da protozoi criptosporidiosi, leishmaniosi, sarcosporidiosi, toxoplasmosi, tripanosomosi.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "da protozoi criptosporidiosi, leishmaniosi, sarcosporidiosi, toxoplasmosi, tripanosomosi."

Transcript

1 in base all agente eziologico Batteriche: borreliosi di Lyme, brucellosi, carbonchio, clamidiosi, febbre bottonosa, febbre Q, leptospirosi, listeriosi, salmonellosi, tbc, tularemia... Virali: coriomeningite linfocitaria, encefalite di WN, encefaliti equine da togavirus, febbre della valle del Rift, influenza aviare, malattia di Ebola, malattia di Marburg, malattia di Newcastle, rabbia, TBE... Micotiche: criptococcosi, dermatofitozoonosi, istoplasmosi.. Parassitarie: da protozoi criptosporidiosi, leishmaniosi, sarcosporidiosi, toxoplasmosi, tripanosomosi. da elminti difillobotriosi, opistorchiosi, echinococcosi cistica, teniosi/cisticercosi, anisakiosi, trichinellosi, visceral larva migrans... da artropodi dermatiti da acari pulci e zecche, miasi, rogna (pseudoscabbia), tungiasi. in base alla specie animale ospite bovine brucellosi, febbre Q, febbre della valle del Rift, leptospirosi, listeriosi, tbc, teniosi/cisticercosi... ovi-caprine brucellosi, febbre Q, febbre della valle del Rift, listeriosi, toxoplasmosi echinococcosi cistica.. suine brucellosi, leptospirosi, teniosi/cisticercosi, toxoplasmosi, trichinellosi.. equine morva, trichinellosi, encefaliti da alphavirus e da flavivirus. canine brucellosi, echinococcosi cistica, leptospirosi, leishmaniosi, rabbia, salmonellosi, toxocarosi feline clamidiosi, malattia da graffio di gatto, febbre Q, toxoplasmosi. aviari clamidiosi, Newcastle disease, EEE, WEE, WN... ittiche anisakiosi, difillobotriosi, opistorchiosi 1

2 in base alla specie animale sorgente d infezione per l uomo bovine brucellosi, febbre Q, febbre della valle del Rift, leptospirosi, listeriosi, tbc, teniosi/cisticercosi... ovi-caprine brucellosi, febbre Q, febbre della valle del Rift, listeriosi, toxoplasmosi.. suine brucellosi, leptospirosi, teniosi/cisticercosi, toxoplasmosi, trichinellosi.. equine morva, trichinellosi, VEE. canine brucellosi, echinococcosi cistica, leptospirosi, leishmaniosi, rabbia, salmonellosi, toxocarosi feline clamidiosi, malattia da graffio di gatto, febbre Q, toxoplasmosi. aviari clamidiosi, Newcastle disease, EEE, WEE, WN... ittiche anisakiosi, difillobotriosi, opistorchiosi in base all ambiente zoonosi silvestri borreliosi di lyme, febbre bottonosa, rabbia, TBE, trichinellosi, tularemia... zoonosi rurali brucellosi, clamidiosi, dermatofitozoonosi, febbre Q, echinococcosi cistica, teniosi/cisticercosi, toxoplasmosi, trichinellosi... zoonosi urbane clamidiosi (psittacosi/ornitosi), dermatofitozoonosi, febbre bottonosa, leishmaniosi, malattia da graffio di gatto, rabbia, salmonellosi, toxoplasmosi, visceral larva migrans... 2

3 in base all ambiente alcuni agenti di zoonosi possono avere cicli di trasmissione in habitat diversi: Chikunguya ciclo silvestre ciclo urbano Febbre gialla ciclo silvestre ciclo urbano Febbre bottonosa ciclo silvestre ciclo urbano Rabbia ciclo silvestre ciclo urbano Trichinellosi ciclo silvestre ciclo rurale Tripanosomosi ciclo silvestre ciclo rurale ciclo urbano in base all importanza socio-economica (OMS, 1975) importanti per la salute umana e con gravi riflessi negativi sulle produzioni animali brucellosi, tubercolosi BSE/CJDv, influenza aviare importanti per la salute umana ma di scarsa importanza per le produzioni animali febbre Q, SARS, toxoplasmosi (immunodepressi/tranne ovi-caprini) importanti per le produzioni animali ma di scarsa importanza per la salute umana afta epizootica, malattia di Newcastle BSE/CJDv, influenza aviare 3

4 in base ai cicli e alle modalità di trasmissione CLASSIFICAZIONE di SCHWABE CLASSIFICAZIONE di LYSENKO MODALITÀ DI TRASMISSIONE DELLE ZOONOSI per contatto diretto con - animali (tramite morsi, graffi, contatto cute) es.: rabbia, malattia da graffio di gatto, dermatofitozoonosi - loro secreti ed escreti es.: brucellosi, leptospirosi, salmonellosi per contatto indiretto tramite - ambiente contaminato es.: febbre Q, leptospirosi, listeriosi, dermatofitozoonosi, echinococcosi cistica, toxoplasmosi - alimenti e altri prodotti di o.a. es.: brucellosi, febbre Q, salmonellosi, teniosi/cisticercosi, toxoplasmosi, trichinellosi, carbonchio ematico - tramite vettori biologici es.: encefalite di West Nile, febbre bottonosa, leishmaniosi 4

5 vie di penetrazione Via orale es.: brucellosi, carbonchio, febbre Q, listeriosi, salmonellosi, tbc, anisakiosi, echinoccoccosi cistica, toxoplasmosi, teniosi/cisticercosi, trichinellosi Via muco-cutanea cutanea (per contatto o inoculazione) es.: rabbia, brucellosi, carbonchio, leptospirosi, dermatofitozoonosi, encefalite di West Nile, febbre bottonosa, leishmaniosi Via aerogena (a distanza ravvicinata o a notevole distanza) es.: brucellosi, carbonchio, clamidiosi, febbre Q in base al ciclo biologico dell agente (Schwabe, 1964 e 1969) ZOONOSI DIRETTE CICLOZOONOSI METAZOONOSI SAPROZOONOSI 5

6 (Schwabe) ZOONOSI DIRETTE: trasmesse per contatto diretto o attraverso un veicolo (anche vettore meccanico), senza che l agente subisca modificazioni prima della trasmissione es.: rabbia, malattia da graffio di gatto, brucellosi, clamidiosi, salmonellosi, dermatofitozoonosi, toxoplasmosi, trichinellosi ciclo biologico di Trichinella spiralis 6

7 Ciclo di Trichinella britovi (Schwabe) CICLOZOONOSI: richiedono più ospiti vertebrati per completare il ciclo di sviluppo dell agente es.: echinococcosi cistica, teniosi/cisticercosi 7

8 ciclo biologico di Echinococcus granulosus (Schwabe) METAZOONOSI: richiedono più ospiti, tra i quali almeno uno invertebrato, nei quali l agente si moltiplica e/o si sviluppa es.: encefaliti da togavirus, malattia di West Nile, febbre gialla, chikunguya, TBE, febbre bottonosa, febbre Q, malattia di Lyme, leishmaniosi, anisakiosi, difillobotriosi, opistorchiosi 8

9 Anisakiosi: ciclo biologico (Schwabe) SAPROZOONOSI: una parte del ciclo biologico dell agente si compie nell ambiente esterno; c è sia un ospite animale sia un sito di sviluppo o serbatoio inanimato es.: criptococcosi, istoplasmosi, listeriosi, toxoplasmosi, toxocarosi (larva migrans visceralis), anisakiosi 9

10 Ciclo biologico di Toxocara canis 10

11 in base al ciclo biologico dell agente (Schwabe, 1964 e 1969) Alcune zoonosi possono essere classificate in più di un gruppo Toxoplasmosi Zoonosi dirette/saprozoonosi Febbre Q Zoonosi dirette/metazoonosi Anisakiosi Metazoonosi/Saprozoonosi (Lysenko, 1982) basata su: 1. modalità di trasmissione all uomo 2. via di penetrazione: orale o cutanea/mucosale secondo il criterio 1.: ZOONOSI DIRETTE l agente eziologico non passa nell ambiente esterno e/o non si moltiplica/sviluppa fuori dell ospite donatore GEO-ZOONOSI l agente eziologico si moltiplica/sviluppa fuori del donatore in un substrato inanimato METAXENOZOONOSI l agente eziologico si moltiplica/sviluppa fuori del donatore in altri ospiti 11

12 (Lysenko, 1982) via d ingresso meccanismo di trasmissione (all uomo) ZOONOSI DIRETTE GEOZOONOSI METAXENOZOONOSI brucellosi cisticercosi salmonellosi alimenti da an. inf. difillobotriosi tbc anisakiosi toxoplasmosi (cisti) opistorchiosi trichinellosi orale salmonellosi listeriosi mani, acqua, alimenti leptospirosi toxocarosi echinococcosi cistica contaminati toxoplasmosi (oocisti) echinococcosi alveolare muco-cutanea carbonchio dermatofitozoonosi mal. da graffio di gatto rabbia rogna ancilostomosi tungiasi TBE borreliosi leishmaniosi tripanosomosi.. (Zoonosi da artropodi) CONFRONTO TRA CLASSIFICAZIONI LISENKO SCHWABE Zoonosi dirette Zoonosi dirette Geo-zoonosi Saprozoonosi (Zoonosi dirette) Meta-xenozoonosi Metazoonosi - Ciclozoonosi (Saprozoonosi) No infezioni da sorgente comune Saprozoonosi Modalità di trasmissione + via d ingresso Modalità di trasmissione No infezioni per via respiratoria 12

da protozoi criptosporidiosi, leishmaniosi, sarcosporidiosi, toxoplasmosi, tripanosomosi.

da protozoi criptosporidiosi, leishmaniosi, sarcosporidiosi, toxoplasmosi, tripanosomosi. in base all agente eziologico Batteriche: borreliosi di Lyme, brucellosi, carbonchio, clamidiosi, febbre bottonosa, febbre Q, leptospirosi, listeriosi, salmonellosi, tbc, tularemia... Virali: coriomeningite

Dettagli

Zoonosi occupazionali storia

Zoonosi occupazionali storia Zoonosi come malattie occupazionali DSPVPA storia Fin dall antichità malattie associate ad attività lavorative a contatto con animali: 425 a.c. Tito Livio scabbia in contadini e schiavi IV sec. Renato

Dettagli

Zoonosi emergenti e riemergenti. Aldo Grasselli Presidente Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva

Zoonosi emergenti e riemergenti. Aldo Grasselli Presidente Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva Zoonosi emergenti e riemergenti Aldo Grasselli Presidente Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva West Nile Disease West Nile virus/disease (WNV) is a potentially serious illness. Experts believe

Dettagli

Zoonosi tradizionali e. malattie. trasmesse da zecche

Zoonosi tradizionali e. malattie. trasmesse da zecche Zoonosi tradizionali e malattie trasmesse da zecche Prevenzione delle zoonosi e delle malattie trasmesse da vettori Dott Vito Perremuto Definizioni Sorgente d infezione Serbatoio d infezione portatore

Dettagli

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Roberta Galuppi DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA E PATOLOGIA ANIMALE UNIVERSITA

Dettagli

Corso per Operatori Fattorie didattiche. CeFAP

Corso per Operatori Fattorie didattiche. CeFAP Corso per Operatori Fattorie didattiche CeFAP IGIENE DELLE MALATTIE DEGLI ANIMALI DOMESTICI a cura della dott.ssa Serena Fontanot 2 Trattazione della profilassi delle malattie infettive degli animali domestici,

Dettagli

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti

03/02/2013. Bartonella henselae Toxoplasma Campylobacter Cryptosporidium Salmonella Giardia Toxocara Coxiella. Dermatofiti Bambini e cuccioli Il gatto di casa e la futura mamma Dott.ssa Nadia Gussetti Azienda Ospedaliera Padova ZOONOSI MALATTIE TRASMISSIBILI DALL ANIMALE ALL UOMO PER CONTATTO DIRETTO O PER VIA INDIRETTA Padova,

Dettagli

LE ZOONOSI COME MALATTIE OCCUPAZIONALI

LE ZOONOSI COME MALATTIE OCCUPAZIONALI LE ZOONOSI COME MALATTIE OCCUPAZIONALI Giorgio Battelli Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale, Alma Mater Studiorum Università di Bologna Via Tolara di sopra 50, 40064 Ozzano

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2000D0096 IT 05.09.2012 006.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 1999 relativa

Dettagli

Aspetti sanitari del canile e controllo delle zoonosi

Aspetti sanitari del canile e controllo delle zoonosi Aspetti sanitari del canile e controllo delle zoonosi UNIBO 12 Giugno 2007 Dott. Maurizio Battistini Servizio Veterinario della Repubblica di San Marino Canile Nasce della Legge 281/91 Anche San Marino

Dettagli

Zoonosi e sanità pubblica

Zoonosi e sanità pubblica Zoonosi e sanità pubblica Elvira Matassa Zoonosi e sanità pubblica Un approccio interdisciplinare per un problema emergente con la collaborazione di Federico Canavesi ABC ELVIRA MATASSA Medico veterinario.

Dettagli

COS E UN AGENTE BIOLOGICO?

COS E UN AGENTE BIOLOGICO? RICHIO BIOLOGICO Rischio connesso con l esposizione a organismi e microrganismi patogeni e non, colture cellulari, endoparassiti umani presenti nell ambiente di lavoro a seguito di emissione e/o trattamento

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

Zoonosi e sanità pubblica

Zoonosi e sanità pubblica Zoonosi e sanità pubblica Elvira Matassa Zoonosi e sanità pubblica Un approccio interdisciplinare per un problema emergente con la collaborazione di Federico Canavesi ABC ELVIRA MATASSA Medico veterinario.

Dettagli

Trasmissione orizzontale: da un segmento all altro della popolazione, nell ambito della stessa generazione. Raffaella Baldelli DSPVPA

Trasmissione orizzontale: da un segmento all altro della popolazione, nell ambito della stessa generazione. Raffaella Baldelli DSPVPA Trasmissione verticale: da una generazione ad un altra Trasmissione orizzontale: da un segmento all altro della popolazione, nell ambito della stessa generazione Trasmissione verticale genetica/ereditaria

Dettagli

IGIENE URBANA VETERINARIA IGIENE URBANA VETERINARIA IGIENE URBANA VETERINARIA. Nasce formalmente a Roma nel 1977:

IGIENE URBANA VETERINARIA IGIENE URBANA VETERINARIA IGIENE URBANA VETERINARIA. Nasce formalmente a Roma nel 1977: IGIENE URBANA VETERINARIA DEFINIZIONI IGIENE URBANA VETERINARIA DEFINIZIONI Attivita di Sanita Pubblica Veterinaria in ambito urbano Scienza dedicata alle attività ed alla organizzazione dei servizi veterinari

Dettagli

Cani/gatti e sanità pubblica. cenni sulle malattie trasmissibili. all uomo

Cani/gatti e sanità pubblica. cenni sulle malattie trasmissibili. all uomo Cani/gatti e sanità pubblica cenni sulle malattie trasmissibili all uomo Piacenza, 18 gen 2012 dr. Carlo Riccio ZOONOSI MALATTIE TRASMISSIBILI DAGLI ANIMALI ALL UOMO SONO PIU DI 200 A LIVELLO PRATICO DA

Dettagli

Istituto. Carta dei Servizi. Zooprofilattico Sperimentale. della Lombardia e dell Emilia Romagna. Bruno Ubertini (ente sanitario di diritto pubblico)

Istituto. Carta dei Servizi. Zooprofilattico Sperimentale. della Lombardia e dell Emilia Romagna. Bruno Ubertini (ente sanitario di diritto pubblico) Istituto Carta dei Servizi 2011 Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna Bruno Ubertini (ente sanitario di diritto pubblico) 1 Note per lʼutilizzo della Carta dei Servizi Questa

Dettagli

Zoonosi trasmesse per via alimentare

Zoonosi trasmesse per via alimentare Zoonosi trasmesse per via alimentare Con il termine zoonosi si incano secondo la definizione ufficiale dell Organizzazione Monale della Sanità (OMS) e della Federal Agricultural Organization (FAO) le malattie

Dettagli

Il rischio biologico da contatto con gli animali

Il rischio biologico da contatto con gli animali WORKSHOP FATTORIE DIDATTICHE 28 NOVEMBRE 2011 Il rischio biologico da contatto con gli animali Laura Chiavacci Osservatorio Epidemiologico Fattorie didattiche La Comunità europea ha incoraggiato lo sviluppo

Dettagli

TITOLO X D.LGS. 81/08 Esposizione ad agenti biologici

TITOLO X D.LGS. 81/08 Esposizione ad agenti biologici TITOLO X D.LGS. 81/08 Esposizione ad agenti biologici CAMPO DI APPLICAZIONE si applica a tutte le attività lavorative nelle quali vi è il rischio di esposizione ad agenti biologici. ALLEGATO XLIV D. Lgs

Dettagli

Le antropozoonosi in pediatria

Le antropozoonosi in pediatria III Corso sulle Zoonosi 25 febbraio 2005 Gli animali e i bambini: dalle malattie trasmissibili a una convivenza responsabile Le antropozoonosi in pediatria dott. Paola Pecco Ospedale Infantile Regina Margherita

Dettagli

LA PARASSITOLOGIA NEL POLICLINICO UMBERTO 1, DAL

LA PARASSITOLOGIA NEL POLICLINICO UMBERTO 1, DAL PARASSITI d ITALIA Una rete al servizio del SSN Animali + Esseri umani = una sola salute ROMA 20-21 ottobre 2011 LA PARASSITOLOGIA NEL POLICLINICO UMBERTO 1, DAL 1974 AD OGGI Prof. Gabriella Cancrini P.A.

Dettagli

IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI

IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI Contro pulci, zecche, zanzare e pappataci IL PIACERE DI SENTIRLI PROTETTI I più comuni parassiti TRASMETTERE Le malattie trasmesse da vettore Pulci, zecche, zanzare e anche pappataci sono un problema per

Dettagli

zoonosi.doc Scabbia, Tigna Scabbia, Tigna Rabbia, Tetano Rabbia, Malattia da graffio di gatto Leptospirosi Leptospirosi

zoonosi.doc Scabbia, Tigna Scabbia, Tigna Rabbia, Tetano Rabbia, Malattia da graffio di gatto Leptospirosi Leptospirosi 1 Malattie trasmissibili dagli animali all uomo Tutti sanno che esiste la possibilità che l uomo e gli animali si trasmettano reciprocamente malattie, che sono definite zoonosi. Le zoonosi conosciute sono

Dettagli

Il quadrilatero di Teobald Smith

Il quadrilatero di Teobald Smith L EPIDEMIOLOGIA E LA SOCIOSOCIO-ECONOMIA VETERINARIA NEL PENSIERO E NELLE AZIONI DI ADRIANO MANTOVANI Giorgio Battelli GIORNATA DI STUDIO SULLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA Adriano Mantovani e la Sanità

Dettagli

ZOONOSI: LE MALATTIE CHE GLI ANIMALI CI POSSONO TRASMETTERE. Convivere con un animale

ZOONOSI: LE MALATTIE CHE GLI ANIMALI CI POSSONO TRASMETTERE. Convivere con un animale ZOONOSI: LE MALATTIE CHE GLI ANIMALI CI POSSONO TRASMETTERE Convivere con un animale Nel nostro Paese la popolazione degli animali familiari si sta ormai numericamente equiparando a quella umana, tanto

Dettagli

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Aggiornamento alla GU 06/09/98 209. MALATTIE INFETTIVE E SOCIALI A) Malattie infettive e diffusive - Norme generali D.M. 15 dicembre 1990 (1). Sistema

Dettagli

Modalità di trasmissione delle malattie infettive

Modalità di trasmissione delle malattie infettive Università degli Studi di Perugia FACOLTÀ DI FARMACIA - CORSO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA- Modalità di trasmissione delle malattie infettive Prof. Silvano Monarca Vie di trasmissione delle infezioni Catena

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Corso Formazione Sanitaria fauna selvatica RISCHI SANITARI, FAUNA SELVATICA E LORO PREVENZIONE

Corso Formazione Sanitaria fauna selvatica RISCHI SANITARI, FAUNA SELVATICA E LORO PREVENZIONE Corso Formazione Sanitaria fauna selvatica 2005 RISCHI SANITARI, FAUNA SELVATICA E LORO PREVENZIONE MALATTIE TRASMISSIBILI DALLA FAUNA SELVATICA ALL UOMO CARATTERISTICHE GENERALI BRUCELLOSI malattia infettiva

Dettagli

Azienda USL 2 Lucca. Dipartimento di Prevenzione U. F. Sicurezza Alimentare e Nutrizione. Responsabile: Dr. Marco Marcucci

Azienda USL 2 Lucca. Dipartimento di Prevenzione U. F. Sicurezza Alimentare e Nutrizione. Responsabile: Dr. Marco Marcucci Azienda USL 2 Lucca Dipartimento di Prevenzione U. F. Sicurezza Alimentare e Nutrizione Responsabile: Dr. Marco Marcucci OBIETTIVI E MISSION DELL UNITA FUNZIONALE DI SICUREZZA ALIMENTARE E NUTRIZIONE controllo

Dettagli

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE Ogni anno, con l avvento della bella stagione, arrivano anche i problemi legati alle infestazioni da parte di pulci e zecche. Per qualunque possessore di cani o gatti,

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Epidemiologia delle malattie infettive Dott.ssa Pamela Di Giovanni Malattie infettive Con il termine di malattia infettiva si intendono tutte quelle affezioni patologiche provocate da organismi viventi

Dettagli

Indice generale. Prefazione... 1

Indice generale. Prefazione... 1 Indice generale Prefazione... 1 Sezione I: Protozoi... 7 1. Caratteri generali.... 9 2. Amebe intestinali.... 13 Infezione da Entamoeba histolytica, E. dispar ed E. moshkovskii.... 13 Infezioni da altre

Dettagli

NOI & LORO Le principali zoonosi di cane e gatto

NOI & LORO Le principali zoonosi di cane e gatto NOI & LORO Le principali zoonosi di cane e gatto Relatrice: dottoressa Leila Dallafior Le ZOONOSI Sono malattie trasmissibili dall' animale all' uomo: il pericolo della loro diffusione è dovuto all'intensificarsi

Dettagli

Clima e malattie trasmesse da vettori (VBD) in Italia

Clima e malattie trasmesse da vettori (VBD) in Italia Clima e malattie trasmesse da vettori (VBD) in Italia Perché l Italia è considerata tra i Paesi maggiormente «a rischio» di introduzione di nuovi vettori e VBD emergenti L Italia si estende in lunghezza

Dettagli

Responsabile scientifico. D.M. di istituzione. Riferimenti. IZS Sede Qualifica

Responsabile scientifico. D.M. di istituzione. Riferimenti. IZS Sede Qualifica IZS Sede Qualifica Piemonte Liguria e Valle d'aosta Torino per lo studio e le ricerche sulle encefalopatie degli animali e neuropatologie comparate di istituzione 03/08/1991 Responsabile scientifico Maria

Dettagli

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18 Convegno La prevenzione delle infezioni nelle strutture sanitarie della Regione Veneto: i progetti regionali e le esperienze locali Castelfranco Veneto, 18 novembre 2005 Le esperienze dei CCIO locali:

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Garofalo. +390957951380 +393356255085 paolo.garofalo@aspct.it. Data di nascita 17/09/1955 Nazionalità Italiana

Curriculum Vitae Paolo Garofalo. +390957951380 +393356255085 paolo.garofalo@aspct.it. Data di nascita 17/09/1955 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Garofalo +390957951380 +393356255085 paolo.garofalo@aspct.it Data di nascita 17/09/1955 Nazionalità Italiana POSIZIONE ATTUALE RICOPERTA Medico Veterinario Dirigente 1 livello

Dettagli

Denuncia di Malattia Infettiva

Denuncia di Malattia Infettiva Denuncia di Malattia Infettiva Strumento determinante per la sorveglianza sulle malattie infettive insorgenti sul territorio con applicazione delle misure di profilassi e controllo al fine di impedire

Dettagli

Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali

Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali 1 Elementi dell infezione La comparsa della malattia mette in gioco le caratteristiche di tre diversi elementi Agente Ospite Ambiente numerosi organismi

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE CURRICULUM PROFESSIONALE Il sottoscritto Dott. Angelo La Vignera, nato a Canicattini Bagni il 10/09/1952 e residente in Siracusa, via Necropoli Grotticelle n. 26, dipendente, in qualità di Veterinario,

Dettagli

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Stefano Marangon Gioia Capelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Definizione di infezione (re)-emergente E un

Dettagli

EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE

EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE Epatite = epatocitonecrosi + flogosi in tutto il fegato EPATITE ACUTA CRONICA da varie cause EPATITI ACUTE: EZIOLOGIA NON INFETTIVA ALCOOL TOSSICI - funghi

Dettagli

*Gruppo di Lavoro Dott. Sandro Capocecera

*Gruppo di Lavoro Dott. Sandro Capocecera REVI - SIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 27.09.2010 *Gruppo di Lavoro Dott. Sandro Capocecera _ TPALL Claudio Celestini GRAP Alessandro Selbmann Raffaela Napoli Roberto Riccardi Nicoletta Salvatori

Dettagli

Scheda B15: Cattura di animali con patologie ed eventuale abbattimento in situazione di emergenza

Scheda B15: Cattura di animali con patologie ed eventuale abbattimento in situazione di emergenza A S V pt pt A S pt V Libe Movi Scheda B15: Cattura di animali con patologie ed eventuale abbattimento in situazione di emergenza Descrizione Animali con patologie (zoonosi, ecc.). 1. 2. Descrizione scenario

Dettagli

SPORTELLO ANIMALI DA COMPAGNIA Attività effettuate 2014 e programma operativo 2015

SPORTELLO ANIMALI DA COMPAGNIA Attività effettuate 2014 e programma operativo 2015 REGIONE PIEMONTE A.S.L VCO Sede legale : Via Mazzini,117 28887 OMEGNA VB) SERVIZIO VETERINARIO Via IV Novembre 294 Tel. 0323/868060Fax 0323/868052 SPORTELLO ANIMALI DA COMPAGNIA Attività effettuate 2014

Dettagli

CAP. 4: LE ATTIVITA DELLE STRUTTURE COMPLESSE (SS.CC.)

CAP. 4: LE ATTIVITA DELLE STRUTTURE COMPLESSE (SS.CC.) CAP. 4: LE ATTIVITA DELLE STRUTTURE COMPLESSE (SS.CC.) Le tabelle successive riportano, in sintesi, le attività svolte dai vari laboratori presenti nelle diverse SS.CC. della Sede Centrale e delle Strutture

Dettagli

Gli acari delle rogne

Gli acari delle rogne Gli acari delle rogne Le rogne sono malattie parassitarie causate da ACARI Gli ACARI (parassiti permanenti) vivono e si nutrono Scavando gallerie (Sarcoptes) o nidi epidermici (Notoedres) Sulla superficie

Dettagli

APPLICAZIONI DEGLI STUDI DI ECOPATOLOGIA NELLA GESTIONE DELL'ORSO BRUNO

APPLICAZIONI DEGLI STUDI DI ECOPATOLOGIA NELLA GESTIONE DELL'ORSO BRUNO APPLICAZIONI DEGLI STUDI DI ECOPATOLOGIA NELLA GESTIONE DELL'ORSO BRUNO Ernesto Pascotto, Elisa Peressin, Paola Beraldo Sezione di Biologia e Patologia Animale Dipartimento di Scienze Animali FACOLTÀ DI

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

Rischio biologico negli stabulari, possibili rischi da contagio, prevenzione

Rischio biologico negli stabulari, possibili rischi da contagio, prevenzione Rischio biologico negli stabulari, possibili rischi da contagio, prevenzione Strutture coinvolte: a. stabulari: stabilimenti utilizzatori e di allevamento (come definiti dal D.Lvo 116/92) b. laboratori

Dettagli

Rischi da esposizione ad agenti biologici

Rischi da esposizione ad agenti biologici Rischi da esposizione ad agenti biologici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Titolo X Esposizione ad agenti biologici Campo di applicazione Tutte le attività lavorative nelle quali

Dettagli

INAIL DIREZIONE CENTRALE PREVENZIONE

INAIL DIREZIONE CENTRALE PREVENZIONE In-formazione in sicurezza? take it easy, il futuro è nelle tue mani IL RISCHIO BIOLOGICO Modulo V per il 2 anno INAIL DIREZIONE CENTRALE PREVENZIONE In-formazione in sicurezza? ''take it easy'', il futuro

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

IL CONCETTO DI ZOONOSI CLASSIFICAZIONE DELLE ZOONOSI. Zoonosi dirette. Ciclozoonosi. Metazoonosi. Saprozoonosi

IL CONCETTO DI ZOONOSI CLASSIFICAZIONE DELLE ZOONOSI. Zoonosi dirette. Ciclozoonosi. Metazoonosi. Saprozoonosi IL CONCETTO DI ZOONOSI Malattie ed infezioni che si trasmettono naturalmente dagli animali vertebrati all uomo e viceversa (O.M.S.) CLASSIFICAZIONE DELLE ZOONOSI Zoonosi dirette Trasmissione dall animale

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO IN AGRICOLTURA. Cattedra di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Roma La Sapienza

RISCHIO BIOLOGICO IN AGRICOLTURA. Cattedra di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Roma La Sapienza RISCHIO BIOLOGICO IN AGRICOLTURA Cattedra di Medicina del Lavoro Università degli Studi di Roma La Sapienza Rischio biologico in agricoltura: Il Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 e s.m.i. norma la Protezione

Dettagli

PATOLOGIE EMERGENTI E RIEMERGENTI

PATOLOGIE EMERGENTI E RIEMERGENTI PATOLOGIE EMERGENTI E RIEMERGENTI Globalizzazione, Migrazione, Salute e Vaccini Giovedì 6 novembre 2008, ore 08.30 16.30 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini - Sala delle Conferenze Via del Pozzetto, 158

Dettagli

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-)

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Abitudini di vita Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Alterazioni preneoplasiche acquisite Iperplasia

Dettagli

Il ruolo del centro di referenza per le malattie esotiche. Federica Monaco ICT

Il ruolo del centro di referenza per le malattie esotiche. Federica Monaco ICT Il ruolo del centro di referenza per le malattie esotiche Federica Monaco ICT Padova 4 Novembre 2011 Gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali Gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali sono Enti Sanitari

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE DA ARTROPODI VETTORI (il caso della leishmaniosi) Ezio Ferroglio

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE DA ARTROPODI VETTORI (il caso della leishmaniosi) Ezio Ferroglio Facoltà di Medicina Veterinaria Dipartimento di Produzioni Animali, Epidemiologia ed Ecologia Via L. DA Vinci, 44 10095 Grugliasco (TO) 011/6709002 ezio.ferroglio@unito.it SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLE

Dettagli

Le zoonosi. Esempi di zoonosi:

Le zoonosi. Esempi di zoonosi: Le zoonosi Le zoonosi sono malattie che si trasmettono dagli animali all uomo. Solo raramente gli animali sono direttamente fonte di infezione: solitamente i germi sono trasmessi all uomo da acqua e cibi

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO DIRETTORE GENERALE Ing. Sergio Florio Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Epidemiologia e Prevenzione BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1 TOXOPLASMOSI 1 La toxoplasmosi è una malattia data da un protozoo (essere unicellulare) parassita obbligato: il Toxoplasma gondii. Questa malattia è una zoonosi perché può essere trasmessa anche all'uomo.

Dettagli

PRINCIPALI MALATTIE DEL CONIGLIO

PRINCIPALI MALATTIE DEL CONIGLIO PRINCIPALI MALATTIE DEL CONIGLIO Prof. Alessandro FIORETTI Dott. Ludovico DIPINETO Facoltà di Medicina Veterinaria Università di Napoli Federico II Sindrome Gastroenterica Tra le patologie del coniglio

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio VETERINARIO DIRIGENTE ASL DI TERAMO Incarico di studio

Dettagli

GLI ISTITUTI ZOOPROFILATTICI SPERIMENTALI

GLI ISTITUTI ZOOPROFILATTICI SPERIMENTALI GLI ISTITUTI ZOOPROFILATTICI SPERIMENTALI Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Puglia e della Basilicata There are 10 Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IZS) in Italy. They belong to National

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI ECOLOGICI ambiente INDIRETTA (mediata) Educazione sanitaria DELLA PERSONA Informazione sanitaria Formazione sanitaria DIRETTA (immediata) disinfezione sterilizzazione GENERICA INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE

Dettagli

INCONTRO CON LA CITTADINANZA

INCONTRO CON LA CITTADINANZA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439-883832 INCONTRO CON LA CITTADINANZA Diffusione delle ZECCHE nel nostro territorio.

Dettagli

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV)

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) FSME (Frühsommermeningoenzephalitis) Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) 95 West Nile Virus Foto: CNN Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) DEFINIZIONE La febbre del Nilo

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Tutela della salute collettiva ed individuale

Tutela della salute collettiva ed individuale Corso Ostetricia L Igiene è una disciplina sperimentale interdisciplinare che studia l'uomo nell'ambiente fisico e sociale in cui vive e svolge la sua attività. OBIETTIVI - la prevenzione delle malattie,

Dettagli

www.birdsrl.it quick and customized Biotecnologia Innovativa per Ricerca e Diagnostica CATALOGO 2015 Kit per diagnostica molecolare veterinaria

www.birdsrl.it quick and customized Biotecnologia Innovativa per Ricerca e Diagnostica CATALOGO 2015 Kit per diagnostica molecolare veterinaria www.birdsrl.it quick and customized Biotecnologia Innovativa per Ricerca e Diagnostica CATALOGO 2015 Kit per diagnostica molecolare veterinaria CATALOGO 2014 veterinaria BIRD s.r.l. offre servizi nel campo

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 818.141.11 del 13 gennaio 1999 (Stato 1 gennaio 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visto l articolo 3 capoverso 3

Dettagli

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena

WEST NILE, segnalato un decesso a Modena WEST NILE, segnalato un decesso a Modena Dopo Reggio Emilia anche a Modena si sarebbe registrato il 5 settembre un decesso per West Nile, la malattia neuroinvasiva che nelle province di Modena, Reggio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Sala Marcello Giovanni Data di nascita 17/10/1968

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Sala Marcello Giovanni Data di nascita 17/10/1968 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Sala Marcello Giovanni Data di nascita 17/10/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Veterinario ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE

Dettagli

INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE INTRODUZIONE ALL'IGIENE, LAVAGGIO DELLE MANI, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE CHIMICO AMBIENTE MATERIALE ILTRIANGOLO DELLA SALUTE (Modolo, 2005) INDIVIDUO AMBIENTE IMMATERIALE Igiene e Sanità Pubblica L

Dettagli

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione Indice I Autore Prefazione XI XIII PARTE I Igiene generale CAPITOLO 1 Medicina clinica, preventiva e predittiva 1 1.1 Concetto di salute 1 1.2 Determinanti della salute 3 1.2.1 Modelli concettuali 3 1.3

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C

Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C Laurea in SCIENZE INFERMIERISTICHE CANALE C (Sede: Policlinico Umberto I Roma) C.I. Promozione della Salute e Sicurezza Docente Igiene: Prof.ssa C. Marzuillo Docente Malattie Infettive: Prof. M Ciardi

Dettagli

Il Piano Regionale di Sorveglianza della Fauna Selvatica

Il Piano Regionale di Sorveglianza della Fauna Selvatica Il Piano Regionale di Sorveglianza della Fauna Selvatica Maria Cristina Radaelli Osservatorio Epidemiologico IZS Piemonte, SOMMARIO Criteri di costituzione del Piano Documentazione Risultati BACKGROUND

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

ALLEGATO B. Insegnamento: Malattie Infettive

ALLEGATO B. Insegnamento: Malattie Infettive ALLEGATO B Insegnamento: Malattie Infettive Settore Scientifico-Disciplinare: MED/17, MED/07; MED/46 CFU Tot.: 6 Ore di studio per ogni ora di: ADF (attività didattica ADI (attività didattica AFP (attività

Dettagli

1) l introduzione del concetto stesso di

1) l introduzione del concetto stesso di Con l introduzione del D.Lgv. 626/94 (oggi D.Lgs.81/08 e s.m.i.) gli elementi innovativi sono molteplici. Quelli che interessano il rischio biologico sono: 1) l introduzione del concetto stesso di rischio,

Dettagli

Veterinario Ufficiale presso l ULSS 22 dal 05/10/2015 ad oggi

Veterinario Ufficiale presso l ULSS 22 dal 05/10/2015 ad oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Zago Luigi Data di nascita 11 ottobre 1960 Qualifica Dirigente Veterinario Amministrazione ULSS 22 Incarico attuale Servizi territoriali Comuni Mozzecane Nogarole

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Conferenze Via del Pozzetto, 158 Roma (P.zza San Silvestro)

CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Conferenze Via del Pozzetto, 158 Roma (P.zza San Silvestro) INFLUENZA A H1N1 Tra Dubbi e Certezze Istruzioni per l Uso II Giornata Mercoledì 23 Settembre 2009 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Conferenze Via del Pozzetto, 158 Roma (P.zza San Silvestro)

Dettagli

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA La gestione degli organismi infestanti in situazioni di emergenza: le aree terremotate dell Emilia Bologna 15 novembre 2012 L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI

Dettagli

La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali

La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale Triennio 2008-2011 VIAGGI E SALUTE Reggio Emilia 16/12/2010 La valutazione dei rischi nei viaggi internazionali nei viaggi internazionali Il Viaggio Trasferimento

Dettagli

West Nile Disease. La sorveglianza entomologica: significato, limiti e vantaggi. Gioia Capelli Laboratorio di Parassitologia ed Ecopatologia - IZSVe

West Nile Disease. La sorveglianza entomologica: significato, limiti e vantaggi. Gioia Capelli Laboratorio di Parassitologia ed Ecopatologia - IZSVe West Nile Disease La sorveglianza entomologica: significato, limiti e vantaggi Gioia Capelli Laboratorio di Parassitologia ed Ecopatologia - IZSVe West Nile Disease Folgaria 22 febbraio 2010 Chi sono gli

Dettagli

Zoonosi e rischi emergenti

Zoonosi e rischi emergenti Arezzo Forum internazionale Ambiente e salute - 22 novembre 2012 Zoonosi e rischi emergenti Dr. Paola Scaramozzino Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Osservatorio epidemiologico

Dettagli