MALATTIE DA VETTORE, LOTTA ALLE ZANZARE E SALUTE PUBBLICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MALATTIE DA VETTORE, LOTTA ALLE ZANZARE E SALUTE PUBBLICA"

Transcript

1 MALATTIE DA VETTORE, LOTTA ALLE ZANZARE E SALUTE PUBBLICA Bologna, 9 dicembre 2013 Dott.ssa Paola Angelini Servizio Sanità pubblica D.G. Sanità e Politiche sociali Le malattie trasmesse da artropodi vettori: definizione Con questo termine si intende comprendere le malattie che vengono trasmesse all uomo mediante la puntura di artropodi Prevalentemente si tratta di malattie virali (arbovirosi), causate da insetti ematofagi dell ordine dei Ditteri (zanzare) Ci si riferisce però anche ad importanti malattie in cui il patogeno non è un virus ad es. Malaria (Plasmodium spp.), Leishmaniosi (Leishmania spp.) e Malattia di Lyme (Borrellia burgdorferi) oppure in cui il vettore non è un insetto, ad es. encefaliti da zecche Fonte: Istituto Superiore di Sanità Fonte: Istituto Superiore di Sanità 1

2 Esempi di Artropodi Vettori Aedes aegypti Aedes albopictus Zanzara Culex Phlebotomus Fonte: Istituto Superiore di Sanità Fonte: Istituto Superiore di Sanità Fonte: Istituto Superiore di Sanità 2

3 ARBOVIRUS Arthropod-borne viruses Giornale italiano di medicina tropicale (volume 15 n. 1-4 gennaio-dicembre 2010: 35-38) virus mantenuti in natura grazie alla trasmissione biologica negli ospiti vertebrati suscettibili mediata da artropodi ematofagi ll termine arbovirus non ha significato tassonomico termine ecologico per indicare virus che necessitano di vettori ematofagi l International Catalogue of Arboviruses ne conta 534 in 8 Famiglie e 14 Generi Gli arbovirus che causano patologie nell uomo sono classificati in 3 principali famiglie: Togaviridae Flaviviridae Bunyaviridae Gubler DJ, Ann N Y Acad Sci Dec;951:

4 Alcune malattie trasmesse da vettori Incidenza nel Mondo Malattia Stima annua dei casi Malaria Dengue/DHF Leishmaniosi Febbre gialla Morbo di Chagas Malattia del sonno Fonte OMS Fonte OMS. Cicli di Trasmissione ARBOvirus Uomo - artropode - uomo es. Dengue, Febbre gialla urbana, Chikungunya. Reservoir può essere sia nell uomo che nell artropode In quest ultimo può avvenire la trasmissione transovarica. Animale - artropode vettore - uomo Es. West Nile, Encefalite Giapponese, Febbre Gialla silvestre. Il reservoir è in un animale. Il virus è mantenuto in natura in un ciclo di trasmissione che coinvolge l artropode vettore e l animale. L uomo si infetta accidentalmente. Ciclo Uomo Artropode - Uomo Per alcuni ARBOvirus si possono vedere entrambi i cicli come per es. la Febbre Gialla. 4

5 Ciclo Animale - Artropode - Uomo Gubler DJ, Ann N Y Acad Sci Dec;951:13-24 Fattori determinanti l emergere delle malattie trasmesse da vettori (1) Cambiamenti demografici - aumento globale della popolazione - maggior movimento delle persone - urbanizzazione non pianificata e incontrollata Cambiamenti sociali colonizzazione di luoghi di presenza naturale della malattia moderni mezzi di trasporto di uomini, animali e merci uso dei container Cambiamenti in agricoltura uso del suolo sistemi di irrigazione deforestazione Fattori determinanti l emergere delle malattie trasmesse da vettori (2) Cambiamenti nella distribuzione dei patogeni - maggior movimentazione di uomini e animali - mutamenti genetici che aumentano il potenziale epidemico Cambiamenti in sanità pubblica mancato controllo efficace delle zanzare cattiva qualità dei programmi di sorveglianza e prevenzione Cambiamenti climatici aumento della temperatura modifiche alla piovosità aumento numerico degli episodi di eventi estremi 5

6 CHIKUNGUNYA CHIKUNGUNYA Background Chikungunya virus (CHIKV) is an arthropod-borne virus transmitted by infected Aedes mosquitoes Fever and crippling joint pain; 15% of infections asymptomatic No vaccine, treatment is symptomatic and prevention relies on mosquito control and personal protection CHIKUNGUNYA e zanzara tigre Aedes albopictus: come riconoscerla 6

7 Aedes albopictus un ciclo acqua-aria Il suo arrivo in Italia Originaria del Sudest Asiatico è stata segnalata per la prima volta in Italia nel 1990 nel porto di Genova, in un carico copertoni usati provenienti dagli USA In Emilia-Romagna la 1a segnalazione è del 1994 Oggi ha colonizzato tutta l Italia e si sta rapidamente diffondendo in Europa Aedes albopictus Current known distribution: January 2011 CHIKUNGUNYA e zanzara tigre Trasmissione di CHIKV Extrinsic incubation period Range 3-4 days Intrinsic incubation period Range 2-12 days Infectious Individual 1 (viremia~7 days) Susceptible individual 2 Infectious individual 2 7

8 Background : CHIKV outbreaks in the Indian Ocean 30 March 2006: EU consultation expresses concern at risk of local transmission June-October 2007: local transmission of CHIKV in Emilia Romagna region, Italy 217 confirmed cases index case returning from India Weaver e Reisen; Antiviral Res (2):328 Chikungunya outbreak in Emilia-Romagna Summer 2007 Last update (16th Jan 08) Number of cases by lab results (July 4 th, 2007 September 28 th, 2007) G. Rezza et al., Lancet 2007, Index case lab confirmed: 1 Lab confirmed: 217 Probable, drawing denied: 30 Lab negative: 89 A total of 247 probable/confirmed cases, from four provinces (Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, Bologna) 8

9 Epidemic curve of all Chikungunya cases (217 CONFIRMED 30 PROBABLE) Updated on 01/16/2008, h August 31 st August 9 th 1 st alert Chik virus detected (PCR) on mosquito samples (Castiglione di C. and Castiglione di R.) IZSLER August 18 th 1 st disinfestation August 14 th Cases list August 29 th Regional Surveillance System start Chik virus confirmed by ISS INDEX CASE Chikungunya cases Symptoms onset date August 23 rd -27 th large scale disinfestation Cases in Castiglione di Cervia and C. di Ravenna Obiettivi generali del Piano Regionale Le azioni 1. Individuazione precoce dei casi di malattia con misure di controllo per impedire la trasmissione del virus dalla persona alle zanzare e da queste a un altra persona 2. Sorveglianza entomologica e lotta alla zanzara tigre, per ridurne al minimo la densità di popolazione VIGILANZA FORMAZIONE (medici, entomologi, tecnici della prevenzione, assistenti sanitari, ) SORVEGLIANZA Sanitaria Entomologica LOTTA 9

10 Controllo della zanzara tigre e sorveglianza entomologica Intervenire localmente MONITORAGGIO: Sistema di sorveglianza regionale con ovitrappole LOTTA: Interventi di controllo della proliferazione di zanzara tigre tramite larvicidi, adulticidi in caso di epidemia Pianificare globalmente N totale ovitrappole=2703 (Anno 2012)

11 Il progetto di ricerca sugli indici di rischio epidemiologico: La Capacità vettoriale esprime la competenza a trasmettere il virus. Vectorial Capacity = (mbs m * p ì ) / (-log e p) ll tasso di accrescimento della malattia è R 0 (Anderson and May 1991, Roberts and Heesterbeek 2003, Bolle et al 2008) e viene definito come il numero di casi secondari che si originano dal caso primario. Sampling 1 Valore Reference Parametri Multi-feeding per ciclo 1.20 Hawley 1988 gonotrofico mf Tandon and S. Ray 2000 Percentuale pasto di 0.9 Ponlawat and Harrington sangue su uomo AI 2005 Ciclo gonotrofico GC Da 4 a 11 gg Focks et al (1993). Competenza vettoriale S % Chik Vazeille et al 2007 m 38, % Dengue Viremia V 5 day Peters and Dalrymple 1990 Boelle et al 2008 Sopravvivenza giornaliera 0.82 Hawley (1988) Willis and Nasci (1994) Almeida et al (2005) R 0 = mbs m VS v p i / (- log e p ) Dalla equazione è possibile ricavare m la quantità di punture/uomo/giorno che è la nostra incognita. m = [R 0 * (- log e p )]/ bs m VS v p i Ciclo estrinseco n d Chik 10 d Dengue Rizzo et al Hawley 1988 Fattore correzione X V della Capacità Vettoriale in campo Calcolato i questo studio Rapporto F/E 0.58 ± 0.33 Interviste 1.57 ± 0.77 PDS 1.03 ± 0.36 HLC Calcolato i questo studio N.Uova/14 gg Soglie Epidemiologiche Chik mutato Chik Dengue < 250 R 0 <1 R 0 <1 R 0 < <R 0 <2 R 0 <1 R 0 < <R 0 <3 1<R 0 <2 R 0 < R 0 >3 1<R 0 <2 1<R 0 < R 0 >3 2<R 0 <3 1<R 0 <2 >1501 R 0 >3 2<R 0 <3 2<R 0 <3 Carrieri, Angelini et al. - J. Med. Entomol. 49(2): (2012); Numero soglia di uova raccolte con le ovitrappole in funzione del tasso di accrescimento della malattia R0 R Virus CHIK mutato Nuova/trappola/14gg R0<1 Rischio assente R0=2 Rischio basso R0=3 Rischio alto R0=4 Rischio elevato R0=5 Rischio molto elevato 11

12 Numero medio di uova /ovitrappola/mag.-ott Media Media±ES Sistema di sorveglianza sanitaria Emilia-Romagna Segnalazioni casi sospetti Percentuale di Comuni con un Tasso di accrescimento della malattia teorico (Chikungunya ceppo mutato e no CHIK_M e CHIK e Dengue ceppo DENII) calcolato in base al numero medio di uova R 0 >3 40% CHIK_M 35% DENGUE II 30% CHIK 25% 20% 15% 10% % Comuni con R0>3 N.uova/trap/14gg PC PR RE MO. BO FE RA FC RN Anno Totale segnalazioni Di cui confermati Chik Di cui confermati Dengue % 0% Settimane di attivazione Malattia da virus West Nile WEST NILE Disease Segnalata per la prima volta in Uganda nel 1937, si è successivamente estesa ad Europa, Asia, Africa e Medio Oriente. Nel 1999 ha fatto la sua comparsa negli Stati Uniti. In Europa primo focolaio in Camargue nel La maggior parte delle infezioni è di lieve intensità o clinicamente non manifesta. In circa 1 caso su 150 (soprattutto in persone anziane) provoca una malattia neurologica grave (encefalite o meningite). E trasmessa attraverso la puntura di zanzare; varie specie sono risultate competenti in campo e in laboratorio. 12

13 Agente eziologico WND Il West Nile virus (WNV) appartiene al genere Flavivirus, famiglia Flaviviridae. Fa parte del siero-complex dell Encefalite Giapponese Sorveglianza WNV in Emilia-Romagna Virus West Nile: ciclo di trasmissione Ciclo Rurale Ciclo Urbano Qual è l importanza della malattia West Nile per la Sanità pubblica? Insorgenza di casi neuroinvasivi umani Limitazioni e controlli sulle donazioni del sangue Controlli sulle donazioni degli organi Promozione di misure di protezione individuali e ambientali Ospite finale 13

14 Epidemie causate dal virus West Nile; Weaver e Reisen; Antiviral Res (2):328 Le epidemie occorse dal 1994 sono state associate con malattie neurologiche gravi in esseri umani, uccelli e/o equini Gubler DJ. The Continuing Spread of West Nile Virus in the Western Hemisphere. Emerg Infect CID 2007; 45: Bollettino del Centro di referenza nazionale malattie esotiche IZS Abruzzo Marche 14

15 Distribution of human WNND cases in Italy (WNND), Regione Totale Veneto [+1*] Emilia-Romagna [+1*] Lombardia Sardegna Friuli Venezia Giulia Basilicata Areas of viral circulation (ACV), of external surveillance (AE), and of risk (AR) Source: Centro Studi Malattie Esotiche - CESME - IZP Teramo ACV e AE areas are yearly defined on the basis of previous year surveillance results, starting from Totale * Importato dalla Romania Questi casi non includono i casi di febbre da WNV segnalati al sistema di sorveglianza epidemiologica della Regione Veneto che sorveglia anche le febbri di ndd. Il totale non include i casi importati The integrated surveillance system Human Surveillance Flow (15 June 30 November) WARNING Local Health ALERT Structure which identifies Autority a possible case PH Departement WITHIN 12 H Region BIOLOGICAL SAMPLES Regional Reference Laboratory CRREM Bologna AOsp WITHIN 24 H DIAGNOSTIC CONFIRMATION Health Ministry Arbovirosis National Reference Laboratory CNESPS, ISS 59 MIPI ISS 15

16 Entomological surveillance gravid trap CO2 trap 62 Birds surveillance Activated since 2006 Corvids: captured for crop protection Dead Specimen: in Centres for birds rescue PCR-test on organs /1789 (lug 21) 3/2533 (ago 23) 0/1824 0/ /114 (ago) 1/147 (sett) // // 44/1218 (lug 30) 9 (da fine ago) 2/1039 (ago 1) 0 0/ /

17 Plan for the control of arbovirosis Emilia-Romagna 2013 Risk area categories 1) Predisposed area is a risk area where existing conditions might facilitate the transmission of WNV to humans, but the pathogen has not been detected. 2) Area at risk is an area where the pathogen has been detected in vectors or birds. 3) Affected area is an area with ongoing transmission of WNV to humans or equids The risk assessment and successive actions are decided with the support of the Regional Group of Entomology for Health. growing risk Levels of risk 1.a there are no signs of viral circulation in an area potentially at risk 1.b there are no signs of viral circulation in an area where there were disease s cases (human and equine) in the previous year 2.a evidence of WNV circulation in the second part of the current season (August-September-October) 2.b evidence of WNV circulation in the first part of the current season (May-June-July) 3.a intense disease activity and/or first case of WNND in humans or equids 3.b current outbreak with more than 30 cases of WNND 1) Predisposed area: a risk area where existing conditions might facilitate the transmission of WNV to humans, but the pathogen has not been detected The predisposed areas can be characterized by two levels of risk: 1.a level of risk in area where existing ecological conditions might facilitate the transmission of WNV PLANNED ACTIONS Maintaining active entomological and/or ornithological surveillance system implemented from b level of risk of predisposed area where there were cases of human and equine in the previous year PLANNED ACTIONS As the level before and the Region, supported by the regional group, decides on: activation of the fight against vector at the larval stage sensitization of local health authorities on whether to activate the fight against vector at the larval stage sensitization of horse owners about vaccination 17

18 2) Area at risk is an area where the pathogen has been detected in vectors or birds. The area at risk can be characterized by two levels of risk: 3) Affected area is a risk area with ongoing transmission of WNV to humans. The affected areas can be characterized by two levels of risk: 2.a evidence of WNV circulation in the second part of the current season (August-September- October) PLANNED ACTIONS As the level before and Region activates a regional plan to inform citizens about personal protection and about residential vectors source reduction informs regional and national Blood Centres and Transplant Centres 2.b evidence of WNV circulation in the first part of the current season (May-June-July) PLANNED ACTIONS As the level before and: The Region, supported by the Regional Group, increases the surveillance activities The Region increases public information campaigns If surveillance indicates an increase of viral circulation, the Regional Group assesses the need and characteristics of a plan for vector control 3.a intense disease activity and/or first case of WNND in humans or equids PLANNED ACTIONS As the level before and: With the support of the Regional Group, the Local Health Authorities activate or enhance the fight against the vector at the adult stage in areas at higher risk 3.b surveillance has detected a number of horses and human cases >= 30 or 10 cases detected in an area of 500 km2 PLANNED ACTIONS As the level before and: - The Region increases public information campaigns and strengthens risk communication - The Regional Group conducts tests to evaluate the effectiveness of vector control treatments - The Region establishes and activates an emergency unit End of July 2013: 8 WNV positive pools of mosquitoes in the provinces of Modena (5), Bologna (2) e Reggio Emilia (1) What happened in 2013? 18

19 30 th July - Nota del Direttore generale Sanità e Politiche sociali PG/2013/ First week of August: 19 WNV positive pools of mosquitoes in the previous provinces and the involvement of Ferrara and Parma. In the province of Ferrara a first WND positive bird is observed. Level of risk 2b (probability of moderate epidemic) of 2013 Regional Plan - Recommendations to Municipalities in the provinces of Modena and Bologna : improve the larvicide control of vectors in urban area in public and private properties, start up of extraordinary adulticides interventions, strengthenment of comunication - Activation of control on blood donations for WNV (NAT test) in provinces of Modena and Bologna 8 th August - Nota del Direttore generale Sanità e Politiche sociali PG/2013/ Mid-August : - Intensification and additional extension of viral circulation (Parma) - First WNND human case diagnosed (13th Aug) in Modena province. Confirmation of Level of risk 2b (probability of moderate epidemic) of regional Plan Extension of indications and blood donation control to the municipalities of Ferrara and Reggio Emilia provinces. - Research of WNV on the donors of organs and tissues living in Emilia-Romagna within 72 hours after donation. 19

20 14th August - Nota del Direttore generale Sanità e Politiche sociali PG/2013/ End of August: - additional extension of viral circulation (Piacenza) - First 2 confirmed cases in horses in Parma province - other 7 WNND human are diagnosed. Level of risk 3a (epidemic beginning) of 2013 Regional Plan - Extension of indications and blood donation control to the municipalities of Parma province (northern area) 23rd August - Nota del Direttore generale Sanità e Politiche sociali PG/2013/ Mid-September: -13 confirmed WNND human cases Confirmation of Level of risk 3a (epidemic beginning) of 2013 Regional Plan - Extension of indications and blood donation control to the municipalities of Piacenza province (northern area) 20

21 Situation at 23rd October: - 16 WNND confirmed human cases (including 4 deaths) - 7 confirmed cases in horses Blood donation/donors control Emilia-Romagna Period 01/08* 01/11 15/07 15/11 15/07 30/11 15/07 30/11 15/07* 20/10 Surveillance areas FE (1/8) MO (1/9) BO-RE (10/9) FE MO BO RE FE MO BO No screening on donations BO-MO (31/7) FE-RE (8/8) PR (14/8) PC (23/8) WNV NAT tested donations Positive donations 0 4 Positive not confirmed cases 0 12 Donations per year % tested donations / total donations per year Donors who slept one night in risk areas 14,2 26,3 17,3 0,0 ND Positive donors * Donation screening started differently in Emilia-Romagna provinces. Yearly distribution of tested donations in Emilia-Romagna Observed WNV tested donations Estimated WNV tested donations until 30 NOV 2013 Donations and donors 2013 Observed WNV tested donations until 20 OCT 2013 N= Observed WNV tested donations if screening would be started after the first WNND confirmed case in each province N= ATTENTION: FOUR POSITIVE DONORS WERE IDENTIFIED THROUGH THE ANTICIPATION OF SCREENING! Distribution of tested donations in Emilia- Romagna Estimated WNV tested donations until 30 NOV 2013 N= Estimated WNV tested donations from 01 JUL 2013 to 30 NOV 2013 N= (scenario for entire surveillance period) 21

22 In terms of cost-benefit, our integrated surveillance system is: TOSCANA Virus e flebotomi Sensitive Able to detect the viral circulation earlier Helpful Diptera: Psycodidae; sottofam. Phlebotominae; In Italia presente il genere Phlebotomus con le specie P. papatasi, P. perfiliewi, P. perniciosus, P. mascittii, P. larroussius major, P. sergenti ed il genere Sergentomyia con il generotipo S. minuta. Dimensioni tra 1-3 mm Colorazione del corpo giallino vivace Fitta peluria che ricopre addome torace ed ali Il capo forma un angolo retto con il torace Ali appuntite e leggermente strette per tutta la loro lunghezza mantenute, a riposo, verticalmente sul corpo Le femmine depongono fino a 100 uova ciascuna; schiusa dopo 8-9 giorni. Le larve, terricole, vivono in substrati ricchi di materiale organico in decomposizione Meningite da TosV Agente eziologico: TOSV (Flebovirus, famiglia Bunyavirus) Serbatoio non conosciuto; nessun mammifero né uccello è stato riconosciuto quale potenziale serbatoio Vettore: P. perniciosus e P. perfiliewi 22

23 Sintomatologia: febbre, mal di testa e mialgia e nei casi più gravi, può causare meningiti acute e meningo-encefaliti Nel 2012 si sono registrati 31 casi umani di meningoencefalite da Toscana Virus (TOSV) nella regione Emilia-Romagna concentrati per la maggior parte nelle province di Bologna, Forlì e Rimini Meningiti/meningoencefaliti da Toscana virus per sesso ed età. Emilia-Romagna ETA FEMMINE MASCHI TOTALE TOTALE Andamento temporale delle positività TOV Valori assoluti. Emilia-Romagna, SORVEGLIANZA Distribuzione per AUSL residenza/domicilio dei casi positivi per TOSV PIACENZA casi casi casi PARMA caso casi casi MODENA casi casi caso FERRARA casi caso casi RAVENNA caso casi casi CASI TOTALI CON RESIDENZA/DOMICILIO IN EMILIA-ROMAGNA /01-14/06 15/06-30/06 01/07-14/07 15/07-31/07 01/08-14/08 15/08-31/08 01/09-14/09 15/09-30/09 01/10-14/10 15/10-31/12 REGGIO EMILIA casi casi casi IMOLA casi BOLOGNA casi casi casi casi CASI CASI CASI + 1 caso EXTRA - Regione + 3 casi EXTRA - Regione casi FORLI casi casi casi CESENA caso caso RIMINI casi casi casi casi 23

24 Monitoraggio flebotomi Provincia Comune Ph. perfiliewi Ph. perniciosus Ph.spp Tot. Flebotomi catturati Borgo Tossignano Imola Bologna Dozza Casalfiumanese Fontanelice Monterenzio Riolo Terme Ravenna Casola Valsenio Brisighella Totale Monitoraggio nell ambito sorveglianza WN 24

25 Rischiamo di importare altre specie? 26 aprile 2012 Rischiamo di importare altre specie? Caratteri morfologici differenziali tra adulti di Aedes aegypti e Ae. albopictus Dati: R. Romi

Le azioni in atto in Emilia-Romagna per la prevenzione delle malattie a trasmissione vettoriale

Le azioni in atto in Emilia-Romagna per la prevenzione delle malattie a trasmissione vettoriale Il progetto Life Conops sistemi di sorveglianza delle zanzare invasive Le azioni in atto in Emilia-Romagna per la prevenzione delle malattie a trasmissione vettoriale Bologna 10 marzo 2014 Claudio Venturelli

Dettagli

DEFINIZIONE DI UNA SOGLIA DI RISCHIO EPIDEMIOLOGICO

DEFINIZIONE DI UNA SOGLIA DI RISCHIO EPIDEMIOLOGICO DEFINIZIONE DI UNA SOGLIA DI RISCHIO EPIDEMIOLOGICO A seguito dello studio condotto nel 28 nell ambito del progetto ministeriale su Chikungunya si sono valutati i livelli di rischio epidemico sulla base

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 2 del 22/07/2015

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 2 del 22/07/2015 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- Sede Legale: Via Bianchi, 9 25124 Brescia

Dettagli

Le malattie da vettore in Emilia-Romagna

Le malattie da vettore in Emilia-Romagna Seminario regionale Le malattie da vettore in Emilia-Romagna West Nile Disease Le sorveglianze: dati storici e prospettive 2012 La sorveglianza sanitaria Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 1 del 17/07/2014

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 1 del 17/07/2014 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA

Dettagli

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013 MALATTIE DA VETTORE IN EMILIA-ROMAGNA: PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO 2013 Bologna, 17 maggio 2013 Chikungunya-Dengue Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli Servizio

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

Attività di monitoraggio e lotta. contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya

Attività di monitoraggio e lotta. contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya Attività di monitoraggio e lotta in Emilia-Romagna contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya Descrizione epidemia di febbre da virus Chikungunya 07 L epidemia si è verificata nel corso dell estate

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 8 del 28/01/2014

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 8 del 28/01/2014 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA

Dettagli

PATOLOGIE EMERGENTI E RIEMERGENTI

PATOLOGIE EMERGENTI E RIEMERGENTI PATOLOGIE EMERGENTI IN ITALIA Loredana Nicoletti Istituto Superiore di Sanità, Roma PATOLOGIE EMERGENTI E RIEMERGENTI Globalizzazione, Migrazione, Salute e Vaccini Le nuove patologie della Globalizzazione

Dettagli

West Nile virus (WNV)

West Nile virus (WNV) MALATTIE DA VETTORE IN EMILIA-ROMAGNA: Bologna, 17 maggio 2013 PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO 2013 West Nile virus (WNV) Sorveglianza umana Roberto Cagarelli Servizio Sanità pubblica Assessorato Politiche

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Dott.ssa Paola Angelini Servizio Sanità pubblica D.G. Sanità e Politiche

Dettagli

TITOLO: Miglioramento della Sorveglianza della West Nile nel Veneto

TITOLO: Miglioramento della Sorveglianza della West Nile nel Veneto TITOLO: Miglioramento della Sorveglianza della West Nile nel Veneto ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Descrizione ed analisi del problema La febbre West Nile (West Nile Fever) è una malattia provocata dal

Dettagli

Infezione da West Nile Virus: una esperienza emiliano-romagnola. Florio Ghinelli Presidente A.V.I.S. Provinciale Ferrara

Infezione da West Nile Virus: una esperienza emiliano-romagnola. Florio Ghinelli Presidente A.V.I.S. Provinciale Ferrara Infezione da West Nile Virus: una esperienza emiliano-romagnola Florio Ghinelli Presidente A.V.I.S. Provinciale Ferrara Virus West Nile Gruppo degli Arbovirus, famiglia Flaviviridae, genere Flavivirus

Dettagli

INTRODUZIONE La chikungunya West-Nile

INTRODUZIONE La chikungunya West-Nile INTRODUZIONE Negli ultimi anni fattori correlati a cambiamenti climatici e alla globalizzazione, che hanno portato all'aumento dei viaggi a scopo turistico, professionale o di scambi commerciali verso

Dettagli

L emergenza Chikungunya in Emilia-Romagna: apprendere dall esperienza. Chikungunya emergency in Emilia-Romagna: learning through experience

L emergenza Chikungunya in Emilia-Romagna: apprendere dall esperienza. Chikungunya emergency in Emilia-Romagna: learning through experience L emergenza Chikungunya in Emilia-Romagna: apprendere dall esperienza Chikungunya emergency in Emilia-Romagna: learning through experience Paola Angelini, 1 Alba Carola Finarelli, 1 Giuliano Silvi, 2 Bianca

Dettagli

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014 Bollettino epidemiologico WND 5 gennaio 205 n.6 West Nile Disease in Italia nel 204 Sommario Introduzione 2 Situazione epidemiologica 3 Sorveglianza equidi 4 Sorveglianza uccelli di specie bersaglio 5

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2014

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2014 PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 04 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO Prevenzione delle malattie a trasmissione vettoriale: sviluppo e implementazione pilota di strumenti di supporto operativo ENTE PARTNER:

Dettagli

Loredana Nicoletti Istituto Superiore di Sanità

Loredana Nicoletti Istituto Superiore di Sanità Loredana Nicoletti Istituto Superiore di Sanità La malattia da virus Chikungunya era una forma relativamente rara di febbre virale debilitante causata da un alphavirus trasmessa dalla puntura della zanzara

Dettagli

I compiti del Servizio Igiene Pubblica nell ambito della sorveglianza sanitaria delle malattie infettive trasmesse da vettori.

I compiti del Servizio Igiene Pubblica nell ambito della sorveglianza sanitaria delle malattie infettive trasmesse da vettori. West Nile Disease e altre malattie a trasmissione vettoriale nel territorio regionale. I compiti del Dipartimento di Sanità Pubblica Venerdì 15 aprile 2011 Sala Galloni I compiti del Servizio Igiene Pubblica

Dettagli

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Stefano Marangon Gioia Capelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Definizione di infezione (re)-emergente E un

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0020115-16/06/2015-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V Malattie Infettive e Profilassi Internazionale ex-dgprev DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÀ

Dettagli

Clima e malattie trasmesse da vettori (VBD) in Italia

Clima e malattie trasmesse da vettori (VBD) in Italia Clima e malattie trasmesse da vettori (VBD) in Italia Perché l Italia è considerata tra i Paesi maggiormente «a rischio» di introduzione di nuovi vettori e VBD emergenti L Italia si estende in lunghezza

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0020115-16/06/2015-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V Malattie Infettive e Profilassi Internazionale ex-dgprev DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÀ

Dettagli

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014 REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014 Aprile 2014 1 Sorveglianza West Nile Disease Anno 2014 Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata

Dettagli

Sorveglianza West Nile Disease

Sorveglianza West Nile Disease Report 2013 Sorveglianza West Nile Disease Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata su WND nell anno 2013. La sorveglianza è condotta in

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

West Nile Disease. Ministero della Salute. 28 febbraio 2014

West Nile Disease. Ministero della Salute. 28 febbraio 2014 West Nile Disease 28 febbraio 2014 Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE

Dettagli

Pratiche di disinfestazione ordinaria e in emergenza sanitaria

Pratiche di disinfestazione ordinaria e in emergenza sanitaria Pratiche di disinfestazione ordinaria e in emergenza sanitaria Simone Martini martini@entostudio.com Integrated Mosquito Management is a comprehensive mosquito prevention/control strategy that utilizes

Dettagli

Fattori determinanti di alcune malattie emergenti, da insetti vettori

Fattori determinanti di alcune malattie emergenti, da insetti vettori Fattori determinanti di alcune malattie emergenti, da insetti vettori Giulia Morosetti Azienda Sanitaria dell Alto Adige Servizio Veterinario Aziendale, Bolzano Malattie emergenti Infezioni nuove, riemergenti

Dettagli

Epidemiologia nella popolazione dei donatori di emocomponenti

Epidemiologia nella popolazione dei donatori di emocomponenti Epidemiologia nella popolazione dei donatori di emocomponenti Simonetta Pupella Centro Nazionale Sangue Approcci innovativi ed integrati per la riduzione del rischio trasfusionale Roma, 16 marzo 2011 Reclutamento

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

West Nile Disease in Italia nel 2012

West Nile Disease in Italia nel 2012 19 luglio n. 3, 2012 West Nile Disease in Italia nel 2012 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla

Dettagli

Diagnosi di infezione da West Nile virus (WNV)

Diagnosi di infezione da West Nile virus (WNV) Il ruolo del laboratorio nella diagnosi delle zoonosi e delle malattie trasmesse da vettori Roma, 1-2 Ottobre 2014 Diagnosi di infezione da West Nile virus (WNV) Giada Rossini Centro Riferimento Regionale

Dettagli

Malattia da virus Zika

Malattia da virus Zika Malattia da virus Zika La zanzara Aedes che trasmette Zika virus trasmette anche Febbre Gialla Dengue e Chikungunia. AAS5 Friuli Occidentale Dipartimento di Prevenzione dr.ssa Oriana Feltrin Malattia

Dettagli

Cambiamenti climatici ed eventi estremi: rischi per la salute in Italia

Cambiamenti climatici ed eventi estremi: rischi per la salute in Italia Cambiamenti climatici ed eventi estremi: rischi per la salute in Italia Tanja Wolf WHO Regional Office for Europe Centre for Health and Environment, Roma Struttura della presentazione Clima e salute Eventi

Dettagli

I principali vettori di malattie nella Regione Veneto

I principali vettori di malattie nella Regione Veneto MONITORAGGIO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI I principali vettori di malattie nella Regione Veneto Gioia Capelli Laboratorio di Parassitologia IZSVe Venezia 18 ottobre 2011 Chi sono gli

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

7 giugno 2014 -Corso Trasfusioni e rischio biologico: le nuove infezioni. L epidemia di Chikungunya in Emilia Romagna. Luca Boetti

7 giugno 2014 -Corso Trasfusioni e rischio biologico: le nuove infezioni. L epidemia di Chikungunya in Emilia Romagna. Luca Boetti 7 giugno 2014 -Corso Trasfusioni e rischio biologico: le nuove infezioni L epidemia di Chikungunya in Emilia Romagna Luca Boetti Premessa Sostituto di Florio Ghinelli Ieri alle ore 12.00 Sono un medico

Dettagli

Diagnosi, cura e protocolli di gestione dei casi di malattie da vettore

Diagnosi, cura e protocolli di gestione dei casi di malattie da vettore Diagnosi, cura e protocolli di gestione dei casi di malattie da vettore Dott. Carlo Pallotto Clinica delle Malattie Infettive Azienda Ospedaliero-Universitaria di Perugia Università degli Studi di Perugia

Dettagli

Comunicati Stampa della Giunta Regionale

Comunicati Stampa della Giunta Regionale Comunicati Stampa della Giunta Regionale Virus Chikungunya: delegazione Ecdc-Oms in Regione (Bologna, 18 settembre 2007) L infezione da virus Chikungunya manifestatasi in Emilia-Romagna è un fatto rilevante

Dettagli

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche.

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche. Piano di sorveglianza della West Nile disease Approfondimenti su un cluster di positività sierologica sui cavalli saggiati nelle attività di sorveglianza 2008; 1 semestre. Relazione a cura di S.Gavaudan

Dettagli

L Ordinanza Sindacale: schema tipo regionale

L Ordinanza Sindacale: schema tipo regionale L Ordinanza Sindacale: schema tipo regionale Dr. Giovanni Casaletti SIP Controllo Rischi Biologici Azienda USL di Modena Agosto 2007: primi casi di Febbre da Chikungunja (Castiglione di Cervia e a Castiglione

Dettagli

10 settembre 2012, n. 8

10 settembre 2012, n. 8 10 settembre 2012, n. 8 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla mortalità negli uccelli selvatici

Dettagli

Situazione epidemiologica

Situazione epidemiologica IN ITALIA NEL 009 N. 4 0 febbraio 00 Situazione epidemiologica I focolai confermati ad oggi sono 6 di cui con sintomi clinici (Tabella e Figura ). I casi clinicamente manifesti negli equidi sono 7 con

Dettagli

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV)

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) FSME (Frühsommermeningoenzephalitis) Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) 95 West Nile Virus Foto: CNN Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) DEFINIZIONE La febbre del Nilo

Dettagli

West Nile Disease: un rischio costante

West Nile Disease: un rischio costante West Nile Disease: un rischio costante Marco Tamba Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia-Romagna marco.tamba@izsler.it 1 West Nile Virus Il virus della West Nile Disease è

Dettagli

Allegato 1 TITOLO: STUDIO MULTIDISCIPLINARE SULL EPIDEMIOLOGIA DELLA WEST NILE IN ITALIA. ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO

Allegato 1 TITOLO: STUDIO MULTIDISCIPLINARE SULL EPIDEMIOLOGIA DELLA WEST NILE IN ITALIA. ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Allegato 1 TITOLO: STUDIO MULTIDISCIPLINARE SULL EPIDEMIOLOGIA DELLA WEST NILE IN ITALIA. ANALISI STRUTTURATA DEL PROGETTO Descrizione ed analisi del problema Dopo 10 anni dalla sua prima comparsa sul

Dettagli

WND: sintomatologia ed evoluzione. Dr.ssa Anna Maria Cattelan

WND: sintomatologia ed evoluzione. Dr.ssa Anna Maria Cattelan WND: sintomatologia ed evoluzione Dr.ssa Anna Maria Cattelan L uomo e le Malattie Infettive L equilibrio dinamico che regola la diffusione o il controllo di una infezione generalmente dipende da tre fattori:

Dettagli

In sintesi, le attività di ricerca che si dovrebbero sviluppare possono essere così elencate:

In sintesi, le attività di ricerca che si dovrebbero sviluppare possono essere così elencate: RELAZIONE Premessa Zanzare e flebotomi rappresentano due importanti gruppi di insetti ematofagi appartenenti all'ordine dei Ditteri. Entrambi sono di estremo rilievo per la salute dell uomo, degli animali

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 245 del 7/4/2015

DETERMINAZIONE N. 245 del 7/4/2015 Direzione Generale della Sanità DETERMINAZIONE N. 245 del 7/4/2015 Oggetto: Piano regionale integrato per la sorveglianza della West Nile Disease 2015-2018. Lo Statuto Speciale della Regione Autonoma della

Dettagli

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE CAMPAGNA INFORMATIVA APRILE 2009 FENOMENOLOGIA ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus) Chii èè? È un Dittero nematocero Aedes Albopictus, comunemente definita Zanzara tigre, originario

Dettagli

Il controllo della Zanzara Tigre in Emilia Romagna: Analisi dei costi sostenuti dagli Enti Locali (2008 2011)

Il controllo della Zanzara Tigre in Emilia Romagna: Analisi dei costi sostenuti dagli Enti Locali (2008 2011) Il controllo della Zanzara Tigre in Emilia Romagna: Analisi dei costi sostenuti dagli Enti Locali (2008 2011) Studio realizzato da: Università di Bologna Polo Scientifico Didattico di Forlì Azienda U.S.L.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439/883832 INCONTRO CON LA CITTADINANZA Diffusione delle ZANZARE e ZECCHE nel nostro

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Prevenzione Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto Maurizio Conte Marialuisa

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

Il sito web www.zanzaratigreonline.it

Il sito web www.zanzaratigreonline.it Il sito web www.zanzaratigreonline.it 1 Zanzara Tigre Cosa fa la Regione Cosa fanno i Cosa fanno le Aziende USL Cosa possono fare i cittadini Linee guida per gli operatori Campagna di comunicazione Esperti

Dettagli

La donazione degli extracomunitari dopo i nuovi Decreti

La donazione degli extracomunitari dopo i nuovi Decreti Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Area Metropolitana di Bologna Direttore: Dr Claudio Velati La donazione degli extracomunitari dopo i nuovi Decreti dott.ssa Vanda Randi SIMT AMBO AUSL

Dettagli

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Origine La zanzara tigre è stata importata nel

Dettagli

Piano di sorveglianza delle Arbovirosi - 2015 INDICE

Piano di sorveglianza delle Arbovirosi - 2015 INDICE Pag. 1 di 20 INDICE MODIFICHE... 2 SCOPO... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 CONTENUTO... 4 PREMESSA... 4 FEBBRE CHIKUNGUNYA E DENGUE... 5 MALATTIA DA VIRUS WEST NILE... 10 ALTRE

Dettagli

West Nile Disease. La malattia

West Nile Disease. La malattia West Nile Disease La malattia La West Nile Disease (WND) è una malattia infettiva di origine virale non contagiosa, trasmessa da insetti vettori (varie specie di zanzare). La WND è una zoonosi e l uomo

Dettagli

Focolaio di malattia di West Nile in Italia

Focolaio di malattia di West Nile in Italia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN SANITÀ ANIMALE, ALLEVAMENTO E PRODUZIONI ZOOTECNICHE Insegnamento di Antropozoonosi Focolaio di malattia di West Nile in Italia 2 febbraio 2009, ore 14-18 18 aula Borgatti

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009 Allegato 1 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009 PREMESSA Come noto l epidemia di Chikungunya che nel 2007 ha interessato

Dettagli

PROGETTO REGIONALE UNITARIO D'INFORMAZIONE E MONITORAGGIO DELLA DIFFUSIONE DEI VETTORI DI PATOLOGIE UMANE E ANIMALI VEICOLATE DA ZANZARE

PROGETTO REGIONALE UNITARIO D'INFORMAZIONE E MONITORAGGIO DELLA DIFFUSIONE DEI VETTORI DI PATOLOGIE UMANE E ANIMALI VEICOLATE DA ZANZARE PROGETTO REGIONALE UNITARIO D'INFORMAZIONE E MONITORAGGIO DELLA DIFFUSIONE DEI VETTORI DI PATOLOGIE UMANE E ANIMALI VEICOLATE DA ZANZARE Deliberazione della Giunta Regionale 10 maggio 2013, n. 3-5763 L.R.

Dettagli

ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso

ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso 1. Programma di controllo 2. Monitoraggio 3. Rete di ovitrappole 4. Manutenzione settimanale 5. Sistema di sorveglianza a Roma 6. Parametri utilizzati 7. Dati climatici

Dettagli

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare Contro la la zanzara tigre tigre Speciale viaggi 4 facciamoci in in 4 Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare conosciamo meglio le malattie

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi

Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi Progetto CCM Sorveglianza della febbre Chikungunya e altre malattie trasmesse da artropodi PREMESSA Qualunque sistema di sorveglianza sanitaria di patologie trasmissibili raccoglie ed elabora informazioni

Dettagli

SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA MALATTIA DI WEST NILE IN FRIULI VENEZIA GIULIA E ALTRE MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI (CHIKUNGUNYA, DENGUE) 2012

SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA MALATTIA DI WEST NILE IN FRIULI VENEZIA GIULIA E ALTRE MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI (CHIKUNGUNYA, DENGUE) 2012 SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA MALATTIA DI WEST NILE IN FRIULI VENEZIA GIULIA E ALTRE MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI (CHIKUNGUNYA, DENGUE) 2012 Premessa Nel corso del 2008, come in altri Paesi europei (Ungheria,

Dettagli

a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica?

a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica? a p p u n t i d i s c i e n z a 5. WEST NILE DISEASE... una malattia esotica? L IZSVe è un ente sanitario di diritto pubblico che svolge attività di prevenzione, di controllo e di ricerca nell ambito del

Dettagli

Enter-Net Italia: La sorveglianza nazionale delle infezioni trasmesse da alimenti. Alfredo Caprioli

Enter-Net Italia: La sorveglianza nazionale delle infezioni trasmesse da alimenti. Alfredo Caprioli Contenimento e controllo delle MTA - Roma, 28 Maggio 2013 Enter-Net Italia: La sorveglianza nazionale delle infezioni trasmesse da alimenti Alfredo Caprioli EU Reference Laboratory for Escherichia coli

Dettagli

Sorveglianza Epidemiologica Emilia-Romagna

Sorveglianza Epidemiologica Emilia-Romagna ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA Tel. 030-22901

Dettagli

La Zanzara tigre in bergamasca. La comparsa di un alieno!

La Zanzara tigre in bergamasca. La comparsa di un alieno! La Zanzara tigre in bergamasca La comparsa di un alieno! Raffaello Maffi Dipartimento di Prevenzione Medico Direzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ASL di Bergamo LE ZANZARE sono insetti presenti in

Dettagli

Sorveglianza delle malattie da vettori e Sanità Pubblica Veterinaria (SPV)

Sorveglianza delle malattie da vettori e Sanità Pubblica Veterinaria (SPV) Sorveglianza delle malattie da vettori e Sanità Pubblica Veterinaria (SPV) Stefano Gavaudan Centro Riferimento Malattie da Vettori Isitituto Zooprofilattico Sperimentale Umbria-Marche Il Cambiamento climatico:

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0017674-30/06/2014-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio V Malattie Infettive e Profilassi Internazionale ex DG PREV A: ASSESSORATI ALLA SANITÀ REGIONI STATUTO

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0020115-16/06/2015-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V Malattie Infettive e Profilassi Internazionale ex-dgprev DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÀ

Dettagli

La sorveglianza delle Paralisi Flaccide Acute (AFP) in Piemonte

La sorveglianza delle Paralisi Flaccide Acute (AFP) in Piemonte La sorveglianza delle Paralisi Flaccide Acute (AFP) in Piemonte Daniela Lombardi Torino, 16 febbraio 2016 La rete locale piemontese È coordinata dal SeREMI della ASL AL dal 2011 Prodotti attesi e indicatori

Dettagli

Aedes koreicus, una nuova specie invasiva per l Italia biologia e diffusione

Aedes koreicus, una nuova specie invasiva per l Italia biologia e diffusione Il Progetto Life Conops: sistemi di sorveglianza delle zanzare invasive Bologna 10/03/2014 Aedes koreicus, una nuova specie invasiva per l Italia biologia e diffusione Fabrizio Montarsi Silvia Ciocchetta

Dettagli

Lettera di informazione n. 56 - febbraio 2005. Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna

Lettera di informazione n. 56 - febbraio 2005. Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI CENTRO EMILIANO ROMAGNOLO DI EPIDEMIOLOGIA VETERINARIA Lettera di informazione n. 56 - febbraio 2005 IN QUESTO

Dettagli

Piano sorveglianza arbovirosi 2016

Piano sorveglianza arbovirosi 2016 Allegato A Piano sorveglianza arbovirosi 2016 1. Chikungunya/Dengue/Zika Si confermano anche per il corrente anno i due cardini della strategia di prevenzione già ampiamente sottolineati nei precedenti

Dettagli

WND e Chikungunya: aspetti clinici ed epidemiologici umani

WND e Chikungunya: aspetti clinici ed epidemiologici umani VENEZIA, 29 aprile 2009 Patologie trasmesse da artropodi: Chikungunya e West Nile Disease - Vigilanza igienica WND e Chikungunya: aspetti clinici ed epidemiologici umani Giampietro Pellizzer UO Malattie

Dettagli

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza

Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Il PNEMRoC ad un anno dalla scadenza Vaccinazione antimorbillo in Italia Introduzione della vaccinazione Vaccinazione universale Disponibile dal 1976 Raccomandato dal Ministero della Salute dal 1979 Fino

Dettagli

LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE

LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE STRATEGIE E PIANI DI CONTROLLO ANNO 2014 Agg. 14 mar 2014 Sede Reggio Emilia Servizio Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione Tel. 0522/297664 fax 0522/297675 E-mail : ddd.re@gruppoiren.it

Dettagli

PIANO REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE E LA PREVENZIONE DELLA CHIKUNGUNYA E DELLA DENGUE ANNO 2008

PIANO REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE E LA PREVENZIONE DELLA CHIKUNGUNYA E DELLA DENGUE ANNO 2008 PIANO REGIONALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE E LA PREVENZIONE DELLA CHIKUNGUNYA E DELLA DENGUE ANNO 2008 INDICE SOMMARIO 1 PREMESSA Pag. 2 2 QUADRO EPIDEMIOLOGICO E SCENARI Pag.

Dettagli

Biologia ed etologia della Zanzara Tigre. Quali altri vettori potrebbero essere introdotti nel nostro paese

Biologia ed etologia della Zanzara Tigre. Quali altri vettori potrebbero essere introdotti nel nostro paese Biologia ed etologia della Zanzara Tigre. Quali altri vettori potrebbero essere introdotti nel nostro paese Mattia Calzolari Laboratorio Entomologico IZSLER Sez Reggio E Chi è la zanzara tigre 11 aprile

Dettagli

Risvolti socio sanitari del problema Aspetti tecnici e soluzione ecologica

Risvolti socio sanitari del problema Aspetti tecnici e soluzione ecologica Risvolti socio sanitari del problema Aspetti tecnici e soluzione ecologica Origine e diffusione in Italia L Aedes Albopictus, meglio nota come zanzara tigre, origina dalle foreste pluviali del sud est

Dettagli

Come difendersi dalle zanzare

Come difendersi dalle zanzare Istituto Comprensivo Massarosa 2 Percorsi per capire Laboratori del Sapere Scientifico Come difendersi dalle zanzare Paolo Ercolini Biologo Piano di Conca, 18 novembre 2013 Fonti internet rilevate dal

Dettagli

COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE

COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE Prot. Gen. n. 37631/2015 ORDINANZA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE DA ARTROPODI VETTORI (il caso della leishmaniosi) Ezio Ferroglio

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE DA ARTROPODI VETTORI (il caso della leishmaniosi) Ezio Ferroglio Facoltà di Medicina Veterinaria Dipartimento di Produzioni Animali, Epidemiologia ed Ecologia Via L. DA Vinci, 44 10095 Grugliasco (TO) 011/6709002 ezio.ferroglio@unito.it SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLE

Dettagli

Progetto pilota Lotta alla zanzare, attuato nella Provincia di Rovigo.

Progetto pilota Lotta alla zanzare, attuato nella Provincia di Rovigo. Progetto Pilota PLZ Progetto pilota Lotta alla zanzare, attuato nella Provincia di Rovigo. 1. INFORMAZIONI PRELIMINARI In data 03.04.2009 prot. n. 11792 i Presidenti, delle CONFERENZE dei Sindaci Azienda

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA Assessorato politiche per la salute EPIDEMIOLOGIA DELLA MALARIA IN EMILIA-ROMAGNA 1999-2010 Servizio Sanità Pubblica - Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali - Regione Emilia-Romagna Il rapporto

Dettagli

Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013

Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013 Epidemiologia della infezione da HIV in Emilia-Romagna. Dati dal Registro Sorveglianza nuove diagnosi 2006-2013 Alba Carola Finarelli, Erika Massimiliani Servizio Sanità Pubblica Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Il Test di Avidità nell infezione da HIV

Il Test di Avidità nell infezione da HIV Il Test di Avidità nell infezione da HIV 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia Diagnosi di infezione da

Dettagli

ARBOVIRUS. Gruppo ecologico, in base alle modalità di trasmissione, non tassonomico classico.

ARBOVIRUS. Gruppo ecologico, in base alle modalità di trasmissione, non tassonomico classico. ARBOVIRUS ARBOVIRUS Gruppo ecologico, in base alle modalità di trasmissione, non tassonomico classico. Include virus dei vertebrati trasmessi da insetti ematofagi (ARthropod BOrn VIRUSes). Definizione

Dettagli

Lotta alla zanzara tigre a Ferrara. Massimo Tassinari m.o. sorveglianza epidemiologica veterinaria Area di Sanità Pubblica Veterinaria

Lotta alla zanzara tigre a Ferrara. Massimo Tassinari m.o. sorveglianza epidemiologica veterinaria Area di Sanità Pubblica Veterinaria Lotta alla zanzara tigre a Ferrara Massimo Tassinari m.o. sorveglianza epidemiologica veterinaria Area di Sanità Pubblica Veterinaria DPGRER n. 280 del 3 marzo 2008 2.4 Classificazione del territorio

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato,

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, oggi più che mai migliorati anche dall'ausilio delle tecnologie

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ADDA Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ADDA Provincia di Bergamo Prot. n. 3244 Ordinanza n. 10/12 PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE DALLA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS) IL SINDACO Vista la

Dettagli