Esposizione presso ex locale cisterna. nell ambito di Posti di Vista 12*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esposizione presso ex locale cisterna. nell ambito di Posti di Vista 12*"

Transcript

1 Esposizione presso ex locale cisterna nell ambito di Posti di Vista 12*

2 L esposizione Sénégal-Idée fa parte della manifestazione NIO FAR 2015, il festival dell amicizia italo-senegalese nato da un idea di Paolo Lodigiani e giunto quest anno alla quarta edizione, che si svolge alla Fabbrica del Vapore in concomitanza con il periodo del Salone Internazionale del Mobile di Milano. La manifestazione, all insegna dell incontro e della conoscenza reciproca fra italiani e senegalesi, prevede spettacoli musicali tutte le sere alla sede di MaschereNere, cene e intrattenimenti intorno al Piroga Bar di Sunugal nonché i tradizionali laboratori per bambini la domenica. NIO FAR 2015 si tiene nell ambito di Posti di Vista 12*, l appuntamento curato da FDVLAB Associazione Laboratori Fabbrica del Vapore, che dal 2004 propone con varie mostre e installazioni una visione non convenzionale del design nello spazio della Fabbrica del Vapore del Comune di Milano. Sénégal-Idée La creatività di un design povero Ideazione e cura Demco Design Marchio di BCA-Demco Via Ricciarelli MILANO NIO FAR è organizzato da: Allestimento Benedetta Brentan Matteo Costa Cooperativa LaFucina Redazione e testi Paolo Lodigiani Progetto grafico e impaginazione Enrico Macera Si ringraziano: Adolfo Bartolomucci di ART GALLERY (per le opere di arte africana esposte) Stefania Gesualdo del Centre Socio Culturel de Formation en Coupe et Couture di Gwediawaye (per i tessuti esposti) Sunugal In collaborazione con: Mandiaye Diouf di Gianipa SARL - Dakar

3 Sommario SENEGAL IDÉE Il percorso Gli artisti BXS Moussa Sakho Mamadou Tall Diedhiou Djibril Sagna Youssou Sarr Serigne Mor Gueye Joëlle le Bussy Djibril Sy Moussa Traoré Mor Talla Seck pg.02 pg.05 pg.08 pg.08 pg.08 pg.09 pg.09 pg.10 pg.10 pg.11 pg.11 pg.12 pg.12 Demco Design pg.13

4 SÉNÉGAL IDÉE La creatività di un design povero Scegliere il titolo di un esposizione è il tentativo, il più delle volte velleitario e disperato, di racchiudere in due o tre parole una molteplicità di contenuti diversi, complessi e talvolta contradditori. Nella drastica sintesi qualcosa si perde e non ci sembra dunque illegittimo aggiungere qualche parola di spiegazione su come siamo arrivati a chiamare SÉNÉGAL IDÉE questa nostra iniziativa. Inizialmente si era pensato Sénégal Design, titolo che ci sembrava appropriato per un esposizione di arredi che si svolge in concomitanza con il Salone del Mobile, appuntamento fra i più popolari e prestigiosi per il design internazionale. Sénégal-Idée costituisce, rispetto alla titolazione originale, un corretto e doveroso riconoscimento dei limiti che ci siamo posti. Intendiamo sottolineare che l esposizione non ha alcuna pretesa né ambizione di presentarsi come una rassegna completa sul design senegalese, intende tutt al più darne un idea, fornire alcuni spunti da cui partire per approfondire il discorso, suscitare curiosità su un argomento in Italia quasi sconosciuto su cui ci è sembrato utile proiettare un fascio di luce. SÉNÉGAL IDÉE anche perché sull argomento, così come sul paese, ci siamo fatti un idea, la nostra idea, ed è questa che cerchiamo di esprimere con l esposizione. C è quindi, nel titolo, una dichiarazione esplicita di una certa soggettività, e riconosciamo che su questa soggettività può influire non poco una particolare simpatia che abbiamo maturato nei confronti del paese nel corso dei molti anni in cui l abbiamo frequentato. Abbiamo conosciuto un paese giovane, accogliente, aperto e al tempo stesso con una forte identità radicata in valori tradizionali. Negli anni più recenti l abbiamo visto sempre più affacciarsi alla modernità, raccogliendone gli stimoli, adottandone a modo suo comportamenti e usi e vivendone spesso anche le contraddizioni, ma sempre con un approccio originale, creativo, fantasioso, privo di quei complessi e di quella complessità che talvolta affliggono e condizionano il mondo sviluppato di cui siamo parte. E questa la visione del paese che intendiamo rappresentare nella mostra, illustrandone in particolare (ma non esclusivamente) la creatività nel campo del design del mobile. Siamo consapevoli del fatto che è solo una fra le tante che se ne possono avere, tutte di pari legittimità. Non ci poniamo quindi fini didattici, non indichiamo visioni generali, interpretazioni. Semplicemente mostriamo delle realtà con cui siamo venuti a contatto e che hanno sollecitato il nostro interesse. Ci piacerebbe essere di stimolo, suscitare curiosità, incoraggiare il visitatore ad andare oltre ai pregiudizi e agli stereotipi. L unico messaggio di cui siamo portatori è un invito a conoscere, ad approfondire, a farsi una propria idea. Un terzo motivo, meno personale, per cui abbiamo preferito SÉNÉGAL IDÉE a Sénégal Design è legato alle ben note ambiguità del termine design, su cui molto si è scritto e detto. Non abbiamo la competenza per aggiungere la nostra opinione a quelle, assai più autorevoli, che hanno animato questo dibattito. Ci limitiamo a qualche osservazione specifica sul design senegalese, in parte estendibile anche a quello di altri paesi dell Africa sub sahariana. Fra gli artisti senegalesi di cui esponiamo i lavori pochissimi, qualora richiesti di specificare la loro professione, indicherebbero quella di designer. Nessuno di loro progetta l opera nel senso letterale del termine, nessuno lavora per la produzione 02

5 industriale, nessuno ha una formazione scolastica specifica nel design. Tutti, per contro, sono consapevoli di creare oggetti destinati all uso o alla fruizione da parte di un pubblico, e quindi rispondenti a requisiti di funzionalità e praticità, ma nel contempo sanno di esprimere in essi la propria creatività, un gusto estetico, artistico, una certa idea o visione del mondo. Si tratta quindi di design vero e proprio, per quanto non istituzionalizzato e talvolta addirittura inconsapevole. Naturalmente ci sono anche delle eccezioni e alcuni designer senegalesi affermati in campo internazionale operano in un contesto più formale e professionale, ma si tratta di una minoranza, per lo più riconducibile al cosiddetto mondo della diaspora, che, pur mantenendo legami con la madre patria, svolge la sua attività prevalentemente all estero. Per parte nostra abbiamo preferito concentrarci sulle creazioni di artisti più radicati nel contesto senegalese, anche perché, pur così limitando il campo, l abbiamo trovato tanto ricco di stimoli e di idee da giustificare l esposizione. Non ce ne siamo stupiti in quanto anche al visitatore più distratto e occasionale il Senegal appare immediatamente come un paese ad alto tasso di creatività, un autentica fucina di idee. E una creatività informale, spontanea, talvolta anche stravagante e scombinata, che si respira per strada, si vive nei mercati, negli uffici, nel mondo del lavoro, negli incontri della vita quotidiana, nelle feste: tutto si trasforma facilmente in teatro, in rappresentazione, senza che in questo ci sia nulla di artificioso o di forzato. Da questo substrato di creatività diffusa scaturiscono anche molti oggetti della vita quotidiana. Abbiamo voluto che due di questi, tanto rappresentativi da essere diventati quasi un elemento costitutivo del paesaggio senegalese, fossero presenti nella nostra mostra, come esempi di un design spontaneo consolidatosi nella tradizione, testimonianza di una creatività che è tecnica e artistica al tempo stesso. Si tratta della piroga tradizionale 03

6 e del car rapide. Sono strumenti d uso corrente, utensili di lavoro su cui si basa in buona parte l attività di due settori portanti dell economia del paese, la pesca e il trasporto pubblico. La loro straordinaria funzionalità trova la sua miglior testimonianza nel fatto che sono ancora diffusissimi e a poco sono valsi gli sforzi di sostituirli con mezzi più moderni e tecnicamente evoluti. Nel contempo ne risulta evidente la valenza decorativa, legata a un piacere estetico ma anche a significati simbolici e spirituali. Quando l inevitabile progresso tecnico e sociale ne determinerà la scomparsa questo non segnerà solo la fine per obsolescenza di strumenti che hanno esaurito il loro ciclo economico, ma sarà un autentica forma d arte ad estinguersi. O forse, come ci auguriamo, non si tratterà di un estinzione ma di un evoluzione: c è da sperare che i valori e i saperi tradizionali racchiusi in questi come in altri oggetti appartenenti alla cultura originaria dell Africa, non vengano rinnegati ma diventino linfa vitale per un design più consapevole, capace di innovare nel rispetto della tradizione, di affacciarsi al mondo internazionale mantenendo una forte identità, di non chiudersi ai valori altrui mantenendo ben saldi i propri. E soprattutto sulle possibilità e sulla speranza di questo percorso virtuoso che invita a riflettere la nostra esposizione e per renderlo più esplicito abbiamo, pur nelle dimensioni ridotte che essa ha, immaginato un percorso, un itinerario circolare che, pur nella sua brevità, costituisse una sorta di viaggio. 04

7 SÉNÉGAL IDÉE Il percorso L Africa degli antenati Al centro abbiamo messo l Africa delle origini, degli antenati, delle maschere e dei riti magici, quell Africa misteriosa e spesso inaccessibile a noi occidentali ma che, più o meno occultata, è una tela di fondo da cui emerge ogni manifestazione culturale del continente. E un mondo di simboli, di oggetti che nelle loro forme e nei loro segni esprimono precisi messaggi, comprensibili solo in un contesto religioso e animista, ma che anche sul profano esercitano il potere della suggestione. E noto l influsso che, a partire dagli inizi del novecento, l arte africana ha esercitato sulla pittura e scultura moderne. Ancor più intimo è il riflesso che se ne ritrova nelle creazioni degli artisti e designer contemporanei senegalesi, nelle loro sculture e perfino nelle loro fotografie. Il villaggio Un richiamo altrettanto forte alla tradizione, ma meno mistico e cupo, è quello della seconda tappa del viaggio, il Villaggio. E stato questo, per secoli, il nucleo della vita sociale africana, oggi largamente soppiantato dal fenomeno dell urbanizzazione, ma ancora vivo. Nel Villaggio troviamo gli oggetti, rimasti gli stessi per secoli, che soddisfano le esigenze di base della vita pratica, mangiare, dormire, riposarsi, sedersi e, non ultima, parlare. Fra gli oggetti tradizionali che più hanno ispirato il design odierno, non solo africano, è la sedia à palabres, letteralmente la sedie per le parole, dove queste parole non sono banali chiacchiere ma sono un vero e proprio rito, da compiersi sotto il baobab, l arbre à palabres al centro 05

8 della vita sociale, dove si prendono le decisioni comuni, si amministra la giustizia, si tramandano i saperi di generazione in generazione. Come molti oggetti tradizionali la sedia à palabres non ha solo una valenza simbolica e culturale ma è anche un concentrato di semplicità, economia e funzionalità. I colori dell Africa Dopo questa introduzione, che si richiama ai valori più profondi e tradizionali, abbiamo voluto ricordare che il continente nero è in realtà un esplosione di colori e di allegria. Anche in questo caso convivono opposti: a una natura spesso monocroma, che in un ideale viaggio da nord al sud del continente vive sul lentissimo passaggio dal giallo polveroso della savana alle mille sfumature di verde della foresta, con una monotonia per noi inimmaginabile, fa riscontro un gusto per i colori vivaci e contrastati da parte della popolazione. Il Wax, il tessuto che gli olandesi hanno importato dalle colonie dell estremo oriente e che grazie alla sua incredibile diffusione in Africa ne è divenuto uno degli elementi identificativi più caratteristici, è, con i suoi ricchissimi disegni e i suoi audaci accostamenti cromatici, la massima espressione di questo gusto, così come il pagne, l abito che le donne avvolgono con sensuali drappeggi intorno al proprio corpo, è il simbolo dell innata eleganza popolare, di una moda che non conosce mode. La mixité Il wax, con le sue origini multiculturali, è anche una significativa introduzione al tema dell ultima parte dell esposizione, la più attuale e la più attinente al tema del design senegalese, quello della contaminazione felice che nasce dall incontro fra l Africa e l occidente sviluppato. Il fatto che ci sia stata e ancora ci sia anche una contaminazione infelice, di cui molto si è parlato e scritto, non deve far dimenticare quanto di buono nasce da questo incontro, così come da ogni forma di meticciato. Buona parte degli oggetti esposti utilizzano materiali propri del mondo occidentale, spesso arrivati con un industrializzazione invasiva e poco rispettosa del contesto locale: lamiere di barili di petrolio, pezzi di ricambio di motori, parti di carrozzerie di automobili, perfino vecchie calcolatrici o telefonini che hanno perso il loro status originale per diventare rottami. Nelle mani dei designer senegalesi acquistano nuova vita. Come afferma uno degli artisti ogni oggetto, terminata la sua prima vita, ha diritto a una seconda chance. Non muore, non si butta, viene riciclato. La creatività del riciclo è forse la cifra più significativa, seppure non l unica, del design senegalese. Nasce da un esigenza pratica, la scarsità di mezzi che ispira quella capacità di arrangiarsi ormai in via d estinzione presso di noi ma ancora vivacissima nei paesi emergenti e in quelli destinati a emergere, ma ha anche una radice spirituale, l idea che nulla muore, tutto si trasforma, che c è un anima ovunque, anche negli oggetti, e che quest anima merita rispetto e considerazione. Il principio del riciclo, giustamente ormai di moda anche in occidente, è da anni praticato spontaneamente in Africa e nasce come effetto collaterale e contrappunto di un consumismo che anche da noi svela sempre più i suoi limiti e la sua vacuità. Molti designer senegalesi sono riusciti a farne un arte. La contaminazione felice fra Africa ed Europa può funzionare nei due sensi e per questo ci è sembrato opportuno inserire nell esposizione gli eleganti mobili di una designer di origine europea, da trent anni residente in Senegal, di gusto assolutamente contemporaneo, ma che si richiamano a motivi tradizionali dell arte africana. La stessa designer 06

9 afferma che si tratta di mobili al 100% senegalesi. Ci piace il giustificato orgoglio di questa dichiarazione, ma ci permettiamo di dissentire garbatamente. In un mondo ampiamente e, tutto sommato, positivamente globalizzato, è difficile che una creazione artistica possa interamente richiamarsi a un unica origine. Anche le sue opere, come tutte quelle che proponiamo ai visitatori dell esposizione, sono il frutto di incontri, di scambi reciproci fra gusti, culture, storie diverse, in una parola di quella mixité che ci sembra l elemento più vitale di tutto il design odierno e a cui noi, con molta modestia, abbiamo voluto dare un contributo con la nostra iniziativa. 07

10 SÉNÉGAL IDÉE Gli artisti BXS Baay Xaaly Sene, noto con l acronimo BXS, morto nel 2004, è stato uno dei designers senegalesi più conosciuti in campo internazionale e uno straordinario artista nella lavorazione dei metalli: tagliando, saldando e componendo materiali spesso ricavati da vecchie lamiere, da barili di petrolio, da rotaie in disuso o da altre fonti anticonvenzionali creava con grande originalità sedie, sgabelli, librerie e poltrone di forme eleganti e colori spesso vivaci ma che al tempo stesso rivelavano la loro origine povera e il lunghi anni di duro esercizio. BXS era figlio d arte, avendo iniziato a lavorare giovanissimo con il padre e la sua opera è stata proseguita dal fratello, tuttora attivo nello storico e vasto laboratorio di famiglia a Rufisque, non lontano da Dakar, dove già il padre aveva dato avvio a un centro di formazione al design e alla lavorazione dei metalli. Le opere di BXS sono state esposte in varie mostre in Europa (inclusa l Italia) e l artista aveva collaborato con istituzioni internazionali in Finlandia e Olanda. Moussa Sakho Moussa Sakho è un artista polivalente, scultore, designer e pittore, che ha il suo atélier nel Village des Arts a Dakar. Lavora il legno, i metalli e ogni genere di materiale in cui gli capiti di imbattersi e a cui ridà nuova vita infondendovi poesia e humour, partendo dall idea che tutti i rifiuti della nostra società meritano una seconda vita. Nelle sue mani vecchi pezzi di ricambio, tele consunte, lamiere di bidoni o cartelli stradali diventano sgabelli, sedie, quadri, sculture. Moussa è un convinto sostenitore del valore terapeutico della creazione artistica e collabora attivamente con un associazione di Dakar che cerca, attraverso l insegnamento delle arti, di integrare nella società ragazzi di strada e persone affette da disturbi psichici. Le opere di Moussa sono state esposte in numerose mostre sia in Senegal sia in Europa. 08

11 Mamadou Tall Diedhiou Mamadou Tall Diedhiou è nato nel 1947 nel piccolo villaggio di Nioumoune, in Casamance, ed è qui che, fin dalla giovane età, è nata la sua passione per gli uccelli, destinata a trasformarsi in una sorta di ossessione artistica e poetica. In effetti le prime opere in cui essi compaiono sono delle poesie, scritte quando ancora viveva nel villaggio natale. Per un lungo periodo la sua attività principale è stata quella poetica. Nel 1993, avendo scritto un poema dedicato a una Fanciulla della luna si era rivolto a vari pittori chiedendo che la rappresentassero, fino a quando, insoddisfatto dei risultati che ne otteneva, non si è deciso a provvedere personalmente. Scoprì così di avere talento pittorico e plastico che l avrebbe portato a iniziare una nuova carriera, quella che tuttora continua e che gli avrebbe dato i maggiori successi. Trasferitosi a Dakar ormai da vari anni si dedica quasi esclusivamente a realizzare con materiale di riciclo delle piccole, deliziose, coloratissime statuette di uccelli, divertenti, poetiche e vagamente surreali. Raccoglie per le strade di Dakar, mentre passeggia con aria svagata, gli oggetti abbandonati più strani e inconsueti. E tutta questione sostiene - di avere il secondo occhio, quello dell artista. Dove gli altri vedono una lattina schiacciata, una forcella per capelli rotta, un tappo di plastica, un mozzicone di sigaretta io vedo dei volti, delle figure e, soprattutto, degli uccelli. Ha esposto in varie occasioni alla Biennale d arte di Dakar. Djibril Sagna Nato il 23 novembre 1962 a Dakar è artista, pittore e scultore. Per più di vent anni ha lavorato con il celebre pittore Amadou Sow. Attualmente vive e lavora sull isola di Gorea, dove espone permanentemente alla galleria CSAO. Ha esposto le sue opere per la prima volta alla Biennale d Arte Contemporanea di Dakar, DAK ART 96, e da allora le sue opere sono comparse in molte mostre in Senegal e in Europa (Olanda e Spagna). Il lavoro di Djibril consiste nel cercare, raccogliere e selezionare oggetti usati, il 09

12 più delle volte molto degradati e ormai inadatti a un uso pratico, a partire dai quali compone sculture di forte impatto emotivo che richiamano la potenza degli antichi feticci e degli oggetti rituali dell Africa animista. La combinazione di questi elementi si presta a una lettura a diversi livelli, lasciando a ciascuno la libertà di meditare sull usura del tempo, della storia, dell uomo e del suo ambiente. Mbour Design - Youssou Sarr Il nome di questo interessante designer senegalese è praticamente ignoto in campo internazionale e anche nella stessa Dakar sono in pochi a conoscere i suoi lavori, finora mai esposti al di fuori dei confini nazionali. In compenso egli gode di ampia popolarità e apprezzamento a Mbour, la metropoli della Petite Cote, la regione più frequentata da turisti e stranieri, dove i suoi mobili in ferro arredano numerose ville e giardini di senegalesi ed espatriati. Nel dar forma alle sue opere, quali la sedia che presentiamo, Saar trova spesso ispirazione nei classici del design internazionale, per ricrearli in modo del tutto originale, utilizzando come materiale esclusivamente il tondino di ferro per calcestruzzo. Come molti suoi colleghi senegalesi Saar è un designer che non disegna, non progetta, ignora l uso del computer e si serve poco anche di carta e matita. Di fatto disegna costruendo, usando a mo di matita troncatrice e saldatrice, con una straordinaria capacità di trasformare ciò che ha in mente in oggetti ariosi, leggeri e al tempo stesso solidi e funzionali. Serigne Mor Gueye Serigne Mor Gueye ha un laboratorio nel Village des Arts di Dakar, un centro di ricerca e creazione fondato nel 1976 da un gruppo di pittori con l obiettivo di sostenere la produzione artistica senegalese e divenuto con il tempo un vivace e dinamico punto di incontro per scultori e pittori locali, con vari laboratori e centri di esposizione. A differenza della maggior parte dei suoi colleghi 10

13 Serigne Mor Gueye si è specializzato nella lavorazione del legno, una passione ereditata dal padre, il celebre scultore Tamsir Momar Guèye, con cui l artista, insieme al fratello, ha lavorato a bottega fin da ragazzo. A 26 anni, nel 2001, ha fatto la sua prima esposizione alla Galérie Nationale, a cui ne sono seguite varie altre nel paese. Le sue opere più note sono delle piccole sculture in bois de veine, un tipico legno africano, cesellate interamente a mano con grande maestria tecnica, che nelle loro forme allungate, eleganti, sottili, vogliono rendere omaggio alla donna africana. Joëlle le Bussy Nata nel 1958 à Mont-de-Marsan, Joëlle le Bussy Fal è un artista plastica e una designer franco-senegalese che da trent anni vive e lavora fra Dakar, dove dal 1996 dirige la nota galleria ARTE, nel centro della città, e Saint Louis, dove nel 2009 ha aperto una nuova galleria e dove organizza annualmente un festival d arte contemporanea. Oltre a svolgere direttamente l attività di designer presenta lavori di altri artisti senegalesi promuovendo nuovi talenti sulla scena nazionale e internazionale. I suoi mobili, assolutamente contemporanei nel gusto e nella forma, e impeccabilmente realizzati con legni pregiati africani, evocano la loro ispirazione africana con l inserimento di parti in cuoio, bronzo o corno lavorate artigianalmente in stile tradizionale. Djibril Sy Djibril Sy è una figura di riferimento nella fotografia senegalese. Ha iniziato la sua carriera come fotogiornalista, specializzandosi nel reportage, con numerosi servizi realizzati in diversi paesi dell Africa, fra cui si ricordano quelli sulla guerra civile in Liberia, sulle miniere di diamanti in Sierra Leone, sui rifugiati della Guinea, sulla lotta alla povertà in Niger, Marocco e a Capo Verde. Le fotografie che presentiamo sono tratte da una serie chiamata TranseFormation di carattere più meditativo ed estetico. Ha esposto in varie occasioni in Francia, Spagna, Inghilterra e Svizzera, oltre che a Dakar e alla biennale della fotografia di Bamako in Mali. 11

14 Moussa Traoré Moussa Traoré è nato nel 1961 a Dakar da una famiglia di artisti e intellettuali. Di formazione autodidatta ha iniziato a lavorare nel campo della scultura in metallo, realizzando con l utilizzo di vari materiali di scarto urbano opere d arte di forte espressività ispirate alle tradizionali maschere africane, a personaggi immaginari o mitici, a divinità animiste. A Dakar, nel popolare quartiere di Medina, ha aperto un atélier, l Espace Medina, che è diventato un punto di incontro di giovani artisti provenienti da varie parti del mondo. Dal 2003 ha iniziato a lavorare anche in Italia, dove ha esposto in varie occasioni, ha organizzato laboratori e corsi in collaborazione con varie istituzioni, teatri, enti pubblici e associazioni e ha svolto attività di scenografo teatrale. Mor Talla Seck Mor Talla Seck è nato nel 1976 a Mbenguene in Senegal. Scultore e pittore, lavora con materiali riciclati o naturali. Dopo aver frequentato il liceo di Thies, nel 1999 si diploma in arti grafiche presso l Accademia di Belle arti di Dakar e inizia la sua carriera nel campo del design seguendo i lavori di restauro artistico dell Hotel Meridien President di Dakar. Trasferitosi in Italia frequenta il corso presso il centro Tam della Fondazione Arnaldo Pomodoro, approfondendo in particolare le tecniche scultoree in metallo. Dal 2002 le sue opere sono in esposizione permanente presso lo spazio culturale della Fondation Olivier di Dakar e sono presenti in varie gallerie e musei senegalesi. Ha partecipato inoltre a varie esposizioni in Italia e Francia. Le opere che esponiamo fanno parte del ciclo Il bosco sacro che propone un viaggio alla scoperta delle tradizioni dei Diolas, una popolazione del Senegal meridionale in cui sopravvivono le credenze ancestrali della religione animista. Si tratta di totem ispirati ai boechin, feticci venerati dai Diolas, che proteggono da infortuni, malattie, morte e siccità, forgiate dall artista in metallo saldato e successivamente arrugginite con tecniche particolari. 12

15 DEMCO DESIGN design italiano d ispirazione africana Demco Design, sponsor dell esposizione, è il marchio del settore di attività della società di progettazione nautica BCA- Demco, che si occupa del design di mobili. In particolare ha disegnato una serie di mobili che traggono la loro ispirazione dall Africa e che vengono realizzati in Senegal da una società consorella in un attrezzato laboratorio di falegnameria non lontano da Dakar. La filosofia progettuale della Demco Design è in piena sintonia con i concetti di mixité esposti nell illustrare gli scopi dell esposizione. La mostra stessa, oltre a costituire un occasione per far conoscere al pubblico italiano il lavoro dei colleghi senegalesi, è anche uno strumento per approfondire lo scambio culturale e la conoscenza reciproca, con la speranza di trarne spunti di ispirazione per proporre nuovi prodotti originali. L esposizione è arredata con i mobili della Demco Design, fra cui segnaliamo in particolare le panche e i tavolini della serie Pirogue, realizzati con tavole decorate delle tradizionali piroghe senegalesi, le poltroncine e la sedia a sdraio della serie Bois-Wax, in legno di iroko e tessuti africani. I tessuti sono stati confezionati presso la Scuola di sartoria di Guediawaye. serie BOIS-WAX serie PIROGUE sdia BANJOUL 13

16 via Ricciarelli, Milano ITALY (+39)

Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano

Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Un progetto artistico itinerante a cura di Marco Solari Festival degli Alberi RamificAzioni nel territorio italiano Un iniziativa che, tramite

Dettagli

NOMAD EXTREME MADE IN MALI

NOMAD EXTREME MADE IN MALI NOMAD EXTREME MADE IN MALI NOMAD EXTREME Nel quartiere più multi culturale di Milano, in Via Padova, nasce una nuova piattaforma: NO MAD EXTREME. Un' iniziativa visionaria che, nei giorni del Salone del

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

NOMAD EXTREME MADE IN MALI

NOMAD EXTREME MADE IN MALI NOMAD EXTREME MADE IN MALI NOMAD EXTREME Nel quartiere più multi culturale di Milano, in Via Padova, nasce una nuova piattaforma: NO MAD EXTREME. Un iniziativa visionaria che, nei giorni del Salone del

Dettagli

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza

info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza info Via Anzio N 4 Tel. 0971.444014 - Fax 0971.444158 www.liceoartisticoemusicale.gov.it - e.mail: isapotenza@virgilio.it liceo artistico potenza La scelta della scuola? Una decisione importante Ecco Il

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino

PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino PROGETTO DORSO: Offerta Formativa del Liceo Guido Dorso di Ariano Irpino Carissimi alunni, gentili genitori, questo opuscolo è stato pensato per far conoscere l offerta formativa della nostra scuola a

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Einaudi Magenta. Liceo Artistico. . Arti Figurative. Architettura e ambiente. Indirizzi:

Einaudi Magenta. Liceo Artistico. . Arti Figurative. Architettura e ambiente. Indirizzi: Einaudi Magenta Liceo Artistico Indirizzi:. Arti Figurative. Architettura e ambiente LICEO ARTISTICO Profilo professionale Il percorso del Liceo Artistico è indirizzato allo studio dei fenomeni estetici

Dettagli

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO PREMESSA L Associazione M.G.S. SER.MI.G.O. (Iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato con Decreto n. 22 del 28/02/2007) ha lo scopo

Dettagli

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16 Gentile insegnante, preparare una visita al Museo e Villaggio Africano significa affrontare in una prospettiva interdisciplinare qualsiasi aspetto della realtà, dai gesti del corpo ai rapporti familiari,

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Nuovi Stili IL COLORE È DESIGN

Nuovi Stili IL COLORE È DESIGN DCASA Nuovi Stili IL COLORE È DESIGN Musei multifunzione A CENA CON PICASSO Shopping IN QUALE LETTO VORRESTI DORMIRE? SUPPLEMENTO A D LA REPUBBLICA N. 813 DEL 20 OTTOBRE 2012 2012/n.4 Firenze SOLO PER

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: IN CAMMINO PER L ARTE

TITOLO DEL PROGETTO: IN CAMMINO PER L ARTE TITOLO DEL PROGETTO: IN CAMMINO PER L ARTE FINALITA Educazione continua all arte: si parte dalla scuola La scuola primaria propone di decorare le aule dell edificio con vernici atossiche; le proposte del

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI

LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI Ministero dell Istruzione, dell Università, della Ricerca LICEO ARTISTICO F. RUSSOLI di PISA e CASCINA Via San Frediano, 13 56126 PISA - Tel. 050 580501 - Fax 050 580601 Via Tosco Romagnola, 242 56021

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso

PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso PROGETTAZIONE ANNUALE di plesso Scuola dell infanzia di via Roma ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 1. SITUAZIONE INIZIALE Non c è crescita senza l opportunità di fare esperienza (M. Bernardi) Nel corso di questi

Dettagli

Luciano Crespi, Politecnico di Milano. Neotopie. L interior design nei processi di trasformazione delle aree industriali dismesse.

Luciano Crespi, Politecnico di Milano. Neotopie. L interior design nei processi di trasformazione delle aree industriali dismesse. Luciano Crespi, Politecnico di Milano Neotopie. L interior design nei processi di trasformazione delle aree industriali dismesse Abstract Quello di Sesto San Giovanni appare un caso speciale, nel panorama

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

c o n t e m p o r a n e i

c o n t e m p o r a n e i P e r c o r s i c o n t e m p o r a n e i PROGETTO SCUOLE CHI SIAMO Rovescio è un associazione culturale non profit e una comunità con l obiettivo di coinvolgere chiunque desideri intraprendere a Roma

Dettagli

PROGETTO LUDICO - DIDATTICO OLYMPIC VILLAGE 2014

PROGETTO LUDICO - DIDATTICO OLYMPIC VILLAGE 2014 Olympic Village, un percorso ludico-didattico che ha come tema l origine dei Giochi Olimpici e la Magna Grecia. Il progetto propone un viaggio indietro nel tempo di migliaia di anni alla scoperta della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Un obiettivo di questi progetti speciali è dimostrare che la conoscenza dell arte può essere favorita da varie modalità d apprendimento; tale

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

PROGETTO ATELIER PAESI E PAESAGGI DI COLORE E FANTASIA

PROGETTO ATELIER PAESI E PAESAGGI DI COLORE E FANTASIA PROGETTO ATELIER PAESI E PAESAGGI DI COLORE E FANTASIA INTRODUZIONE AL PROGETTO L atelier è il laboratorio delle attività grafico-pittoriche e plastiche. Questo luogo, sapientemente attrezzato e predisposto,

Dettagli

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA AMBIENTE SCOLASTICO La scuola dell infanzia di Montebello è situata nell omonimo quartiere della città di Perugia. Dispone di un piccolo giardino che confina con una grande area verde attrezzata ed un

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE L arrivo del Natale porta nella Scuola dell Infanzia inevitabili suggestioni di festa, di regali e di sorprese, esercita un fascino particolare nella

Dettagli

LICEO ARTISTICO O. Metelli Terni

LICEO ARTISTICO O. Metelli Terni Laboratori aperti 2011-2012 Architettura e ambiente L indirizzo è finalizzato al conseguimento di una formazione di carattere teorico-pratico nel settore dell Architettura in rapporto alla specificità

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

anataleilregaloè solidale

anataleilregaloè solidale anataleilregaloè solidale Da cinquant anni il Gruppo Abele coltiva futuro, accogliendo persone in difficoltà, aiutando le donne vittime di tratta e violenza, dando una mano concreta alle famiglie e ai

Dettagli

Omaggio a Luciano Minguzzi. Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna

Omaggio a Luciano Minguzzi. Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Omaggio a Luciano Minguzzi Via delle Donzelle 2, Bologna Dal 26 gennaio al 29 aprile 2012 Inaugurazione mercoledì 25 gennaio 2012, ore 18.30 Comunicato stampa Bologna, 24 Gennaio 2012 - La rinnova, a partire

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

è arrivata l estate!

è arrivata l estate! l estate! è arrivata PANTONE 179 PC Le Associazioni di Alba e di Mondovì da anni si occupano di valorizzazione del territorio e di formazione e avvicinamento alla storia, all arte e ai beni culturali.

Dettagli

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015:

Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago. Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: Istituto comprensivo A. Manzoni di Parabiago Progetto Scuola Famiglia per l A. s. 2014-2015: INTRODUZIONE Il corpo e l anima sono ugualmente importanti: se il primo va nutrito con il cibo, come appunto

Dettagli

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio:

Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: Ciao. Sono Strani Vari, l inventore di giocattoli. E questa è Gnich Gnach, la mia carriola. Vi presento il mio laboratorio: La bottega è nata nell 89 da un idea di Umberto Carbone e Michi Coralli. Riutilizza

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico ISTITUTO STATALE D ARTE GIORGIO de CHIRICO DIS. SCOL. N.37 C. S. NASDO4000B C. F. 82008380634 Sede: TORRE ANNUNZIATA (NA) Via Vittorio Veneto, 514 Tel.0815362838- Fax 081.862.89.41-sito:www.isadechirico.it

Dettagli

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Attività didattica per l anno scolastico 2010 2011 Il museo, nato nel dicembre 2008 nei suggestivi

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA

UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA Giovedì 5 marzo noi alunni di I B siamo andati, insieme alla classe 1E, in visita al Museo Africano di Verona. Siamo partiti con l autobus di linea e siamo arrivati nel cortile

Dettagli

La musica come passione, arte, linguaggio, emozione

La musica come passione, arte, linguaggio, emozione La musica come passione, arte, linguaggio, emozione Da una tradizione secolare nel settore della costruzione degli strumenti musicali e della lavorazione dei metalli in terra di Toscana, scaturisce: Pistoia

Dettagli

È possibile scoprire il Mediterraneo, il Nord Europa, Dubai, gli Emirati Arabi e l Oman, l Africa e l Oceano Indiano in modo inedito, esclusivo

È possibile scoprire il Mediterraneo, il Nord Europa, Dubai, gli Emirati Arabi e l Oman, l Africa e l Oceano Indiano in modo inedito, esclusivo È possibile scoprire il Mediterraneo, il Nord Europa, Dubai, gli Emirati Arabi e l Oman, l Africa e l Oceano Indiano in modo inedito, esclusivo lontano dai classici cliché turistici? SIAMO QUI PER RACCONTARVI

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it Educare

Dettagli

Valigie d artista: la valigia di Mirò

Valigie d artista: la valigia di Mirò Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Unità di apprendimento grandi Valigie d artista: la valigia di Mirò ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PREMESSA La volontà di proporre, nel gruppo d intersezione

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

FESTIVAL INTERNAZIONALE DELL OLFATTO. Progetto per:

FESTIVAL INTERNAZIONALE DELL OLFATTO. Progetto per: FESTIVAL INTERNAZIONALE DELL OLFATTO Progetto per: IL RISVEGLIO DEI SENSI Il primo Festival dedicato alla cultura dell olfatto e all arte del profumo Smell Festival è un percorso a narici aperte tra storia,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

collection The Lungarno Magazine

collection The Lungarno Magazine Una nuova rivista che accompagna con classe (nel taglio editoriale, nella eleganza del linguaggio grafico, nella mirata scelta della comunicazione) la mission del gruppo Lungarno Hotel. Un magazine di

Dettagli

Real Social Luxury Italian Food & Home

Real Social Luxury Italian Food & Home Real Social Luxury Italian Food & Home SELINA MARTINELLO Accetto con orgoglio la definizione che le persone danno di me: eclettica. Perché essere eclettica significa anche possedere lo spirito di adattamento,

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO MINEO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Anno scolastico 2013/2014 Premessa Educare, sostenere e incrementare attività

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

SOLIDO S.r.l. Via Aldo Moro, 21/a - 36060 Pianezze -VI - Italy tel.0424.590839 / fax 0424.537021 www.solido3.it - info@solido3.it

SOLIDO S.r.l. Via Aldo Moro, 21/a - 36060 Pianezze -VI - Italy tel.0424.590839 / fax 0424.537021 www.solido3.it - info@solido3.it SOLIDO S.r.l. Via Aldo Moro, 21/a - 36060 Pianezze -VI - Italy tel.0424.590839 / fax 0424.537021 www.solido3.it - info@solido3.it Realizzato da Diego Vanzetto 1 Catalogo novità 2016 La passione di donare......l

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Gusto

Dettagli

Referenti: scuole secondarie di I o II grado di Brescia e dei comuni limitrofi, per le quali si richiede l iscrizione al FAI-Scuola.

Referenti: scuole secondarie di I o II grado di Brescia e dei comuni limitrofi, per le quali si richiede l iscrizione al FAI-Scuola. Delegazione di Brescia PROGETTO DELLA DELEGAZIONE FAI DI BRESCIA PER LE SCUOLE Anno Scolastico 2005/06 Brescia da visitare, da vivere, da amare Progetto a supporto

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) del Liceo Artistico G. de Chirico Torre Annunziata Il Progetto educativo e formativo del Liceo Artistico G. de Chirico è finalizzato alla crescita globale

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

SCHEDA COE. Volontari richiesti: N 3

SCHEDA COE. Volontari richiesti: N 3 IN ITALIA PER UN IMPEGNO INTERNAZIONALE COMO/VARESE/LECCO SCHEDA COE Volontari richiesti: N 3 SEDE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Barzio, Saronno. INTRODUZIONE NUMERO ORE DI SERVIZIO SETTIMANALI DEI VOLONTARI:

Dettagli

Oh che bello! 14 15 Dicembre 2013 dalle 11.00 alle 17.00. Nuovo parco pubblico di CityLife Piazza Giulio Cesare ang. via Senofonte

Oh che bello! 14 15 Dicembre 2013 dalle 11.00 alle 17.00. Nuovo parco pubblico di CityLife Piazza Giulio Cesare ang. via Senofonte Oh che bello! 14 15 Dicembre 2013 dalle 11.00 alle 17.00 Nuovo parco pubblico di CityLife Piazza Giulio Cesare ang. via Senofonte Un tendone e due giorni di giochi, laboratori, saltimbanchi, libri e botteghe

Dettagli

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA

L ENERGIA DELLA TERRA IL PICCOLO ORTOLANO STORIE DALLA TERRA LA VITA DELLA CERAMICA La Cooperativa Solidarietà Onlus di Treviso ha alle spalle una storia di 38 anni basata sull obiettivo dell inclusione sociale, con una particolare attenzione nei confronti della disabilità. È radicata

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca Spett. DIRIGENTI SCOLASTICI COLLEGI DOCENTI della SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO di San Daniele del Friuli OGGETTO: proposta di attività di didattica

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Laboratorio Artistico-Espressivo AMARE I LIBRI REALIZZANDO UN LIBRO PROGETTO AMICO LIBRO

Laboratorio Artistico-Espressivo AMARE I LIBRI REALIZZANDO UN LIBRO PROGETTO AMICO LIBRO Laboratorio Artistico-Espressivo AMARE I LIBRI REALIZZANDO UN LIBRO PROGETTO AMICO LIBRO Stefania Debole di M. Luna Gambato PREMESSA Realizzare un libro per il bambino significa renderlo attivo e consapevole

Dettagli

Nido Pulcino ballerino Via Matteo Bartoli, 72 Roma-Municipio XII Da cosa nasce cosa

Nido Pulcino ballerino Via Matteo Bartoli, 72 Roma-Municipio XII Da cosa nasce cosa Nido Pulcino ballerino Via Matteo Bartoli, 72 Roma-Municipio XII Da cosa nasce cosa Il Nido Pulcino Ballerino, aperto dal 1977, è ubicato in Via Matteo Bartoli, 72 nel quartiere Giuliano-Dalmata, XII Municipio

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TEATRO DEL VENTO SNC Via Valle, 3 24030 Villa d'adda (BG) tel/fax 035/799829 348/3117058 contatto Chiara Magri info@teatrodelvento.it www.teatrodelvento.it A SCUOLA

Dettagli

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Premessa Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Giovanna Baldini e Cristiana Vettori Libera Scuola Pisa Creare comunità consapevoli,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

l principio che ispira i designer più visionari è la molla che anima Roma Design Lab.

l principio che ispira i designer più visionari è la molla che anima Roma Design Lab. THE BEST WAY TO PREDICT THE FUTURE IS TO CREATE IT ABRAHAM LINCOLN I l principio che ispira i designer più visionari è la molla che anima Roma Design Lab. ROMA NON È MAI STATA TANTO APERTA Aperta alla

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA

PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA PROGETTO DI SVILUPPO CONFERENZE FORMAT OLTRE LA MOSTRA OLTRE LA MOSTRA Testi, immagini, brani critici e letterari e filmati raccontano opere e artisti. a cura di Fabiana Mendia, presidente dell Associazione

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

Scuola Comunale dell Infanzia

Scuola Comunale dell Infanzia Direzione Municipalità Venezia Murano Burano Servizi Educativi Territoriali Scuola Comunale dell Infanzia Progetto (lavoro di intersezione). Anno scolastico 2014.15 PROGETTO: STORIE DI OGGETTI SCUOLA DELL

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

TEMATICA: fotografia

TEMATICA: fotografia TEMATICA: fotografia utilizzare la fotografia e il disegno per permettere ai bambini di reinventare una città a loro misura, esaltando gli aspetti del vivere civile; Obiettivi: - sperimentare il linguaggio

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli