Indirizzo postale esteso (Toponimo, Civico, CAP, Comune, Provincia, Nazione). [e.12] Destinatario che prevede piu' Unita' Organizzative annidate e CodiceAmministrazione. [e.13] Destinatario che include Denominazione dell'amministrazione, Unita' Organizzativa con Ruolo, AOO, Indirizzo Telematico, Telefono e Fax. [e.14] Più Destinatari (uno e' il vero destinatario, l'altro e' il mittente). [e.15] La Segnatura include un Destinatario e uno Per Conoscenza (lo stesso mittente). Il destinatario per conoscenza e' indicato con il solo Indirizzo Telematico. [e.16] La Segnatura include un Destinatario e uno Per Conoscenza (il mittente). Il destinatario per conoscenza riporta in modo esteso anche i dati della UO. [e.17] La Segnatura riporta i campi Classifica, Riservato, InterventoOperatore, OraRegistrazione. [e.18] La Segnatura contiene l'elemento PrimaRegistrazione. [e.19] La Segnatura contiene gli elementi Riferimento Documenti Cartacei e Riferimenti Telematici (comunque vuoti). Contiene inoltre l'elemento Risposta. [e.20] La Segnatura contiene un fascicolo con un documento telematico [e.21] Come la [e.10] ma senza indicazione di SMTP come indirizzo telematico [e.22] Come la [e.12], ma senza l'attributo Tipo Riferimento nell'elemento Documento 2.6. Test Case 06 Il SIL Protocollo riceve in maniera integra i messaggi. SIL-CT riceve le notifiche di trasporto di sola accettazione per ogni messaggio inviato. Verifica della capacità di SIL-Protocollo di inviare a SIL-CT i seguenti messaggi: [a] Messaggi di Conferma Ricezione in risposta ad una richiesta esplicita del mittente [a.1] SIL-Protocollo invia una conferma ricezione senza allegati circa un messaggio protocollato e con il campo Riferimenti valorizzato (almeno una parte tra Messaggio, Contesto Procedurale e Procedimento). Il SIL-CT riceve in modo integro la conferma di ricezione. Pagina 8 di 14

9 [a.2] SIL-Protocollo invia una conferma ricezione con 3 allegati (il primo con uno spazio nel nome, il secondo con un underscore nel nome ed il terzo senza né spazi né underscore nel nome) circa un messaggio protocollato e con il campo Riferimenti valorizzato (almeno una parte tra Messaggio, Contesto Procedurale e Procedimento). Il SIL-CT riceve in modo integro la conferma di ricezione e gli allegati. [b] Messaggi di Aggiornamento Conferma [b.1] SIL-Protocollo invia un aggiornamento di conferma senza allegati circa un messaggio protocollato. e con il campo Riferimenti valorizzato (almeno una parte tra Messaggio, Contesto Procedurale e Procedimento) Il SIL-CT riceve in modo corretto l'aggiornamento di conferma. [b.2] SIL-Protocollo invia un aggiornamento di conferma con 3 allegati (il primo con uno spazio nel nome, il secondo con un underscore nel nome ed il terzo senza né spazi né underscore nel nome) circa un messaggio protocollato e con il campo Riferimenti valorizzato (almeno una parte tra Messaggio, Contesto Procedurale e Procedimento). Il SIL-CT riceve in modo integro l'aggiornamento di conferma e gli allegati. [c] Messaggi di Annullamento Protocollazione [c.1] SIL-Protocollo invia un annullamento di protocollazione circa un messaggio protocollato, precedentemente inviato da SIL-CT. Il SIL-CT riceve in modo corretto l'annullamento di protocollazione Test Case 07 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi di aggiornamento dell'indice delle Aree Organizzative Omogenee e delle Unità Organizzative. Il SIL può implementare varie modalità per il download delle AOO/UO. Ad esempio, è possibile effettuare 1. uno scarico massivo (in fase di installazione) e successivamente mantenere l'allineamento tramite lo scarico dei soli aggiornamenti, 2. effettuare sempre scarichi massivi, 3. interrogare puntualmente la singola AOO/UO (in presenza di una banca dati del SIL). Almeno una delle tre modalità deve essere obbligatoriamente implementata dal SIL-Protocollo. [a] Scarico dell'intera base dati delle AOO [a.1] SIL-Protocollo richiede l'intera banca dati delle Aree Organizzative Omogenee, invocando il metodo getallaoo(), come descritto in [RFC-AOO]. [a.2] Durante il download della base dati AOO viene rimosso un record tra quelli già [a.3] Durante il download della base dati AOO viene inserito un record prima di quelli già scaricati da SIL-Protocollo. SIL-Protocollo deve essere in grado di rilevare che la base dati è cambiata durante lo scaricamento ed applicare le corrette politiche del caso (ad es. procedere ad un nuovo download oppure segnalare l'evento Pagina 9 di 14

10 [b] Scarico degli aggiornamenti AOO [b.1] SIL-Protocollo richiede gli aggiornamenti della banca dati delle Aree Organizzative Omogenee rispetto all'ultimo download, invocando il metodo getvariazioniaoo(), come descritto in [RFC-AOO]. [b.2] Durante il download della base dati AOO viene rimosso un record tra quelli già [b.3] Durante il download della base dati AOO viene inserito un record prima di quelli già [c] Scarico della base dati AOO di pertinenza per una provincia [c.1] SIL-Protocollo richiede la banca dati delle Aree Organizzative Omogenee relativa ad una singola provincia, invocando il metodo getaooperprovincia(), come descritto in [RFC-AOO]. [c.2] Durante il download della base dati AOO viene rimosso un record tra quelli già [c.3] Durante il download della base dati AOO viene inserito un record prima di quelli già scaricati da SIL-Protocollo. SIL-Protocollo deve essere in grado di rilevare che la base dati è cambiata durante lo scaricamento ed applicare le corrette politiche del caso (ad es. procedere ad un nuovo download oppure segnalare l'evento [d] Interrogazione puntuale per codice AOO [d.1] SIL-Protocollo richiede i dati di una specifica Area Organizzativa Omogenea utilizzandone il codice AOO, invocando il metodo getaoo() come descritto in [RFC- AOO]. [e] Scarico dell'intera base dati delle UO [e.1] SIL-Protocollo richiede l'intera banca dati delle Unità Organizzative, invocando il metodo getalluo(), come descritto in [RFC-AOO]. [e.2] Durante il download della base dati UO viene rimosso un record tra quelli già [e.3] Durante il download della base dati UO viene inserito un record prima di quelli già Pagina 10 di 14

11 [f] Scarico degli aggiornamenti UO [f.1] SIL-Protocollo richiede gli aggiornamenti della banca dati delle Unità Organizzative rispetto all'ultimo download, invocando il metodo getvariazioniuo(), come descritto in [RFC-AOO]. [f.2] Durante il download della base dati UO viene rimosso un record tra quelli già [f.3] Durante il download della base dati UO viene inserito un record prima di quelli già base dati è cambiata durante lo scaricamento ed applicare le corrette politiche del caso (ad es. procedere ad un nuovo download oppure segnalare l'evento [g] Interrogazione puntuale per codice UO [g.1] SIL-Protocollo richiede i dati di una specifica Unità Organizzativa utilizzandone il codice UO, invocando il metodo getuo() come descritto in [RFC-AOO] Test Case 08 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi relativi all'interruzione del collegamento del proxy destinatario con l'architettura CART, all'interno di una sessione di ricezione o invio di messaggi di 2.9. Test Case 09 Verifica da effettuare: [a] SIL-Protocollo invia un messaggio di protocollo a SIL-CT; nel corso dell'invio, il proxy a cui si riferisce SIL-CT viene disconnesso dalla rete. Il SIL-Protocollo riceve una notifica di trasporto di accettazione ma non quella di consegna. SIL-Protocollo in questo caso non deve ritentare l'invio. Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere notifiche di errore di consegna causa destinatario inconsistente di un messaggio di protocollo, ovvero i cui dati SIL, AOO e PEC siano discordanti rispetto ad IPAR Test Case 10 Verifica da effettuare: [a] SIL-Protocollo riceve la notifica di errore di consegna per un messaggio di protocollo contenente un destinatario principale inconsistente. [b] SIL-Protocollo riceve la notifica di errore di consegna per un messaggio di protocollo contenente un destinatario principale corretto ed un destinatario per conoscenza inconsistente. Verifica della capacità di SIL-Protocollo di gestire una propria interruzione del collegamento con l'architettura CART, tramite scollegamento del cavo di rete, all'interno di una sessione di ricezione o invio di messaggi di Verifica da effettuare: [a] SIL-Protocollo interrompe la ricezione dei messaggi dal proxy, garantendo all'utente la possibilità di ricevere in maniera integra quelli per cui non è stato inviato tempestivamente l'ack al proxy. Pagina 11 di 14

12 2.11. Test Case 11 [b] SIL-Protocollo interrompe l'invio dei messaggi al proxy, garantendo all'utente la possibilità di ripetere l'invio dei rimanenti, in particolare di eventuali messaggi di cui non è stata ricevuta tempestivamente la notifica di accettazione/non accettazione. Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi relativi agli Attributi di Domicilio Elettronico (ADE). Analogamente al caso delle AOO/UO, il SIL può implementare varie modalità per il download degli Attributi di Domicilio Elettronico. Ad esempio, è possibile effettuare: 1. uno scarico massivo (in fase di installazione) e successivamente mantenere l'allineamento tramite lo scarico dei soli aggiornamenti, 2. effettuare sempre scarichi massivi, 3. interrogare puntualmente la singola ADE (in presenza di una banca dati del SIL). Nel caso 3., tuttavia, lo scarico massivo dell'intera banca dati in fasi diverse dall'installazione è fortemente sconsigliato per motivi di performance. Almeno una delle tre modalità deve essere obbligatoriamente implementata dal SIL-Protocollo. [a] Scarico dell'intera base dati [a.1] SIL-Protocollo richiede l'intera banca dati degli Attributi di Domicilio Elettronico, invocando il metodo getallade(), come descritto in [RFC-ADE]. [a.2] Durante il download della base dati ADE viene rimosso un record tra quelli già [b] Scarico degli aggiornamenti [b.1] SIL-Protocollo richiede gli aggiornamenti della banca dati degli Attributi di Domicilio Elettronico rispetto all'ultimo download, invocando il metodo getvariazioniade(), come descritto in [RFC-ADE]. [b.2] Durante il download della base dati ADE viene rimosso un record tra quelli già [c] Scarico della base dati di pertinenza per una provincia [c.1] SIL-Protocollo richiede la banca dati degli Attributi di Domicilio Elettronico relativa ad una singola provincia, invocando il metodo getadeperprovincia(), come descritto in [RFC-ADE]. [c.2] Durante il download della base dati ADE viene rimosso un record tra quelli già [d] Interrogazione puntuale per codice fiscale [d.1] SIL-Protocollo richiede gli Attributi di Domicilio Elettronico di uno specifico privato persona fisica utilizzandone il codice fiscale, invocando il metodo Pagina 12 di 14

13 getadecfpi() come descritto in [RFC-ADE]. [d.2] SIL-Protocollo richiede gli Attributi di Domicilio Elettronico di uno specifico privato persona giuridica utilizzandone la partita IVA, invocando il metodo getadecfpi() come descritto in [RFC-ADE] Test Case 12 Verifica della capacità di SIL-Protocollo di ricevere messaggi di protocollo senza segnatura (messaggi non conformi) inviati dal Gateway PEC (con e senza allegati, ovvero con il solo documento primario). [a] Ricezione di messaggi di protocollo Verifica da effettuare: [a.1] Da casella PEC valida si invia alla casella PEC della AOO ricevente un messaggio di protocollo senza segnatura e senza allegati;il messaggio viene inviato dal GW al SIL Protocollo che lo riceve in modo integro, protocollandolo senza inviare la conferma ricezione. Il SIL-Protocollo provvede all acquisizione del messaggio dalla coda Comunicazione ricevendo due file attachment rispettivamente in formato.xml e.eml. Il primo file contiene il file di metadati di protocollo, il secondo la mail originale completa senza allegati. SIL-CT non riceve la notifica di avvenuta consegna [a.2] Da casella PEC valida si invia alla casella PEC della AOO ricevente un messaggio di protocollo senza segnatura e 4 allegati contenenti rispettivamente uno spazio nel nome del file, un underscore nel nome del file, una lettera accentata nel nome del file e senza tali caratteri nel nome del file. Il messaggio viene inviato dal GW al SIL Protocollo che riceve in modo integro il messaggio, protocollandolo senza inviare la conferma ricezione. Il SIL-Protocollo provvede all acquisizione del messaggio dalla coda Comunicazione in due file attachment rispettivamente in formato.xml e.eml. Il primo file contiene il file di metadati di protocollo, il secondo la mail originale completa con gli allegati. SIL-CT non riceve la notifica di avvenuta consegna [b] Invio di messaggi di protocollo Verifica da effettuare: [b.1] Da SIL Protocollo si invia un messaggio di protocollo senza allegati ad un ente che non partecipa al progetto interpro;il messaggio viene inviato dal Proxy protocollo al SIL del Gateway che lo riceve in modo integro e lo inoltra tramite casella PEC alla PEC dell ente destinatario. SIL-Protocollo riceve la notifica di avvenuta consegna [b.2] Da SIL Protocollo si invia un messaggio di protocollo con 4 allegati contenenti rispettivamente uno spazio nel nome del file, un underscore nel nome del file, una lettera accentata nel nome del file e senza tali caratteri nel nome del file ad un ente che non partecipa al progetto interpro. Il messaggio viene inviato dal Proxy protocollo al SIL del Gateway che lo riceve in modo integro e lo inoltra tramite casellapec alla PEC dell ente destinatario. SIL-Protocollo riceve la notifica di avvenuta consegna. Pagina 13 di 14

14 3. Riferimenti [CertCART] Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali versione 1.0, 11 Febbraio 2006 [RFC-SIL] Certificazione e.toscana Compliance di applicativi SIL, RFC e.toscana Compliance, n.33.2, 4 Gennaio 2007 [RFC-Protocollo] Protocollo Informatico, RFC e.toscana Compliance, n.8, 19 settembre 2007 [RFC-ADE] Attributi di Domicilio Elettronico, RFC e.toscana Compliance, n.122.1, 28 maggio 2009 [RFC-CPPA] Comunicazioni PA con Privati, RFC e.toscana Compliance, n.121.0, 8 aprile 2009 [RFC-AOO] Pubblicazione Indice AOO, RFC e.toscana Compliance, n.110.5, 29 luglio 2009 [AccrInterPRO] Accreditamento InterPRO, versione 1.2, 17 settembre 2009 Appendice A Messaggio non conforme da Gateway PEC L acquizione di un messaggio non conforme da parte del SIL Protocollo tramite il Proxy Protocollo avviene attraverso il servizio RichiediComunicazione il cui WSDL è esposto alla url Tramite la chiamata al metodo getmessaggio con parametri di input nomesil = Nome SIL e nomeevento = Comunicazione (valore fisso), il SIL-Protocollo riceve il SoapMessage di esito dell operazione; nel caso sia presente un messaggio nella coda Comunicazione questa è ricevuta sotto forma di due file attachment, il primo in formato.xml contenente i metadati di protocollo (rif. [RFC-8 "Protocollo Informatico] 4.3), il secondo in formato.eml contenente la mail originale completa degli eventuali allegati. Effettuata la ricezione del messaggio, il SIL-Protocollo dovrà poi provvedere alla cancellazione dello stesso dalla coda Comunicazione tramite il servizio InvioACK presente sul Proxy Protocollo ed esposto alla url richiamando il metodo send con parametri di input nomesil = Nome SIL-CT nomeevento = Comunicazione (valore fisso). Pagina 14 di 14

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC

Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC Informazioni sul documento Revisioni 06/06/2011 Andrea De Bruno V 1.0 1 Scopo del documento Scopo del presente documento è quello di illustrare

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it 1 Introduzione...3 2 Registrazione di un nuovo dominio gov.it...3 3 Cambia Dati di un dominio...9 3.1 Variazione record di zona o DNS Dominio con

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE

GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE IRIDE e un sistema integrato ed innovativo di Gestione Documentale. Si presenta come una piattaforma modulare che realizza da un lato il tracciamento e la esecuzione automatica

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Protocollo Informatico Manuale Utente ver. 3.8.0

Protocollo Informatico Manuale Utente ver. 3.8.0 - 1 - - Protocollo Informatico Pubblica Amministrazione Protocollo Informatico Manuale Utente ver. 3.8.0 Manuale utente - 1 - Proteus PA - 2 - - Protocollo Informatico Pubblica Amministrazione Indice 1

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente.

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente. Questo documento riporta delle note integrative ai documenti di riferimento della Posta Elettronica Certificata (PEC). Nello specifico le seguenti note fanno riferimento a: Decreto del Presidente della

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Manuale Operativo Pro-net

Manuale Operativo Pro-net Manuale Operativo Pro-net Protocollo Informatico a norme CNIPA Tutti i diritti riservati. Aggiornato alla rel. 9.11 A.P.Systems. S.r.l. Versione 1.3 Pagina n. 1 Introduzione alla Procedura La procedura

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Fattura elettronica Vs Pa

Fattura elettronica Vs Pa Fattura elettronica Vs Pa Manuale Utente A cura di : VERS. 528 DEL 30/05/2014 11:10:00 (T. MICELI) Assist. Clienti Ft. El. Vs Pa SOMMARIO pag. I Sommario NORMATIVA... 1 Il formato della FatturaPA... 1

Dettagli

PostaCertificat@ GUIDA UTENTE PER IL CITTADINO

PostaCertificat@ GUIDA UTENTE PER IL CITTADINO Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A. 1 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 2 PROGETTO POSTACERTIFICAT@... 4 3 LA POSTACERTIFICAT@... 5 3.1 COME RICHIEDERE LA POSTACERTIFICAT@... 5 3.2

Dettagli

Programma Servizi Centralizzati s.r.l.

Programma Servizi Centralizzati s.r.l. Via Privata Maria Teresa, 11-20123 Milano Partita IVA 09986990159 Casella di Posta Certificata pecplus.it N.B. si consiglia di cambiare la password iniziale assegnata dal sistema alla creazione della casella

Dettagli

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica Documentazione tecnica Come spedire via Post 1.1) Invio di Loghi operatore 1.2) Invio delle Suonerie (ringtone) 1.3) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 1.4) Invio di SMS multipli 1.5) Simulazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO MANUALE DI GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE E DEL PROTOCOLLO INFORMATICO ALLEGATO A Deliberazione UdP del 4 settembre 2012, n. 71 1 PREMESSA Il progetto Archivi del Consiglio nasce con la deliberazione dell

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email.

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email. Mail da Web Caratteristiche generali di Virgilio Mail Funzionalità di Virgilio Mail Leggere la posta Come scrivere un email Giga Allegati Contatti Opzioni Caratteristiche generali di Virgilio Mail Virgilio

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad.

La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad. La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad. OPERAZIONI PRELIMINARI Dal menu impostazioni andate su E-mail, Contatti,

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II Indice 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... 8 1.1 PREMESSA... 8 1.2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 9 1.3 SISTEMA DI MONITORAGGIO E AGGIORNAMENTO DEL MANUALE...

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE

QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE QUESITI FREQUENTI AFFERENTI LA GESTIONE DOCUMENTALE Aree tematiche: 1. Classificazione e fascicolazione 2. Conservazione & accreditamento 3. Dematerializzazione 4. Documenti informatici 5. Fatturazione

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE Pag. 1 di 14 MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE INTRODUZIONE Pag. 2 di 14 INDICE pag. 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA... 3 2.... 4 2.1 - HOME PAGE...

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Gestione della posta elettronica e della rubrica.

Gestione della posta elettronica e della rubrica. Incontro 2: Corso di aggiornamento sull uso di internet Gestione della posta elettronica e della rubrica. Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it Tel: 0332-286367

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa

Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa Seconda Università degli studi di Napoli Servizi agli studenti Servizio di Posta Elettronica Guida estesa A cura del Centro Elaborazione Dati Amministrativi 1 INDICE 1. Accesso ed utilizzo della Webmail

Dettagli

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura Utilizzo del server SMTP in modalità sicura In questa guida forniremo alcune indicazioni sull'ottimizzazione del server SMTP di IceWarp e sul suo impiego in modalità sicura, in modo da ridurre al minimo

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL DIPENDENTE VALUTATORE

COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL DIPENDENTE VALUTATORE ALLEGATO A/5 COMUNE DI SANTENA Provincia di Torino ANNO SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL DIPENDENTE SIG. CAT. SERVIZIO AREA Area P.O. U.O. VALUTATORE Cognome e Nome Qualifica VALUTATO: COLLOQUIO INIZIALE

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI

ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI ISTRUZIONI PER L INVIO TRAMITE PEC (POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA) DI ISTANZE, COMUNICAZIONI E DOCUMENTI Firenze, mercoledì 10 Maggio 2011 VERSIONE 1.2 DEL 10 Maggio2011 Pagina 2 di 8 In queste pagine

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2834 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Ulteriore modifica della deliberazione della Giunta provinciale n. 1322 del giorno

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO

MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE

FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE A cura di Gerardo De Caro: La fatturazione elettronica obbligatoria verso la Pubblica Amministrazione Executive Summary Il formato fattura PA

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli