Esposizione presso ex locale cisterna. nell ambito di Posti di Vista 12*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esposizione presso ex locale cisterna. nell ambito di Posti di Vista 12*"

Transcript

1 Esposizione presso ex locale cisterna nell ambito di Posti di Vista 12*

2 L esposizione Sénégal-Idée fa parte della manifestazione NIO FAR 2015, il festival dell amicizia italo-senegalese nato da un idea di Paolo Lodigiani e giunto quest anno alla quarta edizione, che si svolge alla Fabbrica del Vapore in concomitanza con il periodo del Salone Internazionale del Mobile di Milano. La manifestazione, all insegna dell incontro e della conoscenza reciproca fra italiani e senegalesi, prevede spettacoli musicali tutte le sere alla sede di MaschereNere, cene e intrattenimenti intorno al Piroga Bar di Sunugal nonché i tradizionali laboratori per bambini la domenica. NIO FAR 2015 si tiene nell ambito di Posti di Vista 12*, l appuntamento curato da FDVLAB Associazione Laboratori Fabbrica del Vapore, che dal 2004 propone con varie mostre e installazioni una visione non convenzionale del design nello spazio della Fabbrica del Vapore del Comune di Milano. Sénégal-Idée La creatività di un design povero Ideazione e cura Demco Design Marchio di BCA-Demco Via Ricciarelli MILANO NIO FAR è organizzato da: Allestimento Benedetta Brentan Matteo Costa Cooperativa LaFucina Redazione e testi Paolo Lodigiani Progetto grafico e impaginazione Enrico Macera Si ringraziano: Adolfo Bartolomucci di ART GALLERY (per le opere di arte africana esposte) Stefania Gesualdo del Centre Socio Culturel de Formation en Coupe et Couture di Gwediawaye (per i tessuti esposti) Sunugal In collaborazione con: Mandiaye Diouf di Gianipa SARL - Dakar

3 Sommario SENEGAL IDÉE Il percorso Gli artisti BXS Moussa Sakho Mamadou Tall Diedhiou Djibril Sagna Youssou Sarr Serigne Mor Gueye Joëlle le Bussy Djibril Sy Moussa Traoré Mor Talla Seck pg.02 pg.05 pg.08 pg.08 pg.08 pg.09 pg.09 pg.10 pg.10 pg.11 pg.11 pg.12 pg.12 Demco Design pg.13

4 SÉNÉGAL IDÉE La creatività di un design povero Scegliere il titolo di un esposizione è il tentativo, il più delle volte velleitario e disperato, di racchiudere in due o tre parole una molteplicità di contenuti diversi, complessi e talvolta contradditori. Nella drastica sintesi qualcosa si perde e non ci sembra dunque illegittimo aggiungere qualche parola di spiegazione su come siamo arrivati a chiamare SÉNÉGAL IDÉE questa nostra iniziativa. Inizialmente si era pensato Sénégal Design, titolo che ci sembrava appropriato per un esposizione di arredi che si svolge in concomitanza con il Salone del Mobile, appuntamento fra i più popolari e prestigiosi per il design internazionale. Sénégal-Idée costituisce, rispetto alla titolazione originale, un corretto e doveroso riconoscimento dei limiti che ci siamo posti. Intendiamo sottolineare che l esposizione non ha alcuna pretesa né ambizione di presentarsi come una rassegna completa sul design senegalese, intende tutt al più darne un idea, fornire alcuni spunti da cui partire per approfondire il discorso, suscitare curiosità su un argomento in Italia quasi sconosciuto su cui ci è sembrato utile proiettare un fascio di luce. SÉNÉGAL IDÉE anche perché sull argomento, così come sul paese, ci siamo fatti un idea, la nostra idea, ed è questa che cerchiamo di esprimere con l esposizione. C è quindi, nel titolo, una dichiarazione esplicita di una certa soggettività, e riconosciamo che su questa soggettività può influire non poco una particolare simpatia che abbiamo maturato nei confronti del paese nel corso dei molti anni in cui l abbiamo frequentato. Abbiamo conosciuto un paese giovane, accogliente, aperto e al tempo stesso con una forte identità radicata in valori tradizionali. Negli anni più recenti l abbiamo visto sempre più affacciarsi alla modernità, raccogliendone gli stimoli, adottandone a modo suo comportamenti e usi e vivendone spesso anche le contraddizioni, ma sempre con un approccio originale, creativo, fantasioso, privo di quei complessi e di quella complessità che talvolta affliggono e condizionano il mondo sviluppato di cui siamo parte. E questa la visione del paese che intendiamo rappresentare nella mostra, illustrandone in particolare (ma non esclusivamente) la creatività nel campo del design del mobile. Siamo consapevoli del fatto che è solo una fra le tante che se ne possono avere, tutte di pari legittimità. Non ci poniamo quindi fini didattici, non indichiamo visioni generali, interpretazioni. Semplicemente mostriamo delle realtà con cui siamo venuti a contatto e che hanno sollecitato il nostro interesse. Ci piacerebbe essere di stimolo, suscitare curiosità, incoraggiare il visitatore ad andare oltre ai pregiudizi e agli stereotipi. L unico messaggio di cui siamo portatori è un invito a conoscere, ad approfondire, a farsi una propria idea. Un terzo motivo, meno personale, per cui abbiamo preferito SÉNÉGAL IDÉE a Sénégal Design è legato alle ben note ambiguità del termine design, su cui molto si è scritto e detto. Non abbiamo la competenza per aggiungere la nostra opinione a quelle, assai più autorevoli, che hanno animato questo dibattito. Ci limitiamo a qualche osservazione specifica sul design senegalese, in parte estendibile anche a quello di altri paesi dell Africa sub sahariana. Fra gli artisti senegalesi di cui esponiamo i lavori pochissimi, qualora richiesti di specificare la loro professione, indicherebbero quella di designer. Nessuno di loro progetta l opera nel senso letterale del termine, nessuno lavora per la produzione 02

5 industriale, nessuno ha una formazione scolastica specifica nel design. Tutti, per contro, sono consapevoli di creare oggetti destinati all uso o alla fruizione da parte di un pubblico, e quindi rispondenti a requisiti di funzionalità e praticità, ma nel contempo sanno di esprimere in essi la propria creatività, un gusto estetico, artistico, una certa idea o visione del mondo. Si tratta quindi di design vero e proprio, per quanto non istituzionalizzato e talvolta addirittura inconsapevole. Naturalmente ci sono anche delle eccezioni e alcuni designer senegalesi affermati in campo internazionale operano in un contesto più formale e professionale, ma si tratta di una minoranza, per lo più riconducibile al cosiddetto mondo della diaspora, che, pur mantenendo legami con la madre patria, svolge la sua attività prevalentemente all estero. Per parte nostra abbiamo preferito concentrarci sulle creazioni di artisti più radicati nel contesto senegalese, anche perché, pur così limitando il campo, l abbiamo trovato tanto ricco di stimoli e di idee da giustificare l esposizione. Non ce ne siamo stupiti in quanto anche al visitatore più distratto e occasionale il Senegal appare immediatamente come un paese ad alto tasso di creatività, un autentica fucina di idee. E una creatività informale, spontanea, talvolta anche stravagante e scombinata, che si respira per strada, si vive nei mercati, negli uffici, nel mondo del lavoro, negli incontri della vita quotidiana, nelle feste: tutto si trasforma facilmente in teatro, in rappresentazione, senza che in questo ci sia nulla di artificioso o di forzato. Da questo substrato di creatività diffusa scaturiscono anche molti oggetti della vita quotidiana. Abbiamo voluto che due di questi, tanto rappresentativi da essere diventati quasi un elemento costitutivo del paesaggio senegalese, fossero presenti nella nostra mostra, come esempi di un design spontaneo consolidatosi nella tradizione, testimonianza di una creatività che è tecnica e artistica al tempo stesso. Si tratta della piroga tradizionale 03

6 e del car rapide. Sono strumenti d uso corrente, utensili di lavoro su cui si basa in buona parte l attività di due settori portanti dell economia del paese, la pesca e il trasporto pubblico. La loro straordinaria funzionalità trova la sua miglior testimonianza nel fatto che sono ancora diffusissimi e a poco sono valsi gli sforzi di sostituirli con mezzi più moderni e tecnicamente evoluti. Nel contempo ne risulta evidente la valenza decorativa, legata a un piacere estetico ma anche a significati simbolici e spirituali. Quando l inevitabile progresso tecnico e sociale ne determinerà la scomparsa questo non segnerà solo la fine per obsolescenza di strumenti che hanno esaurito il loro ciclo economico, ma sarà un autentica forma d arte ad estinguersi. O forse, come ci auguriamo, non si tratterà di un estinzione ma di un evoluzione: c è da sperare che i valori e i saperi tradizionali racchiusi in questi come in altri oggetti appartenenti alla cultura originaria dell Africa, non vengano rinnegati ma diventino linfa vitale per un design più consapevole, capace di innovare nel rispetto della tradizione, di affacciarsi al mondo internazionale mantenendo una forte identità, di non chiudersi ai valori altrui mantenendo ben saldi i propri. E soprattutto sulle possibilità e sulla speranza di questo percorso virtuoso che invita a riflettere la nostra esposizione e per renderlo più esplicito abbiamo, pur nelle dimensioni ridotte che essa ha, immaginato un percorso, un itinerario circolare che, pur nella sua brevità, costituisse una sorta di viaggio. 04

7 SÉNÉGAL IDÉE Il percorso L Africa degli antenati Al centro abbiamo messo l Africa delle origini, degli antenati, delle maschere e dei riti magici, quell Africa misteriosa e spesso inaccessibile a noi occidentali ma che, più o meno occultata, è una tela di fondo da cui emerge ogni manifestazione culturale del continente. E un mondo di simboli, di oggetti che nelle loro forme e nei loro segni esprimono precisi messaggi, comprensibili solo in un contesto religioso e animista, ma che anche sul profano esercitano il potere della suggestione. E noto l influsso che, a partire dagli inizi del novecento, l arte africana ha esercitato sulla pittura e scultura moderne. Ancor più intimo è il riflesso che se ne ritrova nelle creazioni degli artisti e designer contemporanei senegalesi, nelle loro sculture e perfino nelle loro fotografie. Il villaggio Un richiamo altrettanto forte alla tradizione, ma meno mistico e cupo, è quello della seconda tappa del viaggio, il Villaggio. E stato questo, per secoli, il nucleo della vita sociale africana, oggi largamente soppiantato dal fenomeno dell urbanizzazione, ma ancora vivo. Nel Villaggio troviamo gli oggetti, rimasti gli stessi per secoli, che soddisfano le esigenze di base della vita pratica, mangiare, dormire, riposarsi, sedersi e, non ultima, parlare. Fra gli oggetti tradizionali che più hanno ispirato il design odierno, non solo africano, è la sedia à palabres, letteralmente la sedie per le parole, dove queste parole non sono banali chiacchiere ma sono un vero e proprio rito, da compiersi sotto il baobab, l arbre à palabres al centro 05

8 della vita sociale, dove si prendono le decisioni comuni, si amministra la giustizia, si tramandano i saperi di generazione in generazione. Come molti oggetti tradizionali la sedia à palabres non ha solo una valenza simbolica e culturale ma è anche un concentrato di semplicità, economia e funzionalità. I colori dell Africa Dopo questa introduzione, che si richiama ai valori più profondi e tradizionali, abbiamo voluto ricordare che il continente nero è in realtà un esplosione di colori e di allegria. Anche in questo caso convivono opposti: a una natura spesso monocroma, che in un ideale viaggio da nord al sud del continente vive sul lentissimo passaggio dal giallo polveroso della savana alle mille sfumature di verde della foresta, con una monotonia per noi inimmaginabile, fa riscontro un gusto per i colori vivaci e contrastati da parte della popolazione. Il Wax, il tessuto che gli olandesi hanno importato dalle colonie dell estremo oriente e che grazie alla sua incredibile diffusione in Africa ne è divenuto uno degli elementi identificativi più caratteristici, è, con i suoi ricchissimi disegni e i suoi audaci accostamenti cromatici, la massima espressione di questo gusto, così come il pagne, l abito che le donne avvolgono con sensuali drappeggi intorno al proprio corpo, è il simbolo dell innata eleganza popolare, di una moda che non conosce mode. La mixité Il wax, con le sue origini multiculturali, è anche una significativa introduzione al tema dell ultima parte dell esposizione, la più attuale e la più attinente al tema del design senegalese, quello della contaminazione felice che nasce dall incontro fra l Africa e l occidente sviluppato. Il fatto che ci sia stata e ancora ci sia anche una contaminazione infelice, di cui molto si è parlato e scritto, non deve far dimenticare quanto di buono nasce da questo incontro, così come da ogni forma di meticciato. Buona parte degli oggetti esposti utilizzano materiali propri del mondo occidentale, spesso arrivati con un industrializzazione invasiva e poco rispettosa del contesto locale: lamiere di barili di petrolio, pezzi di ricambio di motori, parti di carrozzerie di automobili, perfino vecchie calcolatrici o telefonini che hanno perso il loro status originale per diventare rottami. Nelle mani dei designer senegalesi acquistano nuova vita. Come afferma uno degli artisti ogni oggetto, terminata la sua prima vita, ha diritto a una seconda chance. Non muore, non si butta, viene riciclato. La creatività del riciclo è forse la cifra più significativa, seppure non l unica, del design senegalese. Nasce da un esigenza pratica, la scarsità di mezzi che ispira quella capacità di arrangiarsi ormai in via d estinzione presso di noi ma ancora vivacissima nei paesi emergenti e in quelli destinati a emergere, ma ha anche una radice spirituale, l idea che nulla muore, tutto si trasforma, che c è un anima ovunque, anche negli oggetti, e che quest anima merita rispetto e considerazione. Il principio del riciclo, giustamente ormai di moda anche in occidente, è da anni praticato spontaneamente in Africa e nasce come effetto collaterale e contrappunto di un consumismo che anche da noi svela sempre più i suoi limiti e la sua vacuità. Molti designer senegalesi sono riusciti a farne un arte. La contaminazione felice fra Africa ed Europa può funzionare nei due sensi e per questo ci è sembrato opportuno inserire nell esposizione gli eleganti mobili di una designer di origine europea, da trent anni residente in Senegal, di gusto assolutamente contemporaneo, ma che si richiamano a motivi tradizionali dell arte africana. La stessa designer 06

9 afferma che si tratta di mobili al 100% senegalesi. Ci piace il giustificato orgoglio di questa dichiarazione, ma ci permettiamo di dissentire garbatamente. In un mondo ampiamente e, tutto sommato, positivamente globalizzato, è difficile che una creazione artistica possa interamente richiamarsi a un unica origine. Anche le sue opere, come tutte quelle che proponiamo ai visitatori dell esposizione, sono il frutto di incontri, di scambi reciproci fra gusti, culture, storie diverse, in una parola di quella mixité che ci sembra l elemento più vitale di tutto il design odierno e a cui noi, con molta modestia, abbiamo voluto dare un contributo con la nostra iniziativa. 07

10 SÉNÉGAL IDÉE Gli artisti BXS Baay Xaaly Sene, noto con l acronimo BXS, morto nel 2004, è stato uno dei designers senegalesi più conosciuti in campo internazionale e uno straordinario artista nella lavorazione dei metalli: tagliando, saldando e componendo materiali spesso ricavati da vecchie lamiere, da barili di petrolio, da rotaie in disuso o da altre fonti anticonvenzionali creava con grande originalità sedie, sgabelli, librerie e poltrone di forme eleganti e colori spesso vivaci ma che al tempo stesso rivelavano la loro origine povera e il lunghi anni di duro esercizio. BXS era figlio d arte, avendo iniziato a lavorare giovanissimo con il padre e la sua opera è stata proseguita dal fratello, tuttora attivo nello storico e vasto laboratorio di famiglia a Rufisque, non lontano da Dakar, dove già il padre aveva dato avvio a un centro di formazione al design e alla lavorazione dei metalli. Le opere di BXS sono state esposte in varie mostre in Europa (inclusa l Italia) e l artista aveva collaborato con istituzioni internazionali in Finlandia e Olanda. Moussa Sakho Moussa Sakho è un artista polivalente, scultore, designer e pittore, che ha il suo atélier nel Village des Arts a Dakar. Lavora il legno, i metalli e ogni genere di materiale in cui gli capiti di imbattersi e a cui ridà nuova vita infondendovi poesia e humour, partendo dall idea che tutti i rifiuti della nostra società meritano una seconda vita. Nelle sue mani vecchi pezzi di ricambio, tele consunte, lamiere di bidoni o cartelli stradali diventano sgabelli, sedie, quadri, sculture. Moussa è un convinto sostenitore del valore terapeutico della creazione artistica e collabora attivamente con un associazione di Dakar che cerca, attraverso l insegnamento delle arti, di integrare nella società ragazzi di strada e persone affette da disturbi psichici. Le opere di Moussa sono state esposte in numerose mostre sia in Senegal sia in Europa. 08

11 Mamadou Tall Diedhiou Mamadou Tall Diedhiou è nato nel 1947 nel piccolo villaggio di Nioumoune, in Casamance, ed è qui che, fin dalla giovane età, è nata la sua passione per gli uccelli, destinata a trasformarsi in una sorta di ossessione artistica e poetica. In effetti le prime opere in cui essi compaiono sono delle poesie, scritte quando ancora viveva nel villaggio natale. Per un lungo periodo la sua attività principale è stata quella poetica. Nel 1993, avendo scritto un poema dedicato a una Fanciulla della luna si era rivolto a vari pittori chiedendo che la rappresentassero, fino a quando, insoddisfatto dei risultati che ne otteneva, non si è deciso a provvedere personalmente. Scoprì così di avere talento pittorico e plastico che l avrebbe portato a iniziare una nuova carriera, quella che tuttora continua e che gli avrebbe dato i maggiori successi. Trasferitosi a Dakar ormai da vari anni si dedica quasi esclusivamente a realizzare con materiale di riciclo delle piccole, deliziose, coloratissime statuette di uccelli, divertenti, poetiche e vagamente surreali. Raccoglie per le strade di Dakar, mentre passeggia con aria svagata, gli oggetti abbandonati più strani e inconsueti. E tutta questione sostiene - di avere il secondo occhio, quello dell artista. Dove gli altri vedono una lattina schiacciata, una forcella per capelli rotta, un tappo di plastica, un mozzicone di sigaretta io vedo dei volti, delle figure e, soprattutto, degli uccelli. Ha esposto in varie occasioni alla Biennale d arte di Dakar. Djibril Sagna Nato il 23 novembre 1962 a Dakar è artista, pittore e scultore. Per più di vent anni ha lavorato con il celebre pittore Amadou Sow. Attualmente vive e lavora sull isola di Gorea, dove espone permanentemente alla galleria CSAO. Ha esposto le sue opere per la prima volta alla Biennale d Arte Contemporanea di Dakar, DAK ART 96, e da allora le sue opere sono comparse in molte mostre in Senegal e in Europa (Olanda e Spagna). Il lavoro di Djibril consiste nel cercare, raccogliere e selezionare oggetti usati, il 09

12 più delle volte molto degradati e ormai inadatti a un uso pratico, a partire dai quali compone sculture di forte impatto emotivo che richiamano la potenza degli antichi feticci e degli oggetti rituali dell Africa animista. La combinazione di questi elementi si presta a una lettura a diversi livelli, lasciando a ciascuno la libertà di meditare sull usura del tempo, della storia, dell uomo e del suo ambiente. Mbour Design - Youssou Sarr Il nome di questo interessante designer senegalese è praticamente ignoto in campo internazionale e anche nella stessa Dakar sono in pochi a conoscere i suoi lavori, finora mai esposti al di fuori dei confini nazionali. In compenso egli gode di ampia popolarità e apprezzamento a Mbour, la metropoli della Petite Cote, la regione più frequentata da turisti e stranieri, dove i suoi mobili in ferro arredano numerose ville e giardini di senegalesi ed espatriati. Nel dar forma alle sue opere, quali la sedia che presentiamo, Saar trova spesso ispirazione nei classici del design internazionale, per ricrearli in modo del tutto originale, utilizzando come materiale esclusivamente il tondino di ferro per calcestruzzo. Come molti suoi colleghi senegalesi Saar è un designer che non disegna, non progetta, ignora l uso del computer e si serve poco anche di carta e matita. Di fatto disegna costruendo, usando a mo di matita troncatrice e saldatrice, con una straordinaria capacità di trasformare ciò che ha in mente in oggetti ariosi, leggeri e al tempo stesso solidi e funzionali. Serigne Mor Gueye Serigne Mor Gueye ha un laboratorio nel Village des Arts di Dakar, un centro di ricerca e creazione fondato nel 1976 da un gruppo di pittori con l obiettivo di sostenere la produzione artistica senegalese e divenuto con il tempo un vivace e dinamico punto di incontro per scultori e pittori locali, con vari laboratori e centri di esposizione. A differenza della maggior parte dei suoi colleghi 10

13 Serigne Mor Gueye si è specializzato nella lavorazione del legno, una passione ereditata dal padre, il celebre scultore Tamsir Momar Guèye, con cui l artista, insieme al fratello, ha lavorato a bottega fin da ragazzo. A 26 anni, nel 2001, ha fatto la sua prima esposizione alla Galérie Nationale, a cui ne sono seguite varie altre nel paese. Le sue opere più note sono delle piccole sculture in bois de veine, un tipico legno africano, cesellate interamente a mano con grande maestria tecnica, che nelle loro forme allungate, eleganti, sottili, vogliono rendere omaggio alla donna africana. Joëlle le Bussy Nata nel 1958 à Mont-de-Marsan, Joëlle le Bussy Fal è un artista plastica e una designer franco-senegalese che da trent anni vive e lavora fra Dakar, dove dal 1996 dirige la nota galleria ARTE, nel centro della città, e Saint Louis, dove nel 2009 ha aperto una nuova galleria e dove organizza annualmente un festival d arte contemporanea. Oltre a svolgere direttamente l attività di designer presenta lavori di altri artisti senegalesi promuovendo nuovi talenti sulla scena nazionale e internazionale. I suoi mobili, assolutamente contemporanei nel gusto e nella forma, e impeccabilmente realizzati con legni pregiati africani, evocano la loro ispirazione africana con l inserimento di parti in cuoio, bronzo o corno lavorate artigianalmente in stile tradizionale. Djibril Sy Djibril Sy è una figura di riferimento nella fotografia senegalese. Ha iniziato la sua carriera come fotogiornalista, specializzandosi nel reportage, con numerosi servizi realizzati in diversi paesi dell Africa, fra cui si ricordano quelli sulla guerra civile in Liberia, sulle miniere di diamanti in Sierra Leone, sui rifugiati della Guinea, sulla lotta alla povertà in Niger, Marocco e a Capo Verde. Le fotografie che presentiamo sono tratte da una serie chiamata TranseFormation di carattere più meditativo ed estetico. Ha esposto in varie occasioni in Francia, Spagna, Inghilterra e Svizzera, oltre che a Dakar e alla biennale della fotografia di Bamako in Mali. 11

14 Moussa Traoré Moussa Traoré è nato nel 1961 a Dakar da una famiglia di artisti e intellettuali. Di formazione autodidatta ha iniziato a lavorare nel campo della scultura in metallo, realizzando con l utilizzo di vari materiali di scarto urbano opere d arte di forte espressività ispirate alle tradizionali maschere africane, a personaggi immaginari o mitici, a divinità animiste. A Dakar, nel popolare quartiere di Medina, ha aperto un atélier, l Espace Medina, che è diventato un punto di incontro di giovani artisti provenienti da varie parti del mondo. Dal 2003 ha iniziato a lavorare anche in Italia, dove ha esposto in varie occasioni, ha organizzato laboratori e corsi in collaborazione con varie istituzioni, teatri, enti pubblici e associazioni e ha svolto attività di scenografo teatrale. Mor Talla Seck Mor Talla Seck è nato nel 1976 a Mbenguene in Senegal. Scultore e pittore, lavora con materiali riciclati o naturali. Dopo aver frequentato il liceo di Thies, nel 1999 si diploma in arti grafiche presso l Accademia di Belle arti di Dakar e inizia la sua carriera nel campo del design seguendo i lavori di restauro artistico dell Hotel Meridien President di Dakar. Trasferitosi in Italia frequenta il corso presso il centro Tam della Fondazione Arnaldo Pomodoro, approfondendo in particolare le tecniche scultoree in metallo. Dal 2002 le sue opere sono in esposizione permanente presso lo spazio culturale della Fondation Olivier di Dakar e sono presenti in varie gallerie e musei senegalesi. Ha partecipato inoltre a varie esposizioni in Italia e Francia. Le opere che esponiamo fanno parte del ciclo Il bosco sacro che propone un viaggio alla scoperta delle tradizioni dei Diolas, una popolazione del Senegal meridionale in cui sopravvivono le credenze ancestrali della religione animista. Si tratta di totem ispirati ai boechin, feticci venerati dai Diolas, che proteggono da infortuni, malattie, morte e siccità, forgiate dall artista in metallo saldato e successivamente arrugginite con tecniche particolari. 12

15 DEMCO DESIGN design italiano d ispirazione africana Demco Design, sponsor dell esposizione, è il marchio del settore di attività della società di progettazione nautica BCA- Demco, che si occupa del design di mobili. In particolare ha disegnato una serie di mobili che traggono la loro ispirazione dall Africa e che vengono realizzati in Senegal da una società consorella in un attrezzato laboratorio di falegnameria non lontano da Dakar. La filosofia progettuale della Demco Design è in piena sintonia con i concetti di mixité esposti nell illustrare gli scopi dell esposizione. La mostra stessa, oltre a costituire un occasione per far conoscere al pubblico italiano il lavoro dei colleghi senegalesi, è anche uno strumento per approfondire lo scambio culturale e la conoscenza reciproca, con la speranza di trarne spunti di ispirazione per proporre nuovi prodotti originali. L esposizione è arredata con i mobili della Demco Design, fra cui segnaliamo in particolare le panche e i tavolini della serie Pirogue, realizzati con tavole decorate delle tradizionali piroghe senegalesi, le poltroncine e la sedia a sdraio della serie Bois-Wax, in legno di iroko e tessuti africani. I tessuti sono stati confezionati presso la Scuola di sartoria di Guediawaye. serie BOIS-WAX serie PIROGUE sdia BANJOUL 13

16 via Ricciarelli, Milano ITALY (+39)

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

WILHELM SENONER E UNO DI NOI

WILHELM SENONER E UNO DI NOI WILHELM SENONER E UNO DI NOI Dopo l installazione presso il Padiglione Italia di Torino in occasione della 54 Biennale d Arte di Venezia, una nuova metafora della condizione umana rappresentata dal lavoro

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

Cos è Le voci dall Africa? Le voci dall Africa I tappa Marocco

Cos è Le voci dall Africa? Le voci dall Africa I tappa Marocco Cos è Le voci dall Africa? Le voci dall Africa è un programma internazionale di viaggio, studio e tirocinio promosso dallo IUAV e dall ENA di Rabat e aperto ai corsi di studio in architettura di questi

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli